ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TACITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TACITO"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TACITO Via Tacito, CIVITANOVA MARCHE Tel. 0733/ / Fax 0733/ Istituto in rete collaborativa con l Università degli Studi di Macerata Cod. Min. MCIC83500T C.F Posta Certificata istruzione.it Segreteria Dirigente PROGETTUALITA DIDATTICA A.S. 2014/15

2 Scelte metodologiche All'interno del Piano dell'offerta Formativa, strutturato in sede di Collegio dei docenti e periodicamente verificato nelle assemblee di Interclasse con i rappresentanti dei genitori, l Istituto Comprensivo Via Tacito ha scelto di privilegiare una impostazione di didattica laboratoriale e progettuale che, nelle sue esperienze migliori, si avvale dei seguenti concetti chiave: utilizzo di una didattica attiva, centrata sullo studente; acquisizione delle competenze attraverso procedure basate sul riconoscimento di problemi e strutturazione di percorsi di ricerca delle cause e delle soluzioni; fare insieme per imparare; co-costruzione delle conoscenze; giungere alla elaborazione / costruzione di un prodotto (cognitivo o materiale). La strutturazione di una testa ben fatta (E. Morin) ha necessità di motivazione, curiosità, attitudine alla collaborazione: aspetti comportamentali che integrano le conoscenze e valorizzano gli stili cognitivi individuali, per la piena realizzazione degli alunni. La motivazione degli studenti è oggi un problema centrale della scuola e solo attraverso l educazione alla scoperta, all argomentazione, alla verifica delle ipotesi si può tentare di coinvolgere gli alunni: attraverso il piacere del fare, in un ambiente strutturato e sereno. La scelta dell Istituto è quella di favorire la qualità dei progetti per il Miglioramento dell Offerta Formativa attraverso venti progetti didattici che coinvolgono la totalità degli alunni, impegnando il personale docente ad attivare collaborazioni finalizzate all interdisciplinarietà ed all unitarietà dell insegnamento. I principali risultati attesi sono: rendere il POF caratteristico nel territorio e pienamente rispondente ai bisogni dell utenza; attivare laboratori opzionali per tre ore settimanali in sinergia con le scelte educative delle famiglie; ampliare il ventaglio dell offerta formativa; ampliare il tempo scuola così come da esigenza dell utenza; aumentare la qualità della vita all interno della scuola mediante l allestimento di spazilaboratorio ben attrezzati in funzione delle esperienze di ricerca; attuare iniziative formative, anche in rete, per favorire l informazione e la formazione del personale docente sull autovalutazione della scuola (progetto AU.MI); alzare la qualità dei processi d insegnamento; alzare la qualità dei processi d apprendimento;

3 attuare iniziative formative, anche in rete, per favorire l informazione e la formazione del personale docente sull autovalutazione della scuola (progetto AU.MI); responsabilizzare il personale in servizio con specifiche deleghe funzionali al raggiungimento del miglioramento organizzativo; favorire il coinvolgimento del personale ausiliario in attività di supporto all amministrazione con l affidamento di specifici incarichi di responsabilità; documentare esperienze di forte miglioramento e/o di forte innovazione per poterle socializzare; Tenendo conto delle risorse finanziarie a disposizione, sono state privilegiate le seguenti scelte: si sono valorizzati progetti educativo-didattici dalla forte valenza formativa e dalle caratteristiche di trasversalità, unitarietà, innovazione e miglioramento dell offerta educativa miranti al successo scolastico; si sono incentivati progetti che mirano alla economicità, funzionalità e qualità dell organizzazione dell istituto scolastico e si sono individuate le risorse logistiche ed organizzative da utilizzare nelle realizzazione delle varie attività progettuali; si sono individuati i docenti e gli ATA da utilizzare nelle varie iniziative progettuali, anche mediante incarichi aggiuntivi di particolare complessità: strumentali e/o di coordinamento progettuale (referenza ) e di responsabilità; si sono favoriti accordi con il territorio per incrementare e migliorare la qualità dei servizi anche mediante il reperimento di risorse aggiuntive (enti locali, provincia, regione, sponsor, genitori); si sono favoriti accordi con il territorio per la costituzione di reti di scuole ai fini della formazione del personale docente, della ricerca-azione e del miglioramento della didattica: AU.MI, ; attuazione di iniziative per reperire risorse finanziarie per la scuola riutilizzabili esclusivamente per l attuazione del POF (mercatino della solidarietà, calendario ecc...);

4 Progetti trasversali per un curricolo verticale Si attuano in tutti e tre gli ordini di scuola

5 4.5 PROGETTI TRASVERSALI PER UN CURRICOLO VERTICALE

6 PROGETTO ACCOGLIENZA DESTINATARI: ALUNNI DELL INTERO ISTITUTO TEMPI DI ATTUAZIONE: da Settembre a Gennaio: inserimento / accoglienza bambini 1 anno Scuola dell Infanzia; incontri tra alunni delle classi prime e alunni delle classi seconde; attività di accoglienza primi giorni di scuola alunni del 1 anno scuola secondaria di primo grado. Intero anno scolastico in rapporto ad eventuali nuovi ingressi. ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppi classe/sezione Gruppi omogenei/eterogenei per sezione-intersezione Gruppi omogenei/eterogenei per classe ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare OBIETTIVI Favorire la conoscenza del contesto scolastico e mettere in grado gli alunni e le loro famiglie di conoscere ed apprezzare le regole e la specificità dei ruoli educativi Creare un clima positivo ed un ambiente educativo che permettano all alunno di raggiungere un equilibrio tra sé ed il contesto ambientale che lo circonda, per conquistare autonomia, competenza e maturare la propria identità Maturare atteggiamenti di comprensione e condivisione, aiuto reciproco, cooperazione e rispetto delle diverse etnie ATTIVITÀ Incontri tra insegnanti dei diversi ordini di scuola ( anni ponte ) per il passaggio delle informazioni: Assemblee informative tra insegnanti e genitori degli alunni: primo anno Scuola dell Infanzia; primo anno Scuola Primaria; primo anno Scuola Secondaria. Questionario conoscitivo per le famiglie dei nuovi-iscritti, finalizzato alla conoscenza dei bambini (primo anno Scuola Infanzia, settembre, prima dell inizio della scuola). Predisposizione degli spazi idonei all accoglienza. Festa dell Accoglienza. Conoscenza funzionale e consapevole degli ambienti scolastici. Giochi organizzati per piccoli gruppi. Percorsi didattici individualizzati per favorire l integrazione nel contesto classe-scuola. Utilizzo di canali comunicativi verbali e non verbali per favorire l integrazione: drammatizzazioni, giochi mimati, canti, ecc. Attività manipolative e grafico pittoriche in piccoli gruppi per la socializzazione. Organizzazione di giochi liberi e guidati. Racconti e letture dell insegnante. Attività creative in gruppi misti. Attività / giochi per favorire la reciproca conoscenza all interno del neonato gruppo classe/ sez. Tutoraggio degli alunni del secondo e terzo anno della scuola secondaria nei confronti dei nuovi arrivati. Tutoraggio dei bambini di cl. II nei confronti dei bambini di classe prima. Tutoraggio dei bambini più grandi della Scuola dell Infanzia nei confronti dei piccoli del primo anno. Giornata dell accoglienza nel mese di settembre per favorire la conoscenza dell ambiente scolastico, la socializzazione degli alunni e l integrazione con i ragazzi delle classi successive ( sc. Sec. ) Attività di monitoraggio per rilevare eventuali situazioni di disagio/agio scolastico che si presentano durante il triennio della scuola secondaria di primo grado Elaborazione e tabulazione dati finalizzati all impiego di strategie efficaci per migliorare / risolvere eventuali problematiche emerse RISORSE Docenti Scuola Secondaria Docenti Scuola Primaria. Docenti Scuola Infan. Personale ATA Enti locali (ATAC) PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Cerimonia dell accoglienza per la Secondaria Gioco-festa dell accoglienza per Infanzia e primaria Scambio doni di benvenuto Creazioni di cartelloni Canti mimati Drammatizzazioni spontanee ed interattive Rappresentazioni grafico-pittoriche Canti corali

7 PROGETTO CONTINUITÀ DESTINATARI: CONTINUITÀ: Bambini dell anno ponte della scuola dell infanzia, alunni delle Classi Quinte della Scuola Primaria, alunni del primo anno della Scuola Secondaria di Primo Grado TEMPI DI ATTUAZIONE: Intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI : Gruppo classe/sezione Gruppi intersezione Gruppi interplesso (scuola dell infanzia-scuola primaria e scuola primaria- scuola secondaria di primo grado) ORGANIZZAZIONE ORARIA: Orario curricolare Orario opzionale ( S. Primaria) OBIETTIVI Prevenire il disagio nel passaggio ad un ordine di scuola superiore Conoscere il nuovo ambiente scolastico e la sua organizzazione Favorire l integrazione degli alunni in ciascun ordine di Scuola Realizzare il raccordo programmatico tra i tre ordini di scuola Favorire la continuità del percorso formativo, utilizzando attività e linguaggi diversificati Coordinare gli interventi didattici, metodologici e valutativi Rafforzare la fiducia, l autostima e la disponibilità alla cooperazione Incontri tra gli insegnanti dei tre ordini di Scuola per: ATTIVITÀ Scambio di informazioni sugli alunni nel mese di Settembre/Ottobre Confronto sui criteri di valutazione Raccordo programmatico -metodologico - didattico Formazione delle classi del primo anno di ogni ordine di scuola con la significativa presenza dei docenti dell ordine di scuola precedente (giugno) Incontri tra alunni dei diversi ordini di scuola Svolgimento di attività in comune e stage tra gli alunni destinatari del progetto Attività di tutoraggio tra alunni di classe quinta e bambini dell anno ponte della Scuola dell Infanzia Incontro con i bambini della Scuola dell Infanzia paritaria Visita e conoscenza dell edificio della Scuola Primaria Visita e conoscenza dell edificio della Scuola Secondaria di 1 grado Attività didattiche proposte dai docenti di Scuola Secondaria di Primo grado agli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria ITER DIDATTICO: filo conduttore dei tre ordini di scuola sarà Alla ricerca dei propri ritmi VERSO LA SCUOLA PRIMARIA Gli incontri tra gli alunni dei due ordini di scuola, le attività di Scuole Aperte e la Festa della Continuità saranno incentrate sulla lettura del libro Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza di Luis Sepulveda. SCUOLE APERTE: Nel mese di Dicembre gli alunni dell anno ponte della scuola dell Infanzia e le loro famiglie visiteranno le Scuole primarie ed effettueranno attività laboratoriali con gli alunni delle classi quinte. ITER PROGETTO Nel periodo Febbraio/Marzo si terrà il primo incontro tra alunni di classe quinta e i futuri alunni delle classi prime: si avvieranno le attività di tutoraggio con la formazione delle coppie, le attività di lettura e di produzione iconica da parte dei bambini; ad Aprile si terrà il secondo incontro per completare le attività avviate; tra la fine di Maggio e gli inizi di Giugno si concluderà il percorso con la Festa della Continuità. Le produzioni realizzate negli incontri saranno donate ai bambini di 5 anni in occasione della Festa della Continuità e saranno l abbellimento delle aule che i bambini ritroveranno alla primaria. VERSO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Mese di Ottobre: primo incontro tra docenti Scuola primaria/scuola Secondaria 1 per un primo confronto sulle metodologie e gli strumenti didattici utilizzati nei diversi ambiti disciplinari e per concordare le attività propedeutiche; Novembre (due incontri per la scuola primaria S.M 19-26/11 e un incontro per SMA 12/11): stage, attività con i docenti della Secondaria: i ragazzi si alterneranno in attività di italiano (raccordo primaria-grammatica), geografia (raccordo primaria-il territorio italiano), scienze, francese e spagnolo (giochi linguistici), visita della scuola; mese di Gennaio: secondo incontro tra docenti di Scuola Primaria e docenti di Scuola Secondaria 1 per concordare attività di preparazione delle lezioni in classe previste per Febbraio; realizzazione delle attività in classe concordate nei vari ordini di scuola; tra la 1 e la 2 settimana di Febbraio i docenti della scuola Secondaria incontreranno gli alunni delle classi quinte nella scuola primaria (n. 1 ora in ogni classe); a Giugno si terrà l incontro finale dei docenti per il passaggio delle informazioni al fine di formare classi eterogenee al loro interno ed equilibrate fra loro. RISORSE RISORSE Docenti Scuola dell infanzia Docenti Scuola Primaria Docenti Scuola Secondaria di 1 grado Personale ATA RISORSE Genitori Consulente di educazione musicale PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Scuole aperte per i genitori e gli alunni dell anno ponte della Scuola dell Infanzia. Festa della Continuità: bambini dell anno ponte della scuola dell Infanzia ed alunni di classe quinta per il passaggio delle consegne Scuola aperta per i genitori degli alunni delle classi quinte di Scuola Primaria, presso la Scuola Secondaria di primo grado

8 PROGETTO INCLUSIONE DESTINATARI: alunni BES, Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado, alunni L.104/ 92, Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado, alunni con certificazione DSA, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado. TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo classe, piccoli gruppi, laboratori ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare, laboratori opzionali OBIETTIVI Favorire la crescita di ognuno, la socializzazione e l acquisizione delle abilità e delle competenze di base. Promuovere una vita di relazione più ricca e serena, motivando e stimolando ciascun alunno a comunicare con vari linguaggi, di supporto a quello verbale. Raggiungere il successo formativo. Accrescere l autostima. Favorire negli alunni nuove forme di risposta a stimoli esterni attraverso attività con gli animali (ippoterapia) ATTIVITÀ Compilazione dei documenti previsti dalla legge utilizzando i modelli predisposti dall Istituto di appartenenza. Partecipazione ai progetti ed ai laboratori a cui aderiscono le singole classi /sezioni. Esercizi di psicomotricità. Drammatizzazione di letture. Lavoro per piccoli gruppi di recupero o in situazioni di apprendimento cooperativo. Raccordo degli interventi individualizzati con le attività della classe/sezione. Attività manipolative con materiali legati all esperienza quotidiana per favorire gli apprendimenti. Fruizione di software didattici in apprendimenti mirati. Fruizione della L.I.M. Ippoterapia e rieducazione equestre. Utilizzo di strumenti compensativi e di misure dispensative (quando necessario) dichiarati nel PEI o PDP e condivisi con la famiglia. RISORSE Insegnanti del team Insegnanti di sostegno Collaboratori scolastici Assistenti all autonomia e alla comunicazione. Sanitari appartenenti all ASUR o ad altri enti certificanti. Esperti dei singoli progetti. PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Documentazione dei percorsi didattici realizzati

9 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE DESTINATARI: Alunni della Scuola dell Infanzia Alunni della Scuola Primaria Alunni della Scuola Secondaria di I Grado TEMPI DI ATTUAZIONE: Intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione/classe Gruppi di intersezione omogenei e/o eterogenei per età ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario di laboratorio Orario extrascolastico OBIETTIVI Costruire occasioni di dialogo e riflessione partendo da episodi di vita quotidiana Scoprire nel gioco i valori di crescita personale, culturale e sociale Sviluppare la capacità di comprendere, condividere, aiutare e cooperare Stimolare l aggregazione, l accoglienza e l autostima superando gli egoismi e valorizzando le differenze Conoscere altre culture, rispettando e valorizzando le diversità Educare alla salute attraverso una sana alimentazione Conoscere i prodotti alimentari tipici del proprio territorio Promuovere il rispetto per l ambiente riconoscendolo patrimonio dell umanità e delle generazioni future Sensibilizzare i bambini/ragazzi su problematiche mondiali Costruire occasioni di riflessione e di dialogo sui temi dell aiuto gratuito, del volontariato e della solidarietà Saper cooperare per promuovere iniziative di solidarietà Promuovere lo sviluppo del senso civico e rispetto della legalità Coinvolgere attivamente studenti e famiglie ATTIVITÀ Giochi di interazione e confronto nel piccolo e grande gruppo Conversazioni guidate e simulazioni di situazioni conflittuali Giochi, conversazioni e simulazioni finalizzate all Educazione all Affettività Coinvolgimento consapevole in attività grafico pittorico manipolative, finalizzate al mercatino della solidarietà Conversazioni con i ragazzi della Scuola Secondaria di I grado sulle possibilità di destinazione della solidarietà (frutto dei Mercatini), individuazione delle associazioni e incontri con quella/e scelta/e Realizzazione di disegni per il calendario d Istituto che avrà come argomento l alimentazione (prodotti tipici delle Marche) in linea con le tematiche dell Expo 2015: ricerca dei vari prodotti alimentari tipici del territorio; manipolazione e attività multisensoriali del prodotto tipico preso in esame; studio della provenienza dei vari prodotti tipici e riflessioni sulle nomenclature (filiera corta e Km O ); produzioni grafico pittoriche e plastiche con il prodotto alimentare scelto (Il mio piatto creativo) Canti drammatizzazioni e coreografie Realizzazione di biglietti augurali Collaborazioni con l Ente locale (per il progetto Un sacco di bene ) ed enti di volontariato per la realizzazione concreta di iniziative di solidarietà (A.N.F.F.A.S., ANT, CROCE VERDE, EMERGENCY, UNICEF, Unicef- Scuola amica) Mr CITTADINO, ) enti istituzionali (carabinieri, finanza ) RISORSE RISORSE Docenti Personale ATA RISORSE Famiglie, Esperto musicale, Associazioni Varie PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Organizzazione di attività finalizzate alla solidarietà e alla pace Mercatini della solidarietà Calendario d Istituto Festa di Natale Partecipazione attiva ad iniziative umanitarie Partecipazione al progetto pilota regionale in collaborazione con l UNICEF Verso una scuola amica dei bambini e dei ragazzi Corrispondenza epistolare ed con i ragazzi di Belo Horizonte

10 PROGETTO LETTURA DESTINATARI: Tutte le sezioni della scuola dell infanzia Classi prime e seconde della scuola primaria Classi ponte: quinta primaria e prima secondaria Classi terze della scuola secondaria di primo grado TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione/intersezione/laboratorio (piccolo gruppo) Gruppo classe e opzionale e/o di laboratorio Gruppo classe o classi aperte ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario opzionale Orario curricolare (ora di approfondimento) OBIETTIVI ATTIVITÀ Sviluppare un atteggiamento affettivo e positivo verso le tecniche comunicative del libro e del film Stimolare il piacere della lettura e la curiosità verso il libro Sviluppare la capacità di ascolto Acquisire o potenziare la capacità narrativa Promuovere l espressività Ascoltare, comprendere e rielaborare storie ( brevi racconti/libri/film/testi teatrali) Riconoscere gli elementi fondamentali di una storia (ambienti, personaggi..) Sviluppare la padronanza del linguaggio per esprimersi e comunicare Migliorare le competenze fonologiche e lessicali Intervenire adeguatamente nelle conversazioni di gruppo Esprimere sentimenti e vissuti attraverso la drammatizzazione e le rappresentazioni grafico-pittoricoinformatiche-plastiche Favorire l uso di linguaggi diversi: verbale, mimico- gestuale, iconico e cinematografico e teatrale. Utilizzare le informazioni del testo per arricchire il proprio mondo di esperienze e conoscenze. Affinare la sensibilità estetica e il senso critico Sviluppare il pensiero creativo e divergente Promuovere l uso attivo dello spazio biblioteca e dello strumento Lim per favorire le proprie conoscenze Usare consapevolmente la biblioteca e la cineteca per conoscerne il regolamento Consultazione spontanea di giornalini e libri Fruizione della biblioteca scolastica Ascolto di brani, poesie e libri letti dagli insegnanti e dagli alunni Lettura di immagini e verbalizzazioni Documenti iconici, cinematografici e teatrali Lettura di storie e testi teatrali Drammatizzazioni, lettura animata, giochi di ruolo e di simulazione Produzioni grafico-pittoriche plastiche - informatiche attraverso l uso di varie tecniche Piani di lettura: comprensione analisi interazione rielaborazione - manipolazione Invenzione di racconti e di finali Visita alla biblioteca comunale S. Zavatti Visita ad una libreria Costruzione di libri Recensione orale e scritta Eventuali collaborazioni con gli enti territoriali RISORSE Docenti Personale ATA Biblioteca di plesso Aula multimediale e Lim Famiglie Biblioteca comunale Libreria del territorio Consulenti esterni per l attività teatrale PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Produzione di libri, di raccolte, di storie, di fiabe, di poesie e brevi performance teatrali Produzioni grafico pittoriche plastiche - informatiche Drammatizzazioni, canti e coreografie Partecipazione ad eventuali progetti proposti dagli Enti territoriali e provinciali

11 PROGETTO AMBIENTALE DESTINATARI: tutti gli alunni delle scuole dell infanzia e delle Scuole Primarie alunni delle classi prime della Scuola Secondaria di primo grado TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppi classe/sezione Gruppi opzionali ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Laboratori opzionale OBIETTIVI Sensibilizzare alunni e genitori sulle tematiche ambientali Acquisire comportamenti consapevoli a salvaguardia dell ambiente e improntati al rispetto delle norme ecologiche Prendere coscienza della stretta relazione tra benessere psicofisico e soddisfacimento dei bisogni Prendere coscienza dello stretto rapporto uomo-natura Conoscere e sensibilizzare ai comportamenti di alcuni animali d'affezione ATTIVITÀ Uscite sul territorio per l osservazione dell ambiente Osservazione dei cambiamenti stagionali Ricerca, attraverso l osservazione, delle caratteristiche dei quattro elementi: aria, acqua,terra, fuoco Attività di sperimentazioni laboratoriale e trasformazioni attraverso materiali di recupero Raccolta, analisi dei dati e rappresentazioni grafico pittoriche, istogrammi, ecc Rilevazioni di comportamenti ecocompatibili Coltivazioni di orti, giardini ecologici Piantumazione e rimboschimento Raccolta differenziata Esperienze presso aziende agricole Pet Teraphy Realizzazione su supporti digitali delle attività legate al programma eco-school. RISORSE Docenti Personale ATA Genitori-nonni, FEE, Legambiente, UPM, Enti Parco, WWF, Cosmari,, Comune, Provincia, Regione. Veterinario, Tecnico Pet Therapy PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Orto botanico e biologico Festa della primavera/ Operazione scuole pulite Costruzioni di oggetti con materiali di recupero Realizzazioni di prodotti multimediali Documentazione finale / stesura degli steps per il programma eco-school. ( per bandiera verde )

12 PROGETTO SALUTE-SICUREZZA - ALIMENTARE DESTINATARI: Alunni dell Istituto Comprensivo TEMPI DI ATTUAZIONE: Intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione Gruppo classe Gruppi di intersezione Gruppi di plesso ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Laboratorio OBIETTIVI ATTIVITÀ Promuovere: la conoscenza nell ambiente scolastico ed extrascolastico delle diverse fonti di pericolo e mettere in atto comportamenti idonei alla prevenzione ed alla sicurezza di ogni singola persona il rispetto delle regole e l esecuzione degli incarichi ricevuti le esperienze che possono accrescere l autonomia e la responsabilità alcuni essenziali principi relativi al proprio benessere psico-fisico legati alle cure del proprio corpo e ad un corretto regime alimentare il pieno sviluppo dell individuo in armonia con se stesso, con gli altri e con il proprio ambiente. Educare i ragazzi (3 media) ad un uso consapevole del ciclomotore, informarli sulle norme Codice della strada. Sensibilizzarli all uso del casco. Educazione alla sicurezza in ambienti interni ed esterni alla scuola Individuazione delle fonti di pericolo (spigoli, scale, parapetti, finestre, elettricità, sostanze nocive) Individuazione di comportamenti che possono causare incidenti (correre in modo sfrenato, fermarsi dietro le porta delle aule, giocare e gettare acqua nei bagni) Esplorazione dell ambiente per individuare gli strumenti relativi alla sicurezza: estintori, insegne della sicurezza, planimetrie, sirena e conoscenza della loro funzione Individuazione delle uscite di emergenza Giochi di simulazione per far acquisire padronanza nelle operazioni di evacuazione Analisi di situazioni vissute e/o raccontate e conversazioni guidate sui comportamenti corretti e scorretti Assegnazione di responsabilità previste dal piano di evacuazione ( alunni apri-fila, chiudi-fila, fila indiana, andatura svelta.) Conoscenza delle regole basilari sulla sicurezza stradale ( segnali stradali, comportamenti pedonali corretti ) e riflessione sui comportamenti corretti e scorretti del pedone, del ciclista e del passeggero Rappresentazioni grafiche delle esperienze e realizzazione di elaborati Prove di evacuazione da effettuarsi almeno due volte nell arco dell anno scolastico Incontri con i vigili del fuoco, i vigili urbani, gli operatori del 118, gli operatori della Polizia di Stato la guardia costiera, i carabinieri, la Guardia di Finanza, la Croce Verde. Educazione alimentare Scoperta attraverso i sensi delle caratteristiche di alcuni cibi Confronti e discussioni sulle diverse abitudini alimentari Incontri con il dietologo per una corretta alimentazione Partecipazione al progetto della ASUR Il Mercoledì della frutta Partecipazione al progetto nazionale La frutta nelle scuole RISORSE Docenti Personale non docente Dipartimento prevenzione e servizio igiene alimenti e nutrizione Dietologo Vigili urbani Vigili del fuoco Croce verde Protezione civile Polizia di stato Guardia di finanza Carabinieri Guardia costiera PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALLA EXTRASCUOLA Documentazione dei percorsi didattici ( cartelloni, manuali ecc.) Partecipazione ad eventi proposti dall Ente Comunale, Provinciale ecc.

13 PROGETTO LINGUE STRANIERE DESTINATARI: alunni di 4-5 anni; alunni classe terza quarta e quinta (Sc. Primaria); alunni classi prime, seconde, terze (Sc. Secondaria I grado) TEMPI DI ATTUAZIONE: : ottobre- aprile (Sc. Infanzia) ottobre dicembre...(sc. Primaria lettorato) gennaio-maggio..... (Sc.Primaria certificazione TRINITY) ottobre- aprile (Sc. Secondaria- Lettorato) febbraio-aprile.(sc.secondaria - Certific.azioni Ket\Delf\Dele) ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione e intersezione Gruppo omogeneo per età Gruppo di livello (sc. Primaria e Secondaria I gr.) Laboratori opzionali (sc. Primaria e Secondaria I gr.) ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare (sc. Infanzia) Orario curricolare- opzionale (Primaria) Orario opzionale pomeridiano (sc. Secondaria I gr.) OBIETTIVI SC. INFANZIA Stimolare la motivazione all apprendimento della L2 Salutare nel registro formale-informale Favorire la conoscenza e la scoperta di culture e civiltà diverse dalla propria, per un confronto tra molteplici realtà Promuovere la conoscenza delle principali strutture lessicali (numeri, colori, parti del corpo, famiglia) SC. PRIMARIA/ SECONDARIA I GR. Stimolare la motivazione all apprendimento della L2 Sviluppare la capacità di ascolto e comprensione dei messaggi Usare la lingua L2 in contesti di vita quotidiana Stimolare la produzione di messaggi in un lessico gradualmente più ampio Potenziare la capacità di comunicazione quotidiana nella lingua orale e scritta ad un livello di base Rafforzare la conoscenza e l uso delle principali strutture e funzioni linguistiche Arricchire il lessico della L2 Promuovere la consapevolezza del proprio livello di conoscenza della L2 ATTIVITÀ Giochi di gruppo Attività grafico-pittoriche Schede operative Ascolto di CD e audiocassette Memorizzazioni di canti e filastrocche Conversazioni in circle-time Visione di VHS e DVD Attività di ascolto e comprensione di messaggi Produzione orale in L2 Attività ludico-musicali in L2 finalizzate alla memorizzazione di vocaboli e al consolidamento di strutture e funzioni linguistiche Produzione orale e scritta in L2 di argomenti di vita quotidiana Attività con esperto esterno di madrelingua: alunni 4/5 anni; alunni cl. V (scuola Primaria); alunni cl. I- II- III ( Second. I gr.) RISORSE Referenti del progetto (Sc. Infanzia) Insegnanti di lingua inglese, francese, spagnola Esperto di madrelingua inglese, francese, spagnolo(sec.ig) Esperto di madrelingua inglese proposto dall Associazione International Experienc (Sc.Inf e Primaria) PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Raccolta dei lavori svolti (Sc. Infanzia) Cartelloni,canti, foto Esame orale in L2 con un docente di madrelingua scelto dall Ente Certificatore TRINITY (Scuola Primaria) Esame orale, scritto e di ascolto in L2 con un docente di madrelingua proposto dagli Enti Certificatori

14 PROGETTO MULTIMEDIALE /GRAFICO-EDITORIALE DESTINATARI: Tutti gli alunni (multimediale); alunni 5 anni Scuola dell Infanzia alunni classi 4 Scuola Primaria alunni classi seconde Scuola Secondaria di 1 grado (grafico-editoriale) TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppi intersezione/ sezione o classe/ gruppi di laboratori curricolari e opzionali ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario opzionale OBIETTIVI Utilizzare mezzi tecnologici multimediali per favorire gli incontri, gli scambi, le interazioni, le collaborazioni tra gli alunni. Agevolare i processi educativi e gli apprendimenti. Acquisire le abilità di base per l utilizzo di programmi specifici. Utilizzare mezzi tecnologici multimediali per favorire la comunicazione di una pluralità dei linguaggi. Utilizzare il giornalino scolastico come strumento di comunicazione e di apertura della scuola al territorio. Promuovere le abilità di scrittura. Sviluppare il pensiero creativo. Comunicare adeguatamente con gli altri scegliendo il destinatario e lo scopo. Attivare momenti di ascolto e di riflessione critica e consapevole. Sensibilizzare gli alunni verso le problematiche della società che li circonda. Collaborare per il raggiungimento di uno scopo comune. ATTIVITÀ Conoscenza e utilizzo di programmi quali: Paint, Word. Conoscenza ed utilizzo di dispositivi e stampanti e macchine digitali. Utilizzo di software didattici. Uso di Internet per ricercare informazioni e comunicare messaggi. Conoscenza ed utilizzo del programma specifico di impaginazione Publisher per la realizzazione del giornalino. Produzione di articoli di cronaca relativi a fatti e avvenimenti della vita scolastica e/o socio-culturale. Raccolta e selezione di produzioni varie delle classi/ sezioni. Distribuzione del giornalino da parte della redazione nelle classi. Realizzazione di interviste, elaborazione di racconti di fantasia o introspezione. Conoscenza della struttura del giornale. Lettura e commento in relazione a:quotidiani, riviste, giornalino scolatico. RISORSE Docenti Personale ATA Giornalista di cronaca nazionale PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Realizzazione dei Giornalino dell Istituto Comprensivo LA GAZZETTA DI VIA TACITO Partecipazione ad eventuali concorsi

15 PROGETTO EDUCAZIONE FISICA DESTINATARI: alunni Scuola dell Infanzia, alunni Scuola Primaria, alunni Scuola Secondaria di 1 grado TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo classe/sezione Gruppi intersezione Gruppo omogeneo/eterogeneo per età Gruppo eterogeneo di livello Laboratori opzionali Gruppo rappresentativo d istituto (scuola secondaria I grado) ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario opzionale Orario extracurricolare per alunni (scuola secondaria I grado) Orario extracurricolare per insegnanti OBIETTIVI Vivere pienamente la propria corporeità e percepirne il potenziale comunicativo ed espressivo Acquisire consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali Essere consapevole delle proprie abilità e delle proprie competenze motorie e sportive sia nei punti di forza e sia nei limiti Valorizzare il gioco e lo sport come spazio privilegiato di comunicazione, di apprendimento, di socializzazione e di integrazione Promuovere l acquisizione di stili corretti di vita Comprendere, all interno delle varie occasioni di gioco e di sport (fair play), il valore delle regole e l importanza di rispettarle Acquisire un corretto atteggiamento competitivo ed una cultura sportiva personale, valorizzando le attitudini dell allievo Riconoscere, ricercare ed applicare a se stesso comportamenti di promozione dello star bene in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione ATTIVITÀ Le attività ludico/motorie e sportive prevedono: giochi posturali, esercizi ritmici, percorsi motori, giochi polivalenti, giochi sportivi propedeutici alla pratica di sport, giochi di squadra, lezioni teoriche di promozione/approfondimento e conoscenza di sport specifici, tornei interni tra classi /scuole, gare d istituto visite ed uscite in ambiente naturale a carattere motorio-sportive, centro sportivo scolastico RISORSE Docenti Scuola dell infanzia Docenti Scuola Primaria Docenti scuola secondaria di primo grado Personale ATA Esperti e tecnici di società sportive Esperti C.O.N.I. Genitori Consulente di musica Ente locale M.I.U.R. P.C.M. Esperto foto/video PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Giochi dell amicizia Giochi della gioventù Giochi sportivi studenteschi

16 PROGETTO SI FA CORO ORCHESTRA CHE PASSIONE DESTINATARI: Tutti gli alunni della Scuola dell Infanzia Tutti gli alunni delle classi quarte e quinte Scuola Primaria SI FA CORO Tutti gli alunni della scuola secondaria di 1 grado ORCHESTRA CHE PASSIONE Alunni dai 6 ai 14 anni in orario opzionale SI FA CORO OPZIONALE Genitori, insegnanti, ex alunni e adulti del territorio SI FA CORO SENIOR TEMPI DI ATTUAZIONE: da Novembre a Giugno alunni scuola primaria: intero anno scolastico; alunni scuola secondaria di primo grado :108 ore per le prime da Novembre a Giugno ( esperti esterni ), 108 ore da Novembre a Giugno per le seconde ; le classi prime, le seconde e le terze da Settembre a Giugno ( insegnanti curricolari ). ORGANIZZAZIONE ALUNNI SCUOLA PRIMARIA: Classe intera Gruppi di intersezione Laboratori opzionali SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO: Attività corale e strumentale per classi parallele nelle due aule di musica. ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario extracurricolare Orario opzionale OBIETTIVI Potenziare le capacità comunicative ed espressive non verbali attraverso il linguaggio musicale e gestuale. Utilizzare il linguaggio musicale per esprimere emozioni e sentimenti. Consolidare gli elementi base del codice musicale. Usare le risorse espressive della vocalità intonando brani polifonici. Acquisire tecnica strumentale attraverso un percorso graduale di musica d insieme. ATTIVITÀ Ascolto guidato di brani musicali Esercitazioni con vocalizzi Riproduzione di ritmi e suoni Canto corale di voci bianche Canti corali ispirati a particolari tematiche Apprendimento di lettura musicale attraverso metodologia di carattere operativo Esercitazione pratica di tecnica strumentale: violino, violoncello, tastiera, chitarre, flauti e percussioni. RISORSE PERSONE:Docenti Personale ATA STRUMENTI: aule specialistiche, strumenti musicali PERSONE:Consulente di musica: - maestro di Canto - maestro di Strumento Collaborazione Ente Locale STRUMENTI: aule specialistiche, strumenti musicali (violino, violoncello e chitarra) PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Esibizione della corale scolastica Si Fa CORO Partecipazione a rassegne e/o concorsi canori e musicali Esibizione orchestrale Esibizione corale: SI FA CORO SENIOR

17 PROGETTO ANIMAZIONE TEATRALE DESTINATARI: : alunni della Scuola Primaria classi prime della Scuola Secondria di Primo Grado TEMPI DI ATTUAZIONE: : Intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Piccoli gruppi omogenei per età Gruppi intersezione Laboratori opzionali, curricolari ed extracurricolari ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario extracurricolare Orario opzionale OBIETTIVI Utilizzare l animazione teatrale per: sviluppare le proprie capacità ed abilità espressive del corpo e della voce conoscere se stesso, scoprire e saper indirizzare la propria energia e azione in modo positivo scoprire e superare alcuni dei propri limiti insieme agli altri sviluppare l'autostima attraverso una ridefinizione dei rapporti con gli altri assumere ruoli diversi per provare a vivere esperienze da punti di vista diversi sperimentare la formalizzazione delle scene e il lavoro creativo sul personaggio e sulla storia ATTIVITÀ FASE PROPEDEUTICA Giochi di ruoli Giochi di contatto e di fiducia per favorire la relazione Giochi per migliorare l autostima Attività di improvvisazione Giochi di mimo e di imitazione Ascolto di brani musicali e interpretazione ritmica degli stessi Riproduzione di ritmi e suoni Comunicazione attraverso il linguaggio corporeo Tecniche di rilassamento Recitazione di filastrocche e scioglilingua per migliorare la dizione Lettura e drammatizzazione di storie Attività per modulare la voce FASE IDEATIVA Ascolto e comprensione di letture Produzioni orali e scritte Strutturazione del canovaccio Scrittura della sceneggiatura RISORSE FASE RAPPRESENTATIVA Assegnazione delle parti Coreografie Canti Realizzazione scenografie e costumi Prove Docenti Esperto teatrale Esperto musicale Esperto di espressione corporea PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Coreografie Scenografie Animazioni teatrali Drammatizzazioni Partecipazione alla Rassegna Teatrale promossa dal Comune di Civitanova Marche

18 PROGETTO PROMOZIONE DELL AGIO DESTINATARI: alunni, docenti e genitori dell'istituto comprensivo TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo classe Gruppo di intersezione Gruppo omogeneo per età: gruppi di livello a classi aperte Laboratori opzionali Interventi individualizzati ORGANIZZAZIONE ORARIA orario curricolare orario extracurricolare orario opzionale OBIETTIVI ATTIVITÀ RISORSE PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Docenti Favorire nell'alunno il raggiungimento di un equilibrio tra sé e l ambiente che lo circonda per conquistare autonomia, competenze e maturare la propria identità, intervenendo su: -Asse affettivo relazionale (rapporto alunno alunno, alunno adulto, alunno - spazi) -Asse cognitivo Asse dell'apprendimento Personalizzare il processo d insegnamento - apprendimento Coinvolgere le famiglie nel processo formativo Offrire a tutti i docenti approfonditi percorsi formativi sui temi del disagio e consulenza psicodidattica per casi di disagio Star bene a scuola e fuori Promuovere lo sviluppo della personalità Favorire il rispetto e la stima di sé e dell altro Promuovere la partecipazione attiva Promuovere la consapevolezza dell importanza del proprio ruolo all interno di un gruppo Sperimentare lo strumento del dialogo come mezzo per risolvere i conflitti Migliorare le abilità e le conoscenze disciplinari Accrescere l autostima Promuovere l'apprendimento metacognitivo Valorizzare le risorse personali di ognuno Genitori: Sportello di consulenza psico-pedagogica Incontri su tematiche educative Sportello d'ascolto (consulenza psico-pedagogica finalizzata anche all'orientamento) Docenti: Analisi dei bisogni educativo-formativo-didattici delle classi. Rilevazione di situazioni di disagio. Compilazione di modelli predisposti dall Istituto per la rilevazione di situazioni di disagio. Sportello di consulenza psico-pedagogica Sportello d'ascolto (consulenza psico-pedagogica finalizzata anche all'orientamento) Strumenti e attività orientati al recupero e alla promozione dell agio Didattica laboratoriale Corsi di formazione Alunni: Organizzazione dei seguenti laboratori didattici curricolari e/o opzionali: laboratorio di canto corale, grafico-editoriale, grafico espressivo, di animazione teatrale, multimediale, motorio, manipolativo, scientifico, comunicativo-espressivo. Attivazione di gruppi di ascolto per facilitare il dialogo (circle time) Attuazione di un sistema di valutazione che favorisca il confronto con se stessi Screening per evidenziare difficoltà nella letto-scrittura (Classi prime scuola primaria) Screening per la rilevazione dei casi di BES Utilizzo di strategie diversificate per facilitare l apprendimento Attività propedeutiche per la prevenzione di problematiche specifiche dei disturbi di apprendimento e/o di comportamento Attività di supporto educativo in classe per situazioni di grave disagio comportamentale Attività di recupero in orario curricolare attraverso gruppi di livello, cooperative-learning, peer-tutoring Mostra dei percorsi didattici Rappresentazioni relative ai laboratori attuati Documentazione delle attività di formazione Esperti per: sportello psico-pedagogico; corsi di aggiornamento ASUR; Assistenza Famiglia Nuova Psicologi che collaborano con la scuola Educatori (Progetto integrato Comune) ASUR: Progetto Famiglia, dipendenze, territorio POLIZIA POSTALE (cyber bullismo ed uso dei social network)

19 PROGETTO ARTE E IMMAGINE LINGUA - LINGUAGGI UNA RETE DI COLORI DESTINATARI: Tutti i bambini della Scuola dell Infanzia TEMPI DI ATTUAZIONE: Ottobre/Maggio ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione Gruppo intersezione Laboratorio in piccolo gruppo omogeneo e/o eterogeneo ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare OBIETTIVI Utilizzare in modo creativo varie tecniche e modalità espressive Esprimere la propria creatività e le proprie emozioni attraverso il linguaggio verbale e non Scoprire l'esistenza di più linguaggi per esprimersi (corporeo, canoro, iconico, musicale) Interagire e cooperare nel piccolo gruppo per fini comuni Scegliere con cura materiali e strumenti in relazione al progetto da realizzare ATTIVITÀ Produzioni con materiali di riciclo e occasionali Espressione corporea e musicale (cantare, suonare, muoversi insieme) Produzioni grafico-pittoriche e plastiche attraverso l'uso di tecniche diverse Uso e manipolazione di materiale vario Realizzazione di oggetti per il mercatino della solidarietà Tagliare, ritagliare, incollare, decorare e creare Attività finalizzate alla condivisione di spazi e tempi e alla negoziazione di regole comuni RISORSE Docenti Personale ATA PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Cartelloni, produzioni decorative e artistiche, plastici Mercatino della solidarietà con produzioni degli alunni Drammatizzazioni Scenografie Feste

20 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI DESTINATARI: tutti gli alunni stranieri presenti nell'istituto Comprensivo TEMPI DI ATTUAZIONE: nelle classi /sezioni : intero anno scolastico; nel laboratorio : periodo intensivo definito, periodo a scalare (secondo necessità) ORGANIZZAZIONE ALUNNI classe /sezione di appartenenza gruppi di livello ( nel laboratorio linguistico) laboratori opzionali ORGANIZZAZIONE ORARIA orario curricolare orario extracurricolare OBIETTIVI ACCOGLIENZA Diminuire il disagio del primo inserimento Favorire le relazioni all interno del gruppo classe Far conoscere ambienti, persone, funzioni vicine all esperienza quotidiana INTEGRAZIONE Facilitare la comprensione di messaggi brevi e contestualizzati Favorire la capacità di esprimere i propri bisogni Favorire il dialogo tra coetanei e con gli adulti Facilitare l apprendimento di L2 in modo naturale e spontaneo Conquistare una progressiva e maggiore integrazione nell attività di classe Conoscere le caratteristiche culturali, religiose e sociali dei paesi di provenienza e di residenza Coinvolgere le famiglie immigrate in attività extracurricolari per permettere un integrazione serena Promuovere il pluralismo culturale ATTIVITÀ ACCOGLIENZA Diminuire il disagio del primo inserimento Favorire le relazioni all interno del gruppo classe Far conoscere ambienti, persone, funzioni vicine all esperienza quotidiana INTEGRAZIONE Facilitare la comprensione di messaggi brevi e contestualizzati Favorire la capacità di esprimere i propri bisogni Favorire il dialogo tra coetanei e con gli adulti Facilitare l apprendimento di L2 in modo naturale e spontaneo Conquistare una progressiva e maggiore integrazione nell attività di classe Conoscere le caratteristiche culturali, religiose e sociali dei paesi di provenienza e di residenza Coinvolgere le famiglie immigrate in attività extracurricolari per permettere un integrazione serena Promuovere il pluralismo culturale RISORSE docenti della classe / sezione di appartenenza docenti della classe immediatamente inferiore facilitatore linguistico mediatore linguistico PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Progetto in rete: Gli alfabeti di Babele

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli