DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art. 5)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art. 5)"

Transcript

1 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art. 5) SCUOLA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE SANDRO PERTINI Indirizzo: Via G. Puccini, 27 - Camposampiero (PD) Tel. 049/ CLASSE 5C SIA Anno Scolastico 2014/2015 Coordinatore di classe : Prof.ssa Raffaella Dragoni 1. Presentazione sintetica della classe: a) Storia del triennio della classe b) Continuità didattica nel triennio c) Situazione di partenza della classe nell anno scolastico in corso La classe 5C SIA segue l indirizzo Sistemi Informativi Aziendali ed è composta di 15 studenti, di cui dieci ragazzi e cinque ragazze. Elenco studenti della classe: 1. Boscaro Mattia 2. Brugnaro Viviana 3. Cascella Rossella 4. Cavinato Alberto 5. Cinetto Michele 6. Dengo Alberto 7. Fantinato Caterina 8. Fantinato Michael 9. Mamprin Matteo 10. Menegatti Dylan 11. Neagu Iolanda Roberta 12. Trinco Enrico 13. Tusa Vasile 14. Zago Mirco 15. Zanon Ilaria a) Storia del triennio della classe La classe si è formata come 3C SIA nell a.s.2012/2013 ed era allora composta di 18 alunni, tutti provenienti dalle classi Seconde di questo Istituto tranne uno, ripetente di Terza Mercurio. Alla fine della Terza la classe ha perso quattro alunni, non ammessi alla Quarta. Nel successivo a.s. 2013/2014 il numero degli alunni è quindi passato a 14. Alla fine della classe Quarta tutti i 14 alunni sono stati ammessi alla Quinta. All inizio del corrente a.s. è stato inserito un alunno ripetente di classe 5 Mercurio, portando il numero degli studenti ai 15 attuali. b) Continuità didattica nel triennio Gli attuali docenti di Italiano, Matematica, Inglese, Diritto, Economia Pubblica, Economia Aziendale Laboratorio di Informatica e Religione Cattolica sono presenti fin dalla classe Terza. In Storia la classe ha sempre avuto il medesimo docente - lo stesso di Italiano - fino al mese di febbraio 2015 quando, causa riduzione d orario del docente titolare, è subentrato altro insegnante. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 1 di 48

2 Per Informatica e per Scienze Motorie e Sportive vi è stata discontinuità dalla classe Quarta alla Quinta. Anche relativamente ai docenti di sostegno si è avuta un certa discontinuità, in quanto si sono alternati nel corso del triennio cinque insegnanti diversi. Docenti commissari all esame di stato individuati nella riunione del consiglio di classe nella sola componente docenti del 05/02/ 2015:E. Di Rauso, S. Bosco, D. Corazza. c) Situazione di partenza della classe nell anno scolastico in corso La situazione in ingresso come sintetizzato nel documento di programmazione del consiglio di classe sulla base degli esiti degli scrutini finali dell a.s. 2013/2014 presentava una classe di livello medio, con alcuni studenti collocati sul livello medio-alto o alto. Tutti gli alunni provenienti dalla classe quarta sono stati ammessi alla classe quinta allo scrutinio di giugno, avendo riportato un giudizio positivo in tutte le discipline (uno ha avuto l aiuto in Matematica). VALUTAZIONI RIPORTATE AGLI SCRUTINI FINALI A. S. 2013/2014 (riferita ai 14 studenti ammessi alla classe Quinta) MATERIE LIVELLO ALTO LIVELLO MEDIO LIVELLO SUFFICIENTE (VOTI ) (VOTO 7) (VOTO 6) Italiano Storia Inglese Matematica (di cui 1 aiuto) Informatica Economia Aziendale Diritto Economia Politica Scienze Motorie Obiettivi generali (educativi e formativi):capacità trasversali: relazionali, comportamentali, cognitive Facendo riferimento agli obiettivi trasversali fissati dal consiglio di classe in sede di programmazione e monitorati nel corso dell anno, si possono dare mediamente le seguenti valutazioni. Obiettivi Comportamentali 1 Sviluppare l interesse verso problemi e tematiche di attualità, effettuando una riflessione critica autonoma. 2 Saper organizzare e gestire il proprio lavoro scolastico in maniera autonoma e responsabile, tenendo conto dei tempi e risorse disponibili e del proprio stile di apprendimento. 3 Saper lavorare in team con attitudine propositiva e collaborativa, perseguendo la disponibilità al confronto, il rispetto degli altri e la valorizzazione delle differenze. 4 Consolidare le corrette modalità di interazione: saper intervenire in modo pertinente e appropriato, con linguaggio adeguato. 5 Avere un comportamento corretto e rispettoso nei confronti di compagni, docenti, personale, ambienti scolastici. 6 Saper riflettere criticamente sul proprio lavoro, riconoscendo le proprie qualità e limiti, anche in vista delle future scelte di studio o lavoro. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 2 di 48

3 Obiettivi Cognitivi 1 Saper analizzare un sistema complesso, individuandone elementi, ruoli, relazioni, interazioni 2 Consolidare la capacità di comprensione, analisi, rielaborazione, di un testo. 3 Saper sintetizzare e commentare testi, dati, documenti. 4 Saper argomentare per motivare le proprie affermazioni e le proprie scelte. 5 Saper collegare argomenti di una stessa disciplina studiati in momenti diversi e argomenti affrontati in discipline diverse. 6 Saper rapportare le conoscenze e competenze acquisite con la realtà esterna, sviluppando capacità rielaborative e critiche. 7 Saper utilizzare i linguaggi specifici settoriali per esprimersi in modo efficace e interagire adeguatamente nei vari contesti. Gli obiettivi si possono ritenere nel complesso pienamente raggiunti.la classe ha acquisito un buon livello di socializzazione e ha avuto un comportamento corretto,sia reciprocamente che nei confronti degli insegnanti. Gli studenti hanno frequentato le lezioni regolarmente, hanno dimostrato interesse per le attività in classe e quelle extracurricolari e partecipazione costante, spesso propositiva, con interventi che si sono fatti più pertinenti e ordinati, specie nell ultimo anno di corso. Nelle attività di gruppo l atteggiamento è stato di collaborazione e rispetto degli altri.tutti gli studenti hanno progredito nel loro grado di autonomia nello studio, la maggioranza è stata in grado di organizzare il proprio lavoro in maniera autonoma, cercando di programmare le attività e studiando con continuità, anche se per qualcuno l impegno e l approfondimento non sono stati sempre adeguati. Qualche incertezzasi manifesta ancora nella capacità di argomentazione, di riflessione critica edi autovalutazione dei processi cognitivi.in alcuni casi si rilevano incertezze nell esposizione orale, attribuibili all emotività o a competenze linguistiche e a tecniche argomentative non sempre adeguate. 3. Conoscenze, competenze e capacità: Per quanto riguarda le conoscenze, la maggior parte della classe - con le ovvie differenziazioni - si colloca a un livello più che sufficiente, per alcuni studentiil livello raggiunto è buono o ottimo.i risultati osservabili al momento attuale evidenziano però per alcuni studenti il permanere di difficoltà, concentrate soprattutto nell area tecnico-scientifica. Le competenze si rivelano piuttosto differenziate. Buona parte della classe sa applicare le conoscenze secondo schemi noti e gestire situazioni conosciute. Un gruppo sa analizzare e applicare le conoscenze in modo adeguato, talvolta autonomo, anche in situazioni relativamente più complesse. Alcuni studenti evidenziano qualche difficoltà, spesso dovute a mancanza di continuità nello studio, insufficiente rielaborazione delle conoscenze, talvolta a difficoltà di approccio ad alcune parti dei programmi delle varie discipline. Relativamente alle capacità, un ristretto gruppo di studenti è in grado di gestire autonomamente situazioni complesse o nuove, individuando percorsi originali ed esprimendo valutazioni critiche personali. Nell ambito delle singole discipline è prevista una scheda per ogni disciplina. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 3 di 48

4 Nell ambito pluridisciplinare è prevista una scheda per ogni attività. 4. Attività extra, para, interculturali: a. Educazione alla salute - Incontro con Associazione ADMO 22/11/ Incontro sul Primo soccorso e BLSD 21/01/ Incontro con associazione AVIS 6/2/2015 b. Educazione alla cittadinanza attiva - Incontro sulle regole in videoconferenza con G. Colombo a Padova teatro MPX 7/11/ Lezione interattiva a cura di ETRA su fonti energetiche e risparmio energetico 23/1/2015 c. Ampliamento dell offerta formativa / approfondimenti disciplinari - Workshop di formazione esperienziale al Cubo Rosso, Padova, a Forema30/10/ Partecipazione a Cre-attivi, evento serale dell Autunno Camposampierese 30/10/2014 (la classe ha presentato il progetto vincitore di Luci sull impresa 2013/14) - Incontro con la banca Unicredit a scuola 12/11/ Spettacolo Pop Economix educazione finanziaria a teatro 3/2/ Rappresentazione teatrale Sei personaggi in cerca d autore a Padova 10/2/ Attività di potenziamento lingua inglese con stagista progetto EduChange (gen-feb 2015) - Prove tecniche di impresa: incontro in classe con gli imprenditori 19/3/ Visita alla Cassa di Risparmio del Veneto di Camposampiero 16 / 04 / Adesione al progetto Il quotidiano in classe d. Uscite e viaggio di istruzione - Viaggio d istruzione a Barcellona / 03 / Uscita a Valle San Liberale malga Archeset1/4/2015 e. Attività di orientamento in uscita - Partecipazione alla giornata di orientamento dell università di Padova, Agripolis 13/2/ Attività di orientamento in videoconferenza con l università di Padova, venerdì 27/2 / 2015 f. Attività di stage in azienda Dodici studenti su quindici hanno partecipato a stages estivi presso aziende o enti locali alla fine della classe Terza e/o della classe Quarta, per un periodo di 4 settimane. Alcuni altri hanno Documento consiglio di classe 5C-Pagina 4 di 48

5 partecipato a stage più brevi, di 2 settimane, svolti nel Gennaio 2014 nell ambito delle attività di valorizzazione delle eccellenze. Tutte le esperienze hanno avuto esito positivo e il giudizio delle aziende ed enti coinvolti è stato buono, in alcuni casi ottimo. g. Altre attività - In Quarta la classe ha partecipato al concorso Luci sull impresa a cura di Confindustria Padova, il progetto presentato ha vinto il primo premio. - Otto studenti della classe hanno partecipato al progetto FSE di alternanza scuola-lavoro Fare impresa a scuola, iniziato in classe quarta e concluso in Quinta, articolato in lezioni teorico-pratiche e attività di stage. - Durante il triennio nove studenti hanno conseguito la European Computer Driving Licence (ECDL) e due studentesse la certificazione PET B1. 5. Criteri e strumenti della misurazione e della valutazione (indicatori e descrittori adottati per la formulazione di giudizi e/o per l attribuzione di voti) approvati dal collegio dei docenti del 12 Gennaio 2010 Per quanto riguarda la misurazione dei livelli di apprendimento si allega la scala di valutazione approvata dal collegio dei docenti del 12 Gennaio Per una descrizione più dettagliata degli strumenti usati per la misurazione (interrogazioni, temi e problemi, prove strutturate e semi-strutturate, questionari, relazioni, esercizi) si rimanda alle relazioni dei singoli docenti. VOTO GIUDIZIO SINTETICO Lo studente evidenzia pesanti lacune di base, un certo disorientamento di tipo logico e metodologico, 1-3 gravi carenze nella conoscenza degli argomenti svolti che non gli consentono di progredire nell apprendimento, accompagnati da un manifesto disinteresse per lo studio. Lo studente ha poche conoscenze della disciplina che non sa utilizzare e se le utilizza lo fa in modo non 4 appropriato e spesso scorretto. Dimostra grandi difficoltà nella comprensione del testo proposto. Si esprime in modo poco coeso, non coerente e con un lessico spesso inadeguato. Lo studente possiede conoscenze molto incerte e non sempre corrette. Le usa in modo superficiale e, a 5 volte, non pertinente. Si esprime non sempre in modo coeso e coerente e usa il linguaggio specifico della disciplina in maniera poco adeguata. 6 Lo studente conosce gli elementi basilari ed essenziali della disciplina e li applica in modo accettabile. Si esprime in modo semplice ma coerente anche se il lessico utilizzato non è sempre adeguato. Lo studente conosce gli elementi essenziali della disciplina e attua collegamenti pertinenti all interno degli 7 argomenti della stessa. Utilizza il linguaggio specifico in maniera corretta e si esprime con precisione e chiarezza. Lo studente possiede una conoscenza approfondita degli elementi essenziali della disciplina, si orienta con 8 un certa disinvoltura tra i contenuti della stessa riuscendo ad effettuare con agilità collegamenti anche interdisciplinari. Si esprime in modo corretto ed efficace. Lo studente conosce la disciplina nei suoi molteplici aspetti, sa effettuare collegamenti significativi 9 disciplinari e interdisciplinari; dimostra padronanza della terminologia specifica ed espone sempre in modo coerente ed appropriato. Lo studente conosce in modo sicuro la disciplina, è in grado di costruire autonomamente un percorso 10 critico, attraverso nessi o relazioni tra aree tematiche diverse. Usa il linguaggio specifico in modo rigoroso e si esprime in modo personale con ricchezza lessicale. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 5 di 48

6 Si rammenta che: Questo documento, con tutti i suoi allegati, va redatto entro il 15 maggio, dal Consiglio di classe nella sua collegialità. Il Ministero prevede, pertanto, sostanzialmente concluso lo sviluppo del programma entro questa data. Il rimanente periodo dovrebbe essere dedicato a ripassi, approfondimenti, verifiche e simulazioni delle tipologie e delle prove d esame. Le schede All. A vanno compilate individualmente dai singoli docenti e sostituiscono le vecchie relazioni di fine anno sul programma svolto e sugli obiettivi conseguiti. Su quanto indicato in queste schede verterà il colloquio d esame. Le schede All. B vanno compilate dai docenti coinvolti nelle singole attività pluridisciplinari. Attraverso la formulazione di più attività di questo tipo andrebbero coinvolte tutte le discipline. Le schede All. B costituiscono il punto di partenza vincolante per la commissione al fine della formulazione della terza prova scritta e della conduzione del colloquio. Questo documento con tutti i suoi allegati è vincolante anche per i candidati esterni. Entro il 16 maggio, giorno seguente al termine della presentazione del documento, lo stesso va affisso all albo e. successivamente, consegnato in copia individuale a tutti i candidati (allievi interni ed esterni). Le operazioni di valutazione ufficiale (sia dei candidati interni che degli esterni) e le attribuzioni dei crediti scolastici avvengono in data successiva alla stesura di questo documento: 1. Nel mese di maggio (comunque prima del termine delle lezioni) si svolge l esame preliminare dei candidati esterni; 2. Alla fine delle lezioni si svolge lo scrutinio per l attribuzione dei crediti scolastici ai candidati interni; Camposampiero, il 12/05/2015 FIRMA del COORDINATORE (prof.ssa Raffaella Dragoni) Timbro della Scuola FIRMA del PRESIDE Il Dirigente Scolastico (Nadia Vidale) Documento consiglio di classe 5C-Pagina 6 di 48

7 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Materia ITALIANO Classe 5 C A. S. 2014/2015 In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di CONOSCENZE: Le principali fasi della letteratura italiana della seconda metà dell Ottocento e della prima metà del Novecento. Le principali caratteristiche dei generi letterari e dei modi della loro evoluzione, biografia, opere, poetica, stile dei singoli autori trattati. Le tipologie testuali previste dall Esame di Stato (Analisi del testo, Saggio breve o articolo di giornale, tema di argomento storico, tema di ordine generale) COMPETENZE: Collocare nel tempo e nello spazio Orientarsi tra testi e autori Stabilire collegamenti e confronti Individuare prospettive interculturali Comprendere e interpretare un testo Argomentare il proprio punto di vista Cogliere ed esporre i nessi essenziali di un testo con l opera complessiva di un autore, con le correnti e le poetiche Gli alunni sono in grado di inserire autori e testi nel contesto storico-culturale. Alcuni sanno anche cogliere collegamenti fra testo e contesto in modo autonomo e hanno dimostrato capacità di rielaborare le conoscenze in modo personale e con una certa originalità. CAPACITA : Partecipare ad una discussione intervenendo in modo chiaro, pertinente, argomentato Progettare varie tipologie di testi secondo le intenzioni e la situazione comunicativa Elaborare testi scritti pertinenti alla traccia, coerenti, coesi, corretti dal punto di vista morfosintattico e lessicale Situazione della classe: La classe si presenta come un gruppo omogeneo per quanto riguarda la situazione di partenza e i risultati conseguiti. In riferimento a partecipazione e interesse tutti gli studenti hanno dimostrato una evoluzione positiva aderendo alle attività proposte in modo adeguato. Nella produzione orale si è cercato di potenziare le capacità di comunicazione e di collegamento, ma soprattutto la proprietà lessicale. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 7 di 48

8 Mentre una buona parte della classe dimostra un acquisizione sicura delle competenze e buone capacità nelle riflessioni e argomentazioni personali, alcuni studenti rivelano ancora incertezze nelle tecniche compositive della produzione scritta e un esposizione orale legata al libro di testo. CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER: Unità didattiche e/o Moduli e/o Percorsi formativi ed Eventuali approfondimenti U. D. Modulo Percorso Formativo approfondimento Periodo / ore Il Naturalismo e Verismo Il contesto storico: la seconda metà dell'ottocento La società di massa Positivismo, Naturalismo, Verismo La crisi del razionalismo e la cultura del primo Novecento L'idea del progresso L'evoluzionismo di Darwin Il genere del romanzo La poetica naturalista Autori del Naturalismo: Flaubert, Zola La poetica verista Autori del Verismo: Capuana Giovanni Verga La vita di Verga nel suo tempo La poetica e lo stile Vita dei campi: La lupa Novelle rusticane I Malavoglia: brani: La fiumana del progresso ; la famiglia Toscano; le novità del progresso viste da Aci Trezza; l addio alla casa del nespolo Mastro-Don Gesualdo: brano: la morte di Gesualdo Il Decadentismo Prosa e poesia del Decadentismo Poeti simbolisti: Baudelaire (poesie: corrispondenze; Spleen); Verlaine (poesia: Languore); Rimbaud (poesia: vocali) Oscar Wilde: Il ritratto di Dorian Gray (brano: la rivelazione della bellezza) Romanzieri decadenti: Gabriele D'Annunzio D Annunzio: vita, opere, poetica D Annunzio: Il piacere: brano: il ritratto dell esteta D Annunzio: Le vergini delle rocce: brano: il programma del superuomo D Annunzio: Alcyone: poesia: la pioggia nel pineto D Annunzio: Notturno: brano: imparo un arte nuova Giovanni Pascoli La vita di Pascoli nel suo tempo La poetica e lo stile Il fanciullino Myricae: poesie: Arano; Novembre; Il lampo; Il tuono; X agosto Canti di Castelvecchio: poesia: La mia sera Settembre 5 ore Ottobre 9 ore Ottobre novembre 11 ore Dicembre febbraio 12 ore Documento consiglio di classe 5C-Pagina 8 di 48

9 Luigi Pirandello La vita di Pirandello nel suo tempo La poetica e lo stile L'umorismo Novelle per un anno: novelle: Il treno ha fischiato; La patente Il fu Mattia Pascal: brano: Adriano Meis Uno, nessuno e centomila: brano: il naso di Moscarda Sei personaggi in cerca di autore: brano: l ingresso dei sei personaggi Italo Svevo La vita di Svevo nel suo tempo La poetica e lo stile Romanzi: Una vita; Senilità La coscienza di Zeno: brani: il fumo; il funerale mancato; Psico-analisi Giosue Carducci La vita di Carducci nel suo tempo La poetica e lo stile Poesia: traversando la Maremma toscana La letteratura in Italia tra le due guerre Il contesto storico: dal 1918 alla Seconda guerra mondiale Giuseppe Ungaretti: vita, poetica, opere Giuseppe Ungaretti: l Allegria: poesie: il porto sepolto; San Martino del Carso; Veglia; Soldati; allegria di naufragi; mattina Giuseppe Ungaretti: Sentimento del tempo: poesia: la madre Le Avanguardie storiche; Futurismo (lettura del manifesto) Dadaismo, Surrealismo, Espressionismo, "Vociani" L'Ermetismo Eugenio Montale La vita di Montale nel suo tempo La poetica e lo stile Ossi di seppia Le occasioni La bufera e Satura Febbraio marzo 6 ore Marzo aprile 11 ore Aprile maggio 2 ore Aprile maggio 5 ore Maggio 4 ore Le restanti ore sono state impegnate in attività di verifica, ripasso, approfondimento, orientamento universitario e al mondo del lavoro. OSSERVAZIONI SUL PROGRAMMA: la necessità di svolgere esercitazioni scritte e orali e il numero di ore a disposizione hanno reso necessario una riduzione del programma previsto ad inizio di anno scolastico al fine di favorire una maggiore riflessione sui contenuti essenziali. METODOLOGIE (Lezione frontale, gruppi di lavoro, processi individualizzati, attività di recupero-sostegno e integrazione, ecc.) : La metodologia si è basata su lezioni frontali, dialogate, interattive e per tematiche. Le verifiche scritte hanno riguardato temi di attualità e di letteratura al fine di potenziare le conoscenze degli autori studiati e le abilità compositive nelle diverse tipologie testuali previste dall Esame di Stato. Gli allievi hanno quindi svolto esercitazioni di scrittura funzionale in merito al saggio breve, articolo di giornale, analisi testuale inerenti tematiche di letteratura, temi di attualità. Le azioni di recupero e sostegno sono avvenute in itinere e sono state indirizzate a migliorare le capacità espositive, le competenze linguistiche, la scrittura e l analisi testuale. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 9 di 48

10 MATERIALI DIDATTICI (Testo adottato, orario settimanale di laboratorio, attrezzature, spazi, biblioteca, tecnologie audiovisive e/o multimediali, ecc.) : TESTO ADOTTATO: Chiare lettere Vol. 3, P. Di Sacco, ed. B. Mondadori Tecnologie audiovisive e multimediali: LIM in dotazione della classe TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Specificare: (prove scritte, verifiche orali, test oggettivi come previsti dalla terza prova, prove grafiche, prove di laboratorio, ecc.): Verifiche orali: interrogazioni brevi, lunghe Verifiche scritte: prove strutturate e semistrutturate; esercitazioni di scrittura funzionale nella tipologia B prevista dall Esame di Stato (saggio breve, articolo di giornale). Simulazione prima prova Esame di stato (fine gennaio 2015) A disposizione della commissione sono depositati in segreteria i seguenti esempi delle prove e delle verifiche effettuate: Testi della simulazione della prima prova Esempi di verifiche strutturate Camposampiero, li 12/05/2015 Il Dirigente scolastico (Prof.ssa Nadia Vidale) Timbro della Scuola FIRMA DEL DOCENTE ( Prof. Eugenio Di Rauso ) Documento consiglio di classe 5C-Pagina 10 di 48

11 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Materia STORIA Classe 5 C A. S. 2014/2015 In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di CONOSCENZE: Principali persistenze e processi di trasformazione tra la fine del secolo XIX e il secolo XX in Italia, in Europa e nel mondo; aspetti caratterizzanti la storia del Novecento; innovazioni scientifiche e tecnologiche e relativo impatto su modelli e mezzi di comunicazione, condizioni socioeconomiche e assetti politico-istituzionali; radici storiche dell Europa e della sua costituzione; principali istituzioni nazionali e Costituzione; principali istituzioni europee ed internazionali. La classe ha mediamente raggiunto un buon livello di conoscenza degli argomenti trattati. COMPETENZE: Riconoscere nella storia del Novecento e nel mondo attuale le radici storiche del passato, cogliendo elementi di continuità e discontinuità. Analizzare problematiche significative del periodo considerato. Riconoscere alcuni aspetti fondamentali dei sistemi economici e politici e individuarne alcuni nessi con il contesto ambientale, demografico, sociale e culturale. Effettuare confronti e paralleli tra diversi sistemi in un ottica interculturale. Utilizzare fonti storiche di diversa tipologia per ricerche su tematiche specifiche. Interpretare e confrontare testi di diverso orientamento storiografico. La classe ha mediamente sviluppato le competenze individuate in maniera sufficiente; buono l'utilizzo delle fonti e l'organizzazione cronologica e spaziale degli eventi. CAPACITÀ: Saper analizzare un sistema complesso nei suoi aspetti. Saper analizzare e commentare le fonti. Saper argomentare e motivare le proprie affermazioni. Sviluppare capacità critiche e metacognitive sulla propria attività scolastica. Sviluppare un linguaggio specifico. La classe dimostra mediamente di aver acquisito queste capacità, ma risulta ancora parzialmente carente in termini di autovalutazione dei processi cognitivi e delle conoscenze. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 11 di 48

12 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER: Unità didattiche e/o Moduli e/o Percorsi formativi ed Eventuali approfondimenti U. D. Modulo Percorso Formativo approfondimento Periodo / ore La società di massa in Occidente; il dibattito politico e sociale; differenze tra nazionalità e nazionalismo. Settembre (4h) L età giolittiana Ottobre (4h) La prima guerra mondiale: fronti europei e il fronte italiano, la volta del 1917; i trattati di pace. La rivoluzione Russa; la nascita dell URSS; la NEP; lo Stalinismo; il totalitarismo sovietico. I problemi del dopoguerra; il ruolo delle donne; discussione sulla Giornata della Memoria La Prima guerra mondiale (ripasso), la crisi del dopoguerra; il Biennio rosso; il Fascismo; introduzione al Nazismo Il Nazismo e la Seconda Guerra Mondiale La Guerra Fredda (cenni); l'unione Europea e la Costituzione Italiana (cenni); ripasso del programma Ripasso del programma Ottobre (4h) Novembre (5h)/ Dicembre (4h) Dicembre (2h) / Gennaio (6h) Febbraio(2h)/ Marzo (6h) Aprile (5h) / Maggio (2h) Maggio (3h) Giugno (2h) METODOLOGIE Lezione frontale, lezione tra pari, lezioni di ripasso. MATERIALI DIDATTICI (Testo adottato, orario settimanale di laboratorio, attrezzature, spazi, biblioteca, tecnologie audiovisive e/o multimediali, ecc.) TESTO ADOTTATO: l'erodoto, editore La Scuola, 2012 In aggiunta sono stati proposti materiali ausiliari disponibili online. TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Specificare:(prove scritte, verifiche orali, test oggettivi come previsti dalla terza prova, prove grafiche, prove di laboratorio, ecc.): Prove scritte a domanda aperta, interrogazioni brevi e lunghe. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 12 di 48

13 A disposizione della commissione sono depositati in segreteria i seguenti esempi delle prove e delle verifiche effettuate: Verifica sulla società di massa, verifica sull età giolittiana, verifica sulla Prima Guerra Mondiale, verifica sulla rivoluzione russa Prova di storia del 24 marzo; prova di storia del 14 aprile; prova di storia del 9 maggio Camposampiero, 12/05/2015 Il Dirigente scolastico (Prof.ssa Nadia Vidale) Timbro della Scuola FIRMA DEL DOCENTE ( Prof. Lorenzo Daniele ) Documento consiglio di classe 5C-Pagina 13 di 48

14 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Materia LINGUA E CIVILTA INGLESE Classe 5 C A. S. 2014/2015 La classe, che seguo dall inizio del Triennio e, per alcuni studenti, dal primo anno, ha sempre mostrato un comportamento corretto e collaborativo e un buon interesse alla disciplina, partecipando alle attività svolte a scuola con interventi frequenti, generalmente pertinenti anche se non sempre precisi. Nello svolgimento delle attività per casa la maggioranza degli studenti si sono dimostrati puntuali e autonomi. Alcuni hanno evidenziato una partecipazione particolarmente attiva e costruttiva, hanno utilizzato le proprie capacità impegnandosi in modo costante e con crescente autonomia nello studio personale, e hanno raggiunto discrete o buone competenze. Un altro gruppo è in possesso di conoscenze sufficienti, ma presenta limitata capacità di interagire con disinvoltura nella comunicazione e scarsa autonomia nella rielaborazione delle conoscenze (questi alunni spesso si limitano a riproporre in modo mnemonico i contenuti studiati). Qualche altro ancora ha competenze più incerte, a causa di difficoltà di approccio alla disciplina o a impegno non sempre adeguato. CONOSCENZEIn relazione alla programmazione curricolare, gli studenti hanno acquisito nozioni teoriche sui seguenti argomenti studiati: - Constitutional system and form of government in UK - Constitution and form of government in USA - Banking - Operating Systems - Software types by property - Globalisation - European Union - E-commerce - Welfare State in UK and USA - Networks COMPETENZERelativamente agli argomenti studiati, gli studenti sono in grado di: - comprendere messaggi orali nel loro senso globale; - comprendere dettagli significativi di messaggi orali; - interagire con l insegnante, relativamente alle tematiche affrontate, mediante comunicazioni orali semplici ma generalmente comprensibili e appropriate, pur non sempre corrette nella grammatica e nella pronuncia, talvolta con pause innaturali ed eventuale ricorso a riformulazione; - relazionare brevemente oralmente sul contenuto dei testi studiati; - comprendere il senso globale e alcune informazioni specifiche di testi scritti di argomento generale o di indirizzo e rispondere a domande a risposta chiusa o aperta, con linguaggio di norma comprensibile anche se non sempre corretto nella forma e con scelta lessicale limitata; - produrre brevi testi scritti generalmente comprensibili, anche se non sempre coesi e coerenti, talvolta con errori di grammatica e improprietà di lessico; - riconoscere le principali strutture linguistiche studiate nel corso del quinquennio e utilizzarle in modo quasi sempre appropriato, anche se non personale. Documento consiglio di classe 5C-Pagina 14 di 48

15 CAPACITA Solo alcuni studenti sono in grado di: - rendere operative le conoscenze linguistiche acquisite effettuando rielaborazioni personali dei testi studiati; - selezionare le idee rilevanti ditesti scritti di argomento generale o di indirizzo differenziandolerispetto agli elementi accessori e collegarle in una sintesi efficace; - fare inferenze, dedurre dal contesto il significato di parole sconosciute; - utilizzare una adeguata gamma di vocaboli del lessico specifico; - effettuare collegamenti tra argomenti trattati in momenti e contesti diversi, o tra argomenti trattati in lingua inglese e analoghe tematiche affrontate in altre discipline; - assumere un atteggiamento critico, esprimendo un punto di vista personale e motivato sui temi studiati. CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE LE LETTURE SONO TRATTE DAL TESTO IN ADOZIONE IN BUSINESS DIGITAL, SALVO DIVERSAMENTE INDICATO. DEI MATERIALI INTEGRATIVI CARTACEI UTILIZZATI VIENE LASCIATA COPIA A DISPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE U. D. Modulo Percorso Formativo approfondimento TESTI Periodo ore Constitutional system and form of government in UK The UK government pag 362 Sources of the British constitution (fotocopia) UK Main political parties pag 366 Would independence help Scotland? arguments for and against (fotocopie) Constitution and form of government in USA The US government pag 364 The US constitution (fotocopia) US government Checks and Balances (fotocopia) US Main political parties pag 366 Banking Banking services to businesses pp Bank accounts offered by RBS pag 78 Accessible banking pag 80 Banking for businesses pag 81 Internet banking, online security pag 83 Operating Systems What is a mobile phone operating system? (fotocopia) Operating System Functions. Modes of operation (fotocopia) Software types by property What is Software copyright? Free Ssoftware, Open source (fotocopia) Classification of software in terms of property (fotocopia) Doing business abroad. Globalisation What is globalisation? pag 142 Advantages and disadvantages of globalisation pag 143 Outsourcing and offshoring pag 145 Sett.7 Ott.7 Nov. 5 Nov. Dic. 4 Dic. 2 Gen. Feb. 5 Documento consiglio di classe 5C-Pagina 15 di 48

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli