Innovazione nei Rami Vita:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovazione nei Rami Vita:"

Transcript

1 Rapporto di ricerca Innovazione nei Rami Vita: dal profilo di rischio all efficacia commerciale nella gestione del cliente e dei canali distributivi 1

2 AUTORI: Chiara Frigerio Paolo Gatelli Alberto Palazzesi Federico Rajola Copyright CeTIF. Tutti i diritti riservati. Ogni utilizzo o riproduzione anche parziale del presente documento non è consentita senza previa autorizzazione di CeTIF. Si ringrazia Indra per la collaborazione prestata nella fase di impostazione dei contenuti e nella conduzione dell iniziativa di ricerca. DISCLAIMER: CeTIF assicura che il presente documento è stato realizzato con la massima cura e con tutta la professionalità acquisita nel corso della sua lunga attività. Tuttavia, stante la pluralità delle fonti d informazione e nonostante il meticoloso impegno da parte di CeTIF affinché le informazioni contenute siano esatte al momento della pubblicazione, né CeTIF né i suoi collaboratori possono promettere o garantire (anche nei confronti di terzi) esplicitamente o implicitamente l'esattezza, l'affidabilità o la completezza di tali informazioni. CeTIF, pertanto, declina qualsiasi responsabilità per eventuali danni, di qualsiasi tipo, che possano derivare dall'uso delle informazioni contenute nel presente rapporto. Si evidenzia, inoltre, che il presente rapporto potrebbe contenere proiezioni future o altre dichiarazioni in chiave prospettica, circostanza che comporta rischi e incertezze. Si avvisano pertanto i lettori che tali affermazioni sono solamente previsioni e potrebbero quindi discostarsi in modo considerevole dagli effettivi riscontri ed eventi futuri. CeTIF declina fin d ora qualsiasi responsabilità e garanzia in relazione a tali proiezioni. 2

3 I partecipanti Il presente documento è frutto di una collaborazione congiunta tra CeTIF e operatori del mondo assicurativo. Di seguito sono riportati i nomi delle Istituzioni che hanno partecipato al gruppo di lavoro svolto nel mese di febbraio: Alleanza Toro Assicurazioni; Allianz; Axa Assicurazioni; Itas Mutua; Società Cattolica di Assicurazioni; Zurich. Un ringraziamento particolare è dedicato ai colleghi di Indra che hanno collaborato fattivamente nel corso dell attività di ricerca. I lavori sono stati organizzati e gestiti dal Gruppo di Lavoro CeTIF nelle persone di: Paolo Gatelli; Alberto Palazzesi. 3

4 Sommario Introduzione Il mercato del ramo vita Evidenze della ricerca Evoluzioni in ambito tecnologico (a cura di Indra) Conclusioni Riferimenti Bibliografici

5 Introduzione Il mercato del ramo vita ha visto nel corso degli ultimi anni un significativo aumento della raccolta dei premi nel ramo I (da 30 miliardi nel 2004 a 67 miliardi nel 2010) e la crescita delle polizze di ramo VI (da 200 milioni nel 2004 a 1,7 miliardi nel 2010) a testimonianza della crescente attenzione verso i prodotti legati alla previdenza. Nonostante la raccolta premi nei rami vita sia nel 2011 diminuita del 18% rispetto all anno precedente, sfiorando i 74 miliardi di euro, l importo complessivo è indice di prodotti con elevata marginalità. Alcuni elementi, quali la gestione della relazione e del contatto con il cliente finale e l innovazione nella gamma di prodotti/servizi possono essere fonte di innovazione per lo sviluppo del business; in particolare, l elemento cardine per innovare il modello vita, sembrerebbe essere quello relativo a una visione integrata delle coperture, del ciclo di vita del cliente e del presidio dei diversi punti di contatto (agente, promotore, broker e sportello bancario). In tale contesto, l innovazione di carattere tecnologico-organizzativo può sicuramente giocare un ruolo rilevante sia attraverso la creazione di contenuti innovativi (che facilitino la comprensione dei prodotti da parte dei clienti), sia da un punto di vista gestionale. L'innovazione nella gestione delle Compagnie vita dovrebbe partire quindi dalla centralità del cliente per poter coniugare la vendita di prodotti complessi con il soddisfacimento dei bisogni assicurativi dei clienti. Alla luce del contesto appena descritto, questa ricerca si vuole focalizzare sull evoluzione del ramo vita (che ad oggi rappresenta circa il 70% dell intero mercato assicurativo), sugli strumenti innovativi che possano garantire lo sviluppo del business e sui prodotti di natura previdenziale che, a seguito della recente riforma previdenziale e dell indebolimento del Welfare, riscontrano un crescente successo. Il presente documento è strutturato come segue: il capitolo I presenta una overview sul mercato del ramo vita in Italia, il capitolo II evidenzia i principali risultati dell indagine Delphi, il capitolo III (a cura di Indra) è dedicato all innovazione tecnologica nel ramo vita e, infine, il capitolo IV traccia le conclusioni della ricerca. 5

6 1. Il mercato del ramo vita Con un volume pari a 74 miliardi di euro, il ramo vita del mercato assicurativo italiano è stato nel 2011 il settimo mercato al mondo e il quarto mercato in Europa con una spesa pro capite di circa euro. Nel corso del 2011 la persistente congiuntura economica di segno negativo e le turbolenze che hanno coinvolto i mercati finanziari nel secondo semestre dell anno hanno contribuito ad una flessione nella raccolta dei premi pari al 18% riducendo così dal 71% al 67% il peso dei prodotti vita sull intera industria assicurativa italiana (vita e danni). Figura 1.1: Evoluzione raccolta premi Ramo Vita, dati in milioni di euro Fonte: Ania 2012 su dati 2011 Rispetto alla raccolta danni, piuttosto stabile nel corso del tempo, la raccolta premi nel ramo vita è molto più variabile poiché strettamente legata all andamento dei mercati finanziari. 6

7 Figura 1.2: Tassi di variazione della raccolta annua premi ramo vita e ramo danni Fonte: Ania 2012 su dati 2011 Come evidenziato nella figura 1.2, se da un lato la variazione della raccolta danni negli ultimi sette anni è sempre stata compresa tra il -2% e il 3,5%, dall altro il ramo vita ha subito delle oscillazioni comprese tra il -18% del 2011, al + 49% del 2009 (momento che ha registrato la maggiore necessità di sicurezza da parte dei risparmiatori). Figura 1.3: Raccolta premi suddivisa per rami Fonte: CeTIF 2013 su dati Ania 2011 Analizzando nel dettaglio i prodotti del ramo ramo vita (figura 1.3), si nota come le polizze sulla durata della vita umana rappresentino di fatto la colonna portante dell intera raccolta premi (76,8% nel 2011). Seguono le polizze vita legate ai fondi d investimento o indici (16,9%), operazioni di capitalizzazione (4,2%), i contratti di gestione patrimoniale stipulati con i fondi pensione (2%) e infine le polizze sulla malattia con una quota irrisoria ed una raccolta pari a 32 milioni di euro. Per meglio approfondire i dati appena presentati ed ottenere delle chiavi di lettura più interessanti, si fornisce una descrizione dei prodotti elencati. Polizze sulla durata della vita umana - comprendono le assicurazioni tipicamente riconducibili ad eventi della vita umana (sopravvivenza, morte, nascita, matrimonio). Correlati negativamente rispetto ai tassi di interesse sui titoli 7

8 di Stato, a seguito di un aumento dei tassi nominali sui BOT a 3 mesi da 0,7% di gennaio al 2% di dicembre, la raccolta è diminuita del 16% rispetto al Assicurazioni sulla vita umana connesse con fondi di investimento o indici comprendono le polizze unit linked e index linked. Nell ambito delle polizze linked, le "unit" hanno prestazioni collegate al valore di un fondo di investimento, esterno o interno all impresa, e seguono pertanto le opportunità dei mercati finanziari (azionari, obbligazionari, monetari). Le index linked sono invece polizze le cui prestazioni sono legate all andamento di un indice tramite uno strumento derivato. Lo strumento finanziario abbinato viene costruito unendo un opzione (plain vanilla, asiatica, etc.) su un indice, su un titolo o su un paniere e un titolo zero coupon. Nel 2011 la raccolta di premi è stata di 12,5 miliardi di euro contro i 15,5 dell anno precedente registrando una riduzione della raccolta pari al 20%. Assicurazioni LTC e malattia di lunga durata comprendono le polizze contro le malattie denominate Long Term Care Insurance (LTC) e Permanent Health Insurance (PHI). Le prime prevedono una prestazione in forma di rendita vitalizia (o di capitale) a copertura del rischio di non autosufficienza a compiere gli atti della vita quotidiana. Le seconde, invece, sono polizze sanitarie di lunga durata (da cui permanent), tipiche del mercato inglese, che prevedono la rendita di una rata prestabilita per il periodo in cui l assicurato è totalmente incapace di percepire redditi da lavoro. Il mercato di queste polizze è, ad oggi, praticamente irrilevante; nel 2011 la raccolta dei premi è stata di appena 32 milioni di euro, 5 in più rispetto all anno precedente ma con elevate prospettive di crescita. Operazioni in capitalizzazione comprende quei contratti in cui l assicuratore si obbliga alla restituzione a scadenza dell importo dei premi versati maggiorati degli interessi maturati nel corso della durata contrattuale. I premi raccolti in questo ramo sono diminuiti nel 2011 di circa il 40% rispetto al 2010 passando da 5 miliardi a 3 miliardi di euro. Gestione di fondi pensione comprendono i contratti di gestione patrimoniale stipulati con i Fondi Pensione e finalizzati all erogazione di prestazioni in caso di morte, in caso di vita o in caso di cessazione o riduzione dell attività lavorativa. La raccolta nel 2011 è stata pari a 1,5 miliardi di euro, in flessione del 10% rispetto al Figura 1.4: Canali di vendita polizze ramo vita Fonte: CeTIF 2013 su dati Ania

9 Con riferimento ai canali distributivi, la figura 1.4 indica come nel 2011 il canale bancario abbia collocato quasi il 55% dei prodotti vita (contro l 1% nel 1990) risultando, di fatto, il canale principale a causa dell elevata componente finanziaria presente all interno di questi prodotti. Tuttavia, occorre ricordare come la crescita del segmento vita nel nostro Paese sia stata trainata dall introduzione della Legge Amato del 1995 che di fatto ha consentito alle banche di detenere partecipazioni nelle Compagnie di assicurazioni. Questi anni, caratterizzati da una grande crescita dei prodotti vita, hanno visto il canale bancario erodere sempre più la quota di mercato detenuta dalla rete agenziale che ad oggi colloca appena il 16,4% dei prodotti del ramo vita a fronte dell 80% dei prodotti danni. Nel contesto in cui ci troviamo, le famiglie italiane ( ) sono costrette a rivedere la propria pianificazione economico-finanziaria per l effetto concomitante di due eventi che hanno reso il Welfare Status più vulnerabile: l allungamento delle aspettative di vita; la precarietà del posto di lavoro. Con riferimento al primo punto, stiamo assistendo a una riduzione del tasso di natalità e ad un allungamento delle aspettative di vita: basti pensare che nel 1951 i soggetti di età superiore ai 65 anni erano l 8% della popolazione a fronte del 32% previsto per il La congiunzione di questi due trend porta all aumento della domanda di pensioni, di assistenza sanitaria e di altri servizi sociali per la terza età (assistenza domiciliare, case di riposo, etc.) concentrando questi oneri finanziari su un numero di lavoratori in diminuzione. Questo momento storico è inoltre caratterizzato da un alta precarietà del lavoro; la mancanza di continuità di un impiego, di un reddito e di condizioni lavorative adeguate su cui poter contare è un fattore che coinvolge e preoccupa milioni di persone. Recenti studi promossi dal Censis indicano che quasi il 40% dei giovani lavoratori italiani (18-34 anni) ha un percorso di lavoro intermittente a causa di lavori precari/ senza versamenti pensionistici e che il 39% di questi sia preoccupato dall eventualità di trascorrere la vecchiaia in ristrettezze economiche. L indagine rileva inoltre che questi lavoratori sono comunque consapevoli di dover integrare la pensione pubblica con qualche forma di risparmio: titoli mobiliari, il cosiddetto mattone e la previdenza complementare. Alla luce di questo indebolimento strutturale del Welfare, le famiglie italiane saranno sempre più costrette a provvedere in modo autonomo a coprire alcuni temi quali: la spesa sanitaria; la non autosufficienza; la protezione del proprio reddito; le pensioni. 9

10 Alla luce del contesto appena delineato, il Paese si sta dirigendo verso un Welfare pubblico-privato che integrerà da un lato le risorse pubbliche (previdenziali-sanitarie) e dall altro le risorse personali (patrimonio della famiglie) e le risorse assicurative (accumulo di risorse e protezione mutualistica). Figura 1.5: Previsioni di crescita Fonte: Swiss Re 2012 In questo contesto i prodotti previdenziali non si configurano più come semplici contratti di assicurazione o come prodotti finanziari ma si intrecciano con temi come la salute, l assistenza e la non autosufficienza. In termini evolutivi, un recente studio promosso da Swiss Re prevede per il mercato delle assicurazioni vita nel decennio una crescita annuale dell 1,5% in termini reali. Le attività di risparmio che rappresentano oggi il 95% della raccolta premi cresceranno a ritmi inferiori all 1,5% annuo. I prodotti pensionistici e sanitari saranno caratterizzati da una crescita del 5% mentre quelli di protezione dovrebbero conseguire una crescita di circa il 3,5% in termini reali. Le caratteristiche dei prodotti previdenziali e gli strumenti che permetteranno di innovare il business della previdenza complementare e, più in generale, del ramo del vita saranno oggetto di indagine nel capitolo che segue. 10

11 2. Evidenze della ricerca All interno di questo capitolo sono presentati i risultati di un questionario Delphi (somministrato nel corso della giornata di lavoro) sulla previdenza complementare e sull innovazione del ramo vita. La tecnica Delphi è un metodo che aiuta a trovare soluzioni a problemi complessi, potenziando la comunicazione all interno di un panel e nello stesso tempo limitando il potere di influenza di ciascun individuo. Per ognuna delle proposizioni associate all argomento d analisi viene data rappresentazione della distribuzione delle risposte fornite dai partecipanti: sul totale delle valutazioni ottenute, viene data indicazioni della percentuale dei rispondenti con differenti gradi di accordo nei confronti della singola proposizione. Il grado di accordo è espresso con valutazioni numeriche dal grado 5 al grado 0, dove 5 è il grado di accordo massimo e 0 il grado di accordo minimo o totale disaccordo. La prima sezione dell indagine è volta ad indagare la percezione che i clienti hanno sui prodotti legati alla previdenza complementare. La figura 2.1 ne presenta le principali evidenze: Figura 2.1: Percezione dei clienti sui prodotti previdenziali Fonte: CeTIF

12 I prodotti di previdenza integrativa, rivolti a coloro che desiderano mantenere un tenore di vita adeguato dopo il pensionamento, non sono percepiti dalla cliente come prodotti alternativi a quelli classici di risparmio ma rappresentano piuttosto la soluzione ad un altro fabbisogno: integrare la propria pensione. I prodotti previdenziali sono, pertanto, complementari e non sostitutivi a quelli bancari di risparmio (depositi bancari, libretti di risparmio, ecc.). Questi prodotti, nonostante siano legati dall andamento dei mercati azionari, obbligazionari e monetari, non vengono percepiti dagli assicurati come prodotti altamente complessi e strutturati; la ragione di questa evidenza è ascrivibile al tentativo delle Compagnie di semplificarne il più possibile la proposizione commerciale a fronte di una domanda in costante crescita e diffusione tra tutti i ceti sociali. Le Compagnie riconoscono all interno della loro clientela la diffusa e non corretta percezione di un prodotto assicurativo che vincola il capitale per un arco di tempo piuttosto lungo e la cui disponibilità è soggetta a vincoli piuttosto stringenti. A tal proposito le Compagnie stanno cercando sempre più di capovolgere questa errata concezione proponendo piani previdenziali più flessibili, che possano rispondere alle esigenze dei loro clienti e che permettono, ad esempio, di modificare l ammontare e la periodicità dei versamenti, scegliere la linea di investimento più consona agli obiettivi temporali prefissati, sospendere e riprendere i versamenti e richiedere anticipatamente il capitale (in tutto o in parte). Considerata l elevata importanza sociale di questi prodotti, lo Stato italiano ha riconosciuto, a partire dal 1 Gennaio 2007, agevolazioni fiscali per i prodotti previdenziali: fondi aperti, chiusi e PIP. Il regime fiscale dei fondi pensione prevede la deducibilità dei contributi versati dal lavoratore (fino a una certa soglia) e la tassazione sia dei rendimenti conseguiti dai fondi, sia delle pensioni percepite dai lavoratori. La percezione di un prodotto che permetta la riduzione della pressione fiscale è diffusa nei clienti di metà delle Compagnie partecipanti alla ricerca. La seconda sezione dell indagine (fig. 2.2) prende in considerazione la percezione che le Compagnie hanno sui propri prodotti. Figura 2.2: I prodotti previdenziali visti dalle Compagnie Fonte: CeTIF

13 Al fine di poter soddisfare le esigenze degli assicurati, i prodotti previdenziali sono caratterizzati da un elevato numero di opzioni. Il panel della ricerca non riconosce nel numero elevato di opzioni un fattore che possa limitare la vendita e la gestione dei prodotti; viceversa questo rappresenta un vantaggio competitivo per le Compagnie che, sempre di più, cercano di offrire opzioni e servizi differenti al fine di poter soddisfare esigenze e bisogni di clienti con caratteristiche sempre più diverse: attitudine al rischio, livello di contribuzione, ecc. In termini di flessibilità, invece, il 50% delle Compagnie riconosce che effettivamente il momento di vendita e il momento di costruzione del piano previdenziale possano essere disgiunti, garantendo, di fatto, la possibilità di personalizzare il proprio piano nel corso del tempo. Il restante 50%, invece, vede in maniera meno marcata la distinzione di questi due momenti a dimostrazione, probabilmente, di un portafoglio prodotti più rigido e maggiormente standardizzato. La possibilità di poter personalizzare il prodotto, però, non deve essere unicamente riferita al momento di costruzione del proprio piano previdenziale, ma deve essere estesa anche al momento della restituzione del capitale. Il 50% dei rispondenti (in linea con quanto sopra) risulta particolarmente d accordo con questo genere di evidenza. Da una parte del campione, invece, emergono della posizioni di maggior scetticismo su questo tema a causa, probabilmente, di scelte strategiche differenti. Il terzo tema oggetto dell indagine è legato, invece, alla percezione delle Compagnie sull approccio commerciale ai prodotti previdenziali. Figura 2.3: La vendita dei prodotti previdenziali Fonte: CeTIF 2013 Dalla figura 2.3 si può notare come la vendita di prodotti previdenziali debba seguire una logica di tipo proattivo nei confronti della clientela. Le Compagnie, attraverso i loro canali di vendita, cercano nella fase di relazione con i propri clienti di creare cultura e sensibilizzare i propri assicurati sui temi legati alla previdenza complementare. 13

14 In un contesto storico caratterizzato da incertezza e sfiducia, il ruolo della rete risulta pertanto di fondamentale importanza in quanto, toccando la componente emotiva, supporta la propria clientela a pianificare il proprio futuro e a raggiungere un livello di benessere superiore. Proprio la costante ricerca della sicurezza e della tranquillità è, per il 50% del campione partecipante ai lavori, la componente su cui si basa la vendita di prodotti di tipo previdenziale. Dall indagine emerge, inoltre, come la percezione del brand e la solidità della Compagnia risultino due fattori piuttosto rilevanti nell acquisto di un prodotto previdenziale. Le Compagnie, infatti, collocando un prodotto previdenziale che si estende su un arco temporale decennale, devono puntare a trasmettere un immagine di solidità e sicurezza e a rafforzare il rapporto tra Compagnia e cliente nell ottica di un rapporto di lunga durata. Con riferimento a questo aspetto, le Compagnie riconoscono come la vendita di prodotti previdenziali sia sempre più inserita in una strategia orientata alla partnership e al soddisfacimento delle esigenze di lungo periodo. Considerate le percezioni sui prodotti previdenziali (lato Compagnia e cliente) e le leve che favoriscono la vendita di questi prodotti, la sezione quattro del questionario è volta ad analizzare quali siano quegli strumenti innovativi che possano favorire, più in generale, lo sviluppo del ramo vita. Figura 2.4: Strumenti innovativi per lo sviluppo del ramo vita Fonte: CeTIF 2013 Al fine di sostenere lo sviluppo di questo business, tutte le Compagnie riconoscono l integrazione tra i diversi canali di vendita (web. mobile e rete) e l adozione di un sito internet di agenzia nello spazio web della Compagnia, come elementi di innovazione che possano permettere lo sviluppo di questo business. Entrambi, infatti, concorrono a rafforzare il rapporto cliente- 14

15 Compagnia (di cui si è discusso nel paragrafo precedente) e permettono ad un cliente dinamico di avere accesso ai servizi della propria Compagnia di Assicurazione da remoto e real time. La possibilità di poter controllare l andamento dei propri prodotti è, infatti, un desiderata sempre più marcato da parte dei clienti. Obiettivo di alcune Compagnie è quello di dedicare un area riservata ai propri assicurati attraverso la quale verificare in qualsiasi momento il livello di redditività del capitale investito e i benefici maturati nel tempo. Tuttavia, su questo punto le Compagnie esprimono una perplessità legata al numero eccessivo di informazioni che potrebbero risultare forvianti per il cliente in quanto basate su risultati di breve periodo. Se da un lato la proattività è una leva fondamentale nella vendita di prodotti del vita (e in particolare dei prodotti previdenziali), si osserva che non tutte le Compagnie, invece, reputano gli strumenti a supporto della proattività degli agenti (vedi sistemi di CRM, geomarketing, cruscotti, etc.) elementi in grado di favorire la crescita e lo sviluppo del business. Analoga è la percezione di quegli strumenti di lead generation volti a promuovere campagne di marketing online. Questo aspetto può essere ascrivibile al fatto che la vendita dei prodotti del ramo vita risulti più efficace nel momento in cui questa venga integrata alla vendita di altri prodotti attraverso un contatto personale con il proprio agente o presso la propria banca. L intero meccanismo di relazione, vendita, gestione dei prodotti non può prescindere da sistemi informativi collaudati e ben integrati. La sezione 5 del questionario è volta ad evidenziare quali siano le caratteristiche dei S.I a supporto del ramo vita. Figura 2.5: S.I. a supporto delle Compagnie Fonte: CeTIF

16 Alla luce dei risultati evidenziati nella figura, i livelli di maturità presenti in Compagnia sembrerebbero essere piuttosto diversi tra loro. Sicuramente tutti sembrerebbero concordare sul fatto che: i sistemi informativi debbano essere integrati a livello di Gruppo Assicurativo e comprendere sia il ramo vita sia il danni e che debbano permettere di automatizzare i complessi processi di business (soprattutto nella fase di assunzione del rischio); non ci sia attualmente un buon livello di integrazione tra database e piattaforme differenti. Fatta eccezione per una scarsa percentuale (nell ordine del 30% circa), il restante 70% delle Compagnie concorda che i S.I. attuali consentano di supportare la complessità dei prodotti che saranno rilasciati e gestiti nei prossimi anni e che i costi di sviluppo e gli elapsed eccessivi non limitino la proposizione commerciale. Analizzando le divergenze, si può notare come in termini di obsolescenza, una parte delle Compagnie dichiara di avere dei sistemi inadeguati che necessitano una revisione. Una parte del campione sostiene, inoltre, di possedere dei sistemi informativi che permettono di avere una visione su cliente (fondamentale per la gestione della relazione con il cliente e per la proposizione di servizi specifici), a fronte di un altro gruppo di Compagnie che detengono invece una visione su singolo prodotto venduto. 16

17 3. Evoluzioni in ambito tecnologico (a cura di Indra) Il focus della ricerca è stato incentrato sulle tematiche che le Compagnie vita italiane devono affrontare per perseguire l innovazione necessaria ad un settore che, visti gli andamenti, sarà fondamentale per la vita sociale futura. In questo capitolo viene affrontata la questione dal punto di vista delle tecnologie IT che sono deputate a supportare tale innovazione. Al di là dei proclami che indicano l IT come assolutamente strategico, nel corso dei primi anni di questo millennio si è assistito, anche giustamente, ad una commoditizzazione dell area per cui si è dato per scontato che ci sia e che costi molto poco: da qui il taglio di investimenti successivo alla ubriacatura intorno all anno 2000, aggravato dalle crisi finanziarie dell ultimo quinquennio. Mentre nel ramo danni l innovazione è stata guidata dalla nascita del canale diretto delle polizze on-line che ha avuto un grosso impatto sull evoluzione dei sistemi informativi, nel ramo vita molto meno impattato dall evoluzione di internet si è assistito ad una certa staticità da parte dei sistemi informativi che hanno più teso a evolvere e consolidare l esistente che a seguire l innovazione tecnologica. Da notare che se da un lato è corretto non considerare i sistemi informativi come prettamente strategici, dall altro sono assolutamente pervasivi rispetto alle Compagnie e comunque sono impattati (non casualmente) da ogni tematica emersa dalla ricerca (cfr. figura 3.1). Negli ultimi anni si è assistito ad alcune iniziative di evoluzione dei sistemi vita - per la verità abbastanza sporadiche e in alcuni casi di successo dubbio - ma che hanno spostato in avanti la linea della competitività ed hanno preparato il sistema alla evoluzione che necessita. Evoluzione che necessita investimenti importanti ma con tempistiche di ROI assolutamente aggressive. È quindi molto interessante una ricerca che faccia il punto sulla situazione e verifichi l ampiezza del disallineamento fra le aspettative della parte business delle Compagnie vita e le risposte che i dipartimenti IT forniscono in termini di supporto allo sviluppo del business e di gestione del business acquisito. In particolare per Indra Italia è stato fondamentale partecipare a questa ricerca: ciò al fine di verificare la congruenza delle proprie esperienze globali alla realtà italiana e posizionare la propria piattaforma rispetto alle richieste delle Compagnie italiane. 17

18 Venendo dunque ai risultati della ricerca e guardandoli da un mero punto di vista IT, notiamo come le evidenze delle richieste siano riconducibili sostanzialmente ai seguenti punti: sviluppo nuovi prodotti e capacità di gestione di tutte le tipologie di prodotti presenti sul mercato; flessibilità e time to market; integrazione fra canali; visione complessiva del cliente; snellimento procedure/processi operativi. A queste andrebbe aggiunto, per molti casi, il tema del cambiamento della piattaforma IT; tema solo sfiorato durante la ricerca in quanto di natura squisitamente IT ma che rappresenta un fondamentale abilitatore tecnologico ed un determinante driver per un vero taglio dei costi di gestione del sistema. Figura 3.1: Overview dei risultati ed aree di impatto Fonte: Indra 2013 Come accennato precedentemente e come mostrato dalla figura 3.1, tutte queste tematiche sono pervasive nella gestione delle Compagnie e hanno forti ricadute sull IT di Compagnia. Ma quale evoluzione tecnologica è necessaria per risolvere e supportare nel lungo periodo queste tematiche? Le evoluzioni possibili si possono suddividere in: funzionali/applicative; infrastrutturali. Dal punto di vista del business le evoluzioni più importanti sono quelle di natura funzionale anche se, paradossalmente, il più grande sforzo da parte dei dipartimenti IT è richiesto dal punto di vista infrastrutturale: è infatti il passaggio a tecnologie infrastrutturali già consolidate a livello internazionale o a livello italiano in altri settori, ad abilitare funzionalità, misurazioni, controlli e gestione dei sistemi ad oggi molto disagevoli. 18

19 Dal punto di vista applicativo le tendenze delle richieste sono due: una maggiore funzionalità, flessibilità e usabilità dei sistemi e una forte spinta verso l integrazione. Facciamo alcuni esempi: dal punto di vista dei motori di tariffazione, ci sono molto casi di sistemi di tariffazione e portafogli che non sono in grado di gestire le tipologie di prodotti esistenti sul mercato limitando, quindi, la possibilità di offerta da parte della Compagnia. Allo stesso modo, molti limiti vengono posti allo sviluppo di prodotti misti vita/salute, vita/danni limitando la creatività di chi pensa e progetta i prodotti. Un assurdo per una commodity. Molte Compagnie presentano prodotti diversi per i vari canali che vengono gestiti da sistemi informatici differenti a fronte di una tendenza ad andare verso sistemi che gestiscano unitariamente tutti i canali e diversi prodotti o diverse versioni del prodotto a seconda del canale. Questa tendenza è riscontrabile anche a livello di basi dati: riprendendo l esempio precedente, molte Compagnie hanno basi dati differenti per canale; altro caso abbastanza diffuso è di assicurazioni che, a seguito di fusioni, non riescono a integrare gli archivi originari. Un altro esempio è la gestione dell anagrafica: originariamente i sistemi delle Compagnie erano organizzati per polizza; la polizza veniva inserita negli archivi e nell anagrafica entravano ogni volta tutti i nominativi. Pertanto, un singolo contraente (o assicurato, o beneficiario, o ) veniva inserito in anagrafe tante volte quante erano le polizze nelle quali compariva. La tendenza attuale è quella di effettuare un solo inserimento in anagrafica con l utilizzo di un data base di ruoli nel quale censire per ogni polizza il ruolo (o i ruoli) che ha la singola persona presente in anagrafe. L altra evoluzione significativa (forse con impatti ancora maggiori) è quella infrastrutturale. La maggior parte delle Compagnie hanno sistemi basati su mainframe; se è vero che questa piattaforma presenta numerosi vantaggi, è altresì vero che, rispetto ad un ambiente distribuito, presenta degli svantaggi in termini di flessibilità e di possibilità di adozione di nuove tecnologie. Altro punto molto importante e da sempre dibattuto è l economicità della piattaforma; in merito a quest ultimo aspetto non è sicuramente questa la sede in cui dissertarne ma un tema molto importante è che l adozione di una piattaforma distribuita potrebbe garantire dei risparmi di costi estremamente significativi sia dal punto di vista del puro costo sia dal punto di vista della efficienza di manutenzione applicativa. Tali risparmi potrebbero essere talmente significativi da rendere economicamente vantaggioso un business case di rifacimento del sistema informativo senza necessità di valutare altri aspetti. Un altro aspetto infrastrutturale con importanti ricadute sulle componenti applicative è il passaggio ad un ottica di sviluppo per processi. Le Compagnie assicurative stanno già affrontando queste tematiche in alcune aree dove il beneficio atteso è assolutamente imponente. L area principale in cui i sistemi stanno evolvendo verso l ottica dei processi è quella dei sinistri danni: non casualmente, per le proprie caratteristiche, è l area che trae maggior vantaggio da questa rivoluzione. Così come per i costi, anche per il passaggio ad un BPM non è questa la sede per una trattazione dell argomento. 19

20 E tuttavia sufficiente ricordare che l adozione di tale tecnologia porta a vantaggi decisivi in termini di formalizzazione dei processi, possibilità di misurarli, individuazione delle sacche di inefficienza e intervenire efficacemente e velocemente. Quale potrebbe quindi essere un approccio per l evoluzione dei sistemi informativi? Un approccio che tenga conto e valuti correttamente i possibili benefici per le tematiche esposte? La modalità migliore potrebbe essere lo sviluppo di un business case che si basi su tre pilastri: la revisione del portafoglio prodotti (con il vantaggio di inserire nuovi prodotti); la possibilità di revisione ed efficientamento dei processi; il cambio di piattaforma tecnologica. Un business case che tenga conto di questi elementi riuscirebbe a coniugare gli aspetti strategici, di prodotto, di processo e tecnologici riuscendo ad avere una visione complessiva dell opportunità e della componenti economiche ad essa collegate. Lo sviluppo di un tale business case detterebbe anche le linee guida per lo sviluppo del progetto implementativo. 20

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa Certezza 10 Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CNA) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli