ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TACITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TACITO"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TACITO Via Tacito, CIVITANOVA MARCHE Tel. 0733/ / Fax 0733/ Istituto in rete collaborativa con l Università degli Studi di Macerata Cod. Min. MCIC83500T C.F Posta Certificata istruzione.it Segreteria Dirigente PROGETTUALITA DIDATTICA A.S. 2014/15

2 Scelte metodologiche All'interno del Piano dell'offerta Formativa, strutturato in sede di Collegio dei docenti e periodicamente verificato nelle assemblee di Interclasse con i rappresentanti dei genitori, l Istituto Comprensivo Via Tacito ha scelto di privilegiare una impostazione di didattica laboratoriale e progettuale che, nelle sue esperienze migliori, si avvale dei seguenti concetti chiave: utilizzo di una didattica attiva, centrata sullo studente; acquisizione delle competenze attraverso procedure basate sul riconoscimento di problemi e strutturazione di percorsi di ricerca delle cause e delle soluzioni; fare insieme per imparare; co-costruzione delle conoscenze; giungere alla elaborazione / costruzione di un prodotto (cognitivo o materiale). La strutturazione di una testa ben fatta (E. Morin) ha necessità di motivazione, curiosità, attitudine alla collaborazione: aspetti comportamentali che integrano le conoscenze e valorizzano gli stili cognitivi individuali, per la piena realizzazione degli alunni. La motivazione degli studenti è oggi un problema centrale della scuola e solo attraverso l educazione alla scoperta, all argomentazione, alla verifica delle ipotesi si può tentare di coinvolgere gli alunni: attraverso il piacere del fare, in un ambiente strutturato e sereno. La scelta dell Istituto è quella di favorire la qualità dei progetti per il Miglioramento dell Offerta Formativa attraverso venti progetti didattici che coinvolgono la totalità degli alunni, impegnando il personale docente ad attivare collaborazioni finalizzate all interdisciplinarietà ed all unitarietà dell insegnamento. I principali risultati attesi sono: rendere il POF caratteristico nel territorio e pienamente rispondente ai bisogni dell utenza; attivare laboratori opzionali per tre ore settimanali in sinergia con le scelte educative delle famiglie; ampliare il ventaglio dell offerta formativa; ampliare il tempo scuola così come da esigenza dell utenza; aumentare la qualità della vita all interno della scuola mediante l allestimento di spazilaboratorio ben attrezzati in funzione delle esperienze di ricerca; attuare iniziative formative, anche in rete, per favorire l informazione e la formazione del personale docente sull autovalutazione della scuola (progetto AU.MI); alzare la qualità dei processi d insegnamento; alzare la qualità dei processi d apprendimento;

3 attuare iniziative formative, anche in rete, per favorire l informazione e la formazione del personale docente sull autovalutazione della scuola (progetto AU.MI); responsabilizzare il personale in servizio con specifiche deleghe funzionali al raggiungimento del miglioramento organizzativo; favorire il coinvolgimento del personale ausiliario in attività di supporto all amministrazione con l affidamento di specifici incarichi di responsabilità; documentare esperienze di forte miglioramento e/o di forte innovazione per poterle socializzare; Tenendo conto delle risorse finanziarie a disposizione, sono state privilegiate le seguenti scelte: si sono valorizzati progetti educativo-didattici dalla forte valenza formativa e dalle caratteristiche di trasversalità, unitarietà, innovazione e miglioramento dell offerta educativa miranti al successo scolastico; si sono incentivati progetti che mirano alla economicità, funzionalità e qualità dell organizzazione dell istituto scolastico e si sono individuate le risorse logistiche ed organizzative da utilizzare nelle realizzazione delle varie attività progettuali; si sono individuati i docenti e gli ATA da utilizzare nelle varie iniziative progettuali, anche mediante incarichi aggiuntivi di particolare complessità: strumentali e/o di coordinamento progettuale (referenza ) e di responsabilità; si sono favoriti accordi con il territorio per incrementare e migliorare la qualità dei servizi anche mediante il reperimento di risorse aggiuntive (enti locali, provincia, regione, sponsor, genitori); si sono favoriti accordi con il territorio per la costituzione di reti di scuole ai fini della formazione del personale docente, della ricerca-azione e del miglioramento della didattica: AU.MI, ; attuazione di iniziative per reperire risorse finanziarie per la scuola riutilizzabili esclusivamente per l attuazione del POF (mercatino della solidarietà, calendario ecc...);

4 Progetti trasversali per un curricolo verticale Si attuano in tutti e tre gli ordini di scuola

5 4.5 PROGETTI TRASVERSALI PER UN CURRICOLO VERTICALE

6 PROGETTO ACCOGLIENZA DESTINATARI: ALUNNI DELL INTERO ISTITUTO TEMPI DI ATTUAZIONE: da Settembre a Gennaio: inserimento / accoglienza bambini 1 anno Scuola dell Infanzia; incontri tra alunni delle classi prime e alunni delle classi seconde; attività di accoglienza primi giorni di scuola alunni del 1 anno scuola secondaria di primo grado. Intero anno scolastico in rapporto ad eventuali nuovi ingressi. ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppi classe/sezione Gruppi omogenei/eterogenei per sezione-intersezione Gruppi omogenei/eterogenei per classe ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare OBIETTIVI Favorire la conoscenza del contesto scolastico e mettere in grado gli alunni e le loro famiglie di conoscere ed apprezzare le regole e la specificità dei ruoli educativi Creare un clima positivo ed un ambiente educativo che permettano all alunno di raggiungere un equilibrio tra sé ed il contesto ambientale che lo circonda, per conquistare autonomia, competenza e maturare la propria identità Maturare atteggiamenti di comprensione e condivisione, aiuto reciproco, cooperazione e rispetto delle diverse etnie ATTIVITÀ Incontri tra insegnanti dei diversi ordini di scuola ( anni ponte ) per il passaggio delle informazioni: Assemblee informative tra insegnanti e genitori degli alunni: primo anno Scuola dell Infanzia; primo anno Scuola Primaria; primo anno Scuola Secondaria. Questionario conoscitivo per le famiglie dei nuovi-iscritti, finalizzato alla conoscenza dei bambini (primo anno Scuola Infanzia, settembre, prima dell inizio della scuola). Predisposizione degli spazi idonei all accoglienza. Festa dell Accoglienza. Conoscenza funzionale e consapevole degli ambienti scolastici. Giochi organizzati per piccoli gruppi. Percorsi didattici individualizzati per favorire l integrazione nel contesto classe-scuola. Utilizzo di canali comunicativi verbali e non verbali per favorire l integrazione: drammatizzazioni, giochi mimati, canti, ecc. Attività manipolative e grafico pittoriche in piccoli gruppi per la socializzazione. Organizzazione di giochi liberi e guidati. Racconti e letture dell insegnante. Attività creative in gruppi misti. Attività / giochi per favorire la reciproca conoscenza all interno del neonato gruppo classe/ sez. Tutoraggio degli alunni del secondo e terzo anno della scuola secondaria nei confronti dei nuovi arrivati. Tutoraggio dei bambini di cl. II nei confronti dei bambini di classe prima. Tutoraggio dei bambini più grandi della Scuola dell Infanzia nei confronti dei piccoli del primo anno. Giornata dell accoglienza nel mese di settembre per favorire la conoscenza dell ambiente scolastico, la socializzazione degli alunni e l integrazione con i ragazzi delle classi successive ( sc. Sec. ) Attività di monitoraggio per rilevare eventuali situazioni di disagio/agio scolastico che si presentano durante il triennio della scuola secondaria di primo grado Elaborazione e tabulazione dati finalizzati all impiego di strategie efficaci per migliorare / risolvere eventuali problematiche emerse RISORSE Docenti Scuola Secondaria Docenti Scuola Primaria. Docenti Scuola Infan. Personale ATA Enti locali (ATAC) PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Cerimonia dell accoglienza per la Secondaria Gioco-festa dell accoglienza per Infanzia e primaria Scambio doni di benvenuto Creazioni di cartelloni Canti mimati Drammatizzazioni spontanee ed interattive Rappresentazioni grafico-pittoriche Canti corali

7 PROGETTO CONTINUITÀ DESTINATARI: CONTINUITÀ: Bambini dell anno ponte della scuola dell infanzia, alunni delle Classi Quinte della Scuola Primaria, alunni del primo anno della Scuola Secondaria di Primo Grado TEMPI DI ATTUAZIONE: Intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI : Gruppo classe/sezione Gruppi intersezione Gruppi interplesso (scuola dell infanzia-scuola primaria e scuola primaria- scuola secondaria di primo grado) ORGANIZZAZIONE ORARIA: Orario curricolare Orario opzionale ( S. Primaria) OBIETTIVI Prevenire il disagio nel passaggio ad un ordine di scuola superiore Conoscere il nuovo ambiente scolastico e la sua organizzazione Favorire l integrazione degli alunni in ciascun ordine di Scuola Realizzare il raccordo programmatico tra i tre ordini di scuola Favorire la continuità del percorso formativo, utilizzando attività e linguaggi diversificati Coordinare gli interventi didattici, metodologici e valutativi Rafforzare la fiducia, l autostima e la disponibilità alla cooperazione Incontri tra gli insegnanti dei tre ordini di Scuola per: ATTIVITÀ Scambio di informazioni sugli alunni nel mese di Settembre/Ottobre Confronto sui criteri di valutazione Raccordo programmatico -metodologico - didattico Formazione delle classi del primo anno di ogni ordine di scuola con la significativa presenza dei docenti dell ordine di scuola precedente (giugno) Incontri tra alunni dei diversi ordini di scuola Svolgimento di attività in comune e stage tra gli alunni destinatari del progetto Attività di tutoraggio tra alunni di classe quinta e bambini dell anno ponte della Scuola dell Infanzia Incontro con i bambini della Scuola dell Infanzia paritaria Visita e conoscenza dell edificio della Scuola Primaria Visita e conoscenza dell edificio della Scuola Secondaria di 1 grado Attività didattiche proposte dai docenti di Scuola Secondaria di Primo grado agli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria ITER DIDATTICO: filo conduttore dei tre ordini di scuola sarà Alla ricerca dei propri ritmi VERSO LA SCUOLA PRIMARIA Gli incontri tra gli alunni dei due ordini di scuola, le attività di Scuole Aperte e la Festa della Continuità saranno incentrate sulla lettura del libro Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza di Luis Sepulveda. SCUOLE APERTE: Nel mese di Dicembre gli alunni dell anno ponte della scuola dell Infanzia e le loro famiglie visiteranno le Scuole primarie ed effettueranno attività laboratoriali con gli alunni delle classi quinte. ITER PROGETTO Nel periodo Febbraio/Marzo si terrà il primo incontro tra alunni di classe quinta e i futuri alunni delle classi prime: si avvieranno le attività di tutoraggio con la formazione delle coppie, le attività di lettura e di produzione iconica da parte dei bambini; ad Aprile si terrà il secondo incontro per completare le attività avviate; tra la fine di Maggio e gli inizi di Giugno si concluderà il percorso con la Festa della Continuità. Le produzioni realizzate negli incontri saranno donate ai bambini di 5 anni in occasione della Festa della Continuità e saranno l abbellimento delle aule che i bambini ritroveranno alla primaria. VERSO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Mese di Ottobre: primo incontro tra docenti Scuola primaria/scuola Secondaria 1 per un primo confronto sulle metodologie e gli strumenti didattici utilizzati nei diversi ambiti disciplinari e per concordare le attività propedeutiche; Novembre (due incontri per la scuola primaria S.M 19-26/11 e un incontro per SMA 12/11): stage, attività con i docenti della Secondaria: i ragazzi si alterneranno in attività di italiano (raccordo primaria-grammatica), geografia (raccordo primaria-il territorio italiano), scienze, francese e spagnolo (giochi linguistici), visita della scuola; mese di Gennaio: secondo incontro tra docenti di Scuola Primaria e docenti di Scuola Secondaria 1 per concordare attività di preparazione delle lezioni in classe previste per Febbraio; realizzazione delle attività in classe concordate nei vari ordini di scuola; tra la 1 e la 2 settimana di Febbraio i docenti della scuola Secondaria incontreranno gli alunni delle classi quinte nella scuola primaria (n. 1 ora in ogni classe); a Giugno si terrà l incontro finale dei docenti per il passaggio delle informazioni al fine di formare classi eterogenee al loro interno ed equilibrate fra loro. RISORSE RISORSE Docenti Scuola dell infanzia Docenti Scuola Primaria Docenti Scuola Secondaria di 1 grado Personale ATA RISORSE Genitori Consulente di educazione musicale PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Scuole aperte per i genitori e gli alunni dell anno ponte della Scuola dell Infanzia. Festa della Continuità: bambini dell anno ponte della scuola dell Infanzia ed alunni di classe quinta per il passaggio delle consegne Scuola aperta per i genitori degli alunni delle classi quinte di Scuola Primaria, presso la Scuola Secondaria di primo grado

8 PROGETTO INCLUSIONE DESTINATARI: alunni BES, Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado, alunni L.104/ 92, Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado, alunni con certificazione DSA, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado. TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo classe, piccoli gruppi, laboratori ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare, laboratori opzionali OBIETTIVI Favorire la crescita di ognuno, la socializzazione e l acquisizione delle abilità e delle competenze di base. Promuovere una vita di relazione più ricca e serena, motivando e stimolando ciascun alunno a comunicare con vari linguaggi, di supporto a quello verbale. Raggiungere il successo formativo. Accrescere l autostima. Favorire negli alunni nuove forme di risposta a stimoli esterni attraverso attività con gli animali (ippoterapia) ATTIVITÀ Compilazione dei documenti previsti dalla legge utilizzando i modelli predisposti dall Istituto di appartenenza. Partecipazione ai progetti ed ai laboratori a cui aderiscono le singole classi /sezioni. Esercizi di psicomotricità. Drammatizzazione di letture. Lavoro per piccoli gruppi di recupero o in situazioni di apprendimento cooperativo. Raccordo degli interventi individualizzati con le attività della classe/sezione. Attività manipolative con materiali legati all esperienza quotidiana per favorire gli apprendimenti. Fruizione di software didattici in apprendimenti mirati. Fruizione della L.I.M. Ippoterapia e rieducazione equestre. Utilizzo di strumenti compensativi e di misure dispensative (quando necessario) dichiarati nel PEI o PDP e condivisi con la famiglia. RISORSE Insegnanti del team Insegnanti di sostegno Collaboratori scolastici Assistenti all autonomia e alla comunicazione. Sanitari appartenenti all ASUR o ad altri enti certificanti. Esperti dei singoli progetti. PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Documentazione dei percorsi didattici realizzati

9 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE DESTINATARI: Alunni della Scuola dell Infanzia Alunni della Scuola Primaria Alunni della Scuola Secondaria di I Grado TEMPI DI ATTUAZIONE: Intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione/classe Gruppi di intersezione omogenei e/o eterogenei per età ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario di laboratorio Orario extrascolastico OBIETTIVI Costruire occasioni di dialogo e riflessione partendo da episodi di vita quotidiana Scoprire nel gioco i valori di crescita personale, culturale e sociale Sviluppare la capacità di comprendere, condividere, aiutare e cooperare Stimolare l aggregazione, l accoglienza e l autostima superando gli egoismi e valorizzando le differenze Conoscere altre culture, rispettando e valorizzando le diversità Educare alla salute attraverso una sana alimentazione Conoscere i prodotti alimentari tipici del proprio territorio Promuovere il rispetto per l ambiente riconoscendolo patrimonio dell umanità e delle generazioni future Sensibilizzare i bambini/ragazzi su problematiche mondiali Costruire occasioni di riflessione e di dialogo sui temi dell aiuto gratuito, del volontariato e della solidarietà Saper cooperare per promuovere iniziative di solidarietà Promuovere lo sviluppo del senso civico e rispetto della legalità Coinvolgere attivamente studenti e famiglie ATTIVITÀ Giochi di interazione e confronto nel piccolo e grande gruppo Conversazioni guidate e simulazioni di situazioni conflittuali Giochi, conversazioni e simulazioni finalizzate all Educazione all Affettività Coinvolgimento consapevole in attività grafico pittorico manipolative, finalizzate al mercatino della solidarietà Conversazioni con i ragazzi della Scuola Secondaria di I grado sulle possibilità di destinazione della solidarietà (frutto dei Mercatini), individuazione delle associazioni e incontri con quella/e scelta/e Realizzazione di disegni per il calendario d Istituto che avrà come argomento l alimentazione (prodotti tipici delle Marche) in linea con le tematiche dell Expo 2015: ricerca dei vari prodotti alimentari tipici del territorio; manipolazione e attività multisensoriali del prodotto tipico preso in esame; studio della provenienza dei vari prodotti tipici e riflessioni sulle nomenclature (filiera corta e Km O ); produzioni grafico pittoriche e plastiche con il prodotto alimentare scelto (Il mio piatto creativo) Canti drammatizzazioni e coreografie Realizzazione di biglietti augurali Collaborazioni con l Ente locale (per il progetto Un sacco di bene ) ed enti di volontariato per la realizzazione concreta di iniziative di solidarietà (A.N.F.F.A.S., ANT, CROCE VERDE, EMERGENCY, UNICEF, Unicef- Scuola amica) Mr CITTADINO, ) enti istituzionali (carabinieri, finanza ) RISORSE RISORSE Docenti Personale ATA RISORSE Famiglie, Esperto musicale, Associazioni Varie PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Organizzazione di attività finalizzate alla solidarietà e alla pace Mercatini della solidarietà Calendario d Istituto Festa di Natale Partecipazione attiva ad iniziative umanitarie Partecipazione al progetto pilota regionale in collaborazione con l UNICEF Verso una scuola amica dei bambini e dei ragazzi Corrispondenza epistolare ed con i ragazzi di Belo Horizonte

10 PROGETTO LETTURA DESTINATARI: Tutte le sezioni della scuola dell infanzia Classi prime e seconde della scuola primaria Classi ponte: quinta primaria e prima secondaria Classi terze della scuola secondaria di primo grado TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione/intersezione/laboratorio (piccolo gruppo) Gruppo classe e opzionale e/o di laboratorio Gruppo classe o classi aperte ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario opzionale Orario curricolare (ora di approfondimento) OBIETTIVI ATTIVITÀ Sviluppare un atteggiamento affettivo e positivo verso le tecniche comunicative del libro e del film Stimolare il piacere della lettura e la curiosità verso il libro Sviluppare la capacità di ascolto Acquisire o potenziare la capacità narrativa Promuovere l espressività Ascoltare, comprendere e rielaborare storie ( brevi racconti/libri/film/testi teatrali) Riconoscere gli elementi fondamentali di una storia (ambienti, personaggi..) Sviluppare la padronanza del linguaggio per esprimersi e comunicare Migliorare le competenze fonologiche e lessicali Intervenire adeguatamente nelle conversazioni di gruppo Esprimere sentimenti e vissuti attraverso la drammatizzazione e le rappresentazioni grafico-pittoricoinformatiche-plastiche Favorire l uso di linguaggi diversi: verbale, mimico- gestuale, iconico e cinematografico e teatrale. Utilizzare le informazioni del testo per arricchire il proprio mondo di esperienze e conoscenze. Affinare la sensibilità estetica e il senso critico Sviluppare il pensiero creativo e divergente Promuovere l uso attivo dello spazio biblioteca e dello strumento Lim per favorire le proprie conoscenze Usare consapevolmente la biblioteca e la cineteca per conoscerne il regolamento Consultazione spontanea di giornalini e libri Fruizione della biblioteca scolastica Ascolto di brani, poesie e libri letti dagli insegnanti e dagli alunni Lettura di immagini e verbalizzazioni Documenti iconici, cinematografici e teatrali Lettura di storie e testi teatrali Drammatizzazioni, lettura animata, giochi di ruolo e di simulazione Produzioni grafico-pittoriche plastiche - informatiche attraverso l uso di varie tecniche Piani di lettura: comprensione analisi interazione rielaborazione - manipolazione Invenzione di racconti e di finali Visita alla biblioteca comunale S. Zavatti Visita ad una libreria Costruzione di libri Recensione orale e scritta Eventuali collaborazioni con gli enti territoriali RISORSE Docenti Personale ATA Biblioteca di plesso Aula multimediale e Lim Famiglie Biblioteca comunale Libreria del territorio Consulenti esterni per l attività teatrale PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Produzione di libri, di raccolte, di storie, di fiabe, di poesie e brevi performance teatrali Produzioni grafico pittoriche plastiche - informatiche Drammatizzazioni, canti e coreografie Partecipazione ad eventuali progetti proposti dagli Enti territoriali e provinciali

11 PROGETTO AMBIENTALE DESTINATARI: tutti gli alunni delle scuole dell infanzia e delle Scuole Primarie alunni delle classi prime della Scuola Secondaria di primo grado TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppi classe/sezione Gruppi opzionali ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Laboratori opzionale OBIETTIVI Sensibilizzare alunni e genitori sulle tematiche ambientali Acquisire comportamenti consapevoli a salvaguardia dell ambiente e improntati al rispetto delle norme ecologiche Prendere coscienza della stretta relazione tra benessere psicofisico e soddisfacimento dei bisogni Prendere coscienza dello stretto rapporto uomo-natura Conoscere e sensibilizzare ai comportamenti di alcuni animali d'affezione ATTIVITÀ Uscite sul territorio per l osservazione dell ambiente Osservazione dei cambiamenti stagionali Ricerca, attraverso l osservazione, delle caratteristiche dei quattro elementi: aria, acqua,terra, fuoco Attività di sperimentazioni laboratoriale e trasformazioni attraverso materiali di recupero Raccolta, analisi dei dati e rappresentazioni grafico pittoriche, istogrammi, ecc Rilevazioni di comportamenti ecocompatibili Coltivazioni di orti, giardini ecologici Piantumazione e rimboschimento Raccolta differenziata Esperienze presso aziende agricole Pet Teraphy Realizzazione su supporti digitali delle attività legate al programma eco-school. RISORSE Docenti Personale ATA Genitori-nonni, FEE, Legambiente, UPM, Enti Parco, WWF, Cosmari,, Comune, Provincia, Regione. Veterinario, Tecnico Pet Therapy PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Orto botanico e biologico Festa della primavera/ Operazione scuole pulite Costruzioni di oggetti con materiali di recupero Realizzazioni di prodotti multimediali Documentazione finale / stesura degli steps per il programma eco-school. ( per bandiera verde )

12 PROGETTO SALUTE-SICUREZZA - ALIMENTARE DESTINATARI: Alunni dell Istituto Comprensivo TEMPI DI ATTUAZIONE: Intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione Gruppo classe Gruppi di intersezione Gruppi di plesso ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Laboratorio OBIETTIVI ATTIVITÀ Promuovere: la conoscenza nell ambiente scolastico ed extrascolastico delle diverse fonti di pericolo e mettere in atto comportamenti idonei alla prevenzione ed alla sicurezza di ogni singola persona il rispetto delle regole e l esecuzione degli incarichi ricevuti le esperienze che possono accrescere l autonomia e la responsabilità alcuni essenziali principi relativi al proprio benessere psico-fisico legati alle cure del proprio corpo e ad un corretto regime alimentare il pieno sviluppo dell individuo in armonia con se stesso, con gli altri e con il proprio ambiente. Educare i ragazzi (3 media) ad un uso consapevole del ciclomotore, informarli sulle norme Codice della strada. Sensibilizzarli all uso del casco. Educazione alla sicurezza in ambienti interni ed esterni alla scuola Individuazione delle fonti di pericolo (spigoli, scale, parapetti, finestre, elettricità, sostanze nocive) Individuazione di comportamenti che possono causare incidenti (correre in modo sfrenato, fermarsi dietro le porta delle aule, giocare e gettare acqua nei bagni) Esplorazione dell ambiente per individuare gli strumenti relativi alla sicurezza: estintori, insegne della sicurezza, planimetrie, sirena e conoscenza della loro funzione Individuazione delle uscite di emergenza Giochi di simulazione per far acquisire padronanza nelle operazioni di evacuazione Analisi di situazioni vissute e/o raccontate e conversazioni guidate sui comportamenti corretti e scorretti Assegnazione di responsabilità previste dal piano di evacuazione ( alunni apri-fila, chiudi-fila, fila indiana, andatura svelta.) Conoscenza delle regole basilari sulla sicurezza stradale ( segnali stradali, comportamenti pedonali corretti ) e riflessione sui comportamenti corretti e scorretti del pedone, del ciclista e del passeggero Rappresentazioni grafiche delle esperienze e realizzazione di elaborati Prove di evacuazione da effettuarsi almeno due volte nell arco dell anno scolastico Incontri con i vigili del fuoco, i vigili urbani, gli operatori del 118, gli operatori della Polizia di Stato la guardia costiera, i carabinieri, la Guardia di Finanza, la Croce Verde. Educazione alimentare Scoperta attraverso i sensi delle caratteristiche di alcuni cibi Confronti e discussioni sulle diverse abitudini alimentari Incontri con il dietologo per una corretta alimentazione Partecipazione al progetto della ASUR Il Mercoledì della frutta Partecipazione al progetto nazionale La frutta nelle scuole RISORSE Docenti Personale non docente Dipartimento prevenzione e servizio igiene alimenti e nutrizione Dietologo Vigili urbani Vigili del fuoco Croce verde Protezione civile Polizia di stato Guardia di finanza Carabinieri Guardia costiera PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALLA EXTRASCUOLA Documentazione dei percorsi didattici ( cartelloni, manuali ecc.) Partecipazione ad eventi proposti dall Ente Comunale, Provinciale ecc.

13 PROGETTO LINGUE STRANIERE DESTINATARI: alunni di 4-5 anni; alunni classe terza quarta e quinta (Sc. Primaria); alunni classi prime, seconde, terze (Sc. Secondaria I grado) TEMPI DI ATTUAZIONE: : ottobre- aprile (Sc. Infanzia) ottobre dicembre...(sc. Primaria lettorato) gennaio-maggio..... (Sc.Primaria certificazione TRINITY) ottobre- aprile (Sc. Secondaria- Lettorato) febbraio-aprile.(sc.secondaria - Certific.azioni Ket\Delf\Dele) ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione e intersezione Gruppo omogeneo per età Gruppo di livello (sc. Primaria e Secondaria I gr.) Laboratori opzionali (sc. Primaria e Secondaria I gr.) ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare (sc. Infanzia) Orario curricolare- opzionale (Primaria) Orario opzionale pomeridiano (sc. Secondaria I gr.) OBIETTIVI SC. INFANZIA Stimolare la motivazione all apprendimento della L2 Salutare nel registro formale-informale Favorire la conoscenza e la scoperta di culture e civiltà diverse dalla propria, per un confronto tra molteplici realtà Promuovere la conoscenza delle principali strutture lessicali (numeri, colori, parti del corpo, famiglia) SC. PRIMARIA/ SECONDARIA I GR. Stimolare la motivazione all apprendimento della L2 Sviluppare la capacità di ascolto e comprensione dei messaggi Usare la lingua L2 in contesti di vita quotidiana Stimolare la produzione di messaggi in un lessico gradualmente più ampio Potenziare la capacità di comunicazione quotidiana nella lingua orale e scritta ad un livello di base Rafforzare la conoscenza e l uso delle principali strutture e funzioni linguistiche Arricchire il lessico della L2 Promuovere la consapevolezza del proprio livello di conoscenza della L2 ATTIVITÀ Giochi di gruppo Attività grafico-pittoriche Schede operative Ascolto di CD e audiocassette Memorizzazioni di canti e filastrocche Conversazioni in circle-time Visione di VHS e DVD Attività di ascolto e comprensione di messaggi Produzione orale in L2 Attività ludico-musicali in L2 finalizzate alla memorizzazione di vocaboli e al consolidamento di strutture e funzioni linguistiche Produzione orale e scritta in L2 di argomenti di vita quotidiana Attività con esperto esterno di madrelingua: alunni 4/5 anni; alunni cl. V (scuola Primaria); alunni cl. I- II- III ( Second. I gr.) RISORSE Referenti del progetto (Sc. Infanzia) Insegnanti di lingua inglese, francese, spagnola Esperto di madrelingua inglese, francese, spagnolo(sec.ig) Esperto di madrelingua inglese proposto dall Associazione International Experienc (Sc.Inf e Primaria) PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Raccolta dei lavori svolti (Sc. Infanzia) Cartelloni,canti, foto Esame orale in L2 con un docente di madrelingua scelto dall Ente Certificatore TRINITY (Scuola Primaria) Esame orale, scritto e di ascolto in L2 con un docente di madrelingua proposto dagli Enti Certificatori

14 PROGETTO MULTIMEDIALE /GRAFICO-EDITORIALE DESTINATARI: Tutti gli alunni (multimediale); alunni 5 anni Scuola dell Infanzia alunni classi 4 Scuola Primaria alunni classi seconde Scuola Secondaria di 1 grado (grafico-editoriale) TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppi intersezione/ sezione o classe/ gruppi di laboratori curricolari e opzionali ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario opzionale OBIETTIVI Utilizzare mezzi tecnologici multimediali per favorire gli incontri, gli scambi, le interazioni, le collaborazioni tra gli alunni. Agevolare i processi educativi e gli apprendimenti. Acquisire le abilità di base per l utilizzo di programmi specifici. Utilizzare mezzi tecnologici multimediali per favorire la comunicazione di una pluralità dei linguaggi. Utilizzare il giornalino scolastico come strumento di comunicazione e di apertura della scuola al territorio. Promuovere le abilità di scrittura. Sviluppare il pensiero creativo. Comunicare adeguatamente con gli altri scegliendo il destinatario e lo scopo. Attivare momenti di ascolto e di riflessione critica e consapevole. Sensibilizzare gli alunni verso le problematiche della società che li circonda. Collaborare per il raggiungimento di uno scopo comune. ATTIVITÀ Conoscenza e utilizzo di programmi quali: Paint, Word. Conoscenza ed utilizzo di dispositivi e stampanti e macchine digitali. Utilizzo di software didattici. Uso di Internet per ricercare informazioni e comunicare messaggi. Conoscenza ed utilizzo del programma specifico di impaginazione Publisher per la realizzazione del giornalino. Produzione di articoli di cronaca relativi a fatti e avvenimenti della vita scolastica e/o socio-culturale. Raccolta e selezione di produzioni varie delle classi/ sezioni. Distribuzione del giornalino da parte della redazione nelle classi. Realizzazione di interviste, elaborazione di racconti di fantasia o introspezione. Conoscenza della struttura del giornale. Lettura e commento in relazione a:quotidiani, riviste, giornalino scolatico. RISORSE Docenti Personale ATA Giornalista di cronaca nazionale PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Realizzazione dei Giornalino dell Istituto Comprensivo LA GAZZETTA DI VIA TACITO Partecipazione ad eventuali concorsi

15 PROGETTO EDUCAZIONE FISICA DESTINATARI: alunni Scuola dell Infanzia, alunni Scuola Primaria, alunni Scuola Secondaria di 1 grado TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo classe/sezione Gruppi intersezione Gruppo omogeneo/eterogeneo per età Gruppo eterogeneo di livello Laboratori opzionali Gruppo rappresentativo d istituto (scuola secondaria I grado) ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario opzionale Orario extracurricolare per alunni (scuola secondaria I grado) Orario extracurricolare per insegnanti OBIETTIVI Vivere pienamente la propria corporeità e percepirne il potenziale comunicativo ed espressivo Acquisire consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali Essere consapevole delle proprie abilità e delle proprie competenze motorie e sportive sia nei punti di forza e sia nei limiti Valorizzare il gioco e lo sport come spazio privilegiato di comunicazione, di apprendimento, di socializzazione e di integrazione Promuovere l acquisizione di stili corretti di vita Comprendere, all interno delle varie occasioni di gioco e di sport (fair play), il valore delle regole e l importanza di rispettarle Acquisire un corretto atteggiamento competitivo ed una cultura sportiva personale, valorizzando le attitudini dell allievo Riconoscere, ricercare ed applicare a se stesso comportamenti di promozione dello star bene in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione ATTIVITÀ Le attività ludico/motorie e sportive prevedono: giochi posturali, esercizi ritmici, percorsi motori, giochi polivalenti, giochi sportivi propedeutici alla pratica di sport, giochi di squadra, lezioni teoriche di promozione/approfondimento e conoscenza di sport specifici, tornei interni tra classi /scuole, gare d istituto visite ed uscite in ambiente naturale a carattere motorio-sportive, centro sportivo scolastico RISORSE Docenti Scuola dell infanzia Docenti Scuola Primaria Docenti scuola secondaria di primo grado Personale ATA Esperti e tecnici di società sportive Esperti C.O.N.I. Genitori Consulente di musica Ente locale M.I.U.R. P.C.M. Esperto foto/video PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Giochi dell amicizia Giochi della gioventù Giochi sportivi studenteschi

16 PROGETTO SI FA CORO ORCHESTRA CHE PASSIONE DESTINATARI: Tutti gli alunni della Scuola dell Infanzia Tutti gli alunni delle classi quarte e quinte Scuola Primaria SI FA CORO Tutti gli alunni della scuola secondaria di 1 grado ORCHESTRA CHE PASSIONE Alunni dai 6 ai 14 anni in orario opzionale SI FA CORO OPZIONALE Genitori, insegnanti, ex alunni e adulti del territorio SI FA CORO SENIOR TEMPI DI ATTUAZIONE: da Novembre a Giugno alunni scuola primaria: intero anno scolastico; alunni scuola secondaria di primo grado :108 ore per le prime da Novembre a Giugno ( esperti esterni ), 108 ore da Novembre a Giugno per le seconde ; le classi prime, le seconde e le terze da Settembre a Giugno ( insegnanti curricolari ). ORGANIZZAZIONE ALUNNI SCUOLA PRIMARIA: Classe intera Gruppi di intersezione Laboratori opzionali SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO: Attività corale e strumentale per classi parallele nelle due aule di musica. ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario extracurricolare Orario opzionale OBIETTIVI Potenziare le capacità comunicative ed espressive non verbali attraverso il linguaggio musicale e gestuale. Utilizzare il linguaggio musicale per esprimere emozioni e sentimenti. Consolidare gli elementi base del codice musicale. Usare le risorse espressive della vocalità intonando brani polifonici. Acquisire tecnica strumentale attraverso un percorso graduale di musica d insieme. ATTIVITÀ Ascolto guidato di brani musicali Esercitazioni con vocalizzi Riproduzione di ritmi e suoni Canto corale di voci bianche Canti corali ispirati a particolari tematiche Apprendimento di lettura musicale attraverso metodologia di carattere operativo Esercitazione pratica di tecnica strumentale: violino, violoncello, tastiera, chitarre, flauti e percussioni. RISORSE PERSONE:Docenti Personale ATA STRUMENTI: aule specialistiche, strumenti musicali PERSONE:Consulente di musica: - maestro di Canto - maestro di Strumento Collaborazione Ente Locale STRUMENTI: aule specialistiche, strumenti musicali (violino, violoncello e chitarra) PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Esibizione della corale scolastica Si Fa CORO Partecipazione a rassegne e/o concorsi canori e musicali Esibizione orchestrale Esibizione corale: SI FA CORO SENIOR

17 PROGETTO ANIMAZIONE TEATRALE DESTINATARI: : alunni della Scuola Primaria classi prime della Scuola Secondria di Primo Grado TEMPI DI ATTUAZIONE: : Intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Piccoli gruppi omogenei per età Gruppi intersezione Laboratori opzionali, curricolari ed extracurricolari ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare Orario extracurricolare Orario opzionale OBIETTIVI Utilizzare l animazione teatrale per: sviluppare le proprie capacità ed abilità espressive del corpo e della voce conoscere se stesso, scoprire e saper indirizzare la propria energia e azione in modo positivo scoprire e superare alcuni dei propri limiti insieme agli altri sviluppare l'autostima attraverso una ridefinizione dei rapporti con gli altri assumere ruoli diversi per provare a vivere esperienze da punti di vista diversi sperimentare la formalizzazione delle scene e il lavoro creativo sul personaggio e sulla storia ATTIVITÀ FASE PROPEDEUTICA Giochi di ruoli Giochi di contatto e di fiducia per favorire la relazione Giochi per migliorare l autostima Attività di improvvisazione Giochi di mimo e di imitazione Ascolto di brani musicali e interpretazione ritmica degli stessi Riproduzione di ritmi e suoni Comunicazione attraverso il linguaggio corporeo Tecniche di rilassamento Recitazione di filastrocche e scioglilingua per migliorare la dizione Lettura e drammatizzazione di storie Attività per modulare la voce FASE IDEATIVA Ascolto e comprensione di letture Produzioni orali e scritte Strutturazione del canovaccio Scrittura della sceneggiatura RISORSE FASE RAPPRESENTATIVA Assegnazione delle parti Coreografie Canti Realizzazione scenografie e costumi Prove Docenti Esperto teatrale Esperto musicale Esperto di espressione corporea PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Coreografie Scenografie Animazioni teatrali Drammatizzazioni Partecipazione alla Rassegna Teatrale promossa dal Comune di Civitanova Marche

18 PROGETTO PROMOZIONE DELL AGIO DESTINATARI: alunni, docenti e genitori dell'istituto comprensivo TEMPI DI ATTUAZIONE: intero anno scolastico ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo classe Gruppo di intersezione Gruppo omogeneo per età: gruppi di livello a classi aperte Laboratori opzionali Interventi individualizzati ORGANIZZAZIONE ORARIA orario curricolare orario extracurricolare orario opzionale OBIETTIVI ATTIVITÀ RISORSE PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Docenti Favorire nell'alunno il raggiungimento di un equilibrio tra sé e l ambiente che lo circonda per conquistare autonomia, competenze e maturare la propria identità, intervenendo su: -Asse affettivo relazionale (rapporto alunno alunno, alunno adulto, alunno - spazi) -Asse cognitivo Asse dell'apprendimento Personalizzare il processo d insegnamento - apprendimento Coinvolgere le famiglie nel processo formativo Offrire a tutti i docenti approfonditi percorsi formativi sui temi del disagio e consulenza psicodidattica per casi di disagio Star bene a scuola e fuori Promuovere lo sviluppo della personalità Favorire il rispetto e la stima di sé e dell altro Promuovere la partecipazione attiva Promuovere la consapevolezza dell importanza del proprio ruolo all interno di un gruppo Sperimentare lo strumento del dialogo come mezzo per risolvere i conflitti Migliorare le abilità e le conoscenze disciplinari Accrescere l autostima Promuovere l'apprendimento metacognitivo Valorizzare le risorse personali di ognuno Genitori: Sportello di consulenza psico-pedagogica Incontri su tematiche educative Sportello d'ascolto (consulenza psico-pedagogica finalizzata anche all'orientamento) Docenti: Analisi dei bisogni educativo-formativo-didattici delle classi. Rilevazione di situazioni di disagio. Compilazione di modelli predisposti dall Istituto per la rilevazione di situazioni di disagio. Sportello di consulenza psico-pedagogica Sportello d'ascolto (consulenza psico-pedagogica finalizzata anche all'orientamento) Strumenti e attività orientati al recupero e alla promozione dell agio Didattica laboratoriale Corsi di formazione Alunni: Organizzazione dei seguenti laboratori didattici curricolari e/o opzionali: laboratorio di canto corale, grafico-editoriale, grafico espressivo, di animazione teatrale, multimediale, motorio, manipolativo, scientifico, comunicativo-espressivo. Attivazione di gruppi di ascolto per facilitare il dialogo (circle time) Attuazione di un sistema di valutazione che favorisca il confronto con se stessi Screening per evidenziare difficoltà nella letto-scrittura (Classi prime scuola primaria) Screening per la rilevazione dei casi di BES Utilizzo di strategie diversificate per facilitare l apprendimento Attività propedeutiche per la prevenzione di problematiche specifiche dei disturbi di apprendimento e/o di comportamento Attività di supporto educativo in classe per situazioni di grave disagio comportamentale Attività di recupero in orario curricolare attraverso gruppi di livello, cooperative-learning, peer-tutoring Mostra dei percorsi didattici Rappresentazioni relative ai laboratori attuati Documentazione delle attività di formazione Esperti per: sportello psico-pedagogico; corsi di aggiornamento ASUR; Assistenza Famiglia Nuova Psicologi che collaborano con la scuola Educatori (Progetto integrato Comune) ASUR: Progetto Famiglia, dipendenze, territorio POLIZIA POSTALE (cyber bullismo ed uso dei social network)

19 PROGETTO ARTE E IMMAGINE LINGUA - LINGUAGGI UNA RETE DI COLORI DESTINATARI: Tutti i bambini della Scuola dell Infanzia TEMPI DI ATTUAZIONE: Ottobre/Maggio ORGANIZZAZIONE ALUNNI Gruppo sezione Gruppo intersezione Laboratorio in piccolo gruppo omogeneo e/o eterogeneo ORGANIZZAZIONE ORARIA Orario curricolare OBIETTIVI Utilizzare in modo creativo varie tecniche e modalità espressive Esprimere la propria creatività e le proprie emozioni attraverso il linguaggio verbale e non Scoprire l'esistenza di più linguaggi per esprimersi (corporeo, canoro, iconico, musicale) Interagire e cooperare nel piccolo gruppo per fini comuni Scegliere con cura materiali e strumenti in relazione al progetto da realizzare ATTIVITÀ Produzioni con materiali di riciclo e occasionali Espressione corporea e musicale (cantare, suonare, muoversi insieme) Produzioni grafico-pittoriche e plastiche attraverso l'uso di tecniche diverse Uso e manipolazione di materiale vario Realizzazione di oggetti per il mercatino della solidarietà Tagliare, ritagliare, incollare, decorare e creare Attività finalizzate alla condivisione di spazi e tempi e alla negoziazione di regole comuni RISORSE Docenti Personale ATA PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Cartelloni, produzioni decorative e artistiche, plastici Mercatino della solidarietà con produzioni degli alunni Drammatizzazioni Scenografie Feste

20 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI DESTINATARI: tutti gli alunni stranieri presenti nell'istituto Comprensivo TEMPI DI ATTUAZIONE: nelle classi /sezioni : intero anno scolastico; nel laboratorio : periodo intensivo definito, periodo a scalare (secondo necessità) ORGANIZZAZIONE ALUNNI classe /sezione di appartenenza gruppi di livello ( nel laboratorio linguistico) laboratori opzionali ORGANIZZAZIONE ORARIA orario curricolare orario extracurricolare OBIETTIVI ACCOGLIENZA Diminuire il disagio del primo inserimento Favorire le relazioni all interno del gruppo classe Far conoscere ambienti, persone, funzioni vicine all esperienza quotidiana INTEGRAZIONE Facilitare la comprensione di messaggi brevi e contestualizzati Favorire la capacità di esprimere i propri bisogni Favorire il dialogo tra coetanei e con gli adulti Facilitare l apprendimento di L2 in modo naturale e spontaneo Conquistare una progressiva e maggiore integrazione nell attività di classe Conoscere le caratteristiche culturali, religiose e sociali dei paesi di provenienza e di residenza Coinvolgere le famiglie immigrate in attività extracurricolari per permettere un integrazione serena Promuovere il pluralismo culturale ATTIVITÀ ACCOGLIENZA Diminuire il disagio del primo inserimento Favorire le relazioni all interno del gruppo classe Far conoscere ambienti, persone, funzioni vicine all esperienza quotidiana INTEGRAZIONE Facilitare la comprensione di messaggi brevi e contestualizzati Favorire la capacità di esprimere i propri bisogni Favorire il dialogo tra coetanei e con gli adulti Facilitare l apprendimento di L2 in modo naturale e spontaneo Conquistare una progressiva e maggiore integrazione nell attività di classe Conoscere le caratteristiche culturali, religiose e sociali dei paesi di provenienza e di residenza Coinvolgere le famiglie immigrate in attività extracurricolari per permettere un integrazione serena Promuovere il pluralismo culturale RISORSE docenti della classe / sezione di appartenenza docenti della classe immediatamente inferiore facilitatore linguistico mediatore linguistico PRODUZIONI/ MANIFESTAZIONI ALL EXTRASCUOLA Progetto in rete: Gli alfabeti di Babele

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016 PROGETTI SCUOLA PRIMARIA SOLBIATE A.S. 2015-2016 PROGETTO SPORT Classi prima seconda terza quinta Il progetto di avvale della consulenza e collaborazione di esperti di Educazione motoria della Polisportiva

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE.

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. PROGETTI SPECIFICI Scuola dell infanzia di Cuasso al Monte I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. Attività psicomotoria

Dettagli

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA INDICE Il piano dell offerta formativa:premessa Vision e mission dell Istituto2 Le nostre scuole Contesto di riferimento Analisi dei bisogni formativ Offerta formativa Scelte

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva DI TUTTE LE CLASSI DEL PLESSO DI S. ANTONIO a. s. 2014/2015 Le insegnanti del Plesso già nel mese di giugno avevano verificato

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE. ARTI IN.. MOVIMENTO Il progetto Ragnatele sonore viene attivato all interno della Scuola materna dell Istituto comprensivo e interesserà tutti gli allievi del plesso e punterà a facilitare uno sviluppo

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14

Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14 Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14 Progetti di Istituto di Attività Motoria Corriamo. Tutti Insieme Educare allo sport in ambito scolastico. Alunni e alunne della scuola dell

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Alessandra Pallotti e Suor Laurentina Kadinde PREMESSA Questo progetto coinvolge tutti i bambini della nostra scuola con una serie di proposte che

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Sandra Serafini e Monia Cavallini PREMESSA Questo progetto coinvolge tutti i bambini della nostra scuola con una serie di proposte che promuovono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore Periodo Settembre - Novembre 2013 AFRODITE le rose dell amore Avviarsi comprendere /Comprendere/Pot

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA. plesso Polo

P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA. plesso Polo P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA plesso Polo 1 ACCOGLIENZA Docente referente: Colomba Maristella Docenti coinvolti: Le docenti di sezione della scuola dell'infanzia. Alunni coinvolti:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA. Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie

CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA. Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie Porre al centro del progetto educativo l alunno significa attribuire una grande attenzione all originalità di ciascuno, rispettare

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA ACQUATICITÀ Alunni al secondo anno di frequenza della Scuola dell Infanzia Promuovere la conquista dell autonomia e il rafforzamento del proprio sé Consolidare la conoscenza del corpo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI PER UNA SCUOLA MIGLIORE PIANO EDUCATIVO ZONALE 2015/2016 REFERENTE PEZ - CAROSI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI - CAI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERII -

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

Sez. 3: SERVIZI DI INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO

Sez. 3: SERVIZI DI INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica PROGETTO Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza Titolo del progetto annuale 2015/ 2016 Giochiamo alla musica Responsabile progetto:

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013

Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013 Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013 Il Piano dell Offerta Formativa Esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che una scuola adotta nell ambito della sua

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA DI BINAGO A.S. 2015-2016

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA DI BINAGO A.S. 2015-2016 PROGETTI SCUOLA PRIMARIA DI BINAGO A.S. 2015-2016 PROGETTO ACCOGLIENZA E CONTINUITA Classi prime seconde terza quarte quinte Favorire un sereno inserimento degli alunni nelle nuove realtà scolastiche Creare

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO Sezione 1 DESCRITTIVA ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE URANO SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 1.1 Denominazione del Progetto Indicare Codice e denominazione del progetto LaboratoriaMENTE

Dettagli

La musica è primaria

La musica è primaria La musica è primaria Motivazioni Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di stimoli sonori diversi, il cui eccessivo e disorganico sovrapporsi può comportare

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROGETTAZIONE CURRICULARE a.s. 2014-2015

PROGETTAZIONE CURRICULARE a.s. 2014-2015 PROGETTAZIONE CURRICULARE a.s. 2014-2015 Le OLIMPIADI dei GIOCHI logici, linguistici e matematici Al fine di valorizzare le eccellenze presenti all interno del nostro istituto, alcuni alunni parteciperanno

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Sez. 2: SERVIZI DI SUPPORTO AI PROCESSI DI INSEGNAMENTO. 2.1 Conosciamo le lingue straniere pag. 2. 2.2 Ampliamo le opportunità di formazione pag.

Sez. 2: SERVIZI DI SUPPORTO AI PROCESSI DI INSEGNAMENTO. 2.1 Conosciamo le lingue straniere pag. 2. 2.2 Ampliamo le opportunità di formazione pag. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA PRIMARIA 2009/2010 Titolo del progetto Responsabile/i TEATRO A SCUOLA Smorlesi Daniela Maccioni Martina Scuola Primaria: -classi prime -classi terze L attività di teatro per la sua valenza

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE CHI SIAMO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI DI MONZA E FORMATA DA DUE PLESSI : PLESSO ARDIGO : via Magellano, 42 PLESSO

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI P R O G E T T O D I C I R C O L O NOI A SCUOLA DI RACCONTERIA PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI PREMESSA Com è possibile riuscire a far sì che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'...

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MALFATTI CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... Premessa Il Natale, è una delle ricorrenze più ricche di significato

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI -TR

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI -TR PROGETTO DI TIROCINIO DIRETTO Premessa La scuola presenta la sua candidatura per l accreditamento nell elenco delle istituzioni scolastiche che accoglieranno gli studenti universitari per lo svolgimento

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PROGETTI della SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PROGETTO EDUCAZIONE ALLA SOCIOAFFETTIVITA Il progetto sperimenta la tecnica del Circle Time, rispondendo al bisogno dei discenti di esplorarsi attraverso attività

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO CHI SIAMO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO SI TROVA IN VIA MAGELLANO 42 FA PARTE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA RAIBERTI DIRIGENTE SCOLASTICO: Dott.

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Via Nigoline, 16 25030 ADRO (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 I nostri spazi 5 sezioni 2 bagni con servizi igienici

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Progetto A.M.I.C.O. Azioni Metodologiche ed Iniziative per la Cooperazione aa.ss. 2014/2015 Sede/i di realizzazione del progetto: Plessi di scuola primaria della

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado Cerreto Sannita - San Lorenzello PROGETTO CONTINUITA EDUCATIVA REGOLIAMOCI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PREMESSA

Dettagli