CARTA DEI SERVIZI Struttura Complessa CLINICA MEDICA. Strada di Fiume Trieste

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI Struttura Complessa CLINICA MEDICA. Strada di Fiume 447 34149 Trieste www.aots.sanita.fvg.it"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI Struttura Complessa CLINICA MEDICA Strada di Fiume Trieste

2 Struttura Complessa CLINICA MEDICA OSPEDALE DI CATTINARA 6 e 7 PIANO TORRE MEDICA Tutto il personale dell Azienda, nel formularle i migliori auguri per una rapida guarigione, desidera rassicurarla che ogni sforzo sarà fatto per fornirle la migliore assistenza possibile per la Sua malattia. Comprendiamo che questo momento è per lei spiacevole, ma non Le verranno a mancare né la nostra solidarietà né la comprensione per questa Sua particolare situazione. In questo opuscolo troverà alcune informazioni utili sul Reparto che la ospiterà, ed altre, più generali, sui servizi offerti dall Azienda Ospedaliera. 2

3 DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA di MEDICINA INTERNA Direttore: prof. Claudio Tiribelli Struttura Complessa CLINICA MEDICA Direttore: prof. Gianni Biolo Tel.: ; Fax: mail: Coordinatori Infermieristici: Makuc Evelyn e Cristan Nadia Tel: ; Fax: mail: NUMERI UTILI TELEFONO FAX SEGRETERIA piano DEGENZA DEGENZA piano piano DAY HOSPITAL piano AMBULATORIO Poliambulatorio St 84 AMBULATORIO Poliambulatorio St 83 STAFF MEDICO PERSONALE DEL REPARTO Altamura Nicola Barazzoni Rocco Casarsa Chiara Cattin Maria Rosa Comar Consuelo De Monte Ariella Fonda Maurizio Mearelli Filippo Panizon Emiliano Vinci Pierandrea Zanetti Michela Zorat Francesca 3

4 La Clinica Universitaria, nata nel 1971, è sede d insegnamento per Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia ed Infermieristica e per le Scuole di Specializzazione in Medicina d Emergenza-Urgenza, Medicina Interna e Medicina dello Sport; è inoltre sede di attività di ricerca clinica sempre finalizzata al miglioramento della cura al paziente. L assistenza si svolge con attività di ricovero ordinario, day-hospital e ambulatorio. Il personale medico è formato da internisti in grado di dare un assistenza costantemente aggiornata in ogni branca della Medicina Interna, possiede specifiche competenze nei campi della trombosi, della nutrizione clinica (obesità, sindromi da malnutrizione e nutrizione artificiale), dell endocrinologia, delle malattie metaboliche, delle malattie vascolari, dell epatologia e della reumatologia. Queste ultime offerte assistenziali vengono erogate anche a livello ambulatoriale, tramite C.U.P o appuntamento telefonico. I pazienti sono accolti su invio del Pronto Soccorso oppure con appuntamento, sia in degenza ordinaria sia regime di day hospital. Posti letto: 77 Sono a disposizione dei pazienti stanze ad 1, 2, o 4 letti con bagni annessi, spazi ricreativi con soggiorni e telefono pubblico. Le diete sono personalizzate, se necessario, dalla Dietista della Clinica. Se lo vorrà, potrà usufruire di alcuni servizi comuni: al 5 piano: telefoni, distributori di cibo e beva nde; al 2 piano: bar, tavola calda, giornali che sono proposti in vendita quotidianamente anche in reparto. 4

5 STAFF del Comparto Due Coordinatori Infermieristici; Infermieri professionali; Infermieri generici; OTA - Operatori Tecnici dell Assistenza ; Ausiliari socio-sanitari. Alcuni operatori non dipendono dal Reparto: I fisioterapisti effettuano la riabilitazione; Il personale per il trasporto dei Pazienti verso la Radiologia ed altri Servizi; Il personale per le pulizie. Le caratteristiche didattiche della Clinica Universitaria richiedono anche la presenza di: studenti del Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia, di Infermieristica e di Medici Specializzandi. In corsia potrete trovare anche dei volontari. 5

6 COME DISTINGUERE IL PERSONALE DAL COLORE DELLE DIVISE bianco medici, biologi, chimici, fisici, farmacisti,studenti di medicina e di infermieristica, medici specializzandi, volontari verde con colletto verde scuro coordinatori infermieristici verde infermieri giallo infermieri generici azzurro con il colletto bianco OTA, OSS (operatori tecnici addetti all assistenza) azzurro ausiliari celeste con il colletto bianco capotecnici celeste con il colletto blu fisioterapisti, logopedisti, ortottisti, terapisti occupazionali celeste tecnici (di radiologia, di laboratorio ) bianco con profilo sulla tasca arancio personale amministrativo 6

7 DURANTE LA DEGENZA L attività dei Medici e del Personale di assistenza sui pazienti è particolarmente intensa il mattino: per questo non sono consentite fuori orario le visite ai ricoverati. Se un paziente, durante il regolare periodo di visita, deve essere sottoposto a qualsiasi intervento medico-infermieristico, i Visitatori devono uscire dalla stanza di degenza per rispettare la privacy, come da normativa vigente. Ogni paziente ha diritto alla maggiore tranquillità possibile. Perciò è consentito solo un visitatore alla volta; inoltre si invita a parlare a bassa voce. L uso di radio e televisione è permesso solo se con auricolare. Si raccomanda di tenere con sé esclusivamente ciò che è strettamente indispensabile; in particolare nessun oggetto di valore, e solo piccole somme di denaro. Solo in caso di estrema necessità potrete rivolgervi al personale che provvederà alla custodia dei vostri valori. E consentito assumere esclusivamente i farmaci distribuiti dal Personale. Per ogni dubbio riguardante quest indicazione consultate il vostro Medico di Reparto. DURANTE LA DEGENZA È CONSENTITO USCIRE DALL OSPEDALE SOLO CON IL CONSENSO SCRITTO DEL MEDICO DEL REPARTO. CIBO, e BEVANDE, FUMO e FIORI. La prima colazione è usualmente servita verso le 9, il pranzo dalle alle e la cena dalle alle Possiamo offrire qualche possibilità di scelta nella Sua dieta, comunque sempre compatibilmente alle necessità dettate dalla Sua patologia. In casi particolari offriamo una dieta personalizzata dal Servizio di Dietologia ospedaliero e/o dalla dietista di Reparto. 7

8 Si possono portare cibi e bevande ai Pazienti solo dopo preventiva approvazione del Medico di Reparto. GLI ALCOLICI ED IL FUMO SONO DEL TUTTO BANDITI: FANNO MALE A TUTTI. Alcuni ricoverati possono essere allergici ai fiori e potrebbero esserne danneggiati: si prega di non accettarli. TELEFONI CELLULARI PER MOTIVI DI SICUREZZA I TELEFONI CELLULARI SONO VIETATI PERCHÈ POSSONO INTERFERIRE CON GLI STRUMENTI ELETTRONICI DI USO MEDICO. Se non potete alzarvi e volete comunicare all esterno, un telefono cordless è a vostra disposizione. Sul suo uso confidiamo nella Vostra discrezione. INFORMAZIONI SULLA SALUTE DEI RICOVERATI I medici possono fornire informazioni sulla salute dei ricoverati, secondo le modalità esposte nell atrio, solo dopo la preventiva autorizzazione del Paziente stesso. Se un Paziente è stato accolto fuori reparto per mancanza di posto-letto, prenotarsi in Segreteria ( ). In alcuni casi di reale necessità, le informazioni sono fornite anche il sabato e la domenica, comunque in dipendenza del carico di lavoro del medico di turno. 8 ALLA DIMISSIONE Il paziente riceverà una relazione scritta, destinata al Medico Curante, comprendente la diagnosi, i referti dei principali accertamenti eseguiti e i consigli per il proseguimento della cura. Se ve ne fosse la necessità, il paziente potrà essere dimesso e richiamato telefonicamente per proseguire il proprio percorso diagnostico/terapeutico.

9 Qualora il ricoverato desideri la copia della cartella, potrà farne richiesta al momento della dimissione; per tale servizio dovrà pagare un corrispettivo, proporzionale al numero delle pagine. Dopo la dimissione, per ottenerla dovrà invece rivolgersi direttamente al CUP di Cattinara. Se il Paziente non può raggiungere il domicilio con i suoi mezzi, dovrà segnalarlo per tempo al personale infermieristico che terrà conto di prenotare il trasporto con ambulanza. Questo servizio è a pagamento. SERVE ALTRO? Per il pubblico l orario della Segreteria, ubicata al 6 piano torre Medica (Torre Azzurra), è dalle ore 9.00 alle 12:30, da lunedì a venerdì. Se si desidera prendere contatto telefonicamente con un Medico, si prega di chiamare prima ore 8.00 alle 9.00 e dalle ore 12:30 alle 13:30, in modo da non interrompere la visita ai Pazienti. Il Direttore del reparto è a disposizione per altre informazioni e per ricevere proposte di miglioramento, segnalazioni o lamentele: prenotarsi di persona presso la Segreteria della Clinica telefonando allo DAY HOSPITAL Il Day-Hospital è dedicato ad effettuare accertamenti complessi senza la scomodità, per il Paziente, di una prolungata degenza in Ospedale. Usualmente è usato per alcune malattie internistiche, come quelle seguite nell ambulatorio di reparto; norme regionali specificano le modalità e l appropriatezza di questo tipo di ricovero. La richiesta deve essere normalmente compilata dal Medico Curante. Il ricovero va concordato con un Medico del Reparto, che potrà essere trovato allo

10 AMBULATORI Ambulatorio per la Sindrome Metabolica (Dott. Rocco Barazzoni, Dott.ssa Maria Rosa Cattin, Dott. Pierandrea Vinci) UBICAZIONE: Ospedale di Cattinara Palazzina Poli Ambulatori I piano stanza n 84 MODALITÀ DI ACCESSO: per appuntamento telefonando al numero dalle ore 8 alle ore 14 dal lunedì al venerdì. L ambulatorio Sindrome Metabolica è rivolto alla diagnosi e al trattamento dell obesità associata a complicanze (diabete, dislipidemia, ipertensione arteriosa) che aumentano in modo rilevante il rischio cardiovascolare. Sono eseguibili le seguenti prestazioni: visita ambulatoriale esami ematochimici elaborazione di piano dietetico personalizzato valutazione non-invasiva dello stress ossidativo (AGE-reader) valutazione non-invasiva dell'attività motoria giornaliera e della spesa energetica (Arm-band o contapassi) counseling nutrizionale (valutazione della motivazione al cambiamento e stesura di un patto terapeutico con obiettivi realistici condivisi) Ambulatorio Nutrizione Clinica e Nutrizione Artificiale UBICAZIONE: Ospedale di Cattinara Palazzina Poli Ambulatori I piano stanza n 84. MODALITÀ DI ACCESSO: per appuntamento telefonando al numero (da lunedì a venerdì, dalle 8 alle 13); tempo massimo di attesa 7 giorni; ambulatorio NAD: prenotazione telefonica al numero (da lunedì a venerdì, dalle 8 alle 13); tempo massimo di attesa 7 giorni. L ambulatorio è dedicato alla diagnosi e al trattamento della malnutrizione in difetto: sindromi da malassorbimento, problemi 10

11 nutrizionali legati a patologie con fabbisogni specifici (malattie renali, pancreatiche, epatiche, patologie neurologiche, disfagia, sindrome dell intestino corto). Inoltre la Clinica medica è sede del Team nutrizionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare (NAD) sia per quanto riguarda la modalità enterale (nutrizione artificiale per sonda) sia parenterale (nutrizione artificiale per vena); in collaborazione con l Azienda territoriale esegue le visite per il rilascio delle autorizzazioni all utilizzo dei supplementi orali. Ambulatorio Obesità (prof. Gianni Biolo) UBICAZIONE: Ospedale di Cattinara Palazzina Poli Ambulatori I piano stanza n 84. MODALITÀ DI ACCESSO: per prenotazione attraverso gli sportelli CUP; tempo massimo di attesa 20 giorni. L ambulatorio è dedicato all inquadramento diagnostico e terapeutico dell obesità (Indice di Massa Corporea superiore a 30 kg/m 2 ) e delle sue complicanze. Per quanto riguarda l aspetto diagnostico è possibile la valutazione del dispendio energetico (calorimetria indiretta), della composizione corporea (impedenzometria) e di alcuni aspetti metabolici particolari (ad esempio insulino-resistenza). Ambulatorio Patologia Trombo-Embolica UBICAZIONE: Ospedale di Cattinara, X piano della Torre Medica. MODALITÀ DI ACCESSO: per appuntamento telefonando al numero (da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 13); tempo massimo di attesa 7 giorni. L ambulatorio offre particolari competenze ai pazienti che abbiano sofferto di eventi trombotici (ictus cerebri, trombosi venose profonde, arteriopatie degli arti inferiori) ed ai loro famigliari con la finalità di identificare possibili forme ereditarie della patologia. Ambulatorio Epatologia (dott.ssa Francesca Zorat) UBICAZIONE: Ospedale di Cattinara Palazzina Poli Ambulatori 11

12 I piano stanza 84. MODALITÀ DI ACCESSO: tramite CUP o telefonando al numero dalle ore 8 alle ore 14 dal lunedì al venerdì. Tempo massimo di attesa 30 giorni. Il personale dell Ambulatorio Epatologico si prende carico e cura dei pazienti che siano affetti da malattia croniche di fegato; in particolare di: o epatite virali HCV e HBV correlate; o epatiti autoimmuni; o epatiti di natura metabolica ( steatosi, emacromatosi, alcool); o cirrosi epatica; o neoplasie primitive del fegato. L offerta è completa da alcune particolari prestazioni diagnosticoterapeutiche quali: biopsia epatica, chemio-embolizzazione intrarteriosa, paracentesi, salassi, ecc. Tali prestazioni possono essere eseguite in regime di ricovero ordinario e/o Day Hospital. Ambulatorio Reumatologia UBICAZIONE: Ospedale di Cattinara Palazzina Poli Ambulatori I piano stanza 84. MODALITÀ DI ACCESSO: tramite CUP o telefonando al numero dalle ore 8 alle ore 14 dal lunedì al venerdì. Tempo massimo di attesa 10 giorni. L ambulatorio reumatologico si occupa della diagnosi, terapia e follow-up dei pazienti con malattie immuno-reumatologiche, con particolare interesse rivolto alle connettiviti con eventuale impegno del sistema nervoso centrale e delle artriti croniche. Oltre alla visita reumatologica, presso l ambulatorio vengono erogate le seguenti prestazioni: somministrazione di farmaci per l artrite reumatoide, quella psoriasica e per le spondiloartriti sieronegative; infiltrazioni intra-articolari ed artrocentesi 12

13 Come utente dell Azienda Ospedaliero - Universitaria Ospedali Riuniti di Trieste Ha il Diritto di: FIDUCIA Ogni utente dell Azienda ha il diritto di essere trattato come un soggetto degno di fiducia. QUALITA L Azienda Ospedaliero Universitaria, Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione, ha come scopo lo svolgimento unitario e coordinato delle funzioni di assistenza, didattica e ricerca, in modo da migliorare il servizio pubblico di tutela della salute, accrescere la qualità dei processi formativi, sviluppare le conoscenze biomediche e l innovazione tecnologica, nella paritaria valorizzazione delle funzioni e delle attività del personale ospedaliero e del personale universitario. 13

14 L Azienda presta l assistenza sanitaria con continuità, professionalità, attenzione alla persona, garantendo l integrazione organizzativa e multidisciplinare; la comprensione ed il rispetto delle persone assistite e dei loro familiari. SICUREZZA Ogni utente ha il diritto alle prestazioni necessarie a tutela della sua salute, senza subire altri danni dovuti al malfunzionamento delle strutture o dei servizi. Al fine di garantire questo diritto, l Azienda s impegna a monitorare continuamente i fattori di rischio e a provvedere alla manutenzione continua delle strutture e dei dispositivi sanitari aziendali. Inoltre l Azienda si impegna a provvedere alla formazione continua degli operatori sanitari (Legge 23 Dicembre 2000, n. 338). PROTEZIONE Ogni utente, che per le sue condizioni di salute si trovi in una situazione di debolezza, ha diritto ad essere protetto ed assistito. Tale diritto di speciale protezione riguarda anche i bambini, che hanno bisogno di ricovero presso il nostro Ospedale. Gli Uffici preposti dell Azienda Ospedaliero-Universitaria custodiscono, con carattere di eccezionalità, solamente i beni dei pazienti ricoverati d urgenza e di quelli incapaci di assumersene la custodia. Si raccomanda agli utenti di non portare alcun tipo di valore (denaro, oggetti in oro, gioielli) durante il periodo di ricovero. NORMALITA Ogni utente ha il diritto a essere curato nelle strutture dell Azienda Ospedaliero-Universitaria, senza che siano alterate -oltre l indispensabile- le proprie abitudini, relazioni sociali e familiari. CERTEZZA Ogni utente ha il diritto alla certezza del trattamento sanitario senza subire le conseguenze di conflitti professionali o organizzativi o di favoritismi per la propria condizione economica e sociale. L Azienda ha il dovere di fissare i tempi di attesa entro i quali specifici servizi devono essere erogati, in conformità agli standard e riguardo al grado di urgenza del caso. Ogni utente che lo richieda ha il diritto di consultare le liste di attesa, nei limiti del rispetto della privacy. 14

15 PARTECIPAZIONE Ciascun utente, la sua famiglia, gli organi di tutela e di volontariato possono collaborare al miglioramento della qualità delle prestazioni sanitarie e alle attività dell Azienda Ospedaliero- Universitaria attraverso: le indagini di Audit Civico; le rilevazioni della qualità percepita; i gruppi misti di lavoro su problematiche specifiche; le segnalazioni ed i reclami. La partecipazione al processo di cura include anche il diritto del paziente a conoscere il proprio referente delle cure e a riconoscere la qualifica degli operatori che vi partecipano. DIFFERENZA Ogni utente ha diritto a ricevere trattamenti differenti secondo le proprie esigenze e il rispetto della propria individualità, senza alcuna discriminazione legata all età, al sesso, alla nazionalità, alla razza, alla lingua, alle opinioni politiche, al credo professato, alla cultura. L Azienda s impegna a soddisfare, per quanto possibile, le richieste di assistenza religiosa o spirituale, badando a prendere contatto con i diversi ministri di culto. TEMPO Ogni utente ha diritto al rispetto del suo tempo. Nel caso in cui i tempi concordati non possano essere rispettati, egli deve essere informato dell entità e dei motivi del ritardo. Nel caso in cui l Azienda non sia in grado di fornire i servizi nel tempo massimo predeterminato, deve garantire la possibilità di usufruire di servizi alternativi con qualità comparabile. RISERVATEZZA E CONFIDENZIALITA Ogni utente ha il diritto alla confidenzialità delle informazioni di carattere personale, incluse quelle che riguardano il suo stato di salute e le possibili procedure diagnostiche e/o terapeutiche cui deve essere sottoposto, così come al diritto alla protezione della sua privacy durante l esecuzione di esami diagnostici, visite specialistiche e trattamenti medico-chirurgici in generale. I professionisti dell Azienda Ospedaliero Universitaria s impegnano a fornire ai pazienti e ai loro famigliari, salvo in caso di manifesto dissenso, comunicazioni sia del ricovero sia delle condizioni di salute. Le informazioni aggiornate saranno fornite durante tutto il processo di cura e di ciò sarà data evidenza nella cartella clinica. La copia della documentazione clinica può essere richiesta dal titolare della cartella o da altra persona munita di documento del delegante 15

16 (o copia) o autocertificazione. La domanda per ottenere copia della cartella clinica può essere presentata: al momento della dimissione o nei giorni immediatamente successivi, (prima dell'invio della cartella all'archivio); va richiesta agli sportelli del CUP degli ospedali Maggiore e Cattinara. Dall 1/6/2005 le richieste di copia delle cartelle cliniche presentate al CUP potranno essere evase solo dopo pagamento anticipato della tariffa minima di 5.00, al momento del ritiro dovrà essere corrisposta la differenza. Si ricorda che il personale dell'archivio Cartelle Cliniche è in servizio dal lunedì al venerdì dalle ore 7.00 alle ore e può essere raggiunto al numero telefonico per informazioni, soprattutto se relative alle cartelle cliniche antecedenti al DIGNITA Ogni utente, a maggior ragione se portatore di malattie inguaribili, ha diritto al rispetto della dignità personale, soffrendo il meno possibile e ricevendo tutta l assistenza necessaria. L Ospedale riconosce e rispetta i bisogni del malato terminale in più modi: col trattamento dei sintomi primari e secondari, con la gestione del dolore, con la risposta alle esigenze emotive, religiose e culturali sia proprie sia dei suoi famigliari. IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE ED AL CONSENSO Ogni utente ha il diritto ad avere informazioni esaurienti, in tempi congrui, sulla propria diagnosi, terapia e prognosi. Questo a maggior ragione nel caso d interventi complessi che richiedono il suo esplicito consenso: il paziente ha diritto a dare o negare il proprio consenso alle terapie proposte o alle analisi. Durante la permanenza in Ospedale, come previsto dalla normativa vigente, gli è richiesto un consenso generico e uno specifico per ogni procedura invasiva e/o più complessa. In assenza della sottoscrizione del consenso informato, al medico è interdetta ogni attività di diagnosi e cura, ad eccezione dei casi previsti dalla legge e per le situazioni di urgente necessità per imminente pericolo di vita. L utente riceve un informazione chiara e completa sulle sperimentazioni cliniche e vi può aderire solo dopo aver firmato il relativo consenso informato. 16

17 INFORMAZIONE E DOCUMENTAZIONE SANITARIA. I medici e gli operatori sanitari garantiscono un informazione chiara, semplice, essenziale, completa e comprensibile alla persona assistita. L utente ha diritto a partecipare all elaborazione del piano di cura, a essere informato su come la malattia potrà incidere sulla sua qualità della vita e sui rimedi terapeutici e assistenziali atti ad eliminare o a ridurre gli stati di sofferenza e dolore. La Cartella Clinica dovrà essere chiara, leggibile e completa di tutte le informazioni riguardanti diagnosi, trattamenti ed interventi eseguiti. Ha il diritto a ricevere una lettera di dimissione alla fine del ricovero. Nel caso in cui la diagnosi non sia completa, il paziente ha diritto ad avere una lettera di dimissioni con le conclusioni provvisorie. A ogni utente è consentito interrompere la cura in qualsiasi fase del processo clinico-assistenziale o rifiutare un trattamento. I sanitari hanno l obbligo di informare il paziente sulle possibili conseguenze di questo comportamento. RIPARAZIONE DEI TORTI Ogni utente può presentare all Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) reclami per eventi che siano ritenuti violazione dei propri diritti. Gli utenti e i loro familiari possono esercitare questo diritto con un colloquio diretto o telefonico nelle fasce orarie di apertura dell ufficio oppure con lettera, fax, oppure attraverso l apposito modulo reperibile nei punti informativi e presso le apposite cassette per la raccolta reclami. L Azienda Ospedaliero Universitaria ha il dovere di rispondere in merito all oggetto del reclamo. Per i disservizi facilmente risolvibili l URP garantisce una risposta in tempo reale o, al massimo, entro 15 giorni. Per i casi più complessi, che richiedono un istruttoria, la risposta è garantita entro 30 giorni. Il paziente ha facoltà di adire alle vie legali per il risarcimento dei presunti danni subiti. DONAZIONE ORGANI L utente può manifestare la decisione di donare gli organi mediante una dichiarazione di volontà, prevista dalla Legge 91/99, recandosi presso il Punto Informativo dell Ufficio Relazioni con il Pubblico dell Ospedale di Cattinara. Gli operatori di tale ufficio sono a disposizione per fornire altre informazioni e dettagli sull argomento. 17

18 Come utente dell Azienda Ospedaliero - Universitaria Ospedali Riuniti di Trieste Ha il Dovere di: Ci aspettiamo che Lei: - rispetti il lavoro e la professionalità degli operatori sanitari, quale condizione indispensabile per attuare un corretto programma assistenziale; - tenga un comportamento responsabile e rispettoso nei confronti degli altri utenti; - abbia cura degli ambienti, delle attrezzature, degli arredi e dei presidi sanitari presenti nelle Strutture Ospedaliere; - osservi le scadenze e gli orari stabiliti, permettendo così il normale svolgimento dell'attività. Inoltre è vietato: - Fumare in qualsiasi ambiente della Struttura Ospedaliera. - L uso dei telefoni cellulari perché possono interferire con il funzionamento delle apparecchiature elettromedicali (pompe di infusione, respiratori automatici, ecc.) - Introdurre animali nell intero perimetro dell Azienda Ospedaliero-Universitaria. Infine, si consiglia, al fine di tutelarne la salute, di evitare l ingresso dei minori nei reparti di degenza. In casi particolari le deroghe devono essere concordate con il personale del reparto. COSA PORTARE IN OSPEDALE Documenti Personali: PER I CITTADINI RESIDENTI NELLA COMUNITÀ EUROPEA: Documento di identità Tessera sanitaria rilasciata dall ASL di appartenenza Codice Fiscale Proposta di Ricovero PER I CITTADINI STRANIERI NON ISCRITTI AL S.S.N. E NON RESIDENTI IN ITALIA: 18

19 passaporto e/o carta d identità, modulo ISI e/o permesso di soggiorno Documentazione Clinica: Eventuali esami diagnostici, cartelle cliniche, documentazione sanitaria precedente e la terapia in atto In caso i farmaci da Lei assunti non siano disponibili in reparto, al momento del ricovero La preghiamo di consegnare la propria terapia al personale medico ed infermieristico che provvederà a verificarne integrità e scadenza e successivamente a somministrargliela secondo l abituale schema domiciliare. Effetti Personali: Biancheria personale, vestaglie pantofole, asciugamani Necessario per l igiene quotidiana. GESTIONE DEL DOLORE Nell ambito della personalizzazione ed umanizzazione delle cure nell arco della degenza viene costantemente valutata la scala del dolore sia dai medici che dal personale infermieristico. Ci si serve di una scala analogica mista che viene facilmente compresa dal paziente che va dallo 0 (assenza di dolore) a 10 dolore intollerabile. CONSENSO INFORMATO L utente ha diritto ad essere compiutamente informato sullo stato di avanzamento dei piani diagnostico-terapeutici e ad esprimere o negare il proprio consenso alle terapie proposte o alle procedure. 19

20 Durante la permanenza in Ospedale verrà richiesto un consenso generale ed uno specifico, come previsto dalla normativa vigente, per le procedure di carattere invasivo e/o più complesse. I processi che richiedono un consenso informato sono i seguenti: Trattamento sanitario, diagnostico terapeutico e chirurgico Sperimentazioni cliniche Trattamento dei dati personali. Il Consenso prevede più fasi, si giova dell ausilio di materiale informativo periodicamente aggiornato e può essere ritirato in qualsiasi momento. PARTECIPAZIONE ALLA CURA Una forte alleanza terapeutica e l instaurarsi di un rapporto di fiducia costituiscono la base necessaria per un intervento sanitario efficace. Teniamo molto a coniugare professionalità, perizia tecnica ed avanzamento tecnologico delle pratiche diagnostico-terapeutiche con una costante informazione, ascolto ed attenzione umana al Paziente ed ai suoi Familiari. L utente ha diritto a partecipare all elaborazione del piano di cura, ad essere informato su come la malattia potrà incidere sulla qualità della sua vita e sui rimedi terapeutici ed assistenziali atti ad eliminare o almeno a ridurre gli eventuali stati di sofferenza e dolore. Ad ogni utente è consentito interrompere la cura in qualsiasi fase del processo clinico-assistenziale o rifiutare un determinato trattamento. I sanitari hanno l obbligo di informare il paziente sulle possibili conseguenze di questo comportamento. Le informazioni sullo stato di salute dei degenti vengono fornite dal primario e dai medici. Per ovvie ragioni di riservatezza tutte le informazioni cliniche vengono riferite soltanto ai familiari diretti o ad altre persone SE ESPRESSAMENTE DELEGATE DAL PAZIENTE. I Parenti possono visionare la cartella clinica insieme al medico. Al fine di garantire una continuità di informazione è auspicabile che la medesima persona mantenga i rapporti con il medico. I familiari vengono costantemente coinvolti nel programma assistenziale del paziente. Al momento della dimissione (in situazioni particolari nel corso della degenza) il Medico di Medicina Generale e lo Specialista di riferimento verranno informati mediante accurata lettera di dimissione sui motivi del ricovero, stato clinico, decorso, aspetti educazionali e programma per il Paziente. 20

21 NO! N.B.: PER MOTIVI DI TUTELA DELLA PRIVACY, NON VENGONO FORNITE INFORMAZIONI TELEFONICHE SULLE CONDIZIONI CLINICHE DEI DEGENTI. VI PREGHIAMO CORTESEMENTE DI NON INSISTERE. RELIGIONE A tutti i Pazienti ricoverati viene garantito il rispetto della loro fede. E' possibile ricevere i ministri del proprio culto. E garantita la presenza di un sacerdote di culto cattolico che visita giornalmente il reparto. MEDIAZIONE CULTURALE Il mediatore culturale è un professionista che, utilizzando la lingua di origine dell utente straniero, lo aiuta a comprendere quanto gli viene richiesto, prescritto o proposto dal medico, dagli operatori sanitari e dai professionisti dell Ospedale. Il mediatore culturale interviene al fine di consentire all utente straniero la corretta comprensione: del problema sanitario delle necessità urgenti del modo in cui vengono eseguiti ed a cosa servono gli esami clinici, le procedure diagnostiche ed i conseguenti consensi richiesti della diagnosi delle indicazioni terapeutiche da seguire alla dimissione SICUREZZA DEL PAZIENTE All interno della Clinica Medica si attuano misure di tutela del paziente che prevedono l Identificazione corretta del Paziente (braccialetto identificativo). Vengono inoltre attuate misure per migliorare la gestione dei farmaci ad alto rischio (gli elettroliti 21

22 concentrati non sono presenti nelle aree assistenziali se non in quelle dove la loro presenza è clinicamente necessaria e autorizzata dalla politica ospedaliera e dove sono state messe in atto azioni di prevenzione della somministrazione involontaria). Sono in atto misure volte a: ridurre il rischio di infezioni associate all assistenza sanitaria; ridurre il rischio di danno al paziente in seguito a caduta; prevenire gli errori medici ed analizzare gli eventi sentinella; identificare accuratamente i pazienti; comunicare efficacemente con i pazienti ed i familiari; ridurre i ritardi nei vari processi di cura del paziente. Gli ambienti vengono costantemente valutati, i dispositivi elettromedicali sono sottoposti a periodico controllo, verifica di sicurezza e manutenzione. DENARO E VALORI Pur essendo in atto una vigilanza continua è consigliabile non lasciare somme di denaro in eccesso o oggetti di valore ai Pazienti NORME DI COMPORTAMENTO Se siete ricoverati in Medicina Clinica, per la Vostra sicurezza, non dovete allontanarvi dal reparto, salvo espressa autorizzazione da parte del Personale di assistenza. Se decidete di lasciare l ospedale contro il parere dei sanitari che Vi curano Vi verrà richiesto di firmare una liberatoria di responsabilità. Per qualunque dubbio il personale è a vostra disposizione. CERTIFICATO DI DEGENZA Il certificato di ricovero, necessario per giustificare l'assenza da lavoro, studio o per l'assicurazione, viene rilasciato dall ufficio Accettazione Amministrativa situato al 3 piano vic ino al Pronto Soccorso, dal lunedì al venerdì dalle 7.15 alle ed il sabato dalle 7.15 alle Domenica chiuso. 22

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio Azienda Ospedaliera di Padova Medicina Generale AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio IL REPARTO Telefono: 049 8212675 CARTA DI ACCOGLIENZA PER IL PAZIENTE

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato

Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Come Si Arriva Ad Una Decisione Se Sette Ancora Disabilitato Nella maggior parte dei casi, chi legge quest opuscolo ha da poco ricevuto una

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali.

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. ALLEGATO D Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. Alle persone che entrano in contatto con medici e strutture sanitarie per cure, prestazioni mediche, acquisto di medicine,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli