REGIONE PIEMONTE - Direzione Pianificazione delle Risorse Idriche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE PIEMONTE - Direzione Pianificazione delle Risorse Idriche"

Transcript

1 A ANALISI ECONOMICA Il profilo economico e finanziario del PTA risulta da tipologie di analisi differenziate ed è finalizzato a fornire gli elementi necessari per una valutazione delle misure di Piano, dal punto di vista della loro effettiva realizzabilità, e per l assunzione di decisioni operative sul programma di intervento. Le problematiche di interesse riguardano: la stima dei fabbisogni finanziari; l analisi di sostenibilità economico-finanziaria; le tipologie e l entità dei flussi di ricavo e finanziamento costituenti il quadro di copertura della politica idrologico-ambientale. A La stima dei fabbisogni finanziari Gli aspetti economico-finanziari rilevanti per la realizzazione del Piano sono riferibili alle voci: - investimenti; - costi diretti di gestione; - costi indiretti ed esterni. Gli investimenti attengono a infrastrutture e impianti, acquisizione di attrezzature e equipaggiamenti e relativa messa in opera, progetti finalizzati e interventi strumentali al conseguimento degli obiettivi del PTA, e sono identificabili attraverso definiti budget di spesa e tempi di realizzazione. I costi diretti di gestione sono costituiti da voci di spesa corrente imputabili a conto economico del PTA per esercizio, mantenimento puro e mantenimento evolutivo in ordine al pacchetto delle misure di Piano. I costi indiretti ed esterni comprendono gli oneri di sistema del PTA, funzionali alla sostenibilità idrologicoambientale, a carico degli usi economici della risorsa idrica (idroelettrico e irriguo essenzialmente, quindi diseconomie dal punto di vista strettamente produttivo) e costi generali organizzativi/amministrativi. Le valutazioni specifiche derivano da stime tecniche ai diversi livelli della progettualità disponibile - studi e piani di ATO, in particolare - e dall applicazione di parametri basati sull esperienza, fermo restando che un approssimazione anche di massima è conforme per le finalità di pianificazione su scala regionale. L allocazione temporale dei fabbisogni finanziari (2008, 2016) tiene conto, attraverso una valutazione basata sull esperienza (attuazione dei piani di ATO, tipicamente), dei limiti oggettivi riferibili non tanto alle capacità di impegno delle risorse quanto all effettiva loro trasformazione in misure funzionali di Piano. Il quadro di spesa non include ammortamento di valori patrimoniali e oneri già in atto, ed esprime viceversa il fabbisogno riferibile al conseguimento dei soli risultati incrementali previsti dal Piano. REV ANALISI ECONOMICA 1/17

2 La valorizzazione degli importi di stima è riferita all anno Il fabbisogno finanziario per l IVA su benefici derivanti da esternalità non è compreso. Il quadro di sintesi che ne consegue presenta i seguenti risultati FF.1 INVESTIMENTI (Euro-milioni) R.1 conoscenza, supporto decisioni/gestione R.2 comunicazione, promozione R.3 regolamentazione, organizzazione R.4 sistemi irrigui R.4 prelievi industriali n.s. n.s. R.4 riqualificazione idrologico-ambientale R.4 invasi artificiali e adduzioni R.4 acque sotterranee fino FF.2 COSTI DIRETTI DI GESTIONE (Euro-milioni) R.1 conoscenza, supporto decisioni/gestione 8 16 R.2 comunicazione, promozione 2 4 R.3 regolamentazione, organizzazione 1 2 R.4 SII R.4 altri interventi strutturali fino FF.3 COSTI INDIRETTI ED ESTERNI (Euro-milioni) R.3 deflusso minimo vitale R.3 altre misure regolamentazione costi generali organizzativi/amministrativi A L analisi di sostenibilità economico-finanziaria L analisi è indirizzata in particolare alla valutazione degli investimenti (grandezze significativamente variabili), piuttosto che sui costi correnti di esercizio (grandezza considerata invariante nel tempo). La metodologia prescelta combina la simulazione economico-finanziaria con l esigenza di pervenire alla determinazione, per diversi livelli dimensionali dell investimento e assegnate condizioni operative (capacità di 2/17 ANALISI ECONOMICA REV

3 generare ricavi diretti, durata del periodo di realizzazione e gestione, contesto remunerativo, trattamento fiscale), del controvalore costo/ricavo dei benefici conseguiti di natura strettamente idrologico-ambientale. Tale controvalore, equiparato a esternalità nell ipotesi che l investimento abbia effettivamente o virtualmente motivazioni economico-reddituali, costituisce un importante indicatore di performance, nel senso : - se i benefici idrologico-ambientali ai quali l investimento perviene valgono almeno quanto il risultato economico simulato, l investimento può essere ritenuto conveniente; - diversamente, esso non è conveniente; - a parità di benefici attesi, è possibile riconoscere per diversi investimenti diversi livelli di redditività. In valore assoluto (o relativo se rapportati all investimento), i benefici da esternalità esprimono un dato quantitativo certo, comparabile all entità e significato (strategico, in molti casi) dei benefici idrologicoambientali, questi ultimi per loro stessa natura non oggettivamente monetizzabili. Nell ambito di un approccio che concettualmente combina analisi economico-finanziaria e analisi costibenefici, vi è dunque una netta separazione tra valori che attengono a una metodologia di tipo deterministico e grandezze appartenenti al campo delle valutazioni soggettive, in quanto tali riportabili alle politiche (e relativi parametri/criteri di valutazione) del Piano più che a parametri strettamente tecnici. L applicazione della suddetta metodologia di analisi ai fini del PTA della Regione Piemonte è stata impostata in modo da pervenire a un set di risultati schematici, dopodichè si è proceduto per via parametrica e analiticamente al calcolo dell indicatore di performance per tutte le azioni del Piano, dando luogo ai risultati riportati nelle schede di sintesi monografiche costituenti il programma delle misure. Più precisamente, l analisi combinata economico-finanziaria e costi-benefici è stata implementata adottando due modelli, relativi a differenti tipologie di progetti e livelli di investimento, sufficientemente distanziate in modo da offrire elementi idonei alle valutazioni di sensitività: il primo modello (modello A) per investimenti di valore medio, tra 1 e 25 Euro-milioni, con periodo di attivazione 5 anni e periodo di gestione 25 anni; il secondo modello (modello B) per investimenti di valore alto, tra 25 e 350 Euro-milioni, con periodo di attivazione 10 anni e periodo di gestione 50 anni. Circa la provvista finanziaria, l intero fabbisogno è coperto da capitale di debito con caratteristiche tecniche di un prestito obbligazionario del tipo: preammortamento iniziale con addebito alla gestione dei soli oneri finanziari, senza rimborso di quote in linea capitale; successivo ammortamento completo (interessi e capitale). Il modello A ha preammortamento 5 anni e periodo di restituzione 15 anni (in totale 20 anni). Il modello B ha preammortamento 10 anni e periodo di restituzione 20 anni (in totale 30 anni). REV ANALISI ECONOMICA 3/17

4 Non sono presenti nell ipotesi di riferimento capitoli di sovvenzione pubblica a fondo perduto, né capitali di rischio messi a disposizione da investitori imprenditoriali. Naturalmente tale ipotesi non riflette la situazione reale, dal punto di vista della provvista finanziaria (schema di bancabilità, nel caso di operazioni in projectfinancing), ma risponde bene all esigenza di non introdurre variabili secondarie rispetto al calcolo dei benefici da esternalità. I ricavi diretti strettamente connessi ai singoli investimenti - fornitura/vendita di acqua a scopo potabile o industriale, produzione di energia idroelettrica - sono parte degli input considerati, in quanto nelle diverse situazioni essi consentono di supportare le misure previste nel PTA, migliorandone più o meno significativamente la sostenibilità economico-finanziaria. Allo scopo di pervenire a risultati estrapolabili parametricamente, i ricavi diretti sono stati configurati in rapporto al valore dell investimento, nel campo di valori tra 0 e 10%. Nella simulazione di conto economico non vengono evidenziati nel dettaglio i costi di gestione, essendo l analisi finalizzata allo studio di sostenibilità del puro investimento, e d altra parte essendo immediata la presa in conto degli stessi anche al di fuori del modello di simulazione, ove necessario per valutazioni con finalità diversa. Le aliquote di ammortamento sono basate sulla vita utile degli interventi e pertanto sono commisurate al periodo di gestione sul quale è impostata la modellizzazione: 25 anni per investimenti di valore medio, 50 anni per investimenti di valore alto. Tale modalità si discosta dall applicazione delle aliquote fiscali ma risponde ad una corretta interpretazione della logica civilistica che, per la definizione degli ammortamenti, si ispira all utilità pluriennale dei beni strumentali utilizzati. I tassi di interesse sui prestiti a lungo termine sono stati previsti nella misura del 5% mentre è stato ipotizzato un tasso dell 8% per aperture di credito a breve termine relative alla copertura dei fassisogni risultanti dal cash flow prodotto. Le aliquote considerate per le imposte dirette e IVA sono quelle previste dalla normativa vigente. In virtù del carattere non-gestionale, i ricavi della componente rappresentata dai benefici da esternalità non sono stati considerati oggetto di tassazione e pertanto essi non concorrono nelle simulazioni a incrementare l imponibile per le imposte dirette nè, per lo stesso motivo, sono stati assoggettati a IVA. I valori economici trattati nelle simulazioni sono al netto dell inflazione. La struttura di conto economico considerata è la seguente: 4/17 ANALISI ECONOMICA REV

5 Ricavi diretti + Benefici da esternalità Totale ricavi - Costi di gestione - Costi del personale - Ammortamenti Risultato Operativo - Oneri finanziari Risultato Lordo di gestione - Ires (esclusi benefici da esternalità) - Irap (esclusi benefici da esternalità) Risultato netto La struttura schematica dei flussi di cassa è la seguente, nella quale il flusso di cassa del periodo è dato dalla somma algebrica delle due componenti (gestione ordinaria e flusso legato agli investimenti): Risultato operativo + Ammortamenti fiscali + IVA sulle vendite - IVA sugli acquisti - Versamento IVA a debito - Imposte sul reddito + Rimborsi IVA - Oneri finanziari su scoperto c/c Flusso di cassa gestione ordinaria - Investimenti + Finanziamenti di terzi - Rimborso finanziamenti di terzi - Oneri finanziari su finanziamenti di terzi + Contributi in conto impianti - IVA sugli investimenti + Finanziamento con capitale di rischio Flusso di cassa legato agli investimenti Si riporta nei prospetti a pagina seguente un esempio di calcolo per valore di investimento 100 Euro-milioni e assenza di ricavi diretti (attivazione in 10 anni, gestione 50 anni). REV ANALISI ECONOMICA 5/17

6 In grafico si riportano i risultati delle simulazioni per i due modelli di investimento previsti; in funzione dell investimento e dei ricavi diretti generati, sono indicati i valori dei benefici da esternalità da realizzare Investimento investimento Investimento Investimento Investimento R 0% R 2,5% R 5% R 7,5% R 10% R 0% R 2,5% R 5% R 7,5% R 10% Investimento Investimento Investimento Investimmento I benefici economici da esternalità costituiscono la componente variabile che, acquisita tra gli elementi del conto economico, consente di stabilire l equilibrio del progetto di investimento in termini di sostenibilità economico-finanziaria. 6/17 ANALISI ECONOMICA REV

7 Essi rappresentano un elemento aggiuntivo qualificante, indotto dalla realizzazione del progetto. Pertanto il loro valore varia in funzione della necessità di produrre ulteriori benefici rispetto ai ricavi diretti della gestione caratteristica del progetto, affinchè l investimento risulti sostenibile. Questi ricavi potrebbero essere al limite anche integralmente sostituiti dai proventi delle esternalità, per l equilibrio economico del progetto. Si tratta di benefici riferibili all ambito idrologico-ambientale non monetizzabile, o molto difficilmente monetizzabile, quali la riqualificazione e il mantenimento dell ecosistema, l offerta di fruibilità paesaggisticosociale, la riqualificazione dei sistemi idrici di falda, ma anche di benefici riferibili a un miglioramento degli usi idrici, della loro affidabilità e sostenibilità ambientale, nei settori per i quali la capacità di generare ricavi diretti è molto bassa o addirittura nulla. Tale situazione può verificarsi anche nel caso di interventi di importanza strategica decisamente elevata, come nel caso dell irrigazione, ordinaria o di soccorso. E chiaro che la convenienza del progetto di investimento, nell ambito del PTA, è tanto più significativa quanto più si valuta che i benefici ritraibili sotto il profilo idrologico-ambientale siano superiori ai benefici da esternalità che equilibrano la redditività correlata al piano economico-finanziario. In altri termini, poichè è necessario che le entrate finanziarie generate coprano adeguatamente i flussi di esborso associati alla realizzazione del progetto di intervento, qualora la gestione non sia in grado di assicurare flussi di cassa di entità sufficiente occorre che il progetto generi benefici di altra natura, figurativamente monetizzati dal modello di simulazione e confrontati con il valore ritenuto effettivo e plausibile per la collettività. Ovvero, il progetto con valenza socio-ambientale sarà sostenibile solo quando la somma dei benefici economico-finanziari e dei benefici da esternalità (tradotti in elementi finanziari) sia superiore al fabbisogno finanziario per la realizzazione del progetto. Oltre a rispettare le condizioni precedentemente descritte, i progetti di investimento e le relative simulazioni economico-finanziarie sottostanno al criterio di un VAN (valore attuale netto) positivo, quale criterio di sostenibilità. Come è noto, il calcolo del VAN confronta i flussi di cassa sostenuti per la realizzazione dell investimento con i flussi di cassa generati dallo stesso, considerati al loro valore attuale al fine di rendere confrontabili al tempo zero flussi che si realizzano in tempi diversi in un piano pluriennale. Il tasso di attualizzazione adottato, pari al 7%, rappresenta il costo-opportunità del capitale, quindi - in una logica imprenditoriale che si considera improntata all efficienza economica - il tasso di rendimento per il quale si è disposti a rinunciare a investimenti alternativi per intraprendere l investimento in questione, nell ottica di più remunerativi flussi di cassa futuri. Sotto l aspetto operativo, un VAN positivo indica appunto che il progetto di investimento è in grado di offrire un rendimento superiore al valore del costo-opportunità del capitale considerato. Pertanto, nell ambito delle simulazioni, per ciascun progetto di investimento si è fatto variare il valore dei benefici da esternalità - output da ricercare - fino a raggiungere, in una condizione considerata di soddisfacente equilibrio economicofinanziario, un VAN moderatamente positivo. REV ANALISI ECONOMICA 7/17

8 I risultati delle simulazioni finali determinate dal processo iterativo di convergenza del VAN su un valoreobiettivo moderatamente positivo, rappresentati nei grafici precedenti, sono anche riportati nelle tabelle che seguono. Valore investimento ( / ) 1 2, Modello A durata dei progetti 5+25 anni Percentuale Valore ricavi ricavi diretti diretti ( /1000 su valore per anno) investimento Valore benefici da esternalità affinché VAN>0 ( /10000 per anno) Valore investimento ( / ) Modello B durata dei progetti anni Percentuale Valore ricavi ricavi diretti diretti ( /1000 su valore per anno) investimento Valore benefici da esternalità affinché VAN>0 ( /10000 per anno) 0,0% ,0% ,5% ,5% ,0% ,0% ,5% ,5% ,0% ,0% ,0% ,0% ,5% ,5% ,0% ,0% ,5% ,5% ,0% ,0% ,0% ,0% ,5% ,5% ,0% ,0% ,5% ,5% ,0% ,0% ,0% ,0% ,5% ,5% ,0% ,0% ,5% ,5% ,0% ,0% ,0% ,5% ,0% ,5% Uno degli aspetti più significativi è il confronto da effettuarsi tra il valore dei ricavi diretti di carattere gestionale e il valore dei benefici da esternalità in grado di equilibrare i flussi di cassa secondo il criterio prestabilito, per desumere in modo chiaro le diversità di assetto e di interrelazione nelle varie situazioni. Inoltre, relativamente al progetto di investimento di valore 25 Euro-milioni, previsto in entrambi i modelli A e B con durate 30 e 60 anni rispettivamente, è utile notare come progetti basati su un termine temporale più lungo richiedano di essere motivati da benefici da esternalità solo di poco più elevati. Nei casi in cui non sono riportati i risultati per ricavi diretti pari al 10%, si ha un valore del VAN ritenuto eccessivamente positivo, rispetto alla condizione di comparabilità complessivamente adottata - VAN moderatamente positivo, omogeneo - ma indubbiamente tali casi riflettono bene il fatto che, nelle situazioni specifiche, ricavi di carattere gestionale intorno al 10% del valore dell investimento consentiranno ottime possibilità di autofinanziamento, ad altissimo vantaggio anche sotto il profilo delle esternalità prodotte. 8/17 ANALISI ECONOMICA REV

9 Come detto, i risultati applicativi inerenti il calcolo dei benefici da esternalità per ciascuna azione, da raffrontarsi al relativo valore di investimento, sono riportati nelle schede di sintesi monografiche costituenti il programma delle misure di Piano. A Il quadro di copertura finanziaria Con riferimento ai fabbisogni finanziari finalizzati all attuazione del PTA, viene configurato un quadro di copertura globale, per tipologie differenziate, rappresentativo da una parte della robustezza e credibilità che il Piano deve esprimere anche sotto il profilo della fattibilità finanziaria e dall altra dell assetto organizzativo, quanto meno a livello indicativo, da assegnare alla struttura dei flussi di copertura. Rispetto alla situazione in atto (recente, pregressa) risulta la seguente tipizzazione dei flussi in uscita: investimenti coperti da specifiche sovvenzioni pubbliche a fondo perduto, finalizzati a interventi strutturali nei comparti del SII, dell irrigazione, della progettualità e del monitoraggio idrologico-ambientale; investimenti strutturali nel comparto del SII, sostenuti da flussi di cassa generati dai piani tariffari di ATO; investimenti nei comparti complementari - idrogeologia, aree di interesse naturalistico-ambientale - sostenuti da sovvenzioni pubbliche o esternalità da conto economico SII; spesa corrente a carico del conto economico SII, coperta dai piani tariffari di ATO; spesa corrente a carico dello Stato, Regione Piemonte, Amministrazioni Provinciali e altri Enti Locali a copertura dei costi operativi propri diretti e/o di enti strumentali (di base e su progetti/interventi finalizzati); investimenti e spesa corrente in capo a operatori, finalizzati alla sostenibilità di interesse del PTA. Le fonti di generazione dei flussi finanziari in entrata sono a loro volta tipizzate come segue: trasferimenti di risorse dallo Stato (e/o UE) alla Regione Piemonte, e successiva destinazione in forma di sovvenzione pubblica agli investimenti; entrate di natura tariffaria su SII, e relativa destinazione a investimenti, copertura costi di esercizio e esternalità; destinazione di disponibilità finanziarie della Regione Piemonte e/o Amministrazioni Provinciali, costituite da fondi propri; risorse generate attraverso l attività economica di operatori, da ricavi di vendita diretta prodotto finale e/o ricavi supportati attraverso incentivi, in ordine all obbligo di perseguire la sostenibilità idrologicoambientale. REV ANALISI ECONOMICA 9/17

10 Il trasferimento di risorse dello Stato alla Regione Piemonte, specificatamente per investimenti, trova attuazione in appositi accordi di programma quadro. Sono tuttora operative le misure supportate attraverso APQ , APQ , APQ e Torino 2006 (opere idriche connesse), che integrate da fondi regionali su investimenti ammontano a 259,5 Euro-milioni per il triennio Tale apporto finanziario gioca un ruolo importante, anche perchè - opportunamente gestito dalla Regione - costituisce (e costituirà in futuro) una leva per concretizzare interventi ritenuti particolarmente qualificanti o che presentano difficoltà attuative, e al tempo stesso per realizzare solidarietà finanziaria nell ambito delle differenziazioni connaturate al territorio, piuttosto che a fattori di scala. Il lato debole di tale canale finanziario risiede sia nell incertezza delle disponibilità, in termini di entità-tempistiche, sia nella prospettiva di una tendenza dello Stato a ridurre gli apporti finanziari alle Regioni. Analogamente intervengono i fondi propri regionali, a loro volta alimentati da trasferimenti generici, fiscalità ed entrate specifiche quali (recentemente acquisiti) i canoni da concessioni di derivazione. L impiego di tali risorse finanziarie è destinato sia a investimenti sia, soprattutto, a spesa corrente e in particolare - nell ambito delle attività funzionali al conseguimento degli obiettivi del PTA - alla copertura dei costi di struttura e di attività finalizzata interni, dislocati su enti strumentali o del tutto esternalizzati. La capacità di potenziare, stabilizzare e finalizzare efficacemente e in modo specifico tale canale finanziario costituisce un elemento realmente importante ai fini dell attuazione del PTA, e rientra in questa ottica anche l impostazione di una coordinazione operativa intersettoriale interna alla Regione (tra diverse Direzioni) e alle Amministrazioni Provinciali, mirata a determinare convergenze di impegno finanziario e organizzativo sugli obiettivi primari e complementari del PTA, attraverso logiche di consolidamento. I flussi generati dalla gestione del SII, basati su un totale dei ricavi da produzione-erogazione del servizio per circa 360 Euro-milioni/anno il 1 anno di attivazione dei piani di ATO (operativi in 4 ATO su 6, anno 2004), sostengono investimenti per infrastrutturazione, in 20 anni, pari a circa 3200 Euro-milioni, insieme a tutti i relativi costi di esercizio e alla copertura di una quota di esternalità che, come già definito in base alle L.R. 13/97, include erogazioni alle Comunità Montane sempre per interventi di salvaguardia idrogeologica e sulle risorse idriche. Rispetto ai traguardi temporali del PTA, ipotizzando una scansione lineare degli investimenti e (prudenzialmente) il 50% di questi riferibile in modo diretto agli obiettivi di Piano (collettamento fognario, depurazione), si ha: INVESTIMENTI Euro-milioni ATO 1 - VCO, Pianura Novarese ATO 2 - Biellese, Vercellese, Casalese ATO 3 - Torinese ATO 4 - Cuneese ATO 5 - Astigiano ATO 6 - Alessandrino Si tratta di un canale di copertura finanziaria determinante per l attuazione del PTA, rispetto al comparto delle pressioni ascrivibili all inquinamento idrico urbano (esteso a parte delle fonti industriali e di inquinamento da 10/17 ANALISI ECONOMICA REV

11 dilavamento di prima pioggia, quando significativo), sia per l entità dell intervento (su investimenti e gestione vera e propria), sia per certezza dei flussi da proventi tariffari, sia infine per affidabilità organizzativa sotto il profilo tecnico e della capacità di rispettare i traguardi temporali, in virtù dell efficacia riconoscibile all innovativo dispositivo regolatore/gestore preposto all attuazione delle misure. In capo agli operatori economici, oltre a canoni e oneri fiscali che alimentano finanziariamente la capacità di ridistribuzione a regia pubblica nel settore della tutela delle acque, si allocano investimenti e costi correnti legati al rispetto delle norme in materia di vincoli idrologico-ambientali nell ambito delle attività economiche (industriali, agro-zootecniche, energetiche...). La realizzazione e l esercizio di impianti di trattamento degli scarichi, il rilascio di deflussi ambientali in impianti di prelievo a scopo idroelettrico o irriguo, la gestione degli accumuli di sedimenti nei bacini di ritenuta idrica e altri possibili esempi identificano tale tipologia costistica, il cui ammontare è di difficile quantificazione ma può essere stimato in ragione dello 0,25% del PIL regionale, quindi per il Piemonte pari a circa 275 Euro-milioni/anno, avendo presente la grande variabilità (stima 0 15) del parametro percentuale tra le singole categorie produttive. Il PTA, dovendo perseguire un miglioramento delle politiche e degli stati idrologico-ambientali, non potrà che incrementare il livello di coinvolgimento degli operatori anche dal punto di vista finanziario, esercitandosi in tal modo una pressione di ritorno sul piano dell economia regionale, con tutte le implicazioni conseguenti anche in termini di margini operativi, competitività globale e livelli occupazionali. In riferimento a tale prospettiva e per la dovuta attenzione appunto gli effetti economici di ritorno, il PTA della Regione Piemonte privilegerà azioni di razionalizzazione-ottimizzazione e di compartecipazione al sistema delle responsabilità operative sugli obiettivi di Piano nei confronti degli operatori, rispetto ad una politica meramente restrittiva. Ne consegue la scelta, tra le azioni di Piano, di strumenti idonei alla ricerca di soluzioni ottimizzate e sitospecifiche, in applicazione dei quali gli operatori economici possano dare luogo a una condivisione sul piano operativo della propria prerogativa di sostenibilità idrologico-ambientale. Esemplificativamente: - progetti di gestione nell ambito della struttura normativa sulla compatibilità dei prelievi idrici; - progetti di gestione per lo sfangamento degli invasi; - progetti di ridestinazione delle acque di scarico trattate; - prevenzione (compatibilità idrologico-ambientale a livello di strumentazione urbanistica e relativa progettualità di intervento). Talune operazioni di infrastrutturazione (approvvigionamenti, nuovi invasi artificiali... ) avranno un ruolo di sostegno rispetto all allineamento degli operatori economici sugli standard di Piano, mitigandone l effetto retroattivo sul piano delle produzioni, e potranno determinare forme di cooperazione organizzativa tra operatori e enti territoriali, in termini di finanza di progetto, dando luogo a opportunità industriali e partenariali. Rispetto a tale impostazione, si può ritenere ragionevole, se non il mantenimento al valore precedentemente indicato, il contenimento dell impegno finanziario a carico degli operatori economici su un target pari allo 0,30% del PIL regionale, di cui più del semplice differenziale destinabile, per effetto delle razionalizzazioni, a copertura delle nuove azioni di Piano. REV ANALISI ECONOMICA 11/17

12 REGIONE PIEMONTE Investimenti 100 Mio - Ricavi Diretti 0% CONTO ECONOMICO (dati in /1000) Ricavi diretti Benefici da esternalità Totale ricavi - Costi di gestione - Costi del personale - Ammortamenti fiscali Totale costi operativi Risultato Operativo - Oneri finanziari Risultato Lordo di gestione IRES (esclusi benefici da esternalità) - IRAP (esclusi benefici da esternalità) Totale imposte Risultato netto FLUSSI DI CASSA (dati in /1000) Risultato operativo + Ammortamenti fiscali + IVA sulle vendite - IVA sugli acquisti - Versamento IVA a debito - Imposte sul reddito + Rimborsi IVA Oneri finanziari su scoperto c/c Flusso di cassa gestione ordinaria Investimenti Finanziamenti di terzi Rimborso finanziamenti di terzi - Oneri finanziari su finanziamenti di terzi Contributi in conto impianti - IVA sugli investimenti Finanziamento con capitale di rischio Flusso di cassa legato agli investimenti Flusso di cassa del periodo INVESTIMENTI E RELATIVA COPERTURA (dati in /1000) Investimenti lordi (al netto dell'iva) Contributi in conto impianti Finanziamenti di terzi a titolo oneroso Autofinanziamento (al netto dell'iva) Autofinanziamento per l'iva Totale autofinanziamento VALORE dei CESPITI sulla VITA UTILE (dati in /1000) Valore cumulato lordo delle infrastrutture Valore cumulato dei contributo in conto impianto Valore cumulato delle infrastrutture al netto dei contributi Fondo ammortamento sulla vita utile Valore residuo dell'infrastruttura FINANZIAMENTI di TERZI e RIMBORSI (dati in /1000) Finanziamenti di terzi sottoscritti cumulati Finanziamenti di terzi rimborsati cumulati Finanziamenti residui da rimborsare ATTUALIZZAZIONE (esclusi finanziamenti di terzi e di capitale proprio) Tasso di attualizzazione 7,0% Flussi di cassa del periodo Coefficiente di attualizzazione 1/(1+r)^t 1 0, , , , , , , , , Flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati del valore finale dell'infrastruttura Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati dei finanziamenti residui da rimborsare (VAN) Sommatoria flussi di cassa e valore infrastruttura attualizzati REV ANALISI ECONOMICA 12

13 REGIONE PIEMONTE Investimenti 100 Mio - Ricavi Diretti 0% CONTO ECONOMICO (dati in /1000) Ricavi diretti Benefici da esternalità Totale ricavi - Costi di gestione - Costi del personale - Ammortamenti fiscali Totale costi operativi Risultato Operativo - Oneri finanziari Risultato Lordo di gestione - IRES (esclusi benefici da esternalità) - IRAP (esclusi benefici da esternalità) Totale imposte Risultato netto FLUSSI DI CASSA (dati in /1000) Risultato operativo + Ammortamenti fiscali + IVA sulle vendite - IVA sugli acquisti - Versamento IVA a debito - Imposte sul reddito + Rimborsi IVA - Oneri finanziari su scoperto c/c Flusso di cassa gestione ordinaria - Investimenti + Finanziamenti di terzi - Rimborso finanziamenti di terzi - Oneri finanziari su finanziamenti di terzi + Contributi in conto impianti - IVA sugli investimenti + Finanziamento con capitale di rischio Flusso di cassa legato agli investimenti Flusso di cassa del periodo INVESTIMENTI E RELATIVA COPERTURA (dati in /1000) Investimenti lordi (al netto dell'iva) Contributi in conto impianti Finanziamenti di terzi a titolo oneroso Autofinanziamento (al netto dell'iva) Autofinanziamento per l'iva Totale autofinanziamento VALORE dei CESPITI sulla VITA UTILE (dati in /1000) Valore cumulato lordo delle infrastrutture Valore cumulato dei contributo in conto impianto Valore cumulato delle infrastrutture al netto dei contributi Fondo ammortamento sulla vita utile Valore residuo dell'infrastruttura FINANZIAMENTI di TERZI e RIMBORSI (dati in /1000) Finanziamenti di terzi sottoscritti cumulati Finanziamenti di terzi rimborsati cumulati Finanziamenti residui da rimborsare ATTUALIZZAZIONE (esclusi finanziamenti di terzi e di capitale pr Tasso di attualizzazione Flussi di cassa del periodo Coefficiente di attualizzazione 1/(1+r)^t Flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati del valore finale dell'infrastruttura Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati dei finanziamenti residui da rimborsare (VAN) Sommatoria flussi di cassa e valore infrastruttura attualizzati , , , , , , , , , , REV ANALISI ECONOMICA 13

14 REGIONE PIEMONTE Investimenti 100 Mio - Ricavi Diretti 0% CONTO ECONOMICO (dati in /1000) Ricavi diretti Benefici da esternalità Totale ricavi - Costi di gestione - Costi del personale - Ammortamenti fiscali Totale costi operativi Risultato Operativo - Oneri finanziari Risultato Lordo di gestione - IRES (esclusi benefici da esternalità) - IRAP (esclusi benefici da esternalità) Totale imposte Risultato netto FLUSSI DI CASSA (dati in /1000) Risultato operativo + Ammortamenti fiscali + IVA sulle vendite - IVA sugli acquisti - Versamento IVA a debito - Imposte sul reddito + Rimborsi IVA - Oneri finanziari su scoperto c/c Flusso di cassa gestione ordinaria - Investimenti + Finanziamenti di terzi - Rimborso finanziamenti di terzi - Oneri finanziari su finanziamenti di terzi + Contributi in conto impianti - IVA sugli investimenti + Finanziamento con capitale di rischio Flusso di cassa legato agli investimenti Flusso di cassa del periodo INVESTIMENTI E RELATIVA COPERTURA (dati in /1000) Investimenti lordi (al netto dell'iva) Contributi in conto impianti Finanziamenti di terzi a titolo oneroso Autofinanziamento (al netto dell'iva) Autofinanziamento per l'iva Totale autofinanziamento VALORE dei CESPITI sulla VITA UTILE (dati in /1000) Valore cumulato lordo delle infrastrutture Valore cumulato dei contributo in conto impianto Valore cumulato delle infrastrutture al netto dei contributi Fondo ammortamento sulla vita utile Valore residuo dell'infrastruttura FINANZIAMENTI di TERZI e RIMBORSI (dati in /1000) Finanziamenti di terzi sottoscritti cumulati Finanziamenti di terzi rimborsati cumulati Finanziamenti residui da rimborsare ATTUALIZZAZIONE (esclusi finanziamenti di terzi e di capitale pr Tasso di attualizzazione Flussi di cassa del periodo Coefficiente di attualizzazione 1/(1+r)^t Flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati del valore finale dell'infrastruttura Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati dei finanziamenti residui da rimborsare (VAN) Sommatoria flussi di cassa e valore infrastruttura attualizzati , , , , , , , , , , REV ANALISI ECONOMICA 14

15 REGIONE PIEMONTE Investimenti 100 Mio - Ricavi Diretti 0% CONTO ECONOMICO (dati in /1000) Ricavi diretti Benefici da esternalità Totale ricavi - Costi di gestione - Costi del personale - Ammortamenti fiscali Totale costi operativi Risultato Operativo - Oneri finanziari Risultato Lordo di gestione - IRES (esclusi benefici da esternalità) - IRAP (esclusi benefici da esternalità) Totale imposte Risultato netto FLUSSI DI CASSA (dati in /1000) Risultato operativo + Ammortamenti fiscali + IVA sulle vendite - IVA sugli acquisti - Versamento IVA a debito - Imposte sul reddito + Rimborsi IVA - Oneri finanziari su scoperto c/c Flusso di cassa gestione ordinaria - Investimenti + Finanziamenti di terzi - Rimborso finanziamenti di terzi - Oneri finanziari su finanziamenti di terzi + Contributi in conto impianti - IVA sugli investimenti + Finanziamento con capitale di rischio Flusso di cassa legato agli investimenti Flusso di cassa del periodo INVESTIMENTI E RELATIVA COPERTURA (dati in /1000) Investimenti lordi (al netto dell'iva) Contributi in conto impianti Finanziamenti di terzi a titolo oneroso Autofinanziamento (al netto dell'iva) Autofinanziamento per l'iva Totale autofinanziamento VALORE dei CESPITI sulla VITA UTILE (dati in /1000) Valore cumulato lordo delle infrastrutture Valore cumulato dei contributo in conto impianto Valore cumulato delle infrastrutture al netto dei contributi Fondo ammortamento sulla vita utile Valore residuo dell'infrastruttura FINANZIAMENTI di TERZI e RIMBORSI (dati in /1000) Finanziamenti di terzi sottoscritti cumulati Finanziamenti di terzi rimborsati cumulati Finanziamenti residui da rimborsare ATTUALIZZAZIONE (esclusi finanziamenti di terzi e di capitale pr Tasso di attualizzazione Flussi di cassa del periodo Coefficiente di attualizzazione 1/(1+r)^t Flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati del valore finale dell'infrastruttura Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati dei finanziamenti residui da rimborsare (VAN) Sommatoria flussi di cassa e valore infrastruttura attualizzati , , , , , , , , , , REV ANALISI ECONOMICA 15

16 REGIONE PIEMONTE Investimenti 100 Mio - Ricavi Diretti 0% CONTO ECONOMICO (dati in /1000) Ricavi diretti Benefici da esternalità Totale ricavi - Costi di gestione - Costi del personale - Ammortamenti fiscali Totale costi operativi Risultato Operativo - Oneri finanziari Risultato Lordo di gestione - IRES (esclusi benefici da esternalità) - IRAP (esclusi benefici da esternalità) Totale imposte Risultato netto FLUSSI DI CASSA (dati in /1000) Risultato operativo + Ammortamenti fiscali + IVA sulle vendite - IVA sugli acquisti - Versamento IVA a debito - Imposte sul reddito + Rimborsi IVA - Oneri finanziari su scoperto c/c Flusso di cassa gestione ordinaria - Investimenti + Finanziamenti di terzi - Rimborso finanziamenti di terzi - Oneri finanziari su finanziamenti di terzi + Contributi in conto impianti - IVA sugli investimenti + Finanziamento con capitale di rischio Flusso di cassa legato agli investimenti Flusso di cassa del periodo INVESTIMENTI E RELATIVA COPERTURA (dati in /1000) Investimenti lordi (al netto dell'iva) Contributi in conto impianti Finanziamenti di terzi a titolo oneroso Autofinanziamento (al netto dell'iva) Autofinanziamento per l'iva Totale autofinanziamento VALORE dei CESPITI sulla VITA UTILE (dati in /1000) Valore cumulato lordo delle infrastrutture Valore cumulato dei contributo in conto impianto Valore cumulato delle infrastrutture al netto dei contributi Fondo ammortamento sulla vita utile Valore residuo dell'infrastruttura FINANZIAMENTI di TERZI e RIMBORSI (dati in /1000) Finanziamenti di terzi sottoscritti cumulati Finanziamenti di terzi rimborsati cumulati Finanziamenti residui da rimborsare ATTUALIZZAZIONE (esclusi finanziamenti di terzi e di capitale pr Tasso di attualizzazione Flussi di cassa del periodo Coefficiente di attualizzazione 1/(1+r)^t Flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati del valore finale dell'infrastruttura , , , , , , , , , , Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati dei finanziamenti residui da rimborsare (VAN) Sommatoria flussi di cassa e valore infrastruttura attualizzati REV ANALISI ECONOMICA 17

17 REGIONE PIEMONTE Investimenti 100 Mio - Ricavi Diretti 0% CONTO ECONOMICO (dati in /1000) Ricavi diretti Benefici da esternalità Totale ricavi - Costi di gestione - Costi del personale - Ammortamenti fiscali Totale costi operativi Risultato Operativo - Oneri finanziari Risultato Lordo di gestione - IRES (esclusi benefici da esternalità) - IRAP (esclusi benefici da esternalità) Totale imposte Risultato netto FLUSSI DI CASSA (dati in /1000) Risultato operativo + Ammortamenti fiscali + IVA sulle vendite - IVA sugli acquisti - Versamento IVA a debito - Imposte sul reddito + Rimborsi IVA - Oneri finanziari su scoperto c/c Flusso di cassa gestione ordinaria - Investimenti + Finanziamenti di terzi - Rimborso finanziamenti di terzi - Oneri finanziari su finanziamenti di terzi + Contributi in conto impianti - IVA sugli investimenti + Finanziamento con capitale di rischio Flusso di cassa legato agli investimenti Flusso di cassa del periodo INVESTIMENTI E RELATIVA COPERTURA (dati in /1000) Investimenti lordi (al netto dell'iva) Contributi in conto impianti Finanziamenti di terzi a titolo oneroso Autofinanziamento (al netto dell'iva) Autofinanziamento per l'iva Totale autofinanziamento VALORE dei CESPITI sulla VITA UTILE (dati in /1000) Valore cumulato lordo delle infrastrutture Valore cumulato dei contributo in conto impianto Valore cumulato delle infrastrutture al netto dei contributi Fondo ammortamento sulla vita utile Valore residuo dell'infrastruttura FINANZIAMENTI di TERZI e RIMBORSI (dati in /1000) Finanziamenti di terzi sottoscritti cumulati Finanziamenti di terzi rimborsati cumulati Finanziamenti residui da rimborsare ATTUALIZZAZIONE (esclusi finanziamenti di terzi e di capitale pr Tasso di attualizzazione Flussi di cassa del periodo Coefficiente di attualizzazione 1/(1+r)^t Flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati del valore finale dell'infrastruttura , , , , , , , , , , Sommatoria dei flussi di cassa attualizzati dei finanziamenti residui da rimborsare (VAN) Sommatoria flussi di cassa e valore infrastruttura attualizzati REV ANALISI ECONOMICA 16

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA

IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI ECONOMIA IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA RAPPORTO FINALE Gennaio 2007 INDICE PREMESSA... 1 PARTE

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli