Tavolo della Casa 4 marzo 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tavolo della Casa 4 marzo 2004"

Transcript

1 Tavolo della Casa 4 marzo 2004 PRESENTAZIONE DELL ESPERIENZE DI: A) AGENZIA SOCIALE PER LA CASA, Fondazione S. Carlo di Milano direttore Sala Giuseppe B) AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA, Associazione ALISEI arch. Cusatelli Giuseppe ELENCO DEI PARTECIPANTI ALL INCONTRO Albani Fabio; Baio Camilla; Baio Michela (Ufficio di Piano); Carcassola Giuseppe (ACLI); Carzaniga Riccardo (ACLI); Colombo GianLuigi (Sicet); Colombo Giorgio (Assessore Servizi Sociali); Colombo Guido; Cornago Davide (Formaurbis); Ghinzani Vincenzo; Innocenti Luigi Romano; Leoni Guido (Progetto Mondialità); Mazza Pietro (commerciante); Milanese Giuseppe (Offerta Sociale); Riva Andrea (FNP CISL); Rodda Luca (Assessore Urbanistica); Roncalli Emilio (ACLI); Ronchi Arianna (Progetto EQUAL Tetto per tutti ); Sarubbi Gianfranco (Assessore Casa); Venezia Sergio (CISL Brianza, Associazione Mondo Comunità e Famiglia, Tavolo Nuove Povertà Offerta Sociale). PRINCIPALI ELEMENTI EMERSI DALL INCONTRO A) AGENZIA SOCIALE PER LA CASA FONDAZIONE S. CARLO DI MILANO Che cos è la Fondazione San Carlo La Fondazione S. Carlo è una ONLUS di cui sono soci la Caritas e la Diocesi di Milano che interviene sul terreno delle problematiche relative alla casa e al lavoro. Il problema casa Per cercare di capire che cosa si può fare è importante cercare una risposta a Cosa sta succedendo?, ossia interpretare le dinamiche in atto sul tema della casa. Dai dati della Borsa immobiliare di Milano emerge come i costi delle case siano aumentati in un anno almeno del 10%. Siamo di fronte a una situazione di mercato drogato, le leggi economiche della domanda e dell offerta sono saltate. C è infatti sia una grossa domanda che una grossa offerta di case inelusa (ci sono molte case vuote di standard medio-alto). Spesso chi compra non ha bisogno della casa, ma lo fa per una logica di investimento legata alla crisi del mercato finanziario e alla casa considerata come bene rifugio. Ciò crea una distorsione del mercato che acuisce i problemi di chi ha veramente bisogno di una casa. I problemi sono molto complessi sia per l affitto che per l acquisto. Esiste un rapporto stretto tra l affitto e l acquisto: otto famiglie su dieci sono proprietari di casa. Dato che incide sull affitto. Il mercato dell affitto (a differenza di quello dell acquisto) funziona in base alle classiche regole economiche: bassa è l offerta di case in affitto, alta è la domanda, da qui gli alti costi dei canoni. L offerta di case in affitto spesso è all interno di case fatiscenti, in aree degradate dove i costi per la ristrutturazione sarebbero molto alti e non convenienti economicamente. E quindi un offerta che si indirizza alle fasce più deboli, agli immigrati, a chi perde lavoro, agli anziani e che innesca un circolo vizioso che produce processi di degrado ambientali, economici ma soprattutto sociali. Un altro aspetto del problema è legato a persone che pur avendo un buon reddito non offrono garanzie sufficienti alle banche per poter accendere un mutuo. Si tratta sia di immigrati con un buon lavoro, sia giovani che sono sul mercato del lavoro con contratti a tempo determinato. Da qui la strada obbligata per questi settori sociali di prendere casa in affitto pagando alti canoni. L alto canone, soprattutto per gli immigrati, è richiesto anche per coprire il rischio percepito dai proprietari della casa.

2 Per quanto riguarda l affitto è più difficile: di fronte alla diffidenza di chi affitta c è poco da fare, le pratiche sperimentate incidono poco. Le esperienze sono quelle di cercare delle forme di garanzia, con la fondazione che fa da garante. E risultato più efficace il caso recente di Sesto San Giovanni dove è lo stesso Comune a fare da garante e da interlocutore con il privato, avendo poi la possibilità di subaffittare e gestire con i suoi criteri. Cosa si può fare: buone pratiche Una pratica sperimentata dalla fondazione S. Carlo che è risultata funzionare meglio riguarda l acquisto. Per sopperire al problema delle garanzie per il mutuo bancario, l acquisto viene fatto da un terzo soggetto (la Fondazione San Carlo) che tratta con la banca, in modo che alla fondazione risulti intestata la proprietà dell alloggio, mentre il mutuo è associato alla persona che intende acquistare casa. Quando la persona ha finito di pagare il mutuo si fa una secondo rogito per il passaggio di proprietà dalla fondazione a chi ha pagato il mutuo. E uno strumento che funziona bene perché la proprietà resta alla fondazione fino al termine del mutuo e nel frattempo la persona ha sempre la possibilità di cambiare idea e scegliere di passare all affitto serenamente. Un altra pratica consiste in forme di prestito restituibile in un certo numero di anni sotto forma di fondo di garanzia, tra banca e associazione. La pratica è efficace per quelle fasce deboli che devono sopportare le spese degli anticipi dei mesi di affitto e le spese di trasloco e allacciamento alle reti. Un esempio è il progetto Una Tetto per Tutti del Vimercatese-Trezzese di Offerta Sociale. Infine un ruolo di controbilanciamento del mercato delle case può essere giocato dal soggetto pubblico mettendo in circolo le case sfitte. Inoltre può agire in direzione del contenimento dei costi stabilendo standard delle case offerte. Infatti, se 100 è il costo totale di una casa, 30 è il costo del terreno, 30 il costo di costruzione, 15 gli oneri finanziari e le tasse, 20 gli oneri di urbanizzazione. E possibile quindi costruire riducendo i costi al 50% agendo sul contenimento dei costi per l acquisto del terreno, riducendo gli oneri di urbanizzazione e i costi di costruzione con progetti a standard inferiori ma che garantiscano comunque qualità. La dimensione territoriale l attuazione politiche efficaci sulla casa è la scala sovracomunale, in quanto garantisce che non si creino squilibri tra un Comune e un altro. B) AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA La buona pratica presentata dall Arch. Cusatelli è rappresentata da alcune esperienze pilota che in Italia hanno interessato finora circa 100 costruzioni. Di che cosa si tratta E una forma di evoluzione di impresa a profitto sociale che nasce dalla constatazione che gli operatori tradizionali (le cooperative) non riescono a dare una risposta esaustiva al problema casa. Consiste in una soluzione originale e pragmatica, senza forme di tutela assistenziale, in quanto il processo è autogestito dall utenza stessa: le persone che hanno un bisogno di casa e che si rendono disponibili all esperienza, danno luogo ad un processo collettivo di costruzione della propria casa. Ciò è possibile anche senza avere competenze professionali, secondo il modello della cultura Ikea. Ovvero l acquisto di un

3 pacchetto che tutti possono essere in grado di montare ottendendo per esempio una cucina, esportato nella costruzione di abitazioni: questo è possibile perché si progettano materiali e prodotti ad elevato contenuto tecnologico che consentono l abbassamento del livello di professionalità richiesto in fase di costruzione. Al contrario un mattone è un prodotto edilizio a basso valore tecnologico che richiede un elevata professionalità per costruire un muro, per esempio. Gli elementi positivi riguardano diverse dimensioni: 1. Dimensioni sociali: - Crea spazi di socializzazione collettiva: il processo di autocostruzione permette di progettare lo spazio della quotidianità, del vivere insieme - Si ricostruisce una rapporto di identificazione con il luogo: le relazioni con gli altri e con il luogo che si creano durante il processo di autocostruzione contribuiscano a creare un senso di appartenenza che in genere non esiste comprando una casa in funzione del solo parametro economico. - Esiste un coinvolgimento di tutte le componenti familiari e sviluppa processi di integrazione accelerata di persone e famiglie extracomunitarie con persone e famiglie italiane. 2. Dimensione economica: - Permette di abbattere i costi fino al 30 40% (per es. 500 euro/mq) - La cooperativa di autocostruttori chiede un mutuo a una banca dietro garanzia della società di gestione o dell ente pubblico (regione, comune), che rende possibile anche il pagamento del mutuo da parte degli abitanti una volta entrati a vivere nelle abitazioni costruite (non avendo così più l affitto da pagare). Gli attori principali del processo di autocostruzione 1. L Ente locale: ha la responsabilità di definire il piano di zona finalizzandolo anche all autocostruzione mediante convenzioni che definiscano la cessione delle aree e destinando una % delle aree a questa sperimentazione. Per esempio in Emilia Romagna il 20% delle aree 167 sono state destinate all autocostruzione. 2. La società di gestione: un impresa sociale che sovrintende a tutta l organizzazione, dalla stesura del progetto, alla gestione tecnico-economica, al processo edilizio e costruttivo. 3. La cooperativa di autocostruttori: la creazione di una cooperativa di autocostruttori definisce uno statuto giuridico che garantisce le persone che si auto-costruiscono la casa. Verrà sciolta a lavori ultimati. Il lavoro collettivo E il vero capitale, il maggior investimento messo dalle persone che si impegnano per due anni circa a dedicare tutti i sabati e le domeniche alla costruzione delle abitazioni. Vi sono delle regole organizzative per garantire il funzionamento del lavoro collettivo: - non è consentito il lavoro conto terzi o finalizzato allo scambio economico-commerciale - nessuno conosce quale sarà la sua casa fino alla fine del processo di costruzione, quando avverrà a sorteggio - non è possibile monetizzare il proprio tempo di lavoro nel cantiere

4 Il progetto e il cantiere Fondamentale è la fase preliminare del progetto con un processo partecipato tra l architetto e il gruppo di autocostruttori. Il progetto deve essere illustrato dall architetto come un manuale di istruzioni, affinché avvenga un processo di alfabetizzazione alla costruzione delle case. I soggetti che partecipano al processo collettivo sono: - l architetto che si occupa del progetto, della direzione lavori, del responsabile del cantiere, del coordinamento e della sicurezza. - un tutor degli impianti elettrici, uno degli impianti idrosanitari e un capomastro che garantiscono il rispetto delle normative e formano e assistono un gruppo ristretto di autocostruttori che si occupano di seguire questi ambiti - un mediatore sociale che si occupa di gestire le dinamiche di gruppo, prevenire e risolvere le eventuali conflittualità. ALTRI ELEMENTI EMERSI DALLA DISCUSSIONE 1. Scarsa richiesta di Fondi a disposizione: Spesso i fondi messi a disposizione dalla Regione rimangono inutilizzati poiché i comuni non fanno richiesta. I motivi sono: - gli amministratori politici vogliono evitare altre tegole sulla testa, ossia non hanno il coraggio di affrontare la gestione di situazioni socialmente delicate e difficili. - i contributi regionali vanno a coprire solo parte dei costi; la restante parte è a carico dei comuni che con i tagli delle risorse non facilmente reperibili. 2. Integrazione tra settori che si occupano di casa: viene proposto di integrare i lavori del Piano regolatore partecipato sulla casa con il Tavolo sulle nuove povertà istituto nell ambito dei Piani di Zona.

5 ESITI DELLE SCHEDE DI VALUTAZIONE DISTRIBUITE AI PARTECIPANTI DURANTE L INCONTRO Istituto di Ricerca Ecopolis Durante l incontro, è stata distribuita una scheda di valutazione allo scopo di stimolare tra i presenti una riflessione circa le esperienze presentate. La scheda è stata pensata in modo tale che chi ha scelto di rispondere, ha potuto farlo secondo un grado di approfondimento personale. Per ogni esperienza sono state infatti previste due domande che prevedono una risposta tramite crocetta e degli spazi dove aggiungere eventuali commenti e osservazioni. Sono state riconsegnate 15 schede, di cui una compilata solo parzialmente. Riportiamo qui di seguito gli esiti. A) AGENZIA SOCIALE PER LA CASA, Fondazione S. Carlo di Milano direttore Sala Giuseppe Domanda 1. Hai trovato interessante l esperienza presentata relativa all Agenzia sociale per l affitto? 5 = Molto interessante 3 preferenze 4 = Interessante 5 preferenze 3 = Abbastanza interessante 5 preferenze 2 = Poco interessante 1 preferenza 1 = Per niente interessante -- Non so -- Quali aspetti hai trovato di interesse? Che cosa ti lascia perplesso? Commenti Le potenzialità ravvisate: 1. Possibilità di finanziamento reale e area a costo accettabile 2. Favorire la concorrenza ai privati da parte delle cooperative, Comuni, Province, ecc. nella costruzione di standard civili, ma nello stesso tempo economici, adatti a una famiglia con pochi componenti come sembra siano le famiglie di oggi. 3. L opportunità di creare un agenzia sul bisogno abitativo, per dare una risposta stabile al bisogno. Domanda 2. Ritieni che l esperienza presentata sia replicabile anche in Trezzo? Si 11 preferenze Si, ma solo in parte 3 preferenze No -- Non so -- B) AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA, Associazione ALISEI arch. Cusatelli Giuseppe Domanda 1. Hai trovato interessanti le esperienze di autocostruzione presentate? 5 = Molto interessante 5 preferenze 4 = Interessante 8 preferenze 3 = Abbastanza interessante 2 preferenze 2 = Poco interessante -- 2 = Per niente interessante -- Non so -- Quali aspetti hai trovato di interesse? Che cosa ti lascia perplesso? Commenti Le potenzialità ravvisate: 1. Sono due altre possibilità da aggiungere alle proposte già presentate. 2. Il lavoro di gruppo e la disponibilità delle persone di fare insieme la loro casa e integrarsi con individui di diverse origini 3. La dimensione sociale di questa esperienza, il fatto che rappresenta una risposta concreta al bisogno di casa, rappresentando anche uno strumento di integrazione e di costruzione di diritti civili. Dovrei comunque approfondire la cosa per valutarla pienamente. 4. La crescita culturale e sociale tra i soci e l integrazione tra loro. 5. L esperienza di autocostruzione è stata una conoscenza nuova e quasi mi sembra qualcosa di fantascientifico, invece può essere realizzata. Le autorità pubbliche potrebbero attivarsi per metterla in pratica. 6. Tutti gli aspetti dell esperienza sono interessanti.

6 Le perplessità e le difficoltà: 1. Quello che mi lascia più perplesso è: dove trova i soldi l associazione per far fronte a tutte le spese eventuali? 2. Mi lascia perplessa, per il momento, la possibilità di aggregare persone, vista questa nostra società che si rifugia nel privato. 3. Queste case sono a mio avviso a pochi piani, di conseguenza abbisognano di ampie aree, e coi pochi spazi che abbiamo 4. Dipende dalla volontà politica! 5. Criticità: a. Non si riferisce alle fasce più sociali b. Attuale poca socializzazione degli utenti e costruttori c. Normative sulla sicurezza in cantiere e rischi per la salute, infortuni, ecc. d. Possibilità di edificare solo in campagna Domanda 2. Ritieni che l esperienza presentata sia replicabile anche in Trezzo? Si Si, ma solo in parte No Non so 7 preferenze 5 preferenze 1 preferenza 2 preferenze Commenti Credo di sì (che si possa replicare a Trezzo), sarebbe perlomeno importante valutare questa opportunità. Attualmente mancano spazi per questa sperimentazione. Possibilità a medio termine di intervento: fra circa 8-10 anni E un iniziativa da sostenere anche nella nostra zona. Le autorità pubbliche e le banche dovrebbero trovare il coraggio di iniziare questo modo innovativo di costruire alloggi.

Il problema della casa come questione centrale per il futuro welfare lombardo

Il problema della casa come questione centrale per il futuro welfare lombardo Il problema della casa come questione centrale per il futuro welfare lombardo Un contributo di Francesca Paini, presidente della Fondazione G.B. Scalabrini per l housing sociale, presidenza di Federsolidarietà

Dettagli

Credito ai progetti di vita. Lorenzo Mancini Laboratorio banca e società

Credito ai progetti di vita. Lorenzo Mancini Laboratorio banca e società Credito ai progetti di vita Lorenzo Mancini Laboratorio banca e società Roma, 24 novembre 2010 Agenda Il Laboratorio Banca e Società Bridge: il primo prestito d onore agli studenti universitari L autocostruzione

Dettagli

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Via Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Referente per il progetto Comunità di Sant Egidio ONLUS Via Lanzone 13 20123 cf 97549060156 tel 0286451309

Dettagli

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING EDILIZIA PRIVATA SOCIALE, LA SFIDA DEI FONDI IMMOBILIARI (AGI) - Palermo, 8 mar. - Si e' svolto oggi presso la Fondazione

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

CONVEGNO CASA IMMIGRATI.

CONVEGNO CASA IMMIGRATI. CONVEGNO CASA IMMIGRATI. Percorsi possibili Il contesto attuale Nello studio sugli insediamenti degli immigrati nella nostra provincia, si deduce che è avvenuto in modo omogeneo nell intero territorio

Dettagli

Il problema casa. La situazione a Trieste LA SITUAZIONE ABITATIVA NEL COMUNE DI TRIESTE

Il problema casa. La situazione a Trieste LA SITUAZIONE ABITATIVA NEL COMUNE DI TRIESTE LA SITUAZIONE ABITATIVA NEL COMUNE DI TRIESTE Il problema casa Da parecchi anni in Italia si registra un forte squilibrio tra la crescita dei valori immobiliari e quella dei redditi da lavoro dipendente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015)

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) Settore di intervento Area territoriale Attori da coinvolgere Nome del progetto Target di riferimento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione

Dettagli

Introduzione: Piero Donnola

Introduzione: Piero Donnola Introduzione: Piero Donnola Segretario Generale FILCA Piemonte Torino, 23 Giugno 2015 Sala Polivalente ATC Scaletta Saluti di Benvenuto e di ringraziamenti Convegno Abitare, Lavorare, Migliorare l Ambiente

Dettagli

Programma regionale AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA IN AFFITTO: NUOVE SPERIMENTAZIONI

Programma regionale AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA IN AFFITTO: NUOVE SPERIMENTAZIONI Unità Organizzativa Casa Struttura Programmi per l edilizia residenziale pubblica Programma regionale AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA IN AFFITTO: NUOVE SPERIMENTAZIONI Ancitel Lombardia- Risorse Comuni Milano,

Dettagli

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena Via Natale Dell Amore 42\a Cesena - tel. 0547\21572 - fax 0547\21907 - e.mail cspcesena@uil.it Nell introdurre i lavori di questa importante iniziativa, mi sia consentito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E PREVISTE - MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa

Dettagli

Le politiche abitative Quali politiche per quali contesti? Giulia Cordella Corso politica sociale 2014-2015 giulia.cordella@gmail.com Cosa sono Interventi che si muovono per assicurare agli individui e

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007 SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007 Franco Prizzon Luisa Ingaramo Marco Bagnasacco SOCIAL HOUSING HOUSING Una prima definizione (derivata

Dettagli

AGENZIA PER L AFFITTO: ESPERIENZE IN ALTRE CITTA

AGENZIA PER L AFFITTO: ESPERIENZE IN ALTRE CITTA AGENZIA PER L AFFITTO: ESPERIENZE IN ALTRE CITTA )25/Î6RFLHWjSHUODIILWWR A Forlì è stata costituita una società per l'affitto in grado di assicurare servizi abitativi a lavoratori stranieri o provenienti

Dettagli

FAMIGLIE E RISPARMIO

FAMIGLIE E RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per ACRI da TNS Abacus in occasione della 79ª Giornata Mondiale del Risparmio FAMIGLIE E RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2003. La quasi totalità degli italiani riconosce

Dettagli

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI Milano, 26 Novembre 2010 L intervento pubblico: principi di intervento Nel contesto odierno l intervento pubblico deve essere finalizzato a : Individuare soluzioni per

Dettagli

L APPRENDISTATO COME PERCORSO FORMATIVO

L APPRENDISTATO COME PERCORSO FORMATIVO Primi risultati di una indagine ISFOL L APPRENDISTATO COME PERCORSO FORMATIVO - di Lucia Micheletto - pubblicato su Scuola Snals n. 81 del 12.04.02 DI RECENTE si è tenuto a Milano uno dei primi seminari

Dettagli

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa...

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Hai riscontrato che accendere un mutuo oggi è piuttosto complicato e non sempre conveniente? Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Immagina di poter: entrare subito nella

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ I RISULTATI DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA CASA.IT IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI Luglio 2013 La crisi ha tolto

Dettagli

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti?

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti? 1 Alloggio Lo straniero per soggiornare in Italia necessita della garanzia di un alloggio. L alloggio può essere ottenuto grazie all ospitalità di qualcuno oppure affittando o acquistando una casa. In

Dettagli

Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni. Considerazioni

Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni. Considerazioni Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni Considerazioni Il Mercato della Casa in Italia tra proprietari di casa e famiglie in affitto In Italia la percentuale di proprietari di case è molto

Dettagli

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 Il giorno 26 maggio 2015 alle ore 18.30, presso la Sede del Comune di Cavriago, si riunisce il Forum scuola,con il seguente ordine del giorno 1) aggiornamento

Dettagli

LA PROPRIETÀ DELL ABITAZIONE IN EPOCHE DI CRESCITA ECONOMICA, SPAGNA 2004-2007. ANALISI SOCIO-DEMOGRAFICA E TERRITORIALE (abstract)

LA PROPRIETÀ DELL ABITAZIONE IN EPOCHE DI CRESCITA ECONOMICA, SPAGNA 2004-2007. ANALISI SOCIO-DEMOGRAFICA E TERRITORIALE (abstract) LA PROPRIETÀ DELL ABITAZIONE IN EPOCHE DI CRESCITA ECONOMICA, SPAGNA 2004-2007. ANALISI SOCIO-DEMOGRAFICA E TERRITORIALE (abstract) Autori: Dott. Julián López Colás Dott. Juan Antonio Módenes Marcela García

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 036 Registro Deliberazioni Oggetto: erogazione micro credito a persone in condizione di disagio L ANNO DUEMILADODICI addì VENTITRE del

Dettagli

RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Lunedì, 26 gennaio 2015

RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Lunedì, 26 gennaio 2015 RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Lunedì, 26 gennaio 2015 26/01/2015 L'Adige Pagina 12 Bruno occupato, conto da 467 mila euro 1 25/01/2015 ladige.it Il Centro Sociale Bruno deve pagare l' occupazione La

Dettagli

LE RISORSE ECONOMICHE PER RIQUALIFICARE TROVIAMOLE CON NUOVI STRUMENTI FINANZIARI ANCE REGGIO EMILIA

LE RISORSE ECONOMICHE PER RIQUALIFICARE TROVIAMOLE CON NUOVI STRUMENTI FINANZIARI ANCE REGGIO EMILIA LE RISORSE ECONOMICHE PER RIQUALIFICARE TROVIAMOLE CON NUOVI STRUMENTI FINANZIARI ANCE REGGIO EMILIA Andrea Ceoletta Reggio Emilia, 18 giugno 2014 Lo stato del costruito 98% 2% 1980 Il 98% degli

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

DICHIARAZIONE REDDITI 2013

DICHIARAZIONE REDDITI 2013 UILTRASPORTI PILOTI DICHIARAZIONE REDDITI 2013 La UILT anche quest anno ha attivato il servizio CAF su tutto il territorio nazionale per la dichiarazione dei redditi anno 2013. Le lista delle sedi UILT

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

2) FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

2) FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE 2) FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE Alcuni aspetti della crisi economica, in particolare quelli che ricadono sulle famiglie e le persone, possono trovare terreno fertile nella mancanza di conoscenza su temi

Dettagli

MUTUO SOCIALE OLUZIONARIA. e tu e io e noi dobbiamo capire che DIRITTO ALLA CASA è una pericolosa bugia con cui ipnotizzano

MUTUO SOCIALE OLUZIONARIA. e tu e io e noi dobbiamo capire che DIRITTO ALLA CASA è una pericolosa bugia con cui ipnotizzano MUTUO SOCIALE UNA A MENZOGNA A : DIRITTO O ALLA A CASC ASA Hai mai pensato al significato delle parole: DIRITTO ALLA CASA? L'affermazione DIRITTO ALLA CASA prevede questo: tu hai diritto ad una casa, però

Dettagli

SFRATTI DA CASE PRIVATE

SFRATTI DA CASE PRIVATE Unione Inquilini SFRATTI DA CASE PRIVATE UN EMERGENZA CHE NON SI PUO CONTINUARE AD IGNORARE. SUBITO LA GRADUAZIONE DELLE ESECUZIONI E IL PASSAGGIO DA CASA A CASA PER LE FAMIGLIE SFRATTATE. Conferenza Stampa

Dettagli

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa...

Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Hai riscontrato che accendere un mutuo oggi è piuttosto complicato e non sempre conveniente? Scopri il Rent to Buy, il metodo più moderno per acquistare casa... Immagina di poter: entrare subito nella

Dettagli

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing,

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing, Casa e abitare come politica sociale. L esperienza di CasaAmica. Intervista a Giovanni Chiesa, fondatore e direttore di CasaAmica di Bergamo A cura di Marina Bettoni Sommario: Proponiamo l esperienza della

Dettagli

La casa nel percorso di autonomia delle nuove generazioni

La casa nel percorso di autonomia delle nuove generazioni La casa nel percorso di autonomia delle nuove generazioni Esiste un emergenza giovanile in Italia e nessuno se n è accorto. Il fatto che 2/3 dei trentenni vive ancora con i genitori non scatena un dibattito

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO

COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Istruzione e alle politiche giovanili COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO QUESTIONARIO PER GLI STUDENTI degli Istituti superiori

Dettagli

Guida all'acquisto della Casa

Guida all'acquisto della Casa Guida all'acquisto della Casa Un vademecum sui controlli, sui passi necessari e sulle precauzioni per evitare brutte sorprese. La prima regola è non lasciare nulla al caso: comprare casa, infatti, è un

Dettagli

Le case popolari: che cosa sono e come ottenerle.

Le case popolari: che cosa sono e come ottenerle. Unità 4 Le case popolari: che cosa sono e come ottenerle. In questa unità imparerai: ad orientarti nel settore delle case popolari le parole relative al settore delle case popolari le diverse funzioni

Dettagli

GIULIANO MARRUCCI FUORI CAMPO Mentre le alte sfere sono occupate a sognare la Milano che sarà, Cesare Moreschi fa i conti con la Milano che c è.

GIULIANO MARRUCCI FUORI CAMPO Mentre le alte sfere sono occupate a sognare la Milano che sarà, Cesare Moreschi fa i conti con la Milano che c è. DAR CASA Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO La buona notizia di oggi è ambientata a Milano ma potrebbe essere ambientata ovunque. Parliamo di case, per la maggior parte dei comuni mortali

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI NORME GENERALI Art.1 - Oggetto 1. Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte

Dettagli

Guida all acquisto. della casa

Guida all acquisto. della casa Guida all acquisto della casa 1 Guida all acquisto della casa La prima regola è non lasciare nulla al caso: comprare casa, infatti, è un bellissimo progetto, ma comporta anche svariate difficoltà. Non

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA Signore Consigliere e Signori Consiglieri, Mai, dal dopoguerra ad oggi, ci siamo trovati ad affrontare una crisi economica e sociale delle dimensioni e della durata pari a quella che stiamo vivendo. Negli

Dettagli

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO Siamo giovani rom, sinti e non rom, italiani e stranieri. Molti di noi vengono da una storia di disagio, soprusi ed esclusione, ma non ci siamo fermati e non ci fermeremo.

Dettagli

Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.)

Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.) Allegato A) Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.) Art. 1 Oggetto del Regolamento Le presenti disposizioni regolamentano le modalità di applicazione dell Imposta Municipale

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA

AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA RICERCA SULL EMERGENZA ABITATIVA A TORINO TORINO, 10 MARZO 2011 1 Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia Confronto degli oneri contributivi e fiscali e delle prestazioni sociali in Austria ed Italia di K. Schönach, G. Innerhofer, G. Auer SINTESI (a cura di Klaus Schönach e Andrea Zeppa) Bolzano / Innsbruck,

Dettagli

DOCUMENTI NECESSARI PER DETERMINARE IL TUO REDDITO 2014

DOCUMENTI NECESSARI PER DETERMINARE IL TUO REDDITO 2014 DOCUMENTI NECESSARI PER DETERMINARE IL TUO REDDITO 2014 DOCUMENTI Dichiarazione dei redditi modello 730 o Unico presentati nel 2014 per i redditi 2013 Pagamenti IMU 2014 Codice fiscale del dichiarante,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME URGENTI A SOSTEGNO DELLE VITTIME DEI FALLIMENTI IMMOBILIARI E MISURE DI PREVENZIONE

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME URGENTI A SOSTEGNO DELLE VITTIME DEI FALLIMENTI IMMOBILIARI E MISURE DI PREVENZIONE PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME URGENTI A SOSTEGNO DELLE VITTIME DEI FALLIMENTI IMMOBILIARI E MISURE DI PREVENZIONE Consigliere Enrico Fontana RELAZIONE Sono numerose (si stima 200.000) le famiglie che

Dettagli

MODULO B SOSTEGNO DI PROGETTI INNOVATIVI RIVOLTI A NUCLEI FAMILIARI, FAMIGLIE A RISCHIO DI FRAGILITÀ E FAMIGLIE GRAVATE DA RESPONSABILITÀ DI CURA

MODULO B SOSTEGNO DI PROGETTI INNOVATIVI RIVOLTI A NUCLEI FAMILIARI, FAMIGLIE A RISCHIO DI FRAGILITÀ E FAMIGLIE GRAVATE DA RESPONSABILITÀ DI CURA MODULO B SOSTEGNO DI PROGETTI INNOVATIVI RIVOLTI A NUCLEI FAMILIARI, FAMIGLIE A RISCHIO DI FRAGILITÀ E FAMIGLIE GRAVATE DA RESPONSABILITÀ DI CURA MODULO DI DESCRIZIONE DEL PROGETTO 1. ALLEGATO TECNICO

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

Le nuove tendenze dell abitare a Milano

Le nuove tendenze dell abitare a Milano martedì, 6 maggio 2014 Le nuove tendenze dell abitare a Milano Osservatorio Housing Evolution Mario Abis Campione e iodo di rilevamento L IMPIANTO METODOLOGICO CAMPIONE 1.000 casi età 2565 anni rappresentativi

Dettagli

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE Ascolto, attenzione, accompagnamento verso il bisogno primario della casa. Questo è l impegno costante che Regione Lombardia garantisce alle giovani

Dettagli

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Opportunità socioeconomica per rilanciare il settore edile, il mercato immobiliare e quello degli

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI SISTEMI EDILIZI E TERRITORIALI

POLITECNICO DI TORINO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI SISTEMI EDILIZI E TERRITORIALI POLITECNICO DI TORINO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI SISTEMI EDILIZI E TERRITORIALI OSSERVATORIO REGIONALE SULLA CONDIZIONE ABITATIVA Analisi delle domande presentate ai sensi dell art.11 L. 431/98 prof.

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006 ALLEGATO A COMUNE DI LUGO (Provincia di Ravenna) Servizio Assistenza e Politiche Sociali REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006 Giugno 2006 COMUNE

Dettagli

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Nota per la compilazione del piano economico-finanziario (PEF) Sommario Premessa... Elementi generali... 3

Dettagli

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop ed il SOCIAL HOUSING Buongiorno a tutti, oggi abbiamo ascoltato molte cose interessanti; abbiamo

Dettagli

FOGLIO DOCUMENTI E NOTE CORRELATE

FOGLIO DOCUMENTI E NOTE CORRELATE FOGLIO DOCUMENTI E NOTE CORRELATE QUADRO C Modello di Certificazione Unica (ex CUD) Assegni periodici percepiti dal coniuge separato nel caso di sentenza di separazione (esclusi quelli destinati al mantenimento

Dettagli

Sistema Edificio Edifici a Sistema

Sistema Edificio Edifici a Sistema Sistema Edificio Edifici a Sistema ROMA, 30 settembre 2014 Andrea Ceoletta Andrea Ceoletta Relazioni Esterne Harley&Dikkinson LE RISORSE ECONOMICHE per Riqualificare TROVIAMOLE con nuovi Strumenti Finanziari

Dettagli

ALLA FINE DEL MESE Storie di persone, difficoltà e vie d uscita. www.ambulatorioantiusura.it

ALLA FINE DEL MESE Storie di persone, difficoltà e vie d uscita. www.ambulatorioantiusura.it ALLA FINE DEL MESE Storie di persone, difficoltà e vie d uscita www.ambulatorioantiusura.it Perché leggere questo opuscolo? Tre storie diverse, lo stesso problema Negli ultimi anni la fascia di soggetti

Dettagli

Servizi innovativi per il settore immobiliare

Servizi innovativi per il settore immobiliare Servizi innovativi per il settore immobiliare www.re-format.net 2 perchè SOLUZIONI E SERVIZI INNOVATIVI PER APPARTAMENTI A REDDITO, IN VENDITA, O IN LOCAZIONE CON RISCATTO. Re-Format intende cogliere in

Dettagli

CDPI Sgr Cassa Depositi e Prestiti Sp ACRI

CDPI Sgr Cassa Depositi e Prestiti Sp ACRI Social Housing Il Social Housing nasce dall esigenza di risolvere il disagio abitativo delle famiglie a reddito medio e medio basso che, pur non rientrando nei piani di edilizia popolare, non riescono

Dettagli

Designers' Inquiry - italiano INFORMAZIONI PERSONALI. 1. Sesso 1. M 2. F. 2. Età. 3. Nazionalità 1. Italiana 2. Altro

Designers' Inquiry - italiano INFORMAZIONI PERSONALI. 1. Sesso 1. M 2. F. 2. Età. 3. Nazionalità 1. Italiana 2. Altro INFORMAZIONI PERSONALI 1. Sesso 1. M 2. F 2. Età 3. Nazionalità 1. Italiana 2. Altro 4. Qual è il tuo titolo di studio? 1. Nessun titolo di studio 2. Licenza media inferiore 3. Qualifica professional 4.

Dettagli

ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA

ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA Convegno ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA Genova 5 Marzo 2013 Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi INDICE DEGLI ARGOMENTI Introduzione al problema della casa pagina 3 Dati edilizia

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA VIII Al presidente dell Assemblea Legislativa Progetto di legge di iniziativa del Consigliere Leonardo Masella avente ad oggetto: "Norme dirette a favorire l inserimento

Dettagli

Prima di addentrarci nelle cifre, vogliamo, però, fare anche alcune considerazioni per comprendere meglio questa serie di numeri.

Prima di addentrarci nelle cifre, vogliamo, però, fare anche alcune considerazioni per comprendere meglio questa serie di numeri. Contemporaneamente con i lavori sono iniziati anche i pagamenti dei vari stralci di lavoro, che al 31 maggio ammontano a 396.860,36 Euro. Ci sostiene soprattutto in questo periodo la continua solidarietà

Dettagli

Le nuove tendenze dell abitare

Le nuove tendenze dell abitare mercoledì, 18 giugno 2014 Le nuove tendenze dell abitare O s s e r v a t o r i o H o u s i n g E v o l u t i o n Mario Abis URBAN CENTER, MONZA Campione e iodo di rilevamento L IMPIANTO METODOLOGICO CAMPIONE

Dettagli

UNA NUOVA FISCALITÀ' PER LA GESTIONE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE

UNA NUOVA FISCALITÀ' PER LA GESTIONE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE Loris Zaffra, Presidente ALER Milano UNA NUOVA FISCALITÀ' PER LA GESTIONE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE Proposta in materia di defiscalizzazione dell housing sociale. Premessa La scarsa quantità di

Dettagli

A) DOVE E COME PRESENTARE DOMANDA

A) DOVE E COME PRESENTARE DOMANDA A) DOVE E COME PRESENTARE DOMANDA 1. Quesito: Dove è possibile presentare la Risposta: Presso i CAAF convenzionati con la Regione Lombardia indicati nella D.G.R. n. VIII/5294 del 2 agosto 2007 pubblicata

Dettagli

PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO!

PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA REPORT INCONTRO DEL 21/11/2012 COORDINAMENTO del Laboratorio: Micaela Deriu, Cinzia

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Gabetti non propone soluzioni Le trova!

Gabetti non propone soluzioni Le trova! Pieve Emanuele (Mi) Gabetti non propone soluzioni Le trova! Le famiglie più giovani in questo momento di mercato sono quelle più vulnerabili sotto il profilo abitativo, pagano alti canoni d affitto oppure

Dettagli

COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali

COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali Progetto Lo.ca.re. : Locazione a canone responsabile, concordato e garantito PREMESSA. Il Comune di Saronno è stato da tempo classificato tra quelli ad Alta tensione abitativa

Dettagli

PARTE PRIMA : CRONOLOGIA DEL VIAGGIO

PARTE PRIMA : CRONOLOGIA DEL VIAGGIO PARTE PRIMA : CRONOLOGIA DEL VIAGGIO GIOVEDI 3 giugno 2004 Giovedì La città di Milano Castello Sforzesco Casa Moskova Piazza Borsa Piazza Duomo Università Statale Torre Velasca VENERDI 4 giugno 2004 La

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Fattori economici. 1 Costi di manutenzione. Costi di Manutenzione

Fattori economici. 1 Costi di manutenzione. Costi di Manutenzione Fattori economici 1 Costi di manutenzione Totale Life Cycle Cost (costo globale) 611 Manutenzione 296 Gestione operativa (costi di esercizio) 215 Costruzione 100 0 100 200 300 400 500 600 700 Costi di

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

DESCRIZIONE DELL IMMOBILE

DESCRIZIONE DELL IMMOBILE dott. ing. arch. Alberto M. Lunghini, FRICS, AICI, FIABCI Reddy s Group SRL Case Study - 1 Valutazione di un Centro Commerciale composto da Ipermercato e Galleria Commerciale Camera di Commercio DESCRIZIONE

Dettagli

S E R V I Z I O B I L A N C I O. Programma dei criteri per la concessione di mutui fondiari agli iscritti della Fondazione SETTEMBRE 2014

S E R V I Z I O B I L A N C I O. Programma dei criteri per la concessione di mutui fondiari agli iscritti della Fondazione SETTEMBRE 2014 S E R V I Z I O B I L A N C I O Programma dei criteri per la concessione di mutui fondiari agli iscritti della Fondazione SETTEMBRE 2014 Sommario Art. 1 - Norme generali... 3 Art. 2 - Garanzia ipotecaria...

Dettagli

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia POLITECNICO DI TORINO SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia 17 maggio 2007 Franco Prizzon Luisa Ingaramo Marco Bagnasacco SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei

Dettagli

Asse di intervento A. Recupero degli edifici rurali

Asse di intervento A. Recupero degli edifici rurali Progetto 3P Tavolo Paesaggio dell edilizia rurale Verbale dell incontro del 23 aprile 2008 Presenti: Nome Lino Balotti Ivan Bernardi Lorenzo Cervelli Alessia Chiappini Renato Marchesi Marcella Salvetti

Dettagli

Art. 41 (Immobili uso abitativo)

Art. 41 (Immobili uso abitativo) Articolo 41 (Incremento del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa) Per incrementare il patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Marchettini Marzo 2011 Contenuti del documento Il mercato

Dettagli

33100 Udine Via Cjavecis, 7 Tel. 0432 421084 Fax 0432 425196 e-mail info@roncoweb.it www.roncoweb.it

33100 Udine Via Cjavecis, 7 Tel. 0432 421084 Fax 0432 425196 e-mail info@roncoweb.it www.roncoweb.it Questo opuscolo, ha lo scopo di fornire informazioni sui contributi previsti dalla legge N 13/1989 (disposizioni per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche, negli edifici privati)

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

Approvato nella riunione della Presidenza della C.E.I. del 28 gennaio 2015. Art. 1 Destinazione dei contributi (cfr. Disposizioni, art.

Approvato nella riunione della Presidenza della C.E.I. del 28 gennaio 2015. Art. 1 Destinazione dei contributi (cfr. Disposizioni, art. Regolamento applicativo delle Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della Conferenza Episcopale Italiana per l edilizia di culto Approvato nella riunione della Presidenza della

Dettagli

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI Allegato alla Nota Informativa ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I:

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00 Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO Presenti gli Assessori comunali: MORENO BOLZONI ALBERTO GROSSI GUIDO

Dettagli