COMUNICARE LA SALUTE Le emozioni ed il framing come leve persuasive. Giorgia Paleari Università di Bergamo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICARE LA SALUTE Le emozioni ed il framing come leve persuasive. Giorgia Paleari Università di Bergamo"

Transcript

1 COMUNICARE LA SALUTE Le emozioni ed il framing come leve persuasive Giorgia Paleari Università di Bergamo 1

2 Immagina che l Italia si sta preparando ad affrontare l arrivo di una malattia asiatica molto contagiosa che dovrebbe uccidere 600 persone. Per debellare questa malattia sono stati proposti alcuni programmi alternativi di intervento. Immagina che le conseguenze stimate in modo scientificamente preciso siano le seguenti: Se verrà adottato il Programma A, 200 persone saranno salvate Se verrà adottato il Programma B, c è 1/3 di probabilità che 600 persone si salvino e 2/3 di probabilità che nessuno si salvi Quale dei due programmi preferisci? 2

3 GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLE EMOZIONI REGISTRO Sentimentale/commovente/patetico Drammatico/violento/scioccante Aggressivo/accusatorio/di denuncia Rassicurante/gratificante/positivo Divertente/umoristico/ironico Provocatorio/irriverente/trasgressivo EMOZIONi Tristezza, pietà Paura, ansia, sgomento Senso di colpa, imbarazzo, vergogna Gioia, serenità Sorpresa, stupore, gioia, serenità Sorpresa, stupore, amarezza, ansia 3

4 COSA CI PERSUADE? VIA SISTEMATICA il destinatario bada al messaggio in sé (al COSA) piuttosto che al contesto in cui viene emesso (al come e da chi) (ri)elabora diligentemente i contenuti del messaggio, confrontandoli con le proprie conoscenze pregresse soppesa i pro e i contro per decidere + VIA EURISTICA il destinatario si lascia convincere da elementi di sfondo, estrinseci e contestuali (da COME il messaggio viene presentato e da CHI) utilizza scorciatoie del pensiero, note come euristiche, per decidere

5 ALCUNI ESEMPI DI EURISTICHE Euristica dell esperto lo dice un esperto, quindi sarà vero Euristica dell affidabilità lo dice una persona degna di fiducia, quindi sarà vero Euristica dell attrazione Lo dice una persona fisicamente attraente o simpatica, quindi è bene crederci

6 ALCUNI ESEMPI DI EURISTICHE Euristica della lunghezza I discorsi lunghi sono seri Euristica della parvenza scientifica Se riporta dati, statistiche, è un discorso fondato Euristica del prezzo Se costa tanto, è buono Euristica della scarsità Se è raro, vale di più

7 quando ha un elevato bisogno di conoscenza ed accuratezza COSA CI PERSUADE? VIA SISTEMATICA VIA EURISTICA quando il livello di coinvolgimento/motivazione del destinatario è alto (es. il messaggio contiene informazioni rilevanti per i suoi scopi, tocca valori in cui crede; oppure lo incuriosisce) E quando ha le capacità e le risorse cognitive necessarie per elaborare le informazioni (es. capacità relativamente stabili come abilità intellettive e competenze; condizioni contingenti che favoriscono l attenzione e la concentrazione, ) quando il livello di coinvolgimento/motivazione del destinatario è basso O quando non ha le capacità e le risorse cognitive necessarie per elaborare le informazioni quando ha un basso bisogno di conoscenza ed accuratezza

8 QUALI EFFETTI? sul ricordo sul controllo cosciente VIA SISTEMATICA le convinzioni e le conoscenze maturate persistono maggiormente nella memoria si è coscienti di come si è arrivati alla persuasione VIA EURISTICA le convinzioni e le conoscenze maturate persistono meno nella memoria non ci si rende pienamente conto di come si è stati persuasi sui comportamenti sulla resistenza alla contropersuasione è più probabile che al convincimento facciano seguito dei comportamenti coerenti il soggetto è maggiormente in grado di opporsi ai tentativi di contro-persuasione è meno probabile che seguano dei comportamenti coerenti il soggetto è meno capace di opporsi ai tentativi di contropersuasione

9 QUALI EFFETTI? Un antico adagio cinese recita: «Dimmelo e dimenticherò; coinvolgimi e capirò» 9

10 GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLE EMOZIONI POSSONO FUNZIONARE COME STIMOLI EURISTICI.. Euristica del che cosa suscita in me? Se suscita emozioni positive, è bene seguire il suggerimento proposto Se suscita emozioni negative, è bene rifiutare il suggerimento proposto invito ad assumere un determinato farmaco + sorrisi, musica piacevole => efficacia dell azione persuasiva per via euristica + volti tesi, musica ansiogena => inefficacia dell azione persuasiva per via euristica 10

11 Prova a costruire un messaggio finalizzato a promuovere l igiene orale negli adolescenti. Quali immagini utilizzeresti? Quali argomenti? Aggiungeresti altro? 11

12 Prova a costruire un messaggio finalizzato a promuovere l igiene orale negli adolescenti. Quali immagini utilizzeresti? Quali argomenti? Aggiungeresti altro? Lavati i denti regolarmente e accuratamente; li aiuterai a rimanere sani. Lavarli è il modo più sicuro di prevenire carie e infiammazioni gengivali Non trascurare di lavarti i denti regolarmente e accuratamente; non rischierai di rovinarli per sempre. Non trascurare l igiene orale è il modo più sicuro di evitare di sviluppare carie e infiammazioni gengivali X Se trascuri di lavarti i denti regolarmente e accuratamente rischierai di rovinarli sempre. Trascurare l igiene orale è il modo più sicuro per sviluppare carie e infiammazioni gengivali Se non ti lavi i denti regolarmente e accuratamente non li aiuti a rimanere sani. Non lavarli è il maggior ostacolo alla prevenzione di carie e infiammazioni gengivali 12

13 GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLA PAURA 13

14 GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLA PAURA 14

15 GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLA PAURA 15

16 GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLA PAURA 16

17 - persuasione + GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLA PAURA. POSSONO ANCHE FAVORIRE UN ELABORAZIONE SISTEMATICA evitamento difensivo - paura + Modello motivazionale-difensivo di Janis e Feshbach (1953) 17

18 GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLA PAURA. POSSONO ANCHE FAVORIRE UN ELABORAZIONE SISTEMATICA Secondo la teoria delle risposte parallele di Leventhal (1970) tali appelli sono efficaci se allo stesso tempo convincono il soggetto di essere in grado di fronteggiare il pericolo prospettato attraverso le raccomandazioni contenute nel messaggio Appello alla paura (prospetta un pericolo) Attività di controllo della paura Attività di controllo del pericolo in cui si analizza la situazione e le alternative disponibili e si fa un calcolo costi-benefici 18

19 GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLA PAURA. POSSONO ANCHE FAVORIRE UN ELABORAZIONE SISTEMATICA Secondo la teoria della motivazione alla protezione di Rogers (1983) tali appelli sono efficaci quando inducono il soggetto a ritenere che: a) il problema è serio b) può riguardarlo personalmente (necessario scalfire illusione di controllo, bias ottimistico, svalutazione degli effetti differiti ) c) le raccomandazioni contenute nel messaggio sono efficaci d) egli è personalmente in grado di seguirle incidenza delle differenze personali (autostima, senso di autoefficacia) e dei costi percepiti 19

20 GLI APPELLI CHE FANNO LEVA SULLA PAURA In conclusione, funzionano? Sì, ma solo : - se la paura indotta è motivante senza essere debilitante - se l esito minacciato è credibile - se il cambiamento raccomandato è sia conseguibile sia portatore di sicuro sollievo 20

21 Immagina che l Italia si sta preparando ad affrontare l arrivo di una malattia asiatica molto contagiosa che dovrebbe uccidere 600 persone. Per debellare questa malattia sono stati proposti alcuni programmi alternativi di intervento. Immagina che le conseguenze stimate in modo scientificamente preciso siano le seguenti: Se verrà adottato il Programma C, 400 persone moriranno Se verrà adottato il Programma D, c è 1/3 di probabilità che nessuno muoia e 2/3 di probabilità che 600 persone muoiano Quale dei due programmi preferisci? 21

22 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA Il problema della malattia asiatica (Tversky e Kahneman, 1981) Immaginate che gli Stati Uniti si stiano preparando ad affrontare una malattia asiatica molto contagiosa che dovrebbe provocare la morte di 600 persone. Per fronteggiare questo evento vengono proposti due programmi di intervento: se viene adottato il programma A, si salvano 200 persone se viene adottato il programma B c è 1/3 di probabilità di salvare tutti e 2/3 di probabilità di non salvare nessuno se viene adottato il programma C, muoiono 400 persone se viene adottato il programma D c è 1/3 di probabilità che nessuno muoia e 2/3 di probabilità che muoiano tutti ESITO CERTO ESITO INCERTO Il 72% delle persone ha preferito il programma A al B Il 78% delle persone ha preferito il programma D al C 22

23 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA Il problema della malattia asiatica (Tversky e Kahneman, 1981) Immaginate che gli Stati Uniti si stiano preparando ad affrontare una malattia asiatica molto contagiosa che dovrebbe provocare la morte di 600 persone. Per fronteggiare questo evento vengono proposti due programmi di intervento: FRAME GUADAGNO se viene adottato il programma A, si salvano 200 persone se viene adottato il programma B c è 1/3 di probabilità di salvare tutti e 2/3 di probabilità di non salvare nessuno FRAME PERDITA se viene adottato il programma C, muoiono 400 persone se viene adottato il programma D c è 1/3 di probabilità che nessuno muoia e 2/3 di probabilità che muoiano tutti Il 72% delle persone ha preferito il programma A al B Il 78% delle persone ha preferito il programma D al C 23

24 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA Il problema della malattia asiatica (Tversky e Kahneman, 1981) Immaginate che gli Stati Uniti si stiano preparando ad affrontare una malattia asiatica molto contagiosa che dovrebbe provocare la morte di 600 persone. Per fronteggiare questo evento vengono proposti due programmi di intervento: FRAME GUADAGNO se viene adottato il programma A, si salvano 200 persone se viene adottato il programma B c è 1/3 di probabilità di salvare tutti e 2/3 di probabilità di non salvare nessuno FRAME PERDITA se viene adottato il programma C, muoiono 400 persone se viene adottato il programma D c è 1/3 di probabilità che nessuno muoia e 2/3 di probabilità che muoiano tutti Il 72% delle persone ha preferito il programma A al B Il 78% delle persone ha preferito il programma D al C le persone preferiscono le opzioni con esito certo quanto tali opzioni sono descritte in termini positivi, mentre preferiscono le opzioni con esito incerto (rischiose) quando le stesse sono formulate in termini negativi 24

25 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA TEORIA DEL PROSPETTO di Tversky e Kahneman Le persone percepiscono le diverse opzioni in termini di potenziali guadagni o potenziali perdite rispetto alla loro condizione al momento della decisione 25

26 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA TEORIA DEL PROSPETTO di Tversky e Kahneman Le persone considerano le perdite più salienti dei rispettivi guadagni 26

27 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA TEORIA DEL PROSPETTO di Tversky e Kahneman Le persone percepiscono le diverse opzioni in termini di potenziali guadagni o potenziali perdite Le persone considerano le perdite più salienti dei rispettivi guadagni Le persone sono più propense a fare scelte rischiose nel dominio delle perdite NB: l effetto framing si presenta anche quando le persone elaborano sistematicamente

28 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA Levin & Gaeth (1988), un esperimento di consumer behavior ha studiato l effetto delle etichette dei prodotti utilizzando il framing «% magro» verus «% grasso» Ai partecipanti veniva presentata della carne e veniva loro chiesto di giudicarla. L esperimento prevedeva quattro differenti condizioni: Cond1 e 2 «solo etichetta»: A metà dei partecipanti veniva detto che la carne aveva il «75% di massa magra» e all altra metà veniva detto che aveva il «25% di massa grassa». Cond3 e 4 «etichetta + assaggio»: Ai partecipanti venivano date o una o l altra informazione e poi potevano anche assaggiare la carne. Tutti i partecipanti hanno poi giudicato la carne su quattro scale di valutazione (0-7): Gusto cattivo vs gusto buono. Oleosa vs non oleosa. Bassa qualità vs alta qualità. Grassa vs magra. 28

29 grassa magra bassa alta qualità oleosa non oleosa gusto cattivo buono grassa magra bassa alta qualità oleosa non oleosa gusto cattivo buono FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA Levin & Gaeth (1988), un esperimento di consumer behavior ha studiato l effetto delle etichette dei prodotti utilizzando il framing «% magro» verus «% grasso» Condizione: solo etichetta Condizione: etichetta + assaggio 29

30 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA Meyerowitz e Chaiken (1987), ricerca su efficacia volantino finalizzato a promuovere autopalpazione al seno volantino A se non fai l autopalpazione del seno, non puoi capire com è il tuo seno normale e in salute e sarai meno pronta a notare qualsiasi piccolo cambiamento o anormalità che si potrebbe presentare con l andare degli anni. La ricerca mostra che le donne che non si sottopongono all autoesame del seno hanno una minore probabilità di identificare un eventuale tumore nelle sue fasi precoci e più trattabili più efficace volantino B se fai l autopalpazione del seno ora, potrai imparare com è il tuo seno normale e in salute e sarai più pronta a notare e sarai preparata a notare qualsiasi piccolo cambiamento o anormalità che si potrebbe presentare con l andare degli anni. La ricerca mostra che le donne che si sottopongono all autoesame del seno hanno una maggiore probabilità di identificare un eventuale tumore nelle sue fasi precoci e più trattabili 30

31 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA Studi più recenti evidenziano che : Il frame di perdita è più efficace nel promuovere la mammografia, l amniocentesi, il test per l HIV, Il frame di guadagno più efficace nel promuovere, ad esempio, l uso del preservativo, di creme e occhiali da sole, Rothman e Salovey (1997): il frame di perdita è più efficace nel promuovere comportamenti di individuazione (=finalizzati a controllare lo stato di salute) che sono più rischiosi (Maheswaran e Meyers-Levi: anche se ciò è vero soprattutto se il livello di coinvolgimento della persona è elevato); il frame di guadagno è più efficace nel promuovere comportamenti di prevenzione (=finalizzati a mantenere lo stato di salute) 31

32 FRAME DI GUADAGNO VS DI PERDITA Detweiler, Bedell e Salovey (1999), ricerca su efficacia volantino finalizzato a promuovere l uso della crema solare volantino A volantino B volantino C volantino D Proteggiti dal sole e ti aiuterai a rimanere in salute. Proteggerti è il modo più sicuro di prevenire il cancro alla pelle Non esporti al sole e non rischierai di ammalarti. Non esporti è il modo più sicuro di evitare di sviluppare il cancro alla pelle Se ti esponi al sole, rischierai di ammalarti. Esporti al sole è il modo più sicuro per sviluppare un tumore alla pelle Se non ti proteggi dal sole non ti aiuti a rimanere sano. Non proteggerti è il maggior ostacolo alla prevenzione del cancro GUADAGNO AZIONE ESITO DESIDERABILE GUADAGNO NON - AZIONE ESITO SGRADITO PERDITA AZIONE ESITO SGRADITO PERDITA NON AZIONE ESITO DESIDERABILE più efficaci 32

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Comunicazione persuasiva. Dott. Luca Pietrantoni Modulo formativo comunicazione interpersonale Bologna, 30 Marzo 2007

Comunicazione persuasiva. Dott. Luca Pietrantoni Modulo formativo comunicazione interpersonale Bologna, 30 Marzo 2007 Comunicazione persuasiva Dott. Luca Pietrantoni Modulo formativo comunicazione interpersonale Bologna, 30 Marzo 2007 Persuasione Processo con cui intenzionalmente si inducono altri a cambiare atteggiamenti

Dettagli

Una scelta medica. Trattamento A: 90% pazienti salvati Trattamento B: 80% pazienti salvati Scelgo il trattamento A

Una scelta medica. Trattamento A: 90% pazienti salvati Trattamento B: 80% pazienti salvati Scelgo il trattamento A Decisioni (2) 1 Una scelta medica Trattamento A: 90% pazienti salvati Trattamento B: 80% pazienti salvati Scelgo il trattamento A Trattamento A: 10% pazienti non salvati Trattamento B: 20% pazienti non

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.?

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.? Emozioni Consapevolezza sui propri problemi di studio Obiettivi.? Quali emozioni si provano nello studio? Come rilevato anche nel nostro gruppo di ricerca, le emozioni provate mentre si studia sono molteplici

Dettagli

La comunicazione al crocevia tra l esigenza di comunicare e il bisogno di informazione

La comunicazione al crocevia tra l esigenza di comunicare e il bisogno di informazione La comunicazione del rischio in Sanità Pubblica, Milano Nov 08 La comunicazione al crocevia tra l esigenza di comunicare e il bisogno di informazione Peter J. Schulz Institute of Communication & Health

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

PREMIO RICERCA «CITTÀ DI FIRENZE»

PREMIO RICERCA «CITTÀ DI FIRENZE» PREMIO RICERCA «CITTÀ DI FIRENZE» 29 COLLANA PREMIO RICERCA «CITTÀ DI FIRENZE» Commissione giudicatrice, anno 2012 Luigi Lotti (Presidente) Piero Tani (Segretario) Franco Cambi Michele A. Feo Mario G.

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Differenze individuali: concetto di sé, personalità ed emozioni

Differenze individuali: concetto di sé, personalità ed emozioni Differenze individuali: concetto di sé, personalità ed emozioni 1 Una mappa per lo studio delle differenze individuali nel comportamento organizzativo L'individuo unico Tratti di personalità Valori personali

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Il tumore della mammella è il più frequente nella popolazione femminile. E asintomatico per un lungo periodo di tempo; la tempestività della diagnosi e della terapia

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Autoefficacia e apprendimento

Autoefficacia e apprendimento Autoefficacia e apprendimento Definizione di autoefficacia Convinzione della propria capacità di fornire una certa prestazione organizzando ed eseguendo le sequenze di azioni necessarie per gestire adeguatamente

Dettagli

FARE O ESSERE VOLONTARI?

FARE O ESSERE VOLONTARI? Corso di formazione FARE O ESSERE VOLONTARI? Il volontariato come manifestazione dell essere e dell operare a favore dell altro Caritas Ambrosiana Salone Mons. Bicchierai via San Bernardino 4 20122 Milano

Dettagli

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche Dr.ssa Laura Cinzia Castro L'IMMAGINE CORPOREA L immagine corporea è un elemento chiave dell identità

Dettagli

Il metodo ACT applicato al sostegno psicologico nella relazione di cura

Il metodo ACT applicato al sostegno psicologico nella relazione di cura Il metodo ACT applicato al sostegno psicologico nella relazione di cura Psicologo Psicoterapeuta Dott. Giuseppe Deledda giuseppe.deledda@sacrocuore.it Coordinatore Servizio Psicologia Clinica Ospedale

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SPIRITO DI INIZIATIVA E IMPRENDITORIALITA

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SPIRITO DI INIZIATIVA E IMPRENDITORIALITA ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SPIRITO DI INIZIATIVA E IMPRENDITORIALITA 1 COMPETENZE CHIAVE:IL SENSO DI INIZIATIVA E L IMPRENDITORIALITA Il senso di iniziativa e l imprenditorialità

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

Autostima Amica-Nemica

Autostima Amica-Nemica Autostima Amica-Nemica come influenza le nostre scelte Dott.ssa Gioia Negri Psicologa, Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Neuroscienze Cognitive cos è l Autostima? Definizione «psicologica» «il processo

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Laurea Specialistica in Scienze di Internet (LS/100) Insegnamento di Teorie delle decisioni e dei processi cognitivi (SPS/09) 7 CFU

Laurea Specialistica in Scienze di Internet (LS/100) Insegnamento di Teorie delle decisioni e dei processi cognitivi (SPS/09) 7 CFU Laurea Specialistica in Scienze di Internet (LS/100) Insegnamento di Teorie delle decisioni e dei processi cognitivi (SPS/09) 7 CFU Docente: Marco Ruffino marco.ruffino@unibo.it Piccolo eserciziario sui

Dettagli

Psicologia Sociale A.A. 2011/12. Le Euristiche. Dr.ssa Francesca Riccardi Dr.ssa Francesca G. Naselli

Psicologia Sociale A.A. 2011/12. Le Euristiche. Dr.ssa Francesca Riccardi Dr.ssa Francesca G. Naselli Psicologia Sociale A.A. 2011/12 Le Euristiche Dr.ssa Francesca Riccardi Dr.ssa Francesca G. Naselli Decisione & Incertezza A 3 gruppi di studenti venne chiesto di immaginare di dover sostenere un esame

Dettagli

Analisi del fenomeno del fumo di sigarette in adolescenza ed indicazioni per la progettazione di interventi di prevenzione

Analisi del fenomeno del fumo di sigarette in adolescenza ed indicazioni per la progettazione di interventi di prevenzione 19 novembre 2008 Analisi del fenomeno del fumo di sigarette in adolescenza ed indicazioni per la progettazione di interventi di prevenzione Alessandro Coppo Roberta Molinar CPO Piemonte Per comunicazioni:

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD

Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD Elena Tironi (Centro per l Età Evolutiva Bergamo) Gian Marco Marzocchi (Università di Milano-Bicocca) ADHD coinvolge e compromette

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Gabriella Geraci La comunicazione La comunicazione serve per trasmettere delle informazioni per mezzo di messaggi

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Quesito 1: Un ricercatore intende studiare la comunicazione delle emozioni nell interazione madrebambino in bambini di età inferiore a un anno.

Dettagli

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY Gillian Rhodes School of Psychology, University of Western Austriala, Crawley, Perth, WA 6009, Austriala, email: gill@psy.uwa.edu.au CHE COSA RENDE UNA FACCIA

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Giudizio Probabilistico

Giudizio Probabilistico Giudizio Probabilistico COME LE PERSONE NON ESPERTE VALUTANO GLI EVENTI INCERTI Fondamenti di Psicologia Generale Cap. 20 Dott.ssa Stefania Pighin - stefania.pighin@unitn.it Psicologia del Pensiero Come

Dettagli

Il punto di partenza sono le relazioni interpersonali, spesso causa di scoraggiamento, abbassamento di autostima e frustrazione.

Il punto di partenza sono le relazioni interpersonali, spesso causa di scoraggiamento, abbassamento di autostima e frustrazione. Premessa CAMBIA LA TUA VITA. La tua motivazione ti aiuta a trovare la forza e l energia per affrontare i cambiamenti, diventa più sicuro di te stesso aumentando la tua autostima. L obiettivo Questi incontri

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

Il pensiero positivo! www.skilla.com

Il pensiero positivo! www.skilla.com Il pensiero positivo! www. Come accrescere la propria autostima fronteggiando le situazioni difficili. Il pensiero positivo! L avvenire ci tormenta, il passato ci trattiene, il presente ci sfugge. Gustave

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

La comunicazione del rischio nelle legionellosi. Mauro Palazzi Dip. Sanità Pubblica AUSL di Cesena

La comunicazione del rischio nelle legionellosi. Mauro Palazzi Dip. Sanità Pubblica AUSL di Cesena La comunicazione del rischio nelle legionellosi Mauro Palazzi Dip. Sanità Pubblica AUSL di Cesena la comunicazione del rischio è lo scambio di informazioni e di valutazioni sul rischio tra gli esperti,

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Igiene. Dott. Pamela Di Giovanni. Definizione

Igiene. Dott. Pamela Di Giovanni. Definizione Igiene Dott. Pamela Di Giovanni Definizione Disciplina medica che ha come obiettivo la tutela e la promozione della salute umana, intendendo per salute umana un completo stato di benessere psichico, fisico

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Dipartimento Dipendenze Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Perché un intervento preventivo dell uso ed abuso di sostanze nella classe prima media? Le ricerche dimostrano che si sta

Dettagli

Comunicare per trasmettere efficacemente Messaggio e Personalita nel Lavoro

Comunicare per trasmettere efficacemente Messaggio e Personalita nel Lavoro 5,6 novembre 2010 CONFIDI ABRUZZO Comunicare per trasmettere efficacemente Messaggio e Personalita nel Lavoro Ilki Yang Development Bisogna essere consapevole del proposito della comunicazione PERSUADERE

Dettagli

ABITARE LA MENTE: L ATTEGGIAMENTO SPORTIVO

ABITARE LA MENTE: L ATTEGGIAMENTO SPORTIVO VALTER SARRO 2004 VALTER SARRO 2004 ABITARE LA MENTE: L ATTEGGIAMENTO SPORTIVO PRESTAZIONE vs PARTECIPAZIONE Giochi a somma zero = competizione Vincere a tutti i costi ha finito per coinvolgere anche i

Dettagli

Precontemplazione. Mantenimento Contemplazione

Precontemplazione. Mantenimento Contemplazione LA RUOTA DEL CAMBIAMENTO (Prochaska J., Di Clemente C., 1980) Precontemplazione Mantenimento Contemplazione Azione Determinazione o Preparazione TEORIA DEGLI STADI DEL CAMBIAMENTO (Prochaska J., Di Clemente

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA L attribuzione causale Attribuzione causale Nel processo di formazione di impressioni siamo altresì interessati a cogliere le cause, le determinanti di un comportamento ATTRIBUZIONE

Dettagli

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo 1. Ritrattazione o mancanza di conferma Una persona non va alla ricerca di aiuto se non si trova di fronte a un problema come, ad esempio,

Dettagli

HIVoices - la ricerca

HIVoices - la ricerca HIVoices - la ricerca Articolo pubblicato sul blog Cassero Salute l 11 febbraio 2012 www.casserosalute.it/blog/?p=959 Anche in Italia, i gay HIV+ costituiscono una parte importante sia della popolazione

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010 La percezione del rischio Ugo Rigoni Università Ca Foscari Venezia Il rischio nella prospettiva della finanza classica Prerequisiti Un ipotesi statistica: rendimenti distribuiti normalmente Un ipotesi

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Regina Margherita Salerno. Dirigente Dott.ssa Virginia Loddo Relatrice Dott.ssa Anna Cappuccio

Liceo delle Scienze Umane Regina Margherita Salerno. Dirigente Dott.ssa Virginia Loddo Relatrice Dott.ssa Anna Cappuccio Liceo delle Scienze Umane Regina Margherita Salerno Dirigente Dott.ssa Virginia Loddo Relatrice Dott.ssa Anna Cappuccio Rapporto scuola-famiglia Risorse evolutive per il benessere dei ragazzi Autostima,

Dettagli

Uditori di voci e gruppi di auto mutuo aiuto

Uditori di voci e gruppi di auto mutuo aiuto Uditori di voci e gruppi di auto mutuo aiuto Cosa ci dice l esperienza l dei gruppi a.m.a e dei gruppi a.m.a di uditori di voci Alessandra SANTONI DSM - AO Sacco - Milano Nascita del Gruppo INCONTROVOCI

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO

IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO Con un adeguata e opportuna anticipazione diagnostica le possibilità di vincere il tumore al seno salgono ad oltre il 90% 1. Scegli attentamente la tua

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

TICINO. Palermo 11.05.2011 2. Palermo 11.05.2011. 2

TICINO. Palermo 11.05.2011 2. Palermo 11.05.2011. 2 IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO CONSAPEVOLE ALLE CURE Palermo 11.05.2011 1 TICINO Palermo 11.05.2011 2 Palermo 11.05.2011. 2 Richiesta parlamentare di un programma di screening mammografico in

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

PINK TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. IS GOOD

PINK TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. IS GOOD UN PROGETTO DI FONDAZIONE UMBERTO VERONESI TUMORE AL SENO PINK IS GOOD TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. I NUMERI OLTRE 48 mila OGNI ANNO IL NUMERO DELLE DONNE

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini vers 17092013 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale.

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Le Basi Psicologiche dell Altruismo e del Comportamento Prosociale

Le Basi Psicologiche dell Altruismo e del Comportamento Prosociale Le Basi Psicologiche dell Altruismo e del Comportamento Prosociale Alberto Voci Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata Università degli Studi di Padova Altruismo Aspetti

Dettagli

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale REPORT EX ANTE 2015 Servizio civile nazionale Genere Età Titolo di studio Eventuali studi in corso IL CAMPIONE Genere VA Maschi 17 Femmine 45 TOTALE 62 Età degli intervistati 22 21 20 20 21 20 19 19-22anni

Dettagli

La video annotazione nella formazione dei docenti

La video annotazione nella formazione dei docenti La video annotazione nella formazione dei docenti (Università di Cagliari) Seminario di Studi Firenze, 29 novembre 2013 Partiamo da qui Nel 2011 abbiamo svolto, in provincia di Cagliari, una ricerca pilota

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Percezione Memoria Linguaggio Categorie Schemi Attribuzioni Euristiche Semplificare il mondo mettendo insieme cose simili

Percezione Memoria Linguaggio Categorie Schemi Attribuzioni Euristiche Semplificare il mondo mettendo insieme cose simili Problemi e soluzioni Troppe informazioni Semplificare Percezione Memoria Linguaggio Poche informazioni Completare Selezione Organizzazione Categorie Schemi Attribuzioni Euristiche Inferenza Armonizzazione

Dettagli

FIABE, FAVOLE E FANTASIA

FIABE, FAVOLE E FANTASIA SCUOLA DELL INFANZIA SACRO CUORE DI NOVARA LABORATORIO DI STORIE FIABE, FAVOLE E FANTASIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONE COCCINELLE (BAMBINI DI 4 ANNI) INSEGNANTE: BRUGNONE MARIA Il progetto laboratoriale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DI UNA PROGNOSI INFAUSTA. Prof Marco Bonvicini Cardiologia Cardiochirurgia Pediatrica Università di Bologna

LA COMUNICAZIONE DI UNA PROGNOSI INFAUSTA. Prof Marco Bonvicini Cardiologia Cardiochirurgia Pediatrica Università di Bologna LA COMUNICAZIONE DI UNA PROGNOSI INFAUSTA Prof Marco Bonvicini Cardiologia Cardiochirurgia Pediatrica Università di Bologna COMUNICARE LA PROGNOSI INFAUSTA Nella cultura moderna vi è una fuga da quello

Dettagli

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE Gabriele Prati COS È UN CONFLITTO? E una percezione di divergenza di interessi o obiettivi AMBITI DEI CONFLITTI Persona Gruppo Organizzazione Società Conflitti intraunità

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE Rientrano in questa categoria l'insieme di difficoltà comunicazionali e relazionali che spesso coinvolgono l'ansia e la scarsa autostima, ma anche

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Caserta, 10 Gennaio 2014 Psicologa/Psicoterapeuta Consultorio Istituto Toniolo Napoli

Dettagli