Prescrizioni del Servizio trasfusionale CRS. Capitolo 17 B): Criteri d attitudine alla donazione di sangue

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prescrizioni del Servizio trasfusionale CRS. Capitolo 17 B): Criteri d attitudine alla donazione di sangue"

Transcript

1 Prescrizioni del Servizio trasfusionale CRS STS CRS Capitolo 17 B): Criteri d attitudine alla donazione di sangue RIFERIMENTI 1 - Ordinanza sulle autorizzazioni nel campo dei medicamenti (OaMed) Manuale per la preparazione, l utilizzazione e la sicurezza di qualità nei componenti sanguigni Consiglio d Europa versione in vigore 3 - Whole blood and apheresis donor selection guidelines of the UK versione in vigore Documentazione e principi generali I criteri di attitudine alla donazione di sangue sono uno strumento di lavoro a salvaguardia della sicurezza del donatore durante la donazione come pure del paziente ricevente. Essi vengono applicati per i donatori di sangue completo, di trombociti e di plasma ad uso terapeutico. Sono classificati in ordine alfabetico e completano le liste dei medicamenti, dei vaccini e dei paesi ad alto rischio di infezione virale o parassitaria come pure certe regole per il prelievo. I criteri vengono regolarmente attualizzati in conformità alle esigenze europee [2] da parte di un gruppo di lavoro competente ed implementati dalla direzione medica del STS CRS. La versione disponibile sul sito internet viene attualizzata costantemente. I donatori sono valutati da personale formato a questo scopo sotto la responsabilità di un medico del servizio trasfusionale (MDD). In caso di dubbi concernenti l idoneità del candidato donatore, il personale non deve accettare la donazione, ma deve prendere contatto con il MDD, il quale provvederà ad una valutazione individuale del donatore. Ogni problema nel corso della raccolta dell anamnesi o dell esame clinico prima della donazione deve essere interpretato conformemente a questi criteri. Nel caso di una contro-indicazione, il donatore deve ricevere una spiegazione dettagliata sulla causa e sulle relative conseguenze. Se dei donatori presentano rischi potenziali non citrati in questo capitolo, i casi devono essere riferiti al MDD per una presa di decisione e per completare eventualmente la lista dei criteri, trasmettendo l informazione alla direzione medica. Terminologia MISURE Contro-indicazione definitiva: CID Contro-indicazione temporanea: CIT Contro-indicazione condizionata: CI Accettare Misura illimitata nel tempo, irreversibile e definitiva. Il donatore deve essere informato in modo per lui comprensibile Misura illimitata nel tempo. Il donatore è informato a partire da quando sarà nuovamente idoneo Misura condizionata da differenti elementi con o senza riferimento al medico del STS o al medico curante Il donatore è dichiarato idoneo alla donazione Altri Rinvio Rinvio se appropriato Riferimento obbligatorio o utile ad un criterio specifico Riferimento da consultare in funzione del contesto di informazione Il termine donatore viene utilizzato indifferentemente per indicare donatori e donatrici. bma PRI321 Liberazione Validità dal: Originale PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 1 di 34

2 Ablazione dell utero rinvio Isterectomia Aborto spontaneo rinvio Interruzione di gravidanza Acne Accettare i donatori in terapia antibiotica con Tetracicline / Eritromicina o Roaccutan Gel. CIT se presenza di lesioni attive o infette. CIT di 1 mese dopo l ultima assunzione di Isotretinoine (Curakne, Isotretinoin-Mepha, Isotretinoin-Teva, Liderma, Roaccutan Kapseln, Tretinac ). Ago Agopuntura Inoculazione, lesione da Piercing Tatuaggio Agopuntura CIT di 6 mesi se dubbi concernenti la tecnica di lavoro e segni d infezione batterica. Se il trattamento è fatto con aghi monouso, da parte di personale medico o da parte di un medico autorizzato: la donazione può essere accettata. Alcool CI per i donatori sotto l influsso dell alcool. Allergia ai medicamenti CIT di 12 mesi dopo l ultima reazione allergica al medicamento incriminato. Allergie Accettare se sintomatologia minore, con o senza trattamento. CID se malattia cronica sintomatica. Attitudine da determinare dal MDD se forma benigna (persistenza di sintomi minori con o senza trattamento). Allergia ai medicamenti Asma Desensibilizzazione, iniezioni di- Eczema Intolleranza alimentare Raffreddore da fieno Urticaria Amebiasi Malattia tropicale data da un parassita. C: diarrea, dolori addominali. T: AB CIT fino alla scomparsa dei sintomi clinici e alla fine del trattamento di una forma intestinale. CIT di 6 mesi dopo la fine del trattamento di una forma viscerale. Andicappato fisico CI se l origine dell handicap costituisce un problema alla donazione di sangue, se non ha interamente compreso e accettato le procedure della donazione di sangue, come pure i test che servono a evidenziare malattie trasmissibili, se il donatore non può sdraiarsi sul letto e in ogni caso se la sua sicurezza viene compromessa. Andicappato mentale CID se il donatore non è in grado di capire i criteri d idoneità alla donazione di sangue. Anemia emolitica PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 2 di 34

3 Anemia falciforme Emoglobinopatia qualitativa ereditaria: in mancanza di ossigeno trasformazione degli eritrociti da normocitici a falciformi. C: Anemia, occlusione dei vasi con infarti degli organi, splenomegalia, tendenza alle infezioni. T: evitare l ammanco di O2, trapianto di midollo. Anemia per carenza di vit b 12 o ac. folico CIT fino alla fine del trattamento e ricostituzione delle riserve. CID se una sostituzione permanente è necessaria. Fare precisare la causa! Anemia sideropenica / ferripriva Attitudine da determinare dal MDD. Emoglobina Adattare eventualmente la frequenza dei prelievi. Anestesia locale rinvio Narcosi Angina rinvio Tonsillite Angina pectoris rinvio Angor Angor Antalgici Accettare dopo verifica della patologia soggiacente. Se dubbi, consultare il MDD. Antiacidi CIT se problemi cronici con eventuale ricorso a gastroscopia. Se dubbi, consultare il MDD. Endoscopia Antiaritmici rinvio Aritmia Antibiotici CIT di 2 settimane dopo l ultima somministrazione. Acne Anticoagulanti CI dipendente dalla patologia soggiacente e dal lasso di tempo intercorso dopo la fine del trattamento. Trombosi venosa profonda Anticonvulsivi CIT durante il trattamento. Epilessia Antidepressivi Accettare se la somministrazione dei medicamenti è orale e se la situazione è stabile sul piano medico. Litio, trattamento al- PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 3 di 34

4 Antidiabetici orali CI se il diabete è instabile. Antiepilettici rinvio Anticonvulsivi Antifunginici CIT di 2 settimane dopo la fine del trattamento di micosi superficiale (trattamento locale). CID se micosi profonda (trattamento sistemico, per os). Antimicotici rinvio Antifunginici Antipertensivi CI se trattamento con betabloccanti e polso < 60/min e/o PA sistolica < 120 mm Hg. CI se la PA > 180/110 mm Hg. CIT di 1 mese nella fase iniziale della terapia (rischio di instabilità della PA). Antistaminici (compresse, gocce) CI se il trattamento non è episodico e se patologia in fase acuta. Appendicectomia CIT di 1 mese fino a l'operazione e guarigione completa. Aritmia Accettare se aritmia funzionale (respiratoria), in assenza di cardiopatia. CID se la causa è organica. Attitudine da determinare dal MDD se la causa non è chiara. Arterite temporale e/o Malattia di Horton Attitudine da determinare dal MDD. Artrite CIT se in fase acuta. CI se trattamento con antinfiammatori steroidei (contenenti cortisone e derivati). CID se l affezione è grave o necessita un trattamento. Artrite reumatoide Reumatismo articolare acuto Artrite reumatoide CID unicamente se in presenza di una lesione cardio-vascolare. Artroscopia CIT di 1 mese. Artrosi CI se in fase infiammatoria acuta. Ascesso cutaneo CIT fino a guarigione completa e/o a 2 settimane dopo il trattamento. Ascesso dentario CIT fino a guarigione completa e/o a 2 settimane dopo il trattamento. PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 4 di 34

5 Ascesso tonsillare / peritonsillare rinvio Tonsillite Asma Accettare se asintomatico, anche in caso di trattamento episodico o preventivo regolare con inalatori (anche steroidi). CID in presenza di crisi frequenti o malattia cronica sintomatica, malgrado un trattamento steroideo orale. CIT di 1 mese dopo una crisi acuta. Aspirina e/o Acido acetilsalicilico Antinfiammatorio non steroideo. CID se somministrazione regolare del medicamento dovuta a malattia grave / cronica. In caso di somministrazione medicamentosa nel corso dei 5 giorni precedenti la donazione, l unità prelevata non può essere utilizzata per la preparazione di concentrati di trombociti. Attacco apoplettico rinvio Ictus Autoimmune, malattia- CID se affezione multiviscerale, dopo valutazione del MDD e conferma del medico curante. Artrite reumatoide Fibromialgia Lupus eritematoso disseminato (led) Tiroidite autoimmune Babebiosi Malattia con clinica simile alla quella della malaria. Basalioma, escissione rinvio Epitelioma basocellulare, escissione Basedow, malattia di- rinvio Tiroidite autoimmune Bechterew, malattia di- rinvio Artrite reumatoide Affezione del sistema osseo, con sviluppo sistemico possibile. Besnier-Boeck-Schaumann, sindrome dirinvio Sarcoidosi Betabloccanti rinvio Antipertensivi Bilarziosi Malattia tropicale causata dall inoculazione di un verme schistosoma haematobium - nella pelle, stando a lungo in acqua dolce. C: sintomi influenzali, dolori addominali, fino a fibrosi epatica idronefrosi e insufficienza renale. T: vermifugo CIT di 12 mesi dopo la fine del trattamento. Blefarite CIT fino a guarigione completa. Blenorragia rinvio Gonorrea Borreliosi rinvio Lyme, malattia di - PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 5 di 34

6 Bradicardia Accettare se normalizzazione durante un secondo controllo e in assenza di sintomi, se il donatore è molto sportivo o fa un lavoro pesante. CI e segnalare al medico curante se polso < 50/min. Attitudine da determinare dal MDD se polso tra 50 e 60/min e assunzione di medicamenti bradicardizzanti. Bronchite acuta CIT fino a guarigione completa e a 2 settimane dopo la fine del trattamento antibiotico, se prescritto. Bronchite cronica CID in caso d infezioni recidivanti invernali frequenti con tosse e espettorazione. Brucellosi Malattia causata da un battere, che si trova in manzi, maiali e capre. C: vomito, febbre, epatosplenomegalia, artrite, pancitopenia, osteomielite, endocardite, ascessi, meningoencefalite. T: AB. CID se l'infezione è confermata. CIT di 3 mesi dopo l assunzione di alimenti sospetti. Caduta di capelli CIT di 1 mese dopo la fine del trattamento con Propecia. Calcolosi renale CI se sintomatico e segni di infezione (febbre, dolori). Calcolosi renale, operazione CIT di 1 mese dopo litotrissia. CIT di 6 mesi dopo l intervento aperto. Cancro Eccezione: accettare in caso di carcinoma in situ / displasia del collo uterino o epitelioma basocellulare trattati, in assenza tuttavia di chemioterapia o radioterapia adiuvante. Candidosi rinvio Mughetto Cannabis (capana indiana) e/o Marijuana CI se sotto l'influenza di Cannabis. Droga, consumo di- Carcinoma in situ del collo uterino CIT di 1 mese dopo l'operazione, se il controllo post-operatorio della citologia è negativo. Cartilagine, operazione della- CIT fino alla sua guarigione completa. Cataratta, operazione della- CIT di 1 mese dopo l intervento. PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 6 di 34

7 Cecità e/o Donatore ipovedente Accettare se è chiaro che questi ha ben compreso e accettato la procedura di donazione di sangue, come pure i test di individuazione delle malattie trasmissibili. Al donatore deve essere altrettanto chiaro che la sua sicurezza durante la donazione non è compromessa. Il questionario è riempito dall addetta/o al prelievo. Cefalee Accettare se cefalee occasionali e se al momento della donazione si sente in buona salute. Celiachia Accettare se il trattamento è esclusivamente dietetico (evitando il cibo contenente glutine), in assenza di problemi ematologici. Chagas, malattia di- Malattia causata da un parassita, tripanosoma cruzi. C: lesioni cutanee, febbre, ingrossamento di milza, fegato e nodi linfatici, miocardite, miocardiopatia dilatativa. T: AB Accettare se è avvenuto un semplice soggiorno in una regione endemica. CID se la malattia è confermata. Chikungunya CIT di 1 mese dopo soggiorno in zona endemica. CIT di 3 mesi fino a guarigione completa. Chirurgia cardiovascolare CID dopo la resezione di aneurismi, risanamenti chirurgici di trombosi arteriose, by-bass aorto-coronarici, angioplastica percutanea, plastica o protesi valvolare. CID se complicazioni e/o profilassi antibiotica in seguito alle operazioni citate. CIT di 12 mesi al minimo dopo risanamento chirurgico di una malformazione cardiaca congenita (persistenza del canale atrio-ventricolare, del ductus Botalli, ecc.) in assenza di profilassi antibiotica e di complicazioni. Varici, trattamento chirurgico Chirurgia del cavo orale Dentaria, estrazione- Dentario, trattamento- Chirurgia dermatologica Epitelioma basocellulare, escissione Chirurgia ginecologica Conizzazione del collo uterino Fibroadenoma del seno, ablazione Interruzione di gravidanza Isterectomia Mastectomia Miomectomia Prolasso uterino, operazione Raschiamento Seno, biopsia del nodulo Sterilizzazione tubaria Ricerca di anticorpi irregolari antieritrocitari in caso di gravidanza. PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 7 di 34

8 Chirurgia neurologica CID ad eccezione degli interventi che non toccano la dura-madre. Ernia del disco, operazione Laminectomia Spondilodesi Chirurgia oftalmologica Cataratta, operazione della- Glaucoma, operazione Chirurgia orl CIT di 1 mese se chirurgia minore (tonsillectomia, adenoidi, seni, ecc.). Attitudine da determinare dal MDD. Mastoide, operazione al- Tonsillectomia Chirurgia ortopedica CIT di 1 mese a 3 mesi dopo evaluazione fatta dal MDD, per esempio dopo intervento minore (tramite artroscopia). Artroscopia Cartilagine, operazione della- Frattura, osteosintesi Legamento, operazione Protesi totale dell anca / del ginocchio Chirurgia renale e urologica Calcolosi renale, operazione Prostatectomia Varicocele, operazione Vasectomia Chirurgia toracica CID se affezione maligna. CIT di 6 mesi dopo l intervento. Chirurgia traumatologica Cartilagine, operazione della- Chirurgia ortopedica Frattura Legamento, operazione Politrauma Splenectomia Chirurgia viscerale CIT di 1 mese di un mese dopo piccoli interventi senza complicazioni, di 6 mesi dopo interventi importanti e dopo guarigione completa. Appendicectomia Colecistectomia Colostomia Emorroidi, cura chirurgica Ernia iatale, operazione Ernia inguinale, operazione Gastrectomia Gastroplastica Ileostomia Polipectomia colica Splenectomia PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 8 di 34

9 Cirrosi epatica Cisti ovarica CID se maligna. CIT fino a completa guarigione. Cistifellea, calcolosi della- Attitudine da determinare dal MDD, se sintomatico. Ittero Cistite CIT fino a guarigione completa e di 2 settimane dopo la sospensione della terapia antibiotica. Clamidia, infezione CIT di 2 settimane dopo la fine del trattamento e in assenza di altre malattie sessualmente trasmissibili all anamnesi e se relazione sessuale stabile. Situazioni a rischio Claudicazione intermittente CID se è presente un occlusione arteriosa. Clomid e/o Clomifene Stimolatore dell ovulazione. CIT di 6 mesi dopo l ultima somministrazione. Verificare l assenza di gravidanza. Coagulazione, disturbi dellae/o Malattie emorragiche e trombofilia Accettare se è definito come portatore del tratto emofiliaco, senza altri fattori di rischio. Accettare in assenza d episodi di trombosi, anche se presenti la resistenza all APC/fattore V Leiden*, l anomalia del tasso del fattore II, della proteina C e S, dell antitrombina III, dell omocisteina e la presenza di anticorpi antifosfolipidi. *Disturbo della degradazione del fattore V, dovuto all APC (proteina C attivata), con forte rischio di trombosi. Se dubbi, consultare il MDD. Emofilia a e b Cocaine rinvio Droga, consumo di- Colecistectomia CIT di 1 mese dopo l'intervento e fino a completa guarigione. Cistifellea, calcolosi della- Colecistite CIT di 2 settimane dopo la fine del trattamento antibiotico e in assenza di sintomi. Colera Infezione con acqua contaminata. C: diarrea, vomito, morte se liberazione di tossine. T: idratazione, AB CIT di 3 mesi dopo la guarigione. PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 9 di 34

10 Colera, contatto CIT di 1 settimana dopo il rientro da una zona endemica. Colica renale CI se sintomatico. Calcolosi renale Colite rinvio Diarrea Collo uterino, displasia del- rinvio Carcinoma in situ del collo uterino Colon irritabile CIT se sintomatico. Colostomia Commozione cerebrale CIT di 3 mesi se decorso favorevole, in assenza di sintomi. Epilessia Congiuntivite CI fino a guarigione completa. Conizzazione del collo uterino Accettare in assenza di qualsiasi trattamento ulteriore. CIT fino a conferma della benignità del problema (striscio di controllo normale). Carcinoma in situ del collo uterino Conoscenza, perdita di- CID se perdita di conoscenza dopo una donazione, 2 volte consecutive. Se dubbi, consultare il MDD. Contracezione Accettare. Corea di Huntington Malattia ereditaria che porta alla degenerazione di nuclei cerebrali basali, con movimenti del corpo anormali e involontari, in soggetti da 30 a 50 anni. Cornea, trapianto Cortisone (compresse, endovena, topico) rinvio Steroidi PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 10 di 34

11 Creutzfeldt-Jakob, malattia di CID se: - uno o più parenti consanguinei sono o sono stati affetti dalla malattia, - se il donatore è stato trapiantato di dura-madre o di cornea, - se ha ricevuto un trattamento di ormoni ipofisari d origine umana, - se ha soggiornato tra il 1980 e il 1996 per 6 mesi o più continui in Gran Bretagna o in Irlanda del Nord (data la alta prevalenza della nuova variante CJD) - se ha ricevuto una trasfusione sanguigna dopo il Cornea, trapianto Ormone della crescita Trasfusione di sangue Crohn, morbo di- Infiammazione discontinua e segmentale della parete di tutto l intestino, soprattutto localizzata nell ileo terminale e nel colon prossimale. Cushing, malattia Danazol e/o Danatrol CID se la patologia trattata è di tipo ematologico. Far precisare la patologia che necessita l assunzione del medicamento (p.es. malattia benigna del seno, sindrome premestruale, endometriosi, menorragia, ) Dengue (Febbre rossa) Malattia virale delle zone tropicali. C: febbre e sintomi influenzali con guarigione spontanea, fino a febbre emorragica e ev. encefalite. CIT di 3 mesi dopo guarigione completa (in caso di forma non emorragica). Febbre emorragica da virus Dengue (Febbre rossa), regione CIT di 1 mese dopo il rientro da una zona endemica. Dentaria, estrazione- CIT per almeno 72 ore in caso estrazione semplice. CIT di 2 settimane, fino a completa guarigione e/o dopo la fine del trattamento antibiotico in caso estrazione complicata. Ascesso dentario Dentario, trattamento- CIT di 72 ore dopo pulizia da tartaro. CIT di 2 settimane dopo un trattamento antibiotico e fino a guarigione completa, se intervento complicato. Ascesso dentario Depilazione elettrica rinvio Agopuntura Depressione Accettare se situazione medica stabile. Litio, trattamento al- Dermatite Accettare se la lesione è poco estesa, il trattamento locale (topico) e il sito della puntura venosa per la donazione di sangue è sano. PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 11 di 34

12 Desensibilizzazione, iniezioni di- In caso di raffreddore da fieno, allergia a puntura di api, vespe, CIT durante le 48 ore che seguono l ultima iniezione. Diabete Accettare se il diabete (tipo II) è controllato da trattamenti dietetici accompagnati o no da antidiabetici orali, in assenza di complicazioni e di segni d infezione. CID se diabete mellito insulino-dipendente o insulino-richiedente, o se trattamento con alre medicine parenterali. CID se diabete insipido. Diarrea CIT di 2 settimane dopo guarigione completa e fine del trattamento medico (eccezione: infiammazione intestinale cronica). Febbre tifoide Shigellosi Informarsi sulla modalità dell episodio diarroico (manifestazione isolata, cronica, febbre, ecc.). Difterite CIT di 1 mese fino a guarigione. Digoxina Distrofia muscolare Diuretico Accettare se in trattamento per un ipertensione arteriosa o una sindrome premestruale. Attitudine da determinare dal MDD, a seconda del problema in causa. Diverticolite CIT di 3 mesi dopo la fine del trattamento. Diverticolosi CI se sintomatico. Drepanocitosi rinvio Anemia falciforme Droga, consumo di- CI per qualsiasi potenziale donatore sotto l effetto di droghe qualsiasi sia il modo di somministrazione. CID se consumo per via endovenosa. Cannabis (capana indiana) Situazioni a rischio Un consumo di droga per via non parenterale, rilevato nell anamnesi, non è di per sé una controindicazione. Bisogna quindi analizzare l affidabilità delle risposte date, ben conoscendo l incidenza particolarmente alta delle infezioni HIV nella popolazione in questione. Duodenale, ulcera- CIT se sintomatico e in caso di trattamento medico (somministrazione nel corso degli ultimi 3 mesi). Gastrectomia Dura-madre (trapianto) rinvio Creutzfeldt-Jakob, malattia di PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 12 di 34

13 Echinococcosi Malattia causata da un verme preso dalla volpe, dal cane o dal gatto. C: cisti epatiche, alveolite. T: vermifugo. Eczema Accettare se: - la superficie interessata è circoscritta, - il punto di accesso venoso è libero, - si tratta di un trattamento locale. CI se la ferita è aperta. Embolia polmonare Accettare dopo guarigione completa se embolia grassa post-traumatica. CID se malattia trombo-embolica recidivante. CIT di 12 mesi dopo la fine del trattamento anticoagulante, se - la causa della trombosi all origine dell embolia è chiaramente meccanica (ad es. immobilizzazione), - se si tratta di un solo episodio di trombosi senza recidive dopo 12 mesi. Trombosi venosa profonda Emicrania Accettare fuori dai periodi di cefalea, se poco ricorrenti. CID se le crisi sono frequenti, gravi e necessitano di un trattamento regolare e preventivo. Emocromatosi Malattia ereditaria che porta all accumulo eccessivo di ferro nel corpo Accettare solo se si ha unicamente la mutazione genetica senza sovraccarico di ferro (con l'intervallo normale dei donatori). Accettare se è presente la mutazione genetica con diagnosi di emocromatosi ma senza coinvolgimento rilevante di organi (ad eccezione delle artropatie). Stato dopo salassoterapia e possibilmente ferritina non aumentata. Normale intervallo come per i donatori. CID se esistono danni a organi (ad eccezione delle artropatie) e se è in corso la salassoterapia. Emofilia a e b Disturbo ereditario del processo di coagulazione del sangue dovuto alla mancanza o inattività del fattore risp. VIII e IX. Accettare il partner sessuale in assenza di trattamento del paziente o trattamento tramite fattori ricombinanti. Accettare se statuto di portatore di un tratto emofiliaco (senza altri fattori di rischio). Emoglobina Valori minimi seguenti: - metodo capillare: donne > 12,5 mg/dl uomini > 13,5 mg/dl - prelievo venoso: donne > 12,o mg/dl uomini > 13,0 mg/dl Donatori d aferesi: - donne >11,0 mg/dl - uomini > 12,0 mg/dl Accettare con i valori massimi seguenti: - donne < 190 mg/dl - uomini < 200 mg/dl. Emoglobina, anomalia genetica dell - PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 13 di 34

14 Emoglobinopatia Emorroidi CI se sanguinamenti regolari o abbondanti. Emorroidi, cura chirurgica CIT di 1 mese dopo l intervento. Encefalite CIT fino a guarigione completa. Encefalite da zecche CIT fino a guarigione completa (assenza di sintomi per almeno 6 mesi dalla fine del trattamento). Endometriosi CI se sintomatica. Endoscopia CIT di 6 mesi dopo gastro- o colonoscopia. Enfisema Epatite Accettare dopo 2 anni se i risultati e i criteri della procedura di Re-entry lo permettono (risultati clinici e di laboratorio). CIT se epatite nel corso degli ultimi 2 anni. rinvio "Procedura di Re-entry in caso d anamnesi di epatite". Epatite (senza prova oggettiva) CID ed informare. Eventuale richiamo del plasma risp. Look-back se assenza di marcatori d infezione, ma scoperta di un epatite post-trasfusionale in due pazienti. Epatite a CIT di 2 anni se i risultati e i criteri della procedura di Re-entry lo permettono (una sierologia dell epatite A positiva non è una controindicazione alla donazione). rinvio "Procedura di Re-entry in caso d anamnesi di epatite". Epatite b CID se portatore cronico del virus. rinvio "Procedura di Re-entry in caso d anamnesi di epatite" e la lista dei "Termini di controindicazione dopo una vaccinazione". Epatite B, partner sessuale CIT di 6 mesi del donatore dopo l ultimo rapporto sessuale e se rispetta i criteri previsti nella procedura di Re-entry (assenza di marcatori o soggetto immunizzato). CID del donatore se il partner sessuale è portatore cronico del virus. Epatite, attività a rischio, contatto Epatite c CID se presenza d anticorpi e/o HCV-RNA positivo. Epatite, attività a rischio, contatto rinvio "Procedura di Re-entry in caso d anamnesi di epatite" PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 14 di 34

15 Epatite c, partner CIT di 6 mesi del donatore dopo l ultimo rapporto sessuale con il partner portatore cronico del virus, se i criteri di riammissione lo permettono. CI se persistenza di rapporti regolari. Epatite, attività a rischio, contatto Accettare il personale ospedaliero che cura pazienti con epatite e il personale di laboratorio, se un incidente da esposizione / inoculazione può essere escluso. CID per il donatore il cui partner sessuale soffre di un epatite cronica. CIT di 6 mesi se: - Tatuaggi, - Make-up semi permanenti, - Ferita dopo manipolazione di uno strumento che punge o taglia eventualmente contaminato o sospettato di esserlo, - Gastro- e colonoscopia. CIT di 12 mesi per: - Le persone che hanno ricevuto immunoglobuline anti-epatite B dopo una ferita con materiale contaminato, - I donatori il cui partner sessuale ha avuto un epatite infettiva. Personale ospedaliero rinvio "Formulario d informazione per i donatori di sangue, riguardo le malattie trasmissibili e le situazioni a rischio". Epilessia CID se sotto trattamento anticomiziale a lungo termine. Attitudine da determinare dal MDD se questo è stato interrotto da 3 anni ma senza ricomparsa di crisi. In questo caso la donazione può essere accettata. Anticonvulsivi Uno stress, anche se di poca importanza, può scatenare una crisi. È dunque importante evitare qualsiasi fattore di questo tipo. Epistassi CIT se ricorrente, se la pressione arteriosa e il tasso d emoglobina sono anormali. Epitelioma basocellulare, escissione CIT fino completa guarigione secondo l'escissione. Erisipela CIT di 1 mese dopo guarigione completa. Ernia del disco Accettare senza operazione. Ernia del disco, operazione CIT di 3 mesi dopo un intervento poco invasivo (emilaminectomia). CIT da 6 a 12 mesi (dopo evaluazione fatta dal MDD) dopo l intervento per allargamento del canale spinale/spondilodesi. Ernia iatale, operazione CIT di 6 mesi dopo l'operazione in assenza di complicazioni. PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 15 di 34

16 Ernia inguinale, operazione CIT di 1 mese dopo l intervento e fino a completa guarigione. Esofagite rinvio Gastrite Età Accettare a partire dal compimento dei 18 anni fino al compimento dei 65 anni per i donatori di sangue completo e di aferesi. Faringite rinvio Tonsillite Fattori della coagulazione, somministrazione Attitudine da determinare dal MDD di continuare le donazioni dopo i 65 anni (o oltre i 60 anni per i donatori che donano per la prima volta). Accettare solamente dopo il trattamento con prodotti ricombinanti (non originati da plasma umano), in assenza di controindicazioni date dalla malattia soggiacente. Emofilia a e b Febbre Febbre > 38 C CIT di 1 mese dopo l'evento febbrile o in caso di dubbio. Tropicali, viaggio in regioni Cercare di determinare la causa. Informarsi su viaggi all estero Riferire al MDD. Febbre emorragica da virus CIT di 12 mesi dopo la guarigione da Lassa, Ebola, Marburg, Congo/Crimea. Dengue (Febbre rossa) Febbre emorragica da virus, contatto CIT di 1 mese dopo il rientro. Febbre gialla Malattia causata da un virus inoculato da zanzare o zecche. C: complicazioni epato-renali possibili, con lesioni organiche CIT di 3 mesi fino a guarigione completa. Febbre gialla, contatto CIT di 1 mese dopo il contatto. Febbre q Malattia causata da un battere - coxiella burnetii - presente in molti animali come il manzo o la capra, espulso con le feci. T: AB Febbre ricorrente CIT per due anni dopo la guarigione completa. Febbre tifoide e/o Febbre paratifoide PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 16 di 34

17 Ferita CIT fino a guarigione completa (assenza di segni di infiammazione cutanea). Chirurgia traumatologica Inoculazione, lesione da Personale ospedaliero Ferro, trattamento rinvio Anemia sideropenica / ferripriva Fibroadenoma del seno, ablazione CIT di 1 mese dopo l intervento e fino a completa guarigione. Fibromialgia Rinvio malattia autoimmune. Filariosi Flebite rinvio Trombosi venosa superficiale Foruncolo rinvio Ascesso cutaneo Frattura CIT fino a completa guarigione. CIT di 1 mese dopo la fine dell anticoagulazione e/o l allontanamento del gesso se trattamento conservativo (gesso circolare). Frattura, osteosintesi CIT di 1 mese dopo allontanamento del materiale d osteosintesi. CIT di 3 mesi dopo osteosintesi. Trasfusione di sangue Fuoco di Sant Antonio rinvio Herpes zoster G6PD, deficienza in Emoglobinopatia Gastrectomia e/o con/senza duodenectomia CIT di 6 mesi dopo gastrectomia parziale. CIT di 12 mesi se si è sottoposto a cura chirurgica di un ulcera peptica. Gastrica, ulcera- CIT di 3 mesi se guarigione completa. Endoscopia Gastrectomia Gastrite Accettare se presenta solo una sintomatologia minore alleviata da una somministrazione regolare o episodica d'antiacidi. CI se gli antiacidi sono inefficaci. Gastroenterite rinvio Diarrea CIT di 1 mese dopo la scomparsa dei sintomi, se la malattia è in fase acuta. PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 17 di 34

18 Gastroenterite, contatto CIT di 1 settimana dopo contatto. Gilbert, malattia die/o colemia famigliare Disturbo dell assunzione di bilirubina nelle cellule epatiche, con aumento della sostanza nel sangue. CIT se ittero. Ittero Glaucoma Accettare se il trattamento è locale (gocce oftalmiche) o se il trattamento è con betabloccanti, dopo un controllo del polso (> 60) e della pressione arteriosa (> 120/60 mm Hg). CIT fino alla fine del trattamento. Glaucoma, operazione CIT di 1 mese fino a completa guarigione. Glomerulonefrite CIT di 5 anni dopo guarigione completa. Gonorrea Malattia sessualmente trasmissibile provocata da un battere (gonococco). CIT di 12 mesi dopo la fine del trattamento del donatore e del partner sessuale regolare. Gotta Accettare se in forma minore, eventualmente trattata con Allopurinolo (ad es. Zyloric ). CIT di 2 settimane dopo scomparsa dei sintomi d una crisi acuta. Gozzo (struma) rinvio Ipertiroidismo Gravidanza CIT durante la gravidanza e fino ad 12 mesi dopo il parto. Interruzione di gravidanza Guillain-Barre, sindrome di- Malattia neurologica che porta alla paralisi temporanea delle gambe e di altre parti del corpo. CIT di 2 anni dopo guarigione completa senza conseguenze in un anno e in assenza di recidiva (conferma della diagnosi da parte del medico curante). Haschisch rinvio Cannabis (capana indiana) Heroine rinvio Droga, consumo di- Herpes genitale CIT fino a guarigione delle lesioni e 2 settimane dopo la fine del trattamento, se l anamnesi non rivela alcun altra malattia sessualmente trasmissibile (ad es. Clamidia). CIT di 2 settimane dopo l ultimo rapporto sessuale o guarigione delle lesioni del partner regolare. Herpes labiale CIT fino alla guarigione delle lesioni. Herpes zoster CIT di 1 mese dopo completa guarigione (essiccazione delle lesioni). PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 18 di 34

19 HIV Rinvio frontespizio del Foglio informativo per i donatori di sangue. Ictus Ileostomia Immunobioterapia CIT di 3 mesi dopo la fine dell immunoterapia batterica (per es. Broncho-Vaxom, Uro- Vaxom, Buccaline, Luivac, Ribomunyl ). CIT di 12 mesi dopo la fine dell immunoterapia originata da tessuti umani (per es. Cytotect, Hepatect, vaccinazione passiva contro la rabbia ed il tetano, Varitect ). Attitudine da determinare dal MDD in caso di immunoterapia di origine umana/bovina (per es. Solcoceryl ). Infarto del miocardio Influenza CIT di 2 settimane fino a guarigione. Inoculazione, lesione da Ferita con un oggetto sporco di sangue o contatto tra una lesione muco-cutanea propria e il sangue di una persona sconosciuta. CIT di 6 mesi se contatto sanguigno. Personale ospedaliero Insufficienza cardiaca Insufficienza renale cronica Insufficienza surrenalica CID anche in caso di sostituzione. Insulto ischemico transitorio (tia) Sordità improvvisa neurologica Insulto vascolare cerebrale (ivc) rinvio Ictus Interruzione di gravidanza CIT per un periodo equivalente a quello della gravidanza alla data dell interruzione (gravidanze di meno di 28 settimane). CIT di 12 mesi in caso di interruzione nel corso del terzo trimestre (> 28 settimane). Ricerca degli anticorpi irregolari antieritrocitari. Intolleranza alimentare CI se la sintomatologia è fortemente sintomatica. Intossicazione alimentare rinvio Diarrea PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 19 di 34

20 Ipercolesterolemia CID di fronte a sintomi evidenti o in presenza di malattie cardiovascolari concomitanti. Ipertensione arteriosa rinvio Antipertensivi Ipertireosi rinvio Ipertiroidismo Ipertiroidismo CIT di 6 mesi dopo una tiroidectomia o un trattamento con iodio radioattivo. Attitudine da determinare dal MDD se trattamento con tireostatici (ad es. Neo-mercazole ). Tiroidite autoimmune Iperuricemia (acido urico alto) rinvio Gotta Ipotensione arteriosa CI se la pressione sistolica < 100 mm Hg e la pressione diastolica < 50 mm Hg. Attitudine da determinare dal MDD se pressione sistolica < 120 mm Hg in un iperteso trattato e/o se vertigine d origine indeterminata. L Effortil può essere somministrato solo su ordine medico durante o dopo la donazione. Ipotireosi rinvio Ipotiroidismo Ipotiroidismo Accettare solo sulla base di informazioni complementari fornite dal medico curante e se il suo stato si è stabilizzato con il trattamento di sostituzione. Informarsi su eventuali complicazioni (per es. l angor). Isterectomia CIT di 1 mese se patologia benigna, in funzione della natura dell intervento e delle eventuali complicazioni, dopo valutazione del MDD. Itterizia rinvio Ittero Ittero Accettare se antecedenti di emolisi neonatale, colelitiasi, ittero congenito non infettivo o altre cause documentate, non infettive o cancerogene (tossiche, medicamentose). Epatite Gilbert, malattia di- Ittero intermittente giovanile rinvio Gilbert, malattia di- Kala-azar Lambliasi Malattia causata da un protozoo, giardia lamblia, parassita dell intestino. Contagio con elementi come cibo e acqua contaminati, in mancanza di igiene. C: diarrea, vomito, febbre. T: AB. CIT di 24 ore dopo la guarigione e la fine della somministrazione di ogni medicamento distribuito senza ricetta. CIT di 2 settimane dopo una terapia antibiotica. Laminectomia CIT durante almeno 6 mesi. Ernia del disco, operazione PRI321-Criteri d attitudine-i Pagina 20 di 34

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico sanguinamento (acuto/cronico) iporigenerativa progenitori eritroidi (anemia aplastica, CDA, PRCA) sintesi Hb (carenza Fe, talassemia) sintesi di

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Come, reumatismo infantile? Ma esiste?

Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Dr. med. Traudel Saurenmann, Ospedale pediatrico di Zurigo Quando racconto a qualcuno che mi occupo di reumatologia infantile, spesso la reazione si tratti di un

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli