ESAMI DI STATO INDIRIZZO DEGLI STUDI: LICEO SCIENTIFICO Anno Scolastico 2012/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO INDIRIZZO DEGLI STUDI: LICEO SCIENTIFICO Anno Scolastico 2012/2013"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VINCENZO SCUDERI VIA FASTUCHERIA, RAMACCA (Catania) TEL FAX Codice Fiscale: ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VINCENZO SCUDERI Contrada Fastucheria - RAMACCA (CT) ESAMI DI STATO INDIRIZZO DEGLI STUDI: LICEO SCIENTIFICO Anno Scolastico 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe 5^ B LICEO SCIENTIFICO DOCENTE Cocimano Rosaria Rita Zuccarello Antonio D Angelo Ornella Di Stefano Raffaela Gullotta Giovanni Miceli Laura Pittari Calogero Gurrisi Giovanni Cerami Aldo Ferro Rosalia DISCIPLINA Italiano e Latino Matematica e fisica Inglese Scienze Storia e Filosofia Francese Disegno e Storia dell'arte Religione Educazione Fisica Attività di sostegno 1

2 1. SINTETICA DESCRIZIONE DELLA SCUOLA L Istituto beneficia di una struttura edilizia di recente costruzione, con ampi spazi razionalmente collocati. Esso è dotato di: Biblioteca Laboratori informatici per Matematica, Trattamento testi, Economia aziendale, Elettronica e Sistemi, tutti dotati dei programmi più recenti Laboratorio di Chimica Laboratorio di Fisica Laboratorio Linguistico Laboratorio Multimediale Laboratorio di Elettronica L Istituto aderisce a progetti dell U.E in particolare ai fondi strutturali europei (FSE/PON), (FESR), al programma per il rilascio della Patente Europea del Computer (ECDL), Progetto gemellaggio con il Belgio; Progetto Comenius 'Putting us on the map'; l istituto è inoltre centro Trinity ed ente certificatore ECDL. 2. PROFILO DELL INDIRIZZO L indirizzo scientifico si propone come fine quello di creare una formazione scientifica ed umanistica, volta alla costruzione di un patrimonio culturale e sociale fondato sull unità dei saperi e vuole concorrere alla formazione di personalità capaci di interpretare il presente ed il passato con spirito critico. Il corso adottato segue la minisperimentazione della c.m. 198/98 con l inserimento della seconda lingua comunitaria (Francese), che con la riforma non è piu possibile riproporre. In linea con i principi esplicitati nel testo della Riforma, il liceo intende fornire agli studenti quello spirito critico che permetterà loro di conoscere il mondo e cogliere le interazioni sviluppatesi nel tempo tra teorie matematiche e scientifiche e tra teorie letterarie, artistiche e filosofiche. Gli studenti sono, altresì, coinvolti in un percorso formativo teso verso l Europa e verso la creazione di una società multietnica e multiculturale. Il diploma consente il proseguimento degli studi in qualsiasi facoltà universitaria e la partecipazione ai pubblici concorsi. 2

3 3. PROFILO DELLA CLASSE La classe V sez.b è formata da un gruppo eterogeneo di 15 alunni. Dall anno scorso è presente nella classe un alunna diversamente abile che segue la programmazione differenziata con obiettivi riconducibili al PEI (art. 15, comma 4, dell O.M. n. 90 del 21/5/2001) Gli alunni sono riusciti a stabilire nel corso del quinquennio un buon livello di coesione; anche il rapporto con i docenti è stato improntato all insegna di una cordiale serenità. Gli insegnanti hanno costantemente stimolato e motivato tutti gli alunni della classe, facendo in modo che gli studenti si sentissero sempre parte attiva del processo di apprendimento. L intera classe ha manifestato un buon interesse nei confronti delle discipline; ma, nel corso dell ultimo anno, fatta eccezione per un esiguo numero di studenti particolarmente diligenti, ha spesso mostrato un impegno poco costante. In generale gli alunni sono stati poco puntuali nel sottoporsi alle verifiche, mostrando una certa incapacità nel mantenere l abitudine ad un ritmo di studio metodico e ordinato. Si è anche registrata una sottesa mancanza di entusiasmo nei confronti dell impegno scolastico in generale, forse dovuta ad un sentimento, ormai diffuso presso i giovani, di sfiducia verso il valore dello studio come strumento di emancipazione e di futura realizzazione professionale. La classe, alla fine del corso di studi, si presenta eterogenea per profitto, impegno, per livelli di partenza e livelli di abilità e competenze raggiunti. Il livello di preparazione è da ritenersi nel complesso quasi discreto, anche se, ovviamente, è possibile distinguere diverse fasce di livello: a) un piccolo gruppo di alunni, dotato di buone capacità, ha partecipato attivamente allo svolgimento delle lezioni, intervenendo in modo pertinente, impegnandosi nello studio a casa e raggiungendo pertanto un buon livello di preparazione, buone abilità e competenze; b) un cospicuo gruppo, tendente ad una preparazione di base sufficiente, ha manifestato un interesse modesto per le varie discipline. c) un ultimo esiguo numero di alunni rivela insufficienze in alcune discipline, a causa di lacune non del tutto colmate nei prerequisiti di base e/o impegno nello studio non sempre costante. Sotto il profilo comportamentale non vi sono mai stati problemi particolari e qualsiasi questione sorta nell ambito della vita scolastica è stata comunque affrontata e dibattuta con atteggiamento collaborativo, soprattutto con lo stimolo degli insegnanti. La frequenza delle lezioni è stata nel complesso regolare e varie sono state le attività extracurricolari a cui hanno partecipato. 3

4 A causa dell'impegno non sempre costante ì programmi didattici hanno subito un rallentamento, pertanto alcuni degli argomenti programmati all'inizio dell'anno scolastico non sono stati trattati. Il Consiglio di classe riunitosi all inizio dell anno ha concordemente stabilito di curare più che la trasmissione di nozioni astratte, l adozione di una metodologia idonea allo sviluppo del senso critico e delle capacità di giudizio autonomo. A tal fine si è deciso di utilizzare, oltre alla lezione frontale, quella dialogica, stimolando gli interventi sia per esprimere pareri, sia per replicare, sempre nel rispetto delle altrui opinioni. Successivamente, con scansioni trimestrali, il Consiglio è tornato a riunirsi per verificare l andamento didattico e modificare, ove necessario, le strategie metodologiche, atte a realizzare gli obiettivi formativi e disciplinari evidenziati nei piani di lavoro dei singoli docenti. In generale ciascun insegnante ha cercato di applicare i criteri di interdisciplinarietà con le materie affini, per facilitare l acquisizione degli argomenti comuni in un ampio discorso educativo. Per la verifica e la valutazione dei risultati raggiunti si è tenuto conto di una scala comune di valutazione preventivamente approvata e allegata al presente documento. Discreta è stata la collaborazione delle famiglie al processo educativo e didattico. 4

5 4. ELENCO CANDIDATI INTERNI N Cognome e Nome Barbagallo Dalila 1 Canino Riccardo 2 Capizzi Silvia 3 Ciccia Giuseppina 4 Consoli Marzia 5 Cusmano Elisa 6 Di Carlo Antonio 7 Di Fini Sara 8 Lentini Federica 9 Lentini Francesca Maugeri Felicia 12 Pesce Gabriella 13 Taibbi Annamaria 14 Terranova Fiorenza 15 Vitale Oriana 5

6 5. INIZIATIVE COMPLEMENTARI/ INTEGRATIVE a) Viaggio d istruzione a Barcellona.. b) Partecipazione al progetto Comenius European Mobile School a Blankerberge (Belgio) della durata di una setimana c) Partecipazione ai corsi : - ECDL START - ECDL CORE - TRINITY d) Conferenze sulle donazioni a cura dell' Avis della provincia di Catania; e) Conferenze sull orientamento universitario; f) Conferenza sulla legalità; g) Visita guidata al Museo dello Sbarco e al Museo del Cinema (Catania) h) Visita guidata all Osservatorio Astrofisico di Catania (Nicolosi). I) Campionati studenteschi di Atletica Leggera. 6

7 6. OBIETTIVI TRASVERSALI (capacità di studio autonomo, capacità di ricerca delle fonti di informazione ecc.) Competenze trasversali Con riferimento al prospetto delle competenze deliberate nell ambito del POF e al profilo della classe, i docenti del Consiglio di Classe hanno deciso di individuare quali obiettivi didattico - formativi trasversali per il corrente anno scolastico le seguenti competenze: Personali e sociali capacità di lavoro autonomo rispetto dei vincoli di tempo e spazio e consegne rispetto delle opinioni altrui Comunicative capacità espressiva corretta con lessico adeguato e sintassi lineare uso del lessico specifico delle discipline Cognitive capacità di individuare i nuclei tematici fondamentali di un argomento nelle singole discipline e di confrontarli in relazione alle altre discipline capacità di strutturazione di percorsi logico-consequenziali corretti anche su temi articolati nel tempo capacità di interpretare un testo cogliendone le caratteristiche e le peculiarità del messaggio. Procedurali capacità di individuare l errore e di modificare il percorso di lavoro capacità di reperire e selezionare informazioni. capacità di utilizzare consapevolmente i libri di testo e le tecnologie. 7. VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI 7

8 Per quanto attiene alla valutazione dell apprendimento, il Consiglio di classe, all inizio dell anno scolastico, ha fissato gli indicatori di conoscenza, competenza e capacità avvalendosi, a tal fine, dei criteri contenuti nelle tassonomie e, segnatamente, in quella di Bloom. Si riporta, di seguito, la tabella di corrispondenza tra voti e livelli predisposta dal consiglio di classe, utilizzata dai suoi componenti per la valutazione degli alunni. VOTO 1/3 Impegno e partecipazione Acquisizione delle conoscenze Applicazione delle conoscenze Impegno e partecipazione sono inesistenti Ha scarse conoscenze e commette molti gravi errori nell esecuzione di compiti semplici. Non è in grado di applicare le sue conoscenze, né di effettuare alcuna analisi. Rielaborazione critica delle conoscenze Non sa sintetizzare le proprie conoscenze e non ha autonomia critica. Abilità linguistico-espressiva Commette numerosi errori e usa una terminologia scorretta VOTO 4 Impegno e partecipazione Acquisizione delle conoscenze Applicazione delle conoscenze Impegno molto saltuario, non è in grado di organizzare lo studio personale e interviene raramente e solo se sollecitato. Ha conoscenze frammentarie e superficiali e commette errori nell esecuzione di compiti semplici. Non è in grado di condurre l analisi correttamente e commette errori gravi e diffusi. Rielaborazione critica delle conoscenze Non sa sintetizzare le proprie conoscenze e manca di autonomia critica. Abilità linguistico-espressiva Commette diversi errori e usa una terminologia poco appropriata. 8

9 VOTO 5 Impegno e partecipazione Acquisizione delle conoscenze Applicazione delle conoscenze Studia in modo discontinuo o ha difficoltà nel metodo di studio; interviene solo se coinvolto in maniera diretta. Ha conoscenze solo superficiali e commette qualche errore nell esecuzione di compiti semplici. Commette errori anche gravi nell analisi che risulta incompleta. Rielaborazione critica delle conoscenze Non ha autonomia nella rielaborazione delle conoscenze. Abilità linguistico-espressiva Commette qualche errore e usa una terminologia non sempre appropriata VOTO 6 Impegno e partecipazione Acquisizione delle conoscenze E costante nell impegno, interviene saltuariamente o se sollecitato, non si distrae. Le sue conoscenze sono solo essenziali e non commette errori nell esecuzione di compiti specifici. Applicazione delle conoscenze Rielaborazione critica delle conoscenze Abilità linguistico-espressiva Sa usare parzialmente le sue conoscenze nel momento dell analisi, commettendo qualche errore. E impreciso nell effettuare sintesi e ha qualche spunto di autonomia. Non commette errori nella comunicazione verbale e scritta, usando correttamente la terminologia 9

10 VOTO 7 Impegno e partecipazione Acquisizione delle conoscenze Applicazione delle conoscenze Si impegna costantemente, dimostra attenzione e interesse. Ha conoscenze complete che gli consentono di non commettere errori nell esecuzione di compiti complessi. Sa applicare le sue conoscenze e sa effettuare analisi anche se con qualche imprecisione. Rielaborazione critica delle conoscenze Rielabora correttamente le sue conoscenze, ma non ha sempre una autonomia di giudizio. Abilità linguistico-espressiva Espone con chiarezza ed usa una terminologia appropriata. VOTO 8 Impegno e partecipazione Acquisizione delle conoscenze Applicazione delle conoscenze E costante nell impegno, dimostra attenzione ed interesse ed interviene in maniera pertinente. Possiede conoscenze complete ed approfondite e non commette errori nell esecuzione di compiti complessi. Applica le sue conoscenze senza errori né imprecisioni ed effettua analisi abbastanza approfonditi. Rielaborazione critica delle conoscenze Rielabora correttamente le sue conoscenze ed effettua autonomamente valutazioni personali e collegamenti tra le varie discipline. Abilità linguistico-espressiva Espone con chiarezza ed usa una terminologia appropriata ed accurata. 10

11 VOTO 9/10 Impegno e partecipazione Acquisizione delle conoscenze Applicazione delle conoscenze E assiduo nell impegno, dimostra attenzione ed interesse, interviene sempre in maniera pertinente e partecipa costruttivamente. Ha conoscenze ampie e complete e non commette imprecisioni di alcun tipo. Sa applicare correttamente le sue conoscenze ed effettua analisi complete ed approfondite anche in contesti nuovi. Rielaborazione critica delle conoscenze Sa organizzare in modo autonomo e completo le conoscenze e le procedere acquisite nelle varie discipline ed effettua valutazioni corrette, approfondite e originali. Abilità linguistico-espressiva Espone con chiarezza e completezza, usando una terminologia accurata con stile personale. 11

12 8. CRITERI PER LA QUANTIFICAZIONE DEI CREDITI SCOLASTICI E FORMATIVI: In conformita' con quanto deliberato dal Collegio dei Docenti, si è assegnato preliminarmente il punteggio più basso dell intervallo previsto dalla tabella A ministeriale come individuato dalla media dei voti. Successivamente si sono aggiunte le frazioni determinate secondo i criteri di seguito riportati, approssimandone la somma agli estremi della fascia. I crediti formativi devono essere coerenti con il corso di studi a giudizio del consiglio di classe. Riconoscimento fino a 0,6 punti per la regolarità e la partecipazione scolastica (dialogo disciplinare educativo, comportamento, presenza e puntualità. Riconoscimento fino a 0,3 punti per ogni credito formativo o partecipazione ad attività complementari e/o integrative. Il punteggio di cui al punto 2), limitatamente all ultimo e al penultimo anno, nel caso dell ultimo range (7-9) e (6-8) e per casi particolari da motivare adeguatamente può essere assegnato fino a 1,6. Il punteggio di cui al punto 3), limitatamente all ultimo e al penultimo anno, nel caso dell ultimo range (7-9) e (6-8) e per casi particolari da motivare adeguatamente può essere raddoppiato. 9. ATTIVITA DI ORIENTAMENTO: Sono state fornite le informazioni necessarie per incanalare, nel modo migliore, le tendenze e le abilità emerse, consentendo una scelta professionale adeguata e consapevole. I docenti hanno provveduto a reperire adeguato materiale informativo (depliant, audiovisivi, statistiche, ecc. ) e, attraverso Internet, hanno guidato la pre-iscrizione alle facoltà universitarie. SIMULAZIONI DELLA TERZA PROVA Una simulazione della terza prova ha avuto luogo nel corso dell anno scolastico, in data 14 marzo 2013, ha visto coinvolte le seguenti discipline: Filosofia, Inglese, Latino, Scienze, Arte. La tipologia adottata è stata la C quesiti a risposta singola e domande a risposta multipla. 12

13 Per la simulazione si è deciso di concedere un tempo massimo di 1,5 ORE. In allegato al seguente documento: simulazione della terza prova effettuata durante l anno scolastico con relative griglie di valutazione, le relazioni finali e i programmi di ogni singola disciplina. Gli insegnanti : DOCENTE DISCIPLINA FIRMA Cocimano Rosaria Rita Zuccarello Antonio Gullotta Giovanni Pittari Calogero D Angelo Ornella Miceli Laura Di Stefano Raffaela Cerami Aldo Gurrisi Giovanni Ferro Rosalia Italiano e Latino Matematica e Fisica Storia e Filosofia Disegno e Storia dell'arte Inglese Francese Scienze Educazione Fisica Religione Attività di sostegno Ramacca, 15/05/2013 Il coordinatore di classe Il Dirigente Scolastico 13

14 RELAZIONE FINALE DI ITALIANO E LATINO A.S. 2012/13 CLASSE V B Liceo Scientifico Prof.ssa Rosaria Cocimano Italiano LIBRO DI TESTO ADOTTATO M. Materazzi, La parola letteraria. Testi e immagini della letteratura italiana ed europea, (volumi 2,3a,3b), Loescher Editore G. Tornotti, La mente innamorata. Divina Commedia antologia per le scuole superiori, Bruno Mondadori TEMPI ORE SETTIMANALI 4 ORE COMPLESSIVE 132 ORE EFFETTIVE 106 Presentazione della classe: La classe V B alla fine dell anno scolastico risulta formata da 15 alunni, dei quali una appartenente al gruppo H, tutti regolarmente frequentanti, che presentano un livello culturale molto eterogeneo. Pochi sono in possesso di buone conoscenze e di un adeguato metodo di studio per l apprendimento della disciplina, sebbene manchino di una solida capacità di analisi e di critica; alcuni evidenziano una generalizzata carenza a livello morfosintattico e lessicale, soprattutto nell esposizione scritta e non hanno dimostrato un interesse costante per lo studio della letteratura; altri ancora, pur avendo affrontato gli impegni di lavoro con disponibilità, manifestano delle difficoltà nella strutturazione logica del pensiero e si limitano ad una semplice informazione sui contenuti trattati senza riuscire a rielaborarli; il loro modo di esprimersi risulta ancora troppo legato ad uno stile colloquiale che penalizza, di conseguenza, la produzione scritta e l'esposizione orale. Relativamente a questi ultimi ragazzi è doverosa una precisazione: la difficoltà nel padroneggiare la lingua italiana è da attribuire non ad un cattivo impegno ed interesse nei confronti della disciplina, ma ad un deficit linguistico che li accompagna dal corso di studi precedente e che durante il biennio, forse a causa di un insufficiente esercizio, non è stato colmato. Tuttavia proprio quegli alunni che all inizio dell anno scolastico, durante la produzione scritta, commettevano ancora gravi errori di grammatica e di ortografia, hanno compiuto, per quanto sia stato loro possibile colmare le lacune pregresse, un positivo percorso di crescita sul piano delle conoscenze grammaticali e delle capacità lessicali e hanno fatto registrare notevoli miglioramenti rispetto alla situazione iniziale. E stata curata anche la forma dell espressione orale e, sebbene alcuni discenti soffrano ancora di quelle intercalazioni che sono proprie del gergo giovanile, si sforzano di effettuare una scelta dei lessemi più appropriati all esposizione dell argomento trattato. Lo svolgimento delle lezioni non è stato sempre regolare: l autogestione (mese di dicembre in coincidenza con la chiusura del trimestre), alcune assenze di massa (in prossimità di giorni di festa del paese), partecipazioni a conferenze, orientamento e visita d istruzione a Barcellona hanno contribuito a rallentare le spiegazioni degli argomenti. La programmazione stilata ad inizio d anno aveva previsto la conclusione del programma, tenendo conto dell attuale scansione temporale dei programmi ministeriali, con lo studio di Pavese e del romanzo contemporaneo italiano; purtroppo le ore frontali perdute, il tempo necessario per l apprendimento, il sottoposti da parte di qualche 14

15 discente- con difficoltà e poca puntualità alle verifiche ed il fatto che la classe avesse concluso lo studio dell anno precedente con Alfieri, non ha reso possibile la spiegazione degli ultimi due moduli di letteratura italiana. I rapporti tra docente ed alunni e tra gli stessi discenti sono stati sempre cordiali e rispettosi. Obiettivi prefissati: Conoscenze, competenze, capacità Gli obiettivi prefissati in sede di programmazione curriculare sono stati raggiunti da quasi tutti gli alunni, naturalmente con esiti vari determinati sia dalla diversa situazione di partenza che dall impegno e dall interesse dimostrati verso la disciplina durante l anno scolastico. In particolare, per quanto riguarda il linguaggio verbale, la maggioranza degli allievi sa: esprimersi in modo adeguato, rispettando un ordine logico. Per quanto riguarda le competenze e le capacità relative alla scrittura, buona parte della classe sa: - applicare le norme ortografiche, morfologiche, sintattiche; - elaborare in forma ordinata ed argomentata il proprio pensiero; - fare la parafrasi di un testo poetico e/o la sintesi de in testo narrativo; - scrivere un saggio breve e/o articolo di giornale; - elaborare, in modo semplice, un analisi testuale. Un esiguo gruppo è in grado di: prendere appunti ed organizzarli autonomamente; decodificare un messaggio poetico complesso o connotato di significati profondi; operare confronti intertestuali e collegamenti interdisciplinari. Per quanto riguarda le conoscenze gli alunni che hanno studiato con costanza: possiedono buone informazioni sui principali autori, correnti, testi affrontati nello svolgimento dei vari moduli o unità didattiche; conoscono i fatti fondamentali dell epoca attraverso alcune delle figure e delle opere rappresentative; sanno inquadrare un periodo storico-culturale mettendone in luce i tratti fondamentali. Finalità Far acquisire la consapevolezza della propria identità culturale attraverso la formazione del senso storico-letterario; educare alla complessità dei problemi conoscitivi, facendo riflettere sulla molteplicità di fruizione e analisi del testo letterario e sulla pluralità di legami che si possono stabilire in senso sincronico e diacronico tra i settori della storia letteraria e quelli storici, artistici, politici e sociali; sviluppare la capacità di usare la lingua in modo corretto e appropriato. Contenuti Lo studio della letteratura italiana è stato sviluppato in senso sincronico e diacronico e organizzato in moduli compatti e in unità didattiche, con relative verifiche scritte e orali. Il preromanticismo Il preromanticismo in Europa e in Italia La poesia sepolcrale e notturna e l Ossianesimo in Inghilterra Lo Sturm und Drang in Germania Il neoclassicismo Le diverse anime del neoclassicismo U. Foscolo L Ortis e l istanza autobiografica I Sonetti: un autobiografia in versi I Sepolcri: il canto di una religiosità laica Le Grazie: l allegoria di un nuovo ideale di civiltà Il romanticismo 15

16 Il Romanticismo in Europa e in Italia La polemica classico-romantica A.Manzoni: la lirica collettiva e corale degli Inni sacri Manzoni : la lirica patriottica e il teatro Manzoni e il romanzo storico G.Leopardi e l innovazione della lirica La biografia e il pensiero dell autore Le fasi del suo pessimismo Le Operette morali Scelta significativa dei Canti Positivismo, Naturalismo e Verismo Chiarificazione terminologica alla luce delle concezioni filosofiche I naturalisti francesi La poesia barbara carducciana La Scapigliatura G. Verga : il pensiero e l opera I miti decadenti in Italia e in Europa Il Decadentismo europeo: visione del mondo, poetica, temi e miti Il Decadentismo in Italia G.Pascoli e il fanciullino G.D Annunzio: l esteta e il superuomo Le avanguardie in Italia: I crepuscolari I futuristi Il romanzo del 900 La rivoluzione del romanzo: L.Pirandello e I.Svevo* e la crisi dell uomo. A conclusione del programma si intende trattare il modulo La poesia tra le due guerre (Ungaretti, Quasimodo e Montale). Divina Commedia: Il Paradiso Struttura della cantica: Canto I Temi e motivi fondamentali La tematica politica La tematica religiosa A conclusione del programma si intende trattare il modulo Il tema dell esilio. Oltre al libro di testo adottato ci si è serviti del supporto di fotocopie e schemi riassuntivi, anche perché gli alunni, scarsamente abituati all applicazione costante, hanno incontrato spesso difficoltà con il libro di testo che è risultato per loro troppo prolisso e dispersivo. Strumenti di verifica: Sono state effettuate verifiche in itinere e sommative: le prove scritte sono state strutturate secondo le tipologie previste per gli esami di Stato (analisi del testo poetico e narrativo, saggio breve e/o articolo di giornale, tema tradizionale); le verifiche orali hanno previsto colloqui individuali, in piccoli gruppi, dialoghi e discussioni organizzate sugli argomenti trattati. Per quanto riguarda i criteri di valutazione ci si è attenuti sempre alle griglie concordate con i colleghi nelle riunioni per dipartimento, tenendo particolarmente in considerazione i progressi 16

17 ottenuti, rispetto ai livelli di partenza, da ogni singolo alunno, la conoscenza degli argomenti, la capacità di esposizione, la capacità di operare collegamenti all interno della stessa disciplina e tra discipline diverse, la capacità di controllo della forma linguistica della produzione orale e scritta. Obiettivi mediamente realizzati: La classe si è impegnata nello studio, anche se non sempre in maniera costante. I risultati sono da ritenersi discreti, essendo state raggiunte buona parte delle finalità culturali ed educative dell indirizzo di studi. Latino LIBRO DI TESTO ADOTTATO G.B. Conte, E. Pianezzola, Lezioni di letteratura latina. L età imperiale (volume 3), Le Monnier Scuola TEMPI ORE SETTIMANALI 3 ORE COMPLESSIVE 99 ORE EFFETTIVE 82 Presentazione della classe: Per una breve descrizione della classe, vale quanto detto nella relazione finale di Italiano. Rispetto al profitto gli alunni si possono collocare in due fasce di livello: moltissimi evidenziano una scarsa conoscenza delle regole grammaticali ed una generalizzata carenza a livello morfosintattico e lessicale, soprattutto nella traduzione; altri conoscono le norme grammaticali, ma presentano delle difficoltà traduttive. Gli alunni, che durante il biennio ed i due anni del triennio hanno subito un continuo avvicendarsi di docenti di materie letterarie con altrettanti differenti metodi di lavoro, si sono applicati poco allo studio della lingua latina e si sono esercitati ancora meno; pertanto a causa di uno studio poco costante e soprattutto poco sistematico, non posseggono adeguate conoscenze e competenze nella lingua latina. Per questi motivi la classe, ad inizio anno scolastico, ha manifestato subito grandi problemi nell esercizio della traduzione ed è apparsa non abituata ad uno studio come gli obiettivi liceali avrebbero preteso. Proprio perché nello stilare una programmazione di lavoro adeguata ed efficace alle necessità dei singoli allievi non si può non tenere conto dell intero percorso di studio, sono stati progettati degli obiettivi minimi in riferimento alla lingua e si è predisposto uno studio della disciplina calibrato sul reale livello di preparazione degli alunni stessi. Pertanto rimane diversificata la competenza della ricodificazione del testo in forma italiana adeguata. Lo studio della letteratura latina, invece, non ha presentato particolari difficoltà. Obiettivi prefissati: Conoscenze, competenze, capacità -Acquisire la consapevolezza del ruolo storico della cultura latina che, sopravvivendo alla civiltà romana, assume per secoli il ruolo di guida della cultura nell intera Europa. - Possedere informazioni sui principali autori, correnti e periodi della letteratura latina. - Conoscere direttamente alcuni tra i testi rappresentativi, sebbene in traduzione italiana, del patrimonio letterario latino. - Comprendere ed esporre in modo ordinato e appropriato gli argomenti di letteratura trattati. 17

18 - Istituire confronti con la cultura contemporanea al fine di valorizzare la continuità tra passato e presente. Finalità Valenza formativa a livello storico-culturale e linguistico per un approccio sempre più consapevole al mondo dei classici ed alla ricerca della nostra lingua e civiltà. In particolare essa è articolata in: Formazione del senso storico-letterario Sviluppo delle capacità storico-interpretative Sviluppo delle capacità logico-espressive. Contenuti L età Giulio-Claudia: rapporto tra intellettuali e potere, tra consenso e dissenso. La crisi dei grandi generi letterari (retorica,storiografia, epica, teatro) Fedro Seneca Lucano Petronio La satira sotto il principato Persio Giovenale L età dei Flavi: tra conformismo e anticonformismo L epica di età flavia: Stazio, Quintiliano Marziale La prosa scientifica: Plinio il Vecchio L età di Traiano: la conciliazione tra principato e libertas Plinio il Giovane Tacito L età di Adriano e degli Antonini: l universalismo culturale Apuleio* *Si prevede di trattare questi argomenti entro la fine dell anno scolastico. È stato escluso lo studio della letteratura cristiana. Lettura di brani in traduzione italiana dei maggiori autori classici. Strumenti di verifica: Le verifiche sono state periodiche e costanti tese alla valutazione sia del percorso nella sua globalità che di una parte del medesimo. Sono state effettuate verifiche in itinere e sommative. Le prove scritte hanno previsto: interpretazione di un brano di un autore appartenente al periodo storico culturale affrontato nella storia della letteratura prove costituite da trattazioni sintetiche, risposte aperte e domande a scelta multipla di argomenti di storia della letteratura, come previsto dalla tipologia A, B e C relativa alla terza prova dell esame di Stato. Le verifiche orali hanno previsto: colloqui individuali e in piccoli gruppi 18

19 interrogazioni orali a partire da un testo di classico in traduzione italiana, risalendo poi all autore ed al periodo culturale. Per quanto riguarda i criteri di valutazione ci si è attenuti sempre alle griglie concordate con i colleghi nelle riunioni per dipartimento, tenendo particolarmente in considerazione i progressi ottenuti, rispetto ai livelli di partenza, da ogni singolo alunno, la conoscenza degli argomenti, la capacità di esposizione, la capacità di operare collegamenti all interno della stessa disciplina e tra discipline diverse, la capacità di controllo della forma linguistica della produzione orale e scritta. Obiettivi mediamente realizzati: La classe si è impegnata nello studio, anche se non sempre in maniera costante. Gli alunni in generale hanno raggiunto livelli di preparazione sufficientemente accettabili nei casi più precari, discreti in altri casi. In particolare gli alunni mostrano maggiore difficoltà nell acquisizione di conoscenze e competenze linguistiche sicure e complete, mentre mostrano maggiori conoscenze e competenze nel comprendere ed esporre in modo appropriato gli argomenti di letteratura e nel saper collocare i testi nel contesto storico-culturale di appartenenza. 19

20 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE DI RAMACCA (CT) - A. S Relazione finale Materia: Matematica Classe: 5 a B liceo scientifico Do cente: Prof. A. Zuccarello Libro di testo: Dodero-Baroncini-Manfredi, Lineamenti di Matematica Ghisetti & Corvi Ore di lezione sett.: 3 Ore di lezione complessive: 99 Ore di lezione effettive: 100 Nel corso dell intero anno scolastico, la classe ha evidenziato una certa disponibilità al dialogo educativo, nonostante le difficoltà derivanti da lacune non trascurabili nella preparazione di base. Sebbene all impegno mostrato nel corso delle lezioni, non sia sempre corrisposto un adeguato lavoro di consolidamento (da svolgere a casa), il livello d apprendimento raggiunto può considerarsi, in media, più che sufficiente. Rispetto agli obiettivi formativi fissati in sede di programmazione, si può rilevare, in ogni caso, un generale potenziamento delle capacità di analisi e di sintesi applicate alla risoluzione di problemi, e un certo approfondimento degli aspetti teorici della materia. Sul piano educativo in senso lato, gli alunni hanno mostrato una chiara sensibilità verso il tema del rispetto di regole condivise e conformi a un principio di legalità, ed espresso l urgente necessità di instaurare un dialogo costruttivo e attento alle dinamiche della vita reale. Per quanto riguarda le abilità e le competenze specificamente disciplinari, gli obiettivi raggiunti consistono, in particolare, nell assimilazione del significato e delle regole dell operazione di passaggio al limite, nell acquisizione delle tecniche per la verifica ed il calcolo dei limiti di funzione, nell acquisizione delle regole del calcolo differenziale (e della capacità di applicarle allo studio di funzioni ed alla risoluzione di problemi), nell acquisizione delle regole del calcolo integrale (e della capacità di applicarle al calcolo di aree e di volumi). In merito ai contenuti del programma, si può dire sinteticamente che nel primo trimestre è stato affrontato lo studio dei limiti di una funzione reale di variabile reale. Nel successivo pentamestre, è stato introdotto il concetto di derivata di una funzione, è stato dato spazio allo studio di funzioni, ai problemi di massimo e minimo, alle applicazioni del calcolo integrale. È presente nella classe un alunna diversamente abile che segue la programmazione differenziata con obiettivi riconducibili al PEI (art. 15, comma 4, dell O.M. n. 90 del 21/5/2001) Contenuti Nozioni di topologia (intervalli, intorni) Determinazione del domino di una funzione Definizione di limite finito (infinito) di una funzione Teorema di unicità del limite Teorema della permanenza del segno Teorema del confronto Ricerca degli asintoti di una funzione Definizione di funzione continua Classificazione dei punti di discontinuità 20

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

IL Documento del Consiglio di Classe

IL Documento del Consiglio di Classe ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "LEONARDO DA VINCI" Cod. Mecc. CLIS002004 C.F.: 82002400859 Liceo Scientifico Liceo Linguistico - Liceo Scienze Umane Istituto Professionale dei Servizi per l Agricoltura

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a sez.c indirizzo "SIA" ESAMI DI STATO Conclusivi dei corsi di istruzione

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli