Relazione sulla gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sulla gestione"

Transcript

1 Relazione sulla gestione Highlights Azionisti I fatti salienti del 2011 Dati economici e patrimoniali per Settore di Attività Principali rischi e incertezze cui Fiat S.p.A. e le sue controllate sono esposte Ricerca e innovazione Risorse umane Analisi della situazione economico-finanziaria del Gruppo Corporate Governance Rapporti infragruppo e con parti correlate Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio ed evoluzione prevedibile della gestione Andamento della gestione nei settori Fiat Group Automobiles Chrysler Maserati Ferrari Componenti Fiat Powertrain Prodotti metallurgici Mezzi e sistemi di produzione Situazione economico-finanziaria della Fiat S.p.A. Proposta di approvazione del Bilancio e di destinazione dell utile di esercizio 2011

2 30 Relazione sulla gestione Highlights Highlights (in milioni di euro) Fiat inclusa Chrysler (*) Fiat esclusa Chrysler Fiat Fiat Ricavi netti Utile/(perdita) della gestione ordinaria Utile/(perdita) operativa Utile/(perdita) prima delle imposte Utile/(perdita) dell esercizio (345) Attribuibile a: Soci della controllante (374) Interessenze di pertinenza di terzi Risultato base per azione ordinaria (in euro) (1) 1,071-0,130 (0,302) Risultato base per azione privilegiata (in euro) (1) 1,071-0,217 (0,302) Risultato base per azione risparmio (in euro) (1) 1,180-0,239 (0,302) Risultato diluito per azione ordinaria (in euro) (1) 1,063-0,130 (0,302) Risultato diluito per azione privilegiata (in euro) (1) 1,063-0,217 (0,302) Risultato diluito per azione risparmio (in euro) (1) 1,172-0,238 (0,302) Investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali di cui: Costi di sviluppo capitalizzati Spesa in Ricerca e Sviluppo (2) Indebitamento netto delle Attività Industriali Dipendenti a fine esercizio (numero) (*) Inclusa Chrysler da Giugno (1) Per ulteriori informazioni circa la determinazione del Risultato per azione base e diluito, si rinvia alla Nota 13 della Nota integrativa. (2) Include i costi per Ricerca e Sviluppo capitalizzati e quelli imputati direttamente al conto economico dell esercizio. Dati per area geografica Ricavi per area Numero di Società Dipendenti Stabilimenti Centri di Ricerca e sviluppo di destinazione (in milioni di euro) (numero) (*) 2010 Italia Europa esclusa Italia Nafta Mercosur Altre aree Totale (*) Inclusa Chrysler da Giugno 2011.

3 Azionisti Relazione sulla gestione 31 Azionisti La comunicazione finanziaria Fiat persegue costantemente l obiettivo di accrescere la fiducia dei suoi clienti e investitori attraverso una gestione trasparente e responsabile delle sue attività, incrementando, così, il valore dell impresa su base sostenibile, in continuità con il passato nel primo di anno attività dopo la scissione. Fiat mantiene un dialogo costante con i suoi Azionisti, Investitori e Analisti attraverso un attiva politica di comunicazione svolta dalla funzione Investor Relations che garantisce un contatto informativo continuo della Società con i mercati finanziari con l obiettivo di mantenere e migliorare la fiducia degli investitori e il loro livello di comprensione dei fenomeni aziendali. Nel corso dell anno il team di Investor Relations svolge la propria attività tramite rapporti costanti con il mercato finanziario e organizza, inoltre, incontri formali (a mezzo conference call o presentazioni dal vivo) sia in occasione della pubblicazione trimestrale dei risultati sia di eventi che richiedano comunicazione diretta al mercato. Fiat propone altresì partecipazioni a conferenze di settore o incontri e non-deal roadshow che interessano le principali piazze finanziarie per garantire una relazione diretta con il top management. Nel 2011 Fiat si è distinta come Best Investor Relations by an Italian Company, sulla base delle opinioni espresse da analisti del settore, in rappresentanza dei principali investitori internazionali ed europei, nell ambito di uno studio comparativo svolto da una primaria società di ricerca e comunicazione a supporto della comunità finanziaria. Alla sezione Investor Relations del sito istituzionale sono disponibili i dati economico-finanziari, le presentazioni istituzionali e le pubblicazioni periodiche, i comunicati ufficiali e gli aggiornamenti in tempo reale sul titolo. Per gli azionisti sono inoltre disponibili i seguenti contatti: Relazione sulla gestione Per gli azionisti: Numero verde per l Italia: Per i titolari di ADR: Numero verde per USA e Canada: Fuori Usa e Canada: +1 (718) Website:

4 32 Relazione sulla gestione Azionisti Andamento del titolo Fiat rispetto all indice ftse Italia All Share e all Eurostoxx dall inizio del 2011 (1/1/11=100) e quantità trattate mensilmente (milioni di azioni ordinarie) in milioni di azioni gen-11 feb-11 mar-11 apr-11 mag-11 giu-11 lug-11 ago-11 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 FIAT DJ Eurostoxx Automotive FTSE Italia 0 Il 2011 è iniziato proseguendo la significativa crescita di fine 2010 registrata sui mercati dei capitali. Il mercato è stato successivamente influenzato dalle turbolenze innescate da eventi naturali e geopolitici, come il terremoto in Giappone, le alluvioni in Thailandia e Australia, le sollevazioni popolari in Medio Oriente e il la crisi del debito nella Eurozona. Negli Stati Uniti l indice Dow Jones Industrial Average ha registrato nel 2011 una crescita del 5,5%, mentre l S&P 500 è rimasto sostanzialmente invariato. Nel 2011, in Europa i valori azionari sono stati fortemente influenzati dalla crisi del debito sovrano e gli indici azionari hanno registrato perdite a due cifre. In Italia, il mercato azionario ha perso il 25%. Maggiori azionisti Il numero di azioni ordinarie è di I detentori di azioni ordinarie in misura superiore al 2% alla data odierna risultano essere: Numero azioni ordinarie: EXOR S.p.A. (*) 30,5% BlackRock Investment Management (UK) Limited 3,1% Altri Investitori Istituzionali UE 26,7% Altri Investitori Istituzionali extra UE 11,6% Altri azionisti 24,9% (*) Oltre al 3,2% di azioni proprie detenute da Fiat S.p.A. BlackRock Investment Management (UK) Limited 3,1% Exor S.p.A. 30,5% Altri azionisti 24,9% Altri Investitori Istituzionali UE 26,7% Altri Investitori Istituzionali extra UE 11,6%

5 33 Principali dati per azione (in euro) Risultato base per azione ordinaria e privilegiata 1,071 0,410 (0,677) 1,290 1,537 Risultato base per azione di risparmio 1,180 0,565 (0,677) 1,445 1,692 Risultato diluito per azione ordinaria e privilegiata 1,063 0,409 (0,677) 1,285 1,526 Risultato diluito per azione di risparmio 1,172 0,564 (0,677) 1,440 1,681 Prezzo di riferimento (*) per azione al: (in euro) Azioni Ordinarie 3,550 Azioni Privilegiate 3,072 Azioni di Risparmio 3,254 (Fonte Reuters) (*) Pari al prezzo di asta di chiusura. Quotazioni mensili minime e massime nel 2011 (in euro) Fiat ordinarie 10,00 8,00 6,00 Relazione sulla gestione 4,00 2, Fiat risparmio 10,00 Fiat privilegiate 10,00 8,00 8,00 6,00 6,00 4,00 4,00 2, ,

6 34 Relazione sulla gestione I fatti salienti del 2011 I fatti salienti del 2011 Gennaio Gennaio Al North American International Show di Detroit debutta il model year 2011 della Chrysler 300 e del Jeep Compass Il 10 gennaio 2011 Fiat ha aumentato dal 20 al 25% la propria quota di partecipazione in Chrysler Group LLC, in seguito al verificarsi del primo dei tre Performance Event (ottenimento delle autorizzazioni regolamentari US per un motore basato sulla famiglia FIRE di Fiat da produrre negli Stati Uniti e impegno ad iniziare questa produzione) come previsto nell accordo relativo all alleanza. Febbraio Lanciata una nuova campagna pubblicitaria durante il Super Bowl XLV con uno spot dedicato alla nuova Chrysler 200 e la tagline Imported from Detroit. Lo spot pubblicitario ha avuto un successo internazionale ed ha ricevuto cinque premi al Festival Internazionale della Creatività Cannes Lions 2011 nel mese di Giugno. La Giulietta si è aggiudicata in Italia il premio La novità dell anno 2011 secondo la rivista Quattroruote, mentre in Germania, candidata per la prima volta al prestigioso premio Die Besten Autos della rivista specializzata Auto Motor und Sport, ha immediatamente vinto nella categoria compatte. I lettori della rivista tedesca hanno anche premiato nella categoria utilitarie la MiTo, giunta al terzo successo consecutivo. Febbraio Fiat Powertrain e Penske Corporation hanno raggiunto un accordo in base al quale Fiat Powertrain rileva la quota del 50% che Penske Corporation detiene nella VM Motori S.p.A., specializzata nella produzione di motori diesel di propria progettazione. A seguito dell accordo, VM Motori sarà sotto il controllo congiunto di Fiat Powertrain e General Motors. L accordo è stato finalizzato il 19 giugno Marzo Al Salone di Ginevra, protagonista per il marchio Fiat è stato il nuovo Fiat Freemont, primo veicolo Fiat, basato su una piattaforma Chrysler, frutto dell alleanza con il gruppo Chrysler. Fiat ha presentato alle Organizzazioni Sindacali il piano per la ripresa dell attività ed il rilancio delle Officine Automobilistiche di Grugliasco (ex Carrozzeria Bertone), con un investimento di circa 500 milioni di euro per l industrializzazione, a partire dal secondo semestre 2011, di una nuova Maserati del segmento E destinata alla commercializzazione nei mercati internazionali. L inizio della produzione è previsto per dicembre Al salone di Chicago debutta in prima mondiale il model year 2011 della nuova Chrysler 200 Convertible.

7 35 Marzo Marzo Al Salone di Ginevra, presentata la GranCabrio Sport che monta una versione più potente ed efficiente del motore V8 da 4,7 litri, portato in questa configurazione a 450 Cv per una coppia massima di 510 Nm. La società JATO (leader mondiale per la consulenza e la ricerca nel campo automotive) ha riconosciuto che Fiat, per il quarto anno consecutivo, ha registrato il livello più basso di emissioni di CO 2 tra i principali marchi in Europa nel 2010, con un valore medio di 123,1 g/km (4,7 g/km in meno rispetto alla media del 2009). Anche come Gruppo, Fiat è risultata prima in classifica con 125,9 g/km e un miglioramento di 5,1 g/km rispetto all anno precedente. Marzo A Ginevra, presentate due importanti novità: in anteprima mondiale la FF, la rivoluzionaria V12 con posizionamento motore anteriorecentrale a quattro posti e quattro ruote motrici che rappresenta la più prestazionale e versatile vettura nella storia della Ferrari, e la 458 Italia con il sistema HELE (High Emotions Low Emissions). A Ginevra, Alfa Romeo ha proposto i modelli Giulietta e MiTo con le ultime innovazioni stilistiche e tecnologiche. Ha inoltre debuttato la 4C Concept, una supercar compatta, coupé a 2 posti secchi con motore in posizione centrale. Lancia, a un anno dall avvio dell integrazione della propria gamma prodotti con il marchio Chrysler, è ritornata al Salone di Ginevra presentando in anteprima mondiale le nuove Ypsilon, Thema e Voyager. Esposte anche la Flavia Concept e la Flavia Cabrio Concept. Lancia Delta ha presentato importanti novità in termini di design, allestimenti e motorizzazioni. Jeep era presente a Ginevra con il debutto in anteprima europea del nuovo Jeep Compass, il compact SUV del marchio e con l anteprima mondiale del nuovo Grand Cherokee equipaggiato con il nuovo motore 3.0 turbodiesel dotato di tecnologia MultiJet II. Relazione sulla gestione La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e Fiat hanno firmato un contratto di finanziamento di 250 milioni di euro finalizzato a sostenere i piani in ricerca e sviluppo di Fiat. Il progetto riguarda i centri di ricerca e sviluppo di Fiat in Italia. Iniziate le consegne negli Stati Uniti e in Canada della Fiat 500 Prima Edizione, le prime vetture Fiat ad essere commercializzate in Nord America dal 1983.

8 36 Relazione sulla gestione I fatti salienti del 2011 Aprile Aprile Presentata, in anteprima asiatica al Salone di Shanghai, la GranTurismo MC Stradale, la nuova top di gamma del segmento Coupé, ispirata alla MC Trofeo utilizzata nel campionato monomarca del Tridente. Il 1 aprile Fiat ha concluso l emissione di un prestito obbligazionario di ammontare nominale pari a 1 miliardo di euro con cedola fissa del 6,375% e scadenza il 1 aprile I titoli sono stati emessi da Fiat Finance and Trade Ltd S.A., società interamente controllata da Fiat S.p.A., nell ambito del programma di Global Medium Term Notes garantito da Fiat S.p.A Aprile Al New York Auto Show, il Gruppo Chrysler ha presentato il model year 2012 della Jeep Grand Cherokee SRT8 e della Chrysler 300 SRT8. Il 12 aprile Fiat ha annunciato il raggiungimento del secondo dei Performance Event (effettuazione da parte di Chrysler di vendite complessive al di fuori dei Paesi NAFTA per almeno 1,5 miliardi di dollari e formalizzazione di taluni altri accordi di collaborazione), con conseguente incremento della partecipazione in Chrysler dal 25 al 30%. Iniziata la commercializzazione in Italia della nuova gamma Delta con importanti novità in termini di design, allestimenti e motorizzazioni. Giulietta ha ricevuto un importante riconoscimento nel mondo della comunicazione: la vittoria agli NC AWARDS, il premio dedicato alle migliori campagne pubblicitarie dell anno. In Germania Fiat 500 ha conquistato il punteggio più alto in termini di customer satisfaction nello studio Vehicle Owner Satisfaction Study di J. D. Power and Associates. Maggio Fiat Group Automobiles e PSA Peugeot Citroën hanno annunciato l intenzione di prolungare fino al 2019 la joint venture SevelSud per la produzione di veicoli commerciali leggeri in Italia. Inoltre, sulla base dei cambiamenti nelle future strategie di prodotto dei due partner, PSA Peugeot Citroën e Fiat Group Automobiles hanno concordato di non rinnovare alla scadenza nel 2017 la loro joint venture SevelNord (Valenciennes, Francia).

9 37 Maggio Lanciato il nuovo Fiat Ducato, un veicolo campione di vendite che, con le sue 5 generazioni, ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali e venduto più di 2,2 milioni di unità dal suo lancio nel La gamma offre circa diverse combinazioni di telaio, motori e meccanica, più bassi livelli di consumi e emissioni di CO 2 e una gamma ampliata di motori diesel Euro 5 da 115 a 177 Cv e a metano. Maggio Il motore TwinAir si aggiudica il prestigioso premio International Engine of the Year 2011, assegnato da una giuria internazionale composta da 76 giornalisti. Il motore è risultato il migliore anche nella categoria dedicata ai propulsori sotto il litro di cilindrata, in quella Green Engine of the Year ed in quella Best New Engine of the Year. Iniziata la commercializzazione in Europa della nuova Fiat 500 TwinAir (berlina e cabrio). La denominazione TwinAir identifica ora una vera e propria gamma prodotto con una versione dedicata che si contraddistingue per estetica e contenuti unici e distintivi. In concomitanza con il rifinanziamento del debito di Chrysler e del rimborso da parte di Chrysler dei prestiti concessi dai Governi USA e Canadese, Fiat, tramite la propria controllata Fiat North America LLC, ha versato a Chrysler l importo di milioni di USD relativo all esercizio della Incremental Equity Call Option. La partecipazione di Fiat in Chrysler è pertanto passata dal 30% al 46% (tenendo conto dell effetto diluitivo). Alfa Romeo 4C Concept eletta Concept Car più bella dell anno dai lettori della rivista Auto Bild. Il marchio Chrysler nominato Top Popular Brand nel quindicesimo Vehicle Satisfaction Awards di AutoPacific, una rilevazione che misura annualmente la soddisfazione di oltre nuovi proprietari di veicoli. Inoltre, si sono classificati al primo posto nelle rispettive categorie, il MY2011 di Chrysler Town & Country (Minivan) e il MY2011 del Jeep Grand Cherokee (Premium Mid-size SUV) Giugno Relazione sulla gestione Fiat Powertrain e Suzuki Motor Corporation hanno siglato un accordo per la fornitura a Suzuki del motore diesel 1.6 MultiJet II da 120 Cv di Fiat Powertrain per il nuovo veicolo Suzuki SX4. Il motore 1.6 MultiJet II da 120 Cv sarà impiegato sulla prossima piattaforma Suzuki SX4, in sostituzione del propulsore 2.0 da 135 Cv, anch esso di Fiat Powertrain, che equipaggia l attuale piattaforma SX4. Dopo la presentazione al Salone di Ginevra, iniziata la commercializzazione della nuova Lancia Ypsilon.

10 38 Relazione sulla gestione I fatti salienti del 2011 Iniziata la commercializzazione del Fiat Freemont. Settembre Al Salone Internazionale di Francoforte, Fiat ha presentato la terza generazione della Panda, con una gamma composta da 4 motori (0.9 TwinAir Turbo da 85 Cv, 0.9 TwinAir Aspirato da 65 Cv, 1.2 Fire da 69 Cv e 1.3 MultiJet II da 75 Cv), 3 allestimenti e altre personalizzazioni per un totale di oltre 600 combinazioni. Presentato anche il nuovo Freemont a trazione integrale (AWD) con due motorizzazioni: 2.0 diesel MultiJet II da 170 Cv e 3.6 benzina V6 da 280 Cv entrambe con cambio automatico. Chrysler assegna ufficialmente lo status di marchio alla sua divisione sportiva Street and Racing Technology (SRT) team per beneficiare appieno della capacità propria del brand di progettare e costruire veicoli che rappresentano un riferimento sul mercato americano delle vetture ad alte prestazioni per Chrysler, Jeep e Dodge. Il model year 2011 del Chrysler Town & Country e il Dodge Challenger si classificano al primo posto, rispettivamente, nei segmenti dei minivan e delle sportive medie nel J.D. Power and Associates 2011 U.S. Initial Quality Study SM (IQS). Luglio Settembre Protagonisti dello stand Lancia al Salone di Francoforte sono stati invece Thema e Voyager, i primi due modelli frutto dell alleanza tra Lancia e Chrysler. Lancia Thema, proposta in tre allestimenti e tre motorizzazioni: il 3.6 benzina V6 da 286 Cv con cambio automatico a 8 rapporti e i 3.0 diesel V6 da 190 Cv e 239 Cv. Il nuovo Voyager, proposto con due motorizzazioni: il 3.6 benzina V6 da 283 Cv con cambio automatico a 6 rapporti ed il 2.8 diesel da 163 Cv. Settembre Presentata al Salone di Francoforte la nuova 458 spider, il primo 8 cilindri con motore posteriore centrale con una capote in alluminio invece della tradizionale capote in tela. Fiat ha concluso l emissione di altri due prestiti obbligazionari il primo da 900 milioni di euro (cedola fissa del 6,125%, scadenza a luglio 2014) e il secondo da 600 milioni di euro (con cedola fissa del 7,375%, scadenza a luglio 2018). I titoli sono stati emessi da Fiat Finance and Trade Ltd S.A., società interamente controllata da Fiat S.p.A., nell ambito del programma di Global Medium Term Notes garantito da Fiat S.p.A. Il 21 luglio 2011, dopo l ottenimento delle necessarie autorizzazioni normative, Fiat ha acquistato per 500 milioni di dollari la quota del 6,0% (tenendo conto dell effetto diluitivo) detenuta in Chrysler dal Tesoro Statunitense. Nella stessa data il Dipartimento del Tesoro ha ceduto a Fiat i diritti spettantigli in forza dell Equity Recapture Agreement e Fiat ha pagato il corrispettivo di 75 milioni di dollari. Fiat ha inoltre acquistato la partecipazione dell 1,5% (tenuto conto dell effetto diluitivo), detenuta in Chrysler dal Canada per un corrispettivo di 125 milioni di dollari. Dalle linee dell impianto Fiat Auto Poland di Tychy è uscito l esemplare numero della Fiat Panda, un altro storico traguardo per il modello. La Fiat 500 si è aggiudicata la XXII edizione dell autorevole premio di design Compasso d Oro ADI.

11 39 Settembre Settembre Fiat S.p.A. è stata riconosciuta, per il terzo anno consecutivo, leader di sostenibilità e confermata negli indici Dow Jones Sustainability (DJSI) World e Dow Jones Sustainability Europe. Fiat ha ottenuto, insieme a BMW, il massimo punteggio del settore Automobiles (94/100) rispetto a una media di 72/100 delle aziende del comparto analizzate da SAM, società specializzata negli investimenti di sostenibilità. Jeep ha presentato a Francoforte tre anteprime per il pubblico europeo: il nuovo Grand Cherokee SRT8, una versione ad alte prestazioni dotata del nuovo propulsore HEMI da 6,4 litri e 470 Cv di potenza, il motore Pentastar 3.6 benzina V6 da 284 Cv di potenza che andrà ad equipaggiare la gamma 2012 di Jeep Wrangler e Jeep Wrangler Unlimited. Infine, ha debuttato la serie speciale Arctic di Jeep Wrangler, realizzata per sfidare territori estremi. Al Salone di Francoforte, presentato in anteprima mondiale il nuovissimo concept SUV, il primo della storia Maserati, denominato Kubang, apripista della futura gamma del Tridente. Il 30 settembre, Fiat ha annunciato la propria decisione di uscire da Confindustria con effetto dal 1 gennaio Relazione sulla gestione Settembre Fiat S.p.A. entra nel Global 500 Carbon Disclosure Leadership Index (CDLI) e Carbon Performance Leadership Index (CPLI) secondo il rapporto pubblicato dal Carbon Disclosure Project (CDP). Lo studio ha coinvolto oltre 400 aziende di tutto il mondo. Fiat ha conseguito il punteggio di 93/100 per la trasparenza nella comunicazione e il massimo punteggio ( A ) per l impegno dimostrato nell abbattimento delle emissioni di anidride carbonica. Inaugurata nella frazione di Bazzano (L Aquila) la scuola per l infanzia realizzata con i fondi messi a disposizione da Fiat S.p.A., in collaborazione con i concessionari italiani di Fiat, Alfa, Lancia, Abarth, Fiat Professional e Maserati, in seguito al grave terremoto che ha colpito l Abruzzo nell aprile del Ottobre Fiat conferma l intenzione di installare nello stabilimento di Mirafiori la versione più aggiornata di una delle tre principali architetture sulla quale saranno prodotti diversi modelli dei vari marchi. L installazione degli impianti produttivi inizierà nel 2012 mentre l inizio della produzione del primo modello, un SUV a marchio Jeep, è previsto per la seconda metà del La produzione dell Alfa Romeo Mito, incluse nuove versioni e aggiornamenti, viene confermata per lo stabilimento di Mirafiori.

12 40 Relazione sulla gestione I fatti salienti del 2011 Dicembre Fiat S.p.A. entra a far parte dell élite di aziende incluse nell indice ASPI Eurozone che seleziona le 120 migliori Società dell Eurozona sulla base della ricerca condotta da VIGEO, leader europeo nella valutazione sociale, ambientale e di governance delle imprese. L Advanced Sustainability Performance Eurozone Index ( ASPI Eurozone ) è uno dei principali indici di sostenibilità ed è utilizzato dalla sempre più numerosa comunità di investitori socialmente responsabili per definire universi investibili SRI (Socially Responsible Investments), per misurare i loro rendimenti o creare prodotti di investimento a gestione passiva. Fiat annuncia che sarà sviluppato in Italia e prodotto a partire dall inizio del 2013 nello stabilimento FMA di Pratola Serra (AV) un nuovo motore benzina turbo ad iniezione diretta per il marchio Alfa Romeo. Il nuovo propulsore a 4 cilindri, con una cilindrata di 1,8 litri e una potenza massima fino a 300 Cv, sarà conforme alle future normative anti inquinamento europee (Euro 6) ed americane (Tier2Bin5). Conclusa positivamente la sindacazione della linea stipulata il 27 luglio con un gruppo di 18 banche per 1,75 miliardi di euro di durata triennale. L ampio eccesso di sottoscrizione ha consentito di incrementare l importo fino a 1,95 miliardi di euro, dimostrando il forte supporto in favore di Fiat S.p.A. da parte del sistema bancario. La linea, sostituisce la linea di credito revolving da 1 miliardo di euro a 3 anni, originariamente firmata a febbraio Dicembre Il 13 dicembre, Fiat ha annunciato la firma di un nuovo contratto collettivo con la maggior parte dei sindacati che si applica a tutti i dipendenti Fiat in Italia a partire dal 1 gennaio Il 27 ottobre, il Consiglio di Amministrazione di Fiat S.p.A. ha deliberato di proporre agli azionisti la conversione delle azioni privilegiate e di risparmio della Società in azioni ordinarie. Se approvata dalle competenti assemblee degli azionisti, la proposta comporterà la conversione in azioni ordinarie di tutte le azioni privilegiate e di risparmio, riducendo la complessità della struttura del capitale e semplificando la governance della Società. Il 26 ottobre lo United Automobile, Aerospace and Agriculture Implement Workers of America (UAW), ha ratificato con Chrysler un nuovo contratto di lavoro nazionale di durata quadriennale. Dicembre Chrysler Group LLC e Fiat hanno annunciato l apertura di due centri di distribuzione Mopar, uno a Shanghai e uno a Dubai, per sostenere la crescita nei mercati internazionali.

13

14

15 Dati economici e patrimoniali per Settore di Attività Relazione sulla gestione 43 Dati economici e patrimoniali per Settore di Attività Ricavi netti Utile/(Perdita) della gestione ordinaria Utile/(Perdita) operativa Totale Attività operative (in milioni di euro) Fiat Group Automobiles Chrysler (1) Maserati Ferrari Componenti (Magneti Marelli) Fiat Powertrain Prodotti Metallurgici (Teksid) (2) Mezzi e Sistemi di Produzione (Comau) (6) (120) (6) Altre Attività ed Elisioni (7.503) (5.897) (83) (71) (137) (105) (4.818) (399) TOTALE GRUPPO FIAT Relazione sulla gestione Totale Spesa in Ricerca Passività operative Investimenti (2) e sviluppo (3) Dipendenti (numero) (in milioni di euro) Fiat Group Automobiles Chrysler (1) Maserati Ferrari Componenti (Magneti Marelli) Fiat Powertrain Prodotti Metallurgici (Teksid) Mezzi e Sistemi di Produzione (Comau) Altre Attività ed Elisioni (1.224) (27) (34) TOTALE GRUPPO FIAT (1) Consolidata dal 1 giugno (2) Investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali (al netto dei veicoli ceduti in buy-back e dati in leasing operativo). (3) Include i costi per Ricerca e Sviluppo capitalizzati e quelli imputati direttamente al conto economico dell esercizio.

16 44 Relazione sulla gestione Principali rischi e incertezze cui Fiat S.p.A. e le sue controllate sono esposte Principali rischi e incertezze cui Fiat S.p.A. e le sue controllate sono esposte Si evidenziano qui di seguito i principali fattori di rischio o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività di Fiat S.p.A. e delle sue controllate, che da Giugno 2011 includono Chrysler. Rischi addizionali ed eventi incerti, attualmente non prevedibili o che si ritengono al momento improbabili, potrebbero parimenti influenzare l attività, le condizioni economiche e finanziarie e le prospettive del Gruppo Fiat. Rischi connessi alle condizioni generali dell economia La situazione economico-finanziaria del Gruppo può essere influenzata dai vari fattori che compongono il quadro macro-economico - inclusi incrementi o decrementi del prodotto interno lordo, il livello di fiducia dei consumatori e delle imprese, variazioni dei tassi di interesse per il credito al consumo e alle imprese, i prezzi dell energia, il costo delle commodity o di altre materie prime e il tasso di disoccupazione - nei vari paesi in cui il Gruppo opera. Ad esempio, la recessione economica globale nel 2008 e nella prima parte del 2009 ha influenzato negativamente i risultati del Gruppo. La debolezza dell economia ha determinato una significativa riduzione della domanda per la maggior parte dei prodotti del Gruppo stesso. L attuale debolezza economica dei paesi dell Eurozona, tra cui l Italia, sta generando una seria incertezza circa la possibile evoluzione dell attività economica in quest area nel futuro prevedibile. In Europa, nonostante le misure adottate da molti Governi, organismi nazionali e internazionali e dalle autorità monetarie per fornire supporto finanziario agli stati membri dell Unione Europea in difficoltà e per fronteggiare l eventualità di un default del debito sovrano da parte di alcuni Paesi Europei, persistono riserve sul peso del debito di certi Paesi dell Eurozona e sulla loro capacità di onorare gli impegni finanziari futuri, sulla stabilità complessiva dell euro e sulla funzionalità dell euro come moneta unica (o, in circostanze più estreme, sulla possibile dissoluzione dell euro stesso), in considerazione della diversità dei contesti economici e politici tra gli Stati Membri dell Eurozona. Questi potenziali sviluppi potrebbero impattare negativamente i business e le attività del Gruppo. A seguito dell acquisizione del controllo di Chrysler nel 2011, circa il 45% dei ricavi del Gruppo sono generati nella regione NAFTA poiché Chrysler vende i suoi veicoli principalmente in Nord America (Stati Uniti e Canada). Sebbene Chrysler stia cercando di incrementare la percentuale di vendite al di fuori del Nord America (direttamente o attraverso Fiat), prevede che i risultati delle proprie attività continueranno a dipendere sostanzialmente dalle vendite sui mercati nord americani, in particolare negli Stati Uniti. Qualsiasi significativo deterioramento delle condizioni economiche degli Stati Uniti e/o del Canada potrebbero conseguentemente avere un effetto negativo sui risultati economici, sulla situazione finanziaria e sui flussi di cassa del Gruppo Fiat. In generale, il Gruppo opera principalmente in un settore storicamente soggetto ad elevata ciclicità, che tende a riflettere il generale andamento dell economia, in taluni casi anche ampliandone la portata. A causa delle difficoltà nel prevedere la dimensione e la durata dei cicli economici, non si può fornire alcuna assicurazione circa gli andamenti futuri della domanda, o dell offerta, dei prodotti venduti dal Gruppo nei mercati in cui il Gruppo stesso opera.

17 45 In aggiunta, anche in assenza di una crescita economica lenta o di recessione, altre circostanze economiche come l incremento dei prezzi dell energia, fluttuazioni dei prezzi delle materie prime o una riduzione della spesa in infrastrutture potrebbero avere conseguenze negative sul settore in cui opera il Gruppo e congiuntamente con gli altri fattori citati in precedenza, potrebbero determinare un impatto negativo significativo sulle prospettive di business del Gruppo, sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria. Rischi connessi all elevato livello di concorrenzialità e ciclicità nell industria dell automobile Sostanzialmente tutti i ricavi del Gruppo sono generati nell industria automobilistica, che è altamente concorrenziale e comprende il settore della produzione e distribuzione di automobili, veicoli commerciali leggeri e componenti e sistemi di produzione. Il Gruppo compete in Europa, Nord America e America Latina con altri gruppi di rilievo internazionale nella produzione e distribuzione di automobili, veicoli commerciali leggeri e nella fornitura dei relativi componenti. Tali mercati sono altamente concorrenziali in termini di qualità dei prodotti, innovazione, prezzo, efficienza nei consumi, affidabilità e sicurezza, assistenza alla clientela e servizi finanziari offerti. Nel corso degli ultimi anni, la concorrenza in particolare in termini di prezzo è aumentata significativamente nel settore in cui il Gruppo opera. Inoltre, in parte anche a causa della recente contrazione della domanda di veicoli, la capacità produttiva mondiale nell industria dell auto supera abbondantemente la domanda corrente. Questa sovraccapacità produttiva, combinata con l elevato grado di concorrenza e con le condizioni di debolezza delle maggiori economie mondiali, potrebbe aumentare la tensione sui prezzi dei veicoli. Fiat ha un incidenza di costi fissi relativamente elevata e potrebbe incontrare significative limitazioni nella capacità di ridurre i costi fissi per mezzo di chiusure di stabilimenti e/o riduzione del costo del lavoro. I principali concorrenti di Fiat potrebbero reagire a questo contesto cercando di rendere i loro modelli più attraenti o più convenienti agli occhi della clientela, aggiungendo optional, offrendo finanziamenti agevolati o programmi di leasing, sconti, riduzioni di prezzo o altre forme di incentivazione, oppure ancora riducendo i prezzi di vendita su taluni mercati. In aggiunta, i costruttori che operano in paesi con costi di produzione più bassi, hanno annunciato l intenzione di esportare automobili a basso costo sui mercati maturi. Queste iniziative hanno avuto, e potrebbero continuare ad avere un impatto negativo sul prezzo dei veicoli Fiat, sulle quote di mercato e i risultati operativi. L offerta di veicoli attraenti per la clientela può ridurre i rischi di una più aspra concorrenza basata sui prezzi, mentre l offerta di veicoli che fossero percepiti come meno attraenti (in termini di prezzo, qualità, stile, sicurezza o altro) può esacerbare questi rischi. Nel business delle Automobili le vendite al cliente finale sono cicliche e variano in funzione delle condizioni generali dell economia, della propensione al consumo del cliente finale, della capacità dei clienti di ottenere finanziamenti e dell eventuale messa a disposizione di misure di stimolo della domanda da parte dei governi. Inoltre, il settore è soggetto ad un costante rinnovo dell offerta attraverso lanci frequenti di nuovi modelli sul mercato. Un andamento sfavorevole del business automobilistico potrebbe incidere in maniera significativamente negativa sulle prospettive di business del Gruppo Fiat, nonché sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria. Qualora il Gruppo non fosse in grado di adattarsi efficacemente al contesto esterno di mercato, si potrebbe determinare un significativo impatto negativo sulle prospettive di business del Gruppo, nonché sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria. Relazione sulla gestione Rischi connessi alla capacità di offrire prodotti innovativi Il successo delle attività del Gruppo dipende, tra le altre cose, dalla capacità di mantenere o incrementare le proprie quote sui mercati in cui attualmente opera e/o di espandersi in nuovi mercati attraverso prodotti innovativi e di elevato standard qualitativo che garantiscano adeguati livelli di redditività. In particolare, qualora il Gruppo non fosse in grado di sviluppare e offrire prodotti innovativi e competitivi rispetto a quelli dei principali concorrenti in termini, tra l altro, di prezzo, qualità, funzionalità, o qualora vi fossero dei ritardi nell uscita sul mercato di modelli strategici per il business del Gruppo, le sue quote di mercato potrebbero ridursi con significativi impatti negativi sulle prospettive di business del Gruppo, nonché sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria. Rischi connessi alla politica di alleanze industriali mirate Il Gruppo in passato ha intrapreso, e potrà intraprendere in futuro, importanti operazioni societarie come fusioni, acquisizioni, joint venture e ristrutturazioni, il cui successo è difficilmente prevedibile. Non ci può essere certezza che una qualunque operazione societaria eventualmente realizzata in futuro, non incontri difficolta amministrative, tecniche, operative, regolamentari, politiche o finanziarie o di altro tipo (incluse difficoltà correlate al coordinamento tra differenti azionisti o partner) e quindi non sia in grado di produrre i

18 46 Relazione sulla gestione Principali rischi e incertezze cui Fiat S.p.A. e le sue controllate sono esposte benefici attesi. L insuccesso di qualunque alleanza strategica, joint venture, fusione o operazione assimilabile potrebbe avere un impatto significativo sulle prospettive delle attività del Gruppo, sulla sua redditività o situazione finanziaria. Rischi associati all alleanza con Chrysler L acquisizione del controllo di Chrysler e la relativa alleanza ha lo scopo di fornire sia a Fiat che a Chrysler i benefici di una collaborazione a lungo termine, tra i quali la condivisione di piattaforme comuni, motori e cambi per nuovi veicoli, efficienze su acquisti, servizi e opportunità distributive globali. L alleanza ha anche lo scopo di facilitare per entrambe le parti la penetrazione su diversi mercati internazionali dove i prodotti di entrambi potrebbero essere attraenti per i consumatori, ma sui quali una delle due parti non ha ancora una presenza significativa. La capacità di realizzare i benefici dell alleanza è critica per Fiat e per Chrysler per competere con gli altri costruttori. Se le parti non sono in grado di trasformare le opportunità offerte dall alleanza in benefici commerciali di lungo termine, sia incrementando le vendite di veicoli e ricambi sia riducendo i costi o in entrambi i modi, la situazione finanziaria del Gruppo e la sua redditività ne risentiranno significativamente. In aggiunta, qualunque sviluppo sfavorevole nell investimento in Chrysler e nell alleanza, potrebbe avere un significativo effetto negativo sulle prospettive delle attività del Gruppo, sulla sua situazione finanziaria e sui suoi risultati. Quindi, se l investimento e l alleanza non dovessero portare i benefici attesi, o dovessero sorgere cambiamenti nelle situazioni di Fiat o di Chrysler, potrebbero verificarsi significativi effetti negativi per le prospettive di business del Gruppo, per la sua situazione finanziaria e i suoi risultati. Rischi relativi alle vendite sui mercati internazionali e all esposizione a condizioni locali mutevoli Il Gruppo è esposto ai rischi inerenti l operare su scala globale, inclusi quelli relativi: all esposizione a condizioni economiche e politiche locali; all attuazione di politiche restrittive delle importazioni e/o esportazioni; alla sottoposizione a molteplici regimi fiscali, in particolare in tema di transfer pricing e di applicazione di ritenute o altre imposte su rimesse e altri pagamenti a favore di, o da parte di, società controllate; all introduzione di politiche limitative o restrittive degli investimenti stranieri e/o del commercio, nonché politiche di controllo dei tassi di cambio e relative restrizioni al rimpatrio dei capitali; e/o all introduzione di leggi o regolamenti più restrittivi. Il verificarsi di sviluppi sfavorevoli in tali aspetti (che potrebbero anche essere differenti a seconda dei paesi in cui il Gruppo opera) potrebbe incidere in maniera significativamente negativa sulle prospettive di business del Gruppo, nonché sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria. Rischi connessi alla presenza del Gruppo in mercati emergenti Il Gruppo opera in diversi paesi emergenti, sia direttamente (come in Brasile e Argentina), sia tramite joint venture ed altri accordi di cooperazione (come in Turchia, India, Cina e Russia). L esposizione del Gruppo all andamento di questi paesi è aumentata negli anni recenti, come anche il numero e l importanza di queste joint venture e accordi di cooperazione. Gli sviluppi politici o economici in questi mercati emergenti, ivi incluse crisi economiche o instabilità politica, hanno inciso e potrebbero incidere in futuro in maniera significativamente negativa sulle prospettive di business del Gruppo, nonché sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria.

19 47 Rischi connessi ai rapporti con i dipendenti e i fornitori In diversi paesi in cui il Gruppo opera, i dipendenti del Gruppo sono protetti da varie leggi e/o contratti collettivi di lavoro che garantiscono loro, tramite rappresentanze locali e nazionali, il diritto di essere consultati riguardo a specifiche questioni, ivi inclusi il ridimensionamento o la chiusura di reparti e la riduzione dell organico. Tali leggi e/o contratti collettivi di lavoro applicabili al Gruppo potrebbero influire sulla flessibilità del Gruppo stesso nel ridefinire e/o riposizionare strategicamente le proprie attività. La capacità del Gruppo di operare eventuali riduzioni di personale o altre misure di interruzione, anche temporanea, del rapporto di lavoro è condizionata da autorizzazioni governative e dal consenso dei sindacati. Azioni sindacali da parte dei dipendenti potrebbero avere effetti negativi sul business dell azienda. Inoltre, il Gruppo acquista materie prime e componenti da un ampio numero di fornitori e dipende dai servizi e dai prodotti fornitigli da altre aziende esterne al Gruppo. Alcune di tali imprese sono anche altamente sindacalizzate. Una stretta collaborazione tra il produttore e i fornitori è usuale nei settori in cui il Gruppo opera e, se da un lato può portare benefici economici in termini di riduzione dei costi, dall altro fa sì che il Gruppo debba fare affidamento su detti fornitori con la conseguente possibilità che difficoltà dei fornitori (siano esse originate da fattori esogeni o endogeni), anche di natura finanziaria, possano ripercuotersi in maniera significativamente negativa sulle prospettive di business del Gruppo, nonché sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria. Rischi associati all aumento dei costi, interruzione delle forniture o carenza di materie prime Fiat utilizza per le sue produzioni diverse materie prime incluso l acciaio, l alluminio, il piombo, le resine, il rame e metalli preziosi come platino, palladio e rodio. I prezzi di queste materie prime fluttuano e, a volte, in periodi recenti, sono cresciuti significativamente per effetto del cambiamento delle condizioni di mercato. Fiat cerca di gestire la propria esposizione a tali fluttuazioni, ma potrebbe non essere in grado di coprire tali rischi. Incrementi rilevanti dei prezzi delle materie prime potrebbero comportare un incremento dei costi operativi del Gruppo e ridurne la profittabilità se non fosse possibile ribaltare l incremento dei costi sui prezzi di vendita dei veicoli. In aggiunta alcune materie prime sono fornite da un limitato numero di fornitori concentrati in pochi paesi. Il Gruppo non può garantire che sarà in grado di mantenere gli accordi con questi fornitori che garantiscono l accesso a tali materie prime, e in alcuni casi la disponibilità può essere limitata da fattori che non sono sotto il controllo del Gruppo e dei suoi fornitori. Ad esempio, il recente terremoto e tsunami in Giappone ha negativamente influenzato i mercati delle materie prime. Qualunque evento futuro analogo a quello descritto può avere effetti importanti e imprevedibili sul prezzo di talune materie prime. Come per le materie prime, il Gruppo è soggetto al rischio di difficoltà di approvvigionamento o interruzione nelle forniture di ricambi e componenti per i suoi veicoli. Qualunque interruzione nelle forniture o incremento del costo delle materie prime, ricambi e componenti, potrebbe influenzare negativamente e in misura significativa le possibilità del Gruppo di incrementare le vendite dei suoi veicoli e migliorare i propri risultati. Relazione sulla gestione Rischi connessi alla normativa in materia di ambiente e agli interventi governativi in genere I prodotti e le attività del Gruppo sono soggetti a molteplici norme e regolamenti (locali, nazionali e sovranazionali) in materia ambientale, e tale regolamentazione è oggetto di revisione in senso restrittivo in molti ambiti geografici in cui il Gruppo opera (ciò avviene in particolare nell Unione Europea). Tali normative riguardano, tra l altro, sia i prodotti, con la previsione di norme sempre più severe in materia di emissione di gas inquinanti nell atmosfera, riduzione dei consumi di combustibili e sicurezza, sia gli stabilimenti, interessati dalla normativa in materia di emissioni in atmosfera, smaltimento dei rifiuti, smaltimento delle acque e divieto di contaminazione dei terreni. Per adeguarsi a tali norme e regolamenti, il Gruppo impiega ingenti risorse e prevede di dover continuare a sostenere costi elevati in futuro. Inoltre, iniziative governative dirette a stimolare la domanda per i prodotti di riferimento del Gruppo, sotto forma di cambiamenti nei regimi fiscali o di concessione di incentivi per l acquisto di nuovi veicoli, possono condizionare in maniera significativa, sia a livello temporale che quantitativo, i ricavi del Gruppo. Tali interventi governativi non sono prevedibili (né in termini di dimensioni né di durata) e sono fuori dal controllo del Gruppo. Ogni cambiamento sfavorevole nell indirizzo degli interventi governativi potrebbe incidere in maniera significativamente negativa sulle prospettive di business del Gruppo, nonché sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria.

20 48 Relazione sulla gestione Principali rischi e incertezze cui Fiat S.p.A. e le sue controllate sono esposte Rischi connessi al management Il successo del Gruppo dipende in larga parte dall abilità dei propri amministratori esecutivi e degli altri componenti del management di gestire efficacemente il Gruppo e le singole aree di business. La perdita di un amministratore esecutivo, senior manager o altre risorse chiave senza un adeguata sostituzione, nonché l incapacità di attrarre, trattenere e incentivare risorse nuove e qualificate, potrebbe pertanto avere effetti negativi significativi sulle prospettive di business del Gruppo, nonché sui risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria. Rischi connessi al fabbisogno di mezzi finanziari Il futuro andamento del Gruppo dipenderà, tra l altro, dalla sua capacità di far fronte ai fabbisogni derivanti dai debiti in scadenza e dagli investimenti previsti attraverso i flussi derivanti dalla gestione operativa, la liquidità disponibile, il rinnovo o il rifinanziamento dei prestiti bancari e l eventuale ricorso al mercato dei capitali o ad altre fonti di finanziamento. Per quanto il Gruppo abbia posto in essere misure volte ad assicurare che siano mantenuti livelli adeguati di capitale circolante e di liquidità, eventuali contrazioni nei volumi di vendita potrebbero avere un impatto negativo sulla capacità delle attività operative del Gruppo di generare cassa. Il Gruppo potrebbe pertanto trovarsi nelle condizioni di dover reperire ulteriori finanziamenti e rifinanziamenti del debito esistente, anche in presenza di condizioni di mercato non favorevoli, con una generale riduzione delle fonti di finanziamento disponibili e costi più elevati. Eventuali difficoltà nel reperire tali finanziamenti potrebbero determinare impatti negativi significativi sulle prospettive di business del Gruppo, nonché sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione finanziaria. Rischi connessi all indebitamento di Fiat per effetto dell acquisizione del controllo di Chrysler Anche dopo l acquisizione del controllo di Chrysler da parte di Fiat, Chrysler continua a restare separata sotto il profilo della gestione finanziaria, incluso il reperimento di fondi sul mercato e la gestione della liquidità. Inoltre, Fiat non ha assunto alcuna garanzia, impegno o obbligazione similare in relazione a qualsivoglia obbligazione finanziaria di Chrysler, né ha assunto alcun tipo di obbligo o impegno a finanziare Chrysler in futuro. Taluni prestiti obbligazionari emessi da Fiat prevedono, peraltro, termini la cui osservanza potrebbe essere condizionata da eventi legati a Chrysler. In particolare tali obbligazioni contengono clausole di cross-default che potrebbero comportare l obbligo di un rimborso anticipato da parte di Fiat qualora una material subsidiary (ossia una società controllata rilevante) non pagasse taluni debiti alla scadenza ovvero fosse altrimenti soggetta ad un obbligo di rimborso anticipato di tali prestiti. In conseguenza dell acquisizione da parte di Fiat del controllo di Chrysler, Chrysler Group LLC è qualificata come material subsidiary e talune delle sue controllate possono divenire material subsidiary di Fiat ai sensi dei suddetti prestiti obbligazionari. In conseguenza di ciò, la clausola di cross-default potrebbe comportare un obbligo di rimborso anticipato dei prestiti obbligazionari di Fiat nel caso in cui i debiti di Chrysler fossero soggetti a richieste di rimborso anticipato o non fossero pagati a scadenza. Non vi può essere certezza che non sorga per Chrysler un obbligo di rimborso anticipato dei suoi debiti o che Chrysler sia in grado di pagarli alla scadenza. Rischi connessi al rating di Fiat La possibilità di accesso al mercato dei capitali, il finanziamento e i costi ad esso connessi dipendono, tra l altro, dal merito di credito assegnato al Gruppo. A seguito delle riduzioni del merito di credito operate dalle principali agenzie di rating nel corso del primo trimestre del 2009 e nel 2011, l attuale rating di Fiat è inferiore all Investment Grade e, in particolare, per il debito a lungo termine pari a: Ba2 (Ba3 per i prestiti obbligazionari senior unsecured) con outlook negativo per Moody s Investors Service Inc.; BB, sotto osservazione per possibile downgrade, per Standard & Poor s Rating Services (divisione di McGraw Hill Companies, Inc.) e BB con outlook negativo per Fitch Ratings Ltd. Le agenzie di rating rivedono i loro giudizi almeno una volta all anno e, al momento, non si può escludere l assegnazione a Fiat di nuovi rating nel corso del Non è attualmente possibile prevedere la

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

PRINCIPALI RISCHI E INCERTEZZE RELATIVI ALL ATTIVITÀ DEL GRUPPO FIAT. Rischi connessi alle condizioni generali dell economia

PRINCIPALI RISCHI E INCERTEZZE RELATIVI ALL ATTIVITÀ DEL GRUPPO FIAT. Rischi connessi alle condizioni generali dell economia PRINCIPALI RISCHI E INCERTEZZE RELATIVI ALL ATTIVITÀ DEL GRUPPO FIAT Rischi connessi alle condizioni generali dell economia La situazione economica, patrimoniale e finanziaria del Gruppo è influenzata

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione Relazione 38 46 64 65 73 76 81 81 82 90 94 104 111 112 113 117 Principali rischi e incertezze cui Fiat S.P.A. e le sue controllate sono esposte Analisi della situazione economico-finanziaria del Gruppo

Dettagli

Relazione sulla Gestione

Relazione sulla Gestione Relazione sulla Gestione Principali rischi e incertezze cui Fiat S.p.A. e le sue controllate sono esposte... 30 Analisi della situazione economico-finanziaria del Gruppo... 42 Andamento della gestione

Dettagli

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013.

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013. Informazioni in materia di obiettivi 2014, cash flow 2014, merito di credito, accesso alle risorse finanziarie di Chrysler Group LLC e riorganizzazione societaria richieste da Consob Con lettera del 13

Dettagli

(in milioni di euro) 2015 2014 Variazioni

(in milioni di euro) 2015 2014 Variazioni FCA ha chiuso il primo trimestre con ricavi in aumento del 19% a 26,4 miliardi di euro e un Adjusted EBIT in crescita del 22% a 800 milioni di euro. L indebitamento netto industriale è aumentato di 0,9

Dettagli

1 trimestre 2011. Comunicato stampa RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

1 trimestre 2011. Comunicato stampa RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Comunicato stampa RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 FIAT HA CHIUSO IL SUO PRIMO TRIMESTRE DOPO LA SCISSIONE CON RICAVI IN CRESCITA DEL 7,1% E PARI A 9,2 MILIARDI DI EURO, UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA

Dettagli

GRUPPO FIAT Highlights

GRUPPO FIAT Highlights IL GRUPPO FIAT HA CHIUSO IL 2013 CON UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA DI 3,4 MILIARDI DI EURO E UN INDEBITAMENTO NETTO INDUSTRIALE DI 6,6 MILIARDI DI EURO: SIGNIFICATIVA DIMINUZIONE DELLE PERDITE IN EMEA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO Fiat Industrial S.p.A. Fiat S.p.A. Sede in Torino, via Nizza 250 Sede in Torino, via Nizza 250 Capitale sociale 120.000 euro Capitale sociale 6.377.262.975 euro Registro delle Imprese di Torino Registro

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO. SCISSIONE PARZIALE PROPORZIONALE DI FIAT S.p.A. A FAVORE DI FIAT INDUSTRIAL S.p.A.

DOCUMENTO INFORMATIVO. SCISSIONE PARZIALE PROPORZIONALE DI FIAT S.p.A. A FAVORE DI FIAT INDUSTRIAL S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell articolo 70, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato relativo a SCISSIONE PARZIALE PROPORZIONALE DI FIAT

Dettagli

I fatti salienti del 2012

I fatti salienti del 2012 Pubblicata su Bilancio consolidato 2012 - Gruppo Fiat (http://annualreport2012.fiatspa.com) 4 Home > PDF Printer-friendly I fatti salienti del 2012 Versione html i fatti salienti del 2012 gennaio febbraio

Dettagli

Il Gruppo in sintesi. Il 2011 in sintesi. I marchi. Il Gruppo nel mondo. La responsabilità come modo di operare

Il Gruppo in sintesi. Il 2011 in sintesi. I marchi. Il Gruppo nel mondo. La responsabilità come modo di operare Il Gruppo in sintesi 14 16 24 26 Il 2011 in sintesi I marchi Il Gruppo nel mondo La responsabilità come modo di operare 14 Il Gruppo Il 2011 in sintesi in sintesi Il 2011 in sintesi Risultati dell esercizio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il 2014 con una forte performance, in linea con i target. I Ricavi sono cresciuti dell 11% a 96,1 miliardi di euro e l, escluse le componenti atipiche, è salito a 3,7 miliardi di euro. L

Dettagli

Il Gruppo in sintesi. Highlights Il Gruppo nel mondo I marchi Azionisti I fatti salienti del 2012 Un Gruppo globale e responsabile.

Il Gruppo in sintesi. Highlights Il Gruppo nel mondo I marchi Azionisti I fatti salienti del 2012 Un Gruppo globale e responsabile. Il Gruppo in sintesi 14 16 18 23 26 34 Highlights Il Gruppo nel mondo I marchi Azionisti I fatti salienti del 2012 Un Gruppo globale e responsabile xx xx xx xx xx xx 14 Il Gruppo in sintesi Highlights

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 16 Settembre 2010 1 Agenda I. La Scissione: Obiettivi e descrizione dell

Dettagli

Relazione Finanziaria Annuale

Relazione Finanziaria Annuale Relazione Finanziaria Annuale Al 31 dicembre 2011 106 Esercizio Assemblea degli Azionisti I Signori Azionisti titolari di azioni ordinarie e azioni privilegiate sono convocati in assemblea ordinaria e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

2 trimestre 2009. Comunicato stampa RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2009

2 trimestre 2009. Comunicato stampa RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2009 Comunicato stampa RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2009 IN UN MERCATO ESTREMAMENTE DIFFICILE, IL GRUPPO FIAT HA CHIUSO IL TRIMESTRE CON UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA DI 310 MILIONI DI EURO (MARGINE

Dettagli

3 trimestre 2010. Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2010

3 trimestre 2010. Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2010 Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2010 IL GRUPPO FIAT HA CHIUSO IL TERZO TRIMESTRE CON RICAVI PARI A 13,5 MILIARDI DI EURO, IN AUMENTO DELL 11,9% RISPETTO AL TERZO TRIMESTRE 2009, E CON UN

Dettagli

Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei»

Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei» Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei» Daniele Chiari Head of Product Planning and Institutional Relations

Dettagli

COMPANY CAR DRIVE - VALLELUNGA. Relatore: Dr. Nicola Pumilia Fleet Europe Sales Director

COMPANY CAR DRIVE - VALLELUNGA. Relatore: Dr. Nicola Pumilia Fleet Europe Sales Director COMPANY CAR DRIVE - VALLELUNGA Relatore: Dr. Nicola Pumilia Fleet Europe Sales Director FIAT S.p.A. 88,4% 100% 100% 100% 85 % 58,5% 100% 100% 100% 100% 84,8% RISULTATI FINANZIARI Ricavi totali 2011 59.559

Dettagli

3 trimestre 2009. Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2009

3 trimestre 2009. Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2009 Comunicato stampa RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2009 NONOSTANTE L ESTREMA DEBOLEZZA DEL CONTESTO ECONOMICO GLOBALE, IL GRUPPO FIAT HA CHIUSO IL TRIMESTRE CON UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA DI 308 MILIONI

Dettagli

John Elkann, PRESIDENTE SERGIO MARCHIONNE, AMMINISTRATORE DELEGATO

John Elkann, PRESIDENTE SERGIO MARCHIONNE, AMMINISTRATORE DELEGATO 2015 SOSTENIBILITà La creazione di un Gruppo integrato e globale come Fiat Chrysler Automobiles è stato per noi l evento più importante del 2014. Un fatto che ha cambiato per sempre il destino delle due

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

243 30. Informativa per settore di attività

243 30. Informativa per settore di attività 243 Nel corso dell esercizio il Gruppo ha rilevato costi per canoni di leasing per 48 milioni di euro inclusi tra gli Utili/(perdite) delle Continuing Operation e per 45 milioni di euro inclusi tra gli

Dettagli

I RAPPORTI CON I MERCATI FINANZIARI. Carta d identità al 31 dicembre 2010

I RAPPORTI CON I MERCATI FINANZIARI. Carta d identità al 31 dicembre 2010 I RAPPORTI CON I MERCATI FINANZIARI Consideriamo la credibilità riconosciutaci dai mercati finanziari uno degli asset portanti per sostenere lo sviluppo dell Azienda. Operiamo nella massima trasparenza

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile.

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. 78 Valorizzare in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. FINMECCANICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2011 performance

Dettagli

Relazione Finanziaria Annuale

Relazione Finanziaria Annuale Relazione Finanziaria Annuale Al 31 dicembre 2012 107 Esercizio Relazione Finanziaria Annuale Al 31 dicembre 2012 3 Assemblea degli Azionisti I signori Azionisti sono convocati in assemblea ordinaria

Dettagli

CHRYSLER AUTOMOBILES IN

CHRYSLER AUTOMOBILES IN DEL PIEMONTE, Processo Legislativo Settore Commissioni Consiliari INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 912 STATO DEGLI INVESTIMENTI DI FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES IN PIEMONTE Presentato dal Consigliere

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Lettura e interpretazione delle performance di gruppo * * *

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Lettura e interpretazione delle performance di gruppo * * * Lettura e interpretazione delle performance di gruppo * * * Il caso Fiat Group 1 Gli utilizzatori del financiali reporting di gruppo Utilizzatori interni Management della capogruppo Managementdll dellesocietà

Dettagli

Il Gruppo Fiat e il Piano di Sviluppo di Fiat Auto

Il Gruppo Fiat e il Piano di Sviluppo di Fiat Auto Il Gruppo Fiat e il Piano di Sviluppo di Fiat Auto Presentazione alle Istituzioni e alle Organizzazioni Sindacali Palazzo Chigi 3 Agosto 2005 Il Gruppo Fiat Gruppo industriale focalizzato sulle attività

Dettagli

Assemblea degli Azionisti Fiat Industrial S.p.A.

Assemblea degli Azionisti Fiat Industrial S.p.A. Assemblea degli Azionisti Fiat Industrial S.p.A. Intervento del Presidente Sergio Marchionne Centro Congressi Lingotto 8 aprile 2013 h 11:00 Signori Azionisti, il 2012 è stato un anno particolarmente significativo

Dettagli

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2014 Il Gruppo ha chiuso il 2014 superando gli obiettivi di margine operativo lordo e indebitamento finanziario netto Ricavi a 948,0

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013. Secondo trimestre 2013

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013. Secondo trimestre 2013 Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 Secondo trimestre 2013 INDICE ORGANI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE DEL GRUPPO FIAT... 2 RELAZIONE INTERMEDIA SULLA GESTIONE...

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SOTTOSCRIZIONE DI N. 261.225 CLASS A MEMBERSHIP INTEREST DI NUOVA EMISSIONE DI CHRYSLER GROUP LLC

DOCUMENTO INFORMATIVO SOTTOSCRIZIONE DI N. 261.225 CLASS A MEMBERSHIP INTEREST DI NUOVA EMISSIONE DI CHRYSLER GROUP LLC DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell articolo 71 del Regolamento Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato relativo alla SOTTOSCRIZIONE DI N. 261.225 CLASS A MEMBERSHIP

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

RISULTATI DEL QUARTO TRIMESTRE E DELL ESERCIZIO 2005

RISULTATI DEL QUARTO TRIMESTRE E DELL ESERCIZIO 2005 RISULTATI DEL QUARTO TRIMESTRE E DELL ESERCIZIO 2005 Fiat Auto ha conseguito, nel quarto trimestre 2005, il primo utile della gestione ordinaria (21 milioni di euro) dopo 17 trimestri consecutivi in perdita.

Dettagli

Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006

Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006 Enel: il CdA approva i risultati al 30 settembre 2006 Ricavi a 28.621 milioni di euro, +17,0% Ebitda a 6.264 milioni di euro, +4,3% Ebit a 4.885 milioni di euro, +12,4% Risultato netto del Gruppo a 2.640

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari Snam e i mercati finanziari Nel corso del 2012 i mercati finanziari europei hanno registrato rialzi generalizzati, sebbene in un contesto di elevata volatilità. Nella prima parte dell anno le quotazioni

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Comunicato stampa I RISULTATI DEL GRUPPO FIAT NEL SECONDO TRIMESTRE 2006

Comunicato stampa I RISULTATI DEL GRUPPO FIAT NEL SECONDO TRIMESTRE 2006 Comunicato stampa I RISULTATI DEL GRUPPO FIAT NEL SECONDO TRIMESTRE 2006 PERFORMANCE OPERATIVE IN CONTINUO MIGLIORAMENTO PER IL GRUPPO FIAT. RICAVI IN CRESCITA DEL 12,9% A 13,6 MILIARDI DI EURO E RISULTATO

Dettagli

Università degli studi di Urbino «Carlo Bo» Facoltà di Economia

Università degli studi di Urbino «Carlo Bo» Facoltà di Economia Università degli studi di Urbino «Carlo Bo» Facoltà di Economia Corso di Strategia d impresa A.A 2011-2012 Prof. Tonino Pencarelli Teamwork: Giada Baffioni, Debora Balducci, Samanta Gamboni, Alex Guerra

Dettagli

Comunicato stampa RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2008

Comunicato stampa RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2008 Comunicato stampa RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2008 FIAT GROUP CHIUDE IL SECONDO TRIMESTRE 2008 CON I RICAVI E IL RISULTATO DELLA GESTIONE ORDINARIA PIU ALTI NELLA SUA STORIA. QUATTORDICESIMO MIGLIORAMENTO

Dettagli

1 Trimestre (in milioni di euro) 2014 2013 (*) Variazione

1 Trimestre (in milioni di euro) 2014 2013 (*) Variazione IL GRUPPO FIAT HA CHIUSO IL PRIMO TRIMESTRE CON RICAVI IN CRESCITA DEL 12% A 22,1 MILIARDI DI EURO E UN RISULTATO DELLA GESTIONE ORDINARIA A 0,6 MILIARDI DI EURO, IN AUMENTO DEL 6% A PARITÀ DI CAMBI. L

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2015

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2015 RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2015 CNH Industrial ha chiuso il secondo trimestre con ricavi di 7,0 miliardi di dollari, utile operativo delle Attività Industriali di 401 milioni di dollari e utile netto

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Bilancio consolidato di gruppo. Lettura e interpretazione delle performance di gruppo. * * * Il caso Fiat Group

Bilancio consolidato di gruppo. Lettura e interpretazione delle performance di gruppo. * * * Il caso Fiat Group Lettura e interpretazione delle performance di gruppo * * * Il caso Fiat Group 1 v Gli utilizzatori del financial reporting di gruppo Utilizzatori interni Management della capogruppo Management delle società

Dettagli

Candela Serena Mersico Luigi

Candela Serena Mersico Luigi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategia d impresa A.A. 2014/2015 Prof. T. Pencarelli Dott. M. Dini Candela Serena Mersico Luigi INDICE 1. Cenni storici 2. Struttura

Dettagli

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti *

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti * Fiat e dintorni di Aldo Enrietti * Collocare il Piemonte e Torino nell ambito dell industria autoveicolistica, e quindi del rapporto con Fiat, richiede una preventiva valutazione delle recenti fasi del

Dettagli

RISULTATI DELL ESERCIZIO E DEL QUARTO TRIMESTRE 2009

RISULTATI DELL ESERCIZIO E DEL QUARTO TRIMESTRE 2009 Comunicato stampa RISULTATI DELL ESERCIZIO E DEL QUARTO TRIMESTRE 2009 IL GRUPPO FIAT CHIUDE IL 2009 CON UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA DI 1,1 MILIARDI DI EURO E UN INDEBITAMENTO NETTO INDUSTRIALE DI

Dettagli

PRINCIPALI RISCHI E INCERTEZZE CUI SONO ESPOSTE EXOR S.p.A. E LE IMPRESE INCLUSE NEL CONSOLIDAMENTO

PRINCIPALI RISCHI E INCERTEZZE CUI SONO ESPOSTE EXOR S.p.A. E LE IMPRESE INCLUSE NEL CONSOLIDAMENTO CORPORATE GOVERNANCE Nella riunione del 9 aprile 2014 il Consiglio di Amministrazione di EXOR S.p.A. ha tra l'altro approvato la Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari redatta ai sensi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Correggio (RE), 27 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA Correggio (RE), 27 marzo 2015 MODELLERIA BRAMBILLA: valore della produzione in crescita del 30% a Euro 16,5 milioni nel 2014, utile netto pari a Euro 0,2 milioni (dati IAS 17 Adjusted) Valore della produzione in crescita del 30% a

Dettagli

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 APPROVATI I RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2015 Ricavi consolidati totali: 36,1

Dettagli

CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012

CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012 CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012 RICAVI, REDDITO OPERATIVO, EBITDA E UTILE NETTO IN CRESCITA ANNO SU ANNO NEL 4 TRIMESTRE 2012 E NELL INTERO ESERCIZIO 2012 Il gruppo

Dettagli

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento:

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento: FINANZA AZIENDALE Appunti 5 - (9-6 CFU) Cap. 15 libro Project Financing La realizzazione di un progetto complesso (la costruzione di una centrale energetica, di una raffineria, di un oleodotto, di un impianto

Dettagli

RISULTATI DEL QUARTO TRIMESTRE E DELL ESERCIZIO 2014

RISULTATI DEL QUARTO TRIMESTRE E DELL ESERCIZIO 2014 CNH Industrial ha chiuso l anno 2014 con ricavi di 32,6 miliardi di dollari, utile netto di 708 milioni di dollari e utile netto prima dei costi di ristrutturazione e di altre componenti eccezionali di

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Data/Ora Ricezione 23 Ottobre 2015 14:23:44 MTA - Star Societa' : SOGEFI Identificativo Informazione Regolamentata : 64513 Nome utilizzatore : SOGEFIN01 - ALBRAND

Dettagli

26 Highlights 29 Azionisti 32 I fatti salienti del 2010 41 Dati economici e patrimoniali per Settore di Attività 42 Principali rischi e incertezze

26 Highlights 29 Azionisti 32 I fatti salienti del 2010 41 Dati economici e patrimoniali per Settore di Attività 42 Principali rischi e incertezze RELAZIONE SULLA GESTIONE 26 Highlights 29 Azionisti 32 I fatti salienti del 2010 41 Dati economici e patrimoniali per Settore di Attività 42 Principali rischi e incertezze cui Fiat S.p.A. e il Gruppo Fiat

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Cagliari, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 30 giugno 2010. Risultato

Dettagli

Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008

Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008 Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008 L anno 2008 si è concluso con un totale di 1.580 iscritti contro 1.614 dell esercizio precedente. I soci in fase attiva di contribuzione al 31 dicembre 2008

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo.

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo. COMUNICATO STAMPA GRUPPO PIAGGIO: PROGETTO DI BILANCIO 2013 Ricavi consolidati 1.212,5 milioni di euro (1.406,2 milioni nel 2012) con incidenza negativa dell'effetto cambio per 53 milioni di euro Ebitda

Dettagli

Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali. Palazzo Chigi 18 giugno 2009

Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali. Palazzo Chigi 18 giugno 2009 Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali Palazzo Chigi 18 giugno 2009 Agenda 1. Andamento mercati 2. Fiat Group 1. Settori industriali 2. La gestione della congiuntura e la situazione

Dettagli

Relazione Finanziaria Annuale. Al 31 dicembre 2013

Relazione Finanziaria Annuale. Al 31 dicembre 2013 Relazione Finanziaria Annuale Al 31 dicembre 2013 Tutti i nostri bilanci sono disponibili all indirizzo http://2013interactivereports.fiatspa.com Per conoscere meglio i nostri risultati finanziari, le

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008 COMUNICATO STAMPA del 27 agosto 2008 - Cenate Sotto (BG) OBBLIGHI INFORMATIVI VERSO IL PUBBLICO PREVISTI DALLA DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14.05.1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE www.gewiss.com Il Consiglio

Dettagli

Bilancio consolidato di gruppo. Lettura e interpretazione del bilancio consolidato * * * Il caso Fiat Group

Bilancio consolidato di gruppo. Lettura e interpretazione del bilancio consolidato * * * Il caso Fiat Group Lettura e interpretazione del bilancio consolidato * * * Il caso Fiat Group 1 Gli utilizzatori del bilancio consolidato Utilizzatori interni Management della capogruppo Management delle società di gruppo

Dettagli

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012. Principali dati economici e finanziari consolidati

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012. Principali dati economici e finanziari consolidati COMUNICATO STAMPA RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012 Principali dati economici e finanziari consolidati Ricavi e EBITDA + 6% Ricavi same store di GTECH + 7% EBITDA delle Attività Italiane +2% nonostante

Dettagli

1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi.

1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi. 1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016 Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA a maggio 2016

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

11 dicembre 2012 Roberto Russo

11 dicembre 2012 Roberto Russo Mr. Market e Fiat S.p.A. 11 dicembre 2012 Roberto Russo www.assitecasim.it Fiat S.p.A. è un gruppo automobilistico internazionale che progetta, costruisce e vende veicoli di grande diffusione con i marchi

Dettagli

Relazione Finanziaria Annuale

Relazione Finanziaria Annuale Relazione Finanziaria Annuale Al 31 dicembre 2013 108 Esercizio Relazione Finanziaria Annuale Al 31 dicembre 2013 Tutti i nostri bilanci sono disponibili all indirizzo http://2013interactivereports.fiatspa.com

Dettagli

100 Bilancio Sociale 2007 La Relazione Sociale Azionisti. Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Media

100 Bilancio Sociale 2007 La Relazione Sociale Azionisti. Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Media 100 Bilancio Sociale 2007 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Media 101 Bilancio Sociale 2007 La Relazione Sociale Azionisti Linee

Dettagli

1 trimestre 2009. Comunicato stampa RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2009

1 trimestre 2009. Comunicato stampa RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2009 Comunicato stampa RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2009 NONOSTANTE LE DIFFICILI CONDIZIONI DI MERCATO, CON RICAVI IN CALO DI OLTRE IL 25% RISPETTO AL PRIMO TRIMESTRE 2008, FIAT GROUP HA REGISTRATO UNA PERFORMANCE

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 NELL ANNO RICAVI IN CRESCITA DEL 4,2% A CAMBI COSTANTI E DELL 1,8% AL

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 2006 ANNO DI SVOLTA PER SEAT PAGINE GIALLE CON UN SECONDO SEMESTRE IN FORTE CRESCITA GRAZIE ALLE INNOVAZIONI

Dettagli

SYMPHONIA LUX SICAV Société d investissement à capital variable 33, rue de Gasperich L- 5826 Hesperange R.C.S. Luxembourg B 65.036

SYMPHONIA LUX SICAV Société d investissement à capital variable 33, rue de Gasperich L- 5826 Hesperange R.C.S. Luxembourg B 65.036 Hesperange, 12 settembre 2013 NOTA AGLI AZIONISTI DI Gentili Signori, La presente per informarvi che il Consiglio di Amministrazione di Sicav (di seguito la Sicav ) ha approvato le seguenti modifiche al

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Letture di riferimento: Bertinetti, Paragrafo 2.1 Il rischio rilevante per l azienda Rischio =

Dettagli

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO Merrill Lynch: Brunswick Ana Iris Reece Gonzalez aireece@brunswickgroup.com Natasha Aleksandrov naleksandrov@brunswickgroup.com +39 02 92 886200 / 03 Capgemini: Community - consulenza nella comunicazione

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

LA RIORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO FIAT. Vera Palea

LA RIORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO FIAT. Vera Palea LA RIORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO FIAT 1 Prima della riorganizzazione: Automobili, componenti e relativi sistemi di produzione Group Automobiles, Ferrari, Maserati, Magneti Marelli, Teksid, Comau, attività

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri In febbraio immatricolate 165.289 nuove auto (-24,5%) PRIMI SEGNALI DI RISVEGLIO DELLA

Dettagli