SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA DAI 64 ANNI IN SU

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA DAI 64 ANNI IN SU"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: VIDES (Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo) Codice di accreditamento: NZ00946 Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE 1 CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: DAI 64 ANNI IN SU Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica Settore: Assistenza Area: Anziani Codifica: A 01 Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto: Il progetto Dai 64 anni in su intende rispondere alle esigenze di 60 persone anziane (64-98 anni) presenti in 2 case di cura e di accoglienza per anziani, soprattutto donne, della Puglia e della Calabria, con ridotta autonomia o in stato di non autosufficienza. Esso mira a - rispondere ai bisogni primari e ai bisogni secondari delle persone anziane oggetto di cure; - far crescere una consapevolezza pubblica che l allungamento della vita è una conquista della società civile, l anzianità e le persone anziane rappresentano un valore sociale; - promuovere l invecchiamento attivo per accrescere il benessere, l inclusione e il ruolo sociale delle persone che invecchiano, costruendo nuovi rapporti intergenerazionali, interculturali e sostenendo chi di loro entra in percorsi di fragilità fisica e sociale; - rendere esplicito che l età che avanza non è un età vuota, passiva, ma un età ricca di relazioni, di ruoli, di protagonismo che danno valore alla vita e agli anni come età libera vissuta nella sua complessità sino all'ultimo giorno della propria esistenza; - sperimentare forme di volontariato come cittadinanza attiva e solidale in attività assistenziali, sociali, culturali, ambientali, civiche tese a dimostrare che gli ultrasessantenni sono e possono, se questa società offre loro occasioni ed opportunità, continuare ad essere una risorsa vitale per il territorio da promuovere, incentivare e riconoscere. 1

2 Le due strutture coinvolte sono: Istituto Maria Ausiliatrice, Via San Giovanni Bosco, Soverato (CZ) Istituto Maria Ausiliatrice - Opera Buonsanti, Via Savona, Cerignola (FG) Obiettivi del progetto: OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Dall analisi del contesto emerge come in Calabria e in Puglia l avanzamento dell età e la crescita della popolazione anziana determina la necessità di definire con maggiore attenzione percorsi e progetti di cura degli anziani. Il progetto Dai 64 anni in su mira a: Tutelare e promuovere la qualità della vita delle persone ultra 64enni residenti presso le case di accoglienza per anziane di Soverato e di Cerignola, promuovere l invecchiamento attivo, far crescere la consapevolezza pubblica che l allungamento della vita è una conquista della società civile, l anzianità e le persone anziane rappresentano un valore sociale, proporre nuovi modelli di vecchiaia; promuovere e diffondere una nuova cultura dell'età avanzata intesa come età positiva, ricca di risorse e di possibilità. OBIETTIVI SPECIFICI DEL PROGETTO : 1. Curare la qualità della vita delle persone anziane residenti presso i Centri di Soverato e Cerignola. 2. Ridurre l emarginazione culturale e la solitudine delle persone anziane residenti presso il Centro 3. Promuovere forme di cittadinanza attiva e costruire attorno agli anziani reti relazionali stabili che rispondano ai loro bisogni materiali e immateriali In riferimento agli obiettivi sopra indicati si specifica quanto segue: Obiettivo specifico Indicatore Risultati attesi 1. Curare la qualità della vita delle persone anziane residenti presso i Centri di Soverato e Cerignola. - Percorsi personalizzati - Sano stile di vita che include una regolare attività fisica e una regolare alimentazione - Grado di partecipazione alle attività di gruppo (attività motoria organizzata, laboratori, attività ricreative e culturali, uscite ) - Elaborate schede con percorsi personalizzati al 100% - Adottato un sano stile di vita con una dieta condivisa in almeno il 50% degli anziani partecipazione ad attività fisiche in almeno il 60% degli anziani (passeggiate, semplici esercizi ) - Incrementato del 10% in almeno il 60% dei destinatari le capacità relazionali e il grado di interesse verso le attività - Collaborazione nella cura della persona e dell ambiente e nella gestione di alcune attività - Incrementato del 20 % in almeno il 50% dei destinatari la collaborazione nella cura della propria persona e dell ambiente e nella gestione delle attività 2. Ridurre l emar- - n. e tipologia di attività culturali e - Migliorato del 40% il benessere de- 2

3 ginazione culturale e la solitudine delle persone anziane residenti presso il Centro 3. Promuovere forme di cittadinanza attiva e costruire attorno agli anziani reti relazionali stabili che rispondano ai loro bisogni materiali e immateriali religiose realizzate - grado di partecipazione da parte degli anziani alle varie iniziative - n. di attività ricreative o culturali esterne alla casa di cui gli anziani sono venuti a conoscenza - n. di attività ricreative o culturali esterne alla casa a cui gli anziani hanno partecipato Aumento del numero delle persone anziane in grado di utilizzare le nuove tecnologie per accedere ai servizi messi a disposizione dalla comunità n strumenti in campo in grado di stimolare il dialogo con gli altri anziani e tra generazioni diverse anche su temi culturali e politici n laboratori di solidarietà Partecipazione anziani ai momenti di insieme (ricreazioni, feste, laboratori ) Frequenza del dialogo/colloquio da parte degli anziani con la responsabile del centro o con altra persona scelta gli anziani, autonomi o semiautosufficienti, attraverso il potenziamento delle capacità cognitive e il mantenimento delle abilità intellettuali residue - Incremento del 30% la capacità delle persone anziane nell utilizzo delle nuove tecnologie - Migliorate del 10% in almeno il 50% degli anziani le capacità relazionali con gli altri anziani, con gli operatori, con le altre persone anche giovani - Realizzate almeno 3 iniziative di solidarietà in un anno - Frequenza del 50% degli anziani ai momenti di insieme - Tenuta del colloquio mensile con la responsabile del centro o con altra persona scelta (almeno per il 50% degli anziani) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Il progetto DAI 64 anni in su avrà una durata di 12 mesi e prevede delle macro azioni, scandite in attività. Per ogni azione vengono quindi indicate le attività con riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale e le risorse umane disponibili 1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO, FASE DI START UP DELLO STESSO CON - incontri individuali e di gruppo per illustrare gli obiettivi, le metodologie di intervento, - incontri per presentare il target del progetto, costruire una mappa dei bisogni, condividere metodologie di intervento, assegnare compiti ai Volontari. - incontri con le istituzioni e le associazioni per pianificare azioni sinergiche, possibilità di intervento degli anziani della struttura di accoglienza di riferimento - Pianificazione degli interventi 2. PERCORSI PERSONALIZZATI. Per ogni anziano sarà elaborata una scheda in cui - a partire dall identificazione dei bisogni specifici e dall anamnesi in entrata - venga individuato in progress il percorso da realizzare. Tale scheda sarà elaborata in collaborazione con la persona anziana in grado di collaborare. 3

4 In base alle scelte e agli interessi di tutti i destinatari saranno definiti i laboratori pertinenti e i gruppi 3. BENESSERE SOCIALE, CURA DI SE RIABILITAZIONE Le attività motorie saranno realizzate sia per il mantenimento del benessere della persona e la qualità della sua vita, sia per il recupero delle abilità cognitive, espressive, fisiche, sia per la crescita dell autostima e la prevenzione di forme di decadimento successivo. A seconda delle esigenze saranno attivate cure riabilitative adatte. I Volontari del Servizio Civile Nazionale accompagnano e supportano gli anziani nelle attività motorie, predispongono attrezzature e ambienti. 4. SOSTEGNO NELLE ATTIVITA DI BASE con particolare riferimento all assistenza tutelare diurna, calibrata sui bisogni di ciascuno. Tali attività saranno stimolate anche in un ottica di collaborazione e di autonomia lì dove è possibile. Ad alcune persone anziane in grado sarà richiesta la partecipazione nel riordino della struttura. I Volontari del Servizio Civile Nazionale non intervengono in questa fase le cui attività vengono svolte dal personale addetto 5. SOCIALIZZAZIONE, ANIMAZIONE, COMUNICAZIONE Rientrano in questa fase tutte quelle attività ricreative, culturali e di socializzazione finalizzate al mantenimento e allo sviluppo delle autonomie personali e delle abilità relazionali e cognitive, all integrazione con il territorio, alla riduzione di forme di solitudine e di isolamento. - Partecipazione a feste cittadine, a iniziative comunitarie, organizzazione di eventi dove vengono invitati esterni - Attività di riflessione e di preghiera a misura di persone anziane - Attività socio-culturali: lettura collettiva del quotidiano, di racconti popolari e di altre letture come la lettura della cronaca della comunità, la visione del telegiornale e di altri programmi televisivi, la comunicazione sistematica delle varie situazioni che toccano la vita della comunità, del paese, della città, della Chiesa con lo scopo di stimolare la conoscenza, le capacità mnemoniche, il sentirsi parte della realtà - Attività musicali; ascolto musica, canto canzoni popolari, esprimere sensazioni suscitate dalle melodie - Attività di pittura - Attività di feste e di gioco - Attività di cucito e di ricamo - Attività occasionali: pranzo all aperto, proiezione di film o documentari, uscite feste cittadine passeggiate in giardino e nei luoghi dove si svolgono altre attività (per esempio luoghi della struttura frequentati dai giovani) I Volontari del Servizio Civile Nazionale accompagnano e supportano gli anziani nei laboratori e nelle attività, predispongono attrezzature e ambienti, animano o collaborano nell animazione, in alcuni casi animano essi stessi dei laboratori e delle attività 6. VALORIZZAZIONE DELLA MEMORIA E ASCOLTO Particolarmente importante è la possibilità di aiutare le persone anziane a raccontare episodi della loro vita finalizzate alla valorizzazione della memoria. Saranno attivati incontri di gruppo e realizzati colloqui sistematici, nonché giochi interattivi e cognitivi (giochi di parole, giochi del memory, gioco carte, ecc ), storie di vita orientati alla trasmissione delle stesse nelle modalità giuste, allo scambio intra e intergenerazionale. 4

5 I Volontari del SCN affiancheranno gli operatori e animatori, essi stessi animeranno alcuni giochi, si alterneranno con gli altri operatori per far visita nelle camere a quelle persone anziane che non possono partecipare alle attività di gruppo. Raccoglieranno alcune informazioni, offriranno agli operatori responsabili del colloquio elementi utili per la compilazione del diario agenda e nella trascrizione delle storie di vita 7. SEGRETERIA - ARCHIVIO - BIBLIOTECA - ASPETTI BUROCRATICI Riguardano quelle attività volte alla conservazione dei documenti, delle schede, nonché la raccolta di informazioni, di articoli, di libri, di materiale attinente all anzianità. Alla biblioteca vi potranno accedere non solo le persone anziane, ma anche gli operatori, i volontari, tutti coloro che sono interessati a coltivare una visione diversa e positiva di questa fase dell età della persona umana. Un Volontario del Servizio Civile Nazionale aiuta: - nelle attività di segretariato, - nell archiviazione dei documenti, - nella raccolta di libri, schede, letteratura che riguardano gli anziani - nel rendere la biblioteca quale luogo di accesso, - nella cura degli aspetti amministrativi e burocratici, - nella valutazione economica delle attività (sia in fase preventiva che consuntiva) - nelle azioni di monitoraggio delle attività, nella diffusione dei risultati MONITORAGGIO E VALUTAZIONE, con sensibilizzazione e diffusione dei risulta 5

6 TI- TO LO DAI 64 anni in su RIPARTIZIONE MENSILE ATTIVITA ATTIVITA PROGETTUALI FASE STARTUP Promozione del progetto Incontri con istituzioni, associazioni, cooperative, volontari per stabilire il piano di azione e gli impegni specifici, sulla base dei fabbisogni degli utenti Calendarizzazione delle macro azioni Definizione dell attività e dei laboratori e formazione dei gruppi di lavoro Azioni per Obiettivo 1 Azioni per Obiettivo 2 Azioni per Obiettivo 3 Monitoraggio attività e valutazione esiti progettuali Diffusione dei risultati ATTIVITA VOLONTARI Formazione generale Formazione specifica Realizzazione attività Azioni ATTIVITÀ ANZIANI 1.1. Elaborazione Piano Personalizzato X X Elaborazione regolamento e progetto annuale X Elaborazione organigramma e funzionigramma. X Coinvolgimento nel riordino quotidiano della struttura X X X X X X X X X X X Coinvolgimento nelle attività di segreteria con sportello di informazione X X X X X X X X X X X Incontri settimanali o mensile per la cura dell igiene personale e il rispetto degli altri (a seconda dei casi) X X X X X X X X X X X 5 Incontri con esperti sulle caratteristiche e crisi dell età. Percorso di training Una volta ogni 15 gg per 5 mesi X X X X X Accompagnamento personalizzato attraverso educatori e psicologi 1.4. Assistenza tutelare diurna - aiuto/accompagnamento nella gestione delle attività quotidiane e nell incremento possibile autonomie personali e capacità residue X X X X X X X X X X X X 1.5. Attività motoria X X X X X X X X X X 6

7 Ginnastica individuale/fisioterapia Terapie prescritte X X X X X X X X X X 1.6. Attività quotidiane ricreative, di incontro e di conversazione (giochi da tavolo, l ora del tè ) Feste in occasione di compleanni ed avvenimenti (coinvolgimento del maggior numero di persone anziane nella progettazione e nell organizzazione) Training per la risoluzione dei conflitti Ogni volta lo si ritiene opportuno secondo un calendario da stabilire all inizio dell anno X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Training per la risoluzione dei conflitti X X X X X Storie di vita attraverso il racconto di avvenimenti e le foto Ogni 15 gg X X X X X X X X X X X 1.7. Colloqui individuali Mensilmente o ogni 15 giorni, a seconda delle necessità X X X X X X X X X X X Laboratori di lettura e di narrazione di racconti 2 ore settimanali 2 ore settimanali X X X X X X X X X X X Giochi cognitivi (giochi di parole, giochi del memory, gioco carte, ecc ) X X X X X X X X X X X Incontri periodici con i familiari X X X X X X X X X X X 1.8. Feste occasionali (almeno una in un anno) con parenti e amici X X X X X X X X X X X Uscite con trasporto e senza trasporto (passeggiate) X X X X X X X X X X X Laboratori artistico-pittorici e musicali/canto; cineforum, attività di lettura singola o di gruppo, attività culinarie, pittura, chiacchierino, maglia, uncinetto, riparazioni, riciclo di materiale 2 ore a settimana X X X X X X X X X X X Giochi di socializzazione: giochi di società e da tavola, X X X X X X X X X X X Laboratorio di informatica X X X X X Spiegazione di internet X X 2.3. Attività di Segreteria (conservazione documenti, schede, nonché raccolta di informazioni, di articoli, di libri, di materiale attinente all anzianità) 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno Attività di biblioteca 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno (in collegamento con l attività di segreteria) X X X X X X X X X X X X X X X X 7

8 2.4. Aiuto nel disbrigo attività burocratiche 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno (in collegamento con l attività di segreteria) Incontri con altri anziani con possibilità di confronto su temi culturali Almeno tre volte all anno Incontri con bambini, ragazzi e giovani per vivere dei laboratori insieme Giochi insieme, racconti, attività di animazione Da programmare Scambio di doni a Natale e in alcune feste Incontri con bambini, ragazzi e giovani per vivere dei laboratori insieme, giochi, attività di animazione Da programmare X X X X X X X X X X X X X X X X X Scambio di doni a Natale e in alcune feste Da programmare X X X Incontri formativi per il personale addetto alla struttura, alcuni di questi incontri anche in presenza delle persone anziane del centro Ogni mese Attività di riflessione e di preghiera Proposta quotidiana X X X X X X X X X X X X Organizzazione di momenti celebrativi e di festa In occasione di ricorrenze religiose Cura spirituale attraverso i Sacramenti A seconda delle esigenze e delle richieste Cura spirituale attraverso i Sacramenti A seconda delle esigenze e delle richieste Informazione, sostegno, accompagnamento a coloro che intendono aiutare altre persone anziane della struttura Attività di volontariato (pesca missionaria, mercatino della solidarietà, adozione a distanza ) A partire dal secondo mese dell anno Incontri di informazione sulla vita economica, politica, religiosa del Paese, con discussione libera. Quasi tutti i giorni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Attività di confronto con i giovani su problematiche sociali e politiche X X X 3.2. Scrittura collettiva di messaggi da inoltrare a chi ha responsabilità politiche, economiche, culturali, religiose Da definire X X X 8

9 Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività previste, con la specifica delle professionalità impegnate e la loro attinenza con le predette attività Nella realizzazione delle attività progettuali, i volontari interagiranno, oltre che con le OLP, con il personale addetto al centro e con figure tecniche esperte, sia interne che esterne alle sedi di realizzazione del progetto. Il personale interno è rappresentato da quelle figure professionali che in modo sistematico sono presenti nella struttura, il personale esterno è rappresentato da quelle figure che intervengono sistematicamente, ma esterne alla struttura. Responsabili, coordinatori, animatori, infermieri, inservienti, autisti, portinaio, fisioterapisti, dentisti, medici, psicologi, ecc Pertanto le risorse umane sono adeguate alla realizzazione del progetto, perciò per la realizzazione degli obiettivi. Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto I volontari in servizio civile coinvolti nelle sedi di attuazione del progetto DAI 64 anni in su realizzeranno le attività con un ruolo di supporto e/o di sostegno a tutte le attività previste al 8.1 del presente format, in collaborazione con le risorse umane che svolgeranno i ruoli specifici indicati al punto 8.2, secondo il calendario delle attività già previste e descritte. In qualche caso svolgeranno in prima persona alcune attività, in altri momenti affiancheranno il personale e i professionisti responsabili. Relativamente alle azioni da implementare per i destinatari i volontari, sotto la guida e il confronto del Dirigente/ Coordinatore, avranno il compito di: SEDE SOVERATO - ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE - VIA SAN GIOVANNI BOSCO, 7 CAP (30 destinatari) OBIETTIVI AZIONI ATTIVITA 1. Curare la qualità della vita delle persone anziane residenti presso il Centro di Soverato 1.1. Elaborare per ogni persona anziana un piano di intervento ad hoc in base all accertamento e all anamnesi (infermieristica e non) in entrata come situazione di partenza e continuamente monitorata 1.2. Coinvolgere le persone anziane in buona salute (o che sono in grado) nell organizzazion e e nella gestione della struttura, nelle attività di pulizia Elaborazione Piano Personalizzato per ogni persona anziana con il coinvolgimento delle persone interessate (nei limiti delle possibilità) Attività di segreteria per la tenuta dei documenti con il coinvolgimento anche di qualche persona anziana Elaborazione regolamento e progetto annuale con la partecipazione delle persone anziane Elaborazione organigramma e funzionigramma con presenza persone anziane. Coinvolgimento delle persone anziane (nei limiti del possibile) RUOLO VOLONTARI Aiutare nella preparazione e nella realizzazione degli incontri finalizzati all elaborazione del percorso personalizzato Aiutare nelle attività di segretariato, nell archiviazione dei documenti, nella raccolta informazioni e nella compilazione delle schede Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati 9

10 e ordine, nelle attività di segreteria 1.3. Aiutare le singole persone anziane e il gruppo a migliorare le prestazioni quotidiane, coltivare un immagine positiva di sé, prevenire il decadimento della fase successiva (sia in rapporto all età che alle diverse manifestazioni di patologie) 1.4. Curare e assistere gli anziani non più autosufficienti, riconoscendo e valorizzando le situazioni di autonomia residua, allo scopo di ostacolare e rallentare gli inevitabile processi di perdita 1.5. Mantenere vive le abilità senso-percettive e linguistiche, le capacità creative, manuali e intellettuali degli anziani, attraverso opportune attività e iniziative nel riordino quotidiano della struttura. Attività di segreteria con sportello di informazione su temi inerenti al mondo degli anziani (diritti, doveri, ecc ) Incontri settimanali o mensile per la cura dell igiene personale e il rispetto degli altri (a seconda dei casi) 5 incontri con esperti sull anzianità, le caratteristiche e le crisi dell età, sulla prevenzione del decadimento delle fasi successive. (Percorso di training) Accompagnamento personalizzato attraverso educatori e psicologi Assistenza tutelare diurna Aiuto/accompagnamento nell incremento possibile delle autonomie personali, nel mantenimento delle capacità residue Attività motorie che aiutano la percezione del sé corporeo, facilitano l organizzazione spazio temporale, sollecitano le risorse del soggetto, facilitano l'integrazione degli aspetti motori e cognitivi in funzione del benessere della persona e a mantenere le funzionalità per le azioni quotidiane, curano attraverso il corpo alcuni aspetti della comunicazione e della socializzazione con gli altri anziani Una volta a settimana, a partire dal secondo mese,con sospensione nel mese di agosto Ginnastica individuale/fisioterapia Terapie prescritte dopo le attività Collaborare allo sportello informativo con il supporto / supervisione degli operatori addetti. Accompagnare le persone anziane nello spostamento per la richiesta di informazioni allo sportello. Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri e/o il training I Volontari del Servizio Civile Nazionale non intervengono nell assistenza tutelare diurna. Aiutano solo gli anziani nel tenere ordinata e decorosa la propria persona Accompagnare gli anziani negli spostamenti Supportare il responsabile delle attività motorie. Preparare e riporre le piccole attrezzature Scegliere le musiche da adottare durante l attività motoria quando è necessario 10

11 1.6. Coltivare un clima di fiducia, curare rapporti improntati a gioia, accoglienza, serenità, dialogo 1.7. Valorizzazione della memoria e dell ascolto Nei tempi indicati dal medico Realizzazione di attività quotidiane ricreative, di incontro e di conversazione (giochi da tavolo, l ora del tè ) Realizzazione di feste in occasione di compleanni ed avvenimenti, con il coinvolgimento del maggior numero di persone anziane nella progettazione e nell organizzazione. Training per la risoluzione dei conflitti Ogni volta lo si ritiene opportuno secondo un calendario da stabilire all inizio dell anno Storie di vita attraverso il racconto di avvenimenti e le foto Ogni 15 gg Colloqui individuali Mensilmente o ogni 15 giorni, a seconda delle necessità Laboratori di lettura e di narrazione di racconti 2 ore settimanali Giochi cognitivi (giochi di parole, giochi del memory, gioco carte, ecc ) 2 ore settimanali Affiancare gli operatori e animatori, con la responsabilità diretta dell animazione di alcuni giochi e feste. Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri di training Affiancare e collaborare il personale che deve gestire gli incontri Fornire elementi rilevati nell osservazione e utili per chi deve condurre i colloqui Aiutare nella trascrizione delle schede, fornendo anche gli elementi di osservazione rilevati Raccogliere alcune informazioni, offrirle agli operatori responsabili del colloquio elementi utili per la compilazione del diario agenda e nella trascrizione delle storie di vita Predisporre libri per la lettura. Animare i racconti guidati Collaborare al reperimento e alla scelta dei vari giochi finalizzati all obiettivo Aiutare a creare i gruppi per i vari giochi, insieme agli animatori organizzare i tornei Accompagnare e supportare gli anziani nei laboratori e nei giochi, animare alcuni giochi 11

12 1.8. Contatto con il mondo esterno, con il territorio, con i familiari e gli amici Incontri periodici con i familiari Feste occasionali (almeno una in un anno) con parenti e amici Animare le feste con i familiari e gli amici, predisponendo anche ambienti e materiali 2. Ridurre l emarginazione culturale e la solitudine delle persone anziane residenti presso il Centro 2.1. Attività di comunicazione, animazione e di socializzazione con valorizzazione degli interessi e delle competenze di ogni persona 2.2. Utilizzo delle nuove tecnologie per accedere ai servizi messi a disposizione della comunità 2.3. Attività di segreteria, archiviazione, biblioteca, aspetti burocratici Uscite con trasporto e senza trasporto (passeggiate) Laboratori artistico-pittorici e musicali/canto; cineforum, attività di lettura singola o di gruppo, giochi di società e da tavola, attività culinarie, pittura, chiacchierino, maglia, uncinetto, riparazioni, riciclo di materiale Due ore a settimana Giochi di socializzazione Laboratorio di informatica Due ore a settimana Spiegazione di internet Conservazione dei documenti, delle schede, nonché la raccolta di informazioni, di articoli, di libri, di materiale attinente all anzianità. 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno Accompagnare gli anziani negli spostamenti Incoraggiare gli anziani a scegliere l abbigliamento adatto alle varie circostanze Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Affiancare e collaborare il personale che deve gestir i laboratori, in alcuni casi animarli Accompagnare gli anziani negli spostamenti Animare i giochi Accompagnare e supportare gli anziani durante le lezioni di informatica, lì dove è possibile fornire agli anziani le spiegazioni su internet Aiutare nelle attività di segretariato, nell archiviazione dei documenti, nella raccolta informazioni. Aiutare nella valutazione economica delle varie attività Aiutare la segreteria nelle azioni di monitoraggio delle attività, nella diffusione dei risultati. Aiutare nel disbrigo delle pratiche burocratiche. Preparare volantini, brochure, comunicati 12

13 2.4. Promuovere stili di vita e attività educative e cultural che favoriscono lo scambio inter e intra-generazionale 2.5. Animare attività religiose su misura del gruppo di persone anziane Incontri con altri anziani con possibilità di confronto su temi culturali Almeno tre volte all anno Incontri con bambini, ragazzi e giovani per vivere dei laboratori insieme Giochi insieme, racconti, attività di animazione Da programmare Scambio di doni a Natale e in alcune feste Da programmare Incontri formativi per il personale addetto alla struttura, alcuni di questi incontri anche in presenza delle persone anziane del centro Ogni mese Attività di riflessione e di preghiera Proposta quotidiana Organizzazione di momenti celebrativi e di festa In occasione di ricorrenze religiose ecc per la promozione delle varie attività e dei vari laboratori. Curare la cartellonistica per i vari eventi Aiuto nella biblioteca Animare incontri con altri anziani Aiutare nelle attività di incontro con le altre generazioni, animare giochi e attività Aiutare negli incontri di laboratorio con bambini, ragazzi e giovani Partecipare agli incontri di formazione del personale Aiutare negli spostamenti e nelle celebrazioni Cura spirituale attraverso i Sacramenti A seconda delle esigenze e delle richieste 3. Promuovere forme di cittadinanza attiva e costruire attorno agli anziani reti relazionali stabili che rispondano ai loro bisogni materiali e immateriali 2.6. Sostenere le persone che scelgono di prestare cura ad altri fornendo loro sostegno, informazione, cura 3.1. Promuovere attività culturali ed educative orientate allo sviluppo delle relazioni sociali e all impegno solidale Attività di informazione, sostegno, accompagnamento a coloro che intendono aiutare altre persone anziane della struttura Scegliere insieme e realizzare delle attività a favore delle persone che hanno bisogno (pesca missionaria, mercatino della solidarietà, adozione a distanza ) A partire dal secondo mese dell anno Incontri di informazione sulla vita economica, politica, religiosa del Paese, con discussione libera. Quasi tutti i giorni Collaborare con gli operatori nell affiancare gli anziani Collaborare nell animazione delle attività di solidarietà Collaborare ad animare la lettura di giornali, racconti, letture varie Aiutare nella comprensione di alcuni eventi Fornire elementi di lettura della vita economica, politica, culturale, 13

14 3.2. Animare e accompagnare esperienze di cittadinanza attiva Attività di confronto con i giovani su problematiche sociali e politiche Scrittura collettiva di messaggi da inoltrare a chi ha responsabilità politiche, economiche, culturali, religiose Da definire religiosa del territorio e del mondo Collaborare nell animazione degli incontri-confronto con i giovani su temi sociali e politici Animare e affiancare nell animazione della scrittura collettiva SEDE: CERIGNOLA - ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE - Opera Buonsanti, Via Savona, Cerignola (FG (30 destinatari) OBIETTIVI AZIONI ATTIVITA 1. Curare la qualità della vita delle persone anziane residenti presso il Centro di Soverato 1.1. Elaborare per ogni persona anziana un piano di intervento ad hoc in base all accertamento e all anamnesi (infermieristica e non) in entrata come situazione di partenza e continuamente monitorata 1.2. Coinvolgere le persone anziane in buona salute (o che sono in grado) nell organizzazion e e nella gestione della struttura, nelle attività di pulizia e ordine, nelle attività di segreteria 1.3. Aiutare le singole persone anziane e il gruppo a migliorare le presta- Elaborazione Piano Personalizzato per ogni persona anziana con il coinvolgimento delle persone interessate (nei limiti delle possibilità) Attività di segreteria per la tenuta dei documenti con il coinvolgimento anche di qualche persona anziana Elaborazione regolamento e progetto annuale con la partecipazione delle persone anziane Elaborazione organigramma e funzionigramma con presenza persone anziane. Coinvolgimento delle persone anziane (nei limiti del possibile) nel riordino quotidiano della struttura. Attività di segreteria con sportello di informazione su temi inerenti al mondo degli anziani (diritti, doveri, ecc ) Incontri settimanali o mensile per la cura dell igiene personale e il rispetto degli altri (a seconda dei casi) 5 incontri con esperti sull anzianità, le caratteristiche e le crisi dell età, sulla prevenzione del decadimento delle fasi succes- RUOLO VOLONTARI Aiutare nella preparazione e nella realizzazione degli incontri finalizzati all elaborazione del percorso personalizzato Collaborare nelle attività di archiviazione dei documenti, nella raccolta informazioni e nella compilazione delle schede Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Collaborare allo sportello informativo con il supporto / supervisione degli operatori addetti. Accompagnare le persone anziane nello spostamento per la richiesta di informazioni allo sportello. Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione del materiale, dei lo- 14

15 zioni quotidiane, coltivare un immagine positiva di sé, prevenire il decadimento della fase successiva (sia in rapporto all età che alle diverse manifestazioni di patologie) 1.4. Curare e assistere gli anziani non più autosufficienti, riconoscendo e valorizzando le situazioni di autonomia residua, allo scopo di ostacolare e rallentare gli inevitabile processi di perdita 1.5. Mantenere vive le abilità sensopercettive e linguistiche, le capacità creative, manuali e intellettuali degli anziani, attraverso opportune attività e iniziative 1.6. Coltivare un clima di fiducia, curare rapporti improntati a gioia, accoglienza, serenità, dialogo sive. (Percorso di training) Accompagnamento personalizzato attraverso educatori e psicologi Assistenza tutelare diurna Aiuto/accompagnamento nell incremento possibile delle autonomie personali, nel mantenimento delle capacità residue Attività motorie che aiutano la percezione del sé corporeo, facilitano l organizzazione spazio temporale, sollecitano le risorse del soggetto, facilitano l'integrazione degli aspetti motori e cognitivi in funzione del benessere della persona e a mantenere le funzionalità per le azioni quotidiane, curano attraverso il corpo alcuni aspetti della comunicazione e della socializzazione con gli altri anziani Una volta a settimana, a partire dal secondo mese,con sospensione nel mese di agosto Ginnastica individuale/fisioterapia Terapie prescritte Nei tempi indicati dal medico Realizzazione di attività quotidiane ricreative, di incontro e di conversazione (giochi da tavolo, l ora del tè ) Realizzazione di feste in occasione di compleanni ed avvenimenti, con il coinvolgimento del maggior numero di persone anziane nella progettazione e nell organizzazione. Training per la risoluzione dei conflitti Ogni volta lo si ritiene opportuno secondo un calendario da stabilire all inizio dell anno cali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri e/o il training Collaborare con gli operatori nell assistenza tutelare diurna. Affiancare gli operatori nell aiutare gli anziani nel tenere ordinata e decorosa la propria persona Accompagnare gli anziani negli spostamenti Supportare il responsabile delle attività motorie. Preparare e riporre le piccole attrezzature Scegliere le musiche da adottare durante l attività motoria quando è necessario Affiancare gli operatori e animatori, con la responsabilità diretta dell animazione di alcuni giochi e feste. Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri di training 15

16 1.7. Valorizzazione della memoria e dell ascolto Storie di vita attraverso il racconto di avvenimenti e le foto Ogni 15 gg Colloqui individuali Mensilmente o ogni 15 giorni, a seconda delle necessità Affiancare e collaborare con il personale che deve gestire gli incontri Fornire elementi rilevati nell osservazione e utili per chi deve condurre i colloqui Aiutare nella trascrizione delle schede, fornendo anche gli elementi di osservazione rilevati Raccogliere alcune informazioni, offrirle agli operatori responsabili del colloquio elementi utili per la compilazione del diario agenda e nella trascrizione delle storie di vita 1.8. Contatto con il mondo esterno, con il territorio, con i familiari e gli amici Laboratori di lettura e di narrazione di racconti 2 ore settimanali Giochi cognitivi (giochi di parole, giochi del memory, gioco carte, ecc ) 2 ore settimanali Incontri periodici con i familiari Feste occasionali (almeno una in un anno) con parenti e amici Predisporre libri per la lettura. Animare i racconti guidati Collaborare al reperimento e alla scelta dei vari giochi finalizzati all obiettivo Aiutare a creare i gruppi per i vari giochi, insieme agli animatori organizzare i tornei Accompagnare e supportare gli anziani nei laboratori e nei giochi, animare alcuni giochi Animare le feste con i familiari e gli amici, predisponendo anche ambienti e materiali 2. Ridurre l emarginazione cultu Attività di comunicazione, animazione e di socializ- Uscite con trasporto e senza trasporto (passeggiate) Laboratori artistico-pittorici e musicali/canto; cineforum, attività di lettura singola o di gruppo, Accompagnare gli anziani negli spostamenti Incoraggiare gli anziani a scegliere l abbigliamento adatto alle varie circostanze Affiancare gli operatori, aiutare soprattutto nella preparazione 16

17 rale e la solitudine delle persone anziane residenti presso il Centro zazione con valorizzazione degli interessi e delle competenze di ogni persona giochi di società e da tavola, attività culinarie, pittura, chiacchierino, maglia, uncinetto, riparazioni, riciclo di materiale Due ore a settimana del materiale, dei locali, delle attrezzature prima di ogni attività Sistemare il materiale e gli ambienti utilizzati dopo le attività Affiancare e collaborare il personale che deve gestire i laboratori, in alcuni casi animarli Accompagnare gli anziani negli spostamenti 2.2. Utilizzo delle nuove tecnologie per accedere ai servizi messi a disposizione della comunità 2.3. Attività di segreteria, archiviazione, biblioteca, aspetti burocratici 2.4. Promuovere stili di vita e attività educative e cultural che favoriscono lo scambio inter e intra-generazionale Giochi di socializzazione Laboratorio di informatica Due ore a settimana Spiegazione di internet Conservazione dei documenti, delle schede, nonché la raccolta di informazioni, di articoli, di libri, di materiale attinente all anzianità. 3 volte a settimana per tre ore ogni giorno Incontri con altri anziani con possibilità di confronto su temi culturali Almeno tre volte all anno Incontri con bambini, ragazzi e giovani per vivere dei laboratori insieme Giochi insieme, racconti, attività di animazione Collaborare nell animare i giochi Accompagnare e supportare gli anziani durante le lezioni di informatica, lì dove è possibile fornire agli anziani le spiegazioni su internet Aiutare nelle attività di archiviazione dei documenti, nella raccolta informazioni. Aiutare nella valutazione economica delle varie attività Aiutare nelle azioni di monitoraggio delle attività, nella diffusione dei risultati. Aiutare nel disbrigo delle pratiche burocratiche. Preparare volantini, brochure, comunicati ecc per la promozione delle varie attività e dei vari laboratori. Curare la cartellonistica per i vari eventi Aiuto nella biblioteca Collaborare nell animare incontri con altri anziani Aiutare nelle attività di incontro con le altre generazioni, animare giochi e attività 17

18 Da programmare Scambio di doni a Natale e in alcune feste Da programmare Aiutare negli incontri di laboratorio con bambini, ragazzi e giovani 2.5. Animare attività religiose su misura del gruppo di persone anziane Incontri formativi per il personale addetto alla struttura, alcuni di questi incontri anche in presenza delle persone anziane del centro Ogni mese Attività di riflessione e di preghiera Proposta quotidiana Organizzazione di momenti celebrativi e di festa In occasione di ricorrenze religiose Partecipare agli incontri di formazione del personale Aiutare negli spostamenti e nelle celebrazioni Cura spirituale attraverso i Sacramenti A seconda delle esigenze e delle richieste 3. Promuovere forme di cittadinanza attiva e costruire attorno agli anziani reti relazionali stabili che rispondano ai loro bisogni materiali e immateriali 2.6. Sostenere le persone che scelgono di prestare cura ad altri fornendo loro sostegno, informazione, cura 3.1. Promuovere attività culturali ed educative orientate allo sviluppo delle relazioni sociali e all impegno solidale 3.2. Animare e accompagnare esperienze di cittadinanza attiva Attività di informazione, sostegno, accompagnamento a coloro che intendono aiutare altre persone anziane della struttura Scegliere insieme e realizzare delle attività a favore delle persone che hanno bisogno (pesca missionaria, mercatino della solidarietà, adozione a distanza) A partire dal secondo mese dell anno Incontri di informazione sulla vita economica, politica, religiosa del Paese, con discussione libera. Quasi tutti i giorni Attività di confronto con i giovani su problematiche sociali e politiche. Scrittura collettiva di messaggi da inoltrare a chi ha responsabilità politiche, economiche, culturali, religiose Da definire Affiancare gli operatori nel sostenere gli anziani Animare e aiutare nell animazione delle attività di solidarietà Animare la lettura di giornali, racconti, letture varie Aiutare nella comprensione di alcuni eventi Fornire elementi di lettura della vita economica, politica, culturale, religiosa del territorio e del mondo Animare e aiutare nell animazione negli incontri-confronto con i giovani su temi sociali e politici Animare e affiancare nell animazione della scrittura collettiva 18

19 Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 7 Numero posti senza vitto e alloggio: 7 Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: Giorni di servizio a settimana dei volontari (minimo 5, massimo 6) : 30 6 Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Per garantire la buona riuscita del progetto ai volontari in servizio civile sono richieste: Disponibilità alla formazione Disponibilità per accompagnare gli anziani nelle passeggiate; flessibilità oraria, fatto salvo il monte ore settimanale e mensile; flessibilità nei compiti; possibilità di impegno nei giorni festivi per eventuali feste; disponibilità a partecipare ad iniziative promosse dalle SAP e strettamente connesse al progetto approvato osservanza delle norme in materia di sicurezza e di ambiente di lavoro; rispetto del segreto d'ufficio nei casi e nei modi previsti dalle norme vigenti riserbo sui dati sensibili trattati nel corso delle diverse attività (come per esempio, dati anagrafici e diagnostica medica degli anziani, monitoraggio e valutazione del progetto rispetto del regolamento interno alle SAP partecipazione alle attività di formazione generale e di formazione specifica. 19

20 Sede/i di attuazione del progetto, N. Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo Cod. ident. sede N. vol. per sede 1 Istituto Maria Ausiliatrice Soverato (CZ) Via S. Giovanni Bosco, Istituto Maria Ausiliatrice Opera Buonsanti Cerignola (FG) Via Savona,

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 SCHEDA PROGETTO SEDE OPERATIVA ROMA (RM) CENTRO DON ORIONE MONTE MARIO CODICE SEDE 98090 SETTORE ASSISTENZA 06 DISABILI [ TITOLO PROGETTO Riabitare il mondo Ente

Dettagli

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI CARATTERISTICHE PROGETTO ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE Codice di accreditamento: NZ 01704 Albo e classe di iscrizione: Albo nazionale 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI CORATO 2) Codice di accreditamento: NZ01262 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Io ci sono conta su di me!!

Io ci sono conta su di me!! SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto:

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale Informazioni aggiuntive per i cittadini: Sede centrale: Indirizzo:

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Soc. Coop. Istituto Ulisse per lo sviluppo della cultura al lavoro ISVIL 2) Codice

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

A.S.P IL GIRASOLE Progetto EDUCATIVO dell anziano annuale Anno 2013

A.S.P IL GIRASOLE Progetto EDUCATIVO dell anziano annuale Anno 2013 A.S.P IL GIRASOLE Progetto EDUCATIVO dell anziano annuale Anno 2013 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO Il servizio di animazione dell Asp Il Girasole è composto da due operatori part-time alle dipendenze della

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli