Relazione generale. Indice. 1. Premessa pag Descrizione dell intervento pag Principali lavorazioni pag. 7

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione generale. Indice. 1. Premessa pag. 2. 2. Descrizione dell intervento pag. 3. 3. Principali lavorazioni pag. 7"

Transcript

1

2 Relazione generale Indice 1. Premessa pag Descrizione dell intervento pag Principali lavorazioni pag Inserimento ambientale pag Eventuali interferenze con linee e servizi pag Disponibilità delle aree pag Criticità e analisi dei rischi pag Vincoli pag Risultanze Urbanistiche pag Quadro economico pag. 14 1

3 1. Premessa Il distretto dei Sette Fratelli si sviluppa sull omonimo complesso montuoso e, per un lungo tratto, sulla fascia costiera che dal litorale di Quartu Sant Elena raggiunge le foci del Flumendosa. Il territorio è prevalentemente coperto da boschi e macchie di leccio e sughero. Il nucleo del massiccio è costituito da sette vette principali e da strette valli boscose caratterizzate da percorsi suggestivi. Lungo le valli si sviluppa il sistema di accesso al massiccio, mentre la fascia costiera è la zona più soggetta a pressioni antropiche e attività turistiche. Quasi il 40% del distretto è soggetto a vincolo idrogeologico mentre circa il 4% a pericolosità idrogeologica. I fenomeni franosi che sono localizzati per diversi ettari sono classificati prevalentemente come crolli e ribaltamenti. All interno di questo contesto si sviluppano le strade che realizzano la viabilità minore e rurale e che costituiscono elementi fondamentali per l'accessibilità e la gestione del territorio. Svolgono molteplici funzioni quali il presidio dei luoghi, la sicurezza e lo sviluppo delle attività socio-economiche. Il presente progetto definitivo/esecutivo prevede la sistemazione e la messa in sicurezza dei percorsi di accesso al S.I.C. Monte dei 7 Fratelli e Sarrabus nei comuni di Maracalagonis e Castiadas secondo una serie di interventi basati su principi di sostenibilità ambientale, che si sviluppano sia lungo l'intero percorso, sia in specifici tratti (opere puntuali). Nelle fasi di approfondimento progettuale si è tenuto conto di questa caratteristica duale in modo che i due tipi di interventi si sviluppino in modo armonioso ed omogeneo. Gli interventi previsti vanno dal recupero e messa in sicurezza dei percorsi esistenti, fino ad opere di mitigazione del rischio idraulico e di creazione di aree di sosta e zone panoramiche. Il comun denominatore di tali interventi è il miglioramento del comfort e della fruibilità dei luoghi, senza per questo alterare le valenze ambientali del territorio. A tal proposito dovranno utilizzarsi materiali locali ed ecocompatibili. 2

4 2. Descrizione dell intervento L intervento in oggetto riguarda le sistemazione e messa in sicurezza di due percorsi differenti di accesso all area S.I.C.: Percorso ricadente nel Comune di Maracalagonis: realizzazione e messa in sicurezza di una pista di ingresso all area ps.i.c. di estensione di circa 12 km dalla località costiera di Kala e Moru Geremeas sino alla località Bruncu S Olioni. Percorso ricadente nel Comune di Castiadas: realizzazione e messa in sicurezza di una pista di ingresso all area ps.i.c. di lunghezza di circa 2,6 km dalla diramazione centrale della colonia penale di Castiadas sino alla sorgente Staulu Mannu. Tutto il quadro strategico è fortemente influenzato sia dal Piano di Gestione dellarea S.I.C. che da tutti gli altri strumenti di pianificazione attualmente vigenti sull area: il PPR, il Piano Territoriale di Coordinamneto della Provincia di Cagliari (PUP-PTC) e gli strumenti urbanistici comunali. L appartenenza ad un area S.I.C. a agli Ambiti di Paesaggio n 26 Castiadas e n 27 Golfo orientale di Cagliari individuati dal PPR assoggetta le aree di progetto alla disciplina di tutela del paesaggio. Lo stesso Piano Paesaggistico Regionale indica come auspicabili tutte quelle trasformazioni orientate a favorire l interconnessione del sistema montano dei Sette Fratelli con il sistema costiero. L obiettivo generale è quello di intervenire per ridurre la discontinuità o l insufficienza funzionale del sistema dei percorsi fruitivi ed inquadrare l area ps.i.c. Monte dei Sette Fratelli e Sarrabus in un contesto territoriale più vasto, in modo tale da valorizzare e rendere accessibile l area dall esterno. Tutti gli interventi di sistemazione dei percorsi sono costituiti a loro volta da una serie di opere relative all intera estensione della pista e opere limitate ad alcuni tratti o punti particolari della stessa che presentano caratteristiche e problematiche specifiche. Nello specifico: 3

5 Il percorso per la sorgente Staulu Mannu (Castiadas) è agevolmente collegato alla viabilità locale di servizio al nucleo di Castiadas e alla principale direttrice di traffico sovralocale che attraversa il territorio, il nuovo tracciato della S.S. 125 che collega la regione del Sarrabus con Cagliari. Il percorso ha inizio alle spalle del complesso della diramazione centrale delle carceri, oggi in parte riconvertita in spazio polifunzionale. Il percorso prosegue poi all interno dell area dell Ente Foreste. Figura 1 - Indicazione del tratto oggetto di intervento ricadente nel Comune di Castiadas 4

6 Il percorso in territorio di Maracalagonis sino alla località Arcu S Olioni parte dal bivio di Geremeas e risale l entroterra per circa 10 km. Presenta un grado di accessibilità elevato per la prossimità alla strada litoranea S.P. 17 e per la confluenza della nuova S.S. 125 e unisce le risorse del sistema marino costiero di Geremeas Kala e Moru con il paesaggio montuoso dell entroterra. La presenza sul lato collinare di forme sparse dell edificato rurale recentemente interessate da un processo di riconversione turistica costituisce un altro elemento interessante per un eventuale futuro approfondimento di modelli di organizzazione del territorio incentrati sul integrazione di azioni di salvaguardia e valorizzazione turistico ricreativa del paesaggio appoggiate ad un sistema di ospitalità diffusa. Figura 2 - Indicazione del tratto oggetto di intervento ricadente nel Comune di Maracalagonis 5

7 I percorsi individuati risultano disponibili ad accogliere e combinare diverse funzioni quali trekking, escursioni a cavallo o in mountain bike, che integrate tra loro e unite ad altri sistemi di sentieri già realizzati faciliteranno una fruizione più ampia ed estesa del territorio e delle risorse che esso offre. Si prevede inoltre la predisposizione lungo i due percorsi di un apposito sistema informativo di segnaletica e dispositivi esplicativi i cui componenti presenteranno caratteri formali comuni al fine di conferire unitarietà e riconoscibilità all intera macroarea di progetto. La segnaletica e i dispositivi informativi forniranno indicazioni sulla localizzazione geografica dei percorsi e sulle specifiche caratteristiche degli stessi. Gli allestimenti comprenderanno anche la realizzazione di punti di stazionamento, sosta e riposo opportunamente attrezzati con sedute e tavoli. Oltre a perseguire la valorizzazione delle qualità del paesaggio locale, gli interventi di riqualificazione della rete di percorsi sono stati concepiti come funzionali a realizzare alcune condizioni di prevenzione, protezione e pronto intervento dai principali fattori di rischio ambientale a cui l intero contesto risulta fortemente esposto: il rischio incendi e il dissesto idrogeologico. Le opere previste sul sistema della viabilità non prevedono alterazioni delle caratteristiche planoaltimetriche, geometriche e tipologiche dei tracciati, ma limitano gli interventi alla sistemazione del fondo e dello spazio sui bordi con eventuali allargamenti di sezione finalizzati esclusivamente a conferire maggiore resistenza nel tempo agli agenti usuranti, garantire più adeguate condizioni di sicurezza per la circolazione di tutti gli utilizzatori e migliori caratteristiche di comfort per la fruizione 6

8 3. Principali lavorazioni Le lavorazioni possono essere suddivise in quattro tipi di intervento: - La sistemazione dei percorsi - Le opere di regimentazione idraulica - Il sistema della segnaletica - La sistemazione delle aree di sosta attrezzate La sistemazione dei percorsi comprende tutta una serie di interventi per ripristinare il manto di usura carrabile prevalentemente mediante terra stabilizzata, previa sistemazione di uno strato di pietrame nei tratti maggiormente dissestati, oltre che opere di pulizia e consolidamento delle scarpate. Le opere idrauliche consisteranno dio incanalare il flusso delle acque in modo tale da limitare il più possibile fenomeni erosivi sul manto stradale, mediante il ripristina o la realizzazione di cunette o di particolari drenaggi a bordo strada. Le acque verranno poi incanalate in tubazioni sotto terra e indirizzate quindi verso valle. Infine particolare importanza assumeranno anche tutte quelle opere complementari che contribuiranno a rendere fruibile al meglio l area in oggetto, quali la sistemazione di alcuni punti di sosta panoramici attrezzandoli con tavoli e sedute in pietra ed il posizionamento di opportuna segnaletica nei sentieri. 7

9 4. Inserimento ambientale I principi generali che hanno guidato le scelte progettuali sono stati la ricerca della compatibilità ambientale e territoriale delle azioni e la fattibilità degli interventi, intese come coerenza delle trasformazioni con l equilibrio stesso delle componenti del paesaggio. Tutte le soluzioni adottate risultano poco invasive, tendono a mantenere il più possibile inalterata la conformazione dei luoghi e adottano tecnologie a bassissimo impatto e materiali ecocompatibili reperiti nel siti interessati op al più a livello locale. Lo sviluppo lineare dei percorsi è stato definito ricalcando la rete dei tracciati esistenti, provvedendo in alcuni limitati casi al ripristino della sezione originaria tramite opere di pulizia e taglio della vegetazione che a causa dell abbandono e della mancanza di manutenzione ha preso il sopravvento. La sezione stradale sarà comunque tale da disincentivare il transito di mezzi motorizzati e da moderare la velocità di percorrenza, ferma restando la possibilità di utilizzare in tutta sicurezza veicoli fuori strada per l accesso dei mezzi di soccorso e di servizio e la possibilità di raggiungere in modo comodo le abitazioni private situate nel primo tratto del percorso che parte da Kala e Moru Geremeas sino alla località Bruncu S Olioni. Tutto ciò comporterà non solo benefici in termini di sicurezza nel transito ma anche un notevole contenimento dell inquinamento acustico e atmosferico. Le soluzioni tecniche e i materiali adottati ricercano inoltre il principio di compatibilità territoriale rendendo possibile l integrazione delle proposte progettuali con altri piani e programmi di sviluppo e valorizzazione paesaggistica e territoriale che vengono di volta in volta portati avanti dalle amministrazioni comunali. Infatti la disponibilità di una fitta trama di vie secondarie crea le basi per eventuali futuri ampliamenti del sistema di percorsi ricorrendo sempre ai criteri di recupero dei tracciati esistenti, come ad esempio il sistema delle vecchie carbonaie nel Comune di Castiadas e di integrazione con i percorsi attrezzati e gestiti da altri soggetti pubblici e privati. Il progetto apre la strada anche a future azioni di ripensamento dell organizzazione dei luoghi sotto il profilo dell allestimento di attrezzature, strutture e servizi che favoriscano lo sviluppo di modelli di economia turistica alternativi rispetto alle tradizionali forme incentrate sul turismo balneare. In questo quadro assume valore il patrimonio edilizio esistente. Le forme dell edificato rurale, testimonianza degli usi storici del territorio, per la loro localizzazione sparsa e per le loro caratteristiche tipologiche, si prestano ad accogliere eventuali strutture di supporto alle nuove modalità di fruizione e funzionamento del territorio che la realizzazione dei sentieri concorre ad avviare e sostenere. Tali strutture opportunamente sottoposte ad interventi di recupero funzionale e architettonico possono, infatti, diventare precisi luoghi dedicati alle attività di informazione, conoscenza, vigilanza, sosta, ristoro, riposo o allo svolgimento di attività produttiva quali pratiche zootecniche, agricole, agroalimentari 8

10 e forestali. Il sito di progetto in territorio di Maracalagonis manifesta in modo evidente questa opportunità per la consistente presenza nell intorno del percorso delle forme tipiche dell insediamento rurale sparso recentemente riconvertito ad uso residenziale e turistico ricettivo e che dunque esprime la propria disponibilità per la costruzione di un sistema di ospitalità diffusa. Il percorso di Castiadas, invece, prende avvio presso la sede centrale della colonia penale, struttura che allo stato attuale presenta segni di degrado, ma opportunamente restaurata potrebbe accogliere funzioni ricettive e concentrate. Questi esempi consentono di intravedere nel progetto dei sentieri un passo importante per l avvio nei territori di un sistema di organizzazione a rete che integri azioni di strutturazione e allestimento dello spazio fisico con politiche di sostegno ed incentivo di attività gestionali collegate con il funzionamento e la valorizzazione del territorio le quali coinvolgono altri settori dell economia dei contesti da quello della formazione, a quelli imprenditoriale, dei servizi al territorio, dei servizi alla manutenzione e alla fruizione del paesaggio, alla ricettività. Affinchè tali obiettivi possano realmente e pienamente concretizzarsi e perdurare nel tempo, insieme alle opere di sistemazione e allestimento dei sentieri assume rilevanza l implementazione di adeguiati modelli di gestione. Una forma possibile è rappresentata dalla creazione di cooperative incaricate della manutenzione dei luoghi e della conduzione di servizi di incentivo e sostegno alla fruizione. Tali azioni potranno essere avviate in un secondo momento nell intento di assicurare fattibilità pratica e continuità nel tempo al progetto e di favorire concreti riflessi nel territorio. 9

11 5. Eventuali interferenze con linee e servizi Per quanto riguarda la componente archeologica, le zone di intervento non ricadono in aree di interesse. Inoltre la realizzazione dell opera non comporterà scavi a quote più profonde da quelle già impegnate dai manufatti esistenti Disponibilità delle aree Le aree interessate dal presente progetto sono di titolarità dei rispettivi Comuni. Vi sono poi altri enti che ne dispongono e con i quali è necessario definire un Protocollo d Intesa per stabilire le modalità. In particolare: Tratto di pertinenza del Comune di Maracalagonis: area di proprietà comunale Tratto di pertinenza del Comune di Castiadas: area di proprietà comunale e demaniale con interesse per alcuni tratti dell Ente Foreste della Sardegna 5.2. Criticità e analisi dei rischi Come sopra accennato le aree sono interessate dalla presenza di diversi soggetti con i quali sarà necessario definire aspetti progettuali e coordinare i tempi realizzativi. Nello specifico una consistente porzione del territorio del ps.i.c. Monte dei Sette Fratelli e Sarrabus è soggetta alla gestione pubblica dell Ente Foreste della Sardegna (EFS), ente strumentale a cui è affidata la gestione forestale pubblica sul territorio regionale. Da ciò consegue che l EFS amministra le diverse realtà secondo indirizzi gestionali differenti; infatti la quota demaniale è gestita secondo un orientamento selvicolturale prioritariamente naturalistico, quella pubblica non demaniale è maggiormente orientata alla multifunzionalità, con l accostamento delle funzioni produttive del bosco accanto a quelle naturalistiche, mentre la proprietà privata è in regime cosiddetto di occupazione, con il quale termine si sintetizza la gestione da parte di EFS di aree sottoposte al vincolo idrogeologica ai sensi del RDL 3267/23, terreni condotti con un orientamento gestionale specificamente indirizzato alla stabilizzazione e rinsaldamento dei versanti. I contratti giuridici che regolano il rapporto di amministrazione dei terreni da parte di EFS prevedono regimi di concessione di 99 anni per le aree demaniali, concessioni variabili da 10 a 30 anni, rinnovabili, per le terre pubbliche non demaniali, atti di occupazione temporanea per i terreni privati vincolati dal 10

12 RDL 3267/23, di durata non precisata e da valutarsi a norma di legge sulla base dei risultati raggiunti nei livelli di rinsaldamento e maturità dei popolamenti. Tale ultima categoria di terreni, a verifica positiva delle condizioni sopradette, deve essere restituita alla gestione diretta dei legittimi proprietari. Tale situazione risulta vera nel caso delle opere previste nel Comune di Castiadas e tale elemento rappresenta una criticità soprattutto legata alla corretta definizione degli ambiti operativi e discrezionali di ciascun Ente. Per meglio analizzare tale situazione nei diversi elaborati grafici sono state messe in evidenza le aree di pertinenza dell Ente Foreste con l indicazione delle porzioni di percorso poste al di fuori e all interno dei confini del S.I.C. oltreché all interno delle aree di pertinenza dell EFS. Nel caso di Maracalagonis, si dovrà tenere conto della presenza della coincidenza della parte iniziale del tracciato con il territorio del Comune di Quartu S. Elena e la presenza della rotatoria di accesso alla bretella di collegamento con la nuova S.S Infatti benché non siano previsti interventi sula tracciato in quella parte sarà necessario localizzare al crocevia con la strada Provinciale per Villasimius un pannello informativo che indichi la possibilità di raggiungere il S.I.C. attraverso il percorso oggetto del presente progetto Vincoli Per quanto riguarda le limitazioni riscontrabili sul territorio di natura demaniale ed idrogeologica, servitù ed altre limitazioni, non si sono rilevati vincoli. In merito al Piano Paesaggistico Regionale (P.P.R.) i percorsi sono ricompresi all interno degli Ambiti di paesaggio n 26 Castiadas e n 27 Golfo orientale di Cagliari, che individuano le seguenti tipologie di vincolo: Ambito n 26 Castiadas: beni paesaggistici ex art. n 136 monumenti naturali proposti parchi nazionali istituiti parchi regionali istituiti parchi regionali proposti parco geominerario della Sardegna 11

13 Ambito n 27 Golfo orientale di Cagliari: aree di interesse naturalistico proposte beni paesaggistici ex art. n 136 monumenti naturali proposti parchi nazionali istituiti parchi regionali istituiti parchi regionali proposti parco geominerario della Sardegna zone di protezione speciale Inoltre la Regione Sardegna, con Decreto dell Assessore della Difesa dell Ambiente N.24/CFVA del , ha reso esecutive le Prescrizioni di massima e di polizia forestale per i boschi e terreni sottoposti a vincolo idrogeologico (P.M.P.F.), in attuazione del R.D. 1126/1926 (Regolamento per l esecuzione del R.D.L. 3267/1923) che razionalizza ed omogeinizza le prescrizioni fino ad allora vigenti per tutte le province della Sardegna, rendendole uniformi su tutto il territorio regionale. Le disposizioni contenute nel P.M.P.F., redatte a norma del R.D.L n 3267 e del R.D n 1126, costituiscono buone norme di uso selvicolturale, agronomico e pastorale nonché di altri usi del suolo da applicarsi ai terreni di qualsiasi natura e destinazione che, a causa della loro speciale ubicazione, natura del suolo, giacitura e vulnerabilità, siano sottoposti a vincoli idrogeologici al fine di evitare, con danno pubblico, dissesti idrogeologici quali, in particolare, perdita di stabilità dei terreni e turbamento del regime delle acque. Le disposizioni della P.M.P.F. si applicano anche ai boschi e ai pascoli appartenenti agli Enti pubblici, anche se non soggetti a vincolo idrogeologico, che non siano dotati di un piano economico approvato ed in vigore. Le disposizioni del Piano suddetto riguardano, fra l altro, i seguenti aspetti gestionali particolarmente importanti in relazione agli interventi previsti dal progetto: 12

14 1. Esecuzione dei tagli in qualsiasi periodo dell anno 2. Modalità dei tagli 3. Potatura delle piante 4. Norme particolari per i boschi di alto fusto 5. Norme particolari per i boschi cedui 6. Norme per i terreni cespugliati ed arbustati 7. Manutenzione e ripristino di strade e apertura di viabilità secondaria 8. Raccolta ed estrazione di materiali inerti 9. Altri movimenti di terra Nell esecuzione del progetto sono state utilizzate le P.M.P.F. come regole di riferimento per le tecniche di ingegneria naturalistica scelte per la realizzazione dei vari interventi Risultanze Urbanistiche Per ciò che riguarda i tratti dei percorsi ricadenti all interno dell area S.I.C. a livello urbanistico il territorio ricade all interno della zona H1 nei rispettivi P.U.C. dei comuni di Maracalagonis e Castiadas. I tratti iniziali di accesso all area ricadono nella zona E12A per quel che riguarda il comune di Maracalagonis, mentre per qual che riguarda il comune di Castiadas il percorso attraversa diverse zone omogenee segnando il limite tra le zone B1 e A1 a partire dall ex carcere, e tra le zone E5, S e GF proseguendo verso monte. Il Piano Paesaggistico Regionale (P.P.R.) individua, per i due percorsi, le seguenti componenti di paesaggio: Percorso Geremeas Bruncu S Olioni, Comune di Maracalagonis: case sparse, boschi, praterie, macchia; Percorso Centrale Sorgenti Staulu Mannu, Comune di Castiadas: centri di antica e prima fondazione, espansioni fino agli anni 50, praterie, boschi. 13

15 Il Piano Forestale Ambientale Regionale (Piano F.A.R.) prevede per la totalità dei percorsi Geremeas Bruncu S Olioni e per l ultimo tratto del percorso Centrale Sorgenti Staulu Mannu un vincolo idrogeologico come da R.D. 3267/23. Viceversa nel Piano di Assetto idrogeologico della Sardegna vigente non è rilevato alcun vincolo idrogeologico. Il Piano Urbanistico Provinciale individua, per i tre percorsi, le seguenti ecologie insediative e agrario-forestali:: Percorso Geremeas Bruncu S Olioni, Comune di Maracalagonis: macchia-foresta, boschiboscaglia (ecologie agrario forestali); Percorso Centrale Sorgenti Staulu Mannu, Comune di Castiadas: macchia-foresta, boschiboscaglia (ecologie agrario forestali). 6. Quadro economico Progetto definitivo-esecutivo - Quadro economico a) LAVORI a1) importo lavori ,06 a2) oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso d'asta 6 808,44 sommano a) ,50 b) SOMME A DISPOSIZIONE b1) Per IVA sui lavori (10 % di a) ,35 b2) Spese tecniche (compreso IVA e CNPAIA) ,69 b3) Incentivi del RUP e i suoi collaboratori (2% di (a)) 4 871,07 b4) Accantonamenti ,68 b5) Imprevisti ,71 sommano IMPORTO TOTALE FINANZIAMENTO (a+b) : , ,00 14

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. D.P.C.M. 12-12-2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

persona fisica società impresa ente

persona fisica società impresa ente SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2) : persona fisica

Dettagli

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO RECEPIMENTO DELLE PRESCRIZIONI PREVALENTI DELLA PROVINCIA IN MERITO ALLA VERIFICA DI COMPATIBILITA CON IL P.T.C.P. ART.13 commi

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale 1. I limiti di consumo di suolo I Piani di governo del territorio (Pgt) sono sottoposti alla verifica di compatibilità rispetto al Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp), in attuazione

Dettagli

Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139

Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139 STU-EDI-SEMPL/0 Pagina 1 di 5 Protocollo Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139 Il sottoscritto richiedente autorizzazione

Dettagli

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 12. LE NORME DI ATTUAZIONE CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Art. 1 Natura giuridica Il Piano della Viabilità costituisce parte del

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

Giuseppe Persia Autorizzazioni e Concertazione Direzione Sviluppo Rete

Giuseppe Persia Autorizzazioni e Concertazione Direzione Sviluppo Rete Lo sviluppo sostenibile della rete elettrica: le esperienze di successo della gestione degli impatti sulla biodiversità e le prospettive verso un infrastruttura verde Giuseppe Persia Autorizzazioni e Concertazione

Dettagli

Bando delle idee. Relazione Conclusiva

Bando delle idee. Relazione Conclusiva Bando delle idee Relazione Conclusiva Premessa La Comunità Montana dell Aniene è stata beneficiaria di un contributo di 14.014,00 dalla Provincia di Roma nell ambito del progetto La natura sacra. La Comunità

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale per la Sardegna 2007/2013. Asse 4 Attuazione dell approccio Leader. Misura a regia regionale 323, azione 1, sottoazione 1 Tutela

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail RICHIESTA Autorizzazioni paesistiche. Provincia di Milano Settore Agricoltura, parchi, caccia e pesca Viale Piceno, 60 20129 MILANO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER INTERVENTI IN AREA BOSCATA

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140 Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 2300 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 0086679040 PIANO DI SVILUPPO DECENNALE 204-2023 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE. La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde

RELAZIONE TECNICA GENERALE. La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa e finalità dell intervento La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde sita in Via Corelli Fraz. Valcanneto nel

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA Provincia di Pistoia Dipartimento Pianificazione Territoriale,

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività inerenti al servizio di piena e intervento idraulico e presidio territoriale.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti torna all Indice Capitolo 10 10 CRITERI DI SELEZIONE DEI SITI IDONEI 10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti I criteri, assunti dal Piano Territoriale di Coordinamento (PTC),

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7 Bando per la selezione di manifestazioni di interesse ad interventi per la fruibilità turistica e ricreativa in aree interessate da attività estrattive Articolo 1. Contenuto del bando ed obiettivi 1. Il

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Relazione al disegno di legge: ISTITUZIONE DEI PARCHI NATURALI REGIONALI DELL OASI DI TEPILORA, DELLEFORESTEDI GUTTURU MANNU E DEL MONTE ARCI presentato dall Assessore della Difesa dell Ambiente dr Antonio

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Valutazione Ambientale e Fattibilità dei Piani e dei Progetti (CdL VALGESTA)

Valutazione Ambientale e Fattibilità dei Piani e dei Progetti (CdL VALGESTA) Valutazione Ambientale e Fattibilità dei Piani e dei Progetti (CdL VALGESTA) POLITICHE REGIONALI POLITICHE REGIONALI SCHEDA PROGETTO 4 5 6 7 8 1. Caratteristiche e obiettivi dell intervento In questo paragrafo

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1)

RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2): persona fisica società impresa

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA 2011 P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI Il Sindaco ZENERE LINO Il Segretario Generale MICHELANGELO PELLÈ GENNAIO 2011 ALLEGATO CONI VISUALI

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 6 AGRICOLTURA FORESTE E FORESTAZIONE AREA TERRITORIALE [*1]... [*2].... [*3] Via........ [ CAP ] [ CITTÀ ] www.assagri.regione.calabria.it Per il tramite del Suap del Comune

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 50/38 del 5.12.2006 STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE 0. PREMESSE Come evidenziato nei documenti guida del nuovo periodo di programmazione dei fondi

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli