Possiamo sinteticamente riassumere l attività bancaria in cinque aree di attività: partecipazioni, raccolta, credito, finanza, servizi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Possiamo sinteticamente riassumere l attività bancaria in cinque aree di attività: partecipazioni, raccolta, credito, finanza, servizi."

Transcript

1

2

3 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive rispetto a quello delle imprese commerciali, perché unica è l attività bancaria rispetto alle altre attività economiche. Possiamo sinteticamente riassumere l attività bancaria in cinque aree di attività: partecipazioni, raccolta, credito, finanza, servizi. In relazione alle attività tipiche le voci di bilancio più significative saranno: Stato patrimoniale: Debiti verso la clientela (attività di raccolta) Crediti finanziari vs la clientela (attività di impiego) Partecipazioni in imprese finanziarie e non Titoli di proprietà, contratti derivati in essere, crediti/debiti di natura interbancaria Conto economico: Interessi attivi e passivi Commissioni e provvigioni Risultati di operazioni relative a partecipazioni, portafoglio titoli e derivati

4 Premessa Ovviamente nel bilancio di una banca saranno presenti anche voci non finanziarie, quali ad esempio immobilizzazioni, crediti e debiti commerciali, affitti, Le voci di natura finanziaria rappresentano tuttavia il cuore del bilancio. Infine, il peso delle singole voci varia in relazione al grado di specializzazione/diversificazione delle singole banche. Le banche presentano delle peculiarità rispetto alle imprese non bancarie: Peculiarità macro Materia trattata (intermediazione) Vigilanza ruolo della Banca d Italia Rischi sociali Integrazione dei mercati finanziari Peculiarità micro Peculiarità micro Dimensione assoluta dei dati finanziari Prevalenza delle poste finanziarie rispetto a quelle non finanziarie Importanza delle poste patrimoniali

5 I criteri contabili internazionali introdotti con regolamento CE 1606 del 2002 IAS: International Accounting Standards ovvero IFRS: International Financial Reporting Standards dello IASB Regole di contabilità emanate per facilitare il confronto internazionale e rispettare principi di trasparenza e corretta attribuzione di valore Presupposti diversi dai classici principi italiani (costo storico e prudenza) Enfasi su comunicazione agli investitori e sul concetto di fair value Criterio del fair value: corrispettivo al quale un attività può essere scambiata o una passività estinta, in una transazione tra parti consapevoli e disponibili Introdotti in Italia con il D.Lgs.: n. 38 del 28 febbraio 2005 e applicati a partire dai bilanci 2005 (bilanci consolidati) e 2006 (per i bilanci individuali). PER LE BANCHE: Circolare Bankitalia n. 262 del 22 dicembre 2005 Bilancio bancario: schemi e regole di compilazione

6 Il bilancio IAS: definizioni preliminari STRUMENTI FINANZIARI CREDITI IAS 32: uno strumento finanziario è qualsiasi contratto che dia origine ad un attività finanziaria per un entità e ad una passività finanziaria o ad uno strumento rappresentativo di capitale per un altra entità IAS 39: sono crediti le attività finanziarie originate dall impresa per fornire denaro, beni o servizi direttamente ai clienti, a condizione che non siano quotati, allocati come held for trading o available for sale o acquistati da terzi; sono esclusi, inoltre, quelli acquisiti in operazioni di cartolarizzazione

7 I principi IAS definiscono 4 categorie di Attività finanziarie in base alla funzione (IAS 39) 1. Attività detenute a scopo di negoziazione (Held for trading): Sono state acquistate con scopo di vendita o riacquisto a breve termine; Sono parte di un portafoglio di strumenti finanziari per i quali la strategia di gestione è tesa all ottenimento di un profitto nel breve periodo; 2. Attività detenute fino alla scadenza (Held to maturity): Sono attività finanziarie non derivate con pagamenti fissi e determinabili e scadenza fissa; L entità che le possiede ha oggettiva intenzione e capacità di possederle fino a scadenza; 3. Attività disponibili per la vendita (Available for sale): categoria residuale, composta da attività finanziarie non derivate che non rientrano nelle categorie 1) e 2); 4. Attività originate dall impresa, cioè debiti e crediti finanziari (Loans& receivables). La classificazione è analoga alla presente per le passività finanziarie: Passività di negoziazione Passività detenute per finalità diverse dalla negoziazione

8 Il bilancio IAS: definizioni preliminari Le categorie degli strumenti finanziari I principi contabili internazionali distinguono, quindi, tra: Financial asset Disponibilità liquide; Diritti contrattuali a scambiare strumenti finanziari con altra entità a condizioni potenzialmente favorevoli; Strumenti rappresentativi di patrimonio netto di un altra impresa. Financial liability Obbligo contrattuale a consegnare disponibilità liquide o altre attività finanziarie ad un altra entità; Obbligo contrattuale a scambiare strumenti finanziari con un altra entità a condizioni potenzialmente sfavorevoli. Derivative instrument Strumento finanziario o altro contratto che presenta tutte le tre seguenti caratteristiche: Il valore cambia a seguito della variazione del underlying ; Investimenti inferiori rispetto ad altri contratti che generano variazioni analoghe; Regolamento a data futura.

9 Il bilancio IAS: definizioni preliminari Le categorie degli strumenti finanziari: Derivative instruments Relativamente alla finalità di impiego, i contratti derivati si distinguono in: Derivati di negoziazione (Trading) = Derivati di copertura (Hedging) Operazioni realizzate con l obiettivo di ottenere profitti, in base a previsioni circa l andamento di variabili rilevanti Operazioni realizzate con l obiettivo di neutralizzare le conseguenze negative di variazioni sfavorevoli, ovvero inattese, di variabili finanziarie come tassi di interesse, tassi di cambio, prezzi di azioni

10 Il bilancio IAS: definizioni preliminari Le categorie degli strumenti finanziari: Derivative instruments Lo IAS 39 definisce in modo molto restrittivo il concetto di copertura. Per poter classificare uno strumento derivato come di copertura, devono essere rispettate e adeguadatamente documentate le seguenti condizioni: 1. La relazione di copertura deve essere identificata e documentata all inizio dell operazione; 2. La copertura deve essere altamente efficace sia all inizio che durante la vita dell operazione; 3. L efficacia della copertura deve essere misurata in modo affidabile durante la vita dell operazione; Dal punto di vista documentale, lo IAS 39 disciplina che, all inizio dell operazione e in chiusura di esercizio, l operazione di copertura sia accompagnata da: un documento che evidenzi la relazione fra elemento coperto e strumento di copertura; un documento che evidenzi gli obiettivi aziendali di gestione del rischio e un documento che evidenzi la strategia di copertura.

11 Il bilancio IAS: definizioni preliminari Le categorie degli strumenti finanziari: Derivative instruments Lo IAS 39 definisce EFFICACE una copertura se: Variazioni di valore dell elemento coperto 80% 125% Variazioni di valore dello strumento di copertura Lo IAS 39 prevede tre tipologie di copertura: 1. Fair value hedge: consente di compensare la variazione di fair valuedi un elemento coperto con l opposta variazione del fair value dello strumento di copertura; 2. Cashflow hedge: è la copertura dell esposizione alla variabilità dei flussi finanziari, attribuibile ad un particolare rischio associato ad una attività o passività rilevata; 3. Net investment hedge: gli utili e le perdite derivanti dalla valutazione al mercato delle operazioni in derivati sono imputati direttamente a patrimonio netto per la parte che copre in modo efficace il rischio per il quale sono state poste in essere,mentre viene registrata a Conto Economico l eventuale parte non efficace.

12 La struttura La Circolare 262 stabilisce in primo luogo la struttura obbligatoria del bilancio bancario, precisandone i documenti di cui si compone: STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DI PATRIMONIO NETTO RENDICONTO FINANZIARIO RELAZIONE SULLA GESTIONE Definisce inoltre la forma (come devono essere presentati ) e i contenuti (quali informazioni devono essere riportate) del bilancio

13 Documenti di bilancio IAS: generalità E consentita l aggiunta di nuove Voci, purché il loro contenuto non sia riconducibile ad alcuna delle Voci già previste e solo per importi di rilievo; Le Sottovoci previste dagli schemi possono essere raggruppatequando ricorra una delle due seguenti condizioni: 1. L importo delle Sottovoci è irrilevante; 2. Il raggruppamento favorisce la chiarezza del bilancio. Gli schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico sono costituiti da: Voci: contrassegnate da numeri; Sottovoci: contrassegnate da lettere; Ulteriori dettagli informativi ( di cui di Voci e Sottovoci). Per ogni conto dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico occorre indicare anche l importo dell esercizio precedente.

14 Lo Stato Patrimoniale E rappresentato dall insieme delle attività, passività e patrimonio netto, valorizzati ad espressi alla data di chiusura del periodo contabile. Il prospetto è a sezioni divise e contrapposte, separando quindi i conti dell attivo da quelli del passivo e del patrimonio netto. Schema obbligatorio (ex Circolare 262) differenziato per dimensione dell attivo al fine di agevolare comparabilità fra banche. Distinzione delle diverse voci per natura. Le voci più significative vengono riportate con un maggiore dettaglio (es.: crediti finanziari- voci 60 e 70- e i debiti finanziari voci 10, 20 e 30)

15 Lo Stato Patrimoniale ATTIVO Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie detenute per negoziazione Attività finanziarie valutare al fair value Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute fino a scadenza Crediti vs banche Crediti vs clientela Derivati di copertura Adeguamento di valore delle Att. Fin. oggetto di copertura generica Partecipazioni Attività materiali Attività immateriali di cui : -avviamento Attività fiscali Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione Altre attività T T-1

16 Lo Stato Patrimoniale PASSIVO E PATRIMONIO NETTO Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value Derivati di copertura Adeguamento di valore delle Pass. Fin. oggetto di copertura generica Passività fiscali a) correnti b) differite Passività associate a gruppi di attività in via di dismissione Altre passività TFR Fondi per rischi e oneri a) quiescenza e obblighi simili b) altri fondi Riserve da valutazione Azioni rimborsabili Strumenti di capitale Riserve Sovrapprezzi di emissione Capitale Azioni proprie (-) Utile (Perdita) di esercizio T T-1

17 Stato Patrimoniale Analisi dell Attivo Voce 10) Cassa e disponibilità liquide: accoglie le valute aventi corso legale, comprese banconote e monete divisionali estere e i depositi liberi verso la Banca centrale del Paese in cui la banca risiede con proprie filiali; Voce 20) Attività finanziarie detenute per la negoziazione+voce 30) Attività finanziarie valutate al fair value +Voce 40) Attività finanziarie disponibili per la vendita+voce 50) Attività finanziarie detenute fino alla scadenza: accolgono gli strumenti finanziari, come definiti dallo IAS 39; Voce 60) Crediti verso banche: accoglie le attività finanziarie non quotate verso banche (conti correnti, depositi cauzionali, titoli di debito, crediti di funzionamento, ecc.); Voce 70) Crediti verso la clientela: accoglie le attività finanziarie non quotate verso la clientela (mutui, operazioni di locazione finanziaria, operazioni di factoring, titoli di debito, crediti di funzionamento, ecc.). In questa Voce sono, inoltre, inclusi i crediti verso gli Uffici Postali e la Cassa Depositi e Prestiti, nonché i margini di variazione presso organismi di compensazione a fronte di operazioni in contratti derivati;

18 Stato Patrimoniale Analisi dell Attivo Voce 80) Derivati di copertura: vi figurano i derivati finanziari e creditizi di copertura che, alla data di riferimento del bilancio, presentano un fair value positivo; Voce 90) Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura generica: accoglie il saldo, positivo o negativo,delle variazioni di valore delle attività oggetto di copertura generica ( macrohedging ) dal rischio di tasso di interesse; Voce 100) Partecipazioni: accoglie le partecipazioni in società controllate in modo congiunto e sottoposte ad influenza notevole (IAS 27), diverse da quelle ricondotte nelle Voci 20) e 30), ai sensi, rispettivamente, di IAS 28 e IAS 31; Voce 110) Attività materiali:vi figurano i beni materiali ad uso funzionale e attività oggetto di leasing (IAS 16, Immobili, Impianti e Macchinari, IAS 40, Investimenti immobiliari e IAS 17, Leasing ). N.B. I principi contabili internazionali prevedono che il bene oggetto di leasing venga rilevato nello Stato Patrimoniale del locatario, con contestuale registrazione nel Passivo patrimoniale del debito nei confronti del locatore, progressivamente ridotto dal pagamento dei canoni di leasing, rilevati come costi in Conto Economico;

19 Stato Patrimoniale Analisi dell Attivo Voce 120) Attività immateriali: attività detenute a scopo di investimento (IAS 38, Attività immateriali ); Voce 130) Attività fiscali: vi figurano le attività fiscali correnti e anticipate; Voce 140) Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione: vi figurano le singole attività ed i gruppi di attività in via di dismissione di cui all IFRS 5, Attività non correnti destinate alla vendita e attività cessate ; Voce 150) Altre attività: accoglie le attività non riconducibili alle altre Voci dell Attivo patrimoniale. N.B. I principi contabili internazionali statuiscono la riconduzione a voce propria delle poste non monetarie note come Ratei e Risconti (es. il rateo cedolare relativo ad un attività finanziaria detenuta per la negoziazione dovrà essere incluso nelle Voce 20) dello Stato Patrimoniale, non nella presente Voce 150)).

20 Stato Patrimoniale Analisi del Passivo Voce 10) Debiti verso banche: accoglie i debiti verso banche, qualunque sia la loro forma tecnica, ad eccezione di quelli inclusi nelle Voci 40) e 50); Voce 20) Debiti verso la clientela: vi figurano i debiti verso la clientela, qualunque sia la loro forma tecnica, diversi da quelli ricondotti nelle Voci 40) e 50) e dai titoli di debito indicati nella Voce 30); Voce 30) Titoli in circolazione: vi figurano i titoli emessi, quotati e non quotati, valutati al costo ammortizzato, al netto dei titoli riacquistati. Sono, inoltre, inclusi i titoli che alla data di riferimento del bilancio risultano scaduti ma non ancora rimborsati; è, invece, esclusa la quota dei titoli di debito di propria emissione non ancora collocata presso terzi; Voce 40) Passività finanziarie di negoziazione+voce 50) Passività finanziarie valutate al fair value: accolgono gli strumenti finanziari, come definiti; Voce 60) Derivati di copertura: vi figurano i derivati finanziari e creditizi di copertura che, alla data di riferimento del bilancio, presentano un fair value negativo;

21 Stato Patrimoniale Analisi del Passivo Voce 70) Adeguamento di valore delle passività finanziarie oggetto di copertura generica: accoglie il saldo, positivo o negativo,delle variazioni di valore delle passività oggetto di copertura generica ( macrohedging ) dal rischio di tasso di interesse; Voce 80) Passività fiscali: vi figurano le passività fiscali, correnti e differite; Voce 90) Passività associate ad attività in via di dismissione: cfr. quanto detto per Voce 140) S.P. Attivo; Voce 100) Altre passività: cfr. quanto detto per Voce 150) S.P. Attivo; Voce 110) TFR: accoglie il trattamento di fine rapporto per lavoro dipendente; Voce 120) Fondi per rischi ed oneri: in questa Voce sono indicati: I Fondi di quiescenza ed obblighi simili classificati come fondi interni ai fini della vigente normativa prudenziale; I Fondi per rischi ed oneri costituiti in base a quanto previsto dai Principi IAS, ad eccezione delle svalutazioni dovute al deterioramento delle garanzie rilasciate e dei derivati creditizi ad esse assimilati ai sensi dello IAS 39;

22 Stato Patrimoniale Analisi del Passivo Voce 130) Riserve da valutazione: accoglie le riserve da valutazione relative a: Attività finanziarie disponibili per la vendita; Attività materiali e immateriali nell ipotesi di utilizzo del metodo della rivalutazione; Copertura di investimenti esteri; Copertura dei flussi finanziari; Differenze di cambio da conversione, Singole attività e gruppi di attività in via di dismissione; Voce 140) Azioni rimborsabili: accoglie le azioni relativamente alle quali la società emittente ha assunto verso il socio l obbligazione di rimborso/riacquisto ad un prezzo prefissato; Voce 150) Strumenti di capitale: vi figura l ammontare complessivo degli strumenti rappresentativi di patrimonio netto, diversi dal capitale (Voce 180) e dalle riserve (Voce 160); Voce 160) Riserve: accoglie le riserve di utili; Voce 170) Sovrapprezzi di emissione: accoglie le maggiorazioni di prezzo applicate alle azioni della banca rispetto al valore nominale;

23 Stato Patrimoniale Analisi del Passivo Voce 180) Capitale: vi figura l importo delle azioni (o quote) emesse dalla banca (o il suo fondo di dotazione), al netto dell importo del capitale sottoscritto e non ancora versato; Voce 190) Azioni proprie: vi figurano, con segno negativo, le azioni proprie della banca detenute dalla banca stessa; Voce 200) Utile/Perdita di esercizio: accoglie il risultato economico dell esercizio di riferimento.

24 Il Conto Economico Lo schema obbligatorio di Conto Economico accoglie i componenti positivi e negativi di reddito di competenza del periodo contabile di riferimento. Il Conto Economico ha una struttura di tipo progressivo, anche se talvolta alcune voci sono avvicinate per natura. La struttura verticale del prospetto permette di determinare diversi margini intermedi prima di giungere al risultato netto.

25 Conto Economico 10. Interessi attivi e proventi assimilati 20. Interessi passivi e oneri assimilati 40. Commissioni attive 50. Commissioni passive 70. Dividendi e proventi simili 80. Risultato netto dell attività di negoziazione 90. Risultato netto dell attività di copertura 100. Utili/perdite da cessione o riacquisto 110. Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value 130. Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento 150. Spese amministrative 160. Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri 170. Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali 180. Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali 190. Altri oneri/proventi di gestione 210. Utili (Perdite) delle partecipazioni 220. Risultato netto della valutazione al fair value delle attività materiali e immateriali 230. Rettifiche di valore dell avviamento 240. Utili (Perdite) da cessione di investimenti 260. Imposte sul reddito dell'esercizio dell operatività corrente 280. Utile (Perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte 290. Utile (Perdita) d'esercizio Voci T T-1

26 Conto Economico: alcune considerazioni Le attività di servizio emergono chiaramente alle voci 40 (commissioni attive) e 50 (commissioni passive) Il cuore di un conto economico bancario è rappresentato da due voci: margine da interesse e commissioni nette, confermando che il risultato di esercizio deriva soprattutto dall attività di raccolta e di impiego e dall offerta alla clientela dei servizi di tipo diverso. Il confronto fra i due margini (di interesse e da commissioni) spiega l impostazione del business bancario: Banca commerciale, banca d investimento, banca universale. Presenza di voci contabili che sono il risultato di procedimenti di valutazione delle diverse categorie di asset da parte della banca alla fine dell esercizio: le rettifiche Nel bilancio redatto secondo i principi IAS non vi è separazione fra i risultati derivanti da operazioni di carattere ordinario da quelle di carattere straordinario, solo l analisi congiunta con la Nota integrativa consente di distinguere le due componenti.

27 Analisi delle Voci Voce 10) Interessi attivi e proventi assimilati+voce 20) interessi passivi e oneri assimilati: vi sono iscritti gli interessi attivi e passivi ed i proventi ed oneri assimilati relativi, rispettivamente, a disponibilità liquide, attività finanziarie detenute per la negoziazione, attività finanziarie detenute sino alla scadenza, attività finanziarie disponibili per la vendita, crediti, attività finanziarie valutate al fair valuee a debiti, titoli in circolazione, passività finanziarie di negoziazione, passività finanziarie valutate al fair value, nonché eventuali altri interessi maturati nell esercizio. In questa Voce figurano anche i differenziali o i margini maturati sino alla data di riferimento del bilancio relativi a contratti derivati scaduti o chiusi entro fine esercizio; Voce 40) Commissioni attive+voce 50) Commissioni passive: vi figurano, i proventi e gli oneri relativi, rispettivamente, ai servizi prestati e a quelli ricevuti dalla banca; Voce 70) Dividendi e proventi simili: accoglie i dividendi relativi ad azioni o quote detenute in portafoglio diverse da quelle valutate in base al metodo del patrimonio netto. Sono, inoltre, compresi i dividendi e gli altri proventi di quote di O.I.C.R. (Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio);

28 Analisi delle Voci Voce 80) Risultato netto dell attività di negoziazione: accoglie, per sbilancio complessivo: Il saldo tra profitti e perdite delle operazioni classificate nelle attività finanziarie detenute per la negoziazione e nelle passività finanziarie di negoziazione, inclusi i risultati delle valutazioni di tali operazioni; Il saldo tra profitti e perdite delle operazioni finanziarie, diverse da quelle designate al fair value e da quelle di copertura, denominate in valuta, inclusi i risultati delle valutazioni di tali operazioni; Voce 90) Risultato netto dell attività di copertura: accoglie, per sbilancio complessivo: I risultati delle valutazioni delle operazioni di copertura del fair value e dei flussi finanziari; I risultati delle valutazioni delle attività e passività finanziarie oggetto di copertura del fair value; i differenziali e i margini relativi a contratti derivati di copertura; I risultati della valutazione di attività e passività per cassa collegate da una relazione di copertura del rischio di cambio; Voce 100) Utili/perdite da cessione/riacquisto: vi figura il saldo della cessione di crediti, attività finanziarie disponibili per la vendita, attività finanziarie detenute fino alla scadenza e il riacquisto di proprie passività finanziarie, diverse da quelle di negoziazione e da quelle designate al fair value;

29 Analisi delle Voci Voce 110) Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value: accoglie il saldo, positivo o negativo, tra gli utili e le perdite delle attività finanziarie valutate al fair value e delle passività finanziarie valutate al fair value, inclusi i risultati delle valutazioni al fair valuedi tali attività/passività; Voce 130) Rettifiche/riprese di valore netto per deterioramentodi crediti, attività finanziarie disponibili per la vendita, attività finanziarie detenute fino alla scadenza e altre operazioni finanziarie Voce 150) Spese amministrative+ Voce 160) Accantonamenti netti ai fondi per rischi ed oneri+ Voce 170) -Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali +Voce 180) - Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali+ Voce 190) - Altri oneri/proventi di gestione: accolgono le spese sostenute dalla banca nel corso dell esercizio al titolo specificato dalla singola Voce; Voce 210) Utili/perdite delle partecipazioni: vi figura il saldo, positivo o negativo, tra i proventi e gli oneri relativi alle partecipazioni in società controllate, controllate congiuntamente e sottoposte a influenza dominante;

30 Analisi delle Voci Voce 220) Risultato netto della valutazione al fair valuedelle attività materiali e immateriali: accoglie gli effetti economici/di valore della valutazione al fair valuedelle attività materiali e immateriali; Voce 230) Rettifiche di valore dell avviamento. L'avviamento connesso ad un'operazione di aggregazione di imprese è costituito dal prezzo pagato dall'acquirente in previsione dell'ottenimento di benefici economici futuri. Il valore recuperabile dell'avviamento non può essere determinato come il valore recuperabile di una qualsiasi singola attività. Conseguentemente, se vi è indicazione che l'avviamento possa avere subito una riduzione durevole di valore, si determina il valore recuperabile, rilevando la perdita di valore a Conto Economico; Voce 240) Utili (Perdite) da cessione di investimenti; Voce 260) Imposte sul reddito dell esercizio dell operatività corrente: vi figurano le imposte sul risultato dell esercizio di riferimento; Voce 280) Utile (Perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte: accoglie il risultato ottenuto sulle attività in via di dismissione di cui alla Voce 140) S.P. Attivo; Voce 290) Utile (Perdita) dell esercizio: accoglie il risultato economico dell esercizio.

31 La Nota Integrativa Le Nota Integrativa si articola nelle seguenti sezioni: Parte A Politiche contabili; Parte B Informazioni sullo Stato Patrimoniale; Parte C Informazioni sul Conto Economico; Parte D Informativa di settore; Parte E Informazioni sui rischi e sull attività di copertura; Parte F Informazioni sul patrimonio di vigilanza; Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda; Parte H Operazioni con parti correlate (IAS 24, i soggetti sono considerati correlati se uno di essi ha la capacità di controllare l altro o di esercitare un influenza notevole sull assunzione di decisioni operative e finanziarie dell altro soggetto ); Parte I Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali (IFRS 2, Share-based payments, si applica a tutte le operazioni che prevedono il conferimento di azioni a dipendenti o a terzi, quale corrispettivo per beni o servizi forniti).

32 Il Rendiconto finanziario IAS 7: Il rendiconto finanziario ha lo scopo di presentare le variazioni dei flussi finanziari avvenute nel corso dell esercizio; Per flussi finanziari si intendono le entrate e le uscite di disponibilità liquide(cassa + depositi a vista) e mezzi equivalenti (investimenti finanziari a breve termine e ad alta liquidità, prontamente convertibili in ammontare certo di cassa); Con il rendiconto finanziario: Si misura la capacità dell impresa di generare cassa ; Si misura la capacità dell impresa di autofinanziarsi. Per le banche, il rendiconto finanziario offre una chiave di lettura dell asset liabilitymanagement e del processo di trasformazione delle scadenze

33 Il Rendiconto finanziario Il rendiconto finanziario presenta le variazioni dei flussi finanziari avvenute nel corso dell esercizio distinguendo tra: Flussi finanziari generati dall attività operativa: derivano dalle operazioni di gestione che partecipano alla determinazione dell utile o della perdita dell esercizio; Flussi finanziari generati dall attività di investimento: derivano da acquisti/vendite di attività materiali, immateriali e finanziarie detenute fino a scadenza; Flussi finanziari generati dall attività finanziaria: rilevano la liquidità generata/assorbita dall ottenimento o dalla restituzione di risorse finanziarie sotto forma di capitale di rischio o di debito. La Circolare BdI n. 262/2005 prevede due metodi alternativi di redazione del rendiconto finanziario: Metodo diretto: i flussi finanziari sono indicati al lordo, cioè senza compensazioni; Metodo indiretto: vengono eliminate le voci meramente economiche (ammortamenti, svalutazioni, rivalutazioni) e rettificati i valori di competenza dell esercizio che non hanno generato movimentazioni finanziarie.

34

35 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto : Prospetto la cui funzione è quella di seguire e registrare, nei diversi esercizi, i movimenti che interessano le riserve e il capitale sociale IAS 1: per variazione complessiva di patrimonio netto si intende l importo degli utili e delle perdite generati dalle attività d impresa nell esercizio, esclusi i movimenti derivanti da operazioni con gli azionisti, quali incrementi di capitale e dividendi. Tale variazione riflette l incremento o il decrementodelle attività nette dell impresa nell esercizio o della ricchezza prodotta, secondo gli specifici criteri di valutazione applicati e indicati nel bilancio.

36

37 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Lo IAS 1 prevede una presentazione separata dei movimenti delle componenti del patrimonio netto, rappresentata dalle voci che compongono per riga il prospetto: Capitale sociale: vengono riportati i valori di azioni ordinarie e altre azioni, al netto del capitale sottoscritto e non ancora versato; Sovrapprezzi di emissione; Riserve: sono riportate le esistenze di riserve di utili e altre riserve ; Riserve da rivalutazione: sono riportate i surplus da rivalutazione di attività disponibili per la vendita, coperture di flussi finanziari e altre attività; Strumenti di capitale: vi figura l ammontare complessivo degli strumenti rappresentativi di patrimonio netto, diversi dal capitale e dalle riserve; Azioni proprie: sono riportate le azioni proprie della banca detenute dalla banca stessa; Utile (Perdita di esercizio).

38 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Lo IAS 1 vuole evidenziare la ricchezza prodotta/consumata dalla banca nell esercizio. Ciò si ottiene, a partire dai valori delle Voci per riga al periodo precedente, dalla lettura delle colonne che compongono il prospetto: Esistenza al t0: vengono riportati i dati all esercizio precedente a quello di bilancio, relativi alle Voci per riga ; Modifica saldi apertura: modifiche apportate ai saldi di chiusura dell esercizio t0 per correggere eventuali errori o per rilevare gli effetti retrospettivi di mutamenti delle politiche contabili; Esistenze al t1: risultato della somma di Esistenza al t0 e Modifica saldi apertura ; Allocazione risultato esercizio precedente: si distingue tra Riserve e Dividendi e altre destinazioni ; Variazioni dell esercizio: si riportano le variazioni intervenute al patrimonio per effetto di operazioni sul patrimonio netto ( Variazioni di riserve, Emissione nuove azioni, Acquisto azioni proprie, Distribuzione straordinaria dividendi, Variazioni strumenti di capitale, Derivati su azioni proprie e Stock options ) e di formazione del risultato economico ( Utile/Perdita di esercizio ).

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione)

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) Roma, marzo 2006 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA 3 1. LE INFORMAZIONI

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli