La comunicazione internazionale di marketing (Prof. Tonino Pencarelli)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione internazionale di marketing (Prof. Tonino Pencarelli)"

Transcript

1 La comunicazione internazionale di marketing (Prof. Tonino Pencarelli) I paradigmi teorici Lo sviluppo di network interorganizzativi L integrazione dei processi di comunicazione internazionale Tonino Pencarelli 1

2 Di Gregorio A., 2003 La comunicazione internazionale di marketing, Cap. 1 Strategia e comunicazione per lo sviluppo internazionale: i paradigmi teorici Tonino Pencarelli 2

3 Introduzione Perché espandersi nei mercati internazionali? Concorrenza multinazionale e concorrenza globale Come entrare nei mercati internazionali (le opzioni strategiche) Tonino Pencarelli 3

4 Perché espandersi nei mercati internazionali? Accedere a nuovi mercati di sbocco: internazionalizzarsi = + ricavi, + profitti = crescita, specialmente quando il mercato interno è maturo Acquisire fattori produttivi a migliori condizioni (maggiore qualità o minor costo) Ridurre i costi a causa delle economie di scala e della curva di esperienza, ciò procura vantaggio competitivo (leadership di costo) Ripartire il rischio Tonino Pencarelli 4

5 Concorrenza internazionale nei settori: Multinazionale VS Globale Concorrenza multinazionale Assenza di una stretta connessione tra i mercati, che sono INDIPENDENTI. Diversità nelle preferenze dei consumatori e nelle forze competitive Esempi: banche, abbigliamento, ecc. Un settore multinazionale può evolvere e diventare globale Concorrenza globale Le condizioni competitive dei vari mercati nazionali presentano una correlazione tale da creare un mercato globale. I concorrenti di confrontano direttamente su più paesi Esempi: automobile, bevande, tecnologia, ecc. Tonino Pencarelli 5

6 Le opzioni strategiche per l ingresso nei mercati internazionali RAPPORTI COMMERCIALI Esportazioni: coinvolgimento limitato, poco rischioso per sondare il terreno. Utilizza la capacità produttiva già presente nel paese di origine (crescita interna, basso grado di coinvolgimento dell impresa) INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI (FDI) Acquisizioni di aziende già operanti all estero o fusioni, fino ad arrivare alla creazione di una consociata completamente integrata con la casa madre. ALLEANZE STRATEGICHE e ACCORDI DI COOPERAZIONE CON IMPRESE ESTERE Equity (che prevede la creazione di nuove imprese joint venture) o NON Equity. I vantaggi sono legati alle economie di scale, all accesso più rapido ai mercati esteri, al trasferimento di competenze, al mantenimento dell autonomia e alla flessibilità. I rischi sono legati alla scelta del partner e alle differenze culturali. Tonino Pencarelli 6

7 Come competere nei mercati internazionali? THINK GLOBAL, ACT GLOBAL Strategia globale APPROCCIO INVARIATO in tutti i paesi CENTRALIZZARE le decisioni Adatta quando le condizioni sono omogenee (concorrenza globale) THINK LOCAL, ACT LOCAL Strategie localizzate ADEGUARE l offerta (strategia di base) DELEGARE l elaborazione della strategia ai manager locali Adatta quando le differenze sono marcate (concorrenza multinazionale) THINK GLOBAL, ACT LOCAL COMBINAZIONE di elementi (modello ibrido) Stessa strategia di base ma con varianti nel marketing mix Delegare spazi di manovra ai manager locali Tonino Pencarelli 7

8 Tendenze ambientali Crescente omogeneizzazione dei gusti, delle preferenze, degli stili di vita Diffusione del progresso tecnologico oltre i confini Riduzione delle barriere istituzionali Sviluppo dei mezzi di comunicazione e trasporto Specificità locali con importanza ancora cruciale Tonino Pencarelli 8

9 La strategia globale (global global) L impresa considera il mondo come un unico grande mercato nel quale possono essere ignorate le specificità nazionali. Risulta quindi tanto più efficace quanto più la concorrenza assume i caratteri della concorrenza globale (difficile da segmentare su base geografica) Le imprese vincenti saranno quelle che proporranno ai diversi mercati un offerta standard di qualità e prezzi competitivi Necessità di una cultura organizzativa orientata alla globalità Tonino Pencarelli 9

10 Target Fattori che influenzano la Natura del prodotto standardizzazione Posizione competitiva, posizionamento strategico, quote di mercato simili al mercato domestico Caratteristiche fisiche, legali, politiche, infrastrutturali locali Caratteristiche dell impresa (orientamento alla globalità) Tonino Pencarelli 10

11 La strategia globale nella matrice delle strategie internazionali Economic integration: Grado di integrazione economica tra i diversi mercati ALTO BASSO 1. Strategia GLOBALE PURA BASSO ALTO National responsiveness: Grado di risposta alla specificità nazionali Tonino Pencarelli 11

12 Lo sviluppo di una strategia globale 1. Sviluppo del nucleo della strategia partendo dal mercato domestico. 2. Internazionalizzazione del nucleo della strategia tramite l esportazione e l adattamento delle attività. 3. Globalizzazione del nucleo della strategia in modo da renderlo applicabile all interno delle diversi nazioni. Tonino Pencarelli 12

13 La strategia globale e CATENA DEL VALORE la Le attività della catena del valore sono localizzate nel luogo in cui possono essere realizzate al livello più efficiente ed efficace ALTO Coord. delle attività BASSO Strategia GLOBALE PURA DISPERSA CONCENTRATA Configurazione delle attività Tonino Pencarelli 13

14 Strategia globale - VANTAGGI Riduzione dei costi Miglioramento della qualità dei prodotti e dei programmi Maggiore capacità di rispondere alle manovre concorrenziali (numero maggiore di paesi) Affermazione di un immagine di marca di tipo globale Vantaggi organizzativi (minor complessità) Tonino Pencarelli 14

15 Strategia globale - LIMITI Difficilmente un unica offerta standardizzata può far superare le barriere culturali, geografiche, amministrative ed economiche. Allontana l impresa dai clienti. Riduce le consociate a semplici esecutori frenando i processi di apprendimento e la creatività del management locale Fortemente legata alla strategia di leadership di costo Rallentamento del processo decisionale Conflitti organizzativi Freno alla capacità creativa e innovativa Fluttuazione delle valute nei vari paesi ove si localizzano le attività per ridurre i costi Tonino Pencarelli 15

16 Un approccio standardizzato si dice fattibile quando non sussistono vincoli che lo rendano impraticabile (beni industriali). Un approccio globale si dice desiderabile quando, Indipendentemente dalle condizioni di fattibilità, è rilevabile un omogeneità culturale tra i diversi mercati/paesi che implichi una simile omogeneità dei comportamenti dei consumatori. Infatti è molto importante tenere in considerazione elementi come: - grado di alfabetizzazione di un paese - restrizioni legislative - infrastrutture comunicative Tonino Pencarelli

17 VALUTAZIONE DEL GRADO DI STANDARDIZZAZIONE DELLA PUBBLICITÀ È un esigenza della strategia globale. La pubblicità globale scompone la strategia pubblicitaria in: 1. Brand strategy (obiettivi, target della campagna, value proposition) 2. Copy strategy (specificazione del contenuto dei messaggi) 3. Media strategy (selezione media che saranno usati per trasmettere i messaggi) Tonino Pencarelli

18 Strategia globale e scelte di comunicazione di marketing Nella letteratura esistono altri modelli che osservano le strategie considerando coppie di variabili (prodotto comunicazione; marca pubblicità; marca prodotto, ecc.) Comunicazione standardizzata significa replicazione di quella domestica La comunicazione globale è pensata per la dimensione globale STANDARD Marca LOCALE Strategia GLOBALE STANDARD LOCALE Pubblicità Tonino Pencarelli 18

19 Strategia globale e struttura organizzativa Modello geocentrico: forte accentramento di potere e centralizzazione della attività. Le consociate sono appendici logistiche ed operative utilizzate per raggiungere i mercati e che eseguono le direttive dell headquarter I processi di apprendimento si realizzano prevalentemente a livello centrale Il trasferimento delle conoscenze è unidirezionale dal centro alla periferia, secondo la logica topdown Tonino Pencarelli 19

20 Il modello organizzativo globale Controllo operativo sulle decisioni e sulle risorse (flussi unidirezionali) Headquarter Mentalità globale e Fulcro centralizzato Tonino Pencarelli 20

21 La strategia locale (local local) Le specificità dei singoli mercati rappresentano un vincolo alla strategia globale e giustificano l approccio think local, act local. Tali specificità possono essere individuate in base all analisi dell ambiente task environment (variabili sociali, culturali, politiche, ecc..) del settore (analisi competitiva) delle risorse interne possedute dall impresa Tonino Pencarelli 21

22 Fattori di specificità (analisi ambiente): sistemi legislativi Conformità per alcuni prodotti a determinati standard che ne rendono impossibile la commercializzazione a livello globale (voltaggi) Regolamentazioni riguardo ai contenuti e alle immagini prodotti e media utilizzabili nelle campagne pubblicitarie Germania: pubblicità nelle reti pubbliche permessa per soli 20 min. al giorno dalle alle India: audience cinematografica elevata, quindi il cinema è tra i media più interessanti U.S.A. i cartelloni pubblicitari delle sigarette devono trovarsi ad almeno 1000 piedi dai luoghi frequentati da bambini e adolescenti Tonino Pencarelli 22

23 Fattori di specificità (analisi ambiente): infrastrutture di marketing Differente grado di efficienza ed efficacia dei canali di distribuzione, dei sistemi di trasporto, di comunicazione e dei media Presenza della GDO Trasporti e telecomunicazioni Tonino Pencarelli 23

24 Fattori di specificità (analisi settore): ciclo di vita del prodotto I prodotti offerti si trovano spesso in diverse fasi del loro ciclo di vita a seconda del paese considerato, e non possono essere supportati dalle stesse strategie di marketing e comunicazione Il grado di adattamento sarà direttamente proporzionale al grado di esperienza e conoscenza del singolo mercato Nella fase di introduzione strategia globale, successivamente locale Tonino Pencarelli 24

25 Fattori di specificità (analisi interna): rilevanza strategica del singolo mercato Il paese è un semplice mercato di sbocco? Approccio standardizzato e orientamento ai profitti di breve termine Il paese esprime un significativo potenziale di mercato in ottica di medio/lungo termine? Approccio locale, investimenti di lungo periodo, sinergie Tonino Pencarelli 25

26 Fattori di specificità (analisi settore): pressione competitiva MODELLO DELLE 5 FORZE DI PORTER Quando i concorrenti applicano strategie globali può essere profittevole rispondere con approcci locali Tonino Pencarelli 26

27 Fattori di specificità (analisi ambiente): grado di sviluppo economico A differenti livelli di reddito pro capite corrispondono differenti modi di percepire il valore del ben o servizio offerto e di concepirne le valenze d uso Tonino Pencarelli 27

28 Fattori di specificità (analisi ambiente): condizioni climatiche e morfologiche Morfologia del territorio Distribuzione della popolazione Clima Struttura distributiva Comunicazione Packaging e/o natura prodotto Tonino Pencarelli 28

29 Fattori di specificità (analisi interna): natura del prodotto Il grado di libertà dell impresa sulle leve di marketing può essere ridotto dalla natura del prodotto Secondo alcuni autori ciò dipende dalla durata del prodotto (tecnologia e beni industriali standardizzati, beni di largo consumo come alimentari adattati) Tonino Pencarelli 29

30 Fattori di specificità (analisi interna): diversità culturali La cultura influenza le esigenze della popolazione di un paese, le modalità di soddisfazione dei loro bisogni, la percezione del valore dei prodotti, e delle attività di comunicazione poste in essere dalle aziende High touch/low touch cultures Lingue e linguaggi non verbali Differenze nell uso dello spazio Simbologia colori immagini Valori socio morali Modelli di consumo e abitudini d acquisto Tonino Pencarelli 30

31 La strategia locale nella matrice delle strategie internazionali Economic integration: Grado di integrazione economica tra i diversi mercati ALTO BASSO Strategia LOCALE BASSO ALTO National responsiveness: Grado di risposta alla specificità nazionali Tonino Pencarelli 31

32 La strategia locale e la CATENA DEL VALORE Le attività della catena del valore sono localizzare nel mercato di sbocco, in modo da orientarle maggiormente alle specificità ALTO Coord. delle attività BASSO Strategia LOCALE 4. DISPERSA CONCENTRATA Configurazione delle attività Tonino Pencarelli 32

33 Strategia locale: VANTAGGI/SVANTAGGI GLI SVANTAGGI DELLA STRATEGIA GLOBALE DIVENTANO PUNTI DI FORZA DI QUELLA LOCALE Vantaggi: elevata capacità di risposta a livello locale naturalezza dei processi di sviluppo grazie all indipendenza del management locale Svantaggi: dimensioni non significative dei singoli paesi, con conseguente impossibilità di beneficiare delle economie di scala elevati costi di adattamento Tonino Pencarelli 33

34 Il modello organizzativo multinazionale (policentrico) Controllo personale rapporti informali tra sedi e consociate, controlli solo finanziari Headquarter Mentalità multifunzionale: il management considera le attività come un portafoglio di imprese indipendenti Federazione decentralizzata Tonino Pencarelli 34

35 La strategia glocale (global local) Compromesso tra standardizzazione e adattamento Centralizzazione delle attività a monte della catena del valore che non richiedono un rapporto diretto con il contesto culturale (approvvigionamento, R&D, produzione) e decentralizzazione delle attività di marketing Altri approcci distinguono tra marketing strategico e operativo Problema: cosa è strategico e cosa operativo? Tonino Pencarelli 35

36 Strategia glocale e scelte di marketing LOCALE Approccio GLOCALE Comunicazione STANDARD Approccio GLOCALE STANDARD Prodotto LOCALE Tonino Pencarelli 36

37 Strategia glocale e scelte di comunicazione di marketing STANDARD Strategia GLOCALE Marca LOCALE Strategia GLOCALE STANDARD LOCALE Pubblicità. Possono essere strategie glocali anche quelle che accentrano la strategia creativa e delegano l acquisto degli spazi o altre attività simili Tonino Pencarelli 37

38 Il modello organizzativo transnazionale (reticolare) Flussi multi-direzionali di risorse, prodotti, informazioni Risorse e capacità distribuite e specializzate Coordinamento e collaborazione in un ambiente dove le decisioni sono collegiali Tonino Pencarelli 38

39 Modello reticolare: caratteristiche Si configura come una rete integrata: dislocare selettivamente risorse e competenze tra le diverse consociate Integrarle attraverso attività di coordinamento Forte autonomia e forte coordinamento, relazioni bidirezionali Logica dell apprendimento collettivo: la conoscenza viene trasferita dalla casa madre ma le innovazioni nascono anche in periferia e condivise grazie alla struttura a rete Ogni consociata è investita di ruoli e responsabilità diverse dalla casa madre, in funzione delle capacità possedute e del mercato in cui opera Tonino Pencarelli 39

40 Possibili ruoli delle consociate ALTA Importanza strategica dell ambiente locale Buco Nero: rappresentano finestre su mercati interessanti. Devono diventare leader strategico Leader strategico BASSA Esecutore: genera flussi di cassa Contributore: condivide le risorse importanti per le altre consociate BASSA ALTA Livello delle risorse e delle capacità locali Tonino Pencarelli 40

41 Di Gregorio A., 2003 La comunicazione internazionale di marketing, Cap. 3 Lo sviluppo di network interorganizzativi per la gestione delle attività di comunicazione Tonino Pencarelli 41

42 Le relazioni interorganizzative L incertezza e la competizione nei mercati spingono l impresa a cercare relazioni verso l esterno, al fine di Accedere a nuove risorse/competenze, superare le barriere all ingresso, acquisire vantaggi di costo, ripartire i rischi connessi a specifiche attività (es. R&D), acquisire flessibilità, ecc. Le relazioni possono essere verticali (con imprese a monte o a valle della filiera) Orizzontali (con imprese concorrenti coopetition) Trasversali (cross fertilization) altre filiere altri livelli Tonino Pencarelli 42

43 La struttura N-form: il superamento dell approccio paradigmatico L impresa può essere inserita in una serie di relazioni interorganizzative tra casa madre e ogni singola consociata, tra consociate, tra consociate e imprese del contesto di riferimento, tra consociata e network locali Nella struttura N-form le due tipologie di network (interno/esterno) si sovrappongono (pag.84) Tonino Pencarelli 43

44 Il bilanciamento di potere tra consociate e casa madre avviene attraverso tre nuovi fattori Capacità della casa madre di controllare le relazioni che la consociata ha instaurato con il network locale Importanza che ha la consociata nel network interno attraverso quello acquisito grazie al network esterno Influenza che le consociate subiscono dai network locali sviluppati da altre consociate Essi determinano la densità relazionale INTERNA Rapporto tra legami effettivi e potenziali instaurati tra i membri del singolo insieme organizzativo ESTERNA Rapporto tra legami effettivi e potenziali instaurati tra i membri di insiemi organizzativi diversi Tonino Pencarelli 44

45 La struttura organizzativa per la comunicazione internazionale Primo problema: make or buy? Generalmente le imprese tendono ad esternalizzare ciò che va oltre il core business per concentrare su di esso le capacità chiave che garantiscono il vantaggio competitivo Difficilmente le imprese possiedono tutte le capacità necessario per gestire la comunicazione Se decidono di rivolgersi ad agenzie esterne, esse possono essere: Domestic agency (agenzia del mercato d origine) Local agency (agenzia del mercato locale) International advertising network (agenzie internazionali strutturate a rete) Tonino Pencarelli 45

46 LA NUOVA AGENZIA Media Centre Cyber unit Agenzia di promozioni Agenzia di packaging AGENZIA DI COMUNICAZIONE ABOVE THE LINE Agenzia di Direct mktg Agenzia di Pubbliche relazioni Seconda agenzia Unità varie: Ricerche, Produzione, BtoB Agenzia di comunicazione medica Tonino Pencarelli

47 Come selezionale l agenzia esterna? Capacità di servizio dell agenzia Varietà e specializzazione dell offerta, grado di copertura dei mercati e degli strumenti, reputazione, ecc. Caratteristiche dimensionali e organizzative dell impresa cliente Caratteristiche strategiche dell impresa cliente Tipo di prodotto, target, ecc. Compatibilità e integrazione tra agenzia e impresa cliente cultura, grado di centralizzazione, ecc. Tonino Pencarelli 47

48 Anche le agenzie multinazionali tendono ad assumere configurazione N-Form Headquarter dell agenzia Headquarter dell impresa Consociata locale dell agenzia Consociata locale dell impresa Network locale della consociata dell agenzia Network locale della consociata dell impresa Tonino Pencarelli 48

49 LA COMUNIZAZIONE INTERNAZIONALE consociata consociata consociata consociata consociata consociata Agenzia di comunicazione Impresa consociata consociata consociata consociata consociata consociata Tonino Pencarelli

50 VALUTARE LA PRODUTTIVITA E LA SODDISFAZIONE DELLE RELAZIONI FATTORI LEGATI ALLA QUALITA DEL LAVORO AGENZIALE (strategia creativa, pianificazione media, attuazione strategie..ecc.); FATTORI LEGATI ALLE PROCEDURE DI LAVORO (qualità, snellezza, puntualità delle relazioni) FATTORI ORGANIZZATIVI (la compatibilità dei partner) FATTORI RELAZIONALI (fiducia, rispetto modelli di controllo e coordinamento..) Tonino Pencarelli

51 Il piano di comunicazione internazionale 1. Analisi della situazione attuale (INTERNO/ESTERNO) 2. Definizione obiettivi e strategia (vedi obiettivi comunicazione di marketing: stimolare domanda, riposizionare il brand, creare nuovo bisogno, ecc.) 3. Identificazione del target di riferimento Può essere diverso dal target di marketing (bambini nel caso dei giocattoli) 4. Definizione del budget % vendite, confronto con i concorrenti, metodo degli obiettivi, del ciclo di vita ecc. Tonino Pencarelli 51

52 Il piano di comunicazione internazionale 5. Creazione e realizzazione del messaggio Creative strategy 6. Definizione di strumenti e canali 7. Definizione del grado di accentramento del controllo 8. Allocazione del budget 9. Organizzazione e implementazione Come si organizza il rapporto con l agenzia 10.Controllo e valutazione dei risultati Tonino Pencarelli 52

53 Pensiero strategico Headquarter dell agenzia Le fasi del piano e le relazioni interorganizzative Pensiero strategico 1. Analisi posizione attuale 2 Pensiero strategico Headquarter dell impresa Pensiero strategico 3 4 Pensiero strategico 5 6 Pensiero strategico Network locale della consociata dell agenzia Consociata locale dell agenzia 10 Consociata locale dell impresa Network locale della consociata dell impresa Tonino Pencarelli 53

54 ANALISI SITUAZIONE ATTUALE CASO AZIENDA XYZ... Dove siamo? Dove vogliamo andare?... Obiettivi, strategie, tempi, risorse Analisi interna ed esterna Tonino Pencarelli

55 DEFINIZIONE OBIETTIVI della comunicazione Stimolare la domanda, migliorare immagine di marca, creare un nuovo bisogno, facilitare l acquisto di una marca Rassicurare il personale Rassicurare gli altri stakeholders... Correggere errori... Ecc... Tonino Pencarelli

56 IDENTIFICAZIONE TARGET Segmentazione: comportamento di consumo, variabili geografiche, socio-demografiche individuazione del/dei target... A chi voglio vendere? A chi comunico? A chi devo rivolgermi? A volte il target della comunicazione non corrisponde con quello delle vendite...; si può comunicare agli influenzatori di acquisto...(informatori medici, bambini, anziani, mogli, ecc.) Tonino Pencarelli

57 DEFINIZIONE BUDGET: CRITERI Concorrenza Entità obiettivi Fase di vita prodotto/marca da promuovere Costo utilizzo media Paesi da raggiungere Tonino Pencarelli

58 ALLOCAZIONE BUDGET 5 POLITICHE DI INVESTIMENTO: - politica blitz (concentrazione periodo iniziale di pianificazione) - politica pulsing (alternanza livelli alti e nulli pubblicità) - politica even (livello costante di investimenti) - politica pulsing/mantenimento (l alternanza non arriva mai ad azzerare gli investimenti) Tonino Pencarelli

59 CREAZIONE E REALIZZAZIONE MESSAGGIO COSA? COME? - Natura messaggio, contenuto, grado appeal comunicazione, natura (verbale e non) Tonino Pencarelli

60 TIPI MEZZI DI COMUNICAZIONE Mezzi above the line(mezzi classici): radio, tv Mezzi below the line(all agenzia non provengono commissioni): fiere, depliant, promozioni, sponsorizzazioni La comunicazione trought the line utilizza entrambi Tonino Pencarelli

61 Comunicazione integrata L agenzia opera in rete, integrando i vari mezzi e sviluppando relazioni non solo diadiche, ma multipolari e connesse Anche le agenzie di comunicazione rappresentano network interorganizzativi A livello internazionale sono nate grandi agenzie di comunicazione pubblicitarie multinazionali, capaci di dialogare ed interfacciarsi con le grandi multinazionali clienti Tonino Pencarelli

62 ORGANIZZAZIONE ED IMPLEMENTAZIONE CAMPAGNA MKTG Coordinamento attività Definizione e realizzazione campagna comunicazione SOLUZIONE ORGANIZZATIVA Tonino Pencarelli

63 CONTROLLO E VALUTAZIONE RISULTATI livello vendite metodo del ricordo Tonino Pencarelli

64 Controllo efficacia comunicazione Contatti lordi: numero messaggi che raggiungono il target GRP Gross rating point: rapporto tra totale dei contatti e numero persone in target Costo per GRO : costo diviso GRP Copertura netta: numero persone raggiunte dal messaggio Copertura percentuale: persone in target raggiunte dal messaggio Frequenza media: volte che le persone in target sono state raggiunte dal messaggio Tonino Pencarelli 64

65 Di Gregorio A., 2003 La comunicazione internazionale di marketing, Cap. 4 L integrazione dei processi di comunicazione internazionale Tonino Pencarelli 65

66 Cambiamenti che ostacolano una comunicazione efficace delle imprese 1. Inasprimento della competizione; 2. Maggiore sofisticazione della domanda; 3. Frammentazione dei media; 4. Moltiplicazione di strumenti di comunicazione utilizzabili (dove lo strumento pubblicitario perde la supremazia perché affiancato da strumenti di direct marketing come sponsorizzazioni e promozioni). Tonino Pencarelli

67 La necessità di una comunicazione integrata è direttamente proporzionale: Alla grandezza dell impresa Un impresa di grandi dimensioni, dovrà ricorrere a diversi tipi di strumenti di marketing e dovrà indirizzare le proprie attività di comunicazione verso una pluralità di pubblici di riferimento, mercati di consumo, comunità finanziarie, comunità istituzionali etc. Pubblicità, direct marketing sponsorizzazioni vengono gestiti da un unità organizzativa secondo logiche e azioni proprie. Varietà delle professionalità che operano all interno dell impresa Più è elevato il numero delle diverse professionalità in azienda (venditori, manager, operai..) maggiore sarà la diversità e la varietà del contenuto della comunicazione interna. Ogni professionalità sarà destinata di una comunicazione specifica relativa alle attività che ognuna di esse svolge per realizzare gli obiettivi complessivi dell impresa e quindi tutti i flussi di comunicazione devono essere integrati. Variabilità etnica Variabilità linguistica Variabilità culturale Aspetti molto importanti soprattutto in occasioni particolari come meeting o convention soprattutto se si pensa ali atteggiamenti di diverse culture Tonino rispetto Pencarelli alla variabile tempo e al grado di formalità o informalità delle discussioni.

68 Comunicazione internazionale: equilibrio tra specializzazione e integrazione Specializzazione: + complessità, + informazioni = necessità di competenze specifiche e quindi delega Integrazione: Portare a sintesi i diversi strumenti, mezzi e contenuti per comunicare coerentemente verso l esterno. Emittente unico dei flussi comunicativi nel rispetto delle specificità di ogni tipo di comunicazione e di pubblico di riferimento. Tonino Pencarelli 68

69 Misurazione del grado di integrazione delle attività di comunicazione d impresa Grado di integrazione È possibile costruire uno strumento di valutazione del grado e della qualità dell integrazione della comunicazione d impresa che permetta di individuare le possibile aree di miglioramento. Ad ogni dimensione viene attribuito un punteggio compreso tra 1 e 8, che rappresentano rispettivamente il livello minimo e massimo di integrazione. Unendo con una linea i diversi punteggi rilevati rispetto ad ogni singola dimensione sarà possibile vedere quali siano le dimensioni rispetto alle quali è opportuno migliorare l integrazione. Dimensione dell integrazione A B C D E F G H I Tonino Pencarelli

70 Diverse aree della comunicazione Comunicazione esterna di marketing d impresa Comunicazione interna Comunicazione economica societaria Comunicazione istituzionale Tonino Pencarelli

71 Necessità di integrare i processi di comunicazione Consumatore (pubblico di mercato) Dipendente (pubblico interno) Azionista (pubblico portatore di risorse finanziarie) Cittadino (pubblico istituzionale) Tonino Pencarelli Può accadere che ad ogni singolo ricevente giungano messaggi e contenuti della comunicazione d impresa diversi e si può creare confusione al punto di distruggere valore e non crearlo come invece la comunicazione dovrebbe fare.

72 Perché integrare diversi strumenti Ogni strumento produce un effetto diverso sulla comunicazione e la combinazione di due o più strumenti dà effetti ancora diversi (maggiori della somma dei singoli, es. pubblicità+promozioni) Gli effetti di uno strumento utilizzato prima vanno considerati nell utilizzo dello strumento successivo L integrazione serve per minimizzare i punti di debolezza reciproci dei vari strumenti Tonino Pencarelli 72

73 La comunicazione integrata di marketing è un processo che implica la gestione e l organizzazione di tutti gli agenti nell analisi, pianificazione, implementazione e controllo di tutti i contatti di comunicazione di marketing, dei media, dei messaggi e degli strumenti promozionali orientati ai target di riferimento secondo la massima economia, efficienza, efficacia e coerenza degli sforzi di comunicazione di marketing nel raggiungimento dei prefissati obiettivi di prodotto e di corporate marketing (Pickton, Broderick, 2001) 4e della comunicazione integrata: economical, efficient, effective, enhancing; 3c della comunicazione integrata: coherence, consistency, complementary communications. Tonino Pencarelli

74 La comunicazione di marketing o commerciale ha come oggetto la promozione di un prodotto/servizio dell impresa e comprende tutte le comunicazioni per gestire le relazioni con il mercato dei consumatori finali e intermediari La comunicazione interna viene utilizzata per formare e coinvolgere il personale per creare adesioni rispetto agli obiettivi e alle strategie aziendali e per migliorare il clima aziendale La comunicazione economica societaria viene definita come il complesso delle comunicazioni effettuate attraverso qualsiasi canale di diffusione della direzione aziendale alle varie categorie e gruppi di portatori di interesse in essa convergenti (stakeholders), i cui contenuti riguardano principalmente l evoluzione dell assetto reddituale, finanziario e patrimoniale dell impresa. (Corvi, Fiocca, 1996) La comunicazione istituzionale riguarda la comunicazione dell impresa verso il proprio ambiente di riferimento allo scopo di realizzare la consonanza sociale e naturale necessaria alla sua sopravvivenza di lungo periodo, essa pone al centro dei messaggi la sua identità, i suoi valori e i suoi progetti. Tonino Pencarelli

75 LA COMUNICAZIONE INTERNA i pubblici interni all impresa, i sottosistemi che la compongono, i dipendenti che vi operano, coloro che hanno una collocazione anche gerarchica all interno dell impresa. LA COMUNICAZIONE ESTERNA è indirizzata ai pubblici che si collocano nell ambiente esterno all impresa come i clienti, i fornitori, il mercato finanziario, i portatori di capitale. BISOGNA: eliminare incongruenze tra quanto detto all esterno e quanto detto all interno. La comunicazione interna indirizzata al personale di front office può essere utilizzata per migliorare la visibilità esterna dell organizzazione così come la comunicazione esterna, attraverso i mezzi di comunicazione di massa, può essere utilizzata per informare e coinvolgere i pubblici interni rafforzando e sostenendo quanto già comunicato loro attraverso forme di comunicazione interna. ORIENTAMENTO ALL IMMAGINE ORIENTAMENTO ALLA TRASPARENZA il primo pone troppo l accento sul modo in cui l impresa vuole apparire al di là delle sue effettive caratteristiche che valgano a distinguerla dalle altre imprese, al contrario la trasparenza mira a far conoscere l impresa per ciò che realmente è (Siano, 2001) Tonino Pencarelli

76 Per le attività di comunicazione rivolte a mercati internazionali possono essere considerati come strumenti di comunicazione implicita: L atmosfera che caratterizza il punto vendita e l ambiente di lavoro dell impresa; Il packaging del prodotto; Il design; Il personale di contatto; Il prodotto; Il grado di innovazione del prodotto; Il prezzo; La tipologia di canale distributivo utilizzato per la commercializzazione del prodotto; Gli accordi e la joint venture che l impresa crea; I media utilizzati per trasmettere i messaggi. Tonino Pencarelli

77 Le nuove dimensioni della comunicazione integrata La comunicazione integrata deve integrare le diverse dimensioni: Gli strumenti del communication mix (pubblicità, PR, promozioni, direct marketing, sponsorizzazioni, relazioni interne); Gli strumenti del communication mix con quelli del marketing mix (prezzo, prodotto, distribuzione); I temi, i concetti e i messaggi, tutti gli aspetti definiti nella fase creativa dell attività di comunicazione; Le funzioni e le persone interne all impresa, in quanto possono influenzare i processi di comunicazione dell impresa; Le imprese esterne coinvolte nella realizzazione della campagna di comunicazione dell impresa; I flussi informativi che convergono nel sistema informativo aziendale; I flussi di comunicazione interna ed esterna; Le diverse aree della comunicazione; La comunicazione corporate (corporate image) e di prodotto (brand image); I processi di comunicazione diretti a mercati geografici diversi. Tonino Pencarelli

78 Vantaggi della comunicazione integrata a) Valorizzazione del patrimonio di marca o Integrazione creativa delle attività di comunicazione: standardizzando i significati di fondo delle comunicazioni, sarà possibile trasmettere la stessa immagine e identità di marca qualunque sia lo strumento o la forma di comunicazione utilizzata. Minore dispendio di risorse Possibilità di investire in una pluralità di strumenti e di media, e dunque di raggiungere la maggioranza dei pubblici di riferimento dell impresa Tonino Pencarelli

79 Vantaggi della comunicazione integrata b) Realizzazione di obiettivi di efficienza o o La standardizzazione dei contenuti di fondo delle comunicazioni permette la riduzione dei costi sostenuti per la conduzione dei processi creativi e la produzione della campagna di comunicazione Il ricorso ad un unica agenzia di comunicazione integrata permette di ridurre il tempo e le risorse che l impresa dovrebbe destinare al coordinamento dei contributi offerti da più agenzie di comunicazioni esterne L agenzia integrata inoltre, gestendo contemporaneamente l intera gamma di strumenti e forme di comunicazione, può fornire all impresa un servizio più completo e caratterizzato da una maggiore qualità e affidabilità. Tonino Pencarelli

80 La comunicazione integrata in base alla variabile tempo Utilizzare congiuntamente (nello stesso tempo) una pluralità di strumenti per moltiplicarne l apporto sinergico Utilizzare una pluralità di strumenti in sequenza Integrazione verticale t1 Integrazione orizzontale N t1 1 + t2 2 + t3 3 Target destinatario tn + N Target destinatario Tonino Pencarelli 80

81 Le nuove dimensioni della comunicazione integrata Com. corporate e di prod. Le diverse aree Com. a paesi diversi Com. interna esterna Strum. Com. e mkt Integrare Sist.info azienale Creative strategy Organiz. interna Contributi imprese coinvolte La comunicazione integrata di marketing è un processo che implica la gestione e l organizzazione di tutti gli agenti nell analisi, la pianificazione, l implementazione e il controllo di tutti i contatti di comunicazione di marketing, dei media, dei messaggi e degli strumenti orientati ai target di riferimento secondo i principi di efficienza, efficacia e coerenza rispetto agli obiettivi. Il brand rappresenta la sintesi e la prova di tutti questi sforzi. Tonino Pencarelli 81

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli