Sistema sicurezza: rilevazione preventiva dei rischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema sicurezza: rilevazione preventiva dei rischi"

Transcript

1 Concorso INAIL 2010 Sistema sicurezza: rilevazione preventiva dei rischi Documento di progetto Lucrezia Repetti Classe 5 I1- a.s ISII Tecnico G. Marconi - Piacenza Gennaio 2010

2 2

3 SOMMARIO SOMMARIO INTRODUZIONE ABSTRACT ANALISI DEI REQUISITI IDENTIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI CONSIDERAZIONI AGGIUNTIVE STAKEHOLDER E ATTORI Identificazione di tutte le figure coinvolte nell applicazione USE CASE Scenario 1: Registrazione dell utente Scenario 2: L utente accede al sito Scenario 3: invio segnalazione Scenario 4: il referente legge le segnalazioni Scenario 5 il referente registra i provvedimenti Scenario 6 l amministrazione autorizza la segnalazione REQUISITI PER LE INTERFACCE ESTERNE Interfaccia Utente Dispositivi Hardware REQUISITI DI SISTEMA Affidabilità - Disponibilità Sicurezza PIANIFICAZIONE ELENCO DELLE ATTIVITÀ DIAGRAMMA DI GANTT IL PROGETTO ARCHITETTURA DEL SERVIZIO MODELLO CONCETTUALE MODELLO LOGICO MAPPA DI NAVIGAZIONE Quadri sinottici User Interface Control Panel Referente Amministratore

4 4

5 1. INTRODUZIONE 1.1 ABSTRACT All interno delle scuole spesso accadono incidenti che potrebbero essere evitati con un opportuno monitoraggio dello stato degli edifici e conseguentemente con tempestivi interventi. Spesso i problemi presenti sono visibili prevalentemente dagli studenti e dai docenti che vivono la scuola e pertanto potrebbe essere opportuno creare uno strumento per dare loro la possibilità di segnalare gli eventuali pericoli. Questo si potrebbe realizzare con la creazione di un applicativo che permetta di inviare via web le segnalazioni di rischi al referente della sicurezza della scuola che quindi può individuarli più facilmente, provvedere alla loro gestione e risolvere le situazioni di emergenza memorizzando poi il tipo e la data dell intervento effettuato. L applicativo SafeSchool, progettato in quest ottica, si propone come soluzione. Il sistema fornisce anche un sinottico riassuntivo implementato in MSVisio 2007 che rappresenta graficamente una sintesi in tempo reale di tutte le segnalazioni pervenute nelle varie aree della scuola. Dall analisi di quelli che potevano essere i problemi all interno della scuola ne è scaturita una classificazione in rischi, guasti, incidenti, presenza di intrusi ed emergenze. In quest ultimo caso si è deciso di dare la possibilità all utente di inviare un messaggio immediato sul cellulare al referente della sicurezza, in modo che quest ultimo possa prendere urgentemente provvedimenti. Il progetto tenta anche di perseguire un altro fondamentale obiettivo: quello di sensibilizzare le persone che lavorano in una scuola, in particolar modo gli studenti, ad individuare e a comprendere le situazioni di rischio. 5

6 2. ANALISI DEI REQUISITI 2.1 IDENTIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI Lo scopo principale di SafeSchool è la realizzazione di un applicativo che: Permetta l invio di segnalazioni di pericolo al referente della sicurezza Consenta di monitorare e registrare le situazioni allarmanti all interno della scuola Garantisca la sicurezza nell Istituto, con interventi veloci Permetta anche di ottenere lo stato delle apparecchiature della scuola che non rappresentano un vero e proprio rischio ma che possono influire sulle attività scolastiche Fornisca una panoramica degli interventi da effettuare 2.2 CONSIDERAZIONI AGGIUNTIVE Questo progetto viene implementato in un ambito prettamente scolastico ed è opportuno precisare che: per inviare una segnalazione l utente deve essere registrato al sito web, in modo da non dover incorrere nella possibilità che le comunicazioni anonime siano in realtà non fondate. Per evitare questo inconveniente si potrebbe offrire una casella di posta sul sito della scuola a tutti gli utenti: in questo caso le segnalazioni che provengono dal dominio della scuola sono automaticamente visibili mentre per le altre si può pensare ad una validazione da parte del amministratore. l utente effettua la segnalazione e poi sarà compito del referente della sicurezza intraprendere le scelte più opportune per la risoluzione del problema l applicativo è realizzato per web application ma può essere completato con una mobile application, in modo da rendere ancora più immediata e semplice la comunicazione gli SMS per imminenti pericoli vengono inviati direttamente al cellulare del referente il referente della sicurezza può presentare all ente Provincia una mappatura dell elenco delle segnalazioni 6

7 2.3 STAKEHOLDER E ATTORI IDENTIFICAZIONE DI TUTTE LE FIGURE COINVOLTE NELL APPLICAZIONE Dato il particolare ambito del progetto, i profili degli stakeholders potrebbero ricondursi al personale della Provincia che gestisce le risorse delle scuole superiori per avere un sunto degli interventi effettuati o da effettuare. Si può pensare di fornire loro accesso limitatamente alla mappa degli interventi. Gli attori rappresentano figure che lavorano all interno dell istituto: Utente registrato Descrizione: può essere uno studente, personale ATA, un docente, il dirigente scolastico stesso, personale della segreteria o, più in generale, una figura presente all interno della scuola e che abbia quindi la possibilità di verificare la presenza di eventuali rischi. Ruolo: client Aspettative: o Inviare una segnalazione di pericolo con tutti i relativi dettagli. Referente per la sicurezza Descrizione: docenti dell istituto che si occupano della Sicurezza Ruolo: client Aspettative: o Poter aggiornare dinamicamente la situazione delle segnalazioni in relazione ai provvedimenti presi per la risoluzione del pericolo o Ricevere SMS d Urgenza qualora l utente segnali un pericolo imminente o grave per l istituto, verificarne l attendibilità e prendere provvedimenti Amministratore Descrizione: amministratore di sistema Ruolo: content provider Aspettative: o Prende visione della situazione del sito e pianifica attività o Pianifica il backup o Autorizza le segnalazioni degli utenti registrati con dominio di mail diverso da quello della scuola o Aggiorna gli utenti o Modifica e aggiorna il sito web. 7

8 2.3.2 USE CASE SCENARIO 1: REGISTRAZIONE DELL UTENTE Use cases: Registrazione Utente Attori: Utente Pre-condizioni: L utente non è già registrato nel sistema Flusso di azioni: L utente per potersi registrare deve fornire Username e Password; L utente inserisce i dati necessari. 8

9 2.3.4 SCENARIO 2: L UTENTE ACCEDE AL SITO Use cases: Accedere al sito Attori: Utente Pre-condizioni: L utente deve essere registrato. Flusso di azioni: L utente accede al portale fornendo Username e Password; Se questi sono corretti può procedere, altrimenti deve inserirli nuovamente SCENARIO 3: INVIO SEGNALAZIONE Use cases: Accedere al sito Attori: Utente, Referente della sicurezza Pre-condizioni: L utente deve essere già registrato. Flusso di azioni: L utente accede al sito fornendo Username e Password; Scrive i dettagli relativi alla segnalazione; Invia Segnalazione SCENARIO 4: IL REFERENTE LEGGE LE SEGNALAZIONI Use cases: Lettura Attori: Referente della sicurezza Pre-condizioni: nessuna Flusso di azioni: Il referente si identifica Legge le segnalazioni ancora aperte Verifica l attendibilità della segnalazione 9

10 2.3.7 SCENARIO 5 IL REFERENTE REGISTRA I PROVVEDIMENTI Use cases: Registrazione Attori: Referente della sicurezza Pre-condizioni: lettura delle segnalazioni Flusso di azioni: Il referente accede al sistema Legge le segnalazioni Ne seleziona una per cui non ha ancora provveduto Apre le informazioni relative e registra il provvedimento SCENARIO 6 L AMMINISTRAZIONE AUTORIZZA LA SEGNALAZIONE Use cases: Autenticazione segnalazione Attori: Amministratore Pre-condizioni: lettura delle segnalazioni Flusso di azioni: l amministratore si identifica Legge le segnalazioni Esamina quelle ritenute autentiche e le rende disponibili al referente 10

11 2.4 REQUISITI PER LE INTERFACCE ESTERNE INTERFACCIA UTENTE La user interface deve permettere l autenticazione dell utente, ed essere in grado di mostrare le sole funzionalità abilitate per la sua classe di appartenenza in modo da permettergli di segnalare una determinata anomalia DISPOSITIVI HARDWARE Per la maggior parte degli utenti, un comunissimo personal computer può essere considerato sufficiente per usufruire di questo servizio. Per quanto riguarda l amministratore, si potrebbe optare per l uso di un PDA o smartphone, più pratico e leggero e che permette a questa tipologia di utente di recuperare informazioni in tempo reale, così da poter intervenire immediatamente in caso di gravi segnalazioni. 2.5 REQUISITI DI SISTEMA AFFIDABILITÀ - DISPONIBILITÀ Per il tipo di applicazione è sufficiente un backup del database in modo da poter ripristinare i dati in caso di guasto. Il backup, di tipo completo vista la scarsa mole di dati, viene effettuato una volta al giorno su un supporto esterno usando i meccanismi integrati del DBMS SICUREZZA Ovviamente il sistema deve essere strutturato in modo che ogni tipo di utente abbia accesso soltanto alle funzionalità di propria competenza. Le password nel database non saranno in chiaro, ma codificate tramite un opportuna funzione di hashing, come SHA1; per la tipologia di informazioni presenti nel DB (che non contiene dati sensibili) non è necessario utilizzare protocolli sicuri, certificati digitali o altro. La rete invece sarà comunque protetta da un firewall, soprattutto se il sito viene linkato al portale della scuola. 11

12 3. PIANIFICAZIONE 3.1 ELENCO DELLE ATTIVITÀ Le attività pianificate sono riportate nella seguente tabella 3.2 DIAGRAMMA DI GANTT Il diagramma di Gantt fornisce una scansione temporale delle varie attività Il progetto viene realizzato secondo la tecnica prototipale: inizialmente è stato prodotto un mockup, per poi implementare, attraverso raffinamenti successivi, le altre funzioni, perfezionando anche i dettagli tecnici e grafici. Più precisamente, come si evince dal diagramma di Gantt, il primo step evolutivo consistite nella definizione della base dati e delle pagine web pubblicamente accessibili. Quindi, si procede aggiungendo l interfaccia amministrativa e infine completando con la sezione relativa al referente. 12

13 4. IL PROGETTO 4.1 ARCHITETTURA DEL SERVIZIO Mobile Application Web Application User Interface & Control Panel Synoptic Data Access Layer Database Come si evince facilmente dallo schema soprastante, l architettura del sistema è piuttosto semplice, ma è comunque utile precisare alcuni aspetti importanti: Il database, che contiene tutte le informazioni archiviate e di cui dovrà essere effettuato un backup giornaliero, è gestito attraverso SQLServer 2005 Express Edition, che è gratuito e soddisfa adeguatamente i requisiti dell applicativo (in particolare la funzionalità di backup). Il Data Access Layer si occupa di astrarre l accesso alle informazioni del DB e, in accordo con una architettura a due livelli, risiede sul medesimo server del DB. In questa sede non si è fatto ricorso ad un meccanismo di ORM, preferendo piuttosto una soluzione semplice e conosciuta come ADO.NET. La web application è invece realizzata con ASP.NET 2.0 e presenta: o o la User Interface per le funzionalità pubblicamente accessibili agli utenti registrati che desiderino inviare una segnalazione Il control panel che è specifico per gli utenti amministratore e referente della sicurezza e permette di gestire le attività definite in precedenza. Il web server utilizzato è Microsoft Internet Information Server (IIS). Il Synoptic che offre quadri sinottici implementati in Microsoft Visio 2007 che rappresentano graficamente una sintesi in tempo reale di tutte le segnalazioni pervenute nelle varie aree della scuola. In ultimo, la mobile application offre le medesime funzionalità della controparte web, ma è ottimizzata per l utilizzo su cellulari, palmari e altri MID. Al momento, però, questa componente non sarà realizzata, pur restando prevista come estensione futura. 13

14 4.2 MODELLO CONCETTUALE Il modello concettuale della base di dati è rappresentato da un semplice schema ER. Si è optato per la generalizzazione della segnalazione che può specializzarsi in guasto, rischio, intrusione, SMS o incidente. Nel caso di un SMS i campi Note e Luogo resteranno vuoti. Nel caso di guasto o rischio occorre segnalare l oggetto in questione, eventualmente fornendo anche il codice di inventario qualora questo sia visibile. E prevista una entità per i referenti della sicurezza perché questi possono cambiare negli anni. FIGURA 1 MODELLO CONCETTUALE (ER) DELLA BASE DATI 4.3 MODELLO LOGICO Nella realizzazione del modello logico si è preferito risolvere la gerarchia verso l alto, per semplificare la gestione delle pagine web. I campi Note possono essere NULL, le password non sono in chiaro all interno del database grazie all uso della funzione di hashing utilizzata all atto della registrazione. I campi descrizione sono nvarchar(max) per non mettere limiti predefiniti al numero di caratteri. In base a quanto esposto in precedenza, le segnalazioni inviate da mail con il dominio della scuola saranno inserite in automatico nelle segnalazioni, mentre quelle di tipo differente sono contrassegnate da un flag ( autorizzata ) che segnala l autorizzazione da parte dell amministratore. Per far questo occorre implementare un trigger sull inserimento della segnalazione che riconosca il dominio e ponga il flag in modo coerente. 14

15 nella tabella Segnalazioni sono applicati vari vincoli CHECK: o il tipo di segnalazione può essere solo rischio, incidente, intruso, guasto SMS o se tipo è intruso o SMS saranno NULL i campi oggetto, codice_oggetto, persone_coinvolte o se tipo è rischio o guasto sarà obbligatorio il campo oggetto o se tipo è incidente sarà obbligatorio il campo persone_coinvolte Utenti IDUtente user_name pwd domanda risposta Referenti IDReferente nome cognome codice_fiscale materia cellulare anno_scolastico Segnalazioni IDSegnalazione IDUtente data luogo descrizione note autorizzata oggetto codice_oggetto Provvedimenti IDProvvedimento IDSegn IDRef data descrizione effettuato_da note tipo persone_coinvolte FIGURA 2 MODELLO LOGICO (RELAZIONALE) DELLA BASE DATI 15

16 Si riportano di seguito i tipi di dati nelle varie tabelle TABELLA UTENTI TABELLA REFERENTI TABELLA SEGNALAZIONI TABELLA PROVVEDIMENTI 16

17 4.4 MAPPA DI NAVIGAZIONE Il sito web presenta un layout molto semplice. Si è scelto di utilizzare un css per la definizione dell interfaccia. Come definito nell architettura della soluzione si è pensato ad una web application con tre interfacce: una per l utente che desidera effettuare una segnalazione, una per il referente ed una per l amministratore del sito QUADRI SINOTTICI Il referente della sicurezza ha la possibilità di verificare giornalmente la situazione dell istituto, cioè la presenza di rischi, guasti, incidenti od intrusioni all interno di ogni sezione dell edificio. Di seguito è riportato uno dei file che il referente può consultare. Questa piantina (rappresentante l ISII Marconi di Piacenza) è stata realizzata con l utilizzo di Microsoft Visio 2007, uno strumento del pacchetto Microsoft Office. In prima istanza è stato disegnata la piantina della scuola, divisa in sei settori (segreteria, aula magna, biennio, triennio, laboratori di elettronica e laboratori di meccanica) e per ognuno di essi sono state create delle specie di tabelle riassuntive, contenenti il numero di segnalazioni della sezione in questione. Per realizzare questo, si è utilizzato un servizio presente in Microsoft Visio 2007, ossia la possibilità di associare alle figure ( in questo caso i rettangoli contenenti le tabelle ) dei dati presenti in database o fogli excel. In questo progetto i dati sono stati prelevati dal database di Safe School. L immagine sottostante rappresenta uno dei possibili scenari per i quadri sinottici, ma ne possono essere implementati altri di diverso tipo. 17

18 L applicativo non è ancora attualmente completato pertanto viene riportato in questo documento solo lo screenshot delle pagine web USER INTERFACE Registrazione al Sito Web Se l utente desidera registrarsi occorre che clicchi sul pulsante Registrati, così facendo si troverà davanti la schermata da compilare con username, password, , e domanda segreta con la relativa risposta (qualora la password venga dimenticata): 18

19 Accedere al Sito Web Se l utente è, invece, già registrato al sito, premendo il pulsante Accedi avrà la possibilità di accedere direttamente al sito, di modificare la password oppure di ricevere una mail con la password che si è dimenticata: 19

20 20

21 Segnalazione Rischi Se l utente vuole segnalare la presenza di un rischio, può usufruire della sezione Rischi nella quale si troverà di fronte una schermata nella quale dovrà compilare i seguenti campi: Data Rischio: Data in cui è stato scoperto il rischio Oggetto: Oggetto che è causa del pericolo Codice Oggetto: Serie numerica che rappresenta l oggetto nell inventario scolastico Luogo del Rischio: Aula in cui si presenta il pericolo Descrizione Rischio: Spiegazione rappresentante il rischio, consente al referente di comprendere meglio la situazione Note: eventuali note che l utente può decidere di inserire 21

22 Segnalazione Guasti Se l utente vuole segnalare la presenza di un guasto, può usufruire della sezione Guasti nella quale si troverà di fronte una schermata nella quale dovrà compilare i seguenti campi: Data Guasto: Data in cui è stato scoperto il guasto Oggetto: Oggetto guastato Codice Oggetto: Serie numerica che rappresenta l oggetto nell inventario scolastico Luogo del Guasto: Aula in cui si presenta il guasto Descrizione Guasto: Spiegazione rappresentante il guasto, consente al referente di comprendere meglio la situazione Note: eventuali note che l utente può decidere di inserire 22

23 Segnalazione Incidenti Se l utente vuole segnalare la presenza di un incidente, può usufruire della sezione Incidenti nella quale si troverà di fronte una schermata nella quale dovrà compilare i seguenti campi: Data Incidente: Data in cui è accaduto l incidente Luogo dell Incidente: luogo in cui è accaduto l incidente Persone coinvolte: numero delle persone coinvolte nell incidente Descrizione Incidente: Descrizione di quanto accaduto Note: eventuali note che l utente può decidere di inserire Segnalazione Intrusi Se l utente vuole segnalare la presenza di un intruso, può usufruire della sezione Intrusi nella quale si troverà di fronte una schermata nella quale dovrà compilare i seguenti campi: Data Visione: Data in cui è stato visto l intruso Luogo Visione: luogo in cui è stato visto l intruso Descrizione Intruso: Descrizione fisica della persona Note: eventuali note che l utente può decidere di inserire 23

24 SMS d urgenza Se l utente vuole segnalare la presenza di un pericolo imminente ha la possibilità attraverso la sezione SMS D urgenza : di inviare direttamente un messaggi al referente della sicurezza: 24

25 4.4.3 CONTROL PANEL REFERENTE Il referente della sicurezza per accedere alla sua sezione deve, per prima cosa, accedere inserendo Username e Password: Analizza Segnalazione Guasti Il referente ha la possibilità di visualizzare le segnalazione dei guasti inviate, e modificare il loro stato (da aperto a chiuso) qualora il guasto sia stato risolto. Quando apre la pagina dei guasti viene visualizzata una tabella contenente l elenco dei guasti segnalati: è presente una colonna Provvedimento che può contenere due valori ( Vedi o Aggiungi ). Se il referente deve aggiungere un nuovo provvedimento alla segnalazione selezionata è sufficiente che faccia un click su Aggiungi e apparirà la seguente pagina: 25

26 Nel caso in cui il referente abbia già provveduto a risolvere il guasto cliccando su Vedi può rivedere quanto memorizzato in precedenza o può inserire un nuovo provvedimento qualora sia necessario. 26

27 cliccando su Nuovo si apre, nella stessa pagina, una finestra per l immissione di un nuovo provvedimento: Analogamente si realizzano tutte le altre pagine come Rischi, SMS, Intrusioni, che non si riportano per brevità. Relativamente alla segnalazione di incidenti invece il referente può solamente leggerne l elenco. 27

28 AMMINISTRATORE L amministratore per accedere alla sua sezione deve, per prima cosa, accedere inserendo Username e Password: Successivamente egli può compiere due operazioni: Gestione Utenti Autorizzazione Segnalazioni 28

29 Gestione Utente L amministratore ha la possibilità di visualizzare tutti gli utenti iscritto al sito: Segnalazioni La seconda azione che l amministratore può compiere è quella di visualizzare tutte le segnalazioni inviate al referente della sicurezze e decidere quali pubblicare sul sito web per il referente: 29

GRUPPO CAMBIELLI. Posta elettronica (Webmail) Consigli di utilizzo

GRUPPO CAMBIELLI. Posta elettronica (Webmail) Consigli di utilizzo GRUPPO CAMBIELLI Posta elettronica (Webmail) Consigli di utilizzo Questo sintetico manuale ha lo scopo di chiarire alcuni aspetti basilari per l uso della posta elettronica del gruppo Cambielli. Introduzione

Dettagli

GRAM 231. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001

GRAM 231. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001 GRAM 231 Global Risk Assessment & Management Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001 Sommario Proposta di applicazione pratica... 3 Quadro normativo... 3 Una soluzione...

Dettagli

Infrastruttura wireless d Ateneo (UNITUS-WiFi)

Infrastruttura wireless d Ateneo (UNITUS-WiFi) Infrastruttura wireless d Ateneo (UNITUS-WiFi) INFORMAZIONI GENERALI...1 DESCRIZIONE DELLE RETI WIRELESS...1 COME ACCEDERE ALLA RETE WIRELESS...3 Configurazione scheda di rete...3 Accesso alla rete studenti...5

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Software Intel per la gestione di sistemi Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI

Dettagli

GasItalia.org. Manuale di utilizzo

GasItalia.org. Manuale di utilizzo GasItalia.org Manuale di utilizzo INDICE 1. Introduzione 2. Registrazione G.A.S. 3. Icone 4. Istruzioni per gli utenti 5. Istruzioni per i fornitori 6. Istruzioni per gli amministratori 7. Istruzioni per

Dettagli

Manuale Utente PEC e Client di Posta tradizionale

Manuale Utente PEC e Client di Posta tradizionale 1. Manuale di configurazione per l utilizzo della Casella di Posta Certificata PEC tramite il client di posta tradizionale. Per poter accedere alla propria casella mail di Posta Elettronica Certificata

Dettagli

SOMMARIO. 1 ISTRUZIONI DI BASE. 2 CONFIGURAZIONE. 7 STORICO. 9 EDITOR HTML. 10 GESTIONE ISCRIZIONI E CANCELLAZIONI. 11 GESTIONE MAILING LIST.

SOMMARIO. 1 ISTRUZIONI DI BASE. 2 CONFIGURAZIONE. 7 STORICO. 9 EDITOR HTML. 10 GESTIONE ISCRIZIONI E CANCELLAZIONI. 11 GESTIONE MAILING LIST. INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) ISTRUZIONI DI BASE... 2 3) CONFIGURAZIONE... 7 4) STORICO... 9 5) EDITOR HTML... 10 6) GESTIONE ISCRIZIONI E CANCELLAZIONI... 11 7) GESTIONE MAILING LIST... 12 8) E-MAIL MARKETING...

Dettagli

smscuol@: il servizio web per le comunicazioni scuola famiglia Descrizione generale del prodotto

smscuol@: il servizio web per le comunicazioni scuola famiglia Descrizione generale del prodotto Progettazione di software - Consulenza informatica - Servizi di ingegneria integrata smscuol@: il servizio web per le comunicazioni scuola famiglia Descrizione generale del prodotto smscuol@ è un servizio

Dettagli

MANUALE D'USO DEL PROGRAMMA IMMOBIPHONE

MANUALE D'USO DEL PROGRAMMA IMMOBIPHONE 1/6 MANUALE D'USO DEL PROGRAMMA IMMOBIPHONE Per prima cosa si ringrazia per aver scelto ImmobiPhone e per aver dato fiducia al suo autore. Il presente documento istruisce l'utilizzatore sull'uso del programma

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Ingegneria del Software. Caso di Studio: Piazza Multicanale. Analisi dei requisiti

Ingegneria del Software. Caso di Studio: Piazza Multicanale. Analisi dei requisiti Ingegneria del Software Caso di Studio: Piazza Multicanale Analisi dei requisiti Realizzato da: Addante Michele Daddario Fabio De Vito Francesco Cania 431652 Lagrotta Pietro 474964 1 Indice Parte I: Determinazione

Dettagli

Il nuovo sistema di posta di AWN ArchiWorld Network

Il nuovo sistema di posta di AWN ArchiWorld Network Rev. 1-28.06.07 Il nuovo sistema di Posta di AWN ArchiWorld Network Pag. 1 / 37 Il nuovo sistema di posta di AWN ArchiWorld Network INDICE Caratteristiche del nuovo sistema di posta...2 Registrazione di

Dettagli

Installation Guide. Pagina 1

Installation Guide. Pagina 1 Installation Guide Pagina 1 Introduzione Questo manuale illustra la procedura di Set up e prima installazione dell ambiente Tempest e del configuratore IVR. Questo manuale si riferisce alla sola procedura

Dettagli

MANUALE UTENTE REGISTRO ELETTRONICO TICHE

MANUALE UTENTE REGISTRO ELETTRONICO TICHE MANUALE UTENTE REGISTRO ELETTRONICO TICHE Sommario 1 Premessa... 2 2 Caratteristiche... 2 3 Installazione... 4 4 Accesso in qualità di AMMINISTRATORE... 4 4.1 Inserimento assenze e ingressi seconda ora...

Dettagli

RAMS: la gestione completa delle attività degli Istituti di Vigilanza e Sorveglianza

RAMS: la gestione completa delle attività degli Istituti di Vigilanza e Sorveglianza RAMS: la gestione completa delle attività degli Istituti di Vigilanza e Sorveglianza White Paper 1 Gennaio 2005 White Paper Pag. 1 1/1/2005 La gestione degli Istituti di Vigilanza e Sorveglianza L efficienza

Dettagli

RE Registro Elettronico

RE Registro Elettronico RE Registro Elettronico Premessa Il RE Registro Elettronico è la sezione della piattaforma WEB che consente, ai Docenti, di utilizzare le funzionalità di Registro di classe e di Registro del professore.

Dettagli

Software NEWAGRI Guida rapida all utilizzo

Software NEWAGRI Guida rapida all utilizzo Software NEWAGRI Guida rapida all utilizzo Versione: 1 Autore: Andrea Bondi Data: 10/11/2009 1 Sommario Sommario... 2 1. Introduzione... 3 2. Caratteristiche tecniche ed architettura del sistema... 3 3.

Dettagli

VERSIONE 3.0. THEMIS Srl Via Genovesi, 4 10128 Torino www.themis.it

VERSIONE 3.0. THEMIS Srl Via Genovesi, 4 10128 Torino www.themis.it THEMIS Srl Via Genovesi, 4 10128 Torino www.themis.it TEL / FAX 011-5096445 e-mail info@themis.it Incubatore Imprese Innovative Politecnico di Torino VERSIONE 3.0 PhC è una piattaforma software conforme

Dettagli

Redatto da: Alfredo Scacchi Marco Vitulli

Redatto da: Alfredo Scacchi Marco Vitulli AxSync e AxSynClient Acquisizione Dati PDA Manuale di Installazione, Configurazione e Gestione Redatto da: Alfredo Scacchi Marco Vitulli Sommario Sommario 2 Introduzione 3 Requisiti 4 Hardware Consigliato

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE ONLINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO SERVIZIO FRONT OFFICE GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE DOCENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE

Dettagli

Applicazione: PATTO DI STABILITA INTERNO

Applicazione: PATTO DI STABILITA INTERNO Applicazione: PATTO DI STABILITA INTERNO Documento Regole del sito web dell Applicativo Documento aggiornato al 31 maggio 2013 Introduzione Ai fini della trasmissione, aggiornamento e visualizzazione dei

Dettagli

Data Emissione: 31/01/2012 Codice Doc: Manuale_Operatore Emesso da: Verificato da: Approvato da: Accettato da:

Data Emissione: 31/01/2012 Codice Doc: Manuale_Operatore Emesso da: Verificato da: Approvato da: Accettato da: Sistema Informativo per la Gestione dei ticket Manuale utente Data Emissione: 31/01/2012 Codice Doc: Manuale_Operatore Emesso da: Verificato da: Approvato da: Accettato da: Sistema Informativo per la Gestione

Dettagli

Manuale d uso del portale di controllo per la PEC (NewAgri PEC)

Manuale d uso del portale di controllo per la PEC (NewAgri PEC) Manuale d uso del portale di controllo per la PEC (NewAgri PEC) Il portale HUB è stato realizzato per poter gestire, da un unico punto di accesso, tutte le caselle PEC gestite dall unione. Il portale è

Dettagli

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 01 Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 Premessa Premettiamo da subito che Microsoft Access risulta essere uno degli applicativi della famiglia di Microsoft Office con una curva di apprendimento

Dettagli

Servizio di Posta elettronica Certificata. Procedura di configurazione dei client di posta elettronica

Servizio di Posta elettronica Certificata. Procedura di configurazione dei client di posta elettronica Pag. 1 di 42 Servizio di Posta elettronica Certificata Procedura di configurazione dei client di posta elettronica Funzione 1 7-2-08 Firma 1)Direzione Sistemi 2)Direzione Tecnologie e Governo Elettronico

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Gestione password per le utenze del dominio di autenticazione AMM (amm.dom.uniroma1.it)

Gestione password per le utenze del dominio di autenticazione AMM (amm.dom.uniroma1.it) Centro Infosapienza Ufficio gestione sistemi Settore sistemi centrali e per l office automation Gestione password per le utenze del dominio di autenticazione AMM (amm.dom.uniroma1.it) Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Sommario Impostazioni generali del BROWSER... 2 Procedura di registrazione... 9 Primo Accesso... 13 Accesso al Portale... 18

Sommario Impostazioni generali del BROWSER... 2 Procedura di registrazione... 9 Primo Accesso... 13 Accesso al Portale... 18 Sommario Impostazioni generali del BROWSER... 2 Procedura di registrazione... 9 Primo Accesso... 13 Accesso al Portale... 18 Impostazioni generali del BROWSER La seguente impostazione del Browser (nell

Dettagli

CGM REFI Ricetta Elettronica e Flussi Informativi. GUIDA OPERATIVA aggiornata al 22/10/2013 (ver. 1.1.0.3)

CGM REFI Ricetta Elettronica e Flussi Informativi. GUIDA OPERATIVA aggiornata al 22/10/2013 (ver. 1.1.0.3) Ricetta Elettronica e Flussi Informativi GUIDA OPERATIVA aggiornata al 22/10/2013 (ver. 1.1.0.3) 1 INSTALLAZIONE... 3 1.1 Verifiche preliminari... 3 1.2 Requisiti minimi di sistema... 3 1.2.1 Requisiti

Dettagli

Aspetti applicativi e tecnologia

Aspetti applicativi e tecnologia Aspetti applicativi e tecnologia Premessa Architetture usate per i database Le prime applicazioni erano definite monolitiche, cioè un unico computer (mainframe) gestiva sia le applicazioni che i dati,

Dettagli

Indice. 1 Informazioni generali. 1.1 Informazioni su Datax. 2 Informazioni tecniche. 2.1 Requisiti di sistema. 2.1.1 Sistemi operativi supportati

Indice. 1 Informazioni generali. 1.1 Informazioni su Datax. 2 Informazioni tecniche. 2.1 Requisiti di sistema. 2.1.1 Sistemi operativi supportati Anco Soft DATAX 1 Indice 1 Informazioni generali 1.1 Informazioni su Datax 2 Informazioni tecniche 2.1 Requisiti di sistema 2.1.1 Sistemi operativi supportati 2.2 Requisiti minimi 3 Avvio del programma

Dettagli

Manuale di utilizzo del servizio in cloud

Manuale di utilizzo del servizio in cloud Manuale di utilizzo del servizio in cloud 1 Sommario Manuale utente... 3 Link... 3 Login... 3 Come inserire una fornitura... 4 Firma massiva delle fatture... 6 Compilazione manuale della fattura ed esportazione

Dettagli

Progetto SIAMM Sistema Informativo dell Amministrazione. Liquidazioni Spese di Giustizia. Manuale Utente

Progetto SIAMM Sistema Informativo dell Amministrazione. Liquidazioni Spese di Giustizia. Manuale Utente Progetto Sistema Informativo dell Amministrazione Liquidazioni Spese di Giustizia Manuale Utente 1 PREMESSA... 3 2 ASPETTI GENERALI... 4 2.1 INTERFACCIA DI VISUALIZZAZIONE... 4 2.2 CONTROLLI FORMALI SUI

Dettagli

G.A.R.C. 3.0 Gestione Automatica Recupero Crediti

G.A.R.C. 3.0 Gestione Automatica Recupero Crediti Pag. 1 di 29 IL RECUPERO DEL TEMPO E DELL EFFICIENZA RAPPRESENTA IL PRIMO PASSO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI... Pag. 2 di 29 SOMMARIO PRESENTAZIONE DI...3 CON G.A.R.C. FAI TRE BUCHE CON UN COLPO

Dettagli

Manuale Utente per l utilizzo della banca dati richiami vivi di Regione Lombardia

Manuale Utente per l utilizzo della banca dati richiami vivi di Regione Lombardia Manuale Utente per l utilizzo della banca dati richiami vivi di Regione Lombardia ATTENZIONE: il manuale è destinato agli utenti che sono già stati registrati nella banca dati dei richiami vivi. Per i

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

Linee guida iscrizione a Istanze on line compilazione del modello B

Linee guida iscrizione a Istanze on line compilazione del modello B Graduatorie di istituto triennio 2014/16 Linee guida iscrizione a Istanze on line compilazione del modello B a cura della UIL Scuola Brindisi PREMESSA Per la ricezione e la compilazione del modello B di

Dettagli

Guida configurazione client posta. Mail Mozilla Thunderbird Microsoft Outlook. Outlook Express

Guida configurazione client posta. Mail Mozilla Thunderbird Microsoft Outlook. Outlook Express Guida configurazione client posta Mail Mozilla Thunderbird Microsoft Outlook Outlook Express per nuovo server posta IMAP su infrastruttura sociale.it Prima di procedere con la seguente guida assicurarsi

Dettagli

Manuale Progetto Placement

Manuale Progetto Placement Manuale Progetto Placement V. 5 del 20/06/2013 FUNZIONI PRINCIPALI: Fornire uno strumento per la gestione centralizzata di stage, alternanze e placement. Costruire un database contenente i curriculum degli

Dettagli

Tutti gli aggiornamenti relativi alle informazioni elencate sono notificate ai dispositivi collegati tramite l utilizzo delle notifiche PUSH.

Tutti gli aggiornamenti relativi alle informazioni elencate sono notificate ai dispositivi collegati tramite l utilizzo delle notifiche PUSH. Data ultima modifica: 22/01/2014 Sommario Premessa... 3 RideUp... 3 Sincronizzatore... 3 Funzioni RideUP... 4 Registrazione... 4 Login... 4 Recupero Password... 5 Dashboard... 5 Impostazione dei Preferiti...

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

Sistema SMSWeb Monitoring

Sistema SMSWeb Monitoring scheda tecnica Sistema SMSWeb Monitoring 1 SICUREZZA ANTIFURTO Cos è il sistema SMSWebMonitoring SMSWebMonitoring è un ricevitore di segnali di tipo CONTACT ID, che consente alla clientela finale di accedere

Dettagli

Statistica 4038 (ver. 1.2)

Statistica 4038 (ver. 1.2) Statistica 4038 (ver. 1.2) Software didattico per l insegnamento della Statistica SERGIO VENTURINI, MAURIZIO POLI i Il presente software è utilizzato come supporto alla didattica nel corso di Statistica

Dettagli

DonkeyCode. Manuale amministratore di sistema. Versione 1.0.0

DonkeyCode. Manuale amministratore di sistema. Versione 1.0.0 DonkeyCode RescueMe: globale per la gestione di catastrofi naturali Manuale amministratore di Versione 1.0.0 Ingegneria Del Software AA 2010-2011 DonkeyCode - RescueMe Informazioni documento Titolo documento:

Dettagli

PRAMAC Task Manager. Manuale utente PRAMAC Group. Change Record

PRAMAC Task Manager. Manuale utente PRAMAC Group. Change Record PRAMAC Task Manager Manuale utente PRAMAC Group Autore : Luca Lorenzetti Data Rilascio : 09 settembre 2004 Revisione : 3 Data Revisione : 22 Luglio 2011 Change Record 13 Date Author Revision Change Reference

Dettagli

Funzionalità del portale gesgolf.it

Funzionalità del portale gesgolf.it Funzionalità del portale gesgolf.it Il portale gesgolf.it mette a disposizione alcuni servizi utili per il mondo del golf a giocatori, circoli golfistici ed hotel convenzionati. Accesso iniziale La home

Dettagli

RILEVAZIONE CAMPIONARIA SULLE AZIENDE LEGNOSE AGRARIE. Manuale d uso. Versione 1 10 luglio 2012 INDICE

RILEVAZIONE CAMPIONARIA SULLE AZIENDE LEGNOSE AGRARIE. Manuale d uso. Versione 1 10 luglio 2012 INDICE RILEVAZIONE CAMPIONARIA SULLE AZIENDE LEGNOSE AGRARIE SGR-ILA: SISTEMA DI GESTIONE DELLA RILEVAZIONE Manuale d uso. Versione 1 10 luglio 2012 INDICE Introduzione... 3 Sistema di autenticazione... 4 OPERATORI...

Dettagli

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Indice e Sommario 1 PRODUZIONE LETTERE INTERNE ED IN USCITA 3 1.1 Descrizione del flusso 3 1.2 Lettere Interne 3 1.2.1 Redazione 3 1.2.2 Firmatario

Dettagli

Se l utente è registrato accederà al servizio tramite il tasto Entra altrimenti potrà registrarsi attraverso il tasto Registrati Qui.

Se l utente è registrato accederà al servizio tramite il tasto Entra altrimenti potrà registrarsi attraverso il tasto Registrati Qui. La procedura di presentazione di una Prenotazione di istanza di mediazione (in carico ai clienti dell Organismo che intendono presentare istanza di mediazione) Per poter inserire una domanda di mediazione

Dettagli

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET MANUALE OPERATORE CMS ASMENET 2.0 Pag. 1 di 46 INDICE Termini e definizioni... pag. 3 Introduzione... pag. 4 Descrizione generale e accesso al back office... pag. 5 1 Gestione della pagina... pag. 6 1.1

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

SOFTWARE PER IL CONTROLLO ACCESSI CHECK&IN

SOFTWARE PER IL CONTROLLO ACCESSI CHECK&IN SOFTWARE PER IL CONTROLLO ACCESSI CHECK&IN Descrizione L esigenza di sicurezza nelle realtà aziendali è un fenomeno sempre più sentito e richiesto, e proprio per questo Solari ha realizzato un sistema

Dettagli

nstallazione di METODO

nstallazione di METODO nstallazione di METODO In questo documento sono riportate, nell ordine, tutte le operazioni da seguire per una corretta installazione di Metodo. Per procedere con l installazione è necessario avere a disposizione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti COMITATO CENTRALE PER L ALBO NAZIONALE DELLE PERSONE FISICHE E GIURIDICHE CHE ESERCITANO L AUTOTRASPORTO DI COSE PER CONTO DI TERZI Bollettini online Guida

Dettagli

Consolidamento e sviluppo CART

Consolidamento e sviluppo CART Nome del progetto Consolidamento e sviluppo CART Acronimo del progetto TOSCART Documento Manuale interfaccia monitoraggio Acronimo del documento TOSCART-TEC-INTWEB-PMC Stato del documento Definitivo Versione

Dettagli

CGM ACN2009 CERTIFICATI

CGM ACN2009 CERTIFICATI GUIDA OPERATIVA aggiornata al 24/09/2013 (ver. 3.7.1.0) CGM ACN2009 CERTIFICATI 1 of 28 SOMMARIO 1 INSTALLAZIONE ACN2009... 3 1.1 Verifiche preliminari... 3 1.1.1 Attivazione servizi Integra... 4 1.2 Requisiti

Dettagli

Planet School Guida per l utente GENERIC (GENITORE) - GUIDA PER L UTENTE GENITORE

Planet School Guida per l utente GENERIC (GENITORE) - GUIDA PER L UTENTE GENITORE Planet School Guida per l utente GENERIC (GENITORE) 2 - GUIDA PER L UTENTE GENITORE 1. LA TESSERA DEI SERVIZI La tessera dei servizi è un badge (tessera di dimensioni simili ad un bancomat con banda magnetica

Dettagli

NOI Attività manuale d utilizzo

NOI Attività manuale d utilizzo Guida all installazione e all utilizzo di NOI Attività, programma per la rendicontazione delle attività di Circoli e Comitati Territoriali NOI Attività manuale d utilizzo NOI Associazione per Tutti Progetto

Dettagli

Manuale d uso. 1. Introduzione

Manuale d uso. 1. Introduzione Manuale d uso 1. Introduzione Questo manuale descrive il prodotto Spazio 24.7 e le sue funzionalità ed è stato elaborato al fine di garantire un più agevole utilizzo da parte del Cliente. Il manuale d

Dettagli

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO INDICE INTRODUZIONE...3 GLOSSARIO...4 PARTE PRIMA...6 1. GUIDA UTENTE PER L USO DEL SISTEMA DI HELP DESK...6

Dettagli

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Panoramica... 2 Menù principale... 2 Link Licenza... 3 Link Dati del tecnico... 3 Link

Dettagli

Servizio Statini Web 2.0

Servizio Statini Web 2.0 Servizio Statini Web 2.0 Iscrizione al servizio Per accedere al servizio Statini 2.0 bisogna accedere con un Web Browser all indirizzo http://statini.unipi.it/. L accesso al servizio avviene indicando:

Dettagli

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 Nota tecnica. La procedura è stata progettata ed ottimizzata per essere utilizzata con il browser Internet Explorer, si consiglia

Dettagli

I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI

I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI I SISTEMI COMPUTERIZZATI PER LA RILEVAZIONE, L ANALISI E L OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI Giovanni Barozzi, Agostino Colombi AUTECO SISTEMI SRL Via Nazionale, 7 27049 Stradella (PV) auteco@auteco.net Sommario

Dettagli

Rev. 1.3. Manuale Docente OMNIA REGISTRO ELETTRONICO. Darwin Technologies S.R.L.S.

Rev. 1.3. Manuale Docente OMNIA REGISTRO ELETTRONICO. Darwin Technologies S.R.L.S. Rev. 1.3 OMNIA REGISTRO ELETTRONICO Darwin Technologies S.R.L.S. Sommario 1.Introduzione... 2 2.Primo Accesso... 2 3.Desktop di Lavoro... 2 4.Bacheca Personale... 3 5.Profilo Personale... 3 6.Registro

Dettagli

Wordpress. Acquistare un sito web. Colleghiamoci con il sito www.aruba.it

Wordpress. Acquistare un sito web. Colleghiamoci con il sito www.aruba.it www.creativecommons.org/ Wordpress Wordpress è una piattaforma gratuita per creare siti web. In particolare è un software installato su un server web per gestire facilmente contenuti su un sito senza particolari

Dettagli

Indice. Esecuzione - Inizio... 6 Esecuzione Verifica dati iniziali... 7 Esecuzione Test... 8 Esecuzione Informazioni... 12

Indice. Esecuzione - Inizio... 6 Esecuzione Verifica dati iniziali... 7 Esecuzione Test... 8 Esecuzione Informazioni... 12 Indice Pianificazione Attività... 3 Download applicazione... 4 Gestione del Plico sulla postazione d esame... 5 Applicazione informatica... 6 Esecuzione - Inizio... 6 Esecuzione Verifica dati iniziali...

Dettagli

GFI Product Manual. ReportPack

GFI Product Manual. ReportPack GFI Product Manual ReportPack http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se indicato diversamente, le società, i nomi

Dettagli

Al fine di pubblicare le informazioni di un condominio sul WEB è necessario che l amministratore proceda con le seguenti fasi:

Al fine di pubblicare le informazioni di un condominio sul WEB è necessario che l amministratore proceda con le seguenti fasi: CONDOMINI SUL WEB Cosa si intende per condomini sul Web? Dalla versione 1.45 del programma Metodo Condomini l amministratore ha la possibilità di rendere fruibili via WEB ai condòmini (proprietari e conduttori)

Dettagli

GUIDA OPERATIVA aggiornata al 24/09/2013 (ver. 3.7.1.0) CGM ACN2009 RICETTA CompuGroup Medical Italia spa www.cgm.com/it INFANTIA TS RICETTA 1 of 34

GUIDA OPERATIVA aggiornata al 24/09/2013 (ver. 3.7.1.0) CGM ACN2009 RICETTA CompuGroup Medical Italia spa www.cgm.com/it INFANTIA TS RICETTA 1 of 34 GUIDA OPERATIVA aggiornata al 24/09/2013 (ver. 3.7.1.0) CGM ACN2009 RICETTA 1 of 34 SOMMARIO 1 INSTALLAZIONE ACN2009... 3 1.1 Verifiche preliminari... 3 1.2 Requisiti minimi... 4 1.3 Procedure di installazione

Dettagli

Manuale Amministratore bloodmanagement.it

Manuale Amministratore bloodmanagement.it 1 Sommario Primo accesso al portale bloodmanagement.it... 2 Richiesta account... 2 Login... 2 Sezione generale... 4 Informazioni sede... 4 Inserimento... 5 Destinazioni... 5 Luogo donazioni... 5 Inserisci

Dettagli

Tecnologia Web. Personalizzabile. CLINGO Asset management on web. Tecnologia Web. Personalizzabile Facile da usare. Facile da usare. www.clingo.

Tecnologia Web. Personalizzabile. CLINGO Asset management on web. Tecnologia Web. Personalizzabile Facile da usare. Facile da usare. www.clingo. www.clingo.it CLINGO Asset management on web Tecnologia Web Tecnologia Web CLINGO è un sistema per la gestione dei servizi biomedicali totalmente basato su WEB che può essere utilizzato ovunque all interno

Dettagli

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 DISPENSE http://dbgroup.unimo.it/sia/gerarchiericorsive/ L obiettivo è quello di realizzare la tabella di navigazione tramite una query ricorsiva utilizzando SQL SERVER

Dettagli

Amico EVO Manuale dell Installazione

Amico EVO Manuale dell Installazione Amico EVO Manuale dell Installazione Versione 1.0 del 14.05.2013 Manuale dell installazione di AMICO EVO rev. 1 del 18.05.2013 Pag. 1 Amico EVO è un software sviluppato in tecnologia NET Framework 4.0

Dettagli

CGM ACN2009 CERTIFICATI

CGM ACN2009 CERTIFICATI GUIDA OPERATIVA aggiornata al 24/09/2013 (ver. 3.7.1.0) CGM ACN2009 CERTIFICATI 1 of 27 SOMMARIO 1 INSTALLAZIONE ACN2009... 3 1.1 Verifiche preliminari... 3 1.2 Requisiti minimi... 4 1.3 Procedure di installazione

Dettagli

RE Registro Elettronico

RE Registro Elettronico RE Registro Elettronico Premessa Il RE Registro Elettronico è la sezione della piattaforma WEB che consente, ai Docenti, di utilizzare le funzionalità di Registro di classe e di Registro del professore.

Dettagli

Planet School Guida per l utente GENERIC (GENITORE) - GUIDA PER L UTENTE GENITORE

Planet School Guida per l utente GENERIC (GENITORE) - GUIDA PER L UTENTE GENITORE Planet School Guida per l utente GENERIC (GENITORE) 2 - GUIDA PER L UTENTE GENITORE 1. LA TESSERA DEI SERVIZI La tessera dei servizi è un badge (tessera di dimensioni simili ad un bancomat con banda magnetica

Dettagli

SMS IP. Guida all uso

SMS IP. Guida all uso SMS IP SMS INTERACTIVE PLATFORM Guida all uso VOLA S.p.A. - Traversa Via Libeccio snc - zona industriale Cotone, 55049 Viareggio (LU) tel +39 0584 43671 - fax +39 0584 436700 http://www.vola.it info@vola.it

Dettagli

IL SERVIZIO E-BILLING DHL: COME ACCEDERE

IL SERVIZIO E-BILLING DHL: COME ACCEDERE IL SERVIZIO E-BILLING DHL: COME ACCEDERE COME COLLEGARSI AL TOOL E-BILLING a) Tramite accesso al sito DHL : Collegarsi a www.dhl.it Entrare nell area Express (nella barra menù in alto) Area Clienti Fatturazione

Dettagli

SDD System design document

SDD System design document UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA TESINA DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Progetto DocS (Documents Sharing) http://www.magsoft.it/progettodocs

Dettagli

il Mac e lo studio legale: primi passi in EasyLex

il Mac e lo studio legale: primi passi in EasyLex _tutorial Come approcciare il software per la gestione degli studi legali che accompagna gli utenti della Mela dai lontani tempi di Mac OS Francesco Pignatelli il Mac e lo studio legale: primi passi in

Dettagli

> P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni

> P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni > P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni Guida rapida all utilizzo del software (rev. 1.4 - lunedì 29 ottobre 2012) INSTALLAZIONE, ATTIVAZIONE E CONFIGURAZIONE INIZIALE ESECUZIONE DEL SOFTWARE DATI

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Docente Manuale d uso

Docente Manuale d uso Docente Manuale d uso Release 5.1.0 del 10-07-2013 Sommario Sommario...2 Premessa...4 Profili di Accesso ai servizi...4 Primo Accesso...5 Pannello di lavoro del Docente...5 Funzioni riferite alla classe...6

Dettagli

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com 2014 Manuale LiveBox WEB ADMIN http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa

Dettagli

Gestione Anagrafiche e Donazioni RETE FIDAS MEZZOGIORNO

Gestione Anagrafiche e Donazioni RETE FIDAS MEZZOGIORNO Gestione Anagrafiche e Donazioni RETE FIDAS MEZZOGIORNO Manuale Utente SOMMARIO 1 PRESENTAZIONE DELL APPLICATIVO... 3 1.1 OBIETTIVI... 3 1.2 CARATTERISTICHE... 3 1.3 BREVE DESCRIZIONE DEL PRODOTTO...

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti COMITATO CENTRALE PER L ALBO NAZIONALE DELLE PERSONE FISICHE E GIURIDICHE CHE ESERCITANO L AUTOTRASPORTO DI COSE PER CONTO DI TERZI Bollettini online Guida

Dettagli

NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE. Giugno 2009

NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE. Giugno 2009 NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE Giugno 2009 INDICE Configurazioni 3 Configurazioni Windows Firewall.. 3 Configurazioni Permessi DCOM. 4 Installazione Sql Server 2005 9 Prerequisiti Software 7 Installazione

Dettagli

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Direttiva 2011/24/UE Reporting ASL

Direttiva 2011/24/UE Reporting ASL MINISTERO DELLA SALUTE Direttiva 2011/24/UE Reporting ASL Manuale dell applicazione A cura del Punto Nazionale di Contatto Italiano maggio 2014 Sommario I. Panoramica generale... 2 Campo di applicazione...

Dettagli

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v.

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v. Sommario 1. I presupposti di GRAM AUDIT... 4 2. I vantaggi di GRAM AUDIT... 4 3. Aspetti metodologici alla base del Modello... 5 3.1. La gestione degli utenti... 5 3.2. La composizione del Piano di Audit

Dettagli

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0) GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 7 Login... 8 Funzionalità... 9 Gestione punti... 10 Caricare punti...

Dettagli

CFR 21 PARTE 11 con FDS Factory DataStorage

CFR 21 PARTE 11 con FDS Factory DataStorage CFR 21 PARTE 11 con FDS Factory DataStorage Pagina 1 di 27 I REQUISITI RICHIESTI A UN SISTEMA PER ESSERE CONFORME AL CFR 21 PARTE 11. 1. COSA E IL CFR 21 PARTE 11 Il Cfr 21 parte 11 definisce dei criteri

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

Guida all utilizzo. Rif. File: GuidaSi@dmin.pages Pag. 1 / 14

Guida all utilizzo. Rif. File: GuidaSi@dmin.pages Pag. 1 / 14 Guida all utilizzo Rif. File: GuidaSi@dmin.pages Pag. 1 / 14 Home page e panoramica delle funzionalità!... 3 La sezione Account!... 4 Creare un Account!... 5 Cambiare la password dell account!... 7 Eliminare

Dettagli