RELAZIONE ILLUSTRATIVA E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ILLUSTRATIVA E"

Transcript

1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E CAPITOLATO TECNICO

2 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L intervento consiste nella realizzazione di due edifici distinti, detti corpo A e corpo B, con disposizione reciproca ortogonale. L edificio A è tripartito; occupa la curva in salita di via Ponti Rossi che colma un dislivello di circa 7 metri, pari ai primi due piani fuori terra, fra la parte bassa e la parte alta. I tre corpi hanno altezza diversa, crescente dai 5 ai 6 ed ai 7 piani fuori terra, oltre ai piani terreni. Il volume più basso dei tre, collocato in prossimità della sede stradale, è anche il più corto, mentre il più alto è quello con maggiore sviluppo longitudinale, e fronteggia la piazza pubblica. I tre volumi paralleli occupano lo spazio descritto dalla curva con una disposizione planimetrica dentellata; questo offre una buona possibilità di illuminazione degli ambienti degli alloggi, che possono prendere luce su diversi affacci. È servito da tre corpi scala che distribuiscono gli alloggi ad ogni piano. Un cortile di dimensioni 10 x 10, collocato al centro del volume mediano, garantisce luce agli alloggi anche nella parte più profonda del corpo di fabbrica. Il piano terra accoglie funzioni commerciali e depositi; il piano primo ospita studi professionali e, nella zona verso monte, alcuni locali tecnici a servizio dell intero complesso. Dal piano secondo in poi l edificio è solo residenziale, e contiene alloggi di medio taglio. Ai piani attici il corpo arretra dal filo di facciata, realizzando così alcuni alloggi con ampi terrazzi sulle coperture. La destinazione commerciale è prevalente ai piani terra, dove una galleria traversa l edificio fra la piazza scoperta, a quota zero, e la via dei Ponti Rossi in corrispondenza della curva, alla quota del primo piano. Questa sorta di galleria commerciale è illuminata dal cortile centrale ed organizza la distribuzione degli spazi del piano terreno. Da qui una scala consente di accedere al ballatoio al primo livello, realizzato intorno alla corte centrale, che conduce ai tre corpi scala della residenza. Al ballatoio si accede direttamente anche da via Ponti Rossi in corrispondenza della curva. In questo modo si realizza una possibile completa autonomia del piano terra dal resto dell edificio, con una maggiore flessibilità nell organizzazione delle funzioni. L edificio B nasce sul sedime del volume della fabbrica, da cui mutua l impronta planimetrica. È un corpo di fabbrica di forte spessore, della larghezza di 18 metri, di cinque piani oltre piano terra ed attico. È disposto sul dislivello del terreno; pertanto il piano terra è a quota zero nel fronte sud e contro terra nel fronte nord, verso il parco pubblico. Anche il piano primo risente del salto del terreno, ed una parte dell edificio risulta parzialmente seminterrata. È servito da due corpi scala, uno con accesso dalla piazza pubblica ed uno con accesso dalla parte alta di via dei Ponti Rossi, che servono gli alloggi ad ogni piano e scendono fino ai due livelli interrati dei garages. Tre profondi cavedi collocati al centro del corpo di fabbrica, provvedono l areazione di alcuni ambienti di servizio degli alloggi. Il piano terra ospita funzioni commerciali, con accesso diretto sulla piazza pubblica o sul vicolo Chiurazzi; il piano primo ospita studi professionali e locali tecnici serviti dai corpi scala. Dal secondo livello ospita solo residenze. I due corpi scala distribuiscono ad ogni piano quattro alloggi monoaffaccio e due alloggi passanti. Al piano attico gli alloggi per corpo scala diventano solo due, circondati da ampi terrazzi di pertinenza. Lo svuotamento dell ultimo piano di questo edificio permette di evidenziare la struttura metallica originale che si ripropone come copertura dell edificio. Si tratta infatti di una leggera struttura reticolare centinata e tirantata, priva di appoggi intermedi, che copriva l ultimo livello dell opificio, il cui riutilizzo e valorizzazione costituisce un obiettivo del progetto. La struttura metallica rimarrà in vista, e potrà ospitare i pannelli fotovoltaici che il progetto prevede. Il piano attico quindi è composto dai quattro volumi separati degli alloggi, arretrati sul filo di facciata e distinti anche dai volumi dei corpi scala. In questo modo la volta aerea sarà visibile dall alto, percorrendo via dei Ponti Rossi, e dal basso, come reticolo trasparente al di sopra del volume dell edificio. L accesso al corpo scala da via dei Ponti Rossi avviene tramite un leggero ponte a struttura metallica che, scavalcando il parco pubblico che scende verso la chiesetta di San Tarcisio, raggiunge l edificio al livello del terzo piano, dove un androne consente l accesso alle scale ed all ascensore. Fra i due edifici si sviluppa la scala che consente il passaggio pedonale pubblico fra il marciapiede della parte alta di via dei Ponti Rossi, la zona alta del parco pubblico e la piazza in basso. CAPITOLATO TECNICO

3 La struttura portante verticale sarà realizzata con pilastri in c.a. su palificata; i relativi orizzontamenti saranno eseguiti con solai in cemento, gettati in opera, alleggeriti mediante l utilizzo plast bau. Il conglomerato cementizio ed il tipo di ferro di armatura avranno caratteristiche e qualità previste dal Calcolatore delle opere in c.a. ed in ottemperanza alla normativa vigente. I carichi accidentali per i solai saranno quelli previsti dalla normativa relativamente alle destinazioni d uso previste. Le murature perimetrali entroterra del cantinato saranno realizzate in calcestruzzo armato nel rispetto del progetto strutturale; le murature interne, previste per la suddivisione dei vari locali interrati saranno di blocchi di lapillo e/o in blocchi di cemento ed avranno spessore in funzione delle varie destinazioni d uso. Le murature dei vani scala e rispettive zone filtro, compartimentate al fuoco REI 120, saranno realizzate invece in termoblocchi per assicurare il grado di protezione e resistenza al fuoco previsto dalle Norme antincendio, e nel contempo una adeguata protezione al rumore. I tamponamenti esterni in genere saranno realizzati con muratura in laterizio alveolato monoblocco, tale da garantire il rispetto della normativa sul contenimento dei consumi energetici o sistemi similari. Gli edifici saranno completamente rivestiti col sistema PIZ, un sistema per rivestimento di facciata in pannelli in malta cementizia fibrorinforzata accoppiata base isolante in Neopor e fissaggio in lega leggera. PIZ è un sistema innovativo per i rivestimenti di facciata in edifici civili. Il sistema prevede un pannello costituito da un paramento in malta cementizia fibrorinforzata modificata, accoppiata ad un lastra di materiale isolante. L intero insieme oltre che qualificare esteticamente gli edifici, ha come funzione primaria l isolamento termico della costruzione e nel contempo possiede un principio attivo autopulente ad alta efficienza che, praticamente, elimina la necessità di manutenzione. Le murature interne dei piani in elevazione saranno eseguite con ben dieci diversi pacchetti murari in mattoni ed isolanti al fine di garantire il massimo risparmio energetico ed un adeguato isolamento acustico, nel rispetto della normativa in vigore. L utilizzo del sistema PIZ e dei pacchetti murari, uniti alle tipologie di infissi consentiranno di realizzare gli edifici in classe energetica A. La copertura L edificio A ha una copertura piana a terrazzo, che sarà pavimentato in pietra o graniglia o materiali con uguali prestazioni tecniche; la copertura dell alloggio dell attico non sarà praticabile e sarà rivestita in lastre metalliche verniciate. La parte più alta dell edificio A ospita, sulla testata nord, il locale tecnico dove sono alloggiate le unità di condizionamento e le pompe di calore. Questo locale sarà arretrato dal filo di facciata e protetto da pareti perimetrali. La copertura dell edificio B è caratterizzata dal recupero della precedente struttura metallica di copertura. Le pluviali, come tutte le altre tubazioni idriche di carico e scarico, verranno posate per la massima parte in opportuni cavedi predisposti durante la costruzione e saranno quindi nascoste alla vista. Gli intonaci interni: tutte le pareti e/o divisori interni saranno completate con intonaci del tipo premiscelato a base cementizia; quelli dei servizi igienici saranno eseguiti con malta idraulica. Gli intonaci esterni: alcune limitate parti delle murature esterne saranno trattate con intonaco premiscelato a base cementizia; le parti che dovranno ricevere successivamente la pitturazione a finire saranno finemente lisciate. L intonaco avrà il ruolo di proteggere ed insieme lasciar traspirare le murature. Al piano terra sarà protetto da zoccolature in lastre di pietra naturale, scelte nel rispetto della tradizione locale. In ottemperanza al disposto del Regolamento Edilizio, la tinteggiatura delle facciate sarà realizzata con pitture a calce o ai silicati. Per le qualità cromatiche si farà riferimento prevalentemente ai colori ricorrenti nell ambiente della città. Per la verniciatura di gronde e canali si utilizzeranno, oltre agli stessi colori delle facciate, anche il nero, i grigi scuri ed il marrone. Le pavimentazioni previste si differenziano in relazione alla destinazione d uso dei vari locali.

4 Negli androni delle scale verrà posato pavimento e rivestimento in materiale con adeguate prestazioni tecniche; le pedata, l alzata e lo zoccolino della scala saranno nel medesimo materiale così come i pavimenti dei pianerottoli di piano e di smonto; I balconi saranno pavimentati con maioliche antigelive della pezzatura 10x20 o altra dimensione con battiscopa dello stesso materiale. I vani di abitazioni saranno tutti pavimentati con gres porcellanato smaltato di prima scelta, di primaria casa italiana delle dimensione di almeno cm 30 x cm 30, con battiscopa nello stesso materiale. I bagni saranno pavimentati con maioliche di 1 scelta delle dimensioni di almeno cm. 20 x cm 20 e rivestimenti analoghi di primaria casa italiana. La cucina avrà la parete destinata all inserimento dei mobili, rivestita con maioliche simili alle precedenti.. I pavimenti dei piani interrati (parcheggi) saranno in cemento lisciato al quarzo del tipo industriale completo di giunti. Le soglie dei vani finestra saranno in marmo completi di sgusci e gocciolatoi per tutta la loro lunghezza. Sarà offerta al cliente una gamma di colori selezionati fra cui scegliere. I serramenti esterni a taglio termico, saranno realizzati con riferimento alle raccomandazioni edite da UNCSAAL con profilati di alluminio anodizzato con persiane esterne in plastica pesante; saranno completi di accessori quali guarnizioni di tenuta, squadrette, ferramenta e saranno dotati di vetrocamera. Le porte di ingresso agli androni saranno realizzate con profilati di alluminio come sopra completi di pompe chiudi porta a pavimento, guarnizioni, etc., salvo diverse esigenze. I vetri: i serramenti esterni saranno corredati da vetrocamera costituito da due vetri trasparenti di mm. 4-6 e camera d aria da mm. 9. Sia il vetro interno che quello esterno saranno dotati di pellicola pvc di sicurezza ove richiesto da norma. Il vetro interno sarà ovunque un vetro basso emissivo per ridurre gli sprechi energetici durante le stagioni più calde. Le porte di ingresso degli appartamenti ai vari piani saranno del tipo blindato. Al piano interrato le porte delle saranno in lamiera di acciaio tamburate e dotate di serratura tipo YALE. Le porte alle uscite di sicurezza o dei vani filtro ventilati saranno del tipo tagliafuoco secondo le prescrizioni dei VV.FF.; le uscite di sicurezza saranno corredate da maniglioni antipanico, chiudiporta aereo, regolatore di chiusura. Le porte interne di ciascuna unità abitativa saranno tamburate con rivestimento in laminato, con cerniere, maniglia e serratura di tipo patent. Sarà offerta al cliente una gamma di essenze selezionate fra cui scegliere. Opere in ferro: tutti i grigliati, di tipo carrabile e/o pedonabile, in relazione alle destinazioni delle zone sulle quali insisteranno, saranno zincati ed i profilati elettrosaldati e tali da sopportare il carico di esercizio; le ringhiere delle scale e dei balconi, ove necessario, saranno in acciaio. Pitture: per le pareti interne sarà utilizzata pittura idrorepellente lavabile di colore bianco, se non richiesto diversamente dal cliente, (della Sikkens o marca equivalente); tali pareti saranno precedentemente preparate con due passate di stucco e relativa scartavetratura. Per le pareti esterne sarà utilizzata pittura di quarzo. Le opere in ferro non zincate saranno preventivamente preparate con antiruggine (2 mani) e saranno rifinite con due passate di smalto (della Herbertz o marca equivalente) e comunque a coprire. Sarà offerta al cliente una gamma di colori selezionati fra cui scegliere. Opere esterne : le opere esterne saranno realizzate secondo quanto previsto progettualmente. Le bordature delimitanti le aiuole e i marciapiedi saranno in c.a.v.; le aiuole saranno riempite con terreno vegetale. Tutte le aree esterne saranno opportunamente illuminate.

5 Le fognature secondarie sia bianche che nere, adeguatamente integrate da pozzetti di ispezione carrabili con coperchi in ghisa, scorreranno in condotte separate ubicate al disotto del piano di pavimento del garages e saranno opportunamente dimensionate. La coibentazione sarà assicurato il grado di isolamento termico del fabbricato conformemente al disposto dalle attuali norme sui consumi energetici per la classe energetica A. Impianto antincendio : Il piano interrato destinato ad autorimessa a posti auto aperti sarà completato da impianto antincendio ove necessario e secondo quanto previsto dalle vigenti norme. Impianto ascensore : Sarà installato un impianto ascensore per ogni scala, conforme alla normativa per il superamento delle barriere architettoniche, per 6 persone del tipo elettrico a funi, marca Schindler o equivalente. Categoria A per il trasporto di persone; caratteristiche: Corrente di alimentazione alternata trifase V380; Fermate ed accessi 8; Velocità 0.60 m/sec; Manovra a pulsante in cabina mediante bottoniera universale con tanti pulsanti quante sono le chiamate oltre ai bottoni di Alt e Alarm. Ai piani bottoniera con pulsante di chiamata multipla segnalazione verde di presente e rossa di occupato; al pianoterra bottoniera di chiamata multipla con segnalazione come le precedenti ed indicatore luminoso di posizione della cabina. Il coperchio della bottoniera sarà in anticorodal anodizzato. Pavimento ricoperto in linoleum o gomma; cielino rivestito con laminato plastico e con acciaio inossidabile satinato; pareti rivestite in pannelli di laminato plastico. L illuminazione sarà realizzata mediante moderna plafoniera o diffusore incassato. Porte di piano del tipo telescopiche completamente metalliche in lamiera di acciaio esecuzione tamburata con rivestimento interno antirombo. IMPIANTI MECCANICI Gli impianti a servizio dell edificio in oggetto avranno come obiettivo principale quello di ottenere il massimo risparmio energetico. Nella progettazione sono rispettate tutte le prescrizioni riportate nella Legge n 10 del 9 Gennaio 1991, D.Lgs n 192 del 19 Agosto 2005 (in vigore dal 08/10/2005), D.Lgs. 311 del 29 Dicembre 2006 (in vigore dal 2 Febbraio 2007) e D.P.R. 59 del 2 Aprile 2009 (in vigore dal 25 Giugno 2009), in attuazione delle direttive europee 2002/91/CE Rendimento energetico nell edilizia e 2006/32/CE Efficienza degli usi finali dell energia e i servizi energetici le quali indicano la strada da percorrere in materia di efficienza energetica in edilizia: impianti di riscaldamento/climatizzazione ad alto rendimento, involucro edilizio con un alto livello di isolamento termico ed utilizzo di fonti energetiche alternative/rinnovabili. Gli impianti che progettati hanno altresì l obiettivo di garantire un grado di comfort interno elevato, in tutte le stagioni dell anno. Di seguito viene riportata una descrizione degli impianti a servizio del complesso. Centrale idrica e produzione di acqua calda sanitaria A servizio delle residenze sarà prevista una centrale idrica essenzialmente costituita da: - Gruppo di pressurizzazione idrica - Serbatoi di accumulo idrico in polietilene - Complesso di trattamento acque di stoccaggio

6 La produzione dell acqua calda sanitaria sarà del tipo centralizzato e sarà garantita mediante moduli termici a gas metano ubicati in appositi spazi tecnici in copertura ed un sistema di integrazione solare termico al 50% del fabbisogno annuo in ottemperanza alle prescrizioni del D.Lgs. N 192/2005, D.Lgs. N 311/2006 e D.P.R. 59/2009. La centrale di produzione acqua calda sanitaria troverà collocazione in un apposito locale tecnico dedicato posto al piano primo. Essenzialmente la centrale sarà cosituita da: Boiler ad accumulo verticale con doppio serpentino Elettropompe di ricircolo acqua calda sanitaria Complesso di addolcimento automatico Valvola miscelatrice del controllo delle temperatura di mandata dell acqua calda sanitaria Kit di controllo pannelli solari termici Valvolame ed accessori di sicurezza Il sistema solare termico troverà collocazione in apposito spazio tecnico in copertura con orientamento verso sud in modo da ottenere i migliori rendimenti durante l anno solare. Impianto idrico sanitario La rete di distribuzione idrica dalla centrale di preparazione acqua calda sanitaria alle singole unità immobiliari avverrà mediante tubazioni in acciaio zincato fino alle montanti verticali per poi proseguire con tubazioni in polietilene reticolato preisolato per la distribuzione secondaria agli appartamenti. All ingresso di ogni unità immobiliare sarà predisposto un contabilizzatore di energia termica che ripartirà l effettivo utilizzo delle utenze di adduzione idrica. Gli scarichi degli apparecchi sanitari e l intera rete di smaltimento interna saranno realizzati con tubazioni in polietilene ad alta densità tipo Geberit completi di braghe, pezzi di allacciamento, manicotti, curve e tutto quanto necessario per la corretta posa in opera e funzionalità. Gli scarichi degli apparecchi sanitari e la rete di smaltimento al piano interrato verranno convogliate in un appositi impianti di raccolta dotati di elettropompe di rilancio conformi alle vigenti disposizioni normative ed agli schemi di progetto allegati. Le tubazioni sub-orizzontali avranno la massima pendenza possibile utilizzando uniformemente la differenza di quota fra l uscita del fabbricato ed i vari scarichi. In ogni caso detta pendenza non dovrà essere inferiore all 1% circa. I raccordi fra le tubazioni sub-orizzontali e le colonne di scarico saranno realizzati con opportune curve aperte. In corrispondenza dei pozzetti di ispezione indicati nel progetto, saranno previsti i pezzi di ispezione con coperchio. L impianto sarà dotato di ventilazione primaria collegata con le colonne di scarico e sfociante oltre la copertura. Le acque di scarico verranno convogliate nella fognatura comunale. Impianto di climatizzazione La tipologia impiantistica adottata sarà del tipo fan-coil a due tubi alimentati da pompe di calore con condensazione ad aria ubicate in copertura. I fan-coil potranno essere verticali od orizzontali, da incasso o con mobiletto in modo da integrarsi al layout architettonico interno proposto. Le tubazioni di alimentazione dei fan-coil correranno dall area tecnica in copertura fino al livello interrato per poi distribuirsi verticalmente verso l alto mediante i cavedi verticali. Ogni unità immobiliare sarà dotata di contabilizzatore di energia termica in modo da potere ripartire gli effettivi costi di gestione. Le tubazioni saranno in acciaio nero isolato con spessori idonei al rispetto della normativa vigente.

7 Le condense dei fan-coil saranno raccolte mediante tubazioni in pvc e convogliate previo sifone alla rete di raccolta acque bianche o pluviali più vicina. Impianto riscaldamento servizi I servizi delle unità immobiliari saranno riscaldati mediante scaldabiancherie alimentati dai moduli termici a gas metano posizionati in apposito locale tecnico dedicato in copertura. Le tubazioni saranno in acciaio nero e si collegheranno ai terminali radianti mediante i cavedi verticali dalla copertura ai livelli inferiori. All ingresso di ogni unità immobiliare sarà predisposto un contabilizzatore di energia termica che ripartirà l effettivo utilizzo del terminale riscaldante. Commerciale Le aree commerciali troveranno collocazione al piano terra dei due corpi di fabbrica principali. Gli impianti predisposti per le arre commerciali saranno essenzialmente costituiti da pompe di calore con condensazione ad aria ubicate in copertura che forniranno i fluidi per il sistema di climatizzazione estivo ed invernale. Ogni unità commerciale sarà dotata di contabilizzatore di energia termica in modo da ripartire i costi di esercizio. I gruppi servizi saranno dotati di piastra elettrica di riscaldamento ed eventuale ventilatore di estrazione nel caso che non siano presenti aperture finestrate apribili. Ogni unità commerciale sarà provvista di contatore acqua potabile e la produzione dell acqua calda sanitaria sarà realizzata mediante preparatori ad accumulo elettrici installati a a soffitto. Impianti condominiali Sistema di protezione antincendio e sprinkler A servizio del complesso sarà previsto un impianto di protezione antincendio e sprinkler per le attività soggete a C.P.I. ai sensi del D.M. 16/02/82: La centrale antincendio e sprinkler e le relative vasche troveranno collocazione al piano interrato in apposite aree tecniche. Di seguito si riportano le principali caratteristiche del sistema previsto: L autorimessa in oggetto essendo interrata e con capacità superiore a trenta autoveicoli sarà provvista di un impianto fisso di estinzione costituito da idranti UNI 45, installati ai due piani parcheggio distribuiti in modo da assicurare un primo intervento in ogni zona parcheggio ed a copertura della fuga delle persone. L impianto idrico antincendio sarà costituito da una rete di tubazioni, con dorsali e montanti disposte nelle zone sicure, le tubazioni di derivazione avranno un diametro interno non inferiore a DN 40 un idrante UNI 45 presso ogni uscita. Ogni idrante UNI 45 sarà completo di: raccordo in bronzo DN 45; lancia erogatrice munita di valvola regolatrice e di chiusura del getto; mt 20 di tubo di gomma e nylon DN 45. L impianto antincendio sarà inoltre integrato da un impianto di spegnimento automatico sprinkler del tipo a umido. Custodia degli idranti La custodia sarà installata in un punto ben visibile. Sarà munita di sportello in vetro trasparente, avrà larghezza ed altezza non inferiore rispettivamente a 0,35 m e 0,55 m ed una profondità che consenta di tenere, a sportello chiuso, manichette e lancia permanentemente collegate. Tubazione flessibile e lance La tubazione flessibile sarà costituita da un tratto di tubo, di tipo approvato, di lunghezza che consentirà di raggiungere col getto ogni punto dell area protetta. Tubazioni fisse La rete idrica sarà eseguita con tubi di ferro zincato o materiali equivalenti protetti contro il gelo e sarà indipendente da altri impianti.

8 Gli impianti avranno caratteristiche idrauliche tali da garantire al bocchello della lancia, nelle condizioni più sfavorevoli di altimetria e di distanza, una portata non inferiore a 120 litri al minuto primo e una pressione di almeno 2 bar. L impianto avrà una portata totale determinata considerando la probabilità di contemporaneo funzionamento del 50% degli idranti a servizio dei due comparti (n 5). Alimentazione dell impianto L impianto sarà alimentato da una centrale antincendio ubicata nell autorimessa al piano secondo interrato, essenzialmente costituita da: n 2 gruppi antincendio a norme UNI UNI EN costituiti ciascuno da n 1 elettropompa principale, n 1 elettropompa di riserva, n 1 elettropompa di pressurizzazione una a servizio dell impianto antincendio ed uno a servizio dell impianto sprinkler; gruppi valvole, strumenti di misurazione e controllo, collettori, vasi di espansione; n 6 quadri elettrici alimentati da linee preferenziali a servizio dei due gruppi antincendio. L impianto così strutturato sarà in grado di garantire in contemporanea il funzionamento di 5 idranti UNI 45 per sessanta minuti primi. Collegamento dei mezzi dei vigili del fuoco All esterno dell edificio, nella posizione indicata nella planimetria generale saranno inoltre alloggiati n 1 gruppi di attacco per la motopompa dei VV.F. UNI 70. L impianto sarà tenuto costantemente sotto pressione per il collegamento dei mezzi dei vigili del fuoco. Capacità della riserva idrica La riserva idrica sarà garantita da due cisterne ubicate nell autorimessa al piano secondo interrato adiacenti la centrale antincendio aventi: una capacità pari a 36 m³ tale da assicurare il funzionamento dell impianto antincendio per 60 minuti, e una circa 45 m³ tale da assicurarsi il funzionamento dell impianto sprinkler per 60 minuti. IMPIANTO ELETTRICO Essenzialmente gli impianti saranno così suddivisi: Impianto Supercondominiale Impianto Condominiale Impianto Appartamenti/Uffici/Unità Commerciali. Impianto Fotovoltaico. Riferimenti normativi Gli impianti proposti saranno in conformità a tutte le norme vigenti, anche se non espressamente menzionati nel presente capitolato, ed i particolare: DM 22/01/2008 n 37: disposizioni in materia di impianti negli edifici Prescrizioni Vigili del Fuoco e norma UNI EN Concordato Incendi (Impianti antincendi). D. Lgs. Del 9 Aprile 2008 n.81 testo unico sulla salute e sicurezza sui posti di lavoro Prescrizioni Ispettorato del Lavoro. Regolamento Igienico Sanitario comunali e provinciali. Uni9489; Uni9490 Unien Legge 1 marzo 1968 nº 186: Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici. Legge 22 febbraio 2001, n.36 : Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici e decreti attuativi. DM del 29 maggio 2008 Approvazione della metodologia di Calcolo per la determinazione delle fasce di rispetto per gli elettrodotti. DM del 29 maggio 2008 Approvazione delle procedure di misura e valutazione dell induzione magnetica. Tutte le norme CEI ultima edizione e successive integrazioni.

9 Ai fini del rispetto dei requisiti prescritti dalla normativa vigente in materia di inquinamento acustico, sarà garantito il rispetto della legge quadro n. 447 del 26 ottobre 1995 ed i seguenti D.P.C.M. del 14/11/1997 e del 05/12/1997. Impianto di distribuzione gas L impianto di distribuzione gas metano sarà realizzato in derivazione dalla rete cittadina. I contatori, sia delle unità immobiliari che delle eventuali aree commerciale che ne avranno necessità saranno collocati esternamente ai corpi di fabbrica. Le tubazioni, dai contatori alle utenze interne transiteranno esternamente o in cavedi areati all interno dell edificio nel rispetto delle prescrizioni riportate nella norma uni 71/29. Le tubazioni saranno in polietilene ad alta densità nei tratti interrati esterni all edificio, in acciaio zincato nelle montanti verticali e in rame in guaina areata nei tratti annegati nei massetti. Impianto telefonico È prevista la predisposizione di apposita canalizzazione per la distribuzione delle linee telefoniche alle singole unità; in particolare per ciascuna sarà installata una presa in cucina, una nel soggiorno ed una in ciascuna camera da letto. Impianto TV È prevista la installazione di antenna centralizzata satellitare/terrestre; le prese saranno ubicate nel salone e/o soggiorno e nelle camere da letto; Impianto citofonico È prevista la installazione di opportuno impianto video-citofonico. La chiamata ad ogni singolo utente sarà gestita sia dal portone che dall ingresso principale del fabbricato. Impianto antifurto È prevista la predisposizione (tubo vuoto) dell impianto antifurto per ciascun appartamento. Tutti i punti previsti per i rilevatori, sirena interna, sirena esterna e inseritore, faranno capo ad un punto dove potrà essere installata la centrale antifurto. Isolamento acustico L isolamento acustico degli edifici in oggetto ha caratteristiche conformi o superiori ai principali riferimenti legislativi a livello nazionale inerenti l acustica in edilizia: Legge n. 447 del 26 ottobre 1995 Legge quadro sull inquinamento acustico. D.P.C.M. 5 dicembre 1997 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. Circolare n del 30 aprile 1966 del Ministero dei Lavori Pubblici. o Per l elaborazione della presente valutazione si è fatto riferimento alla normativa tecnica seguente: UNI EN :2002. Acustica in edilizia - Valutazioni delle prestazioni acustiche di edifici a partire dalle prestazioni di prodotti - Isolamento dal rumore per via aerea tra ambienti. UNI EN :2002. Acustica in edilizia - Valutazioni delle prestazioni acustiche di edifici a partire dalle prestazioni di prodotti - Isolamento acustico al calpestio tra ambienti. UNI EN :2002. Acustica in edilizia - Valutazioni delle prestazioni acustiche di edifici a partire dalle prestazioni di prodotti - Isolamento acustico contro il rumore proveniente dall esterno per via aerea. UNI EN :2009. Acustica in edilizia - Valutazioni delle prestazioni acustiche di edifici a partire dalle prestazioni di prodotti - Parte 5: Livelli sonori dovuti agli impianti tecnici. UNI/TR 11175:2005. Acustica in edilizia - Guida alle norme serie UNI EN per la previsione delle prestazioni acustiche degli edifici. Applicazione alla tipologia costruttiva nazionale. L argomento è inoltre trattato nelle seguenti linee guida: Regione Toscana Direzione Generale del Diritto alla Salute e delle Politiche di Solidarietà e Direzione Generale delle Politiche Territoriali ed Ambientali. L Acustica in edilizia - Linee guida per la valutazione dei

10 requisiti acustici passivi degli edifici D.P.C.M. 5/12/97. Settembre 2006, approvata con D.G.R.T. 12 marzo 2007 n Sono infine richiamati i contenuti della norma UNI (pubblicata il 22 luglio 2010) Acustica in edilizia Classificazione acustica delle unità immobiliari. Procedura di validazione e verifica in opera.

CAPITOLATO APPARTAMENTI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Località San Liborio EDIFICIO G1

CAPITOLATO APPARTAMENTI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Località San Liborio EDIFICIO G1 ALLEGATO A Rev. 01 CAPITOLATO APPARTAMENTI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Località San Liborio EDIFICIO G1 1. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 1.1 STRUTTURA PORTANTE L edificio -composto da un piano interrato e 5

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 SCAVI E REINTERRI ESECUZIONE DI SCAVO DI SBANCAMENTO ESEGUITO CON MEZZI MECCANICI, ESECUZIONE DI SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 ESTRATTO DEL CAPITOLATO LAVORI DEMOLIZIONI Demolizione edificio esistente SCAVI E RINTERRI Scavo di sbancamento

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Indaco Immobiliare S.r.l. VIA SANT ANATALONE 5 - MILANO

Indaco Immobiliare S.r.l. VIA SANT ANATALONE 5 - MILANO VIA SANT ANATALONE 5 - MILANO CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO - Certificazione energetica in classe B; - Muratura perimetrale esterna ad elevato isolamento termico ed acustico; - Box al piano terra con accesso

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE SOC. IMMOBILIARE VIALE CALLET S.R.L. INTERVENTO DI EDILIZIA RESIDENZIALE VIA OSOPPO N 41 TORINO DESCRIZIONE DELLE OPERE Soc.Immobiliare viale Callet s.r.l. C.so Stati Uniti n. 41 10129 Torino tel. 011-390389

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

CAPITOLATO COMMERCIALE

CAPITOLATO COMMERCIALE CAPITOLATO COMMERCIALE Condominio via Menabrea 9 Torino (TO) MENABREA@BELLONIA.COM www.bellonia.com 1 Indice 1. GENERALITÀ... 3 1.1 PREMESSA... 3 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE ARCHITETTONICHE IN PROGETTO...

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE CASE IN LINEA

DESCRIZIONE DELLE OPERE CASE IN LINEA DESCRIZIONE DELLE OPERE CASE IN LINEA STRUTTURE PORTANTI - Fondazioni continue in c.a., solai per il vuoto sanitario in muretti con blocchi cls, tavelloni e soprastante getto di caldana in c.a., solaio

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

CAPITOLATO EDIFICIO RESIDENZIALE IN ROMA VIA DI GENEROSA

CAPITOLATO EDIFICIO RESIDENZIALE IN ROMA VIA DI GENEROSA CAPITOLATO EDIFICIO RESIDENZIALE IN ROMA VIA DI GENEROSA 1. FONDAZIONI E STRUTTURA Le fondazioni dirette sono state realizzate in cemento armato opportunamente armate e la struttura in elevazione sempre

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE OPERE PALAZZINE C/D

DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE OPERE PALAZZINE C/D Centro Residenziale Vicus Cecilianus Lotto Sud DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE OPERE PALAZZINE C/D 1 PRESENTAZIONE Nell ambito di un impegnativo ed ambizioso piano di lottizzazione che si sta sviluppando nel

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

gps@lamiapec.it DESCRIZIONE TECNICA del 17/11/2014 I solai in laterocemento con soletta collaborante in C. A. 1.2 TAMPONAMENTI,DIVISORIE E TRAMEZZE

gps@lamiapec.it DESCRIZIONE TECNICA del 17/11/2014 I solai in laterocemento con soletta collaborante in C. A. 1.2 TAMPONAMENTI,DIVISORIE E TRAMEZZE GP S.r.l. Sede Legale ed ufficio: Via Trento n 12 Trieste fax 0403481584 telefono 040634523 Iscrizione Registro Imprese di Trieste e C.F. 01205290222 - P.IVA 00958700320 Capitale.i.v. Euro 10.400.00 gps@lamiapec.it

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

Complesso Residenziale

Complesso Residenziale Complesso Residenziale Nuova Ceppeta Loc. Ceppeta, Velletri-Roma- VELCOS S.R.L. Via Pasquale Baffi, 26 00149 Roma P.I. C.F. 08387511002 Oggetto: CAPITOLATO LAVORI Intervento: Via Ceppeta Inferiore-Velletri-Roma

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

CAPITOLATO GENERALE PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FABBRICATO SITO IN PALERMO VIA VINCENZO ERRANTE N 12, A DESTINAZIONE CIVILE E COMMERCIALE

CAPITOLATO GENERALE PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FABBRICATO SITO IN PALERMO VIA VINCENZO ERRANTE N 12, A DESTINAZIONE CIVILE E COMMERCIALE CAPITOLATO GENERALE PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FABBRICATO SITO IN PALERMO VIA VINCENZO ERRANTE N 12, A DESTINAZIONE CIVILE E COMMERCIALE Realizzazione di n 27 appartamenti ( bivani, trivani, appartamenti

Dettagli

L'appartamento è collocato sul lato di Via Madonna delle Grazie, lontano dalla confusione della

L'appartamento è collocato sul lato di Via Madonna delle Grazie, lontano dalla confusione della Vendesi appartamento ad ingresso, autonomo primo piano più mansarda, in più cost b - primo piano mq 97,54 + balconi mq 21,12 - mansarda mq 77 + veranda mq 19,58 - box auto privato mq 22,94 in locale seminterrato.

Dettagli

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione RELAZIONE TECNICA DATI DEL PROGETTO Mappale no. 214-216-429-430(vedi nuovo piano parcellare) Superficie

Dettagli

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere.

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere. AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56 Capitolato di massima delle opere. CAPITOLATO DI MASSIMA. L edificio è composto da un piano fuori terra di circa mq. 3.000 frazionabili. L aspetto architettonico,

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE DESCRIZIONE DELLE OPERE 1. STRUTTURA fondazioni continue in c.a., a travi rovesce, plinti isolati, platea; muri di cantina in cls. sp. cm. 30; pilastri e travi in c.a.; solai in laterocemento armato, la

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

Comune di Lurano Provincia di Bergamo. Nuova RESIDENZA SANTA CHIARA srl CAPITOLATO - DESCRIZIONE DELLE OPERE

Comune di Lurano Provincia di Bergamo. Nuova RESIDENZA SANTA CHIARA srl CAPITOLATO - DESCRIZIONE DELLE OPERE Comune di Lurano Provincia di Bergamo Nuova RESIDENZA SANTA CHIARA srl CAPITOLATO - DESCRIZIONE DELLE OPERE 1 NOTA INTRODUTTIVA La descrizione ha lo scopo di evidenziare le caratteristiche principali dell

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE A due passi dal centro storico, immobili in fase di realizzazione con finiture di pregio. Possibilità di scegliere materiali e disposizione interna. Pannelli

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

New Residence a Udine in Via Martignacco 117

New Residence a Udine in Via Martignacco 117 New Residence a Udine in Via Martignacco 117 Premessa La costruzione è formata da due palazzine unite tra di loro identificate con la lettera A e la lettera B, ciascuna palazzina è composta da n.6 unità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

PREZZI, COSTI e DATI

PREZZI, COSTI e DATI SCUOLA MEDIA 29-02-2008 08:28 Pagina 50 PREZZI, COSTI e DATI PER COSTRUIRE Tipologie edilizie e costi Scuola Media Quanto costa costruire una scuola media composta da aule didattiche, aule speciali e spazi

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE FONDAZIONI Fondazioni costituite da travi rovesce e platee in cemento armato,

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE Costruzioni s.r.l. Via Boccaccio n 29 20123 MILANO P.IVA 06454770964 Oggetto: REALIZZAZIONE NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI IN COMUNE DI LENNO (CO) VIALE LIBRONICO DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE CAPITOLATO

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA DELLE PRINCIPALI CARATTERISTICE COSTRUTTIVE E FINIZIONI DEL L EDIFICIO SITO IN RIVOLI VIA SANTA CROCE N 7 ALLEGATO B

DESCRIZIONE TECNICA DELLE PRINCIPALI CARATTERISTICE COSTRUTTIVE E FINIZIONI DEL L EDIFICIO SITO IN RIVOLI VIA SANTA CROCE N 7 ALLEGATO B DESCRIZIONE TECNICA DELLE PRINCIPALI CARATTERISTICE COSTRUTTIVE E FINIZIONI DEL L EDIFICIO SITO IN RIVOLI VIA SANTA CROCE N 7 ALLEGATO B CAPITOLO I PREMESSA La presente descrizione ha per oggetto le modalità

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

Estratto del Capitolato Tecnico

Estratto del Capitolato Tecnico Estratto del Capitolato Tecnico STRUTTURA PORTANTE Tutte le strutture sono progettate per rispondere ai più recenti dettami in materia di costruzione in zona sismica, esse prevedono l utilizzo di calcestruzzi

Dettagli

Capitolato relativo alla costruzione di unità immobiliari di un edificio residenziale località Porta al Borgo a Pistoia,

Capitolato relativo alla costruzione di unità immobiliari di un edificio residenziale località Porta al Borgo a Pistoia, Allegato XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX Capitolato relativo alla costruzione di unità immobiliari di un edificio residenziale località Porta al Borgo a Pistoia, Fondazioni: Le strutture saranno realizzate in C.A.

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE in VIA COMMERCIALE n 71 a Trieste DESCRIZIONE TECNICA 25/01/2015

RISTRUTTURAZIONE DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE in VIA COMMERCIALE n 71 a Trieste DESCRIZIONE TECNICA 25/01/2015 GP S.r.l. Società con socio unico Società soggetta all attività di direzione e coordinamento da parte della società GI EMME S.p.a. con sede in Trieste via Trento n 12 c.f. 00867010233 e P.IVA 11924350157*****************

Dettagli

Costruzione edificio residenziale in Comune di Milano (MI) Via Voltri DESCRIZIONE DELLE OPERE

Costruzione edificio residenziale in Comune di Milano (MI) Via Voltri DESCRIZIONE DELLE OPERE Costruzione edificio residenziale in Comune di Milano (MI) Via Voltri DESCRIZIONE DELLE OPERE I Giardini di Via Voltri DESCRIZIONE TECNICA DELL IMMOBILE 1) CARATTERISTICHE GENERALI DELL EDIFICIO STRUTTURE

Dettagli

BOSCO dell IMPERO RESIDENCE - BIBIONE (VE)

BOSCO dell IMPERO RESIDENCE - BIBIONE (VE) REALIZZAZIONE COMPLESSO RESIDENZIALE PER VACANZE DENOMINATO BOSCO DELL IMPERO LOC. BIBIONE S. MICHELE AL TAGLIAMENTO CARATTERISTICHE DEL COMPLESSO CONDOMINIALE: Complesso condominiale dotato di piscina

Dettagli

ROEDIL s.r.l. INTERVENTO IN ORBASSANO (TO) NUOVA STRADA DI P.R.G.C. che si innesta su s.da RIVALTA ZONA 1.5.2 1.5.2.1. DEL P.R.G.C.

ROEDIL s.r.l. INTERVENTO IN ORBASSANO (TO) NUOVA STRADA DI P.R.G.C. che si innesta su s.da RIVALTA ZONA 1.5.2 1.5.2.1. DEL P.R.G.C. ROEDIL s.r.l. INTERVENTO IN ORBASSANO (TO) NUOVA STRADA DI P.R.G.C. che si innesta su s.da RIVALTA ZONA 1.5.2 1.5.2.1. DEL P.R.G.C. FABBRICATO 2 COSTRUZIONE DI EDIFICIO A QUATTRO PIANI FUORI TERRA DESCRIZIONE

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Sommario PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Tipologie d impianto... 4 1 - Impianto riscaldamento a pannelli

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO CAPITOLATO D APPALTO E DESCRIZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI I render grafici hanno scopo puramente indicativo

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

GENARDIS RESIDENCE LA SCALA

GENARDIS RESIDENCE LA SCALA GENARDIS RESIDENCE LA SCALA International Home Esclusivo!!! Ritiriamo la tua casa +39 0332 19.52.494 +41 91 606.37.06 infogenardis@gmail.com REV_002_11-04-2012 DESCRIZIONE TECNICA Allegato al contratto

Dettagli

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi INQUADRAMENTO GENERALE * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi FRONTE NORD - ACCESSO * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

CAPRIATE S.G. Tecno. Via Bergamo106. TECNOGRAS S.r.l. Sede legale e Uffici: Via A. Grandi, 5 20056 Trezzo sull Adda (MI) Tel. 02/90.96.41.

CAPRIATE S.G. Tecno. Via Bergamo106. TECNOGRAS S.r.l. Sede legale e Uffici: Via A. Grandi, 5 20056 Trezzo sull Adda (MI) Tel. 02/90.96.41. CAPRIATE S.G Via Bergamo106 Tecno TECNOGRAS S.r.l. Sede legale e Uffici: Via A. Grandi, 5 20056 Trezzo sull Adda (MI) Tel. 02/90.96.41.41 CAPRIATE S.G. Immobile 3.700 mq 1. DESCRIZIONE RIEPILOGATIVA DELL

Dettagli

DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE PRINCIPALI. Casa di 9 unità immobiliari in classe energetica A e struttura antisismica come da norme vigenti

DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE PRINCIPALI. Casa di 9 unità immobiliari in classe energetica A e struttura antisismica come da norme vigenti ALLEGATO B DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE PRINCIPALI Casa di 9 unità immobiliari in classe energetica A e struttura antisismica come da norme vigenti Struttura portante della casa in cemento armato con tamponamenti

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

L ERICA. Residenza. L atmosfera della tua casa. Quando le case hanno un anima. Via dei Dorini n. 96 SANT ALESSIO (Lucca)

L ERICA. Residenza. L atmosfera della tua casa. Quando le case hanno un anima. Via dei Dorini n. 96 SANT ALESSIO (Lucca) Residenza L ERICA Via dei Dorini n. 96 SANT ALESSIO (Lucca) L atmosfera della tua casa Quando le case hanno un anima Residenza L Erica CAPITOLATO DI COSTRUZIONE E FINITURA DELLE OPERE Struttura dei fabbricati

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

STUDIO DI INGEGNERIA

STUDIO DI INGEGNERIA STUDIO DI INGEGNERIA ing. FRANCESCO COLAPINTO Bitonto Via Giuseppe Laudisi, n 21 - Tel. 080 3745086 / 330702214 e-mail: colapinto.f@libero.it DISCIPLINARE DELLE OPERE STRUTTURALI E DELLE RIFINITURE RELATIVE

Dettagli

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA RESIDENZA I VIGNETI 10 MILANO VIA RIPAMONTI 234/a TEL. 02-33610415 email: informazioni@czcase.it IL PROGETTO La Residenza I Vigneti 10 si trova in

Dettagli

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI INDICE 1 OGGETTO 3 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER GLI IMPIANTI E I COMPONENTI 4 3 RIEPILOGO DEGLI IMPIANTI PREVISTI 8 4 DATI GENERALI 8 4.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO OGGETTO DELL INTERVENTO...8 5

Dettagli

La soletta dei balconi esterni è in cemento armato in opera, il parapetto è realizzato con barra metallica a disegno semplice.

La soletta dei balconi esterni è in cemento armato in opera, il parapetto è realizzato con barra metallica a disegno semplice. 1. STRUTTURA Le fondazioni sono del tipo continue e/o travi rovesce e/o plinti isolati eseguite in cemento armato gettato in opera, con calcestruzzo di adeguate caratteristiche di resistenza.il tutto è

Dettagli

OIKIA UP s.r.l. Edifici in Nova Milanese, Via Vittorio Veneto angolo Via Cortelunga DESCRIZIONE LAVORI

OIKIA UP s.r.l. Edifici in Nova Milanese, Via Vittorio Veneto angolo Via Cortelunga DESCRIZIONE LAVORI OIKIA UP s.r.l. Edifici in Nova Milanese, Via Vittorio Veneto angolo Via Cortelunga DESCRIZIONE LAVORI La presente descrizione delle opere ha la finalità di indicare, nelle linee essenziali e generali,

Dettagli

Residenza Matrix LUGANO. pagina 1 / 12 14.03.2014

Residenza Matrix LUGANO. pagina 1 / 12 14.03.2014 LUGANO 14.03.2014 pagina 1 / 12 UBICAZIONE pagina 2 / 12 PIANO SITUAZIONE SCALA 1:500 Via M. Boschetti Alberti Entrata autorimessa Via Giuseppe Bagutti RESIDENZA CONCHIGLIA via alla Campagna Via Ferri

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

Residenziale Le Colline"

Residenziale Le Colline ABITCOOP - COOPERATIVA DI ABITAZIONE DELLA PROVINCIA DI MODENA - Società Cooperativa via Nonantolana, 520 41122 Modena tel. 059 381411 fax 059 331408 registro imprese di Mo, c.f. e p. iva 00671780369 albo

Dettagli

CAPITOLATO DEGLI ELEMENTI DI FINITURA

CAPITOLATO DEGLI ELEMENTI DI FINITURA ALLEGATO N.2 RESIDENZA ORCHIDEA CAPITOLATO DEGLI ELEMENTI DI FINITURA 28 APRILE 2014 CARATTERISTICHE GENERALI DELL INTERVENTO L imm.re in questo intervento realizza edifici residenziali secondo standards

Dettagli

Rebecca s.r.l. iniziative immobiliari VILLE A SCHIERA. (indipendenti) Marnate (VA) Via Oberdan/via Mazzini Rif. Ville 1-2-3-5

Rebecca s.r.l. iniziative immobiliari VILLE A SCHIERA. (indipendenti) Marnate (VA) Via Oberdan/via Mazzini Rif. Ville 1-2-3-5 Rebecca s.r.l. Iniziative immobiliari VILLE A SCHIERA (indipendenti) Marnate (VA) Via Oberdan/via Mazzini Rif. Ville 1-2-3-5 PREMESSE Si richiamano e saranno accettate e rispettate le seguenti norme e

Dettagli

COMUNE DI MARIANO C.SE NUOVE PALAZZINE AD USO RESIDENZIALE, UFFICI, NEGOZI IN VIA MATTEOTTI ANGOLO VIA GIUSTI DESCRIZIONE DELLE OPERE

COMUNE DI MARIANO C.SE NUOVE PALAZZINE AD USO RESIDENZIALE, UFFICI, NEGOZI IN VIA MATTEOTTI ANGOLO VIA GIUSTI DESCRIZIONE DELLE OPERE COMUNE DI MARIANO C.SE NUOVE PALAZZINE AD USO RESIDENZIALE, UFFICI, NEGOZI IN VIA MATTEOTTI ANGOLO VIA GIUSTI DESCRIZIONE DELLE OPERE DESCRIZIONE DELLE OPERE 1) STRUTTURA PORTANTE - fondazioni in c.a.;

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

IMMOBILIARE MILANESE S.R.L. DESCRIZIONE DELLE OPERE PALAZZINA IN VIA DELLE VIOLE PARABIAGO - MILANO

IMMOBILIARE MILANESE S.R.L. DESCRIZIONE DELLE OPERE PALAZZINA IN VIA DELLE VIOLE PARABIAGO - MILANO IMMOBILIARE MILANESE S.R.L. DESCRIZIONE DELLE OPERE PALAZZINA IN VIA DELLE VIOLE PARABIAGO - MILANO 1 OPERE IN C.A. Tutte le opere strutturali dell edificio saranno in cemento armato con calcestruzzo gettato

Dettagli

RESIDENZA SAN GIORGIO Via Roma - Locate di Triulzi - Milano DESCRIZIONE DELLE OPERE

RESIDENZA SAN GIORGIO Via Roma - Locate di Triulzi - Milano DESCRIZIONE DELLE OPERE RESIDENZA SAN GIORGIO Via Roma - Locate di Triulzi - Milano DESCRIZIONE DELLE OPERE 1 ACCADEMIA S.G.R. S.p.A. FONDO LOMBARDO Via San Maurilio n. 13 20121 MILANO DESCRIZIONE DELLE OPERE LOCATE DI TRIULZI

Dettagli

BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO

BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO LE NOSTRE CASE, BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO Costruire case sane e vivibili, con attenzione all ambiente e al risparmio energetico è un nostro obiettivo primario

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE RESIDENZA VIA VOLPACCINO FAENZA PROGETTO DI MASSIMA DESCRIZIONE DELLE OPERE ASPETTI GENERALI L intervento residenziale è costituito da una palazzina con 9 o 10 appartamenti disposti su 3 piani, oltre il

Dettagli

COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALI IN LOCALITA' OZZANO DELL EMILIA VIA GIOVANNI XXIII. VIA GIOVANNI XXIII OZZANO DELL EMILIA

COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALI IN LOCALITA' OZZANO DELL EMILIA VIA GIOVANNI XXIII. VIA GIOVANNI XXIII OZZANO DELL EMILIA INTERVENTO: LOCALIZZAZIONE: OGGETTO : COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALI IN LOCALITA' OZZANO DELL EMILIA VIA GIOVANNI XXIII. VIA GIOVANNI XXIII OZZANO DELL EMILIA CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE E FINITURE

Dettagli

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno.

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno. Il Progetto per Castelnuovo Cilento (Salerno) L intervento per Castelnuovo Cilento prevede la realizzazione di 34 alloggi di Edilizia Economica Popolare, in un insediamento misto in cui sono compresenti

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Caso studio : DOMUS SOLIS Sito web : http://www.construction21.eu/italia/ DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Tipologia di progetto : Nuova costruzione Tipo di edificio : Condominio di altezza

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO PROGETTO ESECUTIVO Comune di ESCALAPLANO Provincia di CA OGGETTO: ADEGUAMENTO FABBRICATO ADIBITO A COMUNITA' ALLOGGIO PER ANZIANI COMMITTENTE: COMUNE DI ESCALAPLANO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Escalaplano,

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Lavori previsti per il 1 lotto 1 Lotto - interventi sul copo "A" Opere di demolizione e rimozione 500.200.310 Rimozione di battiscopa 1 020 - in materie plastiche o in legno m. 194,30 0,80 155,44 500.200.100

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli