PROGETTO PERCORSI EDUCATIVI DALLA MARGINALITA ALL INCLUSIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO PERCORSI EDUCATIVI DALLA MARGINALITA ALL INCLUSIONE"

Transcript

1 PROGETTO PERCORSI EDUCATIVI DALLA MARGINALITA ALL INCLUSIONE Orientamento e avviamento verso il lavoro per minori e giovani in misura alternativa al carcere dai sedici ai ventuno anni. 1. Finalità generali del progetto. Il progetto si pone lo scopo di far sperimentare il mondo del lavoro e la conseguente scoperta delle proprie competenze e potenzialità a minori e giovani di età compresa tra i 16 ed i 21 anni, utilizzando lo strumento del tirocinio di formazione e lavoro (così come previsto dalla L. 196/97), nella particolare forma protetta della borsa lavoro. Si riconosce, infatti, al lavoro, così come alla scuola, il compito di essere agenzia che contribuisce alla costruzione dell identità sociale del ragazzo, attraverso l assunzione di ruoli e di responsabilità che ne favoriscano l avvicinamento al mondo degli adulti. Inoltre, l inserimento lavorativo consente di acquisire competenze professionali, oltre che abilità sociali (legate in particolare alla gestione delle dinamiche all interno del contesto lavorativo). Nel caso di ragazzi che abbiano intrapreso percorsi devianti, il tirocinio formativo, con la cosiddetta borsa lavoro, si rivela una buona strategia di intervento per sostenerli nel progetto di messa alla prova e in tutte le possibilità alternative previste dal D.P.R. 448/88. Spesso i ragazzi hanno sperimentato il lavoro come situazione occasionale o in nero, con conseguente sfruttamento, senza riuscire a coglierne le opportunità di crescita, di formazione, di confronto con il mondo degli adulti. La borsa lavoro consente loro di poter dimostrare a chiunque li abbia in carico di avere la forza e la 1

2 volontà di volersi riscattare, di aver compreso l errore fatto e di volersi mettere in gioco per gettare le basi per un futuro diverso. In tal senso, è fondamentale il ruolo delle aziende in quanto, conoscendo gli scopi e le attività del centro accoglienza minori, accolgono i ragazzi inviati, fornendo loro sostegno, attenzione, presenza educativa, favorendone l acquisizione di competenze e, quel che più conta, la conquista o ri-conquista dell autostima e della fiducia in se stessi. 2. Ubicazione del progetto Tutto il territorio di Roma Capitale e della provincia limitrofa (in particolare, la zona dei Castelli Romani). 3. Beneficiari del progetto. Il progetto prevede l avvio di sedici borse lavoro destinate ad altrettanti minori di entrambi i sessi, italiani e stranieri, di età compresa tra i sedici ed i ventuno anni. I ragazzi saranno individuati, sulla base delle indicazioni fornire dall Ufficio sociale minorile, tra quanti sono sottoposti a misure alternative alla condanna e alla detenzione o in attesa di processo.. 4.Obiettivi del progetto. Obiettivo generale: promuovere percorsi di inclusione sociale e lavorativa per ragazzi e ragazze, in carico dai Servizi Sociali della Giustizia Minorile, e che siano inseriti in progetti alternativi alla permanenza in carcere. Obiettivi specifici: 1. Accogliere, sostenere ed orientare i minori inviati dall Ufficio Servizi Sociali Minorili per l elaborazione di progetti educativi e percorsi alternativi alla permanenza in carcere; 2

3 2. Predisporre percorsi integrati, formativi e lavorativi (attraverso l attivazione di borse lavoro), in grado di sostenere i minori e i giovani destinatari nell acquisizione di competenze e conoscenze relative ad una specifica attività lavorativa, anche attraverso l assunzione di ruoli e di responsabilità che li sostengano gradualmente nella gestione della propria presenza all interno del contesto lavorativo. 3. Sviluppare nei giovani competenze progettuali e un immagine del futuro con ricadute sia sul presente che in termini di costruzione di una base per una progettualità più a lungo termine: reinserimento nei circuiti formativi o avviamento al lavoro; 4. Sensibilizzare e sostenere aziende disposte ad accogliere giovani presso le proprie strutture lavorative, impegnandosi anche nell accompagnamento formativo ed educativo dei giovani; 5. Illustrare agli adolescenti beneficiari del progetto i servizi presenti sul territorio destinati all orientamento ed inserimento lavorativo. 5. previste. Per l attuazione del progetto in questione, si ritiene utile predisporre un percorso che si articoli su diversi momenti: 1. fase di individuazione dei destinatari: la scelta dei ragazzi da inserire nel progetto verrà effettuata su invio dell USSM. Per ciascun ragazzo verrà effettuata una segnalazione da parte del servizio indicando il percorso scolastico, lavorativo e i servizi già attivati precedentemente; 2. fase di accoglienza e di conoscenza dei giovani attraverso colloqui individuali (da 1 a 4 colloqui a seconda delle situazioni). 3. fase di orientamento e di acquisizione di conoscenze e competenze di base fino alla firma del patto formativo attraverso incontri di gruppo e individuali, in base alle specifiche risorse ed esperienze pregresse emerse, così strutturati: 3

4 -2 incontri finalizzati alla creazione del gruppo e alla spiegazione del progetto; - 3 incontri finalizzati alla conoscenza delle regole relative alla sicurezza sul lavoro; -4 incontri per l acquisizione dell attestato base dell HACCP, requisito richiesto per lavorare nel settore della ristorazione; -eventuali 4 incontri finalizzati all acquisizione di alcune competenze di base nel settore individuato per ciascun ragazzo (es.: ristorazione, parrucchiere/estetica, giardinaggio, meccanica, ecc.). 4. individuazione della struttura idonea all accoglienza del ragazzo per lo svolgimento del tirocinio ed attivazione della convenzione (a cura del personale incaricato del centro accoglienza don Bosco). 5. inizio tirocinio formativo della durata di 3 mesi (la durata del singolo tirocinio potrà variare in accordo con la referente del progetto fermo restante il numero complessivo dei mesi previsti dal progetto: 48). Il tirocinio prevede un impegno di ore settimanali, monitoraggio e tutoraggio (a cura degli educatori) in collaborazione con il COL tirocini del Comune di Roma Capitale. La durata settimanale del tirocinio sarà variabile in base alla disponibilità ed alle necessità operative dell azienda: spesso accade che per alcune tipologie di lavoro è richiesta qualche ora in più, in funzione delle mansioni di svolgere e per consentire ai ragazzi di apprendere ogni fase del lavoro; 6. intervento di monitoraggio e tutoraggio per prevenire o affrontare l insorgere di difficoltà (a cura del personale incaricato del centro accoglienza don Bosco); 7. verifica periodica tra i referenti (referente progetto USSM, assistenti sociali, responsabili percorsi formativi, referenti per le borse lavoro), per monitorare l andamento del progetto e dei percorsi individualizzati attivati, attraverso incontri mensili di gruppo. 4

5 8. conclusione del tirocinio e rilascio da parte del Col Tirocini di Roma Capitale dell attestato che certificata le competenze acquisite (a cura delpersonale incaricato del centro accoglienza don Bosco in collaborazione con il COL Tirocini di Roma Capitale). 9. Rielaborazione del percorso svolto ed eventuale prosecuzione in altri percorsi formativi e/o di ricerca lavoro: individualmente si elabora con ciascuno il progetto educativo di inserimento lavorativo attraverso: la ripresa di un percorso formativo breve, il reinserimento scolastico, la ricerca lavoro, l avvio di ulteriori esperienze nello stesso settore o in altri settori in cui emergono competenze (almeno due incontri individuali per ciascun ragazzo e incontro conclusivo del progetto in gruppo). Il termine del progetto per i ragazzi che lo desiderano, in accordo con il servizio inviante, sarà un nuovo inizio all interno della proposta formativa del Centro Accoglienza Minori del Borgo Ragazzi Don Bosco. (vedi allegato). Ai ragazzi inseriti nel progetto verrà offerta la possibilità di frequentare anche i laboratori ludico/espressivi attivati dal centro se compatibile con gli orari della borsa lavoro e se ritenuto sostenibile come impegno (calcetto, teatro, musica, arte, patente, ecc.) 6. Modalità di svolgimento del progetto. Per la realizzazione dei percorsi di inclusione sociale e per consentire il raggiungimento degli obiettivi del progetto verrà utilizzato lo strumento del tirocinio di formazione e lavoro, della durata di 3-4 mesi (20-25 ore settimanali). A conclusione di ogni e previa presentazione del figlio firma debitamente compilato, verrà erogato un importo di 365 euro mensili ad ogni minore o giovane partecipante. In caso di assenze (esclusa la malattia con certificato medico) le giornate verranno recuperate a conclusione del percorso con una proroga del progetto stesso. La borsa lavoro non è soltanto una modalità per elargire un contributo economico, di per sé utile per arginare 5

6 temporaneamente una situazione di disagio economico. Essa si configura, piuttosto, come possibilità formativa, lavorativa ed educativa per tutti quei giovani che spesso hanno una scarsa consapevolezza di sé, oltre che una scarsa progettualità rispetto a cosa vorrebbero diventare. Aiuta la responsabilizzazione (viene erogata in base alle effettive presenze) e la gestione dei soldi (viene erogata mensilmente e il beneficiario impara a gestire i soldi per le quattro settimane). Affinché il percorso intrapreso dal giovane possa avere un esito positivo per il rafforzamento delle sue competenze, è importante il ruolo dell ente ospitante, cioè dell azienda, che mettendo a disposizione la professionalità di quanti lavorano al suo interno, favorisce la trasmissione di quel sapere di base su cui il ragazzo potrà costruire la propria professionalità futura. Elemento di raccordo tra l azienda e il giovane è rappresentato dall educatore professionale messo a disposizione dal centro accoglienza minori del Borgo Ragazzi don Bosco. Il suo compito sarà di individuare esigenze ed interessi del ragazzo, al fine di favorire l incontro tra le sue aspettative e le richieste dell azienda. È fondamentale che l educatore venga percepito e considerato dall azienda come un punto di riferimento a cui rivolgersi nei momenti di maggiore difficoltà, quando può verificarsi una qualunque problematica che possa mettere in forse la permanenza del ragazzo in azienda; compito dell educatore sarà allora quello di mediare tra le esigenze delle parti, così come di intervenire nella risoluzione dei conflitti che possono manifestarsi durante il percorso. Altri compiti che possono attribuirsi a questa figura professionale riguardano il sostegno ed il rinforzo alla motivazione, favorire l instaurarsi di adeguate relazioni interpersonali ed educare il ragazzo al rispetto delle regole e alla consapevolezza dei doveri e dei diritti del lavoratore. 6

7 7. Risorse umane impiegate. Per la realizzazione del progetto si prevedono le seguenti figure professionali: a) equipe di coordinamento composta da: 1 coordinatore psicologo 1 psicologo referente monitoraggio 1 educatore professionale ref. Percorsi formativi 1 amministrativo Verrà coinvolta l intera equipe del Centro Accoglienza Don Bosco in base alle necessità (assistente sociale, 5 psicologi, 6 educatori, 20 volontari). 12.Cronogramma delle attività X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Roma, 18/07/2014 Firma 7

8 Allegato: la proposta formativa del Centro Accoglienza Minori del Borgo Ragazzi Don Bosco 2013/14. Il Centro accoglienza Minori da più di 20 anni cerca di offrire risposte formative sostenibili a ragazzi fuori dai percorsi scolastici strutturati. Il bisogno principale di chi arriva è quello di trovare un ambiente accogliente (sono di solito rifiutati ed espulsi a causa delle loro problematiche) dove sperimentare la riuscita. In secondo luogo hanno bisogno di uscire da un presente nel quale si sono appiattiti e nel quale vivono senza obiettivi e prospettive. Hanno bisogno di sperimentarsi in crescita e di vedere subito che quello che fanno ha un senso e serve. In terzo luogo hanno bisogno di inserirsi nel mondo del lavoro vivendo in situazione di marginalità sociale che non gli permette di concedersi, come d altra parte avrebbero diritto, anni di studi in famiglie che li mantengono economicamente. Molti di loro vengono da case famiglia o famiglie disagiate e, al più presto, legalmente o meno, devono rendersi totalmente autonomi. Inoltre i percorsi di vita e di crescita di questi ragazzi non sono lineari. Pensare di iscriversi a luglio ad un anno scolastico che inizia a settembre e finisce a giugno con un presenza costante è un primo motivo di esclusione. Arrivano a riconoscere il proprio bisogno e ad accettare un percorso educativo in momenti diversi. Hanno alle spalle percorsi scolastici molto diversificati. Hanno la possibilità e la capacità di gestire tempi di alternanza studio/lavoro non omogenei. Per questi ragazzi pensare ad un corso strutturato, o ad un corso che parte con finanziamenti specifici che richiedono dei tempi di realizzazione del progetto stabiliti dall esterno significa andare incontro ad un ennesimo fallimento. La modalità della progettazione che viene spesso utilizzata dagli enti che finanziano la formazione, è legata ad una logica dove al centro non c è il ragazzo ma il finanziamento, l organizzazione, il programma standardizzato. Con questi ragazzi la taglia unica non è proprio adatta. Occorre lavorare di fino occorre quella che noi definiamo la pedagogia del sarto dove il percorso formativo viene cucito su misura del ragazzo e della persona. Una logica che dovrebbe essere alla base di ogni percorso di crescita integrale attendo alla specificità di ciascuno ma l unica possibile per questi ragazzi per i quali la scuola ha già fallito volte. La sfida è quella di avviare un circolo virtuoso che ci permetta di rispondere in modo personalizzato ai bisogni formativi, avviare concretamente al lavoro, far sperimentare l utilità di quanto si va apprendendo in tempo reale, finanziare i percorsi senza dipendere da tempi dettati dall esterno: 8

9 La sfida: avvio di un circolo virtuoso: Percorso educativo Lab. Pratico di produzione Autofinanziamento solidale Avvio verso il mondo del lavoro I ragazzi che arrivano al centro provenendo da diversi fallimenti scolastici, preferiscono fare qualcosa di pratico piuttosto che stare seduti dietro un banco di scuola. Nello stesso tempo non sono ancora pronti per il mondo del lavoro. Hanno bisogno di apprendere un mestiere in modo pratico e in un ambiente protetto. Gestire un laboratorio produttivo è diverso dal gestire un laboratorio formativo. Un laboratorio che sia nello stesso tempo produttivo e formativo presuppone la presenza di operatori attenti alla produzione e nello stesso tempo attenti al percorso educativo personalizzato. Quindi non solo tecnici ma prima di tutto educatori. Nello stesso tempo i ragazzi possono sentirsi protagonisti e importanti perché producono qualcosa di concreto e vedono i subito i frutti del loro lavoro e questo ha un risvolto positivo sulla stima di sé. Gli operatori possono lavorare direttamente sulle difficoltà che emergono nello svolgimento dell attività produttiva che ha tempi e ritmi legati al committente e non solo ai bisogni dei ragazzi. Questo aiuta a essere più concreti e aderenti alle richieste dell esterno e anche a far vedere ai ragazzi quali sono le sfide che devono affrontare. Nello stesso tempo occorre che gli operatori possano comunque rispondere alle richieste del committente con flessibilità e tempestività. Avviare un ciclo produttivo porta un ricavo che viene reinvestito in parte per coprire le spese di personale e di materiale del laboratorio stesso e in parte per finanziare il corso formativo che in questo modo può essere riproposto per altri ragazzi. Inoltre il laboratorio produttivo mette in contatto con tante persone e realtà che da clienti possono diventare amici del Centro e collaborare o contribuire in varie forme, favorendo la crescita della corresponsabilità del territorio nei confronti dei ragazzi a rischio. Al termine del percorso formativo i ragazzi vengono avviati verso il mondo del lavoro con una esperienza concreta nel curriculum. Un settore specifico del Centro lo sportello aperto si occupa di creare un collegamento con una rete di aziende, di facilitare l inserimento con tirocini formativi, borse lavoro ecc. finalizzate a seconda delle situazioni alla crescita della persona, alla formazione, all inserimento lavorativo. Gli operatori che gestiscono questo tipo di laboratori non possono non essere in primo luogo degli educatori e in secondo luogo competenti nell ambito del laboratorio stesso. 9

10 Corsi formativi e Laboratori pratici di produzione Ogni corso prevede uno o più laboratori produttivi, 6-10 ore di lezione settimanale personalizzata, pratica in ambiente interno protetto, nel laboratorio produttivo e all esterno. Corso ristorazione: RistoGiò : attestato commis di cucina e di sala bar catering e cene solidali mensa dei dipendenti del municipio 7 (aperta anche ad esterni funzionante dal lun al ven all ora del pranzo) corsi brevi (barman, pasticceria, decorazione dolci, pizzeria) corso di HACCP Corso trattamento mani e capelli: certificato di frequenza Laboratorio le mani nei capelli : tinte, taglio, unghie Corsi brevi (ricostruzione unghie) Corso meccanica: attestato di aiuto meccanico Laboratorio ciclo-officina: riparazione di bici e motorini Raccolta e riutilizzo di biciclette usate Corso ortocoltura e giardinaggio: certificato di frequenza Orti cittadini gestiti da ragazzi e volontari Percorsi educativi con le scuole materne ed elementari sul riciclo, riutilizzo, agricoltura biologica ecc. Laboratorio bomboniere con materiali riciclati Cucito creativo Sportello aperto e progetto si può fare per inclusione sociale: certificazione di competenze. Orientamento lavorativo Ricerca lavoro Tirocini formativi Borse lavoro Rete di aziende per la responsabilità sociale di azienda Percorsi brevi di orientamento scolastico Percorsi sulla sicurezza negli ambienti di lavoro Allo sportello aperto accedono sia i ragazzi provenienti dai corsi formativi del centro che i ragazzi che arrivano direttamente inviati da altre realtà del territorio (caritas parrocchiale, servizi sociali ecc.). Dallo sportello aperto a volte i ragazzi vengono inviati ai percorsi formativi di base o ai corsi. Percorsi formativi di base: diploma di licenza media e di L2 Alcuni dei ragazzi arrivano al centro con scarse competenze linguistiche e nessun titolo di studio. Sia agli italiani che agli stranieri che vogliono fermarsi in Italia proponiamo percorsi personalizzati: Licenza media 10

11 Alfabetizzazione e italiano L2 Questo attraverso un sistema d protocolli di intesa con i Centri Territoriali Permanenti (CTP) del territorio. Per alcuni dei ragazzi più grandi e con poco tempo a disposizione per la formazione il percorso formativo di base viene proposto parallelemente ai corsi formativi. Progetti Ponte e Semi-autonomia: L inclusione sociale passa senza dubbio attraverso l inclusione lavorativa, ma alcuni ragazzi necessitano anche di altre forme di intervento educativo personalizzato per poter sostenere la proposta lavorativa o formativa. Abbiamo elaborato perciò due forme di intervento, previste nel comune di Roma, che ci consentono di sostenere i ragazzi affiancando un operatore dedicato: Progetti ponte: affiancamento di un operatore per il Progetto Educativo Personalizzato. Progetti di semiautonomia: per ragazzi neomaggiorenni attraverso affiancamento di un educatore e pagamento di un posto letto in affitto. Prevenzione primaria e attenzione all interculturalità: la Skolè. Per i ragazzi più piccoli (11-15 anni) il cento al pomeriggio offre il sostegno scolastico e una serie di opportunità educative per prevenire la dispersione scolastica anche grazie ad un contatto diretto con gli insegnanti delle scuole di provenienza dei ragazzi. Laboratori ludico espressivi. Secondo gli interessi dei ragazzi accolti vengono proposti laboratori di tipo espressivo, ludico o formativo con frequenza settimanale e gestito interamente in modo volontario dagli operatori del Centro o da operatori esterni che offrono le proprie competenze (in questi casi vengono comunque affiancati da un volontario/educatore del Centro). Laboratori attualmente in corso: teatro, arte, musicoterapia, calcetto, patente, giornalino. 11

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 SCHEDA PROGETTO SEDE OPERATIVA ROMA (RM) CENTRO DON ORIONE MONTE MARIO CODICE SEDE 98090 SETTORE ASSISTENZA 06 DISABILI [ TITOLO PROGETTO Riabitare il mondo Ente

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Associazione Culturale e di Volontariato Gli Elefanti 2) Codice di accreditamento: NZ06172 3)

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli