La comunicazione internazionale di marketing (Prof. Tonino Pencarelli)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione internazionale di marketing (Prof. Tonino Pencarelli)"

Transcript

1 La comunicazione internazionale di marketing (Prof. Tonino Pencarelli) I paradigmi teorici Lo sviluppo di network interorganizzativi L integrazione dei processi di comunicazione internazionale Tonino Pencarelli 1

2 Di Gregorio A., 2003 La comunicazione internazionale di marketing, Cap. 1 Strategia e comunicazione per lo sviluppo internazionale: i paradigmi teorici Tonino Pencarelli 2

3 Introduzione Perché espandersi nei mercati internazionali? Concorrenza multinazionale e concorrenza globale Come entrare nei mercati internazionali (le opzioni strategiche) Tonino Pencarelli 3

4 Perché espandersi nei mercati internazionali? Accedere a nuovi mercati di sbocco: internazionalizzarsi = + ricavi, + profitti = crescita, specialmente quando il mercato interno è maturo Acquisire fattori produttivi a migliori condizioni (maggiore qualità o minor costo) Ridurre i costi a causa delle economie di scala e della curva di esperienza, ciò procura vantaggio competitivo (leadership di costo) Ripartire il rischio Tonino Pencarelli 4

5 Concorrenza internazionale nei settori: Multinazionale VS Globale Concorrenza multinazionale Assenza di una stretta connessione tra i mercati, che sono INDIPENDENTI. Diversità nelle preferenze dei consumatori e nelle forze competitive Esempi: banche, abbigliamento, ecc. Un settore multinazionale può evolvere e diventare globale Concorrenza globale Le condizioni competitive dei vari mercati nazionali presentano una correlazione tale da creare un mercato globale. I concorrenti di confrontano direttamente su più paesi Esempi: automobile, bevande, tecnologia, ecc. Tonino Pencarelli 5

6 Le opzioni strategiche per l ingresso nei mercati internazionali RAPPORTI COMMERCIALI Esportazioni: coinvolgimento limitato, poco rischioso per sondare il terreno. Utilizza la capacità produttiva già presente nel paese di origine (crescita interna, basso grado di coinvolgimento dell impresa) INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI (FDI) Acquisizioni di aziende già operanti all estero o fusioni, fino ad arrivare alla creazione di una consociata completamente integrata con la casa madre. ALLEANZE STRATEGICHE e ACCORDI DI COOPERAZIONE CON IMPRESE ESTERE Equity (che prevede la creazione di nuove imprese joint venture) o NON Equity. I vantaggi sono legati alle economie di scale, all accesso più rapido ai mercati esteri, al trasferimento di competenze, al mantenimento dell autonomia e alla flessibilità. I rischi sono legati alla scelta del partner e alle differenze culturali. Tonino Pencarelli 6

7 Come competere nei mercati internazionali? THINK GLOBAL, ACT GLOBAL Strategia globale APPROCCIO INVARIATO in tutti i paesi CENTRALIZZARE le decisioni Adatta quando le condizioni sono omogenee (concorrenza globale) THINK LOCAL, ACT LOCAL Strategie localizzate ADEGUARE l offerta (strategia di base) DELEGARE l elaborazione della strategia ai manager locali Adatta quando le differenze sono marcate (concorrenza multinazionale) THINK GLOBAL, ACT LOCAL COMBINAZIONE di elementi (modello ibrido) Stessa strategia di base ma con varianti nel marketing mix Delegare spazi di manovra ai manager locali Tonino Pencarelli 7

8 Tendenze ambientali Crescente omogeneizzazione dei gusti, delle preferenze, degli stili di vita Diffusione del progresso tecnologico oltre i confini Riduzione delle barriere istituzionali Sviluppo dei mezzi di comunicazione e trasporto Specificità locali con importanza ancora cruciale Tonino Pencarelli 8

9 La strategia globale (global global) L impresa considera il mondo come un unico grande mercato nel quale possono essere ignorate le specificità nazionali. Risulta quindi tanto più efficace quanto più la concorrenza assume i caratteri della concorrenza globale (difficile da segmentare su base geografica) Le imprese vincenti saranno quelle che proporranno ai diversi mercati un offerta standard di qualità e prezzi competitivi Necessità di una cultura organizzativa orientata alla globalità Tonino Pencarelli 9

10 Target Fattori che influenzano la Natura del prodotto standardizzazione Posizione competitiva, posizionamento strategico, quote di mercato simili al mercato domestico Caratteristiche fisiche, legali, politiche, infrastrutturali locali Caratteristiche dell impresa (orientamento alla globalità) Tonino Pencarelli 10

11 La strategia globale nella matrice delle strategie internazionali Economic integration: Grado di integrazione economica tra i diversi mercati ALTO BASSO 1. Strategia GLOBALE PURA BASSO ALTO National responsiveness: Grado di risposta alla specificità nazionali Tonino Pencarelli 11

12 Lo sviluppo di una strategia globale 1. Sviluppo del nucleo della strategia partendo dal mercato domestico. 2. Internazionalizzazione del nucleo della strategia tramite l esportazione e l adattamento delle attività. 3. Globalizzazione del nucleo della strategia in modo da renderlo applicabile all interno delle diversi nazioni. Tonino Pencarelli 12

13 La strategia globale e CATENA DEL VALORE la Le attività della catena del valore sono localizzate nel luogo in cui possono essere realizzate al livello più efficiente ed efficace ALTO Coord. delle attività BASSO Strategia GLOBALE PURA DISPERSA CONCENTRATA Configurazione delle attività Tonino Pencarelli 13

14 Strategia globale - VANTAGGI Riduzione dei costi Miglioramento della qualità dei prodotti e dei programmi Maggiore capacità di rispondere alle manovre concorrenziali (numero maggiore di paesi) Affermazione di un immagine di marca di tipo globale Vantaggi organizzativi (minor complessità) Tonino Pencarelli 14

15 Strategia globale - LIMITI Difficilmente un unica offerta standardizzata può far superare le barriere culturali, geografiche, amministrative ed economiche. Allontana l impresa dai clienti. Riduce le consociate a semplici esecutori frenando i processi di apprendimento e la creatività del management locale Fortemente legata alla strategia di leadership di costo Rallentamento del processo decisionale Conflitti organizzativi Freno alla capacità creativa e innovativa Fluttuazione delle valute nei vari paesi ove si localizzano le attività per ridurre i costi Tonino Pencarelli 15

16 Un approccio standardizzato si dice fattibile quando non sussistono vincoli che lo rendano impraticabile (beni industriali). Un approccio globale si dice desiderabile quando, Indipendentemente dalle condizioni di fattibilità, è rilevabile un omogeneità culturale tra i diversi mercati/paesi che implichi una simile omogeneità dei comportamenti dei consumatori. Infatti è molto importante tenere in considerazione elementi come: - grado di alfabetizzazione di un paese - restrizioni legislative - infrastrutture comunicative Tonino Pencarelli

17 VALUTAZIONE DEL GRADO DI STANDARDIZZAZIONE DELLA PUBBLICITÀ È un esigenza della strategia globale. La pubblicità globale scompone la strategia pubblicitaria in: 1. Brand strategy (obiettivi, target della campagna, value proposition) 2. Copy strategy (specificazione del contenuto dei messaggi) 3. Media strategy (selezione media che saranno usati per trasmettere i messaggi) Tonino Pencarelli

18 Strategia globale e scelte di comunicazione di marketing Nella letteratura esistono altri modelli che osservano le strategie considerando coppie di variabili (prodotto comunicazione; marca pubblicità; marca prodotto, ecc.) Comunicazione standardizzata significa replicazione di quella domestica La comunicazione globale è pensata per la dimensione globale STANDARD Marca LOCALE Strategia GLOBALE STANDARD LOCALE Pubblicità Tonino Pencarelli 18

19 Strategia globale e struttura organizzativa Modello geocentrico: forte accentramento di potere e centralizzazione della attività. Le consociate sono appendici logistiche ed operative utilizzate per raggiungere i mercati e che eseguono le direttive dell headquarter I processi di apprendimento si realizzano prevalentemente a livello centrale Il trasferimento delle conoscenze è unidirezionale dal centro alla periferia, secondo la logica topdown Tonino Pencarelli 19

20 Il modello organizzativo globale Controllo operativo sulle decisioni e sulle risorse (flussi unidirezionali) Headquarter Mentalità globale e Fulcro centralizzato Tonino Pencarelli 20

21 La strategia locale (local local) Le specificità dei singoli mercati rappresentano un vincolo alla strategia globale e giustificano l approccio think local, act local. Tali specificità possono essere individuate in base all analisi dell ambiente task environment (variabili sociali, culturali, politiche, ecc..) del settore (analisi competitiva) delle risorse interne possedute dall impresa Tonino Pencarelli 21

22 Fattori di specificità (analisi ambiente): sistemi legislativi Conformità per alcuni prodotti a determinati standard che ne rendono impossibile la commercializzazione a livello globale (voltaggi) Regolamentazioni riguardo ai contenuti e alle immagini prodotti e media utilizzabili nelle campagne pubblicitarie Germania: pubblicità nelle reti pubbliche permessa per soli 20 min. al giorno dalle alle India: audience cinematografica elevata, quindi il cinema è tra i media più interessanti U.S.A. i cartelloni pubblicitari delle sigarette devono trovarsi ad almeno 1000 piedi dai luoghi frequentati da bambini e adolescenti Tonino Pencarelli 22

23 Fattori di specificità (analisi ambiente): infrastrutture di marketing Differente grado di efficienza ed efficacia dei canali di distribuzione, dei sistemi di trasporto, di comunicazione e dei media Presenza della GDO Trasporti e telecomunicazioni Tonino Pencarelli 23

24 Fattori di specificità (analisi settore): ciclo di vita del prodotto I prodotti offerti si trovano spesso in diverse fasi del loro ciclo di vita a seconda del paese considerato, e non possono essere supportati dalle stesse strategie di marketing e comunicazione Il grado di adattamento sarà direttamente proporzionale al grado di esperienza e conoscenza del singolo mercato Nella fase di introduzione strategia globale, successivamente locale Tonino Pencarelli 24

25 Fattori di specificità (analisi interna): rilevanza strategica del singolo mercato Il paese è un semplice mercato di sbocco? Approccio standardizzato e orientamento ai profitti di breve termine Il paese esprime un significativo potenziale di mercato in ottica di medio/lungo termine? Approccio locale, investimenti di lungo periodo, sinergie Tonino Pencarelli 25

26 Fattori di specificità (analisi settore): pressione competitiva MODELLO DELLE 5 FORZE DI PORTER Quando i concorrenti applicano strategie globali può essere profittevole rispondere con approcci locali Tonino Pencarelli 26

27 Fattori di specificità (analisi ambiente): grado di sviluppo economico A differenti livelli di reddito pro capite corrispondono differenti modi di percepire il valore del ben o servizio offerto e di concepirne le valenze d uso Tonino Pencarelli 27

28 Fattori di specificità (analisi ambiente): condizioni climatiche e morfologiche Morfologia del territorio Distribuzione della popolazione Clima Struttura distributiva Comunicazione Packaging e/o natura prodotto Tonino Pencarelli 28

29 Fattori di specificità (analisi interna): natura del prodotto Il grado di libertà dell impresa sulle leve di marketing può essere ridotto dalla natura del prodotto Secondo alcuni autori ciò dipende dalla durata del prodotto (tecnologia e beni industriali standardizzati, beni di largo consumo come alimentari adattati) Tonino Pencarelli 29

30 Fattori di specificità (analisi interna): diversità culturali La cultura influenza le esigenze della popolazione di un paese, le modalità di soddisfazione dei loro bisogni, la percezione del valore dei prodotti, e delle attività di comunicazione poste in essere dalle aziende High touch/low touch cultures Lingue e linguaggi non verbali Differenze nell uso dello spazio Simbologia colori immagini Valori socio morali Modelli di consumo e abitudini d acquisto Tonino Pencarelli 30

31 La strategia locale nella matrice delle strategie internazionali Economic integration: Grado di integrazione economica tra i diversi mercati ALTO BASSO Strategia LOCALE BASSO ALTO National responsiveness: Grado di risposta alla specificità nazionali Tonino Pencarelli 31

32 La strategia locale e la CATENA DEL VALORE Le attività della catena del valore sono localizzare nel mercato di sbocco, in modo da orientarle maggiormente alle specificità ALTO Coord. delle attività BASSO Strategia LOCALE 4. DISPERSA CONCENTRATA Configurazione delle attività Tonino Pencarelli 32

33 Strategia locale: VANTAGGI/SVANTAGGI GLI SVANTAGGI DELLA STRATEGIA GLOBALE DIVENTANO PUNTI DI FORZA DI QUELLA LOCALE Vantaggi: elevata capacità di risposta a livello locale naturalezza dei processi di sviluppo grazie all indipendenza del management locale Svantaggi: dimensioni non significative dei singoli paesi, con conseguente impossibilità di beneficiare delle economie di scala elevati costi di adattamento Tonino Pencarelli 33

34 Il modello organizzativo multinazionale (policentrico) Controllo personale rapporti informali tra sedi e consociate, controlli solo finanziari Headquarter Mentalità multifunzionale: il management considera le attività come un portafoglio di imprese indipendenti Federazione decentralizzata Tonino Pencarelli 34

35 La strategia glocale (global local) Compromesso tra standardizzazione e adattamento Centralizzazione delle attività a monte della catena del valore che non richiedono un rapporto diretto con il contesto culturale (approvvigionamento, R&D, produzione) e decentralizzazione delle attività di marketing Altri approcci distinguono tra marketing strategico e operativo Problema: cosa è strategico e cosa operativo? Tonino Pencarelli 35

36 Strategia glocale e scelte di marketing LOCALE Approccio GLOCALE Comunicazione STANDARD Approccio GLOCALE STANDARD Prodotto LOCALE Tonino Pencarelli 36

37 Strategia glocale e scelte di comunicazione di marketing STANDARD Strategia GLOCALE Marca LOCALE Strategia GLOCALE STANDARD LOCALE Pubblicità. Possono essere strategie glocali anche quelle che accentrano la strategia creativa e delegano l acquisto degli spazi o altre attività simili Tonino Pencarelli 37

38 Il modello organizzativo transnazionale (reticolare) Flussi multi-direzionali di risorse, prodotti, informazioni Risorse e capacità distribuite e specializzate Coordinamento e collaborazione in un ambiente dove le decisioni sono collegiali Tonino Pencarelli 38

39 Modello reticolare: caratteristiche Si configura come una rete integrata: dislocare selettivamente risorse e competenze tra le diverse consociate Integrarle attraverso attività di coordinamento Forte autonomia e forte coordinamento, relazioni bidirezionali Logica dell apprendimento collettivo: la conoscenza viene trasferita dalla casa madre ma le innovazioni nascono anche in periferia e condivise grazie alla struttura a rete Ogni consociata è investita di ruoli e responsabilità diverse dalla casa madre, in funzione delle capacità possedute e del mercato in cui opera Tonino Pencarelli 39

40 Possibili ruoli delle consociate ALTA Importanza strategica dell ambiente locale Buco Nero: rappresentano finestre su mercati interessanti. Devono diventare leader strategico Leader strategico BASSA Esecutore: genera flussi di cassa Contributore: condivide le risorse importanti per le altre consociate BASSA ALTA Livello delle risorse e delle capacità locali Tonino Pencarelli 40

41 Di Gregorio A., 2003 La comunicazione internazionale di marketing, Cap. 3 Lo sviluppo di network interorganizzativi per la gestione delle attività di comunicazione Tonino Pencarelli 41

42 Le relazioni interorganizzative L incertezza e la competizione nei mercati spingono l impresa a cercare relazioni verso l esterno, al fine di Accedere a nuove risorse/competenze, superare le barriere all ingresso, acquisire vantaggi di costo, ripartire i rischi connessi a specifiche attività (es. R&D), acquisire flessibilità, ecc. Le relazioni possono essere verticali (con imprese a monte o a valle della filiera) Orizzontali (con imprese concorrenti coopetition) Trasversali (cross fertilization) altre filiere altri livelli Tonino Pencarelli 42

43 La struttura N-form: il superamento dell approccio paradigmatico L impresa può essere inserita in una serie di relazioni interorganizzative tra casa madre e ogni singola consociata, tra consociate, tra consociate e imprese del contesto di riferimento, tra consociata e network locali Nella struttura N-form le due tipologie di network (interno/esterno) si sovrappongono (pag.84) Tonino Pencarelli 43

44 Il bilanciamento di potere tra consociate e casa madre avviene attraverso tre nuovi fattori Capacità della casa madre di controllare le relazioni che la consociata ha instaurato con il network locale Importanza che ha la consociata nel network interno attraverso quello acquisito grazie al network esterno Influenza che le consociate subiscono dai network locali sviluppati da altre consociate Essi determinano la densità relazionale INTERNA Rapporto tra legami effettivi e potenziali instaurati tra i membri del singolo insieme organizzativo ESTERNA Rapporto tra legami effettivi e potenziali instaurati tra i membri di insiemi organizzativi diversi Tonino Pencarelli 44

45 La struttura organizzativa per la comunicazione internazionale Primo problema: make or buy? Generalmente le imprese tendono ad esternalizzare ciò che va oltre il core business per concentrare su di esso le capacità chiave che garantiscono il vantaggio competitivo Difficilmente le imprese possiedono tutte le capacità necessario per gestire la comunicazione Se decidono di rivolgersi ad agenzie esterne, esse possono essere: Domestic agency (agenzia del mercato d origine) Local agency (agenzia del mercato locale) International advertising network (agenzie internazionali strutturate a rete) Tonino Pencarelli 45

46 LA NUOVA AGENZIA Media Centre Cyber unit Agenzia di promozioni Agenzia di packaging AGENZIA DI COMUNICAZIONE ABOVE THE LINE Agenzia di Direct mktg Agenzia di Pubbliche relazioni Seconda agenzia Unità varie: Ricerche, Produzione, BtoB Agenzia di comunicazione medica Tonino Pencarelli

47 Come selezionale l agenzia esterna? Capacità di servizio dell agenzia Varietà e specializzazione dell offerta, grado di copertura dei mercati e degli strumenti, reputazione, ecc. Caratteristiche dimensionali e organizzative dell impresa cliente Caratteristiche strategiche dell impresa cliente Tipo di prodotto, target, ecc. Compatibilità e integrazione tra agenzia e impresa cliente cultura, grado di centralizzazione, ecc. Tonino Pencarelli 47

48 Anche le agenzie multinazionali tendono ad assumere configurazione N-Form Headquarter dell agenzia Headquarter dell impresa Consociata locale dell agenzia Consociata locale dell impresa Network locale della consociata dell agenzia Network locale della consociata dell impresa Tonino Pencarelli 48

49 LA COMUNIZAZIONE INTERNAZIONALE consociata consociata consociata consociata consociata consociata Agenzia di comunicazione Impresa consociata consociata consociata consociata consociata consociata Tonino Pencarelli

50 VALUTARE LA PRODUTTIVITA E LA SODDISFAZIONE DELLE RELAZIONI FATTORI LEGATI ALLA QUALITA DEL LAVORO AGENZIALE (strategia creativa, pianificazione media, attuazione strategie..ecc.); FATTORI LEGATI ALLE PROCEDURE DI LAVORO (qualità, snellezza, puntualità delle relazioni) FATTORI ORGANIZZATIVI (la compatibilità dei partner) FATTORI RELAZIONALI (fiducia, rispetto modelli di controllo e coordinamento..) Tonino Pencarelli

51 Il piano di comunicazione internazionale 1. Analisi della situazione attuale (INTERNO/ESTERNO) 2. Definizione obiettivi e strategia (vedi obiettivi comunicazione di marketing: stimolare domanda, riposizionare il brand, creare nuovo bisogno, ecc.) 3. Identificazione del target di riferimento Può essere diverso dal target di marketing (bambini nel caso dei giocattoli) 4. Definizione del budget % vendite, confronto con i concorrenti, metodo degli obiettivi, del ciclo di vita ecc. Tonino Pencarelli 51

52 Il piano di comunicazione internazionale 5. Creazione e realizzazione del messaggio Creative strategy 6. Definizione di strumenti e canali 7. Definizione del grado di accentramento del controllo 8. Allocazione del budget 9. Organizzazione e implementazione Come si organizza il rapporto con l agenzia 10.Controllo e valutazione dei risultati Tonino Pencarelli 52

53 Pensiero strategico Headquarter dell agenzia Le fasi del piano e le relazioni interorganizzative Pensiero strategico 1. Analisi posizione attuale 2 Pensiero strategico Headquarter dell impresa Pensiero strategico 3 4 Pensiero strategico 5 6 Pensiero strategico Network locale della consociata dell agenzia Consociata locale dell agenzia 10 Consociata locale dell impresa Network locale della consociata dell impresa Tonino Pencarelli 53

54 ANALISI SITUAZIONE ATTUALE CASO AZIENDA XYZ... Dove siamo? Dove vogliamo andare?... Obiettivi, strategie, tempi, risorse Analisi interna ed esterna Tonino Pencarelli

55 DEFINIZIONE OBIETTIVI della comunicazione Stimolare la domanda, migliorare immagine di marca, creare un nuovo bisogno, facilitare l acquisto di una marca Rassicurare il personale Rassicurare gli altri stakeholders... Correggere errori... Ecc... Tonino Pencarelli

56 IDENTIFICAZIONE TARGET Segmentazione: comportamento di consumo, variabili geografiche, socio-demografiche individuazione del/dei target... A chi voglio vendere? A chi comunico? A chi devo rivolgermi? A volte il target della comunicazione non corrisponde con quello delle vendite...; si può comunicare agli influenzatori di acquisto...(informatori medici, bambini, anziani, mogli, ecc.) Tonino Pencarelli

57 DEFINIZIONE BUDGET: CRITERI Concorrenza Entità obiettivi Fase di vita prodotto/marca da promuovere Costo utilizzo media Paesi da raggiungere Tonino Pencarelli

58 ALLOCAZIONE BUDGET 5 POLITICHE DI INVESTIMENTO: - politica blitz (concentrazione periodo iniziale di pianificazione) - politica pulsing (alternanza livelli alti e nulli pubblicità) - politica even (livello costante di investimenti) - politica pulsing/mantenimento (l alternanza non arriva mai ad azzerare gli investimenti) Tonino Pencarelli

59 CREAZIONE E REALIZZAZIONE MESSAGGIO COSA? COME? - Natura messaggio, contenuto, grado appeal comunicazione, natura (verbale e non) Tonino Pencarelli

60 TIPI MEZZI DI COMUNICAZIONE Mezzi above the line(mezzi classici): radio, tv Mezzi below the line(all agenzia non provengono commissioni): fiere, depliant, promozioni, sponsorizzazioni La comunicazione trought the line utilizza entrambi Tonino Pencarelli

61 Comunicazione integrata L agenzia opera in rete, integrando i vari mezzi e sviluppando relazioni non solo diadiche, ma multipolari e connesse Anche le agenzie di comunicazione rappresentano network interorganizzativi A livello internazionale sono nate grandi agenzie di comunicazione pubblicitarie multinazionali, capaci di dialogare ed interfacciarsi con le grandi multinazionali clienti Tonino Pencarelli

62 ORGANIZZAZIONE ED IMPLEMENTAZIONE CAMPAGNA MKTG Coordinamento attività Definizione e realizzazione campagna comunicazione SOLUZIONE ORGANIZZATIVA Tonino Pencarelli

63 CONTROLLO E VALUTAZIONE RISULTATI livello vendite metodo del ricordo Tonino Pencarelli

64 Controllo efficacia comunicazione Contatti lordi: numero messaggi che raggiungono il target GRP Gross rating point: rapporto tra totale dei contatti e numero persone in target Costo per GRO : costo diviso GRP Copertura netta: numero persone raggiunte dal messaggio Copertura percentuale: persone in target raggiunte dal messaggio Frequenza media: volte che le persone in target sono state raggiunte dal messaggio Tonino Pencarelli 64

65 Di Gregorio A., 2003 La comunicazione internazionale di marketing, Cap. 4 L integrazione dei processi di comunicazione internazionale Tonino Pencarelli 65

66 Cambiamenti che ostacolano una comunicazione efficace delle imprese 1. Inasprimento della competizione; 2. Maggiore sofisticazione della domanda; 3. Frammentazione dei media; 4. Moltiplicazione di strumenti di comunicazione utilizzabili (dove lo strumento pubblicitario perde la supremazia perché affiancato da strumenti di direct marketing come sponsorizzazioni e promozioni). Tonino Pencarelli

67 La necessità di una comunicazione integrata è direttamente proporzionale: Alla grandezza dell impresa Un impresa di grandi dimensioni, dovrà ricorrere a diversi tipi di strumenti di marketing e dovrà indirizzare le proprie attività di comunicazione verso una pluralità di pubblici di riferimento, mercati di consumo, comunità finanziarie, comunità istituzionali etc. Pubblicità, direct marketing sponsorizzazioni vengono gestiti da un unità organizzativa secondo logiche e azioni proprie. Varietà delle professionalità che operano all interno dell impresa Più è elevato il numero delle diverse professionalità in azienda (venditori, manager, operai..) maggiore sarà la diversità e la varietà del contenuto della comunicazione interna. Ogni professionalità sarà destinata di una comunicazione specifica relativa alle attività che ognuna di esse svolge per realizzare gli obiettivi complessivi dell impresa e quindi tutti i flussi di comunicazione devono essere integrati. Variabilità etnica Variabilità linguistica Variabilità culturale Aspetti molto importanti soprattutto in occasioni particolari come meeting o convention soprattutto se si pensa ali atteggiamenti di diverse culture Tonino rispetto Pencarelli alla variabile tempo e al grado di formalità o informalità delle discussioni.

68 Comunicazione internazionale: equilibrio tra specializzazione e integrazione Specializzazione: + complessità, + informazioni = necessità di competenze specifiche e quindi delega Integrazione: Portare a sintesi i diversi strumenti, mezzi e contenuti per comunicare coerentemente verso l esterno. Emittente unico dei flussi comunicativi nel rispetto delle specificità di ogni tipo di comunicazione e di pubblico di riferimento. Tonino Pencarelli 68

69 Misurazione del grado di integrazione delle attività di comunicazione d impresa Grado di integrazione È possibile costruire uno strumento di valutazione del grado e della qualità dell integrazione della comunicazione d impresa che permetta di individuare le possibile aree di miglioramento. Ad ogni dimensione viene attribuito un punteggio compreso tra 1 e 8, che rappresentano rispettivamente il livello minimo e massimo di integrazione. Unendo con una linea i diversi punteggi rilevati rispetto ad ogni singola dimensione sarà possibile vedere quali siano le dimensioni rispetto alle quali è opportuno migliorare l integrazione. Dimensione dell integrazione A B C D E F G H I Tonino Pencarelli

70 Diverse aree della comunicazione Comunicazione esterna di marketing d impresa Comunicazione interna Comunicazione economica societaria Comunicazione istituzionale Tonino Pencarelli

71 Necessità di integrare i processi di comunicazione Consumatore (pubblico di mercato) Dipendente (pubblico interno) Azionista (pubblico portatore di risorse finanziarie) Cittadino (pubblico istituzionale) Tonino Pencarelli Può accadere che ad ogni singolo ricevente giungano messaggi e contenuti della comunicazione d impresa diversi e si può creare confusione al punto di distruggere valore e non crearlo come invece la comunicazione dovrebbe fare.

72 Perché integrare diversi strumenti Ogni strumento produce un effetto diverso sulla comunicazione e la combinazione di due o più strumenti dà effetti ancora diversi (maggiori della somma dei singoli, es. pubblicità+promozioni) Gli effetti di uno strumento utilizzato prima vanno considerati nell utilizzo dello strumento successivo L integrazione serve per minimizzare i punti di debolezza reciproci dei vari strumenti Tonino Pencarelli 72

73 La comunicazione integrata di marketing è un processo che implica la gestione e l organizzazione di tutti gli agenti nell analisi, pianificazione, implementazione e controllo di tutti i contatti di comunicazione di marketing, dei media, dei messaggi e degli strumenti promozionali orientati ai target di riferimento secondo la massima economia, efficienza, efficacia e coerenza degli sforzi di comunicazione di marketing nel raggiungimento dei prefissati obiettivi di prodotto e di corporate marketing (Pickton, Broderick, 2001) 4e della comunicazione integrata: economical, efficient, effective, enhancing; 3c della comunicazione integrata: coherence, consistency, complementary communications. Tonino Pencarelli

74 La comunicazione di marketing o commerciale ha come oggetto la promozione di un prodotto/servizio dell impresa e comprende tutte le comunicazioni per gestire le relazioni con il mercato dei consumatori finali e intermediari La comunicazione interna viene utilizzata per formare e coinvolgere il personale per creare adesioni rispetto agli obiettivi e alle strategie aziendali e per migliorare il clima aziendale La comunicazione economica societaria viene definita come il complesso delle comunicazioni effettuate attraverso qualsiasi canale di diffusione della direzione aziendale alle varie categorie e gruppi di portatori di interesse in essa convergenti (stakeholders), i cui contenuti riguardano principalmente l evoluzione dell assetto reddituale, finanziario e patrimoniale dell impresa. (Corvi, Fiocca, 1996) La comunicazione istituzionale riguarda la comunicazione dell impresa verso il proprio ambiente di riferimento allo scopo di realizzare la consonanza sociale e naturale necessaria alla sua sopravvivenza di lungo periodo, essa pone al centro dei messaggi la sua identità, i suoi valori e i suoi progetti. Tonino Pencarelli

75 LA COMUNICAZIONE INTERNA i pubblici interni all impresa, i sottosistemi che la compongono, i dipendenti che vi operano, coloro che hanno una collocazione anche gerarchica all interno dell impresa. LA COMUNICAZIONE ESTERNA è indirizzata ai pubblici che si collocano nell ambiente esterno all impresa come i clienti, i fornitori, il mercato finanziario, i portatori di capitale. BISOGNA: eliminare incongruenze tra quanto detto all esterno e quanto detto all interno. La comunicazione interna indirizzata al personale di front office può essere utilizzata per migliorare la visibilità esterna dell organizzazione così come la comunicazione esterna, attraverso i mezzi di comunicazione di massa, può essere utilizzata per informare e coinvolgere i pubblici interni rafforzando e sostenendo quanto già comunicato loro attraverso forme di comunicazione interna. ORIENTAMENTO ALL IMMAGINE ORIENTAMENTO ALLA TRASPARENZA il primo pone troppo l accento sul modo in cui l impresa vuole apparire al di là delle sue effettive caratteristiche che valgano a distinguerla dalle altre imprese, al contrario la trasparenza mira a far conoscere l impresa per ciò che realmente è (Siano, 2001) Tonino Pencarelli

76 Per le attività di comunicazione rivolte a mercati internazionali possono essere considerati come strumenti di comunicazione implicita: L atmosfera che caratterizza il punto vendita e l ambiente di lavoro dell impresa; Il packaging del prodotto; Il design; Il personale di contatto; Il prodotto; Il grado di innovazione del prodotto; Il prezzo; La tipologia di canale distributivo utilizzato per la commercializzazione del prodotto; Gli accordi e la joint venture che l impresa crea; I media utilizzati per trasmettere i messaggi. Tonino Pencarelli

77 Le nuove dimensioni della comunicazione integrata La comunicazione integrata deve integrare le diverse dimensioni: Gli strumenti del communication mix (pubblicità, PR, promozioni, direct marketing, sponsorizzazioni, relazioni interne); Gli strumenti del communication mix con quelli del marketing mix (prezzo, prodotto, distribuzione); I temi, i concetti e i messaggi, tutti gli aspetti definiti nella fase creativa dell attività di comunicazione; Le funzioni e le persone interne all impresa, in quanto possono influenzare i processi di comunicazione dell impresa; Le imprese esterne coinvolte nella realizzazione della campagna di comunicazione dell impresa; I flussi informativi che convergono nel sistema informativo aziendale; I flussi di comunicazione interna ed esterna; Le diverse aree della comunicazione; La comunicazione corporate (corporate image) e di prodotto (brand image); I processi di comunicazione diretti a mercati geografici diversi. Tonino Pencarelli

78 Vantaggi della comunicazione integrata a) Valorizzazione del patrimonio di marca o Integrazione creativa delle attività di comunicazione: standardizzando i significati di fondo delle comunicazioni, sarà possibile trasmettere la stessa immagine e identità di marca qualunque sia lo strumento o la forma di comunicazione utilizzata. Minore dispendio di risorse Possibilità di investire in una pluralità di strumenti e di media, e dunque di raggiungere la maggioranza dei pubblici di riferimento dell impresa Tonino Pencarelli

79 Vantaggi della comunicazione integrata b) Realizzazione di obiettivi di efficienza o o La standardizzazione dei contenuti di fondo delle comunicazioni permette la riduzione dei costi sostenuti per la conduzione dei processi creativi e la produzione della campagna di comunicazione Il ricorso ad un unica agenzia di comunicazione integrata permette di ridurre il tempo e le risorse che l impresa dovrebbe destinare al coordinamento dei contributi offerti da più agenzie di comunicazioni esterne L agenzia integrata inoltre, gestendo contemporaneamente l intera gamma di strumenti e forme di comunicazione, può fornire all impresa un servizio più completo e caratterizzato da una maggiore qualità e affidabilità. Tonino Pencarelli

80 La comunicazione integrata in base alla variabile tempo Utilizzare congiuntamente (nello stesso tempo) una pluralità di strumenti per moltiplicarne l apporto sinergico Utilizzare una pluralità di strumenti in sequenza Integrazione verticale t1 Integrazione orizzontale N t1 1 + t2 2 + t3 3 Target destinatario tn + N Target destinatario Tonino Pencarelli 80

81 Le nuove dimensioni della comunicazione integrata Com. corporate e di prod. Le diverse aree Com. a paesi diversi Com. interna esterna Strum. Com. e mkt Integrare Sist.info azienale Creative strategy Organiz. interna Contributi imprese coinvolte La comunicazione integrata di marketing è un processo che implica la gestione e l organizzazione di tutti gli agenti nell analisi, la pianificazione, l implementazione e il controllo di tutti i contatti di comunicazione di marketing, dei media, dei messaggi e degli strumenti orientati ai target di riferimento secondo i principi di efficienza, efficacia e coerenza rispetto agli obiettivi. Il brand rappresenta la sintesi e la prova di tutti questi sforzi. Tonino Pencarelli 81

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli 1 Perchéle imprese si internazionalizzano? Globalizzazione dei mercati Ricerca

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione delle imprese italiane Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione produttiva delle imprese italiane Fenomeno complesso e differenziato

Dettagli

L impresa e le strategie internazionali

L impresa e le strategie internazionali L impresa e le strategie internazionali Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) fabio.musso@uniurb.it Premessa Il confronto internazionale

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

Corso di Strategie d impresa

Corso di Strategie d impresa Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani CASO J- BasicNet strategy Un sistema innovativo basato su tecnologia e stile A cura di: Sara Barone e Alessandra

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 OBIETTIVI DELL AZIENDA Massimizzare l utilità risorse Aumentare redditività e profitto Soddisfare il cliente / costruire

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE Il canale di distribuzione di un bene è il percorso che questo segue nel suo trasferimento dal produttore (industriale o agricolo) al consumatore finale o all utilizzatore

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il I Mktg-L02 Marketing B2C vs Marketing B2B Business to Consumer (B2C): l acquirente

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Capitolo 4 L AMBIENTE ESTERNO

Capitolo 4 L AMBIENTE ESTERNO Capitolo 4 L AMBIENTE ESTERNO L ambiente L ambiente è infinito e comprende tutto ciò che sta all esterno dell organizzazione. Si definisce ambiente organizzativo, l insieme di tutti gli elementi, al di

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA LEZIONI N. 5 e 6 L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA IDENTIFICARE E ANALIZZARE LE VARIABILI

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Distribuzione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

INSEDIAMENTO PRODUTTIVO ALL ESTERO E ACCORDI DI COLLABORAZIONE INTERAZIENDALE

INSEDIAMENTO PRODUTTIVO ALL ESTERO E ACCORDI DI COLLABORAZIONE INTERAZIENDALE INSEDIAMENTO PRODUTTIVO ALL ESTERO E ACCORDI DI COLLABORAZIONE INTERAZIENDALE Barbara Francioni 1 MOTIVAZIONI DELL INSEDIAMENTO PRODUTTIVO ALL ESTERO Cogliere le opportunità rese disponibili dall'operatore

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 La Pianificazione Pubblicitaria Fulvio Fortezza Il Piano di comunicazione 2 1 OBIETTIVI Gli obiettivi devono essere specifici e, possibilmente, misurabili

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2010 2011

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2010 2011 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2010 2011 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009 Zurich Connect Compagnia diretta di assicurazione Presentazione Partnership Maggio 2009 Contenuti della presentazione Presentazione del Gruppo Zurich Financial Services e di Zurich Connect in Italia Illustrazione

Dettagli

Strategie Funzionali di Logistica e Marketing

Strategie Funzionali di Logistica e Marketing Strategie Funzionali di Logistica e Marketing Logistica: definizioni, obiettivi e struttura Acquisti: l approvigionamento dell Azienda Marketing Strategico Marketing Operativo Il Marketing Mix Promozione

Dettagli

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Obiettivi : l obiettivo del corso è con rifornire alla piccola e media impresa un insieme di strumenti teorici

Dettagli

PROGRAMMA. WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore)

PROGRAMMA. WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore) PROGRAMMA WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore) - Il comportamento dei costi aziendali: costi variabili vs. costi fissi, costi diretti vs. costi

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Macro-area tematica: innovazione, progettazione, produzione e commercializzazione per i settori design oriented Settore: Fashion e Design

Macro-area tematica: innovazione, progettazione, produzione e commercializzazione per i settori design oriented Settore: Fashion e Design UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In collaborazione con DESIGN FOR BUSINESS & BUSINESS FOR DESIGN Design italiano come valore, innovazione e strategia (non solo di prodotto ma anche di processo!)

Dettagli

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company 1. Perchè crescere all estero: lo scenario internazionale Integrazione

Dettagli

Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura. Capitolo 1 Creare relazioni con i clienti e valore con il marketing 3

Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura. Capitolo 1 Creare relazioni con i clienti e valore con il marketing 3 VI Indice Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XX XXIII XXIV Parte prima Il processo di marketing: come iniziare Capitolo 1 Creare relazioni con i clienti e valore

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Definizione di Strategia Modelli di Analisi Strategica (e della concorrenza) Modelli di Formulazione della Strategia (Processo

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING

CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono le quattro condizioni necessarie

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Quest opera paradigmatica, capitale non solo per lo sviluppo dell arte moderna, ma anche e soprattutto

Dettagli

Le filiere della comunicazione

Le filiere della comunicazione ASK - Centro di ricerca Art, Science and Knowledge Le filiere della Paola Dubini Mario Campana 24 marzo 2009 Osservatorio Business TV Le domande della ricerca 1. Come si articola il processo di costruzione

Dettagli

Università degli Studi di Cassino. Corso di Marketing. Prof. Marcello Sansone

Università degli Studi di Cassino. Corso di Marketing. Prof. Marcello Sansone Università degli Studi di Cassino Corso di Marketing Prof. Marcello Sansone Corso di Marketing Dott. Roberto Bruni Il Piano di Marketing Livelli di formulazione strategica di un organizzazione Livello

Dettagli

Indice. Gli Autori. Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana. Ringraziamenti dell Editore. Guida alla lettura

Indice. Gli Autori. Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana. Ringraziamenti dell Editore. Guida alla lettura Indice Gli Autori Prefazione all edizione originale Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XV XVII XIX XXI XXIII Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

La raccolta pubblicitaria

La raccolta pubblicitaria La raccolta pubblicitaria Il settore della comunicazione pubblicitaria comprende due ambiti di attività: 1) Above the line, che corrisponde al settore della raccolta pubblicitaria realizzata attraverso

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI ACQUISIRE NUOVI CLIENTI INTRODUZIONE L acquisiszione di nuovi clienti e il processo di ricerca di nuove relazioni di business, di valutazione delle esigenze dei clienti e delle relative offerte dei fornitori,

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Il Marketing internazionale

Il Marketing internazionale Il Marketing internazionale Bergamo, 27 febbraio 2012 Temi che verranno affrontati Definizione del concetto marketing Il piano di marketing Tipologie di marketing Internazionalizzazione d impresa IL Marketing

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA Il nostro network di specialisti Il vostro network di soluzioni LA STORIA // IL NETWORK // SERVIZI DI STAMPA // DIRECT MARKETING

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

INTEGRARE LA STRATEGIA COMPETITIVA

INTEGRARE LA STRATEGIA COMPETITIVA Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Laurea Magistrale in Economia e Gestione aziendale Corso di Strategie d Impresa Prof. Tonino Pencarelli A.A. 2011-2012 INTEGRARE LA STRATEGIA COMPETITIVA A cura

Dettagli

Il modello di Kraljic, una strategia a 4 step

Il modello di Kraljic, una strategia a 4 step articolo n. 2 marzo 2014 Il modello di Kraljic, una strategia a 4 step CLAUDIO VETTOR, SISTEMIC MANAGER Claudio Vettor, Temporary Manager, Esperto di Theory of Constraints, ha dedicato la propria carriera

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO ANALISI A CASCATA DELL AMBIENTE COMPETITIVO ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO Cap. 5: Analisi della domanda/ segmentazione

Dettagli