Evitare stress inutili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Evitare stress inutili"

Transcript

1 Assistere gli anziani Collana diretta da Maria Luisa Raineri Chris Bonner Evitare stress inutili alla persona con demenza

2 Indice Assistere gli anziani: presentazione della collana 7 Introduzione 11 Capitolo primo Fattori di stress 15 Capitolo secondo Prevenire e ridurre lo stress 21 Capitolo terzo Gestire le reazioni legate allo stress 47 Capitolo quarto Gestire i problemi di nutrizione 67 Capitolo quinto Gestire i comportamenti sessuali inappropriati 73 Capitolo sesto Gestire i disturbi del sonno 77 Capitolo settimo L importanza del lavoro in équipe, della formazione e del sostegno 81 Bibliografia 83

3 Introduzione Questo volume riunisce indicazioni provenienti dalla letteratura, dai numerosi caregiver con cui ho lavorato e dall esperienza personale nell assistere persone affette da demenza e nello stare bene in loro compagnia. Esso si concentra sulla possibilità di diminuire la soglia dello stress in persone affette dal morbo di Alzheimer (Hall, 1994). Le proposte presentate nel libro trattano specificamente di Alzheimer, la forma di demenza più comune ma, benché siano particolarmente appropriate per questa sindrome, nulla ne impedisce l applicazione anche ad altre forme di demenza. Il fatto che io, l autore di un libro sull assistenza a persone affette da demenza, sia un farmacista clinico, potrebbe sembrare un po inusuale, ma la motivazione a scriverlo mi è giunta dalla personale preoccupazione che nutro a proposito degli effetti devastanti di alcuni farmaci tradizionalmente utilizzati per modificare i comportamenti di persone affette da demenza. Non voglio affermare che le terapie farmacologiche siano controindicate nel trattamento di questa patologia, ma è necessario prenderle in considerazione con la dovuta cautela e, ove possibile, pensare alla loro integrazione o sostituzione con altre pratiche di cura, altrettanto appropriate, che possono avere il beneficio aggiuntivo di ridurre significativamente la dipendenza da farmaci psicotropi (Shelkey e Lantz, 1998). Se questo libro risulterà utile, nonostante la mia formazione farmacologica, significa che i molti caregiver con cui ho lavorato negli anni sono stati dei buoni insegnanti. In molti casi, le modalità assistenziali proposte in questo manuale sono state sottoposte a sperimentazione nell ambito della ricerca. Altre

4 12 Evitare stress inutili alla persona con demenza non sono che suggerimenti. Alcune delle informazioni potrebbero sembrare addirittura contraddittorie. Dai dati che sono stati confermati dalla ricerca ci si può aspettare che siano validi in un numero significativo di contesti, mentre i suggerimenti indicano che una certa pratica è ritenuta potenzialmente efficace ma che la validità della sua applicazione non è stata ancora dimostrata. Nel campo dell assistenza a persone affette da demenza molto deve ancora essere esplorato. I fondi destinati alla ricerca tendono a essere indirizzati all individuazione di una cura o allo sviluppo di farmaci che possano rallentare il processo degenerativo della malattia o dei suoi effetti. È più facile reperire ricerche sulle caratteristiche comportamentali delle persone affette da demenza e sugli effetti dei vari interventi che non sulla loro condizione emotiva. Benché siano stati molti gli autori che hanno indagato in modo eccellente il mondo di una persona affetta da demenza, è necessario guardare a ogni individuo e situazione soggettivamente, piuttosto che basare le relazioni di assistenza su teorie o nozioni universali. Non ci sono test, né protocolli, come spesso invece accade in medicina, che possano indicare con certezza cosa debba essere fatto. Di conseguenza, gli sforzi per migliorare il percorso clinico delle persone affette da demenza richiedono conoscenza, empatia, verifiche attente e sperimentazioni pazienti di una gamma di interventi per eliminare qualunque causa di stress e ottenere gli esiti migliori. Sia che l approccio sia verificato dalla sperimentazione sia che si tratti solamente del resoconto di un caso, oppure ancora di un intuizione, ciò che conta è quel che risulta efficace per quella persona in particolare. Lo scopo di questo volume è quello di raccogliere il maggior numero di idee possibile da una grande varietà di fonti. È necessario, ovviamente, evitare pratiche che possano essere rischiose e abbandonare metodi che non funzionano per costruire, invece, su ciò di cui è comprovata l efficacia, condividendo le conquiste e i progressi con tutti coloro che sono coinvolti nell assistenza di persone affette da demenza. Il libro è pensato in primo luogo per gli operatori delle strutture residenziali che accolgono persone anziane, ma i suggerimenti proposti possono essere applicati anche a casa da membri della famiglia e da caregiver di diverso tipo: badanti, medici, volontari, infermieri, assistenti sociali, amministratori di sostegno, amici. Normalmente, si utilizza il termine «ospiti» per indicare coloro che ricevono assistenza nel contesto di una struttura residenziale per

5 Introduzione 13 persone anziane. L accezione qui utilizzata, tuttavia, è estesa e include anche le persone che vengono assistite a casa. Spero che i lettori possano trarre giovamento da una conoscenza più approfondita delle persone affette da demenza e del loro mondo, nell ottica di fornire un assistenza centrata sulla persona, una persona unica e con una varietà di emozioni e sensazioni che vanno apprezzate e valorizzate. Allo stesso modo, auspico che chi si prende cura degli anziani possa, nel suo lavoro quotidiano, sperimentare nuove idee sull assistenza e condividerle con altri, anche attraverso risorse come questo manuale.

6 Capitolo terzo Gestire le reazioni legate allo stress Reazioni ostili verbali e fisiche Le persone affette da demenza, quando superano la soglia di tolleranza allo stress, possono reagire colpendo, scalciando, graffiando, insultando, imprecando, mordendo o sputando. Disinnescare crisi di natura verbale o fisica Lasciare che i membri più efficaci del personale prendano il controllo della situazione (Wick e Reid, 1997). Presentarsi in modo appropriato, posizionandosi allo stesso livello della persona, rimanendo calmi, parlando in modo sommesso, utilizzando il contatto visivo, chiedendo il permesso e spiegando quello che è necessario che accada. Isolare la persona e deviare l attenzione dall evento. Distrarre o reindirizzare la persona, utilizzando a proprio vantaggio la mancanza di memoria a breve termine.

7 48 Evitare stress inutili alla persona con demenza Analizzare le paure; non negare o minimizzare preoccupazioni della persona, ma invece convalidarle. Quando opportuno, utilizzare il contatto fisico (ad esempio tenendo la mano della persona). Dare una possibilità di scelta e offrire rassicurazioni. Ridurre gli stimoli ambientali. Mettere qualcosa nelle mani della persona per evitare che le utilizzi per opporre resistenza alle cure che è eventualmente indispensabile praticarle. Tenere gli oggetti pericolosi fuori portata. Valutare le reazioni verbali o fisiche Gli strumenti di valutazione sono utili per ottenere una comprensione più completa e più accurata di un comportamento e possono guidare verso strategie assistenziali più mirate, fungendo da punto di riferimento per la misurazione dei progressi (Cohen-Mansfield, 1999). L approccio ABC (Antecedents, Behaviour, Consequences) indica le domande più appropriate da porre quando ci si confronta con i comportamenti ostili: Antecedenti: chiedere e ricercare i fattori di stress che possono aver provocato il comportamento. Comportamento: documentare tutti gli aspetti del comportamento. Cosa sta succedendo, dove, quando, quanto frequentemente? Conseguenze: notare le conseguenze del comportamento per la persona interessata e per gli altri. Verificare se ciò che ci aspettiamo dalla persona è realistico e considerare se il suo comportamento stia danneggiando qualcuno o si ripercuota sul suo benessere. Evitare di interpretare male l incidente o di reagire in maniera eccessiva. Un riflesso di prensione palmare, ad esempio, è comune negli stati avanzati della demenza e per questo motivo la persona può non essere in grado di lasciare la presa volontariamente. Questo però rischia di essere recepito come un tentativo di opporre resistenza o di fare del male al caregiver. La resistenza al posizionamento corretto di un arto quando la persona viene vestita può essere una reazione involontaria al movimento passivo (chiamata anche Gegenhalten). Notare se la persona indirizza la

8 Gestire le reazioni legate allo stress 49 propria rabbia verso uno dei caregiver o se sta semplicemente cercando di eliminare uno stimolo disturbante. Organizzare apposite riunioni sui singoli casi spesso è un modo efficace per ottimizzare l assistenza: alcuni operatori possono avere individuato modalità di assistenza specifiche che dovrebbero essere condivise con tutti; un operatore riporterà una preoccupazione particolare in relazione al comportamento di un ospite, mentre un altro potrebbe riferire che il suo modo di approcciarsi a quella persona non produce le medesime reazioni. Le riunioni daranno la possibilità di mettere in comune strategie efficaci, incoraggiare e aiutare gli operatori che hanno delle difficoltà, promuovere una comprensione condivisa della persona e un approccio coerente nel modo di interagire e di assistere quel determinato ospite. C è anche qualche esempio in cui all équipe e/o alla formazione degli operatori partecipano anche gli anziani direttamente interessati, singolarmente o in gruppo (Swift, Williams e Potter, 2002). Prevenire le reazioni ostili verbali o fisiche Identificare le cause e il significato dello stress Comprendere le cause di un dato comportamento è il primo passo. Certi comportamenti possono avere un significato particolare per la persona anziana affetta da demenza, differente da quello attribuito dall osservatore. Allo stesso modo, gli atti disfunzionali possono rappresentare l unico strumento di comunicazione disponibile per la persona, in momento di forte stress o di paura. La resistenza passiva all assistenza può essere interpretata, in modo scorretto, come aggressività. È stato dimostrato che solo il 2% degli episodi violenti accade senza un antecedente (Katz, 2000). In più del 70% dei casi, il contatto con il personale ha rappresentato la causa scatenante della reazione aggressiva (Ryden, Bossenmaier e McLauchlan, 1991). Pertanto le tecniche di assistenza adeguate costituiscono un elemento importante nel limitare la resistenza verbale o fisica all assistenza. Gli operatori che si dimostrano più disponibili e più sensibili ai problemi legati alla demenza riscontrano, nei pazienti che assistono, un numero minore di sintomi di iperattività, rispetto a operatori meno sensibili ai bisogni della persona (de Vugt et al., 2004).

9 Capitolo secondo Prevenire e ridurre lo stress Per fornire la migliore assistenza possibile a persone affette da demenza che manifestano i sintomi dello stress è indispensabile una valutazione iniziale approfondita delle cause sottese ai cambiamenti comportamentali del paziente. Vanno inoltre adeguatamente trattati eventuali disturbi in comorbilità e l impoverimento sensoriale. Una valutazione di questo genere è una componente essenziale dell assistenza nei casi di demenza (Herrmann, 2001). Sapere il più possibile sulla persona Dal momento che, in pazienti affetti da demenza, la memoria a lungo termine si preserva in modo più duraturo rispetto a quella a breve termine, la percezione della realtà della persona malata apparterrà spesso a un lontano passato. Di conseguenza, l assistenza non può prescindere da una conoscenza intima della vita del paziente. È necessario anche avere una visione precisa di quali fossero le capacità funzionali della persona in momenti significativi, ad esempio al momento dell ammissione nella

10 22 Evitare stress inutili alla persona con demenza struttura residenziale. È importante anche stabilire un punto di riferimento, in modo da riuscire a valutare in maniera obiettiva i risultati. Valutare le capacità funzionali Al momento dell ammissione nella struttura residenziale, è importante condurre una valutazione cognitiva, dell umore, delle performance nelle routine quotidiane, della capacità motoria e delle funzioni generali. Per le persone accudite a domicilio, un infermiere o un medico, possibilmente su richiesta di uno specialista, potrebbe raccogliere questo tipo di informazioni. Somministrare un test che valuti lo stato cognitivo, ad esempio il Mini- Mental State Examination (MMSE; Folstein, Folstein e McHugh, 1975), il quale misura attribuendo un punteggio su una scala da 1 a 30 la memoria, l orientamento (la consapevolezza temporale e spaziale), la comprensione, l attenzione (l abilità di mantenere la concentrazione), il controllo sull interpretazione dei messaggi visuospaziali (abilità di processare e interpretare le informazioni visive su come sono posizionati gli oggetti nello spazio) e le capacità motorie. Valutare l umore. Sono disponibili numerose scale per la misurazione della depressione geriatrica, alcune delle quali possono risultare adatte per certi pazienti. Tuttavia, la depressione può essere fluttuante, il paziente mostrarsi «stoico» o le risposte essere influenzate da deficit cognitivi, fattori che rischiano di sottostimare l incidenza della depressione. Se si ha il sospetto di trovarsi di fronte a uno di questi casi, è meglio raccogliere informazioni da qualcuno che sia vicino alla persona in questione (Rubin et al., 2001), oltre che documentarne l umore sia durante il colloquio che durante la somministrazione del test sullo stato cognitivo. La depressione, nelle persone anziane, è associata a prestazioni ridotte nei test cognitivi, specialmente in quelli più complessi e impegnativi a livello di tempo o che valutano la memoria (Palsson et al., 2000). Documentare la condizione generale, il livello di consapevolezza, l atteggiamento nei confronti di chi esegue l intervista, la capacità di comprendere e comunicare informazioni e la presenza di raccordi logici nei processi di pensiero. In aggiunta alle ridotte abilità verbali, le persone affette da demenza possono manifestare anche un indebolimento della capacità di recepire informazioni in modo logico. Controllare quanta consapevolezza ha la persona della propria disabilità. I pazienti con un elevata autoconsapevolezza sono generalmente più soggetti

11 Prevenire e ridurre lo stress 23 alla depressione, mentre quelli scarsamente consapevoli possono rivelarsi inclini all ideazione paranoide. Valutare le capacità motorie, la stabilità posturale e la presenza di qualunque tipo di disturbo motorio. È disponibile una gamma di test standardizzati per valutare questa tipologia di funzioni. Verificare l abilità di portare a termine le attività della vita quotidiana, la capacità di ritenzione e i ritmi di veglia e sonno. Informarsi sulle preoccupazioni personali del paziente. Controllare se la persona soffre d allucinazioni, deliri, ossessioni o compulsioni. Nei casi in cui siano evidenti comportamenti direttamente connessi allo stress o manifestazioni di agitazione, utilizzare un diagramma di comportamento per descrivere e documentare il comportamento di riferimento. L uso di un diagramma migliora la solidità della valutazione, fornisce informazioni affidabili per giudicare l efficacia degli interventi e aiuta nel prendere decisioni. È importante specificare se il comportamento sia persistente oppure occasionale. Valutare le condizioni sanitarie Nonostante la valutazione medica sia essenzialmente di pertinenza del personale sanitario, anche quello di assistenza, a tutti i livelli, è coinvolto nel monitoraggio e nella rilevazione dei sintomi. I caregiver si troveranno spesso nel ruolo di portavoce dei bisogni medici del paziente, al fine di contribuire a determinare la causa di ogni nuova sintomatologia che si manifesta. Le persone affette da demenza che presentano comportamenti agitati richiedono una valutazione medica e psichiatrica completa per le seguenti patologie. Depressione: nelle persone affette da demenza può assumere la forma di comportamenti agitati; in questi casi, il paziente andrebbe valutato per la depressione e, se necessario, curato (Menon et al., 2001). Nonostante la prima scelta in materia di terapie per la cura della depressione siano interventi di tipo non farmacologico l intervento basato sull assistenza, un cauto tentativo con antidepressivi può rivelarsi efficace. Manie, allucinazioni: i disordini legati allo stress possono essere associati a manie e allucinazioni. Le prime sono ferme convinzioni circa qualcosa

12 24 Evitare stress inutili alla persona con demenza di falso. Nella demenza si presentano spesso come false credenze legate a carenze cognitive, come la convinzione che un genitore morto sia ancora in vita. In casi più gravi, possono determinare idee distorte sulla realtà: ad esempio che la casa in cui si vive non sia la propria, che un parente stretto sia stato sostituito da un impostore o che le proprie cose siano state rubate. Al di là del vedere, o del sentire, cose inesistenti, le allucinazioni possono portare il paziente a sentire sapori, odori o sensazioni che non sono reali. Le interpretazioni distorte, come il Fuori uso credere che una riga sul tappeto sia un serpente, vanno distinte dalle allucinazioni, ma possono anch esse colpire le persone affette da demenza. È stato dimostrato che le manie normalmente appaiono dopo cinque anni dall inizio del decorso del morbo e con un punteggio all MMSE di 12 (Deutsch e Rovner, 1991), che corrisponde a un grado di demenza da moderato ad avanzato. Delirio: generalmente comporta diminuzione della capacità attentiva, aumento della confusione, disorientamento e difficoltà a pensare chiaramente, e, nei soggetti più anziani, può presentarsi come un disturbo iper- o ipoattivo. Il delirio ha spesso come causa scatenante una malattia ed è potenzialmente reversibile. Molte persone anziane affette da demenza possono manifestare forme di delirio legate alla demenza, non necessariamente transitorie. Cause comuni di delirio sono infezioni, disturbi endocrini (iper- o ipoglicemia), diminuzione della gittata cardiaca dovuta a patologie che colpiscono il cuore, scarsa disponibilità di ossigeno causata da problemi respiratori oppure anemia, disidratazione, attacchi ischemici transitori, assunzione di alcuni farmaci, iper- o ipotermia, cambiamenti nell ambiente circostante, costipazione o ritenzione urinaria (Espino et al., 1998). Deficit uditivi e visivi: possono portare a sperimentare percezioni distorte.

13 Prevenire e ridurre lo stress 25 Disturbi determinati da test biochimici: valori anormali degli elettroliti o funzioni del fegato atipiche; disturbi endocrini come il diabete, l iperattività o ipoattività tiroidea; carenza di vitamina B12, folati o vitamina D; sifilide, infezioni dell apparato urinario; patologie infiammatorie. Anormalità ematologiche: ad esempio l anemia. Dolore, malessere fisico o irritazione: ad esempio a causa di pruriti o vaginiti. Costipazione. Infezioni. Attacchi ischemici transitori (ictus) o crisi epilettiche. Effetti collaterali dei farmaci. La conoscenza del tipo specifico o predominante di demenza (ad esempio Alzheimer, vascolare, da corpi di Lewy, frontotemporale) sarebbe utile per programmare approcci e interventi anche se non sempre è possibile disporre di questo dato. Ad esempio, le persone affette da demenza da corpi di Lewy possono soffrire di gravi reazioni ai farmaci antipsicotici, che devono quindi essere evitati. Quelle affette invece da demenza frontotemporale spesso ottengono buoni risultati ai test cognitivi, nonostante la loro patologia possa essere avanzata al punto da compromettere la capacità di prendersi cura di sé in modo sicuro. Dopo aver partecipato a un seminario sulla depressione, il responsabile di piano segnalò che la persona incaricata della pulizia della stanza della signora Clara aveva riferito che la donna era diventata più assente e passiva durante l ultimo mese. Poteva essere depressa. Si scoprì invece che il suo comportamento era dovuto a un antipsicotico prescritto per curare una forma maniacale. A seguito di ulteriori indagini, si trovò che le manie di Clara erano scatenate, a loro volta, da una procedura di assistenza considerata troppo «intima» dall ospite, che poteva essere sostituita con una alternativa, meno invasiva della privacy. La persona incaricata della pulizia della stanza di Clara aveva evitato così che i suoi disturbi si aggravassero comportandosi come elemento pensante all interno dell équipe di assistenza. I pazienti con un quadro psichiatrico o cognitivo complesso possono trarre beneficio da una valutazione psicogeriatrica o neuropsicologica. Valutazioni di questo tipo chiarificano la diagnosi, misurano le abilità co-

14 26 Evitare stress inutili alla persona con demenza gnitive in ambiti differenti, identificano atteggiamenti e cambiamenti nel comportamento e forniscono orientamenti per le cure future (Peterson e Lantz, 2001). Molti ospedali hanno reparti geriatrici attrezzati per condurre le necessarie valutazioni, ed hanno anche équipe organizzate per spostarsi a domicilio della persona. Non si preoccupi, a novant anni è normale avere alcuni dolorini e acciacchi! Però anche l altra gamba ha novant anni, e non mi fa male!! Valutare la storia sociale e occupazionale È importante raccogliere la storia sociale, professionale, culturale e spirituale della persona e fare uso di queste informazioni nelle pratiche di assistenza. Una valutazione di questo tipo potrebbe richiedere un intervista dettagliata con il paziente e con una persona a lui vicina, che conosca bene il suo livello quotidiano di funzionalità. È necessario capire l unicità di ognuno e cercare di comportarsi di conseguenza. Mettere assieme un resoconto scritto della storia di vita del paziente, delle sue attività, relazioni sociali, formazione culturale, credenze religiose, bisogni spirituali. Gli aspetti negativi del vissuto di una persona potrebbero emergere come un fattore di stress significativo in associazione all indebolimento cognitivo e alla difficoltà di interpretare la situazione in cui ci si trova. È importante informarsi a proposito dei traguardi raggiunti nello studio e nella carriera, chiedere come il paziente trascorre le sue giornate, quali sono le sue abitudini, le cose che gli piacciono o meno, gli argomenti di cui ama parlare e se preferisce la solitudine o la compagnia; sono importanti anche le preferenze in materia di cibo e di colori. Raccogliere queste informazioni, prima dell inserimento in una struttura di assistenza residenziale per persone anziane, permetterà di strutturare inter-

15 Prevenire e ridurre lo stress 27 venti che valorizzino il più possibile l espressione individuale e il bisogno di realizzazione, di ridurre lo stress e aumentare i livelli di funzionalità. La possibilità di ripetere ciò che di piacevole o significativo si faceva a casa, può rivelarsi importante per mantenere una buona qualità di vita. Qualcosa di semplice, come ripiegare il bucato, può rappresentare, per alcune persone anziane affette da demenza, un occasione di connessione significativa con il proprio passato. Procurarsi informazioni sugli interessi, le attività e il grado di partecipazione sociale. Identificare i punti di forza e le debolezze. Documentare qualunque evento traumatico o abuso, nella vita del paziente, di cui si riesca a venire a conoscenza. Nonostante possa sembrare inopportuno cercare attivamente questo tipo di informazioni, è probabile che qualunque evento del genere assuma una forte rilevanza come causa del disagio in una persona affetta da demenza. Eventi simili possono essere stati vissuti come traumi e il loro impatto potrebbe essere rimasto represso e irrisolto. Una dirigente infermieristica che si occupa di formazione sottolinea che si sente molto frustrata quando ascolta le commemorazioni ai funerali degli ospiti deceduti, perché spesso contengono informazioni significative che, se fossero state disponibili mentre la persona era in vita, avrebbero aiutato nelle attività di assistenza. Il signor Silvio si è adattato bene alla routine da quando abbiamo preso in considerazione i suoi bisogni come ex allevatore di mucche da latte!

16 Capitolo sesto Gestire i disturbi del sonno Fattori che influenzano il sonno nelle persone anziane affette da demenza La correlazione del sonno con i cicli di luce e oscurità diminuisce con l avanzare dell età, con il risultato che di notte si dorme meno, e c è una tendenza a fare dei pisolini durante il giorno. Si verificano una riduzione sostanziale nella quantità di sonno profondo e un aumento del sonno leggero o sonno REM. Una persona anziana può nutrire aspettative inappropriate sul sonno: quelle sole o depresse possono considerarlo un modo per «riempire» le ore vuote in questo senso, l assistenza residenziale può venire incontro a tali bisogni prevedendo lunghi periodi di tempo a letto. La depressione e i disordini cognitivi contribuiscono ulteriormente a un ciclo sonno-veglia disordinato. Inoltre le persone affette dal morbo di Alzheimer possono avere ritmi di sonno circadiani alterati, che si manifestano con intervalli di sonno e veglia multipli, sonnellini giornalieri e sundowning, così come con una più alta prevalenza di apnea nel sonno (Reynolds et al., 1988). In nessuna di queste situazioni sono necessarie terapie farmacologiche. In molti casi le lamentele di sonno in-

17 78 Evitare stress inutili alla persona con demenza sufficiente non sono fondate: grazie ai sonnellini diurni e andando a letto presto, le persone anziane spesso hanno già raggiunto le loro sei ore di sonno necessarie prima del normale momento del risveglio. Interventi per migliorare il sonno Usare un diario del sonno per documentare gli schemi di sonno-veglia. In molti casi questo può indicare che in realtà il numero di ore di sonno è adeguato (Mant e Bearpark, 1990; Bachman, 1992). Occuparsi delle cause non evidenti dell insonnia, come dolore (che spesso non viene riportato), depressione che può interrompere il ciclo di veglia e sonno (Folks e Burke, 1998), psicosi, apnea, morbo di Parkinson, insufficienza cardiaca, asma, riflusso gastroesofageo o sindrome delle gambe senza riposo. Evitare di dare all ospite, la sera, alimenti che contengano caffeina (come caffè, tè, coca-cola, cioccolata) e alcolici. Bere latte caldo può essere d aiuto. La caffeina è uno stimolante (Brown et al., 1995) e rimane attiva nel corpo da tre a quattro ore (Ancoli-Israel, 1997); la sindrome delle gambe senza riposo e gli spasmi muscolari notturni possono essere aggravati da una sua assunzione. Verificare che la persona non abbia mangiato troppo o troppo poco al momento di andare a letto. Una cena leggera uno spuntino appena svegli possono aiutare. Evitare di bere grandi quantità di liquidi alla sera. Le persone anziane, specialmente quelle soggette a insufficienza cardiaca, producono la maggior parte dell urina quando sono sdraiate. Mantenere la persona a un peso ragionevole: l obesità aumenta l affaticamento durante il giorno e l apnea durante il sonno. Pianificare un controllo dei farmaci assunti per individuare quelli che eventualmente possono essere causa di insonnia, sogni o incubi. Tenere conto delle richieste individuali circa l ora di andare a dormire. Generalmente, comunque, andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno aiuta a stabilizzare il ciclo sonno/veglia. Prendere in considerazione le passate abitudini di riposo dell ospite, ad esempio quelle tipiche degli agricoltori, o dei lavoratori abituati a fare dei turni.

18 Gestire i disturbi del sonno 79 Ultimamente dorme come un bambino grazie a quei sonniferi, signor Roberto! Evitare lunghi periodi di veglia a letto per gli ospiti deambulanti. Mettere a disposizione la televisione, letture o la possibilità di pranzare a letto può essere controproducente. Cercare di forzare il sonno può non essere d aiuto. Se la persona rimane sveglia durante la notte, incoraggiarla a lasciare il letto e a occuparsi di un attività rilassante fino a quando si sentiranno assonnati. Per tali attività sarebbe meglio spostarsi in un altra stanza. Considerare gli effetti dei sonnellini diurni: in alcuni casi questi pisolini possono ridurre la stanchezza serale, ma invece alcune persone anziane, grazie a un sonnellino diurno, hanno maggiori livelli di funzionalità durante il giorno e così dormono meglio anche di notte (Asplund, 1996). Proporre attività rilassanti come guardare la televisione, video, gruppi di conversazione o attività manuali dopo il pasto serale, per ritardare il momento di andare a letto e migliorare il sonno. Un massaggio alla schiena o l uso di registrazioni rilassanti si sono dimostrati metodi efficaci per conciliare il sonno (McDowell et al., 1998). Incoraggiare una routine di esercizi fisici, ma non prima di andare a dormire. Fornire stimolazioni mentali durante il giorno. Fornire un contesto confortevole per dormire. Le luci notturne possono essere rassicuranti per alcuni, ma disturbanti per altri.

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI Malattia di Alzheimer Una guida per le famiglie per un assistenza ottimale al malato Premessa 3 L importante rete di servizi residenziali e domiciliari presente nella nostra

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.»

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» E di z i o ne //// 1/ 2 0 14 Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» Fatti riguardanti l apnea da sonno In Svizzera circa 150 000 persone soffrono di apnea da sonno. I sintomi

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Quando ti guardo sono

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

>Briciole di italianità

>Briciole di italianità >Briciole di italianità :: I tortellini: un capolavoro italiano La forma del tortellino fu ispirata, secondo una leggenda, dalla forma dell ombelico della dea Venere. Raccontano che un giorno la dea dell

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie

L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie COOPERATIVA SOCIALE SRL - ONLUS L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie in collaborazione con: Regione Lombardia ASL Bergamo associazione di volontariato senza scopo di lucro ASSOCIAZIONE

Dettagli

La depressione può colpire chiunque

La depressione può colpire chiunque La depressione può colpire chiunque Italienisch, italien, italiano Traduzione: UFSP/CRS Croce Rossa Svizzera Foto: Martin Volken La depressione può colpire chiunque «Mi sento sfinito e ho male dappertutto.

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE Regione Emilia-Romagna NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA Quando ti guardo sono terrorizzata dall idea che tutto ciò finirà ben presto. Conosciamo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli