Area anziani. Abbreviazioni generiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area anziani. Abbreviazioni generiche"

Transcript

1 Area anziani A.D.I. Assistenza Domiciliare Integrata A.D.P. Assistenza Domiciliare Programmata AUT. Autosufficiente C.D.I. Centro Diurno Integrato C.I.R.S. Comulative Illuess Rating Scale C.V.C. Catetere Venoso Centrale D.P.I. Dispositivo di Protezione Individuale E.V. Terapia Endovenosa F.C. Frequenza Cardiaca F.K.T. Fisioterapia I.D.R. Istituto di Riabilitazione I.M. Intra Muscolo N.A.D. Nutrizione Artificiale Domiciliare N.A.P. Non Autosufficiente Parziale N.A.T. Non Autosufficiente Totale N.P.T. Nutrizione Parenterale Totale O.S. Somministrazione Orale P.A. Pressione Arteriosa P.A.I. Piano Assistenziale Individuale P.E.G. Gastroscopia Endoscopica Percutanea P.I.P. Prestazione di particolare Impegno Professionale P.S. Pronto Soccorso P.Z. Paziente R.S.A. Residenza Sanitaria Assistenziale S.A.D. Servizio Assistenza Domiciliare S.N.G. Sondino Naso Gastrico S.O.S.I.A. Scheda Osservazione Sanitaria Intermedia Anziani S.V.P. Stato Vegetativo Persistente T.d.R. Terapia della Riabilitazione U.V.G. Unità di Valutazione Geriatrica U.V.M.D. Unità Valutazione Multi Dimensionale Abbreviazioni generiche

2 AC Azione Correttiva AG Autorità Giudiziaria AM Azione Migliorativa Amb Ambulatorio AP Azione Preventiva ARPSAL Area di Raccordo PSAL BD Banca dati CM Collegio Medico revisione idoneità lavorativa DA Direzione Aziendale DAM Direttore Amministrativo DC Direttore di Comparto DDPM Direttore Dipartimento di Prevenzione Medico DG Direttore Generale DGD Direzione Gestionale Distrettuale DPM Dipartimento di Prevenzione Medico DPS Documento Programmatico Sicurezza DS Direttore Sanitario DSS Distretto Socio Sanitario DSZ Disciplina Sanzionatoria GdV Gruppo di Verifica GQS Gruppo Qualità PSAL II Inchiesta Infortuni IL Istruzione di lavoro JCI Joint Commission International JD Job Description (Descrizione delle mansioni) ML Malattie da Lavoro e Professionali Mod. Modello/Modulo MQ Manuale di Gestione per la Qualità PAL Piano Attuativo Locale PG Procedura Generale PPS Preposti alla Prevenzione e Sicurezza PRAL Piano Regionale Amianto Lombardia RA Piano di Rimozione manufatti in amianto

3 Rev. RMM RNC RSPP RTNS RUOT SA SFQ SGQ SIML SPP SRU SSLI UOC UOI UOIL UOML UOOML UOSL UOT UPG URP VIE VIE VII VII Revisione Registro Mesotelliomi Maligni Rapporto di Non Conformità Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Registro tumori nasosinusali Responsabile Unità Operativa Territoriale Sopralluogo in Azienda Servizio Formazione e Qualità Sistema di Gestione Qualità Servizio Igiene e Medicina del Lavoro Servizio di Prevenzione e Protezione Sviluppo Risorse Umane Servizio Sicurezza del Lavoro e Impiantistica Unità Operativa Centrale UO Impiantistica UO Igiene del Lavoro UO Medicina del Lavoro Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro UO Sicurezza del Lavoro Unità Operativa Territoriale Ufficiale di Polizia Giudiziaria Ufficio Relazioni con il Pubblico Visita Ispettiva Esterna Verifica Ispettiva Esterna Visita Ispettiva Interna Verifica Ispettiva Interna Dipartimento ASSI A.C.B. A.D.I. A.D.L. A.D.M. A.D.P. ALZ Associazione Comuni Bresciani Assistenza Domiciliare Integrata Activity of Daily Living Assistenza Domiciliare Educativa Assistenza Domiciliare Programmata Alzheimer

4 A.O. A.R.L.E.A. A.S. A.S.A. A.S.L. A.S.S.I. AUT B.M.I. C.A. C.A.G. C.A.H. C.A.H. C.B.I. C.D. C.D.D. C.D.I. C.F.P. C.P.I. C.P.S. C.R.A. C.R.D. C.R.H. C.S.A. C.S.E. C.S.H. C.S.S. C.T. C.T.R.H. C.U.F. D.G.D. D.G.R. D.lvo D.P.R. D.S.S. E.G. E.O.H. E.P. FKT Azienda Ospedaliera Associazione Regionale Lombarda Enti Assistenziali Assistente Sociale Ausiliario Socio Assistenziale Azienda Sanitaria Locale Attività Socio Sanitarie Integrate Autosufficiente Body Max Index Casa Albergo Centro di Aggregazione Giovanile Casa Albergo per Handicap Comunità Alloggio Handicap Caregiver Burder Inventory Centro Diurno Centro Diurno Disabili Centro Diurno Integrato Centro Formazione Professionale Centri Per l'impiego Centro Psico Sociale Centro Regionale Alzheimer Centro Ricreativo Diurno Centro Residenziale Handicap Centro Servizi Amministrativi (ex Provveditorato agli Studi) Centro Socio Educativo Coordinamento Servizi Handicap Comunità Socio Sanitaria Comunità Terapeutica Centro Territoriale Risorse Handicap Commissione Unica del Farmaco Direzione Gestionale Distrettuale Delibera di Giunta Regionale Decreto Legislativo Decreto Presidente della Repubblica Distretto Socio Sanitario Ente Gestore Equipe Operativa Handicap Educatore Professionale Fisioterapisti

5 FIEE FNPS F.S.E. G.D.S. G.L.H. G.L.I.P. I.A.D.L. I.C. IdR I.P. I.R.C. I.R.C.C.S. I.S.E. I.S.E.E. I.S.S.A.D. L.R. M.A.P. M.C.I. M.M.G. M.M.S.E. N.A.D. N.A.P. N.A.T. N.I.L. N.O.A. N.P.I. N.P.I.A. N.P.T. N.S.H. N.T.M. O.S.S. O.T.A. P.A.C. P.A.I. P.D.F. PdZ P.E.I. P.L. P.O.F.A. Famiglia Infanzia Età Evolutiva Fondo Nazionale per le Politiche Sociali Fondo Sociale Europeo Geriatric Depression Scale Gruppo Lavoro Handicap Gruppo Lavoro Interistituzionale Provinciale Instrumental Activity of Daily Living Invalidità Civile Istituto di Riabilitazione Infermiere Professionale Insufficienza Renale Cronica Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Indicatore Situazione Economica Indicatore Situazione Economica Equivalente Interventi Socio Sanitari per Anziani e Disabili Legge Regionale Mini Alloggi Protetti Mild Cognitive Impairment Medico di Medicina Generale Mini Mental State Examination Nutrizione Artificiale Domiciliare Non Autosufficiente Parziale Non Autosufficiente Totale Nucleo Integrazione Lavorativa Nucleo Operativo Alcoldipendenze Neuro Psichiatria Infantile Neuro Psichiatria Infanzia Adolescenza Nutrizione Parenterale Totale Nucleo Servizi Handicap Nucleo Tutela Minori Operatore Socio Sanitario Operatore Tecnico Assistenziale Programmazione Acquisto e Controllo Piano Assistenziale Individualizzato Profilo Dinamico Funzionale Piano di Zona Progetto Educativo Individualizzato Posto Letto Piano di Organizzazione e Funzionamento Aziendale

6 P.P.D. P.S.S.P. R.O.T. R.S.A. R.S.D. S.A.D. S.A.L. S.A.R.A. S.E.D. Ser.T. S.F.A. S.I.S.S. S.L.A. S.M. SOL S.OS.I.A. S.S.N. S.S.R. S.V.P. TdR T.I.Q. T.M. T.O. U. Ufficio U.C.M. UdP U.F. UIL UNEBA U.O. U.O.C.P. U.O.C.F. U.O.I.L. U.O.S.D.R. Piano Provinciale Disabili Presidio Socio Sanitario Psichiatrico Reality Orientation Therapy Residenza Sanitario Assistenziale Residenza Sanitaria Disabili Servizio Assistenza Domiciliare Servizio Avviamento al Lavoro Servizio Accessi Residenziali Anziani Servizio Educativo Domiciliare Servizio Territoriale per le Dipendenze Servizio Formazione all'autonomia Sistema Informativo Socio-Sanitario Sclerosi Laterale Amiotrofica Sclerosi Multipla Solvente (ospite ricoverato in posti autorizzati) Scheda di Osservazione Intermedia Assistenza Servizio Sanitario Nazionale Servizio Sanitario Regionale Stato Vegetativo Persistente/Permanente Terapista della Riabilitazione Therapy Impact Questinnaire Tribunale per i Minorenni Tribunale Ordinario Ufficio Collocamento Mirato Uffici di Piano Unità Funzionale Ufficio Integrazione Lavorativa Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale Unità Operativa Unità Operativa Cure Palliative Unità Operativa Consultori Familiari Unità Operativa Integrazione Lavorativa Unità Operativa Servizi Diurni Residenziali U.O.V.I.P.D. Unità Operativa Valutazione Intervento Persone Disabili U.O.N.P.I.A. Unità Operativa Neuro Psichiatria Infanzia Adolescenza U.O.T.M. U.P.I.A. Unità Operativa Tutela Minori Unione Provinciale Istituti per Anziani

7 U.V.A. U.V.H. U.V.M.D. Unità di Valutazione Alzheimer Unità Valutazione Handicap Unità di Valutazione MultiDimensionale Area cure primarie A.D.I. A.D.P. A.P.D. C.A. C.R.R. C.R.S. C.U.P. G.d.M. L.E.A. M.C.A. M.M.G. O.S.S. O.T.A. P.I.P. P.L.S. S.I.S.S. Assistenza Domiciliare Integrata Assistenza Domiciliare Programmata Monitoraggio patologia Cronica da parte dei Pediatri Continuità Assistenziale Centro Riferimento Regionale Carta Regionale dei Servizi Centro Unico di Prenotazione Gruppi di Miglioramento Livelli Essenziali di Assistenza Medico di Continuità Assistenziale medico Medicina Generale Operatore Socio Sanitario Operatore Tecnico addetto all'assistenza Prestazioni di Particolare Impegno Professionale Pediatra Libera Scelta Servizio Informativo Socio Sanitario S.I.T.R.A. Servizio Infermieristico Tecnico Riabilitativo ed Assistenziale S/R Scelta Revoca Area disabilità A.N.F.Fa.S. Associazione Nazionale Famiglie Fanciulli Subnormali E.O.H. N.S.H. N.I.L. N.P.I. U.V.H. T.M. T.O. Equipe operativa Handicap Nucleo Servizi Handicap Nucleo Integrazione Lavorativa Neuro Psichiatria Infantile Unità Valutazione Handicap Tribunale per i Minorenni Tribunale Ordinario Area igiene e medicina di comunità ARPA Agenzia Regionale Protezione Ambiente

8 A.S.V. D.I.A. Assistente Sanitario Visitatrice Denuncia Inizio Attività H.A.C.C.P. Hazar Analisis Critical Control Point I.S.A. NAS N.O.I.A. P.R.G. S.I.A.N. S.I.P.A. V.I.A. Igiene Suolo Abitato Nucleo AntiSofisticazioni Nulla Osta Inizio Attività Piano Regolatore Generale Servizio Igiene degli alimenti e Nutrizione Servizio Igiene Pubblia e Ambientale Verifica Inizio Attività Area materno infantile A.D.M. A.S. C.P.S. C.A. C.A.G. C.A.M. C.P.I. C.R.D. F.I.E.E N.O.A. N.P.I. OST. S.A.D. Se.R.T. T.M. T.O. Assistenza Domiciliare Educativa per Minori Assistente Sociale Centro psico Sociale Comunità Alloggio Centro Aggregazione Giovanile Comunità Educative Minori Centro Pronto Intervento Centro Ricreativo Diurno Famiglia Infanzia Età Evolutiva Nucleo Operativo Alcologia Neuro Psichiatria Infantile Ostetrica Servizio Domiciliare Anziani Servizio Territoriale per le Dipendenze Tribunale per i Minorenni Tribunale Ordinario Consultorio ECO E.P.P. HPV HRT o TOS IUD IVG Ecografia Epoca Presunta Parto Pavilloma Virale Umano Terapia Ormonale Sostitutiva Dispositivo Intrauterino Interruzione Volontaria di Gravidanza

9 K MTS PA Carcinoma Malattie Trasmesse Sessualmente Pressione Arteriosa PAP TEST Papanicolau test U.M. W Ultima Mestruazione Settimana Segreteria invalidi CUP C.P.S. N.I.L Centro Unico Prenotazioni Centro Psico Sociale Nucleo Integrazione Lavorativa Direzione A.O. A.S.L. C.I. C.F. M.M.G. Azienda Ospedaliera Azienda Saniaria Locale Carta di Identità Codice Fiscale Medico di Medicina Generale I.N.A.I.L. Istituto Nazionale Assistenza Infortuni sul Lavoro I.N.P.S. P.L.S. R.S.A. S.S.N. S.S.R. T.S. URP Istituto Nazionale di Previdenza Sociale Pediatra Libera Scelta Residenza Sanitaria Assistenziale Servizio Sanitario Nazionale Servizio Sanitario Regionale Tessera Sanitaria Ufficio Relazioni con il Pubblico Direzione Generale Distretti A.D.I. A.D.P. A.I.D.S. A.I.F.A. A.I.S.M. A.N.F.F.A.S. A.N.T. Assistenza Domiciliare Integrata Assistenza Domiciliare Programmata Sindrome da ImmunoDeficienza Acquisita Agenzia Italiana del Farmaco Associazione Italiana Sclerosi Multipla Associazione Nazionale Famiglie Fanciulli e Adulti Subnormali Associazione Nazionale Tumori

10 A.O. Azienda Ospedaliera A.P.A. Assistenza Programmata Ambulatoriale A.R.P.A. Agenzia Regionale Protezione Ambiente A.S. Assistente Sociale A.S.M.E.A. Azienda Servizi Municipalizzati Energia e Ambiente A.S.V. Assistente Sanitaria (Visitatrice) ART. Articolo AUT Autonomo B.C.F. Battito Cardiaco Fetale B.P.C.O. Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva C.A. Comunità Alloggio C.A.G. Centro Aggregazione Giovanile C.A.H. Comunità Alloggio Handicap C.D. Centro Diurno C.D.D. Centro Diurno Disabili C.D.I. Centro Diurno Integrato C.F. Codice Fiscale C.I. Carta di Identità C.I.C. Cardiopatia Ischemica Cronica C.I.N. Cervical Intraepithelial Neoplasia C.P.I. Comunità Pronto Intervento C.P.S. Centro Psico Sociale C.R.E. Centro Ricreativo Estivo C.R.H. Centro Residenziale Handicap C.R.I. Croce Rossa Italiana C.R.R. Centro Riferimento Regionale C.S. Centro Sociale C.S.A. Centro Servizi Amministrativi C.S.E. Centro Socio Educativo C.S.S. Comunità Socio Sanitaria C.T.R.H. Centro Territoriale Risorse Handicap C.U.P. Centro Unico Prenotazioni C.V. Catetere Vescicale C.V.C. Catetere Venoso Centrale CNF Confetti CPR Compresse CPS Capsule D. Lgs. Decreto Legislativo D.D.T. Dicloro Difenil Tricloroetano

11 D.G.R. D.L. D.M. D.P.I. D.S. DX E.O.H. E.P. E.P.P. EV F.A. F.A.N.S. F.C. F.I.M.M.G. F.K.T. F.LE FoBAP G.L.O.I.S.H. G.M. G.R.Est. G.U. H.I.V. H.P.V. H.R.T. / T.O.S. I.D.R. I.M.A. I.N.A.I.L. I.N.P.D.A.P. I.N.P.S. I.P. I.P.A.B. I.R.A. I.R.C. I.S.E.E. D.H. F.R. Decreto Giunta Regionale Decreto Legge Decreto Ministeriale Dispositivo Protezione Individuale Day Surgery Destrostick Equipe Operativa Handicap Educatore Professionale Epoca Presunta del Parto Endovena Fibrillazione Atriale Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei Frequenza Cardiaca Federazione Italiana Medici Medicina Generale FisioKinesiTerapia Fiale Fondazione Bresciana Assistenza Psicodisabili Gruppo Lavoro Orientamento Interventi e Servizi Handicap Guardia Medica Gruppo Ricreativo Estivo Gazzetta Ufficiale Human Immunodeficient Virus Human Papilloma Virus Terapia Ormonale Sostitutiva Istituto Di Riabilitazione Infarto Miocardico Acuto Istituto nazionale Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti Amministr. Pubbliche Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Infermiere Professionale Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza Insufficienza Renale Acuta Insufficienza Renale Cronica Indicatore Situazione Economica Equivalente Day Hospital Frequenza Respiratoria

12 I.R.C.S. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico I.S.T.A.T. Istituto Nazionale di Statistica I.U.D. Dispositivo Intra Uterino I.V.G. Interruzione Volontaria Gravidanza ID Intradermica IM Intramuscolo K Carcinoma L. Legge L.D.D. Lesioni da Decubito L.E.A. Livelli Essenziali di Assistenza L.R. Legge Regionale M.C. Medicina di Comunità M.M.G. Medico Medicina Generale N.A.D. Nutrizione Artificiale Domiciliare N.A.P Non Autosufficiente Parziale N.A.S. Nucleo Anti Sofisticazioni N.A.T. Non Autosufficiente Totale N.B. Nota Bene N.I.L. Nucleo Integrazione Lavorativa N.O.A. Nucleo Operativo Alcologia N.P.I. Neuro Psichiatria Infantile N.P.I.A. Neuro Psichiatria Infantile Adolescenziale N.P.T. Nutrizione Parenterale Totale N.S.H. Nucleo Servizi Handicap N.T.M. Nucleo Tutela Minori O.d.G. Ordine del Giorno O.G.M. Organismo Geneticamente Modificato O.N.L.U.S. Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale O.S.A. Operatore Socio Assistenziale O.S.S. Operatore Socio Sanitario O.T.A. Operatore Tecnico addetto all'assistenza P.A. Pubblica Amministrazione P.A. Pressione Arteriosa P.A.I. Piano Assistenziale Individuale P.C. Personal Computer P.C.B. PoliCloroBifenile P.E.I. Piano Educativo Individuale P.I.P. Particolare Impegno Professionale P.L.S. Pediatra Libera Scelta

13 P.M. P.R.G. PAP TEST Q.I. R.L.I. R.M.N. R.S.A. R.S.D. S.A.L. S.A.R.S. S.C. S.E.R.T. S.F.A. S.L. S.L.A. S.M. S.N.C. S.S.N. S.S.R. S.V.P. SUPP T.A.C. T.A.R. T.D.R. T.M. T.O. T.P. T.S. T.S.O. U.I.L.D.M. U.M. U.R.P. U.V.G. U.V.M.D. W Z.T.L. Pace Maker Piano Regolatore Generale Papanicolau Test Quoziente di Intelligenza Regolamento Locale Igiene Risonanza Magnetica Nucleare Residenza Socio Assistenziale Residenza Sanitaria Disabili Servizio Avviamento al Lavoro Severe Acute Respiratory Syndrome Sotto Cutanea Servizio Tossicodipendenze Servizio Formazione Autonomia Sub Linguale Sclerosi Laterale Amiotrofica Sclerosi Multipla Sistema Nervoso Centrale Servizio Sanitario Nazionale Servizio Sanitario Regionale Sindrome Vegetativa Persistente Supposte Tomografia Assiale Computerizzata Tribunale Amministrativo Regionale Terapista Della Riabilitazione Tribunale dei Minorenni Tribunale Ordinario Tempo di Protrombina Tessera Sanitaria Trattamento Sanitario Obbligatorio Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Ultima Mestruazione Ufficio Relazioni con il Pubblico Unità Valutazione Geriatrica Unità Valutazione Multi Dimensionale Settimana Zona Traffico Limitato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

IL SISTEMA SOCIO ASSISTENZIALE SI FONDA SU ALCUNI PRINCIPI E SU ALCUNE LEGGI PILASTRO

IL SISTEMA SOCIO ASSISTENZIALE SI FONDA SU ALCUNI PRINCIPI E SU ALCUNE LEGGI PILASTRO IL SISTEMA SOCIO ASSISTENZIALE SI FONDA SU ALCUNI PRINCIPI E SU ALCUNE LEGGI PILASTRO PRINCIPI: Costituzione italiana e Carta dei Diritti fondamentali dell U.E. OBIETTIVO REGIONALE DEVE ESSERE: rendere

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

GLOSSARIO DELLE SIGLE E DEI PRINCIPALI TERMINI SOCIALI E SOCIOSANITARI

GLOSSARIO DELLE SIGLE E DEI PRINCIPALI TERMINI SOCIALI E SOCIOSANITARI GLOSSARIO DELLE SIGLE E DEI PRINCIPALI TERMINI SOCIALI E SOCIOSANITARI Accreditamento È la modalità attraverso la quale viene validato il possesso di requisiti strutturali, tecnologici, organizzativi e

Dettagli

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI Responsabile Procedimento: Dott. Danilo Corrà - mail: danilo.corra@ulss12.ve.it; numero di telefono: 041.2608735 DESCRIZIONE PROCEDIMENTO 1 Gestione

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi Tedaldi Laura Coordinatore Infermieristico Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Ferrara 22 Ottobre 2011 1 Grave Disabilità articolo 3 Legge 104/1992

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche 3 1.1 Essere anziani oggi in Italia 3 1.2 I diritti 6 1.3 Invecchiare bene 10

Dettagli

L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI

L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI L attività del medico di medicina generale Modena, 24 febbraio 2007 ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Assistenza domiciliare integrata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE 1. Descrizione dell ente gestore 2 2. Obiettivi del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 2 3. Distretti di erogazione del servizio 2 4.

Dettagli

Anziani e malati non autosufficienti

Anziani e malati non autosufficienti Utenze fragili Anziani e malati non autosufficienti Gli anziani e i pazienti non autosufficienti presentano spesso bisogni complessi di tipo sanitario, sociale, assistenziale, economico ed abitativo. Nel

Dettagli

NUMERI UTILI ASL NO 0322 516300 0322 516227 FAX 0322 516322 CAP STUDIO MEDICI 0322 516258 118 SERVIZIO 118 118 LABORATORIO ANALISI

NUMERI UTILI ASL NO 0322 516300 0322 516227 FAX 0322 516322 CAP STUDIO MEDICI 0322 516258 118 SERVIZIO 118 118 LABORATORIO ANALISI PRENOTAZIONE TELEFONICA ESAMI E VISITE SPECIALISTICHE AL NUMERO VERDE 800 51 85 00 DALLE 9.00 ALLE 17.00 DA LUNEDÌ A VENERDÌ PRESIDIO TERRITORIALE DI ARONA VIA S. CARLO, 11 28041 ARONA SERVIZIO DI CONTINUITA

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

INFORMATIVA AI CITTADINI

INFORMATIVA AI CITTADINI INFORMATIVA AI CITTADINI per le persone fragili Regione Lombardia ha definito modalità e strumenti di intervento, in particolare a favore di: - persone in condizione di dipendenza vitale - persone portatrici

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio

La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio La gestione delle cronicità e delle riacutizzazioni sul territorio Dott. Roberto Lacava 57 CONGRESSO NAZIONALE SIGG Milano, (MiCo) 21-24 novembre 2012 Continuity of care Secondo l OMS, la continuità delle

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

Il distretto e la presa in cura

Il distretto e la presa in cura Il distretto e la presa in cura Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 Il malato nel Sistema sanitario regionale Arezzo

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 214 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento Il servizio Assistenza Domiciliare Integrata si occupa dei pazienti che presentano

Dettagli

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA Furio Zucco Past President SICP Direttore Dipartimento Gestionale Anestesia Rianimazione Terapia del dolore e Cure palliative AO G.Salvini

Dettagli

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825. Azione SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825. Azione SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825 Piano di Zona dei Servizi Sociali (Legge 328/00 e Piano Sociale Regionale 2002-2004) Ambito Territoriale Sociale n.2 Vibrata

Dettagli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli 14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli I servizi socio-sanitari della IHG per l Alzheimer: UVA, Reparti di degenza, Centro Diurno, Assistenza domiciliare,

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA'

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA' LINEE GUIDA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CHE FAVORISCANO L INTEGRAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI SOCIALI, SANITARIE ED EDUCATIVE NEL SETTORE DELLA DISABILITÀ ADULTA ART. 1 OGGETTO Con il presente

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 ASL To5 310.000 cittadini 60.000 > 65 enni 1.000 ricoverati in RSA in convenzione 6.000 progetti UVG in 10 anni,

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

Tabelle trattamento dati

Tabelle trattamento dati Tabelle trattamento dati DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE STRUTTURA AREA TRATTAMENTO MODALITA TRATTAMENTO NATURA DEL DATO CONSERVAZIONE E ARCHIVI 1.Servizi veterinari Assistenza veterinaria : Area A (sanità

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Lezione del 30 novembre 2013 I Servizi Sociali nelle ASL Docente: Alessandra

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica

IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica Cagliari, 10 dicembre 2008 Paola Mele Il PUNTO UNICO D ACCESSO D per la presa in carico Segnalazione Ospedale Front Front Office Office 1 Livello

Dettagli

Anziani e malati non autosufficienti

Anziani e malati non autosufficienti Utenze fragili Anziani e malati non autosufficienti Gli anziani e i pazienti non autosufficienti presentano spesso bisogni complessi di tipo sanitario, sociale, assistenziale, economico ed abitativo. Nel

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

Modello organizzativo della Rete delle Cure Palliative dell ASL di Brescia

Modello organizzativo della Rete delle Cure Palliative dell ASL di Brescia Allegato A Modello organizzativo della Rete delle Cure Palliative dell ASL di Brescia (Approvato in seno al Comitato del DICP del 17/09/2013) Presentazione I principali obiettivi di tipo organizzativo

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

PENSIAMO IL BAMBINO CRONICO. Analisi di esperienze nel territorio bolognese

PENSIAMO IL BAMBINO CRONICO. Analisi di esperienze nel territorio bolognese RI-PENSIAMO PENSIAMO IL BAMBINO CRONICO FORLI,, 20 Novembre 2004 Analisi di esperienze nel territorio bolognese Assistenza Domiciliare ad Alta intensità Dott.. Sandra Sandri PREMESSA A differenza dell

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIME IN CONDIZIONE DI DIPENDENZA VITALE

PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIME IN CONDIZIONE DI DIPENDENZA VITALE Piano operativo territoriale per l attuazione integrata degli interventi in favore di persone in condizione di dipendenza vitale, con gravi disabilità o anziani non autosufficienti, e di sostegno della

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

REGIONE LIGURIA IN BREVE

REGIONE LIGURIA IN BREVE REGIONE LIGURIA IN BREVE La Regione Liguria ha approvato, nel tempo, diversi progetti per l autismo, effettuati in collaborazione con i centri specialistici e le associazioni di familiari. Nel 2004 approva

Dettagli

FABBISOGNO PRESTAZIONI SERVIZIO DI CURE DOMICILIARI E METODOLOGIA UTILIZZATA

FABBISOGNO PRESTAZIONI SERVIZIO DI CURE DOMICILIARI E METODOLOGIA UTILIZZATA 1 FABBISOGNO PRESTAZIONI SERVIZIO DI CURE DOMICILIARI E METODOLOGIA UTILIZZATA Indice 1. Normativa regionale 2. Le Cure Domiciliari nell ASL NA 1 Centro 3. Modello organizzativo unico per le Cure Domiciliari

Dettagli

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/Nome CATERINO LUIGI Indirizzo Via Giotto, 87 AVERSA Telefono 081 5001215

Dettagli

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B ALLEGATO 1 TABELLE 1. Tipologie di presidi B1.a TIPOLOGIA PRESIDIO Presidi ambulatoriali: prestazioni di specialistica e diagnostica - classe 1 (extraospedaliero) B1.b Presidi ambulatoriali: prestazioni

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

PRESENTAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA. A cura di Ortensi Samuele Infermiere ADI Riccione

PRESENTAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA. A cura di Ortensi Samuele Infermiere ADI Riccione PRESENTAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A cura di Ortensi Samuele Infermiere ADI Riccione SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI E' un servizio di aiuto e supporto alla persona fragile

Dettagli

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO Informazioni personali Nome PIANA TIZIANA Comune di residenza VIGEVANO (Pavia) E-mail sitra@aogallarate.it Nazionalità Italiana Luogo e Data di nascita Vigevano, 02-03-1963

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

Allegato 1a DIMISSIONE PROTETTA E CONTINUITÀ DELLE CURE PER MINORI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI IL COORDINATORE DI PERCORSO OSPEDALIERO RICEVE LA SEGNALAZIONE DALL'U.O. DI DEGENZA IL COORDINATORE

Dettagli

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AZIENDA USL VDA DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AREA DEGENZA AREA PREVENZIONE AREA TECNICO AMMINISTRATIVA S.C. DISTRETTO 1 S.C. DISTRETTO 2 S.C. DISTRETTO 3 S.C. DISTRETTO 4 S.C. OSPEDALIERE

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

QUADRO DELLE REGOLE DEL SISTEMA SOCIO - SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA ED INDICATORI DELLA QUALITA DEI SERVIZI PER GLI ADULTI CON AUTISMO

QUADRO DELLE REGOLE DEL SISTEMA SOCIO - SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA ED INDICATORI DELLA QUALITA DEI SERVIZI PER GLI ADULTI CON AUTISMO QUADRO DELLE REGOLE DEL SISTEMA SOCIO - SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA ED INDICATORI DELLA QUALITA DEI SERVIZI PER GLI ADULTI CON AUTISMO Moderato Lucio Molgora Marco FONDAZIONE ISF 1 SERVIZI PER L

Dettagli

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari Allegato 17 Linee di indirizzo per i servizi socio-sanitari e di riabilitazione afferenti alla competenza della Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale 1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

Dettagli

C. INDICATORI DI CAPACITA DI RISPOSTA A SITUAZIONI DI PRESUNTA NORMALITA, DISAGIO, MARGINALITA, DEVIANZA E DI QUALITA DELLA RISPOSTA

C. INDICATORI DI CAPACITA DI RISPOSTA A SITUAZIONI DI PRESUNTA NORMALITA, DISAGIO, MARGINALITA, DEVIANZA E DI QUALITA DELLA RISPOSTA C. INDICATORI DI CAPACITA DI RISPOSTA A SITUAZIONI DI PRESUNTA NORMALITA, DISAGIO, MARGINALITA, DEVIANZA E DI QUALITA DELLA RISPOSTA In questa famiglia di indicatori sono presentati, in primo luogo, indicatori

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI DI SERVIZIO SOCIALE E DEL COORDINAMENTO TECNICO DI ZONA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI DI SERVIZIO SOCIALE E DEL COORDINAMENTO TECNICO DI ZONA All.B1 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Uff/SSC AMBITO ZONALE ALTO AGRI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI DI SERVIZIO SOCIALE E DEL Art. 1 Premessa

Dettagli

Assistenza primaria, nel territorio e a domicilio Milano, 13 Novembre 2015

Assistenza primaria, nel territorio e a domicilio Milano, 13 Novembre 2015 IL VALORE DEL TEAM A SUPPORTO DELLA PERSONA CON SCLEROSI MULTIPLA Assistenza primaria, nel territorio e a domicilio Milano, 13 Novembre 2015 Fulvio Lona+ la rete dei servizi sanitari non può essere fatta

Dettagli

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Maria Chiara Corti Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Strutture di ricovero intermedie e integrazione socio-sanitaria Le malattie,

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale dott. Daniele Donato ULSS 16 Padova Regione Veneto 27 giugno 2008 - Precenicco Premesse-1 Transizione Demografica Maschi Italia 2005

Dettagli

PROTOCOLLO PER LE DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE OSPEDALE-TERRITORIO

PROTOCOLLO PER LE DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE OSPEDALE-TERRITORIO ALLEGATO A Protocollo per le dimissioni e ammissioni protette Ospedale - Territorio Data di emissione Ottobre 2012 Rev. 00 PROTOCOLLO PER LE DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE OSPEDALE-TERRITORIO PREMESSA

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.

Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12. Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.2014) 1. FINALITA Il presente regolamento è lo strumento di

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

Versione aggiornata al 01/07/2014, approvata dal Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci

Versione aggiornata al 01/07/2014, approvata dal Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci Piano operativo per l attuazione degli interventi in materia di gravi e gravissime disabilità o anziani non autosufficienti previsti dalla DGR n. 740/2013 Versione aggiornata al 01/07/2014, approvata dal

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n. Marca da bollo 10 Spett.le Ufficio del Lavoro SEDE ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.28/1991 Il sottoscritto Cod.

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016

Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016 Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016 ASST Bergamo Est 1 Ambito Valle Seriana Superiore e valle di Scalve OSPEDALE M.O. A. LOCATELLI DI PIARIO 2 STRUTTURA dell

Dettagli

Gli assistenti sociali nelle ASL del Lazio: numeri e distribuzione. Paola De Riù, vice Presidente CROAS Lazio - ASL Viterbo

Gli assistenti sociali nelle ASL del Lazio: numeri e distribuzione. Paola De Riù, vice Presidente CROAS Lazio - ASL Viterbo Gli assistenti sociali nelle ASL del Lazio: numeri e distribuzione Paola De Riù, vice Presidente CROAS Lazio - ASL Viterbo Come eravamo La figura professionale dell assistente sociale nella sanità è stata

Dettagli