Evitare stress inutili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Evitare stress inutili"

Transcript

1 Assistere gli anziani Collana diretta da Maria Luisa Raineri Chris Bonner Evitare stress inutili alla persona con demenza

2 Indice Assistere gli anziani: presentazione della collana 7 Introduzione 11 Capitolo primo Fattori di stress 15 Capitolo secondo Prevenire e ridurre lo stress 21 Capitolo terzo Gestire le reazioni legate allo stress 47 Capitolo quarto Gestire i problemi di nutrizione 67 Capitolo quinto Gestire i comportamenti sessuali inappropriati 73 Capitolo sesto Gestire i disturbi del sonno 77 Capitolo settimo L importanza del lavoro in équipe, della formazione e del sostegno 81 Bibliografia 83

3 Introduzione Questo volume riunisce indicazioni provenienti dalla letteratura, dai numerosi caregiver con cui ho lavorato e dall esperienza personale nell assistere persone affette da demenza e nello stare bene in loro compagnia. Esso si concentra sulla possibilità di diminuire la soglia dello stress in persone affette dal morbo di Alzheimer (Hall, 1994). Le proposte presentate nel libro trattano specificamente di Alzheimer, la forma di demenza più comune ma, benché siano particolarmente appropriate per questa sindrome, nulla ne impedisce l applicazione anche ad altre forme di demenza. Il fatto che io, l autore di un libro sull assistenza a persone affette da demenza, sia un farmacista clinico, potrebbe sembrare un po inusuale, ma la motivazione a scriverlo mi è giunta dalla personale preoccupazione che nutro a proposito degli effetti devastanti di alcuni farmaci tradizionalmente utilizzati per modificare i comportamenti di persone affette da demenza. Non voglio affermare che le terapie farmacologiche siano controindicate nel trattamento di questa patologia, ma è necessario prenderle in considerazione con la dovuta cautela e, ove possibile, pensare alla loro integrazione o sostituzione con altre pratiche di cura, altrettanto appropriate, che possono avere il beneficio aggiuntivo di ridurre significativamente la dipendenza da farmaci psicotropi (Shelkey e Lantz, 1998). Se questo libro risulterà utile, nonostante la mia formazione farmacologica, significa che i molti caregiver con cui ho lavorato negli anni sono stati dei buoni insegnanti. In molti casi, le modalità assistenziali proposte in questo manuale sono state sottoposte a sperimentazione nell ambito della ricerca. Altre

4 12 Evitare stress inutili alla persona con demenza non sono che suggerimenti. Alcune delle informazioni potrebbero sembrare addirittura contraddittorie. Dai dati che sono stati confermati dalla ricerca ci si può aspettare che siano validi in un numero significativo di contesti, mentre i suggerimenti indicano che una certa pratica è ritenuta potenzialmente efficace ma che la validità della sua applicazione non è stata ancora dimostrata. Nel campo dell assistenza a persone affette da demenza molto deve ancora essere esplorato. I fondi destinati alla ricerca tendono a essere indirizzati all individuazione di una cura o allo sviluppo di farmaci che possano rallentare il processo degenerativo della malattia o dei suoi effetti. È più facile reperire ricerche sulle caratteristiche comportamentali delle persone affette da demenza e sugli effetti dei vari interventi che non sulla loro condizione emotiva. Benché siano stati molti gli autori che hanno indagato in modo eccellente il mondo di una persona affetta da demenza, è necessario guardare a ogni individuo e situazione soggettivamente, piuttosto che basare le relazioni di assistenza su teorie o nozioni universali. Non ci sono test, né protocolli, come spesso invece accade in medicina, che possano indicare con certezza cosa debba essere fatto. Di conseguenza, gli sforzi per migliorare il percorso clinico delle persone affette da demenza richiedono conoscenza, empatia, verifiche attente e sperimentazioni pazienti di una gamma di interventi per eliminare qualunque causa di stress e ottenere gli esiti migliori. Sia che l approccio sia verificato dalla sperimentazione sia che si tratti solamente del resoconto di un caso, oppure ancora di un intuizione, ciò che conta è quel che risulta efficace per quella persona in particolare. Lo scopo di questo volume è quello di raccogliere il maggior numero di idee possibile da una grande varietà di fonti. È necessario, ovviamente, evitare pratiche che possano essere rischiose e abbandonare metodi che non funzionano per costruire, invece, su ciò di cui è comprovata l efficacia, condividendo le conquiste e i progressi con tutti coloro che sono coinvolti nell assistenza di persone affette da demenza. Il libro è pensato in primo luogo per gli operatori delle strutture residenziali che accolgono persone anziane, ma i suggerimenti proposti possono essere applicati anche a casa da membri della famiglia e da caregiver di diverso tipo: badanti, medici, volontari, infermieri, assistenti sociali, amministratori di sostegno, amici. Normalmente, si utilizza il termine «ospiti» per indicare coloro che ricevono assistenza nel contesto di una struttura residenziale per

5 Introduzione 13 persone anziane. L accezione qui utilizzata, tuttavia, è estesa e include anche le persone che vengono assistite a casa. Spero che i lettori possano trarre giovamento da una conoscenza più approfondita delle persone affette da demenza e del loro mondo, nell ottica di fornire un assistenza centrata sulla persona, una persona unica e con una varietà di emozioni e sensazioni che vanno apprezzate e valorizzate. Allo stesso modo, auspico che chi si prende cura degli anziani possa, nel suo lavoro quotidiano, sperimentare nuove idee sull assistenza e condividerle con altri, anche attraverso risorse come questo manuale.

6 Capitolo terzo Gestire le reazioni legate allo stress Reazioni ostili verbali e fisiche Le persone affette da demenza, quando superano la soglia di tolleranza allo stress, possono reagire colpendo, scalciando, graffiando, insultando, imprecando, mordendo o sputando. Disinnescare crisi di natura verbale o fisica Lasciare che i membri più efficaci del personale prendano il controllo della situazione (Wick e Reid, 1997). Presentarsi in modo appropriato, posizionandosi allo stesso livello della persona, rimanendo calmi, parlando in modo sommesso, utilizzando il contatto visivo, chiedendo il permesso e spiegando quello che è necessario che accada. Isolare la persona e deviare l attenzione dall evento. Distrarre o reindirizzare la persona, utilizzando a proprio vantaggio la mancanza di memoria a breve termine.

7 48 Evitare stress inutili alla persona con demenza Analizzare le paure; non negare o minimizzare preoccupazioni della persona, ma invece convalidarle. Quando opportuno, utilizzare il contatto fisico (ad esempio tenendo la mano della persona). Dare una possibilità di scelta e offrire rassicurazioni. Ridurre gli stimoli ambientali. Mettere qualcosa nelle mani della persona per evitare che le utilizzi per opporre resistenza alle cure che è eventualmente indispensabile praticarle. Tenere gli oggetti pericolosi fuori portata. Valutare le reazioni verbali o fisiche Gli strumenti di valutazione sono utili per ottenere una comprensione più completa e più accurata di un comportamento e possono guidare verso strategie assistenziali più mirate, fungendo da punto di riferimento per la misurazione dei progressi (Cohen-Mansfield, 1999). L approccio ABC (Antecedents, Behaviour, Consequences) indica le domande più appropriate da porre quando ci si confronta con i comportamenti ostili: Antecedenti: chiedere e ricercare i fattori di stress che possono aver provocato il comportamento. Comportamento: documentare tutti gli aspetti del comportamento. Cosa sta succedendo, dove, quando, quanto frequentemente? Conseguenze: notare le conseguenze del comportamento per la persona interessata e per gli altri. Verificare se ciò che ci aspettiamo dalla persona è realistico e considerare se il suo comportamento stia danneggiando qualcuno o si ripercuota sul suo benessere. Evitare di interpretare male l incidente o di reagire in maniera eccessiva. Un riflesso di prensione palmare, ad esempio, è comune negli stati avanzati della demenza e per questo motivo la persona può non essere in grado di lasciare la presa volontariamente. Questo però rischia di essere recepito come un tentativo di opporre resistenza o di fare del male al caregiver. La resistenza al posizionamento corretto di un arto quando la persona viene vestita può essere una reazione involontaria al movimento passivo (chiamata anche Gegenhalten). Notare se la persona indirizza la

8 Gestire le reazioni legate allo stress 49 propria rabbia verso uno dei caregiver o se sta semplicemente cercando di eliminare uno stimolo disturbante. Organizzare apposite riunioni sui singoli casi spesso è un modo efficace per ottimizzare l assistenza: alcuni operatori possono avere individuato modalità di assistenza specifiche che dovrebbero essere condivise con tutti; un operatore riporterà una preoccupazione particolare in relazione al comportamento di un ospite, mentre un altro potrebbe riferire che il suo modo di approcciarsi a quella persona non produce le medesime reazioni. Le riunioni daranno la possibilità di mettere in comune strategie efficaci, incoraggiare e aiutare gli operatori che hanno delle difficoltà, promuovere una comprensione condivisa della persona e un approccio coerente nel modo di interagire e di assistere quel determinato ospite. C è anche qualche esempio in cui all équipe e/o alla formazione degli operatori partecipano anche gli anziani direttamente interessati, singolarmente o in gruppo (Swift, Williams e Potter, 2002). Prevenire le reazioni ostili verbali o fisiche Identificare le cause e il significato dello stress Comprendere le cause di un dato comportamento è il primo passo. Certi comportamenti possono avere un significato particolare per la persona anziana affetta da demenza, differente da quello attribuito dall osservatore. Allo stesso modo, gli atti disfunzionali possono rappresentare l unico strumento di comunicazione disponibile per la persona, in momento di forte stress o di paura. La resistenza passiva all assistenza può essere interpretata, in modo scorretto, come aggressività. È stato dimostrato che solo il 2% degli episodi violenti accade senza un antecedente (Katz, 2000). In più del 70% dei casi, il contatto con il personale ha rappresentato la causa scatenante della reazione aggressiva (Ryden, Bossenmaier e McLauchlan, 1991). Pertanto le tecniche di assistenza adeguate costituiscono un elemento importante nel limitare la resistenza verbale o fisica all assistenza. Gli operatori che si dimostrano più disponibili e più sensibili ai problemi legati alla demenza riscontrano, nei pazienti che assistono, un numero minore di sintomi di iperattività, rispetto a operatori meno sensibili ai bisogni della persona (de Vugt et al., 2004).

9 Capitolo secondo Prevenire e ridurre lo stress Per fornire la migliore assistenza possibile a persone affette da demenza che manifestano i sintomi dello stress è indispensabile una valutazione iniziale approfondita delle cause sottese ai cambiamenti comportamentali del paziente. Vanno inoltre adeguatamente trattati eventuali disturbi in comorbilità e l impoverimento sensoriale. Una valutazione di questo genere è una componente essenziale dell assistenza nei casi di demenza (Herrmann, 2001). Sapere il più possibile sulla persona Dal momento che, in pazienti affetti da demenza, la memoria a lungo termine si preserva in modo più duraturo rispetto a quella a breve termine, la percezione della realtà della persona malata apparterrà spesso a un lontano passato. Di conseguenza, l assistenza non può prescindere da una conoscenza intima della vita del paziente. È necessario anche avere una visione precisa di quali fossero le capacità funzionali della persona in momenti significativi, ad esempio al momento dell ammissione nella

10 22 Evitare stress inutili alla persona con demenza struttura residenziale. È importante anche stabilire un punto di riferimento, in modo da riuscire a valutare in maniera obiettiva i risultati. Valutare le capacità funzionali Al momento dell ammissione nella struttura residenziale, è importante condurre una valutazione cognitiva, dell umore, delle performance nelle routine quotidiane, della capacità motoria e delle funzioni generali. Per le persone accudite a domicilio, un infermiere o un medico, possibilmente su richiesta di uno specialista, potrebbe raccogliere questo tipo di informazioni. Somministrare un test che valuti lo stato cognitivo, ad esempio il Mini- Mental State Examination (MMSE; Folstein, Folstein e McHugh, 1975), il quale misura attribuendo un punteggio su una scala da 1 a 30 la memoria, l orientamento (la consapevolezza temporale e spaziale), la comprensione, l attenzione (l abilità di mantenere la concentrazione), il controllo sull interpretazione dei messaggi visuospaziali (abilità di processare e interpretare le informazioni visive su come sono posizionati gli oggetti nello spazio) e le capacità motorie. Valutare l umore. Sono disponibili numerose scale per la misurazione della depressione geriatrica, alcune delle quali possono risultare adatte per certi pazienti. Tuttavia, la depressione può essere fluttuante, il paziente mostrarsi «stoico» o le risposte essere influenzate da deficit cognitivi, fattori che rischiano di sottostimare l incidenza della depressione. Se si ha il sospetto di trovarsi di fronte a uno di questi casi, è meglio raccogliere informazioni da qualcuno che sia vicino alla persona in questione (Rubin et al., 2001), oltre che documentarne l umore sia durante il colloquio che durante la somministrazione del test sullo stato cognitivo. La depressione, nelle persone anziane, è associata a prestazioni ridotte nei test cognitivi, specialmente in quelli più complessi e impegnativi a livello di tempo o che valutano la memoria (Palsson et al., 2000). Documentare la condizione generale, il livello di consapevolezza, l atteggiamento nei confronti di chi esegue l intervista, la capacità di comprendere e comunicare informazioni e la presenza di raccordi logici nei processi di pensiero. In aggiunta alle ridotte abilità verbali, le persone affette da demenza possono manifestare anche un indebolimento della capacità di recepire informazioni in modo logico. Controllare quanta consapevolezza ha la persona della propria disabilità. I pazienti con un elevata autoconsapevolezza sono generalmente più soggetti

11 Prevenire e ridurre lo stress 23 alla depressione, mentre quelli scarsamente consapevoli possono rivelarsi inclini all ideazione paranoide. Valutare le capacità motorie, la stabilità posturale e la presenza di qualunque tipo di disturbo motorio. È disponibile una gamma di test standardizzati per valutare questa tipologia di funzioni. Verificare l abilità di portare a termine le attività della vita quotidiana, la capacità di ritenzione e i ritmi di veglia e sonno. Informarsi sulle preoccupazioni personali del paziente. Controllare se la persona soffre d allucinazioni, deliri, ossessioni o compulsioni. Nei casi in cui siano evidenti comportamenti direttamente connessi allo stress o manifestazioni di agitazione, utilizzare un diagramma di comportamento per descrivere e documentare il comportamento di riferimento. L uso di un diagramma migliora la solidità della valutazione, fornisce informazioni affidabili per giudicare l efficacia degli interventi e aiuta nel prendere decisioni. È importante specificare se il comportamento sia persistente oppure occasionale. Valutare le condizioni sanitarie Nonostante la valutazione medica sia essenzialmente di pertinenza del personale sanitario, anche quello di assistenza, a tutti i livelli, è coinvolto nel monitoraggio e nella rilevazione dei sintomi. I caregiver si troveranno spesso nel ruolo di portavoce dei bisogni medici del paziente, al fine di contribuire a determinare la causa di ogni nuova sintomatologia che si manifesta. Le persone affette da demenza che presentano comportamenti agitati richiedono una valutazione medica e psichiatrica completa per le seguenti patologie. Depressione: nelle persone affette da demenza può assumere la forma di comportamenti agitati; in questi casi, il paziente andrebbe valutato per la depressione e, se necessario, curato (Menon et al., 2001). Nonostante la prima scelta in materia di terapie per la cura della depressione siano interventi di tipo non farmacologico l intervento basato sull assistenza, un cauto tentativo con antidepressivi può rivelarsi efficace. Manie, allucinazioni: i disordini legati allo stress possono essere associati a manie e allucinazioni. Le prime sono ferme convinzioni circa qualcosa

12 24 Evitare stress inutili alla persona con demenza di falso. Nella demenza si presentano spesso come false credenze legate a carenze cognitive, come la convinzione che un genitore morto sia ancora in vita. In casi più gravi, possono determinare idee distorte sulla realtà: ad esempio che la casa in cui si vive non sia la propria, che un parente stretto sia stato sostituito da un impostore o che le proprie cose siano state rubate. Al di là del vedere, o del sentire, cose inesistenti, le allucinazioni possono portare il paziente a sentire sapori, odori o sensazioni che non sono reali. Le interpretazioni distorte, come il Fuori uso credere che una riga sul tappeto sia un serpente, vanno distinte dalle allucinazioni, ma possono anch esse colpire le persone affette da demenza. È stato dimostrato che le manie normalmente appaiono dopo cinque anni dall inizio del decorso del morbo e con un punteggio all MMSE di 12 (Deutsch e Rovner, 1991), che corrisponde a un grado di demenza da moderato ad avanzato. Delirio: generalmente comporta diminuzione della capacità attentiva, aumento della confusione, disorientamento e difficoltà a pensare chiaramente, e, nei soggetti più anziani, può presentarsi come un disturbo iper- o ipoattivo. Il delirio ha spesso come causa scatenante una malattia ed è potenzialmente reversibile. Molte persone anziane affette da demenza possono manifestare forme di delirio legate alla demenza, non necessariamente transitorie. Cause comuni di delirio sono infezioni, disturbi endocrini (iper- o ipoglicemia), diminuzione della gittata cardiaca dovuta a patologie che colpiscono il cuore, scarsa disponibilità di ossigeno causata da problemi respiratori oppure anemia, disidratazione, attacchi ischemici transitori, assunzione di alcuni farmaci, iper- o ipotermia, cambiamenti nell ambiente circostante, costipazione o ritenzione urinaria (Espino et al., 1998). Deficit uditivi e visivi: possono portare a sperimentare percezioni distorte.

13 Prevenire e ridurre lo stress 25 Disturbi determinati da test biochimici: valori anormali degli elettroliti o funzioni del fegato atipiche; disturbi endocrini come il diabete, l iperattività o ipoattività tiroidea; carenza di vitamina B12, folati o vitamina D; sifilide, infezioni dell apparato urinario; patologie infiammatorie. Anormalità ematologiche: ad esempio l anemia. Dolore, malessere fisico o irritazione: ad esempio a causa di pruriti o vaginiti. Costipazione. Infezioni. Attacchi ischemici transitori (ictus) o crisi epilettiche. Effetti collaterali dei farmaci. La conoscenza del tipo specifico o predominante di demenza (ad esempio Alzheimer, vascolare, da corpi di Lewy, frontotemporale) sarebbe utile per programmare approcci e interventi anche se non sempre è possibile disporre di questo dato. Ad esempio, le persone affette da demenza da corpi di Lewy possono soffrire di gravi reazioni ai farmaci antipsicotici, che devono quindi essere evitati. Quelle affette invece da demenza frontotemporale spesso ottengono buoni risultati ai test cognitivi, nonostante la loro patologia possa essere avanzata al punto da compromettere la capacità di prendersi cura di sé in modo sicuro. Dopo aver partecipato a un seminario sulla depressione, il responsabile di piano segnalò che la persona incaricata della pulizia della stanza della signora Clara aveva riferito che la donna era diventata più assente e passiva durante l ultimo mese. Poteva essere depressa. Si scoprì invece che il suo comportamento era dovuto a un antipsicotico prescritto per curare una forma maniacale. A seguito di ulteriori indagini, si trovò che le manie di Clara erano scatenate, a loro volta, da una procedura di assistenza considerata troppo «intima» dall ospite, che poteva essere sostituita con una alternativa, meno invasiva della privacy. La persona incaricata della pulizia della stanza di Clara aveva evitato così che i suoi disturbi si aggravassero comportandosi come elemento pensante all interno dell équipe di assistenza. I pazienti con un quadro psichiatrico o cognitivo complesso possono trarre beneficio da una valutazione psicogeriatrica o neuropsicologica. Valutazioni di questo tipo chiarificano la diagnosi, misurano le abilità co-

14 26 Evitare stress inutili alla persona con demenza gnitive in ambiti differenti, identificano atteggiamenti e cambiamenti nel comportamento e forniscono orientamenti per le cure future (Peterson e Lantz, 2001). Molti ospedali hanno reparti geriatrici attrezzati per condurre le necessarie valutazioni, ed hanno anche équipe organizzate per spostarsi a domicilio della persona. Non si preoccupi, a novant anni è normale avere alcuni dolorini e acciacchi! Però anche l altra gamba ha novant anni, e non mi fa male!! Valutare la storia sociale e occupazionale È importante raccogliere la storia sociale, professionale, culturale e spirituale della persona e fare uso di queste informazioni nelle pratiche di assistenza. Una valutazione di questo tipo potrebbe richiedere un intervista dettagliata con il paziente e con una persona a lui vicina, che conosca bene il suo livello quotidiano di funzionalità. È necessario capire l unicità di ognuno e cercare di comportarsi di conseguenza. Mettere assieme un resoconto scritto della storia di vita del paziente, delle sue attività, relazioni sociali, formazione culturale, credenze religiose, bisogni spirituali. Gli aspetti negativi del vissuto di una persona potrebbero emergere come un fattore di stress significativo in associazione all indebolimento cognitivo e alla difficoltà di interpretare la situazione in cui ci si trova. È importante informarsi a proposito dei traguardi raggiunti nello studio e nella carriera, chiedere come il paziente trascorre le sue giornate, quali sono le sue abitudini, le cose che gli piacciono o meno, gli argomenti di cui ama parlare e se preferisce la solitudine o la compagnia; sono importanti anche le preferenze in materia di cibo e di colori. Raccogliere queste informazioni, prima dell inserimento in una struttura di assistenza residenziale per persone anziane, permetterà di strutturare inter-

15 Prevenire e ridurre lo stress 27 venti che valorizzino il più possibile l espressione individuale e il bisogno di realizzazione, di ridurre lo stress e aumentare i livelli di funzionalità. La possibilità di ripetere ciò che di piacevole o significativo si faceva a casa, può rivelarsi importante per mantenere una buona qualità di vita. Qualcosa di semplice, come ripiegare il bucato, può rappresentare, per alcune persone anziane affette da demenza, un occasione di connessione significativa con il proprio passato. Procurarsi informazioni sugli interessi, le attività e il grado di partecipazione sociale. Identificare i punti di forza e le debolezze. Documentare qualunque evento traumatico o abuso, nella vita del paziente, di cui si riesca a venire a conoscenza. Nonostante possa sembrare inopportuno cercare attivamente questo tipo di informazioni, è probabile che qualunque evento del genere assuma una forte rilevanza come causa del disagio in una persona affetta da demenza. Eventi simili possono essere stati vissuti come traumi e il loro impatto potrebbe essere rimasto represso e irrisolto. Una dirigente infermieristica che si occupa di formazione sottolinea che si sente molto frustrata quando ascolta le commemorazioni ai funerali degli ospiti deceduti, perché spesso contengono informazioni significative che, se fossero state disponibili mentre la persona era in vita, avrebbero aiutato nelle attività di assistenza. Il signor Silvio si è adattato bene alla routine da quando abbiamo preso in considerazione i suoi bisogni come ex allevatore di mucche da latte!

16 Capitolo sesto Gestire i disturbi del sonno Fattori che influenzano il sonno nelle persone anziane affette da demenza La correlazione del sonno con i cicli di luce e oscurità diminuisce con l avanzare dell età, con il risultato che di notte si dorme meno, e c è una tendenza a fare dei pisolini durante il giorno. Si verificano una riduzione sostanziale nella quantità di sonno profondo e un aumento del sonno leggero o sonno REM. Una persona anziana può nutrire aspettative inappropriate sul sonno: quelle sole o depresse possono considerarlo un modo per «riempire» le ore vuote in questo senso, l assistenza residenziale può venire incontro a tali bisogni prevedendo lunghi periodi di tempo a letto. La depressione e i disordini cognitivi contribuiscono ulteriormente a un ciclo sonno-veglia disordinato. Inoltre le persone affette dal morbo di Alzheimer possono avere ritmi di sonno circadiani alterati, che si manifestano con intervalli di sonno e veglia multipli, sonnellini giornalieri e sundowning, così come con una più alta prevalenza di apnea nel sonno (Reynolds et al., 1988). In nessuna di queste situazioni sono necessarie terapie farmacologiche. In molti casi le lamentele di sonno in-

17 78 Evitare stress inutili alla persona con demenza sufficiente non sono fondate: grazie ai sonnellini diurni e andando a letto presto, le persone anziane spesso hanno già raggiunto le loro sei ore di sonno necessarie prima del normale momento del risveglio. Interventi per migliorare il sonno Usare un diario del sonno per documentare gli schemi di sonno-veglia. In molti casi questo può indicare che in realtà il numero di ore di sonno è adeguato (Mant e Bearpark, 1990; Bachman, 1992). Occuparsi delle cause non evidenti dell insonnia, come dolore (che spesso non viene riportato), depressione che può interrompere il ciclo di veglia e sonno (Folks e Burke, 1998), psicosi, apnea, morbo di Parkinson, insufficienza cardiaca, asma, riflusso gastroesofageo o sindrome delle gambe senza riposo. Evitare di dare all ospite, la sera, alimenti che contengano caffeina (come caffè, tè, coca-cola, cioccolata) e alcolici. Bere latte caldo può essere d aiuto. La caffeina è uno stimolante (Brown et al., 1995) e rimane attiva nel corpo da tre a quattro ore (Ancoli-Israel, 1997); la sindrome delle gambe senza riposo e gli spasmi muscolari notturni possono essere aggravati da una sua assunzione. Verificare che la persona non abbia mangiato troppo o troppo poco al momento di andare a letto. Una cena leggera uno spuntino appena svegli possono aiutare. Evitare di bere grandi quantità di liquidi alla sera. Le persone anziane, specialmente quelle soggette a insufficienza cardiaca, producono la maggior parte dell urina quando sono sdraiate. Mantenere la persona a un peso ragionevole: l obesità aumenta l affaticamento durante il giorno e l apnea durante il sonno. Pianificare un controllo dei farmaci assunti per individuare quelli che eventualmente possono essere causa di insonnia, sogni o incubi. Tenere conto delle richieste individuali circa l ora di andare a dormire. Generalmente, comunque, andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno aiuta a stabilizzare il ciclo sonno/veglia. Prendere in considerazione le passate abitudini di riposo dell ospite, ad esempio quelle tipiche degli agricoltori, o dei lavoratori abituati a fare dei turni.

18 Gestire i disturbi del sonno 79 Ultimamente dorme come un bambino grazie a quei sonniferi, signor Roberto! Evitare lunghi periodi di veglia a letto per gli ospiti deambulanti. Mettere a disposizione la televisione, letture o la possibilità di pranzare a letto può essere controproducente. Cercare di forzare il sonno può non essere d aiuto. Se la persona rimane sveglia durante la notte, incoraggiarla a lasciare il letto e a occuparsi di un attività rilassante fino a quando si sentiranno assonnati. Per tali attività sarebbe meglio spostarsi in un altra stanza. Considerare gli effetti dei sonnellini diurni: in alcuni casi questi pisolini possono ridurre la stanchezza serale, ma invece alcune persone anziane, grazie a un sonnellino diurno, hanno maggiori livelli di funzionalità durante il giorno e così dormono meglio anche di notte (Asplund, 1996). Proporre attività rilassanti come guardare la televisione, video, gruppi di conversazione o attività manuali dopo il pasto serale, per ritardare il momento di andare a letto e migliorare il sonno. Un massaggio alla schiena o l uso di registrazioni rilassanti si sono dimostrati metodi efficaci per conciliare il sonno (McDowell et al., 1998). Incoraggiare una routine di esercizi fisici, ma non prima di andare a dormire. Fornire stimolazioni mentali durante il giorno. Fornire un contesto confortevole per dormire. Le luci notturne possono essere rassicuranti per alcuni, ma disturbanti per altri.

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST Approccio psichiatrico nelle Demenze Depressione Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE

IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE Collegio IPASVI Brescia 24 febbraio 2016 Zani Michele Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Fond. Le Rondini Città di Lumezzane ONLUS IL MESSAGGIO DI OGGI

Dettagli

Disturbo d ansia generalizzato

Disturbo d ansia generalizzato Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Disturbo d ansia generalizzato Che cos è il disturbo d'ansia generalizzato Il disturbo d ansia generalizzato è un disturbo

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Health of the Nation Outcome Scales 65+ Glossario versione italiana (HoNOS 65+ I)

Health of the Nation Outcome Scales 65+ Glossario versione italiana (HoNOS 65+ I) Health of the Nation Outcome Scales 65+ Glossario versione italiana (HoNOS 65+ I) ISTRUZIONI DI CODIFICAZIONE (versione 30.08.2012) Valutate i sintomi più gravi accusati dal paziente durante l ultima settimana.

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare?

Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare? Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare? Dr.ssa Elisabetta Corengia Dr.ssa Caterina Barrilà Ospedale Valduce Como Neurologia da Lo smemorato di Tapiola Arto Paasilinna

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI SEDE DI VARESE LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI Dott.ssa Cristina Morelli La malattia di Alzheimer è la più comune forma di demenza: colpisce l 1% della popolazione occidentale, il 6%

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Demenze: come prendersene cura Dott. Alessio Gioffredi 25 febbraio 2015 Sala Piccolotto 1 La demenza: una sindrome sociale Aspetti epidemiologici Obiettivi generali

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO Gorizia, 13 novembre 2012 DISTURBI PSICOTICI Psicosi è un termine generale, che indica una grossolana compromissione nella verifica

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

L interazione con il paziente demente: tecniche di relazione. Maria Mirabelli

L interazione con il paziente demente: tecniche di relazione. Maria Mirabelli PROGETTO OBIETTIVI DI PIANO 2010 LINEA PROGETTUALE 2. LA NON AUTOSUFFICIENZA TRASFORMAZIONE DEI CENTRI DI VALUTAZIONE ALZHEIMER IN CENTRI DI VALUTAZIONE DEMENZA DGR 582/2010 Il Paziente con Demenza Strategie

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Dormi bene. Vivi in forma.

Dormi bene. Vivi in forma. Dormi bene. Vivi in forma. Dormi bene. Vivi in forma. Indice Il progetto Dormire è importante Obiettivi Strumenti Associazione IL PROGETTO INFORMASONNO Dormi bene. Vivi in forma. Un messaggio per sensibilizzare

Dettagli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli L Accertamento nel Nursing di Salute Mentale CEREF Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli Accertamento - Valutazione Iniziale Processo scientifico di identificazione

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Incontri Uni-ATENeO dr.ssa Anna Galeotti Cambiamenti familiari Le reazioni emotive nei caregiver di pazienti dementi hanno espressioni diverse a seconda: della

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

Comprendere il processo del decesso

Comprendere il processo del decesso Governo dell'australia occidentale Ministero della Salute WA Cancer and Palliative Care Network (Rete sulla cura del cancro e le cure palliative dell'australia occidentale) Comprendere il processo del

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

XI CONGRESSO SIPC INTERVENTI PSICOLOGICI DI GRUPPO NELL OSPEDALE GENERALE: ESPERIENZE IN PSICOGERIATRIA

XI CONGRESSO SIPC INTERVENTI PSICOLOGICI DI GRUPPO NELL OSPEDALE GENERALE: ESPERIENZE IN PSICOGERIATRIA XI CONGRESSO SIPC I bisogni emergenti di Psichiatria nell Ospedale Generale INTERVENTI PSICOLOGICI DI GRUPPO NELL OSPEDALE GENERALE: ESPERIENZE IN PSICOGERIATRIA Dott. Gaia Del Torre Dott. Beatrice Tombolini

Dettagli

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II PREMESSE 1. La depressione (intesa nel senso clinico del termine) non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione ) PREMESSE 2. In realtà non esiste la depressione (cioè, un unica condizione

Dettagli

Il Nursing al paziente confuso. Pennestrì S.

Il Nursing al paziente confuso. Pennestrì S. Il Nursing al paziente confuso Pennestrì S. Cosa si intende per paziente confuso? Il paziente soggetto a stato delirante IL DELIRIO: CENNI STORICI Il delirio, dal latino de-lirium uscire dal solco è conosciuto

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI INSUFFICIENZA CARDIACA - RESPIRATORIA OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore

Dettagli

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento.

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. I disturbi mentali dell anziano comprendono tutti i disturbi ritrovabili nei giovani adulti e ad essi

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi SOMMINISTRAZIONE DEL TEST E ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI 19 2 Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi Criteri di idoneità Il TAD misura una gamma di sintomatologie associate a depressione e

Dettagli

RIPOSO-SONNO DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI

RIPOSO-SONNO DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI DEFINIZIONE È uno stato in cui diminuisce la capacità di reazione agli stimoli e la capacità percettiva. DURATA MEDIA Sonno: 7-8 ore; Riposo: 30 minuti - 1 ora. VARIAZIONI

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Seminario. I Disturbi depressivi e le applicazioni terapeutiche. Dr. Antonello Chiacchio Psicologo-Psicoterapeuta Sito:www.antonellochiacchio.

Seminario. I Disturbi depressivi e le applicazioni terapeutiche. Dr. Antonello Chiacchio Psicologo-Psicoterapeuta Sito:www.antonellochiacchio. Seminario I Disturbi depressivi e le applicazioni terapeutiche Dr. Antonello Chiacchio Psicologo-Psicoterapeuta Sito:www.antonellochiacchio.com 1 PARTIAMO DA 3 DOMANDE Cosa fa lo psicoterapeuta in una

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Disturbo Bipolare Che cos è il disturbo bipolare Il disturbo bipolare, anche conosciuto come malattia maniaco depressiva

Dettagli

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE.

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. ELEMENTO FONDANTE DELLO SVILUPPO E DELLA MATURAZIONE DELLA PERSONALITA DEI NOSTRI FIGLI, PUO MANIFESTARSI NEGLI ATTACCHI DI PANICO COME UNA FIAMMATA IMPROVVISA CHE TRAVOLGE

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

Dettagli

Corso di Bioetica su Inizio Vita 2011

Corso di Bioetica su Inizio Vita 2011 Corso di Bioetica su Inizio Vita 2011 Le caratteristiche del neonato ammalato e del suo contesto famigliare Fiorella Balli Marisa Pugliese Carpi 10 Novembre 2011 La famiglia di fronte alla malattia shock

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing.

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Episodio Depressivo Maggiore. Cinque o più dei seguenti sintomi sono presenti da almeno due settimane comportando un cambiamento rispetto al precedente

Dettagli

DIARIO BORDO ISTITUTO COMPRENSIVO 2 LODI - PER LE ANNOTAZIONI DEGLI INSEGNANTI

DIARIO BORDO ISTITUTO COMPRENSIVO 2 LODI - PER LE ANNOTAZIONI DEGLI INSEGNANTI DIARIO DI BORDO PER LE ANNOTAZIONI DEGLI INSEGNANTI ISTITUTO COMPRENSIVO 2 LODI - MALTRATTAMENTO FISICO FUNZIONE E FINALITA La funzione del documento è di supportare gli insegnanti nell osservazione di

Dettagli

IESEC. Increasing Employability and Standards of Elderly Caregivers through Specialized Training and Innovative Empowerment O2- CURRICULUM

IESEC. Increasing Employability and Standards of Elderly Caregivers through Specialized Training and Innovative Empowerment O2- CURRICULUM IESEC Increasing Employability and Standards of Elderly Caregivers through Specialized Training and Innovative Empowerment O2- CURRICULUM CORSO DI FORMAZIONE SULLE COMPETENZE DI BASE PER CAREGIVER Project

Dettagli

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo Data:1/11/2004 Pag. 1 di 7 Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via.. Anamnesi patologia remota Anamnesi patologia prossima Altri problemi clinici nessuno ventilazione polmonare assistita tracheostomia

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI Dr. Emiliano Petrò Responsabile Unità Valutativa Alzheimer Policlinico San Marco, Zingonia Importanza della diagnosi precoce Esclude

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

Cosa sono le patologie neurodegenerative. Dr. R. Padoan Neurologia Feltre

Cosa sono le patologie neurodegenerative. Dr. R. Padoan Neurologia Feltre Cosa sono le patologie neurodegenerative Dr. R. Padoan Neurologia Feltre Le malattie neurodegenerative sono un insieme variegato di malattie del cervello, accomunate da un processo cronico e selettivo

Dettagli

Mobilità e terapie non farmacologiche. Dott.ssa Giovanna Censi

Mobilità e terapie non farmacologiche. Dott.ssa Giovanna Censi Mobilità e terapie non farmacologiche Dott.ssa Giovanna Censi .intervento non farmacologico Stili di vita stili di vita influenzano il declino cognitivo e il rischio di demenza. Tra questi, recenti trial

Dettagli

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento Cos è L ambulatorio dedicato ai pazienti affetti da malattia di Parkinson e disordini del

Dettagli

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Le dimensioni del problema Il dato stimato per demenza in Toscana nell anno 2010 è di 84.212 persone, con un tasso di incidenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

PROGETTO I.De.A. (Italian Delirium Assessment) Aniarti

PROGETTO I.De.A. (Italian Delirium Assessment) Aniarti PROGETTO I.De.A. (Italian Delirium Assessment) Aniarti Nel 2009 abbiamo promosso una ricerca totalmente strutturata e finanziata da Aniarti sul tema del Delirium in Terapia Intensiva, denominata Progetto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI DISASSUEFAZIONE DAL FUMO PER OPERATORI SANITARI E SOCIOSANITARI (SULLA BASE DELLE LINEE GUIDA ATTUALI)

ORGANIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI DISASSUEFAZIONE DAL FUMO PER OPERATORI SANITARI E SOCIOSANITARI (SULLA BASE DELLE LINEE GUIDA ATTUALI) ORGANIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI DISASSUEFAZIONE DAL FUMO PER OPERATORI SANITARI E SOCIOSANITARI (SULLA BASE DELLE LINEE GUIDA ATTUALI) Ezio Manzato Ambulatorio per Smettere di Fumare SER.D Zevio Az ULSS

Dettagli

Il / La sottoscritto / a. Nato / a il..a.. Residente a.. Indirizzo tel.. /. CHIEDE. Per il / la Sig. / Sig.ra..

Il / La sottoscritto / a. Nato / a il..a.. Residente a.. Indirizzo tel.. /. CHIEDE. Per il / la Sig. / Sig.ra.. Amministrazione Del Comune di Robecco S/N Il / La sottoscritto / a Nato / a il a Indirizzo..tel. / CHIEDE Per sé ( ) oppure Per il / la Sig. / Sig.ra.. Nato / a il..a.. Indirizzo tel.. /. L INTERVENTO

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Disturbi dell'umore. Depressione

Disturbi dell'umore. Depressione Disturbi dell'umore Depressione Probabilmente tutti nell'arco della propria hanno attraversato un periodo o anche un solo giorno in cui si sono "sentiti giù" e hanno pronunciato parole come: "Mi sento

Dettagli

Fondazione San Germano ed. 1 rev. 0

Fondazione San Germano ed. 1 rev. 0 LE TIPOLOGIE DELL UTENZA Ammissione L ammissione dell ospite ha luogo a seguito di domanda scritta, redatta su apposito modulo predisposto dall Ente. Ciascuna domanda deve essere protocollata e aggiunta

Dettagli

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone MODULO 01 DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone STATO DEPRESSIVO: dimensione e sintomi 2 Su 10 pazienti che si presentano nello studio di un

Dettagli

Strumenti per la gestione delle demenze

Strumenti per la gestione delle demenze NON SEI SOLO! AZIENDA ULSS 2 FELTRE Centro Decadimento Cognitivo e Demenze Sala Piccolotto 16 novembre 2015 Strumenti per la gestione delle demenze La gestione delle problematiche comportamentali 16 novembre

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo I Giorgi NS Bonfiglio Un equilibrio possibile? Evitare le emozioni, vivere le emozioni. (A. Ferro, 2007)...l evitamento delle emozioni è una

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI 1 CORSO FORMATIVO/INFORMATIVO MESORACA (KR) 24/ 28 MAGGIO ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI DOTT.SSA MARIANTONIA ALTIMARI DIRIGENTE RESPONSABILE CSM MESORACA ASPETTATIVA DI VITA Il miglioramento

Dettagli

BISOGNI E BURDEN DEI CAREGIVER DI PAZIENTI CON DEMENZA: INDAGINE NEL TERRITORIO MILANESE

BISOGNI E BURDEN DEI CAREGIVER DI PAZIENTI CON DEMENZA: INDAGINE NEL TERRITORIO MILANESE VIII CONVEGNO: Il contributo delle unità di valutazione Alzheimer (UVA) nell assistenza dei pazienti con demenza BISOGNI E BURDEN DEI CAREGIVER DI PAZIENTI CON DEMENZA: INDAGINE NEL TERRITORIO MILANESE

Dettagli

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo OTTIMA COMPETENZA PROFESSIONALE CAPACITA DI PROBLEM SOLVING CAPACITA DI CONCENTRAZIONE

Dettagli

Il dolore neoplastico. Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004

Il dolore neoplastico. Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004 Il dolore neoplastico Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004 Definizione accademica Il dolore è una sgradevole esperienza emotiva e sensoriale

Dettagli

Il Faro nella Scuola-

Il Faro nella Scuola- Centro Specialistico Provinciale contro i maltrattamenti all infanzia Il Faro Il Faro nella Scuola- I Laboratorio 14,30 17,30 La rilevazione del disagio La rilevazione del disagio Ascoltare e osservare

Dettagli

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi a cura di Pompeo Pindozzi La malattia di Alzheimer: COS E IL PROGETTO CRONOS LA RETE ASSISTENZIALE DEL PROGETTO CRONOS: OPERATORI E STRUTTURE COINVOLTE Il progetto cronos è il più ampio studio clinico-epidemiologico

Dettagli

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca:

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca: UN PROGETTO DI RICERCA IN MATERIA DI TERAPIA E ATTIVITA ASSISTITA DAGLI ANIMALI NEL CENTRO SERVIZI ALZHEIMER DELLA VILLA GIOVANNI XXIII DI BITONTO IN COLLABOTRAZIONE CON L ASSOCIAZIONE WILLIE.IT * Nicola

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli