GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39"

Transcript

1 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di attività finanziarie 5. Perdite durevoli di valore 6. Rilevazione ed eliminazione contabile 7. Operazioni di cartolarizzazione Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 Il Principio Contabile IAS 39 si applica a tutte le categorie di strumenti finanziari eccezion fatta per (si riportano le tipologie più significative): - partecipazioni in controllate, collegate e joint venture, cui si applicano rispettivamente i Principi IAS 27, 28 e 31; - operazioni di leasing; - programmi di benefici ai dipendenti, che ricadono nello IAS 19; - contratti assicurativi (IFRS 4). Rilevazione contabile Un entità deve rilevare nel proprio stato patrimoniale un attività o passività finanziaria quando, e solo quando, l entità diviene parte nelle clausole contrattuali dello strumento. Contabilmente, nell ambito di un acquisto standardizzato (regular way) l attività finanziaria è rilevata alla data di negoziazione o alla data di regolamento: - la data di negoziazione è la data in cui un entità si impegna ad acquistare o a vendere un attività (che solitamente coincide con la data di stipula del contratto); - la data di regolamento è la data in cui un attività è consegnata o ricevuta da un entità. Ad esempio, nell ambito dell acquisto di un titolo, la data di negoziazione coincide con la data in cui la transazione viene portata a termine, la data di regolamento con il momento nel quale avviene lo scambio tra l acquirente (che riceve fisicamente il titolo) ed il venditore (che riceve il corrispettivo della cessione). La distanza tra le due date nel caso degli ordini di Borsa è di due giorni lavorativi (t+2), ma tende a dilatarsi per acquisti effettuati su mercati esteri o poco liquidi. Misurazione iniziale Quando un attività o una passività finanziaria è inizialmente rilevata, un entità deve misurarla al suo fair value. Pertanto, indipendentemente dalla modalità di valutazione successiva, la prima rilevazione di una attività o passività finanziaria deve avvenire al fair value; il Principio IAS 39 presuppone (AG64) che il fair value di uno strumento finanziario al momento della rilevazione iniziale sia il prezzo della transazione (ossia il fair value del corrispettivo dato o ricevuto), a meno che il fair value dello strumento sia determinato utilizzando più propriamente una tecnica di valutazione. Per esempio, il fair value di un finanziamento a lungo termine che non comporta interessi può essere determinato attualizzando tutti i flussi di cassa sulla base di un tasso di interesse di 1

2 mercato utilizzato per uno strumento equivalente, contabilizzando a conto economico il profitto o la perdita conseguente. Valutazione successiva di attività finanziarie Il Principio Contabile IAS 39 prende in esame quattro categorie all interno delle quali possono essere classificate le attività finanziarie dopo la rilevazione iniziale: (a) attività finanziarie al fair value rilevato a conto economico (fair value through profit and loss) (b) investimenti posseduti sino a scadenza (held to maturity) (c) finanziamenti e crediti (loans and receivables) (d) attività finanziarie disponibili per la vendita (available for sale) Categoria (a) Un attività è classificata al fair value attraverso il conto economico se soddisfa una delle seguenti condizioni: 1. è classificata come posseduta per la negoziazione (criterio oggettivo), ovvero è acquisita al fine di rivenderla nel breve termine, fa parte di un portafoglio di identificati strumenti finanziari gestiti unitariamente in un ottica di profitto nel breve periodo o si tratta di uno strumento derivato (i derivati pertanto devono sempre essere valutati al fair value con impatti a conto economico); 2. al momento della rilevazione iniziale viene designata dall entità al fair value a conto economico (criterio soggettivo). Un entità può utilizzare questa designazione per lo più allorquando vada a ridurre una mancanza di uniformità nella valutazione o rilevazione (asimmetria contabile) che altrimenti comporterebbe la rilevazione di utili o perdite su basi diverse per attività o passività gestionalmente tra loro collegate. Il punto 2 rappresenta una recente introduzione, denominata fair value option ed introdotta dal Regolamento CE n. 1864/2005 del 15 novembre Tale impostazione consente la classificazione di attività e di passività finanziarie che non rientrino nel dettato del punto 1 (che quindi non siano possedute per la negoziazione o non siano derivati) al fair value con impatti a conto economico solo nel caso in cui ciò riduca un asimmetria contabile (accounting mismatching). Si consideri ora un breve annotazione sulla determinazione del fair value per uno strumento finanziario. In linea generale, è necessario distinguere tra: - strumenti finanziari quotati in un mercato attivo; - strumenti finanziari non quotati in un mercato attivo. Con riguardo al primo caso, uno strumento finanziario è considerato quotato su un mercato attivo se i prezzi quotati sono prontamente e regolarmente disponibili e tali prezzi si formano nell ambito di normali contrattazioni di mercato. In questo caso, l esistenza di quotazioni di prezzi pubblicati in un mercato attivo rappresenta la migliore prova del fair value, e quando esistono sono pertanto utilizzati nella valutazione di attività finanziarie. Se il mercato per uno strumento finanziario non è attivo, un entità determina il fair value utilizzando una tecnica di valutazione. La finalità dell utilizzo di una tecnica di valutazione è di stabilire quale prezzo avrebbe avuto l operazione alla data di valutazione all interno di un libero scambio motivato da normali considerazioni di natura commerciale. Il fair value è stimato (per poter ottenere risultati il più possibile oggettivi e confrontabili) facendo il più possibile uso di fattori di mercato ed affidandosi il meno possibile a fattori specifici 2

3 dell entità. In particolare, una tecnica di valutazione dovrebbe giungere ad una stima realistica del fair value se: - incorpora tutti i fattori che i partecipanti del mercato considererebbero nel fissare un prezzo - è coerente con le metodologie economiche accettate per prezzare gli strumenti finanziari. I fattori sulla base dei quali può essere determinato il fair value di uno strumento finanziario possono essere qui riassunti: - tasso di interesse di mercato free risk (ovvero privo di rischio, il cosiddetto tasso base), determinato generalmente a partire dai prezzi osservabili di titoli di Stato per scadenze equiparabili; - rischio di credito, inteso come premio rispetto alla curva free risk: - tassi di cambio di valuta estera; - prezzi dei beni (mercato delle commodities); - volatilità (ossia la dimensione delle oscillazioni del prezzo di uno strumento finanziario); - rischio di rimborso anticipato ad un prezzo più basso o più alto Categoria (b) Nella presente categoria figurano attività non derivate con pagamenti fissi o determinabili e scadenza fissa che un entità ha oggettiva intenzione e capacità di possedere sino a scadenza. Con riferimento alla tainting rule, ovvero il meccanismo sanzionatorio previsto per il venir meno delle condizioni previste dallo IAS 39 per gli investimenti a scadenza, si rinvia al testo utilizzato. La valutazione degli strumenti finanziari classificati nella presente categoria avviene al costo ammortizzato. Il costo ammortizzato rappresenta una configurazione di costo che incorpora due significative differenze rispetto alla nozione di costo utilizzata nei Principi Contabili Italiani: - prima differenza: i principi internazionali prevedono che ogni differenza tra il valore iniziale ed il valore a scadenza sia spalmata economicamente su tutta la vita dell attività finanziaria. In particolare, nel caso di strumenti finanziari che non siano iscritti al fair value con impatto a conto economico il valore di prima iscrizione risulta pari al fair value (cfr quanto sopra indicato) aumentato o diminuito dei costi di transazione direttamente attribuibili all acquisizione dell attività finanziaria (o all emissione di una passività finanziaria contabilizzata al costo ammortizzato). Vale il principio secondo il quale i costi di transazione entrano nel computo del costo ammortizzato se rappresentano costi che non sarebbero stati sostenuti nel caso in cui non si fosse mai verificato l acquisto/emissione (quindi si tratta di commissioni, spese etc); - seconda differenza: il criterio di ammortamento delle differenze tra valore iniziale e valore finale dell attività finanziaria è dettato direttamente dallo IAS 39 che definisce il metodo dell interesse effettivo come il criterio per calcolare il costo ammortizzato e il reddito per interessi (nel caso di attività) e il costo per interessi (nel caso di passività) utilizzando il tasso di interesse effettivo di un attività o passività finanziaria. Il tasso di interesse effettivo è il tasso che attualizza esattamente i pagamenti o incassi futuri lungo la vita attesa dello strumento al valore contabile. Si presenta di seguito un esempio di calcolo del costo ammortizzato applicato ad un titolo dell attivo. Si ipotizzi di acquisire alla pari un titolo di euro con scadenza residua di 5 3

4 anni con rimborso a quota capitale costante e tasso fisso dell 8% e che per l acquisizione sia dovuta ad un intermediario una commissione, pagata inizialmente, di euro ESEMPIO COSTO AMMORTIZZATO Capitale Interessi 8,00% Commissioni IRR 6,84% Periodi Capitale Debito Interessi (8%) Flussi Flussi (con Interessi Ammortamento Costo residuo commissioni) all'irr commissioni ammortizzato , La contabilizzazione secondo i Principi Contabili Italiani prevederebbe l imputazione a CE degli interessi secondo il tasso facciale (8%) e la ripartizione delle commissioni con la tecnica del risconto attivo lungo la vita dello strumento, mentre l iscrizione nello stato patrimoniale del titolo avverrebbe sulla base della quota capitale non ancora rimborsata (ovvero il costo storico). Sulla base dei Principi Contabili Internazionali, invece, la commissione è spalmata finanziariamente mediante il metodo dell interesse effettivo (IRR) lungo la vita dello strumento, e l imputazione a conto economico degli interessi avviene allo stesso modo (in pratica a CE viene contabilizzato l importo presente nella colonna Interessi all IRR ). Categoria (c) La categoria finanziamenti e crediti accoglie attività finanziarie non derivate con pagamenti fissi o determinabili che non sono quotati in un mercato attivo. La contabilizzazione dei finanziamenti e crediti avviene, come per la categoria precedente, al costo ammortizzato; si riporta in questo caso il piano di ammortamento di un mutuo: ESEMPIO MUTUO Erogazione ,00 Commissioni 1.000,00 TAN 4,75% Regime Interesse semplice Rata annuale Numero rate 20 Periodicità semestrale TAN semestrale 2,375% A figurato n 15,775 Rata semestrale 3.169,61 IRR 2,589% 4

5 Periodo Rate Importo Debito Quota Quota Flussi con Interessi a Ammortamento Costo rata residuo interessi capitale commissioni IRR commissioni ammortizzato 01/07/ , , ,00 01/01/ , , , , , ,47 80, ,86 01/07/ , , , , , ,25 78, ,50 01/01/ , , , , , ,76 76, ,66 01/07/ , , , , , ,97 74, ,02 01/01/ , ,40 992, , , ,83 71, ,24 01/07/ , ,47 940, , , ,32 68, ,95 01/01/ , ,60 887, , ,61 953,39 65, ,73 01/07/ , ,54 833, , ,61 896,02 62, ,15 01/01/ , ,99 778, , ,61 837,17 59, ,70 01/07/ , ,65 721, , ,61 776,79 55, ,88 01/01/ , ,16 663, , ,61 714,84 51, ,12 01/07/ , ,13 603, , ,61 651,30 47, ,80 01/01/ , ,17 542, , ,61 586,10 43, ,30 01/07/ , ,82 480, , ,61 519,22 38, ,92 01/01/ , ,59 416, , ,61 450,61 34, ,93 01/07/ , ,97 350, , ,61 380,23 29, ,55 01/01/ , ,42 284, , ,61 308,02 23, ,96 01/07/ , ,33 215, , ,61 233,94 18, ,29 01/01/ , ,08 145, , ,61 157,94 12, ,63 01/07/ ,61-0,00 73, , ,61 79,98 6,45 0,00 Rilevante notare come le commissioni di istruttoria, tipicamente contabilizzate all atto della stipula da parte degli Istituti Bancari, rientrano invece nel costo ammortizzato dello strumento e risultano spalmate finanziariamente sul piano di ammortamento. Categoria (4) Nella presente categoria figurano le attività finanziarie residuali; la valutazione avviene al fair value, i cui impatti peraltro confluiscono non a conto economico ma a patrimonio netto in apposita riserva. Gli interessi confluicono invece a conto economico mediante il criterio dell interesse effettivo. Si tratta di una categoria che, nonostante la natura residuale, viene molto utilizzata nella pratica poiché sterilizza a patrimonio netto le variazioni di fair value, facendo quindi sì di stabilizzare il risultato di esercizio. Perdite durevoli di valore L entità deve determinare a ogni data di riferimento di bilancio se vi è qualche obiettiva evidenza che un attività finanziaria o un gruppo di attività finanziarie ha subito una riduzione di valore. L entità è chiamata inizialmente a verificare (mediante il cd impairment test ) se sussistano evidenze di una possibile perdita durevole di valore per singole attività finanziarie, salvo poi provvedere a valutare collettivamente gruppi di attività finanziarie con caratteristiche similari di rischio di credito (in termini per esempio di distribuzione geografica, settore, ramo etc). Le attività che sono valutate individualmente per riduzione di valore e per le quali una perdita per riduzione di valore è stata rilevata, non sono incluse in una valutazione collettiva. Importante notare come secondo i Principi Contabili Internazionali la perdita di valore possa essere rilevata solo a seguito di un evento di perdita (difficoltà finanziarie del debitore, violazione del contratto etc), secondo quindi la logica delle incurred losses, e non sulla base (tipica invece di Basilea II) delle expected losses, ovvero delle perdite attese. Si tratta di una distinzione che assume rilievo soprattutto nella valutazione collettiva di gruppi di attività finanziarie. Al riguardo, i Principi Contabili illustrano (AG90) un esempio che ben può essere utilizzato per esplicitare quanto sopra. Un entità può determinare, sulla base dell esperienza storica, che una delle cause principali dell inadempienza per finanziamenti con carte di credito è la morte del debitore. L entità può osservare che il tasso di morte è invariato da un anno al successivo. Nonostante ciò, alcuni dei debitori del gruppo di finanziamenti per carte di credito di un entità possono essere morti quell anno, indicando che una perdita per riduzione di valore si è 5

6 verificata su tali finanziamenti, anche se, alla fine dell anno, l entità non è ancora consapevole quale particolare debitore è deceduto (in quest ultimo caso, infatti, la valutazione potrebbe andare ad interessare analiticamente le singole posizioni). Sarebbe appropriato che una perdita per riduzione di valore fosse rilevata per queste perdite già sostenute (incurred), ma non sarebbe invece appropriato rilevare una perdita per riduzione di valore per decessi che sono previsti in un periodo futuro (expected), poiché l evento di perdita necessario (la morte del debitore) non è ancora avvenuto. La riduzione per perdite durevoli di valore viene considerata per attività iscritte al costo ammortizzato o al costo (in quest ultimo caso si tratte esclusivamente di strumenti non quotati rappresentativi di capitale non valutati al fair value). Le attività valutate al fair value, infatti, incorporano già nella valutazione la perdita durevole di valore; si supponga infatti che l emittente di un titolo obbligazionario veda peggiorare il proprio standing creditizio a seguito di difficoltà di varia natura: in questo caso la valutazione al fair value dello strumento di debito effettuata dai possessori dello stesso incorporerebbe già la riduzione di valore in termini di incremento dello spread creditizio rispetto alla curva risk free (il valore attuale dello strumento ne risulterebbe quindi ridotto). Diverso è il caso di attività disponibili per la vendita: le variazioni di fair value di queste ultime impattano infatti a patrimonio netto, ma se vi è evidenza che la perdita sia durevole questa deve essere stornata dal patrimonio netto e imputata a conto economico. Nel caso di finanziamenti e crediti (iscritti al costo ammortizzato), la perdita per riduzione di valore viene misurata come differenza tra il valore contabile dell attività e il valore attuale dei flussi futuri finanziari stimati scontato al tasso di intesse originale dell attività finanziaria. Si rileva quindi una sostanziale differenza rispetto ai Principi Contabili Italiani che può essere evidenziata tramite un esempio. Si supponga che un entità abbia iscritto un credito verso un terzo al costo ammortizzato per 100 e che a seguito di difficoltà finanziarie del debitore l entità abbia stimato di incassare solo 70. Secondo i Principi Contabili Italiani, la rilevazione del credito in bilancio (al valore di presumibile realizzo) porterebbe ad iscrivere 70; secondo i Principi Internazionali, invece, si tratterebbe di comprendere quando questi 70 saranno incassati, attualizzando i relativi flussi futuri al tasso in interesse effettivo originario. Si supponga quindi che i 70 saranno incassati in un unica soluzione dopo tre anni e che l effetto attualizzazione ammonti a 10. L entità iscriverà il credito a 60 ( ), ed i 10 si riverseranno secondo il tasso interesse effettivo per i successivi tre anni a conto economico. Eliminazione contabile Un entità deve eliminare contabilmente un attività finanziaria quando trasferisce i diritti contrattuali a ricevere i flussi finanziari dell attività. Quando un entità trasferisce un attività finanziaria, deve tuttavia valutare la misura in cui essa mantiene i rischi e i benefici della proprietà dell attività finanziaria. In questo caso: - se l entità trasferisce sostanzialmente tutti i rischi e i benefici della proprietà dell attività finanziaria, l entità deve eliminare l attività finanziaria; - se l entità mantiene sostanzialmente tutti i rischi e i benefici della proprietà dell attività finanziaria, l entità deve continuare a rilevare l attività finanziaria. Nel successivo paragrafo si evidenzia un caso di trasferimento che non si qualifica per l eliminazione contabile. Operazioni di cartolarizzazione 6

7 L operazione di cartolarizzazione si sostanzia nella cessione di attività (crediti, titoli, asset immobiliari e via dicendo) da parte di un entità ad una Società a Destinazione Specifica all uopo costituita. Nell ambito dell operazione l originator cede parte del proprio attivo patrimoniale al veicolo, che contestualmente provvede a finanziare l acquisto mediante l emissione di titoli Asset Backed, solitamente distinti nelle classi A (Senior Notes), B (Mezzanine Notes) e C (Junior Notes). Il rimborso della quota capitale ed interessi dei titoli A, B e C avviene secondo il meccanismo della cascata dei pagamenti, ovvero in primo luogo il veicolo, grazie agli introiti derivanti dalle attività in portafoglio, rimborsa capitale ed interessi della classe A, poi della classe B ed infine, con il residuo dell operazione, la classe C. Dalla data di entrata in vigore della Legge n 130 del 30 aprile 1999 (Legge di disciplina delle operazioni di cartolarizzazione) molti istituti finanziari hanno posto in essere operazioni volte a trasferire parte del proprio portafoglio crediti (sia posizioni regolari che degradate) ad una società veicolo, con il duplice intento di trasferire il rischio di credito sottostante e di liberare patrimonio di vigilanza per investimenti maggiormente lucrativi. Tuttavia, la grande maggioranza di queste operazioni hanno comportato la sottoscrizione delle junior notes da parte degli stessi istituti originator che, di fatto, si sono riportati in bilancio il rischio di credito ceduto. Si ricordi infatti che, sulla base della cascata dei pagamenti, le junior notes vengono rimborsate solo qualora il veicolo disponga di liquidità residuale dopo aver rimborsato le notes precedenti. Evidentemente, la possibilità che la classe C risulti soddisfatta è diretta conseguenza del flusso di rimborso delle quote capitale ed interessi dei crediti ceduti. Nel caso sopra descritto, l Istituto originator mantiene in capo i rischi e i benefici dell attività ceduta, pertanto il trasferimento non si qualifica per l eliminazione contabile e le attività cedute devono essere iscritte nel bilancio dell Istituto cedente. 7

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Gli strumenti finanziari [2]

Gli strumenti finanziari [2] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [2] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

Immobili, impianti e macchinari Ias n.16

Immobili, impianti e macchinari Ias n.16 Immobili, impianti e macchinari Ias n.16 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2005-2006 prof.ssa Sabrina

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato Costo Ammortizzato Il costo ammortizzato è il valore a cui l attività/passività finanziaria è stata valutata alla rilevazione

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

Gli strumenti finanziari [1]

Gli strumenti finanziari [1] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [1] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * *

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * * Economia dei gruppi e bilancio consolidato Esempi di quesiti d esame (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) Q. 1 Il Candidato, ricorrendo alla costruzione del foglio di lavoro di stato

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Dodicesima lezione: Le attività finanziarie Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE B.III Immobilizzazioni finanziarie

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2010/2011 Bergamo, 21 febbraio 2011 Indice degli

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Dott. Amedeo Pugliese 12-13 Aprile 2010 Attività Finanziarie Amedeo Pugliese EA II + AEF Le Attività Finanziarie possono trovare

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende. IAS 17 Leasing. by Marco Papa

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende. IAS 17 Leasing. by Marco Papa Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende IAS 17 Leasing by Marco Papa Outline o Definizioni o Classificazione del contratto di leasing o Contabilizzazione

Dettagli

18/10/2013-18/10/2019 ISIN:

18/10/2013-18/10/2019 ISIN: Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Scheda prodotto Intesa Sanpaolo a Tasso Misto con Minimo e Massimo

Dettagli

Benefit plans (IAS 19); Pagamenti basati su azioni (IFRS 2); Contratti assicurativi (IFRS 4). Contratti di Leasing (IAS 17);

Benefit plans (IAS 19); Pagamenti basati su azioni (IFRS 2); Contratti assicurativi (IFRS 4). Contratti di Leasing (IAS 17); Introduzione 1 IL CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA LE RINCIALI OSTE DEL BILANCIO D ESERCIZIO E LA REVISIONE LEGALE: RINCII CONTABILI, NAZIONALI ED INTERNAZIONALI E TECNICHE DI REVISIONE STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

La contabilizzazione del leasing: disciplina attuale e prospettive future

La contabilizzazione del leasing: disciplina attuale e prospettive future Principi contabili internazionali La contabilizzazione del leasing: disciplina attuale e prospettive future Marco Venuti Università Roma 3 2014 Agenda Caratteristiche dell operazione di leasing Il mercato

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dall entità in in conseguenza di di eventi passati e dalla quale

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

2 Attività materiali - Ias 16 e 17

2 Attività materiali - Ias 16 e 17 76 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Note informative integrative ammortizzati, ma sono valutati almeno una volta all anno, o comunque tutte le volte che si riscontrino indicatori di potenziale perdita

Dettagli

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO in pratica FISCO Antonina Giordano Il leasing operativo I edizione Definizione e caratteristiche distintive Profili civilistici e fiscali Profili contabili e di rappresentazione in bilancio Riferimenti

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 Financial Instrument Gli IFRS sono principi di rappresentazione della realtà economica di un certa azienda o reporting entity Nell ambito della realtà economica

Dettagli

IAS 39-IFRS 9: Cambiamenti nella rilevazione e valutazione delle attività e delle passività finanziarie.

IAS 39-IFRS 9: Cambiamenti nella rilevazione e valutazione delle attività e delle passività finanziarie. Corso di Laurea magistrale in Amministrazione, finanza e controllo. Tesi di Laurea IAS 39-IFRS 9: Cambiamenti nella rilevazione e valutazione delle attività e delle passività finanziarie. Relatore Prof.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2009 Euro 6.671.440

Dettagli

IAS 18: Ricavi. Determinazione dei ricavi

IAS 18: Ricavi. Determinazione dei ricavi IAS 18 Ricavi Determinazione dei ricavi Il ricavo deve essere determinato in base al fair value del corrispettivo ricevuto o spettante, al netto di eventuali sconti commerciali e riduzioni legate alla

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura Gli strumenti derivati di copertura 1 Gli strumenti finanziari derivati La normativa È contenuta nell articolo 2426 c.2 del codice civile come modificato dal D.Lgs. 139/2015 2 Classi di strumenti finanziari

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito Prof. Francesco Faraci Associato di Economia degli Intermediari Finanziari Facoltà di Economia

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

Bilancio separato di Salini Impregilo S.p.A. al 31 dicembre 2014

Bilancio separato di Salini Impregilo S.p.A. al 31 dicembre 2014 25. Strumenti Finanziari e gestione del rischio Classi di strumenti finanziari La tabella seguente espone le classi di strumenti finanziari detenuti da Salini Impregilo ed evidenzia le valutazioni a associate

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, Anno accademico 2014/2015 10 e 11 febbraio 2015-1 parte Indice I principi IAS 32

Dettagli

Nota Integrativa. PARTE A - Politiche contabili. PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale Attivo. PARTE C - Informazioni sul conto economico

Nota Integrativa. PARTE A - Politiche contabili. PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale Attivo. PARTE C - Informazioni sul conto economico Nota Integrativa PARTE A - Politiche contabili A.1 - Parte generale A.2 - Parte relativa alle principali voci di Bilancio PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale Attivo Passivo Altre informazioni

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 AREA RISORSE INFORMATICHE E RILEVAZIONI STATISTICHE Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune

Dettagli

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO BANCA POPOLARE ETICA ASSEMBLEA dei SOCI Utilizzo di stime e assunzioni nella predisposizione del bilancio consolidato La redazione del bilancio consolidato richiede anche il ricorso a stime e ad assunzioni

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs 1 Framework Business combination (acquisizione del controllo) Purchase Price Allocation (valutazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto

Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto Risk and Accounting Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto Marco Venuti Agenda La disciplina di rif erimento Stato patrimoniale consolidato Conto economico consolidato Stato patrimoniale di

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS

IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS , 26 Febbraio 2009 IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS RIDUZIONE DI VALORE DELLE ATTIVITÀ Paolo Pietro Biancone , 26 Febbraio 2009 AGENDA Finalità e ambito di applicazione Principali definizioni Identificazione

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA.

INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA. INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA. 1 INTRODUZIONE Il presente documento si compone del conto economico consolidato pro-forma dell'esercizio

Dettagli

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009 IAS 32-39 ed IFRS 7 Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure Verona, aprile 2009 IAS 32 e IAS 39 - Definizioni IAS 39 - Recognition IAS 39 Measurement IAS 39 Impairment

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 Il leasing è un contratto per mezzo del quale il locatore (lessor) trasferisce al locatario (lessee), in cambio di un pagamento o di una serie

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

Note informative integrative 3

Note informative integrative 3 L incremento della voce Immobili è dovuto alla acquisizione del Premafin per euro 493 milioni, nonché all attività delle due società immobiliari del, Midi per euro 1,6 milioni ed Unifimm per euro 36 milioni

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, anno accademico 2009/2010 Indice Premesse Principi contabili IAS 32 e 39 Principi

Dettagli

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 Processo per la determinazione dei prezzi degli Strumenti Finanziari - SINTESI - I N D I C E PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 1.- Fasi di applicazione del modello...2

Dettagli

4.5. Lottibroom S.p.A.

4.5. Lottibroom S.p.A. 4.5. Lottibroom S.p.A. La società Lottibroom S.p.A. è un impresa quotata alla Borsa Valori nazionale; la quotazione risale a qualche anno addietro, al periodo in cui la medesima ha avuto la necessità di

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2011

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2011 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2011 "CREDITO VALDINIEVOLE" BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MONTECATINI TERME E BIENTINA SOCIETA' COOPERATIVA Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 AGENDA Partecipazioni, titoli ed azioni

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli