Compagnia di San Paolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compagnia di San Paolo"

Transcript

1 2010 Rapporto

2

3 Compagnia di San Paolo

4 4 1.

5 Rapporto 2010 Compagnia di San Paolo

6 Compagnia di San Paolo

7 indice Lettera del Presidente pag. 4 Organi pag. 6 Struttura pag. 8 Introduzione pag. 11 Un quadro d insieme pag. 13 Ricerca e istruzione superiore pag. 21 Testimonianza di Adalberto Merighi pag. 27 Incontro con Annalisa Magone pag. 29 Incontro con Luigi Civalleri pag. 31 Patrimonio storico artistico pag. 33 Testimonianza di Carlo Olmo pag. 37 Incontro con Luisa Papotti pag. 39 Attività culturali pag. 41 Incontro con Gigi Cristoforetti pag. 45 Testimonianza di Aldo Audisio pag. 47 Sanità pag. 49 Testimonianza di... Mauro Salizzoni pag. 53 Incontro con... Maria Rosa Conte, Stefano Grossi e Riccardo Bevilacqua pag. 55 Politiche sociali pag. 57 Incontro con Maurizio Baradello e Roberta Giaretto pag. 61 Incontro con Roberta Margiaria pag. 63 Programma Housing pag. 65 Incontro con Mirella Violato pag 67 Incontro con Pier Matteo Fagnoni pag. 69 Archivio Storico pag. 70 Enti strumentali pag. 71 Fondazione per la Scuola pag. 72 Ufficio Pio pag. 74 Collegio Carlo Alberto pag. 76 Istituto Superiore Mario Boella pag. 77 SiTI pag. 78 HuGeF pag. 79 La gestione finanziaria pag. 81 Conto Economico pag. 84 Stato Patrimoniale pag. 86 Interventi per settore pag. 88

8 Lettera del Presidente 4 Il Presidente Angelo Benessia L anno 2010, del quale questo Rapporto annuale offre il resoconto, appare ancora immerso nella crisi. Una crisi che, come abbiamo già avuto modo di scrivere, si manifesta di gravità ben più profonda di una pur straordinaria congiuntura negativa, con scosse ed emergenze continue. D altro canto, anche questo 2011, che pure dal punto di vista delle economie mondiali vede il mantenersi della spinta nei paesi Brics e in alcune realtà del mondo sviluppato, non lascia ancora intravedere, in Europa (con la vistosa e non casuale eccezione della Germania), i segnali di una effettiva ripresa economica, alla quale, specialmente in Italia, non reca il suo contributo una visione politica angusta, legata ai particolarismi di una permanente quanto sterile contesa per il prevalere delle persone più che delle idee. Anche i microindicatori della qualità della vita sociale compongono un quadro che mantiene alta la nostra preoccupazione. La nostra società anche locale è impegnata in uno sforzo volto al recupero di una visione strategica di buon respiro, verrebbe da dire di un senso profondo e condiviso delle istituzioni, che stenta però a trovare sbocchi realizzativi. Certo, pur nella penuria di risorse, esistono spinte positive che vanno sottolineate. Il sistema sociale tiene, la solidarietà non è offuscata dall egoismo, vi sono i presupposti di un ben calibrato ricambio generazionale ai vari livelli della classe dirigente; creatività e talento non sono esauriti. Penso, ad esempio, alla bella esperienza di Torino Anni 2020 e ai segnali di civile patriottismo per alcuni inattesi emersi in concomitanza con il Centocinquantenario dell Unità italiana. Tutti sintomi che rivelano un desiderio popolare, in senso stretto, di assunzione di iniziativa e responsabilità. Sono questi gli aspetti che l azione della Compagnia ha cercato di favorire anche nel corso del Le nostre risorse economiche, che una attenta gestione ha permesso di non ridurre, generando anzi qualche incremento alle riserve per il futuro, sono andate verso

9 quei settori, come la ricerca, che operano per un futuro sostenibile nei territori dove opera la Compagnia. Obiettivo verso il quale tende anche l impegno crescente nelle politiche sociali, per contrastare la vulnerabilità individuale e familiare acuita dalla crisi economica e che il sistema di welfare, messo a dura prova, riesce a fatica a tamponare. Arte e cultura rappresentano, infine, il terzo caposaldo della nostra attività presidio di vita civile ma anche occasione di sviluppo economico con un impatto di spesa consistente, sia nelle città, sia nei territori di riferimento che non hanno perso la loro vivacità. Nel consegnare dunque questo rapporto soprattutto a quanti sono portatori di interessi qualificati, dai quali ci attendiamo un contributo di idee, e beninteso anche di critiche, ringrazio calorosamente tutti coloro che operano nella e per la Compagnia per l impegno da essi generosamente profuso, e sottolineo ancora una volta che l ispirazione del nostro lavoro non è quella di un benevolo mecenatismo, ma quella di un istituzione che, custode di risorse frutto di una lunga storia delle comunità locali, è impegnata a farne uso responsabile e trasparente.

10 Organi presidente Angelo Benessia VICE presidenti 6 Angelina Galli Suor Giuliana CONSIGLIO GENERALE Luca Remmert Stefano Ambrosini Arnaldo Bagnasco Caterina Bima Amalia Bosia Matteo Giuliano Caroli Daniele Ciravegna Giovanni Battista Conso Alberto Dal Poz Francesco Dassano Marco Doria Giorgio Groppo Maurizio Maresca Isabella Massabò Ricci Marco Mezzalama Gian Giacomo Migone Paolo Montalenti Bice Mortara Carlo Ossola Giorgio Pestelli Giuseppe Pichetto Patrizia Polliotto

11 COMITATO DI GESTIONE Angelo Benessia Angelina Galli Suor Giuliana Luca Remmert Giuseppina De Santis Stefano Delle Piane Aldo Fasolo Antonio Rossomando COLLEGIO DEI REVISORI Sergio Duca Alberto Giraudo Fabrizio Morra SEGRETARIO GENERALE Piero Gastaldo aggiornato a maggio 2011

12 Struttura 8 SEGRETARIO GENERALE Piero Gastaldo Emanuela Giampaolo Segreteria SEGRETERIA DI PRESIDENZA Donatella Peiretti Angela Marrocu SEGRETERIA DEGLI ORGANI E SUPPORTO LEGALE Clara Carraro Responsabile Laura Barile Tiziana Garesio Daniela Palamenghi Stefano Pannier Suffait Giuseppe Peracchiotti RESPONSABILI DI MISSIONE Flavio Brugnoli CONTROLLI INTERNI E SVILUPPO ORGANIZZATIVO Giorgia Valle Responsabile Dario Ferrero Paola Filipponi ANALISI E CONTROLLO INVESTIMENTI Angela Gallo Responsabile Giorgio Buggio Simonetta Francavilla AMMINISTRAZIONE E SERVIZI GENERALI Marco Molino Responsabile Nicola Bruno Mariella Campadello Vincenzo Colombo Francesco Giampaolo Isabella Lazzara Fabio Molena Paolo Salvemini AMMINISTRAZIONE PERSONALE Oreste Stagi Responsabile Marisa Consolaro Silvia Perla Carla Tosi COMUNICAZIONE E UFFICIO STAMPA Filippo Vecchio Responsabile Francesca Corsico Vice Responsabile Francesca Contini Giulia Coss Francesca Guala Marinella Matta Alessandra Rota STUDI, ARCHIVIO STORICO E DOCUMENTAZIONE Marco Demarie Responsabile Ilaria Bibollet Anna Cantaluppi

13 Nicola Crepax Erika Salassa Sonia Schellino Giuseppe Tabbita Antonella Turato ORGANIZZAZIONE AREE OPERATIVE Massimo Coda Spuetta Responsabile Alessandra Rosso AMMINISTRAZIONE ATTIVITÀ ISTITUZIONALI Pietro Trovero Responsabile Federica Agnelli Angela Ceretto Claudia Curotti Simona Dicesare Maria Santoro Chiara Valfrè Paola Vigitello AREA PATRIMONIO STORICO ARTISTICO Rosaria Cigliano Responsabile Allegra Alacevich Laura Fornara Francesca Gambetta AREA ATTIVITÀ CULTURALI Maria Cristina Olivetti Responsabile Sandra Aloia Rosa Anna Grassi Sara Leporati Arianna Spigolon AREA RICERCA e istruzione superiore Mario Gioannini Responsabile Barbara Daviero Andrea Fabris Silvia Pirro Nicolò Russo Perez AREA SANITÀ E RICERCA SCIENTIFICA Stefano Scaravelli Responsabile Silvia Dorato Paola Sabbione Irene Trodella AREA POLITICHE SOCIALI Luigi Morello Responsabile Antonella Ricci Vice Responsabile Paola Assom Matteo Bagnasco Patrizia Calabrese Luca Grbac Daniela Gregnanin Francesca Repetto Elisa Saggiorato Luca Scarpitti Marzia Sica aggiornato a maggio 2011

14 10

15 introduzione Il Rapporto annuale della Compagnia di San Paolo rappresenta il bilancio di missione della fondazione. Si tratta di un documento che, in forma concisa ma articolata, dà conto dell insieme dell attività annuale, organizzando la narrazione per settori di intervento ed enucleando quei progetti o programmi che, per contenuti o metodologia, hanno costituito realizzazioni innovative o che la Compagnia giudica come particolarmente ben riusciti ed emblematici. Il Rapporto è di per sé espressivo del lavoro della fondazione: ma il suo senso risalta maggiormente se posto in relazione ai documenti programmatici che la Compagnia ha adottato e di cui costituisce lo sforzo di implementazione, certo in un contesto sempre mutevole: si tratta delle linee programmatiche pluriennali ( ) e della loro applicazione annuale, che trova formulazione nel documento programmatico annuale. Entrambi sono reperibili sul sito della Compagnia (www.compagnia.torino.it). I dati quantitativi del documento emergono dal bilancio È bene sottolineare che, nel caso delle cifre delle erogazioni, essi rispecchiano i dati degli stanziamenti effettuati attraverso le procedure statutarie della Compagnia nel corso dell anno Si tratta pertanto in modo significativo di erogazioni effettuate in corso d anno, ma altresì di accantonamenti collegati a progettualità già ben individuate e che troveranno manifestazione monetaria in futuro. D altro canto, l attività della Compagnia è un flusso continuo, e la sua rappresentazione attraverso compartimentazioni annuali riesce a dare una rappresentazione d insieme soltanto parziale. Il Rapporto annuale rappresenta uno dei momenti chiave della rendicontazione che la Compagnia effettua verso tutti gli ambienti e i territori dei quali si sente responsabile. Non è il solo: la comunicazione attraverso il sito web e la newsletter costituiscono altre forme di, per così dire, gestione attiva della trasparenza. È però un momento importante perché induce la Compagnia struttura complessa e organizzata in unità specializzate a ripensare nell insieme il proprio operato valutandone la qualità in rapporto agli assunti metodologici e di valore che essa stessa si è prefissa: lo sviluppo territoriale come obiettivo e come criterio, la coesione e la solidarietà sociale, la crescita del capitale umano, la multiscalarità delle azioni. Un occasione di autovalutazione ed apprendimento dunque, sempre da perfezionare, oltre che uno strumento di rendicontazione. Dopo la descrizione del quadro d insieme delle attività della Compagnia di San Paolo, ogni area presenta i propri interventi più significativi realizzati nel corso del I vari capitoli istituzionali riportano una breve introduzione sulla logica d azione del settore, il dettaglio della ripartizione dei fondi per filone di attività e una selezione degli interventi giudicati più innovativi o significativi. La totalità degli interventi è riportata in dettaglio in appendice.

16 35,8 % Ricerca e istruzione superiore 15,2 % PATRIMONIO STORICO ARTISTICO 32,6 % POLITICHE SOCIALI 12,0 % attività culturali 12 4,4 % sanità

17 Un quadro d insieme Il complesso degli stanziamenti effettuati dalla Compagnia di San Paolo nel corso del 2010 è ammontato a euro ,00 (di cui euro a valere su fondi deliberati nel 2010 e euro a valere su fondi reintegrati dalla Fondazione per l Arte), con uno scarto del -1% circa rispetto al budget per l anno come definito in sede di programmazione nel La Tabella 1 mostra la ripartizione degli stanziamenti, per numero e ammontare, secondo le cinque aree settoriali in cui è articolata l attività erogativa della fondazione. Le cifre riportate descrivono le decisioni di spesa effettuate dal Comitato di Gestione, l organo della Compagnia cui è statutariamente affidata tale competenza. Non necessariamente esse corrispondono alle erogazioni effettuate dalla Compagnia nel corso del 2010: accade, infatti, che alcuni stanziamenti possano avere manifestazione finanziaria nell anno successivo e questo per effetto della tipologia dei progetti, delle scadenze previste per le erogazioni o semplicemente perché alcune deliberazioni di spesa sono assunte a cavallo di due esercizi. La verifica di quanto effettivamente erogato in forma finanziaria dalla Compagnia compare nel prospetto Rendiconto degli stanziamenti deliberati e delle erogazioni effettuate nel corso dell esercizio. In modo analogo, è bene dire che non tutti gli stanziamenti corrispondono ad un solo intervento progettuale: il caso di alcuni bandi, rispetto a cui ad un unico stanziamento d insieme corrisponde una molteplicità di interventi in anni successivi, ne è un esempio tipico. In coda a questo Rapporto, si trovano tutti gli interventi effettuati nell anno da parte della Compagnia. La ripartizione per classi dimensionali degli stanziamenti è riportata in Tabella 2. È interessante notare che, a seguito di una intenzionale politica di riduzione dei microinterventi di molti dei quali si teme l irrilevanza il numero di questi ultimi (fino a 10 mila euro) è stato mantenuto molto contenuto in termini di numerosità e conseguentemente di ammontare economico. Tabella 1: consuntivo stanziamenti 2010 Stanziamenti % ammontare % Ricerca e istruzione superiore , ,00 35,8 Patrimonio storico artistico , ,52 15,2 Attività culturali , ,52 12,0 Sanità 19 2, ,96 4,4 Politiche sociali , ,00 32,6 Totale , Tabella 2: stanziamenti per classe dimensionale Classe dimensionale Stanziamenti % ammontare % , ,51 0, < , , , ,49 42,2 > , ,00 52,3 Totale ,00 100

18 Una delle opzioni strategiche che contraddistinguono l azione della Compagnia consiste nel ruolo assegnato ai cosiddetti Enti strumentali, realtà dotate di autonoma personalità giuridica e capacità gestionale e legati alla Compagnia per quanto attiene la definizione della governance e delle linee di indirizzo strategico. I contributi a favore di tali enti fondazioni o associazioni di cui si riporta l ammontare 2011 in Tabella 3, sono naturalmente inclusi nelle erogazioni generali, a valere sull area di riferimento. Ufficio Pio e Fondazione per la Scuola rappresentano istituzioni generate storicamente dalla Compagnia (entrambi possono essere fatte risalire alla fine del 500). Gli altri enti, costituiti dalla Compagnia negli ultimi dieci anni, sono organizzazioni orientate alla ricerca scientifica avanzata fondati in forma associativa vuoi con l Università, vuoi con il Politecnico di Torino. Nella tabella è assente la Fondazione Hugef, ultima nata, dedicata agli studi di genetica e di genomica e finanziata su fondi stanziati in anni precedenti al 2010 (la Fondazione per l Arte, invece, è impegnata in una fase di riprogettazione). Tabella 3. Enti strumentali 14 Ricerca Educazione Arte Cultura Sanità Assistenza Fondazione per la Scuola (interventi per il sistema scolastico) , , ,00 Ufficio Pio (solidarietà) , ,00 Collegio Carlo Alberto (alta formazione e ricerca nelle scienze economiche) , ,00 Istituto Mario Boella (alta formazione e ricerca nelle telecomunicazioni) , ,00 SiTI (alta formazione e ricerca sui sistemi territoriali) , ,00 totale , , ,00

19 Nella Tabella 4 viene rappresentata la ricaduta geografica degli stanziamenti La Compagnia non ha statutariamente un vincolo territoriale cogente per quanto attiene l attività erogativa: è ben visibile, però, come anche nel 2010 sia esistito un bacino di elezione, centrato sul Piemonte e con un fulcro nella città di Torino e nella sua provincia. Altre aree storicamente preferenziali sono la Liguria, in particolare la città di Genova, e Napoli in Campania. Gli interventi all estero riguardano da un lato l Europa (reti europee) e dall altro paesi del sud del mondo (cooperazione allo sviluppo), in particolare africani, con pochi ma dimensionalmente non irrilevanti interventi. Altro punto di rilevante interesse generale è la ripartizione degli stanziamenti per tipologia giuridica dei soggetti percipienti. È ciò che descrive la Tabella 5, da cui si desume un importante dato di fatto: le risorse avviate verso il settore del privato sociale senza fini di lucro rappresentano quasi tre volte quanto erogato a favore degli enti pubblici, a testimonianza di una fattiva fiducia nei confronti della società civile organizzata. L alto valore raggiunto dalle risorse per le fondazioni dipende sia dalla presenza in quella categoria di alcuni Enti strumentali della Compagnia, sia dalla specificità italiana che annovera tra le fondazioni (non di origine bancaria) una maggioranza di soggetti operativi scarsamente patrimonializzati e numerose istituzioni culturali (si pensi a musei o fondazioni liriche). Tabella 4: stanziamenti per localizzazione del percipiente Area geografica numero % ammontare % Torino e provincia , ,00 80,5 Altre province del Piemonte , ,00 4,8 Liguria 65 9, ,00 5,9 Campania 12 1, ,00 2,4 Altre regioni 54 7, ,00 4,3 Estero 13 1, ,00 2,1 Totale , Tabella 5: stanziamenti per natura giuridica dei percipienti Enti pubblici ,00 Amministrazioni centrali 5.000,00 Enti locali ,00 Enti pubblici non territoriali ,00 Enti Privati ,00 Associazioni di promozione sociale ,00 Altre associazioni ,00 Organizzazioni di volontariato ,00 Fondazioni ,00 Cooperative sociali ,00 Altro ,00 Totale ,00

20 Tabella 6: erogazioni per area settoriale (migliaia di euro) Settore Ricerca Istruzione Arte Cultura Sanità Assistenza Progetti speciali totale SETTORI di cui: risorse di competenza dello stesso anno di bilancio Volontariato F. Speciali 266/ Volontariato Protocolli d intesa totale Risorse finanziarie corrisposte nell anno

21 La Tabella 6 mostra la serie storica degli stanziamenti per settore nel corso degli anni 2000 e permette di osservare la capacità di spesa della Compagnia nei diversi anni. Come mostra il Grafico 1, la ripartizione tra le singole aree di intervento durante questo torno d anni ha subito una sostanziale stabilità, corretta soltanto negli anni più recenti a favore dei progetti sociali; il restringimento della spesa in campo strettamente sanitario è da spiegarsi anche con la ristrutturazione in corso del sistema sanitario piemontese e la ridefinizione delle sue priorità facente seguito alle elezioni regionali del Per quanto riguarda infine il contributo al volontariato ex legge 266, nel corso del 2010 l accantonamento annuale è stato pari a ,57 euro mentre l importo destinato alla Fondazione per il Sud (protocollo ACRI/volontariato 23/6/2010) non è stato inserito in quanto oggetto di delibera nel corso del Grafico 1: andamento della ripartizione delle erogazioni tra aree % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% Politiche sociali (inclusa ex area progetti speciali) Sanità Attività culturali Patrimonio storico artistico Ricerca e istruzione superiore 10% 0%

22 Rendiconto degli stanziamenti deliberati e delle erogazioni effettuate nel corso dell esercizio Tipologia saldo 1/1/10 accantonamenti ridestinazioni tot. incrementi Erogazioni deliberate Settore Ricerca , , , ,60 Settore Istruzione , Settore Arte , , , ,52 Settore Beni e attività culturali , , , ,52 Settore Sanità , , , ,86 Settore Assistenza , , , ,64 Progetti Speciali ,47 - Totale erogazioni deliberate ,54 *** , , ,14 18 Fondi per l attività di istituto Fondo di stabilizzazione delle erogazioni , , ,11 Fondi per le erogazioni nei settori rilevanti , , , ,00 Programma Musei , Programma Neuroscienze , Programma Housing , , , ,00 Programma per gli immobili degli Enti strumentali , Fondo per il barocco , Fondo speciale Infrastrutture , Fondi Protocollo d intesa ACRI/Volontariato Accantonamenti da destinare a favore dei programmi già attivati o di quelli da attivare nell esercizio , , , , , ,00 Altri fondi di cui: , Fondo dotazione patrimoniale Fondazione per il Sud (vincolato) ,86 - Fondo acquisto opere d arte (vincolato) , Borse di studio Manerba ,00 - Totale fondi per l attività di istituto , , , ,11 Erogazioni deliberate , , ,57 Fondi Protocollo d intesa ACRI/Volontariato destinati a favore dei Centri di Servizio per il Volontariato , , ,80 Totale fondo per il volontariato , , , ,37 (*) Le erogazioni effettuate nel 2010 non coincidono con gli stanziamenti effettuati (colonna accantonamenti), in quanto le condizioni per le erogazioni stesse si possono manifestare a distanza di tempo dalla deliberazione. Ciò è ancor più rilevante data l incidenza degli interventi pluriennali.

23 UTILIZZI DELIBERE 2010 (*) UTILIZZI DELIBERE ANNI PRECEDENTI 2009 (**) accantonamenti TOTALE DECREMENTI tot. incrementi 31/12/ , , , , , , ,25 0, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,47 0, , , , , , , , , , , , , , , ,00 0, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,99 (**) Tale utilizzo si verifica con riferimento a erogazioni pluriennali a valere sulla medesima delibera, a erogazioni relative a stanziamenti per programmi deliberati in esercizi precedenti o, più in generale, a interventi per i quali il momento attuativo è successivo rispetto a quello della delibera stessa. (***) La differenza rispetto agli stanziamenti di complessivi euro è dovuta alla ridestinazione per euro relativi a fondi rimborsati dalla Fondazione per l Arte.

24 20

25 Ricerca e istruzione superiore Ricerca scientifica Il sostegno alla ricerca scientifica è per la Compagnia un obiettivo che intende rafforzare il legame fra ricerca di base e applicata e favorire lo sviluppo dell innovazione tecnologica e produttiva, soprattutto a livello locale. Sia l una sia l altra di queste finalità, che non hanno escluso la considerazione di progetti curiosity-driven, hanno comportato la ricerca di forme di focalizzazione strategica e di raggiungimento di masse critiche. In questo senso si spiega il perseguimento di sinergie tra gli Enti strumentali di ricerca della Compagnia e l adozione di procedure strutturate di assegnazione delle risorse (come le Convenzioni con gli atenei), in un quadro generale che, come è noto, ha visto anche nel corso del 2010 una stagnazione se non un ulteriore abbattimento nel sistema locale delle risorse per la ricerca. A ciò la Compagnia ha opposto la costanza dei fondi per la ricerca, accompagnata, come si è detto, ad atti di impulso verso il perseguimento di maggiore efficienza e produttività nel sistema. I filoni sotto riportati descrivono le priorità disciplinari e tematiche del Tra esse, anche per la realizzazione di ESOF2010 a Torino, spicca il sostegno alla divulgazione e al dibattito pubblico sulla scienza, area su cui la Compagnia intende continuare ad investire per i suoi importanti risvolti di innovazione culturale ma anche di maturazione democratica. Ricerca economico giuridica Il sostegno alla ricerca economica e giuridica, con i suoi addentellati nel campo delle scienze politiche e sociali, ha preso la forma di uno specifico orientamento alle produzione di policy o di analisi orientate alle policy su problemi rilevanti, sulla formazione di polarità di ricerca a elevato grado di specializzazione e riconoscibilità internazionale sulla sostenibilità dei progetti e degli enti anche attraverso soluzioni di integrazione. Anche nel caso della ricerca economica e giuridica, il rapporto con gli Enti strumentali di ricerca è stato posto al centro, con l obiettivo specifico di formare unità forti, capaci di servire come relais di eccellenza tra il sistema locale e le comunità scientifiche internazionali. Il tema dell internazionalizzazione è un aspetto trasversale della politica della Compagnia: nell ambito in questione, esso ha visto la continuazione e lo sviluppo di progetti con partner qualificati su scala europea e transatlantica, come pure il prendere forma a Torino di un centro orientato allo studio delle relazioni internazionali e agli area studies, mentre si è continuato a lavorare sulla formazione di un integrazione plurale ma stabile tra i soggetti sostenuti dalla Compagnia nel campo degli studi europeistici. La nuova logica delle Convenzioni con gli atenei ha interessato anche la ricerca economica e giuridica, permettendo di razionalizzare gli apporti alle istituzioni universitarie.

26 Aree e Filoni tematici Numero iniziative Importo Incidenza % Enti strumentali ,00 33,8 Convenzioni atenei ,00 29,2 RICERCA SCIENTIFICA Scienze della vita ,00 4,8 Tecnoscienze ,00 0,6 Diffusione della cultura scientifica e tecnologica ,00 3,3 Totale Ricerca scientifica ,00 8,7 22 RICERCA ECONOMICA E GIURIDICA Innovazione: profili economici e giuridici ,00 9,6 Il Nord Ovest ,00 3,4 Integrazione europea e relazioni internazionali ,00 14,3 Migrazioni e integrazione ,00 1,1 Totale Ricerca Economica e Giuridica ,00 28,4 Totale Ricerca ,00 100

27 principali progetti realizzati Ricerca scientifica INGEGNERIA BIOMEDICA Nell ambito della ricerca biomedica e delle biotecnologie, è stato erogato un contributo a sostegno dell attività di ricerca del Laboratorio di Ingegneria del Sistema Neuromuscolare LISiN per il L ambito di intervento dell iniziativa riguarda l ingegneria biomedica e lo studio del sistema neuromuscolare per mezzo di tecniche non invasive volte a sviluppare l attuale bagaglio di conoscenze di base e applicate di tale sistema. NEFROLOGIA INFANTILE È stato erogato un contributo a favore della Fondazione Malattie Renali del Bambino Onlus di Genova, a parziale sostegno del progetto di ricerca La nefropatia cronica del rene trapiantato: bloccarne i meccanismi responsabili per una precoce prevenzione. PER LA LOTTA CONTRO IL CANCRO A favore dell Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro di Genova, nel filone Scienze della vita, ricerca biomedica, sono stati finanziati i seguenti progetti: realizzazione di un modello in vitro e in vivo per lo studio di cellule staminali tumorali di carcinoma polmonare (NSCLC) al fine di sviluppare approcci terapeutici innovativi selettivamente mirati contro di esse; sviluppo e implementazione di nuovi servizi scientifici di eccellenza per la ricerca traslazionale nell ambito delle core facilities dell IST; nanovettori intelligenti per la diagnosi e la terapia oncologica; lo stroma linfonodale come bersaglio della terapia dei linfomi. COMPRENDERE LA SCIENZA A favore dell Associazione CentroScienza Onlus di Torino sono state sostenute alcune delle sue attività sul territorio cittadino: Le Settimane della Scienza, nate dall iniziativa La Settimana della Cultura Scientifica, promossa a livello nazionale dal MIUR, con lo scopo di mettere in contatto il pubblico con la comunità scientifica, attraverso mostre, spettacoli teatrali, aperture serali dei musei scientifici, laboratori e attività in piazza; Settimana del Cervello, iniziativa svolta nell ambito del progetto internazionale promosso dalla Dana Foundation, in collaborazione con l Istituto di Neuroscienze di Torino (NIT), la Scuola di Dottorato in Neuroscienze dell Università degli Studi di Torino e l Istituto Nazionale di Neuroscienze; Re-Fuel! Research is Fun, Young, Ever Living! Notte dei Ricercatori (24 settembre 2010), iniziativa cofinanziata dalla Direzione Generale per la Ricerca della Commissione Europea con il progetto Researchers Night avviato dal 2005; GiovedìScienza, ciclo di conferenze-spettacolo di divulgazione scientifica giunto alla sua XXV edizione. COMUNICARE LA SCIENZA A favore del Centro Interuniversitario Agorà Scienza è stata sostenuta la Scuola Estiva per dottorandi SCS (Scienza Comunicazione Società). La summer school si è occupata di analizzare l efficacia comunicativa di grandi eventi, tra i quali ESOF2010, l Euroscience Open Forum, meeting europeo dedicato alla ricerca e all innovazione, tenutosi dal 2 al 7 luglio 2010 nell area del Lingotto di Torino, con iniziative in vari punti della città e sostenuto dalla Compagnia. È stato erogato un contributo per l organizzazione dell edizione 2010 del Festival della Scienza, uno dei maggiori eventi di diffusione della cultura scientifica a livello internazionale. Sono state sostenute alcune delle attività di Observa Science in Society e in particolare l Osservatorio Scienza e Società, all Annuario Scienza e Società e al Science in the Media Monitor.

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli