CAPITAL. Psicologia e mercati finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITAL. Psicologia e mercati finanziari"

Transcript

1 K CAPITAL Psicologia e mercati finanziari

2 Psicologia e mercati finanziari Conosci te stesso ed il nemico: cento battaglie, senza rischi. Conosci te stesso ma non il nemico: a volte vittoria, a volte sconfitta. Non conoscere l altro né se stessi: ogni battaglia è un rischio certo. (Sun Tzu, L arte della guerra) Le massime e la filosofia di Sun Tzu sono state per molti anni studiate, analizzate ed insegnate nelle migliori scuole di strategia militare. Quello che la frase introduttiva vuol significare è che per aver successo negli investimenti, così come in battaglia ma anche in qualsiasi altro aspetto della propria vita, è importante conoscere sé stessi, i propri pregi ma soprattutto i propri limiti. Negli ultimi anni, complice la crisi del credito ma non solo, si è cominciato a parlare anche al di fuori dei circoli accademici della cosiddetta finanza comportamentale (behavioural finance). Di che cosa si tratta, esattamente? A partire dagli anni 1970, la proposizione centrale nel mondo della finanza è stata rappresentata dalla Efficient Markets Hypothesis (EMH), che definisce un mercato efficiente come uno nel quale i prezzi dei titoli riflettono sempre tutte le informazioni disponibili. Semplificando al massimo, la base teoretica della EMH è data da tre assiomi: 1. Gli investitori sono sempre razionali e fanno scelte altrettanto razionali; 2. Anche se alcuni investitori non sono razionali, le loro transazioni sono casuali e quindi si cancellano l un l altra senza alcun impatto sui prezzi dei titoli; 3. Ci sono comunque arbitraggisti razionali che eliminano l influenza degli investitori non razionali sui prezzi. Nel Dictionary of Finance and Investment Terms di Barron s, la finanza comportamentale è invece definita come una nuova area di ricerca che riconosce l importanza degli elementi psicologici nelle scelte finanziarie, sfidando così i modelli tradizionali che assumono che gli investitori considerano sempre razionalmente i fattori di rischio e rendimento ed agiscono senza errori. La finanza comportamentale si prefigge quindi di meglio comprendere fenomeni quali il comportamento degli investitori, la formazione dei prezzi nei mercati finanziari e le decisioni prese dal management delle società. Il paradigma standard dell homo oeconomicus alla base della EMH presuppone assunti molto forti: investitori razionali, che aggiornano le loro convinzioni correttamente all arrivo di nuove informazioni, ed assenza di frizioni nei mercati. La finanza comportamentale abbandona queste assunzioni in due modi: Dal punto di vista psicologico: gli investitori a volte aggiornano le loro conoscenze in maniera errata e, date le loro convinzioni e preferenze, fanno scelte discutibili; Dal punto di vista dei limiti all arbitraggio: le frizioni nei mercati sono importanti ed i trader razionali non sempre (e non necessariamente) riescono a cancellare gli effetti degli operatori irrazionali. L idea che ci siano limiti all arbitraggio è molto importante, perché aiuta a spiegare alcune delle anomalie che la EMH non riesce a risolvere. Solo per identificare alcune di queste frizioni, ricordiamo: è difficile trovare dei perfetti sostituti per fare l arbitraggio; i trader sono anch essi soggetti a vari rischi prima che la convergenza tra prezzi avvenga (l esempio più classico è stata l implosione del fondo Long Term Capital Management); alcuni titoli o settori del mercato sono difficili o comunque costosi da vendere allo scoperto; etc. In questo report, comunque, ci soffermeremo in particolare sugli aspetti psicologici delle scelte degli investitori, utilizzando alcuni esempi pratici che illustrano come tali decisioni non corrispondano necessariamente a quelle che una persona perfettamente razionale farebbe. Convinzioni irrazionali L idea proposta dalla behavioural finance è che quando ricevono nuove informazioni, gli investitori NON aggiornano in modo razionale le loro convinzioni precedenti. L evidenza di questo fatto è data dai fenomeni della rappresentanza (o reazione eccessiva: si da troppa importanza all informazione ricevuta rispetto al valore di partenza) e del conservatorismo (o reazione insufficiente: si sottostima l informazione ricevuta e ci si ancora alle convinzioni precedenti). 1

3 Senza voler entrare troppo nei dettagli matematici, all arrivo di nuove informazioni una persona dovrebbe usare il teorema di Bayes, o della probabilità condizionata, per aggiornare le proprie convinzioni (vedere riquadro a destra). In generale, quanto fiduciosi siamo su qualcosa dipende dalla dimensione del campione a nostra disposizione (questa è semplice teoria statistica ma anche buon senso). La rappresentanza è il fenomeno che porta le persone ad ignorare la dimensione del campione, cioè a ritenere che pochi dati siano rappresentativi come molti. Quando stimano P(B A), le persone tendono a sovrapesare P(A B) ed a sottostimare P(B), il valore base. Le implicazioni sono che quando non conosciamo il modello, siamo portati ad inferirlo troppo velocemente da un sottoinsieme di dati ridotto. Un esempio: se in una partita di basket un giocatore ha realizzato gli ultimi 5 canestri siamo portati a pensare che la probabilità che realizzerà anche il prossimo sia più alta ( ha la mano calda ). In realtà, studi realizzati su questo evento e simili dimostrano che le probabilità di realizzare il prossimo tiro sono indipendenti dall avere o meno segnato i precedenti. Quello che le persone fanno è vedere un trend in pochi dati, sovrappesando il campione a disposizione rispetto al valore reale. In termini statistici, il teorema di Bayes postula che la probabilità di un evento B dato il verificarsi di un altro evento A è una funzione delle probabilità (indipendenti) dei due eventi A e B e della probabilità dell evento A dato l evento B: P( A B) P( B) P( B A) = P( A) In parole semplici, la probabilità di B è la visione del mondo a priori e la probabilità di B A è la visione dopo aver ricevuto la nuova informazione. Le conseguenze di questo fenomeno nel mondo della finanza sono numerose e ben note: quando un analista ha correttamente selezionato alcuni titoli in rapida successione, gli investitori sono favorevolmente impressionati dalle sue capacità; la raccolta dei fondi comuni si concentra in quelli che hanno avuto una performance recente superiore alla media, ritenendoli degli investimenti superiori; i gestori tendono a comprare le azioni che hanno fatto bene nel breve periodo ed a vendere i titoli che hanno fatto male (strategie momentum); etc. Il caso opposto è quello del conservatorismo, cioè quando le persone sottostimano l informazione campione e si ancorano alle loro convinzioni precedenti. Un altro esempio: supponiamo che ci siano due urne, l urna 1 ha 30 palline rosse e 70 blu, l urna 2 ha 70 rosse e 30 blu. Si sceglie un urna a caso e si sorteggiano 12 palline: 8 sono rosse e 4 sono blu. Qual è la probabilità che l urna selezionata sia la numero 2? La formula di Bayes dice che tale probabilità è del 97%, ma la maggioranza delle persone risponde 70%-80%, ovvero sono conservativi nel modificare la probabilità a priori del 50%. Come si conciliano due effetti opposti come la rappresentanza ed il conservatorismo? Quando non abbiamo un opinione, tendiamo a formarne una troppo velocemente basata su pochi dati (reazione eccessiva); quando invece abbiamo un opinione, siamo lenti ad aggiornarla alle nuove informazioni (reazione insufficiente), soprattutto se le nuove informazioni sono in contrasto con la nostra opinione precedente o non rappresentano un ovvio nuovo modello. Ci sono anche altri esempi di come le persone non agiscono in maniera perfettamente razionale ma sono vittime di distorsioni e pregiudizi. Troppa fiducia nelle nostre capacità. Rispondete a questa domanda: quale ritenete che sarà il livello dei tassi d interesse dei titoli decennali tra 5 anni? Dopo aver fatto la vostra previsione, prendete un valore così alto che site sicuri al 99% (ma non totalmente sicuri) che il valore effettivo dei tassi sarà inferiore a questo. Adesso scegliete un valore così basso che siete sicuri al 99% (ma non di più) che il valore effettivo sarà superiore a questo. Quello che avete creato è un intervallo nel quale siete fiduciosi al 98% che starà il valore reale. Se ripetete questo esperimento per molteplici variabili, e se le vostre scelte non sono distorte in nessun modo particolare, nel 98% dei casi il valore effettivo sarà all interno del vostro intervallo e solo nel 2% dei casi (1% da ciascuna parte) sarà al di fuori. Le persone che determinano intervalli di confidenza che soddisfano questa condizione sanno calibrare il loro giudizio sulle probabilità di un evento. Sfortunatamente, poche persone sanno ben calibrare; studi psicologici dimostrano che in questi esperimenti ci sono troppe sorprese (cioè eventi al di fuori dell intervallo di confidenza con frequenze del 15%-20%, rispetto al 2% preventivato). Questo fenomeno è riconducibile alla troppa sicurezza nelle proprie capacità, che ci porta a determinare intervalli troppo stretti intorno al valore inizialmente ipotizzato, nell erronea convinzione che la scelta iniziale sia in genere corretta. Una delle conseguenze nei mercati finanziari della troppa fiducia è che gli investitori effettuano troppe transazioni, credendo di essere capaci di anticipare e prevedere i punti di cambiamento del mercato. 2

4 Ottimismo. Se chiedete a qualcuno come si giudica come guidatore, l 80% delle persone risponderà: Migliore della media. Questo non può essere vero per tutti! L ottimismo si manifesta anche nel sottostimare la probabilità di un evento negativo sul quale non si ha controllo (ad esempio, ritenere di avere meno probabilità di altri di avere un infarto) e nell illusione di avere il controllo (ad esempio, sottostimare il ruolo del caso e ritenere che un gioco in cui predominano le probabilità sia in realtà un gioco di capacità personali). Emozioni e scorciatoie. Quando dobbiamo stimare la probabilità di un evento cerchiamo nella nostra memoria accadimenti legati a questo fatto. Ma situazioni particolari, importanti o recenti sono più vivide nella nostra mente ed alterano la nostra percezione. Inconsciamente usiamo memorie ed associazioni emotive per creare delle scorciatoie mentali. Questo può portarci a deviare dalla strada ottimale. Il senno di poi. Studi psicologici dimostrano che le persone raramente sono capaci di ricostruire con esattezza, dopo un fatto, quelle che pensavano fossero le probabilità di tale evento prima che questo accadesse. La maggior parte di noi è portata in maniera inconscia ad esagerare la propria stima delle probabilità prima dell evento. Allo stesso modo, eventi che anche gli esperti non sono stati capaci di anticipare, dopo che sono successi sembrano quasi inevitabili (ad esempio, gli attacchi terroristici rientrano in questa categoria: dopo che sono avvenuti tutti sapevano che sarebbero successi e come evitarli). I mercati finanziari offrono molti esempi di questo atteggiamento: a posteriori tutti sono pronti a spiegare con sicurezza perché il mercato si è comportato come ha fatto, dando l impressione che questo è stato così ovvio che sarebbe stato possibile prevederlo in anticipo. Ma se tale comportamento fosse stato prevedibile, molte persone avrebbero cambiato le loro azioni ed il risultato sarebbe stato diverso. Tutti sanno questo paradosso, ma l interpretazione degli eventi passati rimane una scienza affascinante. Gli errori della categoria del senno di poi sono pericolosi in due maniere. La prima è che promuovono la troppa fiducia nelle proprie capacità, dando l illusione che il mondo sia più prevedibile di quello che in realtà è. La seconda, ed è quella che ogni consulente finanziario impara sulla propria pelle, è che il senno di poi trasforma un investimento che sembrava ragionevole in uno stupido errore nella mente del cliente. Dopo un ribasso dei mercati, il crollo appare come se fosse stato inevitabile; perché quindi il consulente non mi ha detto di vendere prima? Preferenze non convenzionali Contrariamente a quanto asserito dalla EMH, un altro aspetto sottolineato dalla behavioural finance è che le persone valutano i rischi e fanno delle scelte in una maniera che NON corrisponde alla teoria dell utilità marginale. Questa teoria dice che una determinata scelta dovrebbe essere fatta se il valore atteso dalla scelta è superiore all utilità attuale. Ci sono invece molti esempi concreti di violazione di questa regola. Daniel Kahneman, grazie anche agli studi con Amos Tversky, ha vinto il Nobel per l economia (non quello per la psicologia) per la prospect theory. Alla base di questa teoria c è la dimostrazione che il dolore per una perdita è superiore al piacere di una vincita di uguale ammontare, cioè le sconfitte bruciano più delle vittorie. L uomo è quindi avverso al rischio (risk averse) quando si tratta di valutare un possibile guadagno: preferisce evitare una perdita che realizzare un profitto. Ma quando ci muoviamo nel campo delle perdite, le persone diventano amanti del rischio (risk takers), nella speranza di poter mitigare la perdita già subita. Un corollario della prospect theory è che le scelte e l avversione al rischio non sono indipendenti dal livello di ricchezza iniziale. Considerate il seguente esempio. Vi vengono dati ed in aggiunta la scelta tra: A) Un guadagno sicuro di 5.000, o B) Una probabilità del 50% di vincere oppure nulla. Adesso vi vengono invece dati e la scelta tra: C) Una perdita sicura di 5.000, o D) Una probabilità del 50% di perdere e del 50% di non perdere nulla. In entrambi i casi la scelta è tra la certezza di essere più ricchi di ed una scommessa, con uguali probabilità, di essere più ricchi di o di La maggior parte delle persone presta poca attenzione al fatto di essere comunque più ricchi dopo le scelte e considera i due eventi come differenti; la maggioranza tipicamente preferisce A rispetto a B (per la certezza della vincita) e D rispetto a C (per l avversione alle perdite). 3

5 Ma per una persona pienamente razionale quello che importa è solo quello che ottiene alla fine (il valore atteso alla fine in entrambi gli esempi è sempre ), non se ci arriva attraverso un guadagno o una perdita. Pertanto, una persona razionale opterà in entrambi i casi o sempre per la scelta sicura o sempre per la scommessa, senza variare le proprie preferenze a seconda di come la questione è proposta. Questo dimostra che, quando si tratta di effettuare una scelta, molte persone si lasciano influenzare dalle emozioni associate con perdite e guadagni, invece di focalizzare la mente sull obiettivo di massimizzare l utilità. Un aspetto importante correlato al precedente è quello dell inquadramento ridotto (narrow framing), ovvero la tendenza a considerare le diverse componenti di un problema in maniera isolata dalle altre (ad esempio, le singole scelte d investimento all interno di un portafoglio). È una pratica universale quella di semplificare un problema considerando solo le perdite o i guadagni che derivano dalla singola scelta da fare. Questo è però fonte di errori, perché porta le persone ha fare scelte inconsistenti quando lo stesso problema è formulato da due angolazioni diverse. Altri esempi comuni aiutano a capire come le emozioni influenzano le nostre scelte e credenze. Il prezzo di acquisto come punto di riferimento. L investitore A ha comprato un azione alcuni mesi fa al prezzo di 10; l investitore B ha invece comprato la stessa azione due settimane fa a 20. Ieri il prezzo dell azione era di 16, ed oggi è sceso a 15. Quale dei due investitori è più scontento? La risposta della maggioranza è che B è più scontento di A: l intuizione è che per A la diminuzione di prezzo odierna è vista come una riduzione nel guadagno potenziale, mentre per B è un aumento della perdita attuale. Poiché, come abbiamo detto, le perdite bruciano più dei guadagni, la differenza di 1 tra ieri e oggi è più significativa per B che per A. La maggior parte delle persone si vincola al prezzo di acquisto di una cosa e continua ad utilizzare questo valore come punto di riferimento, ignorando qualsiasi altro aspetto dell investimento e decidendo se vendere o no basandosi solo sul fatto se adesso stanno guadagnando o perdendo. Questo fatto è noto come l effetto di disposizione, ovvero la riluttanza degli investitori a cristallizzare una perdita. La conseguenza è che gli investitori tendono a vendere le attività su cui stanno guadagnando ed a tenere quelle su cui stanno perdendo, indipendentemente dalle prospettive future dei due investimenti. Rimpianti da omissione e da commissione. Mario ha un investimento nel titolo ABC. Durante lo scorso anno ha pensato di venderlo e comprare il titolo XYZ, ma non lo ha fatto; oggi si accorge che se lo avesse fatto il suo portafoglio varrebbe in più. Al contrario, Luigi possedeva il titolo XYZ e lo ha venduto per investire nel titolo ABC; lui scopre che se non avesse cambiato oggi avrebbe in più. Chi dei due è più scontento? Di nuovo, probabilmente tutti sono d accordo che Luigi è quello più scontento, anche se in termini puramente economici ed utilitaristici i due sono nella stessa situazione. La differenza principale è che Luigi ha un rimpianto di commissione, ovvero di qualcosa che ha fatto, mentre Mario ha un (minor) rimpianto di omissione: soffre per non aver fatto qualcosa che lo avrebbe reso più ricco. I due rimpianti esemplificano la ben nota differenza tra una perdita (che le persone sentono acutamente) ed un opportunità persa (una mancata occasione di guadagno, che causa poco dolore). In genere, le persone tendono a rimuginare sugli aspetti non usuali degli eventi che hanno portato a conseguenze negative e concentrano i propri rimpianti su questi aspetti anormali. In particolare, tendono a rammaricarsi di più per azioni (o anche mancate azioni) che non sono tipiche del loro comportamento. Se seguono le raccomandazioni di qualcuno nel deviare dal loro normale percorso, il loro rammarico può facilmente diventare rabbia e risentimento verso questa persona. Come evitare gli errori più comuni Ci sono tre approcci all analisi delle decisioni. L analisi normativa si concentra sulla soluzione razionale ad un problema e descrive l ideale che la decisione presa dovrebbe cercare di raggiungere. L analisi descrittiva si occupa del modo un cui le persone prendono effettivamente una decisione. L analisi prescrittiva si occupa di consigli pratici che le persone possono usare per prendere decisioni più razionali. La consulenza finanziaria è un attività prescrittiva il cui obiettivo principale dovrebbe essere di guidare gli investitori a prendere quelle decisioni che sono nel loro miglior interesse. Per consigliare un cliente in maniera efficace, il consulente deve saperne interpretare le debolezze emotive e cognitive (interpretazione errata dei loro 4

6 stessi interessi e desideri; fatti rilevanti che i clienti tendono ad ignorare) che si riflettono nelle decisioni di investimento. Quelli descritti precedentemente sono errori psicologici ai quali ogni persona o investitore può essere soggetta. Alcuni accorgimenti possono tuttavia aiutare ad evitarli o per lo meno a ridurre il loro impatto. Non estrapolare un trend da pochi dati recenti ignorando le medie storiche di lungo periodo o gli eventi più lontani nel tempo. Credere nelle proprie convinzioni ed idee ma evitare di essere troppo fiduciosi nelle proprie capacità ed accettare i limiti della propria conoscenza. Se secondo la mia analisi questo titolo è sottovalutato, perché il resto del mercato non se è accorto? Se io compro e qualcun altro vende, cosa sa lui che io non so? Accettare le perdite e le mutate condizioni di mercato senza tentare irrazionalmente di rimanere attaccati ad una precedente convinzione. Usare delle regole meccaniche, anche molto semplici, per controbilanciare i pregiudizi e le proprie preferenze (ad esempio: mantenere i vincitori e vendere i perdenti); le regole meccaniche possono alle volte battere i professionisti, anche se questi sono degli esperti. Ridurre il problema del narrow framing concentrandosi su uno stato (ad esempio, il patrimonio totale) invece che sulle sue variazioni (ad esempio, i guadagni e le perdite). Dubitare del consensus degli esperti: tradizionalmente si ritiene che una scelta presa da un comitato di persone sia migliore delle media delle scelte individuali. Ma un gruppo non è migliore di un individuo se tutti hanno le stesse preferenze e pregiudizi; spesso inoltre c è un effetto di conformità, ovvero le persone tendono ad essere d accordo con la massa anche se questa è in errore per non voler essere gli unici discordanti. Infine, ricordare una regola fondamentale: i bisogni emotivi cambiano rapidamente, ma i bisogni finanziari rimangono relativamente costanti. Non tutti si accorgono di come le loro emozioni e preferenze cambiano e di come queste hanno un impatto sulle scelte d investimento. 5

7 Disclaimer Questo documento è stato preparato da K Capital Group srl (di seguito la Società o K Capital) usando fonti ritenute affidabili, accurate ed in buona fede. Le informazioni presentate (inclusi dati di mercato, analisi statistiche ed opinioni di terze parti) sono state redatte con la massima perizia, diligenza e cura possibili in ragione dello stato dell arte delle conoscenze e delle tecnologie. K Capital non assume alcuna responsabilità in merito all accuratezza, esattezza, completezza, veridicità ed attualità dei dati e delle informazioni presentate. In nessun caso K Capital, i suoi soci e le persone che hanno lavorato o collaborato alla preparazione del presente documento, potranno mai e in nessuna forma essere ritenuti responsabili delle conseguenze, dovute anche ad imprecisioni e/o errori, derivanti dall uso che l utilizzatore, in totale indipendenza ed autonomia, potrà fare dei dati ottenuti mediante la lettura del materiale. Questo documento e le opinioni in esso contenute sono pubblicate a scopo puramente informativo; non intendono costituire in alcun modo un suggerimento o una sollecitazione del pubblico risparmio; non intendono promuovere alcuna forma d investimento o speculazione; non rappresentano né un invito, né un offerta in senso giuridico, né una promessa al pubblico, né una raccomandazione riguardante l acquisto, la sottoscrizione o la vendita di strumenti finanziari. K Capital non garantisce che le strategie d investimento o le raccomandazioni contenute nel presente documento e rese disponibili agli utenti rispecchino le loro esigenze e loro necessità o siano adatte ed appropriate per le circostanze individuali del fruitore, né che queste costituiscano una raccomandazione personalizzata. Questo documento non deve essere considerato una rappresentazione completa ed esaustiva degli strumenti, società od emittenti in esso menzionati, delle loro condizioni finanziarie e delle loro prospettive future. L analista responsabile, in tutto od in parte, per i contenuti di questo report certifica che tutte le opinione espresse riflettono accuratamente le proprie convinzioni circa gli strumenti o gli emittenti, secondo valutazioni di analisi fondamentale degli stessi. Le informazioni ed ogni altro parere resi nel presente documento sono riferiti alla data di redazione del medesimo. Ogni opinione espressa è passibile di modifiche senza preavviso, e K Capital non si assume alcun impegno circa l aggiornamento o la modifica di tali dati e informazioni o di qualsiasi raccomandazione in esso contenuta. Questo documento contiene delle proiezioni future che presentano un possibile risultato sulla base delle ipotesi discusse. Ogni stima, proiezione o valutazione proposta rappresenta solo uno dei possibili risultati e rispecchia le opinioni indipendenti dell autore/i. Ogni analisi che presenta una molteplicità di possibili risultati che dipendono da cambiamenti nelle variabili analizzate, non è esaustiva, non intende suggerire che un risultato è più probabile di altri e può essere stata ottenuta usando modelli proprietari, dati storici ed interpretazioni soggettive. Tutte le stime, proiezioni e valutazioni sono soggette a rischi, incertezze ed ipotesi che non sono state verificate e gli attuali risultati futuri potrebbero differire anche sostanzialmente. Si ricorda che non esiste metodologia di analisi perfetta, o valutazione di titoli o strumenti finanziari indubitabile. Ogni investimento comporta dei rischi e gli investitori devono esercitare prudenza nelle loro decisioni. Operazioni del tipo di quelle presentate in questo documento contengono rischi e hanno caratteristiche di complessità. Investire in strumenti finanziari (inclusi azioni, obbligazioni e/o strumenti derivati) comporta rischi relativi al paese e al settore dell emittente, e rischi specifici a tale emittente. Il valore e/o i rendimenti generati dagli strumenti finanziari descritti in questo documento possono essere negativamente influenzati da cambiamenti nella situazione macroeconomia (ad esempio variazioni dei tassi d interesse, aumenti inaspettati dell inflazione, problemi fiscali o di finanziamento, svalutazione dei tassi di cambio o altri fattori), così come dalla stabilità dei mercati finanziari, al punto che un investitore potrebbe ricevere meno di quello che ha investito. Si ricorda che i mercati finanziari possono salire, scendere o assumere andamenti laterali anche per lunghi periodi. Operazioni che includono strumenti derivati o leva finanziaria possono creare rischi ed esposizioni aggiuntive. I risultati passati non sono indicativi di quelli futuri. Il trattamento fiscale e l ammontare della tassazione, sia a livello dell emittente, dello strumento finanziario che personale, possono essere soggetti a modifiche in futuro e possono dipendere dalla situazione individuale di ciascun investitore. Data la natura dei contenuti presenti nel documento, si raccomanda di non utilizzarli per fini operativi, ma soltanto a titolo informativo e per approfondimento tecnico. Chiunque utilizzasse le informazioni, i dati e le opinioni presenti in questo documento per finalità diverse da quelle conoscitive, lo fa esclusivamente a suo rischio e pericolo. Prima di effettuare qualsiasi investimento, è consigliato considerare l adeguatezza dell operazione alle circostanze specifiche e riesaminare indipendentemente (con un consulente se necessario) gli specifici rischi finanziari, nonché le conseguenze legali e/o fiscali dell operazione. Le analisi, i report e le raccomandazioni sono distribuite via telefono, di persona, via posta od esclusivamente ai clienti di K Capital. Questo documento è stato fornito al lettore per sua personale informazione; non può essere distribuito alla stampa o a qualsiasi altro media, né può essere riprodotto, rielaborato o ridistribuito (in tutto o in parte) via mail, fax, trasmissione elettronica, via computer o altro mezzo a qualsiasi altra persona senza il permesso scritto di K Capital. Procedendo alla lettura di questo documento, si accettano automaticamente le limitazioni e le avvertenze precedentemente riportate. K Capital ed i suoi dipendenti e collaboratori potrebbero effettuare operazioni riguardanti gli strumenti, società ed emittenti citate in questo documento prima e dopo la sua diffusione a clienti e lettori. La Società dichiara che i suoi clienti, soci, dipendenti, collaboratori e loro familiari possono avere al momento, e potrebbero avere in futuro, direttamente o indirettamente, una posizione negli strumenti finanziari discussi e potrebbero acquistare, sottoscrivere o vendere questi strumenti in qualsiasi momento. K Capital non ha in essere o ricerca alcun rapporto di lavoro, diretto o indiretto, con le società od emittenti menzionati nel documento, né riceve da questi alcuna remunerazione, di qualsiasi genere. Copyright 2010 K Capital Group srl. Tutti i diritti riservati. K CAPITAL GROUP Via Traversa Pistoiese Prato Tel: (+39)

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015 Cognitive biases and heuristics Lumsa 18 maggio 2015 Homo oeconomicus Razionalità delle decisioni: massimizzazione dell utilità attesa, updating bayesiano, aspettative razionali. Psicologi (ed economisti

Dettagli

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI L ipotesi di mercato efficiente Evidenze empiriche pro e contro l EMH Altre

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze

Dettagli

L importanza del Buy-and-Hold CAPITAL

L importanza del Buy-and-Hold CAPITAL K L importanza del Buy-and-Hold CAPITAL L importanza del Buy-and-Hold Fourth rule of motion: for investors as a whole, returns decreases as motion increases (Warren Buffett) Dati i rendimenti dei mercati

Dettagli

CAPITAL. L importanza del. Buy-and-Hold

CAPITAL. L importanza del. Buy-and-Hold K CAPITAL L importanza del Buy-and-Hold L importanza del Buy-and-Hold Fourth rule of motion: for investors as a whole, returns decreases as motion increases (Warren Buffett) Dati i rendimenti dei mercati

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI In questa seconda parte affronteremo il vero problema che attanaglia tutti quei professionisti che fanno della raccolta e della relazione il loro

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE Il materiale di questa ultima parte del corso è tratto da: Inefficient Markets. An Introduction to Behavioral Finance, Andrei Shleifer, Oxford University Press (2000), cap.

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

CAPITAL. Debiti sovrani nel 2020

CAPITAL. Debiti sovrani nel 2020 K CAPITAL Debiti sovrani nel 2020 Debiti sovrani nel 2020 I rischi non sono necessariamente dove si pensa Dopo la crisi del 2008, le economie dei paesi sviluppati e di quelli emergenti hanno cominciato

Dettagli

La gestione del rischio: se i meno contano più dei più

La gestione del rischio: se i meno contano più dei più 1 La gestione del rischio: se i meno contano più dei più Aggiornato il 20/02/2008 Introduzione Quanti di noi si metterebbero al volante di un auto essendo consapevoli che i freni sono guasti? Probabilmente

Dettagli

www.proiezionidiborsa.com Line of Demarcation Punti vibrazionali di tendenza

www.proiezionidiborsa.com Line of Demarcation Punti vibrazionali di tendenza Line of Demarcation Punti vibrazionali di tendenza 2 Titolo Line of Demarcation Autore www.proiezionidiborsa.com Editore www.proiezionidiborsa.com Siti internet www.proiezionidiborsa.com 3 ATTENZIONE:

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

DAILY REPORT 28 luglio 2014

DAILY REPORT 28 luglio 2014 DAILY REPORT 28 luglio 2014 I dati rilevanti della settimana Non fatevi impossessare dal mercato Questa sarà una settimana intensa per i dati economici con numerose relazioni chiave, tra cui il rapporto

Dettagli

Livelli tecnici e operatività 3 ottobre 2014 H: 08.14

Livelli tecnici e operatività 3 ottobre 2014 H: 08.14 Paniere FTSE Mib Livelli tecnici e operatività H: 08.14 Nota giornaliera Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Analisi Tecnica Corrado Binda Analista Tecnico Sergio Mingolla Analista Tecnico Fonte:

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro. La Federal Reserve Sta per cambiare politica? 4 aprile 2011 Il doppio Mandato della Federal Reserve- Dal 1978, la Federal Reserve è stata incaricata dal Congresso statunitense del doppio mandato di promuovere

Dettagli

Gerardo Marciano Pasquale Migliozzi PROIEZIONI DI BORSA

Gerardo Marciano Pasquale Migliozzi PROIEZIONI DI BORSA Gerardo Marciano Pasquale Migliozzi PROIEZIONI DI BORSA Questo report omaggio è un estratto dal libro "La Borsa dal 1897 al 2030 Clicca qui per acquistarlo Introduzione Non potevamo iniziare queste pagine,

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points STRATEGIA DI TRADING Turning Points ANALISI E OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE Studiare l andamento dei prezzi dei mercati finanziari con una certa previsione su tendenze future Analisi Tecnica: studio dell andamento

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Come investire il patrimonio nell era. dell incertezza

Come investire il patrimonio nell era. dell incertezza 18 febbraio 2011 Come investire il patrimonio nell era 2 dell incertezza Roberta Rossi (www.moneyexpert.it) consulente finanziaria indipendente B O R S A R O M A N Z O UNA SINGOLARE EREDITA O tempora o

Dettagli

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini vers 17092013 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale.

Dettagli

CAPITAL. Alcune considerazioni su asset allocation e rischio

CAPITAL. Alcune considerazioni su asset allocation e rischio K CAPITAL Alcune considerazioni su asset allocation e rischio Alcune considerazioni su asset allocation e rischio (e perché il concetto di volatilità è spesso usato a sproposito) The true aim of an investment

Dettagli

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012 Macro Volatility Marco Cora settembre 2012 PERDITE E GUADAGNI Le crisi sono eventi con bassa probabilità e alto impatto - La loro relativa infrequenza non deve però portare a concludere che possano essere

Dettagli

Private Banker Edoardo Momini

Private Banker Edoardo Momini Private Banker Edoardo Momini Chi sono? Edoardo Momini Private Banker di Banca Fideuram I MIEI NUMERI: 31 Gli anni dedicati alla mia professione 150 Nuclei famigliari 60 Milioni di portafoglio Agricoltura

Dettagli

La prossima catastrofe dei mercati scatenata dalle macchie solari!

La prossima catastrofe dei mercati scatenata dalle macchie solari! La prossima catastrofe dei mercati scatenata dalle macchie solari! 2 Titolo La prossima catastrofe dei mercati scatenata dalle macchie solari! Autore www.proiezionidiborsa.com Editore www.proiezionidiborsa.com

Dettagli

La teoria dell utilità attesa

La teoria dell utilità attesa La teoria dell utilità attesa 1 La teoria dell utilità attesa In un contesto di certezza esiste un legame biunivoco tra azioni e conseguenze: ad ogni azione corrisponde una e una sola conseguenza, e viceversa.

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 LE DECISIONI Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 1 La scelta razionale Dove mi iscrivo: Arti o Design? Probabilità che diminuisca il mercato del lavoro nei prossimi X anni Arti Design... 2 La

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

Euro Equity. DJ EuroStoxx. 3 ottobre 2014 H: 10.32. Range previsto per la settimana in corso: 3172 3234

Euro Equity. DJ EuroStoxx. 3 ottobre 2014 H: 10.32. Range previsto per la settimana in corso: 3172 3234 DJ EuroStoxx Future Scad. dicembre 2014 F- EUROSTOXX DIC 2014 (3,174.00, 3,188.00, 3,087.00, 3,102.00, -85.0000), Parabolic SAR (3,249.32), PS Adaptive Moving Average 3300 32 3200 31 H: 10.32 Nota giornaliera

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI 11-1. Fate l ipotesi che ci siano 100 lavoratori in un economia in cui operano due imprese. Per l impresa A, il prodotto marginale dei lavoratori è pari a 35 l ora. Per

Dettagli

L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Settembre 2015

L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Settembre 2015 Advisory L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Strettamente riservato e confidenziale 1 Le informazioni prospettiche 3 1.1 Finalità e destinatari 4 1.2 Orizzonte temporale 5 2 L'analisi delle informazioni

Dettagli

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni Introduzione Parte 1 Antonio Lengua IL TRADING CONSAPEVOLE CAPITOLO 1 LA NASCITA DI UNA NUOVA PROFESSIONE 1.1

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

LAUDATIO PRONUNCIATA IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA LAUREA AD HONOREM A DANIEL KAHNEMANN Trento, 14 ottobre 2002

LAUDATIO PRONUNCIATA IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA LAUREA AD HONOREM A DANIEL KAHNEMANN Trento, 14 ottobre 2002 LAUDATIO PRONUNCIATA IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA LAUREA AD HONOREM A DANIEL KAHNEMANN Trento, 14 ottobre 2002 RINO RUMIATI Il Prof. Daniel Kahneman è nato a Tel Aviv e si è laureato in Psicologia

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

Asset allocation e rischio

Asset allocation e rischio K CAPITAL Asset allocation e rischio Alcune considerazioni Alcune considerazioni su asset allocation e rischio (e perché il concetto di volatilità è spesso usato a sproposito) The true aim of an investment

Dettagli

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale R e l a t o r e : E n r i c o M a r i a C e r v e l l a t i P r o f e s s o r e d i F i n a n z a a l l U n i v e r s i

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Presentazione di Moody s alle Commissioni Riunite Finanza ed Industria. del Senato della Repubblica Italiana e della Camera dei Deputati

Presentazione di Moody s alle Commissioni Riunite Finanza ed Industria. del Senato della Repubblica Italiana e della Camera dei Deputati Largo Richini 6 20122, Milan, Italy Fax: 39 02 58 215 350 Tel: 39 02 58 215 719 Presentazione di Moody s alle Commissioni Riunite Finanza ed Industria del Senato della Repubblica Italiana e della Camera

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

L azionario vince sempre nel lungo periodo?

L azionario vince sempre nel lungo periodo? 1 L azionario vince sempre nel lungo periodo? Redatto il 03/08/2007 Introduzione Spesso accade di ascoltare la celebre ed inflazionata massima secondo la quale l azionario vince sempre nel lungo periodo.

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA CAPITOLO 2 Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA 2.1.Cosa muove i mercati? Il primo passo operativo da fare nel trading è l analisi del sentiment dei mercati. Con questa espressione faccio riferimento al livello

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA!

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! MADD-SPOT, 1, 2015 DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! DI LUCIA PUSILLO La Teoria dei Giochi si occupa in generale delle tecniche matematiche per analizzare situazioni in cui due o più individui

Dettagli

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V.

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. LA VENDITA ETICA - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Introduzione agli investimenti finanziari

Introduzione agli investimenti finanziari FINANZAINPILLOLE Introduzione agli investimenti finanziari Carlo grannonio La prima regola: non perdere denaro. La seconda: non dimenticare mai la prima. (W. Buffett) Limitazione di responsabilità Il documento

Dettagli

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Quando si decide di investire, e non semplicemente di parcheggiare la propria liquidità, bisogna tener presente che non esistono investimenti completamente

Dettagli

Cominciamo da noi stessi

Cominciamo da noi stessi 1 Cominciamo da noi stessi L autorieducazione razionale-emotiva Probabilmente nessuno penserebbe di poter insegnare la matematica ad un bambino senza neanche saper eseguire le quattro operazioni. Sarebbe

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

Piùpotenza per lemie performance di trading.

Piùpotenza per lemie performance di trading. Piùpotenza per lemie performance di trading. Mini Futures Certificate Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo. Strumenti finanziari strutturati a

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

L E T T U R E. Le distorsioni cognitive nel processo decisionale

L E T T U R E. Le distorsioni cognitive nel processo decisionale L E T T U R E Le distorsioni cognitive nel processo decisionale Humanities S.r.l. Via Appia Nuova 103, 00183 Roma Tel./Fax 06 70496457 web: www.hxo.it e-mail: info@hxo.it } IL PROCESSO DECISIONALE Il processo

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

REPORT SETTIMANALE 01/02/2010 ANCORA RIBASSO, VERSO IL PERIODO PIU IMPORTANTE DELL ANNO. A Cura Di: UFFICIO STUDI WWW.TRADING-ONLINE-ITALIA.

REPORT SETTIMANALE 01/02/2010 ANCORA RIBASSO, VERSO IL PERIODO PIU IMPORTANTE DELL ANNO. A Cura Di: UFFICIO STUDI WWW.TRADING-ONLINE-ITALIA. 01/02/2010 REPORT SETTIMANALE ANCORA RIBASSO, VERSO IL PERIODO PIU IMPORTANTE DELL ANNO. A Cura Di: UFFICIO STUDI WWW.TRADING-ONLINE-ITALIA.IT Continua la discesa per i classici mesi da minimi. ELLIOTT

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Titolo SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.24option.com/it ATTENZIONE: tutti i diritti sono riservati

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

La profilatura del rischio nel contesto della Direttiva MiFID: stato dell arte e prospettive future Nicoletta Marinelli Università degli Studi di Macerata Ricercatrice in Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

IL PARADOSSO. Settimanale di strategia. Tutto cash o tutto azioni potrebbe essere indifferente. 10 dicembre 2015

IL PARADOSSO. Settimanale di strategia. Tutto cash o tutto azioni potrebbe essere indifferente. 10 dicembre 2015 Settimanale di strategia 10 dicembre 2015 IL PARADOSSO Tutto cash o tutto azioni potrebbe essere indifferente Se in un gioco televisivo da ora di cena venisse offerto al concorrente di scegliere tra un

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2013-2014 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Termini e condizioni d uso del sito. Termini e condizioni d uso del sito Internet SIZEUP di GIS Planning, Inc. ("SizeUp", "Noi")

Termini e condizioni d uso del sito. Termini e condizioni d uso del sito Internet SIZEUP di GIS Planning, Inc. (SizeUp, Noi) Termini e condizioni d uso del sito Termini e condizioni d uso del sito Internet SIZEUP di GIS Planning, Inc. ("SizeUp", "Noi") I TERMINI E LE CONDIZIONI DI SEGUITO RIPORTATI (LE CONDIZIONI ) REGOLANO

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli