Possiamo sinteticamente riassumere l attività bancaria in cinque aree di attività: partecipazioni, raccolta, credito, finanza, servizi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Possiamo sinteticamente riassumere l attività bancaria in cinque aree di attività: partecipazioni, raccolta, credito, finanza, servizi."

Transcript

1

2

3 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive rispetto a quello delle imprese commerciali, perché unica è l attività bancaria rispetto alle altre attività economiche. Possiamo sinteticamente riassumere l attività bancaria in cinque aree di attività: partecipazioni, raccolta, credito, finanza, servizi. In relazione alle attività tipiche le voci di bilancio più significative saranno: Stato patrimoniale: Debiti verso la clientela (attività di raccolta) Crediti finanziari vs la clientela (attività di impiego) Partecipazioni in imprese finanziarie e non Titoli di proprietà, contratti derivati in essere, crediti/debiti di natura interbancaria Conto economico: Interessi attivi e passivi Commissioni e provvigioni Risultati di operazioni relative a partecipazioni, portafoglio titoli e derivati

4 Premessa Ovviamente nel bilancio di una banca saranno presenti anche voci non finanziarie, quali ad esempio immobilizzazioni, crediti e debiti commerciali, affitti, Le voci di natura finanziaria rappresentano tuttavia il cuore del bilancio. Infine, il peso delle singole voci varia in relazione al grado di specializzazione/diversificazione delle singole banche. Le banche presentano delle peculiarità rispetto alle imprese non bancarie: Peculiarità macro Materia trattata (intermediazione) Vigilanza ruolo della Banca d Italia Rischi sociali Integrazione dei mercati finanziari Peculiarità micro Peculiarità micro Dimensione assoluta dei dati finanziari Prevalenza delle poste finanziarie rispetto a quelle non finanziarie Importanza delle poste patrimoniali

5 I criteri contabili internazionali introdotti con regolamento CE 1606 del 2002 IAS: International Accounting Standards ovvero IFRS: International Financial Reporting Standards dello IASB Regole di contabilità emanate per facilitare il confronto internazionale e rispettare principi di trasparenza e corretta attribuzione di valore Presupposti diversi dai classici principi italiani (costo storico e prudenza) Enfasi su comunicazione agli investitori e sul concetto di fair value Criterio del fair value: corrispettivo al quale un attività può essere scambiata o una passività estinta, in una transazione tra parti consapevoli e disponibili Introdotti in Italia con il D.Lgs.: n. 38 del 28 febbraio 2005 e applicati a partire dai bilanci 2005 (bilanci consolidati) e 2006 (per i bilanci individuali). PER LE BANCHE: Circolare Bankitalia n. 262 del 22 dicembre 2005 Bilancio bancario: schemi e regole di compilazione

6 Il bilancio IAS: definizioni preliminari STRUMENTI FINANZIARI CREDITI IAS 32: uno strumento finanziario è qualsiasi contratto che dia origine ad un attività finanziaria per un entità e ad una passività finanziaria o ad uno strumento rappresentativo di capitale per un altra entità IAS 39: sono crediti le attività finanziarie originate dall impresa per fornire denaro, beni o servizi direttamente ai clienti, a condizione che non siano quotati, allocati come held for trading o available for sale o acquistati da terzi; sono esclusi, inoltre, quelli acquisiti in operazioni di cartolarizzazione

7 I principi IAS definiscono 4 categorie di Attività finanziarie in base alla funzione (IAS 39) 1. Attività detenute a scopo di negoziazione (Held for trading): Sono state acquistate con scopo di vendita o riacquisto a breve termine; Sono parte di un portafoglio di strumenti finanziari per i quali la strategia di gestione è tesa all ottenimento di un profitto nel breve periodo; 2. Attività detenute fino alla scadenza (Held to maturity): Sono attività finanziarie non derivate con pagamenti fissi e determinabili e scadenza fissa; L entità che le possiede ha oggettiva intenzione e capacità di possederle fino a scadenza; 3. Attività disponibili per la vendita (Available for sale): categoria residuale, composta da attività finanziarie non derivate che non rientrano nelle categorie 1) e 2); 4. Attività originate dall impresa, cioè debiti e crediti finanziari (Loans& receivables). La classificazione è analoga alla presente per le passività finanziarie: Passività di negoziazione Passività detenute per finalità diverse dalla negoziazione

8 Il bilancio IAS: definizioni preliminari Le categorie degli strumenti finanziari I principi contabili internazionali distinguono, quindi, tra: Financial asset Disponibilità liquide; Diritti contrattuali a scambiare strumenti finanziari con altra entità a condizioni potenzialmente favorevoli; Strumenti rappresentativi di patrimonio netto di un altra impresa. Financial liability Obbligo contrattuale a consegnare disponibilità liquide o altre attività finanziarie ad un altra entità; Obbligo contrattuale a scambiare strumenti finanziari con un altra entità a condizioni potenzialmente sfavorevoli. Derivative instrument Strumento finanziario o altro contratto che presenta tutte le tre seguenti caratteristiche: Il valore cambia a seguito della variazione del underlying ; Investimenti inferiori rispetto ad altri contratti che generano variazioni analoghe; Regolamento a data futura.

9 Il bilancio IAS: definizioni preliminari Le categorie degli strumenti finanziari: Derivative instruments Relativamente alla finalità di impiego, i contratti derivati si distinguono in: Derivati di negoziazione (Trading) = Derivati di copertura (Hedging) Operazioni realizzate con l obiettivo di ottenere profitti, in base a previsioni circa l andamento di variabili rilevanti Operazioni realizzate con l obiettivo di neutralizzare le conseguenze negative di variazioni sfavorevoli, ovvero inattese, di variabili finanziarie come tassi di interesse, tassi di cambio, prezzi di azioni

10 Il bilancio IAS: definizioni preliminari Le categorie degli strumenti finanziari: Derivative instruments Lo IAS 39 definisce in modo molto restrittivo il concetto di copertura. Per poter classificare uno strumento derivato come di copertura, devono essere rispettate e adeguadatamente documentate le seguenti condizioni: 1. La relazione di copertura deve essere identificata e documentata all inizio dell operazione; 2. La copertura deve essere altamente efficace sia all inizio che durante la vita dell operazione; 3. L efficacia della copertura deve essere misurata in modo affidabile durante la vita dell operazione; Dal punto di vista documentale, lo IAS 39 disciplina che, all inizio dell operazione e in chiusura di esercizio, l operazione di copertura sia accompagnata da: un documento che evidenzi la relazione fra elemento coperto e strumento di copertura; un documento che evidenzi gli obiettivi aziendali di gestione del rischio e un documento che evidenzi la strategia di copertura.

11 Il bilancio IAS: definizioni preliminari Le categorie degli strumenti finanziari: Derivative instruments Lo IAS 39 definisce EFFICACE una copertura se: Variazioni di valore dell elemento coperto 80% 125% Variazioni di valore dello strumento di copertura Lo IAS 39 prevede tre tipologie di copertura: 1. Fair value hedge: consente di compensare la variazione di fair valuedi un elemento coperto con l opposta variazione del fair value dello strumento di copertura; 2. Cashflow hedge: è la copertura dell esposizione alla variabilità dei flussi finanziari, attribuibile ad un particolare rischio associato ad una attività o passività rilevata; 3. Net investment hedge: gli utili e le perdite derivanti dalla valutazione al mercato delle operazioni in derivati sono imputati direttamente a patrimonio netto per la parte che copre in modo efficace il rischio per il quale sono state poste in essere,mentre viene registrata a Conto Economico l eventuale parte non efficace.

12 La struttura La Circolare 262 stabilisce in primo luogo la struttura obbligatoria del bilancio bancario, precisandone i documenti di cui si compone: STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DI PATRIMONIO NETTO RENDICONTO FINANZIARIO RELAZIONE SULLA GESTIONE Definisce inoltre la forma (come devono essere presentati ) e i contenuti (quali informazioni devono essere riportate) del bilancio

13 Documenti di bilancio IAS: generalità E consentita l aggiunta di nuove Voci, purché il loro contenuto non sia riconducibile ad alcuna delle Voci già previste e solo per importi di rilievo; Le Sottovoci previste dagli schemi possono essere raggruppatequando ricorra una delle due seguenti condizioni: 1. L importo delle Sottovoci è irrilevante; 2. Il raggruppamento favorisce la chiarezza del bilancio. Gli schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico sono costituiti da: Voci: contrassegnate da numeri; Sottovoci: contrassegnate da lettere; Ulteriori dettagli informativi ( di cui di Voci e Sottovoci). Per ogni conto dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico occorre indicare anche l importo dell esercizio precedente.

14 Lo Stato Patrimoniale E rappresentato dall insieme delle attività, passività e patrimonio netto, valorizzati ad espressi alla data di chiusura del periodo contabile. Il prospetto è a sezioni divise e contrapposte, separando quindi i conti dell attivo da quelli del passivo e del patrimonio netto. Schema obbligatorio (ex Circolare 262) differenziato per dimensione dell attivo al fine di agevolare comparabilità fra banche. Distinzione delle diverse voci per natura. Le voci più significative vengono riportate con un maggiore dettaglio (es.: crediti finanziari- voci 60 e 70- e i debiti finanziari voci 10, 20 e 30)

15 Lo Stato Patrimoniale ATTIVO Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie detenute per negoziazione Attività finanziarie valutare al fair value Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute fino a scadenza Crediti vs banche Crediti vs clientela Derivati di copertura Adeguamento di valore delle Att. Fin. oggetto di copertura generica Partecipazioni Attività materiali Attività immateriali di cui : -avviamento Attività fiscali Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione Altre attività T T-1

16 Lo Stato Patrimoniale PASSIVO E PATRIMONIO NETTO Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value Derivati di copertura Adeguamento di valore delle Pass. Fin. oggetto di copertura generica Passività fiscali a) correnti b) differite Passività associate a gruppi di attività in via di dismissione Altre passività TFR Fondi per rischi e oneri a) quiescenza e obblighi simili b) altri fondi Riserve da valutazione Azioni rimborsabili Strumenti di capitale Riserve Sovrapprezzi di emissione Capitale Azioni proprie (-) Utile (Perdita) di esercizio T T-1

17 Stato Patrimoniale Analisi dell Attivo Voce 10) Cassa e disponibilità liquide: accoglie le valute aventi corso legale, comprese banconote e monete divisionali estere e i depositi liberi verso la Banca centrale del Paese in cui la banca risiede con proprie filiali; Voce 20) Attività finanziarie detenute per la negoziazione+voce 30) Attività finanziarie valutate al fair value +Voce 40) Attività finanziarie disponibili per la vendita+voce 50) Attività finanziarie detenute fino alla scadenza: accolgono gli strumenti finanziari, come definiti dallo IAS 39; Voce 60) Crediti verso banche: accoglie le attività finanziarie non quotate verso banche (conti correnti, depositi cauzionali, titoli di debito, crediti di funzionamento, ecc.); Voce 70) Crediti verso la clientela: accoglie le attività finanziarie non quotate verso la clientela (mutui, operazioni di locazione finanziaria, operazioni di factoring, titoli di debito, crediti di funzionamento, ecc.). In questa Voce sono, inoltre, inclusi i crediti verso gli Uffici Postali e la Cassa Depositi e Prestiti, nonché i margini di variazione presso organismi di compensazione a fronte di operazioni in contratti derivati;

18 Stato Patrimoniale Analisi dell Attivo Voce 80) Derivati di copertura: vi figurano i derivati finanziari e creditizi di copertura che, alla data di riferimento del bilancio, presentano un fair value positivo; Voce 90) Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura generica: accoglie il saldo, positivo o negativo,delle variazioni di valore delle attività oggetto di copertura generica ( macrohedging ) dal rischio di tasso di interesse; Voce 100) Partecipazioni: accoglie le partecipazioni in società controllate in modo congiunto e sottoposte ad influenza notevole (IAS 27), diverse da quelle ricondotte nelle Voci 20) e 30), ai sensi, rispettivamente, di IAS 28 e IAS 31; Voce 110) Attività materiali:vi figurano i beni materiali ad uso funzionale e attività oggetto di leasing (IAS 16, Immobili, Impianti e Macchinari, IAS 40, Investimenti immobiliari e IAS 17, Leasing ). N.B. I principi contabili internazionali prevedono che il bene oggetto di leasing venga rilevato nello Stato Patrimoniale del locatario, con contestuale registrazione nel Passivo patrimoniale del debito nei confronti del locatore, progressivamente ridotto dal pagamento dei canoni di leasing, rilevati come costi in Conto Economico;

19 Stato Patrimoniale Analisi dell Attivo Voce 120) Attività immateriali: attività detenute a scopo di investimento (IAS 38, Attività immateriali ); Voce 130) Attività fiscali: vi figurano le attività fiscali correnti e anticipate; Voce 140) Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione: vi figurano le singole attività ed i gruppi di attività in via di dismissione di cui all IFRS 5, Attività non correnti destinate alla vendita e attività cessate ; Voce 150) Altre attività: accoglie le attività non riconducibili alle altre Voci dell Attivo patrimoniale. N.B. I principi contabili internazionali statuiscono la riconduzione a voce propria delle poste non monetarie note come Ratei e Risconti (es. il rateo cedolare relativo ad un attività finanziaria detenuta per la negoziazione dovrà essere incluso nelle Voce 20) dello Stato Patrimoniale, non nella presente Voce 150)).

20 Stato Patrimoniale Analisi del Passivo Voce 10) Debiti verso banche: accoglie i debiti verso banche, qualunque sia la loro forma tecnica, ad eccezione di quelli inclusi nelle Voci 40) e 50); Voce 20) Debiti verso la clientela: vi figurano i debiti verso la clientela, qualunque sia la loro forma tecnica, diversi da quelli ricondotti nelle Voci 40) e 50) e dai titoli di debito indicati nella Voce 30); Voce 30) Titoli in circolazione: vi figurano i titoli emessi, quotati e non quotati, valutati al costo ammortizzato, al netto dei titoli riacquistati. Sono, inoltre, inclusi i titoli che alla data di riferimento del bilancio risultano scaduti ma non ancora rimborsati; è, invece, esclusa la quota dei titoli di debito di propria emissione non ancora collocata presso terzi; Voce 40) Passività finanziarie di negoziazione+voce 50) Passività finanziarie valutate al fair value: accolgono gli strumenti finanziari, come definiti; Voce 60) Derivati di copertura: vi figurano i derivati finanziari e creditizi di copertura che, alla data di riferimento del bilancio, presentano un fair value negativo;

21 Stato Patrimoniale Analisi del Passivo Voce 70) Adeguamento di valore delle passività finanziarie oggetto di copertura generica: accoglie il saldo, positivo o negativo,delle variazioni di valore delle passività oggetto di copertura generica ( macrohedging ) dal rischio di tasso di interesse; Voce 80) Passività fiscali: vi figurano le passività fiscali, correnti e differite; Voce 90) Passività associate ad attività in via di dismissione: cfr. quanto detto per Voce 140) S.P. Attivo; Voce 100) Altre passività: cfr. quanto detto per Voce 150) S.P. Attivo; Voce 110) TFR: accoglie il trattamento di fine rapporto per lavoro dipendente; Voce 120) Fondi per rischi ed oneri: in questa Voce sono indicati: I Fondi di quiescenza ed obblighi simili classificati come fondi interni ai fini della vigente normativa prudenziale; I Fondi per rischi ed oneri costituiti in base a quanto previsto dai Principi IAS, ad eccezione delle svalutazioni dovute al deterioramento delle garanzie rilasciate e dei derivati creditizi ad esse assimilati ai sensi dello IAS 39;

22 Stato Patrimoniale Analisi del Passivo Voce 130) Riserve da valutazione: accoglie le riserve da valutazione relative a: Attività finanziarie disponibili per la vendita; Attività materiali e immateriali nell ipotesi di utilizzo del metodo della rivalutazione; Copertura di investimenti esteri; Copertura dei flussi finanziari; Differenze di cambio da conversione, Singole attività e gruppi di attività in via di dismissione; Voce 140) Azioni rimborsabili: accoglie le azioni relativamente alle quali la società emittente ha assunto verso il socio l obbligazione di rimborso/riacquisto ad un prezzo prefissato; Voce 150) Strumenti di capitale: vi figura l ammontare complessivo degli strumenti rappresentativi di patrimonio netto, diversi dal capitale (Voce 180) e dalle riserve (Voce 160); Voce 160) Riserve: accoglie le riserve di utili; Voce 170) Sovrapprezzi di emissione: accoglie le maggiorazioni di prezzo applicate alle azioni della banca rispetto al valore nominale;

23 Stato Patrimoniale Analisi del Passivo Voce 180) Capitale: vi figura l importo delle azioni (o quote) emesse dalla banca (o il suo fondo di dotazione), al netto dell importo del capitale sottoscritto e non ancora versato; Voce 190) Azioni proprie: vi figurano, con segno negativo, le azioni proprie della banca detenute dalla banca stessa; Voce 200) Utile/Perdita di esercizio: accoglie il risultato economico dell esercizio di riferimento.

24 Il Conto Economico Lo schema obbligatorio di Conto Economico accoglie i componenti positivi e negativi di reddito di competenza del periodo contabile di riferimento. Il Conto Economico ha una struttura di tipo progressivo, anche se talvolta alcune voci sono avvicinate per natura. La struttura verticale del prospetto permette di determinare diversi margini intermedi prima di giungere al risultato netto.

25 Conto Economico 10. Interessi attivi e proventi assimilati 20. Interessi passivi e oneri assimilati 40. Commissioni attive 50. Commissioni passive 70. Dividendi e proventi simili 80. Risultato netto dell attività di negoziazione 90. Risultato netto dell attività di copertura 100. Utili/perdite da cessione o riacquisto 110. Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value 130. Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento 150. Spese amministrative 160. Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri 170. Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali 180. Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali 190. Altri oneri/proventi di gestione 210. Utili (Perdite) delle partecipazioni 220. Risultato netto della valutazione al fair value delle attività materiali e immateriali 230. Rettifiche di valore dell avviamento 240. Utili (Perdite) da cessione di investimenti 260. Imposte sul reddito dell'esercizio dell operatività corrente 280. Utile (Perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte 290. Utile (Perdita) d'esercizio Voci T T-1

26 Conto Economico: alcune considerazioni Le attività di servizio emergono chiaramente alle voci 40 (commissioni attive) e 50 (commissioni passive) Il cuore di un conto economico bancario è rappresentato da due voci: margine da interesse e commissioni nette, confermando che il risultato di esercizio deriva soprattutto dall attività di raccolta e di impiego e dall offerta alla clientela dei servizi di tipo diverso. Il confronto fra i due margini (di interesse e da commissioni) spiega l impostazione del business bancario: Banca commerciale, banca d investimento, banca universale. Presenza di voci contabili che sono il risultato di procedimenti di valutazione delle diverse categorie di asset da parte della banca alla fine dell esercizio: le rettifiche Nel bilancio redatto secondo i principi IAS non vi è separazione fra i risultati derivanti da operazioni di carattere ordinario da quelle di carattere straordinario, solo l analisi congiunta con la Nota integrativa consente di distinguere le due componenti.

27 Analisi delle Voci Voce 10) Interessi attivi e proventi assimilati+voce 20) interessi passivi e oneri assimilati: vi sono iscritti gli interessi attivi e passivi ed i proventi ed oneri assimilati relativi, rispettivamente, a disponibilità liquide, attività finanziarie detenute per la negoziazione, attività finanziarie detenute sino alla scadenza, attività finanziarie disponibili per la vendita, crediti, attività finanziarie valutate al fair valuee a debiti, titoli in circolazione, passività finanziarie di negoziazione, passività finanziarie valutate al fair value, nonché eventuali altri interessi maturati nell esercizio. In questa Voce figurano anche i differenziali o i margini maturati sino alla data di riferimento del bilancio relativi a contratti derivati scaduti o chiusi entro fine esercizio; Voce 40) Commissioni attive+voce 50) Commissioni passive: vi figurano, i proventi e gli oneri relativi, rispettivamente, ai servizi prestati e a quelli ricevuti dalla banca; Voce 70) Dividendi e proventi simili: accoglie i dividendi relativi ad azioni o quote detenute in portafoglio diverse da quelle valutate in base al metodo del patrimonio netto. Sono, inoltre, compresi i dividendi e gli altri proventi di quote di O.I.C.R. (Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio);

28 Analisi delle Voci Voce 80) Risultato netto dell attività di negoziazione: accoglie, per sbilancio complessivo: Il saldo tra profitti e perdite delle operazioni classificate nelle attività finanziarie detenute per la negoziazione e nelle passività finanziarie di negoziazione, inclusi i risultati delle valutazioni di tali operazioni; Il saldo tra profitti e perdite delle operazioni finanziarie, diverse da quelle designate al fair value e da quelle di copertura, denominate in valuta, inclusi i risultati delle valutazioni di tali operazioni; Voce 90) Risultato netto dell attività di copertura: accoglie, per sbilancio complessivo: I risultati delle valutazioni delle operazioni di copertura del fair value e dei flussi finanziari; I risultati delle valutazioni delle attività e passività finanziarie oggetto di copertura del fair value; i differenziali e i margini relativi a contratti derivati di copertura; I risultati della valutazione di attività e passività per cassa collegate da una relazione di copertura del rischio di cambio; Voce 100) Utili/perdite da cessione/riacquisto: vi figura il saldo della cessione di crediti, attività finanziarie disponibili per la vendita, attività finanziarie detenute fino alla scadenza e il riacquisto di proprie passività finanziarie, diverse da quelle di negoziazione e da quelle designate al fair value;

29 Analisi delle Voci Voce 110) Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value: accoglie il saldo, positivo o negativo, tra gli utili e le perdite delle attività finanziarie valutate al fair value e delle passività finanziarie valutate al fair value, inclusi i risultati delle valutazioni al fair valuedi tali attività/passività; Voce 130) Rettifiche/riprese di valore netto per deterioramentodi crediti, attività finanziarie disponibili per la vendita, attività finanziarie detenute fino alla scadenza e altre operazioni finanziarie Voce 150) Spese amministrative+ Voce 160) Accantonamenti netti ai fondi per rischi ed oneri+ Voce 170) -Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali +Voce 180) - Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali+ Voce 190) - Altri oneri/proventi di gestione: accolgono le spese sostenute dalla banca nel corso dell esercizio al titolo specificato dalla singola Voce; Voce 210) Utili/perdite delle partecipazioni: vi figura il saldo, positivo o negativo, tra i proventi e gli oneri relativi alle partecipazioni in società controllate, controllate congiuntamente e sottoposte a influenza dominante;

30 Analisi delle Voci Voce 220) Risultato netto della valutazione al fair valuedelle attività materiali e immateriali: accoglie gli effetti economici/di valore della valutazione al fair valuedelle attività materiali e immateriali; Voce 230) Rettifiche di valore dell avviamento. L'avviamento connesso ad un'operazione di aggregazione di imprese è costituito dal prezzo pagato dall'acquirente in previsione dell'ottenimento di benefici economici futuri. Il valore recuperabile dell'avviamento non può essere determinato come il valore recuperabile di una qualsiasi singola attività. Conseguentemente, se vi è indicazione che l'avviamento possa avere subito una riduzione durevole di valore, si determina il valore recuperabile, rilevando la perdita di valore a Conto Economico; Voce 240) Utili (Perdite) da cessione di investimenti; Voce 260) Imposte sul reddito dell esercizio dell operatività corrente: vi figurano le imposte sul risultato dell esercizio di riferimento; Voce 280) Utile (Perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte: accoglie il risultato ottenuto sulle attività in via di dismissione di cui alla Voce 140) S.P. Attivo; Voce 290) Utile (Perdita) dell esercizio: accoglie il risultato economico dell esercizio.

31 La Nota Integrativa Le Nota Integrativa si articola nelle seguenti sezioni: Parte A Politiche contabili; Parte B Informazioni sullo Stato Patrimoniale; Parte C Informazioni sul Conto Economico; Parte D Informativa di settore; Parte E Informazioni sui rischi e sull attività di copertura; Parte F Informazioni sul patrimonio di vigilanza; Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda; Parte H Operazioni con parti correlate (IAS 24, i soggetti sono considerati correlati se uno di essi ha la capacità di controllare l altro o di esercitare un influenza notevole sull assunzione di decisioni operative e finanziarie dell altro soggetto ); Parte I Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali (IFRS 2, Share-based payments, si applica a tutte le operazioni che prevedono il conferimento di azioni a dipendenti o a terzi, quale corrispettivo per beni o servizi forniti).

32 Il Rendiconto finanziario IAS 7: Il rendiconto finanziario ha lo scopo di presentare le variazioni dei flussi finanziari avvenute nel corso dell esercizio; Per flussi finanziari si intendono le entrate e le uscite di disponibilità liquide(cassa + depositi a vista) e mezzi equivalenti (investimenti finanziari a breve termine e ad alta liquidità, prontamente convertibili in ammontare certo di cassa); Con il rendiconto finanziario: Si misura la capacità dell impresa di generare cassa ; Si misura la capacità dell impresa di autofinanziarsi. Per le banche, il rendiconto finanziario offre una chiave di lettura dell asset liabilitymanagement e del processo di trasformazione delle scadenze

33 Il Rendiconto finanziario Il rendiconto finanziario presenta le variazioni dei flussi finanziari avvenute nel corso dell esercizio distinguendo tra: Flussi finanziari generati dall attività operativa: derivano dalle operazioni di gestione che partecipano alla determinazione dell utile o della perdita dell esercizio; Flussi finanziari generati dall attività di investimento: derivano da acquisti/vendite di attività materiali, immateriali e finanziarie detenute fino a scadenza; Flussi finanziari generati dall attività finanziaria: rilevano la liquidità generata/assorbita dall ottenimento o dalla restituzione di risorse finanziarie sotto forma di capitale di rischio o di debito. La Circolare BdI n. 262/2005 prevede due metodi alternativi di redazione del rendiconto finanziario: Metodo diretto: i flussi finanziari sono indicati al lordo, cioè senza compensazioni; Metodo indiretto: vengono eliminate le voci meramente economiche (ammortamenti, svalutazioni, rivalutazioni) e rettificati i valori di competenza dell esercizio che non hanno generato movimentazioni finanziarie.

34

35 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto : Prospetto la cui funzione è quella di seguire e registrare, nei diversi esercizi, i movimenti che interessano le riserve e il capitale sociale IAS 1: per variazione complessiva di patrimonio netto si intende l importo degli utili e delle perdite generati dalle attività d impresa nell esercizio, esclusi i movimenti derivanti da operazioni con gli azionisti, quali incrementi di capitale e dividendi. Tale variazione riflette l incremento o il decrementodelle attività nette dell impresa nell esercizio o della ricchezza prodotta, secondo gli specifici criteri di valutazione applicati e indicati nel bilancio.

36

37 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Lo IAS 1 prevede una presentazione separata dei movimenti delle componenti del patrimonio netto, rappresentata dalle voci che compongono per riga il prospetto: Capitale sociale: vengono riportati i valori di azioni ordinarie e altre azioni, al netto del capitale sottoscritto e non ancora versato; Sovrapprezzi di emissione; Riserve: sono riportate le esistenze di riserve di utili e altre riserve ; Riserve da rivalutazione: sono riportate i surplus da rivalutazione di attività disponibili per la vendita, coperture di flussi finanziari e altre attività; Strumenti di capitale: vi figura l ammontare complessivo degli strumenti rappresentativi di patrimonio netto, diversi dal capitale e dalle riserve; Azioni proprie: sono riportate le azioni proprie della banca detenute dalla banca stessa; Utile (Perdita di esercizio).

38 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Lo IAS 1 vuole evidenziare la ricchezza prodotta/consumata dalla banca nell esercizio. Ciò si ottiene, a partire dai valori delle Voci per riga al periodo precedente, dalla lettura delle colonne che compongono il prospetto: Esistenza al t0: vengono riportati i dati all esercizio precedente a quello di bilancio, relativi alle Voci per riga ; Modifica saldi apertura: modifiche apportate ai saldi di chiusura dell esercizio t0 per correggere eventuali errori o per rilevare gli effetti retrospettivi di mutamenti delle politiche contabili; Esistenze al t1: risultato della somma di Esistenza al t0 e Modifica saldi apertura ; Allocazione risultato esercizio precedente: si distingue tra Riserve e Dividendi e altre destinazioni ; Variazioni dell esercizio: si riportano le variazioni intervenute al patrimonio per effetto di operazioni sul patrimonio netto ( Variazioni di riserve, Emissione nuove azioni, Acquisto azioni proprie, Distribuzione straordinaria dividendi, Variazioni strumenti di capitale, Derivati su azioni proprie e Stock options ) e di formazione del risultato economico ( Utile/Perdita di esercizio ).

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 Banca di Cascina Credito Cooperativo Banca di Cascina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2007 BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI O IN FORMA ABBREVIATA "BANCA ETICA" O "BPE". Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Rendiconto Finanziario Stato Patrimoniale Voci dell'attivo 2007 2006 10. Cassa e disponibilità

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima adozione degli IAS/IFRS Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS in sede di prima

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

Gli strumenti finanziari [2]

Gli strumenti finanziari [2] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [2] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Banca Popolare Valconca Società Cooperativa per azioni Sede Sociale e Direzione generale in Morciano di Romagna FONDATA NEL 1910 104 ESERCIZIO RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Approvato dal Consiglio

Dettagli

IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma

IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma Bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 Giugno 2015 IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma Capitale Sociale int. vers. Euro 42.500.000,00 Capogruppo del

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento I principi contabili internazionali (IAS), attualmente in Italia obbligatori per le società quotate, sono regole tecnico-ragioneristiche che stabiliscono : A. Le modalità di contabilizzazione degli eventi

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

BANCA DI CASCINA CREDITO COOPERATIVO S.C. VIALE COMASCO CAMASCHI, 4 56021 CASCINA P.I./C.F. 00172460503 R.E.A. DI PISA N. 11812 TEL.

BANCA DI CASCINA CREDITO COOPERATIVO S.C. VIALE COMASCO CAMASCHI, 4 56021 CASCINA P.I./C.F. 00172460503 R.E.A. DI PISA N. 11812 TEL. BANCA DI CASCINA CREDITO COOPERATIVO S.C. VIALE COMASCO CAMASCHI, 4 56021 CASCINA P.I./C.F. 00172460503 R.E.A. DI PISA N. 11812 TEL. 050717111 TELEFAX 050717227 STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 31.12.2007

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2011

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2011 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2011 "CREDITO VALDINIEVOLE" BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MONTECATINI TERME E BIENTINA SOCIETA' COOPERATIVA Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE SOCIETA COOPERATIVA Prospetti contabili predisposti per la determinazione dell utile semestrale ai fini del calcolo del patrimonio di vigilanza

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO PROVVEDIMENTO 8 marzo 2010. ModiÞ che ed integrazioni al Regolamento n. 7 del 13 luglio

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - Attivo Voci dell'attivo 31.12.2010 31.12.2009 10. Cassa e disponibilità liquide 1.571.436 1.723.258 20. Attività finanziarie detenute per la negoziazione 563.381 482.816 40. Attività

Dettagli

BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO

BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO Banca di Credito Cooperativo ABI soc. coop. con sede in Piazza C.A. Pilati,15 TASSULLO (Provincia di Trento) Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg. Imprese

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Dodicesima lezione: Le attività finanziarie Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE B.III Immobilizzazioni finanziarie

Dettagli

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015 Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 Registro Imprese di Milano n. 09126500967 R.E.A. 2070334 Codice fiscale e Partita IVA 09126500967

Dettagli

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n.

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. ALLEGATO A Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) 1 Il presente documento fornisce le istruzioni per la compilazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO Società Cooperativa iscritta al nº A 163872 dell albo delle Soc. Coop. Iscritta presso il Tribunale di Pistoia al nº 1431 Reg. Società Capitale e Riserve euro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO Sede: via Lincoln n. 131 Palermo (PA) Codice Fiscale: 972585825 PEC: addiopizzo@pec.it BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31/12/213 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 31/12/213 31/12/212

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE, DEGLI IMEL, DELLE SGR E DELLE SIM

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE, DEGLI IMEL, DELLE SGR E DELLE SIM ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE, DEGLI IMEL, DELLE SGR E DELLE SIM Indice INDICE Capitolo 1 Principi generali 1. Destinatari delle disposizioni

Dettagli

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO CREDEM: RISULTATI PRELIMINARI (1) CONSOLIDATI 2015: UTILE +9,5% A/A, PRESTITI +5,3% A/A, ELEVATA SOLIDITA CON CET1 (2) A 13,52% AMPIAMENTE SOPRA AL REQUISITO MINIMO SREP (7%) COSTANTE REDDITIVITA E GENERAZIONE

Dettagli

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI ISERA Banca di Credito Cooperativo CODICE A.B.I. 81075 Soc. Coop. con sede in Isera Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg. Imprese CCIAA di Trento 00158620229 -R.E.A TN

Dettagli

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010 Società soggetta a direzione e coordinamento di BANCA POPOLARE ETICA S.C. Sede in VIA NAZARIO SAURO N. 15-35100 PADOVA (PD) Capitale sociale Euro 150.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2010 Reg. Imp. 04464490285

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

Strumenti finanziari derivati

Strumenti finanziari derivati OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Strumenti finanziari derivati xx BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il 31 maggio 2016 all

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Il bilancio delle società di capitali

Il bilancio delle società di capitali Il bilancio delle società di capitali RIMANENZE La voce comprende: - le merci: i prodotti che l impresa acquista per la rivendita; - le materie prime: le materie e le sostanze che sono destinate ad entrare

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Totale dell'attivo 1.097.639.736 1.115.552.611 Totale del passivo e del patrimonio netto 1.097.639.736 1.115.552.

STATO PATRIMONIALE  Totale dell'attivo 1.097.639.736 1.115.552.611 Totale del passivo e del patrimonio netto 1.097.639.736 1.115.552. CREDITO COOPERATIVO FRIULI SOC. COOP. cod..fiisc..02216020301 Bilancio di esercizio al 31.12.2014 Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite la Camera di Commercio di Udine Autorizzazione numero

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli