evoluzione tecnologica e sviluppo economico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "evoluzione tecnologica e sviluppo economico"

Transcript

1

2 evoluzione tecnologica e sviluppo economico Nel 1848 apparvero in Inghilterra i Principi di economia politica. In quest opera il grande pensatore liberista John Stuart Mill utilizzava una metafora di grande successo: quella del mulino. L economia, ragionava Mill, è come un grande mulino per il quale occorrono sia una forza naturale, come l acqua o il vento, capace di produrre l'energia necessaria al funzionamento della macchina, sia un meccanismo in grado di trasformare l energia stessa in lavoro, e quindi in ricchezza. L energia umana presente in una società sarebbe tuttavia inutile, e potenzialmente dannosa, se non fosse guidata e trasformata da un meccanismo sociale, determinato secondo le leggi dell'etica, capace di distribuire questa ricchezza e di trasformarla in ricchezza sociale Secondo Mill le forze naturali, come l'acqua che scorre o il vento che soffia, non possono essere create dall'uomo, non sono controllabili e rispondono a leggi naturali distinte dalle norme etiche. Anche nella società esistono leggi naturali, come per esempio quelle che regolano la produzione della ricchezza, che non possono subire limitazioni, ma che devono seguire le libertà dei singoli individui che naturalmente ricercano il proprio utile e la propria felicità. In una simile visione finanza, tecnologie e persone concorrono a creare nell odierna economia le infrastrutture attraverso le quali può avvenire la produzione di beni e servizi. Per il corretto funzionamento delle infrastrutture occorrono norme che la politica deve saper promulgare. Ma prima ancora della politica occorre una sensibilità etica che è frutto del comune sentire di una nazione, ossia di un costume morale sufficientemente diffuso. Come affermava Orazio (Carm., 3, 24, 33-36): quid leges sine moribus vanae 2

3 evoluzione tecnologica e svilupo economico proficiunt?. E Dante ripeteva nel Purgatorio (16,97): Le leggi son, ma chi pon mano ad esse? E in un simile complesso schema è intuibile che ogni elemento che ne fa parte è in qualche modo intrecciato con gli altri elementi. Ciò significa che se un elemento si modifica tutto lo scenario ne verrà coinvolto. l impatto della tecnologia sulle attività umane L evoluzione della tecnologia ha certamente influenzato il mondo del lavoro offrendo continuamente nuove opportunità. Tuttavia dopo la grande rivoluzione costituita dall avvento del agricoltura e dell allevamento per un lungo periodo non ci sono state significative rivoluzioni tecnologiche. Per qualche millennio l umanità è stata profondamente condizionata dalla quantità di cibi o e di energia disponibili. Oggi ci si stupisce che i cinesi siano così più numerosi rispetto agli europei, ma non si considera che durante la dinastia Han (207 a.c. 9 d.c.) era avvenuta in Cina una rivoluzione tecnologica che per gli effetti prodotti può essere raffrontata soltanto con le grandi rivoluzioni tecnologiche occidentali avvenute nel secolo che ha preceduto la Prima Guerra Mondiale. Con la costruzione di un formidabile sistema idrico e con nuove tecniche di coltivazione del riso i cinesi furono così in grado di sostenere una crescita demografica che in Europa non sarebbe stata assolutamente possibile. 3

4 evoluzione tecnologica e sviluppo economico Ma la Cina non è stata poi in grado di partecipare delle grandi conquiste tecnologiche avvenute in Occidente a partire dalla fine del XVII secolo. Con l apparizione della macchina a vapore che si è rapidamente diffusa in innumerevoli applicazioni, dalle industrie, ai treni, alle navi, nasceva un nuovo tipo di energia molto più economica e intensa rispetto alle forme precedenti costituite essenzialmente di forza muscolara umana o di animali, e da mulini a vento o ad acqua. Ferrovie e navi rapidamente evolutesi negli Stati Uniti hanno consentito all agricoltura nordamericana di invadere l Europa. In rapida successione, poi, l elettricità, il carbone e il petrolio, le automobili, la produzione artificiale dell ammoniaca, la radio e il telefono, e quindi il computer, hanno creato le premesse per una crescente interazione economica su scala mondiale, ossia quel fenomeno che prende il nome di globalizzazione. l odierno scenario economico Grazie soprattutto alla Information and Communication Technology (ICT) il mondo economico sta diventando oggi sempre più piatto, o meglio interconnesso, e l economia non conosce più barriere geografiche: e ciò in tempo reale. La globalizzazione attualmente in atto si avvia a diventare probabilmente il più grande impulso nella storia dell economia, persino superiore a quello della Rivoluzione Industriale che ha coinvolto non più di un terzo della popolazione mondiale. Nel corso dell ultimo decennio centinaia di migliaia di lavoratori indiani si sono integrati nell economia globale grazie al fenomeno della delocalizzazione di applicazioni e attività svolte nel mondo occidentale presso centri situati, per esempio, nell area di Bangalore. E dopo l ingresso della Cina nel WTO le operazioni di trasferimento di produzioni (offshoring) da parte di imprese occidentali sono grandemente cresciute. Se ciò è stato un bene per i lavoratori indiani e cinesi esso rappresenta però un problema per il modello di vita dei paesi occidentali e comincia a porre notevoli dilemmi sociali. E anche importante osservare ancora una volta che l attuale vitalità dell economia asiatica è un fenomeno ciclico: prima della Rivoluzione Industriale le economie asiatiche erano state per oltre un millennio le più robuste. I viaggi in Cina di Marco Polo, di Ibn Batuta e di padre Matteo Ricci ci hanno lasciato straordinari documenti sulla ricchezza dell economia cinese. Un mondo economico così globalizzato e interconnesso è un mondo piatto nel quale le distanze e i tempi si annullano e nel quale il vero vantaggio competitivo è nel poter offrire ai clienti istantaneamente, con facilità e a costi concorrenziali ciò che essi possono desiderare 4

5 evoluzione tecnologica e svilupo economico il fenomeno dell offshoring Il fenomeno dell offshoring, ossia la delocalizzazione del processo produttivo da parte di un'azienda con il trasferimento di tutti o parte degli stabilimenti in un paese diverso da quello dell'azienda stessa, viene praticato solitamente dalle aziende dei paesi sviluppati ed industrializzati per poter produrre in paesi dove la manodopera ha un prezzo minore. Questo fenomeno non riguarda soltanto il trasferimento di attività verso paesi come la Cina e l India ma coinvolge anche i Paesi dell Est europeo. Questi ultimi infatti, dopo essere recentemente entrati nell'unione Europea sono diventati particolarmente allettanti per i paesi dell'europa occidentale che desiderano delocalizzare i servizi: le barriere linguistiche sono pressoché inesistenti, le normative ridotte al minimo e il costo degli stipendi inferiore in media del 40%. C è da aggiungere che il fenomeno dell offshoring viene avvertito in modo diverso se esso riguarda il mondo dei servizi piuttosto che quello dell industria. Differentemente dal decentramento dei processi industriali, la delocalizzazione dei servizi non infastidisce più di tanto le popolazioni occidentali perchè, diversamente da ciò che talvolta accade nell'industria, il lavoro non viene trasferito in fabbriche dove le condizioni sono precarie e i lavoratori sottopagati, ma in uffici dove i lavoratori sono ben retribuiti e molto preparati, siano essi in India, nell'europa dell'est oppure in Cina. 5

6 evoluzione tecnologica e sviluppo economico Tuttavia, il processo non si svolge senza proteste: il vasto ceto medio dei paesi occidentali, infatti, inizia a preoccuparsi di perdere il proprio posto di lavoro. Il problema, poi, sembra molto più grande per i paesi di lingua inglese perchè è intuibile che tale lingua sia conosciuta in Cina, e soprattutto in India, ben più di altre lingue come il tedesco, il francese, l italiano o lo spagnolo. Un recente studio dell università Americana di Princeton ipotizza che nel prossimo decennio siano a rischio negli USA circa 50 milioni di posti lavoro, ossia quasi un terzo dell intera forza lavoro; mentre un altro studio della McKinsey stima che circa l 11% della forza lavoro nel settore privato dei paesi più ricchi sia suscettibile di essere trasferita (offshored) verso i paesi emergenti. C è quindi un inquietudine legata alla paura della disoccupazione. Tuttavia due economisti del Fondo Monetario Internazionale, Mary Amiti e Shang-Jin Wei,sostengono che: "Le aziende che mettono in atto la delocalizzazione migliorano la propria produttività, riuscendo così a creare nuovi posti di lavoro", La nuova produttività, spiegano gli economisti del FMI, in un contesto sufficientemente concorrenziale abbatte i prezzi, provocando un aumento dei consumi e, di conseguenza, della domanda di lavoro. Ricerche empiriche svolte negli Stati Uniti e in Inghilterra confermano i risultati dello studio, che rileva un ulteriore dato in grado di tranquillizzare gli osservatori più critici: il fatto che non aumentano solamente i servizi delocalizzati dai paesi occidentali, ma anche i posti di lavoro che vengono "importati" (insourcing) negli stessi paesi occidentali da aziende estere. Più recentemente l Economist è arrivato ad affermare che nel medio termine tutto il mondo non potrà che beneficiare di un complessivo miglioramento della produttivita 6

7 evoluzione tecnologica e svilupo economico con una più equa distribuzione della ricchezza prodotta. Resta comunqe il fatto che l economia occidentale è oggi tuttora in difficoltà. cos è accaduto negli ultimi 30 anni Nel corso degli ultimi 30 anni si è assistito all affermarsi di un economia globalizzata, al crollo delle tariffe doganali, a rilevanti miglioramenti nell organizzazione della produzione, e ancor più ai mutamenti tecnologici avvenuti nell ICT. Tutti questi elementi, insieme ad altri che verranno esaminati più avanti, hanno contribuito alla crisi economica del 2008 che sembra aver impoverito non solo gli operai e i precari, ma anche i bancari, gli impiegati, e perfino certi professionisti. Ma alcune élites (manager, grandi professionisti, star del mondo dello spettacolo e dello sport, stilisti, cantanti, conduttori televisivi, ) hanno acquistato potere e denaro, creando enormi diseguaglianze che la stessa crisi economica ha reso addirittura ancor più vistose. Sembra ormai che persino il normale lavoro professionale, creativo e orientato alla soluzione di problemi, svolto nei servizi avanzati e nell industria manifatturiera stia perdendo di valore. Tuttavia se si riflette per un attimo sul semplice schema del mulino di Mill si può osservare che, oltre alla tecnologia, nella produzione economica ci sono due componenti che si erano più o meno bilanciate fino a un paio di decenni fa, ossia il capitale e il lavoro. 7

8 evoluzione tecnologica e sviluppo economico Se allora si analizzano i dati economici ci si accorge che nel corso degli ultimi 30 anni la quota di ricchezza (ossia di prodotto interno lordo: PIL) prodotta dal capitale è cresciuta più rapidamente della quota prodotta dal lavoro (ossia dai salari). Il PIL delle nazioni OECD ( ovvero l'organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE)) era intorno ai 40 mila miliardi di dollari nel In tale quota la parte capitale si era avvantaggiata di circa il 5% rispetto alla parte lavoro, e quindi di circa 2000 miliardi di dollari che non andavano in salari, il che per una popolazione di oltre un miliardo di persone vuol dire quasi demila dollari a testa. C è stato quindi un sostanziale impoverimento soprattutto delle classi medie. In realtà il fenomeno sembra ancora più complesso. Probabilmente il meccanismo è stato innescato negi USA dove l economia dei consumi è stata sempre molto vivace. Tuttavia a fronte della minore liquidità disposibile negli ultime decenni il mercato ha cercato di adattarsi creando una forma artificiale di liquidità giocando sulla speranza di guadagni a venire. E simili guadagni potevano apparire concreti soprattutto nel settore immobiliare. Allora perchè non indebitarsi per alcuni decenni verso un bene che comunque col tempo si sarebbe rivalutato più del debito contratto? E così sono entrati in gioco meccansimi finanziari molto complicati e soprattutto audaci. Per dirla con grande semplicità sono stati concessi mutui quanto mai facilitati, e pressochè a tutti. La crescita dell edilizia ha stimolato a sua volta un ampia infraststuttura industriale e di servizi. E le banche sono diventate il motore del flusso denaro. 8

9 evoluzione tecnologica e svilupo economico E tale flusso di denaro è dilagato attraverso gli USA soprattutto attraverso i cosiddetti mutui subprime, ossia mutui concessi a persone che non avevano accesso a un tasso più favorevole perchè considerati a rischio di insolvenza. Le condizioni dei mutui subprime imponevano quindi tassi di interesse più alti. A partire dal 2000, molte banche americane hanno così concesso mutui a persone che forse non sarebbero state in grado di restituire il denaro. Ma come è potuto accadere, e in una misura così grande? Il fatto è che dal 2000, e fino a quasi tutto il 2006, il prezzo delle abitazioni è cresciuto così tanto da creare una vera e propria bolla immobiliare. La continua crescita del prezzo delle abitazioni ha creato l illusione che l attività di erogazione dei mutui fosse poco rischiosa. Se il mutuo non fosse stato ripagato l abitazione poteva essere sequestrata e rimessa in vendita a un prezzo più alto. Al tempo stesso i tassi di interesse stabiliti dalla Banca Centrale Americana (la Federal Reserve) erano progressivamente scesi proprio per stimolare l economia. Ma c era un altro aspetto molto importante: gli enormi investimenti che la Cina continuava a fare negli USA. Vedremo meglio più avanti la natura di questo meccanismo. Per il momento basti considerare che la quantità di denaro immessa dalla Cina nel mercato statunitense è stata veramente colossale (trilioni di dollari) rendendo disponibile un ulteriore enorme liquidità. Tornando al meccanismo dei mutui immobiliari è importante osservare che le banche americane erano riuscite a concedere tanti mutui anche in virtù di un meccanismo finanziario, la cosiddetta cartolarizzazione, per mezzo del quale potevano rivendere ad altri gli stessi mutui, trasferendone così il rischio. Possiamo riassumere, brevemente e in modo del tutto semplificato, il meccanismo complessivo della cartolarizzazione. Una banca dispone di una certa liquidità (decine o centinaia di milioni di dollari o di euro) che può erogare in mutui. Una volta che tale liquidità si sia esaurita la banca dovrebbe attendere il rientro di tutte le rate (o di gran parte di esse) per erogare nuovi mutui. Invece può innestare un nuovo processo per ottenere ulteriore liquidità e ridurre i rischi. Può rivolgersi a un altro ente (la cosiddetta società veicolo), che potrebbe essere persino stato creato dalla banca stessa e il cui capitale è rappresentato proprio dai crediti vantati verso i clienti che hanno contratto dei mutui. La società veicolo puo' farsi finanziare dal mercato dando in garanzia sotto forma di obbligazioni i crediti vantati nei confronti dei clienti della banca dalla quale ha ottenuto i mutui e cui ha fornito in cambio la liquidità. La banca stessa con la nuova liquidità può erogare nuovi mutui e ha così ridotto, in linea di principio, i suoi rischi. A questo punto si potrebbe inserire una nuova banca, una cosiddetta banca affari, la quale potrebbe acquistare obbligazioni dalla società veicolo e potrebbe, a sua volta, costituire una nuova società cui destinare le obbligazioni appena acquistate. Quest ultima società a sua volta potrebbe emettere obbligazioni, e così via. Una persona ragionevole di fronte a un simile meccanismo cosa può pensare? Non è certamente possibile creare ricchezza con questa sola sequenza di ingegneria finanziaria. E allora? L unica spiegazione è che il valore delle case deve aumentare nel tempo (coprendo i rischi) e il denaro da restituire dovrà essere prodotto dal lavoro a 9

10 evoluzione tecnologica e sviluppo economico venire dei mutuatari. Il pericolo era insito proprio nel meccanismo di rischio. Se qualcosa non avesse funzionato correttamente l intero meccanismo si sarebbe inceppato e le conseguenze sarebbe state essere molto gravi: come infatti è avvenuto. E già intorno al 2005 qualcosa cominciava a scricchiolare nell economia americana. I tassi di interesse iniziavano nuovamente a crescere, i mutui da ripagare diventavano più costosi, mentre il prezzo delle abitazioni cominciava a scendere. Le banche iniziavano così a registrare perdite sempre più grandi. I titoli fondati sulle rate dei mutui subprime scendevano drammaticamente di valore e diventavano, come si dice, tossici: in virtù della globalizzazione in atto la crisi si estendeva poi rapidamente all intero mondo finanziario. Nasceva così una crisi di liquidità e veniva meno l accesso al credito per persone e imprese. il ruolo della finanza nell attuale crisi Una delle caratteristiche più significative dell odierno scenario economico è la globalizzazione dei mercati finanziari. La possibilità di lavorare in tempo reale e su scala mondiale attraverso reti di computer interconnessi in vario modo ha dato agli investitori un potere crescente, che essi hanno immediatamente utilizzato per ottenere dai loro investimenti i massimi rendimenti e nei tenpi più brevi. In questo contesto si colloca anche la strategia americana di concedere prestiti a basso costo per l acquisto di abitazioni, con i meccanismi e le conseguenze precedentemente descritti. E ancora occorre sottolineare il ruolo svolto dalla Cina che ha progressivamente aumentato la sua produzione di merci (spesso di basso costo) ricavandone una liquidità che non ha voluto reinvestire nel suo sistema paese. A seguito della grande crisi finanziaria asiatica degli anni Novanta la Cina ha preferito puntare su mercati finanziari evoluti, come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, che hanno visto così arrivare ingenti investimenti. Tra il 2000 e il 2007 negli Stati Uniti è arrivata una quantità di denaro cinese equivalente al 40% del PIL americano di un anno, e in Gran Bretagna l equivalente di un 20% del PIL inglese di un anno. C è da aggiungere che gli enormi investimenti effettuati in dollari hanno mantenuto basso il valore della moneta cinese e quindi molto appetibile la forza lavoro cinese, il che ha consentito tante delocalizzazioni industriali dall Occidente in Cina. Ora che la crisi economica fa sentire il suo peso diventa ancora più difficile esportare prodotti in Cina e ciò determina un forte arretramento di economie che dalle esportazioni verso la Cina ricavavano molti benefici per la loro bilancia commerciale. Tutto questo denaro offerto dalla Cina doveva essere sapientemente investito e sembrava che i mercati finanziari americano e inglese possedessero tecnologie adeguate per gestire i modelli di rischio. Ma c è ancora una volta da sottolineare che l economia non è ancora una scienza. Troppi sono i parametri in gioco e soprattutto troppo forte è l emotività umana, per non parlare dell avidità. Le condizioni al contorno non permettono la definizione dell evoluzione di un modello finanziario, ancor meno di quella di un modello meteorologico nel quale i parametri sono innumerevoli ma il comportamento è retto da leggi fisiche ben conosciute. Di fatto le famiglie americane sono oggi indebitate in misura tale che il loro 10

11 evoluzione tecnologica e svilupo economico indebitamento è pressochè equivalente all intero PIL nordamericano. E dietro all attuale crisi economica si nasconde anche un altro spettro, quello degli algoritmi matematici con i quali si credeva che fosse finalmente possibile domare o esorcizzare il rischio. In un lavoro del 1973 Fischer Black e Myron Scholes avevano formulato un equazione matematica che sarebbe stata ampiamente utilizzata dai modelli finanziari nei decenni successivi. L equazione si basava anche su precedenti ricerche di Robert Merton. Quest ultimo, insieme a Scholes, avrebbe poi vinto il premio Nobel per l economia nel L idea su cui si basava l equazione di Black e Scholes era che un titolo derivato è implicitamente prezzato se il cosiddetto strumento sottostante (ossia quell attività da cui dipende il derivato) viene scambiato sul mercato. Il modello di Black e Scholes era diventato un vero e proprio manifesto della finanza, in grado di convincere gli investitori che quest ultima fosse quasi una scienza esatta. Dopo che nel 1971 era stata abbandonata la parità monetaria con l oro i mercati finanziari desideravano avere uno strumento che in qualche modo li proteggesse contro le variazioni dei cambi tra le valute e successivamente contro le variazioni dei tassi di interesse. In sostanza si desiderava uno strumento che proteggesse dai rischi. Il modello di Black-Scholes sembrava la risposta a una simile esigenza. Per dirla molto 11

12 evoluzione tecnologica e sviluppo economico semplicemente, sarebbe stato bello poter disporre di una formula che permettesse di conoscere il prezzo di un prodotto composto dai prezzi dei suoi componenti. Ma l equazione di Black-Scholes resta un modello matematico, con tutte le semplificazioni adottate da un modello. La struttura dell equazione, senza entrare nei dettagli, ricorda quella delle equazioni che in fisica descrivono la diffusione del calore. La volatilità dei prezzi sono però risultate più discontinue di quanto il modello matematico prevedesse. E i meccanismi di cartolarizzazione avevano introdotto un altro elemento di incertezza, difficilmente quantificabile. Ma c è un ulteriore elemento di cui tener conto ed è il fattore psicologico umano. Già Keynes negli anni Settanta aveva parlato di Animal Spirits per indicare le instabilità insite nel capitalismo. I diversi aspetti degli Animal Spirits come fiducia, correttezza, avidità, corruzione non fanno parte di un modello matematico. Si è quindi sovrastimato l approccio razionale, tanto che Edmund Phelps, premio Nobel per l economia nel 2006, ha detto che i modelli di rischio non hanno mai avuto un buon fondamento. Secondo Phelps è impossibile prevedere in dettaglio il comportamento di un sistema complesso come un mercato finanziario, e quindi ciò che occorre tuttora è una certa dote di intuito, soprattutto manageriale, che è palesemente mancata. tecnologia e lavoro Ci sono peraltro nuovi fenomeni sociali, indotti dall evoluzione tecnologica, che concorrono a modificare ulteriormente lo scenario del mondo del lavoro, soprattutto nell ambito di un economia sempre più globalizzata. E uno dei fenomi di maggiore rilevanza è l inarrestabile diffusione di nuovi dispositivi elettronici grandi come, o poco più, del palmo di una mano che possono pienamente interagire con Internet. Sempre più persone si connettono a Internet con smartphone e con tablet di vari costruttori. E questo fenomeno si diffonderà con estrema rapidità anche nei paesi emergenti. Queste persone vorranno anche lavorare in un modo diverso: essi sono gli iworker. Un crescente numero di persone che lavorano opera ormai nell ambito di un mondo cosiddetto online. E nel futuro tale mondo sarà costituito da un infrastruttura di telecomunicazioni assolutamente pervasiva, cioè in grado di raggiungere tutti, e con una capacità di trasmissione (bandwidth) persino più elevata di quanto necessario. Secondo un recente studio di IDC ci sono attualmente più di un miliardo e 200 milioni di utenti che accedono a Internet. 700 milioni possiedono un proprio Personal Computer, mentre oltre due miliardi di persone possiedono un telefono cellulare. Nell ambito di questa vasta popolazione ci sono almeno trecento milioni di persone che lavorano per imprese di vario genere. Queste persone elaborano e scambiano enormi quantità di informazioni, tanto da venir identificate, secondo un nuovo neologismo, come iworker, ossia come operatori dell informazione. Uno degli aspetti più significativi di questa nuova realtà del mondo del lavoro è che gli iworker utilizzano in proprio, e molto spesso a casa, apparecchi elettronici che vorrebbero poter riutilizzare nello stesso modo sul posto di lavoro. Essi infatti usano molteplici dispositivi che permettono di accedere a Internet per le più diverse attività personali, quali ricerca di informazioni, gestione di testi, e-commerce, networking sociale, fruizione di contenuti multimediali di vario genere quali musica e filmati, 12

13 evoluzione tecnologica e svilupo economico videogiochi,.. Nasce così una crescente pressione sui reparti ICT delle varie imprese affinchè le capacità di interazione con Internet, acquisite personalmente, possano essere integrate proficuamente nell attività di lavoro. E ciò che maggiormente colpisce è la velocità con la quale questo fenomeno stia ormai dilagando, soprattutto a causa di una popolazione di utenti molto giovani (tra 18 e 30 anni) che non prova alcuna timidezza nello sperimentare sempre nuove possibilità applicative. Inoltre si vanno anche differenziando i dispositivi elettronici che possono essere utilizzati. Secondo lo stesso studio di IDC alla fine del 2009 erano oltre sei miliardi i dispositivi in grado di connettersi a Internet, e tra essi ci sono computer, printer, telefoni cellulari, smart-phone, camera-phone, MP3 player, dispositivi per videogiochi, macchine fotografiche digitali, dispositivi di videosorveglianza, GPS di vario tipo, dispositivi elettronici per la medicina, lettori RFID e barcode, slot machine, e molto altro ancora. Di fatto già quattro dispositivi su cinque non sono computer veri e propri, mentre oltre la metà può essere considerata elettronica di consumo. Quest ultima nel corso dei prossimi tre anni crescerà sul mercato mondiale molto più rapidamente dei computer, raddoppiando praticamente i propri volumi. Gestire un simile fenomeno, così complesso, così rapido e così dirompente, non è più prerogativa delle sole grandi imprese ma sta diventando un esigenza di quasi ogni impresa in qualunque parte del mondo. Sapersi adattare a questa realtà è quindi essenziale per poter mantenere il proprio livello di competitività rispetto agli altri. Basti pensare alla disinvoltura con la quale milioni di giovani in tutto il mondo 13

14 evoluzione tecnologica e sviluppo economico sono ormai in grado di interagire tra di loro o, nell ambito delle loro professioni, con datori di lavoro, clienti e altri operatori; passando disinvoltamente dalle ai messaggi sms, dalle conferenze su Web alle applicazioni sociali, come Facebook o Twitter, per scambiare qualsivoglia tipo di informazione e nei formati più diversi, dal testo alla foto e al video. Il numero e la varietà delle interazioni nell ambito di questa popolazione sta crescendo rapidamente. E anche se non tutti i dispositivi dell elettronica di consumo entreranno a far parte del mondo del lavoro molti di essi ne verranno certamente a fare parte. E tra questi un ruolo fondamentale avranno certamente i dispositivi che favoriscono la mobilità pur mantenendo l accesso a Internet. Occorre allora distinguere gli aspetti hw da quelli sw, ossia i dispositivi elettronici veri e propri dalle applicazioni utilizzate. In termini di rapidità di crescita nel breve periodo la parte del leone sembra ormai chiaro che la debbano fare gli smartphone per l hw e le applicazioni sociali per il sw. Secondo IDC nel corso dei prossimi tre anni entrambe queste due tecnologie raddoppieranno la loro presenza sul mercato. Ma nell ambito di una simile evoluzione appaiono anche difficoltà e rischi tutt altro che irrilevanti: sicurezza, affidabilità, disponibilità, privacy,.. I dati aziendali possono essere trasferiti sui nuovi dispositivi elettronici? Qual è la politica aziendale? Cosa accade se il dispositivo (come del resto il PC) viene perduto, per esempio in treno o su di un taxi, e contiene dati sensibili per l impresa? Viceversa l iworker può memorizzare sugli archivi aziendali informazioni personali? In che misura può essere realizzato il nuovo mescolamento di attività (personali-aziendali) sui nuovi dispositivi di elettronica di consumo, quali soprattutto gli smartphone? In che misura dovrà crescere la capacità di memorizzazione di dati multimediali e di gestione delle applicazioni sociali da parte delle imprese? E intuibile che tali sfide devono essere trasformate in opportunità affinchè le imprese possano far leva su quello che resta il loro asset principale, ossia le persone; soprattutto se queste persone sono giovani e quindi naturalmente innovative. Non c è tecnologia tanto innovativa quanto lo sono la giovinezza e la freschezza di idee, e soprattutto la volontà di non adeguarsi rigidamente a schemi e modelli preesistenti: e ciò in ogni attività umana. Lo scopo di un impresa resta comunque quello di vendere i propri prodotti o i propri servizi. E per vendere è necessario oggi saper colloquiare meglio, rispetto agli anni passati, con i propri clienti. Occorre quindi saper utilizzare tecniche di marketing più evolute rispetto a quelle tradizionali e in grado di coinvolgere più intensamente la clientela. Ma se ancora qualche anno fa un marketing d avanguardia sembrava essere quasi oltre l'orizzonte economico di una impresa, perchè occorrevano capitali non irrisori per pensare di promuovere un prodotto, ora non è più così, almeno in certi contesti. Le nuove metodologie comunicative possono rivelarsi quanto mai efficaci. Si può fare marketing estremamente creativo e a basso costo utilizzando il Web in generale e il cosiddetto Web 2.0 in particolare, che pur mantenendo il termine Web indica ormai una realtà ben più ampia che non il Web tradizionale, come si è visto fin qui. Detto in termini quanto mai semplificati il Web 2.0 consiste soprattutto nella migrazione di applicazioni tradizionalmente residenti sul PC verso Internet. 14

15 evoluzione tecnologica e svilupo economico Si è ormai ben compreso che è in atto una vera e propria rivoluzione nel modo con il quale le persone individuano e scelgono le imprese con le quali fare business. Oggi, in pratica, quasi ognuno si rivolge innanzitutto a Internet per acquistare un bene o un servizio. Si può iniziare con una ricerca attraverso Google o Yahoo, oppure, per ottenere un consilgio, si possono inviare messaggi agli amici attraverso , Facebook, Twitter, o altro ancora. E le imprese che otterranno attenzione non sono necessariamente le più grandi, o le più famose, o quelle che fruiscono di più pubblicità in TV, ma piuttosto quelle che hanno la migliore visibilità sul Web. Durante il 2009 negli USA sono stati investiti oltre 1.2 miliardi dollari in pubblicità su social network. E non sottovalutiamo il fatto che la audience di Facebook è molto più grande di quella di qualsivoglia TV, mentre in Inghilterra il 17% delle imprese utilizza Twitter. Nasce così un nuovo tipo di marketing, il cosiddetto inbound marketing (letteralmente marketing di ritorno), rispetto al tradizionale outbound marketing (ovvero marketing in uscita) che prevede risorse fisiche spesso inefficaci. Non è più necessario ricorrere a dispendiose campagne pubblicitarie sui canali tradizionali, quali stampa e TV, come non è più necessario disturbare le persone con telefonate nelle ore più inconsuete. L impresa che ha saputo creare intelligentemente la propria imagine (brand, prodotti e/o servizi), online, viene individuata attraverso motori di ricerca o siti come Facebook, Youtube, Twitter,...siti che decine e decine di milioni di utenti visitano ogni giorno. Nell ambito dell editoria il successo, dopo iniziali esitazioni, è stato travolgente. Amazon sta creando le basi per un ulteriore rivoluzione, quella del libro virtuale che viene distribuito e letto online, su di un opportuno dispositivo elettronico quale il Kindle, a un costo inferiore a quello tradizionale e con la possibilità di muoversi avendo con sè un intera biblioteca (virtuale). Ma non è tutto. Amazon ha indicato come i lettori possano inserire commenti online, giudicare la qualità del libro, confrontare recensioni, dialogare tra loro, individuare edizioni usate, rare o di pregio, ovunque nel mondo; potendo disporre al tempo stesso di una galassia di subfornitori che possono vendere a costi persino inferiori. E l attuale tecnologia consente di fare ancora di più. Internet e le sue applicazioni non solo lì solo per ricevedere domande o per spedire informazioni: potrebbero anche diventare strumenti di sicurezza e di protezione personale. La rivista Fortune ha recentemente (29 luglio 2010) citato il caso dello studente americano James Buck arrestato vicino al Cairo mentre fotografava una manifestazione di protesta. Prima di essere arrestato James Buck è riuscito a inviare dal suo cellulare un unica parola attraverso Twitter: arrestato. La rete Twitter dei suoi contatti ha immediatamente avvertito l università di California a Berkeley che, a sua volta, ha avvertito il Dipartimento di Stato il quale attraverso un legale è riuscito a far uscire di prigione Buck in meno di 24 ore. Una straordinaria dimostrazione di flessibilità del Web e delle sue nuove applicazioni. Le nuove possibilità per le imprese sia nell ambito della produzione sia in quello del marketing sono in realtà ancor più complesse e discendono in grande misura dalle possibilità offerte dalla tecnologia ICT, in continua evoluzione. 15

16 evoluzione tecnologica e sviluppo economico le reti sociali Un altra importante conseguenza provocata dalla diffusione di Internet è la creazione per mezzo di opportune applicazioni software di molteplici social network (ovvero reti di relazioni sociali), che vengono a costituirsi tra individui per stabilire contatti in ambiti differenti, come professioni, amicizie, relazioni sentimentali, Nell ambito di queste reti si possono creare profili individuali, stabilire liste di contatti, inserire informazioni personali quali fotografie, e scorrere i contatti stessi. Le caratteristiche della specifica rete ne determinano l utilità per le persone che ne fanno parte. Attualmente alcune di queste reti sociali, come Facebook, Myspace, Twitter, Linkedln, stanno crescendo vertiginosamente, tanto che il numero di contatti giornalieri su Facebook sembra abbia persino superato quelli di Google. Da molti decenni sono stati condotti diversi studi sulla natura delle reti sociali in generale, per comprendere la psicologia delle persone che ne fanno parte, le loro abitudini, i vantaggi, i pericoli, i limiti, Si è anche cercato di capire come reti sociali diverse possano interagire. Le reti sociali sono ormai una realtà così concreta da richiamare anche l attenzione del mondo del business in quanto le imprese possono utilizzarle sia per la gestione del proprio personale sia per quella dei clienti, potenziali o acquisiti. Occorre anche porre attenzione alle possibilità di business che le reti sociali online offrono oggi alle imprese. Se fino a un certo tempo fa la ricerca di un qualsivoglia prodotto da acquistare iniziava con una serie di richieste a un motore di ricerca molti, soprattutto giovani, tendono oggi a rivolgersi piuttosto alla rete dei loro amici, per es. via Facebook: C è qualcuno che ha comprato il telefono cellulare xxx? Che ne pensa? Dove mi consigliate di comprarlo?.., e così via. Questa stessa persona potrebbe essere registrata anche presso gruppi di acquisto collettivo on line, e dello shopping localizzato, in grado di offrire sconti. In breve tempo oltre alle eventuali risposte di qualcuno della sua cinquantina di amici l impresa di acquisto collettivo invia una serie di offerte a tutti e cinquanta gli amici del gruppo sociale. Naturalmente strategie simili possono differenziarsi e proporsi al mercato in modi sempre più originali. Da indagini recentemente effettuate si è constatato che le reti sociali sono ormai entrate a far parte della vita di imprese medie, grandi e piccole, perchè le imprese stesse sono consce delle opportunità che tali reti possono offrire nel rapporto con clienti attuali e potenziali. Le reti sociali diventano una preziosa risorsa per conoscere preferenze e opinioni relative all impresa e ai suoi prodotti/servizi. Ormai sembra che la maggior parte delle imprese esaminate nelle varie indagini conoscitive sia orientata a dedicare parte delle proprie risorse proprio alla comunicazione attraverso le reti sociali, tra cui soprattutto Facebook, ma anche piattaforme di microblogging quali Twitter. Sembra che ci sia una crescente consapevolezza nelle imprese sull importanza di tali reti per ottimizzare la comunicazione con il mercato e per migliorare l immagine d impresa. Tale strategia è ancora in gran parte in fase sperimentale perchè, pur comprendendone le potenzialità, non si sa ancora bene come metterla pienamente a frutto. Ci sono infatti anche dei fattori di rischio, soprattutto per l immagine d impresa, se la presenza sulle varie reti sociali non viene progettata adeguatamente. 16

17 evoluzione tecnologica e svilupo economico il mobile computing Le tecnologie del Web e dei telefoni cellulari sono in costante evoluzione. I telefoni cellulari, in particolare, incorporano sempre più funzioni tra quelle tipiche di un computer. L obiettivo è chiaramente quello di assicurare alle persone una crescente mobilità non solo nella vita privata ma anche nel lavoro. Si sta quindi diffondendo un nuovo paradigma, denominato Mobile Web 2.0, che sintetizza la strategia di distribuire informazioni e applicazioni in rete consentendo al tempo stesso all utente di fruirne quando necessario. Le maggiori aziende di telecomunicazioni hanno così visto crescere la domanda di sempre più evoluti servizi di accesso alla rete da parte dei telefoni cellulari. Le nuove generazioni di cellulari offrono quindi funzioni multimediali evolute che integrano Web e telefonia. La maggiore difficoltà attuale è piuttosto nella mancanza di standard industriali sui telefoni cellulari e quindi nell incompatibilità di tali cellulari con specifiche applicazioni Web: spesso alcune pagine Web sono incompatibili con certi dispositivi. Ma lo scenario è destinato a evolversi rapidamente e finiranno con l affermarsi solo alcune architetture attraverso le quali sarà possibile una maggiore compatibilità con Internet. Quali sono al momento le maggiori barriere tecnologiche? Innanzitutto le dimensioni dello schermo. Uno schermo di grandi dimensioni comporta anche grandi dimensioni del telefono cellulare e viceversa un piccolo schermo riduce lo spazio disponibile per l utente. La navigazione attraverso le informazioni fa ora un ampio uso di tecniche touch-screen, ma le tecniche joystick/flicker sembrano tuttora più amichevoli (user friendly). Le tecnologie fondamentali del Web, ossia Flash, Javascript e cookie, diventeranno standard in tutti i dispositivi mobili. La larghezza di banda, infine, è maggiore su di un computer che non su di un cellulare. Le conseguenze dell affermarsi di simili tecnologie sarà rilevante per il business. Potendo disporre di applicazioni Web interattive su dispositivi mobili le possibili offerte di prodotti e servizi diventano molto più articolate, flessibili e facili da utilizzare. La pubblicità stessa potrà utilizzare sempre meglio i cellulari fino a far diventare questi ultimi il suo canale privilegiato, soprattutto in vista di un aumentata mobilità delle persone. La convergenza di Web e telefonia mobile sta già avendo un rilevante impatto sul mondo della stampa. Giornali e libri possono ormai essere distribuiti via Internet acosti nettamente inferiori rispetto al tradizionale mondo della carta. E stato osservato recentemente che il New York Times potrebbe regalare ai suoi abbonati il dispositivo di accesso (per esempio il Kindle di Amazon ) perchè il risparmio sul costo della cartaripagherebbe la testata del costo del dispositivo stesso. La tradizionale visione del mondo mutuata dalla rivoluzione industriale, ossia quella di persone che si spostano in un ambiente tutto sommato geograficamente ristretto, nel quale trascorreranno gran parte della loro vita, sta evolvendosi. 17

18 evoluzione tecnologica e sviluppo economico verso un mondo di eventi Il mondo della finanza da tempo ha inondato i sistemi informatici di un enorme quantità di dati da gestire non solo in tempo reale ma anche da archiviare elettronicamente per condurre analisi del tipo più diverso. Attualmente con l avvento di Internet e delle tecnologie di tipo RFID (Radio Frequency Identification) le reti vengono alimentate anche con nuovi tipi di di informazioni che nascono da transazioni asincrone del tutto imprevedibili. Microchip RFID possono, in modo analogo ai codici a barre, essere apposti o inseriti in oggetti per essere successivamente letti o aggiornati da un sistema informativo senza intervento diretto di una persona. Il meccanismo RFID è abbastanza semplice. Un antenna posizionata rispetto al microchip a un opportuna distanza, dipendente dal tipo di applicazione, è in grado di leggerne il contenuto poiché lo stesso microchip è dotato a sua volta di una propria antenna e i due sistemi sono quindi in grado di comunicare elettromagneticamente. Secondo il tipo di necessità i microchip possono essere attivi o passivi. In quest ultimo caso il chip trae l energia necessaria per operare direttamente dal campo elettromagnetico, ossia dai segnali che gli pervengono dal sistema esterno. Ma al di là di tecnologie come i microchip RFID sta emergendo una nuova classe di microsistemi ancora più evoluti e sofisticati e capaci di rivoluzionare sia il mondo industriale, sia quello dei prodotti di largo consumo. Tali microsistemi sono di varia natura (meccanici, elettrici ed elettronici), e vengono realizzati su di uno stesso chip di silicio coniugando le proprietà elettriche dei circuiti integrati stessi con proprietà opto-meccaniche. Sono quindi sistemi "intelligenti" che integrano funzioni elettroniche, funzioni ottiche, funzioni biologiche, chimiche e meccaniche in uno spazio ridottissimo, soprattutto per catturare informazioni che provengono dall ambiente circostante. Una delle applicazioni più rivoluzionarie di questa tecnica è il cosiddetto Smartdust, una polvere intelligente, ossia un insieme di innumerevoli microscopici sistemi elettromeccanici, distribuiti in un determinato ambiente e messi in comunicazione mediante una rete wireless. Si può immaginare un mondo nel quale vengono distribuiti miliardi di micro-macchine delle dimensioni non superiori ad un chicco di riso, che controllano lo stato di un ambiente, per ottenere informazioni su umidità, pressione, temperatura, movimenti tellurici, chimica del suolo e dell'atmosfera, e altre informazioni ancora che possono contribuire ad anticipare fenomeni imprevisti e comunque a raccogliere informazioni subitanee che potremmo definire come eventi. Non c è dubbio che una simile tecnologia finirà col riguardare in pratica tutti gli operatori economici, e quindi anche le piccole e medie imprese. 18

19 evoluzione tecnologica e svilupo economico Per creare informazioni utili al business queste nuove classi di eventi devono però essere opportunamente filtrate per far sì che le decisioni possano essere fondate su dati certi e affidabili. Un metodo è quello di filtrare gli eventi in modo da accettarne solo quelli che vengano reputati significativi secondo opportuni modelli. Le nuove applicazioni sono quindi in grado di catturare grandi quantità di dati che nascono da nuovi tipi di eventi che prima non erano disponibili per le attività di business. Sono possibili almeno due tipi di strategie. Una è quella di usare archivi in memoria e data base esterni con tecniche di filtraggio che facciano sì che solo certi dati finiscano sugli archivi esterni. L altra è quella di utilizzare archivi esterni in grado di crescere e con un attività di filtro successiva in funzione delle esigenze del business. C è da aggiungere che con l avvento di nuove tecnologie come la EDGE (Enhanced Data rates for GSM Evolution), che è un'evoluzione dello standard GPRS per il trasferimento dati sulla rete cellulare GSM che consente maggiori velocità di trasferimento dei dati, diventano accessibili le normali funzionalità di Internet, l'uso dei protocolli FTP e del P2P. l impresa e la gestione delle informazioni e degli eventi Un efficace gestione delle informazioni e degli eventi si basa innanzitutto su meccanismi che siano in grado di filtrare le informazioni e gli eventi stessi e organizzarli per priorità e al tempo stesso associarli alle applicazioni cui ne spetta il trattamento. 19

20 evoluzione tecnologica e sviluppo economico Tali meccanismi si collocano sostanzialmente in tre aree 1. Raccolta e consolidamento delle informazioni e degli eventi: è la capacità di accettare informazioni ed eventi che provengano dai seguenti componenti dell infrastruttura informatica: il sistema (computer e sistema operativo) la rete (sensori, RFID, smartphone,tablet, PC, ) le memorie periferiche gli archivi elettronici (database) le applicazioni software 2. Gestione/correlazione delle informazioni e degli eventi: è la capacità di correlare ed elaborare informazioni ed eventi attraverso le seguenti tecniche: filtraggio di eventi (per esempio, quando si presentano eventi multipli e ripetitivi per uno stesso tipo di elemento o di problema l evento viene registrato e viene incrementato un contatore piuttosto che sovraccaricare il sistema) eliminazione di eventi (per esempio quando gli stessi provengono da un elemento periferico che non è raggiungibile) 3. Presentazione delle informazioni e degli eventi: la capacità di presentare i dati relativi ad informazioni ed eventi in uno dei seguenti modi:: sullo schermo di una specifica console usando suoni e colori attraverso un interfaccia Web attraverso altro E intuibile che nell economia odierna le imprese vengano ormai riempite da una quantità di informazioni/eventi imprevedibili che devono essere in grado di gestire con le predette tecniche ma che devono ancor poter utilizzare per attivare processi di business della più varia natura. Diventano quindi necessari strumenti in grado di aggregare le informazioni che nascono dagli eventi secondo schemi logici molto articolati e flessibili che nel corso degli anni si sono evoluti fino a costituire un corpo di applicazioni software che oggi prende complessivamente il nome di ERP, ossia Enterprise Resource Planning (letteralmente "pianificazione delle risorse d'impresa"). Un ERP è un complesso organico di moduli applicativi software che integra tutti gli aspetti del business e i suoi cicli, inclusa la pianificazione, la realizzazione del prodotto (manufacturing), le vendite e il marketing. Un ERP è in genere correlato ad altri due complessi di moduli software che a loro volta prendono il nome di SCM e CRM. L SCM (Supply chain management) è in sostanza la gestione della catena di 20

Nuvola digitale. Quanto è pulita?

Nuvola digitale. Quanto è pulita? Nuvola digitale. Quanto è pulita? Presentazione del rapporto di Greenpeace International How clean is your cloud? La nuvola e noi Facebook, Amazon, Apple, Microsoft, Google, Yahoo! e altri nomi, magari

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

Investire nei social. con ritorno

Investire nei social. con ritorno con ritorno Per le aziende che operano nel turismo la vera opportunità è creare un esperienza sociale che consenta agli web users di sentirsi parte di una community. Così aumentano brand awareness e fatturato.

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

Bank of America Il Mobile Banking

Bank of America Il Mobile Banking Bank of America Il Mobile Banking Questa breve sintesi è solo un supporto alla comprensione del caso e non ne sostitusce la lettura. L analisi del caso avverrà venerdì 11 settembre pomeriggio (le domande

Dettagli

Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM. Customer Relationship Management

Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM. Customer Relationship Management Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM Customer Relationship Management Cosa vuol dire CRM? L espressione significa letteralmente gestione

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto www.unifg.it Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto Valeria Spada Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali, Giuridiche, Merceologiche e Geografiche Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM 1.1 CRM e Social CRM Dal momento del suo sviluppo, il CRM è sempre stato utilizzato da molte aziende

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi vincenzo.calabro@computer.org Agenda Il ruolo dei Sistemi Informativi Nozioni Processi di business e SI Tipi di SI per il business Sistemi d impresa Tipi di

Dettagli

SPORT E SOCIAL NETWORK: RICONOSCIAMONE LE POTENZIALITA E IMPARIAMO A USARLI Scuola Regionale dello Sport CONI Marche Ancona, 05 maggio 2014

SPORT E SOCIAL NETWORK: RICONOSCIAMONE LE POTENZIALITA E IMPARIAMO A USARLI Scuola Regionale dello Sport CONI Marche Ancona, 05 maggio 2014 SPORT E SOCIAL NETWORK: RICONOSCIAMONE LE POTENZIALITA E IMPARIAMO A USARLI Scuola Regionale dello Sport CONI Marche Ancona, 05 maggio 2014 dott.giacomo Baldassari LO SPORT, UN FENOMENO SOCIALE Lo sport

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Via Liguria, 22 09005 Sanluri (VS) - Tel. 370 10 44 389 posta@net-me.it - www.net-me.it - P. IVA 03521950927

Via Liguria, 22 09005 Sanluri (VS) - Tel. 370 10 44 389 posta@net-me.it - www.net-me.it - P. IVA 03521950927 Via Liguria, 22 09005 Sanluri (VS) - Tel. 370 10 44 389 posta@net-me.it - www.net-me.it - P. IVA 03521950927 Net-Me Net-Me Net-Me nasce da un idea di Marco C. Bandino: sviluppare la sua passione per l

Dettagli

comunicare Gli uomini preistorici, prima di scrivere, impararono a disegnare... esattamente come fanno i bambini ancora oggi.

comunicare Gli uomini preistorici, prima di scrivere, impararono a disegnare... esattamente come fanno i bambini ancora oggi. Gli uomini preistorici, prima di scrivere, impararono a disegnare... esattamente come fanno i bambini ancora oggi. Lo fecero nelle caverne, dove più facilmente la natura avrebbe conservato le loro opere.

Dettagli

Il quarto stadio evolutivo della logistica integrata

Il quarto stadio evolutivo della logistica integrata insider reports COLLANA WHITE PAPERS Con i link alle lezioni di Marco Locatelli sulla logistica integrata real-time Il quarto stadio evolutivo della logistica integrata Come le nuove tecnologie di identificazione

Dettagli

Rassegna Stampa Estratti dagli articoli più significativi

Rassegna Stampa Estratti dagli articoli più significativi Rassegna Stampa Estratti dagli articoli più significativi SMS A TUTTA FORZA Pubblicità: cresce quella sul cellulare. Perché una campagna sms è efficace, immediata ed economica. È l invenzione preferita

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

SMB Cloud InsightsTM

SMB Cloud InsightsTM 2015 SMB Cloud InsightsTM ITALIA DEFINIZIONI Definizione di PMI Definiamo le PMI abbreviazione che fa riferimento alle piccole e medie imprese come le aziende da uno a 250 dipendenti. Solo in Germania

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "http:// luigisettembrini.gov.it/wp-content/uploads/ 2014/02/iloquotidiano.it"Ilquotidianoinclasse.it

Dettagli

Banda larga e ultralarga: lo scenario

Banda larga e ultralarga: lo scenario Banda larga e ultralarga: lo scenario Il digitale per lo sviluppo della mia impresa Torino, 26 novembre 2013 L importanza della banda larga per lo sviluppo economico L Agenda Digitale Europea: obiettivi

Dettagli

Marketing. Lezione 16 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi

Marketing. Lezione 16 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing Lezione 16 Marketing relazionale e Internet Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing nel 21mo secolo La new economy si basa sulla rivoluzione digitale

Dettagli

L attività tipica è la vendita attraverso negozi on-line (amazon, cdnow) e-mall o cybermall aste elettroniche (ebay) (B2C) (B2B)

L attività tipica è la vendita attraverso negozi on-line (amazon, cdnow) e-mall o cybermall aste elettroniche (ebay) (B2C) (B2B) Conoscere l e-commerce Fare e-commerce significa condurre affari su Internet Fra le attività principali vendita di prodotti e servizi marketing on-line collaborazione con aziende esterne gestione della

Dettagli

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Paolo Paganelli, Product Manager Gruppo Formula e-mail: paolo.paganelli@formula.it Valentino Pluda, Direttore Produzione/Logistica, FLOS spa e-mail:

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI 1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Il Cobianchi, Verbania 1993, pp. 20-27 (*) INTRODUZIONE La necessità assoluta di innovazione, e in particolare

Dettagli

MANTENERE LA CALMA MENTRE SI ADOTTANO SOLUZIONI CLOUD E MOBILI

MANTENERE LA CALMA MENTRE SI ADOTTANO SOLUZIONI CLOUD E MOBILI MANTENERE LA CALMA MENTRE SI ADOTTANO SOLUZIONI CLOUD E MOBILI Si è parlato moltissimo degli tsunami di cambiamento che hanno colpito l IT. Discorsi sul passaggio al cloud, sulla forza lavoro mobile crescente

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Introduzione. xiii. Introduzione

Introduzione. xiii. Introduzione Il tema di questo libro è semplice: come progettare al meglio siti web e app per dispositivi mobili (smartphone e tablet). Cosa c è di diverso dagli altri testi sull argomento? Questo in particolare si

Dettagli

Capitolo 1 Economia di Internet e delle ICT

Capitolo 1 Economia di Internet e delle ICT Capitolo 1 Economia di Internet e delle ICT Con il termine Information & Communication Technology (ICT) si usa indicare l insieme delle tecnologie elettroniche e digitali che consentono di elaborare e

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia L A B. 0 Vent anni di bassa produttività totale dei fattori sono la conseguenza di un'insufficiente capacità di reagire ai cambiamenti indotti dalla rivoluzione tecnologica, puntando con decisione su innovazione

Dettagli

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia FACCIAMO SOLO CIO IN CUI SIAMO BRAVI: LA DOMOTICA MISSION Fin dal suo esordio, il marchio Easydom ha fatto della domotica il suo

Dettagli

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER Sabato 17 ottobre 2009 - TBOX, Padiglione C2. Ore 16.15 17.00 Relatori - Tim Gunstone, managing director Eyefortravel - Enrico Bertoldo, direttore

Dettagli

Commercio elettronico e Web 2.0

Commercio elettronico e Web 2.0 Commercio elettronico e Web 2.0 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Caso di studio: Google Google è uno degli

Dettagli

Marketing. Lezione 15 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2012-2013 Dott.ssa Silvia Iacuzzi

Marketing. Lezione 15 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2012-2013 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing Lezione 15 Marketing relazionale e Internet Università degli Studi di Padova A.A. 2012-2013 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing nel 21mo secolo La new economy si basa sulla rivoluzione digitale

Dettagli

ALESSANDRO GUERRISI LUCA ZAPPA. Associate Partner TamTamy - Reply. Web Marketing Manager ADVISOR - OFC. l.zappa@reply.it. guerrisi.alessandro@o-fc.

ALESSANDRO GUERRISI LUCA ZAPPA. Associate Partner TamTamy - Reply. Web Marketing Manager ADVISOR - OFC. l.zappa@reply.it. guerrisi.alessandro@o-fc. LUCA ZAPPA Associate Partner TamTamy - Reply ALESSANDRO GUERRISI Web Marketing Manager ADVISOR - OFC & @zaps l.zappa@reply.it @aguerrisi guerrisi.alessandro@o-fc.eu 1 CONTENUTI Finanza, community management

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Image Manager. Miliardi di documenti Acquisire. Consultare Proteggere. Supporto al processo decisionale, ovunque

Image Manager. Miliardi di documenti Acquisire. Consultare Proteggere. Supporto al processo decisionale, ovunque Miliardi di documenti Acquisire Consultare Proteggere Supporto al processo decisionale, ovunque pagina 2 L efficacia del vostro business dipende da decisioni prese in modo accurato. E le decisioni dipendono

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER Evoluzione al Cloud Computing Condivisione dei lavori Integrazione con Android & iphone Cos è il Cloud: le forme e i vantaggi Durante la rivoluzione industriale, le

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA UNA TECNOLOGIA SOLIDA COME L ACCIAIO GRAZIE A M-SOFT Yvo van Werde non avrebbe mai immaginato che il sistema pioneristico che aveva contribuito a sviluppare 19

Dettagli

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING Mi Piace! Tutti i segreti del web marketing che le aziende devono conoscere per non perdere terreno nel complesso mondo di internet 2.0 Dario Dossena Che cosa c è dietro un mi piace? Qualsiasi cosa sia,

Dettagli

A vaya IP Office Soluzioni per Contact Center

A vaya IP Office Soluzioni per Contact Center A vaya IP Office Soluzioni per Contact Center Migliorate il servizio ai clienti accrescere la produttività Soluzioni per centri di contatto che migliorano il servizio, accrescono la produttività e riducono

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Abstract La progressiva diffusione dei social network, sia generalisti (quali Twitter, Facebook o Google+, la recente piattaforma messa a punto da Google) sia specializzati

Dettagli

Open Source Apps. Lavoriamo per renderti libero. Sicuro nella gestione infinita dei tuoi contatti e delle tue attività

Open Source Apps. Lavoriamo per renderti libero. Sicuro nella gestione infinita dei tuoi contatti e delle tue attività Open Source Apps Lavoriamo per renderti libero Sicuro nella gestione infinita dei tuoi contatti e delle tue attività INDICE App Center 1,2,3 Mission e obiettivi Organizzazione e Servizi Offerti Modalità

Dettagli

Tecnologie digitali e multimediali al servizio delle imprese femminili. Gianna Martinengo

Tecnologie digitali e multimediali al servizio delle imprese femminili. Gianna Martinengo Tecnologie digitali e multimediali al servizio delle imprese femminili Gianna Martinengo Tecnologie digitali e multimediali al servizio delle imprese femminili L uso delle nuove tecnologie multimediali

Dettagli

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO?

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO? PREMESSA PERCHÉ B QUADRO? Se per alcuni aspetti c è una convergenza delle soluzioni di e-commerce B2B e B2C - come ad esempio l esperienza di utilizzo e la fruizione da dispositivi mobile - le finalità

Dettagli

Banda larga e ultralarga: lo scenario

Banda larga e ultralarga: lo scenario Banda larga e ultralarga: lo scenario Il digitale per lo sviluppo della mia impresa Ancona, 4 luglio 2013 L importanza della banda larga per lo sviluppo economico L Agenda Digitale Europea: obiettivi e

Dettagli

LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY

LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY SECURITIES SERVICES LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY Alla luce dell aumento dei vincoli normativi, della crescente complessità del

Dettagli

Il data warehouse nelle aziende italiane

Il data warehouse nelle aziende italiane Byte Italia n.10 - vembre 1998 di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Il nuovo ruolo dell Information Technology aziendale è quello di fornire al top management informazioni rapide ed efficaci sulle quali

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1 Progetto 30 Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime Agosto 2013 v1 Quali prospettive in un futuro a bassa crescita? L economia europea e quella italiana in particolare

Dettagli

COMPANY PROFILE SETTORE: INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA

COMPANY PROFILE SETTORE: INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA COMPANY PROFILE SETTORE: INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA Premesse: SA Soluzioni Aziendali srl nasce dalla ventennale esperienza dei Soci fondatori nel management di impresa e nella consulenza aziendale.

Dettagli

L utilizzo di E-commerce per le imprese in ambito rurale. A cura di Salvatore Salerno

L utilizzo di E-commerce per le imprese in ambito rurale. A cura di Salvatore Salerno L utilizzo di E-commerce per le imprese in ambito rurale Salvatore Salerno Web Manager www.campagnamicacosenza.com linkedin.com/in/salvatoresalerno salvatoresalerno.wordpress.com @salernoweb Scenario NUMERO

Dettagli

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni La tua azienda è perfettamente connessa? È questa la sfida cruciale dell attuale panorama aziendale virtuale e mobile, mentre le

Dettagli

servizi di consulenza: Marketing strategico individuazione delle aree di criticità aziendale; studio di strategie alternative per lo sviluppo;

servizi di consulenza: Marketing strategico individuazione delle aree di criticità aziendale; studio di strategie alternative per lo sviluppo; Le grandi scoperte si fanno nei laboratori scientifici, ma i grandi prodotti sono creati nel servizio marketing William Davidow AREA MARKETING Tutti i cambiamenti che stanno rivoluzionando i mercati e

Dettagli

BANDA ULTRA LARGA BUL Progetto Sirmione

BANDA ULTRA LARGA BUL Progetto Sirmione BANDA ULTRA LARGA BUL Progetto Sirmione Questionario Manifestazione d Intresse APRILE 2015 Sommario SEZIONE I. Descrizione dell iniziativa... 3 SEZIONE II. Dati Anagrafici Azienda... Errore. Il segnalibro

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

Il mondo delle applicazioni

Il mondo delle applicazioni Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Il mondo delle applicazioni Autore: Nello Iacono Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento della Funzione

Dettagli

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale VoipNet La soluzione per la comunicazione aziendale grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende:

Dettagli

Delta Informatica Via Adriatica, 127-47838 Riccione (RN) Tel. 0541/831392 email: info@delta-informatica.com www.soluzionidigitali.

Delta Informatica Via Adriatica, 127-47838 Riccione (RN) Tel. 0541/831392 email: info@delta-informatica.com www.soluzionidigitali. Delta Informatica Via Adriatica, 127-47838 Riccione (RN) Tel. 0541/831392 email: info@delta-informatica.com www.soluzionidigitali.info - www.delta-informatica.com INTRODUZIONE Il futuro è sempre più proiettato

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Dall Email Marketing ai Dynamic Contents

Dall Email Marketing ai Dynamic Contents Dall Email Marketing ai Dynamic Contents DM&P è un'agenzia di comunicazione integrata e casa di produzione dall esperienza più che decennale, con un consolidato know how in diversi settori merceologici,

Dettagli

Prefazione. Internet net opportunità e minacce. eagire?

Prefazione. Internet net opportunità e minacce. eagire? Prefazione Introduzione Internet net opportunità e minacce Internet offre ottime opportunità. Ai clienti offre una scelta molto più ampia di prodotti, servizi e prezzi da parte di diversi fornitori, nonché

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Reti Private Virtuali

Reti Private Virtuali di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani I sistemi per la realizzazione di Reti Private Virtuali (VPN) che utilizzano Internet come carrier a basso costo godono di una considerazione sempre crescente da

Dettagli

Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo.

Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo. Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo. Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo. Benvenuti in un nuovo mondo finanziario. Questo

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Il processo d acquisto online

Il processo d acquisto online Sitòfono Il processo online Come Sitòfono può inserirsi nel processo e migliorare le performance di vendita di un sito e-commerce? Internet è un ambiente molto competitivo. L utente che vuole fare un acquisto

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION I. INTRODUZIONE Un nuovo tipo di mass customization sta ridefinendo le strategie di business e di marketing. Molte aziende offrono prodotti altamente personalizzati in una vasta gamma di categorie. Queste

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Semplifica la Gestione HR. Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud

Semplifica la Gestione HR. Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud Semplifica la Gestione HR Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud Indice Introduzione 3 Vantaggi per tutti 4 Cosa è il Cloud? 4 Quali sono i benefici? 5 Cibo per le menti 7 Domande indispensabili

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

Capitolo 8 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E CONTROLLO

Capitolo 8 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E CONTROLLO Capitolo 8 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E CONTROLLO L utilizzo di Internet è un aspetto fondamentale del business, in quanto ha fornito nuove opportunità per lo svolgimento di attività commerciali, nuovi

Dettagli

Internet e il Direct Marketing

Internet e il Direct Marketing 1 Internet e il Direct Marketing Obiettivi...1 Introduzione...2 Interattività...2 Misurabilità...2 Multimedialità...3 Le opportunità che Internet offre al Direct marketing...3 Raccolta informazioni...3

Dettagli