Applicazioni al servizio dell utenza: il SIIG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Applicazioni al servizio dell utenza: il SIIG"

Transcript

1 Convegno di apertura PTA-DESTINATION: Percorsi Transfrontalieri Condivisi Applicazioni al servizio dell utenza: il SIIG Giusi Manuela Giannino Antonello Navarretta 1

2 Il SIIG nel quadro delle azioni del progetto DESTINATION Predisporre una rete di monitoraggio per il TMP: GATE fissi, installati nelle zone maggiormente critiche on-board units (OBU) installati sui veicoli TMP Definizione di un modello di analisi del rischio da TMP altamente dettagliato OBU GPS partners GeoDB Analisi di Rischio implementazione di un DSS condiviso (SIIG) Gate 2

3 SIIG un DSS flessibile calcolo di specifiche porzioni di formula specifici criteri di esecuzione che dipendono dalla scelta della formula da rappresentare Valutazione dell impatto cumulato di + scenari incidentali Interfaccia utente multi-lingue 3

4 Elaborazione standard Analisi del rischio elaborazioni (1) disponibile per tutti gli utenti riferita a condizioni temporali e meteo medie (standard) Valutazione del rischio effettivo Elaborazione personalizzata disponibile per utenti avanzati permette la modifica (amplificazione/mitigazione) dei valori di specifici parametri introduzione di fattori correttivi che tengano conto delle dinamiche temporali (giorno/notte, feriali/festivi) o di specifiche condizioni meteo (pioggia/neve/nebbia) valutazione del rischio effettivo 4

5 Analisi del rischio elaborazioni (2) Simulazione disponibile solo per utenti specialistici permette la modifica di bersagli integrativi (e.g. presenza di un centro commerciale o di un ospedale) o input manuale di nuovi valori per parametri specifici valutazione del rischio potenziale Valutazione del danno disponibile solo per utenti specialistici Permette di indicare esplicitamente l area effettiva di danno e di valutare gli effetti di un incidente realmente avvenuto valutazione del danno ex post 5

6 Risultati Elaborazioni - vista sintetica segmenti 100 m segmenti 1 Km raster 5 km risoluzione dell elaborazione cambia con la scala rappresentazione di default mostra il rischio complessivo sociale ed ambientale, combinati su base qualitativa utilizzando diverse gradazioni cromatiche 6

7 Risultati Elaborazioni vista analitica 7

8 Vista analitica - Simulazione L elaborazione simula l esecuzione di uno scenario what if Modifica degli attributi di uno o più archi del grafo stradale Aggiunta di un nuovo bersaglio Modifica della geometria o degli attributi di un bersaglio esistente Eliminazione di un bersaglio esistente nuovo bersaglio bersaglio cancellato bersaglio modificato 8

9 SIIG soluzione architetturale SIIG GeoDB PARTNER WSO2 ESB GATE/OBU MANAGER Processi Offline: ingestione dei geo-dati forniti dai partners, usati per il calcolo del rischio da TMP (grafo stradale & bersagli ambientali/antropici) ed esecuzione dei necessari pre-processi Processi Online: servizi esposti dai partner con protocolli OGC standard (WMS) Enterprise Service Bus (ESB) WSO2 espone le funzionalità di MOM (Message Oriented Middleware) 9

10 SIIG Componenti Open Source solution INSPIRE compliant SDI fornisce i servizi geospaziali a standard OGC OS Java enterprise application (WMS per la sviluppata da GeoSolutions x visualizzazione delle fornisce i servizi di map automazione e schedulazione di mappe, WFS per tiling e di caching delle processi geo-spaziali l estrazione e la modifica tile, svolgendo il ruolo di di dati vettoriali e WPS Storage: acceleratore DB per le per le necessità di calcolo MapStore: PostGIS mappe un per di framework base i webgis Open al volo e eventuale Source dati sviluppato vettoriali; da GeoSolutions, che estrazione dati) integra file ed system orchestra i servizi OGC di GeoServer condiviso e per funzionalità di metadata explorer la gestione per accedere dei ai cataloghi esposti in formato dati raster CSW 10

11 PTA-DESTINATION: Obiettivi SIIG (1) Integrazione «Analisi del rischio» e «Rete di monitoraggio» (in sinergia con PoliMi) utilizzo dati OBU e GATE nella formula di calcolo del Rischio TMP per la stima del flussi dei mezzi di trasporto delle sostanze ADR, (Padr) rappresentazione su base comunale dei flussi TMP attraverso l'uso dei dati provenienti dalla rete di monitoraggio (per tipologia di sostanza) Migliorare le funzionalità del SIIG a supporto della pianificazione (territoriale/trasportistica/protezione civile) e delle valutazioni ambientali connesse (sicurezza preventiva), in base alle informazioni della rete di monitoraggio (sicurezza attiva) 11

12 PTA-DESTINATION: Obiettivi SIIG (2) Fine tuning della metodologia di analisi del rischio TMP (in sinergia con PoliMi) Pericolosità intrinseca della strada (Pis): variabilità in base ad effettive condizioni meteo locali Fattore di pesatura (Fp): generalizzazione dell utilizzo del fattore di pesatura in relazione non solo alla tipologia di bersaglio ma anche di scenario incidentale Estensione della metodologia a specifiche sostanze ADR: in fase di esecuzione dell elaborazione, percorsi differenziati tra sostanze modello e specifiche Rendere più flessibile le logica delle elaborazioni personalizzate Migliorare le potenzialità di analisi del rischio nel tenere conto delle effettive specificità dei territori dal punto di vista dei fattori sia di pericolosità che di vulnerabilità Specificare i nessi causa/effetto tra ipotesi incidentali e scenari di danno 12

13 PTA-DESTINATION: Obiettivi SIIG (3) Exploitation delle funzionalità del SIIG (in sinergia con PoliMi) Rappresentazione dei principali parametri per le elaborazioni di rischio su supporto mobile (rischio totale; pericolosità stradale; pericolosità ADR; vulnerabilità) Funzioni di valutazione del danno su supporto mobile per fornire uno strumento decisionale di utilizzo immediato ai soggetti preposti alla gestione delle situazioni di emergenza antropica (VVFF, Protezione Civile, Polizia Stradale) o ambientale (ARPA) Ampliare le modalità di utilizzo del SIIG: da strumento di sicurezza preventiva a tool di supporto per la sicurezza attiva e passiva Ampliare la platea potenziale degli utenti del SIIG, come tool in real time utilizzabile da soggetti pubblici e privati 13

14 PTA-DESTINATION: Obiettivi SIIG (4) Integrazione con TOC (in sinergia con 5T) Integrazione nel SIIG delle informazioni esposte dall aggregatore dei dati OBU, realizzato da 5T Rilevazione volontaria TMP su supporto mobile (smartphone o tablet) per i trasportatori che non dispongono di OBU Integrazione nel SIIG di un route planner che permetta il calcolo del percorso migliore sulla base di diversi parametri (rischio, elementi sensibili/vulnerabili, lunghezza del percorso, ), con supporto metodologico di PoliMI Garantire l integrazione tra i tool di supporto decisionale in tema di valutazione del rischio (SIIG) ed infomobilità (TOC) Potenziare le modalità di monitoraggio del TMP 14

15 Prospettive: il SIIG come DSS per la valutazione ambientale e l analisi multirischio La valutazione di sostenibilità e l analisi di rischio in campo ambientale sono processi interdisciplinari, applicabili a differenti ambiti tematici e livelli territoriali, per determinare ex ante, in itinere ed ex post, la sostenibilità ambientale di un opera /intervento/politica Ambiti di applicazione i piani e programmi, soggetti a Valutazione ambientale strategica (VAS), Valutazione di sostenibilità ambientale e territoriale (ValSAT), Valutazione di incidenza ambientale (VincA), Agenda XXI le opere/progetti, soggette a Valutazione Impatto ambientale (VIA) e le bonifiche e gli interventi di ripristino a seguito di danni ambientali le attività produttive, sottoposte a diversi procedimenti autorizzativi (AIA, emissioni in aria/acqua, smaltimento rifiuti, direttiva Seveso, produzione energia ) i pericoli di origine naturale e antropica e la valutazione dei rischi umani ed ambientali che ne derivano finalizzata alla prevenzione/gestione delle emergenze 15

16 SIIG la conoscenza dei fattori di vulnerabilità 16

17 Esigenza di base Incrociare la conoscenza dei fattori di vulnerabilità con quelli di pressione probabilistica (in caso di analisi rischio) ed effettiva (in caso di valutazione ambientale). Caratterizzare degli elementi presenti sul territorio in termini di: valore eco-sistemico dell oggetto, che tiene conto non solo del livello di preservazione di risorse naturali garantito dall'oggetto ma anche della sua funzione sociale, culturale, turistica, economica (cioè dei servizi ecosistemici che l'oggetto produce) pressione ambientale probabilistica (elementi di pericolosità) o effettiva (consumo di risorse ambientali, flussi inquinanti prodotti) esercitata dall oggetto resilienza dell oggetto rispetto alle pressioni probabilistiche/effettive interne o esterne, in termini ambientali, sociali, economici, nonché di sicurezza DSS: approccio metodologico (1) 17

18 DSS: approccio metodologico (2) Un modello generale di descrizione dell'ecosistema (nel senso più ampio del termine) di questo tipo: sarebbe applicabile a diverse scale/oggetti territoriali: dalla singola infrastruttura (edificio, attività produttiva, opera pubblica ), all area locale (distretto, grid chilometrico) ad ambiti amministrativi più o meno vasti (dal comunale al regionale) in chiave dinamica, richiederebbe ovviamente la definizione delle interazioni ed effetti domino tra gli oggetti interessati in relazione ai fenomeni indagati permetterebbe di considerare lo stesso oggetto come fattore di pressione o elemento vulnerabile, a seconda dello scenario di analisi considerato 18

19 Grazie per l attenzione! 19

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO RELAZIONE DI PROGETTO ELENCO MODULI ID modulo Nome modulo DATA AVVIO DATA CONCLUSIONE FINANZIAMENTO 47169496 1RP-AMB Capitalizzazione rete di monitoraggio 47170695 2RP-AMB Capitalizzazione strumento SIIG

Dettagli

Progetto PTA-DESTINATION Percorsi Transfrontalieri Condivisi Le app Dispositivi mobili

Progetto PTA-DESTINATION Percorsi Transfrontalieri Condivisi Le app Dispositivi mobili Progetto PTA-DESTINATION Percorsi Transfrontalieri Condivisi Le app Dispositivi mobili Giusi Manuela Giannino Csi Piemonte Utilizzo di dispositivi mobili sulla base del SIIG le finalità Lo spazio dei dispositivi

Dettagli

Progetto DESTINATION

Progetto DESTINATION CONFERENZA FINALE Progetto DESTINATION TORINO 5 FEBBRAIO 2014 La gestione del rischio da trasporto di merci pericolose per la protezione civile Matteo Vischi Ripartizione protezione antincendi e civile

Dettagli

Visualizzatore GIS delle emissioni in atmosfera

Visualizzatore GIS delle emissioni in atmosfera Visualizzatore GIS delle emissioni in atmosfera IREA Piemonte Il visualizzatore nasce nell'ambito del progetto finanziato nell ambito del programma "ALps COopertation TRAns-frontier. Obiettivo primario

Dettagli

PTA DESTINATION incontro di lavoro 11/12/2014 Lugano

PTA DESTINATION incontro di lavoro 11/12/2014 Lugano PTA DESTINATION incontro di lavoro 11/12/2014 Lugano Raffaele Rampazzo (Regione Lombardia) Fabio Borghe2 (Politecnico di Milano) Moduli 1: Elaborazioni SIIG e analisi da> rete di monitoraggio 2: Formazione

Dettagli

Condivisione dati territoriali e TMP

Condivisione dati territoriali e TMP Uno strumento di supporto alle decisioni. Il SIIG - Sistema Informativo Integrato Globale Condivisione dati territoriali e TMP Giuseppe Pastorelli Politecnico di Milano Condivisione di dati territoriali

Dettagli

Sistemi di monitoraggio e localizzazione

Sistemi di monitoraggio e localizzazione PTA-DESTINATION Workshop Il rischio da trasporto di merci pericolose su strada Strumenti per conoscerlo e gestirlo Torino, 23 novembre 2015 Sistemi di monitoraggio e localizzazione Cruscotto di reportistica

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

La visualizzazione del layer informativo in un webgis open source: un sistema di gestione tensoriale del dato ambientale per p.mapper.

La visualizzazione del layer informativo in un webgis open source: un sistema di gestione tensoriale del dato ambientale per p.mapper. La visualizzazione del layer informativo in un webgis open source: un sistema di gestione tensoriale del dato ambientale per p.mapper. M. Comelli IFAC-CNR (Istituto di Fisica Applicata Nello Carrara del

Dettagli

Servizi INSPIRE implementati con software liberi (Free Open Source) Francesco D'Alesio Peter Hopfgartner Paolo Viskanic

Servizi INSPIRE implementati con software liberi (Free Open Source) Francesco D'Alesio Peter Hopfgartner Paolo Viskanic Servizi INSPIRE implementati con software liberi (Free Open Source) Francesco D'Alesio Peter Hopfgartner Paolo Viskanic Il progetto FreeGIS FreeGIS è un progetto Interreg Italia-Svizzera cofinanziato dal

Dettagli

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo Filippo DEL GUZZO (*), Valentina VALLERIANI (*), Alessandro CACCHIONE (*) (*) Regione Abruzzo, Struttura Speciale di

Dettagli

Fig.1: Functional Attribute Fig.2:

Fig.1: Functional Attribute Fig.2: Newsletter Analisi Segmento N.1/2007 a cura di Massimo Pagani, Account Manager Intergraph Italia LLC massimo.pagani@intergraph.com INTERGRAPH: AZIENDA LEADER NEI SISTEMI DI PRODUZIONE CARTOGRAFICA La produzione

Dettagli

Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia

Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia Paolo Milani, Lombardia Informatica S.p.A. Stefano Gelmi, Lombardia Informatica S.p.A. La Salle (AO), 8 maggio 2012 Sommario Dati (rif. Gelmi)

Dettagli

VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE DESTINATION

VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE DESTINATION VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE DESTINATION AUTORI M. Orso Giacone E. Sossich F. Bratta G. Berrone D. Scerpella M. Broccolato V. Todeschini A. Pagani M. Vischi S. Rizzolli M. Inderst

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

DESTINATION. VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE (sintesi)

DESTINATION. VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE (sintesi) DESTINATION VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE (sintesi) AUTORI M. Orso Giacone E. Sossich F. Bratta G. Berrone D. Scerpella M. Broccolato V. Todeschini A. Pagani M. Vischi S. Rizzolli

Dettagli

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R.S. RSDI Basilicata. Standard per l Interoperabilità con la RSDI Basilicata

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R.S. RSDI Basilicata. Standard per l Interoperabilità con la RSDI Basilicata UFFICIO S. I. R.S. RSDI Basilicata Standard per l Interoperabilità con la RSDI Basilicata Autori: Anna Maria Grippo Ufficio SIRS Data di creazione: Ottobre 2012 Ultimo aggiornamento: 15 Luglio 2013 Versione:

Dettagli

WebGis Comune di Novara

WebGis Comune di Novara 1 / 12 Progetto GeoCivit@s 2 / 12 Premesse Con il presente documento si descrive sinteticamente la nuova applicazione personalizzata per la pubblicazione dei dati geografici. Tale documento contiene una

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource I servizi OGC Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

Dal Sistema Informativo Territoriale all Infrastruttura di Dati Territoriali:

Dal Sistema Informativo Territoriale all Infrastruttura di Dati Territoriali: Dal Sistema Informativo Territoriale all Infrastruttura di Dati Territoriali: soluzioni di implementazione con software Free/Open Source Seminario Interoperabilità nelle Infrastrutture di Dati Territoriali

Dettagli

ArcGIS. Server. Un Server GIS completo e integrato

ArcGIS. Server. Un Server GIS completo e integrato ArcGIS Server Un Server GIS completo e integrato ArcGIS Server Un Server GIS completo e integrato ArcGIS Server connette gli utenti all informazione geografica. Aziende di piccole e grandi dimensioni utilizzano

Dettagli

Fruibilità dell Informazione Ambientale

Fruibilità dell Informazione Ambientale Fruibilità dell Informazione Ambientale Nicoletta Sannio, Mariano Casula Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Difesa Ambiente, Sevizio S.A.V.I Abstract Il Sistema Informativo Regionale Ambientale

Dettagli

L esperienza GeoSDI Della Protezione Civile Nazionale

L esperienza GeoSDI Della Protezione Civile Nazionale L esperienza GeoSDI Della Protezione Civile Nazionale a cura di Claudio Schifani Infrastruttura dei dati territoriali per la gestione di scenari di emergenza in Italia - GeoSDI Perchè Realizzare un Sistema

Dettagli

GIS e dati - Breve Introduzione

GIS e dati - Breve Introduzione 44th Annual Conference of the Italian Operational Research Society (AIRO 2014) Como 2-5 September 2014 Polo Territoriale di Como Laboratorio di Geomatica GIS e dati - Breve Introduzione Marco Negretti

Dettagli

SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO STUDIO DI FATTIBILITA

SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI VENEZIA Ministero delle Infrastrutture DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE ED

Dettagli

Quantum GIS per la pianificazione urbanistica

Quantum GIS per la pianificazione urbanistica Quantum GIS per la pianificazione urbanistica Piano di Recupero del Centro Storico nel Comune di Montecchio Maggiore Vicenza Flavio Rigolon, ufficio S.I.T. Comune di Montecchio Maggiore http://www.comune.montecchio-maggiore.vi.it

Dettagli

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro MobilityManager La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti

Dettagli

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 AUTORI Maurizio Pignone - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - maurizio.pignone@ingv.it Pierluigi Cara - Dipartimento della Protezione

Dettagli

NGV, dati di traffico, Catasto strade ed Incidentalità

NGV, dati di traffico, Catasto strade ed Incidentalità DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda sessione: DATI E INFORMAZIONI INERENTI I FATTORI DI PRESSIONE SULL AMBIENTE NGV, dati di traffico, Catasto strade ed Incidentalità Regione

Dettagli

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI I Servizi geografici del Portale Informativo Multicanale della Regione Molise I Sistemi Informativi per la Vigilanza Ambientale e la Gestione del Territorio sono stati realizzati all interno dell Accordo

Dettagli

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti al fine di individuarne

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

8.A.8 Orchestratore Locale. ESB Piano dei test

8.A.8 Orchestratore Locale. ESB Piano dei test 8.A.8 Orchestratore Locale ESB Piano dei test Presentato da: Vers. 1.0 - del 13/07/2009 Orchestratore locale ESB Specifiche di Test Cliente Progetto Comune di Bologna ELI-CAT Redatto da Luca Barozzi Data

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag.

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. Newsletter SITAD Aprile 2005 num. 3 Sommario No Risk Il progetto pag. 2 I servizi sviluppati pag. 2 SITAD su SistemaPiemonte pag. 4 La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. 5 SITAD si candida

Dettagli

TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION

TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION Monitoraggio dei veicoli ADR: architettura e funzionamento delle On Board Unit Fabio Borghetti Stefano Gatti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche

Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche Specifiche tecniche per la condivisione e pubblicazione sul Geoportale

Dettagli

CICLO XXIII. Smart Vineyard. Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale dell agricoltura: un applicazione in viticoltura di precisione

CICLO XXIII. Smart Vineyard. Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale dell agricoltura: un applicazione in viticoltura di precisione I U A V UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA SCUOLA DI DOTTORATO DOTTORATO DI RICERCA IN NUOVE TECNOLOGIE E INFORMAZIONE TERRITORIO - AMBIENTE CICLO XXIII Smart Vineyard Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale

Dettagli

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti.

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. Gabriella Messina Servizio Mobilità sostenibile Roma, 14 maggio 2015 Consumi del settore

Dettagli

WebGIS. Le mappe in rete, una rete di mappe.

WebGIS. Le mappe in rete, una rete di mappe. IV giornata WebGIS. Le mappe in rete, una rete di mappe. Informazione geografica GIS Tavole cartacee Query in mappa WebGIS. Le mappe in rete, una rete di mappe. Informazione geografica GIS Tavole cartacee

Dettagli

Dott. Leonardo Donnaloia Roma, 13 ottobre 2011

Dott. Leonardo Donnaloia Roma, 13 ottobre 2011 Regione Lazio aderisce alla GeoUML methodology al fine di testare le componenti software e definire le più opportune modalità di realizzazione del proprio DBT, avendo come riferimento una porzione del

Dettagli

Il Geoportale ed il Nuovo Repertorio Cartografico comunale. Comune di Pisa

Il Geoportale ed il Nuovo Repertorio Cartografico comunale. Comune di Pisa Il Geoportale ed il Nuovo Repertorio Cartografico comunale Comune di Pisa ESRI Geoportal Server È un prodotto gratuito e Open Source che permette la ricerca e l'uso di risorse geospaziali tra cui dataset,

Dettagli

Progetto DESTINATION

Progetto DESTINATION CONFERENZA FINALE Progetto DESTINATION TORINO 5 FEBBRAIO 2014 UNA RETE PER IL MONITORAGGIO DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA Fabio Borghetti Politecnico di Milano Luca Bonura 5T S.r.l. I collaboratori

Dettagli

La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source".

La realizzazione di WebGis con strumenti Open Source. La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source". Esempi di impiego di strumenti a sorgente aperto per la realizzazione di un Gis con interfaccia Web Cos'è un Web Gis? Da wikipedia: Sono detti WebGIS

Dettagli

Utilizzo dei geoservizi in QGIS

Utilizzo dei geoservizi in QGIS Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 27 marzo 2013 Cosa si intende per geoservizio? Un geoservizio permette la consultazione, l elaborazione e la

Dettagli

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio PTA DESTINATION PERCORSI TRANSFRONTALIERI CONDIVISI Convegno di chiusura Milano, 26 ottobre 2015 Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio Matteo Vischi 1 FESR Conoscere i TMP identificare eventuali

Dettagli

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Brescia, Webinar11 Formez Novembre PA - 27 2010 Novembre 2013 1 Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Massimo Foccardi (*), Delio Brentan (*), Monica Cestaro (**) (*) Regione del Veneto

Dettagli

STATO delle ATTIVITA del GRUPPO di LAVORO per L INFORMATIZZAZIONE dei PRODOTTI in AMBIENTE GIS

STATO delle ATTIVITA del GRUPPO di LAVORO per L INFORMATIZZAZIONE dei PRODOTTI in AMBIENTE GIS STATO delle ATTIVITA del GRUPPO di LAVORO per L INFORMATIZZAZIONE dei PRODOTTI in AMBIENTE GIS Pierluigi CARA, Maurizio PIGNONE Convegno finale Progetti S Bologna, 4-5 giugno 2015 1 premessa L Allegato

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

WebGIS partecipativi e raccolta dati sul campo: analisi, proposte architetturali e prime sperimentazioni

WebGIS partecipativi e raccolta dati sul campo: analisi, proposte architetturali e prime sperimentazioni DICA Laboratorio di Geomatica Polo di Como WebGIS partecipativi e raccolta dati sul campo: analisi, proposte architetturali e prime sperimentazioni Maria Antonia Brovelli, Marco Minghini, Giorgio Zamboni

Dettagli

PROGETTO STRATEGICO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE E SERVIZI

PROGETTO STRATEGICO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE E SERVIZI Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGICO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Regione Liguria Dipartimento Ambiente Patrizia Costi Settore aria clima e ciclo integrato dei rifiuti INDICE Accesso alle informazioni

Dettagli

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione Sistemi informativi e GIS Sistema Informativo: insieme di strumenti per raccogliere, immagazzinare, elaborare, ricercare e presentare informazioni relative ad un determinato ambito applicativo (contabilità,

Dettagli

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana Nuove soluzioni per la mobilitàurbana I-BUS : Piattaforma di gestione flotte BUS Turistici Firenze 20/04/2012 Agenda Presentazione Autostrade Tech Autostrade Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici

Dettagli

Il Progetto SITR. L architettura applicativa

Il Progetto SITR. L architettura applicativa Il Progetto SITR Il progetto prevede la realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale e di una Infrastruttura dei Dati Territoriali unica, scalabile e federata (SITR IDT) costituiti da risorse tecnologiche

Dettagli

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati 2012 Progetto Turismo Pisa Sommario dei risultati 0 Studio realizzato per il Comune di Pisa da KddLab ISTI-CNR Pisa Sommario 1 Progetto Turismo Pisa: Sintesi dei risultati... 1 1.1 L Osservatorio Turistico

Dettagli

1 Contesto...3 2 La soluzione...4

1 Contesto...3 2 La soluzione...4 Indice 1 Contesto...3 2 La soluzione...4 2.1 CARATTERISTICHE FUNZIONALI... 5 2.2 PANNELLO DI AMMINISTRAZIONE... 9 2.3 TECNOLOGIA...11 2.4 ARCHITETTURA APPLICATIVA...12 businessup 2 di 12 1 Contesto Sempre

Dettagli

Esigenze di calcolo avanzato presso ARPA FVG

Esigenze di calcolo avanzato presso ARPA FVG Introduzione Esigenze di calcolo avanzato presso ARPA FVG 10 giugno 2011 ARPA FVG CRMA - Centro Regionale di Modellistica Ambientale Palmanova Dario Giaiotti 1 Sintesi dell'intervento La computazione intensiva

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L L O D E L T E R R I T O R I O I N D I C E 5 S O

Dettagli

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Titolo Autore Oggetto

Dettagli

FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Il trasporto di merci pericolose nell arco alpino Il progetto europeo DESTINATION: risultati e prospettive

FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Il trasporto di merci pericolose nell arco alpino Il progetto europeo DESTINATION: risultati e prospettive Il trasporto di merci pericolose nell arco alpino Il progetto europeo DESTINATION: risultati e prospettive Milena ORSO GIACONE Regione Piemonte Scheda progetto Nome: DESTINATION - DangErous transport To

Dettagli

MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE

MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE MapFileMaker: UN APPLICATIVO PER L INTEROPERABILITÀ TRA GIS PROPRIETARIO E OPEN SOURCE Piero DE BONIS (*), Grazia FATTORUSO (*), Pasquale REGINA (*), Carlo TEBANO (*) (*) ENEA - Centro Ricerche Portici,

Dettagli

finanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera IT-FR Marittimo 2007-2013 nel contesto del trasporto delle merci pericolose

finanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera IT-FR Marittimo 2007-2013 nel contesto del trasporto delle merci pericolose Convegno di apertura PTA-DESTINATION: Percorsi Transfrontalieri Condivisi Giovedì 30 ottobre 2014 Il progetto finanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera IT-FR Marittimo 2007-2013 nel contesto

Dettagli

PRE-WASTE WEBTOOL. Riccardo Marchesi. Nando Cingolani Lorenzo Federiconi. ATI Corintea CRM Qube - Achab. Regione Marche

PRE-WASTE WEBTOOL. Riccardo Marchesi. Nando Cingolani Lorenzo Federiconi. ATI Corintea CRM Qube - Achab. Regione Marche PRE-WASTE WEBTOOL Riccardo Marchesi ATI Corintea CRM Qube - Achab Nando Cingolani Lorenzo Federiconi Regione Marche PRE WASTE Il progetto Pre-waste (Lead Partner Regione Marche) ha coinvolto 10 partner

Dettagli

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE)

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari ROMA, 9 Aprile 2014 project partners CONTESTO Con la DIRETTIVA 2010/65/UE

Dettagli

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PARTNER DEL PROGETTO Provincia di Lucca Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Genova Ufficio

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Comune di Castelfiorentino è il punto d'accesso per i servizi e alle informazioni

Dettagli

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO DEL PERSONALE IN TURNAZIONE Di cosa si tratta? La Suite Archimede è uno strumento scalabile, pratico ed efficiente, per la pianificazione e la gestione strategica

Dettagli

MapServer. Marco Negretti. Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.

MapServer. Marco Negretti. Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi. MapServer Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it Università degli Studi di Genova - 13/05/10 introduzione MapServer

Dettagli

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura e l uso l delle terre della Regione Piemonte Relatore: : Stefania Crotta - Regione Piemonte Sommario obiettivi progetto prototipo

Dettagli

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Rocco Mari, Pietro d Amico,Paola Napolitano, Giuseppe Palma, Fortunato Sgariglia, Marco Soravia Provincia di Napoli - Direzione

Dettagli

Il Sistema di Gestione dei Programmi e Interventi di Controllo Ambientale (SPINA) Riassunto A) INTRODUZIONE

Il Sistema di Gestione dei Programmi e Interventi di Controllo Ambientale (SPINA) Riassunto A) INTRODUZIONE Il Sistema di Gestione dei Programmi e Interventi di Controllo Ambientale (SPINA)ing. V. Sambucini. APAT, Via Vitaliano Brancati 48, 00144 Roma sambucini@apat.it Riassunto L attività di collaborazione

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

Strumenti applicativi per l utilizzo distribuito dell'informazione geografica: situazione attuale, potenzialità e prospettive. Diego Mo CSI Piemonte

Strumenti applicativi per l utilizzo distribuito dell'informazione geografica: situazione attuale, potenzialità e prospettive. Diego Mo CSI Piemonte I - Regional Contact Point INSPIRE INFRASTRUTTURA PER L'INFORMAZIONE TERRITORIALE E AMBIENTALE: STRUMENTI DI CONOSCENZA, SOLUZIONI TECNOLOGICHE E STRATEGIE ORGANIZZATIVE Diego Mo CSI Piemonte Centro Congressi

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

Il modello di analisi dei mercati GME. Ottobre 2012

Il modello di analisi dei mercati GME. Ottobre 2012 Il modello di analisi dei mercati GME Ottobre 2012 AGENDA La sinergia fra REF-E e MBI L approccio del modello emi 2 Le caratteristiche di emi 2 Esempi di utilizzo di emi 2 Sviluppi e servizi 2 AGENDA La

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia

La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia Piergiorgio Cipriano, Sinergis srl, Casalecchio di Reno (Bo) Donata Dal Puppo, Regione Lombardia, D. G. Territorio e Urbanistica Jody Marca,

Dettagli

Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche

Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche 2 Riunione Gruppo GIT 4-5 giugno 2007 - Bevagna (PG) Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche Autori: L. Battaglini, V. Campo,

Dettagli

Il Business Performance Management & QlikView

Il Business Performance Management & QlikView Il Business Performance Management & QlikView 1 I SISTEMI DI SUPPORTO ALLE DECISIONI O DI BUSINESS INTELLIGENCE sono oggi considerati componenti di sistemi più ampi conosciuti come: CPM - CORPORATE PERFORMANCE

Dettagli

C O R S O A. Certificato N 205977

C O R S O A. Certificato N 205977 C O R S O A Evento formativo ECM 361/18 - la gestione delle sostanze pericolose nei casi di emergenze ambientali - accreditato per tutte le professioni sanitarie - crediti assegnati 22,5. PROGRAMMA 1 GIORNO

Dettagli

CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA

CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA INDICE CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA... 1 1. ANALISI DELLA RESILIENZA... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 COMANDI/DISTACCAMENTI DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL

Dettagli

Strumenti GIS Open Source

Strumenti GIS Open Source Strumenti GIS Open Source gvsig C l a u d i o S c h i f a n i no strumento GIS Open Source in evoluzione Le origini del progetto Cosa è gvsig Quali sono le sue potenzialità di analisi dei dati Sviluppi

Dettagli

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano Luigi De Rosa. ENEA, luigi.derosa@enea.it Parole chiave: VGI; Emergenze urbane; smart city; sicurezza ABSTRACT Obiettivo di

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm Un sistema gestionale a supporto dei Parchi Marini

MArine Coastal Information SysTEm Un sistema gestionale a supporto dei Parchi Marini MArine Coastal Information SysTEm Un sistema gestionale a supporto dei Parchi Marini Sara Venturini,, Giorgio Fanciulli, Sara Costa, Paolo Povero AZIONE 6 AMP PORTOFINO - DISTAV Genova, 27 Marzo 2013 Sottoprogetto

Dettagli

!!! Progettazione!e!sviluppo!del!DSS5WebGIS! Waves!Energy! !!!!!! M.!Pollino,!L.!La!Porta,!E.!Caiaffa! !!!!! Report!RdS/PAR2013/168!

!!! Progettazione!e!sviluppo!del!DSS5WebGIS! Waves!Energy! !!!!!! M.!Pollino,!L.!La!Porta,!E.!Caiaffa! !!!!! Report!RdS/PAR2013/168! Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ProgettazioneesviluppodelDSS5WebGIS WavesEnergy M.Pollino,L.LaPorta,E.Caiaffa

Dettagli

HOWMOVE HOME-WORK MOBILITY EVALUATION TOOL SUITE

HOWMOVE HOME-WORK MOBILITY EVALUATION TOOL SUITE STRUMENTI SOFTWARE PER LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI ENERGETICO- AMBIENTALI ED ECONOMICI DEGLI SPOSTAMENTI CASA-LAVORO HOWMOVE HOME-WORK MOBILITY EVALUATION TOOL SUITE IL CASO STUDIO DEL CENTRO ENEA CASACCIA

Dettagli

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System Progettazione e Sviluppo di un PROTOTIPO di Piattaforma Informatica per la Gestione Autonomica, Integrata e Collaborativa della Manutenzione RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

RRF Reply Reporting Framework

RRF Reply Reporting Framework RRF Reply Reporting Framework Introduzione L incremento dei servizi erogati nel campo delle telecomunicazioni implica la necessità di effettuare analisi short-term e long-term finalizzate a tenere sotto

Dettagli

SERVIZI INFORMATIVI INTEGRATI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO (PR5SIT) DELLA REGIONE CALABRIA

SERVIZI INFORMATIVI INTEGRATI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO (PR5SIT) DELLA REGIONE CALABRIA SERVIZI INFORMATIVI INTEGRATI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO (PR5SIT) DELLA REGIONE CALABRIA Tonino CARACCIOLO (*), Vincenzo MARRA (*), Domenico MODAFFARI (*), Francesco NAPOLETANO (**), Alfredo PELLICANO

Dettagli

DISTANZE, TEMPI E COSTI. COME CALCOLARLI? MAP&GUIDE

DISTANZE, TEMPI E COSTI. COME CALCOLARLI? MAP&GUIDE MAP&GUIDE DISTANZE, TEMPI E COSTI. COME CALCOLARLI? Chi lavora nel mondo del trasporto merci deve tenere sempre sotto controllo chilometri, costi e tempi. PTV Map&Guide calcola il percorso ottimale in

Dettagli

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI A. Bampo, M. Battistutta, S. Caschi, L. Fragiacomo, C. Montefusco, M. Moretuzzo, M. Telesca,

Dettagli

I sistemi di trasporto intelligenti: sperimentazione e innovazione nella Provincia di Livorno

I sistemi di trasporto intelligenti: sperimentazione e innovazione nella Provincia di Livorno I sistemi di trasporto intelligenti: sperimentazione e innovazione nella Provincia di Livorno INNOVAZIONE NON SOLO TECNOLOGICA! La tematica degli Intelligent Trasportation Systems è ampia e declinabile

Dettagli

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora 2 Workshop Nazionale - Osservatori per gli incidenti stradali: dai dati alle azioni Strumenti per le politiche di sicurezza Settore Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale La prevenzione degli

Dettagli