DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art. 5)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art. 5)"

Transcript

1 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art. 5) SCUOLA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE SANDRO PERTINI Indirizzo: Via G. Puccini, 27 - Camposampiero (PD) Tel. 049/ CLASSE 5C SIA Anno Scolastico 2014/2015 Coordinatore di classe : Prof.ssa Raffaella Dragoni 1. Presentazione sintetica della classe: a) Storia del triennio della classe b) Continuità didattica nel triennio c) Situazione di partenza della classe nell anno scolastico in corso La classe 5C SIA segue l indirizzo Sistemi Informativi Aziendali ed è composta di 15 studenti, di cui dieci ragazzi e cinque ragazze. Elenco studenti della classe: 1. Boscaro Mattia 2. Brugnaro Viviana 3. Cascella Rossella 4. Cavinato Alberto 5. Cinetto Michele 6. Dengo Alberto 7. Fantinato Caterina 8. Fantinato Michael 9. Mamprin Matteo 10. Menegatti Dylan 11. Neagu Iolanda Roberta 12. Trinco Enrico 13. Tusa Vasile 14. Zago Mirco 15. Zanon Ilaria a) Storia del triennio della classe La classe si è formata come 3C SIA nell a.s.2012/2013 ed era allora composta di 18 alunni, tutti provenienti dalle classi Seconde di questo Istituto tranne uno, ripetente di Terza Mercurio. Alla fine della Terza la classe ha perso quattro alunni, non ammessi alla Quarta. Nel successivo a.s. 2013/2014 il numero degli alunni è quindi passato a 14. Alla fine della classe Quarta tutti i 14 alunni sono stati ammessi alla Quinta. All inizio del corrente a.s. è stato inserito un alunno ripetente di classe 5 Mercurio, portando il numero degli studenti ai 15 attuali. b) Continuità didattica nel triennio Gli attuali docenti di Italiano, Matematica, Inglese, Diritto, Economia Pubblica, Economia Aziendale Laboratorio di Informatica e Religione Cattolica sono presenti fin dalla classe Terza. In Storia la classe ha sempre avuto il medesimo docente - lo stesso di Italiano - fino al mese di febbraio 2015 quando, causa riduzione d orario del docente titolare, è subentrato altro insegnante. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 1 di 48

2 Per Informatica e per Scienze Motorie e Sportive vi è stata discontinuità dalla classe Quarta alla Quinta. Anche relativamente ai docenti di sostegno si è avuta un certa discontinuità, in quanto si sono alternati nel corso del triennio cinque insegnanti diversi. Docenti commissari all esame di stato individuati nella riunione del consiglio di classe nella sola componente docenti del 05/02/ 2015:E. Di Rauso, S. Bosco, D. Corazza. c) Situazione di partenza della classe nell anno scolastico in corso La situazione in ingresso come sintetizzato nel documento di programmazione del consiglio di classe sulla base degli esiti degli scrutini finali dell a.s. 2013/2014 presentava una classe di livello medio, con alcuni studenti collocati sul livello medio-alto o alto. Tutti gli alunni provenienti dalla classe quarta sono stati ammessi alla classe quinta allo scrutinio di giugno, avendo riportato un giudizio positivo in tutte le discipline (uno ha avuto l aiuto in Matematica). VALUTAZIONI RIPORTATE AGLI SCRUTINI FINALI A. S. 2013/2014 (riferita ai 14 studenti ammessi alla classe Quinta) MATERIE LIVELLO ALTO LIVELLO MEDIO LIVELLO SUFFICIENTE (VOTI ) (VOTO 7) (VOTO 6) Italiano Storia Inglese Matematica (di cui 1 aiuto) Informatica Economia Aziendale Diritto Economia Politica Scienze Motorie Obiettivi generali (educativi e formativi):capacità trasversali: relazionali, comportamentali, cognitive Facendo riferimento agli obiettivi trasversali fissati dal consiglio di classe in sede di programmazione e monitorati nel corso dell anno, si possono dare mediamente le seguenti valutazioni. Obiettivi Comportamentali 1 Sviluppare l interesse verso problemi e tematiche di attualità, effettuando una riflessione critica autonoma. 2 Saper organizzare e gestire il proprio lavoro scolastico in maniera autonoma e responsabile, tenendo conto dei tempi e risorse disponibili e del proprio stile di apprendimento. 3 Saper lavorare in team con attitudine propositiva e collaborativa, perseguendo la disponibilità al confronto, il rispetto degli altri e la valorizzazione delle differenze. 4 Consolidare le corrette modalità di interazione: saper intervenire in modo pertinente e appropriato, con linguaggio adeguato. 5 Avere un comportamento corretto e rispettoso nei confronti di compagni, docenti, personale, ambienti scolastici. 6 Saper riflettere criticamente sul proprio lavoro, riconoscendo le proprie qualità e limiti, anche in vista delle future scelte di studio o lavoro. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 2 di 48

3 Obiettivi Cognitivi 1 Saper analizzare un sistema complesso, individuandone elementi, ruoli, relazioni, interazioni 2 Consolidare la capacità di comprensione, analisi, rielaborazione, di un testo. 3 Saper sintetizzare e commentare testi, dati, documenti. 4 Saper argomentare per motivare le proprie affermazioni e le proprie scelte. 5 Saper collegare argomenti di una stessa disciplina studiati in momenti diversi e argomenti affrontati in discipline diverse. 6 Saper rapportare le conoscenze e competenze acquisite con la realtà esterna, sviluppando capacità rielaborative e critiche. 7 Saper utilizzare i linguaggi specifici settoriali per esprimersi in modo efficace e interagire adeguatamente nei vari contesti. Gli obiettivi si possono ritenere nel complesso pienamente raggiunti.la classe ha acquisito un buon livello di socializzazione e ha avuto un comportamento corretto,sia reciprocamente che nei confronti degli insegnanti. Gli studenti hanno frequentato le lezioni regolarmente, hanno dimostrato interesse per le attività in classe e quelle extracurricolari e partecipazione costante, spesso propositiva, con interventi che si sono fatti più pertinenti e ordinati, specie nell ultimo anno di corso. Nelle attività di gruppo l atteggiamento è stato di collaborazione e rispetto degli altri.tutti gli studenti hanno progredito nel loro grado di autonomia nello studio, la maggioranza è stata in grado di organizzare il proprio lavoro in maniera autonoma, cercando di programmare le attività e studiando con continuità, anche se per qualcuno l impegno e l approfondimento non sono stati sempre adeguati. Qualche incertezzasi manifesta ancora nella capacità di argomentazione, di riflessione critica edi autovalutazione dei processi cognitivi.in alcuni casi si rilevano incertezze nell esposizione orale, attribuibili all emotività o a competenze linguistiche e a tecniche argomentative non sempre adeguate. 3. Conoscenze, competenze e capacità: Per quanto riguarda le conoscenze, la maggior parte della classe - con le ovvie differenziazioni - si colloca a un livello più che sufficiente, per alcuni studentiil livello raggiunto è buono o ottimo.i risultati osservabili al momento attuale evidenziano però per alcuni studenti il permanere di difficoltà, concentrate soprattutto nell area tecnico-scientifica. Le competenze si rivelano piuttosto differenziate. Buona parte della classe sa applicare le conoscenze secondo schemi noti e gestire situazioni conosciute. Un gruppo sa analizzare e applicare le conoscenze in modo adeguato, talvolta autonomo, anche in situazioni relativamente più complesse. Alcuni studenti evidenziano qualche difficoltà, spesso dovute a mancanza di continuità nello studio, insufficiente rielaborazione delle conoscenze, talvolta a difficoltà di approccio ad alcune parti dei programmi delle varie discipline. Relativamente alle capacità, un ristretto gruppo di studenti è in grado di gestire autonomamente situazioni complesse o nuove, individuando percorsi originali ed esprimendo valutazioni critiche personali. Nell ambito delle singole discipline è prevista una scheda per ogni disciplina. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 3 di 48

4 Nell ambito pluridisciplinare è prevista una scheda per ogni attività. 4. Attività extra, para, interculturali: a. Educazione alla salute - Incontro con Associazione ADMO 22/11/ Incontro sul Primo soccorso e BLSD 21/01/ Incontro con associazione AVIS 6/2/2015 b. Educazione alla cittadinanza attiva - Incontro sulle regole in videoconferenza con G. Colombo a Padova teatro MPX 7/11/ Lezione interattiva a cura di ETRA su fonti energetiche e risparmio energetico 23/1/2015 c. Ampliamento dell offerta formativa / approfondimenti disciplinari - Workshop di formazione esperienziale al Cubo Rosso, Padova, a Forema30/10/ Partecipazione a Cre-attivi, evento serale dell Autunno Camposampierese 30/10/2014 (la classe ha presentato il progetto vincitore di Luci sull impresa 2013/14) - Incontro con la banca Unicredit a scuola 12/11/ Spettacolo Pop Economix educazione finanziaria a teatro 3/2/ Rappresentazione teatrale Sei personaggi in cerca d autore a Padova 10/2/ Attività di potenziamento lingua inglese con stagista progetto EduChange (gen-feb 2015) - Prove tecniche di impresa: incontro in classe con gli imprenditori 19/3/ Visita alla Cassa di Risparmio del Veneto di Camposampiero 16 / 04 / Adesione al progetto Il quotidiano in classe d. Uscite e viaggio di istruzione - Viaggio d istruzione a Barcellona / 03 / Uscita a Valle San Liberale malga Archeset1/4/2015 e. Attività di orientamento in uscita - Partecipazione alla giornata di orientamento dell università di Padova, Agripolis 13/2/ Attività di orientamento in videoconferenza con l università di Padova, venerdì 27/2 / 2015 f. Attività di stage in azienda Dodici studenti su quindici hanno partecipato a stages estivi presso aziende o enti locali alla fine della classe Terza e/o della classe Quarta, per un periodo di 4 settimane. Alcuni altri hanno Documento consiglio di classe 5C-Pagina 4 di 48

5 partecipato a stage più brevi, di 2 settimane, svolti nel Gennaio 2014 nell ambito delle attività di valorizzazione delle eccellenze. Tutte le esperienze hanno avuto esito positivo e il giudizio delle aziende ed enti coinvolti è stato buono, in alcuni casi ottimo. g. Altre attività - In Quarta la classe ha partecipato al concorso Luci sull impresa a cura di Confindustria Padova, il progetto presentato ha vinto il primo premio. - Otto studenti della classe hanno partecipato al progetto FSE di alternanza scuola-lavoro Fare impresa a scuola, iniziato in classe quarta e concluso in Quinta, articolato in lezioni teorico-pratiche e attività di stage. - Durante il triennio nove studenti hanno conseguito la European Computer Driving Licence (ECDL) e due studentesse la certificazione PET B1. 5. Criteri e strumenti della misurazione e della valutazione (indicatori e descrittori adottati per la formulazione di giudizi e/o per l attribuzione di voti) approvati dal collegio dei docenti del 12 Gennaio 2010 Per quanto riguarda la misurazione dei livelli di apprendimento si allega la scala di valutazione approvata dal collegio dei docenti del 12 Gennaio Per una descrizione più dettagliata degli strumenti usati per la misurazione (interrogazioni, temi e problemi, prove strutturate e semi-strutturate, questionari, relazioni, esercizi) si rimanda alle relazioni dei singoli docenti. VOTO GIUDIZIO SINTETICO Lo studente evidenzia pesanti lacune di base, un certo disorientamento di tipo logico e metodologico, 1-3 gravi carenze nella conoscenza degli argomenti svolti che non gli consentono di progredire nell apprendimento, accompagnati da un manifesto disinteresse per lo studio. Lo studente ha poche conoscenze della disciplina che non sa utilizzare e se le utilizza lo fa in modo non 4 appropriato e spesso scorretto. Dimostra grandi difficoltà nella comprensione del testo proposto. Si esprime in modo poco coeso, non coerente e con un lessico spesso inadeguato. Lo studente possiede conoscenze molto incerte e non sempre corrette. Le usa in modo superficiale e, a 5 volte, non pertinente. Si esprime non sempre in modo coeso e coerente e usa il linguaggio specifico della disciplina in maniera poco adeguata. 6 Lo studente conosce gli elementi basilari ed essenziali della disciplina e li applica in modo accettabile. Si esprime in modo semplice ma coerente anche se il lessico utilizzato non è sempre adeguato. Lo studente conosce gli elementi essenziali della disciplina e attua collegamenti pertinenti all interno degli 7 argomenti della stessa. Utilizza il linguaggio specifico in maniera corretta e si esprime con precisione e chiarezza. Lo studente possiede una conoscenza approfondita degli elementi essenziali della disciplina, si orienta con 8 un certa disinvoltura tra i contenuti della stessa riuscendo ad effettuare con agilità collegamenti anche interdisciplinari. Si esprime in modo corretto ed efficace. Lo studente conosce la disciplina nei suoi molteplici aspetti, sa effettuare collegamenti significativi 9 disciplinari e interdisciplinari; dimostra padronanza della terminologia specifica ed espone sempre in modo coerente ed appropriato. Lo studente conosce in modo sicuro la disciplina, è in grado di costruire autonomamente un percorso 10 critico, attraverso nessi o relazioni tra aree tematiche diverse. Usa il linguaggio specifico in modo rigoroso e si esprime in modo personale con ricchezza lessicale. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 5 di 48

6 Si rammenta che: Questo documento, con tutti i suoi allegati, va redatto entro il 15 maggio, dal Consiglio di classe nella sua collegialità. Il Ministero prevede, pertanto, sostanzialmente concluso lo sviluppo del programma entro questa data. Il rimanente periodo dovrebbe essere dedicato a ripassi, approfondimenti, verifiche e simulazioni delle tipologie e delle prove d esame. Le schede All. A vanno compilate individualmente dai singoli docenti e sostituiscono le vecchie relazioni di fine anno sul programma svolto e sugli obiettivi conseguiti. Su quanto indicato in queste schede verterà il colloquio d esame. Le schede All. B vanno compilate dai docenti coinvolti nelle singole attività pluridisciplinari. Attraverso la formulazione di più attività di questo tipo andrebbero coinvolte tutte le discipline. Le schede All. B costituiscono il punto di partenza vincolante per la commissione al fine della formulazione della terza prova scritta e della conduzione del colloquio. Questo documento con tutti i suoi allegati è vincolante anche per i candidati esterni. Entro il 16 maggio, giorno seguente al termine della presentazione del documento, lo stesso va affisso all albo e. successivamente, consegnato in copia individuale a tutti i candidati (allievi interni ed esterni). Le operazioni di valutazione ufficiale (sia dei candidati interni che degli esterni) e le attribuzioni dei crediti scolastici avvengono in data successiva alla stesura di questo documento: 1. Nel mese di maggio (comunque prima del termine delle lezioni) si svolge l esame preliminare dei candidati esterni; 2. Alla fine delle lezioni si svolge lo scrutinio per l attribuzione dei crediti scolastici ai candidati interni; Camposampiero, il 12/05/2015 FIRMA del COORDINATORE (prof.ssa Raffaella Dragoni) Timbro della Scuola FIRMA del PRESIDE Il Dirigente Scolastico (Nadia Vidale) Documento consiglio di classe 5C-Pagina 6 di 48

7 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Materia ITALIANO Classe 5 C A. S. 2014/2015 In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di CONOSCENZE: Le principali fasi della letteratura italiana della seconda metà dell Ottocento e della prima metà del Novecento. Le principali caratteristiche dei generi letterari e dei modi della loro evoluzione, biografia, opere, poetica, stile dei singoli autori trattati. Le tipologie testuali previste dall Esame di Stato (Analisi del testo, Saggio breve o articolo di giornale, tema di argomento storico, tema di ordine generale) COMPETENZE: Collocare nel tempo e nello spazio Orientarsi tra testi e autori Stabilire collegamenti e confronti Individuare prospettive interculturali Comprendere e interpretare un testo Argomentare il proprio punto di vista Cogliere ed esporre i nessi essenziali di un testo con l opera complessiva di un autore, con le correnti e le poetiche Gli alunni sono in grado di inserire autori e testi nel contesto storico-culturale. Alcuni sanno anche cogliere collegamenti fra testo e contesto in modo autonomo e hanno dimostrato capacità di rielaborare le conoscenze in modo personale e con una certa originalità. CAPACITA : Partecipare ad una discussione intervenendo in modo chiaro, pertinente, argomentato Progettare varie tipologie di testi secondo le intenzioni e la situazione comunicativa Elaborare testi scritti pertinenti alla traccia, coerenti, coesi, corretti dal punto di vista morfosintattico e lessicale Situazione della classe: La classe si presenta come un gruppo omogeneo per quanto riguarda la situazione di partenza e i risultati conseguiti. In riferimento a partecipazione e interesse tutti gli studenti hanno dimostrato una evoluzione positiva aderendo alle attività proposte in modo adeguato. Nella produzione orale si è cercato di potenziare le capacità di comunicazione e di collegamento, ma soprattutto la proprietà lessicale. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 7 di 48

8 Mentre una buona parte della classe dimostra un acquisizione sicura delle competenze e buone capacità nelle riflessioni e argomentazioni personali, alcuni studenti rivelano ancora incertezze nelle tecniche compositive della produzione scritta e un esposizione orale legata al libro di testo. CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER: Unità didattiche e/o Moduli e/o Percorsi formativi ed Eventuali approfondimenti U. D. Modulo Percorso Formativo approfondimento Periodo / ore Il Naturalismo e Verismo Il contesto storico: la seconda metà dell'ottocento La società di massa Positivismo, Naturalismo, Verismo La crisi del razionalismo e la cultura del primo Novecento L'idea del progresso L'evoluzionismo di Darwin Il genere del romanzo La poetica naturalista Autori del Naturalismo: Flaubert, Zola La poetica verista Autori del Verismo: Capuana Giovanni Verga La vita di Verga nel suo tempo La poetica e lo stile Vita dei campi: La lupa Novelle rusticane I Malavoglia: brani: La fiumana del progresso ; la famiglia Toscano; le novità del progresso viste da Aci Trezza; l addio alla casa del nespolo Mastro-Don Gesualdo: brano: la morte di Gesualdo Il Decadentismo Prosa e poesia del Decadentismo Poeti simbolisti: Baudelaire (poesie: corrispondenze; Spleen); Verlaine (poesia: Languore); Rimbaud (poesia: vocali) Oscar Wilde: Il ritratto di Dorian Gray (brano: la rivelazione della bellezza) Romanzieri decadenti: Gabriele D'Annunzio D Annunzio: vita, opere, poetica D Annunzio: Il piacere: brano: il ritratto dell esteta D Annunzio: Le vergini delle rocce: brano: il programma del superuomo D Annunzio: Alcyone: poesia: la pioggia nel pineto D Annunzio: Notturno: brano: imparo un arte nuova Giovanni Pascoli La vita di Pascoli nel suo tempo La poetica e lo stile Il fanciullino Myricae: poesie: Arano; Novembre; Il lampo; Il tuono; X agosto Canti di Castelvecchio: poesia: La mia sera Settembre 5 ore Ottobre 9 ore Ottobre novembre 11 ore Dicembre febbraio 12 ore Documento consiglio di classe 5C-Pagina 8 di 48

9 Luigi Pirandello La vita di Pirandello nel suo tempo La poetica e lo stile L'umorismo Novelle per un anno: novelle: Il treno ha fischiato; La patente Il fu Mattia Pascal: brano: Adriano Meis Uno, nessuno e centomila: brano: il naso di Moscarda Sei personaggi in cerca di autore: brano: l ingresso dei sei personaggi Italo Svevo La vita di Svevo nel suo tempo La poetica e lo stile Romanzi: Una vita; Senilità La coscienza di Zeno: brani: il fumo; il funerale mancato; Psico-analisi Giosue Carducci La vita di Carducci nel suo tempo La poetica e lo stile Poesia: traversando la Maremma toscana La letteratura in Italia tra le due guerre Il contesto storico: dal 1918 alla Seconda guerra mondiale Giuseppe Ungaretti: vita, poetica, opere Giuseppe Ungaretti: l Allegria: poesie: il porto sepolto; San Martino del Carso; Veglia; Soldati; allegria di naufragi; mattina Giuseppe Ungaretti: Sentimento del tempo: poesia: la madre Le Avanguardie storiche; Futurismo (lettura del manifesto) Dadaismo, Surrealismo, Espressionismo, "Vociani" L'Ermetismo Eugenio Montale La vita di Montale nel suo tempo La poetica e lo stile Ossi di seppia Le occasioni La bufera e Satura Febbraio marzo 6 ore Marzo aprile 11 ore Aprile maggio 2 ore Aprile maggio 5 ore Maggio 4 ore Le restanti ore sono state impegnate in attività di verifica, ripasso, approfondimento, orientamento universitario e al mondo del lavoro. OSSERVAZIONI SUL PROGRAMMA: la necessità di svolgere esercitazioni scritte e orali e il numero di ore a disposizione hanno reso necessario una riduzione del programma previsto ad inizio di anno scolastico al fine di favorire una maggiore riflessione sui contenuti essenziali. METODOLOGIE (Lezione frontale, gruppi di lavoro, processi individualizzati, attività di recupero-sostegno e integrazione, ecc.) : La metodologia si è basata su lezioni frontali, dialogate, interattive e per tematiche. Le verifiche scritte hanno riguardato temi di attualità e di letteratura al fine di potenziare le conoscenze degli autori studiati e le abilità compositive nelle diverse tipologie testuali previste dall Esame di Stato. Gli allievi hanno quindi svolto esercitazioni di scrittura funzionale in merito al saggio breve, articolo di giornale, analisi testuale inerenti tematiche di letteratura, temi di attualità. Le azioni di recupero e sostegno sono avvenute in itinere e sono state indirizzate a migliorare le capacità espositive, le competenze linguistiche, la scrittura e l analisi testuale. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 9 di 48

10 MATERIALI DIDATTICI (Testo adottato, orario settimanale di laboratorio, attrezzature, spazi, biblioteca, tecnologie audiovisive e/o multimediali, ecc.) : TESTO ADOTTATO: Chiare lettere Vol. 3, P. Di Sacco, ed. B. Mondadori Tecnologie audiovisive e multimediali: LIM in dotazione della classe TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Specificare: (prove scritte, verifiche orali, test oggettivi come previsti dalla terza prova, prove grafiche, prove di laboratorio, ecc.): Verifiche orali: interrogazioni brevi, lunghe Verifiche scritte: prove strutturate e semistrutturate; esercitazioni di scrittura funzionale nella tipologia B prevista dall Esame di Stato (saggio breve, articolo di giornale). Simulazione prima prova Esame di stato (fine gennaio 2015) A disposizione della commissione sono depositati in segreteria i seguenti esempi delle prove e delle verifiche effettuate: Testi della simulazione della prima prova Esempi di verifiche strutturate Camposampiero, li 12/05/2015 Il Dirigente scolastico (Prof.ssa Nadia Vidale) Timbro della Scuola FIRMA DEL DOCENTE ( Prof. Eugenio Di Rauso ) Documento consiglio di classe 5C-Pagina 10 di 48

11 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Materia STORIA Classe 5 C A. S. 2014/2015 In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di CONOSCENZE: Principali persistenze e processi di trasformazione tra la fine del secolo XIX e il secolo XX in Italia, in Europa e nel mondo; aspetti caratterizzanti la storia del Novecento; innovazioni scientifiche e tecnologiche e relativo impatto su modelli e mezzi di comunicazione, condizioni socioeconomiche e assetti politico-istituzionali; radici storiche dell Europa e della sua costituzione; principali istituzioni nazionali e Costituzione; principali istituzioni europee ed internazionali. La classe ha mediamente raggiunto un buon livello di conoscenza degli argomenti trattati. COMPETENZE: Riconoscere nella storia del Novecento e nel mondo attuale le radici storiche del passato, cogliendo elementi di continuità e discontinuità. Analizzare problematiche significative del periodo considerato. Riconoscere alcuni aspetti fondamentali dei sistemi economici e politici e individuarne alcuni nessi con il contesto ambientale, demografico, sociale e culturale. Effettuare confronti e paralleli tra diversi sistemi in un ottica interculturale. Utilizzare fonti storiche di diversa tipologia per ricerche su tematiche specifiche. Interpretare e confrontare testi di diverso orientamento storiografico. La classe ha mediamente sviluppato le competenze individuate in maniera sufficiente; buono l'utilizzo delle fonti e l'organizzazione cronologica e spaziale degli eventi. CAPACITÀ: Saper analizzare un sistema complesso nei suoi aspetti. Saper analizzare e commentare le fonti. Saper argomentare e motivare le proprie affermazioni. Sviluppare capacità critiche e metacognitive sulla propria attività scolastica. Sviluppare un linguaggio specifico. La classe dimostra mediamente di aver acquisito queste capacità, ma risulta ancora parzialmente carente in termini di autovalutazione dei processi cognitivi e delle conoscenze. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 11 di 48

12 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER: Unità didattiche e/o Moduli e/o Percorsi formativi ed Eventuali approfondimenti U. D. Modulo Percorso Formativo approfondimento Periodo / ore La società di massa in Occidente; il dibattito politico e sociale; differenze tra nazionalità e nazionalismo. Settembre (4h) L età giolittiana Ottobre (4h) La prima guerra mondiale: fronti europei e il fronte italiano, la volta del 1917; i trattati di pace. La rivoluzione Russa; la nascita dell URSS; la NEP; lo Stalinismo; il totalitarismo sovietico. I problemi del dopoguerra; il ruolo delle donne; discussione sulla Giornata della Memoria La Prima guerra mondiale (ripasso), la crisi del dopoguerra; il Biennio rosso; il Fascismo; introduzione al Nazismo Il Nazismo e la Seconda Guerra Mondiale La Guerra Fredda (cenni); l'unione Europea e la Costituzione Italiana (cenni); ripasso del programma Ripasso del programma Ottobre (4h) Novembre (5h)/ Dicembre (4h) Dicembre (2h) / Gennaio (6h) Febbraio(2h)/ Marzo (6h) Aprile (5h) / Maggio (2h) Maggio (3h) Giugno (2h) METODOLOGIE Lezione frontale, lezione tra pari, lezioni di ripasso. MATERIALI DIDATTICI (Testo adottato, orario settimanale di laboratorio, attrezzature, spazi, biblioteca, tecnologie audiovisive e/o multimediali, ecc.) TESTO ADOTTATO: l'erodoto, editore La Scuola, 2012 In aggiunta sono stati proposti materiali ausiliari disponibili online. TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Specificare:(prove scritte, verifiche orali, test oggettivi come previsti dalla terza prova, prove grafiche, prove di laboratorio, ecc.): Prove scritte a domanda aperta, interrogazioni brevi e lunghe. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 12 di 48

13 A disposizione della commissione sono depositati in segreteria i seguenti esempi delle prove e delle verifiche effettuate: Verifica sulla società di massa, verifica sull età giolittiana, verifica sulla Prima Guerra Mondiale, verifica sulla rivoluzione russa Prova di storia del 24 marzo; prova di storia del 14 aprile; prova di storia del 9 maggio Camposampiero, 12/05/2015 Il Dirigente scolastico (Prof.ssa Nadia Vidale) Timbro della Scuola FIRMA DEL DOCENTE ( Prof. Lorenzo Daniele ) Documento consiglio di classe 5C-Pagina 13 di 48

14 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Materia LINGUA E CIVILTA INGLESE Classe 5 C A. S. 2014/2015 La classe, che seguo dall inizio del Triennio e, per alcuni studenti, dal primo anno, ha sempre mostrato un comportamento corretto e collaborativo e un buon interesse alla disciplina, partecipando alle attività svolte a scuola con interventi frequenti, generalmente pertinenti anche se non sempre precisi. Nello svolgimento delle attività per casa la maggioranza degli studenti si sono dimostrati puntuali e autonomi. Alcuni hanno evidenziato una partecipazione particolarmente attiva e costruttiva, hanno utilizzato le proprie capacità impegnandosi in modo costante e con crescente autonomia nello studio personale, e hanno raggiunto discrete o buone competenze. Un altro gruppo è in possesso di conoscenze sufficienti, ma presenta limitata capacità di interagire con disinvoltura nella comunicazione e scarsa autonomia nella rielaborazione delle conoscenze (questi alunni spesso si limitano a riproporre in modo mnemonico i contenuti studiati). Qualche altro ancora ha competenze più incerte, a causa di difficoltà di approccio alla disciplina o a impegno non sempre adeguato. CONOSCENZEIn relazione alla programmazione curricolare, gli studenti hanno acquisito nozioni teoriche sui seguenti argomenti studiati: - Constitutional system and form of government in UK - Constitution and form of government in USA - Banking - Operating Systems - Software types by property - Globalisation - European Union - E-commerce - Welfare State in UK and USA - Networks COMPETENZERelativamente agli argomenti studiati, gli studenti sono in grado di: - comprendere messaggi orali nel loro senso globale; - comprendere dettagli significativi di messaggi orali; - interagire con l insegnante, relativamente alle tematiche affrontate, mediante comunicazioni orali semplici ma generalmente comprensibili e appropriate, pur non sempre corrette nella grammatica e nella pronuncia, talvolta con pause innaturali ed eventuale ricorso a riformulazione; - relazionare brevemente oralmente sul contenuto dei testi studiati; - comprendere il senso globale e alcune informazioni specifiche di testi scritti di argomento generale o di indirizzo e rispondere a domande a risposta chiusa o aperta, con linguaggio di norma comprensibile anche se non sempre corretto nella forma e con scelta lessicale limitata; - produrre brevi testi scritti generalmente comprensibili, anche se non sempre coesi e coerenti, talvolta con errori di grammatica e improprietà di lessico; - riconoscere le principali strutture linguistiche studiate nel corso del quinquennio e utilizzarle in modo quasi sempre appropriato, anche se non personale. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 14 di 48

15 CAPACITA Solo alcuni studenti sono in grado di: - rendere operative le conoscenze linguistiche acquisite effettuando rielaborazioni personali dei testi studiati; - selezionare le idee rilevanti ditesti scritti di argomento generale o di indirizzo differenziandolerispetto agli elementi accessori e collegarle in una sintesi efficace; - fare inferenze, dedurre dal contesto il significato di parole sconosciute; - utilizzare una adeguata gamma di vocaboli del lessico specifico; - effettuare collegamenti tra argomenti trattati in momenti e contesti diversi, o tra argomenti trattati in lingua inglese e analoghe tematiche affrontate in altre discipline; - assumere un atteggiamento critico, esprimendo un punto di vista personale e motivato sui temi studiati. CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE LE LETTURE SONO TRATTE DAL TESTO IN ADOZIONE IN BUSINESS DIGITAL, SALVO DIVERSAMENTE INDICATO. DEI MATERIALI INTEGRATIVI CARTACEI UTILIZZATI VIENE LASCIATA COPIA A DISPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE U. D. Modulo Percorso Formativo approfondimento TESTI Periodo ore Constitutional system and form of government in UK The UK government pag 362 Sources of the British constitution (fotocopia) UK Main political parties pag 366 Would independence help Scotland? arguments for and against (fotocopie) Constitution and form of government in USA The US government pag 364 The US constitution (fotocopia) US government Checks and Balances (fotocopia) US Main political parties pag 366 Banking Banking services to businesses pp Bank accounts offered by RBS pag 78 Accessible banking pag 80 Banking for businesses pag 81 Internet banking, online security pag 83 Operating Systems What is a mobile phone operating system? (fotocopia) Operating System Functions. Modes of operation (fotocopia) Software types by property What is Software copyright? Free Ssoftware, Open source (fotocopia) Classification of software in terms of property (fotocopia) Doing business abroad. Globalisation What is globalisation? pag 142 Advantages and disadvantages of globalisation pag 143 Outsourcing and offshoring pag 145 Sett.7 Ott.7 Nov. 5 Nov. Dic. 4 Dic. 2 Gen. Feb. 5 Documento consiglio di classe 5C-Pagina 15 di 48

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1) http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 8 15/11/2013 154 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO La scuola secondaria di primo grado rappresenta la fase in cui si realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM02002 - C.F. 91520902 - tel. 089/25420 Via A. Nanni - 002 OLBIA A.S. 2014/15 CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA - PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA A cura di - 1 Soggetto proponente e attuatore I.T.C. P.A.C.L.E. e ITER M. Luther King di Muggiò (MI) Via Allende, 3

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BRAGAGLIA Via Casale Ricci, s.n.c. 03100 FROSINONE (FR) Tel. 0775-9100

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO 2015-2016

PIANO DI LAVORO 2015-2016 Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO 2015-2016

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 ! Istituto d Istruzione Superiore G. Veronese Chioggia (Ve) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 Classe 1 B Indirizzo: Scienze Umane Coordinatrice: Agatea Valeria SITUAZIONE INIZIALE

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1AC Indirizzo di studio Liceo Classico Docente Disciplina Tiziana Soressi Latino

Dettagli