Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo"

Transcript

1 Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo Rapporto finale 2008 Intervento B4 MONITORAGGIO ED AGGIORNAMENTO SPECIE ASPIM / ZPS Con la collaborazione di Consorzio di Gestione Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo Via Dante, Olbia (SS) Telefono Fax

2 Premessa Il presente intervento si inserisce nell ambito di una serie di attività di valorizzazione delle risorse naturali previste nel piano di gestione 2008 dell Area Marina Protetta (AMP) di Tavolara Punta Coda Cavallo ed è finalizzato al monitoraggio ed all aggiornamento delle specie ASPIM/ZPS. (intervento B4: approvato con DPN del 19/06/2008) Le specie particolarmente protette rappresentano, da un lato, il primo livello di dispiegamento della mission dell AMP, dall altro qualificano con la loro presenza l importanza delle aree sottoposte a protezione. Pertanto la conoscenza della loro distribuzione spaziale e della loro abbondanza nell ambito dell AMP è fondamentale ai fini delle attività di conservazione, ma anche per far comprendere agli utenti e in generale alla collettività il valore intrinseco dell Area Protetta e il valore delle sue attività, in sintesi è uno strumento per affermare il ruolo dell AMP. Le conoscenze attualmente disponibili sono il risultato di analisi non sistematiche, bensì di dati raccolti nell ambito di ricerche finalizzate ad altri scopi, come non sistematica è la raccolta di informazioni da parte di fruitori e operatori. Un aumento della conoscenza in questo campo è altresì fondamentale per definire il livello di base per valutare l evoluzione degli ambienti naturali e quanto l attività di gestione sia funzionale alla conservazione della biodiversità a partire dalle specie più significative. L attività di monitoraggio per aggiornare la conoscenza sulle specie ASPIM/ZPS è utile alla gestione dell AMP in quanto: aggiorna il valore delle aree sottoposte a protezione; fa emergere la necessità di eventuali interventi di protezione di singole specie o di aree particolari; aumenta la capacità di riconoscimento visuale delle specie sottoposte a speciale protezione. Consorzio di Gestione Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo Sede legale Via Dante Olbia (OT). Sede Operativa Via S. Giovanni Olbia (OT) C.F Tel: 0789/ Fax: 0789/ E.mail:

3 CONVENZIONE: CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE PER MONITORAGGIO ED AGGIORNAMENTO SPECIE ASPIM/ZPS SCHEDA DI INTERVENTO B4 INTERVENTI INVESTIMENTI 2008 Monitoraggio ed Aggiornamento specie ASPIM/ZPS Schede descrittive in ordine tassonomico complete di bibliografia numerata OBIETTIVO GENERALE: Valorizzazione delle risorse naturali. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO: Stesura della lista specie ASPIM delle zone A e B Scheda descrittiva di ogni singolo organismo della lista Testi a cura di: Carlo Cerrano, Federica Fava, Augusto Navone, Marco Palma, Pieraugusto Panzalis, Massimo Ponti, Monica Previati ed Egidio Trainito. Loris Galli ha revisionato le schede dell avifauna. Mappe di distribuzione a cura di: Marco Palma, Massimo Ponti su base cartografica a cura di Nando Degortes e dati AMP Tavolara e Punta Coda Cavallo. Fotografie di: Egidio Trainito. Genova, 05 novembre 2009 L Amministratore Unico di UBICA Il Responsabile Scientifico (Dr. Marco Palma) (Prof. Carlo Cerrano)

4 Sommario Introduzione... 2 Lithophyllum byssoides (Lamarck) Foslie... 6 Cystoseira amentacea (C. Agardh) Bory de Saint-Vincent... 7 Cystoseira zosteroides C. Agardh... 8 Posidonia oceanica (Linnaeus) Delile... 9 Petrobiona massiliana Vacelet & Lévi, Tethya aurantium (Pallas, 1766) e Tethya citrina Sarà & Melone, Axinella cannabina (Esper, 1794) Axinella polypoides Schmidt, Sarcotragus pipetta (Schmidt, 1868) Sarcotragus spinosulus Schmidt, Spongia (Spongia) officinalis Linnaeus, Aplysina aerophoba Nardo, 1843 e Aplysina cavernicola (Vacelet, 1959) Patella ferruginea Gmelin, Dendropoma petraeum (Monterosato, 1884) Erosaria spurca (Linnaeus, 1958) Luria lurida (Linnaeus, 1758) Charonia lampas (Linnaeus, 1758) Lithophaga lithophaga (Linnaeus, 1758) Pinna nobilis Linnaeus, Homarus gammarus (Linnaeus, 1758) Palinurus elephas (Fabricius, 1787) Scyllarides latus (Latreille, 1802) Scyllarus arctus (Linnaeus, 1758) Scyllarus pygmaeus (Bate, 1888) Maja squinado (Herbst, 1788) Ophidiaster ophidianus (Lamarck, 1816) Paracentrotus lividus (Lamarck, 1816) Centrostephanus longispinus (Philippi, 1845) Cetorhinus maximus (Gunnerus, 1765) Mobula mobular (Bonnaterre, 1788) Epinephelus marginatus (Lowe, 1834) Sciaena umbra Linnaeus, Thunnus thynnus (Linnaeus, 1758) Xiphias gladius Linnaeus, Hippocampus hippocampus (Linnaeus, 1758) Hippocampus guttulatus Cuvier, Caretta caretta (Linnaeus, 1758) Larus audouinii (Payraudeau, 1826) Calonectris diomedea (Scopoli, 1769) Puffinus yelkouan (Acerbi, 1827) Hydrobates pelagicus melitensis (Linnaeus, 1758) Falco eleonorae (Gené, 1839) Pandion haliaetus (Linnaeus, 1758) Phalacrocorax aristotelis desmarestii (Payraudeau, 1826) Tursiops truncatus (Montagu, 1821) Tabella 1. Distribuzione nazionale specie marine Tabella 2. Protezione specie Bibliografia

5 Introduzione Le schede raccolte in questo volume descrivono le specie protette ai sensi del Protocollo sulle Aree specialmente Protette e la Biodiversità in Mediterraneo (ASPIM o SPAMI, Convenzione di Barcellona del 1995), presenti all interno delle zone A e B dell Area Marina Protetta (AMP) di Tavolara e P.ta Coda Cavallo e censite nel corso di precedenti studi. Ciascuna scheda riporta il nome scientifico attualmente accettato, anche se eventualmente difforme da quello presente nelle liste di protezione, l eventuale nome comune, qualora sia di ampia diffusione, la classificazione tassonomica; seguono informazioni su morfologia, biologia ed ecologia, distribuzione geografica a livello mondiale, note sullo stato di conservazione e le principali referenze bibliografiche, scelte sia tra i testi descrittivi sia tra le più recenti pubblicazioni scientifiche inerenti la conservazione della specie. I riferimenti bibliografici sono riportati come numeri progressivi riferiti alla bibliografia completa, in ordine alfabetico per autore, riportata al termine dell opera. Ogni scheda è corredata da una mappa di distribuzione realizzata a partire dalla cartografia digitale GIS (European Datum 1950) a disposizione dell AMP su cui sono stati riportati i risultati delle precedenti indagini conoscitive (vedasi: Navone A, Trainito E Tavolara. Nature at work... Working in nature. Delfino Carlo Editore & C. snc: pp 288). Per la distribuzione della prateria di Posidonia oceanica ci si è avvalsi dei rilievi acustici (Side Scan Sonar), mentre per le altre specie marine sono stati utilizzati censimenti visivi, suddivisi in subaree quadrate di 500 m di lato. 2

6 In ciascuna scheda è riportata una tabella con la distribuzione nazionale della specie ricavata dalla checklist della flora e della fauna dei mari italiani curata dalla Società Italiana di Biologia Marina (SIBM, per conto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. In queste tabelle i numeri si riferiscono ai settori biogeografici adottati e di seguito riportati. Bianchi, C.N. (2004) Proposta di suddivisione dei mari italiani in settori biogeografici. Notiziario SIBM, 46: Mar Ligure (in senso lato), a nord di Piombino e Capo Corso, afferente al settore nordoccidentale del Mediterraneo; 2. Coste della Sardegna (e Corsica) ed alto Tirreno da Piombino a tutto il Golfo di Gaeta, afferenti alla sezione settentrionale del settore centroccidentale del Mediterraneo; 3. Tutte le coste campane, le coste tirreniche della Basilica, della Calabria e della Sicilia, nonché gran parte delle coste siciliane meridionali, afferenti alla sezione meridionale del settore centroccidentale del Mediterraneo; 4. Stretto di Messina (un microsettore a se stante, ricco di relitti atlantici pliocenici); 5. Estremità sud-orientale della Sicilia, isole Pelagie (e arcipelago maltese), afferenti al settore sudorientale del Mediterraneo; 6. Costa orientale della Sicilia (escluso Stretto di Messina), coste ioniche della Calabria e della Basilicata e porzione meridionale della penisola salentina fino ad Otranto, afferenti al settore centrorientale del Mediterraneo; 7. Coste delle Murge (a sud del Golfo di Manfredonia) e del Salento a nord di Otranto, afferenti al settore del Basso Adriatico; 8. Coste dal Golfo di Manfredonia compreso fino al promontorio del Conero, afferenti al settore del Medio Adriatico; 9. Coste dal Conero fino all Istria, costituenti il settore dell Alto Adriatico. Ogni scheda è corredata da una tabella che sintetizza il livello di protezione cui la specie è sottoposta con riferimento a leggi e convenzioni internazionali. Le sigle adottate sono le seguenti: ASPIM Berna Protocollo per l istituzione di Aree Specialmente Protette di Importanza Mediterranea (ASPIM), con lo scopo di conservare la biodiversità marina e le specie di fauna e flora Mediterranee minacciate, previsto dalla Convenzione delle Nazioni Unite per la salvaguardia del Mediterraneo, nata da un primo incontro a Barcellona nel 1975 per formare una struttura chiamata Mediterranean Action Plan (MAP, successivamente rivista nel 1995 e ratificata in Italia con la Legge 175 del 27/05/99 (G.U. n 140 suppl. ord. 116 del 17/06/99). In particolare l allegato II riporta le specie in pericolo o minacciate, mentre l allegato III elenca le specie il cui sfruttamento è regolato. Convenzione per la conservazione della vita selvatica e dei suoi biotopi in Europa, conclusa a Berna il 19 settembre 1979, ratificata dall Italia con la Legge 503 del 05/ ed entrata in vigore il 6 giugno In particolare l allegato I riporta le specie di flora rigorosamente protette, l allegato II le specie faunistiche rigorosamente protette, l allegato III le specie faunistiche protette. 3

7 Habitat Bonn CITES IUCN Caccia Uccelli Allegati della Direttiva 92/43/CEE del Consiglio della Comunità Europea relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche. In particolare l allegato 1 riporta i tipi di habitat naturali di interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di aree speciali di conservazione, l allegato 2 le specie animali e vegetali d interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione, l allegato 4 le specie animali e vegetali d interesse comunitario che richiedono una protezione rigorosa, l allegato 5 le specie animali e vegetali d interesse comunitario il cui prelievo in natura e lo sfruttamento potrebbero essere oggetto di misure di gestione. Convenzione di Bonn sulle specie migratrici CMS, è un accordo promosso dalle Nazioni Unite, per la salvaguarda delle specie in via di estinzione o in cattivo stato di conservazione, recepita dalla Comunità Europea grazie alla Direttiva 82/461/CEE del Consiglio del 24 giugno 1982 e recepita dall Italia con la Legge 42 del 25/01/983, entrata in vigore il 1 novembre L appendice 1 elenca le specie migratrici in via di estinzione e le parti contraenti si impegnano per una loro stretta protezione attraverso anche la conservazione degli habitat ed eliminando tutti i fattori di rischio, l appendice 2 riporta le specie minacciate che richiedono una cooperazione internazionale. Specie sottoposte a regolamentazioni internazionali in base alla Convenzione sul commercio internazionale delle specie vegetali ed animali in pericolo in natura (www.cites.org). L applicazione della Convenzione dipende dalla sottoscrizione dei diversi Paesi. L Italia ha aderito con la Legge 150 del 07/02/1992, la Legge 59 del 13/03/1993 e il Decreto Legge 275 del 18/05/2001. L allegato 1 riporta le specie maggiormente minacciate di estinzione e di cui è viateto il commercio e il trasporto internazionale, l allegato 2 le specie che potrebbero diventare a rischio di estinzione il cui commercio e trasporto è strettamente controllato, l allegato 3 comprende specie sottoposte a restrizioni di espertazioni in alcuni Paesi che richiedono la collaborazione delle altre nazioni per evitare lo sfruttamento non sostenibile e illegale. Iscrizione alla lista rossa delle specie minacciate secondo l Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN, e classificate come: DD: dati insufficienti LC: specie a basso rischio NT: specie prossima alla minaccia VU: specie vulnerabile EN: specie in pericolo CR: specie in grave pericolo EW: specie estinta in natura EX: specie estinta Legge 157 del 11/02/92 recante norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 46 del 25/02/1992, Suppl. Ordinario n. 41, ed entrata in vigore l 11 marzo del Direttiva 79/409/CEE del Consiglio della Comunità Europea concernente la conservazione degli uccelli selvatici. Per le specie elencate nell allegato I sono previste misure speciali di conservazione per quanto riguarda l habitat, per garantire la sopravvivenza e la riproduzione di dette specie nella loro area di distribuzione. 4

8 SPEC Classificazione dello stato di conservazione delle specie di uccelli selvatici presenti in Europa (Species of European Conservation Concern) pubblicata sul volume Birds in Europe: population estimates, trends and conservation status di BirdLife International, 2004, edita da BirdLife International (BirdLife Conservation Series No. 12), Cambridge, UK, adottato dalla Commissione Europea come testo ufficiale di riferimento. Le categorie sono le seguenti: SPEC 1: specie presente in Europa e ritenuta di interesse conservazionistico globale, in quanto classificata come gravemente minacciata, minacciata, vulnerabile prossima allo stato di minaccia, o insufficientemente conosciuta secondo i criteri della Lista Rossa IUCN; SPEC 2: specie la cui popolazione globale è concentrata in Europa, dove presenta uno stato di conservazione sfavorevole; SPEC 3: specie la cui popolazione globale non è concentrata in Europa, ma che in Europa presenta uno stato di conservazione sfavorevole; Non-SPEC E : specie la cui popolazione globale è concentrata in Europa, dove presenta uno stato di conservazione favorevole; Non-SPEC: specie la cui popolazione globale non è concentrata in Europa, dove gode di uno stato di conservazione favorevole. Categoria Specie europea di interesse conservazionistico a livello globale Status di conservazione in Europa Popolazione o areale concentrati in Europa SPEC1 Si - - SPEC2 No Sfavorevole Si SPEC3 No Sfavorevole No Non-SPEC E No Favorevole Si Non-SPEC No Favorevole No 5

9 Lithophyllum byssoides (Lamarck) Foslie Nome comune: litofillo dei marciapiedi litorali, lichene marino Plantae Rhodophyta Florideophyceae Corallinales Corallinaceae (Lithophylloideae) Il tallo appare massiccio formante cuscini emisferici con superficie grinzosa e lamellata e crosta basale saldamente incrostante il substrato, con diametro di 5-15 cm e con altezza di 1-2 cm. Presenta una colorazione rosa violaceo. Vive nell orizzonte inferiore del mesolitorale e predilige ambienti esposti al moto ondoso e poco illuminati. I cuscini emisferici possono saldarsi tra loro a formare cornici e cornicioni aggettanti larghi alcuni decimetri ed estesi per metri, che possono emergere completamente durante la bassa marea. Spesso costruisce dei bordi attorno alle formazioni organogene a vermetidi. Le formazioni fossili sottostanti alle forme viventi possono raggiungere oltre i 50 cm di spessore. È una specie perennante con frequenza riproduttiva annuale. Dimostra un affinità circumboreale ed un areale di distribuzione Mediterraneo orientato nel bacino occidentale. L importanza di questa specie deriva soprattutto dal suo ruolo ecologico come biocostruttore. La presenza di questa specie è frequente in Italia e nel Mediterraneo occidentale, ma appare in regressione nelle aree soggette a forte pressione antropica sia urbana che industriale. La specie è assente sul litorale orientale della Spagna ed è rara in tutto l Egeo, il Mare Levantino e lungo le coste africane dell Egitto e della Tunisia. Questa specie compare spesso in letteratura e nelle liste di protezione con il sinonimo Lithophyllum lichenoides. [27-29, 88] 6

10 Cystoseira amentacea (C. Agardh) Bory de Saint-Vincent Nome comune: cistoseira amentacea Plantae Heterokontophyta (o Phaeophyta) Phaeophyceae Fucales Sargassaceae (o Cystoseiraceae) Alga bruna dall aspetto raccolto, le poche ramificazioni primarie del tallo, lunghe fino a 40 cm (tra i 15 e i 20 cm nelle varietà spicata e stricta), partono da un disco basale di ancoraggio al substrato. Le ramificazioni primarie, inizialmente, si presentano corte, leggermente appiattite, provvisti di ramuli, successivamente diventano cilindriche. L apice non spinoso, né sporgente, appare arrotondato. Ramuli secondari spesso a grappoli. La varietà spicata presenta vescicole aerifere che facilitano il portamento eretto. Nella varietà spicata si osserva anche la caducità delle ramificazioni primarie durante il periodo invernale, che lasciano corti monconi proliferativi. Tallo con iridescenza verdastra, anche nelle varietà stricta, si presenta di colore olivaceo-brunastro nella varietà spicata. Frequente in substrati rocciosi nella fascia intertidale e infralitorale superiore tra 0,2 e 1 metro di profondità. Questa specie euriterma, adattata alle forti variazioni termiche giornaliere, e macrofotica, che necessita di luoghi ad elevata disponibilità di luce solare, si adatta male alle forti variazioni saline, prediligendo una continua immersione. Gli ambienti esposti a moto ondoso frequente ed intenso sono ideali alla crescita di densi popolamenti di questa alga strutturante la biocenosi della frangia infralitorale. È una specie perenne con una vita decennale. Presenta due cicli riproduttivi annui, nel periodo primaverile e autunnale, quando si assiste ad una ripresa vegetativa con fruttificazione. È specie endemica del Mediterraneo, la varietà spicata è maggiormente diffusa nel settore orientale, mentre la varietà stricta in quello occidentale. Questa specie è particolarmente sensibile alle acque dissalate ed inquinate da reflui urbani. La sua presenza lungo le coste Mediterranee è strettamente condizionata dalla pressione antropica locale. L urbanizzazione delle coste, l industrializzazione, l agricoltura e la zootecnica intensiva sembrano rappresentare i fattori di maggiore responsabilità della rarefazione di questa specie lungo le coste rocciose. [2, 76, 77, 88, 89] 7

11 Cystoseira zosteroides C. Agardh Plantae Heterokontophyta (o Phaeophyta) Phaeophyceae Fucales Sargassaceae (o Cystoseiraceae) Tallo formato da un unico asse principale (monopodiale) di forma cilindrica con apice prominente e liscio, alto circa 30 cm, con fronda leggermente iridescente fornita di rami gracili e flessibili. Le ramificazioni primarie sono cilindriche, quelle secondarie sono appiattite o laminari con terminazioni spiniformi. Non sono presenti aereocisti. Le cripte pilifere si trovano sui rami e sui loro ramuli impiantati su un cauloide singolo. Alle base, come organi perennanti, sono presenti dei tofuli lisci. Sono strutture di riserva, simili ad olive, da cui originano i nuovi rami durante il periodo vegetativo. Frequente su substrati rocciosi, è una specie molto sensibile a variazioni di temperatura ed ha un optimum termico tra i 14 e i 15 C, per questo prolifera a profondità maggiori di quelle raggiunte dal termoclino estivo. Necessita inoltre di aree esposte con correnti costanti unidirezionali. Cystoseira zosteroides è una specie pluriennale e presenta due cicli riproduttivi annui, nel periodo estivo e autunnale. Questa specie endemica del Mediterraneo è nel tipica del circalitorale roccioso di tutto il bacino ma può trovarsi anche nell infralitorale (15-20m). Le attività antropiche che direttamente colpiscono l integrità dei popolamenti del coralligeno, come ancoraggio, pesca professionale e non, portano alla scomparsa dell habitat idoneo alla crescita di questa alga. Indirettamente attività antropiche come la cementificazione dei corsi d acqua e delle coste, la pressione industriale e agricola, inducono una diminuzione nell irradianza e un alterazione dei tassi di sedimentazione a carico delle comunità bentoniche imponendo profonde modificazioni agli equilibri ecologici. Variazioni della profondità di termoclino condizionano profondamente le comunità bentoniche del circalitorale. Un aumento della temperatura nel circalitorale impedisce i naturali fenomeni di risalita di acque profonde (upwelling) portatrici di nutrienti a sostentamento delle comunità superficiali. La specie è in regressione soprattutto nelle zone in cui si sono verificati episodi di abbassamento del termoclino estivo e riscaldamento delle acque tra i 15 e 40 metri di profondità, zone spesso colpite da fenomeni di moria di massa. [2, 8, 76, 77, 89, 163] 8

12 Posidonia oceanica (Linnaeus) Delile Nome comune: posidonia Divisione Vegetale Magnoliophyta Liliopsida (o Monocotyledones) Alismatales (o Najadales) Posidoniaceae Pianta caratterizzata da foglie nastriformi organizzate in ciuffi da 5 a 8, larghe circa 1 cm e lunghe in media 50 cm ma in grado di superare anche il metro di altezza, con venature longitudinali a decorso parallelo. Le foglie originano da un fusto modificato detto rizoma da cui si dipartono anche delle radici che ancorano la pianta al substrato. Il rizoma può svilupparsi parallelamente o verticalmente al substrato, nel primo caso si parla di rizoma plagiotropo nel secondo di rizoma ortotropo. Il suo sviluppo verticale (in media 1 m al secolo) origina le tipiche formazioni a terrazzo dette mattes. Un carattere distintivo è la presenza di scaglie alla base delle foglie che presentano uno spessore variabile in funzione del ciclo stagionale di crescita della pianta e che restano attaccate al rizoma anche dopo la caduta autunnale delle foglie. Forma dense praterie prevalentemente su substrati mobili ma occasionalmente anche su roccia, dalla superficie fino oltre 40 m di profondità, in relazione alla limpidezza delle acque. Sopporta ampie variazioni di temperatura, dai 10 ai 28 C circa, mentre il suo sviluppo è limitato dalla quantità di luce disponibile e dalla salinità, infatti, è poco diffusa in acque torbide e nelle lagune o in prossimità delle foci dei fiumi. Pianta perennante e secolare che si riproduce sia vegetativamente sia sessualmente. L asse fiorale porta da 1 a 4 spighe, ognuna con 3 fiori ermafroditi. Dal fiore fecondato si originano i frutti detti olive di mare che maturando passano dal colore verde al rosso al bruno sviluppando nel pericarpo dei prodotti oleosi che ne favoriscono il galleggiamento e quindi la dispersione. Una volta in superficie il frutto termina la maturazione con l idrolisi delle sostanze oleose da parte di proteine specifiche che portano all apertura della buccia. I semi cadono sul fondo e se trovano il substrato idoneo germinano. Fiorisce in autunno, matura in inverno e germina in primavera. Le praterie ossigenano le acque costiere, creano una biocenosi peculiare e stabile che ospita una grande quantità di esseri viventi e rappresentano, grazie sia al compatto strato fogliare sia all accumulo invernale di foglie sulle battige, un efficace ostacolo all azione erosiva delle onde. Specie endemica del Mediterraneo la cui distribuzione è limitata alle coste di questo bacino. Le altre specie del genere Posidonia sono endemiche dell Australia e la loro origine comune avvalora la teoria della deriva dei continenti e dell esistenza del mare primordiale Tetide. È particolarmente sensibile all apporto di inquinanti, sedimento fangoso e acque dolci molto spesso legate all industrializzazione e urbanizzazione delle zone costiere (per esempio in prossimità di scarichi fognari) ma anche agli impatti meccanici legati agli ancoraggi dei natanti, alla pesca a strascico o scavi dovuti alla costruzione di opere a mare. Tali impatti innescano dei graduali ma irreversibili processi di frammentazione che determinano una forte rarefazione delle praterie, influenzando negativamente la loro resilienza. La regressione delle praterie è stata documentata in molte aree. La sua gestione e conservazione risulta particolarmente importante non solo per il suo 9

13 ruolo nella strutturazione e nei processi ecologici degli ecosistemi costieri ma anche per la prevenzione e riduzione dell erosione della fascia costiera. [11, 18, 36, 38, 43, 46, 62, 74, 75, 78, 83, 87, 97, 101, 110, 115, 125] 10

14 Petrobiona massiliana Vacelet & Lévi, 1958 Sottoclasse Porifera Calcarea Calcaronea Lithonida Petrobionidae Come avviene spesso nei poriferi anche questa specie presenta una marcata plasticità morfologica in relazione soprattutto al livello di idrodinamismo. Vive tipicamente in grotta dove cresce in forma incrostante (5-6 cm di diametro) in caso di correnti elevate o massiva (1 cm di diametro) in acque calme. La consistenza è dura ed il colore bianco. La superficie è ruvida e gli osculi, che sono talvolta visibili negli esemplari massivi, hanno un diametro sul mezzo mm. La parte viva della spugna è molto sottile, circa mezzo mm di spessore, ed è posta alla periferia di uno scheletro calcareo indiviso composto da una massa di calcite contenente spicole. Il coanosoma leuconoide (parte viva) si collega a questo scheletro basale mediante sottili cordoni cellulari. Spicolazione complessa, comprendente diversi tipi di triactine, tra cui riconoscibili quelle a forma di diapason, tetractine e microdiactine rugose. Vive su substrati rocciosi all interno di grotte. Specie endemica del Mediterraneo, non presente nella parte più occidentale del bacino. La si può incontrare all ingresso delle grotte oscure, ma gli scheletri sono stati trovati in una grotta di Creta, emersa da 1500 anni e in depositi pleistocenici dell Italia meridionale risalenti a anni fa. È una specie che ha grande importanza per ricostruire l evoluzione delle spugne calcaree e la storia del Mediterraneo. Non è facile da individuare e per conservarla è necessario proteggerne il suo habitat. [23, 172, 173, 175] 11

15 Tethya aurantium (Pallas, 1766) e Tethya citrina Sarà & Melone, 1965 Sottoclasse Porifera Demospongiae Homoscleromorpha Hadromerida Tethydae Spugne massive di forma sferica o subsferica, distinguibili tra loro solo analizzando le spicole al microscopio anche se la colorazione è in genere arancione per T aurantium e gialla per T. citrina. La superficie presenta tubercoli arrotondati e appiattiti che conferiscono un aspetto verrucoso. Consistenza moderatamente dura ma elastica. Si contraggono se disturbate. Presenti su fondali rocciosi, detritici, sabbiosi e tra i rizomi di Posidonia oceanica, dall intertidale fino a oltre 900 m di profondità. La riproduzione sessuata è estiva. Quella asessuata, tramite gemme (piccole spugne che si sviluppano sulla superficie), è stata osservata in autunno-inverno in Sicilia e febbraio-marzo lungo le coste spagnole, presso lo Stretto di Gibilterra. Tethya citrina è ritenuta endemica del Mediterraneo, mentre T. aurantium ha una distribuzione più ampia: Mar Mediterraneo (Golfo del Leone, Mar Ligure, Mar Tirreno, Mar Adriatico meridionale e settentrionale, Catalogna e Isole Baleari, Mare di Alboran, Bacino dell Algeria, Tunisia, Malta, sudovest della Sicilia, Mar Ionio, Bacino di levante di Cipro ed Egitto) e Oceano Atlantico (costa nord Africa e Azzorre). Specie ritenute poco comuni anche se localmente abbondanti. La distribuzione delle due specie è poco nota anche per la difficoltà di distinguerle tra loro. [13, 14, 145, 175] 12

16 Axinella cannabina (Esper, 1794) Porifera Demospongiae Halichondrida Axinellidae Specie arborescente di colore giallo arancio con superficie irregolare che può raggiungere 1 m di altezza. È caratterizzata da ramificazioni molto lunghe di diametro cm che tendono ad essere schiacciate, sulle quali si sviluppano numerose protuberanze laterali irregolari caratterizzate dalla presenza degli osculi. Si sviluppa su substrati rocciosi dai 10 m fino a oltre 100 m di profondità dove riesce a crescere bene anche su pareti verticali. Le diverse specie di questo genere si trovano spesso associate allo zoantideo Parazoanthus axinellae. È una specie termofila, cioè che predilige temperature calde. Spesso è possibile osservare il nudibranco Phyllidia flava che si nutre dei suoi tessuti. Specie endemica del Mediterraneo meridionale, molto rara nella parte più settentrionale del bacino. Come tutte le specie erette può essere danneggiata dalle lenze, dalle reti da pesca e dal passaggio di turisti subacquei. Anche la raccolta indiscriminata e ingiustificata costituisce un pericolo per la conservazione di questa specie. [4, 36, 136, 148, 164, 175] 13

17 Axinella polypoides Schmidt, 1862 Porifera Demospongiae Halichondrida Axinellidae Specie arborescente di colore giallo-arancione alta fino a cm. Le ramificazioni, a sezione circolare o ovoidale con diametro di 1-2 cm, hanno crescita dicotomica e osculi a forma di stella distribuiti uniformemente. Superficie liscia, consistenza compatta ma abbastanza elastica. Vive su substrati rocciosi o mobili dai 25 metri fino oltre 300 m, predilige substrati orizzontali o pareti leggermente verticali alla base delle falesie. È una specie che sopporta bene ambienti caratterizzati da un elevato tasso di sedimentazione. Mar Mediterraneo nord-occidentale e Atlantico nord-orientale. Essendo una specie eretta riveste, così come A. cannabina o come ad esempio le gorgonie, un importante ruolo strutturante le comunità bentoniche. Può facilmente subire danni di tipo meccanico legati all utilizzo di attrezzi da pesca o all ancoraggio delle imbarcazioni, inoltre il suo sviluppo è legato ad un habitat molto circoscritto, per questi motivi la sua protezione risulta particolarmente importante. [148, 165, 175] 14

18 Sarcotragus pipetta (Schmidt, 1868) Porifera Demospongiae Dictyoceratida Irciniidae Specie di colore grigio chiaro con occasionali screziature violacee quando parzialmente esposta alla luce. Caratterizzata da diversi conuli di 6-8 cm di altezza e 3-5 cm di diametro basale. Questi conuli sono uniti alla base in numero da 3 a 10 da un cuscinetto comune e sormontati ognuno da un singolo osculo. Lo scheletro è formato da un intreccio di fibre che presentano al loro interno inclusi minerali quali granuli di sabbia e frammenti di spicole. Predilige i substrati in prossimità dell ingresso di grotte marine sommerse, mentre si sviluppa in maniera sporadica su altri substrati rocciosi. Specie endemica del Mar Mediterraneo. Specie minacciata dall impatto antropico ma di cui mancano informazioni adeguate sulla reale distribuzione. Questa specie compare spesso in letteratura e nelle liste di protezione con il sinonimo Ircinia pipetta. [133, 147, 175, 181] 15

19 Sarcotragus spinosulus Schmidt, 1862 Porifera Demospongiae Dictyoceratida Irciniidae È una spugna di forma massiva-globosa, spesso appiattita superiormente, di colorazione variabile dal grigio al nero con la parte interna fibrosa e biancastra. Superficie irregolare coperta di tanti piccoli conuli arrotondati, alti 1-2 mm, e diversi osculi sparsi in maniera irregolare. Consistenza compressibile, abbastanza elastica, rugosa al tatto. Il sistema acquifero interno è caratterizzato da canali molto voluminosi. Può raggiungere dimensioni ragguardevoli, con diametri di che possono arrivare anche a cm. Essendo quasi sempre ricoperte da epibionti possono essere scambiate per vere e proprie rocce. Solo appoggiandosi inavvertitamente ci si rende conto della consistenza elastica. È una specie che predilige i substrati rocciosi e si sviluppa dalla superficie fino a circa 300 m di profondità, anche se è più comune tra 10 e 50 m. il grande volume del sistema acquifero rende questa specie un rifugio ottimale per numerose specie che possono attraversare al suo interno l intero ciclo vitale (es. policheti, crostacei e bivalvi) o parte di esso. La sua biologia è abbastanza sconosciuta, l unica informazione disponibile è l osservazione di esemplari con larve in ottobre e novembre lungo le coste spagnole. Mar Mediterraneo (Golfo del Leone, Mar Ligure, Mar Tirreno, Mar Adriatico, Catalogna e Isole Baleari, Tunisia, Malta, sud-ovest della Sicilia, Mar Ionio e Mar Egeo). Mancano adeguate informazioni sulla sua diffusione e possibili minacce. Questa specie compare spesso in letteratura e nelle liste di protezione con il nome Ircinia foetida. [13, 14, 33, 171, 175] 16

20 Spongia (Spongia) officinalis Linnaeus, 1759 Nome comune: spugna da bagno Porifera Demospongiae Dictyoceratida Spongidae Spugna di forma massiva irregolare, raramente incrostante, caratterizzata da una superficie ricoperta da piccoli conuli regolari e talvolta da rilievi conici che portano alla loro estremità gli osculi. Le dimensioni possono raggiungere nelle forme massive diametri di circa 40 cm. La consistenza è molto elastica, la colorazione varia dal bianco al nero in funzione dell illuminazione, gli esemplari esposti alla luce sono più scuri di quelli che vivono al buio; l interno è color ruggine o biancastro. Lo scheletro è costituito da un intreccio di fibre di spongina. Si sviluppa su substrati rocciosi dalla superficie fino oltre 40 m di profondità. Lungo le coste pugliesi è stato studiato il ciclo riproduttivo che avviene con la liberazione di larve nei mesi di giugno e luglio. Mar Mediterraneo (Mar Ligure, Mar Tirreno, Mar Adriatico, Catalogna e Isole Baleari, di Alboran, Bacino dell Algeria, Tunisia, Malta, sud-ovest della Sicilia, Mar Ionio, Mar Egeo, Cipro e coste dell Egitto), Oceano Atlantico (Penisola Iberica, Mar Baltico: Scandinavia). Questa specie ha subito negli anni una notevole riduzione essendo stata oggetto di pesca eccessiva ma anche di varie epidemie, la più recente verificatasi nell Agosto-Settembre 1999 che ha interessato circa il 90% degli esemplari appartenenti ai banchi spongiferi di Liguria, Toscana, Corsica e Sardegna. Attualmente la pesca è regolamentata e vietata in molte aree. [13, 36, 44, 111, 131, 132, 148, 171, 175, 180] 17

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Stato attuale delle biocenosi marine nel primo seno del Mar Piccolo e considerazioni in merito alle eventuali operazioni di bonifica

Stato attuale delle biocenosi marine nel primo seno del Mar Piccolo e considerazioni in merito alle eventuali operazioni di bonifica WWF Taranto Onlus c.f.90180210735 iscrizione R. Reg. n 1341 c/o Fabio Millarte via Campania 37 74121 Taranto Tel: 3931617701 Fax: 0999942911 e-mail: taranto@wwf.it sito: www.wwftaranto.it Stato attuale

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

RELAZIONE FINALE II STRALCIO

RELAZIONE FINALE II STRALCIO Valorizzazione e gestione della zona a tutela biologica delle Tegnue di Chioggia L.R. 15/2007 RELAZIONE FINALE II STRALCIO 2011-2012 Il Presidente Piero Mescalchin PREMESSA La presente Relazione finale

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com Manuale sull illuminazione UV La corretta illuminazione dei terrari è importante per il benessere degli animali da terrario e per il successo dell allevamento. In ciò rivestono particolare importanza determinate

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

I LICHENI. Loro presenza nel giardino della nostra scuola. Scuola secondaria di primo grado di Sedegliano

I LICHENI. Loro presenza nel giardino della nostra scuola. Scuola secondaria di primo grado di Sedegliano I LICHENI Loro presenza nel giardino della nostra scuola Scuola secondaria di primo grado di Sedegliano Anno scolastico 2008/2009 Presentazione I licheni, organismi vegetali risultanti dalla simbiosi tra

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli