RELAZIONE OPERATIVA ANNO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE OPERATIVA ANNO 2013"

Transcript

1 RELAZIONE OPERATIVA ANNO 2013 Questa relazione riepilogativa descrive alcuni degli aspetti tecnici e gestionali, sviluppati per lo svolgimento del SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE NEI COMUNI DEL MIRANESE E RIVIERA DEL BRENTA (VE) durante l anno 2013, al fine di ottimizzare le prestazioni e di adattarle alle prerogative dello staff operativo. INTRODUZIONE In ecologia ogni studio dettagliato di un territorio, vale a dire la sua condizione in un dato momento o più in generale la sua evoluzione attraverso le stagioni, richiede la conoscenza contemporanea delle specie che ci vivono e quindi dei fattori in grado di sviluppare le reti alimentari ed i circuiti energetici che determinano la loro abbondanza. Chiaramente l urbanizzazione, che porta alla costruzione delle grandi città, rappresenta la forma estrema dell azione dell uomo sull ambiente, azione che sostituisce letteralmente un ecosistema artificiale ad uno naturale. Una città costituisce una vera e propria isola di calore, in cui la temperatura media dell aria è sempre più alta di quella della campagna circostante ed il clima risulta al tempo stesso più secco e più nebbioso oltre ad essere particolarmente luminoso a causa della illuminazione artificiale persistente. Di conseguenza, passeggiando lungo i territori del Miranese e della riviera del Brenta, un occhio esperto è in grado di rilevare alcune realtà, intercalate nella tradizione storica e culturale degli abitanti, che costituiscono luoghi di possibile sviluppo per diverse tipologie d infestanti. Non sempre si tratta di aree degradate, spazi recintati contenenti rifiuti di varia natura, erbe incolte o luoghi abbandonati, ma in vari casi è l ambiente stesso a rappresentare un ricettacolo artificiale per diverse tipologie animali, selezionandoli per la loro attitudine di adattamento all uomo. La capacità portante delle aree antropizzate nei confronti di specie animali, risulta di fatto particolarmente elevata a causa della conformazione strutturale e della dinamica dei flussi che determinano presenza di alimento facilmente reperibile e luoghi adatti per la riproduzione. L ecosistema urbano è fortemente influenzato da importanti fattori ambientali quali le vie d acqua i cui argini e percorsi, spesso interrati, offrono un importante luogo di riparo, ed in alcuni casi anche di sviluppo, per Roditori, Zanzare e Volatili. Da questi ambienti gli animali possono muoversi agevolmente, utilizzando tali direttrici per gli spostamenti quotidiani e per quelli periodici di lunga Pag. 1

2 percorrenza da e verso le coltivazioni circostanti. Le caratteristiche del territorio Miranese sono infatti rappresentate dalla pianeggiante campagna veneta, caratterizzata da aspetti rurali ed urbani frutto dei secoli trascorsi: dalla urbanizzazione romana che ha definito la conformazione del territorio attraverso un graticolato romano (grandi appezzamenti baulati divisi da siepi e percorso da lunghe strade rettilinee che s'intersecano ad angolo retto), alle opere di regolamentazione delle acque che convergono verso la laguna di Venezia. Le campagne del miranese sono suddivise in unità baulate (ossia in appezzamenti modellati con un colmo centrale volto al rapido sgrondo delle acque piovane per evitare gli effetti di prevedibili ristagni idrici, pregiudizievoli per la maggior parte delle colture), intervallate da incavature della superficie topografica atte ad accogliere le acque pluviali e a smaltirle in cavi colatori che, confluendo in canali di rango via via superiore, formano una rete complessa, terminante nei canali di scolo a loro volta afferenti essenzialmente ai fiumi Brenta e Muson, che convergono alla laguna Veneziana. Altri importanti fattori ambientali in grado di favorire la presenza di infestanti riguardano le linee Ferroviaria ed Autostradale che rappresentano delle vie preferenziali per gli spostamenti dei roditori in quanto zone protette, generalmente dai profili incolti e poco frequentate da persone a piedi. Pag. 2

3 INTERVENTI LARVICIDI PROGRAMMATI Il piano operativo per l esecuzione dei trattamenti antilarvali è stato progressivamente rivisto e sviluppato al fine di predisporre i Percorsi Operativi secondo un ordine regolare caratterizzato da un fronte unico di sviluppo sul territorio in grado di coprire progressivamente la città mantenendo la vicinanza tra le squadre operative, garantendo un coordinamento interno più fluido ed una minor dispersione di risorse. Questo tipo di organizzazione è stata sviluppata riformulando l ordine dei vari Percorsi Operativi ed eseguendo una progressiva compattazione degli stessi al fine di renderli più coesi tra loro e quindi operativamente meglio gestibili in caso di necessità dovute al recupero di strade od al supporto tecnico. Il tutto è avvenuto per gradi, senza stravolgere la dinamica dei trattamenti e senza superare i giorni di tolleranza stabiliti per la riproduzione del servizio. In definitiva i Percorsi Operativi esistenti sono stati ripristinati in veste più bilanciata, permettendo agli operatori una maggior vicinanza, sostenuta dallo stesso punto di ritrovo e quindi dal trattamento di Aree tra loro adiacenti. Ogni mattina il Coordinatore Tecnico consegnava a tutte le squadre l attrezzatura pronta per il servizio ed una cartina sulla quale erano rese visibili, in modo inequivocabile, le strade da trattare. In allegato veniva consegnata una scheda di percorrenza e di raccolta dati, utile strumento d orientamento che permetteva di spuntare le strade trattate, di verificare il numero delle caditoie e di segnalare eventuali anomalie (come la presenza di caditoie otturate od inaccessibili). Ciascun operatore era in contatto telefonico con il Coordinatore Tecnico il cui compito, oltre a quello di appoggiare la squadra, era lo svolgimento dell attività di controllo, di supporto tecnico e di consegna di generi di conforto (spt. Acqua) nelle zone meno servite. Ogni percorso operativo è stato presentato agli operatori con una cartina sulla quale sono rese visibili, in modo inequivocabile, le strade da trattare disposte secondo un ordine di percorrenza dettagliato. Pag. 3

4 SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO L attività di trattamento periodico di tutte le caditoie e bocche di lupo (che per semplicità chiameremo caditoie ) presenti sulle aree di pertinenza è stata pianificata e svolta in funzione delle caratteristiche del prodotto larvicida scelto per il servizio: si tratta del formulato liquido a base di Diflubenzuron (JUVENOX SC-15). La persistenza d azione di tale prodotto, già alla dose di 0,28 ml per caditoia, può essere considerata buona fino a 4 settimane post trattamento e pertanto il programma di ogni ciclo antilarvale è stato completato nell arco di 20 giorni lavorativi. In caso di pioggia o di altri impedimenti, il programma operativo non effettuato è stato recuperato il sabato o comunque nei giorni successivi. IMPIEGO DEGLI SCOOTERS Per il trattamento delle zone periferiche e comunque delle strade idonee alla percorrenza sulle due ruote, si è fatto ricorso a Moto scooters appositamente predisposti. Con questa strategia è stato possibile ottimizzare il lavoro rendendolo meno gravoso per gli operatori, creando Percorsi Operativi dedicati realizzabili principalmente con lo scooter ad eccezione delle aree pedonali o riservate e di quelle in cui l accesso alle caditoie era reso difficoltoso dalle numerose auto parcheggiate. IL SISTEMA D IRRORAZIONE Particolarmente idonea si è rivelata la tecnica di irrorazione delle caditoie sviluppata dal nostro staff tecnico: si tratta di un sistema di ugelli dosatori studiati in modo tale da consentire una elevata maneggevolezza e praticità anche nelle situazioni più scomode, come ad esempio il raggiungimento di caditoie coperte dalle macchine od il trattamento delle bocche di lupo. La particolare forma ad L della lancia irroratrice consentiva agli operatori di trattare in modo efficace le bocche di lupo anche in presenza di auto parcheggiate, senza chinarsi e rimanendo in sicurezza sui marciapiedi. Pag. 4

5 INTERVENTI ADULTICIDI PROGRAMMATI Queste tipologie di interventi contro le forme alate di zanzara ed altri insetti volanti sulle aree di competenza comunale, richiedono particolare attenzione sia per quanto riguarda la scelta dei materiali che per le modalità d intervento: il prodotto utilizzato per gli adulticidi conteneva formulazioni a base acquosa (ovvero prive di insalubri solventi o altri coadiuvanti) di Permetrina e Tetrametrina (PERMEX 22E). Nella maggior parte dei casi i trattamenti abbattenti sono stati eseguiti durante le ore serali, in condizioni di temperatura e ventilazione ottimali. Per le attività di trattamento adulticida sono state impiegate squadre di tecnici specializzati, muniti di tutta l attrezzatura ed i mezzi necessari per lo svolgimento del servizio secondo le migliori pratiche applicative e di sicurezza. A seconda delle necessità potranno essere impiegati nebulizzatori ad aeroconvezione con possibilità di lavorare a potenze variabili tra 35 e 60 HP e gittate da 30 a 50 m in altezza. Oppure, se necessario, atomizzatori spalleggiati per l esecuzione di trattamenti localizzati. Lampeggiante arancione per la segnalazione del mezzo Pompa dosatrice per la miscelazione del prodotto Rullo avvolgitubo da 50 mt con lancia mitra libera Capacità Tuta, mascherina, del serbatoio: guanti 500 e lt, cuffie protettive Tutta l attrezzatura è montata su mezzi fuoristrada 4x4 Navigatore satellitare La programmazione degli interventi e la loro estensione territoriale è stata pianificata di volta in volta in accordo con il committente. Sono state diffuse informazioni precise relative a data ed ora degli interventi, area interessata, necessità di assumere precauzioni quali chiusura di finestre, spegnimento impianti di aspirazione aria, e altro. Pag. 5

6 SERVIZIO DISINFESTAZIONE ZANZARE NEGLI SCOLI Quest anno, in seguito all emergenza West Nile virus, attenendoci alle specifiche linee guida impartite dalle autorità competenti, abbiamo eseguito un trattamento sulle acque territoriali impiegando il prodotto anti larvale negli scoli del comune di Santa Maria di Sala. In sostanza il trattamento è stato eseguito su richiesta, come azione preventiva nei confronti della diffusione di WNV, concentrando l azione riguardo alla presenza potenziale di focolai di Culex spp. (scoli e canali) localizzati nei pressi delle aree abitate, il cui controllo consiste nel trattamento larvicida programmato. I trattamenti antilarvali di scoli e canali, sono stati organizzati nelle zone segnalate sulla base dei monitoraggi larvali svolti. Per l esecuzione delle attività di trattamento delle acque abbiamo impiegato un mezzo atomizzatore fuoristrada, dotato di uno speciale braccio telescopico orientabile con doppio ugello regolabile applicato all estremità del supporto flessibile. Nei casi più complessi si è fatto uso della lancia libera posta all estremità di un tubo allungabile fino a 50mt. Pag. 6

7 INTERVENTI DI DERATTIZZAZIONE PROGRAMMATA Durante l anno 2013 l impianto di derattizzazione installato sul territorio di 14 comuni coinvolti ha visto l impiego complessivo di 1790 postazioni per la derattizzazione. Le postazioni sono state controllate con una cadenza mensile, con una pausa estiva nei mesi di luglio e agosto (per un totale di 10 controlli annui). GLI EROGATORI DI ESCA RODENTICIDA Gli erogatori utilizzati sono del tipo TOPRAT, fissati con appositi ancoraggi e segnalati singolarmente con cartellonistica informativa. Tutte le postazioni, dotate di una chiave universale che ne consente l apertura e l ispezione solo da parte del personale competente, sono state numerate ed evidenziate su planimetrie. La base alimentare dell'esca rappresenta il punto critico di ogni rodenticida, dovendo competere con le fonti di cibo presenti e risultare comunque più appetita dai roditori in tutte le stagioni. Per questo motivo sono state impiegate varie formulazioni di esche aventi come base alimentare cereali tostati in blocchi paraffinati antiframmentazione o una pasta fresca ad alto contenuto di grassi. Per il servizio in questione è stato previsto l'impiego del principio attivio anticoagulante Difenacoum allo 0,005% + Denantonio Benzoato, in forma di bustine di pasta fresca (COLDIF, DIFENABLEU) o, in alternativa, blocchetti paraffinati (NOCURAT), utilizzandone circa 80 grammi per postazione. La scelta della formulazione in bustine di pasta fresca è stata fatta sulla base delle sperimentazioni eseguite negli anni precedenti, i cui risultati indicavano la minor attaccabilità delle bustine da parte delle lumache. In alcuni casi particolari tuttavia, laddove la presenza di lumache non era significativa, sono state impiegati altresì i blocchetti paraffinati. Pag. 7

8 L ATTIVITA DI MONITORAGGIO: INDICI DI VALUTAZIONE DEL CONSUMO D ESCA Ogni intervento di controllo e manutenzione è stato caratterizzato dalla compilazione di una scheda di monitoraggio riportante, per ogni postazione, la valutazione dei consumi di esca riscontrati. L esame delle schede di monitoraggio, permette di creare grafici riassuntivi utili per la comprensione dell andamento delle infestazioni nel tempo. Per ciascuna postazione controllata, veniva attribuito un valore di 0 se l esca risultava intatta, un valore di 1 se l esca risultava consumata fino al 15% (ovvero leggermente intaccata), un valore di 2 per consumi tra il 15 e il 60% e un valore di 3 per un esca consumata oltre al 60%. Tab.1 VALUTAZIONE DELL INFESTAZIONE DA RODITORI (ESCA PER POSTAZIONE = 80gr) INFESTAZIONE NESSUNA LIEVE MEDIA ELEVATA CONSUMO % 0 > 0% 15% 15% 60% > 60% INDICE VALUTAZIONE (VI) CONSUMO IN gr. 0 > >48g Nell arco del tempo gli elementi raccolti, e le loro elaborazioni ponderate, vengono a costituire un elemento utile per migliorare la qualità del servizio reso, ottimizzato sul contributo di tutti i tecnici che operano sul campo. La suddivisione in diversi livelli operativi permette un miglior controllo delle criticità ed un confronto dei dati ottenuti durante i monitoraggi, fornendo così una più chiara interpretazione delle possibili cause che originano i fenomeni d infestazione e permettendo lo sviluppo di strategie di contenimento più mirate ed efficaci. L IMPORTANZA DEL MONITORAGGIO E DELL ANALISI DEI DATI Il fine del monitoraggio è quello di ottenere un immagine della dinamica di una popolazione considerata infestante e quindi della sua evoluzione spazio temporale nell ambito di un ecosistema. A titolo esplicativo si riportano alcuni grafici estrapolati dall analisi dei dati relativi alla derattizzazione eseguita durante il triennio in cui si evincono alcuni interessanti elementi sulle aree del territorio maggiormente interessate dalla presenza di roditori. Pag. 8

9 35,0% Grafico 1. Percentuale delle postazioni che hanno presentato esca totalmente consumata, ripartite per comune nel triennio ,0% 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% ,0% 0,0% Nel grafico 1 vengono rappresentati i rapporti in percentuale delle postazioni che ad ogni controllo sono risultate essere completamente svuotate dall esca rodenticida. Appare quindi evidente il graduale e progressivo aumento nel 2013 della presenza di roditori sull intero territorio, ed in particolare nei comuni di C. Lupia, Dolo, Fiesso D Artico, Mira e Mirano. Pag. 9

10 70,00% Grafico 2. Percentuale delle postazioni che hanno presentato esca totalmente consumata, ripartite per mese nel triennio ,00% 50,00% 40,00% 30,00% ,00% 10,00% 0,00% GEN FEB MAR APR MAG GIU SET OTT NOV DIC Nel grafico 2 si evince come questi consumi siano concentrati nei mesi estivi ed autunnali: ad esempio, durante il periodo da Giugno a Novembre del 2013, le postazioni in cui l esca risulta essere totalmente consumata superano il 40% del totale. Si nota inoltre come l aumento riscontrato nel 2013 si concentri in particolare durante il controllo dei mesi di Maggio, Giugno e Novembre. Nella lettura di questi grafici bisogna tener conto della sospensione del servizio durante i mesi di Luglio ed Agosto, valutando il picco dei consumi rilevato al controllo di settembre come la conseguenza di tale evento e non come un incremento sensibile della presenza di roditori sul territorio. Notare inoltre come l andamento del grafico 2. ricalca l andamento del successivo grafico 3., il quale rappresenta l andamento medio dei consumi rilevati ad ogni controllo. Pag. 10

11 Media dei consumi rilevati ad ogni ciclo di verifica 3,00 Grafico 3. Andamento mensile del consumo medio di esca rodenticida nei vari comuni ANNO ,50 2,00 1,50 1,00 0,50 C.LUPIA C.MAGGIORE DOLO FIESSO D'ARTICO MARTELLAGO MIRA MIRANO NOALE S.M.SALA SALZANO SCORZE' SPINEA STRA' VIGONOVO MEDIA 0,00 GEN FEB MAR APR MAG GIU SET OTT NOV DIC *Legenda consumo Esca: 0 = esca intatta ; 1 = 0-15% ; 2 = 15%-60% ; 3 = 60%-100% Nel grafico 3 viene rappresentato il dato medio dei consumi raccolti dagli operatori ad ogni controllo mensile: in pratica l Indice di Valutazione (VI) rappresenta la percentuale di esca consumata, considerando che ciascuna postazione contiene 80 grammi di rodenticida. Il dato oggettivo raccolto può essere rappresentato come in tabella 1 a pag. 7 Sulla base di questa convenzione vengono parametrati tutti i dati analitici. Interessanti nel grafico 3. sono i picchi di consumi riscontrati talvolta in alcuni comuni, come ad esempio Noale in Aprile, Fiesso D Artico, S. Maria Di Sala e Vigonovo in Giugno, Martellago in Settembre, Campagna Lupia, Campolongo Maggiore e Vigonovo in Novembre e Mira in Dicembre. Pag. 11

12 90,00% Grafico 4. Percentuale postazioni che hanno presentato esca totalmente consumata, ripartita per comune e per mese nell'anno ,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% GEN FEB MAR APR MAG GIU SET OTT NOV DIC 0,00% Il grafico 4. mette in risalto il livello di attività della popolazione murina presente sul territorio, evidenziando le elevatissime percentuali di postazioni con consumo completo dell esca riscontrate sul territorio: ad esempio nel comune di C. Lupia, durante il mese di Novembre, il 76% delle postazioni sono state completamente svuotate dai roditori. Per quanto riguarda il controllo del mese di settembre, che ingloba al suo interno anche il periodo di luglio ed agosto (poiché in quei mesi l attività è stata sospesa), il 57% delle 1789 postazioni complessive è stato svuotato completamente dal consumo condotto da roditori. Dal punto di vista quantitativo, durante il triennio sono stati complessivamente consumati circa 1265 Kg di prodotto rodenticida: questo dato è stato ricavato imputando un consumo di 0 gr ad una registrazione VI uguale a 0, un consumo di 12 gr ad una registrazione VI uguale a 1, un consumo di 48 gr ad una registrazione VI uguale a 2 ed un consumo di 80 gr ad una registrazione VI uguale a 3, ovvero al consumo completo dell esca presente in ciascun box (vedi Tab.1 a pag7). Pag. 12

13 Kg Rodenticida consumato 60 Grafico 5. Raffronto complessivo del rodenticida consumato per comune nel triennio media 10 0 Il grafico 5. mette in risalto i comuni dove vi è stato maggior consumo assoluto di esca rodenticida, evidenziando i comuni di S. Maria di Sala, Noale, Spinea e Mira. In realtà questo dato non è indicativo della maggiore o minore presenza di roditori, poiché non tiene conto del numero di postazioni presenti e dell estensione territoriale su cui queste sono dislocate (vedi Tab.2). TAB. 2 KG PRODOTTO CONSUMATI NUMERO POSTAZIONI N medio Sup. Km2 Abitanti C.LUPIA C.MAGGIORE DOLO FIESSO D'ARTICO MARTELLAGO MIRA MIRANO NOALE S.M.SALA SALZANO SCORZE' SPINEA STRA' VIGONOVO SOMMA Pag. 13

14 gr/postazione Rodenticida consumato 400,00 Grafico 6. Raffronto del rodenticida consumato per comune nel triennio rapportato al numero di postazioni 350,00 300,00 250,00 200,00 150,00 100, MEDIA 50,00 0,00 Come si può notare nel grafico 6., l andamento della curva relativa ai consumi di esca rodenticida cambia sensibilmente quando i dati complessivi vengono rapportati al numero di postazioni presenti in ciascun comune: in pratica il grafico 6. rappresenta il consumo di esca per postazione calcolato su scala annuale. In questo caso, diversamente dal precedente, si mettono in risalto i comuni di Campolongo Maggiore, Campagna Lupia, Noale, Dolo e Mira. Pag. 14

15 Grammi rodenticida / abitante 0,06 Grafico 7. Raffronto del rodenticida consumato per comune nel triennio rapportato al numero di postazioni ed al numero di abitanti 0,05 0,04 0,03 0, media 0,01 0,00 Un ulteriore livello di approfondimento è rappresentato dal grafico 7. che mette in relazione il consumo medio annuale di esca per postazione con il numero di abitanti presenti in ciascun comune. In altre parole il grafico 7. raffigura il quantitativo di rodenticida consumato annualmente per ogni abitante e riproduce un dato più completo relativo all influenza territoriale su cui si svolge la derattizzazione. In questo caso il risultato ottenuto cambia radicalmente i punti di vista precedentemente sviluppati e mette in evidenza i comuni di Campagna Lupia, Fiesso D Artico, Campolongo Maggiore e Strà. Pag. 15

16 Grammi rodenticida / Km2 45 Grafico 8. Raffronto del rodenticida consumato per comune nel triennio rapportato al numero di postazioni ed alla superficie territoriale media Nel grafico 8., infine, si mette in relazione il consumo annuale di esca consumata per postazione con l estensione territoriale in Km quadri di ciascun comune. Di conseguenza il grafico 8. raffigura il quantitativo di rodenticida annualmente consumato per ciascuna postazione rapportato alla superficie complessiva. In questo caso il risultato ottenuto mette in evidenza nettamente i comuni di Fiesso D Artico e Strà che rappresentano le aree a minor estensione e con il maggior numero di postazioni per Km2. Pag. 16

17 GLI INTERVENTI A RICHIESTA Sulla base delle richieste di volta in volta pervenute, sono stati eseguiti tutti quei trattamenti di disinfestazione che si sono resi necessari durante la stagione. Tutte le segnalazioni sono state valutate nella loro reale essenza e le operazioni sono partite sempre dall attenta verifica e dall impostazione di un sistema di analisi volto a comprendere le cause e l entità del problema. Tutto ciò ha evitato l'effettuazione di interventi inutili o quantomeno generati da osservazioni vaghe e non rispondenti alla situazione reale. Ad ogni sopralluogo corrispondeva sempre una breve relazione, corredata anche da materiale fotografico il cui obiettivo era condividere la situazione riscontrata e stabilire insieme allo staff Veritas le strategie operative più idonee. Descrizione Attività Veritas Centrale Operativa Referente Tecnico Scientifico Referente Tecnico Operativo Operatori/Pronto intervento richiesta intervento ordinario Emette sopralluogo Esegue richiesta intervento in emergenza Emette acquisizione informazioni per via telefonica definendo le priorità Dispone relazione con descrizione della problematica Riceve Compila strategie operative Definisce scheda di lavoro con disposizioni Verifica intervento Autorizza Esegue raccomandazioni in merito alla gestione ed alla prevenzione Propone consuntivo e nota descrittiva dell'evento Riceve Compila Il diagramma descrive le procedure previste in caso di richiesta per interventi di disinfestazione e definisce in particolare i passaggi per le richieste ordinarie e straordinarie. Durante la stagione 2013 sono stati effettuati un totale di 262 interventi a richiesta. Di seguito sono riportati i dati relativi alle derattizzazioni e alle disinfestazioni suddivisi per tipologia di intervento, tipo di infestante, comune di intervento e tipologia di struttura coinvolta. Pag. 17

18 DERATTIZZAZIONE Durante la stagione 2013 sono stati svolti complessivamente 111 interventi su richiesta, di seguito sono riportati i grafici delle tipologie di interventi effettuati, della loro distribuzione nei comuni interessati e quelli relativi alla tipologia di ambiente coinvolto. Come si può notare le richieste per la derattizzazione hanno riguardato in particolare i comuni di Spinea e Martellago. La maggior parte di questi interventi ha portato all installazione di una nuove postazioni che in seguito venivano controllata e messe a programma, implementando via via l impianto sulla base di reali necessità segnalate. La quasi totalità degli interventi ha riguardato aree urbanizzate presenti sul suolo pubblico. Pag. 18

19 DISINFESTAZIONE Le richieste di disinfestazione giunte alla centrale operativa durante la stagione 2013 sono state 151, di cui 55 (pari al 36%) legate a Vespe e Calabroni. Le aree maggiormente coinvolte sono state le scuole con il 25% delle richieste seguite dalle aree verdi (22%). Principalmente Vespe e Calabroni si ritrovano in scuole ed edifici (privati e comunali), mentre nelle aree verdi predominano le richieste per zanzare e per la prima volta per il controllo di infestazioni della Piralide del Bosso, Cydalima perspectalis. Il danno è causato dalle larve del lepidottero che, essendo molto voraci, possono defogliare completamente le piante di Bosso in poco tempo. Questo è particolarmente evidente sulle parti che vengono regolarmente potate (ad esempio, nelle siepi), sui lati e sui rami più bassi della chioma. Il suo primo rinvenimento in Italia, in Lombardia, risale al luglio Attualmente l areale di diffusione del parassita è ancora in espansione ed è per questo motivo che l EPPO (European and Mediterranean Plant Protecion Organization) l ha inserito nella lista di allerta (Eppo alert list). Pag. 19

20 Il picco di richieste per la disinfestazione avviene, come tutti gli anni, in corrispondenza con il periodo estivo (giugno-settembre). Come si può ben notare nel grafico la stagione esordisce a Marzo con la comparsa delle formiche e la raccolta dei nidi di processionaria. A Maggio si presentano zecche, blatte e le prime vespe. Nel mese di giugno compaiono le prime infestazioni da zanzare e si intensificano progressivamente le richieste per calabroni e vespe che diverranno predominanti nel trimestre Agosto- Settembre-Ottobre. La piralide del Bosso ha fatto il suo esordio in Luglio intensificandosi nel mese di Agosto. I comuni che hanno effettuato più segnalazioni sono stati quelli di Mirano (circa il 22% del totale) assieme a Mira e Spinea. Pag. 20

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana SERVIZIO PER GLI INTERVENTI LARVICIDI ED ADULTICIDI PER LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE, DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE CONTRO ALTRI INFESTANTI, IN AREE

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Note relative al controllo delle blatte

Note relative al controllo delle blatte Estratto dal sito www.disinfestanti.it Note relative al controllo delle blatte La lotta alle blatte è estremamente diffusa perchè questi insetti possono fungere da veicolo per svariati microrganismi patogeni

Dettagli

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA Il benessere animale e l igiene ambientale zootecnica costituiscono fattori chiave nella gestione

Dettagli

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 Convegno Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 AGRICENTER S.r.l. Import Export Via Facchinelle, 1 37014

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! CITY26-35-52 HP diesel

Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! CITY26-35-52 HP diesel CITY26-35-52 HP diesel Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Disinfestatrici di Classe Superiore C I T I Z E N CITYPlus Ecology Macchina

Dettagli

1a parte SEDUTA PUBBLICA. Preliminarmente il Dirigente espletante la procedura di gara dà atto che:

1a parte SEDUTA PUBBLICA. Preliminarmente il Dirigente espletante la procedura di gara dà atto che: Verbale di gara ufficiosa mediante cottimo fiduciario, ai sensi dell art. 125, comma 11 del D.Lgs. n. 163/2006 e dell art. 6 del Regolamento per l esecuzione di forniture e servizi in economia approvato

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA

INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA Il Benessere animale e l igiene ambientale zootecnica costituiscono fattori chiave nella gestione di successo di ogni tipologia di allevamento. Le mosche negli allevamenti causano

Dettagli

CATALOGO 2013. Come consultare il nuovo catalogo

CATALOGO 2013. Come consultare il nuovo catalogo CATALOGO 2013 Come consultare il nuovo catalogo Frutto dell impegno e dell esperienza COPYR, vi presentiamo il catalogo 2013 che offre ai professionisti del Pest Control prodotti e soluzioni sempre innovative

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

PROTEZIONE CEREALI. prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini

PROTEZIONE CEREALI. prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini PROTEZIONE CEREALI prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini ACCORGIMENTI CHE FANNO LA DIFFERENZA Per una corretta impostazione del progetto è importante INDIVIDUARE GLI INSETTI

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Il servizio di disinfezione e disinfestazione sarà eseguito dal Comune con personale assunto

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE I soggetti coinvolti nel trattamento dei dati personali, sono espressamente indicati dal Testo Unico sulla privacy, che ha provveduto anche a descriverne profilo e funzioni.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli