Poweradmin ISSIA Branch Versione Manuale d installazione e uso. Claudio Marotta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poweradmin ISSIA Branch Versione 0.3.6. Manuale d installazione e uso. Claudio Marotta"

Transcript

1 Poweradmin ISSIA Branch Versione Manuale d installazione e uso Claudio Marotta Novembre

2 Indice 2

3 1 Introduzione PowerAdmin e un progetto teso a creare un front-end web-based per l amministrazione di server DNS. Il progetto originale (cfr. e utilizzabile esclusivamente per l amministrazione del name server PowerDNS, ma poichè PowerAdmin si interfaccia con un database di back-end e non con il name server esso si è prestato ad essere adottato come front-end del Berkley Internet Name Domain, ovvero Bind, il server DNS più noto ed utilizzato. Da un attività congiunta tra CNR ISSIA e il Registro Italiano (NIC-IT) presso il CNR IIT, e nata una versione modificata per poter essere utilizzata come interfaccia per il BIND. PowerAdmin e rilasciato sotto la licenza GPLv Principali modifiche al progetto originale Fix di alcuni bug relativi all interfacciamento con il backend PostgreSQL. Introduzione di un campo Notes per ogni record, in cui l utente puo inserire del testo libero, in qualita di commento, relativo al record. Validazione del file di zona tramite l utility named-checkzone del server dns BIND. Aggiunta di nuovi livelli utente e conseguente aumento della granularità dei permessi assegnabili. Set di script (patools) per l estrazione automatica dei dati relativi alle zone modificate e generazione dei file di zona in formato BIND-compatibile. Possibilità di assegnare alle zone degli intervalli di indirizzi IP assegnabili ai Resource Record A. Possibilità di generazione dei file di zone inversi a partire dai dati delle zone dirette. Ordinamento dei dati visualizzati con criterio a scelta dell utente. Segnalazione del primo indirizzo IP disponibile. 1.2 Changelog poweradmin-issia [BUGFIX] record replicati nella creazione di zone inverse [PATOOLS] notifiche via mail [DB] creazione utente nello script db.sql [DOC] manuale d uso e installazione in latex poweradmin-issia [BUGFIX] errata gestione dei record TXT in modifica 3

4 [DOC] creazione del manuale d uso e installazione poweradmin-issia [FEATURE] ordinamento dei record a scelta dell utente [FEATURE] segnalazione del primo indirizzo IP disponibile per ogni range associato [PATOOLS] update del SOA delegato a refreshzone.pl poweradmin-issia [FEATURE] aggiunta del form per la creazione dei file inversi a partire dalle zone dirette o inverse [FEATURE] aggiunto form per la gestione degli intervalli di indirizzi associati alla zona [FEATURE] aggiunta la visualizzazione degli intervalli di indirizzi associati nella vista delle zone [FEATURE] aggiunto nuovo campo al form per la creazione dei domini, intervallo di indirizzi [PATOOLS] aggiunta script/psqloinv.pl per creazione automatica i file per le zone inverse [DB] aggiunta tabella addresses poweradmin-issia [BUGFIX] aggiunto un trigger sul database per differenziare gli eventi di cancellazione rispetto a inserimento/modifica di record [FEATURE] aggiunto livello utente 3: Power User [FEATURE] creazione e verifica (con named-checkzone) al volo del file di zona dopo ogni modifica [DOC] guida d installazione e file README in Italiano poweradmin-issia [PATOOLS] aggiunta di script/psqltodns.pl per creazione automatica dei file di zona [PATOOLS] aggiunta di script/refreshzones.pl la gestione delle zone da generare e ilrestart automatico del name server [DOC] modifiche alla guida d installazione e alla file README poweradmin-issia [DB] campo updated sui domini passa da boolean a integer poweradmin-issia.0.2 4

5 [BUGFIX] errata gestione delle sequenze su backend pgsql [FEATURE] campo notes sui record per commenti in testo libero [INSTALL] script db.sql per la creazione automatica del database [DB] aggiunta del campo updated nella tabella domains [DB] trigger setta il campo updated dopo ogni modifica sul tabella record 1.3 Contatti e riferimenti Home page del progetto originale - Home page del branch ISSIA - Name Server PowerDNS - Name Serve BIND - Web Server Apache - Linguaggio di programmazione PHP - Database server PostgreSql - Per informazioni, aiuto per le installazioni, segnalazione di bug, richiesta di feature: Contatto tecnico: 1.4 Accesso di test Nel caso si voglia prendere confidenza con l applicazione, l ISSIA mette a disposizione un account di test all indirizzo: Utilizzare le credenziali: Username: prova Password: riprova 1.5 Credits L autore ringrazia Daniele Vannozzi (IIT - CNR) per il grande supporto offerto al progetto fin dalle sue fasi iniziali, e per le puntuali informazioni fornite durante l auditing. Tutto l ISSIA e l IIT per essere stati primi sperimentatori di PowerAdmin. Si ringraziano inoltre i referenti informatici dell area di ricerca CNR di Bari. 5

6 2 Guida d installazione 2.1 Premessa Poweradmin è stato sviluppato su sistema operativo GNU/Linux. La portabilità su altri sistemi operativi non è stata testata. Gli script patools utilizzano chiamate di sistema Unix-like e pertanto non sono sicuramente utilizzabili, così come sono, su sistemi operativi diversi, a meno di ambienti tipo Cygwin. Per quanto riguarda il solo applicativo web la portabilità dovrebbe essere possibile, seppure con alcune limitazione. Si consiglia, pertanto, di installare Poweradmin su un sistema operativo GNU/Linux. Sono gradite segnalazioni sulle eventuali esperienze di utilizzo di Poweradmin in ambiente Windows. 2.2 Contenuto del pacchetto Dopo aver scaricato ( l ultima versione di PowerAdmin, branch ISSIA, potrete decomprimerlo. La directory estratta è così organizzata: docs: directory contente la documentazione del progetto originale e la documentazione del branch ISSIA; images: directory contente immagini utilizzate dal browser; inc: directory contenente le funzioni di interrogazione del database, configurazione, controllo degli accessi. In generale in questa directory sono contenuti i file non direttamente coinvolti nell interazione con l utente; script: directory contente i patools e lo script per la creazione del database; style: directory contenente i fogli di stile; tmpzone: directory deputata a fungere da contenitore temporaneo per i file di zona oggetto di controllo da parte dell utility named-checkzone; i file.php direttamente coinvolti nell interazione con l utente; 2.3 Prerequisiti L installazione di Poweradmin richiede: 1. Web server Apache, l utilizzo di server diversi non è stato sperimentato. (cfr. 2. Linguaggio Php, versione 4 o 5, con gli opportuni moduli per Apache. (www.php.net). NB: abilitare gli short open tag nel file php.ini 3. PHP PEAR Database Abstraction Layer (cfr. pear.php.net) 6

7 4. Il RDBMS PostgreSql. La versione utlizzata per lo sviluppo è la (cfr. Tutte le versioni a partire dalla 8 dovrebbero essere compatibili. Esistono delle incompatibilità accertate con le versioni antecendenti alla 8 in fase di creazione del database. Si sconsiglia quindi l installazione di Poweradmin su versioni di PostgreSql antecedenti alla Linguaggio Perl (cfr. Oltre all installazione base sono richiesti i pacchetti: DBI Sys::Syslog Net::IP Perl è il linguaggio in cui sono implementati gli script patools, gli strumenti per creazione automatica dei file di zona. 6. Ovviamente, essendo lo scopo di Poweradmin è quello di fungere da front-end per BIND, si dovrà averne una installazione funzionante. Al momento della scrittura del documento, la versione stabile rilasciata dal ISC é la P2. In caso si dovesse procedere all installazione si consiglia l utilizzo di tale versione (cfr Procedura d installazione Creazione del database Per la creazione del database si può utilizzare lo script SQL db.sql presente nella directory script del pacchetto. Le prime righe dello script dichiarano le variabili contenenti: Il nome da attribuire al database, dichiarato nella variabile dbname. Il nome da attibuire all utente sul database, dichiarato nella variabile dbuser. La password associata a tale utente, dichiarata nella variabile password. Assegnare a queste variabilli i valori preferiti. Questi valori andranno inseriti durante la fase di configurazione di Poweradmin. Per lanciarne l esecuzione è necessario effettuare il login al database come superuser. Nel prompt di psql digitare: \ i / path / to / s c r i p t /db. s q l sostituendo a /path/to/script/db.sql, il percorso del file. Come già specificato in precedenza, la creazione del database avrá esito positivo solo se applicata ad una versione di PostgreSQL uguale o posteriore alla 8. Poichè il RDBMS PostgreSql ha una politica di gestione delle autenticazioni piuttosto complessa, e la configurazione di tali politiche non è banale, si prega di prestare particolare attenzione alle modalitá di login degli utenti. Esse sono specificate nel file di configurazione pg hba.conf. Per ulteriori informazioni consultare i manuali di PostgreSql. 7

8 Verifica Per verificare il successo della procedura di creazione del database appena descritta, autenticarsi sul client sql, utilizzando le credenziali inserite modificando le prime linee di db.sql, e verificare l esistenza del database: p s q l <your db name> <y o u r d b u s e r > W digitare la password <your db secret>. Una volta nel prompt di psql, digitare: \ z Se la procedura é andata a buon fine, si otterrà il seguente output: Access privileges for database <your db name> Schema Name Type Access privileges public addresses table public domains table <your db user>=arwdxt/<your db user> public domains id seq sequence <your db user>=rwu/<your db user> public records table <your db user>=arwdxt/<your db user> public records id seq sequence <your db user>=rwu/<your db user> public supermaster table <your db user>=arwdxt/<your db user> public users table public users id seq sequence public zones table public zones id seq sequence Installazione di Poweradmin La guida all installazione originale, in lingua inglese, si trova nelnel file README presente nella directory poweradmin/docs/original.version) Di seguito i passi necessari all installazione dell applicativo ( si assume che l archivio sia stato già decompresso). 1 Rendere l intera directory, poweradmin-issia.x.y.z, disponibile al server web. Ad esempio, copiarla in /var/www. 2 Configurare i parametri di Poweradmin per la connessione al database. Il file da editare è inc/config-block.inc.php. I parametri da modificare sono indicati in seguito, Utilizzare i valori inseriti nello script di creazione del database al punto??. $dbhost = localhost ; inserire il FDQN dell host del DB, se db e webserver risiedono sullo stesso host, localhost è una valida alternativa; se la porta di ascolto del demone non è quella di default (5432) si specifichi la porta utilizzando la sintassi FQDN:port. $dbuser = <your db user> ; inserire il nome utente sul database; $dbpass = <your db secret> ; inserire la password di accesso al database; $dbdatabase = <your db name> ; inserire il nome del database; 8

9 3 Continuando a lavorare sul file inc/config-block.inc.php, configurare gli altri parametri indicati in seguito, $BASE URL = ; inserire il FQDN del vostro server, l esempio è valido solo per l accesso in locale. $BASE PATH = /poweradmin/ ; inserire il percorso, a partire dalla DocumentRoot di Apache per la directory di Poweradmin. Nel caso si sia copiato il contenuto dell archivio nella DocumentRoot (es. /var/www), il valore da inserire è poweradmin- ISSIA.x.y.z. Una soluzione più flessibile, per gestire facilmente gli aggiornamenti, consiste nel creare un link simbolico poweradmin nella directory /var/www/, che punta alla directory della versione corrente. Per esempio: s t i l e t t m y h o s t : / v a r /www/$ l s l drwxr xr x 8 s t i l e t t o s t i l e t t o :09 pa drwxr xr x 8 s t i l e t t o s t i l e t t o :43 pa drwxr xr x 8 s t i l e t t o s t i l e t t o :57 pa lrwxrwxrwx 1 s t i l e t t o s t i l e t t o :11 poweradmin > pa $HOSTMASTER = inserire l indirizzo del responsabile del servizio DNS (verrà inserito automaticamente nei record SOA); $NS1 = dns1.yourdomain.com; inserire il FQDN del name server primario; $NS2 = dns2.yourdomain.com; inserire il FQDN del name server secondario, in mancanza di un secondario inserire lo stesso valore del parametro precente; $USE BIND VALIDATION=1; questo parametro permette di utilizzare la validazione esterna dei file di zona, tramite l utility named-checkzone distribuita nel pacchetto software di BIND. È buona norma utilizzare questa verifica, poichè permette di rilevare errori che Poweradmin non è in grado di rilevare. Tuttavia, se non si volesse, utilizzare tale verifica, impostare a 0, il valore della variabile. Dopo aver salvato, rinominare il file config-block.inc.php in config.inc.php. Un eventuale copia del file originale andrà salvata in una directory diversa, pena il non funzionamento dell applicazione. Tutti i parametri presenti nel file di configurazione config.inc.php possono essere modificati anche dopo che l applicazione è stata installata. 4 Inizializzare l applicazione digitando nel browser l indirizzo: h t t p : / / $BASE URL/$BASE PATH/ i n s t a l l. php riempire i campi per creare un account amministrativo (livello 10, cfr.??) per poweradmin. Dopo aver creato l account, rimuovere il file install.php. Una eventuale copia del file originale andrà salvata in una directory diversa, pena il non funzionamento dell applicazione. 9

10 5 Rimangono da effettuare alcune operazioni di rifinitura. Assegnare la proprietà della cartella tmpzone all interno della directory di poweradmin all utente del server web Apache. (per questa operazione si deve utilizzare l utente root) : / v a r /www/ poweradmin# chown www data. / tmpzone tenendo presente che il nome dell utente del servizio web potrebbe essere diverso. Creare un link simbolico all utility named-checkzone nella directory script s t i l e t t m y h o s t : / v a r /www/ poweradmin$ which named checkzone / u s r / l o c a l / s b i n /named checkzone s t i l e t t m y h o s t : / v a r /www/ poweradmin$ l n s / u s r / l o c a l / s b i n /named checkzone \\ named checkzone 6 Se la procedura è stata eseguita correttamente, Poweradmin è accessibile all indirizzo: h t t p : / / $BASE URL/$BASE PATH/ patools patools è il set di script che si occupano di verificare la validità dei cambiamenti apportati alle zone, elaborare tali modifiche e generare i file di zona. Prima di utilizzare poweradmin per generare i file di zona di BIND e comandarne il riavvio, è necessario configurare alcuni parametri di accesso al database, gli stessi inseriti all atto della creazione del database (sez.??) e della configurazione di poweradmin (sez.??). patoolsconfig.pm File di configurazione per i patools. Aprire il file e modificare i valori delle variabili come spiegato nei commenti del file stesso. I parametri pghost, pgport, pgdatabase, pguser e pgpassword, non necessitano di ulteriori spiegazioni. È necessario fare qualche osservazione sulle altre tre variabili: dir name prefix: prefisso modificatore del nome del file di zona diretta. I patools nominano i file di zona con il corrispettivo nome di dominio. Se si vuole aggiungere un prefisso, immetterlo come valore di questa varibile (default dom. ); inv name prefix: omologo del precedente parametro per le zone inverse (default rev. ); zone file path: directory target in cui patools salvano i file di zona. È la directory dove BIND cerca i file di zona ( es: /var/cache/bind/ ). N.B: la PATH in cui perl cerca i file da includere comprende la directory corrente (PWD) e una INCLUDE-PATH di sistema. Se si intende lanciare i patools da linea di comando, si abbia cura di farlo avendo come PWD quella in cui sono contenuti tutti gli elementi dei patools (nel pacchetto sono contenuti nella directory script/ ). Eventualmente si possono creare delle copie degli script psqltodns.pl, psqltoinv.pl e refreshzone.pl in una directory della PATH di sistema (es. /usr/local/sbin) e del modulo perl di configurazione patoolsconfig.pm in una delle directory della INCLUDE-PATH di perl (es. /usr/share/perl) 10

11 Logging e notifiche info. I patools loggano tramite syslog con facilty local0 e priority Inoltre, ad ogni aggiormento delle zone e conseguente riavvio del server, si potrà ricevere una mail di notifica. Questa caratteristica richiede che sia installato il programma mail e che il sistema sia configurato per poter inviare dei messaggi di posta. Su molti sistemi mail richiede la presenza di Postfix (o di un altro MTA): se la macchina non ha anche compiti di MTA è consigliabile limitare l ascolto del demone all interfaccia di loopback. (cfr. Modificare le prime righe dello script per adattare la configurazione al proprio ambiente ( i parametri di syslog e gli indirizzi cui mandare le mail di notifica). Se non si volesse usufruire della notifica via mail, si commenti la linea 111 dello script: ## system $ r e p o r t ; ( nelle prossime versioni di Poweradmin questa opzione di sarà resa più amichevole). 11

12 3 Manuale d uso Questa sezione approfondisce l utilizzo di Poweradmin. L interfaccia è decisamente semplice ed autoesplicante, quindi le sezioni successive approfondiscono alcuni concetti per i quali l approccio intuitivo non è sufficiente. 3.1 Importazione di file di zona Se si hanno a disposizione i file di zona di BIND, e si vuole passare alla gestione tramite Poweradmin, è possibile utilizzare una utility di PowerDNS per l importazione delle zone nel database PostgreSql. L utility in questione è zone2sql ed è distribuita nel pacchetto software di PowerDNS (cfr. Un backup dei propri file è fortemente consigliato; si eviti che i patools sovrascrivano i file esistenti dopo l installazione dell applicazione. 3.2 I permessi utente Ogni volta che si crea un nuovo utente è possibile assegnargli un livello, in modo tale che la sua operatività sia più o meno limitata. Livello 1 - User: è l utente che ha le maggiori restrizioni sull attività. Può operare solo sulle zone che gli vengono date in gestione ( di cui è owner, cfr. sezione??). Può operare (aggiungere, modificare, cancellare) solo su record che non sono distintivi della zona (quindi tutti i RR esclusi SOA, NS e MX), e più in generale, tutti i recordi per i quali il nome coincida con il nome della zona. Per i record di tipo A può, l operatività è ristretta ai soli record il cui indirizzo è all interno dell intervallo di indirizzi assegnato alla zona. In altre parole, l utente di livello 1, può aggiungere un record A a patto che l indirizzo IP inserito sia all interno dell intervallo assegnato. Può cancellarne uno esistente a patto che questo abbia un indirizzo all interno dell intervallo. Può modificarne uno esistente a patto che, sia l indirizzo preesistente che quello aggiornato appartengano all intervallo di indirizzi della zona. L utente di livello 1 non può creare, né cancellare, zone. Livello 3 - Power user: può operare liberamente sui record dei domini di cui è proprietario; non ha limitazioni sul tipo di record. L utente di livello 3 non può creare, né cancellare, zone. Livello 5 - Amministratore di domini: può operare su tutti i record di tutti i domini esistenti nel database. Può, inoltre, creare e cancellare zone. Livello 10 - Amministratore di Poweradmin: ai privilegi dell utente di livello 5 si aggiunge la possibilità di gestire gli utenti (crearne di nuovi, eliminarli, modificarne le informazioni e le password di accesso). 12

13 3.3 Assegnazione delle zone Ogni zona può essere data in uso ad uno o più utenti. Tale assegnazione rende una zona disponibile alle modifiche, secondo i permessi concessi, agli utenti di livello 1 e 3. Anche agli utenti di livello 5 e 10 è possibile assegnare una o più zone, ma tale operazione non ne modifica significativamente l operatività poiche gli utenti di questi livelli, in quanto amministratori, hanno libertà di azione su tutte le zone presenti nel database, come spiegato il sez.??. 3.4 Assegnazione dei range d indirizzi Ad ogni zona è possibile assegnare uno o più intervalli di indirizzi. Il formato degli intervalli di indirizzi segue il formato CIDR. Esempio: se si è in presenza di due zone con i seguenti intervalli associati: / /26 in ognuna della zone, sarà possibile inserire indirizzi rispettivamente, da a e da a La possibilità di associare un intervallo di indirizzi alla zona ha due effetti principali: limita il raggio d azione degli utenti di livello 1 ( cfr. sez.??) permette la creazione dei file di zona inversa a partire dai dati di quella diretta. Ad ogni zona possono essere associati più intervalli. Al contrario, due intervalli sovrapposti, totalmente o parzialmente, non possono essere associati a zone diverse (l applicazione provvede a segnalare la svista con una apposita schermata d errore. 3.5 Incremento automatico del seriale Dopo ogni modifica di una zona, Poweradmin provvede in automatico all aggiornamento del campo seriale del record SOA. L aggiornamento segue le politiche consigliate dal RFC 1912: le cifre del seriale è rappresentano una combinazione di data e numero, secondo lo schema YYYYMMDDxx dove YYYY rappresentano le cifre associate all anno, MM al mese, DD al giorno e xx al seriale propriamente detto. Poweradmin aggiorna il SOA allieneandolo con la data corrente, e per aggiornamenti multipli nello stesso giorno, incrementa il seriale. Esempio: il campo seriale del record SOA ha il valore Ciò significa che l ultimo aggiornamento della zona è avvenuto in data 22 Settembre 2008, data in cui ci sono stati 3 cambiamenti. Se si effettua una modifica (data odierna, p.es. 4 Novembre 2008) il seriale assumerà valore Un ulteriore modifica porta il seriale a

14 3.6 Generazione dei file di zona La generazione dei file di zona diretti è effettuata dallo script psqtoinv.pl. La generazione dei file di zona inversi a partire da dati di zone inverse presenti sul database è effettuata dallo script psqtoinv.pl. La generazione dei file di zona inversi è a partire da dati delle corrispondenti zone dirette zone inverse effettuata dallo script psqtoinv.pl. La modalità di generazione della zona inversa è scelta dell amministratore: a seconda delle preferenze, si possono gestire direttamente i record di una zona inversa utilizzandoli per generare il file, oppure è possibile generare solo la zona diretta e delegare ai patools la generazione della zona inversa. Questa scelta è effettuabile su poweradmin selezionando la corrispondente casella nel form dedicato: spuntando la casella nel form della zona, essa verrà utilizzata per la generazione della zona inversa. Selezionando invece, l analoga casella, nel form della zona inversa, questa sarà autonoma e dovrà essere popolata indipendentemente dalla zona diretta. Nel caso l utente selezioni le caselle sia sul dominio diretto che su quello inverso, non verrà visualizzato un messaggio di errore, ma la creazione avverrà utilizzando i dati contenuti nella zona inversa. La discordanza viene segnalata nel log dei patools. Se si sceglie di generare il file per la zona inversa a partire dai dati della zona diretta, la zona inversa deve comunqua esistere sul database. È, cioè, necessario creare una zona inversa di tipo in-addr.arpa, che abbia un intervallo di indirizzi associato che COINCIDA con ( o contenga) quello della corrispondente zona diretta.. La zona inversa deve contenere un record di tipo SOA ed uno (o due) record NS validi, e si deve aver avuto cura di associare al dominio, il corrispondente range di indirizzi. Ogni altro record eventualmente presente nella zona verrà ignorato a favore dei dati della zona diretta. L esempio in figura?? chiarisce il concetto. Il perchè di questa apparente complicazione nasce dal fatto che non sempre è possibile mappare, con corrispondenza uno a uno, zone dirette e zone inverse. Può accadere infatti che ad una zona diretta vi sia la necessità di associare più intervalli di indirizzi. Al contrario può accadere che diverse piccole zone dirette abbiano associata una solo una frazione dell intervallo assegnato alla zona inversa. E non sono infrequenti situazioni in cui i problemi appena descritti si combinano. Per rendere univoco il SOA Record della zona inversa, si è preferito adottare questo approccio, che seppure meno funzionale ha da sè il pregio della coerenza delle zone. L applicazione provvede a visualizzare apposite schermate di errore nel caso in cui si richieda la generazione di zone inverse a partire dalle dirette, ma non si sia provveduto a creare sul database al zona inversa e a popolarla con i due recordi necessari (SOA e NS). 14

15 Figura 1: associazione di intervalli di indirizzi alla zona diretta e corrispondente zona inversa 3.7 Uso dei patools Il modulo di configurazione patoolsconfig.pm è stato introdotto e spiegato nella sezione di installazione dei patools (sez.??). I paragrafi successivi spiegano la funzione e l uso dei singoli script. Tutti gli script elencati in seguito utilizzano i parametri configurati in patoolsconfig.pm. psqltodns.pl Uso: : script perl per l estrazione dei file di zona a partire dai dati del database. p s q l t o d n s. p l d <nome zona> lo script accede al database e crea un file di zona. Tale file viene salvato utilizzando come nome il prefisso (per le zone dirette) configurato in patoolsconfig.pm concatenato al nome della zona. Il file viene salvato nella directory immessa come parametro in pa- Toolsconfig.pm. È importante sottolineare che questo script è in grado di creare file di zona: diretti a partire dai dati di una zona diretta; inversi a partire dai dati di una zona inversa. La creazione dei file di zona inversi a partire da dati della zona diretta è demandata, invece, a pslqtoinv.pl psqltodns.cgi: omologo semplificato del precedente ad uso esclusivo di Apache. Questo script viene lanciato automaticamente da poweradmin per generare i file di zona che 15

16 devono essere sottoposti al controllo di named-checkzone. I file vengono creati nella directory tmpzone di poweradmin e subito rimossi. Assicurarsi di assegnare la proprietà della directory tmpzone all utente Unix di Apache. psqltoinv.pl zona diretta. Uso: : script perl per l estrazione dei file di zona inversa a partire dai dati della p s q l t o i n v. p l d <nome zona> La tecnica di creazione dei dati della zona inversa a partire da quelli della diretta è piuttosto macchinosa, e soggiace sul concetto, più volte ripetuto nel manuale, dell associazione di un intervallo di indirizzi alla zona. Si tenga presente che, se la zona ha più intervalli di indirizzi associati, verranno creati tanti file quanti sono gli intervalli. Se l intervallo è un sottoinsieme di un intervallo di classe C (x.y.z.0/24), oltre ai dati della zona diretta richiesta, verranno inclusi, se esistono, i dati delle zone, che hanno intervalli associati che sono sottoinsiemi dell intervallo di classe C di partenza. refreshzone.pl Uso: r e f r e s h Z o n e. p l : script per l automatizzazione del reload delle zone. Il lavoro di questo script si articola in 3 fasi: cerca sul database i domini da aggiornare; crea i file di zona (attraverso la chiamata di psqltodns.pl e psqltoinv.pl); ravvia BIND e invia una notifica via . NB: refreshzone.pl ha bisogno di lanciare gli script psqltodns.pl e psqltoinv.pl; si consiglia pertanto di posizionarli tutti nella medesima directory. (ad esempio in /usr/local/sbin). Il restart di bind richiede il permessi dell utente Unix del name server, quindi lo script va lanciato da un utente abilitato. Si consiglia fortemente di lanciare periodicamente l esecuzione di questo script, per esempio attraverso cron, in modo da tale da da automatizzare completamente il processo di aggiornamento dei file di zona. Esempio: : / $ c r o n t a b l /15 ( cd / u s r / l o c a l / s b i n ;. / r e f r e s h Z o n e s. p l ) In questo modo lo script controllerà ogni 15 minuti i cambiamenti occorsi sul database e ricreerà opportunamente i file necessari. 16

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014)

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) Il monitoring che permette di avere la segnalazione in tempo reale dei problemi sul vostro sistema IBM System i Sommario Caratterisitche... Errore. Il segnalibro non

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

HTTPD - Server web Apache2

HTTPD - Server web Apache2 Documentazione ufficiale Documentazione di Ubuntu > Ubuntu 9.04 > Guida a Ubuntu server > Server web > HTTPD - Server web Apache2 HTTPD - Server web Apache2 Apache è il server web più utilizzato nei sistemi

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus Lista di controllo per la migrazione del dominio a /IP-Plus Iter: : ufficio cantonale di coordinamento per Per la scuola: (nome, indirizzo e località) Migrazione di record DNS esistenti a IP-Plus nonché

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Indice. Documentazione ISPConfig

Indice. Documentazione ISPConfig Documentazione ISPConfig I Indice Generale 1 1 Cos'è ISPConfig? 1 2 Termini e struttura del manuale 1 3 Installazione/Aggiornamento/Disinstallazione 1 3.1 Installazione 1 3.2 Aggiornamento 1 3.3 Disinstallazione

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Programma Servizi Centralizzati s.r.l.

Programma Servizi Centralizzati s.r.l. Via Privata Maria Teresa, 11-20123 Milano Partita IVA 09986990159 Casella di Posta Certificata pecplus.it N.B. si consiglia di cambiare la password iniziale assegnata dal sistema alla creazione della casella

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura Utilizzo del server SMTP in modalità sicura In questa guida forniremo alcune indicazioni sull'ottimizzazione del server SMTP di IceWarp e sul suo impiego in modalità sicura, in modo da ridurre al minimo

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC I servizi GARR - LIR e GARR - NIC gabriella.paolini@garr.it con il contributo di Daniele Vannozzi IAT-CNR Indice GARR-LIR Il GARR-LIR Chi gestisce gli Indirizzi IP Cos e un LIR Regole di assegnazione Assegnazione

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad.

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. OPERAZIONI PRELIMINARI Dal menu impostazioni andate su E-mail, Contatti,

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda mailto:beable@beable.it http://www.beable.it 1 / 33 Questo tutorial è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli