Voices from the Blogs

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Voices from the Blogs"

Transcript

1 Voices from the Blogs We capture the sentiment of the net Analisi dei dati testuali provenienti dalla Rete e relativi a quattro tematiche di interesse europeo. Periodo: Aprile 2014 (e confronto con Marzo 2014) 30 aprile 2014

2 EXECUTIVE SUMMARY Questa indagine utilizza i contenuti pubblicati in rete, con particolare attenzione ai social media, come fonte di informazione per studiare le opinioni, le preferenze, e le impressioni di chi ci scrive. I social media sono tradizionalmente trascurati dalle modalità più tradizionali di raccolta di informazioni, ma rappresentano ormai una modalità di comunicazione fondamentale (2 miliardi e mezzo di utenti internet nel mondo, oltre 1 miliardo di account Facebook, 550 milioni di profili Twitter). Non è un caso, quindi, che i social media vengano utilizzati sempre più consapevolmente come strumento per analizzare i fenomeni più diversi, dall economia, ai fenomeni sociali e politici. L oggetto di questa ricerca consiste nell analizzare le opinioni espresse in rete durante il mese di aprile 2014 rispetto all immagine che l Unione Europea ha tra i suoi cittadini. Le quattro tematiche di interesse europeo, già studiate per il mese di marzo, si connotano essere anche nel mese di aprile argomenti clou del dibattito attuale sull Unione Europea e sui quali l opinione pubblica si divide anche in vista delle prossime elezioni europee. Primo, le politiche di austerity concertate tra gli stati membri e le istituzioni europee, Commissione e Banca Centrale Europea, in primis. Secondo, le politiche per l occupazione e la crescita, che rimangono tra gli obiettivi prioritari della UE (la strategia Europa 2020), anche considerando l elevato tasso di disoccupazione giovanile negli stati membri. Terzo, la percezione sulla moneta unica e le tematiche legate all Unione Fiscale. Quarto, la necessità di costruire un'unione bancaria e la nuova regolamentazione finanziaria. Abbiamo in questo senso misurato il giudizio espresso in rete da parte di chi ha scritto commenti pubblicati in dodici paesi europei: Austria, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Polonia, Regno Unito, Romania, Spagna e Ungheria. Questo ci ha permesso di catturare le critiche (e gli apprezzamenti) rivolti alle istituzioni e alle politiche europee, nonché le aspettative legate alla prossime elezioni europee. Questo report è stato redatto analizzando in totale quasi 1,4 milioni di menzioni pubblicate in rete dal 1 aprile al 30 aprile 2014 sui canali social (Twitter, Facebook, Google+), così come su Forum, News e Blog, che discutevano espressamente in italiano, inglese, tedesco, francese, spagnolo, danese, polacco, croato, danese, ungherese, delle quattro tematiche sopra menzionate in relazione all Unione Europea. Tutti i commenti sono stati analizzati utilizzando la tecnologia isa sviluppata da Voices from the Blogs (VfB) presso l'università degli studi di Milano (si veda appendice tecnica). Complessivamente, la tematica maggiormente discussa è stata, anche in questo mese, quella relativa all Euro e all Unione Fiscale con quasi 500 mila menzioni, seguita dalla discussione sull Unione Bancaria e sulle politiche dell occupazione e della crescita. Più staccate le menzioni relative alle specifiche politiche per l austerity. Se guardiamo ai paesi, chi ha commentato maggiormente è stata la Germania (295 mila menzioni), seguita da Regno Unito (288 mila), Spagna (216 mila), Italia (182 mila) e Francia (166 mila). 1

3 Numero di menzioni che commentano le quattro tematiche diviso per paese (dal 1 al 30 aprile) Austerity Occupazione e Euro e Unione Unione Totale crescita Fiscale Bancaria per paese Austria Croazia Danimarca Francia Germania Irlanda Italia Polonia Regno Unito Romania Spagna Ungheria TOTALE Variazioni di menzioni che commentano le quattro tematiche diviso per paese tra marzo e aprile 2014 Austerity Occupazione e crescita Euro e Unione Fiscale Unione Bancaria Totale per paese Austria 68,8% 346,8% 58,4% 44,7% 54,2% Croazia 47,0% 21,6% 684,4% 367,1% 143,6% Danimarca 70,3% 162,5% 15,1% 84,4% 25,6% Francia 37,2% 12,2% 75,3% 10,4% 23,7% Germania 33,5% 15,9% 8,2% 29,9% 18,5% Irlanda 84,3% 43,6% 29,6% 36,9% 41,0% Italia 3,3% 24,7% 29,5% 13,2% 22,3% Polonia 17,1% 960,4% 35,0% 139,5% 94,7% Regno Unito 94,6% 24,3% 38,5% 31,9% 38,6% Romania 77,5% 108,7% 36,7% 111,9% 32,4% Spagna 28,0% 2,3% 110,3% 40,6% 41,9% Ungheria 45,9% 35,0% 210,1% 301,2% 86,8% Media totale 11,3% 8,9% 7,5% 26,6% 13,3% 2

4 Rispetto al mese di marzo, e con l approssimarsi della data delle elezioni europee, si assiste ad un generale aumento nel numero di commenti pubblicati in Rete che discutono delle quattro tematiche: +13,3%. Aumentano in particolare i commenti che riguardano l Unione Bancaria e il nuovo controllo finanziario a livello europeo (+26,6%). Tra i singoli paesi, rispetto a marzo la crescita percentuale più elevata si riscontra tra i paesi non dell Area Euro (+43,3%), che includono, con l eccezione della Danimarca e della Gran Bretagna, tutti paesi che sono entrati solo di recente nell Unione Europea, rispetto a quelli dell area Euro (+2,4%). 3

5 I principali risultati che saranno discussi nelle pagine successive possono essere riassunti come segue. Se ci focalizziamo sugli atteggiamenti valoriali e sulle posizioni verso le quattro tematiche, complessivamente aumenta la percentuale di commenti positivi (al netto dei commenti neutri) per tutte e quattro le tematiche. In particolare, per il tema dell Unione Bancaria il sentiment positivo supera la maggioranza (52,6%), mentre si avvicina al 50% anche il sentiment positivo per i temi sull occupazione. Si conferma poi anche nel mese di aprile una sostanziale variabilità per regione geografica: i paesi storici della UE, con l eccezione della Germania, si posizionano maggiormente sul versante negativo, mentre i paesi recentemente entrati nella UE si mostrano generalmente più positivi. Lo stesso si può osservare contrastando i paesi che adottano l Euro e i paesi al di fuori dell Eurozona. Come si avrà modo di vedere, le ragioni dietro ai commenti positivi (e negativi) verso ciascuna tematica variano nel loro insieme, e da paese a paese, segno della grande variabilità di opinioni tra le varie parti dell Europa, ma anche, e al tempo stesso, della difficoltà che si ha da parte dell UE nel dare una risposta costruttiva a tali variegate istanze. 4

6 5

7 Media complessiva commenti positivi marzo aprile media marzo e aprile Austria 38,5% 38,8% 38,7% Croazia 38,1% 44,3% 41,2% Danimarca 46,5% 38,3% 42,4% Francia 25,8% 38,9% 32,3% Germania 45,9% 49,7% 47,8% Irlanda 42,3% 45,4% 43,8% Italia 31,7% 34,7% 33,2% Polonia 49,2% 52,8% 51,0% Regno Unito 31,3% 36,1% 33,7% Romania 46,4% 53,7% 50,1% Spagna 42,0% 43,1% 42,5% Ungheria 42,4% 42,2% 42,3% Media TOTALE 35,4% 41,9% 38,6% A conferma del sentiment maggiormente positivo tra i paesi non aderenti all euro, se misuriamo la media dei commenti positivi sulle quattro tematiche qui analizzate, tra marzo e aprile, il paese che mostra un sentiment maggiormente positivo verso l Unione Europea è la Polonia (51,0%), seguita dalla Romania (50,1%9, gli unici due paesi con un valore superiore al 50%. Seguono la Germania e l Irlanda. In fondo alla classifica, Regno Unito, Francia e Italia. Ancora una volta, emerge dunque una differenza tra i paesi recentemente entrati nell UE e i membri storici. 6

8 TEMA 1: LE POLITICHE DI AUSTERITY Sentiment verso le politiche di austerity Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Marzo Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Aprile Differenza tra Marzo e Aprile Austria 30,0% 38,0% +8,0% Croazia 29,0% 25,0% 4,0% Danimarca 38,7% 27,4% 11,0% Francia 17,3% 13,1% 4,2% Germania 47,4% 54,6% +7,2% Irlanda 29,8% 29,8% = Italia 14,2% 18,9% +4,7% Polonia 40,5% 30,6% 9,9% Regno Unito 18,8% 21,2% +2,4% Romania 39,0% 47,4% +8,4% Spagna 37,6% 24,7% 12,9% Ungheria 36,0% 29,7% 6,3% Media TOTALE 28,7% 30,0% +1,3% 7

9 Commento: Anche in questo mese, i commenti rivolti al tema dell austerity, quando espressamente legato all Unione Europea, esprimono giudizi piuttosto negativi, seppur con una lieve crescita dei commenti positivi sul totale (+1,3% rispetto il mese di marzo). La Germania conferma, anzi rafforza (+7,2% rispetto a marzo), in termini relativi, il suo plauso alle politiche di austerità decise dalle istituzioni europee, tanto che è l unico paese ad esprimente un sentiment positivo superiore al 50% (54,6%). A seguire, due paesi entrati in Unione Europa recentemente e con una politica economica fortemente legata alla Germania: Romania (47,4%, +8,4% rispetto a marzo) e Austria (38,0%, +8% rispetto a marzo). Fanalino di coda si confermano, seppur a posizioni invertite rispetto al mese scorso, Italia (18,9%, +4,7% rispetto a marzo) e Francia (13,1%, 4,2% rispetto a marzo), dove solo poco più di 1 commento su 10 dà un giudizio positivo sul tema. 8

10 Principali ragioni del sentiment negativo verso le politiche di austerity Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Media Spagna Unito Totale "Ripercussioni economiche" 16,4% 8,6% 18,0% 30,0% 16,0% 33,4% 17,0% 19,9% di cui: Disoccupazione 16,4% 8,6% 18,0% 12,6% 11,9% 14,5% 17,0% 12,9% Povertà e recessione 0,0% 0,0% 0,0% 8,4% 4,1% 11,4% 0,0% 4,6% Sacrificio 0,0% 0,0% 0,0% 9,0% 0,0% 7,5% 0,0% 2,4% Leadership tedesca 11,2% 26,7% 15,4% 15,3% 9,9% 6,9% 0,0% 12,2% "Imposizione europea" 61,4% 26,1% 52,0% 5,9% 17,5% 19,9% 48,1% 33,0% di cui: Troika 30,4% 0,0% 21,5% 0,0% 0,0% 12,1% 22,2% 12,3% Usurai 31,0% 26,1% 30,5% 5,9% 17,5% 7,8% 25,9% 20,7% "Situazione nazionale" 7,1% 37,5% 11,7% 47,4% 55,3% 38,6% 32,2% 32,8% di cui: Estremismi 0,0% 0,0% 0,0% 3,8% 14,6% 3,5% 0,0% 3,1% Scioperi 1,3% 13,0% 0,6% 23,5% 23,1% 14,1% 8,5% 12,0% Incapacità leader 5,8% 24,5% 11,1% 20,1% 17,6% 21,0% 23,7% 17,7% Altro 3,9% 1,1% 2,9% 1,4% 1,3% 1,2% 2,7% 2,1% 9

11 Principali ragioni del sentiment negativo verso le politiche di austerity, marzo e aprile a confronto Media Totale Marzo Media Totale Aprile Differenza tra Marzo e Aprile "Ripercussioni economiche" 36,6% 19,9% 16,7% di cui: Disoccupazione 16,3% 12,9% 3,4% Povertà e recessione 15,1% 4,6% 10,5% Sacrificio 5,2% 2,4% 2,8% Leadership tedesca 9,8% 12,2% +2,4% "Imposizione europea" 25,5% 33,0% +7,5% di cui: Troika 10,4% 12,3% +1,9% Usurai 15,1% 20,7% +5,6% "Situazione nazionale" 21,6% 32,8% +11,2% di cui: Estremismi 1,3% 3,1% +1,8% Scioperi 7,8% 12,0% +4,2% Incapacità leader 12,5% 17,7% +5,2% Altro 6,5% 2,1% 4,4% 10

12 Commento: anche nel mese di aprile le ragioni di un sentiment critico verso l austerity variano a seconda del paese analizzato e delle sue specificità. In generale, con l avvicinarsi della data delle elezioni, crescono le critiche che sottolineano la natura politica di tali politiche, rispetto alle sue conseguenze economiche. La maggioranza relativa dei commenti critica infatti questo mese l ingerenza delle istituzioni europee nel far fronte all attuale crisi economica e finanziaria, con un chiaro aumento (+7,5%) rispetto il mese scorso. Si riscontrano però due gruppi ben distinti di paesi. Quasi due terzi dei commenti negativi che provengono da Austria, e poco più del 50% dalla Spagna e Germania, esprimono infatti un giudizio nettamente critico nei confronti dell Unione Europea proprio per questa tematica, al contrario di quello che avviene in Francia, Italia, Regno Unito (rispettivamente 26,1%, 17,5% e 19,9%). Nello specifico, la troika è, anche in questo mese, preso di mira da circa un terzo dei commenti provenienti da Austria, e da poco più di un quinto dei commenti provenienti da Germania e Spagna (rispettivamente il 30,4%, 21,5% e il 22,2%), perché considerato l attore responsabile delle politiche di austerity e delle sue conseguenze negative. Coloro che commentano in Rete residenti in Austria (31,0%), Germania (30,5%), Francia (26,1%) e Spagna (25,9%) condannano, ancora una volta, le istituzioni comunitarie che, con le loro politiche da usurai, si sono approfittate della crisi e hanno messo in ginocchio l intera economia europea. L avvicinarsi delle elezioni europee accende le critiche verso le specifiche situazioni nazionali, considerate da chi commenta in Rete quale una delle ragioni di un sentiment negativo verso le politiche di austerità (+11,2% rispetto al mese scorso). Il 24,5% di coloro che commentano dalla Francia, per esempio, giudica negativamente tali politiche a causa dell attuale contesto politico, nonostante venga premiato il cambio di passo all indomani delle elezioni amministrative di fine marzo. Anche i commenti provenienti da tutti gli altri paesi, con particolare accento in Irlanda, Italia, Regno Unito e Spagna, insistono fortemente sulla debolezza contrattuale e la mancanza di coraggio dei propri leader (rispettivamente 20,1%, 17,6%, 21,0% e 23,7%). Non solo in Francia (13,0%), ma anche tra coloro che commentano in Irlanda (23,5%), Italia (23,1%) e Regno Unito (14,1%) si è diffusa nel mese di aprile una aperta opposizione alle politiche di austerity a causa delle manifestazioni e degli scioperi che continuamente stanno provocando. Per coloro che commentano da Francia in primis e a seguire da Austria, Germania, Irlanda e Italia, le responsabilità di politiche di austerity sono da ricercare anche nella leadership della Germania e della Cancelliera Merkel (+2,4% rispetto al mese di marzo). Più di un quarto dei commenti francesi (26,7%), infatti, considera l azione del governo tedesco come dispotico e prepotente per l indirizzo delle politiche di austerity, mentre quasi un sesto dei commenti provenienti da Austria e Germania critica la decisione della corte costituzionale tedesca del 18 marzo scorso in quanto sostengono che il fondo salvastati pregiudicherebbe il diritto costituzionale di sovranità di bilancio del Bundestag. Infine, diminuiscono, rispetto a marzo (16,7%), i commenti che esprimono malcontento a causa delle ripercussioni economiche, soprattutto in Italia (31,2%), Regno Unito (31,5%) e Irlanda (29,3%). In particolare, le 11

13 pesanti ricadute in termini occupazionali sono ancora motivo di critica verso le politiche di austerity, seppur un cauto ottimismo sembra diffondersi in Francia (9%) e Italia (8%). Al contrario, poco più di un sesto dei commenti provenienti da Austria (16,4%), Germania (18%) e Spagna (17%) sente ancora il peso della disoccupazione. I commenti provenienti dai due paesi anglofoni, Irlanda e Regno Unito, insistono, con accetti più pacati rispetto al mese scorso, sulla situazione di disagio e sacrificio che deve affrontare la popolazione (rispettivamente 23,9% e 19,4%) e anche sulla diffusa condizione di povertà (rispettivamente 8,4% e 11,4%). Principali ragioni del sentiment positivo verso le politiche di austerity Regno Media Austria Francia Germania Irlanda Italia Spagna Unito totale Nuova politica fiscale 31,9% 43,0% 40,8% 38,7% 79,2% 35,9% 78,4% 49,7% Maggiore competitività 15,0% 0,0% 10,8% 8,2% 0,0% 11,2% 18,7% 9,1% Rigore contro la crisi 52,3% 54,5% 47,4% 50,6% 15,8% 51,3% 0,0% 38,8% Altro 0,8% 2,5% 1,0% 2,4% 5,0% 1,6% 2,9% 2,3% 12

14 Principali ragioni del sentiment positivo verso le politiche di austerity, marzo e aprile a confronto Media totale Marzo Media Totale Aprile Differenza tra marzo e aprile Nuova politica fiscale 56,8% 49,7% 7,1% Maggiore competitività 11,0% 9,1% 1,9% Rigore contro la crisi 29,4% 38,8% +9,4% Altro 2,8% 2,3% 0,5% 13

15 Commento: Nel mese di aprile, la ragione principale per chi premia le politiche di austerity risiede nel cambiamento virtuoso nel modo di fare politica fiscale, seppur con un lieve calo rispetto al mese scorso (7,1%). Questo è vero soprattutto in Italia e Spagna, con il 79,2% e il 78,4%, rispettivamente, dei commenti in Rete, ma anche in Francia, Germania, Irlanda, Regno Unito e Austria. Oltre la metà dei commenti in Austria, Francia, Regno Unito e Irlanda riconoscono alle politiche di rigore il merito di arginare la crisi finanziaria. E soprattutto per merito di questi quattro paesi che tale ragione risulta essere premiata da quasi il 40% dei commenti in Rete (+9,4% rispetto al mese di marzo). Infine, non manca chi sottolinea la maggiore competitività (seppur con un leggero calo rispetto a marzo, 1,9%) che tali politiche possono portare per alcuni paesi, soprattutto in tema di commercio estero. 14

16 TEMA 2: L OCCUPAZIONE E LA CRESCITA Sentiment verso la crescita e l occupazione dell Unione Europea Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) mese di marzo Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) mese di aprile Differenza tra marzo e aprile Austria 61,5% 55,9% 5,6% Croazia 50,0% 47,3% 2,7% Danimarca 55,6% 50,0% 5,6% Francia 29,2% 43,6% +14,4% Germania 58,0% 60,3% +2,3% Irlanda 45,0% 54,1% +9,1% Italia 31,3% 31,3% = Polonia 71,6% 70,7% 0,9% Regno Unito 22,2% 34,7% +12,5% Romania 54,7% 52,2% 2,5% Spagna 38,2% 51,5% +13,3% Ungheria 50,7% 42,9% 7,8% Media TOTALE 35,3% 45,2% +9,9% 15

17 Commento: Rispetto al tema delle politiche di austerity e anche rispetto al mese scorso, la percentuale dei commenti positivi relativi alle politiche per l occupazione e la crescita promosse dalle istituzioni europee cresce considerevolmente in termini relativi, raggiungendo quasi la maggioranza. Polonia, Germania e Austria, ma anche Irlanda, Romania e Spagna confermano il proprio apprezzamento verso quello che stanno attuando Commissione Europea, Consiglio dei Ministri e Parlamento Europeo, per risollevare la situazione occupazionale. Con l eccezione dell Italia, che rimane stabile, anche i paesi più critici dimostrano in aprile di apprezzare tali politiche, tra cui: Francia (43,6%). 16

18 Principali ragioni del sentiment negativo verso le politiche per l occupazione e la crescita Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Media Spagna Unito totale Insufficienti 31,8% 35,1% 53,7% 3,1% 10,9% 4,4% 68,1% 29,6% Maggiori diseguaglianze 45,9% 27,5% 17,7% 49,0% 20,8% 56,6% 2,4% 31,4% Incapacità leadership europea 21,3% 34,9% 26,9% 38,4% 50,3% 27,2% 27,8% 32,4% Emigrazione 9,3% 13,9% 10,6% 4,8% Altro 1,0% 2,5% 1,7% 0,2% 4,1% 1,2% 1,7% 1,8% 17

19 Principali ragioni del sentiment negativo verso le politiche per l occupazione e la crescita, marzo e aprile a confronto Media Totale Differenza tra Media Totale Aprile Marzo Marzo e Aprile Insufficienti 23,4% 29,6% +6,2% Maggiori diseguaglianze 28,3% 31,4% +3,1% Incapacità leadership europea 36,4% 32,4% 4,0% Emigrazione 8,7% 4,8% 3,9% Altro 3,2% 1,8% 1,4% 18

20 Commento: In rete coloro che commentano le politiche per l occupazione e la crescita adducono, anche in questo mese di aprile, tre macrogiustificazioni alle critiche rivolte verso l Unione Europea. In primo luogo, tali politiche non soddisfano ancora chi commenta in rete e, anzi, rimarcano la loro scarsa incisività nel far fronte alla disoccupazione, anche a distanza di quasi un decennio dall inizio della crisi. Gli spagnoli si dimostrano i più critici proprio in merito a questo aspetto (68,1%), ma anche i tedeschi (53,7%), i francesi (35,1%) e gli austriaci (31,8%) esprimono il proprio disappunto. In secondo luogo, circa la metà dei commenti provenienti da Austria (45,9%), Irlanda (49%) e Regno Unito (56,6%), più di un quarto dei commenti dalla Francia (27,5%) e un quinto dei commenti dall Italia (20,8%) sottolineano che i programmi per la ripresa economica abbiano ignorato le crescenti diseguaglianze. Infine, seppur con un leggero calo rispetto al mese di marzo (4%), la metà dei commenti provenienti dall Italia (50,3%) e un ampia percentuale in tutti gli altri paesi, lamenta l incapacità dei leader europei e nazionali, nell arginare lo strapotere della Germania. Si riducono, forse grazie ad un velato ottimismo, i commenti di coloro, in Irlanda, Italia e Regno Unito, che paventano il rischio di un ondata migratoria, soprattutto dei più giovani e con un elevato titolo di studio, a fronte della perdurante crisi, anche occupazionale. Principali ragioni del sentiment positivo verso le politiche per l occupazione e la crescita Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Media Spagna Unito totale Programmi 60,4% 53,7% 64,8% 48,5% 44,8% 41,7% 47,7% 51,7% Circolazione 35,2% 35,3% 33,7% 14,8% 11,9% 25,8% 14,9% 24,5% Sovranazionale 3,3% 8,8% 1,0% 28,8% 35,3% 27,8% 36,4% 20,2% Altro 1,1% 2,2% 0,5% 7,9% 8,0% 4,7% 1,0% 3,6% 19

21 Principali ragioni del sentiment positivo verso le politiche per l occupazione e la crescita, marzo e aprile a confronto Media totale Marzo Media totale Aprile Differenza tra Marzo e Aprile Programmi 45,7% 51,7% +6,0% Circolazione 26,5% 24,5% 2,0% Sovranazionale 22,3% 20,2% 2,1% Altro 5,5% 3,6% 1,9% 20

22 Commento: Per coloro che, commentando in Rete, apprezzano le politiche occupazionali dell Unione Europea, la principale ragione a giustificazione di tale posizione è riconducibile agli strumenti di politica regionale, quali i fondi strutturali e di coesione sociale, e ai programmi per l occupazione giovanile, come il Youth Guarantee. Anche nel mese di aprile, infatti, quest ultimo sistema di garanzia per i giovani è particolarmente apprezzato in Rete. Per contro, il principio fondamentale dell UE per la libera circolazione dei lavoratori è ampiamente premiato da coloro che commentano in Rete, soprattutto dai francesi, dagli austriaci, dai tedeschi e britannici. Infine, il coordinamento a livello sovranazionale è considerato una risposta efficace sia per incentivare la crescita occupazionale sia per agevolare programmi di mobilità transeuropeo. 21

23 TEMA 3: L EURO E L UNIONE FISCALE Sentiment verso l Euro e l Unione Fiscale Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Marzo Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Aprile Differenza tra Marzo e Aprile Austria 18,5% 20,8% +2,3% Croazia 45,3% 45,4% +0,1% Danimarca 39,2% 33,8% 5,4% Francia 16,3% 36,7% +20,4% Germania 44,0% 45,1% +1,1% Irlanda 40,0% 45,7% +5,7% Italia 28,3% 27,2% 1,1% Polonia 27,8% 47,7% +19,9% Regno Unito 31,0% 33,0% +2% Romania 33,3% 55,4% +22,1% Spagna 32,2% 38,5% +6,3% Ungheria 29,0% 42,6% +13,6% Media TOTALE 31,3% 39,9% +8,6% 22

24 Commento: Nel mese di aprile, i commenti positivi legati al tema dell Euro e dell Unione Fiscale aumentano considerevolmente in tutta Europa (+10,8% rispetto al mese scorso). La Romania risulta essere il paese più entusiasta della moneta unica (55,4%), nonostante tuttora non aderisca ad Eurolandia. Inoltre, anche durante il mese di aprile si registra che i paesi in cui si verificano maggiori commenti favorevoli all euro e all Unione Fiscale, con la rimarchevole eccezione della Germania e dell Irlanda, non aderiscono all Eurozona (Polonia, Croazia). Al contrario, nei paesi che hanno adottato l euro fin dal 1999, i commenti sono piuttosto critici: Austria (20,8%) e Italia (27,2%). 23

25 Principali ragioni del sentiment negativo verso l Euro e l Unione Fiscale Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Spagna Media Unito totale Non credibilità 27,0% 10,0% 23,4% 45,9% 26,9% 31,3% 8,2% 24,7% Incompetenza BCE 17,2% 2,0% 14,3% 9,4% 10,2% 13,6% 17,2% 12,0% Superare Maastricht 4,5% 3,1% 30,9% 20,1% 13,3% 10,3% Ridigità 19,4% 74,3% 23,2% 14,2% 12,2% 21,2% 15,0% 25,6% Danneggia i paesi più deboli 35,1% 11,6% 31,1% 17,4% 17,9% 12,9% 35,4% 23,1% Altro 1,3% 2,1% 3,5% 10,0% 1,9% 0,9% 10,9% 4,4% 24

26 Principali ragioni del sentiment negativo verso l Euro e l Unione Fiscale, marzo e aprile a confronto Media Totale Differenza tra Media Totale Aprile Marzo Marzo e Aprile Non credibilità 29,1% 24,6% 4,4% Incompetenza BCE 10,1% 11,9% +1,8% Superare Maastricht 16,7% 10,2% 6,4% Ridigità 21,0% 25,6% +4,6% Danneggia i paesi più deboli 20,0% 23,0% +3,0% Altro 3,1% 4,3% +1,2% 25

27 Commento: La moneta unica non è considerata ancora credibile dalla maggioranza relativa dei commenti negativi sull Euro e/o sull Unione Fiscale. Non solo gli isolazionisti britannici (31,3%), ma anche, a sorpresa, gli irlandesi (45,9%) non si fidano dell Euro. Anche i commenti provenienti Austria (27%), Italia (26,9%) e Germania (23,4%) si dimostrano molto critici su questo punto, paventando in non pochi commenti un ritorno alla precedente valuta nazionale. Chi commenta negativamente la moneta unica, inoltre, sottolinea l impossibilità da parte dei singoli Stati Membri di adottare politiche monetarie e fiscali più flessibili. Più di due terzi dei commenti francesi e circa un quinto dei commenti di chi risiede in Austria, Germania e Regno Unito esprime giudizi critici verso l impostazione rigida definita dai trattati europei, che ha danneggiato l economia europea e, soprattutto, i paesi più deboli dell Eurozona (una critica proveniente da più di un terzo dei commenti spagnoli). Seppur in misura minore rispetto al mese di marzo, molti commenti provenienti dall Italia (30,9%) mettono in discussione le basi dell Unione Fiscale, chiedendo un superamento dei criteri di Maastricht. Infine, anche nel mese di aprile, la debolezza dell euro, sia nei confronti di valute estere sia per la stabilità finanziaria di Eurolandia, viene ricondotta all incompetenza dei burocrati della banca di Francoforte Principali ragioni del sentiment positivo verso l Euro e l Unione Fiscale Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Spagna Media Unito totale Unione fiscale 23,6% 18,5% 16,5% 49,8% 35,3% 26,8% 17,4% 26,8% Bilancio europeo 33,3% 72,7% 22,1% 29,7% 41,7% 28,5% Protezione 18,5% 80,0% 5,8% 13,0% 6,7% 20,2% 55,6% 28,5% Conti 12,9% 26,2% 10,1% 25,9% 10,7% Elezioni europee 23,2% 3,5% 3,8% Altro 1,4% 1,5% 1,5% 2,2% 2,1% 1,2% 1,1% 1,6% 26

28 Principali ragioni del sentiment positivo verso l Euro e l Unione Fiscale, marzo e aprile a confronto Media Totale Differenza tra Media Totale Aprile Marzo Marzo e Aprile Unione fiscale 21,8% 26,8% +5,0% Bilancio europeo 29,1% 28,5% 0,6% Protezione 26,7% 28,5% +1,8% Conti 8,3% 10,7% +2,4% Elezioni europee 12,5% 3,8% 8,7% Altro 1,6% 1,6% = 27

29 Commento: Tra chi mostra di apprezzare l Euro, una quota maggioritaria dei post afferma che solo con l unione fiscale sia possibile salvare la moneta unica e l intero progetto di integrazione europea. La Germania si conferma essere, con solo il 16,5 dei commenti positivi, il paese meno entusiasta circa l unione fiscale. Gli irlandesi esprimono il maggior gradimento, con quasi la metà di commenti favorevoli, seguiti, seppur con un certo distacco da italiani (35,3%), britannici (26,8%) e austriaci (23,6%). Un numero considerevole di commenti in Austria, Germania, Irlanda, Italia e Regno Unito giudica positivamente il rafforzamento del fiscal compact e l individuazione di regole sul pareggio di bilancio tali da garantire la creazione di un vero e proprio bilancio europeo. L Euro è considerato un ottima garanzia per la stabilità dei prezzi, per la protezione del poter d acquisto e del valore dei risparmi dei cittadini comunitari dall 80% dei commenti in Francia e da più della metà dei commenti in Spagna (45,9%). Infine, più di un quarto dei commenti provenienti da Italia e Spagna è ottimista riguardo al miglioramento dei conti pubblici nazionali grazie alle misure stringenti per la permanenza nell Eurozona. 28

30 TEMA 4: L UNIONE BANCARIA Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Marzo Sentiment verso l Unione Bancaria Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Aprile Differenza tra Marzo e Aprile Austria 44,0% 40,6% 3,4% Croazia 28,0% 59,5% +31,5% Danimarca 52,6% 41,8% 10,8% Francia 40,4% 62,1% +21,7% Germania 34,0% 38,9% +4,9% Irlanda 54,2% 51,8% 2,4% Italia 53,1% 61,5% +8,4% Polonia 56,8% 62,3% +5,5% Regno Unito 53,2% 55,6% +2,4% Romania 58,7% 59,7% +1,0% Spagna 59,9% 57,7% 2,2% Ungheria 53,7% 53,7% = Media TOTALE 46,1% 52,6% +6,5% 29

31 Commento: Il gradimento mostrato già lo scorso mese nei confronti dell accordo sull Unione Bancaria si rafforza ulteriormente, tanto che la media europea non solo è maggiore di tutte le altre tre tematiche qui analizzate, ma più 1 commento su 2 è favorevole rispetto alle trattative appena siglate. I commenti provenienti da Regno Unito, Polonia, Francia e Italia sono i più entusiasti, tanto che quasi due commenti su due esprimono aspettative elevate rispetto l Unione Bancaria, quale paracadute finanziario non solo per gli istituti bancari, ma a maggior ragione per i consumatori. Solo tre paesi Danimarca (41,8%), Austria (40,6%) e Germania (38,9%) si mostrano critici verso tali politiche. Ancora una volta, come già lo scorso mese di marzo, seppur con un lieve aumento, la Germania risulta essere il paese che meno ha apprezzato l Unione Bancaria, a conferma dello scetticismo espresso anche dai leader tedeschi durante i negoziati. 30

32 Principali ragioni del sentiment negativo verso l Unione Bancaria Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Media Spagna Unito totale Presa in giro 75,1% 54,9% 47,5% 22,6% 29,9% 34,6% 42,9% 43,9% Incompetenze UE 10,9% 36,2% 36,7% 15,0% 24,7% Imposizione europea 19,4% 31,8% 22,8% 22,6% 9,7% 15,5% 28,3% 21,4% Imposizione tedesca 3,3% 27,6% 15,5% Non credibile 17,4% 7,0% 17,3% 26,0% 16,9% Altro 5,5% 2,4% 12,3% 11,6% 3,1% 8,9% 1,2% 6,4% 31

33 Principali ragioni del sentiment negativo verso l Unione Bancaria, marzo e aprile a confronto Media Totale Differenza tra Media Totale Aprile Marzo Marzo e Aprile Presa in giro 49,8% 43,9% 5,9% Incompetenze UE 34,5% 14,1% 20,4% Imposizione europea 14,8% 21,4% 6,6% Imposizione tedesca 0,9% 4,4% 3,5% Non credibile 7,6% 9,7% 2,1% Altro 4,7% 6,4% 1,7% 32

34 Commento: Tra coloro che commentano in Rete, la maggior parte ritiene l Unione Bancaria sia una presa in giro ai danni dei consumatori, seppur in misura lievemente minore rispetto al dato del mese di marzo. Nello specifico, nonostante questo motivo sia fonte di critica nei commenti provenienti da tutti gli stati, si registra una certa variabilità: più del 70% dei commenti provenienti da Austria (75,1%), circa la metà dei commenti in Francia (54,9%) e Germania (47,5%, si registra rispetto il mese scorso un brusco calo), circa un commento su tre in Spagna (42,9%), Italia (29,9%) e Regno Unito (34,6%), un quinto dei commenti in Irlanda (22,6%). Le incompetenze dei tecnocrati e leader europei sono un ulteriore causa di malcontento da più di un terzo dei commenti irlandesi e italiani. Anche in questo mese, molti di coloro che commentano in Rete (soprattutto da Francia e Spagna) giudicano il nuovo assetto finanziario europeo una forte intromissione delle istituzioni europee. Tali sentiment si sono intensificati, a maggior ragione, in seguito alla recente approvazione da parte del Parlamento Europeo della direttiva sulla vigilanza bancaria che affida alla BCE la decisione di intervenire, qualora gli istituti bancari giacciano in condizioni critiche. Il Consiglio europeo, al contrario, vede ridotte le proprie possibilità di proteggere gli interessi dei singoli stati membri. Il 27,6% dei commenti spagnoli ritiene poi che le misure di Unione Bancaria siano ancora una volta il risultato di imposizioni tedesche. Infine, in Irlanda, Regno Unito e Italia c è scetticismo sulle possibilità di successo dell Unione Bancaria. Principali ragioni del sentiment positivo verso l Unione Bancaria Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Unito Spagna Media totale Unione politica 71,2% 51,1% 61,0% 27,6% 39,3% 27,1% 20,8% 42,6% Argine contro la crisi 19,4% 18,6% 27,0% 41,5% 34,1% 32,6% 72,5% 35,1% Trasparenza e competitività 29,1% 30,3% 23,3% 39,3% 5,8% 25,6% Altro 9,3% 1,2% 12,0% 0,6% 3,3% 1,0% 0,9% 4,0% 33

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Andrea Ceron, Luigi Curini e Marco Mainenti

Andrea Ceron, Luigi Curini e Marco Mainenti Andrea Ceron, Luigi Curini e Marco Mainenti Alla ricerca dell euroscetticismo sui social media: un confronto tra 12 Stati membri in occasione delle elezioni europee 2014* INTRODUZIONE Se confrontate con

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire Lo strano caso della ripresa economica irlandese 27/04/2014 Centro di Sviluppo Politico e Sociale CSPS Relatore: Presidente del CSPS, Dott. Diego

Dettagli

QUAL È L ATTENZIONE CHE LA RETE DEDICA

QUAL È L ATTENZIONE CHE LA RETE DEDICA DONNE&WEB: UN FORTINO ROSA Cosa si dice online su pari opportunità, lavoro flessibile e politiche di sostegno alla famiglia? Ecco una sintesi dei dati della prima ricerca di social intelligence promossa

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia

Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia In occasione dell uscita del Rapporto Eurobarometro n. 57, di seguito riportiamo la sintesi e le conclusioni della parte relativa all Italia. Il documento completo è

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Nick Ockenden (IVR) 1. Introduzione: i Report Nazionali Uno dei principali risultati del

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

QUARTO BAROMETRO INTERNAZIONALE SULLA SALUTE. Nota di sintesi

QUARTO BAROMETRO INTERNAZIONALE SULLA SALUTE. Nota di sintesi QUARTO BAROMETRO INTERNAZIONALE SULLA SALUTE Nota di sintesi Milano, 21 Settembre 2010 Per gli italiani poca fiducia nel sistema e nella classe medica. Meglio affidarsi al web per acquisire informazioni

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa L Europa continua ad essere impantanata nella crisi. Dall inizio della grande crisi, nel 2007, la debolezza della crescita

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare?

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? di Antonio Misiani Il 19 ottobre 2009 il primo ministro greco, George Papandreou, annunciò che i conti pubblici ellenici erano drammaticamente

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione III trimestre 214 Rapporto in sintesi Secondo l ultimo Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione, in diversi Paesi l inflazione attesa dai

Dettagli

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 - Piigs sotto la lente: il Portogallo - Il dividendo dell euro - Sul ponte sventolo la Bandiera Bianca - Il salvataggio - La cura uccide il malato - Un esercito

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Le Carte della Diversità in Europa

Le Carte della Diversità in Europa Le Carte della Diversità in Europa La Commissione Europea, negli ultimi anni, ha incoraggiato i datori di lavoro a inserire con maggiore impegno, la gestione della diversità e delle pari opportunità nelle

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile 2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile Una fondazione di ricerca e di supporto, ormai un punto di riferimento, per esperti, organizzazioni e imprese della green economy.

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea,

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea, Questo Protocollo III è stato tradotto in lingua italiana ai fini di informazione e non ha validità formale giuridica. Determinante e la versione siglato del Protocollo III in versione francese e inglese.

Dettagli

Le attuali sfide della politica economica e monetaria nell area dell euro

Le attuali sfide della politica economica e monetaria nell area dell euro TEMA DEL MESE * Le attuali sfide della politica economica e monetaria nell area dell euro Introduzione Hans Tietmeyer ** Innanzitutto desidero ringraziarvi per avermi assegnato il Premio Euro d Oro. Sono

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Estratto dal Rapporto ABI 2013 sul Mercato del Lavoro nell Industria Finanziaria

Estratto dal Rapporto ABI 2013 sul Mercato del Lavoro nell Industria Finanziaria Estratto dal Rapporto ABI 2013 sul Mercato del Lavoro nell Industria Finanziaria Lavoro e competitività esterna: retribuzioni e costo del lavoro per posizioni lavorative Pagina 1 di 17 Capitolo 10 LAVORO

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Italian-Turkish Forum

Italian-Turkish Forum Italian-Turkish Forum November 21-22, 2007 What do Europeans think of Turkey and what Turks think of Europe What do Europeans think of Turkey and what Turks think of Europe Nel 2004, anno in cui l Unione

Dettagli

AIBE Index. Osservatorio sull attrattività dell Italia presso gli investitori esteri

AIBE Index. Osservatorio sull attrattività dell Italia presso gli investitori esteri 1 AIBE Index Osservatorio sull attrattività dell Italia presso gli investitori esteri Seconda edizione Milano, Novembre 2014 (Rif.1344v214) Indice 2 Obiettivi e metodologia Pag. 3 I fattori di attrattività

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

L IDENTITÀ EUROPEA: UNA SFIDA DA PROMUOVERE, UNA DISCIPLINA DA APPRENDERE

L IDENTITÀ EUROPEA: UNA SFIDA DA PROMUOVERE, UNA DISCIPLINA DA APPRENDERE L IDENTITÀ EUROPEA: UNA SFIDA DA PROMUOVERE, UNA DISCIPLINA DA APPRENDERE Torino 11-12 giugno 2008 Prof. Marcello Pierini Nelle Conclusioni della Presidenza del Consiglio Europeo del 21 e 22 giugno 2007

Dettagli

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Giugno 2015 Contenuto 1. Grandi linee 2. Funzionamento 3. Trattati 4. Organi e istituzioni European Union,

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011 Comunicato stampa Comunicato stampa LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria

Dettagli

Estratto dal Rapporto ABI 2014 sul Mercato del Lavoro nell Industria Finanziaria

Estratto dal Rapporto ABI 2014 sul Mercato del Lavoro nell Industria Finanziaria Estratto dal Rapporto ABI 2014 sul Mercato del Lavoro nell Industria Finanziaria Lavoro e competitività esterna: retribuzioni e costo del lavoro per posizioni lavorative Pagina 1 di 17 Capitolo 10 LAVORO

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico Fattori critici per un successo sostenibile Giugno 2014 Lo scenario macroeconomico Gli indicatori economici recenti segnalano che l economia italiana è ancora in difficoltà. Il trend tendenziale del PIL

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio

Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio Sintesi 1. INTRODUZIONE In un contesto caratterizzato da una fase di ampliamento, l Unione Europea sta per

Dettagli

STANDARD DI SORVEGLIANZA PER SISTEMI DI PAGAMENTO AL DETTAGLIO IN EURO Risposte ai commenti pervenuti nel quadro della procedura di consultazione

STANDARD DI SORVEGLIANZA PER SISTEMI DI PAGAMENTO AL DETTAGLIO IN EURO Risposte ai commenti pervenuti nel quadro della procedura di consultazione BANCA CENTRALE EUROPEA STANDARD DI SORVEGLIANZA PER SISTEMI DI PAGAMENTO AL DETTAGLIO IN EURO Risposte ai commenti pervenuti nel quadro della procedura di consultazione L 8 luglio 2002 l Eurosistema ha

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 33 Macroarea Nord 33 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 38 Macroarea Sud2 41

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 33 Macroarea Nord 33 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 38 Macroarea Sud2 41 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA DELLE BANCHE EUROPEE 7 L attivo 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 15 I titoli in portafoglio 16 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività 20

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 BENESSERE CASA BELLEZZA RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 Il potenziale imprenditoriale in Italia in tempo di crisi RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ IN EUROPA E IN ITALIA ANNO 2012 CASA

Dettagli

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 Gli europei e le vacanze estive: abitudini e tendenze Sintesi della ricerca Anche quest anno l Istituto di Ricerca IPSOS ha realizzato per conto di Europ Assistance

Dettagli

POLITICHE MONETARIE E GUERRA DELLE VALUTE Nel merito.it. di Andrea Fracasso

POLITICHE MONETARIE E GUERRA DELLE VALUTE Nel merito.it. di Andrea Fracasso POLITICHE MONETARIE E GUERRA DELLE VALUTE Nel merito.it di Andrea Fracasso All interno dell Unione Europea l attenzione degli operatori è stata in queste settimane principalmente concentrata sulla complessa

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA

SINTESI PER LA STAMPA SINTESI PER LA STAMPA Troppo spesso quando policy makers e opinione pubblica si occupano dei Trasporti le attenzioni vengono rivolte principalmente agli effetti negativi che questi generano: consumi energetici,

Dettagli

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013 Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità 2013 SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Marzo maggio

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Riassunto dei principali risultati dello studio Oggetto dello studio L inizio della crisi economica, nel 2008, in Svizzera

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Roma, 06/08/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 145

Roma, 06/08/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 145 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 06/08/2015 Circolare n. 145 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche Analisi estratta dal Capitolo 5 (La valutazione strategica) del Rapporto di valutazione 2012 realizzato da FGB e IRS nell ambito delle Attività

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

editoriale L eccezione tedesca?

editoriale L eccezione tedesca? editoriale L eccezione tedesca? In un quadro europeo di grave preoccupazione per il lavoro, soprattutto giovanile, la Germania sembra fare storia a sé. Quasi come se il nucleo economico del sistema europeo

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici:

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Barometro Ipsos / Europ Assistance Intenzioni e preoccupazioni degli europei per le vacanze estive Sintesi Ipsos per il Gruppo Europ Assistance Giugno 2015 Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Fabienne

Dettagli