Rassegna del 09/05/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna del 09/05/2014"

Transcript

1 Rassegna del 09/05/2014

2 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 09/05/2014 SI PARLA DI NOI Gazzetta Mantova 09/05/14 P. 9 Via Portazzolo pronta a uscire da Agire 1 Gazzetta Mantova 09/05/14 P. 11 Mantova ambiente ripulirà l'area Zanellini 2 La Voce Di Mantova 09/05/14 P. 1 Zanellini, via vetro e amianto. Mala sicurezza dov'è? 3 La Voce Di Mantova 09/05/14 P. 6 Ex pastificio, via vetro e amianto 4 Gazzetta Mantova 09/05/14 P. 16 Dal rurale al sociale Obiettivi diversiper le liste di Mariana Tuilio Casilli 5 La Voce Di Mantova 09/05/14 P. 8 Dibatilto sull'europa son Squinzi e Marcegaglia 7 Gazzetta Mantova 09/05/14 P. 9 Marenghi e la sua squadra 112 vice di Confindustria 9 La Cittadella 02/05/14 P. 8 7giorni quotidiani 10 SERVIZIO IDRICO Gazzetta Mantova 09/05/14 P. 17 Franano 30 metri d'argine del Mincio 12 RIFIUTI Gazzetta Mantova 09/05/14 P. 20 Porta a porta al decollo Ma con il sistema misto Oriana Caleffi 14 Gazzetta Mantova 09/05/14 P. 21 Discarica abusiva di rottami tra un gruppo di case 15 ENERGIA Gazzetta Mantova 09/05/14 P. 11 Tavolo per le bonifiche les aspettando i tempi del Tar Monica Viviani 16 RIFIUTI: SCENARIO Brescia Oggi 09/05/14 P. 33 Rifiuti, scoppia il caso «scarti di cucina» Alessandro Gatta 18 Brescia Oggi 09/05/14 P. 33 Da Moniga a Polpenazze al via anche in Valtenesi la differenziata «spinta» 19 Corriere Della Sera Brescia 09/05/14 P. 8 E a Rezzato si sperimenta la «seconda vita»di ciò che non serve più Silvia Ghilardi 20 Corriere Della Sera Brescia 09/05/14 P. 8 Con «Now» Cauto riqualifica i rifiuti dei supermercati 21 Corriere Verona 09/05/14 P. 5 Servizi di Amia messi a gara Lavoratori in aula, delibera ritirata Lilla Aldegheri 23 L` Arena 09/05/14 P. 28 La tessera sanitaria fa prodigi e apre le porte dell'ecocentro Monica Rama 24 Salvagente 08/05/14 P. 42 Rifiuti elettronici, è il momento dell'uno contro zero Livia Parisi 25 Salvagente 08/05/14 P. 45 Tasi, le nuove aliquote fanno lievitare il conto Enrico Cinotti 28 Sole 24 Ore 09/05/14 P. 11 De Santis confermato al Conai 29 ENERGIA: SCENARIO Sole 24 Ore 09/05/14 P. 29 Eni, l'assemblea vara i nuovi vertici Celestina Dominelli 30 Sole 24 Ore 09/05/14 P. 30 Enel, margini in crescita Il titolo balza del 5% in Borsa Laura Serafini 32 SEGNALAZIONI Sole 24 Ore 09/05/14 P. 30 Acea, conti record per la gestione Gallo Celestina Dominelli 33 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 Via Portazzolo pronta a uscire da Agire L'assemblea dei soci dell'agenzia per l'energia di oggi dedicata alla ricerca di nuovi partner L'agenzia Agire rischia di perdere un socio importante. All'assemblea di oggi della società nata per trovare risorse europee per progetti legati all'energia Confindustria potrebbe comunicare la propria fuoriuscita. I motivi erano stati spiegati nel corso dell'ultima assemblea dallo stesso direttore di via Portazzolo, Mauro Redolfini, agli altri soci pubblici (principalmente Provincia e Camera di commercio) e privati. Confindustria ritiene importante il lavoro svolto da Agire, in particolare quello per cui era stata creata: cercare i bandi di finanziamento dell'unione europea nel campo dell'energia rinnovabile e metterli a disposizione degli enti locali e delle imprese offrendo consulenza per la partecipazione. Ora gli industriali trovano che rispetto all'obiettivo originale, Agire abbia orientato la sua attività con progetti utili ai soggetti pubblici ma assai meno per le imprese industriali. Il direttore, nel corso dell'assemblea, aveva confermato l'apprezzamento dell'associazione per l'agenzia e le sue attività, ma aveva anche spiegato le perplessità. Confindustria è socio per il 5% dell'agenzia, ma oggi è meno propensa apartecipare economicamente alle attività di un organismo che macina progetti ritenuti più utili agli enti pubblici. Non è escluso che altri soci privati di Agire decidano di seguire la strada di via Portazzolo. Di fatto il socio principale dell'agenzia, la Provincia (che detiene il 32% delle quote sociali) già si pone il problema di cercare altro soggetti interessati a rilevare le quote di Confindustria e di altri soci in uscita. Lo stesso assessore alla partita, Maurizio Castelli, pensa che occorrerà cercare soggetti privati interessati al settore certo non secondario dell'energia. C'è da dire che anche i soggetti pubblici potrebbero trovarsi in difficoltà a mettere in bilancio la quota di partecipazione annuale per Agire come per altre agenzie o enti. Basta pensare alla fuga avvenuta negli ultimi anni nell'assemblea socia della Fondazione università, dove numerosi Comuni hanno rinunciato a confermare la propria partecipazione. 1 bilanci degli enti locali sono sottoposti a molte ristrettezze, sia nei trasferimenti da Roma sia nelle possibilità di spesa (Patto di stabilità). Castelli è intenzionato a chiedere azioni per lo sviluppo e il rafforzamento di Agire e i soci saranno chiamati oggi a fare il punto sui possibili soggetti privati interessati ad entrare nell'agenzia rilevando le quote di Confindustria. Agire ha un capitale sociale di 65mila di euro, suddivisi in provenienti dai soci pubblici e da quelli pri - vati. Il secondo socio, per consistenza di quote sociali detenute, è la Camera di commercio (18,38%), seguita da Aipo (10,77%) Sisam e Tea (entrambe 6,15%). Trai soci anche diversi Comuni e la les. L'assessore Maurizio Castelli con il collega Alberto Grandi Si parla di noi Pagina 1

4 Mantova ambiente ripulirà l'area Zanellini Sarà Mantova Ambiente del gruppo Tea a occuparsi della pulizia dell'area di pertinenza dell'ex pastificio Zanellini e della bonifica dei cumuli di fibre vetrose accatastate nel cortile dello stabilimento chiuso da anni. I tecnici dell'azienda hanno svolto un sopralluogo martedì scorso assieme a curatore giudiziario del'immobile per fare una stima del lavoro da svolgere e dei relativi costi. Mantova Ambiente sta insomma elaborando un preventivo per i lavori. Nel frattempo la società, che si occupa come noto di trattamento dei rifiuti, ha richiesto all'asi i dati relativi alle analisi svolte sul materiale da rimuovere. Da qui la notizia errata circolata ieri del presunto incontro tra Mantova Ambiente e AsI in realtà mai programmato. A interessare Mantova Ambiente è stato nei giorni scorsi la stessa amministrazione comunale. un mese fa il sindaco aveva emesso un'ordinanza che imponeva alla proprietà dell'immobile (attualmente sotto sequestro giudiziario) di bonificare l'area. I rifiuti che si trovano nel cortile dell'ex stabilimento, che confina con abitazioni e parco pubblico di Borgo Angeli, contengono anche cumuli di fibre vetrose, fortunatamente non del tipo cancerogeno ma comunque dannose perla salute. La rimozione non richiede procedure autorizzate dall'asi come nel caso dell'amianto, ma l'intervento va studiato per evitare dispersione. Nell'area Zanellini c'è anche un problema di amianto (messo fuori legge nel 1992), visto che la copertura, molto vecchia, dello stabilimento è in eternit, vale a dire una miscela di cemento e amianto. Tavole Per le bonifiche ic+. apri Nodo i tempi del Tn r Si parla di noi Pagina 2

5 Zanellini, via vetro e amianto. Ma la sicurezza dov'è? Operai al lavoro sui silo La bonifica dell'ex pastificio Zanellini di Borgo Angeli partirà entro le prossime due settimane. Ieri c'è stato l'incontro fra i tecnici dell'asl e Tea per definire i dettagli dell'intervento. La società di via Taliercio provvederà alla rimozione delle fibre vetrose, non cancerogene ma pericolose se inalate, mentre sarà affidata a una ditta specializzata la rimozione dell'amianto compatto presente nell'area. I costi dell'intervento saranno anticipati dal Comune. Pagina 6 Bagnolo, frana un pezzo di argine '1 Z7 Si parla di noi Pagina 3

6 Una ditta specializzata smaltirà l'eternit. Il Comune anticipa le spese, nell'ordine dei IIOOmila euro Ex pastificio, via vetro e amianto Ieri la riunione tra Asl e Tea per stabilire i modi e i metodi dell'intervento La bonifica dell'ex pastificio Zanellini di Borgo Angeli partirà entro le prossime due settimane. Ieri c'è stato l'incontro fra i tecnici dell'asl e Tea per definire i dettagli dell'intervento. La società di via Taliercio provvederà alla rimozione delle fibre vetrose, non cancerogene ma pericolose se inalate, mentre sarà affidata a una ditta specializzata la rimozione dell'amianto compatto presente nell'area. I costi dell'intervento saranno anticipati dal Comune. Di presenza di amianto all'interno dell'area dell'ex pastificio Zanellini si era parlato già nei mesi scorsi, anche se sembrava trattarsi di una presenza minimale. Ieri invece è emerso che servirà l'intervento di una ditta specializzata per smantellare i circa 400 metri quadrati di copertura della torre dell'ex pastificio, più una tettoia dello stabile che ospitava gli uffici. Amianto comatto, spiegano all'asl, in pratica lastre di Eternit, per rimuovere le quali sono necessarie determinate procedure. Quanto a Tea, entro le prossime due settimane i tecnici dovrebbero essere già al lavoro per la rimozione delle fibre vetrose artificiali che, dopo l'incendio di alcuni anni fa che aveva distrutto parte dei locali, sono accatastate nei cortili. Almeno per ora la bonifica non interesserà i locali interno. Non si tratta di sostanze cancerogene ma sono comunque polimeri inalabili se manipolati, in grado di irritare pelle, occhi e mucose. Per questo l'intervento sarà in umido: Tea lavorerà cospargendo i cumuli di resine incapsulanti prima di rimuoverli. Le fibre vetrose, inoltre, proprio martedì scorso sarebbero state spostate dal piazzale, dove resta ancora l'alone scuro sulla pavimentazione, a quello posteriore. Nei prossimi giorni Tea produrrà un preventivo di intervento, di cui si farà carico il Comune di Mantova: il costo potrebbe, ma le stime sarebbero prudenziali, aggirarsi nell'ordine del centinaio di migliaia di euro. Resta ancora da chiarire se e quando la bonifica potrà riguardare l'interno dei locali. Un primo sopralluogo dell'asl ha già evidenziato lapresenza di altre fibre vetrose nelle pareti dell'ex centrale termica. Carlo Doda MULTA IN CANTIERE Lavoravano in quota senza osservare le precauzioni in materia di sicurezza sul lavoro, così l'altro ieri i tecnici dell 'Asi hanno redatto un verbale di contravvenzione nei confronti di una ditta che stava operando nell'ex pastificio Zanellini per lo smantellamento di due silos rivenduti dal curatore fallimentare. Queste operazioni dovrebbero servire a racimolare parte del denaro necessario per le operazioni di bonifica dell'area dell'ex pastificio, denaro per ora anticipato dal Comune di Mantova. Un comitato di residenti a Borgo Angeli aveva presentato un esposto in Procura per segnalare la questione. In seguito i tecnici dell'asi avevano chiesto al giudice Giuditta Silvestrini l'accesso all'area sotto sequestro. A seguire c'era stata l'ordinanza del sindaco per la bonifica. A destra: il sopralluogo dell'asl nell'ex pastificio. A sinistra: un operaio mentre lavorava in quota senza le dovute precuazioni. Multata la ditta che ha smantellato i silos nella ex Zanellini ti patunao, via verro e amianto Si parla di noi Pagina 4

7 Dal rurale al sociale Obiettivi diversi per le liste di Man an Famiglia e sicurezza nei programmi della candidata Gabella Agricoltura punto chiave per Maroli, servizi di base per Rosa 1 MARIANA A fronte delle quattro liste del 2009, quest'anno sono tre le compagini che si contenderanno la poltrona di sindaco del comune di Mariana mantovana. Lista numero uno è "La Scelta Marianese", guidata da Maria Rosa Gabella, impiegata amministrativa all'azienda sanitaria locale di Mantova. Impegnata nel volontariato su più fronti: al Museo civico di Canneto e al gruppo volontari dell'oratorio parrocchiale, nel suo programma si propone di portare a termine promesse realizzabili e una fattiva collaborazione con l'unione delle Torri. Traguardi fattibili sono: porre al primo posto la famiglia a partire dal sostegno economico all'istruzione dei figli durante gli anni dell'obbligo, la realizzazione di una palestra nell' area "Bocciodromo", un Centro diurno per gli anziani e, per arginare il crescente fenomeno dei furti nelle abitazioni, propone la stipula di una convenzione per l'istituzione di un servizio di vigilanza notturna. Sensibile al problema dell' arsenico nei pozzi privati, propone agevolazioni per quei cittadini i cui pozzi, collocati fuori rete idrica, necessitano di filtri an ti-arsenico. Infine presterà grande attenzione al patrimonio artistico culturale locale; in particolare all'ex Oratorio dei Disciplini e all'oratorio dei Campi Bonelli valorizzandoli sotto il profilo turistico. Per quanto riguarda la Lista "Forza Nuova", con i suoi 23 anni, Alice Maroli, è tra le più giovani candidate sindaco del mantovano. Studentessa universitaria, residente a Medole, frequenta il secondo anno della facoltà di Scienze della formazione all' Università di Verona. Le è stato chiesto con quale spirito affronta questa nuo- Alle elezioni dei 25 maggio a Mariana correranno tre liste A destra i candidati della lista La scelta marianese -64 che candida a sindaco Maria Rosa Gabella va esperienza. «Senza dubbio - ha risposto- questa è un'avventura piena di fascino. La maggioranza della nostra lista è composta, soprattutto da giovani che, come me, hanno tanta voglia confrontarsi con la politica e di fare esperienza. Il nostro scopo principale, che si basa sul rapporto con la gente, è quello di farci interpreti delle loro necessità. Mariana Mantovana è un paese agricolo e noi, in collaborazione con la "Lega della terra" vogliamo affrontare e risolvere i problemi che riguardano il mondo rurale. Non trascuriamo l'universo dei giovani e degli anziani cercando di renderci interpreti delle loro esigenze». Angelo Rosa, con la lista "Insieme per Mariana" è una figura storica nel contesto dell' amministrazione marianese. Dal 1985 al 1990 è assessore. Dal 1990 al 2004 è sindaco per tre mandati consecutivi per ricoprire la carica di vicesindaco dal 2004 al Dal 2009 ad ora è il sindaco di Mariana. Ribadisce che era sua intenzione cedere lo "scettro" a qualcuno più giovane ma non è stato tro- In alto alcuni candidati di Forza Nuova la lista che sostiene Alice Maroli A fianco il gruppo di Insieme per Mariana la lista che si presenta alle urne con il candidato sindaco Angelo Rosa RA -,A,1 -,.,1 lhnecti,i Jirsi pr Ic lì ie lì \la iaiu Si parla di noi Pagina 5

8 vato il ricambio e aggiunge: «In questo momento, specialmente per il mantenimento dei servizi di base, ci vogliono persone con esperienza e, visto che siamo all'interno di un' Unione di comuni, servono persone dotate di una visione aperta del territorio; una sfida alla quale sono chiamate a confrontarsi tutte le future amministrazioni. Per quanto riguarda i problemi della discarica, abbiamo avviato trattative con Tea per poter giungere ad una situazione più tranquilla». TuilioCasilli Si parla di noi Pagina 6

9 SARANNO PREMIATE MARCEGAGLIA SPA, SAINT GOBAIN VETRI SPA, BENAZZI COMPENSATI SRL, GUBELA SPA Dibatlito sull'europa son Squinzi e Marcegaglia Confindustria, il 3 giugno al Bibiena l'assemblea generale. Intanto Marenghi definisce la squadra MANTOVA - Anche se il via libera definitivo si avrà solo il 3 giugno prossimo, in occasione della 69 Assemblea Generale, si va ormai delineando l'assetto di Confindustria Mantova per il quadriennio Mercoledì scorso, infatti, il presidente designato Alberto Marenghi ha proposto alla Giunta di via Portazzolo la squadra dei vicepresidenti che lo affiancheranno nel corso del suo mandato. La proposta è stata approvata all'unanimità, ma dovrà essere ratificata dall'assemblea, che martedì 3 giugno si riunirà in seduta privata prima dell'apertura dei lavori aperti al pubblico. La squadra dei vicepresidenti, con le relative deleghe, è stata proposta dal presidente Marenghi dopo aver illustrato gli indirizzi generali ed il programma di attività del nuovo mandato, confermando subito la piena continuità con le linee di intervento svolte dal presidente uscente, Alberto Truzzi. In apertura dei lavori, il presidente uscente Alberto Truzzi ha comunicato alla Giunta il programma di mas- I VICEPRESIDENTI Maria Cristina BERTELLINI - Euromec Srl (Europa) Edgardo BIANCHI - Lubiam Moda per l 'uomo Spa (Innovazione e Ricerca) Cinzia BOTTOLI - Bottoli Industria panificazione SpA (Affari Amministrativi e Formazione) Corrado CORNELIANI - Corneliani SpA (Centro Studi e Comunicazione) William GAMBETTI - Due Legs Sri (Sviluppo Associativo e Servizi) Massimo GIALLI - ENI.Versalis SpA (Ambiente e Sicurezza) Maurizio MIGLIAROTTI - IES SpA (Rapporti Internazionali e Investitori) Alberto RUBERTI - Ruberti SpA (Credito e Finanza) Alessandro SAVIOLA- Gruppo Mauro Saviola SpA (Energia) Alessandra BESCHI (Presidente Gruppo Giovani) - Messaggerie Garda (Scuola, Orientamento e start-up) Federico COGHI ( Presidente Piccola Industria) - Sige Srl (Piccola Industria) Francesco BOTTOLI ( Presidente Ance) - Bottoli Costruzioni Srl (Territorio e Green Economy) sima della 69a assemblea generale di Confindustria Mantova, in programma martedì 3 giugno al Teatro Sociale. "Europa: una svolta per lo sviluppo e la crescita" è il tema attorno al quale dibatteranno Marco Fortis, economista e Vicepresidente della Fondazione Edison, Emma Marcegaglia, Presidente Business Europe, Giorgio Squinzi, residente di Confindustria. Il dibattito verrà introdotto da Alberto Truzzi e Alberto Marenghi. Nel corso dell'assemblea verranno premiate 4 aziende che nel 2014 compiono 50 anni di rapporto associativo con Confindustria. Si tratta di Marcegaglia Spa, Saint Gobain Vetri Spa, Benazzi Compensati srl, Gubela Spa. Nel consiglio direttivo, oltre ai Vicepresidenti, sono poi stati indicati tre Membri come rappresentanti della Giunta ai sensi di statuto. Si tratta di: Nicola Bernini (Litocartotecnica Ival Spa), Alessandro Lotti (Sisma), Guido Zanetti (Zanetti Spa). Completano la formazione del Consiglio direttivo, i delegati di zona: Gilberto Ballasina (Asola-Canneto), Mario Beschi (Castiglione delle Stiviere), Gianluigi Coghi (Mantova), Giorgio Luitprandi (Gonzaga-Suzzara), Silvano Melegari (Viadana), Carmine Pagano (Ostiglia-Sermide). Il presidente Marenghi ha inoltre cooptato in Giunta i signori Luigi Gualerzi (Presidente Tea SpA), Alessandro Lotti (presidente Sisma Spa), Giorgio Colletto (Presidente A&T Europe Spa) e ha indicato i quattro invitati permanenti in giunta; Nicola Levoni, Alessio Arioli. tingueshnniere,pmsoporfaperillunra Si parla di noi Pagina 7

10 Edgardo Bianchi Corrado Corneliani William Gambetti Cinzia Bottoli Maurizio Migliarotti Alberto Ruberb Alessandru Saviola Si parla di noi Pagina 8

11 Marenghi e la sua squadra I 12 vice di Confindustria il presidente assegnale deleghe: Migliarotti (les) ai rapporti internazionali in elenco figurano quasi tutti i nomi di spicco dell'imprenditoria mantovana Il presidente designato di Confindustria Mantova, Alberto Marenghi, ha scelto la squadra dei vicepresidenti che lo affiancheranno nel suo mandato fino al Anche se il via libera definitivo si avrà solo ila giugno in occasione della 69 assemblea generale, si va delineando l'assetto di Confindustria Mantova per Il prossimo quadriennio. Mercoledì scorso, Marenghi ha proposto alla giunta di via Portazzolo la squadra dei dodici vicepresidenti. La proposta è stata approvata all'unanimità, ma dovrà essere ratificata dall'assemblea, che ila giugno si riunirà in seduta privata prima dell' apertura dei lavori aperti al pubblico. La squadra dei vicepresidenti, con le relative deleghe, è stata proposta dal presidente designato dopo aver illustrato gli indirizzi generali ed il programma di attività del nuovo mandato, confermando subito la piena continuità con le linee di intervento svolte dal presidente uscente, Alberto Truzzi. Questa la squadra (tra parentesi le deleghe): Maria Cristina Bertellini - Euromec (Europa); Edgardo Bianchi - Lubiam Moda per l'uomo (Innovazione e Ricerca); Cinzia Bottoli - Bottoli Industria panificazione (Affari Amministrativi e Formazione); Corrado Corneliani - Comeliani (Centro Studi e Comunicazione); William Gambetti - Due Legs (Sviluppo Associativo e Servizi); Massimo Gialli - Eni.Versalis (Ambiente e Sicurezza); Maurizio Migliarotti - les (Rapporti Internazionali e Investitori); Alberto Ruberti - Ruberti (Credito e Finanza); Alessandro Saviola- Gruppo Mauro Saviola (Energia); Alessandra Beschi (presidente Gruppo Giovani) - Messaggerie del Garda (Scuola, Orientamento e start-up); Federico Coghi (presidente Piccola Industria) - Sige (Piccola Industria); Francesco Bottoli (presidente Ance) - Bottoli Costruzioni (Territorio e Green Economy). In elenco appaiono molti nomi di spicco tra coloro che risultavano papabili alla presidenza, tranne Guido Ceccardi di Raccorderie Metalliche. Nel consiglio direttivo, oltre aivicepresidenti, sono poi stati indicati tre membri come rappresentanti della giunta: Nicola Bernini- Litocartotecnica Ival; Alessandro Lotti - Sisma; Guido Zanetti - Zanetti. Completano la formazione del direttivo, i delegati di Zona Gilberto Ballasina (Asola-Canneto), Mario Beschi (Castiglione delle Stiviere), Gianluigi Coghi (Mantova), Giorgio Luitprandi (Gonzaga-Suzzara), Silvano Melegari (Viadana), Carmine Pagano (Ostiglia-Sermide). Marenghi ha inoltre cooptato in giunta: Luigi Gualerzi - presidente Tea; Alessandro Lotti - presidente Sisma; Giorgio Colletto - presidente A&T Europa e ha indicato i quattro invitati permanenti in giunt (Nicola Levoni, Alessio Arioli, Renato Dal Cero e Walter Brozzi). \Lrcençhicla.a asyunilr.i 112 ú, di Confindusiriu Alberto marenghi e Alberto Truzzi Si parla di noi Pagina 9

12 dal 19 al 25 aprile a Yn1 ` ILìïan a cura di bieffe Sabato 19 aprile- Sono pronti i 58 appartamenti dell'aler, da assegnare entro il mese di settembre : ma le domande di alloggi popolari sono ben 800. L'intervento di recupero e manutenzione di quelli situati in via Torelli (in Valletta Valsecchi) ha comportato una spesa complessiva pari a euro, finanziati a metà dalla Regione e dall'aler e, per una piccola parte, dallo Stato. - La pioggia non rovina la processione dei Sacri Vasi che si è svolta lungo le vie del centro storico di Mantova: una folla di fedeli ha partecipato alla celebrazione. - Il sisma è un ricordo: riapre a Borgoforte la chiesa barocca del 1726, oggi restaurata: era l'unica non assicurata al momento del terremoto del A Castiglione delle Stiviere è stata felicemente istituita una task force anti-violenza, con la realizzazione di un "Percorso rosa" creato all'interno dell'ospedale "San Pellegrino": all'iniziativa aderiscono anche la Questura di Mantova e la Procura della Repubblica. - Completata la nuova piazza di Lunetta : sono stati spesi poco più di euro, per la realizzazione delle opere complementari, riguardanti la sistemazione stradale, i marciapiedi dei viali; i percorsi pedonali, l'illuminazione, le canalizzazioni e la recinzione. Una grande soddisfazione è stata espressa dall'assessore comunale per i Contratti di quartiere, CelestinoDall'Oglio. Ora si punta alla costruzione di un'altraopera: il Centro-servii. Domenica 20 aprile - Ancora incerto il futuro dei profughi giunti nel Mantovano: dopo Castiglione delle Stiviere verranno "ospitati" a Quingentole, mentre un gruppo degli stessi sarà deviato a qualche caserma in disuso. -Parcheggio "Mondadori" in crisi, e la società che lo gestisce torna a chiedere al Comune di Mantova di incrementare in centro storico e sui viali il numero delle "strisce blu" (a pagamento), in modo da indurre gli automobilisti a utilizzare di più la struttura. Intanto, nell'ex-piazzale Mondadori si presenta ancora, e chissà per quanti anni a venire, la triste visione di un'opera incompiuta e fallimentare. - Atteso dall'autunno del2012, è stato finalmente firmato dal Comune di Mantova e dalle imprese riunite in un'associazione temporanea, il contratto riguardante la progettazione esecutiva e la realizzazione del primo lotto dei lavori (da 14 milioni di euro), finalizzato al restauro del Palazzo del Podestà, nel centro storico cittadino. I lavori dureranno 3 anni. Lunedì 21 aprile - I quotidiani non erano in edicola. Martedì 22 aprile - Turismo pasquale "mordi e fuggi" a Mantova: e solo l'esposizione (ad ingresso gratuito) degli "Amanti" presso il Museo Archeologico fa il pieno, con oltre un migliaio di visitatori. In calo gli afflussi al Ducale e al Te, mentre la pioggia del Lunedì dell'angelo sferra il colpo di grazia: ora si attende il ponte del 25 aprile, per dare il benvenuto al pienone, grazie anche alle iniziative previste in questo fine-settimana lungo le vie e le piazze del centro. - Onoranze funebri, alla Tea si cambia: la società mantovana ha acquisito una partecipazione del 30% in "Global Funeral Service", società di servizi che ha la sua sede a Bagnolo San Vito, assieme al Gruppo Armaroli di Bologna. In questo modo la Tea ha scelto di non avere più automezzi di proprietà e di razionalizzare anche questo settore. - Potature troppo pesanti sugli alberi che costellano vie, giardini e lungolaghi in città: è la preoccupata segnalazione fatta da un consigliere comunale, Sergio Ciliegi, che chiede ai vertici di "Mantova Ambiente" le delucidazioni del caso. Intanto, gli anziani seduti sulle panchine sotto gli alberi si abbronzeranno... - A Solferino il Consiglio comunale approva il "Piano di governo del territorio", orientato verso il "consumo zero", ovvero maggiore attenzione all'uso intelligente di acque ed energia. Mercoledì 23 aprile - Protesta dei sindacati contro le aperture selvagge dei negozi nei giorni del 25 aprile e del 1 maggio (e perché no a Natale e a Pasqua?): davanti alla "Città della Moda" di Bagnolo, ma anche in centro, dove i negozi saranno aperti, ci si prepara a insediare presìdi e cortei. In quanto al turismo, ci aggiorna oggi la Gazzetta, la Direzione del Palazzo Ducale è ancora in attesa di ricevere dal Ministero il via-libera per l'apertura del 1 maggio: quando sì dice l'agile Amministrazione statale... -Alle porte della città sopravvive da decenni un mostro di amianto che le Autorità non si decidono a smantellare: è l'ex-mercato ortofrutticolo di Gambarara, dove i residenti protestano e continuano a chiedere inutilmente il risanamento dell'area. - Camion e traffico tra le villette: alcuni abitanti di Barbassolo si lamentano, segnalando le continue violazioni al divieto di passaggio dei mezzi pesanti, e all'obbligo dei 30 chilometri all'ora. -La Voce denuncia l'esistenza di un vero "Bronx" locale in pieno centro, amantova, ossia in piazza Cavallotti, dove le autovetture vengono parcheggiate anche in quadrupla fila, mentre i pedoni attraversano la stradaovunque, senzabadarené alla loro incolumità, né al disagio che arrecano al traffico. La zona, rivela il quotidiano locale, si è trasformata nel baricentro dell'anarchia viabilistica, e anche del malcostume (in via Alberto Mario e all'interno dei Giardini Valentini si vede di tutto!). Intanto, le istituzioni e i vigili si mostrano tolleranti... Si parla di noi Pagina 10

13 Giovedì 24 aprile - Maxirisarcimento in vista, per 9 milioni di euro, contro il Comune di Mantova? Se ne parlerà il 17-giugno a Roma: riguarda il ricorso presentato da CoopSette e Tecnimont, relativo alla mancata costruzione dello stadio progettato e da realizzare in una zona collocata tra Mantova e Levata (il tutto risale al 2009). - Una seconda vita per la Cartiera Burgo? Oggi la Gazzetta annuncia l'esistenza di un colosso americano, produttore di imballaggi, che sarebbe interessato ai macchinari e alla posizione strategica dello stabilimento mantovano. - Treni fra Milano e Mantova sempre in ritardo: ipendolari provvisti, dell'abbonamento potranno detrarre il 30% dal mensile di maggio, alla luce dei ritardi accumulati da Trenord durante lo scorsó mese di febbraio. - Elezioni comunali di maggio: rush finale per le 125 liste che scenderanno in campo nei 43 Comuni mantovani coinvolti. Andranno alle urne votanti. - I volontari museali sono la nuova risorsa del turismo: presso il Palazzo della Cervetta di piazza Mantegna è stato presentato un corso di formazione organizzato per il sistema e i percorsi legati a Castiglione delle Stiviere e all'alto Mantovano, ma che potrebbe diventare un modello provinciale da esportare su tutto il territorio. Attraverso 6 incontri, si punta a preparare un gruppo di volontari esperti e appassionati, che si tramuteranno in "operatori a costo zero". Venerdì 25 aprile - Nel giro di tre mesi sul territorio virgiliano sono state perse 205 imprese : tengono duro le società di capitali, mentre il picco delle chiusure si registra fra le ditte individuali e le cooperative. - L'occupazione della mensa della Burgo" è arrivata al capolinea : gli operai devono smobilitare. A partire dal 2 maggio scatta lo stop: la sala divenuta un laboratorio finalizzato ad alimentare il dibattito intorno al problema del lavoro, deve essere lasciata libera. La decisione è stata assunta dopo un incontro che si è svolto in Prefettura. - Collegio per l'università: dal Ministero per l'istruzione sono in arrivo circa 2 milioni di euro, che saranno utilizzati a favore della realizzazione di "UniMantova", il futuro Collegio universitario da ricavare in un edificio situato in via Solferino (è l'ex-sede della "Gioventù Littoria" e dell'istituto "Bonomi-Mazzolari"). Per ristrutturare il palazzo servono parecchi fondi, ma ci si.è posti l'obiettivo di completare l'opera entro il Nel periodo estivo le stanze potrebbero essere utilizzate invece per i turisti. - La Tea smentisce che in città e in periferia si pratichi una pótatura eccessiva e pesante : gli alberi vengono potati in maniera mai casuale, ma con competenza, logica e correttezza. - Palazzo Ducale aperto il 1 maggio: dopo la firma di un accordo con i sindacati, il Ministero peri Beni culturali ha concesso il permesso. Il capannone che ospitava l'ex-mercato ortofrutticolo dì Gambarara (in precedenza era stato anche una fabbrica di concimi, e poi un Centro di prima accoglienza ). Abbandonato da tempo e in stato di degrado, rappresenta un mostro d'amianto che andrebbe smantellato : ma gli abitanti della zona continuano a chiederne inutilmente il risanamento Il futuro Collegio universitario verrà ricavato in un edificio situato in via Solferino (è l'ex-sede della "Gioventù Littoria" e dell'istituto " Bonomi - Mazzolari "): dal Ministero per l'istruzione sono in arrivo circa 2 milioni di euro, che serviranno per ristrutturare il palazzo ( l'opera dovrebbe essere completata entro il 2016) Si parla di noi Pagina 11

14 Franano 30 metri d'argine del Bagnolo. Lo smottamento causato dalle escursioni idrometriche del fiume. Ciclabile chiusa. Oggi il via ai lavori dell'aipo BAGNOLO A dare l'allarme una ragazza che stava facendo una passeggiata a cavallo lungo l'argine del Mincio di Longhirola. Maider, il titolare del maneggio, centro di recupero cavalli e Giovanni Bertelli, quasi non credevano alle sue parole. «E' crollato l'argine». Una corsa su per la salita che costeggia lo sterrato verso il Mincio ed è bastata un'occhiata per rendersi conto che non aveva esagerato: davanti ai loro occhi, e quasi sotto i loro piedi, una faglia larga almeno due metri e lunga una trentina. Quel tratto di argine trasformato in un enorme gradino. La causa? Difficile da stabilire: «Le piogge, forse, ma più probabilmente le nutrie e le volpi, che da queste parti scavano le tane» ipotizza il titolare dell'ilorse Paradise Longhirola. L stato lui, ieri pomeriggio intorno alle 18, a chiamare i vigili del fuoco e i carabinieri. La prima urgenza è stata quella di chiudere l'accesso all'argine, che viene utilizzato spesso come ciclabile e, nonostante il divieto di passaggio, anche da alcuni automobilisti che lo percorrono come scorciatoia tra Bagnolo e Governolo. Subito dopo è partita la segnalazione al Parco del Mincio, e all'aipo, vigili dei fuoco, carabinieri e il funzionario dell'aipo sull'argine di Longhirola competente su quel terreno. «Nessuno di noi, che frequentiamo ogni giorni questa zona, si era accorto di nulla - dice Bertelli. Gli fa eco il titolare del maneggio, secondo cui mercoledì l'argine non era ancora crollato. «Lo smottamento dev'essere avvenuto durante la notte. Ed è andata bene che la ragazza a cavallo l'ha visto da lontano. Un ciclista avrebbe potuto farsi molto male». Quel tratto di argine lungo il Mincio è scelto spesso come meta di passeggiate in bicicletta, soprattutto in questa stagione. Dopo la segnalazione, sono arrivati alla Longhirola i cara- (foto Pn.t) binieri di Bagnolo, una squadra dei vigili del fuoco di Mantova e il dottor Paolo Michelini dell'aipo. E lui a dare un quadro della situazione: «Si è trattato di una frana dell'argine dovuta alle varie escursioni idrometriche del Mincio e alle piogge degli ultimi tempi - spiega 1--o 30 mctri A'arginc Acl?find Servizio idrico Pagina 12

15 Lo smottamento lungo l'argine dei Mincio lungo trenta metri L'allarme lanciato da una ragazza che faceva una passeggiata a cavallo nelle campagne di Longhirola - Qui siamo già in regime di Po: infatti se si rialza rigurgita a Govemolo». Michelini assicura che non ci sono pericoli per l'acqua che è distante almeno sei metri dalla frana. Ieri sera sono state transennate le due estremità del percorso, quella di Governolo e quella in corrispondenza dell'idrovora di Bagnolo. «Terremo monitorata la situazione per tutta la notte e porteremo subito i mezzi sul posto. Domattina (oggi per chi legge) alle sei cominceremo subito i lavori. Innanzitutto va ripristinata la sagoma arginale a campagna e poi andrà ridisegnato l'argine». Ieri sera è stato avvisato anche il sindaco di Bagnolo Roberto Penna. «Non sono sorpreso di quanto accaduto. Già da tempo avevamo segnalato all'aipo che lungo l'argine c'erano delle crepe». Thc.) CORI PRODLRIONE RISERVATA Servizio idrico Pagina 13

16 Porta a porta ai decollo Ma con il sistema misto San Benedetto. In centro storico recupero settimanale per non lasciare sacchetti Chiavi elettroniche ai cittadini per i contenitori dell'umido e del secco. II via lunedì SAN BENEDETTO Molto partecipato dai titolari delle attività produttive l'incontro sul porta a porta che, da lunedì 12, sarà introdotto su tutto il territorio comunale. Organizzato da Confcommercio Mantova e dal Comune, ha visto la presenza del sindaco Giavazzi, degli assessori Lasagna e Panzani, di Dino Barbi presidente della sezione comunale di Confcommercio, insieme a Lamberto Manzoli, vice presidente provinciale e a Renzo Farina, vice direttore di Suzzara. Presente in sala anche Lorenzo Capelli, presidente di Confartigianato Mantova. Ad illustrare il nuovo sistema di raccolta differenziata è stato l'assessore Lasagna, nell'ottavo dei dieci incontri programmati per una capillare informazione della cittadinanza. Nello specifico, rivolgendosi a cittadini che rappresentano le utenze non domestiche, Lasagna ha messo in evidenza la volontà dell'amministrazione di facilitare l'adesione alla differenziata, an- II sindaco Marco Giavazzi dando incontro alle esigenze delle singole realtà produttive, pronto anche a recepire suggerimenti per migliorare le possibili criticità che si presenteranno. La formula, quella di una raccolta mista, è sembrata la soluzione migliore. Per il centro storico, il porta a porta sarà settimanale e non quindicinale e si prevede che la raccolta debba essere conclusa entro le 6 e 30 del mattino, in modo da non lasciare a lungo contenitori e sacchetti in vista. In particolare, alle utenze non domestiche (bar, ristoranti, negozi, supermercati, officine, ma anche mensa scolastica, RSA) saranno consegnati contenitori di capienza maggiore. In caso di rifiuti, come può essere il verde, per il quale il Comune cerca di incentivare il compostaggio, c'è la possibilità per tutti di utilizzare l'isola ecologica, che sarà aperta con la presenza di un operatore per 23 ore la settimana, compreso il mattino della domenica. L'assessore si è poi soffermato sull'utilizzo della chiave elettronica che permette di aprire la calotta dei nuovi contenitori per l'umido e l'indifferenziato e di accedere anche all'isola ecologica. Varie sono state le domande del pubblico, caratterizzate in gran parte da problematiche di tipo pratico, vista la sensibilità ormai diffusa che la differenziata si deve fare. Per le prevedibili difficoltà iniziali, Capelli ha chiesto che ci sia flessibilità da tutte e due le parti. Oriana Caleffi Pn,Ya a wrla al ( 000i O,a con il :istcnu nii lo Rifiuti Pagina 14

17 QUINGENTOLE 1 0 abusiva '1 0 tra un gmppo di case QUINGENTOLE In via Teste 21 a Quingentole, dietro un gruppo di case, si è formata una discarica di rottami e vecchi mobili che, a distanza di anni è ancora là. E per il momento non sembra possa essere bonificata. A segnalarlo sono alcuni residenti che risentono delle conseguenze che derivano da un accatastamento indiscriminato, senza controllo di ferrivecchi, cianfrusaglie e chincaglierie varie, cioè il proliferare di gatti randagi nel migliore dei casi, ma a volte anche di topi se non addirittura di nutrie che trovano degno e caldo nascondiglio. La discarica abusiva, ormai abbandonata, sorge sul retro - si allunga fino al campo vicino - dell'abitazione al civico 21. Fino ad un paio di anni fa il proprietario, che faceva il raccoglitore di ferro, e sua moglie vivevano lì. Poi, non più in grado di pagare il mutuo, la casa è stata pignorata ed ora è di proprietà della banca Mps. «Anche il Comune è a conoscenza di questo fatto, che ci è stato segnalato da alcuni residenti - precisa il sindaco Alberto Manicardi - ma abbiamo le mani legati. La bonifica spetta alla proprietà che attualmente è la banca». I rottami abbandonati nel parco dietro le case Addio atta hiei a mano Rifiuti Pagina 15

18 «ffiffi «,5 Tavolo per l e bonifiche tes aspettando i tempi del Tar Grandi convoca il vertice in Provincia. Maffini invita il ministro Galletti a Mantova Cartelli degli operai suonano la sveglia alla città: senza industria sei in ginocchio di Monica Viviani Bonifiche, serve una svolta. Ne sono convinti Comune e Provincia all'indomani del nulla di fatto uscito dal Tar di Brescia in merito alla messa in sicurezza dell'area Belleli e al rinvio di ogni decisione al 29 ottobre prossimo. Un obiettivo condiviso anche se le strade per arrivarci magari divergono. «Ognuno fa del proprio meglio per ritardare le bonifiche - dichiara con amarezza l'assessore comunale all'ambiente Mariella Maffini - Si fanno passare altri sei rasesi come se nulla fosse, ma qui parliamo di bonifiche non di un atto amministrativo». «C'era da aspettarselo - commenta a sua volta l'assessore all'ambiente della Provincia Alberto Grandi - questa storia ormai è a un binario morto, o il ministero dell'ambiente decide di procedere lui con il progetto Sogesid visto che le risorse ci sono o si riparte da zero, su un nuovo binario implementando quanto è già stato fatto». A questo punto «sarà la Provincia - annuncia Grandi - a Uno dei cartelli comparsi ieri in via Brennero convocare il tavolo per le bonifiche previsto dall'accordo Ies firmato al ministero dello Sviluppo Economico». Ieri l'assessore ha incaricato i suoi uffici di preparare le lettere di convocazione che verranno inoltrate la prossima settimana ad azienda, sindacati, ministeri, (foto Saccani) Asl, Arpa, Regione e Comune. Un tavolo locale su cui non sembra però riporre troppa fiducia Mariella Maffini: «Si tratta di un Sin, di un sito nazionale su cui gli enti locali non hanno competenza - spiega - per questo durante l'incontro che ho avuto con il ministro dell'ambiente Galletti prima di Pasqua l'ho invitato a convocare lui un tavolo». In realtà lo ha anche invitato a venire a Mantova per rendersi conto di persona della situazione, ma su questo dice solo che «sono in attesa di una risposta». Il nodo da sciogliere ora però è anche un altro: «Voglio capire - aggiunge Maffini - cosa succede in merito alla vicenda les e per questo chiederò delucidazioni ai tecnici del ministero dell'ambiente. Insomma non è chiaro se l'azienda, in attesa dell'udienza di merito, è tenuta a ottemperare a quanto stabilito dal decreto ministeriale per non incorrere nel reato previsto dall'articolo 257 o se in questo periodo procederà lo stesso ministero a realizzare il progetto Sogesid». Il decreto che a febbraio intimava ales di far partire entro tre mesi (che scadranno peraltro il 13 maggio) bonifica e messa in sicurezza della falda in area Ies-Belleli stabilisce infatti che «in caso di mancata esecuzione da parte della les spa, il progetto sarà attuato da Sogesid spa» e «in tal caso l'ammini- Tprr Ic hnnihd,e lcv. ris{k'uando i leoipl tie Tur Energia Pagina 16

19 strazione si riserva di effettuare ogni azione di rivalsa nei confronti del responsabile della contaminazione». E mentre alla luce degli ultimi accordi Eni-Mol il parlamentare Marco Carra ribadisce che l'intervento del governo «oggi potrebbe essere decisivo per favorire la reindustrializzazione del sito», intanto tra strada Cipata e via Brennero spuntano cartelli firmati dalla Rsu: «Raffineria les Mol, stop produzione, Mantova in ginocchio». Un'equazione tragicamente semplice, una scossa per tutti noi : «Sveglia». Energia Pagina 17

20 DESENZANO. La raccolta «porta a porta» messa in discussione dalle autorità sanitarie, nel rispondere all'esposto di Paolo Abate, esercente e consigliere comunale Rifiuti, scoppia il caso «scarti di cucina» Per l'asl sono fuori norma i tre prelievi settimanali. «Non si può accumulare residui armentari nei locali» Un problema per 300 attività tra ristoranti e negozi... Alessandro Gatta I rifiuti organici prodotti da attività come ristoranti e alimentari andrebbero rimossi quotidianamente: non potrebbero «stagionare» per tre giorni nei locali, ad esempio dal venerdì al lunedì come nel centro di Rivoltella, o dal sabato al martedì come nella zona est di Desenzano. LO SCRIVE il responsabile dell'ufficio d'igiene dell'asl di Brescia, dottor Crescenzo Messino, rispondendo all'esposto di Paolo Abate, consigliere comunale e titolare di una pescheria a Rivoltella. Abate lamentava rischi sia igienici sia normativi: «Le prescrizioni Haccp prevedono che giornalmente sia eliminata ogni forma di rifiuto dai locali». Del resto il pesce, dice il saggio, è come l'ospite: dopo tre giorni non è più di gran compagnia. La risposta dell'asl pone un problema non solo a Desenza- Un bel paio di coregoni: col «porta a porta» gli scarti sono un problema Garda Uno ribatte: «Funziona così per comuni detta Lombardia Lo dice il piano della Ilg e ione» no, ma a tutti i Comuni che hanno il «porta a porta». «Il regolamento - scrive l'asl - prevede l'allontanamento quotidiano dei rifiuti di rapida putrescibilità, provenienti da imprese alimentari. Il regolamento comunitario, pur non fissando una periodicità cogente, prevede che gli scarti delle imprese alimentari siano rimossi al più presto dai locali in cui si trovano alimenti». La soluzione, conclude, sarebbe «concordare con il gestore del servizio modalità e tempi di raccolta dei rifiuti, in modo che le imprese alimentari possano eliminarli nel rispetto delle norme igieniche». Anche per non «costituire fonte contaminazione». Una bocciatura riferita non solo a Desenzano, ma a tutto il sistema del porta a porta. Infatti negli altri Comuni, ribatte il gestore Garda Uno, è anche peggio. «Il nuovo Piano Rifiuti della Lombardia- ricordano Garda Uno e il Comune in un comunicato congiunto - copre 1081 Comuni con la raccolta porta a porta, indicando la frequenza standard in due passaggi settimanali: funziona così in tutta la provincia di Brescia, da Lonato atravagliato, da Rovato a Montichiari. A Desenzano abbiamo ritenuto di aumentare a tre i passaggi settimanali, alfine di migliorare lo standard». Ma se la risposta dell'asl obbligasse a una revisione del sistema? «Se sarà necessaria una revisione si vedrà - dice Garda Uno -. A Desenzano ci sono comunque tre centri raccolta aperti tutti i giorni». Rifiuti: Scenario Pagina 18

21 Da M o n i t-ta a Po lpenazze al via anche in Valtenesi la differenziata «spinta» Rifiuti «porta a porta» anche per Moniga, Soiano e Polpenazze Domande, curiosità, dubbi: una valanga di quesiti che ha sommerso i tecnici di Garda Uno nelle tre serate organizzate in Valtenesi, sul passaggio alla raccolta porta a porta che da maggio è entrata in vigorea Moniga, Polpenazze e Soiano. La domanda più diffusa è stata: perchè cominciare adesso, a inizio stagione turistica? «I Comuni devono raggiungere gli obiettivi di legge sulla raccolta differenziata - rispondono da Garda Uno-. Per i turisti è sempre più difficile, anche se molti di loro vengono da territorio in cui il servizio è lo stesso. Il sistema è semplice, si impara in pochi giorni». In particolare, le attività commerciali raccontano di essersi sentite escluse: non è stata organizzata una serata informativa a loro dedicata. Anche qui, come si è visto a Desenzano, preoccupazione oprattutto tra i ristoratori, albergatori e alimentaristi: «La differenziata è obbligatoria pertutti - questa la risposta -: sta alle strutture ricettive organizzare gli spazi interni, per incentivare la separazione. Ogni attività ha inoltre a disposizione contenitori di misure adeguate: dove è necessario, anche il numero di passaggi settimanali si intensifica, come per l'umido dei ristoranti». QUALCHE INCERTEZZA arriva anche dai proprietari di seconde case, di passaggio solo il sabato e la domenica: «Alcune raccolte sono il lunedì mattina. Ma lo strumento migliore rimane l'isola ecologica di Manerba, aperta anche la domenica fino alle 20». In ultimo, i sacchetti consegnati con il kit di raccolta: quando finiscono, che si fa? «La fornitura iniziale è pensata per soddisfare i bisogni di un anno. Passati 12 mesi saranno i Comuni a fornirne di nuovi». Intanto il servizio è partito: a presto le verifiche. A.GAT. Rifiuti: Scenario Pagina 19

22 Con Fondazione Cariplo E a Rezzato si sperimenta la «seconda vita» di ciò che non serve più Anche il comune di Rezzato ospita un progetto sperimentale per la prevenzione dei rifiuti. L'idea è quella di recuperare il rifiuto che è ancora utilizzabile e destinarlo a una nuova vita. Magari nelle mani di chi è in difficoltà economiche. Second Life, questo il nome del progetto del comune bresciano a cura della cooperativa Cauto e con il contributo della Fondazione Cariplo, si prefigge di intercettare il go%o dei rifiuti dei rezzatesi che altrimenti verrebbero buttati nell'isola ecologica. Ed è proprio quest'ultima il cuore dell'iniziativa. La seconda vita che si vuole regalare interessa tutti quei materiali conferiti abitualmente dai cittadini nelle piattaforme ecologiche comunali. La legge stabilisce che questi siano etichettati come rifiuti pur essendo riutilizzabili o riciclabili e come tali L'obliettilvo posso essere raccolti solo da- II gli addetti allo smaltimento. progetto si propone All'interno dell'isola ecologidi intercettare il 10% ca di Rezzato invece il comudei rifiuti giacenti ne ha creato uno spazio dove in isola ecologica il singolo cittadino potrà liberarsi di ciò che non usa più sapendo però che questo verrà riutilizzato. Una volta conferito il materiale, il cittadino dovrà compilare un modulo in cui dichiara la cessione gratuita del bene affinché l'oggetto non venga identificato come rifiuto. Inoltre il modulo consente di fornire dei punteggi per iniziate incentivanti e premiali per i cittadini virtuosi. Una volta varcata la soglia dello spazio Second Life ecco che entra in gioco la cooperativa Cauto che prevederà alla pulizia e all'eventuale riparazione del materiale che sarà poi indirizzato verso le possibilità di riuso. Per esempio le bancarelle settimanali che la cooperativa organizza da anni dove il non-rifiuto verrà venduto a prezzi decisamente inferiori a quelli di mercato offrendo un'opportunità concreta alle famiglie in difficoltà. Second Life significa anche educazione ambientale nelle scuole. La Cauto prosegue anche per quest'anno scolastico l'opera di sensibilizzazione nelle scuole delle giovani generazione ai temi della riduzione degli sprechi e del consumismo. Silvia Ghilardi Rifiuti: Scenario Pagina 20

23 Dopo la fase pilota ora il progetto entra nel vivo e -2 e no Con «Now» Cauto nqualffica i úflufl- deì supermercatí In un anno t te e recuperati Che fine fanno i rifiuti organici prodotti dalla grande distribuzione? In discarica, per lo più. Ma se un supermercato decidesse di donarli ad associazioni benefiche, riducendo quindi la quota di rifiuti prodotta, pagherebbe meno tasse? La risposta è negativa. Il progetto Now - No more organic waste (Mai più rifiuti organici) di cui si fa il punto oggi alle 11 a Villa Mazzotti di Chiari nell'ambito del festival Chiarissima ha tutti i requisiti per essere preso a modello di buona pratica che fa bene all'ambiente, trasforma i rifiuti in risorse, crea buona occupazione e prova a dire che in Italia servirebbero leggi più intelligenti. Proposto dalla cooperativa Cauto, Now, grazie al contributo finanziario della Commissione europea, è stato avviato in fase pilota a inizio 2012 in alcuni punti vendita e oggi è arrivato al terzo step con l'implementazione del modello in decine di supermercati della provincia. In pratica i rifiuti organici, prodotti in scadenza o scarti di lavorazione, vengono recuperati al 95% e trasformati in donazione a scopo sociale o per alimentazione animale. I numeri? 8oo tonnellate di alimenti recuperati, 5o enti benefici coinvolti, cinquemila persone servite a settimana, nuova occupazione per quasi una ventina di persone. Negli scorsi mesi è stato raggiunto un accordo anche con il gruppo Italmark, operativo con 52 punti vendita e la stima è che nel 2014 il gruppo possa contribuire a 555 tonnellate di donazioni ulteriori. Tutto o quasi viene recuperato: «E questo l'aspetto più innovativo del modello - spiega Anna Brescianini, presidente di Cauto -: la gestione del rifiuto in tutte le sue fasi». Un esempio: il pane secco viene comunque se- Rifiuti: Scenario Pagina 21

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli