INTRODUZIONE. Oggetto della tesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE. Oggetto della tesi"

Transcript

1 INTRODUZIONE Oggetto della tesi L aumento del PIL pro capite registratosi a livello globale nel corso degli ultimi cinquanta anni, mostra che il progresso economico ha coinvolto, a livello aggregato, anche i paesi in via di sviluppo ed i paesi meno sviluppati del mondo. Ciononostante, fonti autorevoli indicano che tale progresso si accompagna ad una tendenza alla polarizzazione nella distribuzione del reddito su scala mondiale e ad una crescente concentrazione nella proprietà dei fattori produttivi; fenomeni che rappresentano un serio ostacolo per la riduzione della povertà. Numerosi studi empirici mostrano che forti disparità permangono all interno della popolazione mondiale e che, dal dopoguerra fino ad oggi, tali disparità anziché colmarsi, si siano acuite 1. In tale contesto ho ritenuto interessante cercare di comprendere quali siano i reali obiettivi dello sviluppo e come questo processo influisca sul benessere e sulla qualità della vita delle persone, in particolar modo delle donne. All interno del mio lavoro ho cercato di rilevare in che modo i benefici del progresso socio-economico coinvolgono le donne, se e come il loro ruolo sia cambiato nel corso delle ultime decadi, e quale sia il loro reale contributo al processo di sviluppo. Attualmente quasi tutti i paesi del mondo possiedono una legislazione che sancisce la parità dei diritti tra uomini e donne; io mi sono domandata se tale parità si riscontra anche nel godimento effettivo dei vari diritti. A tale scopo ho cercato di comprendere quale sia la reale condizione femminile rispetto a quella maschile nei diversi paesi del mondo - in particolare in quelli in via di sviluppo - ed ho concentrato il mio interesse sulle problematiche che le donne affrontano quotidianamente, tentando di individuare come tali problematiche cambino a seconda del livello di sviluppo e del contesto socio-economico in cui le donne sono inserite. Attraverso un analisi di genere delle problematiche dello sviluppo, ho cercato di comprendere se i benefici derivanti da questo processo ricadono in modo equo su uomini e donne, se le disparità di genere che hanno storicamente relegato le donne in una condizione di subordinazione rispetto agli 1 UNDP (2002, pag. 35). 1

2 uomini si stanno realmente risolvendo, e se la scienza economica e le istituzioni (nazionali ed internazionali) stiano compiendo delle azioni positive in questo senso. L obiettivo finale di questa tesi è stato quello di condurre un analisi delle problematiche riguardanti lo sviluppo in una prospettiva di genere, cercando quindi di cogliere le relazioni che intercorrono tra il processo di sviluppo ed il genere femminile. Principali risultati raggiunti 1. Il grado di sviluppo di un paese non è determinato univocamente dal PNL totale o pro capite di quel paese, bensì dal livello di benessere di tutti gli individui che ne fanno parte (uomini, donne e bambini), il quale è senza dubbio influenzato dalla disponibilità di reddito, ma anche da altre variabili determinanti. Le politiche che si centrano sulla crescita del reddito ignorando le altre dimensioni del benessere individuale, spesso non risolvono i problemi del sottosviluppo quali la povertà, la malnutrizione, l analfabetismo e la disoccupazione. Al contrario, tali politiche perseguono l obiettivo della crescita economica a scapito del godimento di altri beni fondamentali della vita umana e a prezzo di gravi costi sociali, che non vengono ricompensati perché molto difficilmente i benefici della crescita filtrano verso il basso. L Indice di Sviluppo Umano (ISU) elaborato nel 1990 dall Agenzia delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP), mostra come non vi sia alcun automatismo tra crescita economica - misurata tramite il tasso di crescita del reddito pro capite - e sviluppo umano, rilevando come non sempre la crescita economica si traduca in un miglioramento della qualità della vita delle persone. La crescita è una condizione necessaria ma non sufficiente per lo sviluppo: è perciò compito dei policy-makers l elaborazione di politiche che promuovano una gestione efficiente delle risorse derivanti dalla crescita ed un loro utilizzo funzionale al miglioramento del benessere, inteso come sviluppo umano. Inoltre è possibile osservare come la relazione tra crescita e sviluppo sia biunivoca, e come le politiche che investono sullo sviluppo umano possano comportare ritorni significativi in termini di crescita economica. 2. Il perseguimento di politiche che puntino alla crescita economica senza prestare attenzione ai bisogni degli individui portano all esclusione di gruppi di persone dal processo di sviluppo. È il caso principalmente delle donne, che non beneficiano del 2

3 progresso economico al pari degli uomini, ma che vivono una condizione di subordinazione in tutte le regioni del mondo. L Agenzia delle Nazioni Unite per lo Sviluppo ha elaborato un indice sensibile alle differenze di genere: l Indice di Sviluppo di Genere (ISG). Quest ultimo misura i risultati conseguiti da donne e uomini nell ambito di tre dimensioni fondamentali della vita umana quali: vivere una vita lunga e sana (misurata dalla speranza di vita alla nascita), la conoscenza (misurata dai tassi di alfabetizzazione e scolarità) e uno standard di vita dignitoso, (misurato dal reddito percepito) 2. L ISG rileva come in nessuna società le donne raggiungano gli stessi conseguimenti degli uomini in questi tre ambiti. Le disparità che penalizzano le donne in tutte le regioni del mondo sono rilevate, non solo attraverso questo indice sintetico, ma anche grazie alle ricerche empiriche di autorevoli studiosi delle problematiche dello sviluppo. Amartya Sen ha riscontrato come la disuguaglianza di genere nei campi dell alimentazione e delle cure sanitarie, causi la morte prematura di milioni di donne che, secondo le leggi demografiche, dovrebbero vivere molto più a lungo degli uomini. Inoltre l attenzione delle Nazioni Unite nei confronti delle problematiche femminili, manifestata nel corso del Ventennio per la Donna ( ), ha promosso un ampio dibattito che ha consentito di portare alla luce gravi disparità a sfavore delle donne in ambito: sociale, economico e politico. 3. Le cause della condizione di subordinazione che le donne vivono nei confronti degli uomini vanno ricondotte al fatto che la scienza economica e le istituzioni mantengono la donna in una condizione di invisibilità. Le necessità delle donne, infatti, non vengono tenute in considerazione nell elaborazione delle politiche economiche, inoltre il contributo economico della donna al processo di sviluppo viene largamente ignorato. Il lavoro femminile viene catalogato come improduttivo (non è rilevato dalle statistiche della contabilità nazionale, non è riconosciuto socialmente, né remunerato), nonostante le evidenze empiriche dimostrino che le donne si assumono quotidianamente un carico di lavoro superiore a quello degli uomini. In nessuna società le donne possono godere degli stessi diritti degli uomini: sono penalizzate dalla mancanza di accesso alla proprietà della terra, dalla subordinazione agli uomini nell esercizio dei diritti legali, 2 Sono le stesse dimensioni prese in considerazione dall ISU. 3

4 dalla limitata presenza nei posti decisionali e di potere e dallo scarso accesso al credito istituzionale. Tutti questi fattori impediscono alle donne di cogliere le opportunità dello sviluppo. Nonostante le istituzioni tutelino i diritti nominali delle donne, questi vengono spesso calpestati in nome delle norme culturali, che manifestano dovunque la tendenza a mantenere la donna in una posizione di inferiorità rispetto all uomo. Spesso tale condizione di subordinazione è acuita proprio dalle politiche di sviluppo, che non riconoscono le donne come agenti del cambiamento sociale, ma che al contrario contribuiscono ad abbassarne lo status all interno della società. I progetti di sviluppo nella maggior parte dei casi sono destinati agli uomini, consolidando la tendenza a porre gli uomini al lato del progresso e le donne a quello della tradizione. 4. Le disparità di genere che sfavoriscono sistematicamente le donne non scompaiono automaticamente con lo sviluppo economico. I risultati di numerose ricerche empiriche dimostrano come spesso più alti livelli di reddito non corrispondono a maggiore uguaglianza di genere (in paesi più poveri di altri le donne vivono in condizioni relativamente migliori). Ciò dipende dalla divisione dei ruoli imposta socialmente, dallo status economico della donna e dal suo potere di influenzare le decisioni all interno della famiglia. Bisogna riconoscere l importante contributo fornito dalla donna al processo di sviluppo e, per fare ciò, è necessario introdurre la riproduzione sociale nell analisi macroeconomica e formulare politiche in una prospettiva di genere, in cui anche le esigenze delle donne siano tenute in considerazione. Spesso invece, le politiche di sviluppo che vengono attuate in modo neutrale, si rivelano dannose per le donne ed inefficaci in termini di sviluppo umano. Per evitare che le politiche di sviluppo aggravino ulteriormente la situazione, è importante che i policy-makers ne studino l impatto su entrambi i generi e analizzino le dinamiche intrafamiliari di allocazione delle risorse, del tempo e del potere. Uno dei più comuni errori di pianificazione consiste infatti nello scegliere i nuclei familiari nel loro insieme quali destinatari dei progetti di sviluppo, immaginando che i benefici ricadano in modo indifferenziato su tutti i componenti. Adottare una prospettiva di genere nell analisi delle problematiche dello sviluppo è un passo fondamentale che deve essere compiuto affinché questo processo consenta a tutte le persone, e non solamente ad una parte di esse, di ampliare le proprie capacità di scelta. 4

5 5. Le disparità di genere che colpiscono le donne nel mondo non sono una questione che le riguarda privatamente, al contrario, tali disuguaglianze minacciano tutto il processo di sviluppo della società. Laddove le donne sono inserite nel processo di sviluppo e godono di autonomia e potere decisionale all interno della famiglia e della società, si riscontrano benefici non solo per le stesse, ma per tutta la popolazione. Molti studi dimostrano come la predisposizione altruistica delle donne e la loro maggiore propensione ad investire nello sviluppo delle capacità umane, si traduca in migliore benessere per le generazioni future. Infatti, l esclusione delle donne dalla partecipazione alla vita sociale, politica ed economica causa un rallentamento dello sviluppo. Ad esempio, investire in politiche che puntino all innalzamento dell istruzione femminile comporta numerosi effetti positivi che non si ottengono investendo nell istruzione maschile: un aumento del livello di istruzione femminile riduce la mortalità infantile ed influisce positivamente sul controllo delle nascite; inoltre donne maggiormente istruite sono più propense a adottare comportamenti che promuovono la salute. Al contrario, bassi investimenti nell istruzione femminile, non solo riducono il benessere loro e delle loro famiglie, ma anche l output totale del paese in cui vivono. Gli effetti positivi di un maggiore coinvolgimento delle donne nel processo di sviluppo si osservano anche in altri ambiti: ad esempio, una più elevata partecipazione delle donne alla vita pubblica è associata a maggiore trasparenza negli affari e ad un modo di governare migliore grazie ai migliori standard di comportamento etico e alla loro avversione al rischio. Inoltre l evidenza empirica dimostra che ci sono differenze significative nella spesa familiare, a seconda che il reddito sia controllato da donne o da uomini. Le donne spendono una proporzione più alta del loro reddito per il mantenimento e il miglioramento delle capacità umane, attribuendo una priorità superiore alla spesa per l alimentazione, per la salute e per l istruzione di tutti i componenti della famiglia: tutto ciò comporta effetti benefici a livello intergenerazionale. Organizzazione del lavoro Il primo capitolo di questo lavoro discute l evoluzione del concetto di sviluppo dagli anni cinquanta fino ad oggi. All inizio di questo percorso lo sviluppo era identificato con la crescita economica; gradualmente, dalla teoria del capitale umano, 5

6 alle teorie del welfare, fino all approccio delle capacità di Amartya Sen, la persona è divenuta sempre più protagonista e destinataria delle politiche di sviluppo. L approccio delle capacità di Sen supporta il nuovo paradigma dello sviluppo che non è più solo economico, ma anche umano. Con il cambiare del concetto di sviluppo cambiano anche gli indicatori utilizzati per misurarlo: dall uso di indicatori strettamente economici e puramente quantitativi come il PNL, si è passati all utilizzo di indicatori sociali, che tengono in considerazione anche variabili non economiche che influiscono sulla qualità della vita delle persone. Tra essi l Indice di Sviluppo Umano (ISU), proposto nel 1990 dall Agenzia delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, che misura i risultati conseguiti dagli individui in tre dimensioni fondamentali della vita umana: la capacità di vivere una vita lunga e sana, la conoscenza, e la capacità di avere uno standard di vita dignitoso. All interno di questo capitolo, una breve analisi statistica mostra come non necessariamente la crescita economica si traduca in sviluppo umano e suggerisce l esigenza di prestare attenzione da parte delle istituzioni e dei policy-makers alle disuguaglianze che operano nella società, compromettendo la possibilità che tutti esercitino le capacità fondamentali. Nel secondo capitolo si vuole illustrare come tra le disuguaglianze che colpiscono la società, quelle di genere siano tra le più rilevanti: il gender viene introdotto come categoria di analisi delle problematiche dello sviluppo. Inizialmente si presenta una breve rassegna di contributi di tre illustri studiosi: Esther Boserup, Martha Nussbaum ed Amartya Sen, che hanno dato forte impulso alla ricerca ed allo studio della condizione femminile nel mondo, con particolare riferimento ai paesi poveri. La Boserup per la prima volta sottolinea la condizione di invisibilità cui la donna è relegata nei paesi meno sviluppati, analizzando il ruolo delle donne e individuando il carattere profondamente culturale e non biologico della divisione sessuale del lavoro, che assegna all uomo il ruolo di protagonista e beneficiario del progresso, lasciando la donna nell ombra. La Nussbaum approfondisce le considerazioni del capabilities approach di Sen ed individua una lista di capacità centrali di cui ogni persona dovrebbe disporre per condurre una vita che si possa definire pienamente umana, e che invece sono negate soprattutto alle donne, attraverso l influenza delle norme religiose o culturali e delle istituzioni. L autrice sottolinea la necessità che il pensiero economico e la politica internazionale considerino con attenzione i problemi specifici che interessano 6

7 le donne di tutto il mondo proprio a causa del loro sesso, sostenendo che l approccio delle capacità debba essere utilizzato come base per elaborare una teoria della giustizia di genere. Infine Sen individua come le disparità di genere denunciate nella letteratura non siano un problema astratto o che si verifica nell ambito di casi isolati, ma di come abbia a che fare con eventi comuni e quotidiani, che hanno conseguenze drammatiche in termini di vite umane. Sen sviluppa un analisi empirica che illustra l impatto delle discriminazioni di genere sulla longevità e sui tassi di mortalità all interno della quale stima che nel mondo vi siano ben 100 milioni di missing women a causa delle disparità di genere che le penalizzano, sopratutto in alcune regioni. L Agenzia delle Nazioni Unite per lo Sviluppo ha raccolto le riflessioni della letteratura ed ha elaborato, sullo stampo dell Indice di Sviluppo Umano, degli indici sensibili alle differenze di genere. Tali indicatori sono sommari, perciò non sono in grado di illustrare la reale condizione femminile all interno delle diverse nazioni del mondo ma, analizzando alcuni aspetti misurabili relativi allo status delle donne e alla qualità delle loro vite, forniscono informazioni rilevanti sulla diffusa e persistente disuguaglianza di genere che intacca seriamente la condizione politica, economica e sociale di molti paesi. La creazione di questi indici ha il merito di avere contribuito in modo significativo al dibattito sulle disparità di genere e sulla loro misurazione e di aver indirizzato i policymakers a formulare politiche di sviluppo volte ad attenuare tali disparità. In questo capitolo si presenta la definizione ed il procedimento metodologico per il calcolo di suddetti indici e viene discussa la loro utilità nel dimostrare in modo analitico le disparità che sfavoriscono le donne in ogni società. Il terzo capitolo prende in considerazione l attività svolta dalle Nazioni Unite in favore della donna, in particolar modo durante il ventennio proclamato Ventennio ONU per la Donna all interno del quale si sono svolte le quattro Conferenze Mondiali sulla Donna culminate con la conferenza di Pechino del Nel corso di questi venti anni il dibattito sulla questione femminile si è evoluto, e sono emerse profonde differenze di vedute tra donne appartenenti a culture diverse, in modo particolare tra le donne dei paesi industrializzati e dei paesi del Sud del mondo, che per la prima volta in occasione di queste conferenze hanno avuto modo di far sentire la loro voce in ambito internazionale. Ciononostante il dibattito nel corso degli anni si è svolto in modo costruttivo, e le Conferenze su donne e sviluppo hanno contribuito 7

8 materialmente ad accrescere la consapevolezza nella comunità mondiale circa la rilevanza delle disparità di genere. Il capitolo concentra l analisi su alcune aree di grande importanza in cui si rilevano disparità di genere che sfavoriscono le donne, in particolar modo nei paesi in via di sviluppo, e presenta un interessante analisi ex-post effettuata dall antropologa sociale Caroline Moser, che prende in rassegna i principali approcci politici allo sviluppo elaborati durante il Ventennio per la Donna indetto dall ONU. Nel quarto capitolo si analizza la dimensione familiare in cui è inserita la donna ed il ruolo che svolge all interno della famiglia e della società. La famiglia si individua quale il perno delle disuguaglianze che penalizzano la donna, che vengono estese a tutti gli altri ambiti della società, tra questi il mercato del lavoro. La condizione di subordinazione della donna nei confronti dell uomo ha origine nell impianto teorico della scienza economica classica, che ha sempre qualificato come improduttivo il lavoro svolto dalle donne, il cui sostentamento è fatto dipendere dal lavoro salariato dell uomo. Con l affermarsi della teoria neoclassica, tale posizione di dipendenza non è cambiata, anzi è stata consolidata all interno della New Household Economics di Gary Becker. Nonostante l impostazione capitalista dipenda fortemente dal lavoro svolto dalle donne, quest ultimo non è riconosciuto socialmente e non viene retribuito, ciò causa comportamenti fortemente discriminatori all interno della famiglia e della società, che minano la possibilità delle donne di disporre persino delle capacità umane fondamentali. In questo capitolo sono presentate evidenze empiriche di tale situazione e si suggerisce l intervento delle istituzioni affinché cambino l ordine delle cose e garantiscano alle donne di partecipare e beneficiare del processo di sviluppo al pari degli uomini, sia perché è giusto in sé, sia perché investire sulle donne si rivela essere la migliore strategia di sviluppo. 8

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Roma, 14 maggio 2014 Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Sistema di educazione e istruzione per la prima infanzia Alcune

Dettagli

Regolamento del Fondo Famiglie Solidali. INTRODUZIONE Un Servizio-Segno della Chiesa di Crema a favore di famiglie che hanno perso il lavoro.

Regolamento del Fondo Famiglie Solidali. INTRODUZIONE Un Servizio-Segno della Chiesa di Crema a favore di famiglie che hanno perso il lavoro. Regolamento del Fondo Famiglie Solidali INTRODUZIONE Un Servizio-Segno della Chiesa di Crema a favore di famiglie che hanno perso il lavoro. La situazione di crisi economica conseguente alla grave crisi

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

Offerte tecniche con approccio PCM Project Cycle Management Sassari, 16 settembre 2015

Offerte tecniche con approccio PCM Project Cycle Management Sassari, 16 settembre 2015 Offerte tecniche con approccio PCM Project Cycle Management Sassari, 16 settembre 2015 Cinzia Sanna Poliste srl IL PCM - PROJECT CYCLE MANAGEMENT Nasce negli anni 90 Perché? ANALISI DELLE CRITICITÀ DEI

Dettagli

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it *Perché parliamo di genere e salute augusta.angelucci@alice.it La conferenza di PechIno 1995 ha a introdotto i principi di : EMPOWERMENT E GENDER MAINSTREAMING 28/10/15 La Conferenza ha adottato la Piattaforma

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La ricchezza immateriale Giornata della proprietà intellettuale Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro On. Prof. Antonio Marzano CNEL Roma, 29 aprile 2011 1. La Ricchezza

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 9-1 La discriminazione del mercato del lavoro -Introduzione -Il coefficiente di discriminazione 1 Introduzione Nei capitoli precedenti abbiamo studiato come le differenze

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

Perché un paese come la Svizzera dovrebbe introdurre il bilancio genere?

Perché un paese come la Svizzera dovrebbe introdurre il bilancio genere? L Arte di amministrare la cosa pubblica: il bilancio di genere quale strumento di parità Perché un paese come la Svizzera dovrebbe introdurre il bilancio genere? Marina Carobbio 1 Il bilancio di genere

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia. Punto della Rete informativa per

Dettagli

CORSO DI MACROECONOMIA

CORSO DI MACROECONOMIA CORSO DI MACROECONOMIA Prof. Giuseppe Travaglini Dott.ssa Elisa Lenti Anno accademico 2014-20152015 TEMI DI RIFLESSIONE MACROECONOMICA L Offerta: Il Pil, la Spesa Aggregata, la struttura produttiva delle

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Documento di seduta 3.9.2010 B7-0491/2010 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B7-0457/2010 a norma dell'articolo

Dettagli

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste tel 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 a cura della

Dettagli

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO Gli Agronomi nel VI Congresso Mondiale di Milano, ambientato in EXPO2015, Padiglione della Fattoria Globale del Futuro - Farm LAB, approvano la Carta Universale dell Agronomo

Dettagli

Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere

Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere Conferenza ISTAT OCSE Roma, 24 Gennaio 2012 Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere Stefano Scarpetta Vice Direttore della Direzione Lavoro, Occupazione e Affari Sociali, OCSE OECD,

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

LE PENSIONI IN ITALIA

LE PENSIONI IN ITALIA Le riforme pensionistiche in Italia LE PENSIONI IN ITALIA Il sistema pensionistico prima della riforma Amato La riforma di Amato del 1993 La riforma Dini del 1995 Le riforme recenti: Maroni e Fornero Bosi

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 Ass.N.A.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE ASSISTENTI SOCIALI MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 L Ass.N.A.S.- Associazione Nazionale Assistenti Sociali intende dare, con questo documento,

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere Le problematiche della donna nel terzo millennio La medicina di genere Il genere è un determinante della salute perché coinvolge uomo/donna dallo sviluppo infantile alla senescenza La salute della donna

Dettagli

Social Watch: Italia al 72 posto

Social Watch: Italia al 72 posto Social Watch: Italia al 72 posto E' dietro a Grecia, Slovenia, Cipro e Repubblica Dominicana secondo l Indice calcolato nell ultimo rapporto della rete internazionale. Anche i paesi poveri possono raggiungere

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007 Ministero Dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle Finanze Direzione Studi e Ricerche Economico Fiscali Statistiche Fiscali Approfondimenti febbraio 2010 Misure globali della progressività, dell

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

DONNE E LAVORO AGRICOLO:

DONNE E LAVORO AGRICOLO: DONNE E LAVORO AGRICOLO: SFIDE E PROPOSTE PER L AGENDA DI SVILUPPO POST 2015 Valentina Franchi Organizzazione delle Nazioni Unite per l Agricoltura e l Alimentazione IL RUOLO DELLE DONNE NELL AGRICOLTURA

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT (LA GESTIONE DELLE DIVERSITÁ DELLE PERSONE IN AZIENDA) L incremento dell eterogeneità all interno dei mercati del lavoro rappresenta una delle principali caratteristiche

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli