FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA. Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana. Volume Unico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA. Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana. Volume Unico"

Transcript

1 FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana Volume Unico Testo del libro a stampa, riprodotto, aggiornato e ampliato, nel vol. 1 della edizione web definitiva. Web Edit

2

3 FILIPPO VIOLA LA SOCIETA ASTRATTA Un sistema di indifferenza alla nostra realtà quotidiana Volume Unico Web Edit

4 Edizione Web: Marzo 2013 Web Edit Testo della terza edizione a stampa Edzioni Associate Roma Tutti i diritti riservati all Autore Web Edit è un progetto editoriale Internet no profit, finalizzato alla socializzazione della conoscenza e della creatività. E possibile scaricare gratis i testi pubblicati nel sito Internet. Sono consentite la riproduzione integrale (con il nome dell Autore) e la libera circolazione, non commerciale. In caso di riproduzione, anche parziale, si richiede la citazione della fonte.

5 alle mie figlie Letizia ed Elisa con la infondata speranza che non abbiano a vivere in una società astratta

6

7 I N D I C E Pag. Premessa alla prima edizione 13 Premessa alla seconda edizione 15 Premessa alla terza edizione 19 Premessa alla edizione greca 21 Parte Prima 25 Il sistema di astrazione sociale Introduzione 27 Definizione di società astratta Capitolo Primo - L'individuo astratto L individuo astratto come pura funzione della valorizzazione capitalistica 1.2 Individuo astratto e persona concreta 1.3 Concretezza esistenziale e astrazione sociale 1.4 La separazione fra persona e qualità umane 1.5 La contrapposizione fra l individuo e le sue qualità 1.6 Il bisogno di reintegrazione esistenziale 1.7 Dal disagio esistenziale alla fuga nel mondo artificiale prodotto dalla droga Capitolo Secondo I rapporti sociali astratti La desoggettivazione dei rapporti sociali 2.2 La socialità astratta 2.3 La segregazione del personale nell individuale 2.4 La rigidità dei rapporti interpersonali profondi

8 Capitolo Terzo La ricchezza astratta Ricchezza concreta e ricchezza astratta 3.2 Il comando del denaro sulla ricchezza sociale 3.3 Lo scontro sociale fra il valore d uso e il valore di scambio Capitolo Quarto I valori astratti I valori astratti come valori di classe 4.2 Valori altri e morale astratta 4.3 Valori altri e società astratta 4.4 Valori astratti e identità sociale 4.5 L ambivalenza dei valori astratti 4.6 Opzioni individuali e astrazione sociale 4.7 L ambiguità dei valori astratti Capitolo Quinto Il tempo astratto Tempo esistenziale e tempo astratto 5.2 Il tempo come tempo di vita Capitolo Sesto Astrazione sociale e vita quotidiana Vita quotidiana e uso della forza-lavoro 6.2 L appropriazione della vita sociale da parte del capitale 6.3 La separazione fra lavoro e vita 6.4 Bisogni quotidiani e valorizzazione capitalistica Capitolo Settimo Astrazione sociale e qualità della vita 69 fra ambiente naturale e rischio nucleare 7.1 Organizzazione capitalistica della società e qualità della vita 7.2 Astrazione sociale e tutela dell ambiente 7.3 Astrazione sociale e rischio nucleare Capitolo Ottavo Astrazione politica e domanda sociale 75

9 8.1 L astrazione come funzione della politica 8.2 Astrazione politica e bisogni sociali 8.3 L astrazione come sistema di elusione della domanda sociale 8.4 La domanda sociale come prodotto dell astrazione politica Capitolo Nono L astrazione sociale come sistema L astrazione come sistema di indifferenza sociale 9.2 L astrazione sociale come sistema di formalizzazione 9.3 L astrazione sociale come sistema di dominio 9.4 Sistema di astrazione e bisogni sociali 9.5 Sistema di astrazione e aspirazioni sociali 9.6 Sistema di astrazione e visibilità delle distanze sociali Scheda A Astrazione materiale e astrazione sociale 93 Parte Seconda 99 Il processo di indeterminazione sociale Premessa Dal sistema di astrazione al processo 101 di indeterminazione Capitolo Decimo L indeterminazione tecnica del lavoro Il lavoro tecnicamente indeterminato 10.2 L indeterminazione nella formazione delle forze di lavoro 10.3 Sistema formativo e sistema produttivo nel processo di indeterminazione 10.4 La desoggettivazione del lavoro 10.5 L oggettivazione del processo lavorativo: dalla meccanizzazione all automazione Scheda B - Taylorismo e desoggettivazione del lavoro 115

10 Capitolo Undicesimo L indeterminazione sociale del lavoro L indeterminazione della forza-lavoro nel mercato del lavoro 11.2 La flessibilità della forza-lavoro come indeterminazione esistenziale 11.3 L indeterminazione della retribuzione 11.4 L indeterminazione della mansione lavorativa 11.5 L indeterminazione del rapporto di lavoro La valenza sociale del «posto di lavoro» Sperimentazione dell indeterminazione occupazionale e doppio mercato del lavoro Le forme del lavoro irregolare a scissione fra soggetto e prestazione lavorativa L istituzionalizzazione della instabilità del rapporto di lavoro 11.6 L indeterminazione nel processo di trasformazione del lavoro 11.7 Innovazione tecnologica e indeterminazione del lavoro 11.8 Destabilizzazione del sistema delle professioni e precarietà sociale Capitolo Dodicesimo La negazione del lavoro umano Negazione del lavoro umano e indeterminazione sociale 12.2 Le forme della negazione del lavoro umano 12.3 La negazione del lavoro umano come sistema di esclusione sociale Capitolo Tredicesimo L indeterminazione della vita sociale Vita sociale e valorizzazione capitalistica nel processo di indeterminazione 13.2 La separazione fra individualità e socialità 13.3 La spettacolarizzazione della vita sociale 13.4 L indeterminazione dell essere sociale Capitolo Quattordicesimo La regolazione sociale Indeterminazione e regolazione della vita sociale 14.2 Regolazione e integrazione sociale

11 14.3 Le forme della regolazione sociale 14.4 Regolazione sociale ed espropriazione della progettualità esistenziale Conclusione L ambivalenza della società astratta 177 La dinamica della società astratta Forza e debolezza della società astratta Assenza e presenza della società astratta Postilla metodologica Sulla esplorazione teorica della 185 realtà sociale Appendice Una figura storica: L operaio-massa fra indeterminazione sociale e soggettività politica 189 Materiali di studio 197 Lavoro astratto e lavoro oggettivato nella teoria di Marx I Dal lavoro astratto alla indeterminazione sociale 199 II L oggettivazione del lavoro 205 III Il lavoro astratto in quanto lavoro oggettivato 211 Nota biografica 228

12

13 Premessa alla prima edizione Dopo non poche esitazioni, mi decido ad affidare a queste pagine che qui vengono anticipate in edizione provvisoria, per venire incontro ad una esigenza pratica degli studenti della Cattedra di Sociologia i primi risultati di un mio lavoro di lungo impegno. L esitazione più forte era dovuta alle insufficienze proprie di un lavoro non ancora concluso. La spinta decisiva a fare questo passo mi è invece venuta da una esigenza impellente: la necessità di sottoporre ad una prima verifica il punto di vista da cui sono partito per cominciare a guardare alla società sussulta al capitale come ad una «società astratta». Ed è giusto che la prima verifica venga dagli studenti, cioè da coloro i quali, interrogandosi e interrogandomi sulle nuove valenze della realtà sociale, hanno indirettamente provocato questo mio ancora incerto tentativo. Le pagine che seguono non sono dunque un esito conclusivo. Chiudono una fase del lavoro e ne aprono un altra. La finalità che le muove è nel tentativo di aprire una prospettiva di ricerca. Si è inteso dare della «societa astratta» i tratti essenziali, che servano da quadro di riferimento per l indagine empirica. In tale direzione, la strada è appena tracciata. [...] 1. Roma, marzo F. Vio

14

15 Premessa alla seconda edizione Presuppongo naturalmente lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo e che quindi vogliano anche pensare da sé. Karl Marx Ai lettori e alle lettrici Questa proposta è nata come strumento di lavoro, nell ambito del mio corso di Sociologia all Università di Roma «La Sapienza». E, a questo scopo, è uscita in edizione universitaria, che si è presto esaurita, perché è entrata in un circuito più vasto di quello a cui era destinata. Fin dall inizio, mi sono opposto alla ristampa, per timore di dare vita stabile ad una stesura presentata come provvisoria. Ad un certo punto, è successo qualcosa di assolutamente imprevisto. Era appena rientrata l onda del movimento del 77. C era ancora tanta voglia di capire. Ma gli spazi del dibattito erano già stati ermeticamente chiusi. In quella situazione compressa erano in tanti specialmente fra i militanti e le militanti del movimento a cercare una qualche occasione per non sentirsi tagliati fuori dalla politica. La mia proposta ebbe la ventura di andare a cadere nel bel mezzo di una particolare situazione, segnata da mancanza di spazi politici. E fu accolta al volo come occasione per la riapertura di un discorso. Il dibattito decollò subito e si allargò a macchia d olio sia nei contenuti che nel numero dei soggetti coinvolti. E da allora non è stato più possibile fermarlo. In mancanza del volume stampato, già da anni introvabile, i soggetti via via coinvolti si sono appropriati del testo e se lo sono riprodotto a catena, infiorettandolo di sottolineature e di commenti.

16 Contemporaneamente è stata esercitata su di me una tale pressione per la riedizione del testo, da indurmi a superare residue incertezze. A questo punto, si è trattato di mettere mano alla edizione definitiva, ripensata da cima a fondo. Il testo è stato ampiamente accresciuto, riscritto e riorganizzato, per essere in grado di misurarsi con un quadro che si è fatto più articolato e complesso. Ma non si tratta di un semplice aggiornamento, che verrebbe, prima o poi, risucchiato indietro dall avanzare dei processi sociali analizzati. Ho cercato di dare alla proposta un più largo respiro, che evitasse il rischio di una identificazione con una fase politica e sociale particolare. Per tutto ciò, se si guarda alla struttura complessiva, I opera risulta nuova rispetto al modello originario. Per un certo tempo, sono stato perseguitato dall idea di portare a conclusione questo lavoro, anche per potermene liberare. Solo di recente mi sono convinto che il discorso sulla societa astratta è, in sé, aperto. Pretendere di concluderlo sarebbe una forzatura artificiosa. Al di là del testo scritto, continua la ricerca teorica ed empirica nel quadro di un progetto di sociologia esistenziale, cioè di analisi del sistema sociale dal punto di vista della condizione esistenziale degli uomini e delle donne in carne e ossa. E continua il lavoro di sociologia di base, inteso a promuovere dal basso l agire politico collettivo, attraverso inchieste-interventi e varie esperienze di aggregazione sociale, in direzione di una nuova prospettiva antagonista. A questo punto, è opportuno dare qualche chiarimento sui criteri tecnici seguiti nel corso della nuova stesura. Ho cercato di rendere il testo accessibile a chi non dispone di specifiche conoscenze, lavorando sulla base di un intento di fondo: elevare il grado di comprensibilità di problemi complessi, senza banalizzare il discorso. Mi ha sempre affascinato quella difficile chiarezza che deriva non da artificiose semplificazioni divulgative, ma dal limpido rigore dell analisi. Quella difficile chiarezza che non indulge ad una passiva registrazione di temi, ma impegna in una attiva intelligenza dei problemi. Si tratta ovviamente di un modello sempre da realizzare. Spero comunque che il discorso sulla società astratta sia trasparente per tutti. A parte vanno considerati i «materiali di studio», che intendono scavare nel retroterra teorico dell astrazione sociale e richiedono un particolare impegno da parte di chi non ha una qualche conoscenza della teoria di Marx. Non a caso sono stati collocati in fondo al volume. Il testo si presenta con rare eccezioni spoglio di citazioni, di riferimenti e di note. Ho infatti evitato accuratamente di appesantire il discorso con continui richiami, preferendo condurre l analisi, per così dire, in presa diretta, nella piena consapevolezza delle obiezioni formali che tale scelta può sollevare.

17 Fin dove ho potuto, sono stato attento a non esprimermi al maschile, infrangendo anche a prezzo di qualche ineleganza stilistica una radicata, ma non casuale, tradizione linguistica. Per agevolare l individuazione dei passaggi tematici, ho evidenziato in corsivo i punti salienti del discorso. Ho articolato il testo in parti, capitoli, paragrafi, non per conferire al discorso una artificiosa solennità, ma per offrire ad ognuno/a la possibilità di tracciarsi un personale percorso di lettura, andando a pescare, volta a volta, il tema che interessa. Vorrei che si potesse scomporre e ricomporre il testo, seguendo il filo delle proprie esperienze. L importante è riuscire a leggere la propria condizione esistenziale nel quadro dei processi sociali in atto. Le pagine che seguono ad altro non aspirano che a proporre un modo di considerare la realtà sociale. In tal senso, i titoli dell indice rimandano non a trattazioni dei temi evocati, ma ad articolazioni del discorso sulla società astratta. In sostanza, I intento è non di disegnare un quadro dello stato teorico di ogni area problematica attraversata dall analisi, ma di specificare i processi dell astrazione all interno delle varie sfere della dinamica sociale. Debbo aggiungere una piccola annotazione. L espressione società sussunta al capitale, che compariva nel sottotitolo e nel testo della prima edizione, è risultata oscura per i non addetti ai lavori. E stata perciò sostituita con società sottomessa al capitale (analogamente sussunzione è stata sostituita con sottomissione). Tutto ciò nella speranza che questa sofferta proposta arrivi ai veri destinatari ed alle vere destinatarie, cioè a chi, resistendo ad una fortissima pressione ideologica, si ostina a guardare alla realtà sociale con gli occhi degli uomini e delle donne in carne e ossa 2. Roma, marzo F. V. Chi è interessato/a a proporre spunti di discussione, a sollevare problemi, a chiedere chiarimenti, a muovere obiezioni o comunque a cercare un contatto, può scrivere all autore, presso il Dipartimento di Sociologia, Università di Roma «La Sapienza», Via Salaria, Roma. 2 F. Viola, L

18

19 Premessa alla terza edizione La società astratta si sta attrezzando per proporsi ed imporsi come modello assoluto di organizzazione sociale. Per questa via, pretende di imprigionare non solo le nostre vite, ma anche le nostre speranze. Ora più che mai è dunque necessario vigilare, teoricamente e praticamente, sui nostri destini personali e collettivi. Ora più che mai è necessario puntare il fuoco dell analisi critica sulla organizzazione sociale che presiede alle nostre esistenze. In tale direzione si muove oggi il lavoro di sensibilizzazione sulla società dell indifferenza. Lavoro che viene portato avanti attraverso esperienze collettive, teoriche e pratiche (per esempio, di recente, all interno del movimento 90). Tutto ciò sulla base di una convinzione espressa in un passaggio del testo. La società astratta è esposta alle alterne vicende della conflittualità sociale. E il filo del futuro è, pur sempre, nelle mani degli uomini e delle donne 3. Roma, novembre1990. F. V. 3 F. Viola, La società astratta. Un sistema di indifferenza nella nostra realtà quotidiana, Roma, Edizioni Associate, 1991.

20

21 Premessa dell Editore Edizione Greca (Traduzione) Il libro di Filippo Viola è il sesto della collana «Scienze sociali», che la nostra Casa Editrice ha avviato circa due anni fa e con la quale abbiamo l ambizione di partecipare al dibattito intorno a questioni attuali e vitali della nostra società. Nell ambito di questo obiettivo, presentiamo questo nuovo libro della collana, che ha già provocato un analogo dibattito in Italia. L opera inizialmente era un testo universitario per il Corso di Sociologia all Università di Roma «La Sapienza», dove l autore insegna. Questa edizione all inizio degli anni 80 molto presto si è esaurita, perché il libro ha interessato un pubblico molto più ampio dell ambito universitario, un pubblico che voleva partecipare al dibattito intorno a questioni politiche e sociali della nostra odierna società. Era un epoca che si caratterizzava per l ermetica chiusura del paese al dialogo politico, dopo la ritirata dei movimenti del decennio precedente. La discussione intorno alla problematica trattata in questo libro è continuato nonostante il fatto che il testo era da anni esaurito e che quindi era molto difficile trovarlo. Gli interessati riproduce- vano il testo in vari modi, infiorettandolo con sottolineature e commenti.

22 L autore stesso, nella sua premessa all edizione italiana del 1989, nota: «Contemporaneamente l editore mi ha esercitato una tale pressione per la ristampa del testo che mi sono deciso a superare le esitazioni che avevo». Il testo è stato profondamente rielaborato, sistematizzato e riorganizzato. E quindi nata una nuova opera, l opera che viene oggi presentata al lettore greco. L edizione del 1989 si era esaurita e nel 1990 era stata fatta una ristampa. Il favore dei lettori italiani e, speriamo, anche dei greci ha alla base anche il fatto che il testo si occupa di questioni che investono ciascuno di noi, perché le viviamo ogni giorno e ci provocano angustia e ansia. Questi problemi della vita odierna delle persone concrete non sono semplicemente rappresentate, ma vengono inserite in un più vasto quadro teorico, per cercare di interpretarle sulla base di una «ipotesi di lettura» come dice lo stesso autore della società odierna. Sulla base di questa «ipotesi di lettura», che l autore non si sente di considerare come «ipotesi di lavoro», vengono descritte e spiegate teoricamente varie questioni della società di oggi: dalla insicurezza e ansia fino alle problematiche dei rapporti di lavoro, del modo come viene vissuto il tempo, ecc. Non è certo il caso di delineare il contenuto del libro. Vorremmo far notare quanto segue: i capitoli undicesimo e dodicesimo si riferiscono in particolare al processo degli attuali rapporti di lavoro. E, sulla base della «ipotesi di lettura» della società di oggi, nel libro si fanno una serie di sottolineature e di previsioni sulla indeterminazione e l incertezza del lavoro, sulla riduzione dell occupazione e quindi sulla vita degli stessi lavoratori. Purtroppo, per i lavoratori, queste previsioni si verificano non solo per la società italiana, ma anche per quella greca e, inoltre, come viene sottolineato da molti studiosi, costituiscono la caratteristica della fase attuale dello sviluppo capitalistico. E stato anche notato da Nteibint Harvey che questo regime di «accumulazione elastica», come lo chiama, è appunto la base materiale per l apparire del «postmodernismo» nelle scienze sociali e nell arte. Crediamo dunque che l ipotesi dell autore si può definire come «ipotesi di lavoro» e non di semplice «lettura», per l interpretazione di alcuni aspetti sostanziali, che possono influenzare la nostra vita quotidiana, la nostra stessa esistenza. Il lettore riconosce molte esperienze personali attraverso la lettura del testo. Questo è anche l obiettivo principale dell autore, che continua la ricerca teorica ed empirica nel quadro di un programma di «Sociologia esistenziale». Quest ultima riguarda l analisi del sistema sociale dal punto di vista della condizione esistenziale delle persone concrete in carne e ossa. Nello stesso tempo, l autore continua il suo lavoro per una «Sociologia di base», che mira a promuovere dal basso attraverso ricerche e alcune esperienze collettive l azione politica in direzione di una nuova prospettiva

23 antagonista. Come l autore nota, «il filo del futuro si trova sempre nelle mani di uomini e donne in carne e ossa». Inoltre, vogliamo sottolineare alcune questioni della traduzione greca dall italiano. Il testo italiano è scritto con lo scopo di essere letto agilmente dal lettore medio ed è pieno di espressioni quotidiane. E nella traduzione greca abbiamo cercato di mantenere questo stile. Il testo non è però una volgarizzazione di concetti filosofici e sociologici, ma contiene una purezza e chiarezza che risultano dal rigore dell analisi e più precisamente dall uso dei diversi concetti. Così l autore Filippo Viola fa una precisa distinzione tra il concetto di persona e quello di individuo, tra il concetto di struttura sociale e di società come collettività, ecc. Nella traduzione greca abbiamo mantenuto rigidamente i termini greci corrispondenti. Per esempio: oggettivazione, operaio-massa, idee-forza, che corrisponde al concetto di idee dominanti. L autore insiste nell uso del termine uomini e donne, per evitare la tradizionale espressione virile, che nelle lingue latine contengono le parole che provengono dalla parola «homo». Abbiamo rispettato questa specificità della lingua dell autore e nella maggior parte dei casi l abbiamo tradotto con questo termine. In alcuni casi però l abbiamo tradotto con il termine «uomini», che nella lingua greca contiene tutti gli esseri umani, indipendentemente dal sesso e dall età. Infine, nel titolo abbiamo usato «Società di astrazione» e non il termine «Società astratta», per evitare il rischio che nel testo viene evitato dalla presenza di riferimenti contestuali di pensare che la Società astratta sia una società inesistente. Atene, Novembre 1993.

24

25 Parte Prima IL SISTEMA DI ASTRAZIONE SOCIALE

26

27 Introduzione Definizione di società astratta La società capitalistica, per potere funzionare come società formalmente democratica, deve prescindere dalla concreta esistenza degli esseri umani, deve cioè non tenere conto di come le donne e gli uomini realmente vivono. Sulla base di questa considerazione, definiamo società astratta I organizzazione capitalistica della società, regolata dalle istituzioni della democrazia formale. Astratta, non nel senso che è una società irreale, ma nel senso che fa astrazione dalla realtà sociale. Società astratta, dunque, nel senso che è un sistema di indifferenza alla condizione esistenziale degli uomini e delle donne in carne e ossa. Il sistema di indifferenza sociale è l esito della combinazione della realtà del capitalismo con la forma della democrazia. Tale esito è da imputare non alla forma democratica, ma alla realtà capitalistica. Un connotato fondamentale della società sottomessa al capitale in forma di democrazia è la separazione di fatto della sfera politica dalla sfera sociale. Nella sfera politica vengono affermati principi di partecipazione, libertà, uguaglianza, fratellanza, giustizia. Nella sfera sociale vengono istituite strutture e attivati rapporti che producono autoritarismo, repressione, disuguaglianza, rivalità, ingiustizia. La società capitalistica formalmente democratica è dunque una società ambigua. Da una parte proclama principi, dall altra crea presupposti strutturali perché non si realizzino. In sostanza, è una società truccata. La separazione tra la sfera politica e la sfera sociale produce astrazione sociale. La sfera politica si struttura facendo astrazione dalle condizioni reali che si vengono a creare nella sfera sociale. Di conseguenza, la dinamica del sistema istituzionale prescinde dalla concretezza esistenziale degli uomini e delle donne in carne e ossa. In un sistema di democrazia formale, chi per esempio ha bisogno di andare in albergo è libero di scegliere un hotel di gran lusso o una modesta locanda. Una legge che riservasse gli alberghi di prima categoria ad un particolare ceto sociale sarebbe incompatibile con le istituzioni della

28 democrazia formale. D altra parte, la società capitalistica è una società divisa in classi. E tale rimane, nella sostanza, pur nella complessità dell articolazione sociale. Ora, una struttura classista produce, ai diversi livelli della stratificazione sociale, stili di vita che talvolta sono incompatibili fra di loro. Un imprenditore miliardario non sopporterebbe di vedersi accanto, nella hall di un albergo, un modesto impiegato. E lo stesso impiegato proverebbe disagio a convivere con gente di altro pianeta sociale. Come risolvere tali contraddizioni? Nel caso specifico, come distribuire la popolazione ai diversi livelli della piramide sociale, senza fare ricorso a leggi formalmente antidemocratiche? In pratica, come attivare una regolazione della vita sociale a misura della struttura di classe, senza ricorrere ad una regolamentazione delle scelte personali? L astrazione sociale è la via per la quale la società capitalistica formalmente democratica tenta di dare soluzione a questo tipo di problemi E una via tortuosa e tormentata. La sfera sociale viene strutturata in modo da produrre sistematicamente una realtà che, di fatto, vanifica i principi sanciti nella sfera politica. La società astratta nega, in quanto società capitalistica, ciò che afferma in quanto società formalmente democratica. L astrazione sociale è dunque la via per la quale il capitalismo si avventura in un alternarsi di vittorie e di sconfitte sul terreno minato della democrazia formale. Per tutto ciò, I indifferenza sociale non è una degenerazione del dominio del capitale, ma il suo specifico modo di funzionare in forma di democrazia. L astrazione sociale si definisce non come una disfunzione della democrazia nel sistema capitalistico, ma come una sua ragione di essere, che consiste nel fare funzionare il sistema istituzionale secondo modalità estranee al vivere reale degli uomini e delle donne. Questa indifferenza istituzionale non è dovuta ad un qualche dissesto organizzativo. La società capitalistica formalmente democratica è astratta perché è strutturata per l affermazione di un valore altro rispetto alla realizzazione esistenziale degli esseri umani. Ognuno di noi non è già dato in partenza. E un potere essere sociale, un campo di possibilità da realizzare nella dimensione sociale. La persona sociale, cioè l essere umano in quanto dotato di socialità, realizza la propria concretezza esistenziale il suo pieno esistere nelle situazioni concrete della vita quotidiana se è in condizione di esprimere tutte le sue potenzialità. In rapporto a questo bisogno di autorealizzazione dell essere umano, una società è tanto meno astratta quanto più assume come valore fondante l organizzazione e la messa in atto di tutto il potere essere che emerge nella collettività. La realizzazione della specificità personale cioè dell esistere come uomo o donna particolare e irripetibile non è in antitesi con lo sviluppo dell essere sociale, con il movimento della realtà collettiva. La dimensione collettiva trova concreta attuazione solo quando anche il più piccolo frammento personale raggiunge la pienezza dell essere reale.

29 Non si tratta di immaginare il classico paradiso terrestre. Quel che conta per la qualificazione di una società è la direzione del suo movimento, determinata dal valore centrale che fa da motore al processo sociale generale. In questi termini, una società è tanto più astratta quanto più astratto è il valore centrale che realmente la muove, al di là delle enunciazioni di principio. In tale quadro, la società sottomessa al capitale ci appare come un aereo in mano a dirottatori professionisti, che hanno stravolto l originario piano di volo. Il modo capitalistico di produzione tende a deviare il processo sociale generale dalla concretezza esistenziale ed a convogliarlo verso un valore astratto: il profitto. Questo scandaloso dirottamento sociale si svolge, come ogni dirottamento, fra tensioni latenti e aperti conflitti, sia sul piano degli interessi materiali, sia in ordine agli orientamenti ideali. C è in esso il tentativo di mettere le potenzialità presenti nella collettività al servizio del dominio di classe. Nella società astratta, in quanto società dirottata, ognuno è costretto a lasciare inespresse le proprie possibilità e a diventare strumento in mano di altri, per fini non solo estranei, ma anche antitetici alla propria realizzazione esistenziale. Il dirottamento sociale è dunque funzionale all astrazione. Solo indirizzando la società complessiva verso un valore altro è possibile chiudere ogni varco all espressione delle potenzialità che emergono nella collettività. Soltanto in una società organizzata per altro gli uomini e le donne non trovano spazio per esprimersi in quanto persone. A sua volta, I astrazione è funzionale al dirottamento sociale. La società complessiva può essere dirottata in direzione di un fine altro nella misura in cui viene ignorato l essere concreto delle persone. La deviazione della società dai fini che presiedono alla realizzazione esistenziale degli uomini e delle donne incide pesantemente sulla dinamica sociale. La nostra lettura di tale dinamica è basata sulla distinzione fra società intesa come struttura cioè come insieme di istituzioni e società intesa come collettività, ossia come insieme di uomini e donne in carne e ossa. Si tratta ovviamente non di due distinte realtà, ma di due dimensioni della realtà sociale, che nella società capitalistica formalmente democratica tendono a divaricarsi. La società-struttura si orienta in direzione altra rispetto alla piena realizzazione delle potenzialità esistenziali presenti nella società-collettività. La divaricazione tra la sfera politica e la sfera sociale costituisce non I oggetto della nostra indagine, ma il suo presupposto. Al centro del quadro di analisi è non la contraddizione tra la forma democratica e la realtà di classe, ma l astrazione sociale che essa produce. In tale ambito, il compito che presiede a questa ipotesi di lettura della società sottomessa al capitale è ben delimitato. Si tratta di ricostruire i processi attraverso i quali l astrazione percorre e plasma le più significative espressioni dell universo sociale: la soggettività individuale, i rapporti

30 interpersonali, la ricchezza materiale, il sistema di valori, la vita quotidiana, il mondo del lavoro. L intento è di cogliere, lungo questi percorsi, il senso della condizione umana, trasfigurata dall astrazione sociale. In fondo, avventurandoci sui sentieri impervi dell indifferenza della società astratta, andiamo alla ricerca di una chiave di lettura sociologica del disagio esistenziale.

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA Marco Betti @marcobetti_ Alberto Gherardini @albgherardini IL RAPPORTO 2013 Obiettivo: Raccogliere e sistematizzare

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Comprendere e analizzare

Comprendere e analizzare PARTE PRIMA Il viaggio CAPITOLO 1 Comprendere e analizzare 1. Viki non riesce a capire la sua collocazione all interno della società italiana ed europea. Il padre gli spiega che «non tutti gli europei

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Allegato 1: Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Premessa Il video didattico Noi due del sud offre una istantanea sul bullismo nella scuola media inferiore,

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

INNOVARE LA CONTABILITA PER INNOVARE LA GESTIONE

INNOVARE LA CONTABILITA PER INNOVARE LA GESTIONE INNOVARE LA CONTABILITA PER INNOVARE LA GESTIONE di Luigi Fiorentino Devo anzitutto premettere che la proposta di legge di Causi, Guerrieri e del CNEL va a mio parere - in una direzione giusta. Si tratta

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Emanuele Lajolo di Cossano COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Università degli Studi - Torino, 19 aprile 2010 La prima cosa da fare PERCHE SONO QUI? QUAL E IL MIO OBIETTIVO? CHE COSA VOGLIO ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA

Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA Lamezia Terme 88046 via Coschi 72/b interno 1 telefono e fax 0968/201908 Codice Fiscale 92003410799 FORMAZIONE GENERALE REGISTRI

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

Per i diritti umani di Barbara Pezzini

Per i diritti umani di Barbara Pezzini Accademia della Guardia di Finanza, Bergamo 25 novembre 2009 Premiazione del Concorso ScuolAccademia 2009 Per i diritti umani di Barbara Pezzini Questo intervento si rivolge ad una comunità di studenti

Dettagli

PROGETTO: TEATRO FORUM

PROGETTO: TEATRO FORUM 24 5 PROGETTO: TEATRO FORUM (per Oratori sensibili) Che cos è Il Teatro forum è un metodo e percorso formativo utilizzato spesso in situazioni di disagio socio-culturale e si propone come strumento per

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole Questa metodologia di lettura astrologica nasce dal presupposto che esista una connessione intrinseca, tra la dimensione esterna della realtà

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI CLAUDIA TROISI La complessa tematica dei diritti fondamentali dei minori è stata affrontata, con particolare completezza espositiva e rigore metodologico, da Pasquale Stanzione

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

Non poter avere figli: il supporto che cura

Non poter avere figli: il supporto che cura Non poter avere figli: il supporto che cura Sterilità, infertilità, fecondazione assistita: diagnosi pesanti, appesantite dal dubbio di non poter avere (mai) figli. Si supera? Ne parliamo con Emilse Dumit,

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Susan Petrilli Il libro di Augusto Ponzio La dissidenza cifrematica è un vero e proprio esercizio di traduzione, nel senso non tanto interlinguale, come passaggio

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Cultura umanistica e cultura scientifico-tecnologica nell era della comunicazione globale

Cultura umanistica e cultura scientifico-tecnologica nell era della comunicazione globale Cultura umanistica e cultura scientifico-tecnologica nell era della comunicazione globale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Ciclo tematico di conferenze

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia. Trainer in PNL e Psicologia Analogica. Titolare di Mentaltra, giovane azienda appena insediatosi nella Zona Industriale

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva

Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva Vincenzo Pancucci Insegnante di Scienze Naturali a Milano vincenzo.pancucci@gmail.com L informatizzazione degli ambienti di apprendimento è uno dei punti

Dettagli

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI)

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Purtroppo noi scontiamo, in Italia, il fatto che l odontoiatria come branca autonoma rispetto alla medicina si sia affermata solo in anni recenti, e nel passato l odontoiatria

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli