FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA. Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana. Volume Unico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA. Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana. Volume Unico"

Transcript

1 FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana Volume Unico Testo del libro a stampa, riprodotto, aggiornato e ampliato, nel vol. 1 della edizione web definitiva. Web Edit

2

3 FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana Volume Unico Web Edit

4 Edizione Web: Marzo 2013 Web Edit Testo della terza edizione a stampa Edzioni Associate Roma Tutti i diritti riservati all Autore Web Edit è un progetto editoriale Internet no profit, finalizzato alla socializzazione della conoscenza e della creatività. E possibile scaricare gratis i testi pubblicati nel sito Internet. Sono consentite la riproduzione integrale (con il nome dell Autore) e la libera circolazione, non commerciale. In caso di riproduzione, anche parziale, si richiede la citazione della fonte.

5 alle mie figlie Letizia ed Elisa con la infondata speranza che non abbiano a vivere in una società astratta

6

7 I N D I C E Pag. Premessa alla prima edizione 13 Premessa alla seconda edizione 15 Premessa alla terza edizione 19 Premessa alla edizione greca 21 Parte Prima 25 Il sistema di astrazione sociale Introduzione 27 Definizione di società astratta Capitolo Primo - L'individuo astratto L individuo astratto come pura funzione della valorizzazione capitalistica 1.2 Individuo astratto e persona concreta 1.3 Concretezza esistenziale e astrazione sociale 1.4 La separazione fra persona e qualità umane 1.5 La contrapposizione fra l individuo e le sue qualità 1.6 Il bisogno di reintegrazione esistenziale 1.7 Dal disagio esistenziale alla fuga nel mondo artificiale prodotto dalla droga Capitolo Secondo I rapporti sociali astratti La desoggettivazione dei rapporti sociali 2.2 La socialità astratta 2.3 La segregazione del personale nell individuale 2.4 La rigidità dei rapporti interpersonali profondi

8 Capitolo Terzo La ricchezza astratta Ricchezza concreta e ricchezza astratta 3.2 Il comando del denaro sulla ricchezza sociale 3.3 Lo scontro sociale fra il valore d uso e il valore di scambio Capitolo Quarto I valori astratti I valori astratti come valori di classe 4.2 Valori altri e morale astratta 4.3 Valori altri e società astratta 4.4 Valori astratti e identità sociale 4.5 L ambivalenza dei valori astratti 4.6 Opzioni individuali e astrazione sociale 4.7 L ambiguità dei valori astratti Capitolo Quinto Il tempo astratto Tempo esistenziale e tempo astratto 5.2 Il tempo come tempo di vita Capitolo Sesto Astrazione sociale e vita quotidiana Vita quotidiana e uso della forza-lavoro 6.2 L appropriazione della vita sociale da parte del capitale 6.3 La separazione fra lavoro e vita 6.4 Bisogni quotidiani e valorizzazione capitalistica Capitolo Settimo Astrazione sociale e qualità della vita 69 fra ambiente naturale e rischio nucleare 7.1 Organizzazione capitalistica della società e qualità della vita 7.2 Astrazione sociale e tutela dell ambiente 7.3 Astrazione sociale e rischio nucleare Capitolo Ottavo Astrazione politica e domanda sociale 75

9 8.1 L astrazione come funzione della politica 8.2 Astrazione politica e bisogni sociali 8.3 L astrazione come sistema di elusione della domanda sociale 8.4 La domanda sociale come prodotto dell astrazione politica Capitolo Nono L astrazione sociale come sistema L astrazione come sistema di indifferenza sociale 9.2 L astrazione sociale come sistema di formalizzazione 9.3 L astrazione sociale come sistema di dominio 9.4 Sistema di astrazione e bisogni sociali 9.5 Sistema di astrazione e aspirazioni sociali 9.6 Sistema di astrazione e visibilità delle distanze sociali Scheda A Astrazione materiale e astrazione sociale 93 Parte Seconda 99 Il processo di indeterminazione sociale Premessa Dal sistema di astrazione al processo 101 di indeterminazione Capitolo Decimo L indeterminazione tecnica del lavoro Il lavoro tecnicamente indeterminato 10.2 L indeterminazione nella formazione delle forze di lavoro 10.3 Sistema formativo e sistema produttivo nel processo di indeterminazione 10.4 La desoggettivazione del lavoro 10.5 L oggettivazione del processo lavorativo: dalla meccanizzazione all automazione Scheda B - Taylorismo e desoggettivazione del lavoro 115

10 Capitolo Undicesimo L indeterminazione sociale del lavoro L indeterminazione della forza-lavoro nel mercato del lavoro 11.2 La flessibilità della forza-lavoro come indeterminazione esistenziale 11.3 L indeterminazione della retribuzione 11.4 L indeterminazione della mansione lavorativa 11.5 L indeterminazione del rapporto di lavoro La valenza sociale del «posto di lavoro» Sperimentazione dell indeterminazione occupazionale e doppio mercato del lavoro Le forme del lavoro irregolare a scissione fra soggetto e prestazione lavorativa L istituzionalizzazione della instabilità del rapporto di lavoro 11.6 L indeterminazione nel processo di trasformazione del lavoro 11.7 Innovazione tecnologica e indeterminazione del lavoro 11.8 Destabilizzazione del sistema delle professioni e precarietà sociale Capitolo Dodicesimo La negazione del lavoro umano Negazione del lavoro umano e indeterminazione sociale 12.2 Le forme della negazione del lavoro umano 12.3 La negazione del lavoro umano come sistema di esclusione sociale Capitolo Tredicesimo L indeterminazione della vita sociale Vita sociale e valorizzazione capitalistica nel processo di indeterminazione 13.2 La separazione fra individualità e socialità 13.3 La spettacolarizzazione della vita sociale 13.4 L indeterminazione dell essere sociale Capitolo Quattordicesimo La regolazione sociale Indeterminazione e regolazione della vita sociale 14.2 Regolazione e integrazione sociale

11 14.3 Le forme della regolazione sociale 14.4 Regolazione sociale ed espropriazione della progettualità esistenziale Conclusione L ambivalenza della società astratta 177 La dinamica della società astratta Forza e debolezza della società astratta Assenza e presenza della società astratta Postilla metodologica Sulla esplorazione teorica della 185 realtà sociale Appendice Una figura storica: L operaio-massa fra indeterminazione sociale e soggettività politica 189 Materiali di studio 197 Lavoro astratto e lavoro oggettivato nella teoria di Marx I Dal lavoro astratto alla indeterminazione sociale 199 II L oggettivazione del lavoro 205 III Il lavoro astratto in quanto lavoro oggettivato 211 Nota biografica 228

12

13 Premessa alla prima edizione Dopo non poche esitazioni, mi decido ad affidare a queste pagine che qui vengono anticipate in edizione provvisoria, per venire incontro ad una esigenza pratica degli studenti della Cattedra di Sociologia i primi risultati di un mio lavoro di lungo impegno. L esitazione più forte era dovuta alle insufficienze proprie di un lavoro non ancora concluso. La spinta decisiva a fare questo passo mi è invece venuta da una esigenza impellente: la necessità di sottoporre ad una prima verifica il punto di vista da cui sono partito per cominciare a guardare alla società sussulta al capitale come ad una «società astratta». Ed è giusto che la prima verifica venga dagli studenti, cioè da coloro i quali, interrogandosi e interrogandomi sulle nuove valenze della realtà sociale, hanno indirettamente provocato questo mio ancora incerto tentativo. Le pagine che seguono non sono dunque un esito conclusivo. Chiudono una fase del lavoro e ne aprono un altra. La finalità che le muove è nel tentativo di aprire una prospettiva di ricerca. Si è inteso dare della «societa astratta» i tratti essenziali, che servano da quadro di riferimento per l indagine empirica. In tale direzione, la strada è appena tracciata. [...] 1. Roma, marzo F. Vio

14

15 Premessa alla seconda edizione Presuppongo naturalmente lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo e che quindi vogliano anche pensare da sé. Karl Marx Ai lettori e alle lettrici Questa proposta è nata come strumento di lavoro, nell ambito del mio corso di Sociologia all Università di Roma «La Sapienza». E, a questo scopo, è uscita in edizione universitaria, che si è presto esaurita, perché è entrata in un circuito più vasto di quello a cui era destinata. Fin dall inizio, mi sono opposto alla ristampa, per timore di dare vita stabile ad una stesura presentata come provvisoria. Ad un certo punto, è successo qualcosa di assolutamente imprevisto. Era appena rientrata l onda del movimento del 77. C era ancora tanta voglia di capire. Ma gli spazi del dibattito erano già stati ermeticamente chiusi. In quella situazione compressa erano in tanti specialmente fra i militanti e le militanti del movimento a cercare una qualche occasione per non sentirsi tagliati fuori dalla politica. La mia proposta ebbe la ventura di andare a cadere nel bel mezzo di una particolare situazione, segnata da mancanza di spazi politici. E fu accolta al volo come occasione per la riapertura di un discorso. Il dibattito decollò subito e si allargò a macchia d olio sia nei contenuti che nel numero dei soggetti coinvolti. E da allora non è stato più possibile fermarlo. In mancanza del volume stampato, già da anni introvabile, i soggetti via via coinvolti si sono appropriati del testo e se lo sono riprodotto a catena, infiorettandolo di sottolineature e di commenti.

16 Contemporaneamente è stata esercitata su di me una tale pressione per la riedizione del testo, da indurmi a superare residue incertezze. A questo punto, si è trattato di mettere mano alla edizione definitiva, ripensata da cima a fondo. Il testo è stato ampiamente accresciuto, riscritto e riorganizzato, per essere in grado di misurarsi con un quadro che si è fatto più articolato e complesso. Ma non si tratta di un semplice aggiornamento, che verrebbe, prima o poi, risucchiato indietro dall avanzare dei processi sociali analizzati. Ho cercato di dare alla proposta un più largo respiro, che evitasse il rischio di una identificazione con una fase politica e sociale particolare. Per tutto ciò, se si guarda alla struttura complessiva, I opera risulta nuova rispetto al modello originario. Per un certo tempo, sono stato perseguitato dall idea di portare a conclusione questo lavoro, anche per potermene liberare. Solo di recente mi sono convinto che il discorso sulla societa astratta è, in sé, aperto. Pretendere di concluderlo sarebbe una forzatura artificiosa. Al di là del testo scritto, continua la ricerca teorica ed empirica nel quadro di un progetto di sociologia esistenziale, cioè di analisi del sistema sociale dal punto di vista della condizione esistenziale degli uomini e delle donne in carne e ossa. E continua il lavoro di sociologia di base, inteso a promuovere dal basso l agire politico collettivo, attraverso inchieste-interventi e varie esperienze di aggregazione sociale, in direzione di una nuova prospettiva antagonista. A questo punto, è opportuno dare qualche chiarimento sui criteri tecnici seguiti nel corso della nuova stesura. Ho cercato di rendere il testo accessibile a chi non dispone di specifiche conoscenze, lavorando sulla base di un intento di fondo: elevare il grado di comprensibilità di problemi complessi, senza banalizzare il discorso. Mi ha sempre affascinato quella difficile chiarezza che deriva non da artificiose semplificazioni divulgative, ma dal limpido rigore dell analisi. Quella difficile chiarezza che non indulge ad una passiva registrazione di temi, ma impegna in una attiva intelligenza dei problemi. Si tratta ovviamente di un modello sempre da realizzare. Spero comunque che il discorso sulla società astratta sia trasparente per tutti. A parte vanno considerati i «materiali di studio», che intendono scavare nel retroterra teorico dell astrazione sociale e richiedono un particolare impegno da parte di chi non ha una qualche conoscenza della teoria di Marx. Non a caso sono stati collocati in fondo al volume. Il testo si presenta con rare eccezioni spoglio di citazioni, di riferimenti e di note. Ho infatti evitato accuratamente di appesantire il discorso con continui richiami, preferendo condurre l analisi, per così dire, in presa diretta, nella piena consapevolezza delle obiezioni formali che tale scelta può sollevare.

17 Fin dove ho potuto, sono stato attento a non esprimermi al maschile, infrangendo anche a prezzo di qualche ineleganza stilistica una radicata, ma non casuale, tradizione linguistica. Per agevolare l individuazione dei passaggi tematici, ho evidenziato in corsivo i punti salienti del discorso. Ho articolato il testo in parti, capitoli, paragrafi, non per conferire al discorso una artificiosa solennità, ma per offrire ad ognuno/a la possibilità di tracciarsi un personale percorso di lettura, andando a pescare, volta a volta, il tema che interessa. Vorrei che si potesse scomporre e ricomporre il testo, seguendo il filo delle proprie esperienze. L importante è riuscire a leggere la propria condizione esistenziale nel quadro dei processi sociali in atto. Le pagine che seguono ad altro non aspirano che a proporre un modo di considerare la realtà sociale. In tal senso, i titoli dell indice rimandano non a trattazioni dei temi evocati, ma ad articolazioni del discorso sulla società astratta. In sostanza, I intento è non di disegnare un quadro dello stato teorico di ogni area problematica attraversata dall analisi, ma di specificare i processi dell astrazione all interno delle varie sfere della dinamica sociale. Debbo aggiungere una piccola annotazione. L espressione società sussunta al capitale, che compariva nel sottotitolo e nel testo della prima edizione, è risultata oscura per i non addetti ai lavori. E stata perciò sostituita con società sottomessa al capitale (analogamente sussunzione è stata sostituita con sottomissione). Tutto ciò nella speranza che questa sofferta proposta arrivi ai veri destinatari ed alle vere destinatarie, cioè a chi, resistendo ad una fortissima pressione ideologica, si ostina a guardare alla realtà sociale con gli occhi degli uomini e delle donne in carne e ossa 2. Roma, marzo F. V. Chi è interessato/a a proporre spunti di discussione, a sollevare problemi, a chiedere chiarimenti, a muovere obiezioni o comunque a cercare un contatto, può scrivere all autore, presso il Dipartimento di Sociologia, Università di Roma «La Sapienza», Via Salaria, Roma. 2 F. Viola, L

18

19 Premessa alla terza edizione La società astratta si sta attrezzando per proporsi ed imporsi come modello assoluto di organizzazione sociale. Per questa via, pretende di imprigionare non solo le nostre vite, ma anche le nostre speranze. Ora più che mai è dunque necessario vigilare, teoricamente e praticamente, sui nostri destini personali e collettivi. Ora più che mai è necessario puntare il fuoco dell analisi critica sulla organizzazione sociale che presiede alle nostre esistenze. In tale direzione si muove oggi il lavoro di sensibilizzazione sulla società dell indifferenza. Lavoro che viene portato avanti attraverso esperienze collettive, teoriche e pratiche (per esempio, di recente, all interno del movimento 90). Tutto ciò sulla base di una convinzione espressa in un passaggio del testo. La società astratta è esposta alle alterne vicende della conflittualità sociale. E il filo del futuro è, pur sempre, nelle mani degli uomini e delle donne 3. Roma, novembre1990. F. V. 3 F. Viola, La società astratta. Un sistema di indifferenza nella nostra realtà quotidiana, Roma, Edizioni Associate, 1991.

20

21 Premessa dell Editore Edizione Greca (Traduzione) Il libro di Filippo Viola è il sesto della collana «Scienze sociali», che la nostra Casa Editrice ha avviato circa due anni fa e con la quale abbiamo l ambizione di partecipare al dibattito intorno a questioni attuali e vitali della nostra società. Nell ambito di questo obiettivo, presentiamo questo nuovo libro della collana, che ha già provocato un analogo dibattito in Italia. L opera inizialmente era un testo universitario per il Corso di Sociologia all Università di Roma «La Sapienza», dove l autore insegna. Questa edizione all inizio degli anni 80 molto presto si è esaurita, perché il libro ha interessato un pubblico molto più ampio dell ambito universitario, un pubblico che voleva partecipare al dibattito intorno a questioni politiche e sociali della nostra odierna società. Era un epoca che si caratterizzava per l ermetica chiusura del paese al dialogo politico, dopo la ritirata dei movimenti del decennio precedente. La discussione intorno alla problematica trattata in questo libro è continuato nonostante il fatto che il testo era da anni esaurito e che quindi era molto difficile trovarlo. Gli interessati riproduce- vano il testo in vari modi, infiorettandolo con sottolineature e commenti.

22 L autore stesso, nella sua premessa all edizione italiana del 1989, nota: «Contemporaneamente l editore mi ha esercitato una tale pressione per la ristampa del testo che mi sono deciso a superare le esitazioni che avevo». Il testo è stato profondamente rielaborato, sistematizzato e riorganizzato. E quindi nata una nuova opera, l opera che viene oggi presentata al lettore greco. L edizione del 1989 si era esaurita e nel 1990 era stata fatta una ristampa. Il favore dei lettori italiani e, speriamo, anche dei greci ha alla base anche il fatto che il testo si occupa di questioni che investono ciascuno di noi, perché le viviamo ogni giorno e ci provocano angustia e ansia. Questi problemi della vita odierna delle persone concrete non sono semplicemente rappresentate, ma vengono inserite in un più vasto quadro teorico, per cercare di interpretarle sulla base di una «ipotesi di lettura» come dice lo stesso autore della società odierna. Sulla base di questa «ipotesi di lettura», che l autore non si sente di considerare come «ipotesi di lavoro», vengono descritte e spiegate teoricamente varie questioni della società di oggi: dalla insicurezza e ansia fino alle problematiche dei rapporti di lavoro, del modo come viene vissuto il tempo, ecc. Non è certo il caso di delineare il contenuto del libro. Vorremmo far notare quanto segue: i capitoli undicesimo e dodicesimo si riferiscono in particolare al processo degli attuali rapporti di lavoro. E, sulla base della «ipotesi di lettura» della società di oggi, nel libro si fanno una serie di sottolineature e di previsioni sulla indeterminazione e l incertezza del lavoro, sulla riduzione dell occupazione e quindi sulla vita degli stessi lavoratori. Purtroppo, per i lavoratori, queste previsioni si verificano non solo per la società italiana, ma anche per quella greca e, inoltre, come viene sottolineato da molti studiosi, costituiscono la caratteristica della fase attuale dello sviluppo capitalistico. E stato anche notato da Nteibint Harvey che questo regime di «accumulazione elastica», come lo chiama, è appunto la base materiale per l apparire del «postmodernismo» nelle scienze sociali e nell arte. Crediamo dunque che l ipotesi dell autore si può definire come «ipotesi di lavoro» e non di semplice «lettura», per l interpretazione di alcuni aspetti sostanziali, che possono influenzare la nostra vita quotidiana, la nostra stessa esistenza. Il lettore riconosce molte esperienze personali attraverso la lettura del testo. Questo è anche l obiettivo principale dell autore, che continua la ricerca teorica ed empirica nel quadro di un programma di «Sociologia esistenziale». Quest ultima riguarda l analisi del sistema sociale dal punto di vista della condizione esistenziale delle persone concrete in carne e ossa. Nello stesso tempo, l autore continua il suo lavoro per una «Sociologia di base», che mira a promuovere dal basso attraverso ricerche e alcune esperienze collettive l azione politica in direzione di una nuova prospettiva

23 antagonista. Come l autore nota, «il filo del futuro si trova sempre nelle mani di uomini e donne in carne e ossa». Inoltre, vogliamo sottolineare alcune questioni della traduzione greca dall italiano. Il testo italiano è scritto con lo scopo di essere letto agilmente dal lettore medio ed è pieno di espressioni quotidiane. E nella traduzione greca abbiamo cercato di mantenere questo stile. Il testo non è però una volgarizzazione di concetti filosofici e sociologici, ma contiene una purezza e chiarezza che risultano dal rigore dell analisi e più precisamente dall uso dei diversi concetti. Così l autore Filippo Viola fa una precisa distinzione tra il concetto di persona e quello di individuo, tra il concetto di struttura sociale e di società come collettività, ecc. Nella traduzione greca abbiamo mantenuto rigidamente i termini greci corrispondenti. Per esempio: oggettivazione, operaio-massa, idee-forza, che corrisponde al concetto di idee dominanti. L autore insiste nell uso del termine uomini e donne, per evitare la tradizionale espressione virile, che nelle lingue latine contengono le parole che provengono dalla parola «homo». Abbiamo rispettato questa specificità della lingua dell autore e nella maggior parte dei casi l abbiamo tradotto con questo termine. In alcuni casi però l abbiamo tradotto con il termine «uomini», che nella lingua greca contiene tutti gli esseri umani, indipendentemente dal sesso e dall età. Infine, nel titolo abbiamo usato «Società di astrazione» e non il termine «Società astratta», per evitare il rischio che nel testo viene evitato dalla presenza di riferimenti contestuali di pensare che la Società astratta sia una società inesistente. Atene, Novembre 1993.

24

25 Parte Prima IL SISTEMA DI ASTRAZIONE SOCIALE

26

27 Introduzione Definizione di società astratta La società capitalistica, per potere funzionare come società formalmente democratica, deve prescindere dalla concreta esistenza degli esseri umani, deve cioè non tenere conto di come le donne e gli uomini realmente vivono. Sulla base di questa considerazione, definiamo società astratta I organizzazione capitalistica della società, regolata dalle istituzioni della democrazia formale. Astratta, non nel senso che è una società irreale, ma nel senso che fa astrazione dalla realtà sociale. Società astratta, dunque, nel senso che è un sistema di indifferenza alla condizione esistenziale degli uomini e delle donne in carne e ossa. Il sistema di indifferenza sociale è l esito della combinazione della realtà del capitalismo con la forma della democrazia. Tale esito è da imputare non alla forma democratica, ma alla realtà capitalistica. Un connotato fondamentale della società sottomessa al capitale in forma di democrazia è la separazione di fatto della sfera politica dalla sfera sociale. Nella sfera politica vengono affermati principi di partecipazione, libertà, uguaglianza, fratellanza, giustizia. Nella sfera sociale vengono istituite strutture e attivati rapporti che producono autoritarismo, repressione, disuguaglianza, rivalità, ingiustizia. La società capitalistica formalmente democratica è dunque una società ambigua. Da una parte proclama principi, dall altra crea presupposti strutturali perché non si realizzino. In sostanza, è una società truccata. La separazione tra la sfera politica e la sfera sociale produce astrazione sociale. La sfera politica si struttura facendo astrazione dalle condizioni reali che si vengono a creare nella sfera sociale. Di conseguenza, la dinamica del sistema istituzionale prescinde dalla concretezza esistenziale degli uomini e delle donne in carne e ossa. In un sistema di democrazia formale, chi per esempio ha bisogno di andare in albergo è libero di scegliere un hotel di gran lusso o una modesta locanda. Una legge che riservasse gli alberghi di prima categoria ad un particolare ceto sociale sarebbe incompatibile con le istituzioni della

28 democrazia formale. D altra parte, la società capitalistica è una società divisa in classi. E tale rimane, nella sostanza, pur nella complessità dell articolazione sociale. Ora, una struttura classista produce, ai diversi livelli della stratificazione sociale, stili di vita che talvolta sono incompatibili fra di loro. Un imprenditore miliardario non sopporterebbe di vedersi accanto, nella hall di un albergo, un modesto impiegato. E lo stesso impiegato proverebbe disagio a convivere con gente di altro pianeta sociale. Come risolvere tali contraddizioni? Nel caso specifico, come distribuire la popolazione ai diversi livelli della piramide sociale, senza fare ricorso a leggi formalmente antidemocratiche? In pratica, come attivare una regolazione della vita sociale a misura della struttura di classe, senza ricorrere ad una regolamentazione delle scelte personali? L astrazione sociale è la via per la quale la società capitalistica formalmente democratica tenta di dare soluzione a questo tipo di problemi E una via tortuosa e tormentata. La sfera sociale viene strutturata in modo da produrre sistematicamente una realtà che, di fatto, vanifica i principi sanciti nella sfera politica. La società astratta nega, in quanto società capitalistica, ciò che afferma in quanto società formalmente democratica. L astrazione sociale è dunque la via per la quale il capitalismo si avventura in un alternarsi di vittorie e di sconfitte sul terreno minato della democrazia formale. Per tutto ciò, I indifferenza sociale non è una degenerazione del dominio del capitale, ma il suo specifico modo di funzionare in forma di democrazia. L astrazione sociale si definisce non come una disfunzione della democrazia nel sistema capitalistico, ma come una sua ragione di essere, che consiste nel fare funzionare il sistema istituzionale secondo modalità estranee al vivere reale degli uomini e delle donne. Questa indifferenza istituzionale non è dovuta ad un qualche dissesto organizzativo. La società capitalistica formalmente democratica è astratta perché è strutturata per l affermazione di un valore altro rispetto alla realizzazione esistenziale degli esseri umani. Ognuno di noi non è già dato in partenza. E un potere essere sociale, un campo di possibilità da realizzare nella dimensione sociale. La persona sociale, cioè l essere umano in quanto dotato di socialità, realizza la propria concretezza esistenziale il suo pieno esistere nelle situazioni concrete della vita quotidiana se è in condizione di esprimere tutte le sue potenzialità. In rapporto a questo bisogno di autorealizzazione dell essere umano, una società è tanto meno astratta quanto più assume come valore fondante l organizzazione e la messa in atto di tutto il potere essere che emerge nella collettività. La realizzazione della specificità personale cioè dell esistere come uomo o donna particolare e irripetibile non è in antitesi con lo sviluppo dell essere sociale, con il movimento della realtà collettiva. La dimensione collettiva trova concreta attuazione solo quando anche il più piccolo frammento personale raggiunge la pienezza dell essere reale.

29 Non si tratta di immaginare il classico paradiso terrestre. Quel che conta per la qualificazione di una società è la direzione del suo movimento, determinata dal valore centrale che fa da motore al processo sociale generale. In questi termini, una società è tanto più astratta quanto più astratto è il valore centrale che realmente la muove, al di là delle enunciazioni di principio. In tale quadro, la società sottomessa al capitale ci appare come un aereo in mano a dirottatori professionisti, che hanno stravolto l originario piano di volo. Il modo capitalistico di produzione tende a deviare il processo sociale generale dalla concretezza esistenziale ed a convogliarlo verso un valore astratto: il profitto. Questo scandaloso dirottamento sociale si svolge, come ogni dirottamento, fra tensioni latenti e aperti conflitti, sia sul piano degli interessi materiali, sia in ordine agli orientamenti ideali. C è in esso il tentativo di mettere le potenzialità presenti nella collettività al servizio del dominio di classe. Nella società astratta, in quanto società dirottata, ognuno è costretto a lasciare inespresse le proprie possibilità e a diventare strumento in mano di altri, per fini non solo estranei, ma anche antitetici alla propria realizzazione esistenziale. Il dirottamento sociale è dunque funzionale all astrazione. Solo indirizzando la società complessiva verso un valore altro è possibile chiudere ogni varco all espressione delle potenzialità che emergono nella collettività. Soltanto in una società organizzata per altro gli uomini e le donne non trovano spazio per esprimersi in quanto persone. A sua volta, I astrazione è funzionale al dirottamento sociale. La società complessiva può essere dirottata in direzione di un fine altro nella misura in cui viene ignorato l essere concreto delle persone. La deviazione della società dai fini che presiedono alla realizzazione esistenziale degli uomini e delle donne incide pesantemente sulla dinamica sociale. La nostra lettura di tale dinamica è basata sulla distinzione fra società intesa come struttura cioè come insieme di istituzioni e società intesa come collettività, ossia come insieme di uomini e donne in carne e ossa. Si tratta ovviamente non di due distinte realtà, ma di due dimensioni della realtà sociale, che nella società capitalistica formalmente democratica tendono a divaricarsi. La società-struttura si orienta in direzione altra rispetto alla piena realizzazione delle potenzialità esistenziali presenti nella società-collettività. La divaricazione tra la sfera politica e la sfera sociale costituisce non I oggetto della nostra indagine, ma il suo presupposto. Al centro del quadro di analisi è non la contraddizione tra la forma democratica e la realtà di classe, ma l astrazione sociale che essa produce. In tale ambito, il compito che presiede a questa ipotesi di lettura della società sottomessa al capitale è ben delimitato. Si tratta di ricostruire i processi attraverso i quali l astrazione percorre e plasma le più significative espressioni dell universo sociale: la soggettività individuale, i rapporti

30 interpersonali, la ricchezza materiale, il sistema di valori, la vita quotidiana, il mondo del lavoro. L intento è di cogliere, lungo questi percorsi, il senso della condizione umana, trasfigurata dall astrazione sociale. In fondo, avventurandoci sui sentieri impervi dell indifferenza della società astratta, andiamo alla ricerca di una chiave di lettura sociologica del disagio esistenziale.

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE Qualche appunto sul perché è importante, in questo inverno della politica, raccontare storie Giovanna Cosenza e Annamaria Testa Quando su NeU e Dis.amb.iguando abbiamo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 612 Spedito il 30/3/2010 All On.le Ministro SEDE OGGETTO: Valutazione della ricerca. Adunanza del 25.03.2010 IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE APPROVA IL SEGUENTE DOCUMENTO: Introduzione Ogni

Dettagli