NOZIONI DI OPLOLOGIA. IN PARTICOLARE, RICOSTRUZIONE ANCHE INDIRETTA E PARZIALE DEL NUMERO DI MATRICOLA DI UN ARMA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOZIONI DI OPLOLOGIA. IN PARTICOLARE, RICOSTRUZIONE ANCHE INDIRETTA E PARZIALE DEL NUMERO DI MATRICOLA DI UN ARMA"

Transcript

1 NOZIONI DI OPLOLOGIA. IN PARTICOLARE, RICOSTRUZIONE ANCHE INDIRETTA E PARZIALE DEL NUMERO DI MATRICOLA DI UN ARMA Relatore: ing. Manlio AVERNA perito balistico Premesse La presente dissertazione ha lo scopo di introdurre concetti basilari di oplologia e balistica forense ad uso dei magistrati e pertanto volutamente non presenta approfondimenti relativi ad argomenti specificamente tecnici e che non siano di interesse generale. Lo scrivente ritiene ad esempio che trattare della archiviazione dei dati identificativi di armi adoperate per commettere delitti, possa essere di reale interesse per pochi magistrati che lavorano in uffici cui perviene una massa notevole di lavoro di questo tipo. Solo per queste realtà può avere senso costituire il predetto archivio risalendo alle caratteristiche delle armi attraverso lo studio di proiettili e bossoli repertati. Si ritiene in questa sede più interessante fornire elementi basilari di conoscenza che possano servire per una corretta formulazione dei quesiti al perito balistico ed anche a valutare con maggiore cognizione di causa le conclusioni cui il perito giunge. Si segnala inoltre il fatto che la oplologia, come molte altre manifestazioni del genio umano, mostra spesso una contorsione tecnologica che induce il perito balistico esperiente a non sottovalutare elementi apparentemente fra di loro contrastanti, ma anzi a studiare ed approfondire per cercare di dirimere questioni apparentemente senza soluzione razionale. Anche in questo caso gioverà un esempio: se dovesse capitare un testimone che dica di avere visto una persona apparentemente disarmata che poi improvvisamente spara non ci si deve meravigliare perché esistono armi talmente piccole da potere essere occultate nel pal- 68

2 mo chiuso di una mano, come quella che è illustrata nella figura n 1. Si tratta di un revolver cal. 22 lungo che nato come arma da taschino o da borsetta può comunque trovare un facile impiego come arma da ultima risorsa o per sfruttare l enorme effetto sorpresa, stante la efficacia che offre alle brevi distanze nonostante il piccolo calibro. Nozioni basilari di oplologia e relativa nomenclatura Il funzionamento delle munizioni a larga diffusione è standardizzato su modalità comuni praticamente a tutta la produzione mondiale. Il concetto base è che la combustione veloce di una polvere detta da sparo provocata da una capsula detta innesco, genera un grande volume di gas in un tempo molto breve. Il gas espandendosi spinge la parte mobile della camera è cioè il proiettile. Il funzionamento avanti descritto, in modo schematico venne adoperato tal quale per le prime armi da fuoco dette ad avancarica in quanto il caricamento della polvere da sparo e della pallottola avveniva dalla bocca di uscita dell arma detta volata. Le armi ad avancarica però risultavano poco pratiche in relazione ai tempi lunghi della ricarica e alle relative modalità che erano piuttosto imprecise e che a volte provocavano incidenti a causa dello scoppio della canna (errori di dosaggio della polvere da sparo, cattiva qualità degli acciai). Il grande passo tecnologico in avanti fu la invenzione della cartuccia, costituita da un involucro originariamente di carta, che conteneva la polvere, la pallottola e anche l innesco. Dall invenzione della cartuccia alle armi a retrocarica il passo fu molto breve e i miglioramenti continui, sia in ordine alla precisione che in relazione alla possibilità di esplodere i colpi con una cadenza più veloce. Armi corte Le armi corte in particolare fecero un grosso salto di qualità nel 1835 quando Samuel Colt, inventò il primo revolver. 69

3 Per la prima volta si potevano sparare (anche se ad avancarica) sei colpi consecutivi velocemente. Il successo fu enorme ed il Colonnello Colt coniò lo slogan un po' presuntuoso : Dio ha creato gli uomini diversi; Samuel Colt li ha resi uguali. Il revolver con opportune migliorie, è arrivato ai giorni nostri con uno schema sostanzialmente immutato e comune a quasi tutti i fabbricanti infatti, a parte il tipo di chiusura del tamburo, rimane uguale il semplicissimo funzionamento costituito dalla rotazione del tamburo quando si tira il grilletto. Il tamburo pone una cartuccia in linea con la canna e tirando ancora il grilletto, il cane che aveva iniziato la sua corsa raggiunge il fondo e sganciandosi va a percuotere l innesco, provocando lo sparo. Il revolver è considerato universalmente un arma sicura sia nel senso passivo cioè nei confronti dello sparo accidentale, sia nel senso attivo intendendo che non è possibile l inceppamento a causa ad esempio di una cartuccia che rimane inesplosa dopo la percussione. Si tralascia in questa sede la disamina della effettiva sicurezza passiva del revolver che può considerarsi comunque buona, soprattutto nelle armi di qualità. È opportuno però mostrare un limite di funzionalità del revolver nell uso a distanza estremamente ravvicinata. In questo caso risulta infatti difficile, se non impossibile, sparare un colpo se qualcuno pone una mano sull arma impedendo, con uno sforzo modesto, la rotazione del tamburo. A quanto sopra va aggiunto il fatto che il revolver può funzionare velocemente solo in doppia azione, cioè azionando il grilletto in tutta la sua corsa con un notevole sforzo e soprattutto con uno sbilanciamento dell arma che ne riduce la precisione. Il funzionamento in azione singola invece comporta l innalzamento preliminare del cane e quindi uno sforzo modesto per provocarne lo scatto e quindi lo sparo. La maggiore precisione di questo tipo di tiro si paga però in termini di tempo di ripetizione. Si ritiene importante in questa sede fare cenno ad un fatto tecnico che potrebbe avere anche forti riflessi in Balistica Forense. Si ritiene comunemente che nei revolver sia estremamente difficile sostituire la canna che è avvitata al castello e a volte anche bloccata nella sua posizione da un chiodo di acciaio detto spina. 70

4 Questo è nella generalità dei casi, ma esistono in commercio revolver dotati di canna intercambiabile manualmente. È il caso dei revolver della Ditta Americana Dan Wesson la cui produzione è illustrata nelle foto n 2. Oltre al revolver, un altro grande filone relativo alle armi corte impegnava le menti degli inventori europei alla fine dell 800 e mirava alla ripetizione veloce dei colpi estraendo velocemente il bossolo vuotato dallo sparo e sostituendolo con una cartuccia carica. Le ricerche inerenti questo sistema diedero la stura a moltissimi tentativi alcuni dei quali tanto fantasiosi quanto poco funzionali per esempio la Mauser c 96 detta anche Mauser Marina. Una eccezione in questo campo è rappresentata dalla pistola Luger dal nome del suo inventore (Fig. n 3). Quest arma pur essendo stata pensata intorno al 1898 presenta una flessibilità di uso talmente elevata, che è stata adoperata dai Tedeschi fino alla 2ª Guerra Mondiale. La pistola Luger è una delle poche armi il cui gruppo canna-carrello smontato può funzionare per sparare un colpo per volta. Infatti si racconta che i soldati tedeschi catturati dagli Americani durante la 2ª Guerra Mondiale si presentavano con la Luger smontata e quando l avversario abbassava la guardia lo colpivano. La Luger, con la sua particolarissima organizzazione meccanica, può essere considerata il primo vero sistema d arma portatile in quanto era predisposta per il montaggio di un calciolo e per lo sparo a raffica, con un caricatore a chiocciola dava ai militi la possibilità di disporre di un arma di grande potenzialità. L organizzazione meccanica che si è affermata è però quella, più familiare anche alla vista, del carrello scorrevole sul castello. Si esamina a titolo di esempio l arma illustrata nella foto n 7 e cioè una Walther mod. PPS. Giova a questo punto precisare che tutte le pistole inserite nel catalogo Nazionale delle armi comuni da sparo, sono di tipo semiautomatico. Per semiautomatico si intende un meccanismo di sparo che necessita dell intervento manuale per sparare ogni colpo mentre le armi automatiche sono quelle che possono sparare continuamente fino a quando l operatore tiene il grilletto. Queste armi si dice comunemente che possono sparare a raffica. Questo tipo di tiro continuo è caratteristico delle armi militari e quindi non è consentito dalle normative vigenti per le armi in comune commercio. 71

5 Armi lunghe Le armi lunghe possono essere suddivise in relazione alla canna che può essere internamente liscia ovvero rigata; l interno della canna è detto anima. Le armi lunghe ad anima liscia sono comunemente dette fucili mentre le armi lunghe a canna rigata sono denominate carabine. Esistono molte varianti intermedie e cioè armi dotate di più canne contemporaneamente, alcune lisce e altre rigate, ovvero armi che presentano canne intercambiabili lisce o rigate. Si tratta comunque di armi da caccia molto raffinate e costose quindi rare nella casistica. Pertanto non si approfondirà l argomento in quanto di scarso interesse. La rigatura nell anima di una canna ha andamento elicoidale. La funzione dell elica è di far ruotare vorticosamente il proiettile intorno al proprio asse durante la traiettoria fuori dall arma. Questa rotazione intorno al proprio asse migliora in modo determinante la precisione di tiro. Ovviamente tutte le armi sia lunghe che corte per il tiro a palla singola presentano la rigatura interna. I fucili a canna liscia si adoperano per lo sparo di cartucce con munizionamento spezzato, e hanno un uso elettivo per la caccia ed il tiro a volo. I fucili a canna liscia sono nati per una necessità tecnica. Se si vogliono sparare pallini occorre interporre fra questi ed il gas di combustione un tappo; se il tappo non ci fosse il gas sfuggirebbe fra i pallini e non li spingerebbe a forte velocità come è necessario. Il tappo interposto è detto borra e viene fabbricato con materiali vari (sughero, cartone, plastica ecc.). Nelle armi ad anima liscia la precisione è correlata alla regolarità della distribuzione dei pallini espulsi allo sparo. Tale distribuzione è detta rosata. Giova a questo punto una digressione più tecnica. Per poter colpire con pallini bersagli a distanze maggiori si usa fabbricare canne lisce che si restringono alla volata; tale restringimento è detto strozzatura. È intuibile facilmente che, tanto maggiore è il restringimento, tanto più lo sciame di pallini tarderà ad aprirsi. 72

6 Il principio inverso viene applicato al fucile a canne mozze. In quel caso le canne vengono accorciate non solo per migliorare la occultabilità dell arma, ma anche per consentire l immediata apertura dello sciame di pallini di grosso calibro che possono attingere più facilmente una o più vittime, in quanto la rosata si apre a brevissima distanza dall arma. Giova precisare che esistono anche munizioni a palla da adoperare nei fucili ad anima liscia e munizioni a pallini da adoperare in carabine a canna rigata. I risultati balistici nell impiego di questi munizionamenti particolari sono scarsi e pertanto il loro impiego è estremamente raro. Cartucce Le cartucce si classificano in relazione al calibro e cioè al diametro della canna che dovrà camerarle. Per i fucili ad anima liscia, le canne si misurano in base al numero di palle tonde di pari diametro che possono essere fuse da una libbra di piombo. Pertanto la canna di un fucile calibro 12 può essere attraversata da una palla tonda di piombo che pesa un dodicesimo di libbra. Ne discende che al crescere del numero indice diminuisce il calibro per esempio il calibro 20 è più piccolo del 12. Si tratta di sistemi arcaici che sono però del tutto radicati nella tecnica e nell uso. I calibri per fucili ad anima liscia sono molto numerosi solo sulla carta in quanto il calibro 12 ha soppiantato quanto a reperibilità e flessibilità ogni altro tipo di munizionamento e ben difficilmente potrà accadere in balistica forense di imbattersi in calibri per arma a canna liscia diversi. Per quanto concerne le armi a canna rigata, sia corte che lunghe il sistema più usato per individuare il calibro è la misura del diametro in centesimi di pollice. Pertanto il calibro 22 è pari a 22/100 di pollice. Un altro sistema prende in considerazione anche la misura in millimetri e quindi si verificano casi di doppia denominazione come ad esempio il cal. 7,65 mm. per pistola semiautomatica che è individuato anche come 32. Alcuni calibri per arma rigata, in ragione della facile reperibilità, della buona precisione e della capacità di arrecare offesa sono estremamente più diffusi di altri sia tra gli ap- 73

7 partenenti alla malavita che fra i legali possessori. È il caso del 38 Special che è una cartuccia precisa, potente e reperibile in un numero notevolissimo di varianti; anche le armi camerate per questo calibro, prevalentemente corte, presentano un ventaglio di produzione tale da incontrare qualunque esigenza, dal revolver tascabile con calcio arrotondato, a quello con canna lunghissima che può essere dotato di cannocchiale per uso di caccia. Si ritiene opportuno in questa parte della trattazione introdurre un chiarimento di notevole importanza. È invalso l uso di denominare erroneamente P 38 i revolvers in calibro 38 special. Giova precisare che la pistola semiautomatica marca Walther P 38 è invece un modello di fabbricazione tedesca nata nel 1938 e avente calibro completamente diverso (Fig. n 5). Tale errata denominazione fornisce anche lo spunto per dissertare su un concetto estremamente importante in balistica forense. Nella generalità dei casi le armi semiautomatiche lasciano sul luogo di svolgimento dei fatti i bossoli vuoti che vengono espulsi ad ogni sparo. I revolvers invece, nella generalità dei casi, non lasciano tracce di questo tipo, potendo fare partire fino a sei colpi senza la necessità di ricaricare. Si è fatto cenno alla generalità in quanto si sono verificati casi particolari in cui all uso di armi semiautomatiche non ha fatto seguito il reperimento di bossoli esplosi, in quanto lo sparatore aveva avvolto intorno alla mano che reggeva l arma un comune sacchetto di plastica, talché allo sparo tutti i bossoli venivano trattenuti e quindi portati via. Inoltre, la esistenza di sistemi di ricaricamento rapido per i revolvers consente di affermare che è possibile che vengano repertati bossoli su un luogo di delitto, anche se si tratta di una eventualità da considerare remota. 74

8 Figura n. 1 FREEDOM ARMS FA-L Tipo: Rivoltella a tamburo. Calibro:.22 LR. Meccanica: Singola azione. Tamburo fisso. Espulsione dei bossoli tramite azione manuale con l asse del tamburo. Lunghezza canna: 1 3/4. Lunghezza totale: 120 mm. Altezza: 70 mm. Peso: 133 gr. Sicura: Mezza monta del cane. Linea di mira: Fissa. Mirino a lama. Tacca fresata sul castello. Calcio: A testa d uccello, con guancette in ebano. Capacità cartucce: 5. Finitura: Acciaio inossidabile naturale, finito semi opaco. E in tutto identica alla modello FA-S eccetto che per la canna, più lunga di 3/4 di pollice. Questa caratteristica ne migliora le prestazioni pur non incidendo che in minima parte agli effetti del porto e della occultabilità. 75

9 Figura n. 12 Canne da 2 1/2, 4, 6, 8, 10, 12, 15 tipo standard Canne da 2 1/2, 4, 6, 8, 10, 12, 15 standard con bindella ventilata Canne da 2 1/2, 4, 6, 8, 10, 12, 15 tipo pesante Canne da 2 1/2, 4, 6, 8, 10, 12, 15 pesante con bindella ventilata 76

10 Figura n

11 Figura n. 14 WALTER PP Super Tipo: Pistola semiautomatica. Calibro: 9 mm Police (9 mm x 18). Meccanica: Chiusura a massa. Doppia azione. Cane esterno. Leva disarmo del cane. Lunghezza canna: 92 mm. Lunghezza totale: 176 mm. Altezza: 124 mm. Spessore: 35 mm. Peso: 780 gr. Sicura: Automatica sulla leva di disarmo. Percussore oscillante. Linea di mira: Mirino fisso. Tacca di mira regolabile lateralmente. Ambedue con riferimenti bianchi. Calcio: Guancette in plastica zigrinate. In legno, a richiesta. Capacità cartucce: 7. Finitura: Brunita. Sviluppata recentemente dalla Walther si presenta come una delle più moderne proposte come arma da difesa e, in primo luogo, per uso di polizia. Pur tenendo a mente i precedenti modelli PP e PPK presenta interessanti caratteristiche, prima fra tutte il particolare munizionamento. La 9 mm Police (o 9 mm x 18) è una cartuccia intermedia fra la 9 mm para. e la 9 mm corto, che offre buoni margini di potenza pur essendo possibile usarla in armi con sola chiusura a massa. E molto simile alla sovietica 9 mm Makarov. La Walther PP Super non dispone di un convenzionale sistema di sicura, sostituito da una leva di disarmo del cane che però provvede anche ad arrestare il movimento del percussore, disarmandolo. Quando il percussore è in posizione abbassata non può essere raggiunto dal cane, presentando questo una fresatura nella posizone corrispondente. La PP Super può sparare solo quando il grilletto sia volutamente arretrato dal tiratore. In ogni caso l arma è sempre immediatamente pronta al fuoco quando vi sia cartuccia in canna. Sul lato sinistro del fusto è ubicata la leva di arresto del carrello a caricatore vuoto. 78

12 Figura n. 15 WALTER P 38 Tipo: Pistola semiautomatica. Calibro:.22 LR - 7,65 mm para. - 9 mm para. Meccanica: Chiusura geometrica a corto rinculo. Doppia azione. Cane esterno. Indicatore di palla in canna nei calibri 7,65 e 9 mm. Lunghezza canna: 129 mm (.22 LR), 125 mm (7,65 e 9 mm). Lunghezza totale: 216 mm. Altezza: 137 mm. Spessore: 37 mm. Peso: 800 gr. Sicura: Manuale sul carrello. Automatica al percussore. Linea di mira: Fissa. Calcio: Guancette avvolgenti in plastica, zigrinate. Capacità cartucce: 8. Finitura: Brunita. Variazioni: Modelli di lusso con incisioni, dorati e cromati. Celeberrima arma corta, fu proposta già prima della II G.M. all esercito tedesco quale sostituta della Luger. La meccanica, allora avveniristica, ne fa un arma ancora attuale e una valida scelta quale arma da difesa. La variante introdotta rispetto alle armi di vecchia fabbricazione è costituita dal castello in lega leggera. In tale forma è stata riadottata come P1 dall esercito della Germania Occidentale. Il carrello piuttosto spesso è forse criticabile per un uso in abiti civili, ma le caratteristiche meccaniche, di sicurezza e di affidabilità sono elemento certo di maggior peso. 79

13 L argomento particolare che avrei dovuto trattare a questo punto della mia relazione è ancora coperto dal segreto istruttorio a causa del protrarsi delle indagini. Pertanto sono costretto a trattare in particolare un altro argomento che troverete altrettanto interessante. L argomento che tratterò è il seguente: Ricostruzione anche indiretta e parziale del numero di matricola di un arma Le modalità di abrasione del numero di matricola di un arma, da parte della malavita, sono molteplici ed in un certo senso seguono la evoluzione delle metodologie di esaltazione che i periti balistici applicano ed affinano. I metodi più grezzi adottati inizialmente erano costituiti dal punzonamento e dalla abrasione a mezzo di una lima. Il punzonamento veniva praticato cercando di rovinare con punte metalliche di varia natura i numeri visibili. Con l uso della lima invece si cercava di asportare il materiale in corrispondenza del numero che si intendeva cancellare. La metodologia di esaltazione della matricola più usata in questi casi era basata sulla aggressione chimica del metallo con liquidi mordenti. Il principio su cui questa metodologia è basata è il seguente: la apposizione del numero di matricola avviene a mezzo di punzoni, e cioè astine di acciaio durissimo recanti in cima il numero che si intende scrivere. Tali astine vengono appoggiate sulla faccia metallica su cui si intende punzonare e poi con un martello vengono battute. Il numero così stampigliato comporta la deformazione dei piani cristallini del metallo non solo in superficie, ma anche negli strati più profondi. Pertanto, entro certi limiti, se anche la superficie del metallo subisce successivamente degli insulti, sarà sempre possibile, previa pulitura ed eventuale spianatura, procedere alla esaltazione con liquido mordente. Infatti il metallo in corrispondenza del punzonamento risulta più compatto, e quindi il mordente aggredisce tale zona con modalità differenti rispetto alla zona vergine. 80

14 Chiaramente la lettura del numero ricostruito potrà presentarsi talvolta poco chiara in relazione alla profondità della abrasione, alle caratteristiche del metallo, alle modalità di punzonamento, che potranno essere più o meno incisive, ed alla qualità ed alle modalità di applicazione dei mordenti. Contrariamente a quello che si pensa la esaltazione della matricola è un ramo della balistica forense ancora suscettibile di studi, sperimentazioni e miglioramenti. Infatti con l avvento e la diffusione dei castelli in lega leggera, in particolare nelle armi corte, si è resa necessaria una integrazione delle metodologie già codificate in quanto nella fattispecie i risultati non erano significativi. Successivamente la malavita ha affinato la tecnica di cancellazione dei numeri di matricola in quanto è venuta a conoscenza della metodologia di esaltazione più classica. La nuova tecnica di abrasione consiste nell aumento dello strato metallico asportato. Tale più profonda abrasione ha lo scopo di togliere al metallo la memoria grafica e quindi conseguire la inidentificabilità. Le metodologie di cancellazione usate in questi casi sono la asportazione di truciolo a mezzo di una punta di trapano, ovvero il raschiamento con l uso di una mola del genere usato per affilare i coltelli. La abrasione di trucioli con punta di trapano, se non eseguita a regola d arte, può lasciare non abrase delle piccole parti di numero, non sempre identificabili. Si pensi ad esempio alla parte inferiore dei numeri 0, 3, 5, 6, 8, sostanzialmente uguale per tutti. La metodologia che prevede la asportazione a mezzo di mola è probabilmente quella che crea i maggiori problemi di ricostruzione in quanto il metodo di cancellazione si rivela estremamente efficace. Negli ultimi due casi di abrasione occorre che il perito balistico faccia riferimento a tutta una serie di dati che potranno contribuire alla ricostruzione, se non totale, almeno parziale della matricola ricercata. Preliminarmente occorrerà smontare totalmente l arma e cercare altre eventuali zone di inserzione della matricola o di parti di essa. 81

15 Molte armi corte infatti presentano una ulteriore inserzione di matricola sotto le guancette. Alcune altre armi presentano la parte terminale della matricola punzonata su molti pezzi allo scopo di riconoscerli dopo le operazioni collettive di officina quali la brunitura, la tempra, ecc. In fabbrica il riconoscimento a mezzo del terminale della matricola consente il riassemblaggio di pezzi precedentemente aggiustati fra di loro con procedimento manuale. È evidente che, ove non si riuscisse a ritrovare i pezzi aggiustati, si avrebbe la impossibilità di procedere al montaggio delle armi, ovvero si otterrebbe la presenza di tolleranze eccessive con conseguente compromissione della funzionalità. Anche la eventuale individuazione del terminale della matricola può contribuire alla ricostruzione della stessa in maniera indiretta come si dirà in seguito. Gli ulteriori elementi cui il perito balistico, ma sarebbe più corretto dire oplologo, può fare riferimento sono di varia natura ed ancora una volta l esempio potrà chiarire il concetto. Com è noto il Banco Nazionale di Prova delle Armi da fuoco, da alcuni anni, punzona non soltanto il contrassegno relativo alla effettuazione della prova forzata con cartucce speciali, ma anche l anno in cui tale prova è avvenuta. Il punzonamento dell anno di prova avviene con una sigla composta di due lettere, e quindi facilmente sfugge all attenzione del malavitoso che vuole fare perdere le tracce della provenienza dell arma. Acquisiti tutti gli elementi utili che si possono rilevare dall arma, è possibile costruire uno screening che consentirà, se non la identificazione certa, almeno la riduzione a pochissimi numeri di matricola possibili, e quindi si potrà comunque dare un contributo alle indagini. Si riporta di seguito un esempio di screening. Aquisizione di tutti i numeri di matricola del modello in esame presso il fabbricante. Cernita dei numeri di matricola che si riferiscono alla eventuale particolare versione in esame (per esempio versione con canna lunga). Esclusione di tutti i numeri di matricola che sono relativi ad armi punzonate dal Banco Nazionale di Prova delle Armi da fuoco in anni diversi da quello in esame. 82

16 Acquisizione, presso il Centro elaborazione dati del Ministero dell interno, dei numeri di matricola relativi a quelle armi restanti dal precedente vaglio, che risultino rubate. Esclusione dal novero delle armi rubate di quelle che sono passate alla clandestinità in data sucessiva al ritrovamento dell arma in esame. A questo punto le matricole possibili si saranno ridotte ad un numero esiguo e potrebbe essere sufficiente il possesso anche di una sola cifra per poter effettuare lo screening finale; quindi per esempio sulla base di un 7 in penultima posizione si potrà attribuire con certezza la intera matricola dell arma. Si riporta uno schema grafico illustrativo dello screening avanti descritto. Schema di screening AA AB AC AD AE AB Costruiti nell anno Modelli a canna lunga Pezzi passati alla clandestinità Pezzi risultati rubati prima del ritrovamento dell arma in esame * * * * 7 * Situazione arma in esame Matricola attribuita con certezza

17 Gli elementi indispensabili per lo screening possono a volte scaturire dallo studio delle modalità di fabbricazione di un arma. Tale studio va necessariamente condotto attingendo informazioni dai fabbricanti, quando queste sono reperibili in letteratura. Se ad esempio il metodo di fabbricazione di un pezzo viene cambiato, risulterà da una commessa interna che da una certa data in poi l arma è stata fabbricata con una metodologia differente e questo consentirà di attribuire l arma in esame ad uno dei due periodi. Ovviamente le possibilità di individuazione di una matricola saranno tanto maggiori quanto più numerose e fitte saranno le maglie dello screening. La elencazione delle particolarità che possono contribuire alla costruzione di uno screening per la individuazione della matricola è piuttosto lunga, in quanto si può spaziare dal campo della tipologia delle guancette, al particolare difetto di un attrezzo adoperato in fabbrica, che crea una particolare caratteristica, graficamente rilevabile. Così per esempio nel caso di frammenti di numero residuati dalla abrasione, che presentino andamento astiforme nella parte bassa, potranno essere attribuite le cifre 1 ovvero 7 in relazione alla giacitura raffrontata alla distanza dagli altri numeri. Infatti la codina del 7 tende di solito verso sinistra mentre quella dell 1 solitamente è diritta. In casi simili è indispensabile la collaborazione del fabbricante in quanto può rivelarsi risolutivo l esame della serie di punzoni adoperati per la immatricolazione, nonché la conoscenza della metodologia impiegata. Con riferimento all esempio precedente, la certezza dell uso di una mascherina che tenga in posizione esatta le astine di punzonamento, può consentire di escludere errori nella attribuzione di un uno o di un sette. In conclusione, si potranno verificare casi in cui la matricola venga ricostruita parzialmente ovvero rimane del tutto oscura, ma si riuscirà comunque a raggiungere la certezza di attribuzione o quantomeno a restringere il campo delle probabilità ad un numero talmente esiguo che sarà comunque possibile condurre ulteriori accertamenti. L idea per impostare la metodologia di indagine oplologica avanti descritta è nata da due ordini di considerazioni: 84

18 1) Si è notato che per la gran parte delle abrasioni la parte sinistra della matricola risulta meglio cancellata della destra; probabilmente ciò è dovuto ad un riflesso condizionato che induce l operatore a cancellare con le stesse modalità con cui scrive. 2) Le cifre più interessanti in una matricola da ricostruire sono generalmente le ultime tre in quanto la quarta cifra ci porta nell ordine di grandezza dei pezzi e quindi ad un livello di identificabilità assoluta. In altri termini la influenza delle cifre al di sopra della quartultima è virtualmente nulla a fini identificativi, essendo estremamente facile attraverso i registri del fabbricante venirne a conoscenza, e ai fini del calcolo combinatorio sono poco influenti. La applicazione del metodo ha dato risultati che si possono definire utili o interessanti, ma chi vi parla ritiene che esistano ulteriori margini di approfondimento nello studio della materia descritta. 85

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE Cosa significa fucile da caccia ad anima liscia? Vuol dire che la parte interna della canna, è perfettamente levigata. Come si presenta esternamente un

Dettagli

Lo sviluppo della USP ovvero

Lo sviluppo della USP ovvero Pistole Compatta e versatile Heckler & Koch USP C.45 Lo sviluppo della USP ovvero Universal Selbstlade Pistole (pistola semiautomatica universale) prese il via nei laboratori della tedesca Heckler & Koch

Dettagli

Diametro nominale. Diametro minimo 4 23,55 23,35 23,75 8 21 20,80 21,20 10 19,50 19,30 19,70 12 18,30 18,10 18,50 14 17,40 17,20 17,60

Diametro nominale. Diametro minimo 4 23,55 23,35 23,75 8 21 20,80 21,20 10 19,50 19,30 19,70 12 18,30 18,10 18,50 14 17,40 17,20 17,60 IL CALIBRO La nozione di calibro si presta a numerosi equivoci perché assume diversi significati quali: - il diametro interno della canna - il diametro del proiettile per una data canna - il diametro convenzionale

Dettagli

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese le prove del mese pistole LA TEMPESTA PERFETTA Abbiamo provato il prototipo della BCM Storm calibro 9x21, pistola semiautomatica destinata a creare una famiglia di armi da difesa e per uso di servizio

Dettagli

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri)

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri) Chi siamo Maxam Outdoors S.A. è il leader europeo per la produzione e commercializzazione delle cartucce per caccia e tiro sportivo. E una Società totalmente integrata dal punto di vista produttivo perché

Dettagli

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015 Esame Venatorio Domande a quiz La presente raccolta di domande è finalizzata alla preparazione della prova teorica dell esame di caccia altoatesino. Le risposte corrette sono contrassegnate da una crocetta.

Dettagli

c) La cinghia ed il calcio. a) Sempre. c) Mai.

c) La cinghia ed il calcio. a) Sempre. c) Mai. 451) Quali sono le parti essenziali di un fucile basculante? a) La canna, la bascula e il calcio. b) Il mirino ed il guardavano o sottomano. c) La cinghia ed il calcio. 452) Quando è consentito andare

Dettagli

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato Nella presente esercitazione si redige il programma CNC per la fresatura del pezzo illustrato nelle Figure 1 e 2. Figura

Dettagli

GUIDA ALLA RICARICA DI MUNIZIONI DA PISTOLA CON PALLA GUNNY SE Calibro 9x21 IMI

GUIDA ALLA RICARICA DI MUNIZIONI DA PISTOLA CON PALLA GUNNY SE Calibro 9x21 IMI GUIDA ALLA RICARICA DI MUNIZIONI DA PISTOLA CON PALLA GUNNY SE Calibro 9x21 IMI -1- -2- Innanzitutto procedere alla ricalibratura dei bossoli (foto 1). Si dovranno scegliere i più adatti allo scopo. Il

Dettagli

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali www.lacacciaalcinghiale.com LA CACCIA AL LA CACCIA AL Caccia all estero Turchia: il regno degli «Attila» Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali Regioni Umbria Toscana Basilicata Armi Browning

Dettagli

CINGHIALE (Sus scrofa)

CINGHIALE (Sus scrofa) CINGHIALE (Sus scrofa) Uso di armi e cani per la caccia al Cinghiale CACCIA AL CINGHIALE: ARMI Un arma è per definizione un oggetto atto a offendere e/o a difendere. Si dividono in: armi bianche, armi

Dettagli

8x38 SUPER AUTO. revolver. le prove del mese

8x38 SUPER AUTO. revolver. le prove del mese revolver 8x38 SUPER AUTO Otto colpi di 38 Super Auto: nessun revolver aveva mai fornito questa possibilità. Ci ha pensato la S&W con questa versione del modello 627 prodotta dal suo Performance Center.

Dettagli

Test sul fucile d assalto

Test sul fucile d assalto Formulario 27.071 i Test sul fucile d assalto Corsa per giovani tiratori Corsa per capi di giovani tiratori Stato al 01.10.2010 NDEs 293-1995 / SAP 2542.1934 Test n o 1 sicurezze 1. Che controlli devo

Dettagli

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

Fucili canna liscia. Franchi Feeling Sporting. Sovrapposto specifico da divertimento. Caccia Passione 47

Fucili canna liscia. Franchi Feeling Sporting. Sovrapposto specifico da divertimento. Caccia Passione 47 Caccia Passione 46 Fucili canna liscia Franchi Feeling Sporting Sovrapposto specifico da divertimento Caccia Passione 47 Franchi Feeling Sporting Sovrapposto specifico da divertimento La linea dei sovrapposti

Dettagli

Pallottole in materiale plastico per tiro ridotto

Pallottole in materiale plastico per tiro ridotto 2/8/2015 Gunny Pallottoleinmaterialeplasticopertiroridotto NuovaversioneTE IlnumerodiSettembre2003di ArmiMagazinecontieneun articolocuratodagianluca Bordinconitesteffettuaticon legunnyedidaticompletidi

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

di: Francesco Zanardi

di: Francesco Zanardi LE PISTOLE A RAFFICA di: Francesco Zanardi Tra i tanti argomenti di cui si parla nei poligoni di tiro non mancano mai le pistole a raffica. Queste armi un po particolari hanno sempre affascinato gli appassionati

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

Stazione di ricarica per il robot Tobor

Stazione di ricarica per il robot Tobor UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dellʼinformazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5355 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RUGGERI, POLI Modifica degli articoli 2 e 3 della legge 25 marzo 1986, n. 85, in materia

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

LA MANUTENZIONE DEL REVOLVER di: Francesco Zanardi

LA MANUTENZIONE DEL REVOLVER di: Francesco Zanardi LA MANUTENZIONE DEL REVOLVER di: Francesco Zanardi Come già spiegato nella precedente tesi sulla manutenzione delle pistole semiautomatiche, ci tengo a ribadire che la manutenzione delle armi è fondamentale

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE asdf ESECUZIONE DELLE FILETTATURE 14 January 2012 Il seguente articolo si propone di realizzare un excursus dei principali metodi di esecuzione di una filettatura. Ci soffermeremo maggiormente su alcuni

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

UITS REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO EX ORDINANZA 100 mt 2010 NORME GENERALI

UITS REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO EX ORDINANZA 100 mt 2010 NORME GENERALI UITS REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO EX ORDINANZA 100 mt 2010 NORME GENERALI AI CAMPIONATI SONO AMMESSI I SOCI TESSERATI UITS ED ISCRITTI AD UNA SEZIONE T.S.N. Armi Modelli di armi adottate fino al 1955

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

BALISTICA FORENSE Impronte di sottoclasse alla prova dei fatti Biagio Manetto

BALISTICA FORENSE Impronte di sottoclasse alla prova dei fatti Biagio Manetto BALISTICA FORENSE Impronte di sottoclasse alla prova dei fatti Biagio Manetto Esperto Balistico già Ispettore Capo della Polizia di Stato con 25 anni di esperienza maturata presso G.R.P.S. di Palermo,

Dettagli

GARA A 300 m PER FUCILI EX-ORDINANZA E ORDINANZA GARA DI CARNEVALE 22 Febbraio 2015

GARA A 300 m PER FUCILI EX-ORDINANZA E ORDINANZA GARA DI CARNEVALE 22 Febbraio 2015 TIRO A SEGNO NAZIONALE Sez. di CAPRINO VERONESE (Vr) GARA A 300 m PER FUCILI EX-ORDINANZA E ORDINANZA GARA DI CARNEVALE 22 Febbraio 2015 La gara si svolgerà presso la sezione di Tiro a Segno di Caprino

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO 3201/04 10 PISTOLE SEMIAUTOMATICHE GLOCK

ISTRUZIONI PER L USO 3201/04 10 PISTOLE SEMIAUTOMATICHE GLOCK ISTRUZIONI PER L USO 3201/04 10 PISTOLE SEMIAUTOMATICHE ISTRUZIONI PER L USO per pistole semiautomatiche Safe Action della. AVVERTENZE: L arma deve considerarsi sempre carica e pronta a sparare fino a

Dettagli

PRESSA MULTIUSO PORTATILE. Perchè utilizzare una pressa diversa dalle convenzionali?

PRESSA MULTIUSO PORTATILE. Perchè utilizzare una pressa diversa dalle convenzionali? PRESSA MULTIUSO PORTATILE di: Mario Favaron Perchè utilizzare una pressa diversa dalle convenzionali? Innanzitutto essa ci permette la ricarica nei campi di tiro in modo da utilizzare un quantitativo di

Dettagli

l Acciaio cementato e temperato, brunito e rettificato Codice Esecuzione g 23310.0025 Con bullone di serraggio grand. 25 x 35 234

l Acciaio cementato e temperato, brunito e rettificato Codice Esecuzione g 23310.0025 Con bullone di serraggio grand. 25 x 35 234 3 EH 23310. Bloccaggi rapidi verticali a spinta grandezza 25 l Acciaio cementato e temperato, brunito e rettificato Codice Esecuzione g 23310.0025 Con bullone di serraggio grand. 25 x 35 234 www.halder.com

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

I SISTEMI DI CHIUSURA DELLE ARMI di: Francesco Zanardi

I SISTEMI DI CHIUSURA DELLE ARMI di: Francesco Zanardi I SISTEMI DI CHIUSURA DELLE ARMI di: Francesco Zanardi Il sistema di chiusura è il vero cuore di tutte le armi da fuoco e serve per una funzione fondamentale: evitare che i gas prodotti dalla combustione

Dettagli

TEST COLTELLO LASER OMERSUB

TEST COLTELLO LASER OMERSUB TEST COLTELLO LASER OMERSUB Per collaudare/testare un coltello non servono pescate e prove particolari, ma serve un utilizzo costante e verificare l usura nel tempo. Il coltello da me provato è il Laser

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

ISTRUZIONI D USO CZ 75 TS

ISTRUZIONI D USO CZ 75 TS ISTRUZIONI D USO CZ 75 TS Prima di iniziare ad operare con la pistola, prendete conoscenza delle presenti istruzioni, e soprattutto delle seguenti disposizioni di sicurezza. Una manovra non corretta o

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno A seguito della verifica dei registri infortuni delle aziende del settore legno, si ritiene necessario fornire ulteriori indicazioni di bonifica

Dettagli

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Chi conosce l Analisi Ciclica capirà meglio la sequenza logica qui seguita. Anche chi non consoce bene l Analisi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE PROVINCIA DI RIMINI UFFICIO TUTELA FAUNISTICA HYSTRIX S.R.L. CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE Le armi e le munizioni da caccia nella legislazione vigente Acquisto, detenzione, trasporto,

Dettagli

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia CONSIDERAZIONI TECNICHE SUL REGGISENO REPERTATO NELLA CAMERA DELLA KERCHER Prof. Francesco Vinci docente di Medicina Legale, Patologia Forense, Indagini

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI MANUALE DI ISTRUZIONI MINI CESOIA PIEGATRICE Art. 0892 ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

Dalla divisa. Nate per l uso di servizio, tanto militare quanto. alle gare ARMI LETTERE CORTE FAI MUNIZIONI DA TE BALISTICA FORENSE ARMI CLASSICHE

Dalla divisa. Nate per l uso di servizio, tanto militare quanto. alle gare ARMI LETTERE CORTE FAI MUNIZIONI DA TE BALISTICA FORENSE ARMI CLASSICHE di Paolo Tagini paolo.tagini@armiebalistica.com Dalla divisa alle gare La SIG-Sauer P226 X-Five rappresenta un interessante sviluppo della famosa famiglia di pistole elvetico-tedesche per due motivi: la

Dettagli

N. Domanda Risposta A Risposta B Risposta C Risp. Esatta. E' inserito nella croce dell'asta e serve a invertire l'ordine di ricarica delle canne

N. Domanda Risposta A Risposta B Risposta C Risp. Esatta. E' inserito nella croce dell'asta e serve a invertire l'ordine di ricarica delle canne N. Domanda Risposta Risposta Risposta Risp. Esatta 1 2 3 In un fucile monogrillo dove è inserito e a cosa serve l'invertitore? omesi determina il calibro una liscia? Quale dei seguenti calibri ha una minore

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

Dalla FM alla FM3A (1977-1999) Terza Parte FM caratteristiche (segue)

Dalla FM alla FM3A (1977-1999) Terza Parte FM caratteristiche (segue) Dalla FM alla FM3A (1977-1999) Terza Parte FM caratteristiche (segue) - Compatibilità con MD11/MD12 Per la FM la Nikon costruì un motore di trascinamento pellicola completamente nuovo, l'md-11, che si

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO. Quante mani servono per aprire e chiudere la persiana? FERMAPERSIANE E FERMAPORTE

VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO. Quante mani servono per aprire e chiudere la persiana? FERMAPERSIANE E FERMAPORTE VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO Quante mani servono per aprire e chiudere la persiana? FERMAPERSIANE E FERMAPORTE Una. Fissare la persiana quando è aperta e sbloccarla quando è il momento di richiuderla è diventato

Dettagli

Espresso 12. La prima macchina da caffè espresso funzionante a 12V

Espresso 12. La prima macchina da caffè espresso funzionante a 12V Espresso 12 La prima macchina da caffè espresso funzionante a 12V Espresso 12 è la nuovissima macchina da caffè espresso alimentabile a 12V. Finalmente è possibile preparare il caffè espresso senza l uso

Dettagli

Strumenti necessari per il disegno

Strumenti necessari per il disegno Capitolo 9 Strumenti necessari per il disegno Sarebbe sbagliato ridurre il campo del disegno in genere, e quindi anche del disegno in rilievo, alla sola riproduzione degli oggetti che abbiamo intorno.

Dettagli

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT Scuola Calcio Tecnica PROBLEMA: COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A cura di Ernesto Marchi WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT

Dettagli

ESTRATTO ATTUATORE CON VITE SENZA FINE PER TRAIETTORIE NON LINEARI E ALZACRISTALLI REALIZZATO CON IL MEDESIMO

ESTRATTO ATTUATORE CON VITE SENZA FINE PER TRAIETTORIE NON LINEARI E ALZACRISTALLI REALIZZATO CON IL MEDESIMO ESTRATTO ATTUATORE CON VITE SENZA FINE PER TRAIETTORIE NON LINEARI E ALZACRISTALLI REALIZZATO CON IL MEDESIMO vittorio.scialla@strumentiperleaziende.com Attuatore per traiettorie non lineari dotato di

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

Analisi con due Velocità

Analisi con due Velocità Analisi con due Velocità Questo documento descrive il metodo di misura di due velocità. Analisi, interpretazione esperienze e documenti complementari si trovano nei manuali del Software PIT-W versione

Dettagli

WAR BOW: L ARCO DA GUERRA INGLESE DEL MEDIOEVO (1)

WAR BOW: L ARCO DA GUERRA INGLESE DEL MEDIOEVO (1) WAR BOW: L ARCO DA GUERRA INGLESE DEL MEDIOEVO (1) arcieri inglesi in battaglia ( dalle cronache di Froissart) Il seguente articolo vuole illustrare una replica di un arco tipo quelli recuperati nel relitto

Dettagli

Linee guida per realizzazione e montaggio di bersagli metallici per le competizioni di Steel Challenge

Linee guida per realizzazione e montaggio di bersagli metallici per le competizioni di Steel Challenge Linee guida per realizzazione e montaggio di bersagli metallici per le competizioni di Steel Challenge a cura del Consigliere Federale FITDS Responsabile di Area Sportiva Steel Challenge Stefano Massa

Dettagli

I nuovi Studi di Settore: la nuova arma del Fisco per scovare gli evasori

I nuovi Studi di Settore: la nuova arma del Fisco per scovare gli evasori I nuovi Studi di Settore: la nuova arma del Fisco per scovare gli evasori Sono trascorsi ormai quasi vent anni dalla loro prima apparizione e gli studi di settore rappresentano uno degli strumenti del

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

FAL MANUALE D USO FUCILE AUTOMATICO LEGGERO CAL. 7.62 H 12. FABRlQUE NATlONALE HERSTAL Société Anonyme B-4400 HERSTAL (BELGIUM)

FAL MANUALE D USO FUCILE AUTOMATICO LEGGERO CAL. 7.62 H 12. FABRlQUE NATlONALE HERSTAL Société Anonyme B-4400 HERSTAL (BELGIUM) f FAL MANUALE D USO FUCILE AUTOMATICO LEGGERO CAL. 7.62 mm FABRlQUE NATlONALE HERSTAL Société Anonyme H 12 B-4400 HERSTAL (BELGIUM) Traduzione: salwo@despammed.com INTRODUZIONE Il FN Fucile Automatico

Dettagli

I quaderni del Giardino dei Ciliegi

I quaderni del Giardino dei Ciliegi I quaderni del Giardino dei Ciliegi Come fare un bo Introduzione Quello che è raccolto in queste poche pagine è il frutto di un lavoro spontaneo, nato da diverse passioni che coltivo da diversi anni. Volevo

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

RISCHIO CHIMICO E CANCEROGENO PRESSO I LABORATORI E I SERVIZI DELL UNIVERSITÀ DI TRENTO

RISCHIO CHIMICO E CANCEROGENO PRESSO I LABORATORI E I SERVIZI DELL UNIVERSITÀ DI TRENTO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE RISCHIO CHIMICO E CANCEROGENO PRESSO I LABORATORI E I SERVIZI DELL UNIVERSITÀ DI TRENTO - ANALISI PRELIMINARE SULLA PRESENZA DI AGENTI CHIMICI - 1. PRESENZA E AGGIORNAMENTO

Dettagli

CINTURE 4 PUNTI FISSE SU IBIZA 6L

CINTURE 4 PUNTI FISSE SU IBIZA 6L PEDIA www.ibizatuningclub.com CINTURE 4 PUNTI FISSE SU IBIZA 6L - PREMESSA Con questa descrizione voglio spiegare un metodo per l installazione di cinture fisse a 4 punti sull Ibiza 6L; sicuramente tornerà

Dettagli

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità Valutare un test 9 Quando si sottopone una popolazione ad una procedura diagnostica, non tutti i soggetti malati risulteranno positivi al test, così come non tutti i soggetti sani risulteranno negativi.

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

Nuovo tipo di utensile per brocciatura

Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nella costruzione di parti meccaniche, anche molto semplici, a volte bisogna affrontare dei problemi di una certa difficoltà che richiedono, per la loro risoluzione,

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagina 1 di 5 da Acciai da \INDICE: 1) Scopo 2) Campo di applicazione 3) Norma di riferimento 4) Definizioni e simboli 5) Responsabilità 6) Apparecchiature 7) Modalità esecutive 8) Esposizione dei risultati

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.8 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Lavorazione a freddo della lamiera LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Lavorazione a freddo delle lamiere È il processo

Dettagli

CORALLO: COME SI LAVORA

CORALLO: COME SI LAVORA CORALLO: COME SI LAVORA di Giuseppe Rajola Edizioni vesuvioweb La lavorazione del corallo si divide in due differenti grosse famiglie: il liscio e l inciso. Cosa si intende per liscio? La lavorazione del

Dettagli

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia Classe quarta U.D.A. TECNOLOGIA Ins. PANARESE ANNA TITOLO: Progettiamo e costruiamo modelli di mezzi di trasporto Apprendimento unitario: riconoscere le funzioni dei mezzi di trasporto e individuare problemi

Dettagli

I COLORI DELLE CARTE ( SUITS )

I COLORI DELLE CARTE ( SUITS ) Il Pyramid è un gioco di carte giocato nella serie originale di Battlestar Galactica. Nella nuova serie non è scomparso ma viene chiamato Full Colors mentre il termine Pyramid è ora riferito ad uno sport

Dettagli

Foto di esemplare integro da internet.

Foto di esemplare integro da internet. LANCIARAZZI mod. 1909 AUSTRIA (e di fatto la pistola lancia-razzi tedesca Hebel mod. 1894 utilizzato dalla Germania fino alla seconda guerra mondiale ) Foto di esemplare integro da internet. Prima nota:

Dettagli

Lezione 7 Sicurezza delle informazioni

Lezione 7 Sicurezza delle informazioni Lezione 7 Sicurezza delle informazioni Sommario Concetti generali Meccanismi per la sicurezza IT: Crittografia Hash Firma digitale Autenticazione 1 Concetti generali Availability Confidentiality Integrity

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini 1.1 Caratteristiche ottiche dei materiali oftalmici

1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini 1.1 Caratteristiche ottiche dei materiali oftalmici 1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini Esaminiamo in questo capitolo le principali caratteristiche dei vari materiali utilizzati nel campo dell'ottica oftalmica,

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

KGS/GMC BRICO 125-185-220

KGS/GMC BRICO 125-185-220 KGS/GMC BRICO 125-185-220 OPTIONALS 1 12 7 8 3 5 10 9 2 N DESCRIZIONE CODICE 1 Rulli a scomparsa per lo scorrimento pannelli GMC 00185 2 Prolungamento supporto intermedio ribaltabile (800 mm) GMC 00006

Dettagli

Parliamo di Titanio..

Parliamo di Titanio.. http://www.infodental.it Parliamo di Titanio.. 1 di Vittorio De Nardi Laboratorio Odontotecnico De Nardi Vittorio Via Nazionale 65 31020 San Fior (Treviso) Tel: 0438/76454 Email: vdenar@tin.it Vittorio

Dettagli

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 INTRODUZIONE 1.0 PREVENZIONE CONTRO INDIVIDUAZIONE. L'approccio tradizionale nella fabbricazione dei prodotti consiste nel controllo

Dettagli

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Autore: Vitali Shkaruba Traduzione in italiano: Enrico De Santis Nota: prima di affrontare questo articolo sarebbe opportuno conoscere

Dettagli

Disciplinamento previsto dal P-LArm: Tipo di arma Spiegazioni sul tipo di arma. in vigore:

Disciplinamento previsto dal P-LArm: Tipo di arma Spiegazioni sul tipo di arma. in vigore: Armi antiche Armi da fuoco portatili fabbricate prima del 1890; armi da taglio, da punta e altre armi fabbricate prima del 1900. Armi ad aria compressa/ armi a CO 2 Pugnali Dispositivi che producono un

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli