Esercizi di Termodinamica e Cinetica chimica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi di Termodinamica e Cinetica chimica"

Transcript

1 Esercizi di Termodinamica e Cinetica chimica Diego Frezzato Dipartimento di Scienze Chimiche Università degli Studi di Padova (versione aggiornata al )

2 La presente raccolta di esercizi di Termodinamica e Cinetica Chimica è basata sul materiale che ho utilizzato per la didattica di supporto ai corsi di Chimica Fisica III (Vecchio Ordinamento, A.A. 2003/04, Prof. G. Moro) e Chimica Fisica I (Laurea Triennale, A.A. 2004/05, Prof. A. Polimeno) della laurea in Chimica. La prima versione è stata compilata tra l ottobre 2004 e il gennaio 2005; successivamente essa è stata rivista ed integrata. I temi proposti provengono da varie fonti. Principalmente si tratta di una selezione dalle prove d esame degli insegnamenti di chimica fisica per la lauree in Chimica e in Chimica Industriale (Vecchio Ordinamento) nell arco di tempo (prof. G. Moro e prof. G. Sandonà, che ringrazio per la concessione); altre fonti sono costituite da prove d esame del corso di Chimica Fisica I (Prof. A. Polimeno), pagine didattiche disponibili in Rete, testi didattici universitari, manuali di chimica industriale, e vecchi libri di Termodinamica e Cinetica di inizio 900 salvati dal macero presso la biblioteca dell Università di Bristol. I testi originali sono stati riformulati, puntando alla coerenza in termini di linguaggio, notazione e unità di misura delle grandezze coinvolte. Inoltre, alcuni esercizi sono stati inventati all occorrenza. I temi sono stati svolti argomentando la procedura in modo da evidenziare la logica dei passaggi e la necessità degli stessi, e cercando di fornire in modo autoconsistente gli strumenti formali e le nozioni richieste (ad esempio, mediante l inserimento di note generali). Nello svolgimento, il simbolo introduce domande supplementari o spunti per riflessioni e approfondimenti. Lo svolgimento di molti esercizi può risultare eccessivamente dettagliato e poco naturale, ma ho preferito insistere sull aspetto formale per fornire una definizione (sperabilmente) precisa dei vari aspetti; agli studenti consiglio di consultare la soluzione solo dopo avere provato a risolvere da soli gli esercizi, e di soffermarsi sui punti più tecnici solo se realmente interessati, tenendo presente che la soluzione proposta è sempre una tra le possibili alternative. Mi scuso per le imprecisioni sicuramente presenti nel testo, promettendomi di aggiornarlo sotto segnalazione di refusi o errori e tenendo presente eventuali opinioni che verranno espresse; ringrazio anticipatamente chi vorrà aiutarmi a migliorare il materiale contattandomi via all indirizzo: Dedico questa fatica a tutti gli studenti che ho seguito finora, ringraziandoli per la fiducia e per gli stimoli continui. Diego Frezzato

3

4 Costanti fisiche e conversioni ricorrenti, notazione Costanti fisiche ricorrenti: R = J K 1 mol 1 (costante dei gas) F = C mol 1 (costante di Faraday) Conversioni ricorrenti tra unità di misura della pressione: 1 atm = bar 1bar = 10 5 Pa 1 Torr 1 mmhg = (1/760) atm = Pa Valori nella specificazione di stati standard: p = 1 bar (pressione standard) m = 1 mol kg 1 (molalità standard) Grandezze di standard di formazione e di reazione, grandezze molari e parziali molari E : variazione della generica grandezza termodinamica E per un determinato processo E f (i,t) : grandezza standard di formazione per la specie i r E (T) : grandezza standard di reazione E i (T,p) : grandezza molare per la specie i pura E i (T,p,composizione) : grandezza parziale molare per la specie i in miscela Nei casi dubbi, le quantità molari sono specificate da m. Frazioni molari x i : frazione molare del componente in miscela liquida o solida y i : frazione molare del componente in miscela gassosa Altro: γ i : coefficienti di attività o di fugacità (specificati di volta di in volta, indicando la convenzione sugli stati di riferimento). K eq : costante termodinamica di equilibrio (adimensionale) k : costante cinetica In alcuni esercizi la notazione può differire leggermente (in ogni caso l interpretazione è intuitiva), e tutte le altre grandezze sono introdotte nel testo.

5

6 Indice generale 1 Coefficienti di compressibilità ed espansione 3 2 Primo Principio 15 3 Secondo Principio 35 4 Grandezze Standard 57 5 Relazioni differenziali e loro applicazioni alle sostanze pure. Potenziale chimico di gas reali 69 6 Transizioni di fase per sostanze pure Grandezze parziali molari, miscele ideali e reali, funzioni di eccesso Soluzioni diluite Equilibri di reazione in fase gassosa Elettrochimica: equilibri in soluzione e celle elettrochimiche Cinetica chimica 277 1

7 2

8 Capitolo 1 Coefficienti di compressibilità ed espansione 3

9 Esercizio 1.1 La compressibilità isoterma del rame a 293 K è k T = atm 1. Si calcoli la pressione da applicare per aumentare la densità dello 0.08%. Dal valore di incremento di densità possiamo ricavare la conseguente variazione di volume. Denotiamo con 0 e 1 gli stati iniziali e finali del blocco di rame. Indicando con ρ 0 la densità del rame nelle condizioni iniziali, la variazione è ρ = ρ 1 ρ 0 = ρ 0 (incremento dello 0.08 %) e quindi ρ 1 = ρ 0. Tenendo presente che ρ = m/v, dove m è la massa del blocco, si ricava che V 1 = V 0 /1.0008, e quindi la variazione relativa di volume risulta pari a V/V Si vuole ora valutare la pressione p 1 da applicare al blocco per ottenere tale aumento di densità; a tale scopo dobbiamo correlare la diminuzione del volume all incremento di pressione. Utilizziamo il coefficiente k T fornito, definito come segue: k T (T,p) = 1 ( ) V V p T ( ) ln V = p T ( ln V p ) T dp = k T (T,p)dp Assumiamo che k T sia costante nell intervallo di pressione tra p 0 e p 1 ; integrando rispetto alla pressione si ottiene ln V 1 V 0 = k T (p 1 p 0 ) = ln V 0 + V V 0 = ln(1 + V/V 0 ) V V 0 dove per l ultimo pasaggio si è utilizzata l approssimazione ln(1 + x) x per x << 1. Segue quindi p = p 1 p 0 = V/V 0 k T = atm 1 = atm 4

10 Esercizio 1.2 Dato un capillare lungo 10 cm e di diametro 0.2 mm, si vuole costruire un termometro a mercurio operante nel campo di temperature da 0 C a 100 C. Quale deve essere il volume del bulbo da saldare al capillare? [Il coefficiente di espansione isobara del mercurio liquido è α = K 1 ] C C 0 0 C 0 0 C 0 0 C C Il volume del capillare è dato da V cap. = πr 2 h = π( m) m = m 3 Noto il coefficiente di espansione isobara, α, possiamo valutare di quanto si dilata il mercurio liquido tra 0 C e 100 C a pressione costante. Partendo dalla definizione di tale coefficiente, α(t,p) = 1 ( ) ( ) ( ) V ln V ln V = dt = α(t,p)dt V T T T p p e assumendo che α sia costante nel campo di temperature tra T 0 = 273 K e T 1 = 373 K, integrando rispetto alla temperatura otteniamo ln V 1 V 0 = α(t 1 T 0 ) Facciamo l ipotesi (da confermare a posteriori) che V = V 1 V 0 << V 0, cioè che la variazione relativa di volume causata dall escursione termica sia piccola, V/V 0 << 1. In tale limite è lecita l approssimazione ln(v 1 /V 0 ) V/V 0 e pertanto otteniamo la relazione p V α(t 1 T 0 )V 0 Se alla temperatura T 0 tutto il mercurio è contenuto nel bulbo (tacca zero sul capillare) e alla temperatura T 1 il capillare è completamente riempito (l ultima tacca è raggiunta), allora deve essere V 0 V bulbo e V V cap.. Quindi abbiamo α(t 1 T 0 )V bulbo = V cap. V bulbo = m K 1 100K = m 3 = 0.17 cm 3 5

11 Infine, possiamo verificare che V cap. << V bulbo (cioè V << V 0 ) e quindi confermare l assunzione fatta in precedenza. 6

12 Esercizio 1.3 È accettabile un modello per l equazione di stato del volume basato sulle seguenti approssimazioni k T = costante, α(t,p) = α 0 + c 1 (p p 0 ) + c 2 (T T 0 ) dove α 0, c 1 e c 2 sono costanti? Le espressioni fornite per k T e α vanno intese come modello basato su misurazioni di compressione/dilatazione in un intorno della temperatura T 0 e della pressione p 0. Occorre però verificare se tali espressioni sono compatibili con i vincoli stabiliti dalla correlazione che esiste tra k T e α. Consideriamo le definizioni dei coefficienti k T (compressione isoterma) e α (espansione isobara): k T = 1 ( ) ( ) V ln V =, α = 1 ( ) ( ) V ln V = V p p V T T dalle quali otteniamo ( ) ln V = k T (T,p), p T T T ( ln V T ) p = α(t,p) Data la funzione f(t,p) = ln V (T,p), deve essere soddisfatta la relazione di Schwartz sull invarianza delle derivate parziali seconde rispetto alla sequenza di derivazione: 2 f(t,p) T p Schwartz 2 f(t,p) p T [ T ( ln V p ) T ] p = p [ ( ) ] ln V p T p T p ( ) kt = T p ( ) α p T Occorre ora verificare se le leggi fornite per k T (T,p) e α(t,p) soddisfano la restrizione stabilita. Da tali espressioni segue ( ) kt k T cost. = 0, T p ( ) α p T = c 1 Si deduce quindi che le leggi fornite sono accettabili solo se c 1 = 0, cioè il coefficiente α non può dipendere dalla pressione (in un ristretto intorno di T 0 e p 0 ). 7

13 Esercizio 1.4 Valutare le variazioni U e H di una mole di acqua quando la sua temperatura viene innalzata da 25 C a 35 C a pressione atmosferica. Si utilizzino i seguenti dati: α(h 2 O) = K 1, V m (H 2 O) = m 3 mol 1, c p (H 2 O) = J K 1 mol 1. Operando a pressione costante possiamo valutare subito il H per mole di acqua quando la temperatura viene innalzata di dieci gradi: p ext = cost. H C p T = 1 mole J K 1 mol 1 10 K = J dove si è assunto che il calore specifico dell acqua liquida sia costante nell intervallo di temperatura in esame. Per determinare U partiamo dalla relazione tra energia interna ed entalpia del sistema, U = H pv, e valutiamo la differenza tra i due stati di equilibrio alla stessa pressione esterna: p ext = cost. U = H p ext V Il H è già stato determinato, mentre occorre valutare la variazione di volume del sistema a pressione costante. A tale scopo utilizziamo il coefficiente di compressibilità isobara: α(t,p) = 1 ( ) ( ) ( ) V ln V ln V = dt = αdt V T T T p p Integrando tra le temperature T 0 = 298 K (25 C ) e T 1 = 308 K (35 C ), alle quali corrispondono i volumi molari V 0 = m 3 mol 1 e V 1, si ha ln V 1 V 0 = α(t 1 T 0 ) Per V/V 0 << 1 è lecita l approssimazione ln(v 1 /V 0 ) V/V 0, pertanto V αv 0 T = 1 mole K m 3 mol 1 10 K = m 3 Il contributo p ext V nell espressione per U ammonta quindi a p ext V = Pa m 3 = J dove si è posto 1 atm Pa. Si nota che tale contributo è trascurabile rispetto al H, e quindi per la trasformazione in esame si ha U H. p 8

14 Esercizio 1.5 Esplicitare il coefficiente di compressibilità isoterma k T e il coefficiente di espansione isobara α per un gas di van der Waals (p + an 2 /V 2 )(V n b) = n R T con a e b costanti. Consideriamo le definizioni dei coefficienti k T (compressione isoterma) e α (espansione isobara): k T = 1 ( ) V, α = 1 ( ) V V p V T T p Per valutarli dovremmo derivare l equazione di stato V = V (T,p), ricavabile dalla forma di van der Waals. Tuttavia, la forma cubica rispetto al volume rende complesso esplicitare V in funzione di temperatura e pressione. Per ovviare a ciò, trasformiamo le definizioni precedenti invertendo le derivate parziali: k T = 1 V ( ) p 1 V T, α = 1 V ( ) T 1 V p In questo caso dobbiamo esplicitare la pressione in funzione di T e V, e la temperatura in funzione di p e V. Dall equazione di van der Waals otteniamo subito p(t,v ) = nrt V nb an2 V 2 e quindi ( ) p = nrt V (V nb) 2 + 2an2 V 3 = 2an2 (V nb) 2 nrtv 3 V 3 (V nb) 2 T Sostituendo nell espressione per k T otteniamo V 2 (V nb) 2 [ ] 1 k T = 2an 2 (V nb) 2 nrtv 3 = = V nrt (V nb) 2 2an2 V 2 Nel limite di gas ideale, cioè per a = 0 e b = 0, l espressione precedente si riduce a (k T ) id = V nrt = 1/p Per derivare α ricaviamo la temperatura in funzione di p e V, T(p,V ) = (p + an 2 /V 2 )(V nb)/nr da cui ( ) T = 2an2 V p V 3 ( ) V nb nr Sostituendo nell espressione per α si ottiene α = V 2 (V nb) TV 3 (2an/R)(V nb) 2 + (p + an 2 /V 2 )/nr = 2an RV 3(V nb) + T V nb =... = TV 3 (2an/R)(V nb) 2 V 3 (V nb) Nel limite di gas ideale, ponendo a = 0 e b = 0, si ricava α id = 1/T. 9

15 Esercizio 1.6 Tre kg di acqua inizialmente a 25 C e alla pressione di 1 bar vengono riscaldati di un grado a volume costante. Calcolare la pressione finale del sistema, noti il coefficiente di compressibilità isotermo, k T = bar 1, e il coefficiente di espansione isobara α = K 1. Questo esercizio verrà riproposto, e risolto in modo diverso, nel capitolo 5 dedicato alle proprietà differenziali delle grandezze termodinamiche; affrontiamolo qui con semplici considerazioni. Si può immaginare che i tre kg di acqua liquida si trovino in un contenitore munito di coperchio sul quale esercito una pressione esterna via via sempre maggiore in modo tale da contrastare la dilatazione dovuta al riscaldamento e da manterene il volume costante. In questo tipo di trasformazione variano sia la temperatura sia la pressione, mentre V è mantenuto fisso. Partendo dal fatto che il volume è esplicitabile sulla base delle variabili di stato T e p, posso considerarne il differenziale: ( ) ( ) V V dv = dt + dp T p p T = V αdt V k T dp dopo per l ultimo passaggio sono state richiamate le definizioni dei coefficienti α e k T. Integrando tale relazione differenziale tra due stati di equilibrio iniziale e finale, imponendo V = 0 in quanto il volume non varia, e assumendo che α e k T siano costanti al variare di pressione e temperatura, si ricava che α T k T p = 0 dalla quale segue p = α T = K 1 k T K = 4.2bar bar 1 La pressione finale da esercitare sul sistema deve essere quindi pari a 5.2 bar. 10

16 Esercizio 1.7 In tabella è data la densità del mercurio a varie temperature: Temperatura C densita Hg (gr/cm 3 ) Si calcoli il coefficiente di espansione termica isobara alle temperature di 0 C, 45 C, 105 C, 305 C. Partiamo dalla definizione di α e approssimiamola in termini di differenze finite (nel limite di piccole variazioni di volume e di temperatura): α = 1 ( ) V V V T V T p Ora dobbiamo mettere in relazione le variazioni di volume V con le variazioni di densità ρ ricavabili dalla tabella data. Differenziando V = m/ρ si ricava dv/v = dρ/ρ, e quindi passando alle differenze finite si ha V V ρ ρ Sostituendo nella relazione precedente si ricava quindi che α ρ ρ T Come usare questa relazione ai nostri fini? Se richiesto il valore di α ad una certa temperatura T 0, si individuano le temperature T + e T immediatamente superiore e inferiore rispetto a T 0 in tabella, e si ha che α(t 0 ) ρ(t +) ρ(t ) ρ(t 0 )(T + T ) in cui il valore ρ(t 0 ) può essere già noto se T 0 è tra le temperature in tabella, oppure viene espresso come media tra i due valori alle temperature più vicine, cioè ρ(t 0 ) = [ρ(t + ) + ρ(t )]/2. Applicando questa formula ricaviamo i valori richiesti: α(0 C) ρ(10 C) ρ( 10 C) ρ(0 C) 20 = K 1 11

17 α(45 C) ρ(50 C) ρ(40 C) ρ(45 = K 1 C) 10 α(105 C) ρ(110 C) ρ(100 C) ρ(105 C) 10 α(305 C) ρ(310 C) ρ(300 C) ρ(305 C) 10 = K 1 = K 1 in cui, ad esempio, si è fatto uso di ρ(45 C) [ρ(50 C) + ρ(40 C)]/2 = gr/cm 3. 12

18 ESERCIZI DA SVOLGERE Esercizio 1.8 Il volume molare di un certo liquido in funzione della temperatura T (espressa in K) è dscritto dalla seguente relazione V m (T) = V m (300 K) [ T T 2 ] Si calcoli il coefficiente di espansione termica isobara alla temperatura di 250 K. Risultato: α = K 1 a 250 K Esercizio 1.9 Un impianto di riscaldamento domestico è costituito da un serbatorio di acqua del volume di 50 litri ed è dotato di un vaso di espansione aperto all atmosfera in modo che la pressione interna si mantenga costante. L acqua si trova alla temperatura iniziale di 20 C, e viene riscaldata fino a 70 C. Noto che α = K 1 (e che tale coefficiente si può assumere essenzialmente indipendente dalla temperatura nell intervallo in esame), si valuti l incremento di volume dell acqua in seguito al riscaldamento. Risultato: V = 3 litri 13

19 14

20 Capitolo 2 Primo Principio 15

21 Esercizio 2.1 Una pallina di Piombo del peso di 100 g è lasciata cadere da una altezza di 10 metri dal suolo. Assumendo che come effetto dell urto con il suolo tutta l energia sia dissipata sotto forma di variazione dell energia interna della sola pallina, determinare l incremento della temperatura della pallina stessa, noto il suo calore specifico c p = 0.128J/g K (accelerazione di gravità g = 9.81m/s 2 ). Qual è la dipendenza dell incremento di temperatura dalla massa della pallina? Consideriamo il sistema globale isolato costituito dalla pallina, dai corpi materiali con i quali essa è a contatto, e dal campo gravitazionale. A partire da uno stato iniziale (la pallina sospesa a dieci metri dal suolo, e in equilibrio termico con l intorno ad una temperatura iniziale T i ), una serie di eventi (caduta e rimbalzi smorzati) determina la conversione di una frazione di energia meccanica potenziale in altre forme di energia (ma l energia totale del sistema globale isolato rimane costante). Ai fini della soluzione del problema non importa conoscere i dettagli della trasformazione, ma solo sapere che la variazione di energia meccanica uguaglia la variazione energia interna della pallina. In altri termini, l energia (del campo gravitazionale) non viene dispersa tra i corpi a contatto con la pallina (aria e suolo), ma viene interamente trattenuta dalla pallina sotto forma di incremento della propria energia interna. Identificando la pallina come sistema, abbiamo quindi U = E mecc. = mg h Assumendo che non ci sia variazione di volume della pallina nel corso della trasformazione possiamo stabilire H = U + pv, V = cost., p = p ext = cost. H U A pressione esterna costante si ha H = mc p T, per T ragionevolmente piccoli da potere assumere il calore specifico costante. Quindi mg h = mc p T T = g h = 9.81ms 2 10m c p J kg 1 = 0.8K K 1 Si osserva che la variazione di temperatura risulta indipendente dalla massa della pallina: aumentando la massa aumenta l energia meccanica potenziale da dissipare in calore trattenuto dal corpo, ma aumenta allo stesso modo la capacità termica dello stesso. 16

22 Esercizio moli di ossigeno occupano un volume di 20 litri a 270 K. Si effettua una espansione adiabatica a pressione esterna costante pari a 600 Torr, fino a triplicare il volume. Calcolare q, w, T, U e H. [1 Torr = Pa, e c v (O 2 ) = 21.1 J K 1 mol 1 assunto costante al variare del volume]. Rappresentiamo il processo che avviene. La trasformazione è certamente irreversibile. Si immagini che il gas sia contenuto in un cilindro munito di pistone mobile, e che le pareti e il pistone non consentano scambio di calore con l esterno. Il pistone è inizialmente bloccato, e il gas è in stato equilibrio con una certa pressione p i (che non è uguale a p ext ) e volume V i iniziali. Improvvisamente il pistone viene sbloccato ed inizia l espazione contro la pressione p ext fissa. Quando il volume è diventato il triplo di quello iniziale, il pistone viene di nuovo bloccato; poi sui tempi lunghi il gas raggiunge nuovamente l equilibrio con pressione p f (che non è uguale a p ext, attenzione!) e volume V f = 3V i. La trasformazione alla quale siamo interessati avviene tra questi due stati di equilibrio. La trasformazione è adiabatica, quindi stabiliamo subito che q = 0. Il sistema compie lavoro di volume espandendosi contro la pressione esterna costante; la variazione di volume è pari a V = 40 litri, quindi w = p ext V = ( )Pa m 3 = 3.2kJ In merito alla variazione di energia interna si ha che U = q + w w = 3.2kJ Valutiamo ora la variazione di temperatura del sistema. Possiamo solo stimare tale variazione sotto l ipotesi che l ossigeno si comporti come gas ideale; in tale limite si ha infatti che J U = nc v T T = 4 moli 21.1JK 1 = 38K mol 1 Per quanto riguarda la variazione di entalpia, considerando H = U + pv si ha H = U + (pv ) = U + p f V f p i V i Del resto, sotto l assunzione di comportamento ideale del gas si ha che p f V f = nrt f e p i V i = nrt i. Segue quindi H = U + nr T = J + 4 moli 8.314JK 1 mol 1 ( 38)K = J Commento: si è fatto uso della relazione U = nc v T valida strettamente per un gas ideale. Tale relazione vale anche nel caso in cui (come quello in esame) il volume cambia, eppure in essa compare il calore specifico a volume costante c v ; come è possibile? Ciò si giustifica tenendo presente che se il gas è ideale, allora l energia interna dipende solo dalla temperatura, e che il calore specifico è costante (è indipendente ( ) dallo ( stato ) del gas). Differenziando U = U(T,V ) sotto queste condizioni si ha che U U du = dt + dv nc v dt, dato che la derivata rispetto al volume è nulla. Integrando T V V T tra due stati (T 1,V 1 ) e (T 2,V 2 ) si ha che U(T 2,V 2 ) U(T 1,V 1 ) = c v (T 2 T 1 ) indipendentemente dai volumi iniziale e finale. [Pur avvenendo un cambiamento di volume nella trasformazione reale, il c v entra nell espressione solo per il suo significato di derivata parziale dell energia interna rispetto a T a volume costante]. 17

23 Esercizio 2.3 Fornendo 229 J di energia sotto forma di calore a 3 moli di Ar gassoso a pressione costante, la temperatura del campione aumenta di 2.55 K. Si calcolino c p e c v molari del gas. Operando a pressione (esterna) costante si ha p ext = cost. H q = 229 J Assumendo comportamento ideale di Ar gassoso vale H = nc p T, da cui segue c p = 229J 3mol 2.55K = 29.9JK 1 mol 1 Inoltre, per un gas ideale vale la relazione c v = c p R, pertanto c v = ( )JK 1 mol 1 = 21.6JK 1 mol 1 Si dimostri la relazione utilizzata tra i calori specifici a volume e pressione costante nel caso di gas ideale (per il quale l energia interna e l entalpia dipendono solo dalla temperatura). 18

24 Esercizio 2.4 Un pistone è adagiato sulla superficie di acqua a 100 C contenuta in un serbatoio, ed esercita su di essa la pressione di 1 atm. La pressione viene diminuita di una quantità infinitesima, col risultato di fare evaporare 10 gr. di acqua facendo assorbire 22.2 kj di calore. Calcolare w, U, H e H m (molare) per tale processo. Indichiamo con n il numero di moli di acqua evaporate: n = m = PM H2 O 10 gr = 0.56moli 18 gr mol 1 Possiamo assumere che il processo avvenga a pressione (esterna) costante, dato che la variazione di pressione è infinitesima. Pertanto, p ext = cost. H q = +22.5kJ H m = H/ n = 40 kj mol 1 La variazione di volume del sistema è data da V = V f V i = ( V ) liq. + V vap. V vap. dove abbiamo assunto trascurabile la variazione di volume di acqua liquida rispetto al volume di vapore prodotto. Per il calcolo di V vap. assumiamo che il vapore acqueo segua l equazione di stato dei gas ideali, quindi V V vap. nrt p ext Il lavoro di espansione contro la pressione esterna risulta dato da w = p ext V = nrt = 0.56mol 8.314JK 1 mol 1 373K = 1.7kJ Infine, U = q + w = 22.5kJ 1.7kJ = 20.8kJ 19

25 Esercizio 2.5 Si consideri un gas perfetto che in un sistema passa da uno stato A ad uno stato B seguendo i percorsi 1) Trasformazione isobara + isocora 2) Trasformazione lineare sul piano pressione-volume 3) Trasformazione adiabatica reversibile con c p /c v = 5/3. I valori di pressione e volume sono: p A = 32bar, V A = 1 litro per lo stato A e p B = 1bar, V B = 8 litri per lo stato B. Determinare il lavoro eseguito per ogni trasformazione. Rappresentiamo le trasformazioni sul piano (p ext,v ): p ext A 1) 2) 3) Il lavoro di volume per le varie trasformazioni è dato da w = B A dv p ext (V ) B V Si tratta quindi di specificare p ext (V ) nei vari casi, ed effettuare l integrazione sul volume. 1) Il lavoro di volume viene compiuto solo nel tratto orizzontale della trasformazione: p ext (V ) = p A w = p A (V B V A ) = Pa (8 1) 10 3 m 3 = 22400J < 0 2) La funzione da integrare è l equazione del segmento congiungente i punti A e B, ( ) pb p A p ext (V ) = p A + (V V A ) V B V A e quindi ( ) pb p VB A w = p A (V B V A ) dv (V V A ) = 1 V B V A V A 2 (p A + p B )(V B V A ) = 11550J < 0 3) Il processo è reversibile, cioè il sistema passa attraverso una successione di stati di equilibrio, e trasf. rev. possiamo quindi specificarne le variabili di stato. In particolare si stabilisce che p ext (V ) = p, con p la pressione interna del gas. La legge dell adiabatica reversibile per gas ideali (Poisson) è pv γ = cost., γ = c p /c v 20

26 con γ = 5/3 in questo caso. Segue pv γ = p A V γ A p ext(v ) p = p A ( VA V Integrando si ottiene w = p A V γ A VB V A dv/v γ = p AV A γ 1 [ 1 ) γ ( ) ] γ 1 VA V B = 3600J < 0 Si noti che in tutti i casi il lavoro di volume risulta correttamente negativo (lavoro fatto dal sistema sull esterno); inoltre si osservi che il lavoro, in questi casi, è l area sottesa alla curva sul piano (p ext,v ); ciò appare evidente nelle trasformazioni 1) e 2), per le quali le espressioni finali rappresentano l area del rettangolo e del trapezio sottesi. Ma attenzione: questo criterio deve essere utilizzato con cautela! Ad esempio, quanto vale il lavoro per la seguente trasformazione ciclica? p ext Se si inverte il verso di percorrenza del ciclo cosa cambia? V 21

27 Esercizio 2.6 Un recipiente cilindrico adiabatico è diviso in due parti uguali A e B da un pistone scorrevole, anch esso adiabatico, e di massa trascurabile. Ognuna delle due parti contiene n = 6 moli di gas ideale monoatomico alla pressione p 0 e alla temperatura T 0 = 300K. Una resistenza elettrica riscalda il gas contenuto nella parte A in condizioni quasi-statiche, determinando una compressione del gas in B fino a triplicarne la pressione. Calcolare il lavoro fatto dal gas contenuto in A ed il calore da esso assorbito. Il sistema è così raffigurabile: B p 0, T 0, V 0 n = 6 B (p B ) f, (T B ) f, (V B ) f n = 6 A p 0, T 0, V 0 n = 6 A (p A ) f, (T A ) f, (V A ) f n = 6 Indichiamo con (p A ) f, (V A ) f, (T A ) f e con (p B ) f = 3p 0, (V B ) f, (T B ) f le variabili di stato per i gas in A e in B nello stato (di equilibrio) finale, mentre (p A ) i = (p B ) i = p 0, (V A ) i = (V B ) i = V 0 e (T A ) i = (T B ) i = T 0 sono le condizioni iniziali. Indichiamo con w A il lavoro fatto e q A il calore scambiato dal gas in A. 1) Calcolo di q A. Consideriamo la seguente schematizzazione: Sistema globale: gas A + gas B Esterno: sistema riscaldante (resistenza + generatore di corrente) Applicando il Primo Principio al sistema globale abbiamo U tot = q + w = q A in quanto il calore viene fornito solo al gas in A (q = q A ), e le pareti del sistema globale sono rigide (w = 0 in quanto non si ha lavoro di volume sull esterno, ma semplicemente una parte del sistema 22

28 globale compie lavoro sull altra tramite scorrimento del pistone). Per determinare q A dobbiamo quindi di valutare U tot. Dall additività dell energia interna segue U tot = U A + U B Dall ipotesi di gas ideale nei due scomparti segue U tot = nc v [(T A ) f T 0 ] + nc v [(T B ) f T 0 ] con c v = 3R/2 = JK 1 mol 1 (gas monoatomico). Dobbiamo ora valutare le temperature finali (T A ) f = (p A) f (V A ) f nr, (T B ) f = (p B) f (V B ) f nr Per quanto riguarda le condizioni finali del gas in B sappiamo già che (p B ) f = 3p 0. Inoltre, sappiamo che la compressione del gas in B avviene reversibilmente (il riscaldamento di A viene effettuato in condizioni quasi-statiche). In tal caso, una delle relazioni di Poisson consente di valutare il volume finale: (p B ) f (V B ) γ f = p 0V γ 0 (V B ) f = V 0 [ p0 (p B ) f ] 1/γ = V 0 /3 1/γ con γ = c p /c v = 5/3 (gas ideale monoatomico). Quindi, (T B ) f = 3p 0V 0 nr3 1/γ p 0 V 0 =nrt 0 = 3nRT 0 nr3 1/γ = T 03 (1 1/γ) = 465K Per valutare (T A ) f consideriamo le condizioni (V A ) f = V tot (V B ) f = 2V 0 V 0 /3 1/γ e (p A ) f = (p B ) f = 3p 0 (condizione di equilibrio finale tra A e B: il pistone scorrevole rimane sospeso). Sostituendo: (T A ) f = 3p 0V 0 nr ( 2 1/3 1/γ) p 0 V 0 =nrt 0 = 3T0 (2 1/3 1/γ) = 1344K Inserendo i valori delle temperature finali nelle espressioni per le variazioni di energia interna si ottiene U A = 6mol JK 1 mol 1 ( )K = 78.1kJ U B = 6mol JK 1 mol 1 ( )K = 12.3kJ q A U tot = 90.4kJ > 0 Il segno del calore scambiato risulta correttamente positivo (calore ceduto dalla resistenza e assorbito dal gas in A). 2) Calcolo di w A. Applichiamo il Primo Principio al gas contenuto in A: w A = U A q A = 12.3kJ < 0 Tale lavoro risulta effettivamente fatto dal gas in A comprimendo il gas in B. Si osservi che w A = U B. Infatti, U B w B, essendo lo scomparto B isolato adiabaticamente, e che w B = w A, in quanto una parte (A) del sistema globale compie lavoro sull altra (B). 23

29 Esercizio 2.7 Un gas ideale monoatomico, inizialmente alla temperatura T A = 300K, compie una trasformazione adiabatica irreversibile al termine della quale si raffredda di T = T B T A = 5K. Utilizzando il lavoro ottenuto durante tale processo, il gas viene riportato, a pressione costante, al volume iniziale V C = V A. Determinare la temperatura finale del gas. Dai dati del problema si deduce che la prima trasformazione è una espansione (il gas si raffredda), e il lavoro compiuto sull esterno viene immagazzinato da qualche dispositivo e poi interamente riutilizzato per ricomprimere il gas a pressione (esterna) costante. Raffiguriamo il processo come segue T A, V A adiab. irrev. T B, V B riutilizzo del lavoro per compressione a p ext =cost. T C, V C = V A A B C La seguente osservazione T B < T A p V B > V A B < p A ci consente di collocare i punti associati agli stati A, B e C sul piano pressione applicata-volume: p ext A adiab. irrev. C B Svolgimento 1) V Consideriamo la variazione di energia interna nella trasformazione A B C. U = U A B + U B C = (q A B + w A B ) + (q B C + w B C ) 24

30 In primo luogo abbiamo q A B = 0 (trasformazione adiabatica). Inoltre, il problema dice che w B C = w A B (il lavoro fatto dal sistema nel tratto A B viene riutilizzato compiendolo sul sistema nel tratto B C). Quindi U = q B C Dal fatto che p B = p C segue p B = p C q B C H B C = nc p (T C T B ) dove per l ultima uguaglianza si è considerato il fatto che il gas è ideale. [ Domanda: è importante sapere se la trasformazione B C avviene reversibilmente o irreversibilmente? Si rifletta sulla derivazione della relazione q H se la pressione esterna iniziale e finale coincidono, e se viene compiuto solo lavoro di volume]. Abbiamo quindi stabilito che U = nc p (T C T B ) ma, essendo il gas ideale, per la trasformazione da A a C si ha anche U = nc v (T C T A ) e quindi deve valere l uguaglianza nc v (T C T A ) = nc p (T C T B ) da cui segue T C = (c p/c v )T B T A c p /c v 1 Per il gas ideale monoatomico c p /c v = 5/3. Inserendo i valori T A = 300 K, T B = T A 5K = 295 K segue T C = 287.5K < T B < T A. Svolgimento 2) Consideriamo la trasformazione parziale A B. Si ha U A B = q A B + w A B trasf. adiab. = w A B gas ideale nc v (T B T A ) Il lavoro svolto nel tratto B C contro la pressione costante p B = p C è w B C = p B (V C V B ) dato problema w A B quindi, uguagliando le due espressioni per w A B, si deriva p B (V C V B ) = nc v (T B T A ) Dall equazione di stato del gas ideale segue p B V B = nrt B sottraendo m. am. p p C V C p B V C = nrt C B (V C V B ) = nr(t C T B ) 25

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA Un recipiente contiene gas perfetto a 27 o C, che si espande raggiungendo il doppio del suo volume iniziale a pressione costante. La temperatura finale

Dettagli

Fisica Generale 1 per Chimica Formulario di Termodinamica e di Teoria Cinetica

Fisica Generale 1 per Chimica Formulario di Termodinamica e di Teoria Cinetica Fisica Generale 1 per Chimica Formulario di Termodinamica e di Teoria Cinetica Termodinamica Equazione di Stato: p = pressione ; V = volume ; T = temperatura assoluta ; n = numero di moli ; R = costante

Dettagli

Esercizi di Fisica Generale

Esercizi di Fisica Generale Esercizi di Fisica Generale 2. Temodinamica prof. Domenico Galli, dott. Daniele Gregori, prof. Umberto Marconi dott. Alessandro Tronconi 27 marzo 2012 I compiti scritti di esame del prof. D. Galli propongono

Dettagli

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA LE MACCHINE TERMICHE Sono sistemi termodinamici che trasformano il calore in lavoro. Operano ciclicamente, cioè

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

Lezione estd 29 pagina 1. Argomenti di questa lezione (esercitazione) Iniziare ad affrontare esercizi di termodinamica

Lezione estd 29 pagina 1. Argomenti di questa lezione (esercitazione) Iniziare ad affrontare esercizi di termodinamica Lezione estd 29 pagina 1 Argomenti di questa lezione (esercitazione) Iniziare ad affrontare esercizi di termodinamica Lezione estd 29 pagina 2 Esercizio 3, 5 luglio 2005 Una macchina di Carnot produce

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Formulario di Termodinamica

Formulario di Termodinamica Formulario di Termodinamica Punto triplo dell acqua: T triplo = 273.16 K. Conversione tra gradi Celsius e gradi Kelvin (temperatura assoluta): t( C) = T (K) 273.15 Conversione tra Caloria e Joule: 1 cal

Dettagli

Temperatura termodinamica assoluta

Temperatura termodinamica assoluta Temperatura termodinamica assoluta Nuova definizione di temperatura Si sceglie come punto fisso fondamentale il punto triplo dell acqua, al quale si attribuisce la temperatura T 3 = 273.16 K. Per misurare

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1. Termodinamica

Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1. Termodinamica Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1 Termodinamica 1) In un recipiente di volume V = 20 l sono contenute 0.5 moli di N 2 (PM=28) alla temperatura di 27 0 C.

Dettagli

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica ESERCITAZIONI FISICA TECNICA Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini Corso di Ingegneria Meccanica 2 TERMODINAMICA APPLICATA Termodinamica degli stati 3 ESERCIZIO TA-T8 Utilizzando il piano P-T e le tabelle

Dettagli

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V 1 Esercizio (tratto dal Problema 13.4 del Mazzoldi 2) Un gas ideale compie un espansione adiabatica contro la pressione atmosferica, dallo stato A di coordinate, T A, p A (tutte note, con p A > ) allo

Dettagli

Corso di Fisica Generale 1

Corso di Fisica Generale 1 Corso di Fisica Generale 1 corso di laurea in Ingegneria dell'automazione ed Ingegneria Informatica (A-C) 22 lezione (18 / 12 /2015) Dr. Laura VALORE Email : laura.valore@na.infn.it / laura.valore@unina.it

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Fisica Generale I A.A. 2014-2015, 4 febbraio 2015. Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso

Fisica Generale I A.A. 2014-2015, 4 febbraio 2015. Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso Fisica Generale I A.A. 2014-2015, 4 febbraio 2015 Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso Esercizio I.1 Una sbarra sottile di lunghezza l = 0.6 m e massa m = 2 kg è vincolata a ruotare

Dettagli

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Un campione di 0.85 moli di un gas ideale, inizialmente alla pressione di 15.0 atm e a 300 K, si espande isotermicamente finchè la pressione finale

Dettagli

Definizione di sorgente di calore e di macchina termica

Definizione di sorgente di calore e di macchina termica 34 Unità Didattica N 19C I principi della ermodinamica Definizione di sorgente di calore e di macchina termica Sorgente di calore è un corpo ( o un sistema di corpi ) a temperatura costante che ha la proprietà

Dettagli

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA Termodinamica TERMODINAMICA Cosa è la termodinamica? La termodinamica studia la conversione del calore in lavoro meccanico Prof Crosetto Silvio 2 Prof Crosetto Silvio Il motore dell automobile trasforma

Dettagli

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero Contenuti: - Concetto di macchina termica - Significato di rendimento di una macchina termica - Il Postulato

Dettagli

Il lavoro nelle macchine

Il lavoro nelle macchine Il lavoro nelle macchine Corso di Impiego industriale dell energia Ing. Gabriele Comodi I sistemi termodinamici CHIUSO: se attraverso il contorno non c è flusso di materia in entrata ed in uscita APERTO:

Dettagli

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2 LA LEZIONE Lo studio di una macchina termica ideale [ ] Si può paragonare molto bene la potenza motrice del calore a quella di una cascata d acqua: entrambe hanno un massimo che non si può superare, qualunque

Dettagli

Secondo principio della termodinamica. Macchine termiche Rendimento Secondo principio della Termodinamica Macchina di Carnot Entropia

Secondo principio della termodinamica. Macchine termiche Rendimento Secondo principio della Termodinamica Macchina di Carnot Entropia Secondo principio della termodinamica Macchine termiche Rendimento Secondo principio della ermodinamica Macchina di arnot Entropia Introduzione al secondo principio della termodinamica Da quanto studiato

Dettagli

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica ) Definizione di macchina termica È sperimentalmente verificato che nel rispetto del primo principio della termodinamica (ovvero della conservazione

Dettagli

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Lo stato gassoso Classificazione della materia MATERIA Composizione Struttura Proprietà Trasformazioni 3 STATI DI AGGREGAZIONE SOLIDO (volume e forma propri) LIQUIDO

Dettagli

Fisica per scienze ed ingegneria

Fisica per scienze ed ingegneria Serway, Jewett Fisica per scienze ed ingegneria Capitolo 22 Il primo principio della termodinamica non è altro che una affermazione del principio di conservazione dell energia. Ci dice che se un sistema

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE Esercitazioni di fisica a cura di Valeria Conti Nibali A.A. 2008/09 Esercizio 1 Si consideri

Dettagli

Esperienza con la macchina. termica

Esperienza con la macchina. termica Esperienza con la macchina termica Macchina termica Il pistone in grafite scorre all interno del cilindro in pyrex in condizioni di quasi assenza di attrito. il sistema pistone-cilindro non garantisce

Dettagli

3. Le Trasformazioni Termodinamiche

3. Le Trasformazioni Termodinamiche 3. Le Trasformazioni Termodinamiche Lo stato termodinamico di un gas (perfetto) è determinato dalle sue variabili di stato: ressione, olume, Temperatura, n moli ffinché esse siano determinate è necessario

Dettagli

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013 Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 01 Incontro su temi di termodinamica 14/1/01 Giuseppina Rinaudo - Dipartimento di Fisica dell Università di Torino Sommario dei quesiti

Dettagli

STIRLING. Laboratorio 2 (meccanica e termodinamica) F.Balestra 1. Vista complessiva del motore ad aria calda

STIRLING. Laboratorio 2 (meccanica e termodinamica) F.Balestra 1. Vista complessiva del motore ad aria calda SPERIMENTAZIONI CON STIRLING IL MOTORE AD ARIA CALDA DI Vista complessiva del motore ad aria calda Il motore ad aria calda (inventato da R. Stirling, 1816), assieme al motore a vapore, e la macchina termica

Dettagli

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni termodinamiche Formulario Il primo principio della termodinamica afferma che la variazione dell energia interna di un sistema U è uguale alla somma

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

EQUAZIONE DI STATO e LEGGI DEI GAS esercizi risolti Classi quarte L.S.

EQUAZIONE DI STATO e LEGGI DEI GAS esercizi risolti Classi quarte L.S. EQUAZIONE DI STATO e LEGGI DEI GAS esercizi risolti Classi quarte L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti l'equazione di stato dei gas perfetti e le principali

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

Applicazioni del I principio della termodinamica

Applicazioni del I principio della termodinamica Capitolo 1 Applicazioni del I principio della termodinamica In questo allegato riportiamo schematicamente il percorso didattico sulle applicazioni del primo principio della termodinamica svolto durante

Dettagli

P 1. Area A. P atm P 2. F = (P P atm ) A. Spostamento l. Il Compressore Alternativo

P 1. Area A. P atm P 2. F = (P P atm ) A. Spostamento l. Il Compressore Alternativo Il Compressore Alternativo Ipotesi : > > atm ; Spostamenti del pistone molto lenti; Serbatoi molto grandi = ( e costanti) Area A atm Forza F = ( atm ) A ( ) ( l 0) A L0 = atm ( ) L = atm A dl ( ) ( 0 l

Dettagli

Seconda legge della termodinamica

Seconda legge della termodinamica Seconda legge della termodinamica In natura tutti i processi devono soddisfare il principio di conservazione dell energia (e quindi anche la a legge della termodinamica) ma non tutti i processi che conservano

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE esercizi risolti Classi quarte L.S.

TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE esercizi risolti Classi quarte L.S. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE esercizi risolti Classi quarte L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti l'applicazione del primo principio della termodinamica, per

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

Gas, liquidi, solidi. Tutti i gas, tranne l'elio, solidificano a basse temperature (alcuni richiedono anche alte pressioni).

Gas, liquidi, solidi. Tutti i gas, tranne l'elio, solidificano a basse temperature (alcuni richiedono anche alte pressioni). Gas, liquidi, solidi Tutti i gas raffreddati liquefano Tutti i gas, tranne l'elio, solidificano a basse temperature (alcuni richiedono anche alte pressioni). Sostanza T L ( C) T E ( C) He - -269 H 2-263

Dettagli

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013.

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013. Fisica Generale per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 20/2 Appello del 29/0/203. Tempo a disposizione: 2h30. Scrivere solamente su fogli forniti Modalità di risposta: spiegare sempre il procedimento

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Per la prima volta viene proposta una connessione, sostenuta da prove sperimentali, tra mondo vivente e mondo non-vivente.

Per la prima volta viene proposta una connessione, sostenuta da prove sperimentali, tra mondo vivente e mondo non-vivente. CALORE Per il calore anticamente erano state proposte varie teorie. Una di queste, dovuta a J.J. Becher (1635-1682) era la teoria del flogisto (dal grecocombustibile). Tale teoria postulava l'esistenza

Dettagli

Corso di Chimica Fisica A. Tutoraggio

Corso di Chimica Fisica A. Tutoraggio Università di orino Corso di Studi in Chimica - Laurea riennale Anno Accademico 2004-2005 Corso di Chimica Fisica A utoraggio Bartolomeo Civalleri Roberto Dovesi /home/mimmo/testitex/tut cf-a 05/tuto/tut

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO Lo Stato Gassoso Gas Vapore Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente MACROSCOPICO microscopico bassa densità molto comprimibile distribuzione

Dettagli

CALCOLO DELL'ENERGIA INTERNA

CALCOLO DELL'ENERGIA INTERNA CALCOLO DELL'ENERGIA INTERNA Enrico Valenti Matricola 145442 29 novembre ore 10,30-12,30 ( trasformazione a temperatura costante ) U 0 = 0 J energia ( J ) p 0 = 1 bar pressione ( Pa ) T 0 = 273 K temperatura

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

5. FLUIDI TERMODINAMICI

5. FLUIDI TERMODINAMICI 5. FLUIDI TERMODINAMICI 5.1 Introduzione Un sistema termodinamico è in genere rappresentato da una quantità di una determinata materia della quale siano definibili le proprietà termodinamiche. Se tali

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c% 1 FISICA TECNICA 1 CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%!! Prof. Ing. Sergio Montelpare! Dipartimento INGEO! Università G. d Annunzio Chieti-Pescara" Termodinamica dell aria umida"

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI.

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. I GAS Tutti i gas sono accomunati dalle seguenti proprietà: I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. L aria compressa occupa un volume minore rispetto a quello occupato dall aria non compressa (Es. gomme dell auto

Dettagli

Lo Stato Gassoso: Alcune Caratteristiche

Lo Stato Gassoso: Alcune Caratteristiche Lo Stato Gassoso: Alcune Caratteristiche Sebbene possano avere proprietà chimiche distinte, le sostanze in fase gas hanno caratteristiche fisiche molto simili, in quanto le particelle (atomi o molecole)

Dettagli

Complementi di Termologia. I parte

Complementi di Termologia. I parte Prof. Michele Giugliano (Dicembre 2) Complementi di Termologia. I parte N.. - Calorimetria. Il calore è una forma di energia, quindi la sua unità di misura, nel sistema SI, è il joule (J), tuttavia si

Dettagli

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA 1. PROPRIETÀ TERMODINAMICHE DEI GAS PERFETTI Un modello di comportamento interessante per la termodinamica è quello cosiddetto d i gas perfetto. Il gas perfetto è naturalmente

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. Fisica 1. AA.2007/08. Prova in itinere n.2. Cognome Nome Anno di corso

Facoltà di Ingegneria. Fisica 1. AA.2007/08. Prova in itinere n.2. Cognome Nome Anno di corso Siena 28/03/2008 vers.1 Si consideri il ciclo reversibile ABCA che riguarda del gas perfetto monoatomico e che è costituito, nell ordine, dalla compressione adiabatica AB, dall isoterma BC e dall isocora

Dettagli

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014 Termodinamica TD1 In un sistema pistone-cilindro, 1 kg di gas ( = 1,29 ed R * = 190 J/(kg K)) si espande da 5 bar e 90 C ad 1 bar. Nell'ipotesi che la trasformazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A.A.

CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A.A. ORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A.A. 2006/07 FISIA TENIA Esercizi Prof. Ing. Marco Beccali Ing. Fulvio Ardente Si ringrazia il Prof. Giuliano Dall O Esercizi di Fisica Tecnica pag. 1 Simbologia Simbolo

Dettagli

Tinf T. sup 600 K 300 K

Tinf T. sup 600 K 300 K FRIGORIFERI E POMPE I ORE bbiamo visto nei precedenti capitoli che la conversione di calore in lavoro in una macchina bitermica reversibile ha una efficienza che dipende dalla differenza tra le temperature

Dettagli

OLIMPIADI DI FISICA 2004

OLIMPIADI DI FISICA 2004 Associazione per l Insegnamento della Fisica Progetto Olimpiadi OLIMPIADI DI FISICA 2004 13 Febbraio 2004 Gara di 2 Livello SOLUZIONE dei QUESITI Quesito n.1 Nell urto si conserva la quantità di moto,

Dettagli

LEGGE GAS PERFETTI. Gas perfetto è governato dalla legge: PV=nRT=(N/NA) RT. kb=1.38*10-23 (J/K) cost Boltzmann

LEGGE GAS PERFETTI. Gas perfetto è governato dalla legge: PV=nRT=(N/NA) RT. kb=1.38*10-23 (J/K) cost Boltzmann LEGGE GAS PERFETTI Gas perfetto è governato dalla legge: PV=nRT=(N/NA) RT PV=NkBT dove kb=r/na kb=1.38*10-23 (J/K) cost Boltzmann TEORIA CINETICA DEI GAS Scopo: legame tra quantità macroscopiche e microscopiche

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica

Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica Quelli che seguono sono osservazioni utili ad evitare alcuni degli errori piu frequenti registrati durante gli scritti di fisica. L elenco

Dettagli

Chimica Fisica I. a.a. 2012/2013 S. Casassa

Chimica Fisica I. a.a. 2012/2013 S. Casassa a.a. 2012/2013 S. Casassa 1 Note Tecniche 2 Testi consigliati: G.K. Vemulapalli, Chimica Fisica", EdiSES, Napoli (1995). D.A. Mc Quarrie e J.D. Simon, Chimica Fisica: un approccio molecolare", Zanichelli,

Dettagli

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015 I temi elencati nel seguito vogliono essere una guida alla preparazione della prova orale dell esame di Fisica Tecnica cosicché gli allievi possano raggiungere una preparazione completa sugli argomenti

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto.

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto. A_1)Una rana sta poggiata su una foglia di ninfea trasportata dalla corrente ad una velocità di 15 cm/s, ad un certo punto compie un balzo nella stessa direzione della corrente, con un angolo di 30 rispetto

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE POMPA DI CALORE CONDENSATORE = + L T = + L C ORGANO DI ESPANSIONE LIQUIDO COMPRESSORE T COND. E D T 1 VAPORE T EVAP. A B T 2 Schema a blocchi di una macchina frigorifera EVAPORATORE Dal punto di vista

Dettagli

Secondo principio della Termodinamica

Secondo principio della Termodinamica Secondo principio della Termodinamica Enunciato di Kelvin Enunciato di Clausius Ciclo di Carnot Entropia Antonio Pierro Per consigli, suggerimenti, eventuali errori o altro potete scrivere una email a

Dettagli

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi: 3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:. Descrivere le caratteristiche e il comportamento del gas a livello microscopico.. Definire pressione temperatura

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

Proprieta meccaniche dei fluidi

Proprieta meccaniche dei fluidi Proprieta meccaniche dei fluidi 1. Definizione di fluido: liquido o gas 2. La pressione in un fluido 3. Equilibrio nei fluidi: legge di Stevino 4. Il Principio di Pascal 5. Il barometro di Torricelli 6.

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

Il Rendimento di secondo Ordine

Il Rendimento di secondo Ordine Il Rendimento di secondo Ordine Il rendimento di primo ordine già definito come h = W/Qh è stato un utilissimo strumento di ottimizzazione energetica fino al 1973. Questo indicatore ha però il limite di

Dettagli

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro.

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Lezione IX - 9/03/003 ora 8:30-0:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Ciclo di Carnot Si consideri una macchina termica semplice che compie trasformazioni reversibili,

Dettagli

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è EQUILIBRI - GENERALIA Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è G < 0 Quando vale questo criterio, i reagenti si trasformano in prodotti.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2010-2011

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2010-2011 Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 00-0 Esercizi di Fisica Tecnica ) Individuare sul diagramma P-v, punti e trasformazioni

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

Simone Montali mat.145459 lezione del 08/11/02 dalle ore 10:30 alle ore 12:30

Simone Montali mat.145459 lezione del 08/11/02 dalle ore 10:30 alle ore 12:30 imone Montali mat.55 lezione del 080 dalle ore 0:0 alle ore :0 (VHUFL]LR i vogliono considerare tre diversi tipi di espansione che possono avvenire all interno di un cilindro pieno di gas, al quale viene

Dettagli

Lezione 7 I e II Prinicipio

Lezione 7 I e II Prinicipio Lezione 7 I e II Prinicipio Lavoro: W = pdv Serway, 17 ap. se la pressione é costante: Unitá di misura: 7.1 lavoro ed energia termica 7.1.1 XVII. 18 W = p V 1litro = 10 3 m 3 1atm 1.01310 5 P a = 1.01310

Dettagli