NOZIONI DI OPLOLOGIA. IN PARTICOLARE, RICOSTRUZIONE ANCHE INDIRETTA E PARZIALE DEL NUMERO DI MATRICOLA DI UN ARMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOZIONI DI OPLOLOGIA. IN PARTICOLARE, RICOSTRUZIONE ANCHE INDIRETTA E PARZIALE DEL NUMERO DI MATRICOLA DI UN ARMA"

Transcript

1 NOZIONI DI OPLOLOGIA. IN PARTICOLARE, RICOSTRUZIONE ANCHE INDIRETTA E PARZIALE DEL NUMERO DI MATRICOLA DI UN ARMA Relatore: ing. Manlio AVERNA perito balistico Premesse La presente dissertazione ha lo scopo di introdurre concetti basilari di oplologia e balistica forense ad uso dei magistrati e pertanto volutamente non presenta approfondimenti relativi ad argomenti specificamente tecnici e che non siano di interesse generale. Lo scrivente ritiene ad esempio che trattare della archiviazione dei dati identificativi di armi adoperate per commettere delitti, possa essere di reale interesse per pochi magistrati che lavorano in uffici cui perviene una massa notevole di lavoro di questo tipo. Solo per queste realtà può avere senso costituire il predetto archivio risalendo alle caratteristiche delle armi attraverso lo studio di proiettili e bossoli repertati. Si ritiene in questa sede più interessante fornire elementi basilari di conoscenza che possano servire per una corretta formulazione dei quesiti al perito balistico ed anche a valutare con maggiore cognizione di causa le conclusioni cui il perito giunge. Si segnala inoltre il fatto che la oplologia, come molte altre manifestazioni del genio umano, mostra spesso una contorsione tecnologica che induce il perito balistico esperiente a non sottovalutare elementi apparentemente fra di loro contrastanti, ma anzi a studiare ed approfondire per cercare di dirimere questioni apparentemente senza soluzione razionale. Anche in questo caso gioverà un esempio: se dovesse capitare un testimone che dica di avere visto una persona apparentemente disarmata che poi improvvisamente spara non ci si deve meravigliare perché esistono armi talmente piccole da potere essere occultate nel pal- 68

2 mo chiuso di una mano, come quella che è illustrata nella figura n 1. Si tratta di un revolver cal. 22 lungo che nato come arma da taschino o da borsetta può comunque trovare un facile impiego come arma da ultima risorsa o per sfruttare l enorme effetto sorpresa, stante la efficacia che offre alle brevi distanze nonostante il piccolo calibro. Nozioni basilari di oplologia e relativa nomenclatura Il funzionamento delle munizioni a larga diffusione è standardizzato su modalità comuni praticamente a tutta la produzione mondiale. Il concetto base è che la combustione veloce di una polvere detta da sparo provocata da una capsula detta innesco, genera un grande volume di gas in un tempo molto breve. Il gas espandendosi spinge la parte mobile della camera è cioè il proiettile. Il funzionamento avanti descritto, in modo schematico venne adoperato tal quale per le prime armi da fuoco dette ad avancarica in quanto il caricamento della polvere da sparo e della pallottola avveniva dalla bocca di uscita dell arma detta volata. Le armi ad avancarica però risultavano poco pratiche in relazione ai tempi lunghi della ricarica e alle relative modalità che erano piuttosto imprecise e che a volte provocavano incidenti a causa dello scoppio della canna (errori di dosaggio della polvere da sparo, cattiva qualità degli acciai). Il grande passo tecnologico in avanti fu la invenzione della cartuccia, costituita da un involucro originariamente di carta, che conteneva la polvere, la pallottola e anche l innesco. Dall invenzione della cartuccia alle armi a retrocarica il passo fu molto breve e i miglioramenti continui, sia in ordine alla precisione che in relazione alla possibilità di esplodere i colpi con una cadenza più veloce. Armi corte Le armi corte in particolare fecero un grosso salto di qualità nel 1835 quando Samuel Colt, inventò il primo revolver. 69

3 Per la prima volta si potevano sparare (anche se ad avancarica) sei colpi consecutivi velocemente. Il successo fu enorme ed il Colonnello Colt coniò lo slogan un po' presuntuoso : Dio ha creato gli uomini diversi; Samuel Colt li ha resi uguali. Il revolver con opportune migliorie, è arrivato ai giorni nostri con uno schema sostanzialmente immutato e comune a quasi tutti i fabbricanti infatti, a parte il tipo di chiusura del tamburo, rimane uguale il semplicissimo funzionamento costituito dalla rotazione del tamburo quando si tira il grilletto. Il tamburo pone una cartuccia in linea con la canna e tirando ancora il grilletto, il cane che aveva iniziato la sua corsa raggiunge il fondo e sganciandosi va a percuotere l innesco, provocando lo sparo. Il revolver è considerato universalmente un arma sicura sia nel senso passivo cioè nei confronti dello sparo accidentale, sia nel senso attivo intendendo che non è possibile l inceppamento a causa ad esempio di una cartuccia che rimane inesplosa dopo la percussione. Si tralascia in questa sede la disamina della effettiva sicurezza passiva del revolver che può considerarsi comunque buona, soprattutto nelle armi di qualità. È opportuno però mostrare un limite di funzionalità del revolver nell uso a distanza estremamente ravvicinata. In questo caso risulta infatti difficile, se non impossibile, sparare un colpo se qualcuno pone una mano sull arma impedendo, con uno sforzo modesto, la rotazione del tamburo. A quanto sopra va aggiunto il fatto che il revolver può funzionare velocemente solo in doppia azione, cioè azionando il grilletto in tutta la sua corsa con un notevole sforzo e soprattutto con uno sbilanciamento dell arma che ne riduce la precisione. Il funzionamento in azione singola invece comporta l innalzamento preliminare del cane e quindi uno sforzo modesto per provocarne lo scatto e quindi lo sparo. La maggiore precisione di questo tipo di tiro si paga però in termini di tempo di ripetizione. Si ritiene importante in questa sede fare cenno ad un fatto tecnico che potrebbe avere anche forti riflessi in Balistica Forense. Si ritiene comunemente che nei revolver sia estremamente difficile sostituire la canna che è avvitata al castello e a volte anche bloccata nella sua posizione da un chiodo di acciaio detto spina. 70

4 Questo è nella generalità dei casi, ma esistono in commercio revolver dotati di canna intercambiabile manualmente. È il caso dei revolver della Ditta Americana Dan Wesson la cui produzione è illustrata nelle foto n 2. Oltre al revolver, un altro grande filone relativo alle armi corte impegnava le menti degli inventori europei alla fine dell 800 e mirava alla ripetizione veloce dei colpi estraendo velocemente il bossolo vuotato dallo sparo e sostituendolo con una cartuccia carica. Le ricerche inerenti questo sistema diedero la stura a moltissimi tentativi alcuni dei quali tanto fantasiosi quanto poco funzionali per esempio la Mauser c 96 detta anche Mauser Marina. Una eccezione in questo campo è rappresentata dalla pistola Luger dal nome del suo inventore (Fig. n 3). Quest arma pur essendo stata pensata intorno al 1898 presenta una flessibilità di uso talmente elevata, che è stata adoperata dai Tedeschi fino alla 2ª Guerra Mondiale. La pistola Luger è una delle poche armi il cui gruppo canna-carrello smontato può funzionare per sparare un colpo per volta. Infatti si racconta che i soldati tedeschi catturati dagli Americani durante la 2ª Guerra Mondiale si presentavano con la Luger smontata e quando l avversario abbassava la guardia lo colpivano. La Luger, con la sua particolarissima organizzazione meccanica, può essere considerata il primo vero sistema d arma portatile in quanto era predisposta per il montaggio di un calciolo e per lo sparo a raffica, con un caricatore a chiocciola dava ai militi la possibilità di disporre di un arma di grande potenzialità. L organizzazione meccanica che si è affermata è però quella, più familiare anche alla vista, del carrello scorrevole sul castello. Si esamina a titolo di esempio l arma illustrata nella foto n 7 e cioè una Walther mod. PPS. Giova a questo punto precisare che tutte le pistole inserite nel catalogo Nazionale delle armi comuni da sparo, sono di tipo semiautomatico. Per semiautomatico si intende un meccanismo di sparo che necessita dell intervento manuale per sparare ogni colpo mentre le armi automatiche sono quelle che possono sparare continuamente fino a quando l operatore tiene il grilletto. Queste armi si dice comunemente che possono sparare a raffica. Questo tipo di tiro continuo è caratteristico delle armi militari e quindi non è consentito dalle normative vigenti per le armi in comune commercio. 71

5 Armi lunghe Le armi lunghe possono essere suddivise in relazione alla canna che può essere internamente liscia ovvero rigata; l interno della canna è detto anima. Le armi lunghe ad anima liscia sono comunemente dette fucili mentre le armi lunghe a canna rigata sono denominate carabine. Esistono molte varianti intermedie e cioè armi dotate di più canne contemporaneamente, alcune lisce e altre rigate, ovvero armi che presentano canne intercambiabili lisce o rigate. Si tratta comunque di armi da caccia molto raffinate e costose quindi rare nella casistica. Pertanto non si approfondirà l argomento in quanto di scarso interesse. La rigatura nell anima di una canna ha andamento elicoidale. La funzione dell elica è di far ruotare vorticosamente il proiettile intorno al proprio asse durante la traiettoria fuori dall arma. Questa rotazione intorno al proprio asse migliora in modo determinante la precisione di tiro. Ovviamente tutte le armi sia lunghe che corte per il tiro a palla singola presentano la rigatura interna. I fucili a canna liscia si adoperano per lo sparo di cartucce con munizionamento spezzato, e hanno un uso elettivo per la caccia ed il tiro a volo. I fucili a canna liscia sono nati per una necessità tecnica. Se si vogliono sparare pallini occorre interporre fra questi ed il gas di combustione un tappo; se il tappo non ci fosse il gas sfuggirebbe fra i pallini e non li spingerebbe a forte velocità come è necessario. Il tappo interposto è detto borra e viene fabbricato con materiali vari (sughero, cartone, plastica ecc.). Nelle armi ad anima liscia la precisione è correlata alla regolarità della distribuzione dei pallini espulsi allo sparo. Tale distribuzione è detta rosata. Giova a questo punto una digressione più tecnica. Per poter colpire con pallini bersagli a distanze maggiori si usa fabbricare canne lisce che si restringono alla volata; tale restringimento è detto strozzatura. È intuibile facilmente che, tanto maggiore è il restringimento, tanto più lo sciame di pallini tarderà ad aprirsi. 72

6 Il principio inverso viene applicato al fucile a canne mozze. In quel caso le canne vengono accorciate non solo per migliorare la occultabilità dell arma, ma anche per consentire l immediata apertura dello sciame di pallini di grosso calibro che possono attingere più facilmente una o più vittime, in quanto la rosata si apre a brevissima distanza dall arma. Giova precisare che esistono anche munizioni a palla da adoperare nei fucili ad anima liscia e munizioni a pallini da adoperare in carabine a canna rigata. I risultati balistici nell impiego di questi munizionamenti particolari sono scarsi e pertanto il loro impiego è estremamente raro. Cartucce Le cartucce si classificano in relazione al calibro e cioè al diametro della canna che dovrà camerarle. Per i fucili ad anima liscia, le canne si misurano in base al numero di palle tonde di pari diametro che possono essere fuse da una libbra di piombo. Pertanto la canna di un fucile calibro 12 può essere attraversata da una palla tonda di piombo che pesa un dodicesimo di libbra. Ne discende che al crescere del numero indice diminuisce il calibro per esempio il calibro 20 è più piccolo del 12. Si tratta di sistemi arcaici che sono però del tutto radicati nella tecnica e nell uso. I calibri per fucili ad anima liscia sono molto numerosi solo sulla carta in quanto il calibro 12 ha soppiantato quanto a reperibilità e flessibilità ogni altro tipo di munizionamento e ben difficilmente potrà accadere in balistica forense di imbattersi in calibri per arma a canna liscia diversi. Per quanto concerne le armi a canna rigata, sia corte che lunghe il sistema più usato per individuare il calibro è la misura del diametro in centesimi di pollice. Pertanto il calibro 22 è pari a 22/100 di pollice. Un altro sistema prende in considerazione anche la misura in millimetri e quindi si verificano casi di doppia denominazione come ad esempio il cal. 7,65 mm. per pistola semiautomatica che è individuato anche come 32. Alcuni calibri per arma rigata, in ragione della facile reperibilità, della buona precisione e della capacità di arrecare offesa sono estremamente più diffusi di altri sia tra gli ap- 73

7 partenenti alla malavita che fra i legali possessori. È il caso del 38 Special che è una cartuccia precisa, potente e reperibile in un numero notevolissimo di varianti; anche le armi camerate per questo calibro, prevalentemente corte, presentano un ventaglio di produzione tale da incontrare qualunque esigenza, dal revolver tascabile con calcio arrotondato, a quello con canna lunghissima che può essere dotato di cannocchiale per uso di caccia. Si ritiene opportuno in questa parte della trattazione introdurre un chiarimento di notevole importanza. È invalso l uso di denominare erroneamente P 38 i revolvers in calibro 38 special. Giova precisare che la pistola semiautomatica marca Walther P 38 è invece un modello di fabbricazione tedesca nata nel 1938 e avente calibro completamente diverso (Fig. n 5). Tale errata denominazione fornisce anche lo spunto per dissertare su un concetto estremamente importante in balistica forense. Nella generalità dei casi le armi semiautomatiche lasciano sul luogo di svolgimento dei fatti i bossoli vuoti che vengono espulsi ad ogni sparo. I revolvers invece, nella generalità dei casi, non lasciano tracce di questo tipo, potendo fare partire fino a sei colpi senza la necessità di ricaricare. Si è fatto cenno alla generalità in quanto si sono verificati casi particolari in cui all uso di armi semiautomatiche non ha fatto seguito il reperimento di bossoli esplosi, in quanto lo sparatore aveva avvolto intorno alla mano che reggeva l arma un comune sacchetto di plastica, talché allo sparo tutti i bossoli venivano trattenuti e quindi portati via. Inoltre, la esistenza di sistemi di ricaricamento rapido per i revolvers consente di affermare che è possibile che vengano repertati bossoli su un luogo di delitto, anche se si tratta di una eventualità da considerare remota. 74

8 Figura n. 1 FREEDOM ARMS FA-L Tipo: Rivoltella a tamburo. Calibro:.22 LR. Meccanica: Singola azione. Tamburo fisso. Espulsione dei bossoli tramite azione manuale con l asse del tamburo. Lunghezza canna: 1 3/4. Lunghezza totale: 120 mm. Altezza: 70 mm. Peso: 133 gr. Sicura: Mezza monta del cane. Linea di mira: Fissa. Mirino a lama. Tacca fresata sul castello. Calcio: A testa d uccello, con guancette in ebano. Capacità cartucce: 5. Finitura: Acciaio inossidabile naturale, finito semi opaco. E in tutto identica alla modello FA-S eccetto che per la canna, più lunga di 3/4 di pollice. Questa caratteristica ne migliora le prestazioni pur non incidendo che in minima parte agli effetti del porto e della occultabilità. 75

9 Figura n. 12 Canne da 2 1/2, 4, 6, 8, 10, 12, 15 tipo standard Canne da 2 1/2, 4, 6, 8, 10, 12, 15 standard con bindella ventilata Canne da 2 1/2, 4, 6, 8, 10, 12, 15 tipo pesante Canne da 2 1/2, 4, 6, 8, 10, 12, 15 pesante con bindella ventilata 76

10 Figura n

11 Figura n. 14 WALTER PP Super Tipo: Pistola semiautomatica. Calibro: 9 mm Police (9 mm x 18). Meccanica: Chiusura a massa. Doppia azione. Cane esterno. Leva disarmo del cane. Lunghezza canna: 92 mm. Lunghezza totale: 176 mm. Altezza: 124 mm. Spessore: 35 mm. Peso: 780 gr. Sicura: Automatica sulla leva di disarmo. Percussore oscillante. Linea di mira: Mirino fisso. Tacca di mira regolabile lateralmente. Ambedue con riferimenti bianchi. Calcio: Guancette in plastica zigrinate. In legno, a richiesta. Capacità cartucce: 7. Finitura: Brunita. Sviluppata recentemente dalla Walther si presenta come una delle più moderne proposte come arma da difesa e, in primo luogo, per uso di polizia. Pur tenendo a mente i precedenti modelli PP e PPK presenta interessanti caratteristiche, prima fra tutte il particolare munizionamento. La 9 mm Police (o 9 mm x 18) è una cartuccia intermedia fra la 9 mm para. e la 9 mm corto, che offre buoni margini di potenza pur essendo possibile usarla in armi con sola chiusura a massa. E molto simile alla sovietica 9 mm Makarov. La Walther PP Super non dispone di un convenzionale sistema di sicura, sostituito da una leva di disarmo del cane che però provvede anche ad arrestare il movimento del percussore, disarmandolo. Quando il percussore è in posizione abbassata non può essere raggiunto dal cane, presentando questo una fresatura nella posizone corrispondente. La PP Super può sparare solo quando il grilletto sia volutamente arretrato dal tiratore. In ogni caso l arma è sempre immediatamente pronta al fuoco quando vi sia cartuccia in canna. Sul lato sinistro del fusto è ubicata la leva di arresto del carrello a caricatore vuoto. 78

12 Figura n. 15 WALTER P 38 Tipo: Pistola semiautomatica. Calibro:.22 LR - 7,65 mm para. - 9 mm para. Meccanica: Chiusura geometrica a corto rinculo. Doppia azione. Cane esterno. Indicatore di palla in canna nei calibri 7,65 e 9 mm. Lunghezza canna: 129 mm (.22 LR), 125 mm (7,65 e 9 mm). Lunghezza totale: 216 mm. Altezza: 137 mm. Spessore: 37 mm. Peso: 800 gr. Sicura: Manuale sul carrello. Automatica al percussore. Linea di mira: Fissa. Calcio: Guancette avvolgenti in plastica, zigrinate. Capacità cartucce: 8. Finitura: Brunita. Variazioni: Modelli di lusso con incisioni, dorati e cromati. Celeberrima arma corta, fu proposta già prima della II G.M. all esercito tedesco quale sostituta della Luger. La meccanica, allora avveniristica, ne fa un arma ancora attuale e una valida scelta quale arma da difesa. La variante introdotta rispetto alle armi di vecchia fabbricazione è costituita dal castello in lega leggera. In tale forma è stata riadottata come P1 dall esercito della Germania Occidentale. Il carrello piuttosto spesso è forse criticabile per un uso in abiti civili, ma le caratteristiche meccaniche, di sicurezza e di affidabilità sono elemento certo di maggior peso. 79

13 L argomento particolare che avrei dovuto trattare a questo punto della mia relazione è ancora coperto dal segreto istruttorio a causa del protrarsi delle indagini. Pertanto sono costretto a trattare in particolare un altro argomento che troverete altrettanto interessante. L argomento che tratterò è il seguente: Ricostruzione anche indiretta e parziale del numero di matricola di un arma Le modalità di abrasione del numero di matricola di un arma, da parte della malavita, sono molteplici ed in un certo senso seguono la evoluzione delle metodologie di esaltazione che i periti balistici applicano ed affinano. I metodi più grezzi adottati inizialmente erano costituiti dal punzonamento e dalla abrasione a mezzo di una lima. Il punzonamento veniva praticato cercando di rovinare con punte metalliche di varia natura i numeri visibili. Con l uso della lima invece si cercava di asportare il materiale in corrispondenza del numero che si intendeva cancellare. La metodologia di esaltazione della matricola più usata in questi casi era basata sulla aggressione chimica del metallo con liquidi mordenti. Il principio su cui questa metodologia è basata è il seguente: la apposizione del numero di matricola avviene a mezzo di punzoni, e cioè astine di acciaio durissimo recanti in cima il numero che si intende scrivere. Tali astine vengono appoggiate sulla faccia metallica su cui si intende punzonare e poi con un martello vengono battute. Il numero così stampigliato comporta la deformazione dei piani cristallini del metallo non solo in superficie, ma anche negli strati più profondi. Pertanto, entro certi limiti, se anche la superficie del metallo subisce successivamente degli insulti, sarà sempre possibile, previa pulitura ed eventuale spianatura, procedere alla esaltazione con liquido mordente. Infatti il metallo in corrispondenza del punzonamento risulta più compatto, e quindi il mordente aggredisce tale zona con modalità differenti rispetto alla zona vergine. 80

14 Chiaramente la lettura del numero ricostruito potrà presentarsi talvolta poco chiara in relazione alla profondità della abrasione, alle caratteristiche del metallo, alle modalità di punzonamento, che potranno essere più o meno incisive, ed alla qualità ed alle modalità di applicazione dei mordenti. Contrariamente a quello che si pensa la esaltazione della matricola è un ramo della balistica forense ancora suscettibile di studi, sperimentazioni e miglioramenti. Infatti con l avvento e la diffusione dei castelli in lega leggera, in particolare nelle armi corte, si è resa necessaria una integrazione delle metodologie già codificate in quanto nella fattispecie i risultati non erano significativi. Successivamente la malavita ha affinato la tecnica di cancellazione dei numeri di matricola in quanto è venuta a conoscenza della metodologia di esaltazione più classica. La nuova tecnica di abrasione consiste nell aumento dello strato metallico asportato. Tale più profonda abrasione ha lo scopo di togliere al metallo la memoria grafica e quindi conseguire la inidentificabilità. Le metodologie di cancellazione usate in questi casi sono la asportazione di truciolo a mezzo di una punta di trapano, ovvero il raschiamento con l uso di una mola del genere usato per affilare i coltelli. La abrasione di trucioli con punta di trapano, se non eseguita a regola d arte, può lasciare non abrase delle piccole parti di numero, non sempre identificabili. Si pensi ad esempio alla parte inferiore dei numeri 0, 3, 5, 6, 8, sostanzialmente uguale per tutti. La metodologia che prevede la asportazione a mezzo di mola è probabilmente quella che crea i maggiori problemi di ricostruzione in quanto il metodo di cancellazione si rivela estremamente efficace. Negli ultimi due casi di abrasione occorre che il perito balistico faccia riferimento a tutta una serie di dati che potranno contribuire alla ricostruzione, se non totale, almeno parziale della matricola ricercata. Preliminarmente occorrerà smontare totalmente l arma e cercare altre eventuali zone di inserzione della matricola o di parti di essa. 81

15 Molte armi corte infatti presentano una ulteriore inserzione di matricola sotto le guancette. Alcune altre armi presentano la parte terminale della matricola punzonata su molti pezzi allo scopo di riconoscerli dopo le operazioni collettive di officina quali la brunitura, la tempra, ecc. In fabbrica il riconoscimento a mezzo del terminale della matricola consente il riassemblaggio di pezzi precedentemente aggiustati fra di loro con procedimento manuale. È evidente che, ove non si riuscisse a ritrovare i pezzi aggiustati, si avrebbe la impossibilità di procedere al montaggio delle armi, ovvero si otterrebbe la presenza di tolleranze eccessive con conseguente compromissione della funzionalità. Anche la eventuale individuazione del terminale della matricola può contribuire alla ricostruzione della stessa in maniera indiretta come si dirà in seguito. Gli ulteriori elementi cui il perito balistico, ma sarebbe più corretto dire oplologo, può fare riferimento sono di varia natura ed ancora una volta l esempio potrà chiarire il concetto. Com è noto il Banco Nazionale di Prova delle Armi da fuoco, da alcuni anni, punzona non soltanto il contrassegno relativo alla effettuazione della prova forzata con cartucce speciali, ma anche l anno in cui tale prova è avvenuta. Il punzonamento dell anno di prova avviene con una sigla composta di due lettere, e quindi facilmente sfugge all attenzione del malavitoso che vuole fare perdere le tracce della provenienza dell arma. Acquisiti tutti gli elementi utili che si possono rilevare dall arma, è possibile costruire uno screening che consentirà, se non la identificazione certa, almeno la riduzione a pochissimi numeri di matricola possibili, e quindi si potrà comunque dare un contributo alle indagini. Si riporta di seguito un esempio di screening. Aquisizione di tutti i numeri di matricola del modello in esame presso il fabbricante. Cernita dei numeri di matricola che si riferiscono alla eventuale particolare versione in esame (per esempio versione con canna lunga). Esclusione di tutti i numeri di matricola che sono relativi ad armi punzonate dal Banco Nazionale di Prova delle Armi da fuoco in anni diversi da quello in esame. 82

16 Acquisizione, presso il Centro elaborazione dati del Ministero dell interno, dei numeri di matricola relativi a quelle armi restanti dal precedente vaglio, che risultino rubate. Esclusione dal novero delle armi rubate di quelle che sono passate alla clandestinità in data sucessiva al ritrovamento dell arma in esame. A questo punto le matricole possibili si saranno ridotte ad un numero esiguo e potrebbe essere sufficiente il possesso anche di una sola cifra per poter effettuare lo screening finale; quindi per esempio sulla base di un 7 in penultima posizione si potrà attribuire con certezza la intera matricola dell arma. Si riporta uno schema grafico illustrativo dello screening avanti descritto. Schema di screening AA AB AC AD AE AB Costruiti nell anno Modelli a canna lunga Pezzi passati alla clandestinità Pezzi risultati rubati prima del ritrovamento dell arma in esame * * * * 7 * Situazione arma in esame Matricola attribuita con certezza

17 Gli elementi indispensabili per lo screening possono a volte scaturire dallo studio delle modalità di fabbricazione di un arma. Tale studio va necessariamente condotto attingendo informazioni dai fabbricanti, quando queste sono reperibili in letteratura. Se ad esempio il metodo di fabbricazione di un pezzo viene cambiato, risulterà da una commessa interna che da una certa data in poi l arma è stata fabbricata con una metodologia differente e questo consentirà di attribuire l arma in esame ad uno dei due periodi. Ovviamente le possibilità di individuazione di una matricola saranno tanto maggiori quanto più numerose e fitte saranno le maglie dello screening. La elencazione delle particolarità che possono contribuire alla costruzione di uno screening per la individuazione della matricola è piuttosto lunga, in quanto si può spaziare dal campo della tipologia delle guancette, al particolare difetto di un attrezzo adoperato in fabbrica, che crea una particolare caratteristica, graficamente rilevabile. Così per esempio nel caso di frammenti di numero residuati dalla abrasione, che presentino andamento astiforme nella parte bassa, potranno essere attribuite le cifre 1 ovvero 7 in relazione alla giacitura raffrontata alla distanza dagli altri numeri. Infatti la codina del 7 tende di solito verso sinistra mentre quella dell 1 solitamente è diritta. In casi simili è indispensabile la collaborazione del fabbricante in quanto può rivelarsi risolutivo l esame della serie di punzoni adoperati per la immatricolazione, nonché la conoscenza della metodologia impiegata. Con riferimento all esempio precedente, la certezza dell uso di una mascherina che tenga in posizione esatta le astine di punzonamento, può consentire di escludere errori nella attribuzione di un uno o di un sette. In conclusione, si potranno verificare casi in cui la matricola venga ricostruita parzialmente ovvero rimane del tutto oscura, ma si riuscirà comunque a raggiungere la certezza di attribuzione o quantomeno a restringere il campo delle probabilità ad un numero talmente esiguo che sarà comunque possibile condurre ulteriori accertamenti. L idea per impostare la metodologia di indagine oplologica avanti descritta è nata da due ordini di considerazioni: 84

18 1) Si è notato che per la gran parte delle abrasioni la parte sinistra della matricola risulta meglio cancellata della destra; probabilmente ciò è dovuto ad un riflesso condizionato che induce l operatore a cancellare con le stesse modalità con cui scrive. 2) Le cifre più interessanti in una matricola da ricostruire sono generalmente le ultime tre in quanto la quarta cifra ci porta nell ordine di grandezza dei pezzi e quindi ad un livello di identificabilità assoluta. In altri termini la influenza delle cifre al di sopra della quartultima è virtualmente nulla a fini identificativi, essendo estremamente facile attraverso i registri del fabbricante venirne a conoscenza, e ai fini del calcolo combinatorio sono poco influenti. La applicazione del metodo ha dato risultati che si possono definire utili o interessanti, ma chi vi parla ritiene che esistano ulteriori margini di approfondimento nello studio della materia descritta. 85

di: Francesco Zanardi

di: Francesco Zanardi LE PISTOLE A RAFFICA di: Francesco Zanardi Tra i tanti argomenti di cui si parla nei poligoni di tiro non mancano mai le pistole a raffica. Queste armi un po particolari hanno sempre affascinato gli appassionati

Dettagli

CLAUDIO LO CURTO ARMI DA GUERRA, ARMI TIPO GUERRA, ARMI COMUNI, MUNIZIONI DA GUERRA E MUNIZIONI COMUNI DA SPARO

CLAUDIO LO CURTO ARMI DA GUERRA, ARMI TIPO GUERRA, ARMI COMUNI, MUNIZIONI DA GUERRA E MUNIZIONI COMUNI DA SPARO CLAUDIO LO CURTO ARMI DA GUERRA, ARMI TIPO GUERRA, ARMI COMUNI, MUNIZIONI DA GUERRA E MUNIZIONI COMUNI DA SPARO (Sentenza GUP Tribunale Lanusei n.31/05) TODINI EDITORE - SASSARI 2009 N. 9 della Collana

Dettagli

NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO

NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO Vengono comunemente definite norme di sicurezza tutta una serie di accorgimenti e precauzioni, codificate o meno, che devono sempre essere messe in atto

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

PISTOLE SEMIAUTOMATICHE

PISTOLE SEMIAUTOMATICHE PISTOLE SEMIAUTOMATICHE MANUALE D ISTRUZIONE PER TUTTI I MODELLI CALIBRI: 9X21.40 S&W.38 SA.45 ACP 10mm 9mm corto 7,65mm.22LR DIMENSIONI: STANDARD COMPACT CARRY FINITURE: BRUNITA CROMATA DUO-TONE FUSTO:

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

CORALLO: COME SI LAVORA

CORALLO: COME SI LAVORA CORALLO: COME SI LAVORA di Giuseppe Rajola Edizioni vesuvioweb La lavorazione del corallo si divide in due differenti grosse famiglie: il liscio e l inciso. Cosa si intende per liscio? La lavorazione del

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

per un fai da te di alta qualità

per un fai da te di alta qualità per un fai da te di alta qualità container su misura e programmati 4 anni insieme senza pensieri La garanzia copre tutto il territorio italiano. qualità tedesca 360 affidabilità Sistema di imballaggio

Dettagli

Inserti fresa ad HFC NUOVO

Inserti fresa ad HFC NUOVO Inserti fresa ad HFC NUOVO Sgrossatura ad alto rendimento con frese ad inserti HFC [ 2 ] L applicazione principale del sistema di fresatura HFC è la sgrossatura ad alto rendimento. La gamma di materiali

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CENNI STORICI Nell anno 1946, l ingegnere americano Ray Arden, un vero pioniere della progettazione dei micromotori ed indiscusso genio in materia, ideò e perfezionò

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Guida agli Oblo e Osteriggi

Guida agli Oblo e Osteriggi Guida agli Oblo e Osteriggi www.lewmar.com Introduzione L installazione o la sostituzione di un boccaporto o oblò può rivelarsi una procedura semplice e gratificante. Seguendo queste chiare istruzioni,

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum.

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum. TIP-ON inside TIP-ON per AVENTOS HK Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia www.blum.com Facilità di apertura con un semplice tocco 2 Comfort di apertura per le

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Lavorazioni per asportazione di truciolo

Lavorazioni per asportazione di truciolo Lavorazioni per asportazione di truciolo CONTENUTI Lavorazioni al banco: tracciatura, limatura, taglio, alesatura, filettatura, raschiatura Lavorazioni con macchine utensili: foratura, alesatura, tornitura,

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Processi efficienti per una maggiore energia.

Processi efficienti per una maggiore energia. _ COMPETENZA NELL ASPORTAZIONE DEL TRUCIOLO Processi efficienti per una maggiore energia. Soluzioni di settore Settore energia 1 CON ENERGIA VERSO IL FUTURO. I produttori di impianti e componenti per la

Dettagli

Istruzioni per l'uso Guida alla carta

Istruzioni per l'uso Guida alla carta Istruzioni per l'uso Guida alla carta Per un uso corretto e sicuro, leggere le Informazioni sulla sicurezza riportate nel manuale "Leggere prima di iniziare" prima di utilizzare la macchina. SOMMARIO

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476 460 www.facom.com 10. Martelli, utensili di percussione Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 Martelli con impugnatura in Graphite... 462 Martelli con impugnatura

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Misura Rilievo Schizzo 9 Il calibro a corsoio 10 Strumenti di misura Il Calibro 11 2. Becchi per misure interne Il Calibro Elementi 7. Nonio per misure in pollici 5. Scala per misure in pollici i 4. Scala

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Edoardo Mori - Proposta per una nuova legge sulle armi (È del 1998 - Deve essere aggiornata) Presentazione

Edoardo Mori - Proposta per una nuova legge sulle armi (È del 1998 - Deve essere aggiornata) Presentazione Edoardo Mori - Proposta per una nuova legge sulle armi (È del 1998 - Deve essere aggiornata) Presentazione Nel 1975 veniva emanata la legge 18 aprile 1975 nr. 110 che modernizzava la normativa concernente

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Basta un tocco leggero in un punto qualunque del frontale e il cassetto si apre senza difficoltà esercitare una leggera pressione o una lieve spinta

Basta un tocco leggero in un punto qualunque del frontale e il cassetto si apre senza difficoltà esercitare una leggera pressione o una lieve spinta Apertura agevole al tocco Apertura affidabile senza maniglia Nel moderno design del mobile, i frontali senza maniglia svolgono un ruolo sempre più importante. Con il supporto per l apertura meccanico di

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Efficace ottimizzazione del processo di pulitura della ghisa Grande convenienza economica grazie alla durata ed

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

TRAPANI AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO.

TRAPANI AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO. AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO. Metabo è all'avanguardia nelle macchine a batteria. La nostra tecnologia innovativa di carica li rende più indipendenti

Dettagli

Tolleranze dimensionali

Tolleranze dimensionali ITIS OMAR Dipartimento di Meccanica Tolleranze T1 Generalità Tolleranze dimensionali Si definisce tolleranza (t) il massimo scarto dimensionale ammissibile di un pezzo e il suo valore è stabilito dalla

Dettagli

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com TIP-ON per TANDEMBOX Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia www.blum.com 2 Apertura facile basta un leggero tocco Nel moderno design del mobile, i frontali

Dettagli

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati?

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati? ESPERTI RIFERME SERRATURE ITALIA - 20090 FIZZONASCO (MI) - V.LE UMBRIA 2 TEL. 02/90724526 FAX 02/90725558 E-mail: info@ersi.it Web Site: www.ersi.it Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto?

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro ElEvata sicurezza - Catenaccio laterale

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

SCALE PER LA SOFFITTA. www.fakro.it

SCALE PER LA SOFFITTA. www.fakro.it SCALE PER LA SOFFITTA 2011 www.fakro.it 1 Scala rientrante da soffitta Rende l accesso alla soffitta più facile e sicuro senza la necessità di realizzare scale stabili con conseguente notevole risparmio

Dettagli

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo.

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Con questa attività, il bambino, non solo si avvicina alla musica e

Dettagli

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com TIP-ON BLUMOTION Due funzioni combinate in modo affascinante www.blum.com Tecnologia innovativa TIP-ON BLUMOTION unisce i vantaggi del supporto per l apertura meccanico TIP-ON con il collaudato ammortizzatore

Dettagli