LE LESIONI LEGAMENTOSE DELLA CAVIGLIA. C. Fusco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE LESIONI LEGAMENTOSE DELLA CAVIGLIA. C. Fusco"

Transcript

1 LE LESIONI LEGAMENTOSE DELLA CAVIGLIA C. Fusco

2 LA CAVIGLIA FREQUENTE SEDE DI LESIONE TRAUMATICA STRUTTURA PIU ROBUSTA DEL RETROPIEDE ELEMENTO DI TRASMISSIONE DELLE FORZE DI CARICO R. D. Ferkel,, 2000

3 La caviglia (articolazione tibio-peroneo-astragalica) è una trocleoartrosi TROCLEOARTROSI - CILINDRO CONVESSO ASTRAGALICO - MORTAIO TIBIO-PERONEALE

4 MOVIMENTI FLESSIONE - ESTENSIONE

5 Il movimento di Flesso-Estensione si svolge esclusivamente a livello della Tibio-Tarsica La Prono-Supinazione è un movimento complesso che si svolge prevalentemente a livello della Sotto-Astragalica

6 COMPORTAMENTO CINEMATICO PRINCIPALI ATTI DI MOTO (correlati al movimento del piede): 1. flessione (dorsiflessione) 2. estensione (flessione plantare) GLI ARCHI DI MOVIMENTO NON PARTICOLARMENTE AMPI: valore medio durante il cammino 30 FLESSIONE PLANTARE A 7 DORSIFLESSIONE A 10 FLESSIONE PLANTARE A 20 DORSIFLESSIONE FINO A POSIZIONE NEUTRA 0-12% ciclo del passo 12-48% ciclo del passo 48-62% ciclo del passo % ciclo del paso

7 ESCURSIONE ARTICOLARE E LA STABILITA DELLA CAVIGLIA 1 - CONFORMAZIONE OSSEA 2 - STABILIZZATORI ATTIVI 3 - STABILIZZATORI PASSIVI

8 I LEGAMENTI DELLA CAVIGLIA PRINCIPALI LATERALI MEDIALI ACCESSORI ANTERIORE POSTERIORE

9 COMPARTIMENTO LATERALE PAA nastriforme, appiattito e quadrilatero PC cordoniforme 3 LEGAMENTI PAP quasi orizzontale di forma trapezoidale

10 COMPARTIMENTO MEDIALE LEGAMENTO DELTOIDEO ROBUSTA STRUTTURA TRIANGOLARE 4 FASCI TIBIO-ASTRAGALICO ANT. TIBIO-SCAFOIDEO TIBIO-CALCANEARE TIBIO-ASTRAGALICO POST. STRATO SUPERFICIALE ESTRATO PROFONDO

11 EVENTI TRAUMATICI - INCIDENTI SPORTIVI (LESIONI NELLO SPORT) - SCIVOLATE SUL TERRENO O SULLE SCALE - CADUTE DA DIVERSE ALTEZZE - INFORTUNI PROFESSIONALI - INCIDENTI STRADALI E STATO STIMATO CHE NEGLI STATI UNITI OGNI GIORNO SI VERIFICANO DISTORSIONI DI CAVIGLIA

12 DEFINIZIONE LA DISTORSIONE DELLA CAVIGLIA PUO ESSERE DEFINITA COME UNA LESIONE DELLE PARTI MOLLI DI QUESTA ARTICOLAZIONE QUANDO IL MOVIMENTO DELL ASTRAGALO NEL MORTAIO TIBIO-PERONEALE ECCEDE I LIMITI FISIOLOGICI IMPOSTI DAI LEGAMENTI CHE LO VINCOLANO P.E. SCRANTON,2001

13 LA CAVIGLIA ARTICOLAZIONE CON PIU ALTA INCIDENZA DI LESIONI NELLO SPORT DISTORSIONI CAVIGLIA: 15-20% JAKSON, 1974 BALWIN, 1982 JORGENSEN, 1984 MAEHLUM, 1984 KLIST, 1989 WEBB, 1990 LANZETTA, 1991 HEIDT, 1993 PETERSON, RENSTROM, 2001

14 ISTITUTO DI SCIENZA DELLO SPORT DAL ATLETI (Atleti delle varie Federazioni e Società Sportive Nazionali ) CON LESIONI ACUTE E CRONICHE DELL APPARATO LOCOMOTORE 1/3 DELLE LESIONI PIEDE-COLLO PIEDE NEL 32% LESIONI ACUTE DISTORSIONI CAVIGLIA: 84,9%

15 INCIDENZA PER TIPO DI SPORT BASKET 31,5 CALCIO 19,2% PALLAVOLO 13,7% ATLETICA 13,45 GINNASTICA 7,95 TENNIS 3,3% RUGBY 1,8% PALLA A MANO 1,6% HOCKEY 1,6% FOOTBALL A. 1,6% JUDO 1,6% LANZETTA-VENTURA 1990

16 PREVALENZA DEL MECCANISMO TRAUMATICO NON DA CONTATTO LE GESTUALITA SPORTIVE PIU COINVOLTE CORRERE SALTARE MANTENERE LA POSIZIONE DEAMBULARE CALCIARE LANCIARE NICHOLAS 1978

17 GLI SPORT PIU A RISCHIO QUELLI IN CUI IL GESTO SALTARE E MASSIMAMENTE RAPPRESENTATO BASKET VOLLEY CALCIO GINNASTICA WEBB, 1990 FRIGNANI, 1991 PETERSON, 2001

18 I FATTORI PREDISPONENTI INTRINSECI ED ESTRINSECI RIVESTONO UN IMPORTANTE RUOLO EZIOLOGICO NELLA DETERMINAZIONE DELLA LESIONE L INDIVIDUAZIONE E LA CORREZIONE DI TALI FATTORI PUO DIMINUIRE IL RISCHIO DI LESIONE CLANTON, 1998

19 FATTORI PREDISPONENTI INTRINSECI ED ESTRINSECI Talune caratteristiche morfologiche e funzionali (Lassità capsulo-legamentosa costituzionale,sovrappeso, dismetrie,anomalie assiali o torsionali dell arto inferiore, squilibri posturali) Alterazioni dell appoggio (anomalie del retropiede) Squilibri muscolari (ipotonia peronieri) Alterazioni e disturbi propriocettivi Calzature non idonee Terreni irregolari, fangosi o ghiacciati, sintetici

20 FATTORI DETERMINANTI Contatto incongruo al suolo all atto del saltare o nella ricaduta dall alto Arresto brusco Rapido cambio direzionale Contatto con l avversario

21 NEI TRAUMI ACUTI DI CAVIGLIA DEL CALCIATORE RAPPORTO LESIONE/ TIPO DI TERRENO SU CAMPI IN TERRA BATTUTA : 25% SU CAMPI IN ERBA: 17% INCIDENZA SUI TERRENI DURI, SPECIE SE IRREGOLARI RISPETTO AL MANTO ERBOSO LA SPIEGAGIONE PATOGENETICA POTREBBE ESSERE LEGATA ALLE CALZATURE

22 RUOLO DELLE CALZATURE SUL TERRENO DURO USO DICALZATURE CON TACCHETTI PIU BASSI E NUMEROSI SU ERBA CALZATURE CON TACCHETTI PIU ALTI E IN MINOR NUMERO

23 FREQUENZA DANNO ANATOMICO LEGAMENTI LATERALI (57%) LEGAMENTO MEDIALE TRAUMA IN INVERSIONE (90%) TRAUMA IN EVERSIONE (10%)

24 TRAUMA IN INVERSIONE COMPLESSO CAPSULOLEGAMENTOSO ESTERNO con sequela progressiva del danno 90% DELLE DISTORSIONI DI CAVIGLIA RICADUTA DA UN SALTO BRUSCHI CAMBI DI DIREZIONE IRREGOLARITA DEL TERRENO CONTRASTI DI GIOCO

25 SEQUELA LESIONI CAPSULO-LEGAMENTOSE LATERALI CAPSULA ANTERO-LATERALE LEG. PERONEO-ASTRAGALICO ANT. FASCI ANTERIORI SINDESMOSI TIBIO-PER. DIST. LEG. PERONEO-CALCANEARE LEG. PERONEO-ASTRAGALICO POST. GRACE,1984

26 TRAUMA IN EVERSIONE COMPLESSO CAPSULOLEGAMENTOSO MEDIALE (10%) DELLE DISTORSIONI DI CAVIGLIA MENO FREQUENTE GENERALMENTE NON GRAVE LEGAMENTO DELTOIDEO MINIMAMENTE STIRATO (PERUGIA, 1995) TRAUMA IN FLESSIONE Capsula posteriore TRAUMA IN ESTENSIONE Capsula anteriore e lussazione dei peronieri

27 LESIONI ASSOCIATE CORRELATE ALL EVENTO TRAUMATICO INIZIALE OPPURE DOVUTE AGLI STRESS RIPETUTI NELLE INSTABILITA CRONICHE DI CAVIGLIA

28 Lesioni associate all instabilità di caviglia Strutture patologiche Tenosinovite dei peronei Impingement Lassità del retinacolo Sinovite Corpi mobili intra-articolari Rottura longitudinale del peroneo breve Lesioni condrali dell astragalo 77% 67% 54% 49% 26% 25% 23% (DiGiovanni 2000)

29 LESIONI DELLA SINDESMOSI TIBIO-PERONEALE DISTALE Distorsione di caviglia/danno sindesmosi: 63% (diagnosi con RMN, Brown 2004) Lesione isolata della sindesmosi in una distorsione di caviglia: 1%-11% (Grass 2000) INSUFFICIENZA DELLA SOTTOASTRAGALICA Strutturale: danno anatomico Funzionale: da squilibri muscolari, da disordini propriocettivi da lassità legamentosa DEVONO ESSERE DIAGNOSTICATE E TRATTATE

30 DIAGNOSI LA PRECISA DIAGNOSI QUALITATIVA E QUANTITATIVA DELL INSTABILITA DI CAVIGLIA CORRETTO MANAGEMENT TERAPEUTICO

31 CLASSIFICAZIONI Criteri anamnestico-evolutivi Criteri anatomo-patologici Segni e sintomi clinici Criteri funzionali

32 CLASSIFICAZIONE ANAMNESTICO EVOLUTIVA LESIONI ACUTE LESIONI ACUTE SU PRECEDENTI LASSITA CRONICA (LANZETTA,, 1983 ) CLSSIFICAZIONE ANATOMO-PATOLOGICA GRADO 0 GRADO 1 GRADO 2 GRADO 3 4 GRADI SENZA VERA ROTTURA LESIONE P.A.A. LESIONE P.A.A. + P.C. LESIONE P.A.A. + P.C. + P.A.P. (CASTAING, 1968, 1972)

33 CORRELAZIONE GRADO DI LESIONE- ESAME CLINICO WEST POINT GRADING SISTEM, 1996 GRADO I: allungamento del LPAA. Lieve tumefazione, dolorabilità ed ecchimosi. Capacità di carico completa o parziale. Non instabilità. GRADO II: parziale lesione del LPAA e LPC. Moderata dolorabilità, tumefazione ed ecchimosi. Deambulazione difficoltosa senza stampelle. Instabilità assente o lieve. GRADO III: completa lesione del LPAA, LPC e LPAP. Tumefazione dolorabilità ed ecchimosi marcata e diffusa. Non capacità di carico. Franca instabilità.

34 ITER DIAGNOSTICO Anamnesi Es. Clinico Es. strumentali morfologici Es. strumentali funzionali

35 ANAMNESI ELEMENTI DI MAGGIOR RILIEVO Meccanismo traumatico Sensazione avvertita dal paziente spostamento articolare Instabilità al tentativo di carico Precedenti eventi traumatici alla medesima caviglia o alla controlaterale Instabilità cronica post-traumatica Instabilità costituzionale

36 GRADO 1 ESAME OBIETTIVO CLASSIFICAZIONE IN 3 GRADI Lieve tumefazione, Dolorabilità ed ecchimosi. Capacità di carico completa o parziale. Non instabilità GRADO 2 GRADO 3 Moderata tumefazione, dolorabilità ed ecchimosi, deambulazione difficoltosa senza stampelle. Instabilità assente o lieve Marcata tumefazione, dolorabilità ed ecchimosi. Non capacità al carico. Franca instabilità

37 CLANTON T., 2000 La domanda che ci dobbiamo porre è: Caviglia stabile Caviglia instabile Test clinici specifici patognomonici Esami strumentali mirati

38 TEST DEL CASSETTO ASTRAGALICO Corretta esecuzione Comparazione con controlaterale L eccessiva traslazione anteriore del piede indica che almeno il legamento peroneoastragalico anteriore è completamente rotto CLANTON, 2000

39 TEST DELLO STRESS IN INVERSIONE Sensazione di un eccessivo movimento del piede durante l inversione Lesione dei legamenti PAA e PC

40 LESIONI CAPSULO-LEGAMENTOSE MEDIALI Il 2,8 % di lesioni laterali si associa a lesione del compartimento mediale Bruns J. et al., 1987 La lesione isolata del legamento deltoideo senza lesione legamentosa laterale è rara Il suo interessamento viene valutato mediante test di stress in eversione

41 ULTERIORI TEST CLINICI PER LE LESIONI ASSOCIATE Test della pressione: : viene esercitata una pressione con il pollice sulla porzione anteriore della sindesmosi T.P Lesione Sindesmosi T.P. distale Pressione sulla porzione prossimale del perone Frattura di Maisonneuve Pressione sul 5 metatarso per valutare la eventuale concomitanza Test per la valutazione della sottoastragalica Frattura di Jones Lesione legamento interosseo

42 ESAMI STRUMENTALI MORFOLOGICI RX-GRAFIE STANDARD E DINAMICHE ECOGRAFIA TC RMN Gli esami strumentali, quando necessari, devono essere mirati in base al quadro clinico, ed inoltre nelle lesioni acute minori siamo d accordo con C.N. Van Dijk, 2000:

43 ESAME RADIOGRAFICO Rimane l esame di base per la valutazione dei traumi Non necessario nelle forme piu lievi e qualora non sia presente una dolorabilità ossea localizzata Esame Rx standard con proiezioni AP Laterale Obliqua (visualizzazione mortaio con la sindesmosi TP) Rx dinamiche (sotto stress). Trovano indicazione, se i test clinici di instabilità sono positivi, per la quantificazione dell instabilità, sia nelle lesioni acute che nelle croniche piu severe. M.J. Breitenseher,, 1999

44 CLASSIFICAZIONE RX-GRAFICA STRESS IN VARO-EQUINO FORZATO STRESS IN EQUINO CON ANTERO-PULSIONE LANZETTA, 1977 VARO ANTERO-PULSIONE GRADO 0 < 10 < 5mm GRADO mm GRADO mm GRADO 3 > 25 > 15 mm

45 SUCCESSIVAMENTE ALTRI VALORI ASSOLUTI DI LESIONE PER IL TILTING DELL ASTRAGALO M. GLASGOW, 1980 O. KORKALA, 1987 L. Konradsen, 1991 C.N. Van Dijk, 1996 F. Spechiulli, 1999 > 6 > 15 > 9 > 10 > 3 Peraltro un Tilting negativo non esclude la presenza di lesioni legamentose. Infatti studi clinici e su cadavere hanno dimostrato che lo stress in varo diventa positivo solo se entrambi i legamenti PAA e PC sono lesionati J.R. Cass,, 1994

46 ECOGRAFIA: Operatore dipendente TAC: se si sospetta un difetto osteocondrale o una frattura subtalare non visibile radiograficamente RMN: Può essere utile nei casi piu gravi e per la diagnosi delle lesioni associate Sindesmosi T. P. Distale K.W. Sottoastragalica O. Jard,, 2002 K.W. Brown,2004 Lesioni condrali J. Linklater,, 2002

47 ANAMNESI, ESAME CLINICO ED ESAMI STRUMENTALI MORFOLOGICI Ci consentono di distinguere Instabilità meccaniche Instabilità funzionali

48 Riabilitazione delle distorsioni di caviglia Dott. C.Fusco

49 TRATTAMENTO INSTABILITÀ ACUTA QUANDO? COME? PERCHE?

50 QUANDO SEMPRE (TUTTI I GRADI DI LESIONE) TEMPESTIVAMENTE

51 COME I e II GRADO: CONSERVATIVO PRICE EVENTUALE TRATTAMENTO CHIRURGICO DELLE LESIONI ASSOCIATE OSSEE LEG. DELTOIDEO CONDRALI ATLETI, TILT TEST, RX STRESS > 15 gradi

52 GRANDE CONTROVERSIA III GRADO TRATTAMENTO CHIRURGICO Vs TRATTAMENTO CONSERVATIVO Brostrom 1966 Gronmark 1980 Brooks 1981 Korkala 1987 Pijnenburg 2000 Sommer 1989 Zwipp 1989 Kannus 1991 Kaikkonen 1996 Povacz 1998 Kerkhoffs 2003

53 TRATTAMENTO CONSERVATIVO CHIRURGICO

54 TRATTAMENTO CONSERVATIVO Protection Rest Ice Compression Elevation

55 PROTECTION IMMOBILIZZAZIONE Gesso Splint TRATTAMENTO FUNZIONALE Tape Bendaggio elastico Lace-up Supporto semi-rigido

56 REST Relativo riposo ridurre il livello di attività incoraggiare precoce mobilizzazione protetta La immobilizzazione ritarda la sintesi di collagene e la riparazione legamentosa Andriacchi 1988 Buckwalter 1995 Eccessiva mobilizzazione dopo lesione acuta può condurre ad instabilità articolare Cawley 1991 Buckwalter 1996

57 ICE 15 X 4/die vasocostrizione, < tumefazione Più veloce ritorno alla completa funzionalità Hocutt, 1982

58 COMPRESSION Bendaggio elastico Splint pneumatico > Pressione interstiziale promuove rissorbimento nel sistema venoso e linfatico. RIDUZIONE EDEMA ELEVATION

59 TRATTAMENTO CHIRURGICO SCOPO IDEALE DELLA CHIRURGIA E RISTABILIRE FUNZIONE E STABILITA, SENZA COMPLICANZE. Artroscopico Artrotomico Artrotomico/Artroscopico RIPARAZIONE LEGAMENTOSA ANATOMICA NON ANATOMICA

60 PRINCIPI DELLA RIABILITAZIONE MINIMIZZARE GLI EFFETTI DELL IMMOBILIZZAZIONE NON STRESSARE ECCESSIVAMENTE I TESSUTI IN FASE DI GUARIGIONE PROGREDIRE DOPO RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI BASARE IL PROTOCOLLO SULLE RICERCHE ATTUALI ADATTARE IL PROGRAMMA RIABILITATIVO AL PAZIENTE

61 FASE IMMEDIATA POST-trauma BENDAGGIO CRIOTERAPIA TERAPIA FARMACOLOGICA ARTO IN POSIZIONE ANTIDECLIVE MOBILIZZAZIONE PRECOCE ESERCIZIO ISOMETRICO LIMITAZIONI DEL CARICO secondo tipo di intervento ed indicazione del Chirurgo EVENTUALE USO PLANTARI - Correzione asse di carico - Indicazione del Chirurgo

62 PRIMA FASE Obiettivi Recupero dell articolarità Minimizzare l ipotrofia muscolare Ripristino di un corretto schema del passo (Iniziale recupero dell equilibrio e della coordinazione) Ripresa attività della vita quotidiana

63 PRIMA FASE MOBILIZZZAZIONE -Attiva - Attiva assistita - Passiva Inibizione reciproca: la contrazione isotonica di un agonista causa rilassamento riflesso dell antagonista consentendo il suo allungamento. W.D. BANDY ET AL, 1994 Importanza degli esercizi attivi per il ROM

64 PRIMA FASE STRETCHING DEL GASTROCNEMIO-SOLEO Stretching dinamico dalla posizione seduta PROPRIOCETTIVA ELETTROSTIMOLAZIONE ARTO INF.

65 PRIMA FASE ESERCIZI IN ACQUA -ROM - Esercizi per la deambulazione - Iniziale recupero tono muscolare - Rieducazione propriocettiva precoce - Coordinazione neuro-muscolare - Ricondizionamento aerobico

66 PRIMA FASE ESERCIZI IN ACQUA

67 PRIMA FASE ESERCIZI IN ACQUA

68 SECONDA FASE Obiettivi Recupero del tono-trofismo muscolare Ripristino del controllo propriocettivo e della kinestesia Preparazione alla fase avanzata

69 SECONDA FASE POTENZIAMENTO MUSCOLARE CON THERABAND: Muscoli della caviglia - Flessione plantare - Flessione dorsale -Inversione -Eversione

70 POTENZIAMENTO MUSCOLARE: Altri Muscoli arto inferiore SECONDA FASE

71 SECONDA FASE POTENZIAMENTO MUSCOLARE IN ACQUA: - nuoto con pinne - galleggianti - pesi

72 SECONDA FASE POTENZIAMENTO MUSCOLARE IN PALESTRA: - a carico naturale - con macchine (resistenze adeguate)

73 SECONDA FASE STRETCHING STATICO E DINAMICO - Gastrocnemio-soleo - Altri Muscoli arto inferiore Inibizione autogena: il muscolo allungato si contrae per azione del fuso neuromuscolare; se la durata è > a 6 sec. gli impulsi dall organo tendineo di Golgi per riflesso inibiscono il fuso con rilassamento ed allungamento. D. WALLIN ET AL, 1985 L allungamento deve essere mantenuto per almeno 15 prolonged Low Load Stretch W.D. BANDY ET AL, 1994 K.E. LIGHT ET AL, 1984

74 SECONDA FASE PROPRIOCEZIONE - Tavolette - Esercizi complessi in acqua - KAT 2000

75 TERZA FASE Obiettivi Preparazione sport-specifica Ricondizionamento globale dell apparato locomotore Ritorno allo sport in condizioni di sicurezza

76 TERZA FASE POTENZIAMENTO MM ARTO INFERIORE IN PALESTRA CORSA Attendere più a lungo se lesione cartilagine in zona di carico RESISTENZA ED ELASTICITA MUSCOLARE GRADUALE RITORNO ALLA GESTUALITA RIPRESA ATTIVITA SPORTIVA - Valutazioni funzionali - Test di agilità e coordinazione

77 TERZA FASE RINFORZO MM ARTO INFERIORE IN PALESTRA EQUILIBRIO, FLESSIBILITA E COORDINAZIONE

78 TERZA FASE CORSA RITORNO ALLA GESTUALITA

79 TERZA FASE RIPRESA ATTIVITA SPORTIVA: VALUTAZIONI FUNZIONALI RITORNO ALLO SPORT: ROM COMPLETO RECUPERO DELLA FORZA-ATTIVITÀ MUSCOLARE DELLA CAVIGLIA OTTIMALE CONTROLLO PROPRIOCETTIVO RIADATTAMENTO DELL APPARATO LOCOMOTORE ALLA DISCIPLINA SPORTIVA RECUPERO DEL PROPRIO PATTERN IDEALE

80 TERZA FASE RIPRESA ATTIVITA SPORTIVA: AGILITA E COORDINAZIONE Per determinare se un atleta è pronto o meno per iniziare la progressione funzionale per il ritorno allo sport ESEMPIO DI TEST : Single Leg Hop Series Prima si esegue con il lato sano 2 cicli di riscaldamento Media di 2 prove effettuate Calcolo della differenza % lato/lato (media lato sano/media lato leso *100) Ritorno allo sport: Hop test > 85%

81 PRINCIPI DEL RECUPERO NEUROMUSCOLARE DELLA CAVIGLIA INSTABILE C. Fusco

82 CONTROLLO NEUROMUSCOLARE MUSCLE STRENGHT MUSCLE REACTION TIME PROPRIOCEPTION POSTURAL CONTROL Richie Jr. 2001

83 Deafferentazione articolare Riduzione della risposta propriocettiva dopo lesioni capsulari e legamentose della caviglia. INSTABILITA FUNZIONALE Freeman,M.A.R. 1965

84 SISTEMA PROPRIOCETTIVO IL SISTEMA PROPRIOCETTIVO NEL SUO INSIEME E COMPOSTO DA: PROPRIOCEZIONE, CHINESTESIA, INFORMAZIONI SENSORIALI, VISIVE E VESTIBOLARI ALLUM, FITZPATRICK, 1994

85 SHERRINGTON, 1906 PROPRIOCEZIONE: (RE)CEPTUS: RICEVERE PROPIUS:SE STESSO CHINESTESIA: KIN(ĒMA): MOVIMENTO CISTHĒS(IS): SENSAZIONE

86 PROPRIOCETTORI CLASSIFICAZIONE FREEMAN E WIKE, 1964 PRINCIPALI LOCALIZZAZIONI TIPO I (RUFINI): TESSUTI CAPSULO-LEGAMENTOSI E CUTE TIPO II (PACINI): TESSUTI CAPSULO-LEGAMENTOSI, FASCE MUSCOLARI E CUTE TIPO III (GOLGI): TENDINI E GIUNZIONE MUSCOLO- TENDINEA TIPO IV (T. NERVOSE LIBERE): CAPSULA ARTICOLARE E TESSUTO CONNETTIVO INTRAMUSCOLARE RECETTORI PRINCIPALMENTE COINVOLTI NELLA PROPRIOCEZIONE CLELAND E RHYMER,

87 A.Ceccarini,G.Cerulli et.all 1984 Presenza di meccano-recettori tipo II di Pacini e Golgi,tipo I di Ruffini e Terminazioni Nervose libere nei legamenti calcaneoscafoidei plantari e nei fasci ricorrenti scafosustentacolari del tibiale posteriore. Michelson, 1995 Recettori tipo I, II e terminazioni nervose libere nei legamenti peroneo-astragalici e nel legamento deltoideo della caviglia.

88 RECUPERO NEURO-MUSCOLARE: METODI DI VALUTAZIONE NON ESISTE UN UNICO STRUMENTO PER MISURARE IL SISTEMA PROPRIOCETTIVO NEL SUO COMPLESSO

89 TEST RPP (REPRODUCTION OF PASSIVE POSITIONING) DINAMOMETRO ISOCINETICO MODIFICATO: RIPRODUZIONE ATTIVA DI UN ANGOLO ARTICOLARE FISSATO IN MANIERA PASSIVA AD OCCHI APERTI O CHIUSI PROPRIOCEZIONE

90 TEST TTDPM (THRESOLD TO DETECT PASSIVE MOTION) DINAMOMETRO ISOCINETICO MODIFICATO: MUOVENDO L ARTICOLAZIONE,CON VELOCITA ANGOLARE BASSA, IL SOGGETTO AVVERTE IL MOVIMENTO E LA SUA DIREZIONE AD OCCHI CHIUSI CHINESTESIA

91 TEST P.R.T.A.I (Peroneal Reaction Time to sudden Ankle Inversion) VALUTAZIONE CON ELETTROMIOGRAFIA DI SUPERFICIE DEL TEMPO DI REAZIONE DEI MUSCOLI PERONEI DOPO INVERSIONE IMPROVVISA E RAPIDA DELLA CAVIGLIA. Lynch S.A,Eklund U.et all.1996

92 P.N.F TIMING QUANDO IL GRADO DI ELASTICITA CAPSULO- LEGAMENTOSA E LA VALIDITA DEL CONTROLLO MUSCOLARE, PERMETTE MOVIMENTI FINALIZZATI DI CRESCENTE COMPLESSITA SENZA INDURRE DOLORE. TIME - BASED CRITERION - BASED Manal, Snyder-Mackler 96 FRANCAVILLA V.C 2003

93 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI SEDUTO, pedana di Freeman: - Flesso-estensione - Inversione-eversione - Circonduzione G.Puddu,A.Giombini, A.Selvanetti.2001

94 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Tearapia manuale controresistenza Modello KABAT E.VIEL 1986

95 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Esercizi propriocettivi in acqua Scarsa letteratura Non provata efficacia

96 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Stazione eretta, pedana di Freeman: Appoggio bipodalico Occhi aperti/chiusi Appoggio monopodalico Lepart,S.M.,PinciveroD.M. 1997

97 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Spinte destabilizzanti sull atleta Balzi in tappeti elastici Circuiti composti da diverse pedane instabili Irgang,J.J,Whitney 1994

98 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Ripresa graduale gestualita sportspecifica THE RATIONALE FOR OPEN AND CLOSED KINETIC CHAIN ACTIVITIES FOR RESTORATION OF PROPRIOCEPTION AND NEUROMUSCULAR CONTROL FOLLOWING ANKLE INJURY J.Irrgang,R.Neri 2000

99 RIPROGRAMMAZIONE NEUROMOTORIA NELLE LESIONI CRONICHE, NON TRATTATE CORRETTAMENTE,SI POSSONO INSTAURARE MECCANISMI DI COMPENSO PERMANENTI ALTERAZIONI POSTURALI GLOBALI Donelli M.1997

100 PREVENZIONE CORREZIONE DEI FATTORI PREDISPONENTI - INTRINSECI - ESTRINSECI PER RIDURRE IL RISCHIO DEI FATTORI DETERMINANTI NEI TRAUMI NON DA CONTATTO -ESERCIZI PROPRIOCETTIVI

101

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede.

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli USA. Sommario

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni.

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni. Cipryen Fondriest Vialli Il vantaggio per lo sportivo è quello di ottimizzare il funzionamento dell apparato muscoloscheletrico di tutto il corpo col risultato di aumentare il rilassamento muscolare e

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy. Lavoro di tesi di Kitty Tiet

Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy. Lavoro di tesi di Kitty Tiet Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy La tendinite agli arti superiori del pianista: prevenirla, riconoscerla, curarla. Lavoro di tesi di Kitty

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

EndoWorld VET 20-4-IT/07-2011. L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario

EndoWorld VET 20-4-IT/07-2011. L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario EndoWorld VET 20-4-IT/07-2011 L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario L artroscopia nei cavalli, come nella medicina umana, ha rivoluzionato

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI I FATTORI DI RISCHIO E PER IL CALCOLO DEGLI INDICI ESPOSITIVI NIOSH E MAPO La rilevazione

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

La prevenzione delle cadute nell anziano

La prevenzione delle cadute nell anziano Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari La prevenzione delle cadute nell anziano Consigli utili Indice II problema delle

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli