BANCA TOSCANA. Corso Introduttivo al Servizio Estero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCA TOSCANA. Corso Introduttivo al Servizio Estero"

Transcript

1 BANCA TOSCANA Corso Introduttivo al Servizio Estero 1

2 I rapporti con l Estero La crescente unificazione dei mercati, legata a processi di omogeneizzazione dei modelli di produzione e consumo, e la accresciuta diffusione mondiale di prodotti e tecnologie ha generato un grado crescente di internazionalizzazione e integrazione economica dei Paesi che riguarda aspetti mercantili, finanziari, tecnologici e d investimento 2

3 I rapporti con l Estero Operare con l estero significa spesso affrontare problemi, talvolta complessi, di carattere economico, normativo e valutario 3

4 L Ordinamento Valutario Italiano Principi informatori e fonti La Legge 599 del ha avviato il processo di LIBERALIZZAZIONE VALUTARIA Ribaltando i principi che regolavano i rapporti economici e finanziari con l estero 4

5 L ordinamento Valutario Italiano Si è passati dal divieto generalizzato di compiere qualsiasi atto idoneo a produrre obbligazioni fra RESIDENTI e NON RESIDENTI (se non in presenza di AUTORIZZAZIONE) 5

6 L Ordinamento Valutario Italiano Al principio opposto e cioè quello della LIBERTA DELLE RELAZIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE CON L ESTERO 6

7 Caratteristiche generali I Conti in valuta Sono conti denominati in una divisa diversa da quella nazionale (euro). Possono assumere anche la forma tecnica del "conto vincolato" (con vincolo fissato in trimestre solare, rinnovabile tacitamente), al quale sono riservate condizioni particolari, quali tassi più elevati. Le operazioni di versamento e di prelievo sono regolate dalle stesse norme valide per i conti in euro; le competenze maturate sono liquidate nella valuta di denominazione del conto Caratteristiche tecniche Accensione: sono normale contratti di conto corrente, integrati da una appendice contenente le norme legate alla specificità del conto in valuta Documenti Analoghi ai conti in euro 7

8 I Conti in valuta Valute: tutte le principali valute internazionali. Tasso: sono previsti tassi standard e tassi particolari. E E possibile applicare tassi variabili, indicizzati al tasso Libor.. I conti vincolati godono di una remunerazione maggiore Liquidazione interessi: trimestrale (marzo, giugno, settembre, dicembre) Oneri fiscali: Gli interessi sui conti "residenti" in valuta, sono assoggettati tati alla ritenuta fiscale nella misura del 27%, ad eccezione degli interessi dei conti correnti bancari di pertinenza di "soggetti non residenti" per il quali, a seguito dell'entrata in vigore del D.Lgs Lgs.259 del 21 Luglio 1999, è prevista la non applicazione dell'imposta purchè presentino la prevista autocertificazione di residenza fiscale all'estero 8

9 I Conti in valuta Conti in Valuta Residente Non residente 9

10 Depositi in valuta con durata personalizzata La principale caratteristica del deposito in valuta è la flessibilità del vincolo, che permette appunto di personalizzare la durata ed ottenere migliori tassi di remunerazione Il deposito può essere acceso per qualsiasi durata; il prelevamento delle somme depositate e degli interessi maturati è ammesso solo alla scadenza concordata,, salvo eccezioni subordinate all autorizzazione autorizzazione dell Ufficio Finanza e Tesoreria 10

11 11

12 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale Ovvero con quali metodi, sistemi e mezzi i Residenti si pongono come controparte con i Non Residenti nel pagare/incassare loro debiti/crediti 12

13 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale Abbiamo già visto che i residenti si avvalgono per i trasferimenti valutari degli intermediari abilitati ovvero dell Amministrazione Postale e che possono regolare le operazioni con l estero anche mediante: Compensazioni di partite di debito e credito tra residenti e non residenti. Movimentazione di conti all estero Consegna materiale di mezzi di pagamento in Italia o all estero 13

14 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale Pertanto alcuni degli strumenti di regolamento sono analoghi a quelli del commercio interno, quali i regolamenti a mezzo di: Banconote Assegni Effetti cambiari Bonifici Queste forme di regolamento rispetto all operazione sottostante possono essere Anticipate o Posticipate 14

15 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale Le forme di regolamento più attinenti al commercio estero sono invece: La Vendita su documenti con intervento della banca ossia la rimessa documentata Il Credito Documentario 15

16 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO BANCONOTE Non è frequente nel commercio internazionale, la normativa valutaria non prevede limitazioni a tale forma di regolamento, occorre però tener presente: i limiti all uso del contante previsti dalla normativa antiriciclaggio (Legge 197 del 1991) le modalità di rilevazione e dichiarazione in materia di circolazione transfrontaliera di denaro titoli ecc. stabilite dal Dlgs.125 del

17 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO BANCONOTE Infatti i residenti possono consegnare in Italia direttamente a non residenti banconote italiane ed estere a regolamento di operazioni con l'estero, ma la Normativa Antiriciclaggio proibisce i trasferimenti in contanti per importi superiori a ,00; ; le operazioni che superano il predetto limite devono essere eseguite per il tramite degli intermediari abilitati Questo tipo di regolamento rientra tra le operazioni decanalizzate ai fini delle segnalazioni all U.I.C. previste dalla comunicazione UIC 1998/1 17

18 A MEZZO BANCONOTE Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale E un mercato distinto da quello delle divise. Le quotazioni banconote, pur risentendo delle tendenze dei cambi delle divise, se ne discostano sovente sia per cause contingenti, che si riflettono sulla domanda/offerta, sia perché risentono talvolta di divieti valutari posti da alcuni paesi per la circolazione di alcuni tagli di loro monete, come pure per la maggiore incidenza delle eventuali spese di trasporto e di assicurazione per i biglietti di minor valore unitario 18

19 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO ASSEGNI L'esportatore nazionale che riceva dall'estero un assegno di conto corrente emesso in suo favore può: cederlo alla banca girarlo,, se del caso, ad altro residente rispettando le disposizioni stabilite dalla normativa antiriciclaggio 19

20 A mezzo assegni Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale Nella nostra legislazione (come in quelle ispirate alla Convenzione di Ginevra) l'assegno è un titolo di credito astratto, formale e completo, che contiene l'ordine incondizionato, diretto ad una banca, di pagare a vista una determinata somma, all'ordine di una data persona o al portatore Nel regolamento mediante assegno questo può essere emesso dal cliente sul proprio conto corrente, oppure da una banca 20

21 L Assegno Bancario Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale L'assegno bancario è un mezzo di pagamento agevole, sostitutivo della moneta; è un titolo di credito pagabile a vista che si perfeziona giuridicamente nel momento in cui entra in circolazione, vale a dire quando la disponibilità passa dal traente al prenditore A differenza della cambiale, che costituisce strumento di credito, l'assegno bancario - pur essendo anch'esso un titolo astratto - è mezzo di pagamento, per il quale è necessaria l'esistenza di un rapporto di provvista con la banca su cui viene tratto 21

22 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale I rischi generali del regolamento a mezzo assegni esteri Accredito non definitivo Possibilità da parte del traente di apporre lo Stop Payment sul titolo bloccandone il pagamento a dopo molto tempo dalla data di emissione Assoggettazione a regimi giuridici diversi 22

23 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale Sul beneficiario gravano comunque dei rischi legati all'incasso effettivo: New York, 20 settembre 2002 usd.5, SAVING BANK OF PORTLAND 1065 Main Street Portland Oregon-USA At sight pay for this cheque the amount of USD. fivethousand In favour of Mr. Daniele Grossi John Milton Account Cheque nbr Mancanza di fondi Rischio paese/banca Restrizioni valutarie 23

24 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A mezzo assegni L'esportatore nazionale che riceva dall'estero un assegno di conto corrente emesso in suo favore può: cederlo alla banca girarlo,, se del caso, ad altro residente rispettando le disposizioni stabilite dalla normativa antiriciclaggio 24

25 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A mezzo assegni E consentita l esportazione e l importazione di assegni sia da parte di residenti che di non residenti. Si ricorda che il Dlgs.125 del Norme in materia di circolazione transfrontaliera di capitali ha modificato l'articolo 3 della Legge 227/90 " Monitoraggio fiscale", permette trasferimenti al seguito, ovvero mediante plico postale o equivalente da o verso l'estero, da parte di residenti e non residenti, di denaro, titoli e valori mobiliari in lire/euro o valuta estera 25

26 A mezzo assegni Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale I trasferimenti di valore superiore a ,00 devono essere dichiarati all'u.i.c. con dichiarazione che deve essere depositata per i passaggi extracomunitari presso gli uffici doganali di confine e per i passaggi intracomunitari presso una Banca, ovvero un Ufficio doganale, un Ufficio postale, o un Comando della Guardia di Finanza entro 48 ore 26

27 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A mezzo assegni Non trasferibile Gli assegni di importo superiore a ,00: Se emessi in Italia a favore di nominativi esteri, devono recare la clausola di Non Trasferibilità fin dall origine Se emessi all estero, per il principio di territorialità insito nella legge, possono non recare la clausola di non trasferibilità à,, tale clausola va comunque apposta se vengono girati nell ambito del confine nazionale a soggetto diverso dalla banca incaricata all incasso 27

28 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale La negoziazione degli assegni New York, 20 settembre 2002 usd.5, SAVING BANK OF PORTLAND 1065 Main Street Portland Oregon-USA At sight pay for this cheque the amount of USD. fivethousand In favour of Mr. Daniele Grossi John Milton Account Cheque nbr Ogni assegno deve essere negoziato con le modalità opportune: Negoziazione con accreditamento in conto Salvo Buon Fine (SBF) Negoziazione per cassa Negoziazione al dopo incasso 28

29 Bankers Draft (assegno piazzato) La differenza rispetto all'assegno bancario sta nel traente: infatti il debitore, cioè l'ordinante, ordina alla banca traente di emettere un assegno a valere sul proprio conto presso un corrispondente L'esistenza della banca traente, se di primaria importanza, permette ette di eliminare i rischi per mancanza di fondi, ma lascia invariati gli i altri tipi di rischi legati al paese ed alle restrizioni valutarie. Sparisce il rischio di insolvenza; restano il rischio valutario ed il rischio paese 29

30 International Money Order (assegno circolare) E' il nostro assegno circolare a favore di non residenti Spariscono il rischio di insolvenza e il rischio valutario; permane il rischio paese 30

31 Emissione di assegni Per quanto riguarda i pagamenti dall'italia verso l'estero, la Banca, B su richiesta e per conto dell'interessato, può emettere assegni in valuta o in euro a favore di beneficiari non residenti 31

32 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO BONIFICO Nel contesto di una compravendita internazionale il bonifico bancario consiste in un trasferimento di fondi ordinato da un debitore a favore di un creditore, effettuato tramite una o più banche 32

33 A MEZZO BONIFICO Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale Le parti che intervengono in un bonifico: l'ordinante: è il debitore che deve regolare il suo debito, versa il corrispettivo presso la propria banca e le conferisce l'ordine di d trasferire i fondi (lire o valuta) al beneficiario il beneficiario: è il creditore che deve introitare i fondi trasferiti dal debitore 33

34 A MEZZO BONIFICO Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale Le parti che intervengono in un bonifico: la banca dell'ordinante: è la banca che riceve l'ordine di pagare. Trasferisce i fondi a favore del beneficiario movimentando uno dei conti intrattenuti con la corrispondente direttamente o per il tramite di una terza banca corrispondente la banca del beneficiario: è la banca dell'esportatore. Ricevuto l'ordine di bonifico dalla propria corrispondente e verificata l'avvenuta copertura dei fondi provvede ad accreditare l'importo al beneficiario 34

35 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO BONIFICO Nell ambito del regolamento a mezzo bonifico assumono particolare importanza i BONIFICI TRANSFRONTALIERI (Direttiva 97/5/CE Dlgs 253/2000): Operazioni in Euro (o valute EFTA) di importo non superiore a ,00 disposte da un ordinante tramite un ente creditizio insediato in uno Stato membro a favore di un beneficiario presso un ente creditizio di un altro stato membro 35

36 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO BONIFICO TRANSFRONTALIERO Obblighi della banca Rispettare i tempi di accredito/addebito: Per i bonifici in partenza la banca dell ordinante si impegna ad accreditare la banca del beneficiario entro il 5 giorno lavorativo successivo all accettazione accettazione dell ordine Per i bonifici in arrivo alla banca del beneficiario è fatto obbligo di accreditare il beneficiario alla fine del giorno lavorativo successivo al giorno in cui la somma è stata accreditata 36

37 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO BONIFICO TRANSFRONTALIERO Obblighi della banca Eseguire il bonifico secondo le istruzioni: Le banche che intervengono nell operazione devono eseguire il bonifico per l intero l ammontare indicato, a meno che l ordinante non abbia specificato che le spese devono essere sostenute, in tutto, o in parte, dal beneficiario (OUR,( OUR, BEN, SHARE) 37

38 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO BONIFICO STP (Low Value Payment) Pagamenti tansfrontalieri in Euro e Sek di importo inferiore od uguale a ,00 Gli obblighi principali sono: Equiparazione delle commissioni rispetto ai bonifici interni Diffusione della codifica internazionale (Presenza nella disposizione di pagamento dei codici IBAN e BIC del beneficiario) per consentire il trattamento automatizzato dei bonifici 38

39 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO EFFETTO CAMBIARIO Lo strumento affermatosi per le transazioni internazionali è la cambiale internazionale Essa incorpora tutti gli elementi formali dei nostri effetti cambiari ed essendo redatta nelle lingue inglese o francese, evita possibili interpretazioni contraddittorie 39

40 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A mezzo rimessa documentata Le rimesse documentate sono uno strumento che si basa sulla seguente meccanica: 1. Il creditore/venditore inoltra i documenti 2. tramite una banca 3. ad una banca mandataria che 4. consegnerà i documenti al debitore/compratore secondo le istruzioni ricevute dal mandante (in genere Banca) e cioè 40

41 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO RIMESSA DOCUMENTATA documenti contro pagamento (D/P): il compratore può ritirare i documenti pagando l'importo dell'incasso documenti contro accettazione (D/A): il compratore può ritirare i documenti rilasciando un impegno di natura cambiaria (accettazione di tratta o rilascio di pagherò). L'effetto accettato può essere ritornato alla banca trasmittente (a chiusura dell'incasso), oppure trattenuto dalla banca presentatrice (per il successivo incasso a scadenza) 41

42 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO RIMESSA DOCUMENTATA documenti contro trust receipt (ricevuta fiduciaria): il compratore ritira i documenti rilasciando un impegno di natura non cambiaria (impegno scritto a pagare, o written undertaking to pay) documenti franco di pagamento (franco valuta): il compratore ritira i documenti rilasciando ricevuta di avvenuta consegna (atto formale attestante il passaggio dei documenti dal venditore al compratore) documenti contro rilascio di garanzia bancaria: : il compratore può ritirare i documenti solo dietro rilascio di una garanzia di firma bancaria (accettazione o avallo di effetti; fidejussione a garanzia del pagamento) 42

43 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO CREDITO DOCUMENTARIO Il credito documentario è un obbligazione assunta in forma scritta da parte di una banca (emittente), per ordine di un suo cliente (ordinante), di versare o di impegnarsi a versare ad un terzo (beneficiario) una certa somma, contestualmente o in data successiva alla consegna di documenti comprovanti la spedizione di merci dal venditore/beneficiario solitamente al compratore/ ordinante e previa verifica di conformità degli stessi documenti alle condizioni ed ai termini del credito 43

44 Il regolamento del prezzo nel commercio internazionale A MEZZO CREDITO DOCUMENTARIO Il regolamento a mezzo credito documentario è l unico che consente, sia all importatore che all esportatore, un concreto margine di tranquillità circa il buon esito dell operazione, margine che può variare secondo la forma e le modalità del credito 44

45 Le operazioni in cambi 45

46 Le operazioni in cambi La moneta può essere definita come quel bene generalmente usato come strumento di scambio che svolge altresì funzione di misuratore di valori La capacità che ha la moneta di un paese di acquistare la moneta di un altro paese si definisce cambio. Tale capacità si misura con un rapporto tra le due monete e che costituisce il corso del cambio 46

47 Il rischio di cambio E quell imponderabile elemento di incertezza determinato dall impossibilità di stabilire a priori la quantità di moneta nazionale che verrà pagata o riscossa in un epoca futura, a regolamento di un credito o di un debito espresso in divisa estera 47

48 La moneta dell U.M.E. Per quanto riguarda la quotazione delle divise, per effetto dell'introduzione dell'euro, esse vengono quotate contro Euro con il metodo "certo" per incerto", si offre perciò una quantità fissa corrispondente ad 1 Euro contro una quantità variabile di moneta estera; la parità esprime pertanto la quantità di divisa estera corrispondente ad 1 Euro Con la costituzione dell'unione Monetaria fin dal i mercati valutari di tutto il mondo hanno cessato di trattare le divise dei Paesi "IN cioè le 11 divise dei 12 paesi aderenti all Unione Monetaria 48

49 Negoziazione di divise estere A seconda dell'epoca di esecuzione, cioè del momento in cui viene consegnata/ritirata la divisa venduta/acquistata, le contrattazioni si distinguono in: a pronti (spot), se la consegna ed il pagamento della divisa hanno luogo entro due giorni lavorativi; ; al regolamento a pronti si applica il cambio del giorno di negoziazione (cambio a pronti, o "spot ) a termine (forward( forward), se la consegna ed il pagamento della divisa sono contrattualmente previsti a una data futura, successiva ai due giorni lavorativi; ; al regolamento a termine si applica il cambio stabilito in contratto (cambio a termine, o "forward" forward" " ) 49

50 I rapporti di cambio I rapporti di cambio fra valute variano in funzione della natura della divisa scambiata; quelli presenti sul mercato spot domestico sono di tre tipi: 1. il cambio cable (o valutario): si riferisce ad operazioni regolate con bonifici o accrediti bancari 2. il cambio chèque (o assegno): si riferisce ad operazioni regolate mediante assegni 3. il cambio banconote: è il cambio riservato alle banconote 50

51 Listino dei cambi Nel listino vengono riportate le quotazioni a pronti denaro e lettera delle divise per cambio denaro (ns.acquisto/export) si intende il prezzo al quale le banche sono disposte ad acquistare divise per cambio lettera (ns.vendita/import) si intende il prezzo al quale le banche sono disposte a vendere divise 51

52 Le operazioni a termine Sono operazioni di acquisto e vendita di valuta per consegna a data futura ed a cambio prefissato, con regolamento minimo a partire dal terzo giorno lavorativo Prevedono quindi due distinte fasi operative: l'accensione nella quale si stipula il contratto fissando tipo divisa, quantità,, prezzo e scadenza e si verifica la capienza della linea di credito (Fido: CTV). la liquidazione nella quale il contratto si risolve con la la consegna ed il pagamento della divisa negoziata 52

53 Le operazioni a termine Il cambio a termine (forward) è dato dalla somma algebrica tra cambio a pronti (spot), che costituisce la "base del cambio", ed il premio, espresso in "punti", che può essere positivo o negativo I punti di premio (pips)) sono la capitalizzazione del differenziale di tasso delle due divise; nella quotazione a termine la divisa con tasso di interesse minore ottiene un "premio (premium), quella con tasso di interesse maggiore beneficia di uno "sconto" (discount) 53

54 Il credito documentario È il sistema più affidabile di regolamento per le transazioni commerciali; si basa infatti sull'impegno solitamente irrevocabile di una banca ad effettuare il regolamento nei confronti del beneficiario, purché questi presenti i documenti stabiliti nel credito nei termini e alle condizioni previste 54

55 Il credito documentario Di conseguenza, da un lato chi esporta ha la certezza di incassare il prezzo della merce purché consegni alla banca i documenti conformi alle condizioni del credito; dall'altro chi importa, ritirando i documenti da lui stesso richiesti ha motivo di ritenere che il venditore abbia adempiuto agli obblighi contrattuali Tuttavia il credito basa la propria struttura "esclusivamente" sui documenti e quindi è del tutto svincolato dalla buona esecuzione della fornitura 55

56 Il credito documentario Più in particolare è un obbligazione assunta in forma scritta da parte di una banca (emittente( emittente), per ordine di un suo cliente (ordinante( ordinante), di versare o di impegnarsi a versare ad un terzo (beneficiario( beneficiario) ) una certa somma, contestualmente o in data successiva alla consegna di documenti comprovanti la spedizione di merci dal venditore/beneficiario solitamente al compratore/ ordinante e previa verifica di conformità degli stessi documenti alle condizioni ed ai termini del credito 56

57 Principi fondamentali Autonomia/Astrattezza dell impegno: L obbligazione della banca è assolutamente svincolata dai rapporti contrattuali delle parti coinvolte che, pure, ne costituiscono il presupposto Letteralità del credito: Esso si concretizza nel TESTO con cui il credito si esprime (wordings) Formalità del credito: La Banca esamina l aspetto formale dei documenti esibiti non entrando nel merito né della loro autenticità né della loro sostanza 57

58 Principi fondamentali Credito Revocabile: la banca emittente ha facoltà di modificare ed annullare il proprio impegno senza obbligo di preavviso al beneficiario Credito Irrevocabile: la banca emittente assume inderogabilmente l impegno nei confronti del beneficiario (per la modifica o l annullamento occorre il consenso esplicito del beneficiario) Un credito è irrevocabile se nella sua stesura non si dice altrimenti 58

59 Rapporti fra banca e beneficiario La banca che comunica un credito al beneficiario si dice Banca Avvisante Da questa azione nascono due tipi diversi di impegni: Credito solo avvisato: : l incombenza a carico della banca avvisante è quella di inoltro materiale al beneficiario previa verifica della autenticità del documento Credito confermato: : se su richiesta o autorizzazione della banca emittente la banca avvisante (che diviene anche confermante) nel notificare il credito appone suo impegno che si somma a quello della banca emittente 59

60 I soggetti che intervengono Importatore-Ordinante Ordinante-Applicant Banca Emittente-Issuing Bank Banca Avvisante-Advising Advising Bank Banca confermante Esportatore-Venditore Venditore-Beneficiario 60

61 Credito documentario export Nel credito documentario all export l esportatore l riceve notifica da parte della banca avvisante alla quale è stata comunicata, dalla banca emittente,, l apertura l del credito su richiesta dell importatore Pervengono alle Filiali generalmente per SWIFT, ma anche per Telex e per Lettera 61

62 Credito documentario export A ricezione dei documenti l addettol addetto: Ne esegue il controllo formale per verificarne la conformità rispetto ai termini e condizioni del credito documentario Inoltra i documenti alla banca emittente Attiva eventualmente la procedura di rimborso sulla base delle istruzioni contenute nel credito e della decisione assunta a seguito controllo dei documenti 62

63 Motivazioni di Vendita Caratteristiche Elevata garanzia del buon esito della transazione commerciale, in i virtù dell'intervento e dell'impegno di una o più banche Possibilità di ottenere anticipi e finanziamenti a valere sugli impegni di firma assunti dalle banche Clientela Potenziale Settore economico: operatori economici del settore import/export imprese che operano nel campo delle grandi commesse internazionali 63

64 Le Garanzie internazionali Fideiussioni e garanzie bancarie attinenti il commercio estero si sono ampiamente affermate in relazione allo sviluppo del commercio internazionale e ciò in considerazione soprattutto della snellezza operativa insita in certi tipi di intervento 64

65 Le garanzie internazionali Abbiamo già visto che la vendita di merci e servizi a compratori esteri comporta rischi supplementari rispetto a quelli su scala nazionale 65

66 Le garanzie internazionali Per il compratore si tratta soprattutto di assicurarsi che le prestazioni offertegli vengano effettivamente rispettate Per il venditore ciò che conta è che il pagamento avvenga nei termini pattuiti 66

67 Le garanzie internazionali Caratteristiche generali La garanzia di una banca permette di presidiare, attenuandoli, i rischi di inadempimento contrattuale Si attua un meccanismo con cui è la banca a garantire o ad assumere in proprio le obbligazioni contrattuali della parte ordinante 67

68 Le garanzie internazionali Caratteristiche generali Questo tipo di operazioni richiede una linea di credito per l importo garantito che si estinguerà con l estinzione l della garanzia stessa 68

69 Le garanzie internazionali Origine delle garanzie: Contratto/gara di appalto internazionale Obblighi contrattuali Depositi cauzionali Garanzie bancarie 69

70 Le garanzie internazionali La garanzia di una banca permette di attenuare i rischi di inadempimento contrattuale quali: Affidabilità del contraente Difficoltà di rivalsa Rischio paese 70

71 Le garanzie internazionali Gli strumenti per assicurare una prestazione o un pagamento sono: la garanzia "condizionale" (o "vincolata ) la garanzia " domanda" (o autonoma ) 71

72 Le garanzie internazionali Principi fondamentali delle garanzie "condizionali":" accessorietà sussidiarietà solidarietà Trovano applicazione nel mercato interno 72

73 Le garanzie internazionali Principi fondamentali delle garanzie a a domanda autonomia astrattezza formalismo Sono tipiche del commercio internazionale 73

74 Le garanzie internazionali I soggetti che intervengono: Il mandante (ordinante/principal principal) ) (obbligato principale) conferisce l'incarico alla banca Il committente (beneficiario/beneficiary beneficiary) ) riceve la garanzia dalla banca La banca (garante/guarantor guarantor)assume l'impegno a garantire l'obbligazione 74

75 Le garanzie internazionali I soggetti che intervengono: Banca corrispondente Che può essere 1. Corrispondente/avvisante/advising advising party 2. Corrispondente/garante/Guarantor 3. Banca/controgarante controgarante/instructing party 75

76 Le garanzie internazionali In relazione al ruolo ed agli impegni che possono essere assunti dalle banche e in base alla tutela riservata agli interessi delle controparti, le garanzie possono essere: dirette indirette condizionali autonome 76

77 Le garanzie internazionali Le principali tipologie: Fidejussioni doganali Fidejussioni per ritiro di merci in mancanza di polizza di carico Bid-Bond Bond Performance Bond Advance Payment Bond Garanzie per pagamento di importazioni Garanzie per la concessione di linee di credito 77

78 Le garanzie internazionali Motivazioni di Vendita Possibilità per l'importatore di ottenere maggiori dilazioni nei pagamenti. Possibilità per l'esportatore di smobilizzare con facilità,, anche pro-soluto, il proprio credito nei confronti dell'importatore. Maggiori garanzie anche circa il buon esito della transazione commerciale sottostante, in virtù dell'impegno di firma di una o più banche. Minori costi rispetto al deposito cauzionale Clientela Potenziale Settore economico: Operatori con l estero l in genere; imprese che operano nel campo delle grandi commesse internazionali 78

79 L Assistenza creditizia agli operatori Un aspetto peculiare delle facilitazioni di credito per cassa accordate agli imprenditori è sempre stato quello di erogare finanziamenti in una qualsiasi valuta regolarmente trattata sui mercati internazionali Tali facilitazioni possono realizzarsi quindi in Euro o in Valuta Estera, al momento senza alcuna interferenza da parte delle norme valutarie 79

80 L Assistenza creditizia agli operatori Per finanziamento in valuta si intende la possibilità che ha un operatore di concordare con la banca l'apertura di una posizione debitoria in divisa estera da utilizzare per fini di tesoreria in divisa (es. pagamenti all'estero) o come più spesso avviene, per conversione nella moneta nazionale. 80

81 Finanziamenti Diretti da banche italiane Sono costituiti da anticipi, finanziamenti e smobilizzo di crediti sotto varie forme, quali: finanziamenti ed anticipi in valuta e in euro a fronte di operazioni mercantili non mercantili e residuali generanti introiti (Exp.) finanziamenti in valuta e in euro a fronte di operazioni mercantili, non mercantili e residuali generanti esborsi (Imp( Imp.) finanziamenti in valuta a fronte di flussi esportativi di merci e servizi finanziamenti in valuta senza vincolo di destinazione scoperto di conto in valuta per elasticità di cassa sconto in valuta e in euro "pro-solvendo" e "pro-soluto" 81

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE Una delle maggiori difficoltà che devono affrontare gli imprenditori che operano con l estero è l individuazione delle condizioni di pagamento

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

di Antonio Di Meo Estero >> Commercio internazionale

di Antonio Di Meo Estero >> Commercio internazionale TERMINI TECNICI PER DEFINIRE LA CONDIZIONE DI PAGAMENTO di Antonio Di Meo Estero >> Commercio internazionale Una delle più grosse problematiche che gli operatori devono affrontare nelle vendite all estero

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

di Antonio Di Meo Estero>> Commercio internazionale

di Antonio Di Meo Estero>> Commercio internazionale PAGARE L IMPORTAZIONE CON LETTERA DI CREDITO DOCUMENTARIO QUALI I RISCHI E COME CAUTELARSI di Antonio Di Meo Estero>> Commercio internazionale La gran parte delle forniture di merci e/o di servizi che

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA Vista la legge 25 gennaio 2006, n. 29, recante disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

n 1 documenti di sintesi appositamente stampati, composti di n 5 pagine complessive, che costituiscono il frontespizio;

n 1 documenti di sintesi appositamente stampati, composti di n 5 pagine complessive, che costituiscono il frontespizio; Il/I sottoscritto/i NDC XXXXXXX Numero pratica XXXXXXXX COGNOME NOME INDIRIZZO CAP CITTÀ SIGLA dichiara/dichiarano di ricevere copia del contratto relativo a: - Condizioni generali relative al rapporto

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Linea Investimento Garantito PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Assicurazione in caso di morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa, Condizioni

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

Profilo Rendimento Garantito

Profilo Rendimento Garantito Profilo Rendimento Garantito Contratto di Assicurazione sulla vita in caso di morte a vita intera a premio unico e capitale rivalutabile annualmente Tariffa IUP498 Il presente Fascicolo Informativo, contenente:

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 CONTO CORRENTE di CORRISPONDENZA Sez. I Informazioni sulla Banca Denominazione e forma giuridica: BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Soc. Coop. per azioni Sede legate:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli