LE LESIONI LEGAMENTOSE DELLA CAVIGLIA. C. Fusco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE LESIONI LEGAMENTOSE DELLA CAVIGLIA. C. Fusco"

Transcript

1 LE LESIONI LEGAMENTOSE DELLA CAVIGLIA C. Fusco

2 LA CAVIGLIA FREQUENTE SEDE DI LESIONE TRAUMATICA STRUTTURA PIU ROBUSTA DEL RETROPIEDE ELEMENTO DI TRASMISSIONE DELLE FORZE DI CARICO R. D. Ferkel,, 2000

3 La caviglia (articolazione tibio-peroneo-astragalica) è una trocleoartrosi TROCLEOARTROSI - CILINDRO CONVESSO ASTRAGALICO - MORTAIO TIBIO-PERONEALE

4 MOVIMENTI FLESSIONE - ESTENSIONE

5 Il movimento di Flesso-Estensione si svolge esclusivamente a livello della Tibio-Tarsica La Prono-Supinazione è un movimento complesso che si svolge prevalentemente a livello della Sotto-Astragalica

6 COMPORTAMENTO CINEMATICO PRINCIPALI ATTI DI MOTO (correlati al movimento del piede): 1. flessione (dorsiflessione) 2. estensione (flessione plantare) GLI ARCHI DI MOVIMENTO NON PARTICOLARMENTE AMPI: valore medio durante il cammino 30 FLESSIONE PLANTARE A 7 DORSIFLESSIONE A 10 FLESSIONE PLANTARE A 20 DORSIFLESSIONE FINO A POSIZIONE NEUTRA 0-12% ciclo del passo 12-48% ciclo del passo 48-62% ciclo del passo % ciclo del paso

7 ESCURSIONE ARTICOLARE E LA STABILITA DELLA CAVIGLIA 1 - CONFORMAZIONE OSSEA 2 - STABILIZZATORI ATTIVI 3 - STABILIZZATORI PASSIVI

8 I LEGAMENTI DELLA CAVIGLIA PRINCIPALI LATERALI MEDIALI ACCESSORI ANTERIORE POSTERIORE

9 COMPARTIMENTO LATERALE PAA nastriforme, appiattito e quadrilatero PC cordoniforme 3 LEGAMENTI PAP quasi orizzontale di forma trapezoidale

10 COMPARTIMENTO MEDIALE LEGAMENTO DELTOIDEO ROBUSTA STRUTTURA TRIANGOLARE 4 FASCI TIBIO-ASTRAGALICO ANT. TIBIO-SCAFOIDEO TIBIO-CALCANEARE TIBIO-ASTRAGALICO POST. STRATO SUPERFICIALE ESTRATO PROFONDO

11 EVENTI TRAUMATICI - INCIDENTI SPORTIVI (LESIONI NELLO SPORT) - SCIVOLATE SUL TERRENO O SULLE SCALE - CADUTE DA DIVERSE ALTEZZE - INFORTUNI PROFESSIONALI - INCIDENTI STRADALI E STATO STIMATO CHE NEGLI STATI UNITI OGNI GIORNO SI VERIFICANO DISTORSIONI DI CAVIGLIA

12 DEFINIZIONE LA DISTORSIONE DELLA CAVIGLIA PUO ESSERE DEFINITA COME UNA LESIONE DELLE PARTI MOLLI DI QUESTA ARTICOLAZIONE QUANDO IL MOVIMENTO DELL ASTRAGALO NEL MORTAIO TIBIO-PERONEALE ECCEDE I LIMITI FISIOLOGICI IMPOSTI DAI LEGAMENTI CHE LO VINCOLANO P.E. SCRANTON,2001

13 LA CAVIGLIA ARTICOLAZIONE CON PIU ALTA INCIDENZA DI LESIONI NELLO SPORT DISTORSIONI CAVIGLIA: 15-20% JAKSON, 1974 BALWIN, 1982 JORGENSEN, 1984 MAEHLUM, 1984 KLIST, 1989 WEBB, 1990 LANZETTA, 1991 HEIDT, 1993 PETERSON, RENSTROM, 2001

14 ISTITUTO DI SCIENZA DELLO SPORT DAL ATLETI (Atleti delle varie Federazioni e Società Sportive Nazionali ) CON LESIONI ACUTE E CRONICHE DELL APPARATO LOCOMOTORE 1/3 DELLE LESIONI PIEDE-COLLO PIEDE NEL 32% LESIONI ACUTE DISTORSIONI CAVIGLIA: 84,9%

15 INCIDENZA PER TIPO DI SPORT BASKET 31,5 CALCIO 19,2% PALLAVOLO 13,7% ATLETICA 13,45 GINNASTICA 7,95 TENNIS 3,3% RUGBY 1,8% PALLA A MANO 1,6% HOCKEY 1,6% FOOTBALL A. 1,6% JUDO 1,6% LANZETTA-VENTURA 1990

16 PREVALENZA DEL MECCANISMO TRAUMATICO NON DA CONTATTO LE GESTUALITA SPORTIVE PIU COINVOLTE CORRERE SALTARE MANTENERE LA POSIZIONE DEAMBULARE CALCIARE LANCIARE NICHOLAS 1978

17 GLI SPORT PIU A RISCHIO QUELLI IN CUI IL GESTO SALTARE E MASSIMAMENTE RAPPRESENTATO BASKET VOLLEY CALCIO GINNASTICA WEBB, 1990 FRIGNANI, 1991 PETERSON, 2001

18 I FATTORI PREDISPONENTI INTRINSECI ED ESTRINSECI RIVESTONO UN IMPORTANTE RUOLO EZIOLOGICO NELLA DETERMINAZIONE DELLA LESIONE L INDIVIDUAZIONE E LA CORREZIONE DI TALI FATTORI PUO DIMINUIRE IL RISCHIO DI LESIONE CLANTON, 1998

19 FATTORI PREDISPONENTI INTRINSECI ED ESTRINSECI Talune caratteristiche morfologiche e funzionali (Lassità capsulo-legamentosa costituzionale,sovrappeso, dismetrie,anomalie assiali o torsionali dell arto inferiore, squilibri posturali) Alterazioni dell appoggio (anomalie del retropiede) Squilibri muscolari (ipotonia peronieri) Alterazioni e disturbi propriocettivi Calzature non idonee Terreni irregolari, fangosi o ghiacciati, sintetici

20 FATTORI DETERMINANTI Contatto incongruo al suolo all atto del saltare o nella ricaduta dall alto Arresto brusco Rapido cambio direzionale Contatto con l avversario

21 NEI TRAUMI ACUTI DI CAVIGLIA DEL CALCIATORE RAPPORTO LESIONE/ TIPO DI TERRENO SU CAMPI IN TERRA BATTUTA : 25% SU CAMPI IN ERBA: 17% INCIDENZA SUI TERRENI DURI, SPECIE SE IRREGOLARI RISPETTO AL MANTO ERBOSO LA SPIEGAGIONE PATOGENETICA POTREBBE ESSERE LEGATA ALLE CALZATURE

22 RUOLO DELLE CALZATURE SUL TERRENO DURO USO DICALZATURE CON TACCHETTI PIU BASSI E NUMEROSI SU ERBA CALZATURE CON TACCHETTI PIU ALTI E IN MINOR NUMERO

23 FREQUENZA DANNO ANATOMICO LEGAMENTI LATERALI (57%) LEGAMENTO MEDIALE TRAUMA IN INVERSIONE (90%) TRAUMA IN EVERSIONE (10%)

24 TRAUMA IN INVERSIONE COMPLESSO CAPSULOLEGAMENTOSO ESTERNO con sequela progressiva del danno 90% DELLE DISTORSIONI DI CAVIGLIA RICADUTA DA UN SALTO BRUSCHI CAMBI DI DIREZIONE IRREGOLARITA DEL TERRENO CONTRASTI DI GIOCO

25 SEQUELA LESIONI CAPSULO-LEGAMENTOSE LATERALI CAPSULA ANTERO-LATERALE LEG. PERONEO-ASTRAGALICO ANT. FASCI ANTERIORI SINDESMOSI TIBIO-PER. DIST. LEG. PERONEO-CALCANEARE LEG. PERONEO-ASTRAGALICO POST. GRACE,1984

26 TRAUMA IN EVERSIONE COMPLESSO CAPSULOLEGAMENTOSO MEDIALE (10%) DELLE DISTORSIONI DI CAVIGLIA MENO FREQUENTE GENERALMENTE NON GRAVE LEGAMENTO DELTOIDEO MINIMAMENTE STIRATO (PERUGIA, 1995) TRAUMA IN FLESSIONE Capsula posteriore TRAUMA IN ESTENSIONE Capsula anteriore e lussazione dei peronieri

27 LESIONI ASSOCIATE CORRELATE ALL EVENTO TRAUMATICO INIZIALE OPPURE DOVUTE AGLI STRESS RIPETUTI NELLE INSTABILITA CRONICHE DI CAVIGLIA

28 Lesioni associate all instabilità di caviglia Strutture patologiche Tenosinovite dei peronei Impingement Lassità del retinacolo Sinovite Corpi mobili intra-articolari Rottura longitudinale del peroneo breve Lesioni condrali dell astragalo 77% 67% 54% 49% 26% 25% 23% (DiGiovanni 2000)

29 LESIONI DELLA SINDESMOSI TIBIO-PERONEALE DISTALE Distorsione di caviglia/danno sindesmosi: 63% (diagnosi con RMN, Brown 2004) Lesione isolata della sindesmosi in una distorsione di caviglia: 1%-11% (Grass 2000) INSUFFICIENZA DELLA SOTTOASTRAGALICA Strutturale: danno anatomico Funzionale: da squilibri muscolari, da disordini propriocettivi da lassità legamentosa DEVONO ESSERE DIAGNOSTICATE E TRATTATE

30 DIAGNOSI LA PRECISA DIAGNOSI QUALITATIVA E QUANTITATIVA DELL INSTABILITA DI CAVIGLIA CORRETTO MANAGEMENT TERAPEUTICO

31 CLASSIFICAZIONI Criteri anamnestico-evolutivi Criteri anatomo-patologici Segni e sintomi clinici Criteri funzionali

32 CLASSIFICAZIONE ANAMNESTICO EVOLUTIVA LESIONI ACUTE LESIONI ACUTE SU PRECEDENTI LASSITA CRONICA (LANZETTA,, 1983 ) CLSSIFICAZIONE ANATOMO-PATOLOGICA GRADO 0 GRADO 1 GRADO 2 GRADO 3 4 GRADI SENZA VERA ROTTURA LESIONE P.A.A. LESIONE P.A.A. + P.C. LESIONE P.A.A. + P.C. + P.A.P. (CASTAING, 1968, 1972)

33 CORRELAZIONE GRADO DI LESIONE- ESAME CLINICO WEST POINT GRADING SISTEM, 1996 GRADO I: allungamento del LPAA. Lieve tumefazione, dolorabilità ed ecchimosi. Capacità di carico completa o parziale. Non instabilità. GRADO II: parziale lesione del LPAA e LPC. Moderata dolorabilità, tumefazione ed ecchimosi. Deambulazione difficoltosa senza stampelle. Instabilità assente o lieve. GRADO III: completa lesione del LPAA, LPC e LPAP. Tumefazione dolorabilità ed ecchimosi marcata e diffusa. Non capacità di carico. Franca instabilità.

34 ITER DIAGNOSTICO Anamnesi Es. Clinico Es. strumentali morfologici Es. strumentali funzionali

35 ANAMNESI ELEMENTI DI MAGGIOR RILIEVO Meccanismo traumatico Sensazione avvertita dal paziente spostamento articolare Instabilità al tentativo di carico Precedenti eventi traumatici alla medesima caviglia o alla controlaterale Instabilità cronica post-traumatica Instabilità costituzionale

36 GRADO 1 ESAME OBIETTIVO CLASSIFICAZIONE IN 3 GRADI Lieve tumefazione, Dolorabilità ed ecchimosi. Capacità di carico completa o parziale. Non instabilità GRADO 2 GRADO 3 Moderata tumefazione, dolorabilità ed ecchimosi, deambulazione difficoltosa senza stampelle. Instabilità assente o lieve Marcata tumefazione, dolorabilità ed ecchimosi. Non capacità al carico. Franca instabilità

37 CLANTON T., 2000 La domanda che ci dobbiamo porre è: Caviglia stabile Caviglia instabile Test clinici specifici patognomonici Esami strumentali mirati

38 TEST DEL CASSETTO ASTRAGALICO Corretta esecuzione Comparazione con controlaterale L eccessiva traslazione anteriore del piede indica che almeno il legamento peroneoastragalico anteriore è completamente rotto CLANTON, 2000

39 TEST DELLO STRESS IN INVERSIONE Sensazione di un eccessivo movimento del piede durante l inversione Lesione dei legamenti PAA e PC

40 LESIONI CAPSULO-LEGAMENTOSE MEDIALI Il 2,8 % di lesioni laterali si associa a lesione del compartimento mediale Bruns J. et al., 1987 La lesione isolata del legamento deltoideo senza lesione legamentosa laterale è rara Il suo interessamento viene valutato mediante test di stress in eversione

41 ULTERIORI TEST CLINICI PER LE LESIONI ASSOCIATE Test della pressione: : viene esercitata una pressione con il pollice sulla porzione anteriore della sindesmosi T.P Lesione Sindesmosi T.P. distale Pressione sulla porzione prossimale del perone Frattura di Maisonneuve Pressione sul 5 metatarso per valutare la eventuale concomitanza Test per la valutazione della sottoastragalica Frattura di Jones Lesione legamento interosseo

42 ESAMI STRUMENTALI MORFOLOGICI RX-GRAFIE STANDARD E DINAMICHE ECOGRAFIA TC RMN Gli esami strumentali, quando necessari, devono essere mirati in base al quadro clinico, ed inoltre nelle lesioni acute minori siamo d accordo con C.N. Van Dijk, 2000:

43 ESAME RADIOGRAFICO Rimane l esame di base per la valutazione dei traumi Non necessario nelle forme piu lievi e qualora non sia presente una dolorabilità ossea localizzata Esame Rx standard con proiezioni AP Laterale Obliqua (visualizzazione mortaio con la sindesmosi TP) Rx dinamiche (sotto stress). Trovano indicazione, se i test clinici di instabilità sono positivi, per la quantificazione dell instabilità, sia nelle lesioni acute che nelle croniche piu severe. M.J. Breitenseher,, 1999

44 CLASSIFICAZIONE RX-GRAFICA STRESS IN VARO-EQUINO FORZATO STRESS IN EQUINO CON ANTERO-PULSIONE LANZETTA, 1977 VARO ANTERO-PULSIONE GRADO 0 < 10 < 5mm GRADO mm GRADO mm GRADO 3 > 25 > 15 mm

45 SUCCESSIVAMENTE ALTRI VALORI ASSOLUTI DI LESIONE PER IL TILTING DELL ASTRAGALO M. GLASGOW, 1980 O. KORKALA, 1987 L. Konradsen, 1991 C.N. Van Dijk, 1996 F. Spechiulli, 1999 > 6 > 15 > 9 > 10 > 3 Peraltro un Tilting negativo non esclude la presenza di lesioni legamentose. Infatti studi clinici e su cadavere hanno dimostrato che lo stress in varo diventa positivo solo se entrambi i legamenti PAA e PC sono lesionati J.R. Cass,, 1994

46 ECOGRAFIA: Operatore dipendente TAC: se si sospetta un difetto osteocondrale o una frattura subtalare non visibile radiograficamente RMN: Può essere utile nei casi piu gravi e per la diagnosi delle lesioni associate Sindesmosi T. P. Distale K.W. Sottoastragalica O. Jard,, 2002 K.W. Brown,2004 Lesioni condrali J. Linklater,, 2002

47 ANAMNESI, ESAME CLINICO ED ESAMI STRUMENTALI MORFOLOGICI Ci consentono di distinguere Instabilità meccaniche Instabilità funzionali

48 Riabilitazione delle distorsioni di caviglia Dott. C.Fusco

49 TRATTAMENTO INSTABILITÀ ACUTA QUANDO? COME? PERCHE?

50 QUANDO SEMPRE (TUTTI I GRADI DI LESIONE) TEMPESTIVAMENTE

51 COME I e II GRADO: CONSERVATIVO PRICE EVENTUALE TRATTAMENTO CHIRURGICO DELLE LESIONI ASSOCIATE OSSEE LEG. DELTOIDEO CONDRALI ATLETI, TILT TEST, RX STRESS > 15 gradi

52 GRANDE CONTROVERSIA III GRADO TRATTAMENTO CHIRURGICO Vs TRATTAMENTO CONSERVATIVO Brostrom 1966 Gronmark 1980 Brooks 1981 Korkala 1987 Pijnenburg 2000 Sommer 1989 Zwipp 1989 Kannus 1991 Kaikkonen 1996 Povacz 1998 Kerkhoffs 2003

53 TRATTAMENTO CONSERVATIVO CHIRURGICO

54 TRATTAMENTO CONSERVATIVO Protection Rest Ice Compression Elevation

55 PROTECTION IMMOBILIZZAZIONE Gesso Splint TRATTAMENTO FUNZIONALE Tape Bendaggio elastico Lace-up Supporto semi-rigido

56 REST Relativo riposo ridurre il livello di attività incoraggiare precoce mobilizzazione protetta La immobilizzazione ritarda la sintesi di collagene e la riparazione legamentosa Andriacchi 1988 Buckwalter 1995 Eccessiva mobilizzazione dopo lesione acuta può condurre ad instabilità articolare Cawley 1991 Buckwalter 1996

57 ICE 15 X 4/die vasocostrizione, < tumefazione Più veloce ritorno alla completa funzionalità Hocutt, 1982

58 COMPRESSION Bendaggio elastico Splint pneumatico > Pressione interstiziale promuove rissorbimento nel sistema venoso e linfatico. RIDUZIONE EDEMA ELEVATION

59 TRATTAMENTO CHIRURGICO SCOPO IDEALE DELLA CHIRURGIA E RISTABILIRE FUNZIONE E STABILITA, SENZA COMPLICANZE. Artroscopico Artrotomico Artrotomico/Artroscopico RIPARAZIONE LEGAMENTOSA ANATOMICA NON ANATOMICA

60 PRINCIPI DELLA RIABILITAZIONE MINIMIZZARE GLI EFFETTI DELL IMMOBILIZZAZIONE NON STRESSARE ECCESSIVAMENTE I TESSUTI IN FASE DI GUARIGIONE PROGREDIRE DOPO RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI BASARE IL PROTOCOLLO SULLE RICERCHE ATTUALI ADATTARE IL PROGRAMMA RIABILITATIVO AL PAZIENTE

61 FASE IMMEDIATA POST-trauma BENDAGGIO CRIOTERAPIA TERAPIA FARMACOLOGICA ARTO IN POSIZIONE ANTIDECLIVE MOBILIZZAZIONE PRECOCE ESERCIZIO ISOMETRICO LIMITAZIONI DEL CARICO secondo tipo di intervento ed indicazione del Chirurgo EVENTUALE USO PLANTARI - Correzione asse di carico - Indicazione del Chirurgo

62 PRIMA FASE Obiettivi Recupero dell articolarità Minimizzare l ipotrofia muscolare Ripristino di un corretto schema del passo (Iniziale recupero dell equilibrio e della coordinazione) Ripresa attività della vita quotidiana

63 PRIMA FASE MOBILIZZZAZIONE -Attiva - Attiva assistita - Passiva Inibizione reciproca: la contrazione isotonica di un agonista causa rilassamento riflesso dell antagonista consentendo il suo allungamento. W.D. BANDY ET AL, 1994 Importanza degli esercizi attivi per il ROM

64 PRIMA FASE STRETCHING DEL GASTROCNEMIO-SOLEO Stretching dinamico dalla posizione seduta PROPRIOCETTIVA ELETTROSTIMOLAZIONE ARTO INF.

65 PRIMA FASE ESERCIZI IN ACQUA -ROM - Esercizi per la deambulazione - Iniziale recupero tono muscolare - Rieducazione propriocettiva precoce - Coordinazione neuro-muscolare - Ricondizionamento aerobico

66 PRIMA FASE ESERCIZI IN ACQUA

67 PRIMA FASE ESERCIZI IN ACQUA

68 SECONDA FASE Obiettivi Recupero del tono-trofismo muscolare Ripristino del controllo propriocettivo e della kinestesia Preparazione alla fase avanzata

69 SECONDA FASE POTENZIAMENTO MUSCOLARE CON THERABAND: Muscoli della caviglia - Flessione plantare - Flessione dorsale -Inversione -Eversione

70 POTENZIAMENTO MUSCOLARE: Altri Muscoli arto inferiore SECONDA FASE

71 SECONDA FASE POTENZIAMENTO MUSCOLARE IN ACQUA: - nuoto con pinne - galleggianti - pesi

72 SECONDA FASE POTENZIAMENTO MUSCOLARE IN PALESTRA: - a carico naturale - con macchine (resistenze adeguate)

73 SECONDA FASE STRETCHING STATICO E DINAMICO - Gastrocnemio-soleo - Altri Muscoli arto inferiore Inibizione autogena: il muscolo allungato si contrae per azione del fuso neuromuscolare; se la durata è > a 6 sec. gli impulsi dall organo tendineo di Golgi per riflesso inibiscono il fuso con rilassamento ed allungamento. D. WALLIN ET AL, 1985 L allungamento deve essere mantenuto per almeno 15 prolonged Low Load Stretch W.D. BANDY ET AL, 1994 K.E. LIGHT ET AL, 1984

74 SECONDA FASE PROPRIOCEZIONE - Tavolette - Esercizi complessi in acqua - KAT 2000

75 TERZA FASE Obiettivi Preparazione sport-specifica Ricondizionamento globale dell apparato locomotore Ritorno allo sport in condizioni di sicurezza

76 TERZA FASE POTENZIAMENTO MM ARTO INFERIORE IN PALESTRA CORSA Attendere più a lungo se lesione cartilagine in zona di carico RESISTENZA ED ELASTICITA MUSCOLARE GRADUALE RITORNO ALLA GESTUALITA RIPRESA ATTIVITA SPORTIVA - Valutazioni funzionali - Test di agilità e coordinazione

77 TERZA FASE RINFORZO MM ARTO INFERIORE IN PALESTRA EQUILIBRIO, FLESSIBILITA E COORDINAZIONE

78 TERZA FASE CORSA RITORNO ALLA GESTUALITA

79 TERZA FASE RIPRESA ATTIVITA SPORTIVA: VALUTAZIONI FUNZIONALI RITORNO ALLO SPORT: ROM COMPLETO RECUPERO DELLA FORZA-ATTIVITÀ MUSCOLARE DELLA CAVIGLIA OTTIMALE CONTROLLO PROPRIOCETTIVO RIADATTAMENTO DELL APPARATO LOCOMOTORE ALLA DISCIPLINA SPORTIVA RECUPERO DEL PROPRIO PATTERN IDEALE

80 TERZA FASE RIPRESA ATTIVITA SPORTIVA: AGILITA E COORDINAZIONE Per determinare se un atleta è pronto o meno per iniziare la progressione funzionale per il ritorno allo sport ESEMPIO DI TEST : Single Leg Hop Series Prima si esegue con il lato sano 2 cicli di riscaldamento Media di 2 prove effettuate Calcolo della differenza % lato/lato (media lato sano/media lato leso *100) Ritorno allo sport: Hop test > 85%

81 PRINCIPI DEL RECUPERO NEUROMUSCOLARE DELLA CAVIGLIA INSTABILE C. Fusco

82 CONTROLLO NEUROMUSCOLARE MUSCLE STRENGHT MUSCLE REACTION TIME PROPRIOCEPTION POSTURAL CONTROL Richie Jr. 2001

83 Deafferentazione articolare Riduzione della risposta propriocettiva dopo lesioni capsulari e legamentose della caviglia. INSTABILITA FUNZIONALE Freeman,M.A.R. 1965

84 SISTEMA PROPRIOCETTIVO IL SISTEMA PROPRIOCETTIVO NEL SUO INSIEME E COMPOSTO DA: PROPRIOCEZIONE, CHINESTESIA, INFORMAZIONI SENSORIALI, VISIVE E VESTIBOLARI ALLUM, FITZPATRICK, 1994

85 SHERRINGTON, 1906 PROPRIOCEZIONE: (RE)CEPTUS: RICEVERE PROPIUS:SE STESSO CHINESTESIA: KIN(ĒMA): MOVIMENTO CISTHĒS(IS): SENSAZIONE

86 PROPRIOCETTORI CLASSIFICAZIONE FREEMAN E WIKE, 1964 PRINCIPALI LOCALIZZAZIONI TIPO I (RUFINI): TESSUTI CAPSULO-LEGAMENTOSI E CUTE TIPO II (PACINI): TESSUTI CAPSULO-LEGAMENTOSI, FASCE MUSCOLARI E CUTE TIPO III (GOLGI): TENDINI E GIUNZIONE MUSCOLO- TENDINEA TIPO IV (T. NERVOSE LIBERE): CAPSULA ARTICOLARE E TESSUTO CONNETTIVO INTRAMUSCOLARE RECETTORI PRINCIPALMENTE COINVOLTI NELLA PROPRIOCEZIONE CLELAND E RHYMER,

87 A.Ceccarini,G.Cerulli et.all 1984 Presenza di meccano-recettori tipo II di Pacini e Golgi,tipo I di Ruffini e Terminazioni Nervose libere nei legamenti calcaneoscafoidei plantari e nei fasci ricorrenti scafosustentacolari del tibiale posteriore. Michelson, 1995 Recettori tipo I, II e terminazioni nervose libere nei legamenti peroneo-astragalici e nel legamento deltoideo della caviglia.

88 RECUPERO NEURO-MUSCOLARE: METODI DI VALUTAZIONE NON ESISTE UN UNICO STRUMENTO PER MISURARE IL SISTEMA PROPRIOCETTIVO NEL SUO COMPLESSO

89 TEST RPP (REPRODUCTION OF PASSIVE POSITIONING) DINAMOMETRO ISOCINETICO MODIFICATO: RIPRODUZIONE ATTIVA DI UN ANGOLO ARTICOLARE FISSATO IN MANIERA PASSIVA AD OCCHI APERTI O CHIUSI PROPRIOCEZIONE

90 TEST TTDPM (THRESOLD TO DETECT PASSIVE MOTION) DINAMOMETRO ISOCINETICO MODIFICATO: MUOVENDO L ARTICOLAZIONE,CON VELOCITA ANGOLARE BASSA, IL SOGGETTO AVVERTE IL MOVIMENTO E LA SUA DIREZIONE AD OCCHI CHIUSI CHINESTESIA

91 TEST P.R.T.A.I (Peroneal Reaction Time to sudden Ankle Inversion) VALUTAZIONE CON ELETTROMIOGRAFIA DI SUPERFICIE DEL TEMPO DI REAZIONE DEI MUSCOLI PERONEI DOPO INVERSIONE IMPROVVISA E RAPIDA DELLA CAVIGLIA. Lynch S.A,Eklund U.et all.1996

92 P.N.F TIMING QUANDO IL GRADO DI ELASTICITA CAPSULO- LEGAMENTOSA E LA VALIDITA DEL CONTROLLO MUSCOLARE, PERMETTE MOVIMENTI FINALIZZATI DI CRESCENTE COMPLESSITA SENZA INDURRE DOLORE. TIME - BASED CRITERION - BASED Manal, Snyder-Mackler 96 FRANCAVILLA V.C 2003

93 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI SEDUTO, pedana di Freeman: - Flesso-estensione - Inversione-eversione - Circonduzione G.Puddu,A.Giombini, A.Selvanetti.2001

94 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Tearapia manuale controresistenza Modello KABAT E.VIEL 1986

95 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Esercizi propriocettivi in acqua Scarsa letteratura Non provata efficacia

96 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Stazione eretta, pedana di Freeman: Appoggio bipodalico Occhi aperti/chiusi Appoggio monopodalico Lepart,S.M.,PinciveroD.M. 1997

97 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Spinte destabilizzanti sull atleta Balzi in tappeti elastici Circuiti composti da diverse pedane instabili Irgang,J.J,Whitney 1994

98 ESERCIZI RIABILITATIVI SPECIFICI Ripresa graduale gestualita sportspecifica THE RATIONALE FOR OPEN AND CLOSED KINETIC CHAIN ACTIVITIES FOR RESTORATION OF PROPRIOCEPTION AND NEUROMUSCULAR CONTROL FOLLOWING ANKLE INJURY J.Irrgang,R.Neri 2000

99 RIPROGRAMMAZIONE NEUROMOTORIA NELLE LESIONI CRONICHE, NON TRATTATE CORRETTAMENTE,SI POSSONO INSTAURARE MECCANISMI DI COMPENSO PERMANENTI ALTERAZIONI POSTURALI GLOBALI Donelli M.1997

100 PREVENZIONE CORREZIONE DEI FATTORI PREDISPONENTI - INTRINSECI - ESTRINSECI PER RIDURRE IL RISCHIO DEI FATTORI DETERMINANTI NEI TRAUMI NON DA CONTATTO -ESERCIZI PROPRIOCETTIVI

101

Caviglia e piede. Tibia e perone Tarso: astragalo calcagno, navicolare, cuboide, 3 cuneiformi Metatarso falangi

Caviglia e piede. Tibia e perone Tarso: astragalo calcagno, navicolare, cuboide, 3 cuneiformi Metatarso falangi Caviglia e piede Tibia e perone Tarso: astragalo calcagno, navicolare, cuboide, 3 cuneiformi Metatarso falangi Articolazione tibio-tarsica tarsica Articolazione a troclea tra: tibia Fibula astragalo ossa

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

La riabilitazione del legamento collaterale mediale

La riabilitazione del legamento collaterale mediale La riabilitazione del legamento collaterale mediale E. Trucco C. Laura Palestra Bussana - Struttura Complessa RRF Direttore: dott. E. Trucco La lesione del LCM è la più frequente tra lesioni periferiche

Dettagli

La gestione dello sportivo infortunato

La gestione dello sportivo infortunato La gestione dello sportivo infortunato Dr. Alessandro Valent Specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa Membro Italian Society of Muscle, Ligaments and Tendons (I.S.Mu.L.T.) Infortunio sportivo Un

Dettagli

PROPRIOCEZIONE: ASPETTI CLINICI E RIABILITATIVI. C.Fusco

PROPRIOCEZIONE: ASPETTI CLINICI E RIABILITATIVI. C.Fusco PROPRIOCEZIONE: ASPETTI CLINICI E RIABILITATIVI C.Fusco PREMESSA IN LETTERATURA NON ESISTE UNA TERMINOLOGIA UNIVOCA PER DEFINIRE LA PROPRIOCEZIONE PROPRIOCEZIONE = SISTEMA PROPRIOCETTIVO SISTEMA PROPRIOCETTIVO

Dettagli

ARTICOLAZIONE DELLA CAVIGLIA

ARTICOLAZIONE DELLA CAVIGLIA ARTICOLAZIONE DELLA CAVIGLIA Articolazione tibio-tarsica Articolazione distale dell arto inferiore Tipo: ginglimo angolare o troclea Assieme alla rotazione assiale del ginocchio permette di orientare il

Dettagli

Distorsioni della caviglia: inquadramento clinico e linee di trattamento

Distorsioni della caviglia: inquadramento clinico e linee di trattamento Clinica Distorsioni della caviglia: inquadramento clinico e linee di trattamento Valerio Sansone Professore di Ortopedia Università degli Studi di Milano Primario dell Unità Operativa Ortopedia 1 Istituto

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

Roma 19 Maggio 2016. Le distorsioni della Caviglia Articolazione Tibio Tarsica e Sottoastragalica

Roma 19 Maggio 2016. Le distorsioni della Caviglia Articolazione Tibio Tarsica e Sottoastragalica Roma 19 Maggio 2016 Le distorsioni della Caviglia Articolazione Tibio Tarsica e Sottoastragalica Gabriele Cavalieri Fisioterapista e Osteopata Nazionale Italiana Pallavolo Il trauma sportivo indiretto

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

MODENA 11 Maggio 2006 1 CORSO NAZIONALE PER ALLENATORE DI BEACH VOLLEY TRAUMI ACUTI DEGLI ARTI INFERIORI

MODENA 11 Maggio 2006 1 CORSO NAZIONALE PER ALLENATORE DI BEACH VOLLEY TRAUMI ACUTI DEGLI ARTI INFERIORI MODENA 11 Maggio 2006 1 CORSO NAZIONALE PER ALLENATORE DI BEACH VOLLEY TRAUMI ACUTI DEGLI ARTI INFERIORI TRAUMI ACUTI DEI TESSUTI MOLLI lesioni muscolari lesioni tendinee TRAUMI OSTEO-ARTICOLARI distorsioni

Dettagli

Fratture dell Astragalo

Fratture dell Astragalo Fratture dell Astragalo FRATTURE Definizione Soluzione di continuo di un segmento osseo dovuto ad azione meccanica L energia di tale azione meccanica deve superare i limiti di elasticità e resistenza meccanica

Dettagli

I TRAUMI DISTORSIVI DI CAVIGLIA : ANALISI E PERCORSO RIABILITATIVO

I TRAUMI DISTORSIVI DI CAVIGLIA : ANALISI E PERCORSO RIABILITATIVO INTRODUZIONE I TRAUMI DISTORSIVI DI CAVIGLIA : ANALISI E PERCORSO RIABILITATIVO DI DANIELA SACCA - Specialista in Rieducazione Posturale Globale Centro FISIOCLINIC Riabilitazione Globale - Fisioterapia

Dettagli

PATOLOGIA DEL PORTIERE

PATOLOGIA DEL PORTIERE PATOLOGIA DEL PORTIERE PATOLOGIE DELLA MANO E DEL POLSO: trattamento e riabilitazione Dott. P. Odorizzi, Dott I. Dakovic Infortuni da sport alla mano 1/4 degli infortuni sportivi 10% degli infortuni calcistici

Dettagli

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE Via Amadeo 24, 20133 Milano Via Vivaio 22, 20122 Milano Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 E-mail: info@oasiortopedia.it E-mail: l.boldrini@isokinetic.com Pagina web: www.oasiortopedia.it

Dettagli

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale SOGGETTO E ALCUNI DATI Età: 28 SESSO: M Sport praticato: ex giocatore di basket di livello dilettantistico (fino al 2010);

Dettagli

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE Per una corretta riabilitazione della caviglia, è molto importante conoscere il grado di distorsione da parte dell ortopedico sapendo che esiste un grado I, II

Dettagli

I MUSCOLI L APPARATO MUSCOLARE

I MUSCOLI L APPARATO MUSCOLARE IL GINOCCHIO Il ginocchio la più grande articolazione dell uomo è un articolazione doppia, che si costituisce grazie all intersezione di 3 diverse ossa: - Rotula - Perone - Femore La parte più robusta

Dettagli

CAVIGLIA. Il protocollo prevede la suddivisione della caviglia in 4 compartimenti: laterale, mediale, posteriore e anteriore. COMPARTIMENTO LATERALE

CAVIGLIA. Il protocollo prevede la suddivisione della caviglia in 4 compartimenti: laterale, mediale, posteriore e anteriore. COMPARTIMENTO LATERALE CAVIGLIA Il protocollo prevede la suddivisione della caviglia in 4 compartimenti: laterale, mediale, posteriore e anteriore. COMPARTIMENTO LATERALE Check list: legamento peroneoastragalico anteriore (PAA)

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ. Traumatologia della caviglia

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ. Traumatologia della caviglia WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Traumatologia della caviglia Cenni di anatomia Il mortaio tibio-astragalico Cenni di anatomia dei legamenti della caviglia IIl legamento laterale é formato da tre fasci: peroneo-astragalico

Dettagli

Modulo di Conoscenza delle metodiche e tecniche di bendaggio dinamico ad immobilizzazione parziale nella traumatologia delle articolazioni

Modulo di Conoscenza delle metodiche e tecniche di bendaggio dinamico ad immobilizzazione parziale nella traumatologia delle articolazioni GECAV 9/2007 per Operatori 118 1 Modulo di Conoscenza delle metodiche e tecniche di bendaggio dinamico ad immobilizzazione parziale nella traumatologia delle articolazioni A cura del GECAV (Gestione Emergenza

Dettagli

Traumi distorsivi di Caviglia

Traumi distorsivi di Caviglia Traumi distorsivi di Caviglia La distorsione è la perdita momentanea ed incompleta dei rapporti articolari fra due capi ossei. 5000 traumi distorsivi ogni giorno in Italia 20% traumi sportivi disfunzione

Dettagli

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Corso sull arto inferiore Docente: Jochen Schomacher, PhD, PT-OMT Supplemento fotografico per completare il libro: Schomacher, J. Terapia manuale

Dettagli

Lesione muscolare: non solo un male dell'atleta agonista, ma di ogni sportivo. MT Pereira Ruiz, Clinica Montallegro, Genova 18 aprile 2013

Lesione muscolare: non solo un male dell'atleta agonista, ma di ogni sportivo. MT Pereira Ruiz, Clinica Montallegro, Genova 18 aprile 2013 Lesione muscolare: non solo un male dell'atleta agonista, ma di ogni sportivo. MT Pereira Ruiz, Clinica Montallegro, Genova 18 aprile 2013 LE LESIONI MUSCOLARI SONO TRA I PIU COMUNI TRAUMI IN MEDICINA

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI Trattamento riabilitativo delle tendiniti e tendinosi di mano, polso, gomito e spalla Legnago 21/05/13 Dott. Claudio Martini

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE + SINTESI FRATTURA PIATTO TIBIALE

RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE + SINTESI FRATTURA PIATTO TIBIALE Via Amadeo 24, 20133 Milano Via Vivaio 22, 20122 Milano Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 E-mail: info@oasiortopedia.it E-mail: l.boldrini@isokinetic.com Pagina web: www.oasiortopedia.it

Dettagli

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari Patologie muscolo - scheletriche ed articolari La struttura ossea Ossa lunghe Ossa corte Ossa piatte Struttura dell 0sso Tessuto spugnoso Tessuto compatto Struttura dell 0sso La struttura tridimensionale

Dettagli

TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE PATOLOGIE INFIAMMATORIE TENDINEE

TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE PATOLOGIE INFIAMMATORIE TENDINEE TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE PATOLOGIE INFIAMMATORIE TENDINEE PATOLOGIA INFIAMMATORIA-DEGENERATIVA TRATTAMENTO CHIRURGICO E CONSERVATIVO STC,DITO A SCATTO,DE QUERVAIN,RIZOARTROSI Ft. Rossi P. OBIETTIVI

Dettagli

ANATOMIA DEL GINOCCHIO

ANATOMIA DEL GINOCCHIO IL GINOCCHIO ANATOMIA DEL GINOCCHIO Il ginocchio è formato da tre ossa il femore, la tibia e la rotula che costituiscono due articolazioni femoro tibiale femoro rotulea ANATOMIA DEL GINOCCHIO L articolazione

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

Le sindromi da impingment anteriore della caviglia: trattamento artroscopico

Le sindromi da impingment anteriore della caviglia: trattamento artroscopico Le sindromi da impingment anteriore della caviglia: trattamento artroscopico EUGENIO BARBIERI AIUTO DI ORTOPEDIA I DIVISIONE ISTITUTO ORTOPEDICO F. SCALABRINO MESSINA La distorsione della caviglia è la

Dettagli

RIABILITAZIONE SPALLA DOLOROSA. C.Fusco

RIABILITAZIONE SPALLA DOLOROSA. C.Fusco RIABILITAZIONE SPALLA DOLOROSA C.Fusco RIABILITAZIONE IMPORTANZA DEI SINGOLI RUOLI PREPARAZIONE CULTURALE SPECIFICA E FONDAMENTALE E LA COMUNICAZIONE FRA: -MEDICO DI BASE -CHIRURGO ORTOPEDICO -FISIATRA

Dettagli

Mobilizzazione senza Impulso

Mobilizzazione senza Impulso Patologie degenerative e traumatiche di muscoli e tendini Possibilità terapeutiche Dr.essa Med. M.G. Canepa Patologie degenerative e traumatiche di muscoli e tendini!! Possibilità terapeutiche! Medicina

Dettagli

Anatomia della caviglia

Anatomia della caviglia PROGETTO CAVIGLIA 1 Introduzione Negli ultimi venti anni, grazie anche alla maggiore agiatezza socio-economica dell italiano medio, si è potuta osservare una notevole coscientizzazione dell importanza

Dettagli

Traumatologia sportiva e primo soccorso

Traumatologia sportiva e primo soccorso Traumatologia sportiva e primo soccorso Prof. Calogero FOTI Dott.ssa Lucia D Ingianna Traumatologia sportiva e primo soccorso La traumatologia dello sport studia, previenee curale lesioni dipendenti dalle

Dettagli

I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo)

I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo) I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo) ESERCIZI CON GLI ELASTICI Consentono di eseguire una vastissima gamma di esercizi per tutti i gruppi muscolari del corpo

Dettagli

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Cos è il legamento crociato anteriore e a che cosa serve All interno dell articolazione del ginocchio vi sono due legamenti interposti

Dettagli

LA BIOMEDICA POSTURALE

LA BIOMEDICA POSTURALE LA POSTUROLOGIA LA BIOMEDICA POSTURALE La posturologia è la scienza che studia la posizione del corpo umano nello spazio. Nel corpo umano esiste un sistema posturale che viene informato della posizione

Dettagli

SINDROMI CANALICOLARI. Paolo Giacchè

SINDROMI CANALICOLARI. Paolo Giacchè SINDROMI CANALICOLARI Paolo Giacchè DEFINIZIONE Neuropatie periferiche con alterazioni sensitive e/o motorie conseguenti a compressione in sedi elettive ove il nervo sia particolarmente costretto. ) ALBA

Dettagli

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico LO STRETCHING Chi corre deve avere una buona flessibilità per esprimere al meglio il proprio potenziale e per non incorrere in continui ed invalidanti infortuni. La flessibilità è l insieme della mobilità

Dettagli

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28 1 APPROCCIO ALL INTEGRITÀ BIOPSICOSOCIALE.......... 1 2 VALUTAZIONE DELLA PATOLOGIA SPECIFICA............ 3 Scopi della valutazione............................ 3 Contenuti della valutazione.........................

Dettagli

Appropriatezza p della richiesta radiologica: LA CAVIGLIA Dr. Roberto Meco Dr.Cavagna,Dr.Madia,Dr.Muratore Dipartimento di Radiologia Ospedale Infermi Rimini PATOLOGIA TRAUMATICA Sospetta frattura Radiografia

Dettagli

Le lesioni muscolari

Le lesioni muscolari Le lesioni muscolari Cenni di anatomia e fisiologia Una classificazione è utile solo se fornisce informazioni sulla natura della lesione, sul suo trattamento e sulla sua prognosi M. E. Muller TIPI DI MUSCOLI

Dettagli

FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Fisioterapia

FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Fisioterapia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Fisioterapia Sede di Arezzo Il trattamento riabilitativo dell instabilità cronica di caviglia: il ruolo del taping Relatore:

Dettagli

Propriocezione: istruzioni per l uso

Propriocezione: istruzioni per l uso Propriocezione: istruzioni per l uso Dario Riva Paola Trevisson Roberto Minoletti Nicolò Venturin Ornella Ottino Centro Ricerche Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie Università di Torino

Dettagli

Igiene degli impianti sportivi (3) Bruno Federico b.federico@unicas.it

Igiene degli impianti sportivi (3) Bruno Federico b.federico@unicas.it Igiene degli impianti sportivi (3) Bruno Federico b.federico@unicas.it GLI INFORTUNI NELLO SPORT Definizioni Infortunio Evento improvviso che si verifica per causa violenta, indipendentemente dalla volontà

Dettagli

MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti generali - Stretching - Facilitazione Neuromuscolare Propriocettiva (P.N.F.) - Contrazione-Rilasciamento-Contrazione dei muscoli agonisti

Dettagli

COME GESTIRE IL FISSATORE ESTERNO

COME GESTIRE IL FISSATORE ESTERNO DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale di Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato La metodica di Ilizarov viene utilizzata

Dettagli

TRAUMI DELLE DITA DELLA MANO

TRAUMI DELLE DITA DELLA MANO TRAUMI DELLE DITA DELLA MANO La tecnica dei bendaggio funzionale del dott. Saverio Colonna I traumi delle dita della mano rappresentano una delle patologie acute più frequenti del pallavolista. Tali traumi,

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI TENDINEI. Dr Ft Valerio Massimi

LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI TENDINEI. Dr Ft Valerio Massimi LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI Dr Ft Valerio Massimi Ridondanza muscolare: possibilità di sacrificare un muscolo per destinarlo ad altra funzione. Non fa perdere il movimento originario. es.: muscoli

Dettagli

Ft. Valentina Azzolini

Ft. Valentina Azzolini Ft. Valentina Azzolini Basa la sua funzione su: Abbassamento dell omero Distalizzazione del centro di rotazione della nuova articolazione Medializzazione del braccio di forza del deltoide QUINDI: incremento

Dettagli

TENDINE DEL SOVRASPINOSO. Area ischemica o zona critica perinserzionale

TENDINE DEL SOVRASPINOSO. Area ischemica o zona critica perinserzionale TENDINE DEL SOVRASPINOSO Area ischemica o zona critica perinserzionale PROGRESSIONE DELLA LESIONE La lesione principale moltiplica lo stress meccanico sulle fibre adiacenti conducendo alla lesione di altre

Dettagli

Elementi di Primo Soccorso nell infortunistica Sportiva

Elementi di Primo Soccorso nell infortunistica Sportiva Elementi di Primo Soccorso nell infortunistica Sportiva Prof. Arrigo Giombini Dipartimento di Medicina e Scienze della Salute Università Degli Studi del Molise Lesioni traumatiche minori DISTORSIONE LUSSAZIONE

Dettagli

INSTABILITA DI SPALLA PAZIENTE

INSTABILITA DI SPALLA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA INSTABILITA DI SPALLA PAZIENTE 1 Dott. Michele A. Verdano L articolazione della spalla è tra le più mobili del corpo umano consentendo

Dettagli

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO.

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. FASE PREOPERATORIA conoscenza del lavoro conoscenza dell'ambiente adattamento strutturale alle nuove

Dettagli

STABILO SIX PREMESSA postura equilibrio

STABILO SIX PREMESSA postura equilibrio STABILO SIX PREMESSA In fisiatria, ortopedia, odontoiatria, oculistica, angiologia ecc. si parla ormai costantemente di postura. In effetti, gli studi della postura, grazie alle innovazioni tecnologiche,

Dettagli

LA DISTORSIONE DELLA CAVIGLIA. L argomento trattato in questa rubrica risulta di grande interesse per due motivi:

LA DISTORSIONE DELLA CAVIGLIA. L argomento trattato in questa rubrica risulta di grande interesse per due motivi: LA DISTORSIONE DELLA CAVIGLIA L argomento trattato in questa rubrica risulta di grande interesse per due motivi: la comunità di Lumezzane nasce su un territorio collinare e montuoso con particolari caratteristiche

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO - METODO TRADIZIONALE a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO - METODO TRADIZIONALE a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO - METODO TRADIZIONALE a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli Introduzione Il ginocchio è sicuramente l'articolazione che nell'ultimo ventennio ha goduto dei maggiori vantaggi

Dettagli

GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386

GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386 GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386 Addestramento e valutazione quantitativa del passo Velocità di scorrimento adattata ai parametri funzionali del passo Inserendo l età, il sesso e l altezza, il software propone

Dettagli

Corso di MEDICINA dello SPORT e TRAUMATOLOGIA. Patologia sovraccarico funzionale: ARTO INFERIORE. Alberto Ventura

Corso di MEDICINA dello SPORT e TRAUMATOLOGIA. Patologia sovraccarico funzionale: ARTO INFERIORE. Alberto Ventura Corso di MEDICINA dello SPORT e TRAUMATOLOGIA Patologia sovraccarico funzionale: ARTO INFERIORE Alberto Ventura UOSD Chirurgia Articolare Mini invasiva Istituto Ortopedico G. Pini, Milano www.doctoral.it

Dettagli

SINDROME DEL CONFLITTO ANTERIORE (SINDROME DA IMPINGIMENT SPALLA)

SINDROME DEL CONFLITTO ANTERIORE (SINDROME DA IMPINGIMENT SPALLA) Introduzione La sindrome del conflitto anteriore o Sindrome da impingiment è una patologia individuata e descritta da NEER nel 1972. Si tratta della patologia degenerativa della cuffia dei rotatori nei

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

L EQUILIBRIO. Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo.

L EQUILIBRIO. Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo. L EQUILIBRIO Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo. introduzione: Nella metodologia dell insegnamento,si deve tener conto

Dettagli

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello PATOLOGIE DEL CORRIDORE Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello L ARTICOLAZIONE TIBIO-TARSICA FASCITE PLANTARE Sintomi: Dolore acuto e intenso

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano

Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano Diagnosi e trattamento delle comuni patologie della mano Genova, 17 Maggio 2014 Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano Dott.Ft Gabriella Bruno ASL3

Dettagli

Lussazione di spalla:

Lussazione di spalla: Lussazione di spalla: Per lussazione si intende la perdita completa dei rapporti reciproci tra i capi ossei di una articolazione. Può essere congenita, ovvero presente alla nascita, od acquisita. Le condizioni

Dettagli

La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione

La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione Milano, 26 novembre 15 La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione Moreno Mascheroni Fisioterapista Club Italia femminile Nazionale U20 femminile contenuto del corso cenni di anatomia e cinesiologia

Dettagli

Proposta per un protocollo in medicina generale. Perugia Hotel Gio'- 6 giugno 2009

Proposta per un protocollo in medicina generale. Perugia Hotel Gio'- 6 giugno 2009 Proposta per un protocollo in medicina generale Perugia Hotel Gio'- 6 giugno 2009 Nonostante i piedi siano frequentemente causa di disturbi, l esame obiettivo delle estremità spesso viene trascurato perché

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

Cura e prevenzione delle lesioni muscolo scheletriche nello sportivo Massimo Meani Alessandra Galetti. poliambulatorio me.ga via P.

Cura e prevenzione delle lesioni muscolo scheletriche nello sportivo Massimo Meani Alessandra Galetti. poliambulatorio me.ga via P. delle lesioni muscolo scheletriche nello sportivo Massimo Meani Alessandra Galetti Dr.ssa via P. Harris 123 Modena L infortunio è l evento che cambia lo stato di salute di una persona nel calcio secondo

Dettagli

Implicazioni Propriocettive nella Riabilitazione

Implicazioni Propriocettive nella Riabilitazione Implicazioni Propriocettive nella Riabilitazione La Capsula Articolare Rigidità Vs Patolassità Roma 23 Febbraio 2008 M. Bertoni,, M.D. Sport Clinic Center Università di Firenze Propriocettiva 1 Hall of

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE

TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE Come abbiamo visto nelle precedenti lezioni, l apparato locomotore è quell insieme di organi e di strutture anatomiche del nostro corpo che realizza il MOVIMENTO

Dettagli

INSTABILITA DA OVERSTRESS: TRATTAMENTO ARTROSCOPICO IN DAY-SURGERY F.

INSTABILITA DA OVERSTRESS: TRATTAMENTO ARTROSCOPICO IN DAY-SURGERY F. INSTABILITA DA OVERSTRESS: TRATTAMENTO ARTROSCOPICO IN DAY-SURGERY F. Raffelini, A. Russo, A. Tripodo, GC. Coari Casa di Cura San Camillo Forte dei Marmi L articolazione gleno omerale ha acquisito nel

Dettagli

La Riabilitazione dopo la Ricostruzione Artroscopica del Legamento Crociato Anteriore

La Riabilitazione dopo la Ricostruzione Artroscopica del Legamento Crociato Anteriore La Riabilitazione dopo la Ricostruzione Artroscopica del Legamento Crociato Anteriore Manuale sintetico per Medici, Fisioterapisti e Pazienti A cura di D. Comba, L. Molino, R. Peretti 1 Dr. Daniele Comba

Dettagli

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e vertebrale,trauma toracico, trauma oculare APPARATO LOCOMOTORE Composto da ossa, articolazioni e muscoli Serve a: sostenere l organismo proteggere

Dettagli

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare Schede informative per il paziente Artriti della spalla Capsulite adesiva Lesioni della cuffia dei rotatori Instabilità e lussazione articolare Vi sono tre articolazioni nella spalla: la clavicola con

Dettagli

PROGETTO ORTHOPEDIA SPORT

PROGETTO ORTHOPEDIA SPORT PROGETTO ORTHOPEDIA SPORT Il benessere poggia sui tuoi piedi DANINVEST S.r.l. Via Eleonora d Arborea 26-09125 Cagliari P.Iva 02305420925 Partita IVA: 02305420925 Iscritta al Registro Imprese di CAGLIARI

Dettagli

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi Molto comunemente nella pratica clinica ci si imbatte in una patologia dolorosa cronica della spalla definita sindrome da conflitto. Alla base

Dettagli

CHIRURGIA DELLA MANO

CHIRURGIA DELLA MANO CHIRURGIA DELLA MANO INDICE pag. Sindrome del canale carpale 1 Dido a scatto 2 Malattia di de Quervain 3 Rizoartrosi 4 Cisti del polso 5 Frattura 6 Malattia di Dupuytren 8 Artroscopia del polso della mano

Dettagli

Prof. Massimiliano Lattanzi L ALLENAMENTO MUSCOLARE TRA AGONISTI E ANTAGONISTI

Prof. Massimiliano Lattanzi L ALLENAMENTO MUSCOLARE TRA AGONISTI E ANTAGONISTI Prof. Massimiliano Lattanzi L ALLENAMENTO MUSCOLARE TRA AGONISTI E ANTAGONISTI la corsa, come qualsiasi altro movimento del nostro corpo è una sinergia di forze e allungamento un gioco di muscoli agonisti

Dettagli

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O.

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. Tot ore annue 272 da 45 OSTEOPATIA DELL APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO: 158 ORE da 45 Piede e caviglia: Presentazione: anatomia funzionale e biomeccanica della

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DI APPLICAZIONE DEL TAPING KINSIOLOGICO NELLA TRAUMATOLOGIA SPORTIVA

CORSO DI FORMAZIONE DI APPLICAZIONE DEL TAPING KINSIOLOGICO NELLA TRAUMATOLOGIA SPORTIVA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LE PROFESSIONI SANITARIE CORSO DI FORMAZIONE DI APPLICAZIONE DEL TAPING KINSIOLOGICO NELLA TRAUMATOLOGIA SPORTIVA Ed. 1 del 27-28/02-01/03/2015 - Fisiosport Medical Center Macerata

Dettagli

Valutazioni posturali computerizzate

Valutazioni posturali computerizzate Valutazioni posturali computerizzate Sistema D.B.I.S. L'esame biometrico digitalizzato è effettuato con il Sistema D.B.I.S. (Digital Biometry Images Scanning) che integra i dati acquisiti da varie strumentazioni

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

LA SINDROME DEGLI HAMSTRING

LA SINDROME DEGLI HAMSTRING LA SINDROME DEGLI HAMSTRING DEFINIZIONE LA SINDROME DEGLI HAMSTRING (HS), O SINDROME DEGLI ISCHIOCRURALI, È UNA PATOLOGIA DI FREQUENTE RISCONTRO NEGLI SPORTIVI. PUÒ ESSERE CAUSA DI LUNGHI PERIODI DI INTERRUZIONE

Dettagli

Società Italiana di Chirurgia della Mano. atti congresso

Società Italiana di Chirurgia della Mano. atti congresso Società Italiana di Chirurgia della Mano atti congresso Il Comitato scientifico e la segreteria organizzativa non sono responsabili di eventuali errori, refusi o inesattezze. Società Italiana di Chirurgia

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Stefano Folzani Responsabile f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Dott. Gianluca Castellarin Responsabile Ortopedia III Ospedale

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

La riabilitazione dei pazienti operati con patologia di spalla

La riabilitazione dei pazienti operati con patologia di spalla La riabilitazione dei pazienti operati con patologia di spalla Fase acuta ospedaliera Presa in carico del pz con visita in reparto di fisiatra e coordinatrice dei fisioterapisti nella prima o seconda giornata

Dettagli

INJURIES EPIDEMIOLOGY (Uefa 2002)

INJURIES EPIDEMIOLOGY (Uefa 2002) LESIONI MUSCOLARI INJURIES EPIDEMIOLOGY (Uefa 2002) 34% muscolar inj. 27% joint inj. 21% contusion gen. 9% back pain 7% tendinosys 2% fracture Nord Europ. 1 inj./ 4 macth Mediterran. 1inj./ 5 match CASISTICA

Dettagli

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELLE LASSITÀ CRONICHE DI COLLO PIEDE NELLO SPORTIVO MEDIANTE TECNICA DI CASTAING MODIFICATA LANZETTA

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELLE LASSITÀ CRONICHE DI COLLO PIEDE NELLO SPORTIVO MEDIANTE TECNICA DI CASTAING MODIFICATA LANZETTA ICOT - Istituto Chirurgico Ortopedico Traumatologico di Latina Direttore: Prof. M. Pasquali Lasagni IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELLE LASSITÀ CRONICHE DI COLLO PIEDE NELLO SPORTIVO MEDIANTE TECNICA DI CASTAING

Dettagli

nell Atletica Leggera

nell Atletica Leggera FEDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA Comitato Regionale Toscano Analisi posturale nell Atletica Leggera Tirrenia 27 agosto 2012 Massimiliano Tani maxitani@yahoo.it 1 Infortuni in atletica leggera Discipline

Dettagli

Synergistic Healthcare Methodology

Synergistic Healthcare Methodology . Synergistic Healthcare Methodology Human Tecar Synergy Mat Nasce dalla necessità di completare e migliorare i risultati terapeutici nella riabilitazione in genere.. La metodologia SHM si arricchisce

Dettagli

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO )

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI? Malattia del sangue Malattia dell osso OSTEOPOROSI: malattia sistemica dello scheletro

Dettagli

Ricondizionamento funzionale della spalla: lesione della cuffia dei rotatori e sindrome da conflitto Docente: Carlo Zanetti Ph.D.

Ricondizionamento funzionale della spalla: lesione della cuffia dei rotatori e sindrome da conflitto Docente: Carlo Zanetti Ph.D. Attività motoria funzionale Ricondizionamento funzionale della spalla: lesione della cuffia dei rotatori e sindrome da conflitto Docente: Carlo Zanetti Ph.D. Lesione della cuffia dei rotatori Ragazzi,

Dettagli

Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti per saper

Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti per saper Linee guida della proposta di lavoro Giuliano Corradi - Marco Di Maggio Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti

Dettagli