FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA. Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana. Volume Unico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA. Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana. Volume Unico"

Transcript

1 FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana Volume Unico Testo del libro a stampa, riprodotto, aggiornato e ampliato, nel vol. 1 della edizione web definitiva. Web Edit

2

3 FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana Volume Unico Web Edit

4 Edizione Web: Marzo 2013 Web Edit Testo della terza edizione a stampa Edzioni Associate Roma Tutti i diritti riservati all Autore Web Edit è un progetto editoriale Internet no profit, finalizzato alla socializzazione della conoscenza e della creatività. E possibile scaricare gratis i testi pubblicati nel sito Internet. Sono consentite la riproduzione integrale (con il nome dell Autore) e la libera circolazione, non commerciale. In caso di riproduzione, anche parziale, si richiede la citazione della fonte.

5 alle mie figlie Letizia ed Elisa con la infondata speranza che non abbiano a vivere in una società astratta

6

7 I N D I C E Pag. Premessa alla prima edizione 13 Premessa alla seconda edizione 15 Premessa alla terza edizione 19 Premessa alla edizione greca 21 Parte Prima 25 Il sistema di astrazione sociale Introduzione 27 Definizione di società astratta Capitolo Primo - L'individuo astratto L individuo astratto come pura funzione della valorizzazione capitalistica 1.2 Individuo astratto e persona concreta 1.3 Concretezza esistenziale e astrazione sociale 1.4 La separazione fra persona e qualità umane 1.5 La contrapposizione fra l individuo e le sue qualità 1.6 Il bisogno di reintegrazione esistenziale 1.7 Dal disagio esistenziale alla fuga nel mondo artificiale prodotto dalla droga Capitolo Secondo I rapporti sociali astratti La desoggettivazione dei rapporti sociali 2.2 La socialità astratta 2.3 La segregazione del personale nell individuale 2.4 La rigidità dei rapporti interpersonali profondi

8 Capitolo Terzo La ricchezza astratta Ricchezza concreta e ricchezza astratta 3.2 Il comando del denaro sulla ricchezza sociale 3.3 Lo scontro sociale fra il valore d uso e il valore di scambio Capitolo Quarto I valori astratti I valori astratti come valori di classe 4.2 Valori altri e morale astratta 4.3 Valori altri e società astratta 4.4 Valori astratti e identità sociale 4.5 L ambivalenza dei valori astratti 4.6 Opzioni individuali e astrazione sociale 4.7 L ambiguità dei valori astratti Capitolo Quinto Il tempo astratto Tempo esistenziale e tempo astratto 5.2 Il tempo come tempo di vita Capitolo Sesto Astrazione sociale e vita quotidiana Vita quotidiana e uso della forza-lavoro 6.2 L appropriazione della vita sociale da parte del capitale 6.3 La separazione fra lavoro e vita 6.4 Bisogni quotidiani e valorizzazione capitalistica Capitolo Settimo Astrazione sociale e qualità della vita 69 fra ambiente naturale e rischio nucleare 7.1 Organizzazione capitalistica della società e qualità della vita 7.2 Astrazione sociale e tutela dell ambiente 7.3 Astrazione sociale e rischio nucleare Capitolo Ottavo Astrazione politica e domanda sociale 75

9 8.1 L astrazione come funzione della politica 8.2 Astrazione politica e bisogni sociali 8.3 L astrazione come sistema di elusione della domanda sociale 8.4 La domanda sociale come prodotto dell astrazione politica Capitolo Nono L astrazione sociale come sistema L astrazione come sistema di indifferenza sociale 9.2 L astrazione sociale come sistema di formalizzazione 9.3 L astrazione sociale come sistema di dominio 9.4 Sistema di astrazione e bisogni sociali 9.5 Sistema di astrazione e aspirazioni sociali 9.6 Sistema di astrazione e visibilità delle distanze sociali Scheda A Astrazione materiale e astrazione sociale 93 Parte Seconda 99 Il processo di indeterminazione sociale Premessa Dal sistema di astrazione al processo 101 di indeterminazione Capitolo Decimo L indeterminazione tecnica del lavoro Il lavoro tecnicamente indeterminato 10.2 L indeterminazione nella formazione delle forze di lavoro 10.3 Sistema formativo e sistema produttivo nel processo di indeterminazione 10.4 La desoggettivazione del lavoro 10.5 L oggettivazione del processo lavorativo: dalla meccanizzazione all automazione Scheda B - Taylorismo e desoggettivazione del lavoro 115

10 Capitolo Undicesimo L indeterminazione sociale del lavoro L indeterminazione della forza-lavoro nel mercato del lavoro 11.2 La flessibilità della forza-lavoro come indeterminazione esistenziale 11.3 L indeterminazione della retribuzione 11.4 L indeterminazione della mansione lavorativa 11.5 L indeterminazione del rapporto di lavoro La valenza sociale del «posto di lavoro» Sperimentazione dell indeterminazione occupazionale e doppio mercato del lavoro Le forme del lavoro irregolare a scissione fra soggetto e prestazione lavorativa L istituzionalizzazione della instabilità del rapporto di lavoro 11.6 L indeterminazione nel processo di trasformazione del lavoro 11.7 Innovazione tecnologica e indeterminazione del lavoro 11.8 Destabilizzazione del sistema delle professioni e precarietà sociale Capitolo Dodicesimo La negazione del lavoro umano Negazione del lavoro umano e indeterminazione sociale 12.2 Le forme della negazione del lavoro umano 12.3 La negazione del lavoro umano come sistema di esclusione sociale Capitolo Tredicesimo L indeterminazione della vita sociale Vita sociale e valorizzazione capitalistica nel processo di indeterminazione 13.2 La separazione fra individualità e socialità 13.3 La spettacolarizzazione della vita sociale 13.4 L indeterminazione dell essere sociale Capitolo Quattordicesimo La regolazione sociale Indeterminazione e regolazione della vita sociale 14.2 Regolazione e integrazione sociale

11 14.3 Le forme della regolazione sociale 14.4 Regolazione sociale ed espropriazione della progettualità esistenziale Conclusione L ambivalenza della società astratta 177 La dinamica della società astratta Forza e debolezza della società astratta Assenza e presenza della società astratta Postilla metodologica Sulla esplorazione teorica della 185 realtà sociale Appendice Una figura storica: L operaio-massa fra indeterminazione sociale e soggettività politica 189 Materiali di studio 197 Lavoro astratto e lavoro oggettivato nella teoria di Marx I Dal lavoro astratto alla indeterminazione sociale 199 II L oggettivazione del lavoro 205 III Il lavoro astratto in quanto lavoro oggettivato 211 Nota biografica 228

12

13 Premessa alla prima edizione Dopo non poche esitazioni, mi decido ad affidare a queste pagine che qui vengono anticipate in edizione provvisoria, per venire incontro ad una esigenza pratica degli studenti della Cattedra di Sociologia i primi risultati di un mio lavoro di lungo impegno. L esitazione più forte era dovuta alle insufficienze proprie di un lavoro non ancora concluso. La spinta decisiva a fare questo passo mi è invece venuta da una esigenza impellente: la necessità di sottoporre ad una prima verifica il punto di vista da cui sono partito per cominciare a guardare alla società sussulta al capitale come ad una «società astratta». Ed è giusto che la prima verifica venga dagli studenti, cioè da coloro i quali, interrogandosi e interrogandomi sulle nuove valenze della realtà sociale, hanno indirettamente provocato questo mio ancora incerto tentativo. Le pagine che seguono non sono dunque un esito conclusivo. Chiudono una fase del lavoro e ne aprono un altra. La finalità che le muove è nel tentativo di aprire una prospettiva di ricerca. Si è inteso dare della «societa astratta» i tratti essenziali, che servano da quadro di riferimento per l indagine empirica. In tale direzione, la strada è appena tracciata. [...] 1. Roma, marzo F. Vio

14

15 Premessa alla seconda edizione Presuppongo naturalmente lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo e che quindi vogliano anche pensare da sé. Karl Marx Ai lettori e alle lettrici Questa proposta è nata come strumento di lavoro, nell ambito del mio corso di Sociologia all Università di Roma «La Sapienza». E, a questo scopo, è uscita in edizione universitaria, che si è presto esaurita, perché è entrata in un circuito più vasto di quello a cui era destinata. Fin dall inizio, mi sono opposto alla ristampa, per timore di dare vita stabile ad una stesura presentata come provvisoria. Ad un certo punto, è successo qualcosa di assolutamente imprevisto. Era appena rientrata l onda del movimento del 77. C era ancora tanta voglia di capire. Ma gli spazi del dibattito erano già stati ermeticamente chiusi. In quella situazione compressa erano in tanti specialmente fra i militanti e le militanti del movimento a cercare una qualche occasione per non sentirsi tagliati fuori dalla politica. La mia proposta ebbe la ventura di andare a cadere nel bel mezzo di una particolare situazione, segnata da mancanza di spazi politici. E fu accolta al volo come occasione per la riapertura di un discorso. Il dibattito decollò subito e si allargò a macchia d olio sia nei contenuti che nel numero dei soggetti coinvolti. E da allora non è stato più possibile fermarlo. In mancanza del volume stampato, già da anni introvabile, i soggetti via via coinvolti si sono appropriati del testo e se lo sono riprodotto a catena, infiorettandolo di sottolineature e di commenti.

16 Contemporaneamente è stata esercitata su di me una tale pressione per la riedizione del testo, da indurmi a superare residue incertezze. A questo punto, si è trattato di mettere mano alla edizione definitiva, ripensata da cima a fondo. Il testo è stato ampiamente accresciuto, riscritto e riorganizzato, per essere in grado di misurarsi con un quadro che si è fatto più articolato e complesso. Ma non si tratta di un semplice aggiornamento, che verrebbe, prima o poi, risucchiato indietro dall avanzare dei processi sociali analizzati. Ho cercato di dare alla proposta un più largo respiro, che evitasse il rischio di una identificazione con una fase politica e sociale particolare. Per tutto ciò, se si guarda alla struttura complessiva, I opera risulta nuova rispetto al modello originario. Per un certo tempo, sono stato perseguitato dall idea di portare a conclusione questo lavoro, anche per potermene liberare. Solo di recente mi sono convinto che il discorso sulla societa astratta è, in sé, aperto. Pretendere di concluderlo sarebbe una forzatura artificiosa. Al di là del testo scritto, continua la ricerca teorica ed empirica nel quadro di un progetto di sociologia esistenziale, cioè di analisi del sistema sociale dal punto di vista della condizione esistenziale degli uomini e delle donne in carne e ossa. E continua il lavoro di sociologia di base, inteso a promuovere dal basso l agire politico collettivo, attraverso inchieste-interventi e varie esperienze di aggregazione sociale, in direzione di una nuova prospettiva antagonista. A questo punto, è opportuno dare qualche chiarimento sui criteri tecnici seguiti nel corso della nuova stesura. Ho cercato di rendere il testo accessibile a chi non dispone di specifiche conoscenze, lavorando sulla base di un intento di fondo: elevare il grado di comprensibilità di problemi complessi, senza banalizzare il discorso. Mi ha sempre affascinato quella difficile chiarezza che deriva non da artificiose semplificazioni divulgative, ma dal limpido rigore dell analisi. Quella difficile chiarezza che non indulge ad una passiva registrazione di temi, ma impegna in una attiva intelligenza dei problemi. Si tratta ovviamente di un modello sempre da realizzare. Spero comunque che il discorso sulla società astratta sia trasparente per tutti. A parte vanno considerati i «materiali di studio», che intendono scavare nel retroterra teorico dell astrazione sociale e richiedono un particolare impegno da parte di chi non ha una qualche conoscenza della teoria di Marx. Non a caso sono stati collocati in fondo al volume. Il testo si presenta con rare eccezioni spoglio di citazioni, di riferimenti e di note. Ho infatti evitato accuratamente di appesantire il discorso con continui richiami, preferendo condurre l analisi, per così dire, in presa diretta, nella piena consapevolezza delle obiezioni formali che tale scelta può sollevare.

17 Fin dove ho potuto, sono stato attento a non esprimermi al maschile, infrangendo anche a prezzo di qualche ineleganza stilistica una radicata, ma non casuale, tradizione linguistica. Per agevolare l individuazione dei passaggi tematici, ho evidenziato in corsivo i punti salienti del discorso. Ho articolato il testo in parti, capitoli, paragrafi, non per conferire al discorso una artificiosa solennità, ma per offrire ad ognuno/a la possibilità di tracciarsi un personale percorso di lettura, andando a pescare, volta a volta, il tema che interessa. Vorrei che si potesse scomporre e ricomporre il testo, seguendo il filo delle proprie esperienze. L importante è riuscire a leggere la propria condizione esistenziale nel quadro dei processi sociali in atto. Le pagine che seguono ad altro non aspirano che a proporre un modo di considerare la realtà sociale. In tal senso, i titoli dell indice rimandano non a trattazioni dei temi evocati, ma ad articolazioni del discorso sulla società astratta. In sostanza, I intento è non di disegnare un quadro dello stato teorico di ogni area problematica attraversata dall analisi, ma di specificare i processi dell astrazione all interno delle varie sfere della dinamica sociale. Debbo aggiungere una piccola annotazione. L espressione società sussunta al capitale, che compariva nel sottotitolo e nel testo della prima edizione, è risultata oscura per i non addetti ai lavori. E stata perciò sostituita con società sottomessa al capitale (analogamente sussunzione è stata sostituita con sottomissione). Tutto ciò nella speranza che questa sofferta proposta arrivi ai veri destinatari ed alle vere destinatarie, cioè a chi, resistendo ad una fortissima pressione ideologica, si ostina a guardare alla realtà sociale con gli occhi degli uomini e delle donne in carne e ossa 2. Roma, marzo F. V. Chi è interessato/a a proporre spunti di discussione, a sollevare problemi, a chiedere chiarimenti, a muovere obiezioni o comunque a cercare un contatto, può scrivere all autore, presso il Dipartimento di Sociologia, Università di Roma «La Sapienza», Via Salaria, Roma. 2 F. Viola, L

18

19 Premessa alla terza edizione La società astratta si sta attrezzando per proporsi ed imporsi come modello assoluto di organizzazione sociale. Per questa via, pretende di imprigionare non solo le nostre vite, ma anche le nostre speranze. Ora più che mai è dunque necessario vigilare, teoricamente e praticamente, sui nostri destini personali e collettivi. Ora più che mai è necessario puntare il fuoco dell analisi critica sulla organizzazione sociale che presiede alle nostre esistenze. In tale direzione si muove oggi il lavoro di sensibilizzazione sulla società dell indifferenza. Lavoro che viene portato avanti attraverso esperienze collettive, teoriche e pratiche (per esempio, di recente, all interno del movimento 90). Tutto ciò sulla base di una convinzione espressa in un passaggio del testo. La società astratta è esposta alle alterne vicende della conflittualità sociale. E il filo del futuro è, pur sempre, nelle mani degli uomini e delle donne 3. Roma, novembre1990. F. V. 3 F. Viola, La società astratta. Un sistema di indifferenza nella nostra realtà quotidiana, Roma, Edizioni Associate, 1991.

20

21 Premessa dell Editore Edizione Greca (Traduzione) Il libro di Filippo Viola è il sesto della collana «Scienze sociali», che la nostra Casa Editrice ha avviato circa due anni fa e con la quale abbiamo l ambizione di partecipare al dibattito intorno a questioni attuali e vitali della nostra società. Nell ambito di questo obiettivo, presentiamo questo nuovo libro della collana, che ha già provocato un analogo dibattito in Italia. L opera inizialmente era un testo universitario per il Corso di Sociologia all Università di Roma «La Sapienza», dove l autore insegna. Questa edizione all inizio degli anni 80 molto presto si è esaurita, perché il libro ha interessato un pubblico molto più ampio dell ambito universitario, un pubblico che voleva partecipare al dibattito intorno a questioni politiche e sociali della nostra odierna società. Era un epoca che si caratterizzava per l ermetica chiusura del paese al dialogo politico, dopo la ritirata dei movimenti del decennio precedente. La discussione intorno alla problematica trattata in questo libro è continuato nonostante il fatto che il testo era da anni esaurito e che quindi era molto difficile trovarlo. Gli interessati riproduce- vano il testo in vari modi, infiorettandolo con sottolineature e commenti.

22 L autore stesso, nella sua premessa all edizione italiana del 1989, nota: «Contemporaneamente l editore mi ha esercitato una tale pressione per la ristampa del testo che mi sono deciso a superare le esitazioni che avevo». Il testo è stato profondamente rielaborato, sistematizzato e riorganizzato. E quindi nata una nuova opera, l opera che viene oggi presentata al lettore greco. L edizione del 1989 si era esaurita e nel 1990 era stata fatta una ristampa. Il favore dei lettori italiani e, speriamo, anche dei greci ha alla base anche il fatto che il testo si occupa di questioni che investono ciascuno di noi, perché le viviamo ogni giorno e ci provocano angustia e ansia. Questi problemi della vita odierna delle persone concrete non sono semplicemente rappresentate, ma vengono inserite in un più vasto quadro teorico, per cercare di interpretarle sulla base di una «ipotesi di lettura» come dice lo stesso autore della società odierna. Sulla base di questa «ipotesi di lettura», che l autore non si sente di considerare come «ipotesi di lavoro», vengono descritte e spiegate teoricamente varie questioni della società di oggi: dalla insicurezza e ansia fino alle problematiche dei rapporti di lavoro, del modo come viene vissuto il tempo, ecc. Non è certo il caso di delineare il contenuto del libro. Vorremmo far notare quanto segue: i capitoli undicesimo e dodicesimo si riferiscono in particolare al processo degli attuali rapporti di lavoro. E, sulla base della «ipotesi di lettura» della società di oggi, nel libro si fanno una serie di sottolineature e di previsioni sulla indeterminazione e l incertezza del lavoro, sulla riduzione dell occupazione e quindi sulla vita degli stessi lavoratori. Purtroppo, per i lavoratori, queste previsioni si verificano non solo per la società italiana, ma anche per quella greca e, inoltre, come viene sottolineato da molti studiosi, costituiscono la caratteristica della fase attuale dello sviluppo capitalistico. E stato anche notato da Nteibint Harvey che questo regime di «accumulazione elastica», come lo chiama, è appunto la base materiale per l apparire del «postmodernismo» nelle scienze sociali e nell arte. Crediamo dunque che l ipotesi dell autore si può definire come «ipotesi di lavoro» e non di semplice «lettura», per l interpretazione di alcuni aspetti sostanziali, che possono influenzare la nostra vita quotidiana, la nostra stessa esistenza. Il lettore riconosce molte esperienze personali attraverso la lettura del testo. Questo è anche l obiettivo principale dell autore, che continua la ricerca teorica ed empirica nel quadro di un programma di «Sociologia esistenziale». Quest ultima riguarda l analisi del sistema sociale dal punto di vista della condizione esistenziale delle persone concrete in carne e ossa. Nello stesso tempo, l autore continua il suo lavoro per una «Sociologia di base», che mira a promuovere dal basso attraverso ricerche e alcune esperienze collettive l azione politica in direzione di una nuova prospettiva

23 antagonista. Come l autore nota, «il filo del futuro si trova sempre nelle mani di uomini e donne in carne e ossa». Inoltre, vogliamo sottolineare alcune questioni della traduzione greca dall italiano. Il testo italiano è scritto con lo scopo di essere letto agilmente dal lettore medio ed è pieno di espressioni quotidiane. E nella traduzione greca abbiamo cercato di mantenere questo stile. Il testo non è però una volgarizzazione di concetti filosofici e sociologici, ma contiene una purezza e chiarezza che risultano dal rigore dell analisi e più precisamente dall uso dei diversi concetti. Così l autore Filippo Viola fa una precisa distinzione tra il concetto di persona e quello di individuo, tra il concetto di struttura sociale e di società come collettività, ecc. Nella traduzione greca abbiamo mantenuto rigidamente i termini greci corrispondenti. Per esempio: oggettivazione, operaio-massa, idee-forza, che corrisponde al concetto di idee dominanti. L autore insiste nell uso del termine uomini e donne, per evitare la tradizionale espressione virile, che nelle lingue latine contengono le parole che provengono dalla parola «homo». Abbiamo rispettato questa specificità della lingua dell autore e nella maggior parte dei casi l abbiamo tradotto con questo termine. In alcuni casi però l abbiamo tradotto con il termine «uomini», che nella lingua greca contiene tutti gli esseri umani, indipendentemente dal sesso e dall età. Infine, nel titolo abbiamo usato «Società di astrazione» e non il termine «Società astratta», per evitare il rischio che nel testo viene evitato dalla presenza di riferimenti contestuali di pensare che la Società astratta sia una società inesistente. Atene, Novembre 1993.

24

25 Parte Prima IL SISTEMA DI ASTRAZIONE SOCIALE

26

27 Introduzione Definizione di società astratta La società capitalistica, per potere funzionare come società formalmente democratica, deve prescindere dalla concreta esistenza degli esseri umani, deve cioè non tenere conto di come le donne e gli uomini realmente vivono. Sulla base di questa considerazione, definiamo società astratta I organizzazione capitalistica della società, regolata dalle istituzioni della democrazia formale. Astratta, non nel senso che è una società irreale, ma nel senso che fa astrazione dalla realtà sociale. Società astratta, dunque, nel senso che è un sistema di indifferenza alla condizione esistenziale degli uomini e delle donne in carne e ossa. Il sistema di indifferenza sociale è l esito della combinazione della realtà del capitalismo con la forma della democrazia. Tale esito è da imputare non alla forma democratica, ma alla realtà capitalistica. Un connotato fondamentale della società sottomessa al capitale in forma di democrazia è la separazione di fatto della sfera politica dalla sfera sociale. Nella sfera politica vengono affermati principi di partecipazione, libertà, uguaglianza, fratellanza, giustizia. Nella sfera sociale vengono istituite strutture e attivati rapporti che producono autoritarismo, repressione, disuguaglianza, rivalità, ingiustizia. La società capitalistica formalmente democratica è dunque una società ambigua. Da una parte proclama principi, dall altra crea presupposti strutturali perché non si realizzino. In sostanza, è una società truccata. La separazione tra la sfera politica e la sfera sociale produce astrazione sociale. La sfera politica si struttura facendo astrazione dalle condizioni reali che si vengono a creare nella sfera sociale. Di conseguenza, la dinamica del sistema istituzionale prescinde dalla concretezza esistenziale degli uomini e delle donne in carne e ossa. In un sistema di democrazia formale, chi per esempio ha bisogno di andare in albergo è libero di scegliere un hotel di gran lusso o una modesta locanda. Una legge che riservasse gli alberghi di prima categoria ad un particolare ceto sociale sarebbe incompatibile con le istituzioni della

28 democrazia formale. D altra parte, la società capitalistica è una società divisa in classi. E tale rimane, nella sostanza, pur nella complessità dell articolazione sociale. Ora, una struttura classista produce, ai diversi livelli della stratificazione sociale, stili di vita che talvolta sono incompatibili fra di loro. Un imprenditore miliardario non sopporterebbe di vedersi accanto, nella hall di un albergo, un modesto impiegato. E lo stesso impiegato proverebbe disagio a convivere con gente di altro pianeta sociale. Come risolvere tali contraddizioni? Nel caso specifico, come distribuire la popolazione ai diversi livelli della piramide sociale, senza fare ricorso a leggi formalmente antidemocratiche? In pratica, come attivare una regolazione della vita sociale a misura della struttura di classe, senza ricorrere ad una regolamentazione delle scelte personali? L astrazione sociale è la via per la quale la società capitalistica formalmente democratica tenta di dare soluzione a questo tipo di problemi E una via tortuosa e tormentata. La sfera sociale viene strutturata in modo da produrre sistematicamente una realtà che, di fatto, vanifica i principi sanciti nella sfera politica. La società astratta nega, in quanto società capitalistica, ciò che afferma in quanto società formalmente democratica. L astrazione sociale è dunque la via per la quale il capitalismo si avventura in un alternarsi di vittorie e di sconfitte sul terreno minato della democrazia formale. Per tutto ciò, I indifferenza sociale non è una degenerazione del dominio del capitale, ma il suo specifico modo di funzionare in forma di democrazia. L astrazione sociale si definisce non come una disfunzione della democrazia nel sistema capitalistico, ma come una sua ragione di essere, che consiste nel fare funzionare il sistema istituzionale secondo modalità estranee al vivere reale degli uomini e delle donne. Questa indifferenza istituzionale non è dovuta ad un qualche dissesto organizzativo. La società capitalistica formalmente democratica è astratta perché è strutturata per l affermazione di un valore altro rispetto alla realizzazione esistenziale degli esseri umani. Ognuno di noi non è già dato in partenza. E un potere essere sociale, un campo di possibilità da realizzare nella dimensione sociale. La persona sociale, cioè l essere umano in quanto dotato di socialità, realizza la propria concretezza esistenziale il suo pieno esistere nelle situazioni concrete della vita quotidiana se è in condizione di esprimere tutte le sue potenzialità. In rapporto a questo bisogno di autorealizzazione dell essere umano, una società è tanto meno astratta quanto più assume come valore fondante l organizzazione e la messa in atto di tutto il potere essere che emerge nella collettività. La realizzazione della specificità personale cioè dell esistere come uomo o donna particolare e irripetibile non è in antitesi con lo sviluppo dell essere sociale, con il movimento della realtà collettiva. La dimensione collettiva trova concreta attuazione solo quando anche il più piccolo frammento personale raggiunge la pienezza dell essere reale.

29 Non si tratta di immaginare il classico paradiso terrestre. Quel che conta per la qualificazione di una società è la direzione del suo movimento, determinata dal valore centrale che fa da motore al processo sociale generale. In questi termini, una società è tanto più astratta quanto più astratto è il valore centrale che realmente la muove, al di là delle enunciazioni di principio. In tale quadro, la società sottomessa al capitale ci appare come un aereo in mano a dirottatori professionisti, che hanno stravolto l originario piano di volo. Il modo capitalistico di produzione tende a deviare il processo sociale generale dalla concretezza esistenziale ed a convogliarlo verso un valore astratto: il profitto. Questo scandaloso dirottamento sociale si svolge, come ogni dirottamento, fra tensioni latenti e aperti conflitti, sia sul piano degli interessi materiali, sia in ordine agli orientamenti ideali. C è in esso il tentativo di mettere le potenzialità presenti nella collettività al servizio del dominio di classe. Nella società astratta, in quanto società dirottata, ognuno è costretto a lasciare inespresse le proprie possibilità e a diventare strumento in mano di altri, per fini non solo estranei, ma anche antitetici alla propria realizzazione esistenziale. Il dirottamento sociale è dunque funzionale all astrazione. Solo indirizzando la società complessiva verso un valore altro è possibile chiudere ogni varco all espressione delle potenzialità che emergono nella collettività. Soltanto in una società organizzata per altro gli uomini e le donne non trovano spazio per esprimersi in quanto persone. A sua volta, I astrazione è funzionale al dirottamento sociale. La società complessiva può essere dirottata in direzione di un fine altro nella misura in cui viene ignorato l essere concreto delle persone. La deviazione della società dai fini che presiedono alla realizzazione esistenziale degli uomini e delle donne incide pesantemente sulla dinamica sociale. La nostra lettura di tale dinamica è basata sulla distinzione fra società intesa come struttura cioè come insieme di istituzioni e società intesa come collettività, ossia come insieme di uomini e donne in carne e ossa. Si tratta ovviamente non di due distinte realtà, ma di due dimensioni della realtà sociale, che nella società capitalistica formalmente democratica tendono a divaricarsi. La società-struttura si orienta in direzione altra rispetto alla piena realizzazione delle potenzialità esistenziali presenti nella società-collettività. La divaricazione tra la sfera politica e la sfera sociale costituisce non I oggetto della nostra indagine, ma il suo presupposto. Al centro del quadro di analisi è non la contraddizione tra la forma democratica e la realtà di classe, ma l astrazione sociale che essa produce. In tale ambito, il compito che presiede a questa ipotesi di lettura della società sottomessa al capitale è ben delimitato. Si tratta di ricostruire i processi attraverso i quali l astrazione percorre e plasma le più significative espressioni dell universo sociale: la soggettività individuale, i rapporti

30 interpersonali, la ricchezza materiale, il sistema di valori, la vita quotidiana, il mondo del lavoro. L intento è di cogliere, lungo questi percorsi, il senso della condizione umana, trasfigurata dall astrazione sociale. In fondo, avventurandoci sui sentieri impervi dell indifferenza della società astratta, andiamo alla ricerca di una chiave di lettura sociologica del disagio esistenziale.

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Allegato 1: Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Premessa Il video didattico Noi due del sud offre una istantanea sul bullismo nella scuola media inferiore,

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Emanuele Lajolo di Cossano COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Università degli Studi - Torino, 19 aprile 2010 La prima cosa da fare PERCHE SONO QUI? QUAL E IL MIO OBIETTIVO? CHE COSA VOGLIO ASSOLUTAMENTE

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Susan Petrilli Il libro di Augusto Ponzio La dissidenza cifrematica è un vero e proprio esercizio di traduzione, nel senso non tanto interlinguale, come passaggio

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Studio o faccio i compiti?

Studio o faccio i compiti? Devo leggere o studiare? Per oggi c erano i compiti, ma non c era nulla da studiare. Che fortuna! Studio o faccio i compiti? La sostanza dei compiti è lo studio e lo studio è il compito dei compiti STUDIARE

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 Partendo da lontano: appunti di viaggio di Beatrice Vitali Berlino è così: c è sempre qualcuno scalzo c

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Come Attuare il Cambiamento Attraverso la PNQ e il Modellamento della Realtà 2 Titolo LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Autore Luca Clun Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Rubbettino Università, Soveria Mannelli 2009 Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Diversi sono tuttavia

Dettagli

PROGETTO: TEATRO FORUM

PROGETTO: TEATRO FORUM 24 5 PROGETTO: TEATRO FORUM (per Oratori sensibili) Che cos è Il Teatro forum è un metodo e percorso formativo utilizzato spesso in situazioni di disagio socio-culturale e si propone come strumento per

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO

L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO In molte attività della vita c è un periodo di prova e di iniziazione, un periodo nel quale i nuovi arrivati sono vittime della propria inettitudine e in un

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

CARTA del VOLONTARIO ASSOCIAZIONE PORTA APERTA

CARTA del VOLONTARIO ASSOCIAZIONE PORTA APERTA CARTA del VOLONTARIO Le poche note che caratterizzano la Carta del volontario vogliono essere solamente un aiuto a vivere serenamente e con responsabilità il servizio che ognuno di noi liberamente sceglie

Dettagli

Imparare a vendere la nostra professionalità.

Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. 2010 La preparazione del proprio curriculum è un momento intenso e come tale deve essere vissuto. Presentarsi

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia. Trainer in PNL e Psicologia Analogica. Titolare di Mentaltra, giovane azienda appena insediatosi nella Zona Industriale

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli