Voices from the Blogs

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Voices from the Blogs"

Transcript

1 Voices from the Blogs We capture the sentiment of the net Analisi dei dati testuali provenienti dalla Rete e relativi a quattro tematiche di interesse europeo. Periodo: Aprile 2014 (e confronto con Marzo 2014) 30 aprile 2014

2 EXECUTIVE SUMMARY Questa indagine utilizza i contenuti pubblicati in rete, con particolare attenzione ai social media, come fonte di informazione per studiare le opinioni, le preferenze, e le impressioni di chi ci scrive. I social media sono tradizionalmente trascurati dalle modalità più tradizionali di raccolta di informazioni, ma rappresentano ormai una modalità di comunicazione fondamentale (2 miliardi e mezzo di utenti internet nel mondo, oltre 1 miliardo di account Facebook, 550 milioni di profili Twitter). Non è un caso, quindi, che i social media vengano utilizzati sempre più consapevolmente come strumento per analizzare i fenomeni più diversi, dall economia, ai fenomeni sociali e politici. L oggetto di questa ricerca consiste nell analizzare le opinioni espresse in rete durante il mese di aprile 2014 rispetto all immagine che l Unione Europea ha tra i suoi cittadini. Le quattro tematiche di interesse europeo, già studiate per il mese di marzo, si connotano essere anche nel mese di aprile argomenti clou del dibattito attuale sull Unione Europea e sui quali l opinione pubblica si divide anche in vista delle prossime elezioni europee. Primo, le politiche di austerity concertate tra gli stati membri e le istituzioni europee, Commissione e Banca Centrale Europea, in primis. Secondo, le politiche per l occupazione e la crescita, che rimangono tra gli obiettivi prioritari della UE (la strategia Europa 2020), anche considerando l elevato tasso di disoccupazione giovanile negli stati membri. Terzo, la percezione sulla moneta unica e le tematiche legate all Unione Fiscale. Quarto, la necessità di costruire un'unione bancaria e la nuova regolamentazione finanziaria. Abbiamo in questo senso misurato il giudizio espresso in rete da parte di chi ha scritto commenti pubblicati in dodici paesi europei: Austria, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Polonia, Regno Unito, Romania, Spagna e Ungheria. Questo ci ha permesso di catturare le critiche (e gli apprezzamenti) rivolti alle istituzioni e alle politiche europee, nonché le aspettative legate alla prossime elezioni europee. Questo report è stato redatto analizzando in totale quasi 1,4 milioni di menzioni pubblicate in rete dal 1 aprile al 30 aprile 2014 sui canali social (Twitter, Facebook, Google+), così come su Forum, News e Blog, che discutevano espressamente in italiano, inglese, tedesco, francese, spagnolo, danese, polacco, croato, danese, ungherese, delle quattro tematiche sopra menzionate in relazione all Unione Europea. Tutti i commenti sono stati analizzati utilizzando la tecnologia isa sviluppata da Voices from the Blogs (VfB) presso l'università degli studi di Milano (si veda appendice tecnica). Complessivamente, la tematica maggiormente discussa è stata, anche in questo mese, quella relativa all Euro e all Unione Fiscale con quasi 500 mila menzioni, seguita dalla discussione sull Unione Bancaria e sulle politiche dell occupazione e della crescita. Più staccate le menzioni relative alle specifiche politiche per l austerity. Se guardiamo ai paesi, chi ha commentato maggiormente è stata la Germania (295 mila menzioni), seguita da Regno Unito (288 mila), Spagna (216 mila), Italia (182 mila) e Francia (166 mila). 1

3 Numero di menzioni che commentano le quattro tematiche diviso per paese (dal 1 al 30 aprile) Austerity Occupazione e Euro e Unione Unione Totale crescita Fiscale Bancaria per paese Austria Croazia Danimarca Francia Germania Irlanda Italia Polonia Regno Unito Romania Spagna Ungheria TOTALE Variazioni di menzioni che commentano le quattro tematiche diviso per paese tra marzo e aprile 2014 Austerity Occupazione e crescita Euro e Unione Fiscale Unione Bancaria Totale per paese Austria 68,8% 346,8% 58,4% 44,7% 54,2% Croazia 47,0% 21,6% 684,4% 367,1% 143,6% Danimarca 70,3% 162,5% 15,1% 84,4% 25,6% Francia 37,2% 12,2% 75,3% 10,4% 23,7% Germania 33,5% 15,9% 8,2% 29,9% 18,5% Irlanda 84,3% 43,6% 29,6% 36,9% 41,0% Italia 3,3% 24,7% 29,5% 13,2% 22,3% Polonia 17,1% 960,4% 35,0% 139,5% 94,7% Regno Unito 94,6% 24,3% 38,5% 31,9% 38,6% Romania 77,5% 108,7% 36,7% 111,9% 32,4% Spagna 28,0% 2,3% 110,3% 40,6% 41,9% Ungheria 45,9% 35,0% 210,1% 301,2% 86,8% Media totale 11,3% 8,9% 7,5% 26,6% 13,3% 2

4 Rispetto al mese di marzo, e con l approssimarsi della data delle elezioni europee, si assiste ad un generale aumento nel numero di commenti pubblicati in Rete che discutono delle quattro tematiche: +13,3%. Aumentano in particolare i commenti che riguardano l Unione Bancaria e il nuovo controllo finanziario a livello europeo (+26,6%). Tra i singoli paesi, rispetto a marzo la crescita percentuale più elevata si riscontra tra i paesi non dell Area Euro (+43,3%), che includono, con l eccezione della Danimarca e della Gran Bretagna, tutti paesi che sono entrati solo di recente nell Unione Europea, rispetto a quelli dell area Euro (+2,4%). 3

5 I principali risultati che saranno discussi nelle pagine successive possono essere riassunti come segue. Se ci focalizziamo sugli atteggiamenti valoriali e sulle posizioni verso le quattro tematiche, complessivamente aumenta la percentuale di commenti positivi (al netto dei commenti neutri) per tutte e quattro le tematiche. In particolare, per il tema dell Unione Bancaria il sentiment positivo supera la maggioranza (52,6%), mentre si avvicina al 50% anche il sentiment positivo per i temi sull occupazione. Si conferma poi anche nel mese di aprile una sostanziale variabilità per regione geografica: i paesi storici della UE, con l eccezione della Germania, si posizionano maggiormente sul versante negativo, mentre i paesi recentemente entrati nella UE si mostrano generalmente più positivi. Lo stesso si può osservare contrastando i paesi che adottano l Euro e i paesi al di fuori dell Eurozona. Come si avrà modo di vedere, le ragioni dietro ai commenti positivi (e negativi) verso ciascuna tematica variano nel loro insieme, e da paese a paese, segno della grande variabilità di opinioni tra le varie parti dell Europa, ma anche, e al tempo stesso, della difficoltà che si ha da parte dell UE nel dare una risposta costruttiva a tali variegate istanze. 4

6 5

7 Media complessiva commenti positivi marzo aprile media marzo e aprile Austria 38,5% 38,8% 38,7% Croazia 38,1% 44,3% 41,2% Danimarca 46,5% 38,3% 42,4% Francia 25,8% 38,9% 32,3% Germania 45,9% 49,7% 47,8% Irlanda 42,3% 45,4% 43,8% Italia 31,7% 34,7% 33,2% Polonia 49,2% 52,8% 51,0% Regno Unito 31,3% 36,1% 33,7% Romania 46,4% 53,7% 50,1% Spagna 42,0% 43,1% 42,5% Ungheria 42,4% 42,2% 42,3% Media TOTALE 35,4% 41,9% 38,6% A conferma del sentiment maggiormente positivo tra i paesi non aderenti all euro, se misuriamo la media dei commenti positivi sulle quattro tematiche qui analizzate, tra marzo e aprile, il paese che mostra un sentiment maggiormente positivo verso l Unione Europea è la Polonia (51,0%), seguita dalla Romania (50,1%9, gli unici due paesi con un valore superiore al 50%. Seguono la Germania e l Irlanda. In fondo alla classifica, Regno Unito, Francia e Italia. Ancora una volta, emerge dunque una differenza tra i paesi recentemente entrati nell UE e i membri storici. 6

8 TEMA 1: LE POLITICHE DI AUSTERITY Sentiment verso le politiche di austerity Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Marzo Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Aprile Differenza tra Marzo e Aprile Austria 30,0% 38,0% +8,0% Croazia 29,0% 25,0% 4,0% Danimarca 38,7% 27,4% 11,0% Francia 17,3% 13,1% 4,2% Germania 47,4% 54,6% +7,2% Irlanda 29,8% 29,8% = Italia 14,2% 18,9% +4,7% Polonia 40,5% 30,6% 9,9% Regno Unito 18,8% 21,2% +2,4% Romania 39,0% 47,4% +8,4% Spagna 37,6% 24,7% 12,9% Ungheria 36,0% 29,7% 6,3% Media TOTALE 28,7% 30,0% +1,3% 7

9 Commento: Anche in questo mese, i commenti rivolti al tema dell austerity, quando espressamente legato all Unione Europea, esprimono giudizi piuttosto negativi, seppur con una lieve crescita dei commenti positivi sul totale (+1,3% rispetto il mese di marzo). La Germania conferma, anzi rafforza (+7,2% rispetto a marzo), in termini relativi, il suo plauso alle politiche di austerità decise dalle istituzioni europee, tanto che è l unico paese ad esprimente un sentiment positivo superiore al 50% (54,6%). A seguire, due paesi entrati in Unione Europa recentemente e con una politica economica fortemente legata alla Germania: Romania (47,4%, +8,4% rispetto a marzo) e Austria (38,0%, +8% rispetto a marzo). Fanalino di coda si confermano, seppur a posizioni invertite rispetto al mese scorso, Italia (18,9%, +4,7% rispetto a marzo) e Francia (13,1%, 4,2% rispetto a marzo), dove solo poco più di 1 commento su 10 dà un giudizio positivo sul tema. 8

10 Principali ragioni del sentiment negativo verso le politiche di austerity Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Media Spagna Unito Totale "Ripercussioni economiche" 16,4% 8,6% 18,0% 30,0% 16,0% 33,4% 17,0% 19,9% di cui: Disoccupazione 16,4% 8,6% 18,0% 12,6% 11,9% 14,5% 17,0% 12,9% Povertà e recessione 0,0% 0,0% 0,0% 8,4% 4,1% 11,4% 0,0% 4,6% Sacrificio 0,0% 0,0% 0,0% 9,0% 0,0% 7,5% 0,0% 2,4% Leadership tedesca 11,2% 26,7% 15,4% 15,3% 9,9% 6,9% 0,0% 12,2% "Imposizione europea" 61,4% 26,1% 52,0% 5,9% 17,5% 19,9% 48,1% 33,0% di cui: Troika 30,4% 0,0% 21,5% 0,0% 0,0% 12,1% 22,2% 12,3% Usurai 31,0% 26,1% 30,5% 5,9% 17,5% 7,8% 25,9% 20,7% "Situazione nazionale" 7,1% 37,5% 11,7% 47,4% 55,3% 38,6% 32,2% 32,8% di cui: Estremismi 0,0% 0,0% 0,0% 3,8% 14,6% 3,5% 0,0% 3,1% Scioperi 1,3% 13,0% 0,6% 23,5% 23,1% 14,1% 8,5% 12,0% Incapacità leader 5,8% 24,5% 11,1% 20,1% 17,6% 21,0% 23,7% 17,7% Altro 3,9% 1,1% 2,9% 1,4% 1,3% 1,2% 2,7% 2,1% 9

11 Principali ragioni del sentiment negativo verso le politiche di austerity, marzo e aprile a confronto Media Totale Marzo Media Totale Aprile Differenza tra Marzo e Aprile "Ripercussioni economiche" 36,6% 19,9% 16,7% di cui: Disoccupazione 16,3% 12,9% 3,4% Povertà e recessione 15,1% 4,6% 10,5% Sacrificio 5,2% 2,4% 2,8% Leadership tedesca 9,8% 12,2% +2,4% "Imposizione europea" 25,5% 33,0% +7,5% di cui: Troika 10,4% 12,3% +1,9% Usurai 15,1% 20,7% +5,6% "Situazione nazionale" 21,6% 32,8% +11,2% di cui: Estremismi 1,3% 3,1% +1,8% Scioperi 7,8% 12,0% +4,2% Incapacità leader 12,5% 17,7% +5,2% Altro 6,5% 2,1% 4,4% 10

12 Commento: anche nel mese di aprile le ragioni di un sentiment critico verso l austerity variano a seconda del paese analizzato e delle sue specificità. In generale, con l avvicinarsi della data delle elezioni, crescono le critiche che sottolineano la natura politica di tali politiche, rispetto alle sue conseguenze economiche. La maggioranza relativa dei commenti critica infatti questo mese l ingerenza delle istituzioni europee nel far fronte all attuale crisi economica e finanziaria, con un chiaro aumento (+7,5%) rispetto il mese scorso. Si riscontrano però due gruppi ben distinti di paesi. Quasi due terzi dei commenti negativi che provengono da Austria, e poco più del 50% dalla Spagna e Germania, esprimono infatti un giudizio nettamente critico nei confronti dell Unione Europea proprio per questa tematica, al contrario di quello che avviene in Francia, Italia, Regno Unito (rispettivamente 26,1%, 17,5% e 19,9%). Nello specifico, la troika è, anche in questo mese, preso di mira da circa un terzo dei commenti provenienti da Austria, e da poco più di un quinto dei commenti provenienti da Germania e Spagna (rispettivamente il 30,4%, 21,5% e il 22,2%), perché considerato l attore responsabile delle politiche di austerity e delle sue conseguenze negative. Coloro che commentano in Rete residenti in Austria (31,0%), Germania (30,5%), Francia (26,1%) e Spagna (25,9%) condannano, ancora una volta, le istituzioni comunitarie che, con le loro politiche da usurai, si sono approfittate della crisi e hanno messo in ginocchio l intera economia europea. L avvicinarsi delle elezioni europee accende le critiche verso le specifiche situazioni nazionali, considerate da chi commenta in Rete quale una delle ragioni di un sentiment negativo verso le politiche di austerità (+11,2% rispetto al mese scorso). Il 24,5% di coloro che commentano dalla Francia, per esempio, giudica negativamente tali politiche a causa dell attuale contesto politico, nonostante venga premiato il cambio di passo all indomani delle elezioni amministrative di fine marzo. Anche i commenti provenienti da tutti gli altri paesi, con particolare accento in Irlanda, Italia, Regno Unito e Spagna, insistono fortemente sulla debolezza contrattuale e la mancanza di coraggio dei propri leader (rispettivamente 20,1%, 17,6%, 21,0% e 23,7%). Non solo in Francia (13,0%), ma anche tra coloro che commentano in Irlanda (23,5%), Italia (23,1%) e Regno Unito (14,1%) si è diffusa nel mese di aprile una aperta opposizione alle politiche di austerity a causa delle manifestazioni e degli scioperi che continuamente stanno provocando. Per coloro che commentano da Francia in primis e a seguire da Austria, Germania, Irlanda e Italia, le responsabilità di politiche di austerity sono da ricercare anche nella leadership della Germania e della Cancelliera Merkel (+2,4% rispetto al mese di marzo). Più di un quarto dei commenti francesi (26,7%), infatti, considera l azione del governo tedesco come dispotico e prepotente per l indirizzo delle politiche di austerity, mentre quasi un sesto dei commenti provenienti da Austria e Germania critica la decisione della corte costituzionale tedesca del 18 marzo scorso in quanto sostengono che il fondo salvastati pregiudicherebbe il diritto costituzionale di sovranità di bilancio del Bundestag. Infine, diminuiscono, rispetto a marzo (16,7%), i commenti che esprimono malcontento a causa delle ripercussioni economiche, soprattutto in Italia (31,2%), Regno Unito (31,5%) e Irlanda (29,3%). In particolare, le 11

13 pesanti ricadute in termini occupazionali sono ancora motivo di critica verso le politiche di austerity, seppur un cauto ottimismo sembra diffondersi in Francia (9%) e Italia (8%). Al contrario, poco più di un sesto dei commenti provenienti da Austria (16,4%), Germania (18%) e Spagna (17%) sente ancora il peso della disoccupazione. I commenti provenienti dai due paesi anglofoni, Irlanda e Regno Unito, insistono, con accetti più pacati rispetto al mese scorso, sulla situazione di disagio e sacrificio che deve affrontare la popolazione (rispettivamente 23,9% e 19,4%) e anche sulla diffusa condizione di povertà (rispettivamente 8,4% e 11,4%). Principali ragioni del sentiment positivo verso le politiche di austerity Regno Media Austria Francia Germania Irlanda Italia Spagna Unito totale Nuova politica fiscale 31,9% 43,0% 40,8% 38,7% 79,2% 35,9% 78,4% 49,7% Maggiore competitività 15,0% 0,0% 10,8% 8,2% 0,0% 11,2% 18,7% 9,1% Rigore contro la crisi 52,3% 54,5% 47,4% 50,6% 15,8% 51,3% 0,0% 38,8% Altro 0,8% 2,5% 1,0% 2,4% 5,0% 1,6% 2,9% 2,3% 12

14 Principali ragioni del sentiment positivo verso le politiche di austerity, marzo e aprile a confronto Media totale Marzo Media Totale Aprile Differenza tra marzo e aprile Nuova politica fiscale 56,8% 49,7% 7,1% Maggiore competitività 11,0% 9,1% 1,9% Rigore contro la crisi 29,4% 38,8% +9,4% Altro 2,8% 2,3% 0,5% 13

15 Commento: Nel mese di aprile, la ragione principale per chi premia le politiche di austerity risiede nel cambiamento virtuoso nel modo di fare politica fiscale, seppur con un lieve calo rispetto al mese scorso (7,1%). Questo è vero soprattutto in Italia e Spagna, con il 79,2% e il 78,4%, rispettivamente, dei commenti in Rete, ma anche in Francia, Germania, Irlanda, Regno Unito e Austria. Oltre la metà dei commenti in Austria, Francia, Regno Unito e Irlanda riconoscono alle politiche di rigore il merito di arginare la crisi finanziaria. E soprattutto per merito di questi quattro paesi che tale ragione risulta essere premiata da quasi il 40% dei commenti in Rete (+9,4% rispetto al mese di marzo). Infine, non manca chi sottolinea la maggiore competitività (seppur con un leggero calo rispetto a marzo, 1,9%) che tali politiche possono portare per alcuni paesi, soprattutto in tema di commercio estero. 14

16 TEMA 2: L OCCUPAZIONE E LA CRESCITA Sentiment verso la crescita e l occupazione dell Unione Europea Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) mese di marzo Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) mese di aprile Differenza tra marzo e aprile Austria 61,5% 55,9% 5,6% Croazia 50,0% 47,3% 2,7% Danimarca 55,6% 50,0% 5,6% Francia 29,2% 43,6% +14,4% Germania 58,0% 60,3% +2,3% Irlanda 45,0% 54,1% +9,1% Italia 31,3% 31,3% = Polonia 71,6% 70,7% 0,9% Regno Unito 22,2% 34,7% +12,5% Romania 54,7% 52,2% 2,5% Spagna 38,2% 51,5% +13,3% Ungheria 50,7% 42,9% 7,8% Media TOTALE 35,3% 45,2% +9,9% 15

17 Commento: Rispetto al tema delle politiche di austerity e anche rispetto al mese scorso, la percentuale dei commenti positivi relativi alle politiche per l occupazione e la crescita promosse dalle istituzioni europee cresce considerevolmente in termini relativi, raggiungendo quasi la maggioranza. Polonia, Germania e Austria, ma anche Irlanda, Romania e Spagna confermano il proprio apprezzamento verso quello che stanno attuando Commissione Europea, Consiglio dei Ministri e Parlamento Europeo, per risollevare la situazione occupazionale. Con l eccezione dell Italia, che rimane stabile, anche i paesi più critici dimostrano in aprile di apprezzare tali politiche, tra cui: Francia (43,6%). 16

18 Principali ragioni del sentiment negativo verso le politiche per l occupazione e la crescita Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Media Spagna Unito totale Insufficienti 31,8% 35,1% 53,7% 3,1% 10,9% 4,4% 68,1% 29,6% Maggiori diseguaglianze 45,9% 27,5% 17,7% 49,0% 20,8% 56,6% 2,4% 31,4% Incapacità leadership europea 21,3% 34,9% 26,9% 38,4% 50,3% 27,2% 27,8% 32,4% Emigrazione 9,3% 13,9% 10,6% 4,8% Altro 1,0% 2,5% 1,7% 0,2% 4,1% 1,2% 1,7% 1,8% 17

19 Principali ragioni del sentiment negativo verso le politiche per l occupazione e la crescita, marzo e aprile a confronto Media Totale Differenza tra Media Totale Aprile Marzo Marzo e Aprile Insufficienti 23,4% 29,6% +6,2% Maggiori diseguaglianze 28,3% 31,4% +3,1% Incapacità leadership europea 36,4% 32,4% 4,0% Emigrazione 8,7% 4,8% 3,9% Altro 3,2% 1,8% 1,4% 18

20 Commento: In rete coloro che commentano le politiche per l occupazione e la crescita adducono, anche in questo mese di aprile, tre macrogiustificazioni alle critiche rivolte verso l Unione Europea. In primo luogo, tali politiche non soddisfano ancora chi commenta in rete e, anzi, rimarcano la loro scarsa incisività nel far fronte alla disoccupazione, anche a distanza di quasi un decennio dall inizio della crisi. Gli spagnoli si dimostrano i più critici proprio in merito a questo aspetto (68,1%), ma anche i tedeschi (53,7%), i francesi (35,1%) e gli austriaci (31,8%) esprimono il proprio disappunto. In secondo luogo, circa la metà dei commenti provenienti da Austria (45,9%), Irlanda (49%) e Regno Unito (56,6%), più di un quarto dei commenti dalla Francia (27,5%) e un quinto dei commenti dall Italia (20,8%) sottolineano che i programmi per la ripresa economica abbiano ignorato le crescenti diseguaglianze. Infine, seppur con un leggero calo rispetto al mese di marzo (4%), la metà dei commenti provenienti dall Italia (50,3%) e un ampia percentuale in tutti gli altri paesi, lamenta l incapacità dei leader europei e nazionali, nell arginare lo strapotere della Germania. Si riducono, forse grazie ad un velato ottimismo, i commenti di coloro, in Irlanda, Italia e Regno Unito, che paventano il rischio di un ondata migratoria, soprattutto dei più giovani e con un elevato titolo di studio, a fronte della perdurante crisi, anche occupazionale. Principali ragioni del sentiment positivo verso le politiche per l occupazione e la crescita Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Media Spagna Unito totale Programmi 60,4% 53,7% 64,8% 48,5% 44,8% 41,7% 47,7% 51,7% Circolazione 35,2% 35,3% 33,7% 14,8% 11,9% 25,8% 14,9% 24,5% Sovranazionale 3,3% 8,8% 1,0% 28,8% 35,3% 27,8% 36,4% 20,2% Altro 1,1% 2,2% 0,5% 7,9% 8,0% 4,7% 1,0% 3,6% 19

21 Principali ragioni del sentiment positivo verso le politiche per l occupazione e la crescita, marzo e aprile a confronto Media totale Marzo Media totale Aprile Differenza tra Marzo e Aprile Programmi 45,7% 51,7% +6,0% Circolazione 26,5% 24,5% 2,0% Sovranazionale 22,3% 20,2% 2,1% Altro 5,5% 3,6% 1,9% 20

22 Commento: Per coloro che, commentando in Rete, apprezzano le politiche occupazionali dell Unione Europea, la principale ragione a giustificazione di tale posizione è riconducibile agli strumenti di politica regionale, quali i fondi strutturali e di coesione sociale, e ai programmi per l occupazione giovanile, come il Youth Guarantee. Anche nel mese di aprile, infatti, quest ultimo sistema di garanzia per i giovani è particolarmente apprezzato in Rete. Per contro, il principio fondamentale dell UE per la libera circolazione dei lavoratori è ampiamente premiato da coloro che commentano in Rete, soprattutto dai francesi, dagli austriaci, dai tedeschi e britannici. Infine, il coordinamento a livello sovranazionale è considerato una risposta efficace sia per incentivare la crescita occupazionale sia per agevolare programmi di mobilità transeuropeo. 21

23 TEMA 3: L EURO E L UNIONE FISCALE Sentiment verso l Euro e l Unione Fiscale Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Marzo Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Aprile Differenza tra Marzo e Aprile Austria 18,5% 20,8% +2,3% Croazia 45,3% 45,4% +0,1% Danimarca 39,2% 33,8% 5,4% Francia 16,3% 36,7% +20,4% Germania 44,0% 45,1% +1,1% Irlanda 40,0% 45,7% +5,7% Italia 28,3% 27,2% 1,1% Polonia 27,8% 47,7% +19,9% Regno Unito 31,0% 33,0% +2% Romania 33,3% 55,4% +22,1% Spagna 32,2% 38,5% +6,3% Ungheria 29,0% 42,6% +13,6% Media TOTALE 31,3% 39,9% +8,6% 22

24 Commento: Nel mese di aprile, i commenti positivi legati al tema dell Euro e dell Unione Fiscale aumentano considerevolmente in tutta Europa (+10,8% rispetto al mese scorso). La Romania risulta essere il paese più entusiasta della moneta unica (55,4%), nonostante tuttora non aderisca ad Eurolandia. Inoltre, anche durante il mese di aprile si registra che i paesi in cui si verificano maggiori commenti favorevoli all euro e all Unione Fiscale, con la rimarchevole eccezione della Germania e dell Irlanda, non aderiscono all Eurozona (Polonia, Croazia). Al contrario, nei paesi che hanno adottato l euro fin dal 1999, i commenti sono piuttosto critici: Austria (20,8%) e Italia (27,2%). 23

25 Principali ragioni del sentiment negativo verso l Euro e l Unione Fiscale Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Spagna Media Unito totale Non credibilità 27,0% 10,0% 23,4% 45,9% 26,9% 31,3% 8,2% 24,7% Incompetenza BCE 17,2% 2,0% 14,3% 9,4% 10,2% 13,6% 17,2% 12,0% Superare Maastricht 4,5% 3,1% 30,9% 20,1% 13,3% 10,3% Ridigità 19,4% 74,3% 23,2% 14,2% 12,2% 21,2% 15,0% 25,6% Danneggia i paesi più deboli 35,1% 11,6% 31,1% 17,4% 17,9% 12,9% 35,4% 23,1% Altro 1,3% 2,1% 3,5% 10,0% 1,9% 0,9% 10,9% 4,4% 24

26 Principali ragioni del sentiment negativo verso l Euro e l Unione Fiscale, marzo e aprile a confronto Media Totale Differenza tra Media Totale Aprile Marzo Marzo e Aprile Non credibilità 29,1% 24,6% 4,4% Incompetenza BCE 10,1% 11,9% +1,8% Superare Maastricht 16,7% 10,2% 6,4% Ridigità 21,0% 25,6% +4,6% Danneggia i paesi più deboli 20,0% 23,0% +3,0% Altro 3,1% 4,3% +1,2% 25

27 Commento: La moneta unica non è considerata ancora credibile dalla maggioranza relativa dei commenti negativi sull Euro e/o sull Unione Fiscale. Non solo gli isolazionisti britannici (31,3%), ma anche, a sorpresa, gli irlandesi (45,9%) non si fidano dell Euro. Anche i commenti provenienti Austria (27%), Italia (26,9%) e Germania (23,4%) si dimostrano molto critici su questo punto, paventando in non pochi commenti un ritorno alla precedente valuta nazionale. Chi commenta negativamente la moneta unica, inoltre, sottolinea l impossibilità da parte dei singoli Stati Membri di adottare politiche monetarie e fiscali più flessibili. Più di due terzi dei commenti francesi e circa un quinto dei commenti di chi risiede in Austria, Germania e Regno Unito esprime giudizi critici verso l impostazione rigida definita dai trattati europei, che ha danneggiato l economia europea e, soprattutto, i paesi più deboli dell Eurozona (una critica proveniente da più di un terzo dei commenti spagnoli). Seppur in misura minore rispetto al mese di marzo, molti commenti provenienti dall Italia (30,9%) mettono in discussione le basi dell Unione Fiscale, chiedendo un superamento dei criteri di Maastricht. Infine, anche nel mese di aprile, la debolezza dell euro, sia nei confronti di valute estere sia per la stabilità finanziaria di Eurolandia, viene ricondotta all incompetenza dei burocrati della banca di Francoforte Principali ragioni del sentiment positivo verso l Euro e l Unione Fiscale Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Spagna Media Unito totale Unione fiscale 23,6% 18,5% 16,5% 49,8% 35,3% 26,8% 17,4% 26,8% Bilancio europeo 33,3% 72,7% 22,1% 29,7% 41,7% 28,5% Protezione 18,5% 80,0% 5,8% 13,0% 6,7% 20,2% 55,6% 28,5% Conti 12,9% 26,2% 10,1% 25,9% 10,7% Elezioni europee 23,2% 3,5% 3,8% Altro 1,4% 1,5% 1,5% 2,2% 2,1% 1,2% 1,1% 1,6% 26

28 Principali ragioni del sentiment positivo verso l Euro e l Unione Fiscale, marzo e aprile a confronto Media Totale Differenza tra Media Totale Aprile Marzo Marzo e Aprile Unione fiscale 21,8% 26,8% +5,0% Bilancio europeo 29,1% 28,5% 0,6% Protezione 26,7% 28,5% +1,8% Conti 8,3% 10,7% +2,4% Elezioni europee 12,5% 3,8% 8,7% Altro 1,6% 1,6% = 27

29 Commento: Tra chi mostra di apprezzare l Euro, una quota maggioritaria dei post afferma che solo con l unione fiscale sia possibile salvare la moneta unica e l intero progetto di integrazione europea. La Germania si conferma essere, con solo il 16,5 dei commenti positivi, il paese meno entusiasta circa l unione fiscale. Gli irlandesi esprimono il maggior gradimento, con quasi la metà di commenti favorevoli, seguiti, seppur con un certo distacco da italiani (35,3%), britannici (26,8%) e austriaci (23,6%). Un numero considerevole di commenti in Austria, Germania, Irlanda, Italia e Regno Unito giudica positivamente il rafforzamento del fiscal compact e l individuazione di regole sul pareggio di bilancio tali da garantire la creazione di un vero e proprio bilancio europeo. L Euro è considerato un ottima garanzia per la stabilità dei prezzi, per la protezione del poter d acquisto e del valore dei risparmi dei cittadini comunitari dall 80% dei commenti in Francia e da più della metà dei commenti in Spagna (45,9%). Infine, più di un quarto dei commenti provenienti da Italia e Spagna è ottimista riguardo al miglioramento dei conti pubblici nazionali grazie alle misure stringenti per la permanenza nell Eurozona. 28

30 TEMA 4: L UNIONE BANCARIA Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Marzo Sentiment verso l Unione Bancaria Commenti positivi sul totale (al netto dei neutri) Aprile Differenza tra Marzo e Aprile Austria 44,0% 40,6% 3,4% Croazia 28,0% 59,5% +31,5% Danimarca 52,6% 41,8% 10,8% Francia 40,4% 62,1% +21,7% Germania 34,0% 38,9% +4,9% Irlanda 54,2% 51,8% 2,4% Italia 53,1% 61,5% +8,4% Polonia 56,8% 62,3% +5,5% Regno Unito 53,2% 55,6% +2,4% Romania 58,7% 59,7% +1,0% Spagna 59,9% 57,7% 2,2% Ungheria 53,7% 53,7% = Media TOTALE 46,1% 52,6% +6,5% 29

31 Commento: Il gradimento mostrato già lo scorso mese nei confronti dell accordo sull Unione Bancaria si rafforza ulteriormente, tanto che la media europea non solo è maggiore di tutte le altre tre tematiche qui analizzate, ma più 1 commento su 2 è favorevole rispetto alle trattative appena siglate. I commenti provenienti da Regno Unito, Polonia, Francia e Italia sono i più entusiasti, tanto che quasi due commenti su due esprimono aspettative elevate rispetto l Unione Bancaria, quale paracadute finanziario non solo per gli istituti bancari, ma a maggior ragione per i consumatori. Solo tre paesi Danimarca (41,8%), Austria (40,6%) e Germania (38,9%) si mostrano critici verso tali politiche. Ancora una volta, come già lo scorso mese di marzo, seppur con un lieve aumento, la Germania risulta essere il paese che meno ha apprezzato l Unione Bancaria, a conferma dello scetticismo espresso anche dai leader tedeschi durante i negoziati. 30

32 Principali ragioni del sentiment negativo verso l Unione Bancaria Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Media Spagna Unito totale Presa in giro 75,1% 54,9% 47,5% 22,6% 29,9% 34,6% 42,9% 43,9% Incompetenze UE 10,9% 36,2% 36,7% 15,0% 24,7% Imposizione europea 19,4% 31,8% 22,8% 22,6% 9,7% 15,5% 28,3% 21,4% Imposizione tedesca 3,3% 27,6% 15,5% Non credibile 17,4% 7,0% 17,3% 26,0% 16,9% Altro 5,5% 2,4% 12,3% 11,6% 3,1% 8,9% 1,2% 6,4% 31

33 Principali ragioni del sentiment negativo verso l Unione Bancaria, marzo e aprile a confronto Media Totale Differenza tra Media Totale Aprile Marzo Marzo e Aprile Presa in giro 49,8% 43,9% 5,9% Incompetenze UE 34,5% 14,1% 20,4% Imposizione europea 14,8% 21,4% 6,6% Imposizione tedesca 0,9% 4,4% 3,5% Non credibile 7,6% 9,7% 2,1% Altro 4,7% 6,4% 1,7% 32

34 Commento: Tra coloro che commentano in Rete, la maggior parte ritiene l Unione Bancaria sia una presa in giro ai danni dei consumatori, seppur in misura lievemente minore rispetto al dato del mese di marzo. Nello specifico, nonostante questo motivo sia fonte di critica nei commenti provenienti da tutti gli stati, si registra una certa variabilità: più del 70% dei commenti provenienti da Austria (75,1%), circa la metà dei commenti in Francia (54,9%) e Germania (47,5%, si registra rispetto il mese scorso un brusco calo), circa un commento su tre in Spagna (42,9%), Italia (29,9%) e Regno Unito (34,6%), un quinto dei commenti in Irlanda (22,6%). Le incompetenze dei tecnocrati e leader europei sono un ulteriore causa di malcontento da più di un terzo dei commenti irlandesi e italiani. Anche in questo mese, molti di coloro che commentano in Rete (soprattutto da Francia e Spagna) giudicano il nuovo assetto finanziario europeo una forte intromissione delle istituzioni europee. Tali sentiment si sono intensificati, a maggior ragione, in seguito alla recente approvazione da parte del Parlamento Europeo della direttiva sulla vigilanza bancaria che affida alla BCE la decisione di intervenire, qualora gli istituti bancari giacciano in condizioni critiche. Il Consiglio europeo, al contrario, vede ridotte le proprie possibilità di proteggere gli interessi dei singoli stati membri. Il 27,6% dei commenti spagnoli ritiene poi che le misure di Unione Bancaria siano ancora una volta il risultato di imposizioni tedesche. Infine, in Irlanda, Regno Unito e Italia c è scetticismo sulle possibilità di successo dell Unione Bancaria. Principali ragioni del sentiment positivo verso l Unione Bancaria Austria Francia Germania Irlanda Italia Regno Unito Spagna Media totale Unione politica 71,2% 51,1% 61,0% 27,6% 39,3% 27,1% 20,8% 42,6% Argine contro la crisi 19,4% 18,6% 27,0% 41,5% 34,1% 32,6% 72,5% 35,1% Trasparenza e competitività 29,1% 30,3% 23,3% 39,3% 5,8% 25,6% Altro 9,3% 1,2% 12,0% 0,6% 3,3% 1,0% 0,9% 4,0% 33

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici:

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Barometro Ipsos / Europ Assistance Intenzioni e preoccupazioni degli europei per le vacanze estive Sintesi Ipsos per il Gruppo Europ Assistance Giugno 2015 Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Fabienne

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società 1 importanza delle micro, piccole e medie imprese in Europa, sia in termini economici che sociali, negli ultimi anni ha trovato la sua principale affermazione con la Comunicazione della Commissione europea

Dettagli

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità TESTATA: 247.LIBERO.IT TITOLO: Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità 23/11/12 Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO Ottobre 2012 Indice Notiziario Corriere della Sera Quando il lavoro aiuta gli studi La Repubblica Precari under 35 raddoppiati in 8 anni e la laurea vale come un diploma tecnico

Dettagli

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno 203 IBL Focus Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno Di Andrea Giuricin L Italia è sempre stata una potenza nel campo del turismo. Lo si dice spesso, ma purtroppo ciò trova sempre meno riscontro

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Roma, 12 novembre 2008 La CNA di Roma ha condotto dal 29 ottobre al 4 novembre 2008 un indagine tra

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia

Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia In occasione dell uscita del Rapporto Eurobarometro n. 57, di seguito riportiamo la sintesi e le conclusioni della parte relativa all Italia. Il documento completo è

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Questionario Conosci l Europa

Questionario Conosci l Europa Questionario Conosci l Europa L Antenna Europe Direct Isernia della Camera di Commercio di Isernia opera sul territorio come intermediario tra l'unione europea ed i cittadini a livello locale. La sua missione

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei PROGRAMMAZIONE 2014-202O Si sta aprendo il cantiere della programmazione dei Fondi europei 2014-2020. L Unione Europea ha già presentato una strategia generale

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Giugno 2013 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 54 Agosto 2013 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile 2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile Una fondazione di ricerca e di supporto, ormai un punto di riferimento, per esperti, organizzazioni e imprese della green economy.

Dettagli

Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia

Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia HUMAN HIGHWAY PER LIQUIDA Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia Milano, Maggio 2011 1 ANALISI DELL INFORMAZIONE ONLINE INDICE Oggi parleremo di: La domanda di informazione online Il

Dettagli

Outlook finanziario dell agricoltura europea

Outlook finanziario dell agricoltura europea Gian Luca Bagnara Outlook finanziario dell agricoltura europea I prezzi agricoli hanno colpito i titoli dei giornali negli ultimi cinque anni a causa della loro volatilità. Tuttavia, questa volatilità

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

QUAL È L ATTENZIONE CHE LA RETE DEDICA

QUAL È L ATTENZIONE CHE LA RETE DEDICA DONNE&WEB: UN FORTINO ROSA Cosa si dice online su pari opportunità, lavoro flessibile e politiche di sostegno alla famiglia? Ecco una sintesi dei dati della prima ricerca di social intelligence promossa

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche Analisi estratta dal Capitolo 5 (La valutazione strategica) del Rapporto di valutazione 2012 realizzato da FGB e IRS nell ambito delle Attività

Dettagli

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Riassunto dei principali risultati dello studio Oggetto dello studio L inizio della crisi economica, nel 2008, in Svizzera

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013 Percorso Autovalutazione Guidata CAF Feedback

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

La regolazione delle reti elettriche in Italia

La regolazione delle reti elettriche in Italia La regolazione delle reti elettriche in Italia IEFE UNIVERSITA BOCCONI PROGETTO DI RICERCA PROMOSSO DA ANIE RAPPORTO FINALE, GIUGNO 2014 Michele Polo (IEFE, Dipartimento di Economia e eni Chair in Energy

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA Roma, marzo 2007 1 Lontani ormai anni luce gli anni nei quali Bettino Craxi annunciava trionfalmente che

Dettagli

LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA

LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA Cos è la Garanzia Giovani? La Garanzia Giovani è un iniziativa dell Unione Europea per diminuire la disoccupazione giovanile, nei paesi membri in cui questa è al di sopra

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Indagine Internazionale ING

Indagine Internazionale ING Indagine Internazionale ING Empowerment finanziario nell era digitale: decisioni finanziarie prioritarie per il 79% degli europei. Il mobile banking è fonte di maggiore controllo sul denaro Gestire la

Dettagli

A gennaio si consolida la domanda di prestiti da parte delle famiglie: +6,4%. A incidere maggiormente sono le richieste di prestiti finalizzati

A gennaio si consolida la domanda di prestiti da parte delle famiglie: +6,4%. A incidere maggiormente sono le richieste di prestiti finalizzati BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE A si consolida la domanda di prestiti da parte delle famiglie: +6,4%. A incidere maggiormente sono le richieste di prestiti finalizzati Le

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Executive Summary Rapporto 2011/2012

Executive Summary Rapporto 2011/2012 Executive Summary Rapporto 2011/2012 In collaborazione con Anticipazione dei risultati Dati macro Il settore del Management Consulting rappresenta un mercato molto frammentato, dove sono presenti circa

Dettagli

QUARTO BAROMETRO INTERNAZIONALE SULLA SALUTE. Nota di sintesi

QUARTO BAROMETRO INTERNAZIONALE SULLA SALUTE. Nota di sintesi QUARTO BAROMETRO INTERNAZIONALE SULLA SALUTE Nota di sintesi Milano, 21 Settembre 2010 Per gli italiani poca fiducia nel sistema e nella classe medica. Meglio affidarsi al web per acquisire informazioni

Dettagli

RAPPORTO NAZIONALE ITALIA. Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013

RAPPORTO NAZIONALE ITALIA. Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013 RAPPORTO NAZIONALE Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013 ITALIA Rappresentanza della Commissione europea in Italia Eurobarometro Standard 80 / Autunno 2013 TNS Opinion

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DELEGAZIONE ITALIANA PPE - FORZA ITALIA Strasburgo, 13.01.2015

CONFERENZA STAMPA DELEGAZIONE ITALIANA PPE - FORZA ITALIA Strasburgo, 13.01.2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 859 CONFERENZA STAMPA DELEGAZIONE ITALIANA PPE - FORZA ITALIA Strasburgo, 13.01.2015

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli