CALENDARIO CORSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CALENDARIO CORSI 2014 www.cspmi.it 1"

Transcript

1 CALENDARIO CORSI

2

3 Sempre un passo avanti. Direzione e sviluppo d impresa Amministrazione e controllo d impresa Gestione risorse umane, comunicazione e sviluppo organizzativo Marketing e vendite Internazionalizzazione Produzione, logistica, acquisti Tecnologia e qualità Salute e Sicurezza sul lavoro

4 Centro Servizi PMI In cosa possiamo servirti Si occupa da oltre trent anni di formazione e aggiornamento professionale. Opera tramite le proprie sedi in Emilia Romagna, garantendo una risposta tempestiva e specifica ai bisogni aziendali, contenuti di qualità e servizio di ottimo livello a corredo della formazione erogata. Affianca le aziende per i loro fabbisogni formativi e le persone nelle fasi di transizione professionale o nei loro percorsi di ingresso al mondo del lavoro, direttamente o attraverso importanti collaborazioni (Fondazioni ITS). FORMAZIONE Organizziamo con professionisti senior giornate di formazione focalizzate su competenze specialistiche di settore e di processo. L obiettivo di questi corsi è l immediata spendibilità in azienda dei contenuti trattati, siano essi tecnico-operativi o di respiro più trasversale. Siamo attenti all innovazione e al cambiamento, proponendo focus su nuovi trend e aggiornamenti importanti. SERVIZIO SU MISURA Tutto ciò che proponiamo ed eroghiamo presso le nostre aule didattiche può essere realizzato in azienda e personalizzato in relazione alle caratteristiche aziendali e del personale in impresa. Progettiamo interventi formativi e consulenze ad hoc partendo dalle specifiche esigenze aziendali, anche su contenuti che non trovano approfondimento sul nostro catalogo annuale. Ricordalo! FINANZIAMENTO Ricerchiamo e gestiamo finanziamenti e conti formazione a copertura dei percorsi formativi individuati dall azienda come necessari. 4

5 FINANZIAMENTI per la formazione Su richiesta dell azienda ci attiviamo per ricercare e gestire finanziamenti a copertura di percorsi formativi su misura, costruiti attorno alle specifiche esigenze del cliente. Strumento principe sono i Fondi interprofessionali a cui le aziende possono accedere per finanziare la formazione dei propri dipendenti. Hanno l obiettivo di facilitare la formazione in azienda in un ottica di competitività delle imprese e di garanzia di occupabilità per i lavoratori. Non comportano alcun onere per le aziende. Grazie all accreditamento presso la Regione Emilia Romagna, possiamo accedere ai Fondi pubblici per la formazione. Questo ci consente di progettare, organizzare e gestire attività formative gratuite per i partecipanti. I percorsi possono essere mono-aziendali, quindi riguardare tematiche individuate dalle singole imprese e svolgersi presso la sede aziendale, oppure aperti a più persone/aziende, incentrati su argomenti attuali, innovativi e necessari per la crescita del sistema e svolgersi presso le nostre aule. 5

6 Le nostre CONVENZIONI Carta dei servizi La carta dei servizi dà diritto allo sconto del 20% sulle quote di adesione ai corsi e alla tariffa agevolata sulle iniziative speciali. E rinnovabile di anno in anno e ha validità dall 1 gennaio al 31 dicembre. Può essere utilizzata per i piani formativi aziendali, garantendo da subito e su tutta la programmazione annuale lo sconto del 20%. Le agevolazioni carta dei servizi si sommano allo sconto 20% sul secondo iscritto allo stesso corso (vedi convenzione n.2). Nel corso dell anno vengono programmate ulteriori promozioni per i soli possessori di carta dei servizi. Per costi e prenotazioni, contattare la sede di Centro Servizi PMI più vicina. Iscrizioni multiple Le aziende che iscrivono due o più persone a uno stesso corso beneficiano di uno sconto del 20% a partire dalla seconda iscrizione. L agevolazione secondo iscritto si somma allo sconto carta dei servizi: l azienda con carta dei servizi beneficia quindi dello sconto 20%+20% a partire dalla seconda adesione allo stesso corso. 6 I nostri referenti commerciali sono a vostra disposizione, in ciascuna delle sedi di Centro Servizi PMI, per costruire soluzioni su misura con quotazioni personalizzate.

7 Modalità di ISCRIZIONE E PAGAMENTO Modulo Per formalizzare l iscrizione è necessario, entro dieci giorni dall avvio del corso, compilare e spedire tramite fax o mail l apposito modulo di adesione. La scheda di iscrizione trasmessa ha valore di impegno alla partecipazione al corso, a fronte della quale verrà emessa regolare fattura. La quota di adesione è indicata nella scheda informativa di ciascun corso. Per informazioni su agevolazioni e sconti, vedere Le nostre convenzioni. Il pagamento dovrà avvenire tramite bonifico bancario prima dell avvio del corso. Conferma del corso Ci premuriamo di confermare, almeno 5 giorni prima dell inizio del corso, l avvio e tutti i dettagli necessari per la partecipazione. In caso di annullamento del corso o di slittamento della data di avvio, ci impegniamo a comunicare tempestivamente le variazioni. Annullamento dell iscrizione In caso di rinuncia o di impossibilità a partecipare, l azienda/il partecipante si impegna ad informarci a mezzo fax o mail entro i 5 giorni antecedenti la data di inizio del corso. Se tali termini non verranno rispettati: Sostituzione del partecipante In qualsiasi momento è possibile sostituire il nominativo del partecipante, dandone informazione scritta tramite fax o mail, con i dati relativi al nuovo partecipante. Modalità di fatturazione La fattura sarà emessa dopo il primo giorno di corso. Modalità di pagamento Il pagamento dovrà avvenire a vista a mezzo bonifico a seguito della conferma da parte di Centro Servizi PMI dell avvio del corso. Per accedere al corso sarà necessario dare evidenza dell avvenuto pagamento. I dati bancari sono indicati sulla scheda di iscrizione e comunque riportati nella comunicazione di conferma dell avvio del corso. 7

8 Indice DEI CORSI DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA pag. 17 Principi di Project Management per l ottimizzazione dei tempi e dei costi di progetto Modello di organizzazione e gestione della responsabilità di impresa ex D.Lgs 231/ Tecniche operative per la costruzione di un Business Plan Strumenti di valutazione delle performances per il governo dell impresa Finanza per decisori aziendali Il budget: lo strumento per la pianificazione e il controllo L analisi della concorrenza attraverso i bilanci Leggere il bilancio d esercizio AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO D IMPRESA pag Amministrazione del personale Come pianificare il budget del personale Le scritture contabili relative al personale dipendente Controversie sul lavoro e provvedimenti disciplinari Fiscale La valutazione delle scorte in base alla normativa civilistica e fiscale Omaggi e spese di rappresentanza Rimborsi spese, fringe benefits e compensi agli amministratori Trasferte, trasfertisti e rimborsi spese Finanza L affidamento bancario in condizioni di Credit Crunch Il recupero crediti: strategie relazionali per affidare e incassare, aspetti amministrativi, fiscali e legali

9 Controllo di gestione La creazione di un cruscotto su piattaforma Excel per il controllo di gestione Pricing: come strutturare correttamente i prezzi di vendita Il rendiconto finanziario: scopriamo se il nostro business oltre al reddito produce anche cassa GESTIONE RISORSE UMANE, COMUNICAZIONE E SVILUPPO ORGANIZZATIVO pag. 41 Competenze manageriali e sviluppo delle risorse umane Personal & People Leadership Problem solving: superare efficacemente problemi in azienda Time management: la gestione ottimale del tempo del lavoro Il coinvolgimento dei collaboratori: motivazione e delega Gli strumenti dello sviluppo organizzativo: il sistema premiante Lean office: il metodo Lean applicato all ufficio Comunicazione Dal convincere al coinvolgere: lo Storytelling per la comunicazione d impresa Public speaking La comunicazione scritta in ambito lavorativo La gestione delle riunioni in azienda MARKETING E VENDITE pag. 53 Pianificare, organizzare e controllare le vendite Il lancio di un nuovo prodotto La costruzione del budget commerciale

10 Organizzare, coordinare e motivare la propria forza vendita Monitorare le performances della rete di vendita Vendere e sviluppare il mercato La gestione dei clienti strategici Gestire e sviluppare le relazioni con i clienti al telefono Condurre la trattativa di vendita difendendo il margine Sviluppare il mercato e acquisire nuovi clienti ipad per il business Web marketing Aumentare la presenza on line: web marketing e ottimizzazione del posizionamento sui motori di ricerca (SEO) Adwords e il budget promozionale on line La tutela del brand aziendale on line: marchio, logo, contenuti, immagini, reputazione L utilizzo dei social media per azienda B2B Mailchimp: e newsletter professionali Realizzare un video aziendale L assistenza e il post vendita Il personale di assistenza tecnica: le componenti commerciali del ruolo Il post vendita e l assistenza al cliente La gestione del reclamo: da criticità a opportunità per fidelizzare il cliente INTERNAZIONALIZZAZIONE pag Le strategie per internazionalizzare Valutare i risultati della propria delocalizzazione produttiva Strategie di prezzo e canali distributivi all estero La gestione dei rapporti con l estero La gestione di uffici di rappresentanza, filiali estere e joint ventures

11 La negoziazione multiculturale Dai pagamenti internazionali all export finance: l Export Credit Risk management Workshop: le lettere di credito nelle operazioni import/export La contrattualistica internazionale: contratti di acquisto La contrattualistica internazionale: contratti di vendita La contrattualistica internazionale: contratti di agenzia Le procedure doganali negli scambi import/export: principali adempimenti e corretta compilazione dei documenti La gestione operativa e amministrativa dei trasporti e delle spedizioni internazionali Gli Incoterms 2010: come utilizzare i termini di resa nel commercio estero Il valore delle merci in dogana Made in : la disciplina e la sua corretta applicazione negli scambi internazionali Intrastat e novità in tema di fatturazione I rischi nei trasporti: quale assicurazione scegliere e perché PRODUZIONE, LOGISTICA, ACQUISITI pag. 91 Programmazione, controllo e ottimizzazione della produzione Product management Tempi e Metodi nelle lavorazioni industriali Ottimizzare la gestione del reparto produttivo Leve per l ottimizzazione costi prodotto La lean production in azienda Ridurre il tempo di attraversamento del processo logistico-produttivo tramite la VSM (value stream mapping) Visual Factory e 5S: tecniche per la gestione visiva della fabbrica Oltre la Lean: Lean Six Sigma Acquisti Condurre efficacemente la trattativa d acquisto

12 Gli aspetti legali connessi agli acquisti: redigere contratti sicuri e completi Selezione e valutazione dei fornitori attuali e potenziali Global Sourcing: la ricerca di approvvigionamenti nel mondo Magazzino e logistica La gestione delle scorte Tecnologie disponibili per la gestione e automazione del magazzino TECNOLOGIA E QUALITÀ pag Progettazione Lettura e interpretazione del disegno meccanico 108 La progettazione in sicurezza di macchine, impianti e attrezzature 109 Progettazione bidimensionale con Autocad 2D 110 Inventor 3D per la progettazione meccanica 111 Inventor 3D: assiemi complessi, rendering e analisi FEM 112 Tecnologia La prototipazione rapida con le stampanti 3D 113 Elettronica di base 114 Corso base di oleodinamica 115 Programmazione PLC base 116 Controllo qualità e manutenzione Il controllo in accettazione 117 Saldatura: caratteristiche, procedimenti principali e controlli non distruttivi 118 FMEA (Failure Mode Effects Analisys) 119 Gli interventi di manutenzione e controllo di macchine e impianti marcati CE (valido come aggiornamento RSPP) 120 Manutenzione: da centro di spesa a centro d investimento 121 Sistemi di gestione aziendale Le verifiche ispettive interne secondo la norma 19011:

13 Sistemi di gestione per la sicurezza BS OHSAS e D. Lgl. 231/ SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO pag. 125 R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo A (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo B Macrosettore di attività ATECO 1 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo B Macrosettore di attività ATECO 2 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo B Macrosettore di attività ATECO 3 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo B Macrosettore di attività ATECO 4 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo B Macrosettore di attività ATECO 5 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo B Macrosettore di attività ATECO 6 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo B Macrosettore di attività ATECO 7 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo B Macrosettore di attività ATECO 8 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo B Macrosettore di attività ATECO 9 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in Azienda - Modulo C (D. Lgs. 81/08) Aggiornamento per R.S.P.P. - Macrosettori di attività ATECO 1, 2, 6, 8, 9 (D. Lgs. 81/08) Aggiornamento per R.S.P.P. - Macrosettori di attività ATECO 3, 4, 5, 7 (D. Lgs. 81/08) Aggiornamento per A.S.P.P. - Macrosettori di attività ATECO 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 (D. Lgs. 81/08) R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione - Datori di Lavoro - Basso Rischio R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione - Datori di Lavoro - Medio Rischio R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione - Datori di Lavoro - Alto Rischio Aggiornamento R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione - Datori di Lavoro - Basso Rischio Aggiornamento R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione - Datori di Lavoro - Medio Rischio) Aggiornamento R.S.P.P. - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione - Datori di Lavoro - Alto Rischio R.L.S. - Rappresentante Lavoratori Sicurezza Aggiornamento per R.L.S. - Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (Aziende fino a 50 dipendenti) Aggiornamento per R.L.S. - Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (Aziende con più di 50 dipendenti)

14 Primo Soccorso per aziende appartenenti ai gruppi B e C (D.M. n. 388 del 15 luglio 2003) Primo Soccorso per aziende appartenenti al gruppo A (D.M. n. 388 del 15 luglio 2003) Aggiornamento di Primo Soccorso per aziende appartenenti ai gruppi B e C (D.M. n. 388 del 15 luglio 2003) Aggiornamento di Primo Soccorso per aziende appartenenti al gruppo A (D.M. n. 388 del 15 luglio 2003) Addetti alla Squadra Antincendio - Basso rischio Addetti alla Squadra Antincendio - Medio rischio Aggiornamento per Addetti alla Squadra Antincendio - Basso rischio Aggiornamento per Addetti alla Squadra Antincendio - Medio rischio Formazione dei lavoratori e neo assunti in materia di sicurezza D. Lgs. 81/08 - basso rischio Formazione dei lavoratori e neo assunti in materia di sicurezza D. Lgs. 81/08 - Medio rischio Formazione dei lavoratori e neo assunti in materia di sicurezza D. Lgs. 81/08 - Alto rischio Aggiornamento per lavoratori in materia di sicurezza D. Lgs. 81/08 Formazione Dirigenti Art. 37, comma 7, D. Lgs. 81/08 Aggiornamento Dirigenti Art. 37, comma 7, D. Lgs. 81/08 Formazione Preposti Art. 37, comma 7, D. Lgs. 81/08 Aggiornamento Preposti Art. 37, comma 7, D. Lgs. 81/08 Aggiornamento per Coordinatori della sicurezza (D. Lgs. 81/08) Corso di formazione per l attribuzione della qualifica PES/PAV da parte del datore di lavoro (Norma CEI EN e Norma CEI 11-27) La redazione del DVR (Documento di Valutazione dei Rischi) [corso valido come aggiornamento per ASPP e RSPP appartenenti a tutti i macrosettori di attività] Obblighi relativi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione e redazione DUVRI [corso valido come aggiornamento per ASPP e RSPP appartenenti a tutti i macrosettori di attività] La movimentazione manuale dei carichi e i movimenti ripetitivi [corso valido come aggiornamento per ASPP e RSPP appartenenti a tutti i macrosettori di attività] Le ROA e i campi elettromagnetici [corso valido come aggiornamento per ASPP e RSPP appartenenti ai macrosettori di attività ATECO 3, 4, 5, 7] Schede di sicurezza prodotti per utilizzatori [corso valido come aggiornamento per ASPP e RSPP appartenenti a tutti i macrosettori di attività]

15 Gestione dei rapporti con gli Organi di controllo interni ed esterni [corso valido come aggiornamento per ASPP e RSPP appartenenti a tutti i macrosettori di attività] Formazione formatori [corso conforme alla circolare sui criteri di qualificazione della figura del formatore]

16 16

17 DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA 17

18 DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA N.01 Principi di Project Management per l ottimizzazione dei tempi e dei costi di progetto Il Project Management è un insieme di conoscenze e prassi operative finalizzato alla gestione di un attività per il raggiungimento di un risultato predefinito. Utilizza ed applica conoscenze di tipo ingegneristico per la semplificazione di attività lavorative particolarmente complesse che richiedono la contemporanea partecipazione di professionalità, conoscenze e tecnologie anche fortemente diversificate. Obiettivo del corso è fornire una metodologia che permetta ai partecipanti di affrontare la gestione di un progetto, di qualunque entità economica e temporale, in modo strutturato e pianificato. Tecniche di Project Management: stima dimensionale del progetto e definizione del capitolato (attività, struttura, risorse, tempi, percorso critico) Triangolo dei vincoli di progetto (tempo, costo/risorse, scopo/qualità) Budget di progetto Pianificazione di progetto (obiettivi, stati di avanzamento, output, variabili di controllo) Gestione risorse e attività di progetto (gruppo di lavoro, compiti e responsabilità) Imprenditori, Project Manager con esperienza iniziale, Responsabili di Aree aziendali coinvolti nella realizzazione di progetti, Attori operativi del progetto. 14 ore 470,00 + IVA 18

19 N.02 Modello di organizzazione e gestione della responsabilità di impresa ex D. Lgs. 231/01 Il D. Lgs 231/01 ha introdotto nell ordinamento italiano la responsabilità penale diretta delle imprese e delle organizzazioni: questo significa che, se si verificano specifici reati, anche l impresa può subire sanzioni, come l interdizione dagli appalti o la sospensione delle licenze o dell attività. I reati inclusi nel decreto riguardano aspetti come la sicurezza sui luoghi di lavoro, l ambiente, la corruzione nelle gare pubbliche, la redazione del bilancio, la frode in commercio, il copyright. Il decreto, quindi, coinvolge tutte le imprese anche quelle di minori dimensioni. Applicare i modelli organizzativi previsti dal D. Lgs 231/01 permette di ridurre responsabilità e rischi: ogni azienda deve perciò verificare seriamente i benefici derivanti da una corretta applicazione sia in termini di opportunità di lavoro (per es. appalti pubblici) sia di responsabilità. Il D.Lgs. 231/01 e successivi aggiornamenti Identificazione delle aree a rischio e dei processi sensibili all interno dell azienda L Organismo di Vigilanza: poteri, funzioni, individuazione e composizione Definizione dei protocolli Gestione delle Risorse Umane e sistema sanzionatorio Il Codice Etico Gli audit interni Il funzionamento dell Organismo di Vigilanza Il sistema disciplinare L aggiornamento dell attività di mappatura dei rischi Adempimenti formali e sostanziali per la revisione del Modello L attività di verifica sul corretto funzionamento del Modello Il Modello Organizzativo 231 come opportunità di miglioramento organizzativo Integrazione del Modello con qualità, privacy e compliance aziendale Imprenditori, Responsabili Amministrativi, Responsabili di Sistemi di Gestione per la Qualità, Responsabili Attività di Internal Audit. 370,00 + IVA 11 ore Ti può essere utile anche: 19

20 DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA N.03 Tecniche operative per la costruzione di un Business Plan Il Business Plan è uno strumento di gestione fondamentale che si può utilizzare per diverse finalità: avviare una nuova impresa, lanciare un nuovo prodotto, entrare in un nuovo mercato, sviluppare un business già esistente, coinvolgere nuovi soci e finanziatori per sostenere un piano di sviluppo aziendale, stabilire relazioni commerciali importanti con clienti, fornitori e distributori. Il Business Plan rappresenta quindi un processo e un documento di gestione fondamentale per tutte le imprese. E un documento dinamico e poiché sono molteplici gli obiettivi che possono caratterizzare un business plan, così come sono innumerevoli le variabili da considerare, non esiste un modello standard. Obiettivo del corso è presentare i principi generali che devono essere seguiti nella stesura di un business plan e fornire le tecniche per costruire operativamente i prospetti da inserire nel piano. Dall idea al business plan I criteri per la stesura: semplicità, specificità, realismo, completezza, sintesi Struttura di un business plan: - Presentazione dei soggetti promotori e dell impresa - Sintesi del progetto - Analisi dei mercati di sbocco e della concorrenza - Strategie commerciali e piano di marketing - Organizzazione dei fattori produttivi (sede, processi, attrezzature, risorse umane ecc.) Le risorse finanziarie da investire (costi, fonti di copertura finanziaria, proiezioni economico-finanziarie, piano di ammortamento dell investimento, previsione dei costi di gestione) Documentazione supplementare a supporto (esempi): specifiche di prodotto/servizio, organigramma ecc. Il supporto di Excel per l elaborazione di un Business Plan Imprenditori, Manager, Dirigenti, Responsabili di funzione o unità di business. 470,00 + IVA 14 ore 20

21 N.04 Strumenti di valutazione delle performances per il governo dell impresa Ogni impresa, per sopravvivere, deve conseguire una serie di obiettivi, il principale dei quali è la creazione di valore; per verificare che ciò accada, rispettando il tradizionale e pluridimensionale principio di convenienza (efficacia, efficienza nelle forme della produttività e dell economicità e redditività), è necessario che l impresa si doti di strumenti di misurazione della sua performance. Obiettivo del corso è analizzare i sistemi di misurazione, valutazione e gestione della performance aziendale, con l intento di fornire un supporto al decisore in ordine alla valutazione e al controllo circa l effettivo conseguimento degli obiettivi strategici e, quindi, anche alla pianificazione della futura dinamica evolutiva dell impresa. Il concetto di performance Il principio di convenienza economica Struttura organizzativa e Performance Measurement Systems Performance Measurement Systems e analisi di bilancio La predisposizione di un profit plan La valutazione delle performance reddituali ai livelli corporate e di business units L allocazione delle risorse Performance e mercati interni ed esterni La Balanced Scorecard Sistemi di controllo e governo dei rischi di performance e incentivi Imprenditori, Manager, Dirigenti, Responsabili di funzione o unità di business. 250,00 + IVA 7 ore Ti può essere utile anche: 21

22 DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA N.05 Finanza per decisori aziendali I decisori aziendali devono saper misurare l impatto delle decisioni aziendali in termini quantitativi, valutandone le ripercussioni sull equilibrio finanziario dell impresa, valutare l affidabilità dei partner selezionati (clienti, fornitori, terzisti) ed il raggiungimento degli obiettivi societari, fornendo strumenti e dialogando in maniera pragmatica con l area amministrativa e finanziaria. Obiettivo del corso è mettere i partecipanti in grado di leggere e comprendere il conto economico, lo stato patrimoniale ed il rendiconto finanziario, valutare le informazioni contenute nel bilancio, analizzare le opportunità di investimento e decidere in merito alla loro implementazione sulla base di parametri di convenienza economica e di fattibilità finanziaria. Struttura del sistema finanziario aziendale Equilibrare obiettivi finanziari e gestionali Ciclo virtuoso dello sviluppo finanziariamente sostenibile Cenni sull organizzazione e sui ruoli dell area finance in un contesto globalizzato Comprendere e interpretare i dati finanziari La leva operativa nella gestione aziendale: capitale e cash flow Controllo dell impresa attraverso indici di performance Controllo dell impresa attraverso l analisi dei flussi finanziari Leva finanziaria Metodologie per la valutazione degli investimenti aziendali Preparare il budget finanziario della propria divisione Imprenditori, Manager, Dirigenti, Responsabili di funzione o unità di business. 370,00 + IVA 11 ore Ti può essere utile anche: 22

23 N.06 Il budget: lo strumento per la pianificazione e il controllo Sotto questo titolo risiede uno dei più potenti metodi di pianificazione strategica. La visione moderna del budget si distacca fortemente da un semplice strumento di previsione, per diventare, invece, un veicolo di definizione e diffusione di obiettivi all interno della struttura. del corso sono: risultati attesi. Il sistema di pianificazione e controllo strategico aziendale L approccio del valore d impresa come modello economico di riferimento per la pianificazione strategica e il controllo Tecniche di budgeting standard e costi unitari La costruzione del budget: Elaborazione del budget complessivo, presentazione e discussione Valutazione di un business plan in chiave di generazione di valore Imprenditori, Dirigenti, Responsabili di business unit. 370,00 + IVA 11 ore Ti può essere utile anche: 23

24 DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA N.07 L analisi della concorrenza attraverso i bilanci Per le PMI è importante confrontarsi con la concorrenza allo scopo di aumentare il patrimonio di informazioni inerenti il sistema competitivo, acquisire informazioni utili sulle competenze distintive delle imprese concorrenti, individuare i comportamenti competitivi dei concorrenti più diretti, in modo da precedere le loro azioni strategiche future, evidenziare le più importanti differenze tra le combinazioni produttive delle imprese rientranti nel medesimo settore, individuare la posizione della propria impresa all interno del settore, e i suoi possibili elementi di vulnerabilità strategica. Obiettivo del corso è fornire le nozioni per analizzare un bilancio allo scopo di ricavarne spunti numerici e descrittivi in merito ai principali trend nel tempo, all evoluzione della redditività, al costo del capitale umano, all accesso al credito e alla relativa onerosità, alla situazione patrimoniale e finanziaria, alle linee guida strategiche e alle prospettive del mercato. La lettura e l analisi del bilancio di esercizio ex IV^direttiva CEE: - La verifica dell attendibilità dei valori di bilancio - La riclassificazione del bilancio d esercizio - La scelta delle tecniche di analisi - La formulazione di un giudizio sui risultati raggiunti Le comparazioni interaziendali per l analisi della concorrenza: scopi, limiti e procedure I quozienti medi di settore per l analisi dello sviluppo dell impresa I quozienti medi di settore per l analisi della redditività dell impresa I parametri focalizzati per le analisi mirate ad obiettivi specifici Imprenditori, Manager, Dirigenti, Responsabili di business unit. 250,00 + IVA 7 ore 24

25 N.08 Leggere il bilancio d esercizio Obiettivo del corso è fornire ai partecipanti le conoscenze base e le tecniche di analisi per poter fare un obiettiva valutazione della posizione economico-finanziaria della propria azienda. Al termine essi saranno in grado di comprendere e interpretare con sicurezza le voci di bilancio da tenere sotto controllo, individuare punti di forza e di debolezza e calcolare i principali key ratios, fondamentali per effettuare una corretta lettura di bilancio, al fine di stimare affidabilità, redditività, livello di liquidità, equilibrio finanziario. Il bilancio: finalità interne ed esterne Definizione dei più comuni termini di bilancio Informativa di bilancio Principi contabili e relativi criteri di valutazione L attendibilità del bilancio L analisi di bilancio Indici di bilancio per interpretare l andamento aziendale Il passaggio dal concetto di reddito a quello di redditività La determinazione della redditività aziendale e il calcolo del costo del capitale La misurazione della performance aziendale sulla base della creazione del valore L Analisi del cash flow quale indicazione primaria di una corretta gestione col rendiconto finanziario di bilancio Imprenditori, Manager non specialisti nelle analisi di bilancio, Responsabili di funzione aventi capacità decisionale di budget, Responsabili di nuova nomina di una divisione, di un unità, di un centro di profitto. 7 ore 250,00 + IVA 25

26 26

27 Amministrazione del personale Controllo di gestione AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO D IMPRESA 27

28 AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO D IMPRESA N.09 Come pianificare il budget del personale Il corso mira ad illustrare le tecniche necessarie per determinare il budget del personale, verificandone caratteristiche di completezza e coerenza tra tutti gli elementi che lo compongono (costo del lavoro, spese di gestione, piani di formazione, politiche retributive). Un attenta elaborazione del costo del personale (le variabili da prendere in considerazione, in funzione anche della continua evoluzione normativa, sono sempre più numerose e complesse nella loro valutazione) risulta estremamente importante, al fine di non dover falsare il risultato aziendale. Analisi del consuntivo Analisi della composizione dell organico e determinazione del fabbisogno di manodopera Analisi degli elementi contributivi e retributivi (leggi, contratti, regolamenti, ecc ) Applicazione della politica retributiva aziendale Analisi dell incidenza dei servizi legati al personale e altri costi La valutazione degli elementi del costo del lavoro e l elaborazione del budget del personale Principali tipologie di azioni per la realizzazione del budget del personale Direttori del personale, Responsabili e Addetti Gestione Amministrativa del personale. 7 ore 250,00 + IVA Ti può essere utile anche: 28

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli