PIANO STRUTTURALE ASSOCIATO REGOLAMENTO EDILIZIO ED URBANISTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO STRUTTURALE ASSOCIATO REGOLAMENTO EDILIZIO ED URBANISTICO"

Transcript

1 PIANO STRUTTURALE ASSOCIATO REGOLAMENTO EDILIZIO ED URBANISTICO (Legge Regionale n.19 del e smi) DOCUMENTO PRELIMINARE DI INDIRIZZO Gruppo di progetto: Prof. ing. Giuseppe IMBESI (capogruppo) Ing. Ferdinando ERRIGO Arch. Domenico IERVASI Arch. Paola Nicoletta IMBESI Luglio 2011

2 1. ROCCELLA LE LINEE DI SVILUPPO STORICO E LE TRASFORMA- ZIONI DEL TERRITORIO I territori di Roccella J. e di Nardodipace, seppur vicini fisicamente, presentano caratteri e relazioni, ambientali e storici, molto differenti: Roccella J. si proietta storicamente con la sua rocca sulla costa e si sviluppa lungo di essa, Nardodipace e ubicato nella parte montana ed è prevalente il suo rapporto con le zone delle Serre (e ai centri del vibonese): nel complesso i due territori conformano una sezione ambientale in cui sono contenute testimonianze storiche e naturalistiche significative anche se di differente natura. La storia insediativa fornisce una chiave di lettura importante per cogliere il valore della dimensione comprensoriale: crocevia delle civiltà mediterranee la Locride ha conosciuto nel periodo greco e romano importanti frequentazioni lasciando, com è noto, tangibili segni su cui nell ultimo secolo si sono cominciati ad avviare più consistenti riflessioni che forniscono indicazioni non solo sui valori locali delle risorse archeologiche ma anche sulle reti territoriali di strutturazione del territorio. Ci si può riferire in particolare per il periodo romano al percorso della via Annia (1) (che si proiettava dopo un percorso collinare, per quanto riguarda Roccella, proprio sul mare). La vita sul litorale jonico sembra fosse stata ragionevolmente sicura fino all invasione bizantina (535 d.c.). Da tale data ha inizio la decadenza e l insicurezza delle zone costiere, l abbandono agricolo e l impaludamento, protrattasi per un millennio, con lo spostamento delle popolazioni costiere verso l interno, trovando punti di aggregazione intorno ai monasteri basiliani sorti numerosi nelle zone alto-collinari comprese fra il Bonamico e lo Stilaro ( 2 ). Il processo si invertirà solo dalla fine del XIX secolo, favorito dalla realizzazione del sistema ferroviario costiero e dalle bonifiche delle aree paludose. 1.1 Cenni storici Il territorio di Roccella è caratterizzato da due aspetti che convivendo, ne definiscono sin dalle origini il carattere e le forme insediative: da una parte la linea costiera, sabbiosa e bassa ma con un andamento lineare; dall altra l antico promontorio Cociuto, la rupe di Roccella, essenziale punto di riferimento che interrompe e articola il paesaggio costiero. L unione tra questi due aspetti definisce un contesto anomalo giacchè lo sperone non si pone direttamente sul mare ma lascia ( 1 ) La via Annia, sorta per volere di Traiano lungo la costa jonica, seguì l antica pista del dromos. Lungo questi percorsi sorgono stazioni e punti di sosta (tabernae), e terme o ville dette Aquae, più attrezzate con edifici per il pernottamento. In alcuni punti della fascia jonica reggina (Lazzaro, Melito, Bova, Palazzi di Casignana) sono emersi resti di insediamenti, probabilmente cresciuti intorno a questi nuclei originari (cfr: Provincia di Reggio Calabria, ed. Electa). ( 2 ) I frati basiliani avevano ritenuto le pianure del litorale luoghi malsani e malsicuri per i loro insediamenti conventuali sia per le infezioni malariche, a cui erano soggetti, sia per le devastazioni e i continui saccheggi da parte dei pirati. 1

3 tra se e la linea di costa una stretta ma vitale 3 fascia di terra. Vitale per la possibilità di formare un approdo ma soprattutto per un percorso stradale diretto e in funzione di una crescita dell insediamento. I primi nuclei abitati risalgono all età del ferro e appartenevano alle comunità di Hitaloi appartenenti al ceppo siculo - calabro che viveva generalmente di agricoltura, allevamento e pesca, furono affiancati da alcuni gruppi di coloni di origine Greca. Il ritrovamento di una necropoli, ascritta a questo periodo, ritrovata in zona Sant Onofrio ai confini col territorio di Caulonia confermerebbe che la zona era abitata sin dal periodo preellenico. Molte ipotesi sono state fatte circa l'esistenza di un porto nell'antichità. Di un possibile insediamento Romano a Roccella si hanno due testimonianze: una coppia di colonne monoblocco di granito rosa egiziano (sientite) e il ritrovamento di strutture murarie sottomarine di età imperiale. Le due colonne provengono dalla località Pozzo di Mellissari, tra Roccella e Caulonia Marina, donde l'appellativo di "Colonne di Mellissari" 4. Il sito è identificato con l'antico "Portus Auxonius", che accredita le strutture portuali subacque del mare antistante. Il primo insediamento stabile fu probabilmente Amphissa, colonia focese citata da Ovidio nelle Metamorfosi, sorgeva probabilmente sulla riva destra dell Amusa in territorio roccellese 5 (nella zona oggi denominata Marmorè). Nonostante le continue guerre tra Locri e Kaulon che si combattevano nelle sue immediate vicinanze, il territorio di Amphissa fu caratterizzato da una lunga fase di prosperità sociale ed economica. Anche in epoca romana Amphissa avrà grande importanza: esempio sono i resti della villa romana riportata alla luce in C.da Tipaldo 6. La caduta dell' Impero Romano d'occidente porta la rovina del piccolo villaggio: prima le incursioni dei barbari (Visigoti, Vandali e Longobardi) e poi quelle dei pirati e dei Turchi portarono gli Amphisiani ad abbandonare l originario insediamento per migrare verso l'interno. Solo alcuni gruppi, particolarmente legati al proprio territorio natale, decisero di formare un piccolo agglomerato sulla rocca. In poco tempo il nuovo villaggio si ingrandì diventando un vero e proprio paese. Nel 1040 si trova una prima indicazione di un insediamento chiamato prima Rupella, poi Arocella ed infine Roccella. La nuova posizione del paese non scoraggiò i Saraceni, che continuarono ad invadere il territorio Roccellese devastandolo e depredando gli abitanti. 3 Simonetta Valtieri (a cura di), Chiese di Roccella Jonica nello sviluppo urbano della città, Gangemi Editore Roma ) 4 5 Della città greca non si hanno sicuri riferimenti archeologici ma dalle ricostruzioni effettuate si e- vince che la città sorgesse proprio sulla destra dell Amusa per poi spostarsi successivamente sul costone roccioso dove era più facile la difesa dalla incursioni dei saraceni. 6 È opportuno rilevare che l'unica fonte a riguardo della questione Amphisia è un verso delle Metamorfosi di Ovidio (XV, 703 ss.), che recita: "Linquit [Aesculapius] Iapygiam levibusque Amphisia remis / Saxa fugit, dextra praerupta Cocynthia parte / Zephiriumque legit, Naritiamque, Cauloniamque, / Evincitque fretum, Siculique Angusta Pelori". All'infuori di questo, non è ancora scaturita alcuna prova certa, soprattutto archeologica, a fondamento di questa tesi, 2

4 Il primo documento, sull esistenza di Roccella Jonica, risale al 1270, quando a Gualtieri de Collepietro fu donato da Carlo I d Angiò il castello di Roccella di San Vittore. Questo documento, secondo gli storici, è il primo in cui il nome della città appare u- nito a quello del suo Santo Patrono, anticipando di due secoli la tradizione che voleva che alcuni naufraghi marsigliesi, di rientro in patria salvi, avessero inviato miracolose effigi a testimonianza della loro gratitudine per l ospitalità ricevuta. La ricostruzione dei primi insediamenti in epoca medievale testimonia uno sdoppiamento del centro: nel XIII secolo infatti le attestazioni di Roccellam et S. Victorem nonché la presenza di un fondaco (una dogana), fanno presupporre l esistenza di un aggregato sviluppatosi verso il mare (in prossimità della chiesa di S. Vittore dove, in corrispondenza del convento dei Paolotti, sono stati rinvenuti resti databili tra tarda-antichità e altomedioevo) Intorno al XV secolo d.c., per motivi difensivi, venne ristrutturato e fortificato il castello, opera grandiosa progettata dall'allora feudatario di Roccella, Galeotto Bardassino. Questa imponente costruzione, di proprietà delle famiglie feudatarie di Roccella (fu prima gestito dai Collepietro, poi dai Centelles e Ruffo ed infine dalla famiglia di origine ungherese dei Carafa, detti poi "dalla spina"), avrebbe dovuto difendere il popolo dalle scorribande saracene. Per cercare di anticipare gli attacchi vennero poi costruite delle torri di avvistamento lungo tutta la costa della Locride. Anche a Roccella ne fu costruita una: la roccia di Pizzofalcone. La fascia costiera situata sotto la rocca non rimase completamente disabitata: accanto alla Chiesa di S. Vittore, si verrà ad aggiungere già dalla prima metà del XVI sec., la Chiesa di S. Antonio Abate con un piccolo nucleo di case dei pescatori. 3

5 Erasmo Magno da Velletri, Veduta della città di Roccella Si narra che il leggendario corsaro turco Dragut, venuto a sapere dell'inespugnabilità di Roccella, abbia provato a conquistarla senza alcun esito. Con la sua disfatta le incursioni si fecero sempre più rare, fino a terminare completamente solo nel '700. Nel frattempo il paese continuò a crescere fino ad arrivare dove si e- stendeva una volta il vecchio villaggio di Amphissa. In questa fase è riconosciuto determinante il ruolo dei Carafa nella fondazione dei due conventi all inizio del XVII secolo: quello dei Minimi Paolotti (realizzato accanto alla chiesa di San Vittore) e quello dei Minori Riformati, costruito nel 1614, ai piedi della salita che conduce al palazzo, che costituiranno due poli di aggregazione nell urbanizzazione del territorio esterno alla città murata. Più a monte, proprio sotto la rupe, nel primo quarto del XVII secolo sorgerà la Chiesa della Concezione (oggi S. Giuseppe) con l'annesso Convento dei Riformati; quindi, tra il 1614 ed 1629, la Chiesa di S. Giovanni Battista con il Priorato dell'ordine di Malta, sulla strada che conduceva alla Porta della cittadella (oggi V. Vittorio Emanuele). All'inizio di questa strada era collocato, già nel XVII secolo, un arco che fungeva da prima porta dell'abitato fuori le mura, accanto al vallone S. Vittore (vallone Pistonello), sulla sponda opposta al Convento dei Minimi. Non è escluso che già dal XVII sec. ci fosse un piccolo nucleo abitato lungo il Dromo, l'antica strada costiera che, giunta a Roccella, saliva verso la rupe; lo stesso nome odierno di questo quartiere, il Borgo, lascia intendere la funzione di primo a- bitato fuori le mura. 4

6 Ritratto di Fabrizio I Carafa, Incisione (Aldinari, Vol.I p.277) Altre ville gentilizie sorgevano sparse nella campagna sottostante la cittadella, tra cui quella 'balneare' dei principi Carafa. Un sensibile cambiamento nell'assetto urbanistico e architettonico della cittadella, si mise in atto nel XVIII secolo, allorquando il ramo cadetto della famiglia Carafa, quello dei Duchi di Bruzzano, si insediò nel principato di Roccella. Il primo e più cospicuo intervento fu attuato sul Palazzo feudale: acquistate alcune case limitrofe, il Principe Vincenzo Carafa fece ampliare il vecchio edificio verso sud, inglobando le case acquisite; venne realizzato così, tra il 1706 ed il 1726 il grandioso Palazzo barocco che è giunto fino a noi; contemporaneamente attuò un piano urbanistico grazie al quale furono creati nuovi spazi nella cittadella abbattendo altre case; inoltre fu costruito il fronte bastionato della cortina muraria all'ingresso della città, sottostante lo stesso Palazzo. Una descrizione del 1707 (riscontrata in un catasto ottocentesco), ricostruisce l assetto urbano della città murata dei Carafa, attraverso i percorsi verificati nei resti delle strutture murarie. La città, protetta da una struttura difensiva in parte bastionata adeguata nel corso del XVI secolo, e in alcune parti difese dalla naturale conformazione del sito con le abitazioni costruite come cortina muraria, è descritta come un centro che segue la morfologia del terreno, con un reticolo di strade e case coperte a tetto. Dopo aver percorso una salita e oltrepassato un ponte levatoio (oggi scomparso), si arrivava alla porta, ancora esistente, che immetteva nello spazio quadrangolare antistante l accesso, che costituiva un ulteriore dispositivo di sicurezza ribadito dalla presenza di un controponte. Dopo aver superato i controlli, si accedeva alla città, percorrendo una strada lastricata di brecce che portava alla piazza (polo di riferimento dei diversi itinerari percorsi nel descrivere gli edifici), sulla quale affacciavano la sede dell Università, la Matrice e il palazzo del Principe. La città aveva tre parrocchie: S. Nicola Maggiore e Minore e S. Anastasia. Due vie pubbliche lambivano le pareti longitudinali esterne alla chiesa principale: in fondo alla strada a destra si trovava la chiesa di S. Maria de Latinis, jus patronato del Principe e, adiacente, il complesso di S. Caterina con annesso ospedale. Procedendo lungo il percorso si giungeva al limite della città segnato dalla cinta muraria con due bastioni (il S. Francesco e uno diruto). Ritor- 5

7 nando alla piazza e andando verso S. Nicola Minore, proseguendo il cammino si arrivava di nuovo al limite dell abitato e alle strutture difensive e ad altri due bastioni (S.Benedetto e Celano) 7 Veduta della città di Roccella per G.B.Pacichelli, 1701 Il lento spostamento dell'abitato dalla rocca alla pianura sottostante, ricevette il colpo decisivo dal terremoto del 1783 che arrecò danni al Palazzo, alla Chiesa Matrice e a molti altri edifici. Fuori le mura anche il Convento dei Riformati fu distrutto e mai più ricostruito, mentre il Convento dei Minimi Paolotti subì gravissimi danni, ma fu ricostruito. Sulla 'Città' rimase ancora qualche sparuto abitante fino alla metà dell'800, poi fu definitivamente abbandonata insieme al suo bel Palazzo Carafa, per essere trasferita completamente sulla costa. Alla fine del 700 a Roccella, così come in tutta la Locride, aumentava sempre di più il malcontento verso le istituzioni del regno. Le proteste ebbero il loro culmine con i moti rivoluzionari di metà '800 che nella Locride videro, come maggiori esponenti, i cinque "martiri di Gerace", abitanti della zona (uno dei quali era roccellese, Pietro Mazzone) che, nel tentativo di organizzare una rivolta, vennero traditi da alcuni finti rivoluzionari, arrestati e fucilati. Con il '900 Roccella assunse un volto moderno: venne infatti costruita la linea ferroviaria ed elettrica ed una rete fognaria. 7 Chiese di Roccella Jonica, nello sviluppo urbano della città. Storia e restauri, a cura di S. VALTIERI, Gangemi, Roma

8 1.2 Lo sviluppo della città moderna e contemporanea Roccella ha vissuto sin dall inizio del secolo scorso uno sdoppiamento tra nuclei originari e nuclei di formazione moderna: i primi punteggiano le pendici collinari, i secondi compaiono sulla costa a cornice delle infrastrutture realizzate durante il XIX secolo. Lo sviluppo moderno e contemporaneo è caratterizzato dal consolidamento nella struttura urbana attorno ai tre nuclei principali della Rupella (la città murata), della Marina e del Borgo. Nella Rupella (l antica città murata) fino al XVII secolo si svolgeva la vita sociale, politica e religiosa, anche se all esterno delle mura. La consistenza dell abitato antico è intuibile dalle poche tracce murarie superstiti 8. La Marina ha mantenuto nel tempo la sua connotazione di polo commerciale e produttivo che nel corso dell 800 e del 900 ne ha alimentano l urbanizzazione e l infrastrutturazione costiera. Il borgo è definito dalla direttrice che segue l antico tracciato del Dromo (antica strada di origine greca) a mezzacosta verso occidente e da quella che, in direzione nord-sud, arriva fino al mare e si congiunge con la Marina. La prima fase di espansione fuori della cinta muraria, attorno ai poli religiosi, databile tra la prima e la seconda metà del 700, è caratterizzato dallo spostamento degli abitanti lungo le vie di comunicazione preesistenti: è un meccanismo spontaneo che porta alla formazione di alcuni nuclei sparsi, sobborghi satelliti autosufficienti nel territorio 9. Solo in seguito al terremoto del 1783 la popolazione si sposta definitivamente verso i luoghi costieri più accessibili: gli interventi realizzati nel corso dell Ottocento nelle zone di nuova espansione, mostrano il desiderio di trasformare Roccella in una città moderna che richiede un nuovo disegno urbano. Con la costruzione della Strada Statale 106 e della ferrovia Reggio-Taranto l'area urbana, in continua crescita, si espanse in direzione del mare interessando tutta la fascia compresa tra l'attuale Viale Trastevere e la Via Zirgone. Nel 1843 viene rettificato un tratto della strada litoranea per creare un asse regolatore della futura espansione e viene effettuato uno sventramento per collegare il borgo alla marina realizzando la via Progresso (oggi Umberto I). Il piano di ampliamento Badalamenti del 1874 tende a legare tra loro i rioni storici e la nuova edificazione disegnando una maglia ortogonale flessibile, poi confermata dai successivi piani regolatori del novecento, che in parte si sovrappone all antico tessuto urbano (ad esempio nel Piano Coppola del 1907). 8 Chiese di Roccella Jonica, nello sviluppo urbano della città. Storia e restauri, opp.cit, p Chiese di Roccella Jonica, nello sviluppo urbano della città. Storia e restauri, opp.cit. p

9 Roccella: planimetria della Mappa Catastale del 1875 I Piani Regolatori del 900, poi stravolti dalle edificazioni del dopoguerra, ripresero il tema della scacchiera, anche sovrapponendola all antico tessuto urbano. Il Piano Correale del 1910 si limita ad intervenire sulle nuove aree prevedendo un ampia piazza rettangolare per il nuovo centro cittadino, circondata da una griglia ortogonale di isolati regolari. In realtà solo una parte delle previsioni saranno rispettate (la sistemazione del Corso Roma e il taglio del quartiere S. Antonio); negli anni Trenta verranno realizzati la nuova Chiesa Matrice e il Municipio, mentre, dal secondo dopoguerra in poi, l espansione residenziale progressivamente occuperà l area costiera stravolgendo la griglia di progetto. La 106 divenne così il nuovo punto di riferimento della città che si completò rapidamente fino alle attuali dimensioni: nell'anno 1849 Roccella contava abitanti, nell'anno 1871, nell'anno 1911, 7287 nell'anno 1921, nell'anno 1931 e ben nell'anno

10 Il Piano Correale del

11 Rilievo catastale del borgo antico,

12 1.3 I principali progetti di valorizzazione storico e/o ambientale Negli ultimi anni Roccella è stata interessata da interventi e investimenti tendenti al recupero del suo importante patrimonio storico-architettonico. Per dare maggiore impulso allo sviluppo economico, considerata anche la vocazione turistica ricettiva di Roccella, sono stati avviati, in collaborazione con la Regione Calabria, la Soprintendenza dei B.A.P. di Cosenza e l'università "Mediterranea" di Reggio Calabria, approfonditi studi e specifici lavori di restauro e riqualificazione dei principali e più antichi monumenti architettonici e tessuti urbanistici. Nello specifico si è dato corso al restauro, operato dalla Soprintendenza, dell'ex Convento dei Minimi, del Santuario di Santa Maria delle Grazie, della Chiesa di Santa Anastasia, della Chiesa di San Giuseppe e del complesso Castello-Chiesa dei Carafa, che rappresenta oltre che il simbolo di Roccella un sito di notevole interesse paesaggistico e monumentale. Il complesso è stato già oggetto di interventi di consolidamento e di restauro riguardanti i Bastioni e la Torre di Pizzofalcone. Allo stato attuale sono in corso i lavori di restauro della Chiesa e di parte del Palazzo, finanziati dalla Regione Calabria e attuati dalla Soprintendenza dei B.A.P. di Cosenza, tramite protocollo d'intesa con il Comune di Roccella, nell'ambito dell'accordo di Programma Quadro "Beni culturali per il territorio della Regione Calabria". Il progetto prevede il recupero e la rifunzionalizzazione dell'intero manufatto e delle aree adiacenti, consentendo la realizzazione di un centro polifunzionale unico nella Provincia di Reggio Calabria, dove poter effettuare manifestazioni culturali di vario tipo, allestire grandi mostre a livello nazionale e internazionale, predisporre itinerari di memoria storica della cultura contadina calabrese, ecc. L'attuazione del progetto ha luogo con gradualità, in base ai finanziamenti disponibili, e avviene attraverso otto Unità Funzionali di Intervento. Gli interventi principali previsti riguardano il consolidamento delle fondazioni in sostruzione, il restauro di murature, paramenti murari e intonaci antichi, il restauro di cornici, modanature e materiali lapidei, la ripresa e la realizzazione di solai in legno, il consolidamento delle volte in muratura con tecniche tradizionali, il ripristino delle coperture con strutture portanti in legname e manto di tegole con coppi tradizionali, il restauro delle pavimentazioni interne in cotto, il restauro delle pavimentazioni esterne in pietra granitica, la sistemazione dei percorsi e degli spazi pubblici, ecc. Altri interventi di rilievo, effettuati con la prospettiva di recuperare il patrimonio storico di Roccella, sono quelli inerenti i lavori di riqualificazione e di valorizzazione delle aree del centro storico. Nell'ambito del "Programma di Riqualificazione e Recupero dei Centri Storici" previsti dall'accordo di Programma Quadro "Emergenze Urbane e Territoriali" di cui alla delibera Cipe n 20/2004, le strade di Via Garibaldi, di Via Città e di parte di Via Vittorio Emanuele, sono state interessate da interventi di demolizione del- 11

13 la pavimentazione esistente e dal ripristino dell'antico storico selciato, in pietra granitica grigia, riportando alla luce quei caratteri formali che caratterizzavano l'insieme della rete viaria dell'antico Borgo e delle aree più antiche del paese. Le strade e i vicoli dell'antico tessuto, infatti, per successivi interventi nel tempo, sono stati pavimentati come quelli delle aree di nuova crescita, con bitume e cemento, cancellando le pavimentazioni di antica tradizione, con ricorsi in pietra e acciottolato, omogeneizzando il vecchio e il nuovo; mentre lungo tali assi e vicoli, ancora oggi, gli edifici signorili ottocenteschi mantengono quasi inalterate le caratteristiche edilizie storiche con gli intonaci a "zavorra" ed i portali e balconi in granito calabrese. Nel 1998 il Comune di Roccella, con l'adozione del Piano di Recupero, aveva già, con qualche difficoltà, imboccato la tendenza a voler recuperare e ridare valore alle radici storiche del paese, mirando essenzialmente a conservare e ripristinare le caratteristiche edilizie storiche di tutti gli edifici lungo gli assi viari e i vicoli dell'antico tessuto urbano, con particolare attenzione lungo gli assi di Via Garibaldi, Via Umberto e Via Vittorio Emanuele. Si è data continuità a questa tendenza completando il tratto di Via Vittorio Emanuele, tra la Via Roma e l'imbocco di Via Garibaldi, nell'ambito del "Programma di Riqualificazione, Recupero e Valorizzazione dei Centri Storici della Calabria" previsti dall'accordo di Programma Quadro "Emergenze Urbane e Territoriali" di cui alla delibera Cipe n 3/2006. Un ulteriore contributo, nella direzione del recupero dell'identità storica e architettonica di Roccella, è stato effettuato dal Dipartimento PAU (Patrimonio Architettonico e Urbanistico) dell'università "Mediterranea" di Reggio Calabria con approfonditi studi di ricerca nell'ambito del patrimonio e- dilizio ed urbanistico. Una di queste ricerche si è occupata nel 2005, in collaborazione con l'associazione EuroCal, del progetto LabLoc (Laboratorio Locride: Tecniche e tecnologie innovative di indagine conoscitiva per lo sviluppo del turismo culturale sostenibile nella Locride), relativo alla Misura 3.16 del POR Calabria "Sistema Regionale per la Ricerca e Innovazione". Scopo del progetto era quello di sottolineare l'importanza della conoscenza della storia di un centro storico e del singolo manufatto, delle tecniche costruttive e delle caratteristiche chimico fisiche dei materiali, per una esatta individuazione delle cause di degrado sui beni e una corretta scelta dell'intervento di conservazione da adottare. L esperienza realizzata nel centro storico di Roccella, ha interessato l intero nucleo urbano, anche se l indagine è stata prevalentemente effettuata sui fronti strada di via Garibaldi, via Vittorio Emanuele, via Città, via Umberto, via Municipio, Piazza San Vittorio. I percorsi studiati comprendono gli assi principali di sviluppo del centro e le fabbriche prospicienti questi percorsi, rappresentano la sintesi del lessico costruttivo del patrimonio storico del paese. È stata realizzata una campagna di rilievo diretto per tutti i percorsi con l accurata registrazione, in schede, di tutti i dati dimensionale delle fabbriche. Tutte le informazioni sono state riportate graficamente in un rilievo 12

14 geometrico dimensionale integrato con schizzi, fotografie, appunti. Tali schede sono diventate gli strumenti di supporto in cui evidenziare tutto ciò che era indispensabile verificare e controllare nella fase di rilievo. La registrazione di questi dati ha reso possibile la restituzione grafica di tutti i profili urbani su cui sono state successivamente mappati i degradi e le superfetazioni. Un altro importante apporto del Dipartimento PAU è stato determinato dalla pubblicazione del libro Chiese di Roccella Jonica, nello sviluppo urbano della città, a cura di Simonetta Valtieri, Gangemi Editore, Roma Lo studio delle chiese di Roccella è derivato da una convenzione con il Comune di Roccella, con la volontà di tracciare un percorso, per rintracciare il valore artistico e mantenere il valore della memoria, con l'intenzione di ricostruire le tappe della storia e comprendere e riconoscere le motivazioni che hanno segnato l'esistenza di luoghi nei quali si è svolta la vita della comunità. Dalla ricerca, che ha comportato indagini anche fuori dalla Calabria, sono emersi nuovi dati, come la veduta più antica finora conosciuta di Roccella rinvenuta a Firenze, o l'apprezzo del 1707 ritrovato a Napoli, che consente di ricostruire i percorsi viari della zona più antica che accoglie il Palazzo Carafa, il cui edificato attorno è scomparso. 13

15 2. ROCCELLA JONICA: LA DEFINIZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA DEI SERVIZI PUBBLICI ESISTENTI L importanza di una ricognizione sui servizi pubblici e sulle attrezzature private di uso pubblico presenti sul territorio di Roccella Jonica e di Nardodipace è stata finalizzata a esigenze diverse: la riorganizzazione funzionale dell assetto insediativo; il nuovo dimensionamento delle aree per servizi; la valorizzazione dei servizi (pubblici e privati) legati alla cultura, alla fruizione turistica e al tempo libero. L obiettivo è stato quello di individuare il livello di offerta di servizi relativi alla residenza e alle diverse attività produttive, nonché le caratteristiche di centralità (che ai diversi livelli determinano la presenza dei servizi stessi). Ciò ha indotto a scandire l analisi nelle seguenti categorie: Servizi e attrezzature di uso pubblico Attività commerciali Impianti tecnologici Aree cimiteriali, piazze e slarghi Tale schedatura è stata affrontata attraverso una indagine sul campo. 2.1 Individuazione e valutazione dei servizi ed attrezzature esistenti con indicazione delle necessità prevalenti La dislocazione delle attrezzature e dei servizi ricalca il modello insediativo generale in cui i servizi principali sono localizzati nel centro capoluogo di Roccella Ionica. La struttura commerciale ha una presenza concentrata nel centro urbano con esercizi per i generi di prima necessità o di generi vari riferibili ad un utenza locale. Le frazioni e le località abitate gravitano sul centro capoluogo e esercitano un ruolo marginale nella struttura funzionale del territorio. ISTRUZIONE Asilo nido gestito dalla Cooperativa Sociale "Progetto S" - Via A. Moro - Tel scuole materne Scuola Materna Via Giardini - Tel Scuola Materna Via Cannolaro - Tel scuole elementari Scuola Elementare "P. Coluccio" Via XXV Aprile - Tel Scuola Elementare Via Carrera Tel

16 scuole medie Scuola Media O. Filocamo Via Trastevere Tel scuole superiori I.T.I.S. Via E. Fermi Tel Istituto d Istruzione Superiore P. Mazzone Via F. Cilea - Tel Segreteria Universitaria Magna Grecia Piazza San Vittorio, presso Ex Convento dei Minimi Tel ISTRUZIONE "Fi" : STANDARD = ,00 mq DENOMINAZIONE MQ Effettivi Moltiplicatore TOT. D.M SERVIZI DI LIVELLO URBANO E TERRITORIALE I.T.I.S. 2 Istituto d Istruzione Superiore P. Mazzone 2 TOTALE 2 SERVIZI DI LIVELLO LOCALE E DI QUARTIERE 1 : Elementare "Centrale" 4.200, ,00 2 : Materna/Elementare "Carrera" 5.100, ,00 3 : Materna "Cannolaro" 2.200, ,00 4 : Materna "Via E. Fermi" 2.400, ,00 5 : Media "Orlando" 4.800, ,00 6 : Struttura scolastica in corso di costr , ,00 TOTALE , ,00 SERVIZI COLLETTIVI E GENERALI SERVIZI AMMINISTRATIVI Amministrazione comunale Palazzo del Municipio - Via Cristoforo Colombo Uffici Comunali - Via XXV Aprile Uffici postali Ufficio Postale Centrale - Via Carrera - Tel Ufficio Postale Succursale - Via Nanni Tel Polizia Municipale Uffici Polizia Municipale - via Sonnino 4 Servizi finanziari Banca Carime s.p.a. - Via XXV Aprile Tel Banca Monte dei Paschi di Siena Via Cappelleri Tel SANITÀ ASL Poliambulatorio Via Vittorio Emanuele Farmacie e ambulatori Farmacia Russo - Via Roma, 85 - Tel

17 Farmacia Taverniti - Via Roma, 23/25 - Tel CULTO Chiese Chiesa Matrice - E' la chiesa principale del paese, ubicata in via XXV Aprile, vicino al palazzo del municipio Chiesa San Nicola Ex Aleph - Detta anche Chiesa della marina o di San Vittorio. Si trova in posizione centrale vicino alla piazza San Vittorio e si affaccia direttamente su via Roma. E' la seconda chiesa del paese in ordine di importanza. Chiesa di Santa Anastasia - E' la chiesa del quartiere Borgo, infatti è detta anche chiesa del Borgo. I servizi collettivi utili alla verifica degli standard di quartiere esistenti sono: SERVIZI COLLETTIVI "Fsc" : STANDARD = ,00 mq DENOMINAZIONE MQ Effettivi Moltiplicatore TOT. D.M SERVIZI DI LIVELLO URBANO E TERRITORIALE 1. Carabinieri , ,00 2. Guardia Di Finanza 800, ,00 3. Auditorium 1.100, ,00 4. Comune 1.030, ,00 TOTALE , ,00 SERVIZI DI LIVELLO LOCALE E DI QUARTIERE 5. Ufficio Postale 3.100, ,00 6. Chiesa "Matrice" 1.200, ,00 7. Chiesa Marina/Biblioteca 1.350, ,00 8. Chiesa "Borgo" 400, ,00 9. ASL e Guardia medica 600, , Oratorio 850, , Mercato ittico (non in uso) 600, , Poliambulatorio 2.000, , ex Macello 1.200, ,00 TOTALE , ,00 VERDE Verde pubblico urbano Verde pubblico attrezzato Stadio comunale di calcio (campo sportivo) è situato lungo il Viale degli Ulivi. L impianto è uno dei pochi che dispone di un manto in erba sintetica. Vi sono, inoltre, due tribune coperte per gli spettatori, un campetto per gli allenamenti, oltre naturalmente a spogliatoi moderni ed attrezzati. La struttura è affidata in gestione alla A.S. Roccella che vi svolge attività sportiva e vanta una scuola calcio con oltre 200 ragazzini. 16

18 Tennis Club: Moderna struttura sportiva in cui si trovano due campi di tennis in terra rossa e un impianto di calcetto in erba sintetica. La struttura è gestita dal Tennis Club Roccella Jonica che organizza durante l anno diversi tornei di tennis e gestisce una scuola tennis. Il Campo di calcetto è situato all interno della struttura per il tennis di Via A. Moro. L impianto in erba sintetica è inserito in una cornice di alberi che lo circondano e dispone di un impianto di illuminazione che ne permette l utilizzo anche in notturna. Annessi al campo di calcetto vi sono i servizi con docce e spogliatoi. VERDE ATTRZZATO "Fva DENOMINAZIONE MQ Effettivi Moltiplicatore TOT. D.M SERVIZI DI LIVELLO URBANO E TERRITORIALE 1. Parco Collina Castello , ,00 2. Campo Sportivo , ,00 TOTALE , ,00 SERVIZI DI LIVELLO LOCALE E DI QUARTIERE 3. Area Fitness 8.000, ,00 4. Campi Tennis 6.200, ,00 5. Campi Bocce 750, ,00 TOTALE 6950, ,00 PARCHEGGI PARCHEGGI "P" : STANDARD = ,00 mq DENOMINAZIONE MQ Effettivi Moltiplicatore TOT. D.M SERVIZI DI LIVELLO URBANO E TERRITORIALE 1 : Parcheggio Campo Sportivo 6.500, ,00 4 : Parcheggio Area Spettacoli 4.200, ,00 TOTALE , ,00 SERVIZI DI LIVELLO LOCALE E DI QUARTIERE 2 : Parcheggio Campi Tennis 800, ,00 3 : Parcheggio Mercato Ittico 1.100, ,00 5 : Parcheggio Finanza 600, ,00 6 : Parcheggio Chiesa Marina 700, ,00 TOTALE 3.200, ,00 CULTURA E TEMPO LIBERO teatro Teatro al Castello è incastonato in una splendida cornice naturale costituita dalle pendici rocciose che lo sovrastano. La struttura ha oltre tremila posti, ospita numerosi spettacoli estivi come il Festival Internazionale del Jazz Rumori Mediterranei e numerose altre manifestazioni. Auditorium Comunale sorge nel centro cittadino ed è stato realizzato nel All interno vi è un palcoscenico di 10x9 metri con camerini attrezzati per compa- 17

19 gnie teatrali e orchestre. Per gli spettatori vi sono a disposizione 700 poltroncine disposte tra la platea ed il loggione superiore. Ospita numerosi concerti e spettacoli teatrali. Numerosi altri circoli ed associazioni culturali organizzano durante l anno spettacoli, convegni, dibattiti, ecc. Piccolo Teatro, in passato conosciuto come Piccolo teatro umano, è una moderna struttura con 80 posti a sedere. Turismo Info Point: Per i periodi estivi, al Convento dei Minimi, apertura giornaliera dell ufficio di informazione turistica. - Largo Don Molinero - Tel INFRASTRUTTURE E SERVIZI TERRITORIALI Il Porto delle Grazie Il porto di Roccella Jonica, denominato Porto delle Grazie, è situato a nord est del centro capoluogo ed è collegato attraverso la statale 106 o mediante il lungomare della cittadina. Il porto riveste una importanza fondamentale: moderno e funzionale, è l'unico approdo nel tratto di mare che va da Crotone a Reggio Calabria. E composto da due moli, di cui uno pressoché parallelo alla linea di costa e l altro perpendicolare, con l imboccatura sul lato sud orientale; racchiudono l avamporto, i moli interni, le tre darsene, lo scalo d alaggio e il bacino di carenaggio. La lunghezza massima della struttura è di circa 500 metri, per un numero di posti barca pari a 453. La prima darsena, più vicina all ingresso, è utilizzata soprattutto dai pescherecci, mentre le altre due interne, ciascuna con sei pontili di attracco, sono riservate al diporto. Ogni darsena è asservita a pontili galleggianti di moderna concezione, a cui sono collegati dei finger per l'ormeggio. I fondali vanno dai 3 ai 5 metri per l imboccatura e le darsene, con maggiori profondità in corrispondenza dell'attracco dei pescherecci. Il fondo marino è sabbioso. I pericoli vengono da banchi di sabbia posti all imboccatura e particolarmente da uno disposto parallelamente alla costa, che propende dal verde per circa mezzo miglio verso sud. Il rifornimento avviene attraverso autobotte, chiedendo la relativa autorizzazione all Autorità Marittima. L acqua e l energia elettrica sono disponibili in banchina. Altri servizi e attrezzature che il porto è in condizione di offrire sono: l illuminazione delle banchine, lo scivolo, lo scalo di alaggio, la gru mobile, il ritiro rifiuti, il servizio meteo e il parcheggio auto. Il complesso edilizio, immerso nella tipica vegetazione costiera, con i servizi, gli uffici, la Capitaneria di Porto è caratterizzato da un sistema di percorsi coperti che collegano i diversi locali; è collocato nell area a monte in corrispondenza della darsena centrale, ed è accessibile anche direttamente da terra senza entrare nel porto vero e proprio. Particolare attenzione è stata posta per i disabili, infatti, in ogni zona del porto ci sono scivoli che permettono il facile raggiungimento di ogni punto. 18

20 Servizio metano Il Porto delle grazie: Planimetria generale Tutte le zone della città sono servite dal gas metano - ITALGAS PIU - Servizio Clienti, numero verde , attivo 24 ore su 24 per 365 giorni all anno - 19

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi COMUNE DI CORANA PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 005, n 1 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI SINDACO

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

CURRICULUM VITAE. - Esame di Stato sostenuto presso Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura 1 sessione anno 1987

CURRICULUM VITAE. - Esame di Stato sostenuto presso Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura 1 sessione anno 1987 Dott. Arch. Walter Riani, nato ad Aulla (Ms) il 13.11.1957 residente in Via Aldo Moro 139 - Villafranca in Lunigiana (Ms) recapiti: 0187/4988220- cell.3663735761 - mail: arch.riani@libero.it CURRICULUM

Dettagli

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari La città Dalla polis greca alla città ecosostenibile 1 LA POLIS GRECA Dall VIII al IV secolo a.c. In epoca classica la città greca era caratterizzata dalla suddivisione alto/basso: la parte alta corrispondeva

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

1 > FINIBUS TERRAE ITINERARY Verso Sud, dal Borgo di Specchia al Capo di Leuca

1 > FINIBUS TERRAE ITINERARY Verso Sud, dal Borgo di Specchia al Capo di Leuca Stato/Italy > Area/Provincia di Lecce > Tappe/ Finibus Terrae 1 > FINIBUS TERRAE ITINERARY Verso Sud, dal Borgo di Specchia al Capo di Leuca Posti da visitare > 1.1 Specchia > 1.2 Santa Maria di Leuca

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3436 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BALBONI, SPECCHIA, ZAPPACOSTA, MULAS, BATTAGLIA Antonio, TOFANI e MORSELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 19 MAGGIO

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo rurale 1.1 Territorio rurale: analisi degli insediamenti e degli edifici isolati di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N.

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

Progettisti: Arch. Marco Zaoli (Capogruppo) Arch. Roberto Ricci

Progettisti: Arch. Marco Zaoli (Capogruppo) Arch. Roberto Ricci PIANO URBANISTICO COMUNALE PSC POC RUE PUT K1 Sistema ambientale + K2 Sistema sociale + K3 Sistema economico COMUNE DI VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI PSC PIANO STRUTTURALE COMUNALE Sindaco: Giorgio Pruccoli

Dettagli

Tabella 1 - Elenco e quantificazione degli spazi e delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico presenti sul territorio - Dicembre 2008

Tabella 1 - Elenco e quantificazione degli spazi e delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico presenti sul territorio - Dicembre 2008 Tabella 1 - Elenco e quantificazione degli spazi e delle attrezzature pubbliche e di interesse pubblico presenti sul territorio - Dicembre 2008 Tipologia del servizio livello territoriale Indirizzo Proprietà

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE

LINEE PROGRAMMATICHE LINEE PROGRAMMATICHE SVILUPPO E LAVORO VALORIZZAZIONE AMBIENTE E TURISMO LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA SERVIZI SOCIALI E SANITARI ISTRUZIONE CULTURA E TEMPO LIBERO SERVIZI VARI SVILUPPO E LAVORO Agricoltura,

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento COMUNE DI CESSALTO Provincia di Treviso Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento Aggiornamento novembre 2006 N.B.:

Dettagli

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Le analisi poste alla base della carta della rete viaria, ferroviaria, porti, aeroporti ed eliporti 5, rappresentano nel Piano di Emergenza un importanza

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

CASA BURGOLO Giubiasco

CASA BURGOLO Giubiasco Residenza CASA BURGOLO Giubiasco Per informazioni, riservazioni e vendita / Für Informationen, Reservierungen und Verkauf IMMOBILIARE MAZZOLENI ROBERTO SA Immobiliare Mazzoleni Roberto SA Via Stazione

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE

PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE V Settore Servizi Al Territorio U.O. LL.PP. PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE PROGRAMMA TRIENNALE OO.PP. TRIENNIO 2014-2016 RELAZIONE GENERALE Il presente

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 Disciplina Spazi Edificati Unità Tipo Intervento Uso specifico Mappale Via 1 Rit 2 Rit 3 Rit 4 Rit 5

Dettagli

PROGETTAZIONE NELLE AREE COSTIERE 2010-2011. Colonie Marine dalla tutela ai progetti di valorizzazione.

PROGETTAZIONE NELLE AREE COSTIERE 2010-2011. Colonie Marine dalla tutela ai progetti di valorizzazione. PROGETTAZIONE NELLE AREE COSTIERE 2010-2011 Colonie Marine dalla tutela ai progetti di valorizzazione. Arch. Filippo Boschi 4 maggio 2011 Colonie marine 1. Nascita ed evoluzione Le origini 1750 il dottor

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Piano nazionale per le città - FIRENZE

Piano nazionale per le città - FIRENZE Housing sociale Piagge Piano di Recupero Manifattura Tabacchi Recupero area ferroviaria Leopolda Nuovo Teatro dell Opera Piano Urbanistico Leopolda Piazza Giardino Viale Rosselli - Nuovo Teatro dell Opera

Dettagli

QUADRO DI SINTESI PER CATEGORIE DI OPERE

QUADRO DI SINTESI PER CATEGORIE DI OPERE PROGRAMMAZIONE TRIENNALE /2005 Scheda 1 QUADRO DI NTE PER CATEGORIE DI OPERE TIPOLOGIA DI INTERVENTO (TABELLA 1) Codice CATEGORIE DI OPERE (TABELLA 2) Codice FINALITA' E RISULTATI ATTE Fabbisogno espresso

Dettagli

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870 Universita degli studi di Roma La Sapienza - Facolta di Architettura L. Quaroni Corso di Laurea Specialistica Quinquennale in Architettura UE Corso di FONDAMENTI DI URBANISTICA a.a. 2008/2009 II semestre

Dettagli

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA 2 1_Grada / su Cancello Grada In seguito ad accordi con alcuni privati, nel 1208 il Comune di Bologna fece costruire una nuova

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

TORRENTE TAMMARECCHIA

TORRENTE TAMMARECCHIA al fine di far conoscere le caratteristiche storiche culturali, ambientali ed economico- produttive del proprio paese e delle zone limitrofe e per valorizzare il territorio. Il nostro paese, ubicato a

Dettagli

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873]

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873] PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PREMESSA Il Piano Regolatore Cimiteriale è lo strumento che definisce la programmazione degli spazi

Dettagli

Comune di Robecchetto con Induno Provincia di Milano. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2009 Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12.

Comune di Robecchetto con Induno Provincia di Milano. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2009 Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12. Comune di con Induno Provincia di Milano PIA DI GOVER DEL TERRITORIO 29 Legge Regionale 11 marzo 25, 12 Piano dei Servizi SA.3 Catalogo delle attrezzature pubbliche di uso pubblico Modificato a seguito

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare COMUNE DI SAN GIOVANNI LIPIONI PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) allegati A Scheda da allegare alla richiesta di Permesso di costruire SCIA o CIL A - Documentazione

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 RELAZIONE GENERALE DEL PROGETTO ESECUTIVO Articolo 34 del Regolamento approvato con D.P.R.207/2010

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

SANTO STEFANO DI CAMASTRA

SANTO STEFANO DI CAMASTRA COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA Provincia di Messina PROGETTO ESECUTIVO PER I LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DEGLI SPAZI DEL SENSO CIVICO PON FESR SICUREZZA E SVILUPPO - OBIETTIVO CONVERGENZA 2007/2013

Dettagli

Curriculum Vitae Arch. Francesco Tranchida

Curriculum Vitae Arch. Francesco Tranchida Curriculum Vitae Arch. Francesco Tranchida Nato a Trapani il 29/10/1956 Residente in Erice Strada 434 n. 12 c/da Rigaletta-Pegno Telefono: 0923-502228 Posta elettronica: francesco.tranchida@comune.erice.tp.it

Dettagli

WORKSHOP INTERNAZIONALE

WORKSHOP INTERNAZIONALE WORKSHOP INTERNAZIONALE Atelier de Réflexion Urbaine 2015 Riqualificazione architettonica e paesaggistica Circolo Canottieri Tirrenia Todato 9-13 febbraio 2015 (Roma) OGGETTO DEL WORKSHOP Tema del concorso

Dettagli

3.2 Descrizione sintetica dell impatto ambietale dell opera e delle misure. compensativo previste. Indicare inoltre se l intervento è soggetto alle

3.2 Descrizione sintetica dell impatto ambietale dell opera e delle misure. compensativo previste. Indicare inoltre se l intervento è soggetto alle 3.2 Descrizione sintetica dell impatto ambietale dell opera e delle misure compensativo previste. Indicare inoltre se l intervento è soggetto alle procedure di verifica o valutazione di impatto ambientale

Dettagli

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE 1 PREMESSA Nella elaborazione del presente piano Cimiteriale, redatto ai sensi dell articolo 6 del Regolamento Regionale n.6 in data 09.11.2004

Dettagli

DEMANIO MILITARE PROVINCIA OLBIA TEMPIO

DEMANIO MILITARE PROVINCIA OLBIA TEMPIO 1 DEMANIO MILITARE PROVINCIA OLBIA TEMPIO Redatto a cura del Geom. Pietro Nicola Unali 2 LEGENDA COMUNE DI ARZACHENA 01 Cala Battistoni deposito acqua COMUNE DI PALAU 02 Montiggia 02/A Faro di Punta Sardegna

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

BUGNARA_Le pietre della ricostruzione, tra amnesie e memoria storica

BUGNARA_Le pietre della ricostruzione, tra amnesie e memoria storica BUGNARA_Le pietre della ricostruzione, tra amnesie e memoria storica workshop urbano_ 29/30/31 marzo 2012 p. 1 In collaborazione con Università degli studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria Politecnico

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011-2013 DELL'AMMINISTRAZIONE DI PIAZZA ARMERINA ARTICOLAZIONE DELLA COPERTURA FINANZIARIA

PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011-2013 DELL'AMMINISTRAZIONE DI PIAZZA ARMERINA ARTICOLAZIONE DELLA COPERTURA FINANZIARIA CITTA' DI PIAZZA ARMERINA - PTOP 2011-2013 SCHEDA 2 - Pagina 1 Legge 11 febbraio 1994, n. 109 e successive modificazioni, articolo 14, comma 12 nel testo coordinato con le norme della L.R. 2/8/2002, n.

Dettagli

e della Promenade architetturale

e della Promenade architetturale IV. Progetto Mura Restauro e valorizzazione del sistema fortificato e della Promenade architetturale 1. Immagine della pianta di Pisa di Van Lint Progetto Mura: restauro e valorizzazione del sistema fortificato

Dettagli

IL PORTO DI CAGLIARI

IL PORTO DI CAGLIARI IL PORTO DI CAGLIARI II IL PORTO DI CAGLIARI Per la sua felice posizione geografica, il porto di Cagliari ha rivestito fin dall antichità un importanza strategica, sollecitando l interesse di tutti i popoli

Dettagli

La Ciclabile Adriatica

La Ciclabile Adriatica a Porto S.Giorgio un percorso ad ostacoli o un opportunità per il territorio? AP 10/2015 L associazione FIAB Ascoli Piceno ha realizzato questo dossier per sollecitare le istituzioni (Regione Marche, Provincia

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Analisi degli investimenti settore 1 - amministrazione generale stanziamento impegni pagamenti % di realizzazione

Analisi degli investimenti settore 1 - amministrazione generale stanziamento impegni pagamenti % di realizzazione Analisi degli investimenti settore 1 - amministrazione generale Segreteria manutenzione straordinaria palazzo municipale 8.000,00 8.000,00 2.500,00 100% acquisto mobili,macchine,attrezzature ecc 13.000,00

Dettagli

S.S. Cosmo Guastella - A.S. 2013/2014 Plesso Don Carlo Lauri Classe II N Docenti accompagnatori:

S.S. Cosmo Guastella - A.S. 2013/2014 Plesso Don Carlo Lauri Classe II N Docenti accompagnatori: S.S. Cosmo Guastella - A.S. 2013/2014 Plesso Don Carlo Lauri Classe II N Docenti accompagnatori: Prof.ssa Claudia Castello e Prof.ssa Giustina Colline USCITA DIDATTICA: UNA GIORNATA TRA ARTE E CONVIVENZA

Dettagli

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale.

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Angela Alfieri, Domenico Carrà, Giuseppe Lanzo, Domenico Monteleone,

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI RIQUALIFICAZIONE E SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO EDILIZIO URBANO

PIANO ATTUATIVO DI RIQUALIFICAZIONE E SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO EDILIZIO URBANO COMUNE DI S. BENEDETTO DEL TRONTO (PROVINCIA DI ASCOLI PICENO) PIANO ATTUATIVO DI RIQUALIFICAZIONE E SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO EDILIZIO URBANO PROGETTAZIONE SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO Ufficio Piano

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72 Determinazione dell incidenza degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria di cui agli artt. 3-4- 7 Legge 10/1977 adeguati alle disposizioni di cui alla L.R. 03 Gennaio 2005, n. 1. A TABELLA (COSTI

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea).

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea). VARIANTE URBANISTICA AL PRG VIGENTE RELATIVA A CINQUE IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI FIRENZE, DELLA REGIONE TOSCANA, DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E DEL DEMANIO DELLO STATO A SEGUITO DELPROTOCOLLO D

Dettagli

I Siti Militari studio di fattibilità

I Siti Militari studio di fattibilità I Siti Militari studio di fattibilità Razionalizzazione, accorpamento ed ammodernamento del patrimonio immobiliare in uso al Ministero della Difesa nella città di Milano Indice Premessa 3 Siti Militari

Dettagli

Olbia rif. 395. rif. 395

Olbia rif. 395. rif. 395 Zona Via Vittorio Veneto alta. Ottime condizioni. Anno di costruzione 1995. Villino caposchiera su tre livelli in contesto residenziale con condominio. Piano terra: Soggiorno pranzo, cucina, bagno e verande

Dettagli

Cronache. del Comune di Pieve di Cento PORTA BOLOGNA RESTAURATA

Cronache. del Comune di Pieve di Cento PORTA BOLOGNA RESTAURATA Cronache del Comune di Pieve di Cento PORTA BOLOGNA RESTAURATA Aprile 2005 Porta Bologna restaurata 3 Un altro tassello della Pieve medievale che torna a vivere Due anni fa è avvenuto il rifacimento di

Dettagli

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia Autorimessa è posizionata nel chianu Pulizzi a circa 200 metri dal viale Francesco De Vita, principale via del comune di Petrosino, dove sono presenti la chiesa, il municipio e la gran parte delle attività

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Residenza Grand Palace Lugano, Switzerland

Residenza Grand Palace Lugano, Switzerland Residenza Grand Palace Lugano, Switzerland 1 Grand Palace 2 Il Grand Palace: un prestigioso edificio storico Il Grand Hotel Palace è uno degli edifici simbolo della città di Lugano, che ha contribuito

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

ALLA SCOPERTA DELLA COMPANY TOWN DI DALMINE

ALLA SCOPERTA DELLA COMPANY TOWN DI DALMINE ALLA SCOPERTA DELLA COMPANY TOWN DI DALMINE Proposta di itinerario della 4^ A TURISTICO dell ISIS Einaudi di Dalmine A.S. 2011-2012 Da quando i fratelli Mannesmann nel 1908 decisero di insediare la loro

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006

SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006 Comune di Follonica SETTORE LAVORI PUBBLICI il Comune di follonica è certificato ISO 14.001/96 SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

relazione illustrativa

relazione illustrativa ALLEGATO relazione illustrativa Data Integrazione Via F. Rismondo n 29 Pisa tel. 050-564951 e-mail archit.pisa@libero.it Via Sarzanese Nord n 2762 Piano del Quercione (LU) tel. 0584-938967 e-mail archit.associati@libero.it

Dettagli