Cap. 1 - Analisi del contesto socio-ambientale. Cap. 2 - Presentazione dell istituto. Cap. 3 - Ambito didattico. Cap. 4 La nostra offerta formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cap. 1 - Analisi del contesto socio-ambientale. Cap. 2 - Presentazione dell istituto. Cap. 3 - Ambito didattico. Cap. 4 La nostra offerta formativa"

Transcript

1 B i e n n i o s c o l a s t i c o w w w. c a r d u c c i - g a l i l e i. i t NEWS Dal 1 febbraio 2014 è operativo il servizio di consultazione on-line del registro elettronico da parte dei genitori

2 Sommario INTRODUZIONE Il Nostro Progetto Cap. 1 - Analisi del contesto socio-ambientale Fermo: Il contesto socio- economico Cap. 2 - Presentazione dell istituto L Istituto (notizie storiche) Presentazione dei Corsi di Studio e relativi sbocchi professionali CORSO ECONOMICO (Sede Centrale: Viale Trento, 63) Indirizzo Amministrazione, finanza e marketing 1 Biennio Amministrazione, finanza e marketing 2 Biennio e Terzo anno Amministrazione, finanza e marketing 2 Biennio e Terzo anno Sistemi informativi aziendali 2 Biennio e Terzo anno Relazioni internazionali per il marketing Indirizzo Turismo 1 Biennio Turismo 2 Biennio e Terzo anno Turismo CORSO TECNOLOGICO (Sede Geometri: Viale Trento, 115) Indirizzo Costruzioni,ambiente e territorio 1 Biennio Costruzione, ambiente e territorio 2 Biennio e Terzo anno Costruzione, ambiente e territorio 2 Biennio e Terzo anno CAT opzione Tecnologie del legno nelle costruzioni 2 Biennio e Terzo anno CAT- articolazione Geotecnico Cap. 3 - Ambito didattico La Formazione e l Aggiornamento Le Finalità e gli Obiettivi educativo - didattici Il contratto formativo La valutazione Cap. 4 La nostra offerta formativa Attività di orientamento Attività di accoglienza Scuola aperta Area del recupero e del sostegno Bisogni educativi speciali (BES)

3 Educazione alla salute Reti attive nell Istituto Educazione ad una cittadinanza attiva, europea, mondiale Cap. 5 I progetti pluriennali Progetti dell area professionale Progetti dell area linguistica Progetti di potenziamento delle abilità in ambito informatico Attività sportiva scolastica Progetto cinema Progetto biblioteca Sicurezza e salute nei luoghi di lavoro Viaggi d istruzione in Italia e all estero Scambi culturali in Europa Cap. 6 Progetti del POF per l a. s. corrente Progetti del Piano per l offerta formativa per l a. s

4 IL NOSTRO PROGETTO Introduzione Il Piano dell Offerta Formativa è elaborato dal Collegio dei Docenti sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dal Consiglio d istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli Organismi e dalle Associazioni anche di fatto, dei genitori e degli studenti. A tale processo di elaborazione partecipano, anch essi con proposte e pareri, gli Enti Locali, il mondo imprenditoriale, il settore del no profit, il mondo del volontariato. Si tratta quindi di un documento in cui confluiscono tutte le risorse di cui la scuola può disporre ed è per sua natura un cantiere sempre aperto a nuove istanze, nuovi bisogni, nuove prospettive. Il Piano, adottato dal Consiglio d Istituto è reso pubblico e messo a disposizione degli utenti,genitori e alunni, che hanno diritto alla conoscenza delle prestazioni e dei servizi offerti, alla trasparenza dei criteri di valutazione, e anche all'accesso a tutti gli atti scolastici (Legge 241/90). Agisce, pertanto, anche come strumento di identificazione della nostra scuola, della sua capacità di soddisfare i compiti di servizio educativo che le sono affidati e delle modalità attraverso cui essa eroga tale servizio,nel rispetto dei bisogni degli studenti e delle caratteristiche del territorio. Le varie proposte di iniziative didattiche sono finalizzate all'arricchimento dell'offerta formativa nonché al consolidamento dell'identità culturale dell'istituto e all'evidenziazione dei suoi processi innovativi e sperimentali. 4 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

5 La città di Fermo è situata a 319 mt. di altitudine sopra le ultime propaggini di un contrafforte poco distante dal Mare Adriatico, pittorescamente disposta attorno ad un colle tufaceo, dominato dalla mole imponente del Duomo. Sede Arcivescovile Metropolitana ed importante città marchigiana, dista 6 km da Porto San Giorgio, che è il suo scalo naturale. IL CONTESTO SOCIO-ECONOMICO Il territorio di Fermo e del fermano, si caratterizza per la presenza di una struttura produttiva articolata sulla base di piccole e medie im-prese, operanti soprattutto nei settori della calzatura e del cappello, ma anche nell area eno gastronomica tipica. La fisionomia geografica del territorio evidenzia la sua vocazione turi-stica con possibilità di occupazione anche in questo settore; considerevole, altresì, la presenza di un patrimonio artistico di notevole rilievo che offre la possibilità di co-niugare la fruizione turistica di tipo ricreativo (es. Parco Nazionale dei Sibillini, litorale, porto turistico, camping etc.) con quella più speci-ficatamente di tipo culturale (es. patrimonio storicoarchitettonico dei vari Comuni del fermano). L analisi del contesto socio-economico è funzionale alla continua opera di rimodulazione della offerta formativa. A tale scopo, periodicamente, sono effettuate indagini presso il mondo imprenditoriale ed universitario per verificare se i percorsi curriculari, favoriscono o no un sereno e proficuo inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e in quello accademico. 5 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

6 L ISTITUTO (NOTIZIE STORICHE) L ITCGT G.B.Carducci-G.Galilei è stato istituito nel 1923; diventa Statale nel 1951 e, da allora, contribuisce alla formazione di tecnici e dirigenti per il tessuto economico ed imprenditoriale del nostro territorio per i settori relativi alle professioni di ragioniere e di geometra. Nell anno scolastico 1971/72 l ITG ottiene l autonomia dall ITC Carducci di Fermo assumendo il nome di ITG G. Galilei. Nell anno scolastico è stato istituito, presso l ITC Carducci, il corso ITER per rispondere in modo adeguato alle esigenze del territorio a forte vocazione turistica. Dall a.s. 1997/98, nell ambito della razionalizzazione della rete scolastica, l ITG Galilei è fuso all ITC G.B. Carducci. (fusione effettuata con Decreto Provveditoriale del 4/4/1997, prot. n 8186). Dall a.s l ITCGT è stato individuato dal Ministero della Pubblica Istruzione come scuola polo per la multimedialità in ambito regionale. E Test-Center per Simucenter, ECDL, EUCIP. 6 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

7 GLI INDIRIZZI DI STUDIO CORSO ECONOMICO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Titolo conseguito: Diploma di perito commerciale Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Nell articolazione Relazioni internazionali per il marketing, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della comunicazione aziendale con l utilizzo di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici sia alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche e vari contesti lavorativi. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. 7 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

8 QUADRI ORARI DEGLI INDIRIZZI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING MATERIE DI STUDIO I II III IV V LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA INGLESE STORIA MATEMATICA DIRITTO ED ECONOMIA SCIENZE INTEGRATE (Scienze della Terra e Biologia) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE SCIENZE INTEGRATE (Fisica) SCIENZE INTEGRATE (Chimica) GEOGRAFIA INFORMATICA SECONDA LINGUA COMUNITARIA ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO ECONOMIA POLITICA TOTALE ORE SETTIMANALI AFM articolazione RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING MATERIE DI STUDIO III IV V LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA INGLESE STORIA MATEMATICA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE SECONDA LINGUA COMUNITARIA TERZA LINGUA STRANIERA ECONOMIA AZIENDALE E GEO-POLITICA DIRITTO RELAZIONI INTERNAZIONALI TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE TOTALE ORE SETTIMANALI AFM - articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATERIE DI STUDIO III IV V LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA INGLESE STORIA MATEMATICA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE SECONDA LINGUA COMUNITARIA INFORMATICA * ECONOMIA AZIENDALE * DIRITTO ECONOMIA POLITICA TOTALE ORE SETTIMANALI *La disciplina prevede la compresenza dell insegnante di laboratorio 8 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

9 INDIRIZZO TURISMO Titolo conseguito: Diploma nel Turismo. Il Diplomato nel Turismo ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico e competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali. Interviene nella valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, artistico, artigianale, enogastronomico, paesaggistico ed ambientale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa turistica inserita nel contesto internazionale. INDIRIZZO TURISMO MATERIE DI STUDIO I II III IV V LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA INGLESE STORIA MATEMATICA DIRITTO ED ECONOMIA SCIENZE INTEGRATE (Scienze della Terra e Biologia) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE SCIENZE INTEGRATE (Fisica) SCIENZE INTEGRATE (Chimica) GEOGRAFIA INFORMATICA SECONDA LINGUA COMUNITARIA TERZA LINGUA STRANIERA DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI GEOGRAFIA TURISTICA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA ARTE E TERRITORIO TOTALE ORE SETTIMANALI ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

10 CORSO TECNOLOGICO INDIRIZZO COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO Titolo conseguito: Diploma di Geometra Il Diplomato nell indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio : - ha competenze nel campo dei materiali, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie delle costruzioni, nell'impiego degli strumenti per il rilievo, nell'uso dei mezzi informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo, nella valutazione tecnica ed economica dei beni privati e pubblici esistenti nel territorio e nell utilizzo ottimale delle risorse ambientali; - possiede competenze grafiche e progettuali in campo edilizio, nell organizzazione del cantiere, nella gestione degli impianti e nel rilievo topografico; - ha competenze nella stima di terreni, di fabbricati e delle altre componenti del territorio, nonché dei diritti reali che li riguardano, comprese le operazioni catastali; - ha competenze relative all amministrazione di immobili. Nell opzione Tecnologie del legno nelle costruzioni il diplomato ha competenze nel campo dei materiali utilizzati nelle costruzioni in pietra, legno e con tecniche di bioarchitettura, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie del legno e dei centri di taglio a controllo numerico impiegati nelle realizzazioni di carpenteria in legno. Nell articolazione Geotecnico, il Diplomato ha competenze specifiche nella ricerca e sfruttamento degli idrocarburi, dei minerali di prima e seconda categoria, delle risorse idriche. Interviene, in particolare, nell'assistenza tecnica e nella direzione lavori per le operazioni di coltivazione e perforazione. QUADRI ORARI DEGLI INDIRIZZI COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO MATERIE DI STUDIO I II III IV V LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA INGLESE STORIA MATEMATICA DIRITTO ED ECONOMIA SCIENZE INTEGRATE (Scienze della Terra e Biologia) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE SCIENZE INTEGRATE (Fisica) SCIENZE INTEGRATE (Chimica) TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA TECNOLOGIE INFORMATICHE SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE COMPLEMENTI DI MATEMATICA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI, IMPIANTI* GEOPEDOLOGIA, ECONOMIA ED ESTIMO* TOPOGRAFIA* TOTALE ORE SETTIMANALI *La disciplina prevede la compresenza dell insegnante di laboratorio CAT: opzione Tecnologie del legno nelle costruzioni MATERIE DI STUDIO III IV V COMPLEMENTI DI MATEMATICA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI, IMPIANTI* GEOPEDOLOGIA, ECONOMIA ED ESTIMO* TOPOGRAFIA* TECNOLOGIA DEL LEGNO NELLE COSTRUZIONI* TOTALE ORE SETTIMANALI *La disciplina prevede la compresenza dell insegnante di laboratorio 10 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

11 CAT: articolazione GEOTECNICO MATERIE DI STUDIO III IV V COMPLEMENTI DI MATEMATICA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO GEOLOGIA E GEOLOGIA APPLICATA* TOPOGRAFIA E COSTRUZIONI* TECNOLOGIE PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE* TOTALE ORE SETTIMANALI e dopo il diploma? Prosecuzione degli studi iscrivendosi: - a qualsiasi Facoltà universitaria - agli Istituti Tecnici Superiori (ITS) oppure Inserimento nel mondo del lavoro Il diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing potrà: Iscriversi a corsi di formazione post-diploma e tirocini post-diploma Partecipare a concorsi presso enti pubblici o privati (industria, commercio, credito, assicurazioni, pubblica amministrazione) Diventare imprenditore e/o continuare l attività di famiglia Il diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing articolazione Relazioni internazionali per il marketing potrà: Iscriversi a corsi di formazione post-diploma e tirocini post-diploma Partecipare a concorsi presso enti pubblici o privati (industria, commercio, credito, assicurazioni, pubblica amministrazione) Partecipare a concorsi presso enti pubblici o privati ove siano richieste competenze per la gestione delle relazioni commerciali internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche o settoriali Diventare imprenditore e/o continuare l attività di famiglia 11 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

12 Il diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing, articolazione Sistemi Informativi Aziendali potrà: Iscriversi a corsi di formazione post-diploma e tirocini post-diploma Partecipare a concorsi presso enti pubblici o privati (industria, commercio, credito, assicurazioni, pubblica amministrazione) Usare tutti i servizi telematici di base Trovare impiego presso aziende che sviluppano software per la gestione delle attività aziendali e realizzano siti web Collaborare con i responsabili aziendali nella scelta di software e strumentazioni informatiche Diventare imprenditore e/o continuare l attività di famiglia Il diplomato nel Turismo potrà: Iscriversi a corsi di formazione post-diploma e tirocini post-diploma Partecipare a concorsi presso enti pubblici o privati (industria, commercio, credito, assicurazioni, pubblica amministrazione) Svolgere attività di operatore turistico presso Aziende di promozione turistica, Assessorati al turismo (regionali, provinciali e comunali), fiere, congressi, campeggi, manifestazioni ed eventi culturali Diventare imprenditore e/o continuare l attività di famiglia Il diplomato in Costruzioni, Ambiente e Territorio potrà: Partecipare a concorsi presso enti pubblici o privati (industria, commercio, credito, assicurazioni, pubblica amministrazione) Inserirsi nel mondo del lavoro come libero professionista (topografo per il rilievo di fabbricati e la redazione di pratiche catastali, progettista nuove costruzioni, direttore dei lavori) Inserirsi negli Uffici Tecnici di aziende pubbliche o private come dipendente ( Comune, Provincia e Regione, ULSS, Assicurazioni, quasi tutte le aziende che riguardano operazioni sul territorio e sugli immobili Il diplomato in Costruzioni, Ambiente e Territorio nell opzione Tecnologie del legno nelle costruzioni potrà esplicare le competenze acquisite lì dove è necessario: Selezionare i materiali da costruzione in rapporto al loro impiego e alle modalità di lavorazione Rilevare il territorio, le aree libere e i manufatti, scegliendo le metodologie e le strumentazioni più adeguate ed elaborare i dati ottenuti. Il diplomato in Costruzioni, Ambiente e Territorio, articolazione Geotecnico potrà: Intervenire nell assistenza tecnica e nella direzione dei lavori per le operazioni di coltivazione e perforazione Collaborare nella conduzione e direzione di cantieri per costruzioni in sotterraneo di opere quali tunnel stradali e ferroviari, viadotti, dighe, fondazioni speciali Intervenire nella ricerca e controllo dei parametri fondamentali per la determinazione della pericolosità idrogeologica e geomorfologica 12 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

13 LE RISORSE UMANE L elenco dei docenti, dei Coordinatori di classe, dei Coordinatori di disciplina e dei componenti le commissioni sono reperibili sul sito dell Istituto. 13 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

14 GLI ALUNNI DELL A.S INDIRIZZO E/O CORSO DI STUDIO Alunni Classi NUOVO ORDINAMENTO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 41 2 RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING 24 1 TURISMO COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO ORDINAMENTO PREVIGENTE IGEA 56 2 MERCURIO 41 2 ITER 59 3 GEOMETRI 80 3 TOTALI IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Roberto Giuseppe Capponi Coordina le attività di tutti gli organi collegiali; controlla i processi avviati; organizza le risorse umane e finanziarie. I COLLABORATORI I collaboratori sostituiscono il Dirigente in caso di assenza breve o di impedimento. Hanno il compito di curare la disciplina degli alunni ed intervengono in caso di necessità. Controllano le assenze degli alunni ed autorizzano l'ingresso e l'uscita fuori degli stessi. Sovrintendono alle iscrizioni e, in collaborazione con l'apposita commissione, alla formazione delle classi. Sono responsabili delle sostituzioni dei docenti ed hanno il compito di coordinare gli esami di idoneità ed integrativi compresa la definizione di calendari e la composizione delle commissioni. Sovrintendono all'organizzazione interna dell'istituto. IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI Rag. Gina Noviello Sovrintende (con autonomia operativa e nell ambito delle direttive di massima impartite e degli obiettivi assegnati) ai servizi amministrativi e generali dell Istituzione scolastica, coordinando il relativo personale. LE FUNZIONI STRUMENTALI Operano al fine di offrire un servizio al pubblico sempre più qualificato efficiente ed efficace IL CONSIGLIO D ISTITUTO l Consiglio di Istituto ha il compito di deliberare sull organizzazione e sulla programmazione della vita e delle attività della scuola ed ha competenze amministrativocontabili su tutte le attività dell Istituto. Esso elegge nel suo seno una Giunta Esecutiva della quale fanno parte di diritto il Dirigente Scolastico (che la presiede) ed il DSGA (Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi) che svolge anche la funzione di segretario. LE FAMIGLIE Rappresentate negli organi collegiali: 2 genitori nei singoli consigli di classe e 4 nel Consiglio d Istituto presieduto da un genitore. 14 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

15 LE RISORSE MATERIALI Sede Centrale (Viale Trento, 63) Presso la Sede Centrale sono presenti: Aule scolastiche normali n 38 Aula Audiovisivi Aula CIC Aula Magna Antonio Battista Deposito attrezzeria Deposito materiale mobile Infermeria Attrezzature per disabili Servizio Bar Palestra Sala Insegnanti Sala riunioni Sala server Servizio fotocopie Software didattico e scientifico Magazzino Uffici: Dirigente scolastico, Vicario, DSGA, Segreteria Amministrativa, Segreteria Didattica, Protocollo Tutte le aule, i laboratori e gli uffici sono collegati in rete ed hanno la possibilità di accedere a Internet tramite una connessione veloce HDSL a 2 Mbit/sec. Dall a.s. 2013/2014 è attiva una rete wireless che copre tutte le aule dell Istituto. AULE SPECIALI, LABORATORI E DOTAZIONI SPECIALI SEDE CENTRALE Aula Magna con Videoproiezione e servizi multimediali (videoconferenza) Aula video multimediale e laboratorio di produzione video Aula LIM Aula CIC Laboratorio di chimica e fisica Laboratorio di scienze Laboratorio computer Pennesi Laboratorio computer Trattamento testi 2 Laboratorio linguistico tradizionale Laboratorio multimediale linguistico Laboratorio computer Office con LIM Laboratorio computer MULTILAB 1 Laboratorio computer MULTILAB 2 con LIM Laboratorio computer TURISMO Laboratorio computer per docenti Aula Simucenter Unità mobili multimediali Biblioteca con postazioni per ascolto musica, video-proiezioni, video-conferenza, postazioni multimediali con accesso internet Palestra polifunzionale 15 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

16 Sede Geometri (Viale Trento, 115) Presso la Sede Geometri sono presenti: Aule scolastiche normali n 15 Sala insegnanti Ufficio di Presidenza e CIC Sala ricevimento genitori Servizio bar Palestra esterna al plesso Biblioteca Servizio fotocopie Sala computer per docenti Software didattico e scientifico Magazzino Presso i laboratori, la segreteria, la presidenza e le sale docenti tutti i computer sono collegati in rete; esiste inoltre un collegamento dati diretto in ponte radio a 150 Mbit con la Sede Centrale per lo scambio di informazioni e accesso ad Internet. Dall a.s. 2013/2014 è attiva una rete wireless che copre tutte le aule dell Istituto. AULE SPECIALI, LABORATORI E DOTAZIONI SPECIALI SEDE GEOMETRI Aula di Fotogrammetria - Topografia Aula disegno 1 biennio Aula disegno 3 triennio Aula video Aula LIM Laboratorio linguistico multimediale Laboratorio tecnologia e tecnica di rappresentazione grafica Lavorazione legno Laboratorio grafica computerizzata B con LIM Laboratorio grafica computerizzata A Laboratorio di fisica Laboratorio di impianti Laboratorio di chimica Laboratorio di scienze Unità mobile multimediale L accesso pomeridiano alle strutture dell Istituto è consentito agli studenti, previa esplicita richiesta, per attività extracurricolari deliberate dal Consiglio di Classe (o autonomamente proposte da studenti e/o genitori tramite i rappresentanti degli stessi negli organi collegiali) e autorizzate dal Consiglio d Istituto. La vigilanza e la correlativa assunzione di responsabilità per le attività in questione è attribuita ai docenti e al personale ATA nel rispetto della normativa in tema di attribuzioni, competenze e responsabilità nell espletamento delle relative funzioni ed a coloro, genitori e studenti che espressamente, in forma scritta, assumano la responsabilità per danni a cose o a persone. 16 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

17 LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO Fondamento dell attività didattico-educativa è la capacità, dell intero corpo docente, di ripensare continuamente il proprio intervento facendo tesoro dell esperienza maturata a diretto contatto con gli studenti e dei contributi scientifici in ambito metodologico e disciplinare. Considerata in primo luogo la complessità delle competenze richieste dal profilo professionale del docente (competenze disciplinari, pedagogiche, metodologico-didattiche, organizzativorelazionali e di ricerca) e tenuto conto della necessità di stare al passo con i tempi nell utilizzo delle nuove tecnologie, l aggiornamento e la formazione si configurano come processi che accompagnano costantemente l intera attività docente, facendo del diritto-dovere all aggiornamento un elemento decisivo per il miglioramento dell offerta formativa. IL CONTRATTO FORMATIVO Il contratto formativo consiste nella dichiarazione esplicita e partecipata dell operato della scuola. Viene stabilito tra il Consiglio di classe e la classe stessa, come pure tra il singolo docente e la classe ed ha lo scopo di far conoscere a genitori ed alunni l offerta formativa della scuola, coinvolgendo questi ultimi in un processo di responsabilizzazione al rispetto delle regole e degli impegni in un quadro di reciproca trasparenza. LA VERIFICA La verifica dell apprendimento di ogni singolo alunno deve realizzarsi attraverso prove, strutturate e non strutturate, diverse e ripetute nel tempo e deve tendere a misurare il raggiungimento dei singoli obiettivi cognitivo-operativi, indicando il livello di apprendimento conseguito ed il corrispondente voto decimale. L alunno, anche per favorire il processo dell apprendimento, ha il diritto di conoscere in ogni momento, i risultati debitamente motivati delle singole prove. LA VALUTAZIONE La valutazione del processo formativo risponde alle finalità di far conoscere allo studente, in ogni momento, la sua posizione nei confronti delle mete prefissate, al Consiglio di Classe l efficacia delle strategie adottate per adeguare strutture e metodi di insegnamento e alla società i livelli di garanzia sulla reale consistenza dei titoli di studio (conoscenze, abilità, competenze) rilasciati con valore legale. La valutazione non è episodica, ma fa parte integrante del processo di insegnamento-apprendimento. In questa prospettiva, la valutazione assume diverse funzioni secondo le diverse fasi del processo formativo. In un primo momento è tesa a rilevare informazioni relative alle conoscenze ed abilità che si ritengono prerequisiti rispetto alle procedure didattiche da avviare, viene attuata tramite test d ingresso e costituisce il punto di partenza della programmazione. Un secondo importante momento del processo di valutazione è quello che tende a cogliere, in itinere, i livelli di apprendimento dei singoli e costituisce un fondamentale strumento di verifica dell efficacia delle procedure seguite. Consente, pertanto, di attuare per tempo utili strategie di recupero, nonché di rivedere e correggere il processo in corso. Per essa si utilizzano strumenti quali test, questionari, veloci indagini orali. C è, infine, un terzo momento del processo di valutazione con cui si intende verificare se i traguardi disciplinari siano stati raggiunti: ha quindi funzione di bilancio consuntivo sull attività scolastica e sugli apprendimenti che la stessa ha promosso. Si utilizzano strumenti funzionali alla verifica degli obiettivi prefissati quali: prove scritte non strutturate di vario tipo, prove scritte strutturate, prove orali. Nel piano di lavoro del Consiglio di classe vengono definiti il numero e la tipologia di verifiche previste per ciascuna disciplina, nonché l incidenza, nella valutazione di fine periodo, di fattori quali, il metodo, la progressione, l impegno e la partecipazione. Per l informazione alle famiglie è prevista una scheda di interperiodo che rappresenta un quadro sintetico rispetto all andamento didattico; la pagella riporta il profitto per ogni disciplina con voti su scala decimale e il voto di Condotta definito sulla base della seguente tabella approvata dagli OOCC. 17 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

18 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA Il voto di condotta viene attribuito dall intero Consiglio di Classe riunito per gli scrutini secondo i criteri indicati nella tabella sottostante, valutati sia nell attività curriculare che extracurriculare (viaggi di istruzione, visite guidate, corsi di recupero-approfondimento pomeridiani, attività e progetti pof, ogni altra attività che rientri nella programmazione didattico-educativa d Istituto); nell attribuzione definitiva dello stesso occorre vagliare con attenzione la situazione di ogni singolo alunno considerando la frequenza degli indicatori riferibili ad ogni singolo voto Griglia di valutazione della condotta degli studenti Comportamento molto corretto/irreprensibile nei rapporti con compagni, docenti e personale amministrativo Partecipazione attiva/costruttiva all attività didattico-educativa; l alunno collabora con studenti e insegnanti assumendo un ruolo propositivo all interno del gruppoclasse Puntuale/scrupoloso rispetto delle regole di condotta della vita scolastica Comportamento adeguato/corretto nei rapporti con compagni, docenti e personale amministrativo Partecipazione da sollecitare/ricettiva all attività didattico-educativa Accettabile/regolare rispetto delle regole di condotta della vita scolastica Comportamento non sempre corretto verso compagni, insegnanti e personale scolastico; partecipazione poco collaborativa al funzionamento del gruppo classe; presenza di un provvedimento disciplinare (censura scritta) che rilevi comportamenti comunque non lesivi della dignità altrui Limitata attenzione e partecipazione discontinua all attività didattico-educativa Osservazione non sempre regolare delle regole di condotta della vita scolastica (es. episodiche assenze strategiche, lieve tendenza al ritardo, irregolarità nella giustificazione delle assenze e così via) Dal D.M 16/01/2009, n. 5 (art. 4) Articolo 4 Criteri ed indicazioni per l attribuzione di una votazione insufficiente 1. Premessa la scrupolosa osservanza di quanto previsto dall articolo 3, la valutazione insufficiente del comportamento, soprattutto in sede di scrutinio finale, deve scaturire da un attento e meditato giudizio del Consiglio di classe, esclusivamente in presenza di comportamenti di particolare gravità riconducibili alle fattispecie per le quali lo Statuto delle studentesse e degli studenti - D.P.R. 249/1998, come modificato dal D.P.R. 235/2007 e chiarito dalla nota prot. 3602/PO del 31 luglio nonché i regolamenti di istituto prevedano l irrogazione di sanzioni disciplinari che comportino l allontanamento temporaneo dello studente dalla comunità scolastica per periodi superiori a quindici giorni (art. 4, commi 9, 9 bis e 9 ter dello Statuto). 2. L attribuzione di una votazione insufficiente, vale a dire al di sotto di 6/10, in sede di scrutinio finale, ferma restando l autonomia della funzione docente anche in materia di valutazione del comportamento, presuppone che il Consiglio di classe abbia accertato che lo studente: 1. nel corso dell anno sia stato destinatario di almeno una delle sanzioni disciplinari di cui al comma precedente; 2. successivamente alla irrogazione delle sanzioni di natura educativa e riparatoria previste dal sistema disciplinare, non abbia dimostrato apprezzabili e concreti cambiamenti nel comportamento, tali da evidenziare un sufficiente livello di miglioramento nel suo percorso di crescita e di maturazione in ordine alle finalità educative di cui all articolo 1 del presente Decreto. 3. Il particolare rilievo che una valutazione di insufficienza del comportamento assume nella carriera scolastica dell allievo richiede che la valutazione stessa sia sempre adeguatamente motivata e verbalizzata in sede di effettuazione dei Consigli di classe sia ordinari che straordinari e soprattutto in sede di scrutinio intermedio e finale. 4. In considerazione del rilevante valore formativo di ogni valutazione scolastica e pertanto anche di quella relativa al comportamento, le scuole sono tenute a curare con particolare attenzione sia l elaborazione del Patto educativo di corresponsabilità, sia l informazione tempestiva e il coinvolgimento attivo delle famiglie in merito alla condotta dei propri figli. 18 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

19 LA VALUTAZIONE INTERMEDIA E DI FINE ANNO In funzione della pubblicazione del D.M. 3 ottobre 2007 n 80 e dell O.M. n 92 del 5 novembre 2007 (Prot. N 11075), il Collegio dei Docenti ha definito le modalità di valutazione intermedia e di fine anno deliberando di prevedere un azione di recupero (curricolare e/o corso) sia in itinere che finale. Nella valutazione finale i Consigli di classe terranno conto della presenza dell alunno ad almeno ¾ dell orario scolastico e dei criteri previsti dal Collegio docenti per eventuali deroghe al limite massimo di assenze. Per gli alunni che avranno adempiuto l obbligo scolastico si procederà inoltre alla certificazione delle competenze conseguite, come richiesto dalla vigente normativa. CREDITO SCOLASTICO Il Consiglio di classe attribuisce in sede di scrutinio finale di ciascuno degli ultimi tre anni un credito per l andamento degli studi, denominato credito scolastico, che non può essere complessivamente superiore a 25 punti e che tenga conto della preparazione complessiva raggiunta da ciascun alunno, con riguardo ai seguenti parametri: profitto; assiduità della frequenza scolastica; interesse ed impegno nella partecipazione al dialogo educativo, alle attività complementari e integrative; eventuali crediti formativi. CREDITO FORMATIVO Il Credito formativo, parte integrante del credito scolastico, consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l esame di Stato. LA TRASPARENZA DELL AZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA: RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA Ai fini di un maggior coinvolgimento delle famiglie, sollecitate anche dal processo di riforma in atto nella scuola a fornire un contributo attivo in termini di proposte nella elaborazione del POF, sono previste le seguenti modalità: incontro di inizio anno con tutti i genitori degli alunni per illustrare le linee essenziali del POF ed accogliere eventuali suggerimenti e proposte; ricevimento settimanale, attuato secondo un calendario deliberato dal collegio dei docenti che preveda anche la possibilità di contatti scuola-famiglia prenotati telefonicamente o via fax o via ; ricevimenti pomeridiani (due nel corso dell anno scolastico); invio di una scheda di interperiodo con informazioni in merito all andamento didattico degli a- lunni; partecipazione delle famiglie degli studenti delle quinte classi alla cerimonia di consegna del diploma; sportello di consulenza sui problemi degli adolescenti (previo accordo con gli enti locali circa la disponibilità di personale qualificato; le modalità di fruizione del servizio sarebbero simili a quelle previste per lo sportello studenti). Dal 1 febbraio 2014 è operativo il servizio di consultazione on-line del registro elettronico da parte dei genitori. 19 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

20 ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO Le attività organizzate da un apposita commissione si esplicano nei seguenti interventi: 1. informare gli alunni della scuola media inferiore in merito all offerta formativa propria dell ITCGT G.B.Carducci-G.Galilei individuando le forme più adeguate per realizzare tale obiettivo (colloquio diretto con gli alunni e con i docenti, opuscolo informativo, apertura della scuola in giorni prestabiliti per far conoscere alla potenziale utenza le risorse dell Istituto, etc.); 2. orientare gli alunni che abbiano terminato il biennio alla scelta dei vari indirizzi di studio esistenti all interno dell Istituto; 3. offrire, agli alunni delle quarte e quinte classi, un aiuto relativo alla scelta della Università in termini di informazione circa le possibilità di accesso, gli sbocchi occupazionali, di verifica e confronto circa le proprie capacità e attitudini, anche con l ausilio di docenti universitari e di esperti; 4. favorire eventuali incontri con ex studenti dell Istituto che sono impegnati negli studi universitari nelle varie facoltà o che sono inseriti nel mondo del lavoro, allo scopo di recepire le loro esperienze; 5. favorire incontri con i rappresentanti del mondo del lavoro. ATTIVITÀ DI ACCOGLIENZA Il programma di accoglienza per gli alunni delle prime classi deve consentire di superare la prima e più delicata fase di raccordo tra i due cicli scolastici. Le finalità dell accoglienza sono: 1. conoscere gli studenti; 2. informare gli studenti; 3. favorire la socializzazione; 4. promuovere le prime fasi dell attività didattica in relazione alla situazione di ingresso. Le attività degli studenti nei primi giorni di scuola saranno dunque le seguenti: visita alle strutture didattiche e ricreative offerte dall Istituto; scambio di indirizzi e di numero di telefono con i compagni di classe; analisi della Carta dei servizi, del Piano dell Offerta Formativa e del Regolamento d Istituto. LA SCUOLA APERTA E I LABORATORI Per far conoscere da vicino la nostra scuola si sono attivate due iniziative che, come di consueto, saranno realizzare con tutta la cura e l'attenzione che richiedono. Durante le giornate di scuola aperta il dirigente, i docenti, gli alunni, i tecnici daranno modo ai giovani visitatori e alle loro famiglie di avere un primo e concreto contatto con l'istituzione che dovrà, se coinciderà la scelta, essere il luogo di riferimento per tante attività, esperienze e relazioni. Sono inoltre previsti i Laboratori Pillole di.., destinati a tutti gli alunni delle Scuole medie, per presentare le discipline caratterizzanti gli indirizzi di studio del nostro Istituto: Informatica, Diritto, Economia Aziendale, Geografia, Lingue, Disegno Tecnico, Architettura, Costruzioni. RECUPERO, SOSTEGNO, POTENZIAMENTO In relazione a quanto disposto dal D.M. 3 ottobre 2007 n 80 e dalla O.M. n 92 del 5 novembre 2007 (Prot. N 11075) ed ai sensi delle relative delibere del Collegio dei Docenti, l Istituto è impegnato a porre in essere il massimo possibile delle azioni didattiche, educative e formative relative al recupero, al sostegno ed al potenziamento delle abilità dei propri alunni. Relativamente alle attività di sostegno, su specifica domanda/richiesta scritta da parte delle famiglie, si fa riferimento ai docenti che hanno offerto la propria disponibilità per le proprie classi e per classi diverse. 20 ITCGT Carducci Galilei FERMO Piano Offerta Formativa

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a?

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 4 4 1a) In che misura valuta l'impegno di suo/sua figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 1% 4 1 B 1b)

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli