Bachelor of Science in Ingegneria informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bachelor of Science in Ingegneria informatica"

Transcript

1 Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011

2 Bovino Luca Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Applicazioni di stream processing distribuite Relatore: Tiziano Leidi 1. Process 2. Architetture 3. SchemeRE Didascalia immagine 1 Creazione degli oggetti remoti (1) stampa a schermo dei risultati (2) distruzione degli oggetti remoti Didascalia immagine 2 Architettura sequenziale (1) e ad eventi (2) Didascalia immagine 3 Schematizzazione del funzionamento degli oggetti remoti

3 Motivazioni personali Abstract Insieme all'evoluzione delle macchine sono aumentate anche le aspettative che l'uomo nutre da esse e per stare al passo con i tempi c'è sempre più bisogno di potenza di calcolo. In molti casi questo equivale ad un incremento del numero delle macchine necessarie, con il conseguente aumento di spazio ed energia. I sistemi di calcolo distribuito permettono di ovviare a questo, utilizzando la potenza di calcolo di macchine remote come se fossero delle normali macchine locali. Mi sono dovuto occupare di uno studio di fattibilità sull'implementazione del sistema POP-C++ nelle applicazioni esistenti, questo significa studiare il funzionamento di un sistema già presente, le funzionalità di una nuova tecnologia ed applicare quest'ultime per suddividere il carico di lavoro tra le macchine. L'idea alla base del progetto prevede che delle macchine remote si occupino di effettuare le parti più laboriose, così da semplificare ed attenuare il lavoro svolto dalle macchine locali. Si desidera inoltre che sia il sistema di POP-C++ a gestire lo smistamento del carico di lavoro su ognuna di esse. Obiettivi Sperimentare la tecnologia POP-C++ per l'esecuzione distribuita di algoritmi Applicare le conoscenze sulla realizzazione d'interfacce grafiche e sulla realizzazione di applicazioni Apprendere e utilizzare due differenti strumenti per la realizzazione d'interfacce grafiche. Acquisire conoscenze di base sugli strumenti e sui linguaggi di programmazione Descrizione Nell'ambito di una collaborazione con l'haute Ecole Spécialisée de Suisse Occidentale, è in corso uno studio di fattibilità sulla possibilità di integrare il framework POP-C++in un ambiente di sviluppo per applicazioni di stream processing. POP-C++ è composto da un'estensione al linguaggio C++ e da un run-time che permettono l'esecuzione distribuita di applicazioni. Con l'obiettivo di identificare una strategia adatta all'integrazione in analisi, è necessaria la realizzazione di un applicazione che permetta collaudi preliminari sull'infrastruttura. L'applicazione comprenderà un'interfaccia grafica per pilotare, in tempo reale e in maniera trasparente, l'esecuzione di algoritmi distribuiti. Conclusioni Questo progetto è riuscito a suscitare da subito un interesse particolare, scaturito dalla sfida che esso rappresentava per me. Riuscire a portare a termine un lavoro di una certa complessità trattante un argomento mai affrontato (il calcolo distribuito) era un traguardo che sembrava quasi irraggiungibile, ma una volta appresa la logica che sta dietro al programma di partenza ed aver acquisito un po' di pratica con gli strumenti da utilizzare, i passi successivi sono stati intrapresi con sicurezza. È stato gratificante veder funzionare un applicativo che sfrutta le funzionalità implementate partendo da zero. L'impegno di certo non è mancato ed è stato importante mantenere alta la motivazione dal primo all'ultimo giorno, permettendo di dare il massimo in ogni fase del progetto. Nonostante le difficoltà ed i problemi riscontrati sono comunque soddisfatto del lavoro svolto, in quanto gli obiettivi sono stati raggiunti ed il programma può essere utilizzato con le funzionalità richieste.

4 Contini Ilaria Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Modulo di statistica e rappresentazione grafica di dati di biologia cellulare Relatore: Giulietti Raffaello 1. Statistiche 2. Grafici 3.Schema Didascalia immagine 1 Rrappresentazione di uno dei valori calcolati Didascalia immagine 2 Visualizzazione grafici richiesti Didascalia immagine 3 Schema della modularizzazione del progetto OMEGA

5 Motivazioni personali Abstract Il progetto consiste nello sviluppare e realizzare un modulo di statistica e rappresentazione grafica di dati, in biologia cellulare, che verrà in seguito integrato nel progetto OMEGA. Il lavoro è suddiviso in due parti: Una di statistica e calcoli matematici L altra di sviluppo e visualizzazione dei grafici con i dati ottenuti dalle statistiche L utente finale non potrà accedere e modificare i calcoli statistici ma potrà interagire solo con i grafici. Obiettivi Progettare e realizzare un modulo di elaborazione e rappresentazione grafica di dati statistici standard usati in biologia cellulare da integrare in un'applicazione già esistente. Descrizione L'obiettivo del progetto OMEGA è di mettere a disposizione di biologi cellulari uno strumento efficace e di utilizzo intuitivo per l'analisi delle traiettorie di particelle virali in una cellula. L'applicazione è scritta in parte in Java e in parte in C/C++. Essa è suddivisa in vari moduli. Uno si occupa, p.es., di rilevare le particelle e di seguirne le traiettorie su un arco temporale, sfruttando la capacità di calcolo delle GPGPU. Un secondo modulo ha il compito di suddividere le traiettorie in fasi caratterizzate da tipi di moto, quali movimenti quasi rettilinei, moti circoscritti, ecc., dopo una fase di apprendimento. Il sistema prevede anche un modulo di elaborazione di dati statistici e la loro rappresentazione grafica, compatibile con l'applicazione già esistente. Il modulo dovrà essere parametrizzabile sia nella sua componente statistica che in quella grafica. P.es., lo stesso grafico deve poter essere visualizzato, su richiesta dell'utente, in varie forme, dimensioni, colori, ecc. Conclusioni Il progetto si può ritenere concluso, anche se un grafico non presenta i valori come ci si aspettava. I grafici e i valori statistici richiesti sono tutti presenti e i valori delle formule matematico/statistiche danno i risultati immaginati durante la fase di concezione. Questo progetto ha permesso la scoperta e l utilizzo di una nuova libreria di Java non conosciuta.

6 Foujo Jioda Emmanuel Hubert Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Bluetooth Assitive Helper Relatore: Ricardo Monleone 1. Menu applicazione 2.Schema Blocco 3. Collegamenti Didascalia immagine 1 Questa figura rappresenta la vista del menu dell applicazione Didascalia immagine 2 Quest immagine rappresenta lo schema blocco dell applicazione, permette di spiegare il funzionamento Didascalia immagine 3 Questa figura mostra i dispositivi hardware dell applicazione e i diversi collegamenti reali

7 Motivazioni personali Abstract Il laboratorio TTHF dell ISEA per essere sempre al passo con gli sviluppi tecnologici e particolarmente nel ramo delle tecnologie wireless low power, dove si sta aprendo un campo per nuove applicazioni a delle tecnologie assistive per persone anziane e disabili, è molto attivo in vari progetti di ricerca visto gli interessi fortemente crescenti in questo campo. L idea è stata resa possibile grazie allo sviluppo di un progetto per iphone, considerando le sue molteplici funzioni e la sua diffusione sia in ambito commerciale che privato. Obiettivi Studio della letteratura sui vari protocolli di trasmissione low power nella banda ISM:Bluetooth, Zigbee e WiFi. Studio del principio di funzionamento del sistema di trasmissione Bluetooth. Analisi e messa in servizio di un evaluation kit Bluetooth. Sviluppo di una scheda di supporto su cui innestare l evaluation kit. Messa in servizio e apprendimento dell ambiente di sviluppo software SDK IOS Sviluppo di una funzione per lo scambio di dati via Bluetooth. Descrizione I recenti sviluppi delle tecnologie Wireless low power stanno aprendo il campo per le nuove applicazioni nell ambito delle tecnologie assistive alle persone disabili e anziane. Il laboratorio TTHF è già attivo in vari progetti di ricerca nel campo assistivo e sta costatando un interesse fortemente crescente in questo settore. In quest ambito, la tecnologia Bluetooth ha per vari motivi (basso consumo, affidabilità, ampia diffusione) le caratteristiche ideali su cui basare periferiche wireless ad uso personale. D altra parte moderni smartphone grazie alle loro funzionalità, flessibilità e diffusione rappresentano il terminale ideale su cui convogliare i servizi resi disponibili da queste periferie. Lo scopo del presente progetto è di esplorare vantaggi e limite dell integrazione di queste tecnologie per il loro utilizzo in futuro progetti del nostro laboratorio TTHF. Conclusioni Test positivi per la parte software Buona stabilita dell applicazione Possibilità d estensione delle funzionalità Lo sviluppo e la realizzazione del progetto non è solo stato in grado di suscitare particolare interesse in me per i fini umanitari, ma anche nell ambito tecnico dove mi ha permesso di acquisire e mettere in pratica nuove conoscenze.

8 Gropetti Ivan Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Game Gadget Content per Editor Relatore: Alessandro Trivilini 1. Comunicazione 2. Web-server 3. Requisiti-funzionalità Didascalia immagine 1 Configurazione della tecnica di divulgazione dei contenuti Didascalia immagine 2 Overview comunicazione web-server Didascalia immagine 3 Requisiti e funzionalità

9 Motivazioni personali Abstract Questo progetto prevede lo sviluppo di una struttura dati da usare per la divulgazione di contenuti editoriali/pubblicitari attraverso un applicazione per smartphone con sistema ios. In particolare, si tratta di definire una struttura dati in grado di supportare le tecniche per la divulgazione dei dati all'interno del gioco. Le tecniche comprendono meccanismi e strategie fortemente relazionate al tipo di evento/prodotto che si desidera far conoscere attraverso il mini gioco. Si ha inoltre a disposizione una parte server sottoforma di applicazione web per la gestione dei contenuti editoriali da parte dell'amministratore. Per accedere a questa parte sono necessari dei dati di login. Descrizione Consultando il sito web l amministratore ha la possibilità di iniziare una nuova configurazione dei contenuti del gioco. Per prima cosa dovrà impostare uno scenario scegliendo tra quelli predefiniti oppure crearne uno nuovo. Nel caso in cui viene scelta la seconda opzione, si potrà caricare la mappa desiderata. Una volta impostato l aspetto visivo si passa alla scelta di una tecnica per la divulgazione dei contenuti. In seguito, verrà introdotto il messaggio vero e proprio che sarà visualizzato all interno del gioco. Nel database appositamente creato verranno caricate le informazioni inerenti le scelte e le configurazioni fatte. Obiettivi Progettare un'architettura in grado di ospitare contenuti editoriali dinamici, e attraverso tecniche di comunicazione configurabili catturare l'attenzione del maggior numero di utenti Definire delle modalità di erogazione dei contenuti che possano raggiungere il maggior numero di utenti durante il gioco (fasce di età, appartenenza gruppi sociali) Conclusioni Il sito internet permette la configurazione dei contenuti editoriali/ pubblicitari che devono essere inseriti nel gioco. Le configurazioni riguardano l aspetto visivo, le modalità con le quali verranno trasmesse le informazioni e i relativi contenuti. A questo scopo, è stata progettata una struttura dati utile al raggiungimento degli obiettivi del progetto.

10 Guidi Catia Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Trasporti Scolastici - Comune Capriasca Relatore: Carlo Lepori 1. Sala Capriasca 2. Mappa 3. Tratta Didascalia immagine 1 Comune di Capriasca Didascalia immagine 2 Schermata di visualizzazione percorsi Didascalia immagine 3 Tratta, con cambio di mezzi, effettuata da parte degli scolari di Gola di lago in direzione di Vaglio

11 Motivazioni personali Abstract Il Comune di Capriasca è composto da svariate frazioni dalle quali provengono dei bambini ai quali occorre fornire un adeguata educazione, per far ciò occorre trasportarli nelle sedi scolastiche. Grazie ad un ottimizzatore è stata trovata la soluzione migliore per l utilizzo dei mezzi a disposizione, occorre però rappresentare tale soluzione. Il programma fornisce una visione chiara del risultato fornito dall ottimizzatore. Obiettivi - Comprendere il funzionamento del programma di ottimizzazione. (Dal momento che non mi sono occupata personalmente del problema dell ottimizzazione questo punto non è di mia competenza) - Valutare diverse possibilità di visualizzazione dei risultati - Prevedere la possibilità di porre nuove richieste all'ottimizzare partendo dall'interfaccia. Descrizione L'Istituto Scolastico (IS) del Comune di Capriasca ha la necessità di organizzare il trasporto dei bambini delle Scuole Elementari (SE) e dell'infanzia (SI) (l istituto dell infanzia è poi stato tolto dall analisi e quindi dalla visualizzazione) dai propri villaggi di residenza alle scuole, e viceversa. La complessità del problema risiede nel fatto che ci sono diverse sedi scolastiche sparse sul territorio, e le lezioni devono cominciare simultaneamente in tutte le sedi. Questo impone vincoli molto stretti sugli orari dei bus utilizzati per il trasporto, con l'evidente vincolo aggiunto che i bambini non possono spendere troppo tempo sui mezzi. È stato sviluppato un modello di ottimizzazione che esprime il problema in termini di programmazione matematica, e che permette di valutare la qualità delle soluzioni possibili in diversi scenari alternativi Conclusioni Il risultato è piacevole da vedere e contiene le informazioni richieste. L idea di unire delle tabelle con una visualizzazione grafica è risultato essere un buon connubio. I requisiti sono stati portati a termine entro la conclusione del progetto Al momento vengono gestite solamente le scuole elementari, in un secondo momento si potrebbe estendere l applicativo anche alle sedi delle scuole dell infanzia. Potrebbe essere inoltre interessante creare una pagina web che può esser consultata da parte dei genitore nella quale si visualizzano i percorsi che ogni bimbo effettua

12 Kanizaj Emanuele Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Nuovo ambiente grafico di simulazione per il software Mecanic Relatore: Giovanni Taddei 1. Modello 2. Modello 3. Simulazione Didascalia immagine 1 Rappresentazione solida di un modello. Didascalia immagine 2 Rappresentazione filare di un modello. Didascalia immagine 3 Simulazione dinamica di una lavorazione ad elettroerosione a filo.

13 Motivazioni personali Abstract La Mecasoft S.A. si occupa dello sviluppo di Mecanic, un software CAM per l erosione a filo, la fresatura e la rettifica. Il software Mecanic ha componenti logiche per la creazione di geometrie, lavorazioni e codici per le macchine a controllo numerico, ha anche una componente grafica per rappresentare il risultato della programmazione. La necessità venutasi a creare è quella di sostituire l'attuale framework grafico con uno che dia la possibilità di realizzare simulazioni interattive in base a delle nuove esigenze. Obiettivi Fornire una soluzione alternativa e migliore di quella attuale per la rappresentazione grafica delle simulazioni. La nuova soluzione dovrà mantenere le potenzialità grafiche esistenti ma anche sopperire alle mancanze attuali. Lo scopo del progetto non è quello di sostituire l attuale simulazione grafica, ma è quello di creare una base solida per poterlo fare. Descrizione La prima fase del progetto consiste nel confrontare le API grafiche che permettono la creazione di scene 3D, in particolare DirectX e OpenGL, valutandone le potenzialità e i vincoli. La seconda fase del progetto, definita la tecnologia da utilizzare, consiste nel realizzare un prototipo che rappresenta un modello di lavorazione meccanica nei seguenti modi: rappresentazione solida rappresentazione filare con la possibilità di misurare gli elementi della grafica una simulazione dinamica dell utensile attorno al pezzo in lavorazione la possibilità di introdurre delle sezioni di controllo Conclusioni Vi sono ancora alcuni punti aperti da valutare e risolvere, che per motivi di tempo non sono riuscito a portare a termine, ma nel complesso il progetto è stato realizzato con successo ed i risultati presentati alla Mecasoft S.A. sono stati valutati molto positivamente. Il prototipo realizzato con Windows Presentation Foundation 3D sarà la base per la creazione della nuova rappresentazione grafica di simulazione del software Mecanic.

14 Nicola Marco Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Linux Embedded Relatore: Paolo Ceppi 1. GeaM Scheda TestGea 3. GeaM6425 Didascalia immagine 1 Scheda su cui si è sviluppato e su cui era eseguito il Linux Embedded Didascalia immagine 2 Scheda realizzata per eseguire i test software Didascalia immagine 3 Scheda su cui si è sviluppato e su cui era eseguito il Linux Embedded

15 Motivazioni personali Abstract La sempre più veloce produzione di nuove versioni delle applicazioni software e hardware, spingono sempre più all utilizzo di prodotti già pronti e con un supporto e sviluppate per diversi campi, piuttosto che a soluzioni create appositamente per la specifica applicazione. La seconda metodologia di sviluppo potrebbe garantire un efficienza maggiore ma con un costo maggiore dovuto a un più lungo tempo di realizzazione. Ecco perché oggi si tende sempre più a sviluppare su piattaforme standard da personalizzare velocemente durante lo sviluppo. Questo progetto vuole prendere uno di questi prodotti che sono sul mercato e analizzare le possibilità e i veri vantaggi che offrono. Per cercare eventuali vantaggi e svantaggi si è utilizzata la scheda Gea M6425 realizzata dalle ditte Engicam ed Evelin che mette a disposizione diverse periferiche usate nello sviluppo di applicazioni embedded, tutte gestite tramite sistema operativo Linux embedded. Dei piccoli programmi di test sono stati realizzati per analizzare i vari dispositivi messi a disposizione e capire il loro funzionamento e i vantaggi e svantaggi. Obiettivi Analizzare i dispositivi Comprendere il loro funzionamento Comprendere vantaggi e svantaggi di un S.O. Scrivere dei programmi di esempio Descrizione Compito di questo progetto è stato di analizzare i singoli dispositivi quali I2C, seriali, SPI, general purpose input output (GPIO), offerti dalla Gea M6425, e trovare i vantaggi e svantaggi della gestione di essi tramite un sistema operativo e i possibili campi di utilizzo (scolastico, industriale, spaziale, domotica ). È stata usata la scheda Gea M6425 con una scheda di espansione, disegnata con l aiuto del relatore e realizzata nel laboratorio SUPSI, con inseriti componenti che utilizzano i vari protocolli per il test tramite applicativi dimostrativi. Una volta valutati i singoli componenti si è realizzata un applicazione grafica che utilizzi tutti i dispositivi analizzati in precedenza e che sia da esempio per eventuali altri progetti futuri su questo prodotto. Conclusioni Il lavoro svolto ha permesso di concludere che tale prodotto può essere utilizzato in vari ambiti come: domotica, industriale, scolastico e con delle modifiche e conoscenze più ampie sul kernel, essa si può utilizzare anche in applicazione di sicurezza.

16 Nzeutem Appolinaire Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 XML<> DB relazionale messaggistica operativa per controllo dei processi di movimentazione delle merce Relatore: Giambattista Ravano 1. Report 2. Dispositivi 3. Use case diagram Didascalia immagine 1 Ecco un esempio di report generator che possa permettere ad un utente esperto di manipolare i dati organizzati sul database per ottenere ed analizzare a proprio piacimento diverse informazioni. Didascalia immagine 2 La figura seguente fornisce un esempio di un terminale e vari dispositivi che vengono utilizzati per passare informazioni per le transazioni che saranno effettuate attraverso XMLRDT. Didascalia immagine 3 Questo Use Case diagram ha come scopo di rappresentare una serie di casi di uso e di attori del prodotto, per il fatto che servono a dettagliare le funzionalità del sistema per mezzo di elementi grafici ellittici, anche perché con esso si ottengono una chiara definizione dei requisiti del sistema e soprattutto per evitare così di ottenere una difficoltosa e poco chiara inter

17 Motivazioni personali Abstract La movimentazione dei container da parte di un moderno terminal portuale è diventata oggigiorno una complessa attività di pianificazione e controllo del processo, sia per i livelli di servizio richiesti dai clienti ed i costi generati per lo svolgimento di tali attività. La gestione informatica delle aspetti operativi viene affidata a sistemi complessi spesso prodotti da software house specializzate. Il prodotto attualmente più diffuso è SPARCS della NAVIS Cargotec corporation. Il software SPARCS dialoga con sistemi di gestione documentale e back office tramite interfaccia TCP/IP e con il computer di bordo dei mezzi tramite messaggi XML. Questi dati sono fondamentali per la comprensione e l analisi dei processi operativi e siccome SPARCS non ha un database ma lavora in memoria su file, tutto quello che succede viene scritto sui files logs. Di conseguenza questo progetto ha come obbiettivi di comprendere la struttura di tali messaggi di comunicazione ed i loro contenuti, progettare e realizzare un database che li contenga, progettare e realizzare i collegamenti tra i messaggi e il database e realizzare un report generator che permetta la manipolazione dei dati da parte di un utente esperto. Obiettivi Dentro la cartella dei logs files analizzare solo quelli con il nome che inizia con CHN2 Interpretare e capire la struttura dei messaggi XMLRDT Creare una struttura generale per questi messaggi Fare un buon parsing del contenuto di questi files in modo che tutti i dati siano nel database Fare un database relazionale che contenga questi dati Realizzare un report generator per poter garantire flessibilità e personalizzazione dei report. Descrizione La gestione di un terminal marittimo container è un processo complesso che riguarda, tra l altro, la gestione degli aspetti operativi, la gestione della documentazione e la gestione del personale. Queste attività sono spesso supportate e gestite attraverso l utilizzo di sistemi informativi. Le fasi operative riguardano la pianificazione degli accosti delle navi alla banchina, del piazzale di stoccaggio, la generazione/gestione delle sequenze di carico e scarico delle navi, la pianificazione e la gestione del carico e scarico da treni e dei camion in entrata ed uscita. Una volta allocate di conseguenza le risorse si passa all esecuzione effettiva delle operazioni pianificate ed in tempo reale, quindi, i sistemi informativi si devono occupare di supportare la ri-pianificazione delle sequenze e delle allocazioni dei container in ingresso in base alle condizioni contingenti, di controllare i processi di movimentazione, di carico e scarico e di gestire il routing e il dispatching dei mezzi sullo yard. Infatti i mezzi e gli uomini sul piazzale sono tutti dotati di computer di bordo collegati wifi alla rete LAN del terminal. Il software SPARCS dialoga con sistemi di gestione documentale e back office tramite interfaccia TCP/IP e con i computer di bordo dei mezzi tramite messaggi XML. Questi dati sono fondamentali per la comprensione e l analisi dei processi operativi e poiché SPARCS non ha un database ma lavora in m Conclusioni Il primo requisito era quello di comprendere i messaggi di comunicazione della NAVIS SPACKS (XMLRDT), il secondo di progettare e realizzare un database che contenga questi messaggi e realizzare il collegamento tra i messaggi e il database. Il passo successivo era quello di realizzare un report generator che permetta la manipolazione dei dati da parte di un utente esperto. Ritengo che gli obbiettivi e i compiti posti inizialmente sono stati raggiunti con un buon grado di successo.

18 Pozzoni Alessandra Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Game Gadget Logic per Editor Relatore: Alessandro Trivilini 1. Struttura gioco 2. Architettura 3. Gioco Didascalia immagine 1 Struttura scena principale del gioco Didascalia immagine 2 Architettura interna di unity3d Didascalia immagine 3 Estratto del gioco

19 Motivazioni personali Abstract Il progetto mira a realizzare una struttura innovativa da usare per la divulgazione di contenuti editoriali o pubblicitari attraverso un mini gioco. In particolare l applicazione elargirà dei contenuti affinché gli utenti, giocando, possano entrare in possesso di informazioni utili riguardanti eventi particolari. Gli aspetti innnovativi riguardano l utilizzo dei nuovi dispositivi per la comunicazione di massa oggi in commercio, e le tecniche impiegate per la divulgazione di contenuti o notizie editoriali, commerciali o pubblicitari. Lo scopo di tale applicazione è quello di indurre l utente a giocare, conquistandosi di volta in volta il messaggio promozionale. Obiettivi Studio e analisi approfondita del tool scelto per la realizzazione del prototipo (unity3d). Realizzare un prototipo del gioco capace di erogare contenuti editoriali/pubblicitari attraverso missioni configurabili (schemi, tecniche). Definire delle modalità di interazione utente-gioco che risultino innovative. Descrizione Durante l uso dell applicazione l utente viene accompagnato da una prima schermata di benvenuto all interno della quale vengono visualizzate le informazioni generali del gioco. In seguito, viene caricato il gioco che emula il classico memory. Il giocatore, premendo sulle rispettive carte da gioco poste sullo schermo, scopre il disegno ad esse associate. Man mano che l utente riesce a trovare la combinazione corretta delle carte totalizza dei punti grazie ai quali verrà svelata una parola appartenente al messaggio editoriale che si vuole divulgare. Il messaggio rimarrà leggibile per tutta la durata del gioco. Ogni volta che l utente scopre le carte correttamente attiva un animazione grafica con lo scopo di catturare l attenzione dell utente sul messaggio che si intende erogare. Conclusioni L applicazione realizzata permette la divulgazione di contenuti editoriali o pubblicitari attraverso il mini gioco realizzato: il memory. Uno degli aspetti innovativi riguarda principalmente la definizione e l impiego di tecniche per la divulgazione di contenuti editoriali associati a diversi contesti (sport, intrattenimento, cultura, meteo, viabilità e cronaca).

20 Thelen Benedikt Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Studio del Bus di campo EtherCAT e sviluppare un sistema di test dimostrativo Relatore: Roberto Bucher 1. Blocchi simulink Use case diagram Didascalia immagine 1 Blocchi simulink creati. Didascalia immagine 2 Didascalia immagine 3

21 Motivazioni personali Abstract L utilizzo combinato dell informatica e della tecnologia dei bus di campo permette una vasta gamma di controlli su macchinari di ogni genere. Molti bus di campo usano microcontrollori come hardware di calcolo. Ethercat introduce un bus di campo con caratteristiche deterministiche che sfrutta l hardware convenzionale della tecnologia Ethernet e del Personal Computer. Ethercat è un bus dotato di grande larghezza di banda con un costo hardware e sviluppo software relativamente basso. Durante questo progetto si è svolto un lavoro di ricerca su di esso con l obiettivo di gettare le basi dalle quali altre persone potranno partire in futuro. Obiettivi Familiarizzare con la tecnologia Ethercat Studiare il prodotto TwinCAT fornito da Beckhoff Preparare un PC Linux con le tecnologie di EtherLab (reperibili sul WEB) e metterlo in funzione Studiare il software libero Etherlab fornito da IgH Mettere in funzione i due sistemi Elaborare la documentazione per l utilizzo dei due sistemi Descrizione Gli impianti industriali moderni diventano sempre più sofisticati e capaci di alti gradi di automazione. Insieme all evoluzione dei componenti meccatronici, anche l industria del personal computer si è sviluppata in modo significativo. Unire le capacità di calcolo del PC con componenti meccatronici intelligenti porta a soluzioni efficienti a costi più bassi. Un passo importante in questa direzione sono i bus di campo che permettono la comunicazione tra componenti ed l IPC, riducendo la quantità dei cablaggi e delle macchine di calcolo necessarie. Il bus di campo Ethercat usa una componente esistente del PC, ovvero l hardware ed il protocollo Ethernet. Ethercat si introduce come protocollo in tempo reale sopra Ethernet. Conclusioni In molti campi vi sono dei pionieri della materia che vanno avanti a studiare soluzioni proprietarie ed altri gruppi che scelgono un approccio in comune. Nel nostro caso Beckhoff mette a disposizione un sistema certificato e proprietario per l industria. Dall altra parte abbiamo IgH che sviluppa un software libero che permette anch esso un uso avanzato della tecnologia. Per operazioni rudimentali è consigliabile TwinCat, invece per operazioni più complesse vi è l alternativa IgH.

22 Urech Nicolas Bachelor of Science in Ingegneria informatica Tesi di Bachelor 2011 Brick Web of Data Relatore: Lorenzo Sommaruga 1. Research Client 2. Research Client 3. Client navigation Didascalia immagine 1 Visualizzazione di una risorsa specifica Didascalia immagine 2 Visualizzazione di una risorsa specifica Didascalia immagine 3 I dati visualizzati nel web client-side

23 Motivazioni personali Abstract Il progetto consiste nello sviluppare e realizzare un applicazione in grado di esporre e utilizzare pagine web come dati. Questo permette di valorizzare i propri dati collegandoli con altri domini che con- tengono numerose fonti d informazioni già esistenti e utilizzabili, come ad esempio il progetto Linked Open Data. L applicazione adopera dati pubblici SUPSI (corsi, persone, competenze, proget- ti,...) per pubblicarle nel web. Essi sono collegati fra loro e visualizzati in una pa- gina web per una loro navigazione oppure una loro ricerca. Obiettivi Acquisire competenze di sviluppo di applicazioni basate su tecnologie del semantic web. Sviluppare un dimostratore delle potenzialità di Linked Data. Portare a termine un progetto di sviluppo completo. Descrizione Il Lab. Sistemi Semantici e Multimediali (DTI-ISIN-LSMS) sta lavorando su un progetto di divulgazione delle tecnologie web semantico ed in particolare del "Web of Data". Questo progetto mira ad esporre e utilizzare pagine web come dati, valorizzandone i contenuti esistenti. Esistono già numerose fonti d informazione (Dataset)in diversi domini, come per esempio quelle del progetto Linked Open Data (LOD,http://linkeddata.org). Questo lavoro si focalizza su dati SUPSI (e.g. corsi, persone, competenze), ed in particolare dati relativi al laboratorio LSMS, che vengono pubblicati in web, collegati fra loro e visualizzati in pagine web per una loro navigazione. Conclusioni Il progetto è concluso ed è effettivamente possibile dimostrare le potenzialità del Linked Data. Infatti, l intero progetto potrebbe sembrare a prima vista un banale sito internet ma in realtà è un mondo, come lo rappresenta bene la figura 1, composto da infiniti collegamenti. Durante lo sviluppo di questo progetto ho imparato cosa è il web semantico e le sue tecnologie e ho anche avuto l occasione di approfondire le mie conoscen- ze con il framework jquery.

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT)

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Presentazione del corso: CCNA Discovery 1: Networking for Home and Small Businesses Opportunità Internet sta cambiando la vita come noi

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

Relazione finale di Didattica e laboratorio di Programmazione

Relazione finale di Didattica e laboratorio di Programmazione Relazione finale di Didattica e laboratorio di Programmazione Prof.ssa Vallì Carando Tirocinante Maria Grazia Maffucci Classe di concorso A042 aprile 2013 Progettazione Web Applicazioni client-server La

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

Progetto : PIAZZE DIGITALI Milano 20-02-2012

Progetto : PIAZZE DIGITALI Milano 20-02-2012 REGIONE LOMBARDIA Assessorato Digitalizzazione e Semplificazione Comunicare la Pubblica Amministrazione: strumenti per un dialogo trasparente con i cittadini e per la semplificazione della comunicazione

Dettagli

Configuratore di Prodotto Diapason

Configuratore di Prodotto Diapason Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei

Dettagli

In particolare ITCube garantisce:

In particolare ITCube garantisce: InfoTecna ITCube Il merchandising, ossia la gestione dello stato dei prodotti all interno dei punti vendita della grande distribuzione, è una delle componenti fondamentali del Trade Marketing e per sua

Dettagli

2EASY.MES MANUFACTORING EXECUTION SYSTEM. Raccoglie i dati sulla produzione e li trasforma in informazioni

2EASY.MES MANUFACTORING EXECUTION SYSTEM. Raccoglie i dati sulla produzione e li trasforma in informazioni 2EASY.MES MANUFACTORING EXECUTION SYSTEM Raccoglie i dati sulla produzione e li trasforma in informazioni 2EASY.MES PER GESTIRE L AZIENDA IN EVOLUZIONE I SISTEMI MES I sistemi MES raccolgono i dati sulla

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

magazine Per un negozio tutto nuovo L innovazione che aiuta il commercio a cambiare

magazine Per un negozio tutto nuovo L innovazione che aiuta il commercio a cambiare magazine Per un negozio tutto nuovo L innovazione che aiuta il commercio a cambiare Arriva MOito e il registratore di cassa diviene virtuale e mobile MOito è la nuova generazione di soluzioni per la gestione

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Il presente documento descrive gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese Titolo: Studio e sviluppo di applicazioni innovative basate su tecnologia di sensori indossabili Descrizione: Le body sensor networks (BSN) sono costituite da piccoli dispositivi che posti sul corpo umano

Dettagli

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che Prefazione In questo volume completiamo l esplorazione del linguaggio Java che abbiamo iniziato in Java Fondamenti di programmazione. I due testi fanno parte di un percorso didattico unitario, come testimoniano

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

Materia: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Programmazione dei moduli didattici

Materia: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

Nel 2012 il Moretto confluisce con l'itis Castelli nel nuovo Istituto di Istruzione Superiore Benedetto Castelli.

Nel 2012 il Moretto confluisce con l'itis Castelli nel nuovo Istituto di Istruzione Superiore Benedetto Castelli. Istituto di Istruzione Superiore "Benedetto Castelli" IPSIA MORETTO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013-2014 Diploma Statale Manutenzione e Assistenza Impiantistica Industriale e Civile Qualifica Regionale / Europea

Dettagli

Open Core Engineering Libertà ed efficienza nelle vostre mani

Open Core Engineering Libertà ed efficienza nelle vostre mani Open Core Engineering Libertà ed efficienza nelle vostre mani Nuove opportunità per affrontare le attuali sfide nella progettazione di software Cicli di vita dei prodotti sempre più brevi stanno alimentando

Dettagli

molte volte ci si distrae;

molte volte ci si distrae; FIRST LEGO LEAGUE ITALIA MILANO 6-7 marzo 2015 Squadra FLL4: LICEO ROSMINI RELAZIONE SCIENTIFICA TITOLO DEL PROGETTO: FLIP the SCHOOL ARGOMENTO STUDIATO L argomento che abbiamo deciso di affrontare si

Dettagli

RisPlan Pianificazione risorse

RisPlan Pianificazione risorse RISNOVA Pianificazione risorse RisPlan Pianificazione risorse Sistema modulare per la pianificazione delle risorse. RISNOVA In Muntagna 4 6528 Camorino www.risnova.com Tel. +41 91 252 00 55 info@risnova.com

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE

LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE Liceo Tecnologico - Quadro orario (Secondo lo schema del 4 maggio 2005) Primo biennio Discipline 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Anno Religione/ Attività Alternative

Dettagli

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI.

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS BROCHURE COSÌ TANTI DISPOSITIVI MOBILE. VOLETE SVILUPPARE UNA

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea AUTENTICAZIONE PER APPLICAZIONI WEB Relatore

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SUI COOKIES

INFORMAZIONI GENERALI SUI COOKIES Con riferimento al provvedimento Individuazione delle modalità semplificate per l informativa e l acquisizione del consenso per l uso dei cookie 8 maggio 2014 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2014/2015

catalogo corsi di formazione 2014/2015 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Logic Lab soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE un progetto italiano www.axelsw.it Logic Lab La garanzia e l economia degli standard più diffusi sul mercato LogicLab è un ambiente di sviluppo

Dettagli

PROGETTARE ACCESSIBILITÀ E SICUREZZA IN EDIFICI COMPLESSI. Soluzioni intelligenti KONE

PROGETTARE ACCESSIBILITÀ E SICUREZZA IN EDIFICI COMPLESSI. Soluzioni intelligenti KONE PROGETTARE ACCESSIBILITÀ E SICUREZZA IN EDIFICI COMPLESSI Soluzioni intelligenti KONE 1 Progettare il flusso di persone in edifici complessi Le soluzioni intelligenti KONE assicurano un flusso di persone

Dettagli

Nota Tecnica Premium HMI 4.0.1152 TN0022

Nota Tecnica Premium HMI 4.0.1152 TN0022 Premium HMI 4.0.1152 Introduzione Il documento raccoglie le note di rilascio per la versione 4.0.1152 di Premium HMI. Le principali novità introdotte riguardano i seguenti aspetti: Nuove funzioni per una

Dettagli

Universal Gateway for ALL

Universal Gateway for ALL Laboratorio: Costruiamolo insieme. Design for all, artigiani digitali e disabilità: esperienze di progettazione partecipata UGA Universal Gateway for ALL Usare piattaforme embeddedper accedere a dispositivi

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Progetto Azioni positive per l' imprenditoria femminile RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Stagista: Barbara Villarini

Dettagli

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali La progettazione di JScout è frutto della esperienza pluriennale di GLOBAL Informatica nell implementazione delle

Dettagli

Programmazione per la disciplina Informatica

Programmazione per la disciplina Informatica ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE TUROLDO ZOGNO Procedura Pianificazione, erogazione e controllo attività didattiche e formative Programmazione per la disciplina Informatica PROGRAMMAZIONE DI INFORMATICA PRIMO

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

Il Provvedimento del Garante

Il Provvedimento del Garante Il Provvedimento del Garante Il provvedimento del Garante per la Protezione dei dati personali relativo agli Amministratori di Sistema (AdS) Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Gli appunti sono disponibili per tutti gratis sul sito personale del Prof M. Simone al link: www.ascuoladi.135.it nella pagina web programmazione, sezione classi

Dettagli

Usabilità dei Siti Web

Usabilità dei Siti Web Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Usabilità dei Siti Web Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Usabilità La efficacia, efficienza e soddisfazione con cui

Dettagli

La piattaforma evolve e libera le vostre comunicazioni.

La piattaforma evolve e libera le vostre comunicazioni. VoIP Connect ora anche su Smartphone IPhone - IOS e Android Planetel Srl Via Boffalora, 4 24048 Treviolo (BG) http://www.planetel.it e-mail: info@planetel.it Ufficio Commerciale : Tel +39 035204070 - Servizio

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Code Architects S.r.l. SWOP Semantic Web-service Oriented Platform B2SO201

Code Architects S.r.l. SWOP Semantic Web-service Oriented Platform B2SO201 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Modello M14 Allegati RTA POR PUGLIA 2007-2013 - Asse I Linea 1.1 Azione 1.1.2

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 /MOS http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 Descrizione sintetica IC 3 è un Programma di Formazione e Certificazione Informatica di base e fornisce

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

Riconoscere le caratteristiche funzionali di un Nozioni fondamentali di un sistema operativo.

Riconoscere le caratteristiche funzionali di un Nozioni fondamentali di un sistema operativo. Anno scolastico 2013/2014 PRIMO BIENNIO Corso Diurno Classe : 1 Ai RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE di: INFORMATICA BIENNIO PROF./SSA DI FILIPPO OLGA TESTO/I ADOTTATO: INFORMATICA easy ED. JUVENILIA SCUOLA

Dettagli

2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza

2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza SISTEMA INFORMATIVO page 4 2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza Il sistema è composto da vari elementi, software e hardware, quali la Gestione delle Code di attesa, la Gestione di

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

Introduzione alla Progettazione per Componenti

Introduzione alla Progettazione per Componenti Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica

Dettagli

OmniAccessSuite. Plug-Ins. Ver. 1.3

OmniAccessSuite. Plug-Ins. Ver. 1.3 OmniAccessSuite Plug-Ins Ver. 1.3 Descrizione Prodotto e Plug-Ins OmniAccessSuite OmniAccessSuite rappresenta la soluzione innovativa e modulare per il controllo degli accessi. Il prodotto, sviluppato

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

Security-By-Contract: come usare software scaricato da internet sul proprio telefono senza pentirsene

Security-By-Contract: come usare software scaricato da internet sul proprio telefono senza pentirsene Security-By-Contract: come usare software scaricato da internet sul proprio telefono senza pentirsene Nicola Dragoni Fabio Massacci dragoni@disi.unitn.it Fabio.Massacci@unitn.it www.massacci.org Dipartimento

Dettagli

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows i SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows Per ulteriori informazioni sui prodotti software SPSS Inc., visitare il sito Web all indirizzo http://www.spss.it o contattare: SPSS

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A PRESENTAZIONE

Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A PRESENTAZIONE UNITÀ DI APPRENDIMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A.S. 2015-2016 TITOLO : Il PC: un amico utile COD. U.d.A N 1/4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore.

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. I processi Cos è un processo? Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. Il programma è una entità statica che descrive la sequenza di istruzioni che devono

Dettagli

Screenshot dimostrativi degli strumenti presentati alle Roundtables Microsoft

Screenshot dimostrativi degli strumenti presentati alle Roundtables Microsoft Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di MESA s.r.l. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate,

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Privacy Policy e utilizzo dei cookie.

Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy Informativa resa ai sensi dell articolo 13 del D.lgs. n.196/2003 ai visitatori del sito di Hakomagazine e fruitori dei servizi offerti dallo stesso,

Dettagli

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile?

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Rimini, 1/2015 Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Le configurazioni con Server e desktop remoto (remote app), che possa gestire i vostri

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

La nostra proposta per il trasporto internazionale.

La nostra proposta per il trasporto internazionale. pagina 1 di 6 La nostra proposta per il trasporto internazionale. Movendo Srl. Movendo Srl è specificamente orientata all'erogazione di servizi per la gestione delle risorse mobili (Mobile Resources Management).

Dettagli

Didit Interactive Solution

Didit Interactive Solution Didit Interactive Solution Didit Interactive Solution Moonway.it Versione Italiana Data: Settembre 2008 Contenuti Introduzione... 3 Componenti Windows Richiesti... 3 Guidelines Generali di Configurazione...

Dettagli

8088 + log. controllo

8088 + log. controllo CORSO DI ARCHITETTURA DEGLI ELABORATORI PROGRAMMAZIONE ASSEMBLY: PROGETTO 26 LUGLIO 2007 CONSEGNA Sabato 15 settembre 2007 Lo studente programmi nel linguaggio Assembly 8088 presentato a lezione un micro

Dettagli

Servizio Monitoraggio Energia via Web. CEAM CWS32-H01 Professional Web Platform

Servizio Monitoraggio Energia via Web. CEAM CWS32-H01 Professional Web Platform Servizio Monitoraggio Energia via Web CEAM CWS32-H01 Professional Web Platform Cosa è CWS32-H01 Piattaforma Tecnologica Web Modulare Multifunzionale per il Monitoraggio, Telecontrollo Gestione Manutenzione,

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 1 Introduzione al Corso Ruolo del Disegno Nell ambito dell ingegneria industriale ed in particolar

Dettagli

I punti di contatto sul territorio offerti dalla Regione Sardegna

I punti di contatto sul territorio offerti dalla Regione Sardegna ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE I punti di contatto sul territorio offerti dalla Regione Sardegna L accesso ai servizi online 14 Aprile 2011 Sommario Accesso ai servizi

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

Introduzione. Perché è stato scritto questo libro

Introduzione. Perché è stato scritto questo libro Introduzione Perché è stato scritto questo libro Sul mercato sono presenti molti libri introduttivi a Visual C# 2005, tuttavia l autore ha deciso di scrivere il presente volume perché è convinto che possa

Dettagli

Co.El.Da. Software S.r.l. Coelda.Ne Caratteristiche tecniche

Co.El.Da. Software S.r.l.  Coelda.Ne Caratteristiche tecniche Co..El. Da. Software S..r.l.. Coelda.Net Caratteristiche tecniche Co.El.Da. Software S.r.l.. Via Villini Svizzeri, Dir. D Gullì n. 33 89100 Reggio Calabria Tel. 0965/920584 Faxx 0965/920900 sito web: www.coelda.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza CORSO SERALE Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza Sede e orario segreteria Sede: ITIS ROSSI Via Legione Gallieno 6100 Vicenza Orario segreteria: tutti i giorni dalle 10 alle

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Turbodoc. Archiviazione Ottica Integrata

Turbodoc. Archiviazione Ottica Integrata Turbodoc Archiviazione Ottica Integrata Archiviazione Ottica... 3 Un nuovo modo di archiviare documenti, dei e immagini... 3 I moduli di TURBODOC... 4 Creazione dell armadio virtuale... 5 Creazione della

Dettagli

L Hotspot che Parla Ai Tuoi Clienti. FacileWifi.it

L Hotspot che Parla Ai Tuoi Clienti. FacileWifi.it L Hotspot che Parla Ai Tuoi Clienti FacileWifi.it IL PRODOTTO Il Facile Wifi è un sistema di autenticazione ad internet per reti wireless (HotSpot) e cablate ideato per unire la massima praticità di utilizzo

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006 tesi di laurea Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Massimo Ficco candidato Giorgio

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME

INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME Android ios Windows Phone 8 Android 2 Cos è Android? Un moderno open-source sistema operativo Componenti: Linux kernel Java Core applications 3 Perché è stato un successo

Dettagli

CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini. San Severino Marche

CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini. San Severino Marche CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini San Severino Marche Paciaroni Sara e Zega Michela - 1 - Titolo Some news in Med. Lasciatevi travolgere dalle nuove tecnologie. Abstract Oggi sono molte le

Dettagli

1. Arduino va di moda.

1. Arduino va di moda. 1. Arduino va di moda. Arduino è una piattaforma hardware open source programmabile, interamente realizzata in Italia, che permette la prototipazione rapida e l'apprendimento veloce dei principi fondamentali

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Marzo 2014 Il Ciclo Lungo Il Versioning e la Condivisione di Codice Organizzazione dei Pacchetti La Modellazione

Dettagli

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso 11.8 L editor di temi grafici A partire dalla versione 11.5, Instant Developer contiene uno strumento di aiuto alla personalizzazione dei temi grafici e degli

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

I.P.S.S.C.S. Piero Sraffa Brescia. Progetto portale scolastico intranet/extranet

I.P.S.S.C.S. Piero Sraffa Brescia. Progetto portale scolastico intranet/extranet I.P.S.S.C.S. Piero Sraffa Brescia Progetto portale scolastico intranet/extranet 1. Perchè un portale? Le nuove tecnologie informatiche permettono oggi alle istituzioni pubbliche e agli istituti scolastici

Dettagli

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 IIS Almerico Da Schio - DISCIPLINA: Informatica e Laboratorio CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 COMPETENZE ABILITÀ/ CAPACITÀ CONOSCENZE dei linguaggi L1 Utilizzare

Dettagli

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Premessa: Considerato che: 1. le attuali funzionalità e requisiti connessi alle piattaforme web della Pubblica

Dettagli