LICEO SIGONIO I.T.C. BAROZZI LA PROPRIETA LA PROPRIETA E I DIRITTI REALI. Fausta Labidonisia 22/09/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SIGONIO I.T.C. BAROZZI LA PROPRIETA LA PROPRIETA E I DIRITTI REALI. Fausta Labidonisia 22/09/2013"

Transcript

1 LICEO SIGONIO I.T.C. BAROZZI LA PROPRIETA LA PROPRIETA E I DIRITTI REALI Fausta Labidonisia 22/09/2013 La proprietà; i diritti reali di godimento; la comunione e il condominio; il possesso

2 1.5 I modi di acquisto della proprietà Definizione Gli atti e i fatti giuridici che consentono di acquistare la proprietà di un bene Distinzione I modi di acquisto della proprietà si distinguono tradizionalmente in: 1. modi di acquisto a titolo originario = quando il diritto di proprietà che si si acquista sulla cosa è indipendente dal diritto di un precedente proprietario. Occupazione, invenzione, accessione, unione e commistione, specificazione, usucapione, possesso vale titolo. 2. modi di acquisto a titolo derivativo = quando si acquista sulla cosa il diritto di proprietà già spettante ad un precedente. A chi trasferisce il diritto si dà il nome di dante causa; a chi lo acquista quello di avente causa Avviene: 1. in forza di un contratto 2. per successione a causa di morte 3. trasferimenti coattivi (espropriazione, requisizione) I modi di acquisto a titolo originario Occupazione (artt c.c.) = consiste nell appropriarsi di beni mobili 1 che non appartengono a nessuno, con l intenzione di farli propri. Non possono essere oggetto di occupazione i beni immobili, che qualora non siano di nessuno (cd. immobili vacanti) diventano di proprietà dello Stato. Esempio: il pesce pescato nel mare; le conchiglie raccolte sulla spiaggia; il giornale lasciato su una panchina; i rifiuti soldi urbani riciclati da un industria ecc. Invenzione (artt c.c.) = Ha per oggetto le cose smarrite dal proprietario. In tal caso il ritrovatore deve consegnare il bene al Sindaco del luogo in cui è avvenuto il ritrovamento. Dopo un anno dall ultima pubblicazione all albo comunale, il ritrovatore ne diventa il legittimo proprietario; qualora, invece, il bene sia reclamato e restituito al proprietario, il ritrovatore ha diritto a un premio nella misura di 1/10 del valore Esempio: se nei pressi di una piazza Tizio ritrova un portafoglio pieno di banconote oppure una collana di perle, questi ha il dovere di seguire la procedura indicata poiché non può divenire proprietario per occupazione, trattandosi di cose smarrite e non abbandonate. 1 Si definiscono res nullius, le cose mobili che non sono mai state di proprietà di alcuno; sono dette res derelictae, le cose abbandonate 1

3 Accessione (artt. 934 e ss. c.c.) = si verifica quando il proprietario della cosa principale diviene proprietario di un altra cosa che si è unita o incorporata (cd. cosa accessoria) alla sua. Esempio: 1. Accessione artificiale: Il proprietario del fondo diventa proprietario delle costruzioni al di sopra e al di sotto del suolo, come i materiali per le costruzioni. 2. accessione per fatto naturale, i cd. incrementi fluviali. -alluvione: gli incrementi del terreno che si effettuano nel tempo per effetto dei detriti - avulsione: il distacco di parte di un fondo che si unisce al terreno a valle, di tale porzione di terreno diventa il proprietario del fondo a valle, salvo indennizzo del proprietario che ha perso parte del terreno. Unione (art. 939 c.c.) = cose mobili appartenenti a più proprietari si uniscono in modo da non poterle più separare, ma mantenendo la loro individualità: il proprietario della cosa principale acquista la proprietà del tutto. Esempio: il proprietario del diamante incastonato su un anello di rame di altro proprietario diventa il proprietario dell anello salvo rimborsare all altro il valore del rame. Commistione (art. 939 c.c.) = Quando le cose mobili, appartenenti a persone diverse, si mescolano in modo tale da formare un nuovo bene in cui non possono essere più distinte e non sono facilmente separabili. I proprietari delle singole cose acquistano la comproprietà in proporzione al valore di ciascun bene incorporato. Esempio: la farina e il lievito nel pane. I produttori che hanno consegnato il latte a una latteria divengono comproprietari, in proporzione ai litri conferiti da ciascuno di loro, del latte contenuto nelle cisterne della latteria Specificazione (art. 940 c.c.) = consiste nella creazione di una cosa nuova con il materiale appartenente ad un altra persona, diversa da colui che l ha creata. In tal caso ci si chiede se il proprietario della cosa creata sia colui che ha lavorato la materia prima (es. artigiano o artista) o il proprietario di quest ultima. Ebbene l acquisto dipende dal fatto che il valore della materia superi notevolmente o meno quello della manodopera. Esempio: spetta senz altro al falegname il tavolo da lui costruito con il legname comune fornitogli dal cliente; è, invece, di proprietà di chi ha fornito la materia la statuetta d oro realizzata da un artigiano 2

4 Usucapione (art e segg. c.c.) = L acquisto della proprietà per usucapione si verifica quando un soggetto, pur non essendo proprietario di un bene, esercita ugualmente sullo stesso, per un certo periodo di tempo che di solito è 20 anni, il potere di fatto, senza essere contrastato dal titolare del diritto. Esempio: credendo che un determinato appezzamento agricolo gli appartenga, Marco lo coltiva e lo sfrutta come se ne fosse proprietario. Trascorsi 20 anni egli ne acquista il diritto di proprietà. A nulla potrebbero valere le proteste, tardive, del precedente proprietario. Possesso vale titolo (art e segg. c.c.) = l acquirente di un bene mobile che ignori, in buona fede 2, che il bene vendutogli non apparteneva al venditore, diventa ugualmente proprietario di quel bene Esempio: Marco si reca in un negozio di biciclette e ne acquista una usata, ignorando che in effetti essa era stata rubata quindi non era di proprietà del negoziante. Uscito dal negozio incontra il derubato, il quale pretende la restituzione della bicicletta. Ebbene, per il principio del possesso vale titolo, Marco è legittimamente proprietario della bici e non è quindi tenuto a restituirla. I modi di acquisto a titolo derivativo Contratti (art c.c.) = sono le modalità di trasferimento più utilizzate (vendita, donazione ecc.) Esempio: Quando acquisto il quotidiano in edicola pagandone il prezzo divento proprietario del bene per acquisto a titolo derivativo realizzato attraverso un contratto di vendita. Quando per il mio compleanno ricevo in regalo un bene, ne divento proprietario a titolo derivativo per effetto del contratto di donazione. Successioni a causa di morte = determina il passaggio di proprietà dal defunto (de cuius) ai suoi eredi, secondo la volontà testamentaria o le disposizioni di legge Esempio: dell appartamento del nonno defunto diventano proprietari, nel momento stesso della morte, gli eredi del nonno. 2 Buona fede = ignorando l altruità del bene 3

5 Trasferimenti coattivi -espropriazione -requisizione -nazionalizzazione Esempio: il terreno di proprietà di Marco, posto sul tracciato della nuova linea ferroviaria, viene espropriato a favore dello Stato che ne diventa proprietario anche senza il consenso di Marco (al quale spetta comunque un equo indennizzo) 1.6 Le azioni a difesa della proprietà Premessa L ordinamento giuridico tutela il diritto di proprietà in sede penale e in sede civile Tutela penale Il diritto di proprietà è tutelato dal diritto penale, con la punizione come reati di alcuni comportamenti, quali il furto o il danneggiamento 3, che violano il potere pieno ed esclusivo del proprietario. Tutela civile Il diritto di proprietà è tutelato in sede civile, attribuendo al suo titolare un diritto di azione 4. Le azioni a difesa delle ragioni della proprietà sono dette azioni petitorie. Esse sono quattro: Azione di rivendicazione art. 948 c.c. Il proprietario può rivendicare la cosa da chiunque la possiede o detiene = azione con cui il proprietario rivendica i suoi beni nei confronti di chi li possieda o detenga abusivamente, senza la sua autorizzazione. Il proprietario è tenuto a fornire la prova della titolarità del diritto, acquistata a titolo originario. Mira ad ottenere: 1. l accertamento del diritto di proprietà e inesistenza del diritto vantato dal convenuto 3 Art. 624 c.p. Furto Chiunque s'impossessa della cosa mobile [c.p. 631] altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 154 a euro 516. Art Danneggiamento Chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili o immobili altrui, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro Azione = potere di rivolgersi al giudice civile per ottenere il riconoscimento del proprio diritto. Titolare dell azione è l attore, il quale la esercita nei confronti del convenuto (= chiamato in giudizio). Attore e convenuto, insieme al giudice, sono le parti processuali del giudizio o processo civile. 4

6 2. la condanna del convenuto a restituire il bene. Azione negatoria art. 949 c.c. Il proprietario può agire per far dichiarare l'inesistenza di diritti affermati da altri sulla cosa, quando ha motivo di temerne pregiudizio. Se sussistono anche turbative o molestie, il proprietario può chiedere che se ne ordini la cessazione, oltre la condanna al risarcimento del danno = Azione esercitata dal proprietario nei confronti di chi affermi l esistenza di un diritto reale minore sul bene, arrecando pregiudizio turbativa o molestia al diritto di godimento e disposizione del bene da parte del legittimo titolare. Mira ad ottenere: 1. l accertamento dell inesistenza del diritto reale su cosa altrui 2. l inibizione delle turbative o molestie per farle cessare 3. la condanna al risarcimento dei danni Azione per il regolamento di confini art. 950 c.c. Quando il confine tra due fondi è incerto, ciascuno dei proprietari può chiedere che sia stabilito giudizialmente. Ogni mezzo di prova è ammesso. In mancanza di altri elementi, il giudice si attiene al confine delineato dalle mappe catastali = azione mediante la quale il proprietario chiede al giudice che siano stabiliti i confini, ritenuti incerti e non chiari, fra il proprio fondo e quello limitrofo. Mira ad ottenere: 1. l accertamento dell estensione del fondo, eliminando ogni forma di incertezza dei confini fra fondi vicini. Azione per l apposizione dei termini art. 951 c.c. Se i termini tra fondi contigui mancano o sono diventati irriconoscibili, ciascuno dei proprietari ha diritto di chiedere che essi siano apposti o ristabiliti a spese comuni. = azione mediante la quale il proprietario di fondi confinanti chiede al giudice che siano apposti o ripristinati, a spese comuni dei proprietari limitrofi, i segni materiali e tangibili del confine, certo e conosciuto, fra i due fondi. Mira ad ottenere: 1. la condanna al pagamento delle spese a carico di ciascuno proprietario per l apposizione dei segnali di confine, mai esistiti o venuti meno nel tempo. 5

7 Tabella A) Le azioni petitorie LE AZIONI PETITORIE TIPO DI AZIONE Rivendicazione Negatoria Regolamento di confini Apposizione dei termini ESERCITABILE DAL PROPRIETARIO contro chi possiede o detiene la propria cosa illegittimamente contro chi afferma di vantare diritti sulla sua cosa di ciascun fondo confinante di ciascun fondo confinante AL FINE DI rivendicare il suo diritto di proprietà: - Accertamento della titolarità del diritto di proprietà - Condanna del possessore a restituire il bene liberarsi da quelle molestie accertare giudizialmente il confine fra due fondi apporre o ristabilire i segnali di confine fra i fondi 6

8 2. I DIRITTI REALI SU COSA ALTRUI O DIRITTI MINORI La facoltà di godimento è uno degli aspetti più importanti del diritto di proprietà, perché il proprietario di un bene ha il potere di utilizzarlo in modo pieno ed esclusivo. Di solito il diritto di proprietà e la facoltà di godimento di un bene coincidono nella medesima persona, tuttavia il proprietario può concedere ad altra persona di esercitare la facoltà di godimento; in tal caso, viene a configurarsi l ipotesi del diritto reale di godimento o diritto reale su cosa altrui o diritto reale minore o limitato. I diritti reali di godimento su una cosa altrui attribuiscono a una persona il diritto di utilizzare una cosa di proprietà di un altra persona. Hanno, pertanto, un contenuto meno ampio del diritto di proprietà, ma, contemporaneamente, limitano il diritto di proprietà poiché riducono la facoltà di godimento. I diritti reali minori sono diritti soggettivi assoluti, immediati, patrimoniali e tipici Il diritto di superficie Riferimento normativo Definizione Art. 952 c.c. Costituzione del diritto di superficie Il proprietario può costituire il diritto di fare e mantenere al di sopra del suolo una costruzione a favore di altri che ne acquista la proprietà. Del pari può alienare la proprietà della costruzione già esistente, separatamente dalla proprietà del suolo. E il diritto di costruire al di sopra o al di sotto del suolo di proprietà di altri e conservare la proprietà della costruzione (cd. Proprietà superficiaria). La figura realizza una separazione fra la proprietà del suolo e la proprietà di ciò che vi viene costruito, in deroga ai principi dell accessione. Ad esempio: Tizio costruisce un edificio o un garage o uno stabilimento sul suolo di proprietà altrui. E anche il potere di sopraelevare su una costruzione già esistente. Es. costruire un appartamento all ultimo piano e sul lastrico solare di un abitazione altrui. Contenuto 1. diritti ed obblighi del concedente (proprietario del suolo): il proprietario del suolo (concedente) rimane titolare della facoltà di disposizione della proprietà del suolo, tuttavia deve permettere la costruizione e tollerare il suo insistere sul suolo, senza ostacolare in alcun modo l attività del superficiario. 2. diritti ed obblighi del concessionario (cd. Superficiario): il superficiario (concessionario) ha i seguenti diritti: a) il diritto di costruire e mantenere la costruzione sul suolo b) il diritto di proprietà del bene costruito (proprietà superficiaria). 7

9 Il superficiario ha l obbligo di pagare il canone, come corrispettivo del diritto di superficie. Esempio Gianni concede diritto di superficie sul terreno edificabile di sua proprietà a favore di Chiara. Quest ultima può quindi costruire su quel terreno un abitazione che, appena realizzata, sarà di sua proprietà e non di Gianni. Ovviamente, se il diritto di superficie è costituito a tempo determinato Gianni diventerà proprietario anche dell abitazione per effetto dell accessione Il diritto di usufrutto Riferimento normativo Art. 978 c.c. Costituzione. L'usufrutto è stabilito dalla legge o dalla volontà dell'uomo. Può anche acquistarsi per usucapione. Art. 981 c.c. Contenuto del diritto di usufrutto. L'usufruttuario ha diritto di godere della cosa, ma deve rispettarne la destinazione economica. Egli può trarre dalla cosa ogni utilità che questa può dare, fermi i limiti stabiliti in questo capo. Definizione = è il diritto di godere ed usare della cosa altrui e di trarne ogni utilità, con l obbligo di rispettarne la destinazione economica. Caratteristiche - Con la costituzione dell usufrutto il proprietario del bene viene spogliato di qualsiasi facoltà di godimento della cosa, per cui non può più utilizzarlo; tale situazione configura la cd. Nuda proprietà. E bene precisare che il proprietario mantiene il potere di disposizione giuridica della cosa - L usufrutto è un diritto temporaneo, poiché la legge fissa una durata massima. Per la recisione esso non può eccedere la vita dell usufruttuario, se persona fisica; trent anni, se si tratta di persona giuridica. Pertanto l usufrutto non può essere trasmesso agli eredi. - Oggetto dell usufrutto possono essere indifferentemente beni mobili o immobili (titoli di credito, aziende, alberghi, immobili ad uso abitativo ecc.), tuttavia deve trattarsi di beni infungibili e inconsumabili, poiché l usufruttuario ha l obbligo di restituire lo stesso bene al termine dell usufrutto. - L usufrutto può essere: Legale, se la legge determina la costituzione dell usufrutto in capo a determinati soggetti. Ad es. l usufrutto legale dei genitori sui beni dei figli minorenni Volontario, quando deriva da contratto o da un 8

10 testamento Contenuto 1. diritti dell usufruttuario: - Diritto di conseguire il possesso del bene, egli può mettersi in relazione immediata e diretta con la cosa senza la collaborazione del nudo proprietario - Diritto di godere del bene - Diritto di fare propri i frutti civili e naturali della cosa - Diritto di locare 5 il bene 2. obblighi dell usufruttuario: - Obbligo di rispettare la destinazione economica del bene, ossia la funzione economica data al bene dal proprietario fino a quel momento. Per esempio se fino alla costituzione dell usufrutto l immobile è stato destinato a uso non abitativo come struttura alberghiera, l usufruttuario non può cambiare la funzione economica in casa di cura - Obbligo di usare la diligenza del buon padre di famiglia. Per i romani il bonus pater familias era il modello dell'uomo non solo libero e fornito di piena capacità d agire, ma anche consapevole dell'importanza della propria posizione e delle proprie azioni. Per il nostro ordinamento, invece, il modello del buon padre di famiglia indica l'uomo medio. Il criterio della diligenza indica in astratto la misura dell'attenzione, della cura e dello sforzo psicologico che l usufruttuario deve adoperare per esercitare il diritto reale minore, cioè esattamente. Quindi la diligenza del buon padre di famiglia indica l uso dei normali doveri di cautela e correttezza - Obbligo di pagare le imposte - Obbligo di restituire la cosa al termine dell usufrutto, nella medesima quantità e stato in cui si trovava il bene al momento dell impossessamento da parte dell usufruttuario. Esempio Gianni concede diritto di usufrutto a favore di Chiara su un campo da tennis. Quest ultima può quindi utilizzarlo personalmente oppure svolgere tornei e corsi di tennis oppure concederlo in affitto. Ovviamente, non potrà trasformarlo in una piscina o in un frutteto. 5 La locazione, in diritto, costituisce il contratto con il quale una parte (detta locatore) si obbliga a permettere a un altro soggetto (conduttore o locatario) l'utilizzo di una cosa per un dato tempo in cambio di un determinato corrispettivo (la cosiddetta "pigione" o canone"). 9

11 2.3. Il diritto di uso e abitazione Riferimento normativo Artt e 1022 c.c. Art Uso - Chi ha diritto d'uso di una cosa può servirsi di essa e, se è fruttifera, può raccogliere i frutti per quanto occorre ai bisogni suoi e della sua famiglia. I bisogni si devono valutare secondo la condizione sociale del titolare del diritto. Art Abitazione - Chi ha il diritto di abitazione di una casa può abitarla limitatamente ai bisogni suoi e della sua famiglia. Premessa Contenuto Esempio L uso e l abitazione sono diritti reali molto simili all usufrutto ma hanno un contenuto e un ambito di applicazione più limitato. Sono strettamente legati al titolare e condizionati ai bisogni della sua famiglia. Non si possono cedere o dare in locazione a terzi. 1. Uso: è il diritto di servirsi di una cosa altrui e se, fruttifera, di raccogliere i frutti per soddisfare i bisogni propri e della propria famiglia. 2. Abitazione: è il diritto di abitare una casa altrui insieme alla propria famiglia. Gianni concede, sull appartamento di sua proprietà, diritto di abitazione a favore della nonna Maria. Quest ultima potrà abitare l appartamento, insieme alla sua famiglia composta dalla figlia nubile Chiara e dal nonno Luca, ma non potrà concederlo in locazione a nessuno per trarne una rendita Il diritto di enfiteusi Riferimento normativo Definizione Evoluzione storica Art. 957 c.c. e segg. E quel diritto reale che attribuisce al titolare (detto enfiteuta) la facoltà di godimento del fondo altrui, salvo l obbligo di migliorare il fondo e di pagare al proprietario concedente un canone periodico. Questo istituto 6 risale al periodo medioevale. Secondo l elaborazione dei glossatori 7, la fattispecie dava luogo ad una proprietà in cui si potevano distinguere: - Un dominio diretto o eminente, spettante al proprietario, il quale formalmente era titolare del fondo - Un dominio utile, spettante all enfiteuta, il quale effettivamente utilizzava il bene, e pertanto veniva definito proprietario 6 Istituto = figura giuridica alla quale sono riconducibili un complesso specifico di norme giuridiche che la disciplinano 7 Glossatori = giuristi della scuola di Bologna. La Scuola di Bologna (XII XIII secolo) è una scuola di giuristi e studiosi che ricostruì l'opera di Giustiniano I, il Corpus iuris civilis, e ne fece quindi un'analisi approfondita, riscoprendo e reinterpretando i testi classici attraverso note a margine dette, appunto, glosse. 10

12 sostanziale. Contenuto 1. diritti ed obblighi dell enfiteuta: a) il diritto di fare propri i frutti del suolo e sulle utilizzazioni del sottosuolo b) il diritto di affrancazione c) obbligo di pagare il canone periodico (può consistere in una somma di denaro o in una quota dei frutti naturali) d) obbligo di migliorare il fondo (accrescimento del valore del fondo o incremento della produttività ad es. con la costruzione di opere necessarie per la sistemazione dei frutti o per la coltivazione) e) obbligo di pagare le imposte 2. diritti del concedente (proprietario del suolo): a) il diritto al versamento del canone b) il diritto di miglioramento del fondo c) il diritto di chiedere la devoluzione del fondo Affrancazione Devoluzione Esempio = diritto dell enfiteuta di riscattare il fondo e diventare proprietario pieno ed esclusivo. Tale diritto può essere esercitato anche contro la volontà del proprietario, mediante pagamento di una somma corrispondente a 15 volte il canone annuo. = il deterioramento o il mancato miglioramento del fondo oppure il ritardo nella corresponsione del canone stabilito consentono al proprietario di riavere il fondo in piena e libera proprietà. Gianni concede in enfiteusi a Chiara un proprio terreno in stato di abbandono da tempo. Evidentemente Chiara, prima di potere trarre profitto dalla coltivazione del fondo, dovrà realizzare le dovute migliorie ed anche le necessarie pertinenze (la eventuale stalla, i magazzini per la conservazione delle sementi e dei trattori ecc.) nonché provvedere al pagamento del canone annuo pattuito per la concessione Il diritto di servitù prediali Riferimento normativo Definizione Art c.c. Contenuto del diritto La servitù prediale consiste nel peso imposto sopra un fondo per l'utilità di un altro fondo appartenente a diverso proprietario. La servitù è diretta a realizzare l utilizzazione di un fondo detto servente, per il vantaggio di un altro fondo detto dominante. La definizione mostra un primo carattere di novità rispetto alle altre figure di diritti reali minori. Per la prima volta non si parla di facoltà (di godere, usare, abitare, costruire ecc.) concesse ai soggetti sulle cose, ma di un rapporto funzionale fra le cose stesse: vi è una relazione tra due fondi e non un rapporto personale fra i rispettivi proprietari. 11

13 Caratteristiche Le servitù prediali (praedium = fondo) richiedono per la loro costituzione l'esistenza di due requisiti: a) la presenza di due fondi tra i quali sussista un rapporto di vicinanza tale che, anche se non confinanti, sia consentito l'esercizio della servitù b) l'obiettiva utilità, anche non economica, che il fondo dominante tragga dalla limitazione imposta al fondo servente. La limitazione patita dal fondo servente deve sempre concretizzarsi in un dovere negativo del proprietario, in particolare nell obbligo di non fare o sopportare. Esempio: Servitù di passaggio dovere di sopportare il passaggio di persone e di mezzi Servitù di acquedotto dell acqua dovere di sopportare le tubature Servitù di non sopraelevazione dovere di non elevare la costruzione al di sopra di una certa altezza Costituzione Le servitù possono costituirsi in 2 modi: volontariamente o coattivamente. 1. Servitù coattive o legali: la sua costituzione è imposta dalla legge anche contro la volontà del proprietario del fondo servente, per le condizioni oggettive che rendono impossibile o estremamente difficile l uso del fondo dominante (es. passaggio coattivo: diritto al passaggio sul fondo vicino per accedere alla via pubblica, essendo il fondo dominante intercluso) oppure per lo svolgimento di attività di pubblico interesse (es. servitù di acquedotto o scarico, l elettrodotto coattivo, il passaggio coattivo di linee telefoniche ecc.). La legge ravvisa non solo un utilità a favore del proprietario del fondo dominante, ma soprattutto una necessità. In questi casi il proprietario del fondo dominante deve versare un indennità al titolare del fondo servente. 2. Servitù volontarie: quando derivano dalla volontà dell uomo, prevalentemente tramite contratto o testamento. Ad es. il proprietario di un terreno lo può lasciare in eredità ad un figlio gravandolo di una servitù di pascolo a favore di un altro fondo. Tipologie Delle servitù possono farsi differenti classificazioni: 1. Apparenti e non apparenti: Servitù apparenti: sono quelle che per il loro esercizio richiedono opere visibili e permanenti, come ad es. le servitù di acquedotto, in cui viene permanentemente 12

14 posato l acquedotto. Servitù non apparenti: non sono richieste opere, ma è sufficiente un lasciare fare o sopportare come ad es. la servitù di non edificare 2. Positive e negative: Servitù positive: sono le servitù per il cui esercizio è richiesto un comportamento attivo del proprietario del fondo dominante, come ad es. la servitù di passaggio in cui il titolare del fondo dominante deve attraversare il fondo servente. Servitù negative: sono le servitù per cui il proprietario del fondo servente deve solo non fare, come ad es. la servitù di non sopraelevazione. Esempio Gianni è proprietario di un fondo che non ha accesso diretto alla via pubblica: il suo confinante sarà costretto a concedergli la servitù di passaggio. Se non troveranno un accordo sarà la sentenza del giudice a imporre la servitù sul fondo di Matteo. 13

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali.

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali. DIRITTI REALI DI GODIMENTO SU COSA ALTRUI Funzione: attribuiscono ad un soggetto diverso dal proprietario della res alcune delle facoltà e/o dei poteri che tipicamente spettano al proprietario. Si tratta

Dettagli

I DIRITTI REALI IN RE ALIENA

I DIRITTI REALI IN RE ALIENA Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. VINCENZO FRANCESCHELLI SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO - ad uso degli studenti vietata la riproduzione- (Avvertenza- Gli schemi costituiscono

Dettagli

Istituzioni di Diritto Privato I. Indice

Istituzioni di Diritto Privato I. Indice INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX I DIRITTI REALI SU BENI ALTRUI PROF.SSA ANNAFLORA SICA Indice 1 La superficie -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n.

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n. 10 SOGGETTI PASSIVI Prassi C.M. 8.10.76 n. 31/250873; R.M. 7.6.80 n. 7/441; R.M. 13.12.89 n. 460196; C.M. 10.6.93 n. 7/1106; C.M. 7.8.2000 n. 156; Ris. Agenzia delle Entrate 7.8.2002 n. 272; Ris. DRE Emilia

Dettagli

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI IN USO A TERZI I Venerdì dell Avvocatura 10-11 aprile 2014 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 - Milano Elisabetta Mapelli IMMOBILI: USO DIRETTO E CESSIONE A TERZI

Dettagli

Questionario n. 5 La proprietà e gli altri diritti reali

Questionario n. 5 La proprietà e gli altri diritti reali Questionario n. 5 La proprietà e gli altri diritti reali 1) Che cosa sono i beni mobili? A) Beni che possono essere sostituiti con altri. B) Esclusivamente quei beni che rientrano nel patrimonio archivistico

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

Art. 1571 Nozione Art. 1572 Locazioni e anticipazioni eccedenti l'ordinaria amministrazione Art. 1573 Durata della locazione

Art. 1571 Nozione Art. 1572 Locazioni e anticipazioni eccedenti l'ordinaria amministrazione Art. 1573 Durata della locazione Art. 1571 Nozione La locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all'altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo (1572 e seguenti), verso un determinato corrispettivo (att.

Dettagli

ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO

ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO Gianluca Sigismondi Sintesi del testo Istituzioni di diritto privato di F. Galgano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA DI ECONOMIA A.A. 2011/2012 INTRODUZIONE AL DIRITTO

Dettagli

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione 45 Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione di Anna Liconti Traccia Tizio conduce l immobile sito nel Comune

Dettagli

CREDITO. Il mutuo è un contratto: a) atipico. b) tipico. c) apparente.

CREDITO. Il mutuo è un contratto: a) atipico. b) tipico. c) apparente. CREDITO Il mutuo è: a) un rapporto col quale una parte consegna all altra una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili e l altra si appresta a restituire altrettante cose della stessa specie

Dettagli

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE Mariagrazia GALATI TRACCE di PARERI con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE SOMMARIO Premessa V SEZIONE I - I SOGGETTI DI DIRITTO PARTE PRIMA TRACCIA 1 L amministrazione di sostegno. Inquadramento

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una porzione di area condominiale Lo spostamento del muro perimetrale, durante i lavori di ristrutturazione

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

COMUNICAZIONE PER L IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNICAZIONE PER L IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI I ISTRUZIONI GENERALI In quali casi occorre presentare la comunicazione Vi é l obbligo di presentare la comunicazione se si verifica una delle seguenti

Dettagli

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile PRIMO GRUPPO Contratti atipici _1.43.101 Cessione di azienda

Dettagli

Come fruire delle agevolazioni per la prima casa

Come fruire delle agevolazioni per la prima casa Come fruire delle agevolazioni per la prima casa Sono trascorsi, ormai, più di venti anni da quando, per la prima volta, il legislatore italiano (art. 1, comma 6, della legge 22 aprile 1982, n. 168) ha

Dettagli

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI STIMA DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI (CAP. 12) Cosa sono i miglioramenti fondiari Un miglioramento fondiario è dato da qualsiasi investimento stabile e duraturo di capitale e lavoro effettuato su un terreno

Dettagli

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti COMPIUTI NELL AMBITO DI PROCEDURE FALLIMENTARI ED I PROVVEDIMENTI DI AGGIUDICAZIONE, ANCHE IN SEDE DI SCIOGLIMENTO DI COMUNIONI; LA TASSAZIONE DEGLI EVENTUALI CONGUAGLI Firenze, 25 marzo 2015 1 IMPOSTA

Dettagli

Gli immobili. Capitolo 4. 4.1 IL CATASTO 4.1.1 Il catasto fabbricati 4.1.2 Il catasto terreni 4.2 GLI IMMOBILI E LE IMPOSTE

Gli immobili. Capitolo 4. 4.1 IL CATASTO 4.1.1 Il catasto fabbricati 4.1.2 Il catasto terreni 4.2 GLI IMMOBILI E LE IMPOSTE Gli immobili Capitolo 4 4.1 IL CATASTO 4.1.1 Il catasto fabbricati 4.1.2 Il catasto terreni 4.2 GLI IMMOBILI E LE IMPOSTE 4.3 TRASFERIMENTO DEGLI IMMOBILI 4.4 IL REGIME PATRIMONIALE DEI CONIUGI: COMUNIONE

Dettagli

Comune di Avigliana. Regolamento

Comune di Avigliana. Regolamento Comune di Avigliana Provincia di Torino Regolamento per la gestione degli oggetti e beni rinvenuti nel territorio comunale. Approvato dal Consiglio Comunale in data 17/10/2013 con deliberazione n. 65 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 in ata 26 Aprile 2006. La deliberazione ed il regolamento

Dettagli

Elenco dei codici oggetto per l'iscrizione a ruolo delle cause civili

Elenco dei codici oggetto per l'iscrizione a ruolo delle cause civili TRIBUNALE DI BERGAMO Elenco dei codici oggetto per l'iscrizione a ruolo delle cause civili Stato della persona e diritti della personalità Tabella R1 1.10.001 Interdizione 1.10.002 Inabilitazione 1.10.011

Dettagli

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo:

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo: LEASING - NOZIONE > è il contratto con il quale una parte (concedente) concede all altra (utilizzatore) il godimento di un bene mobile o immobile, per un tempo determinato, verso corrispettivo rateale

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI Indice Introduzione Soggetti beneficiari Beni rivalutabili Beneficio della rivalutazione Perizia di stima Imposta sostitutiva Modalità e termini di versamento

Dettagli

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 5 luglio 2011

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 5 luglio 2011 5 luglio 2011 I contratti di utilizzazione di beni -locazione (affitto) -comodato Art. 1571 Codice civile Contratto di locazione La locazione è il contratto con il quale una parte si obbliga a far godere

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

Indicare il procedimento speciale richiesto nonché l oggetto della domanda di merito

Indicare il procedimento speciale richiesto nonché l oggetto della domanda di merito Indicare il procedimento speciale richiesto nonché l oggetto della domanda di merito RUOLO DEI PROCEDIMENTI SPECIALI SOMMARI 0.10.001 PROCEDIMENTO DI INGIUNZIONE ANTE CAUSAM (PROCEDIMENTI CAUTELARI ANTE

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO. Regolamento. per la gestione. degli oggetti rinvenuti

COMUNE DI BELLUNO. Regolamento. per la gestione. degli oggetti rinvenuti COMUNE DI BELLUNO Regolamento per la gestione degli oggetti rinvenuti Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 73 del 29/11/2004 DISPOSIZIONI GENERALI - premessa - Nell ambito del Settore Bilancio

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

TASI: Guida alla Tassa sui Servizi Indivisibili

TASI: Guida alla Tassa sui Servizi Indivisibili 2 TASI: Guida alla Tassa sui Servizi Indivisibili La prima casa La TASI è, dopo la cancellazione dell IMU, l unica imposta sul valore dell immobile che viene pagata dal contribuente a livello comunale.

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco AFFITTO AZIENDA a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco 1 ASPETTI CIVILISTICI } L affitto d azienda non ha una disciplina ad hoc NORME DEL CODICE CIVILE APPLICABILI : } L art. 2562

Dettagli

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45 ESTRATTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RENT TO BUY ACQUISTO 221 CAPITOLO 4 Rent to buy SOMMARIO A. Conclusione del contratto... 1838 B. Funzionamento... 1861 C. Inadempimento... 1902 D. Fallimento...

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO tra, in persona del legale rappresentante pro tempore Dr., con sede legale in Roma, alla Via, numero di iscrizione al Registro delle Imprese e Codice Fiscale

Dettagli

SUDDIVISIONE DELLE MATERIE PER SEZIONE:

SUDDIVISIONE DELLE MATERIE PER SEZIONE: TRIBUNALE DI SUDDIVISIONE DELLE MATERIE PER SEZIONE: UFFICIO PRESIDENZA (Istruzione preventiva) 0.12.001 Prova testimoniale e/o Accertamento tecnico preventivo SEZIONE PRIMA: 40.033 Spedizione -Trasporto

Dettagli

TITOLO I Del contratto di locazione

TITOLO I Del contratto di locazione Legge 392/78 - Equo Canone. Disciplina delle locazioni di immobili urbani Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 1978, n. 211- Articoli ancora in vigore riferiti sia alle locazioni abitative

Dettagli

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato UD4 UD4 Lesione degli interessi e protezione del credito L interesse comune di di portare a termine il il rimborso dei canoni di di leasing può subire una lesione nel caso in in cui l utilizzatore non

Dettagli

De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.)

De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.) Il dominio diviso De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.) Si quaeratur de superficiario et emphiteoticario an sint fructuari, quia fruuntur utuntur, dicimus quia non, quia fruuntur utuntur rebus alienis,

Dettagli

elaborando diritto civile Test d ingresso

elaborando diritto civile Test d ingresso elaborando diritto civile Test d ingresso Percorso A I fondamenti del diritto Lezione 2 La norma giuridica a) Scegli la lettera cui corrisponde la risposta esatta: 1 Funzione dell ordinamento giuridico

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

Capitolo 4 - LEASING. Sommario

Capitolo 4 - LEASING. Sommario Capitolo 4 - LEASING Sommario Sezione I Leasing mobiliare Definizione Art. 1 Scelta del fornitore 2 Forma del contratto 3 Ordinazione del bene 4 Consegna del bene 5 Legittimazione attiva dell utilizzatore

Dettagli

Nota illustrativa sulla procedura di Voltura Automatica

Nota illustrativa sulla procedura di Voltura Automatica Nota illustrativa sulla procedura di Voltura Automatica Premessa In questa breve nota vengono illustrati i criteri che vengono applicati nella elaborazione automatica delle note di trascrizione ai fini

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA C O M U N E D I M O N Z A CONTRATTO DI LOCAZIONE COMMERCIALE DELL UNITÀ IMMOBILIARE SITA IN VIA LUCA DELLA ROBBIA, 17 - MONZA

REPUBBLICA ITALIANA C O M U N E D I M O N Z A CONTRATTO DI LOCAZIONE COMMERCIALE DELL UNITÀ IMMOBILIARE SITA IN VIA LUCA DELLA ROBBIA, 17 - MONZA REPUBBLICA ITALIANA C O M U N E D I M O N Z A Prot. n. Rep. n. CONTRATTO DI LOCAZIONE COMMERCIALE DELL UNITÀ IMMOBILIARE SITA IN VIA LUCA DELLA ROBBIA, 17 - MONZA L anno 2015 duemilaquaindici addì del

Dettagli

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 10 gennaio 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 10 gennaio 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo POSTA E RISPOSTA Aggiornato al 10 gennaio 2015 Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo condominio ( http://www.giuffre.it/it-it/products/374835.html ), edita da Giuffrè e

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

Il credito su pegno. Il credito su pegno è un prestito di denaro concesso da una banca a un cliente in cambio di

Il credito su pegno. Il credito su pegno è un prestito di denaro concesso da una banca a un cliente in cambio di Il credito su pegno Il credito su pegno è un prestito di denaro concesso da una banca a un cliente in cambio di un bene mobile da parte del cliente stesso. In altre parole, una forma di finanziamento a

Dettagli

COMUNE DI SORESINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SORESINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SORESINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.56 del 6.11.2014 INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

INDICE. Parte prima I CONTRATTI AGRARI LEGGE 3 MAGGIO 1982, N. 203 NORME SUI CONTRATTI AGRARI

INDICE. Parte prima I CONTRATTI AGRARI LEGGE 3 MAGGIO 1982, N. 203 NORME SUI CONTRATTI AGRARI INDICE Parte prima I CONTRATTI AGRARI LEGGE 3 MAGGIO 1982, N. 203 NORME SUI CONTRATTI AGRARI Titolo I DISPOSIZIONI INTEGRATIVE E MODIFICATIVE DELL AFFITTO DEI FONDI RUSTICI Capo I Durata dei contratti

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna delle parti contraenti, ed uno per l Ufficio del Registro, tra il Comune di Verbania

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO tra, in persona del legale rappresentante pro tempore Dr., con sede legale in Roma, alla Via, numero di iscrizione al Registro delle Imprese e Codice Fiscale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI PALERMO Allegato alla delibera n. 329 del 17/04/2015

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

Guida all acquisto della casa

Guida all acquisto della casa Comprare casa senza sorprese Guida all acquisto della casa Gli aspetti fiscali I documenti da controllare I passi da compiere A cura di Roberto Spalti Introduzione Prima di acquistare Il contratto preliminare

Dettagli

Indice sommario. Introduzione (di SALVATORE SICA) 1. Capitolo I (di NICOLA BRUTTI) 5 L istituto del condominio: ratio e caratteri distintivi

Indice sommario. Introduzione (di SALVATORE SICA) 1. Capitolo I (di NICOLA BRUTTI) 5 L istituto del condominio: ratio e caratteri distintivi Indice sommario Introduzione (di SALVATORE SICA) 1 Capitolo I (di NICOLA BRUTTI) 5 L istituto del condominio: ratio e caratteri distintivi 1. Cenni generali sull istituto del condominio e trends attuali

Dettagli

MASTER DI DIRITTO PER COMMERCIALISTI

MASTER DI DIRITTO PER COMMERCIALISTI MASTER DI DIRITTO PER COMMERCIALISTI Torino, 8 novembre 2013 avv. Luca Jeantet 1 MODULO DIRITTO CIVILE: Libro 1 del Codice Civile - Delle Persone e della Famiglia artt. da 1 a 455 c.c. Persona fisica è

Dettagli

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità...

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE Cenni generali sulla pubblicità 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... 4 I Principi generali e natura della trascrizione 2.1. Nozione e cenni storici....

Dettagli

P E R C H I C O M P R A C A S A - IV EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

P E R C H I C O M P R A C A S A - IV EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA . per tutti organo ufficiale della Federazione Italiana delle Associazioni Sindacali Notarili. P E R C H I C O M P R A C A S A - IV EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Per edilizia residenziale pubblica si

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE Art. 1 Con la presente scrittura privata da valersi ad ogni effetto di legge tra le parti, la ditta individuale xxxx di xxxxx Claudia,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO All. n. 3 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO tra, in persona del legale rappresentante pro tempore Dr., con sede legale in Roma, alla Via, numero di iscrizione al Registro delle Imprese e Codice

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA L ASP(Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) RETE - Reggio Emilia Terza Età con

Dettagli

Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti

Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti CIRCOLARE N.20/E Roma, 4 giugno 2012 OGGETTO: Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa - Ufficio Redditi Fondiari e di Lavoro Via Cristoforo

Dettagli

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI SEZIONE I: MEDIAZIONE IN TEMA DI COMPRAVENDITA E DI LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI Mediazione semplice Art. 1 Elementi dell incarico di vendita» 2

Dettagli

INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA LA LOCAZIONE SECONDO IL CODICE CIVILE

INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA LA LOCAZIONE SECONDO IL CODICE CIVILE INDICE - SOMMARIO Introduzione... pag. V PARTE PRIMA LA LOCAZIONE SECONDO IL CODICE CIVILE di Aldo Ferrari IL CONTRATTO DI LOCAZIONE: ASPETTI GENERALI E CARATTERISTICHE 1. Nozione e natura del contratto

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE Con la presente scrittura privata la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, con sede in Milano (CAP 20122),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario con sede in: 39100 Bolzano

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE. Con la presente scrittura privata, redatta in triplice esemplare ed avente ogni valore di legge,

CONTRATTO DI LOCAZIONE. Con la presente scrittura privata, redatta in triplice esemplare ed avente ogni valore di legge, CONTRATTO DI LOCAZIONE Con la presente scrittura privata, redatta in triplice esemplare ed avente ogni valore di legge, tra le sottoscritte parti: Lava e Cuci di Alberto Manzo con sede in, Via Gustavo

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO Redditi diversi Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO 8.6 ALTRI REDDITI DI NATURA FONDIARIA 8.7 UTILIZZAZIONE ECONOMICA

Dettagli

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari Settembre 2010 Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari (risposta fornita a un associazione di categoria)

Dettagli

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti?

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti? 1 Alloggio Lo straniero per soggiornare in Italia necessita della garanzia di un alloggio. L alloggio può essere ottenuto grazie all ospitalità di qualcuno oppure affittando o acquistando una casa. In

Dettagli

Separazione e accordi disciplinanti i rapporti patrimoniali

Separazione e accordi disciplinanti i rapporti patrimoniali Separazione e accordi disciplinanti i rapporti patrimoniali In sede di separazione consensuale, i coniugi Sempronio e Sempronia, predisponevano un complesso accordo con il quale stabilivano che l obbligo

Dettagli

Condizioni di vendita e di consegna

Condizioni di vendita e di consegna Condizioni di vendita e di consegna Le presenti condizioni di vendita e di consegna si applicano soltanto ai commercianti, se il contratto rientra nell esercizio della loro attività commerciale, alle persone

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978. COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede legale in Gemona del Friuli, piazza

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978. COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede legale in Gemona del Friuli, piazza ALLEGATO A COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE INDICE CRONOLOGICO SCRITTURE PRIVATE N. CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978 TRA: COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede

Dettagli

Contratto di locazione commerciale per attività industriale

Contratto di locazione commerciale per attività industriale Contratto di locazione commerciale per attività industriale Addì ***, in *** sono presenti: - ***, con sede legale in ***, P. IVA ***, nel presente atto rappresentata da ***, C.F. ***, residente in ***,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI. Cause ordinarie Nota di iscrizione a ruolo o Nota di accompagnamento

TRIBUNALE ORDINARIO DI. Cause ordinarie Nota di iscrizione a ruolo o Nota di accompagnamento TRIBUNALE ORDINARIO DI Cause ordinarie Nota di iscrizione a ruolo o Nota di accompagnamento Per l attore Per l appellante Per il convenuto Per l appellato Si chiede l iscrizione al RUOLO GENERALE DEGLI

Dettagli

2 Erede e legatario: concetti e differenze

2 Erede e legatario: concetti e differenze 2 Erede e legatario: concetti e differenze SOMMARIO: 1. Il concetto di erede. 2. Il concetto di legatario. 3. L usufruttuario. 4. La institutio ex re certa. 5. Il legato di cose che non esistono nell asse:

Dettagli

Annarita Zingaropoli NOTAIO

Annarita Zingaropoli NOTAIO ATTI IMMOBILIARI - Contratti preliminari (compromessi) - Compravendite - Permute - Donazioni - Divisioni - Costituzioni, cessioni, rinunce, affrancazione di diritti reali immobiliari (usufrutto, uso, abitazione,

Dettagli

Istituzioni di Diritto Privato I. Indice

Istituzioni di Diritto Privato I. Indice INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE VIII I BENI ED I DIRITTI REALI PROF.SSA ANNAFLORA SICA Indice 1 Le cose e i beni --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO Art.1 Oggetto dell accordo a- Le parti stipulano alle condizioni descritte un contratto della durata di un anno per i servizi espressamente scelti dal CLIENTE,

Dettagli

C O M U N E D I V I A D A N A. Provincia di Mantova

C O M U N E D I V I A D A N A. Provincia di Mantova C O M U N E D I V I A D A N A Provincia di Mantova AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CONCESSIONE DEI LOCALI POSTI IN VIA AL PONTE NEI PRESSI DEL CENTRO SPORTIVO COMUNALE PER LA

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI. Cause ordinarie Nota di iscrizione a ruolo o Nota di accompagnamento

TRIBUNALE ORDINARIO DI. Cause ordinarie Nota di iscrizione a ruolo o Nota di accompagnamento TRIBUNALE ORDINARIO DI Cause ordinarie Nota di iscrizione a ruolo o Nota di accompagnamento Per l attore Per l appellante Per il convenuto Per l appellato Si chiede l iscrizione al Ruolo generale degli

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, con sede in

Dettagli

COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia INDICE

COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia INDICE COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI FOLLO Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n 30 del 12.11.2008

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Il comodato di beni immobili

Il comodato di beni immobili Il contratto di comodato Con il contratto di comodato una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché questi se ne serva per un periodo o per un uso determinato,

Dettagli

Contratto di locazione ad uso non abitativo

Contratto di locazione ad uso non abitativo Contratto di locazione ad uso non abitativo Il presente Contratto di Locazione viene stipulato in...il.., tra: (1) con sede legale in, Via. n.. Numero di Iscrizione presso il Registro Imprese di..rea,

Dettagli

LA TASSAZIONE DEI REDDITI IMMOBILIARI

LA TASSAZIONE DEI REDDITI IMMOBILIARI LA TASSAZIONE DEI REDDITI IMMOBILIARI Dott. Comm. Filippo Ceccarelli Redditi fondiari Sono redditi fondiari quelli inerenti ai terreni e ai fabbricati situati nel territorio dello Stato che sono o devono

Dettagli

(stipulato ai sensi dell'art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA:

(stipulato ai sensi dell'art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (stipulato ai sensi dell'art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: la società CENTRO REGIONALE S.ALESSIO MARGHERITA DI SAVOIA PER I CIECHI con sede in ROMA

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq Appunti di diritto wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui Contratto di

Dettagli

Rep. n.. del. / Prot. n. del. - l Agenzia del Demanio Direzione Regionale Emilia-Romagna, nella persona di ---

Rep. n.. del. / Prot. n. del. - l Agenzia del Demanio Direzione Regionale Emilia-Romagna, nella persona di --- All. 2 CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO DIVERSO DALL ABITATIVO (D.P.R. 296 del 13/09/2005) Rep. n.. del. / Prot. n. del L anno duemilatredici il giorno del mese di, in Bologna, Piazza Malpighi

Dettagli

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia Ai gentili clienti Loro sedi DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia (DL n. 133 del 12.09.2014) Premessa Con il DL n. 133 del 12.09.2014 sono state introdotte alcune nuove disposizioni in materia

Dettagli