Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo"

Transcript

1 Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo Rapporto finale 2008 Intervento B4 MONITORAGGIO ED AGGIORNAMENTO SPECIE ASPIM / ZPS Con la collaborazione di Consorzio di Gestione Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo Via Dante, Olbia (SS) Telefono Fax

2 Premessa Il presente intervento si inserisce nell ambito di una serie di attività di valorizzazione delle risorse naturali previste nel piano di gestione 2008 dell Area Marina Protetta (AMP) di Tavolara Punta Coda Cavallo ed è finalizzato al monitoraggio ed all aggiornamento delle specie ASPIM/ZPS. (intervento B4: approvato con DPN del 19/06/2008) Le specie particolarmente protette rappresentano, da un lato, il primo livello di dispiegamento della mission dell AMP, dall altro qualificano con la loro presenza l importanza delle aree sottoposte a protezione. Pertanto la conoscenza della loro distribuzione spaziale e della loro abbondanza nell ambito dell AMP è fondamentale ai fini delle attività di conservazione, ma anche per far comprendere agli utenti e in generale alla collettività il valore intrinseco dell Area Protetta e il valore delle sue attività, in sintesi è uno strumento per affermare il ruolo dell AMP. Le conoscenze attualmente disponibili sono il risultato di analisi non sistematiche, bensì di dati raccolti nell ambito di ricerche finalizzate ad altri scopi, come non sistematica è la raccolta di informazioni da parte di fruitori e operatori. Un aumento della conoscenza in questo campo è altresì fondamentale per definire il livello di base per valutare l evoluzione degli ambienti naturali e quanto l attività di gestione sia funzionale alla conservazione della biodiversità a partire dalle specie più significative. L attività di monitoraggio per aggiornare la conoscenza sulle specie ASPIM/ZPS è utile alla gestione dell AMP in quanto: aggiorna il valore delle aree sottoposte a protezione; fa emergere la necessità di eventuali interventi di protezione di singole specie o di aree particolari; aumenta la capacità di riconoscimento visuale delle specie sottoposte a speciale protezione. Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo Sede legale Via Dante Olbia (OT). Sede Operativa Via S. Giovanni Olbia (OT) C.F Tel: 0789/ Fax: 0789/ E.mail:

3 CONVENZIONE: CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE PER MONITORAGGIO ED AGGIORNAMENTO SPECIE ASPIM/ZPS SCHEDA DI INTERVENTO B4 INTERVENTI INVESTIMENTI 2008 Monitoraggio ed Aggiornamento specie ASPIM/ZPS Schede descrittive in ordine tassonomico complete di bibliografia numerata OBIETTIVO GENERALE: Valorizzazione delle risorse naturali. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO: Stesura della lista specie ASPIM delle zone A e B Scheda descrittiva di ogni singolo organismo della lista Testi a cura di: Carlo Cerrano, Federica Fava, Augusto Navone, Marco Palma, Pieraugusto Panzalis, Massimo Ponti, Monica Previati ed Egidio Trainito. Loris Galli ha revisionato le schede dell avifauna. Mappe di distribuzione a cura di: Marco Palma, Massimo Ponti su base cartografica a cura di Nando Degortes e dati AMP Tavolara e Punta Coda Cavallo. Fotografie di: Egidio Trainito. Genova, 05 novembre 2009 L Amministratore Unico di UBICA Il Responsabile Scientifico (Dr. Marco Palma) (Prof. Carlo Cerrano)

4 Sommario Introduzione... 2 Lithophyllum byssoides (Lamarck) Foslie... 6 Cystoseira amentacea (C. Agardh) Bory de Saint-Vincent... 7 Cystoseira zosteroides C. Agardh... 8 Posidonia oceanica (Linnaeus) Delile... 9 Petrobiona massiliana Vacelet & Lévi, Tethya aurantium (Pallas, 1766) e Tethya citrina Sarà & Melone, Axinella cannabina (Esper, 1794) Axinella polypoides Schmidt, Sarcotragus pipetta (Schmidt, 1868) Sarcotragus spinosulus Schmidt, Spongia (Spongia) officinalis Linnaeus, Aplysina aerophoba Nardo, 1843 e Aplysina cavernicola (Vacelet, 1959) Patella ferruginea Gmelin, Dendropoma petraeum (Monterosato, 1884) Erosaria spurca (Linnaeus, 1958) Luria lurida (Linnaeus, 1758) Charonia lampas (Linnaeus, 1758) Lithophaga lithophaga (Linnaeus, 1758) Pinna nobilis Linnaeus, Homarus gammarus (Linnaeus, 1758) Palinurus elephas (Fabricius, 1787) Scyllarides latus (Latreille, 1802) Scyllarus arctus (Linnaeus, 1758) Scyllarus pygmaeus (Bate, 1888) Maja squinado (Herbst, 1788) Ophidiaster ophidianus (Lamarck, 1816) Paracentrotus lividus (Lamarck, 1816) Centrostephanus longispinus (Philippi, 1845) Cetorhinus maximus (Gunnerus, 1765) Mobula mobular (Bonnaterre, 1788) Epinephelus marginatus (Lowe, 1834) Sciaena umbra Linnaeus, Thunnus thynnus (Linnaeus, 1758) Xiphias gladius Linnaeus, Hippocampus hippocampus (Linnaeus, 1758) Hippocampus guttulatus Cuvier, Caretta caretta (Linnaeus, 1758) Larus audouinii (Payraudeau, 1826) Calonectris diomedea (Scopoli, 1769) Puffinus yelkouan (Acerbi, 1827) Hydrobates pelagicus melitensis (Linnaeus, 1758) Falco eleonorae (Gené, 1839) Pandion haliaetus (Linnaeus, 1758) Phalacrocorax aristotelis desmarestii (Payraudeau, 1826) Tursiops truncatus (Montagu, 1821) Tabella 1. Distribuzione nazionale specie marine Tabella 2. Protezione specie Bibliografia

5 Introduzione Le schede raccolte in questo volume descrivono le specie protette ai sensi del Protocollo sulle Aree specialmente Protette e la Biodiversità in Mediterraneo (ASPIM o SPAMI, Convenzione di Barcellona del 1995), presenti all interno delle zone A e B dell Area Marina Protetta (AMP) di Tavolara e P.ta Coda Cavallo e censite nel corso di precedenti studi. Ciascuna scheda riporta il nome scientifico attualmente accettato, anche se eventualmente difforme da quello presente nelle liste di protezione, l eventuale nome comune, qualora sia di ampia diffusione, la classificazione tassonomica; seguono informazioni su morfologia, biologia ed ecologia, distribuzione geografica a livello mondiale, note sullo stato di conservazione e le principali referenze bibliografiche, scelte sia tra i testi descrittivi sia tra le più recenti pubblicazioni scientifiche inerenti la conservazione della specie. I riferimenti bibliografici sono riportati come numeri progressivi riferiti alla bibliografia completa, in ordine alfabetico per autore, riportata al termine dell opera. Ogni scheda è corredata da una mappa di distribuzione realizzata a partire dalla cartografia digitale GIS (European Datum 1950) a disposizione dell AMP su cui sono stati riportati i risultati delle precedenti indagini conoscitive (vedasi: Navone A, Trainito E Tavolara. Nature at work... Working in nature. Delfino Carlo Editore & C. snc: pp 288). Per la distribuzione della prateria di Posidonia oceanica ci si è avvalsi dei rilievi acustici (Side Scan Sonar), mentre per le altre specie marine sono stati utilizzati censimenti visivi, suddivisi in subaree quadrate di 500 m di lato. 2

6 In ciascuna scheda è riportata una tabella con la distribuzione nazionale della specie ricavata dalla checklist della flora e della fauna dei mari italiani curata dalla Società Italiana di Biologia Marina (SIBM, per conto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. In queste tabelle i numeri si riferiscono ai settori biogeografici adottati e di seguito riportati. Bianchi, C.N. (2004) Proposta di suddivisione dei mari italiani in settori biogeografici. Notiziario SIBM, 46: Mar Ligure (in senso lato), a nord di Piombino e Capo Corso, afferente al settore nordoccidentale del Mediterraneo; 2. Coste della Sardegna (e Corsica) ed alto Tirreno da Piombino a tutto il Golfo di Gaeta, afferenti alla sezione settentrionale del settore centroccidentale del Mediterraneo; 3. Tutte le coste campane, le coste tirreniche della Basilica, della Calabria e della Sicilia, nonché gran parte delle coste siciliane meridionali, afferenti alla sezione meridionale del settore centroccidentale del Mediterraneo; 4. Stretto di Messina (un microsettore a se stante, ricco di relitti atlantici pliocenici); 5. Estremità sud-orientale della Sicilia, isole Pelagie (e arcipelago maltese), afferenti al settore sudorientale del Mediterraneo; 6. Costa orientale della Sicilia (escluso Stretto di Messina), coste ioniche della Calabria e della Basilicata e porzione meridionale della penisola salentina fino ad Otranto, afferenti al settore centrorientale del Mediterraneo; 7. Coste delle Murge (a sud del Golfo di Manfredonia) e del Salento a nord di Otranto, afferenti al settore del Basso Adriatico; 8. Coste dal Golfo di Manfredonia compreso fino al promontorio del Conero, afferenti al settore del Medio Adriatico; 9. Coste dal Conero fino all Istria, costituenti il settore dell Alto Adriatico. Ogni scheda è corredata da una tabella che sintetizza il livello di protezione cui la specie è sottoposta con riferimento a leggi e convenzioni internazionali. Le sigle adottate sono le seguenti: ASPIM Berna Protocollo per l istituzione di Aree Specialmente Protette di Importanza Mediterranea (ASPIM), con lo scopo di conservare la biodiversità marina e le specie di fauna e flora Mediterranee minacciate, previsto dalla Convenzione delle Nazioni Unite per la salvaguardia del Mediterraneo, nata da un primo incontro a Barcellona nel 1975 per formare una struttura chiamata Mediterranean Action Plan (MAP, successivamente rivista nel 1995 e ratificata in Italia con la Legge 175 del 27/05/99 (G.U. n 140 suppl. ord. 116 del 17/06/99). In particolare l allegato II riporta le specie in pericolo o minacciate, mentre l allegato III elenca le specie il cui sfruttamento è regolato. Convenzione per la conservazione della vita selvatica e dei suoi biotopi in Europa, conclusa a Berna il 19 settembre 1979, ratificata dall Italia con la Legge 503 del 05/ ed entrata in vigore il 6 giugno In particolare l allegato I riporta le specie di flora rigorosamente protette, l allegato II le specie faunistiche rigorosamente protette, l allegato III le specie faunistiche protette. 3

7 Habitat Bonn CITES IUCN Caccia Uccelli Allegati della Direttiva 92/43/CEE del Consiglio della Comunità Europea relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche. In particolare l allegato 1 riporta i tipi di habitat naturali di interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di aree speciali di conservazione, l allegato 2 le specie animali e vegetali d interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione, l allegato 4 le specie animali e vegetali d interesse comunitario che richiedono una protezione rigorosa, l allegato 5 le specie animali e vegetali d interesse comunitario il cui prelievo in natura e lo sfruttamento potrebbero essere oggetto di misure di gestione. Convenzione di Bonn sulle specie migratrici CMS, è un accordo promosso dalle Nazioni Unite, per la salvaguarda delle specie in via di estinzione o in cattivo stato di conservazione, recepita dalla Comunità Europea grazie alla Direttiva 82/461/CEE del Consiglio del 24 giugno 1982 e recepita dall Italia con la Legge 42 del 25/01/983, entrata in vigore il 1 novembre L appendice 1 elenca le specie migratrici in via di estinzione e le parti contraenti si impegnano per una loro stretta protezione attraverso anche la conservazione degli habitat ed eliminando tutti i fattori di rischio, l appendice 2 riporta le specie minacciate che richiedono una cooperazione internazionale. Specie sottoposte a regolamentazioni internazionali in base alla Convenzione sul commercio internazionale delle specie vegetali ed animali in pericolo in natura (www.cites.org). L applicazione della Convenzione dipende dalla sottoscrizione dei diversi Paesi. L Italia ha aderito con la Legge 150 del 07/02/1992, la Legge 59 del 13/03/1993 e il Decreto Legge 275 del 18/05/2001. L allegato 1 riporta le specie maggiormente minacciate di estinzione e di cui è viateto il commercio e il trasporto internazionale, l allegato 2 le specie che potrebbero diventare a rischio di estinzione il cui commercio e trasporto è strettamente controllato, l allegato 3 comprende specie sottoposte a restrizioni di espertazioni in alcuni Paesi che richiedono la collaborazione delle altre nazioni per evitare lo sfruttamento non sostenibile e illegale. Iscrizione alla lista rossa delle specie minacciate secondo l Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN, e classificate come: DD: dati insufficienti LC: specie a basso rischio NT: specie prossima alla minaccia VU: specie vulnerabile EN: specie in pericolo CR: specie in grave pericolo EW: specie estinta in natura EX: specie estinta Legge 157 del 11/02/92 recante norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 46 del 25/02/1992, Suppl. Ordinario n. 41, ed entrata in vigore l 11 marzo del Direttiva 79/409/CEE del Consiglio della Comunità Europea concernente la conservazione degli uccelli selvatici. Per le specie elencate nell allegato I sono previste misure speciali di conservazione per quanto riguarda l habitat, per garantire la sopravvivenza e la riproduzione di dette specie nella loro area di distribuzione. 4

8 SPEC Classificazione dello stato di conservazione delle specie di uccelli selvatici presenti in Europa (Species of European Conservation Concern) pubblicata sul volume Birds in Europe: population estimates, trends and conservation status di BirdLife International, 2004, edita da BirdLife International (BirdLife Conservation Series No. 12), Cambridge, UK, adottato dalla Commissione Europea come testo ufficiale di riferimento. Le categorie sono le seguenti: SPEC 1: specie presente in Europa e ritenuta di interesse conservazionistico globale, in quanto classificata come gravemente minacciata, minacciata, vulnerabile prossima allo stato di minaccia, o insufficientemente conosciuta secondo i criteri della Lista Rossa IUCN; SPEC 2: specie la cui popolazione globale è concentrata in Europa, dove presenta uno stato di conservazione sfavorevole; SPEC 3: specie la cui popolazione globale non è concentrata in Europa, ma che in Europa presenta uno stato di conservazione sfavorevole; Non-SPEC E : specie la cui popolazione globale è concentrata in Europa, dove presenta uno stato di conservazione favorevole; Non-SPEC: specie la cui popolazione globale non è concentrata in Europa, dove gode di uno stato di conservazione favorevole. Categoria Specie europea di interesse conservazionistico a livello globale Status di conservazione in Europa Popolazione o areale concentrati in Europa SPEC1 Si - - SPEC2 No Sfavorevole Si SPEC3 No Sfavorevole No Non-SPEC E No Favorevole Si Non-SPEC No Favorevole No 5

9 Lithophyllum byssoides (Lamarck) Foslie Nome comune: litofillo dei marciapiedi litorali, lichene marino Plantae Rhodophyta Florideophyceae Corallinales Corallinaceae (Lithophylloideae) Il tallo appare massiccio formante cuscini emisferici con superficie grinzosa e lamellata e crosta basale saldamente incrostante il substrato, con diametro di 5-15 cm e con altezza di 1-2 cm. Presenta una colorazione rosa violaceo. Vive nell orizzonte inferiore del mesolitorale e predilige ambienti esposti al moto ondoso e poco illuminati. I cuscini emisferici possono saldarsi tra loro a formare cornici e cornicioni aggettanti larghi alcuni decimetri ed estesi per metri, che possono emergere completamente durante la bassa marea. Spesso costruisce dei bordi attorno alle formazioni organogene a vermetidi. Le formazioni fossili sottostanti alle forme viventi possono raggiungere oltre i 50 cm di spessore. È una specie perennante con frequenza riproduttiva annuale. Dimostra un affinità circumboreale ed un areale di distribuzione Mediterraneo orientato nel bacino occidentale. L importanza di questa specie deriva soprattutto dal suo ruolo ecologico come biocostruttore. La presenza di questa specie è frequente in Italia e nel Mediterraneo occidentale, ma appare in regressione nelle aree soggette a forte pressione antropica sia urbana che industriale. La specie è assente sul litorale orientale della Spagna ed è rara in tutto l Egeo, il Mare Levantino e lungo le coste africane dell Egitto e della Tunisia. Questa specie compare spesso in letteratura e nelle liste di protezione con il sinonimo Lithophyllum lichenoides. [27-29, 88] 6

10 Cystoseira amentacea (C. Agardh) Bory de Saint-Vincent Nome comune: cistoseira amentacea Plantae Heterokontophyta (o Phaeophyta) Phaeophyceae Fucales Sargassaceae (o Cystoseiraceae) Alga bruna dall aspetto raccolto, le poche ramificazioni primarie del tallo, lunghe fino a 40 cm (tra i 15 e i 20 cm nelle varietà spicata e stricta), partono da un disco basale di ancoraggio al substrato. Le ramificazioni primarie, inizialmente, si presentano corte, leggermente appiattite, provvisti di ramuli, successivamente diventano cilindriche. L apice non spinoso, né sporgente, appare arrotondato. Ramuli secondari spesso a grappoli. La varietà spicata presenta vescicole aerifere che facilitano il portamento eretto. Nella varietà spicata si osserva anche la caducità delle ramificazioni primarie durante il periodo invernale, che lasciano corti monconi proliferativi. Tallo con iridescenza verdastra, anche nelle varietà stricta, si presenta di colore olivaceo-brunastro nella varietà spicata. Frequente in substrati rocciosi nella fascia intertidale e infralitorale superiore tra 0,2 e 1 metro di profondità. Questa specie euriterma, adattata alle forti variazioni termiche giornaliere, e macrofotica, che necessita di luoghi ad elevata disponibilità di luce solare, si adatta male alle forti variazioni saline, prediligendo una continua immersione. Gli ambienti esposti a moto ondoso frequente ed intenso sono ideali alla crescita di densi popolamenti di questa alga strutturante la biocenosi della frangia infralitorale. È una specie perenne con una vita decennale. Presenta due cicli riproduttivi annui, nel periodo primaverile e autunnale, quando si assiste ad una ripresa vegetativa con fruttificazione. È specie endemica del Mediterraneo, la varietà spicata è maggiormente diffusa nel settore orientale, mentre la varietà stricta in quello occidentale. Questa specie è particolarmente sensibile alle acque dissalate ed inquinate da reflui urbani. La sua presenza lungo le coste Mediterranee è strettamente condizionata dalla pressione antropica locale. L urbanizzazione delle coste, l industrializzazione, l agricoltura e la zootecnica intensiva sembrano rappresentare i fattori di maggiore responsabilità della rarefazione di questa specie lungo le coste rocciose. [2, 76, 77, 88, 89] 7

11 Cystoseira zosteroides C. Agardh Plantae Heterokontophyta (o Phaeophyta) Phaeophyceae Fucales Sargassaceae (o Cystoseiraceae) Tallo formato da un unico asse principale (monopodiale) di forma cilindrica con apice prominente e liscio, alto circa 30 cm, con fronda leggermente iridescente fornita di rami gracili e flessibili. Le ramificazioni primarie sono cilindriche, quelle secondarie sono appiattite o laminari con terminazioni spiniformi. Non sono presenti aereocisti. Le cripte pilifere si trovano sui rami e sui loro ramuli impiantati su un cauloide singolo. Alle base, come organi perennanti, sono presenti dei tofuli lisci. Sono strutture di riserva, simili ad olive, da cui originano i nuovi rami durante il periodo vegetativo. Frequente su substrati rocciosi, è una specie molto sensibile a variazioni di temperatura ed ha un optimum termico tra i 14 e i 15 C, per questo prolifera a profondità maggiori di quelle raggiunte dal termoclino estivo. Necessita inoltre di aree esposte con correnti costanti unidirezionali. Cystoseira zosteroides è una specie pluriennale e presenta due cicli riproduttivi annui, nel periodo estivo e autunnale. Questa specie endemica del Mediterraneo è nel tipica del circalitorale roccioso di tutto il bacino ma può trovarsi anche nell infralitorale (15-20m). Le attività antropiche che direttamente colpiscono l integrità dei popolamenti del coralligeno, come ancoraggio, pesca professionale e non, portano alla scomparsa dell habitat idoneo alla crescita di questa alga. Indirettamente attività antropiche come la cementificazione dei corsi d acqua e delle coste, la pressione industriale e agricola, inducono una diminuzione nell irradianza e un alterazione dei tassi di sedimentazione a carico delle comunità bentoniche imponendo profonde modificazioni agli equilibri ecologici. Variazioni della profondità di termoclino condizionano profondamente le comunità bentoniche del circalitorale. Un aumento della temperatura nel circalitorale impedisce i naturali fenomeni di risalita di acque profonde (upwelling) portatrici di nutrienti a sostentamento delle comunità superficiali. La specie è in regressione soprattutto nelle zone in cui si sono verificati episodi di abbassamento del termoclino estivo e riscaldamento delle acque tra i 15 e 40 metri di profondità, zone spesso colpite da fenomeni di moria di massa. [2, 8, 76, 77, 89, 163] 8

12 Posidonia oceanica (Linnaeus) Delile Nome comune: posidonia Divisione Vegetale Magnoliophyta Liliopsida (o Monocotyledones) Alismatales (o Najadales) Posidoniaceae Pianta caratterizzata da foglie nastriformi organizzate in ciuffi da 5 a 8, larghe circa 1 cm e lunghe in media 50 cm ma in grado di superare anche il metro di altezza, con venature longitudinali a decorso parallelo. Le foglie originano da un fusto modificato detto rizoma da cui si dipartono anche delle radici che ancorano la pianta al substrato. Il rizoma può svilupparsi parallelamente o verticalmente al substrato, nel primo caso si parla di rizoma plagiotropo nel secondo di rizoma ortotropo. Il suo sviluppo verticale (in media 1 m al secolo) origina le tipiche formazioni a terrazzo dette mattes. Un carattere distintivo è la presenza di scaglie alla base delle foglie che presentano uno spessore variabile in funzione del ciclo stagionale di crescita della pianta e che restano attaccate al rizoma anche dopo la caduta autunnale delle foglie. Forma dense praterie prevalentemente su substrati mobili ma occasionalmente anche su roccia, dalla superficie fino oltre 40 m di profondità, in relazione alla limpidezza delle acque. Sopporta ampie variazioni di temperatura, dai 10 ai 28 C circa, mentre il suo sviluppo è limitato dalla quantità di luce disponibile e dalla salinità, infatti, è poco diffusa in acque torbide e nelle lagune o in prossimità delle foci dei fiumi. Pianta perennante e secolare che si riproduce sia vegetativamente sia sessualmente. L asse fiorale porta da 1 a 4 spighe, ognuna con 3 fiori ermafroditi. Dal fiore fecondato si originano i frutti detti olive di mare che maturando passano dal colore verde al rosso al bruno sviluppando nel pericarpo dei prodotti oleosi che ne favoriscono il galleggiamento e quindi la dispersione. Una volta in superficie il frutto termina la maturazione con l idrolisi delle sostanze oleose da parte di proteine specifiche che portano all apertura della buccia. I semi cadono sul fondo e se trovano il substrato idoneo germinano. Fiorisce in autunno, matura in inverno e germina in primavera. Le praterie ossigenano le acque costiere, creano una biocenosi peculiare e stabile che ospita una grande quantità di esseri viventi e rappresentano, grazie sia al compatto strato fogliare sia all accumulo invernale di foglie sulle battige, un efficace ostacolo all azione erosiva delle onde. Specie endemica del Mediterraneo la cui distribuzione è limitata alle coste di questo bacino. Le altre specie del genere Posidonia sono endemiche dell Australia e la loro origine comune avvalora la teoria della deriva dei continenti e dell esistenza del mare primordiale Tetide. È particolarmente sensibile all apporto di inquinanti, sedimento fangoso e acque dolci molto spesso legate all industrializzazione e urbanizzazione delle zone costiere (per esempio in prossimità di scarichi fognari) ma anche agli impatti meccanici legati agli ancoraggi dei natanti, alla pesca a strascico o scavi dovuti alla costruzione di opere a mare. Tali impatti innescano dei graduali ma irreversibili processi di frammentazione che determinano una forte rarefazione delle praterie, influenzando negativamente la loro resilienza. La regressione delle praterie è stata documentata in molte aree. La sua gestione e conservazione risulta particolarmente importante non solo per il suo 9

13 ruolo nella strutturazione e nei processi ecologici degli ecosistemi costieri ma anche per la prevenzione e riduzione dell erosione della fascia costiera. [11, 18, 36, 38, 43, 46, 62, 74, 75, 78, 83, 87, 97, 101, 110, 115, 125] 10

14 Petrobiona massiliana Vacelet & Lévi, 1958 Sottoclasse Porifera Calcarea Calcaronea Lithonida Petrobionidae Come avviene spesso nei poriferi anche questa specie presenta una marcata plasticità morfologica in relazione soprattutto al livello di idrodinamismo. Vive tipicamente in grotta dove cresce in forma incrostante (5-6 cm di diametro) in caso di correnti elevate o massiva (1 cm di diametro) in acque calme. La consistenza è dura ed il colore bianco. La superficie è ruvida e gli osculi, che sono talvolta visibili negli esemplari massivi, hanno un diametro sul mezzo mm. La parte viva della spugna è molto sottile, circa mezzo mm di spessore, ed è posta alla periferia di uno scheletro calcareo indiviso composto da una massa di calcite contenente spicole. Il coanosoma leuconoide (parte viva) si collega a questo scheletro basale mediante sottili cordoni cellulari. Spicolazione complessa, comprendente diversi tipi di triactine, tra cui riconoscibili quelle a forma di diapason, tetractine e microdiactine rugose. Vive su substrati rocciosi all interno di grotte. Specie endemica del Mediterraneo, non presente nella parte più occidentale del bacino. La si può incontrare all ingresso delle grotte oscure, ma gli scheletri sono stati trovati in una grotta di Creta, emersa da 1500 anni e in depositi pleistocenici dell Italia meridionale risalenti a anni fa. È una specie che ha grande importanza per ricostruire l evoluzione delle spugne calcaree e la storia del Mediterraneo. Non è facile da individuare e per conservarla è necessario proteggerne il suo habitat. [23, 172, 173, 175] 11

15 Tethya aurantium (Pallas, 1766) e Tethya citrina Sarà & Melone, 1965 Sottoclasse Porifera Demospongiae Homoscleromorpha Hadromerida Tethydae Spugne massive di forma sferica o subsferica, distinguibili tra loro solo analizzando le spicole al microscopio anche se la colorazione è in genere arancione per T aurantium e gialla per T. citrina. La superficie presenta tubercoli arrotondati e appiattiti che conferiscono un aspetto verrucoso. Consistenza moderatamente dura ma elastica. Si contraggono se disturbate. Presenti su fondali rocciosi, detritici, sabbiosi e tra i rizomi di Posidonia oceanica, dall intertidale fino a oltre 900 m di profondità. La riproduzione sessuata è estiva. Quella asessuata, tramite gemme (piccole spugne che si sviluppano sulla superficie), è stata osservata in autunno-inverno in Sicilia e febbraio-marzo lungo le coste spagnole, presso lo Stretto di Gibilterra. Tethya citrina è ritenuta endemica del Mediterraneo, mentre T. aurantium ha una distribuzione più ampia: Mar Mediterraneo (Golfo del Leone, Mar Ligure, Mar Tirreno, Mar Adriatico meridionale e settentrionale, Catalogna e Isole Baleari, Mare di Alboran, Bacino dell Algeria, Tunisia, Malta, sudovest della Sicilia, Mar Ionio, Bacino di levante di Cipro ed Egitto) e Oceano Atlantico (costa nord Africa e Azzorre). Specie ritenute poco comuni anche se localmente abbondanti. La distribuzione delle due specie è poco nota anche per la difficoltà di distinguerle tra loro. [13, 14, 145, 175] 12

16 Axinella cannabina (Esper, 1794) Porifera Demospongiae Halichondrida Axinellidae Specie arborescente di colore giallo arancio con superficie irregolare che può raggiungere 1 m di altezza. È caratterizzata da ramificazioni molto lunghe di diametro cm che tendono ad essere schiacciate, sulle quali si sviluppano numerose protuberanze laterali irregolari caratterizzate dalla presenza degli osculi. Si sviluppa su substrati rocciosi dai 10 m fino a oltre 100 m di profondità dove riesce a crescere bene anche su pareti verticali. Le diverse specie di questo genere si trovano spesso associate allo zoantideo Parazoanthus axinellae. È una specie termofila, cioè che predilige temperature calde. Spesso è possibile osservare il nudibranco Phyllidia flava che si nutre dei suoi tessuti. Specie endemica del Mediterraneo meridionale, molto rara nella parte più settentrionale del bacino. Come tutte le specie erette può essere danneggiata dalle lenze, dalle reti da pesca e dal passaggio di turisti subacquei. Anche la raccolta indiscriminata e ingiustificata costituisce un pericolo per la conservazione di questa specie. [4, 36, 136, 148, 164, 175] 13

17 Axinella polypoides Schmidt, 1862 Porifera Demospongiae Halichondrida Axinellidae Specie arborescente di colore giallo-arancione alta fino a cm. Le ramificazioni, a sezione circolare o ovoidale con diametro di 1-2 cm, hanno crescita dicotomica e osculi a forma di stella distribuiti uniformemente. Superficie liscia, consistenza compatta ma abbastanza elastica. Vive su substrati rocciosi o mobili dai 25 metri fino oltre 300 m, predilige substrati orizzontali o pareti leggermente verticali alla base delle falesie. È una specie che sopporta bene ambienti caratterizzati da un elevato tasso di sedimentazione. Mar Mediterraneo nord-occidentale e Atlantico nord-orientale. Essendo una specie eretta riveste, così come A. cannabina o come ad esempio le gorgonie, un importante ruolo strutturante le comunità bentoniche. Può facilmente subire danni di tipo meccanico legati all utilizzo di attrezzi da pesca o all ancoraggio delle imbarcazioni, inoltre il suo sviluppo è legato ad un habitat molto circoscritto, per questi motivi la sua protezione risulta particolarmente importante. [148, 165, 175] 14

18 Sarcotragus pipetta (Schmidt, 1868) Porifera Demospongiae Dictyoceratida Irciniidae Specie di colore grigio chiaro con occasionali screziature violacee quando parzialmente esposta alla luce. Caratterizzata da diversi conuli di 6-8 cm di altezza e 3-5 cm di diametro basale. Questi conuli sono uniti alla base in numero da 3 a 10 da un cuscinetto comune e sormontati ognuno da un singolo osculo. Lo scheletro è formato da un intreccio di fibre che presentano al loro interno inclusi minerali quali granuli di sabbia e frammenti di spicole. Predilige i substrati in prossimità dell ingresso di grotte marine sommerse, mentre si sviluppa in maniera sporadica su altri substrati rocciosi. Specie endemica del Mar Mediterraneo. Specie minacciata dall impatto antropico ma di cui mancano informazioni adeguate sulla reale distribuzione. Questa specie compare spesso in letteratura e nelle liste di protezione con il sinonimo Ircinia pipetta. [133, 147, 175, 181] 15

19 Sarcotragus spinosulus Schmidt, 1862 Porifera Demospongiae Dictyoceratida Irciniidae È una spugna di forma massiva-globosa, spesso appiattita superiormente, di colorazione variabile dal grigio al nero con la parte interna fibrosa e biancastra. Superficie irregolare coperta di tanti piccoli conuli arrotondati, alti 1-2 mm, e diversi osculi sparsi in maniera irregolare. Consistenza compressibile, abbastanza elastica, rugosa al tatto. Il sistema acquifero interno è caratterizzato da canali molto voluminosi. Può raggiungere dimensioni ragguardevoli, con diametri di che possono arrivare anche a cm. Essendo quasi sempre ricoperte da epibionti possono essere scambiate per vere e proprie rocce. Solo appoggiandosi inavvertitamente ci si rende conto della consistenza elastica. È una specie che predilige i substrati rocciosi e si sviluppa dalla superficie fino a circa 300 m di profondità, anche se è più comune tra 10 e 50 m. il grande volume del sistema acquifero rende questa specie un rifugio ottimale per numerose specie che possono attraversare al suo interno l intero ciclo vitale (es. policheti, crostacei e bivalvi) o parte di esso. La sua biologia è abbastanza sconosciuta, l unica informazione disponibile è l osservazione di esemplari con larve in ottobre e novembre lungo le coste spagnole. Mar Mediterraneo (Golfo del Leone, Mar Ligure, Mar Tirreno, Mar Adriatico, Catalogna e Isole Baleari, Tunisia, Malta, sud-ovest della Sicilia, Mar Ionio e Mar Egeo). Mancano adeguate informazioni sulla sua diffusione e possibili minacce. Questa specie compare spesso in letteratura e nelle liste di protezione con il nome Ircinia foetida. [13, 14, 33, 171, 175] 16

20 Spongia (Spongia) officinalis Linnaeus, 1759 Nome comune: spugna da bagno Porifera Demospongiae Dictyoceratida Spongidae Spugna di forma massiva irregolare, raramente incrostante, caratterizzata da una superficie ricoperta da piccoli conuli regolari e talvolta da rilievi conici che portano alla loro estremità gli osculi. Le dimensioni possono raggiungere nelle forme massive diametri di circa 40 cm. La consistenza è molto elastica, la colorazione varia dal bianco al nero in funzione dell illuminazione, gli esemplari esposti alla luce sono più scuri di quelli che vivono al buio; l interno è color ruggine o biancastro. Lo scheletro è costituito da un intreccio di fibre di spongina. Si sviluppa su substrati rocciosi dalla superficie fino oltre 40 m di profondità. Lungo le coste pugliesi è stato studiato il ciclo riproduttivo che avviene con la liberazione di larve nei mesi di giugno e luglio. Mar Mediterraneo (Mar Ligure, Mar Tirreno, Mar Adriatico, Catalogna e Isole Baleari, di Alboran, Bacino dell Algeria, Tunisia, Malta, sud-ovest della Sicilia, Mar Ionio, Mar Egeo, Cipro e coste dell Egitto), Oceano Atlantico (Penisola Iberica, Mar Baltico: Scandinavia). Questa specie ha subito negli anni una notevole riduzione essendo stata oggetto di pesca eccessiva ma anche di varie epidemie, la più recente verificatasi nell Agosto-Settembre 1999 che ha interessato circa il 90% degli esemplari appartenenti ai banchi spongiferi di Liguria, Toscana, Corsica e Sardegna. Attualmente la pesca è regolamentata e vietata in molte aree. [13, 36, 44, 111, 131, 132, 148, 171, 175, 180] 17

echinodermi Centrostephanus longispinus ( Filippi, 1845) regno animali fam. Diadematidae

echinodermi Centrostephanus longispinus ( Filippi, 1845) regno animali fam. Diadematidae echinodermi Centrostephanus longispinus ( Filippi, 1845) regno animali fam. Diadematidae Fonte immagine Foto R. Pronzato Questo elegante echinoderma è immediatamente riconoscibile per i lunghi e sottili

Dettagli

FASE I dicembre 2008. - Oltre 200 riferimenti bibliografici raccolti

FASE I dicembre 2008. - Oltre 200 riferimenti bibliografici raccolti RILIEVO E CARATTERIZZAZIONE DELLE PRATERIE DI POSIDONIA ANTISTANTI LE COSTE DELLA REGIONE LAZIO E DEI PRINCIPALI POPOLAMENTI MARINI COSTIERI PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CARTOGRAFIA DEI FONDALI DELLA REGIONE

Dettagli

Le Fanerogame del Mediterraneo

Le Fanerogame del Mediterraneo Le Fanerogame del Mediterraneo In Mediterraneo sono presenti cinque specie di fanerogame marine: Cymodocea nodosa (Zosteraceae) si trova soprattutto su sedimenti fini superficiali ed in acque salmastre.

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo I MARI ITALIANI L Italia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo. Le coste della penisola italiana sono lunghe oltre 7000 chilometri e hanno caratteristiche diverse. Nei mari italiani sono presenti

Dettagli

Indicazioni per il turista sostenibile

Indicazioni per il turista sostenibile Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Indicazioni per

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione)

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piattaforma continentale Scarpata continentale Dorsali oceaniche Fondali oceanici Fosse oceaniche Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piana abissale -6000m Piattaforma

Dettagli

BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo

BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo Monti Lessini Comune di Vestenanova 1 Col nome di "Bolca" si intendono più località dell'eocene fra loro vicine, ma di età diverse.

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO

PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO Introduzione L Istituto di Biologia e Ecologia Marina di Piombino è attivo ormai da molti anni sia

Dettagli

LE CONCHIGLIE. dell Area Marina Protetta Punta Campanella

LE CONCHIGLIE. dell Area Marina Protetta Punta Campanella LE CONCHIGLIE dell Area Marina Protetta Punta Campanella M I N I - G U I D E illustrazioni di: Claudio d Esposito testi: Antonella Ambrosio, Claudio d Esposito, Andrea Fienga hanno collaborato: Rosa Gargiulo,

Dettagli

Mosorrofa Primaria A.S. 2013/2014

Mosorrofa Primaria A.S. 2013/2014 Mosorrofa Primaria A.S. 2013/2014 Alla Scoperta delle tartarughe marine Classi IV - V Le caratteristiche fisiche Tutto il corpo è protetto da una corazza e lo scudo dorsale, leggermente a forma di cuore,

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 220 del 01 marzo 2011 pag. 1/5 Relazione illustrativa La presente relazione è relativa alla proposta di individuazione di due Siti di Importanza Comunitaria

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta LE TARTARUGHE Testudo hermanni & Caretta caretta CLASSIFICAZIONE: Regno Animalia Classe Reptilia Ordine Testudines Testudo hermanni (o tartaruga di Hermann) L HABITAT Tipicamente mediterraneo. La Testudo

Dettagli

uccelli Ichthyaetus audouinii (Payraudeau 1826) regno animale fam. Laridae sinonimo Larus audouinii ( Payraudeau 1826)

uccelli Ichthyaetus audouinii (Payraudeau 1826) regno animale fam. Laridae sinonimo Larus audouinii ( Payraudeau 1826) uccelli Ichthyaetus audouinii (Payraudeau 1826) sinonimo Larus audouinii ( Payraudeau 1826) regno animale fam. Laridae Fonte immagini Sub Rimini Gian Neri -www.biologiamarina.org Questo bel gabbiano, chiamato

Dettagli

Approfondimenti 1 - Informazioni generali

Approfondimenti 1 - Informazioni generali Approfondimenti 1 - Informazioni generali Principali caratteristiche morfologiche della conchiglia dei gasteropodi L animale completo apertura H labbro (o peristoma) ultimo giro capo D H = altezza piede

Dettagli

Album visita all acquario di Genova

Album visita all acquario di Genova Album visita all acquario di Genova Classe 3 B-D A.S. 2006/2007 La vasca degli squali SQUALO TORO Carcharias taurus Lo squalo toro è uno squalo grande e massiccio (supera i 3 metri di lunghezza), dall

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Laurea magistrale in Ingegneria Civile per la protezione dai rischi naturali Tirocinio per la tesi svolto presso l agenzia Conservatoria delle Coste, Regione Sardegna Relazione di fine tirocinio Studente:

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Alla scoperta dell Area Marina Protetta e dei suoi abitanti

Alla scoperta dell Area Marina Protetta e dei suoi abitanti Il mio Parco 4 Il Mio Parco 4 è un progetto di educazione ambientale finalizzato a stimolare gli alunni dell Istituto Comprensivo di Villasimius alla conoscenza del proprio territorio e alla sua corretta

Dettagli

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione CINGHIALE Prime segnalazioni nel 1919; forte espansione dalla metà degli anni 60 Tre sottospecie: Centroeuropeo (Sus scrofa scrofa), di dimensioni maggiori;

Dettagli

... Le acque come risultato. "tettoniche" (le. riscaldamento LE COSTE. tra. rocce".

... Le acque come risultato. tettoniche (le. riscaldamento LE COSTE. tra. rocce. Cognome... Nome... Le acque marine modellano i litorali attraverso l azione delle correnti, delle maree e soprattutto delle onde; questa azione si manifestaa attraverso processi di erosione, trasporto

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

LA BIODIVERSITA MARINA IN CALABRIA

LA BIODIVERSITA MARINA IN CALABRIA Nicola Cantasano Responsabile Scientifico Oasi blu W.W.F. Scogli di Isca Consiglio Nazionale delle Ricerche I.S.A.FO.M. Cosenza LA BIODIVERSITA MARINA IN CALABRIA IL MARE DELLA CALABRIA La particolare

Dettagli

Il rospo smeraldino, Bufo viridis. CITTÀ di GRUGLIASCO. Assessorato all Ambiente

Il rospo smeraldino, Bufo viridis. CITTÀ di GRUGLIASCO. Assessorato all Ambiente CITTÀ di GRUGLIASCO Assessorato all Ambiente Redazione: Settore Sviluppo Compatibile. Area Tutela e Valorizzazione dell Ambiente. In collaborazione con il Dipartimento di Biologia Animale e dell Uomo della

Dettagli

La sentinella del Mediterraneo

La sentinella del Mediterraneo Xxxx Xxx La Posidonia oceanica svolge un ruolo ecologico fondamentale per la salute del Mare Nostrum La sentinella del Mediterraneo di Giovanna Lodato È la cartina di tornasole del benessere del Mar Mediterraneo.

Dettagli

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici SCHEDE DESCRITTIVE Abete bianco Famiglia: PINACEE Genere: ABIES Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche Grande albero, alto anche 40-50 metri e con diametro sino a 3 metri, con fusto dritto

Dettagli

Paleoecologia. I Fossili e l ambiente

Paleoecologia. I Fossili e l ambiente Paleoecologia I Fossili e l ambiente Fattori chimico fisici Luce Temperatura Salinità Contenuto di ossigeno Ambiente di un organismo Altri organismi presenti Conspecifici Appartenenti ad altre specie 1

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO PRODOTTI ITTICI DEL LAGO DI BOLSENA Ottobre 2014 Disposizioni generali Il presente disciplinare, ad integrazione del Regolamento per l'accesso

Dettagli

Visto l Art.18 Istituzione di aree protette marine della Legge 6 dicembre 1991, n. 394 Legge Quadro sulle Aree Protette.

Visto l Art.18 Istituzione di aree protette marine della Legge 6 dicembre 1991, n. 394 Legge Quadro sulle Aree Protette. Oggetto: Richiesta di valutazione comunale per l istituzione nel tratto di mare prospicente il Comune di Manduria di un Area Marina Protetta a tutela degli ecosistemi marini e costieri Vista la Legge 31

Dettagli

STORIA GEOLOGICA D ITALIA

STORIA GEOLOGICA D ITALIA STORIA GEOLOGICA D ITALIA PERMIANO-TRIASSICO 300-250 Ma Il Triassico (250 Ma) che cominciò con una grande estinzione di massa, fu l epoca nella quale si avviarono i grandi cambiamenti geografici ed evolutivi

Dettagli

La famiglia Veneridae nei mari italiani comprende 20 specie suddivise in 13 generi.

La famiglia Veneridae nei mari italiani comprende 20 specie suddivise in 13 generi. Molluschi Famiglia VENERIDAE La famiglia Veneridae nei mari italiani comprende 20 specie suddivise in 13 generi. Descrizione: Conchiglia generalmente robusta, struttura ovale più o meno allungata. La cerniera

Dettagli

Testi ed illustrazioni di Cristina Gioia Di Camillo Biologo marino Università Politecnica delle Marche

Testi ed illustrazioni di Cristina Gioia Di Camillo Biologo marino Università Politecnica delle Marche Testi ed illustrazioni di Cristina Gioia Di Camillo Biologo marino Università Politecnica delle Marche I fondali della Riviera del Conero oltre a rappresentare un attrazione per gli appassionati dello

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

Le specie di Anfipodi note per i mari italiani sono 457: 364 Gammaridei, 1 Ingolfiellideo, 23 Caprellidei, 69 Hyperiidei.

Le specie di Anfipodi note per i mari italiani sono 457: 364 Gammaridei, 1 Ingolfiellideo, 23 Caprellidei, 69 Hyperiidei. Crostacei Ordine Amphipoda Le specie di Anfipodi note per i mari italiani sono 457: 364 Gammaridei, 1 Ingolfiellideo, 23 Caprellidei, 69 Hyperiidei. Descrizione: Gli Anfipodi presentano corpo compresso

Dettagli

animale e vegetale marina

animale e vegetale marina Il ruolo del MIPAAF nel sistema nazionale e comunitario a tutela della biodiversità animale e vegetale marina Dott. Giuseppe Ambrosio Capo di Gabinetto Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard

Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard 225 Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard Podarcis sicula (foto S. Viglietti) Tassonomia e distribuzione generale Specie altamente politipica con un elevata variabilità

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

SISTEMI DI ALLEVAMENTO

SISTEMI DI ALLEVAMENTO SISTEMI DI ALLEVAMENTO IMPIANTI A TERRA (IN-SHORE) principalmente diffuso nei paesi del Mediterraneo: bacini stagni vasche IMPIANTI A MARE (OFF-SHORE) Più diffuso nel nord Europa ma in grande espansione

Dettagli

Premessa 2. La conservazione 2. Il coralligeno 3. Il coralligeno del Ponente Ligure 4. Materiali e metodi 7. Area di campionamento 7.

Premessa 2. La conservazione 2. Il coralligeno 3. Il coralligeno del Ponente Ligure 4. Materiali e metodi 7. Area di campionamento 7. INDICE Premessa 2 La conservazione 2 Il coralligeno 3 Il coralligeno del Ponente Ligure 4 Materiali e metodi 7 Area di campionamento 7 Videotransetti 9 Rilievi fotografici 10 Categorie e specie individuate

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante.

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante. AIRONE BIANCOMAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. Più grande degli altri ardeidi bianchi (dimensioni del cenerino) ha un caratteristico sopracciglio verdastro AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore,

Dettagli

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Lungomare Scipioni,, 6 Sede dell Universit Università di

Dettagli

Disciplinare di produzione del "NASELLO SAPORE DI CAMPANIA"

Disciplinare di produzione del NASELLO SAPORE DI CAMPANIA Disciplinare di produzione del "NASELLO SAPORE DI Art. 1 denominazione del prodotto la dicitura "NASELLO SAPORE DI CAMPANIA è riservata agli esemplari adulti della specie Merluccius merluccius L. provenienti

Dettagli

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE La Lista rossa dell Iucn é universalmente riconosciuta come il metodo più autorevole e oggettivo per analizzare il rischio di estinzione di una specie. Sebbene sia stato pensato

Dettagli

4.3.5 Benthos. 4.3.5.1 Specie: Scyllarides latus (Latreille, 1803) Area di valutazione

4.3.5 Benthos. 4.3.5.1 Specie: Scyllarides latus (Latreille, 1803) Area di valutazione SPECIE BENTHOS 4.3.5 Benthos 4.3.5.1 Specie: Scyllarides latus (Latreille, 1803) La magnosa, Scyllarides latus, è tra le specie che richiedono misure rigorose di protezione in quanto inclusa negli allegati

Dettagli

L ASINARA NEL SANTUARIO DEI CETACEI

L ASINARA NEL SANTUARIO DEI CETACEI CHI SIAMO Il Centro Recupero Animali Marini del Parco Nazionale dell Asinara che collabora col CTS Ambiente, fa parte della Rete Regionale per il recupero e la conservazione della fauna marina in difficoltà

Dettagli

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Anno accademico 2007-2008 Meccanizzazione

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

SCOPRIRE LA BIODIVERSITÀ I PESCI

SCOPRIRE LA BIODIVERSITÀ I PESCI QUADERNI DELL AREA MARINA PROTETTA 3 SCOPRIRE LA BIODIVERSITÀ I PESCI Quaderni dell Area Marina Protetta Non salveremo mai ciò che non amiamo La crescente consapevolezza dell importanza della conservazione

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE SIC MARINI ITALIANI: REGIONE TOSCANA. Dott. Fabrizio Serena

IMPLEMENTAZIONE SIC MARINI ITALIANI: REGIONE TOSCANA. Dott. Fabrizio Serena IMPLEMENTAZIONE SIC MARINI ITALIANI: REGIONE TOSCANA Dott. Fabrizio Serena 1 Situazione attuale La Toscana non ha attualmente dei SIC marini, se si escludono le aree lagunari, nonostante che gli habitat

Dettagli

A cura di: G. Sannino e V. Artale

A cura di: G. Sannino e V. Artale A cura di: G. Sannino e V. Artale INDICE 1. STATO E PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE 5 2. CONVERTITORI DI ENERGIA DALLE CORRENTI DI MAREA 6 3. CONVERTITORI DI ENERGIA DAL MOTO ONDOSO 7 3 1. STATO E PROSPETTIVE

Dettagli

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po.

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e gestione faunistica La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. A cura di Simone Rossi Citazione bibliografica consigliata: Rossi S. (2014).

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD I GENERALITÀ Origine MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD Razza Veneta, selezionata dall'allevatore Luca Rizzini alla fine del XX secolo a partire da esemplari di polli di tipologia

Dettagli

Bivalvia TIPO: MOLLUSCA

Bivalvia TIPO: MOLLUSCA TIPO: MOLLUSCA Metazoi a simmetria bilaterale, in alcuni casi parzialmente mascherata o modificata da fenomeni di torsione. Corpo molle, non segmentato, protetto di solito da una conchiglia esterna secreta

Dettagli

Strategia per l ambiente marino

Strategia per l ambiente marino Strategia per l ambiente marino Questo prodotto è stato realizzato dall Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) per il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Dettagli

La salute del Mare Nostrum

La salute del Mare Nostrum La salute del Mare Nostrum Romualdo Gianoli Contaminazione delle acque, inquinamento, degradazione degli habitat, coste sacrificate a una urbanizzazione massiccia e costante. Sono i problemi che oggi vive

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

LIFE 12 NAT/IT/001185. Land-and-sea actions for conservation of Caretta Caretta in its most important italian nesting ground (ionian Calabria)

LIFE 12 NAT/IT/001185. Land-and-sea actions for conservation of Caretta Caretta in its most important italian nesting ground (ionian Calabria) LIFE 12 NAT/IT/001185 Land-and-sea actions for conservation of Caretta Caretta in its most important italian nesting ground (ionian Calabria) LA TARTARUGA MARINA Caretta caretta Tra le tartarughe presenti

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Citrus, Agrumi (Rutaceae)

Citrus, Agrumi (Rutaceae) Citrus, Agrumi (Rutaceae) Nel genere Citrus sono compresi molti alberi e arbusti originari del dell'asia sud-orientale dalle dimensioni medie e dalla crescita lenta. Sono famosi per le loro foglie profumate,

Dettagli

Cenni di ecologia e biologia delle Tartarughe marine e problematiche legate alla pesca

Cenni di ecologia e biologia delle Tartarughe marine e problematiche legate alla pesca Cenni di ecologia e biologia delle Tartarughe marine e problematiche legate alla pesca Corso di formazione degli operatori dei Centri di recupero Azione C5 «Rafforzamento dei Centri di recupero e primo

Dettagli

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Direttiva Habitat mantenere l habitat naturale prioritario

Dettagli

IL PROGETTO DREPANCOAST

IL PROGETTO DREPANCOAST IL PROGETTO DREPANCOAST La Provincia Regionale di Trapani, nell ambito di un progetto POR, ha affidato al Gruppo Gifaco dell Istituto per l Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

Capitolo 2 - INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO

Capitolo 2 - INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO Capitolo 2 - INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO 2.1 Ubicazione area di studio L area di studio è parte integrante della piattaforma continentale dell alto Adriatico ed è situata tra le foci del Po di Levante,

Dettagli

CENNI SOPRA ALCUNE ALGHE

CENNI SOPRA ALCUNE ALGHE CENNI SOPRA ALCUNE ALGHE DELL'OCEANO INDIANO 1. Dictyota Atomaria Hauck n. sp. T&-V- X. Da una radice quasi conica esce una fronda membranacea, lunga 15 a 45 cent., a base cuneiforme, che si divide dicotomicamente.

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

organismi e classificazione

organismi e classificazione Biologia marina organismi e classificazione Artropodid Echinodermi d i TERZA LEZIONE A CURA DELLA PROF.SSA ROSA DOMESTICO I.I.S NINO BIXIO PIANO DI SORRENTO ARTROPODI Artropodi Phylum di animali a simmetria

Dettagli

Il Presidente del C.E.A. Dott. Stefano Lavra. Spett.le DIRETTORE DIDATTICO E PER CONOSCENZA DEL RESPONSABILE DEI PROGETTI E LABORATORI DIDATTICI

Il Presidente del C.E.A. Dott. Stefano Lavra. Spett.le DIRETTORE DIDATTICO E PER CONOSCENZA DEL RESPONSABILE DEI PROGETTI E LABORATORI DIDATTICI Spett.le DIRETTORE DIDATTICO E PER CONOSCENZA DEL RESPONSABILE DEI PROGETTI E LABORATORI DIDATTICI CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE V.le Bue Marino n 1 Tel. 3460366858 E- mail : ceacalagonone@tiscali.it www.ceafocamonaca.it

Dettagli

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. del Decreto Legislativo aprile 6, n ) Tratto di costa n. 4 Da

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

Una start-up per fare della posidonia delle Egadi l aloe del mare

Una start-up per fare della posidonia delle Egadi l aloe del mare Lastampa.it 15 gennaio 2016 Una start-up per fare della posidonia delle Egadi l aloe del mare Nasce tra Genova (oggi il debutto all Acquario) e Favignana la cosmesi fitomarina Mediterranea: un progetto

Dettagli

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI UNITA N 8 parte seconda I BIOMI LA TAIGA E LA TUNDRA Al di sopra dei 50-60 gradi di latitudine si estendono gli ambienti freddi e glaciali, caratterizzati da temperature particolarmente basse. Il sole,

Dettagli

Le professoresse: Sabbatini Nacchia

Le professoresse: Sabbatini Nacchia Le professoresse: Sabbatini Nacchia La malva silvestre, pianta molto diffusa nel nostro paese, predilige i terreni erbosi; la si può trovare soprattutto nei campi abbandonati, lungo le strade di campagna

Dettagli

BIOLOGIA DEL CORALLO di Giuseppe Rajola

BIOLOGIA DEL CORALLO di Giuseppe Rajola BIOLOGIA DEL CORALLO di Giuseppe Rajola Edizioni vesuvioweb Amici Carissimi, buon 2006! Che questo nuovo anno porti serenità a voi tutti ed alle Vostre famiglie. Io auguro sempre e solo serenità in quanto

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

Purtroppo l'ente Parco del Gargano e le Amministrazioni, se pur a conoscenza della nostra iniziativa, si sono totalmente disinteressate.

Purtroppo l'ente Parco del Gargano e le Amministrazioni, se pur a conoscenza della nostra iniziativa, si sono totalmente disinteressate. Isole Tremiti li, 02.10.2013 Comunicato Stampa Borsa di Studio MARE TREMITI 2013 > (LABORATORIO DEL MARE MARLINTREMITI) Grazie alle borse di studio messe a disposizione dal MARLINTREMITI, 4 studenti selezionati

Dettagli

Indagini idrobiologiche decimo rapporto tecnico Luglio 2014

Indagini idrobiologiche decimo rapporto tecnico Luglio 2014 Centro Studi Biologia e Ambiente di Antonella M. Anzani ed Alessandro Marieni s.n.c. Cod. Fisc. / P.IVA n.02754920136 R.E.A. n.277385 Corso XXV Aprile, 87 Tel./ fax 031.610.630 22036 Erba (Co) e-mail csba.erba@tvirgilio.it

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

LA RICERCA SCIENTIFICA IN ACQUE FREDDE ED ESTREME: ESPERIENZE E PROBLEMI

LA RICERCA SCIENTIFICA IN ACQUE FREDDE ED ESTREME: ESPERIENZE E PROBLEMI LA RICERCA SCIENTIFICA IN ACQUE FREDDE ED ESTREME: ESPERIENZE E PROBLEMI Antonio Di Natale Fondazione Acquario di Genova ONLUS Le nostre esperienze nel settore, con riferimento agli studi sulla conservazione

Dettagli

VADEMECUM DEL CITTADINO

VADEMECUM DEL CITTADINO COMUNE DI ORISTANO Provincia dell Ogliastra Assessorato Agricoltura Attivitá Produttive e C.P.A e Politiche Forestali Assessorato Regionale alla Difesa All ambiente Servizio Tutela del Suolo REGIONE AUTÒNOMA

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

ACQUARIO MARINO MEDITERRANEO ASSOCIAZIONE ITALIANA ACQUARIO MEDITERRANEO LA GUIDA ALLE SPECIE MARINE PROTETTE DEL MAR MEDITERRANEO

ACQUARIO MARINO MEDITERRANEO ASSOCIAZIONE ITALIANA ACQUARIO MEDITERRANEO LA GUIDA ALLE SPECIE MARINE PROTETTE DEL MAR MEDITERRANEO ACQUARIO MARINO MEDITERRANEO ASSOCIAZIONE ITALIANA ACQUARIO MEDITERRANEO LA GUIDA ALLE SPECIE MARINE PROTETTE DEL MAR MEDITERRANEO Le specie marine protette del Mar Mediterraneo. Prefazione Quest'articolo

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 39 DEL 29 SETTEMBRE 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 39 DEL 29 SETTEMBRE 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 1 agosto 2008 - Deliberazione N. 1297 - Area Generale di Coordinamento N. 5 - Ecologia, Tutela dell'ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile - Presa

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA 27 ottobre 2011, n. 209 Regolamento recante istituzione di Zone di protezione ecologica del Mediterraneo nord-occidentale, del Mar Ligure e del Mar Tirreno. (11G0252)

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

SIC/ZPS Parco Marino di Punta degli Infreschi (IT8050037)

SIC/ZPS Parco Marino di Punta degli Infreschi (IT8050037) SIC/ZPS Parco Marino di Punta degli Infreschi (IT8050037) Descrizione generale del Sito Il SIC/ZPS tutela il tratto mare compreso tra la Torre dei Caprioli, a nord di Palinuro, e Punta Spinosa, posta lungo

Dettagli