SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA DAI 64 ANNI IN SU

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA DAI 64 ANNI IN SU"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: VIDES (Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo) Codice di accreditamento: NZ00946 Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE 1 CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: DAI 64 ANNI IN SU Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica Settore: Assistenza Area: Anziani Codifica: A 01 Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto: Il progetto Dai 64 anni in su intende rispondere alle esigenze di 60 persone anziane (64-98 anni) presenti in 2 case di cura e di accoglienza per anziani, soprattutto donne, della Puglia e della Calabria, con ridotta autonomia o in stato di non autosufficienza. Esso mira a - rispondere ai bisogni primari e ai bisogni secondari delle persone anziane oggetto di cure; - far crescere una consapevolezza pubblica che l allungamento della vita è una conquista della società civile, l anzianità e le persone anziane rappresentano un valore sociale; - promuovere l invecchiamento attivo per accrescere il benessere, l inclusione e il ruolo sociale delle persone che invecchiano, costruendo nuovi rapporti intergenerazionali, interculturali e sostenendo chi di loro entra in percorsi di fragilità fisica e sociale; - rendere esplicito che l età che avanza non è un età vuota, passiva, ma un età ricca di relazioni, di ruoli, di protagonismo che danno valore alla vita e agli anni come età libera vissuta nella sua complessità sino all'ultimo giorno della propria esistenza; - sperimentare forme di volontariato come cittadinanza attiva e solidale in attività assistenziali, sociali, culturali, ambientali, civiche tese a dimostrare che gli ultrasessantenni sono e possono, se questa società offre loro occasioni ed opportunità, continuare ad essere una risorsa vitale per il territorio da promuovere, incentivare e riconoscere. 1

2 Le due strutture coinvolte sono: Istituto Maria Ausiliatrice, Via San Giovanni Bosco, Soverato (CZ) Istituto Maria Ausiliatrice - Opera Buonsanti, Via Savona, Cerignola (FG) Obiettivi del progetto: OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Dall analisi del contesto emerge come in Calabria e in Puglia l avanzamento dell età e la crescita della popolazione anziana determina la necessità di definire con maggiore attenzione percorsi e progetti di cura degli anziani. Il progetto Dai 64 anni in su mira a: Tutelare e promuovere la qualità della vita delle persone ultra 64enni residenti presso le case di accoglienza per anziane di Soverato e di Cerignola, promuovere l invecchiamento attivo, far crescere la consapevolezza pubblica che l allungamento della vita è una conquista della società civile, l anzianità e le persone anziane rappresentano un valore sociale, proporre nuovi modelli di vecchiaia; promuovere e diffondere una nuova cultura dell'età avanzata intesa come età positiva, ricca di risorse e di possibilità. OBIETTIVI SPECIFICI DEL PROGETTO : 1. Curare la qualità della vita delle persone anziane residenti presso i Centri di Soverato e Cerignola. 2. Ridurre l emarginazione culturale e la solitudine delle persone anziane residenti presso il Centro 3. Promuovere forme di cittadinanza attiva e costruire attorno agli anziani reti relazionali stabili che rispondano ai loro bisogni materiali e immateriali In riferimento agli obiettivi sopra indicati si specifica quanto segue: Obiettivo specifico Indicatore Risultati attesi 1. Curare la qualità della vita delle persone anziane residenti presso i Centri di Soverato e Cerignola. - Percorsi personalizzati - Sano stile di vita che include una regolare attività fisica e una regolare alimentazione - Grado di partecipazione alle attività di gruppo (attività motoria organizzata, laboratori, attività ricreative e culturali, uscite ) - Elaborate schede con percorsi personalizzati al 100% - Adottato un sano stile di vita con una dieta condivisa in almeno il 50% degli anziani partecipazione ad attività fisiche in almeno il 60% degli anziani (passeggiate, semplici esercizi ) - Incrementato del 10% in almeno il 60% dei destinatari le capacità relazionali e il grado di interesse verso le attività - Collaborazione nella cura della persona e dell ambiente e nella gestione di alcune attività - Incrementato del 20 % in almeno il 50% dei destinatari la collaborazione nella cura della propria persona e dell ambiente e nella gestione delle attività 2. Ridurre l emar- - n. e tipologia di attività culturali e - Migliorato del 40% il benessere de- 2

3 ginazione culturale e la solitudine delle persone anziane residenti presso il Centro 3. Promuovere forme di cittadinanza attiva e costruire attorno agli anziani reti relazionali stabili che rispondano ai loro bisogni materiali e immateriali religiose realizzate - grado di partecipazione da parte degli anziani alle varie iniziative - n. di attività ricreative o culturali esterne alla casa di cui gli anziani sono venuti a conoscenza - n. di attività ricreative o culturali esterne alla casa a cui gli anziani hanno partecipato Aumento del numero delle persone anziane in grado di utilizzare le nuove tecnologie per accedere ai servizi messi a disposizione dalla comunità n strumenti in campo in grado di stimolare il dialogo con gli altri anziani e tra generazioni diverse anche su temi culturali e politici n laboratori di solidarietà Partecipazione anziani ai momenti di insieme (ricreazioni, feste, laboratori ) Frequenza del dialogo/colloquio da parte degli anziani con la responsabile del centro o con altra persona scelta gli anziani, autonomi o semiautosufficienti, attraverso il potenziamento delle capacità cognitive e il mantenimento delle abilità intellettuali residue - Incremento del 30% la capacità delle persone anziane nell utilizzo delle nuove tecnologie - Migliorate del 10% in almeno il 50% degli anziani le capacità relazionali con gli altri anziani, con gli operatori, con le altre persone anche giovani - Realizzate almeno 3 iniziative di solidarietà in un anno - Frequenza del 50% degli anziani ai momenti di insieme - Tenuta del colloquio mensile con la responsabile del centro o con altra persona scelta (almeno per il 50% degli anziani) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Il progetto DAI 64 anni in su avrà una durata di 12 mesi e prevede delle macro azioni, scandite in attività. Per ogni azione vengono quindi indicate le attività con riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale e le risorse umane disponibili 1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO, FASE DI START UP DELLO STESSO CON - incontri individuali e di gruppo per illustrare gli obiettivi, le metodologie di intervento, - incontri per presentare il target del progetto, costruire una mappa dei bisogni, condividere metodologie di intervento, assegnare compiti ai Volontari. - incontri con le istituzioni e le associazioni per pianificare azioni sinergiche, possibilità di intervento degli anziani della struttura di accoglienza di riferimento - Pianificazione degli interventi 2. PERCORSI PERSONALIZZATI. Per ogni anziano sarà elaborata una scheda in cui - a partire dall identificazione dei bisogni specifici e dall anamnesi in entrata - venga individuato in progress il percorso da realizzare. Tale scheda sarà elaborata in collaborazione con la persona anziana in grado di collaborare. 3

4 In base alle scelte e agli interessi di tutti i destinatari saranno definiti i laboratori pertinenti e i gruppi 3. BENESSERE SOCIALE, CURA DI SE RIABILITAZIONE Le attività motorie saranno realizzate sia per il mantenimento del benessere della persona e la qualità della sua vita, sia per il recupero delle abilità cognitive, espressive, fisiche, sia per la crescita dell autostima e la prevenzione di forme di decadimento successivo. A seconda delle esigenze saranno attivate cure riabilitative adatte. I Volontari del Servizio Civile Nazionale accompagnano e supportano gli anziani nelle attività motorie, predispongono attrezzature e ambienti. 4. SOSTEGNO NELLE ATTIVITA DI BASE con particolare riferimento all assistenza tutelare diurna, calibrata sui bisogni di ciascuno. Tali attività saranno stimolate anche in un ottica di collaborazione e di autonomia lì dove è possibile. Ad alcune persone anziane in grado sarà richiesta la partecipazione nel riordino della struttura. I Volontari del Servizio Civile Nazionale non intervengono in questa fase le cui attività vengono svolte dal personale addetto 5. SOCIALIZZAZIONE, ANIMAZIONE, COMUNICAZIONE Rientrano in questa fase tutte quelle attività ricreative, culturali e di socializzazione finalizzate al mantenimento e allo sviluppo delle autonomie personali e delle abilità relazionali e cognitive, all integrazione con il territorio, alla riduzione di forme di solitudine e di isolamento. - Partecipazione a feste cittadine, a iniziative comunitarie, organizzazione di eventi dove vengono invitati esterni - Attività di riflessione e di preghiera a misura di persone anziane - Attività socio-culturali: lettura collettiva del quotidiano, di racconti popolari e di altre letture come la lettura della cronaca della comunità, la visione del telegiornale e di altri programmi televisivi, la comunicazione sistematica delle varie situazioni che toccano la vita della comunità, del paese, della città, della Chiesa con lo scopo di stimolare la conoscenza, le capacità mnemoniche, il sentirsi parte della realtà - Attività musicali; ascolto musica, canto canzoni popolari, esprimere sensazioni suscitate dalle melodie - Attività di pittura - Attività di feste e di gioco - Attività di cucito e di ricamo - Attività occasionali: pranzo all aperto, proiezione di film o documentari, uscite feste cittadine passeggiate in giardino e nei luoghi dove si svolgono altre attività (per esempio luoghi della struttura frequentati dai giovani) I Volontari del Servizio Civile Nazionale accompagnano e supportano gli anziani nei laboratori e nelle attività, predispongono attrezzature e ambienti, animano o collaborano nell animazione, in alcuni casi animano essi stessi dei laboratori e delle attività 6. VALORIZZAZIONE DELLA MEMORIA E ASCOLTO Particolarmente importante è la possibilità di aiutare le persone anziane a raccontare episodi della loro vita finalizzate alla valorizzazione della memoria. Saranno attivati incontri di gruppo e realizzati colloqui sistematici, nonché giochi interattivi e cognitivi (giochi di parole, giochi del memory, gioco carte, ecc ), storie di vita orientati alla trasmissione delle stesse nelle modalità giuste, allo scambio intra e intergenerazionale. 4

5 I Volontari del SCN affiancheranno gli operatori e animatori, essi stessi animeranno alcuni giochi, si alterneranno con gli altri operatori per far visita nelle camere a quelle persone anziane che non possono partecipare alle attività di gruppo. Raccoglieranno alcune informazioni, offriranno agli operatori responsabili del colloquio elementi utili per la compilazione del diario agenda e nella trascrizione delle storie di vita 7. SEGRETERIA - ARCHIVIO - BIBLIOTECA - ASPETTI BUROCRATICI Riguardano quelle attività volte alla conservazione dei documenti, delle schede, nonché la raccolta di informazioni, di articoli, di libri, di materiale attinente all anzianità. Alla biblioteca vi potranno accedere non solo le persone anziane, ma anche gli operatori, i volontari, tutti coloro che sono interessati a coltivare una visione diversa e positiva di questa fase dell età della persona umana. Un Volontario del Servizio Civile Nazionale aiuta: - nelle attività di segretariato, - nell archiviazione dei documenti, - nella raccolta di libri, schede, letteratura che riguardano gli anziani - nel rendere la biblioteca quale luogo di accesso, - nella cura degli aspetti amministrativi e burocratici, - nella valutazione economica delle attività (sia in fase preventiva che consuntiva) - nelle azioni di monitoraggio delle attività, nella diffusione dei risultati MONITORAGGIO E VALUTAZIONE, con sensibilizzazione e diffusione dei risulta 5

6 TI- TO LO DAI 64 anni in su RIPARTIZIONE MENSILE ATTIVITA ATTIVITA PROGETTUALI FASE STARTUP Promozione del progetto Incontri con istituzioni, associazioni, cooperative, volontari per stabilire il piano di azione e gli impegni specifici, sulla base dei fabbisogni degli utenti Calendarizzazione delle macro azioni Definizione dell attività e dei laboratori e formazione dei gruppi di lavoro Azioni per Obiettivo 1 Azioni per Obiettivo 2 Azioni per Obiettivo 3 Monitoraggio attività e valutazione esiti progettuali Diffusione dei risultati ATTIVITA VOLONTARI Formazione generale Formazione specifica Realizzazione attività Azioni ATTIVITÀ ANZIANI 1.1. Elaborazione Piano Personalizzato X X Elaborazione regolamento e progetto annuale X Elaborazione organigramma e funzionigramma. X Coinvolgimento nel riordino quotidiano della struttura X X X X X X X X X X X Coinvolgimento nelle attività di segreteria con sportello di informazione X X X X X X X X X X X Incontri settimanali o mensile per la cura dell igiene personale e il rispetto degli altri (a seconda dei casi) X X X X X X X X X X X 5 Incontri con esperti sulle caratteristiche e crisi dell età. Percorso di training Una volta ogni 15 gg per 5 mesi X X X X X Accompagnamento personalizzato attraverso educatori e psicologi 1.4. Assistenza tutelare diurna - aiuto/accompagnamento nella gestione delle attività quotidiane e nell incremento possibile autonomie personali e capacità residue X X X X X X X X X X X X 1.5. Attività motoria X X X X X X X X X X 6

7 Ginnastica individuale/fisioterapia Terapie prescritte X X X X X X X X X X 1.6. Attività quotidiane ricreative, di incontro e di conversazione (giochi da tavolo, l ora del tè ) Feste in occasione di compleanni ed avvenimenti (coinvolgimento del maggior numero di persone anziane nella progettazione e nell organizzazione) Training per la risoluzione dei conflitti Ogni volta lo si ritiene opportuno secondo un calendario da stabilire all inizio dell anno X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Training per la risoluzione dei conflitti X X X X X Storie di vita attraverso il racconto di avvenimenti e le foto Ogni 15 gg X X X X X X X X X X X 1.7. Colloqui individuali Mensilmente o ogni 15 giorni, a seconda delle necessità X X X X X X X X X X X Laboratori di lettura e di narrazione di racconti 2 ore settimanali 2 ore settimanali X X X X X X X X X X X Giochi cognitivi (giochi di parole, giochi del memory, gioco carte, ecc ) X X X X X X X X X X X Incontri periodici con i familiari X X X X X X X X X X X 1.8. Feste occasionali (almeno una in un anno) con parenti e amici X X X X X X X X X X X Uscite con trasporto e senza trasporto (passeggiate) X X X X X X X X X X X Laboratori artistico-pittorici e musicali/canto; cineforum, attività di lettura singola o di gruppo, attività culinarie, pittura, chiacchierino, maglia, uncinetto, riparazioni, riciclo di materiale 2 ore a settimana X X X X X X X X X X X Giochi di socializzazione: giochi di società e da tavola, X X X X X X X X X X X Laboratorio di informatica X X X X X Spiegazione di internet X X 2.3. Attività di Segreteria (conservazione documenti, schede, nonché raccolta di informazioni, di articoli, di libri, di materiale attinente all anzianità) 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno Attività di biblioteca 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno (in collegamento con l attività di segreteria) X X X X X X X X X X X X X X X X 7

8 2.4. Aiuto nel disbrigo attività burocratiche 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno (in collegamento con l attività di segreteria) Incontri con altri anziani con possibilità di confronto su temi culturali Almeno tre volte all anno Incontri con bambini, ragazzi e giovani per vivere dei laboratori insieme Giochi insieme, racconti, attività di animazione Da programmare Scambio di doni a Natale e in alcune feste Incontri con bambini, ragazzi e giovani per vivere dei laboratori insieme, giochi, attività di animazione Da programmare X X X X X X X X X X X X X X X X X Scambio di doni a Natale e in alcune feste Da programmare X X X Incontri formativi per il personale addetto alla struttura, alcuni di questi incontri anche in presenza delle persone anziane del centro Ogni mese Attività di riflessione e di preghiera Proposta quotidiana X X X X X X X X X X X X Organizzazione di momenti celebrativi e di festa In occasione di ricorrenze religiose Cura spirituale attraverso i Sacramenti A seconda delle esigenze e delle richieste Cura spirituale attraverso i Sacramenti A seconda delle esigenze e delle richieste Informazione, sostegno, accompagnamento a coloro che intendono aiutare altre persone anziane della struttura Attività di volontariato (pesca missionaria, mercatino della solidarietà, adozione a distanza ) A partire dal secondo mese dell anno Incontri di informazione sulla vita economica, politica, religiosa del Paese, con discussione libera. Quasi tutti i giorni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Attività di confronto con i giovani su problematiche sociali e politiche X X X 3.2. Scrittura collettiva di messaggi da inoltrare a chi ha responsabilità politiche, economiche, culturali, religiose Da definire X X X 8

9 Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività previste, con la specifica delle professionalità impegnate e la loro attinenza con le predette attività Nella realizzazione delle attività progettuali, i volontari interagiranno, oltre che con le OLP, con il personale addetto al centro e con figure tecniche esperte, sia interne che esterne alle sedi di realizzazione del progetto. Il personale interno è rappresentato da quelle figure professionali che in modo sistematico sono presenti nella struttura, il personale esterno è rappresentato da quelle figure che intervengono sistematicamente, ma esterne alla struttura. Responsabili, coordinatori, animatori, infermieri, inservienti, autisti, portinaio, fisioterapisti, dentisti, medici, psicologi, ecc Pertanto le risorse umane sono adeguate alla realizzazione del progetto, perciò per la realizzazione degli obiettivi. Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto I volontari in servizio civile coinvolti nelle sedi di attuazione del progetto DAI 64 anni in su realizzeranno le attività con un ruolo di supporto e/o di sostegno a tutte le attività previste al 8.1 del presente format, in collaborazione con le risorse umane che svolgeranno i ruoli specifici indicati al punto 8.2, secondo il calendario delle attività già previste e descritte. In qualche caso svolgeranno in prima persona alcune attività, in altri momenti affiancheranno il personale e i professionisti responsabili. Relativamente alle azioni da implementare per i destinatari i volontari, sotto la guida e il confronto del Dirigente/ Coordinatore, avranno il compito di: SEDE SOVERATO - ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE - VIA SAN GIOVANNI BOSCO, 7 CAP (30 destinatari) OBIETTIVI AZIONI ATTIVITA 1. Curare la qualità della vita delle persone anziane residenti presso il Centro di Soverato 1.1. Elaborare per ogni persona anziana un piano di intervento ad hoc in base all accertamento e all anamnesi (infermieristica e non) in entrata come situazione di partenza e continuamente monitorata 1.2. Coinvolgere le persone anziane in buona salute (o che sono in grado) nell organizzazion e e nella gestione della struttura, nelle attività di pulizia Elaborazione Piano Personalizzato per ogni persona anziana con il coinvolgimento delle persone interessate (nei limiti delle possibilità) Attività di segreteria per la tenuta dei documenti con il coinvolgimento anche di qualche persona anziana Elaborazione regolamento e progetto annuale con la partecipazione delle persone anziane Elaborazione organigramma e funzionigramma con presenza persone anziane. Coinvolgimento delle persone anziane (nei limiti del possibile) RUOLO VOLONTARI Aiutare nella preparazione e nella realizzazione degli incontri finalizzati all elaborazione del percorso personalizzato Aiutare nelle attività di segretariato, nell archiviazione dei documenti, nella raccolta informazioni e nella compilazione delle schede Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati 9

10 e ordine, nelle attività di segreteria 1.3. Aiutare le singole persone anziane e il gruppo a migliorare le prestazioni quotidiane, coltivare un immagine positiva di sé, prevenire il decadimento della fase successiva (sia in rapporto all età che alle diverse manifestazioni di patologie) 1.4. Curare e assistere gli anziani non più autosufficienti, riconoscendo e valorizzando le situazioni di autonomia residua, allo scopo di ostacolare e rallentare gli inevitabile processi di perdita 1.5. Mantenere vive le abilità senso-percettive e linguistiche, le capacità creative, manuali e intellettuali degli anziani, attraverso opportune attività e iniziative nel riordino quotidiano della struttura. Attività di segreteria con sportello di informazione su temi inerenti al mondo degli anziani (diritti, doveri, ecc ) Incontri settimanali o mensile per la cura dell igiene personale e il rispetto degli altri (a seconda dei casi) 5 incontri con esperti sull anzianità, le caratteristiche e le crisi dell età, sulla prevenzione del decadimento delle fasi successive. (Percorso di training) Accompagnamento personalizzato attraverso educatori e psicologi Assistenza tutelare diurna Aiuto/accompagnamento nell incremento possibile delle autonomie personali, nel mantenimento delle capacità residue Attività motorie che aiutano la percezione del sé corporeo, facilitano l organizzazione spazio temporale, sollecitano le risorse del soggetto, facilitano l'integrazione degli aspetti motori e cognitivi in funzione del benessere della persona e a mantenere le funzionalità per le azioni quotidiane, curano attraverso il corpo alcuni aspetti della comunicazione e della socializzazione con gli altri anziani Una volta a settimana, a partire dal secondo mese,con sospensione nel mese di agosto Ginnastica individuale/fisioterapia Terapie prescritte dopo le attività Collaborare allo sportello informativo con il supporto / supervisione degli operatori addetti. Accompagnare le persone anziane nello spostamento per la richiesta di informazioni allo sportello. Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri e/o il training I Volontari del Servizio Civile Nazionale non intervengono nell assistenza tutelare diurna. Aiutano solo gli anziani nel tenere ordinata e decorosa la propria persona Accompagnare gli anziani negli spostamenti Supportare il responsabile delle attività motorie. Preparare e riporre le piccole attrezzature Scegliere le musiche da adottare durante l attività motoria quando è necessario 10

11 1.6. Coltivare un clima di fiducia, curare rapporti improntati a gioia, accoglienza, serenità, dialogo 1.7. Valorizzazione della memoria e dell ascolto Nei tempi indicati dal medico Realizzazione di attività quotidiane ricreative, di incontro e di conversazione (giochi da tavolo, l ora del tè ) Realizzazione di feste in occasione di compleanni ed avvenimenti, con il coinvolgimento del maggior numero di persone anziane nella progettazione e nell organizzazione. Training per la risoluzione dei conflitti Ogni volta lo si ritiene opportuno secondo un calendario da stabilire all inizio dell anno Storie di vita attraverso il racconto di avvenimenti e le foto Ogni 15 gg Colloqui individuali Mensilmente o ogni 15 giorni, a seconda delle necessità Laboratori di lettura e di narrazione di racconti 2 ore settimanali Giochi cognitivi (giochi di parole, giochi del memory, gioco carte, ecc ) 2 ore settimanali Affiancare gli operatori e animatori, con la responsabilità diretta dell animazione di alcuni giochi e feste. Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri di training Affiancare e collaborare il personale che deve gestire gli incontri Fornire elementi rilevati nell osservazione e utili per chi deve condurre i colloqui Aiutare nella trascrizione delle schede, fornendo anche gli elementi di osservazione rilevati Raccogliere alcune informazioni, offrirle agli operatori responsabili del colloquio elementi utili per la compilazione del diario agenda e nella trascrizione delle storie di vita Predisporre libri per la lettura. Animare i racconti guidati Collaborare al reperimento e alla scelta dei vari giochi finalizzati all obiettivo Aiutare a creare i gruppi per i vari giochi, insieme agli animatori organizzare i tornei Accompagnare e supportare gli anziani nei laboratori e nei giochi, animare alcuni giochi 11

12 1.8. Contatto con il mondo esterno, con il territorio, con i familiari e gli amici Incontri periodici con i familiari Feste occasionali (almeno una in un anno) con parenti e amici Animare le feste con i familiari e gli amici, predisponendo anche ambienti e materiali 2. Ridurre l emarginazione culturale e la solitudine delle persone anziane residenti presso il Centro 2.1. Attività di comunicazione, animazione e di socializzazione con valorizzazione degli interessi e delle competenze di ogni persona 2.2. Utilizzo delle nuove tecnologie per accedere ai servizi messi a disposizione della comunità 2.3. Attività di segreteria, archiviazione, biblioteca, aspetti burocratici Uscite con trasporto e senza trasporto (passeggiate) Laboratori artistico-pittorici e musicali/canto; cineforum, attività di lettura singola o di gruppo, giochi di società e da tavola, attività culinarie, pittura, chiacchierino, maglia, uncinetto, riparazioni, riciclo di materiale Due ore a settimana Giochi di socializzazione Laboratorio di informatica Due ore a settimana Spiegazione di internet Conservazione dei documenti, delle schede, nonché la raccolta di informazioni, di articoli, di libri, di materiale attinente all anzianità. 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno Accompagnare gli anziani negli spostamenti Incoraggiare gli anziani a scegliere l abbigliamento adatto alle varie circostanze Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Affiancare e collaborare il personale che deve gestir i laboratori, in alcuni casi animarli Accompagnare gli anziani negli spostamenti Animare i giochi Accompagnare e supportare gli anziani durante le lezioni di informatica, lì dove è possibile fornire agli anziani le spiegazioni su internet Aiutare nelle attività di segretariato, nell archiviazione dei documenti, nella raccolta informazioni. Aiutare nella valutazione economica delle varie attività Aiutare la segreteria nelle azioni di monitoraggio delle attività, nella diffusione dei risultati. Aiutare nel disbrigo delle pratiche burocratiche. Preparare volantini, brochure, comunicati 12

13 2.4. Promuovere stili di vita e attività educative e cultural che favoriscono lo scambio inter e intra-generazionale 2.5. Animare attività religiose su misura del gruppo di persone anziane Incontri con altri anziani con possibilità di confronto su temi culturali Almeno tre volte all anno Incontri con bambini, ragazzi e giovani per vivere dei laboratori insieme Giochi insieme, racconti, attività di animazione Da programmare Scambio di doni a Natale e in alcune feste Da programmare Incontri formativi per il personale addetto alla struttura, alcuni di questi incontri anche in presenza delle persone anziane del centro Ogni mese Attività di riflessione e di preghiera Proposta quotidiana Organizzazione di momenti celebrativi e di festa In occasione di ricorrenze religiose ecc per la promozione delle varie attività e dei vari laboratori. Curare la cartellonistica per i vari eventi Aiuto nella biblioteca Animare incontri con altri anziani Aiutare nelle attività di incontro con le altre generazioni, animare giochi e attività Aiutare negli incontri di laboratorio con bambini, ragazzi e giovani Partecipare agli incontri di formazione del personale Aiutare negli spostamenti e nelle celebrazioni Cura spirituale attraverso i Sacramenti A seconda delle esigenze e delle richieste 3. Promuovere forme di cittadinanza attiva e costruire attorno agli anziani reti relazionali stabili che rispondano ai loro bisogni materiali e immateriali 2.6. Sostenere le persone che scelgono di prestare cura ad altri fornendo loro sostegno, informazione, cura 3.1. Promuovere attività culturali ed educative orientate allo sviluppo delle relazioni sociali e all impegno solidale Attività di informazione, sostegno, accompagnamento a coloro che intendono aiutare altre persone anziane della struttura Scegliere insieme e realizzare delle attività a favore delle persone che hanno bisogno (pesca missionaria, mercatino della solidarietà, adozione a distanza ) A partire dal secondo mese dell anno Incontri di informazione sulla vita economica, politica, religiosa del Paese, con discussione libera. Quasi tutti i giorni Collaborare con gli operatori nell affiancare gli anziani Collaborare nell animazione delle attività di solidarietà Collaborare ad animare la lettura di giornali, racconti, letture varie Aiutare nella comprensione di alcuni eventi Fornire elementi di lettura della vita economica, politica, culturale, 13

14 3.2. Animare e accompagnare esperienze di cittadinanza attiva Attività di confronto con i giovani su problematiche sociali e politiche Scrittura collettiva di messaggi da inoltrare a chi ha responsabilità politiche, economiche, culturali, religiose Da definire religiosa del territorio e del mondo Collaborare nell animazione degli incontri-confronto con i giovani su temi sociali e politici Animare e affiancare nell animazione della scrittura collettiva SEDE: CERIGNOLA - ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE - Opera Buonsanti, Via Savona, Cerignola (FG (30 destinatari) OBIETTIVI AZIONI ATTIVITA 1. Curare la qualità della vita delle persone anziane residenti presso il Centro di Soverato 1.1. Elaborare per ogni persona anziana un piano di intervento ad hoc in base all accertamento e all anamnesi (infermieristica e non) in entrata come situazione di partenza e continuamente monitorata 1.2. Coinvolgere le persone anziane in buona salute (o che sono in grado) nell organizzazion e e nella gestione della struttura, nelle attività di pulizia e ordine, nelle attività di segreteria 1.3. Aiutare le singole persone anziane e il gruppo a migliorare le presta- Elaborazione Piano Personalizzato per ogni persona anziana con il coinvolgimento delle persone interessate (nei limiti delle possibilità) Attività di segreteria per la tenuta dei documenti con il coinvolgimento anche di qualche persona anziana Elaborazione regolamento e progetto annuale con la partecipazione delle persone anziane Elaborazione organigramma e funzionigramma con presenza persone anziane. Coinvolgimento delle persone anziane (nei limiti del possibile) nel riordino quotidiano della struttura. Attività di segreteria con sportello di informazione su temi inerenti al mondo degli anziani (diritti, doveri, ecc ) Incontri settimanali o mensile per la cura dell igiene personale e il rispetto degli altri (a seconda dei casi) 5 incontri con esperti sull anzianità, le caratteristiche e le crisi dell età, sulla prevenzione del decadimento delle fasi succes- RUOLO VOLONTARI Aiutare nella preparazione e nella realizzazione degli incontri finalizzati all elaborazione del percorso personalizzato Collaborare nelle attività di archiviazione dei documenti, nella raccolta informazioni e nella compilazione delle schede Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Collaborare allo sportello informativo con il supporto / supervisione degli operatori addetti. Accompagnare le persone anziane nello spostamento per la richiesta di informazioni allo sportello. Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei lo- 14

15 zioni quotidiane, coltivare un immagine positiva di sé, prevenire il decadimento della fase successiva (sia in rapporto all età che alle diverse manifestazioni di patologie) 1.4. Curare e assistere gli anziani non più autosufficienti, riconoscendo e valorizzando le situazioni di autonomia residua, allo scopo di ostacolare e rallentare gli inevitabile processi di perdita 1.5. Mantenere vive le abilità sensopercettive e linguistiche, le capacità creative, manuali e intellettuali degli anziani, attraverso opportune attività e iniziative 1.6. Coltivare un clima di fiducia, curare rapporti improntati a gioia, accoglienza, serenità, dialogo sive. (Percorso di training) Accompagnamento personalizzato attraverso educatori e psicologi Assistenza tutelare diurna Aiuto/accompagnamento nell incremento possibile delle autonomie personali, nel mantenimento delle capacità residue Attività motorie che aiutano la percezione del sé corporeo, facilitano l organizzazione spazio temporale, sollecitano le risorse del soggetto, facilitano l'integrazione degli aspetti motori e cognitivi in funzione del benessere della persona e a mantenere le funzionalità per le azioni quotidiane, curano attraverso il corpo alcuni aspetti della comunicazione e della socializzazione con gli altri anziani Una volta a settimana, a partire dal secondo mese,con sospensione nel mese di agosto Ginnastica individuale/fisioterapia Terapie prescritte Nei tempi indicati dal medico Realizzazione di attività quotidiane ricreative, di incontro e di conversazione (giochi da tavolo, l ora del tè ) Realizzazione di feste in occasione di compleanni ed avvenimenti, con il coinvolgimento del maggior numero di persone anziane nella progettazione e nell organizzazione. Training per la risoluzione dei conflitti Ogni volta lo si ritiene opportuno secondo un calendario da stabilire all inizio dell anno cali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri e/o il training Collaborare con gli operatori nell assistenza tutelare diurna. Affiancare gli operatori nell aiutare gli anziani nel tenere ordinata e decorosa la propria persona Accompagnare gli anziani negli spostamenti Supportare il responsabile delle attività motorie. Preparare e riporre le piccole attrezzature Scegliere le musiche da adottare durante l attività motoria quando è necessario Affiancare gli operatori e animatori, con la responsabilità diretta dell animazione di alcuni giochi e feste. Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri di training 15

16 1.7. Valorizzazione della memoria e dell ascolto Storie di vita attraverso il racconto di avvenimenti e le foto Ogni 15 gg Colloqui individuali Mensilmente o ogni 15 giorni, a seconda delle necessità Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri Fornire elementi rilevati nell osservazione e utili per chi deve condurre i colloqui Aiutare nella trascrizione delle schede, fornendo anche gli elementi di osservazione rilevati Raccogliere alcune informazioni, offrirle agli operatori responsabili del colloquio elementi utili per la compilazione del diario agenda e nella trascrizione delle storie di vita 1.8. Contatto con il mondo esterno, con il territorio, con i familiari e gli amici Laboratori di lettura e di narrazione di racconti 2 ore settimanali Giochi cognitivi (giochi di parole, giochi del memory, gioco carte, ecc ) 2 ore settimanali Incontri periodici con i familiari Feste occasionali (almeno una in un anno) con parenti e amici Predisporre libri per la lettura. Animare i racconti guidati Collaborare al reperimento e alla scelta dei vari giochi finalizzati all obiettivo Aiutare a creare i gruppi per i vari giochi, insieme agli animatori organizzare i tornei Accompagnare e supportare gli anziani nei laboratori e nei giochi, animare alcuni giochi Animare le feste con i familiari e gli amici, predisponendo anche ambienti e materiali 2. Ridurre l emarginazione cultu Attività di comunicazione, animazione e di socializ- Uscite con trasporto e senza trasporto (passeggiate) Laboratori artistico-pittorici e musicali/canto; cineforum, attività di lettura singola o di gruppo, Accompagnare gli anziani negli spostamenti Incoraggiare gli anziani a scegliere l abbigliamento adatto alle varie circostanze Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione 16

17 rale e la solitudine delle persone anziane residenti presso il Centro zazione con valorizzazione degli interessi e delle competenze di ogni persona giochi di società e da tavola, attività culinarie, pittura, chiacchierino, maglia, uncinetto, riparazioni, riciclo di materiale Due ore a settimana del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Affiancare e collaborare il personale che deve gestire i laboratori, in alcuni casi animarli Accompagnare gli anziani negli spostamenti 2.2. Utilizzo delle nuove tecnologie per accedere ai servizi messi a disposizione della comunità 2.3. Attività di segreteria, archiviazione, biblioteca, aspetti burocratici 2.4. Promuovere stili di vita e attività educative e cultural che favoriscono lo scambio inter e intra-generazionale Giochi di socializzazione Laboratorio di informatica Due ore a settimana Spiegazione di internet Conservazione dei documenti, delle schede, nonché la raccolta di informazioni, di articoli, di libri, di materiale attinente all anzianità. 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno Incontri con altri anziani con possibilità di confronto su temi culturali Almeno tre volte all anno Incontri con bambini, ragazzi e giovani per vivere dei laboratori insieme Giochi insieme, racconti, attività di animazione Collaborare nell animare i giochi Accompagnare e supportare gli anziani durante le lezioni di informatica, lì dove è possibile fornire agli anziani le spiegazioni su internet Aiutare nelle attività di archiviazione dei documenti, nella raccolta informazioni. Aiutare nella valutazione economica delle varie attività Aiutare nelle azioni di monitoraggio delle attività, nella diffusione dei risultati. Aiutare nel disbrigo delle pratiche burocratiche. Preparare volantini, brochure, comunicati ecc per la promozione delle varie attività e dei vari laboratori. Curare la cartellonistica per i vari eventi Aiuto nella biblioteca Collaborare nell animare incontri con altri anziani Aiutare nelle attività di incontro con le altre generazioni, animare giochi e attività 17

18 Da programmare Scambio di doni a Natale e in alcune feste Da programmare Aiutare negli incontri di laboratorio con bambini, ragazzi e giovani 2.5. Animare attività religiose su misura del gruppo di persone anziane Incontri formativi per il personale addetto alla struttura, alcuni di questi incontri anche in presenza delle persone anziane del centro Ogni mese Attività di riflessione e di preghiera Proposta quotidiana Organizzazione di momenti celebrativi e di festa In occasione di ricorrenze religiose Partecipare agli incontri di formazione del personale Aiutare negli spostamenti e nelle celebrazioni Cura spirituale attraverso i Sacramenti A seconda delle esigenze e delle richieste 3. Promuovere forme di cittadinanza attiva e costruire attorno agli anziani reti relazionali stabili che rispondano ai loro bisogni materiali e immateriali 2.6. Sostenere le persone che scelgono di prestare cura ad altri fornendo loro sostegno, informazione, cura 3.1. Promuovere attività culturali ed educative orientate allo sviluppo delle relazioni sociali e all impegno solidale 3.2. Animare e accompagnare esperienze di cittadinanza attiva Attività di informazione, sostegno, accompagnamento a coloro che intendono aiutare altre persone anziane della struttura Scegliere insieme e realizzare delle attività a favore delle persone che hanno bisogno (pesca missionaria, mercatino della solidarietà, adozione a distanza) A partire dal secondo mese dell anno Incontri di informazione sulla vita economica, politica, religiosa del Paese, con discussione libera. Quasi tutti i giorni Attività di confronto con i giovani su problematiche sociali e politiche. Scrittura collettiva di messaggi da inoltrare a chi ha responsabilità politiche, economiche, culturali, religiose Da definire Affiancare gli operatori nel sostenere gli anziani Animare e aiutare nell animazione delle attività di solidarietà Animare la lettura di giornali, racconti, letture varie Aiutare nella comprensione di alcuni eventi Fornire elementi di lettura della vita economica, politica, culturale, religiosa del territorio e del mondo Animare e aiutare nell animazione negli incontri-confronto con i giovani su temi sociali e politici Animare e affiancare nell animazione della scrittura collettiva 18

19 Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 7 Numero posti senza vitto e alloggio: 7 Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: Giorni di servizio a settimana dei volontari (minimo 5, massimo 6) : 30 6 Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Per garantire la buona riuscita del progetto ai volontari in servizio civile sono richieste: Disponibilità alla formazione Disponibilità per accompagnare gli anziani nelle passeggiate; flessibilità oraria, fatto salvo il monte ore settimanale e mensile; flessibilità nei compiti; possibilità di impegno nei giorni festivi per eventuali feste; disponibilità a partecipare ad iniziative promosse dalle SAP e strettamente connesse al progetto approvato osservanza delle norme in materia di sicurezza e di ambiente di lavoro; rispetto del segreto d'ufficio nei casi e nei modi previsti dalle norme vigenti riserbo sui dati sensibili trattati nel corso delle diverse attività (come per esempio, dati anagrafici e diagnostica medica degli anziani, monitoraggio e valutazione del progetto rispetto del regolamento interno alle SAP partecipazione alle attività di formazione generale e di formazione specifica. 19

20 Sede/i di attuazione del progetto, N. Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo Cod. ident. sede N. vol. per sede 1 Istituto Maria Ausiliatrice Soverato (CZ) Via S. Giovanni Bosco, Istituto Maria Ausiliatrice Opera Buonsanti Cerignola (FG) Via Savona,

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA UNA GENERAZIONE NARRA ALL ALTRA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA UNA GENERAZIONE NARRA ALL ALTRA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: VIDES (Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo) Codice di accreditamento: Albo e

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Istituto Figlie della Misericordia e della Croce L'Istituto delle Figlie della Misericordia

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. Insieme nel tempo

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. Insieme nel tempo SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: LA CASA DELLE GENTI SETTORE e Area di Intervento: A12 Assistenza ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO FINALITA GENERALE Finalità generale del progetto

Dettagli

PERVINCA MOLISE-GARANZIA GIOVANI-CAMPOBASSO

PERVINCA MOLISE-GARANZIA GIOVANI-CAMPOBASSO PROGETTO PERVINCA MOLISE-GARANZIA GIOVANI-CAMPOBASSO Settore di intervento: Assistenza disabili Sede di attuazione del Agenzia Agorà 1-Via Muricchio-Campobasso progetto: Numero di volontari richiesti:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto APERILIBRO Settore ed area di intervento del progetto Area D - Settore : Patrimonio Artistico e Culturale

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura SETTORE e Area di intervento: Assistenza Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO: Contribuire a migliorare le condizioni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il Progetto: LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE Recapiti territoriali: Numero Verde: 800 910677 Sito Internet: www.serviziocivilepegaso.org

Dettagli

SINTESI FILI D ARGENTO 5 Prov. ANCONA

SINTESI FILI D ARGENTO 5 Prov. ANCONA SINTESI FILI D ARGENTO 5 Prov. ANCONA CARATTERISTICHE PROGETTO 1) Titolo del progetto: FILI D ARGENTO 5 Prov. Ancona 2) Descrizione dell area di intervento: Il presente progetto intende promuovere azioni

Dettagli

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende potenziare la rete di protezione sociale di anziani in particolare situazione di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TAVIANO 2) Codice di accreditamento: NZ00428 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. sintesi. 2) Codice di accreditamento: NZ 02274.

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. sintesi. 2) Codice di accreditamento: NZ 02274. SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA sintesi ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMMISSIONE SINODALE PER LA DIACONIA 2) Codice di accreditamento: NZ 02274 3) Albo e

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: OREFO 10 SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA DISABILI COD.A06 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI Il progetto intende favorire

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MEZZOJUSO 2) Codice di accreditamento: NZ00607 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: COMUNE DI CARBONE (PZ) Titolo del progetto: SEMPRE MENO SOLI 6) Descrizione del contesto territoriale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO voce 4 - TITOLO DEL PROGETTO:Unicità della persona nel sociale voce 5 - SETTORE e Area di Intervento: Assistenza: A1 - Anziani voce 7 - OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Dettagli

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA CARATTERISTICHE PROGETTO 1) Titolo del progetto: FATTI NON FOSTE 5 Prov. Ancona 2) Descrizione dell area di intervento: Il progetto nasce da un accordo di partnerariato

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

ABSTRACT PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ABSTRACT PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSO.GIO.CA. ASSOCIAZIONE GIOVENTU CATTOLICA 2) Codice di accreditamento: NZ01870 3) Albo

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Ente: COOPERATIVA SOCIALE VILLA MARIA Indirizzo: PIAZZA S. MARTINO - LENZIMA DI ISERA 2 - ISERA Recapito telefonico: 0464 387801 Indirizzo e-.mail: segreteria@coopvillamaria.org

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia Settore e Area di Intervento: Il progetto Al Servizio dei più deboli verrà realizzato in 5 città dislocate al nord e al sud Italia:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. VIDES (Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo) SI PUO FARE

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. VIDES (Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo) SI PUO FARE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: VIDES (Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo) Codice di accreditamento: NZ 00946

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto NO-E (ALESSANDRIA1) Ambito/settore di intervento Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA Area d intervento: DISAGIO ADULTO Tipologia

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA REGIONALE - SICILIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA REGIONALE - SICILIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LA CASA DEL SORRISO ONLUS Via Baronio Manfredi, 27 90046 Monreale (PA) web: www.casadelsorriso.org

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ODIGITRIA ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A. -ASSISTENZA 06 - DISABILI OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVO GENERALE L obiettivo generale riferito

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO : voce 4 Percorsi Paralleli ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e AREA DI INTERVENTO voce 5 : Settore Educazione e Promozione culturale Area di Intervento : Centri di

Dettagli

Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento

Progetto ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune) Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente Comune di TORRE PELLICE Settore d'intervento Educazione e promozione culturale - Animazione sul territorio Obiettivi del progetto Coinvolgere i giovani,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Le radici e il futuro. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Anziani

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Le radici e il futuro. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Anziani ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI

SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI ENTE 1) Ente proponente il progetto: FONDAZIONE DI RELIGIONE ISTITUTO MARIA REGINA 2) Titolo del progetto: HANSEL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: L ISOLA che C è SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Area di intervento:02 Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Quattro ruote per socializzare. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Disabili

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Quattro ruote per socializzare. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Disabili ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

STRALCIO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

STRALCIO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA STRALCIO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: CONSORZIO SOL.CO CREMONA Società Cooperativa Sociale Sede Accreditata C/o Cooperativa

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Ente: ASSOCIAZIONE PROVINCIALE PER I MINORI Indirizzo: via Valentina Zambra 11 - TRENTO Recapito telefonico: 0461829896 Indirizzo e-.mail: associazioneminori@appm.it

Dettagli

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona Centri Diurni G. Cristofori A. Forti Verona Presentazione Il Centro Diurno eroga servizi rivolti a persone con deficit psicofisico e con compromissioni da demenza di tipo Alzheimer. Il Centro Diurno è

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: 2) Codice di accreditamento: 3) Albo e classe di iscrizione: 4) Titolo del progetto:

1) Ente proponente il progetto: 2) Codice di accreditamento: 3) Albo e classe di iscrizione: 4) Titolo del progetto: SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Associazione ONLUS A.D.A.-Assistenza Domiciliare Anziani 2) Codice di accreditamento: NZ 04912

Dettagli

SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili

SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili Comuni coinvolti: Casteldaccia (sede del Centro) Altavilla Milicia Ficarazzi Destinatari:Le attività del centro sono rese nei confronti di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI OLONTARI IN SERIZIO CIILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIE E MUTUE ia A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327 / Fax

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Avere cura: un valore, un impegno, una opportunità SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA Pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: Mercurio Settore di intervento del progetto: n) educazione contro ogni forma di discriminazioni anche per orientamento sessuale Codice identificativo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA REGIONALE - SICILIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA REGIONALE - SICILIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: AREA AZZURRA SOC. COOP. SOCIALE A R. L. 2) Codice di accreditamento: NZ01031 3)

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012

Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

INNERES AUGE Occhio interiore

INNERES AUGE Occhio interiore SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Le Nuvole Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti IMMIGRATI, Giorni

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

Educando tra Milano e Monza

Educando tra Milano e Monza Scheda progetto Educando tra Milano e Monza Il progetto si sviluppa in quattordici comuni delle provincie di Milano e Monza e in un Associazione di Milano. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI SANGUE REGIONE TOSCANA 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Ri.Generazione Anziani voce 4 SETTORE e Area di Intervento: A 01 Assistenza ( riferita alla tutela dei diritti sociali e ai servizi alla

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Nuove abilità 2014 (Palermo) Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012

Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Pronto! Io ci sono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A01 OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il Progetto la P.A Ente Corpo Volontari Protezione Civile

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE EDIMAR 2) Codice di accreditamento: NZ00969 3) Albo e classe di iscrizione: Albo

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ 2014

RELAZIONE ATTIVITÀ 2014 RELAZIONE ATTIVITÀ 2014 Dall analisi dei dati relativi all attività dell anno, emerge una continuità con quella dei precedenti anni: sempre maggiori richieste di sostegno da parte della popolazione anziana

Dettagli

PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA COMUNE DI BRESCIA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente Proponente il progetto COMUNE DI BRESCIA Assessorato Pubblica Istruzione e Politiche Giovanili P.zza Vittoria n 5

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Meeting of Generations SETTORE e Area di Intervento: Settore A ASSISTENZA Area d intervento 01) Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il progetto

Dettagli

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale ALLEGATO TECNICO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ED EDUCATIVA PER IL PERIODO 01.04.2011 31.12.2012. CIG N. 07771837B1. indetta con determinazione N 53 del 17.01.2011

Dettagli

Esperienze di Solidarietà in Provincia di Monza

Esperienze di Solidarietà in Provincia di Monza Scheda progetto Esperienze di Solidarietà in Provincia di Monza Il progetto riunisce nove comuni aderenti ai Distretti socio sanitari della Provincia di Monza e Brianza. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: COOPERATIVA SOCIALE MIGMA A.R.L. Via Pola N 60 90011 Bagheria (PA) Codice di accreditamento: NZ03933

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2013

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2013 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2013 Titolo progetto CO-ESISTERE Ambito/settore di intervento ASSISTENZA DISABILI Tipologia destinatari DISABILI Giorni /ore di servizio 6 Vitto/Alloggio

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda Usl Ferrara L Azienda Usl di Ferrara ha personalità giuridica pubblica, autonomia economica,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA DEL FILO D ORO - ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ00672 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico.

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico. 1) Titolo del progetto: Baby Parking in Ospedale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Educazione e Promozione Culturale Area: E 01 Centri di aggregazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Allegato 1 ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Brescia 2) Codice di accreditamento: NZ00351 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Naturalmente bimbi Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Coop

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI SANT ANTIOCO 2) Codice di accreditamento: 3) Classe di iscrizione all albo: NZ01845

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Servizio Civile Nazionale Provincia di Foggia SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ETÀ INSIEME ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Sett: E - Educazione e Promozione culturale Area: 01Centri di aggregazione (bambini, giovani,

Dettagli

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI PROGETTI TRASVERSALI FINALITÀ DESTINATARI SCIENZE MOTORIE: 1. PSICOMOTRICITA 2. GIOCO-SPORT 3. SPORTIVAMENTE A SCUOLA Acquisire la conoscenza-coscienza del proprio Io corporeo e la capacità d interagire

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO INSIEME. Servizi Sociali per l autonomia SETTORE E AREA DI INTERVENTO A01/06 ASSISTENZA ANZIANI E DISABILI OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO Obiettivo specifico

Dettagli

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto Lottare contro i pregiudizi, sguardi diversi sulla disabilità 2014: Rete Bianca e Bernie Assistenza; Salute Associazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: HO SCELTO TE! UN NONNO PER AMICO SETTORE e Area di Intervento: A- Assistenza 01 Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivo generale: Migliorare

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: UN, DUE, TRE STELLA ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: E. EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE 02 ANIMAZIONE CULTURALE VERSO MINORI 09 ATTIVITÀ

Dettagli

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende favorire l inserimento sociale e lavorativo delle persone con disabilità, indipendentemente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli