Piano dell offerta formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano dell offerta formativa"

Transcript

1 Piano dell offerta formativa Anno scolastico DIRIGENTE SCOLASTICO: prof. Giuseppe Monforte TEST CENTER ECDL 1 SEDE ACCREDITATA D ESAMI ECDL ADVANCED ECDL SPECIALISED

2 organigramma Prof. Giuseppe Monforte Dirigente scolas.co: prof. Giuseppe Monforte D.S.G.A. Antonella MECCIA Collaboratori del Dirigente: Prof.ssa M.Concetta Amoroso (con funzioni vicarie); Prof. Salvatore Petralia (fiduciario plesso sud) Delegati del Dirigente: Prof.ssa Lucia Firrarello; Prof. Giuseppe D Agate Prof.ssa Chiara Longo (delegata del corso serale SIRIO) Responsabile della sicurezza: Consulente esterno per la sicurezza STUDIO TRE Engineering Responsabile interno: prof. Vito Donato Il Piano dell Offerta Formativa intende rivisitare la funzione del servizio scolas.co rigenerandone percorsi, finalità e organizzazione, avvicinandosi ulteriormente alle esigenze dell utenza, alle richieste della formazione, ai bisogni del territorio, aprendosi a sollecitazioni e s.moli esterni (scolas.ci e non solo), facendosi carico di promuovere inizia.ve significa.ve in campo forma.vo. 2

3 L Is&tuto Pietro Branchina ha akribuito fin dall inizio la massima importanza alla scelta e alla cos.tuzione del corpo docente, infal l azione didalca è garan.ta dal contributo di oltre docen. coadiuva. dagli assisten. tecnici e da tuko il personale in servizio. Gli insegnan& considerano il rapporto scuola- famiglia fondamentale per il buon rendimento del loro lavoro; per questo si preoccupano di tenere i genitori costantemente informa. dei progressi o delle difficoltà dei loro figli e forniscono la loro completa disponibilità per eventuali incontri periodici, con gli allievi o con le famiglie, in orari prestabili.. L azione amministra&va è assicurata grazie alla cooperazione dagli assisten. amministra.vi (personale di segreteria), dagli assisten. tecnici più i collaboratori scolas.ci coordina. dal DireKore dei Servizi Generali e Amministra.vi, dok.ssa Antonella Meccia. L Is&tuto dispone di 13 classi rela.ve al corso commerciale (IGEA e Amministrazione, Finanza e Marke.ng), di 17 classi rela.ve al corso turis.co (ITER e Turismo), di 10 classi rela.ve al corso Geometra e di 5 classi rela.ve al corso serale sperimentale Sirio (Indirizzo ITER e Ar.colate). E' Adrano il Comune etneo presso il cui territorio ha sede L'ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE "P. BRANCHINA", ma i fruitori dei suoi servizi provengono, in buon numero dai comuni di Biancavilla, S. M. di Licodia, Paternò, Bronte, MaleKo e Maniace. La realtà socio- economico- culturale di tale vasto comprensorio può essere assimilata in un unico contesto, dal momento che i comuni cita. condividono le stesse problema.che: difficile situazione occupazionale; carenza di idonei s.moli culturali e di strukure sociali ake ad accogliere i giovani e a far fronte alle loro istanze prevenendo adeguatamente il fenomeno della devianza. E tukavia il nostro territorio offre delle risorse ambientali, e soprakuko umane, che vanno valorizzate e potenziate: dalle bellezze paesaggis.che alla ricchezza dei monumen., che akesta e rimanda alle radici storico- culturali delle nostre cikà; alle carakeris.che di comunità cikadine che mantengono e col.vano valori quali la famiglia, l accoglienza, l impegno sociale e la solidarietà. Alla luce di quanto deko, questa Scuola e le sue strukure intendono: rappresentare un chiaro punto di riferimento per il territorio; svolgere un ruolo primario per la riduzione del fenomeno della disoccupazione e la prevenzione del disagio giovanile; contribuire a fornire al mondo del lavoro personale qualificato e competente. Sito Internet: DOVE SIAMO Sede dell Istituto: Via San Tommaso d Aquino s.n Adrano (CT) Tel Fax

4 Il nostro Is.tuto, pertanto, con i suoi indirizzi del SETTORE ECONOMICO 1. Amministrazione, finanza e marke&ng (Commerciale ex proge.o IGEA) 2. Turismo (Turis7co ex proge.o ITER) e del SETTORE TECNOLOGICO 3. Costruzioni, ambiente e territorio (Geometra) 4. Grafica e comunicazione svolge, con la collaborazione di en. ed organizzazioni esterne, diverse alvità di formazione ispirate all obielvo di avvicinare i giovani al mondo del lavoro, consentendo loro di stabilire un concreto riscontro tra quanto studiato e appreso a scuola e la realtà lavora.va. STRUTTURE La sede dell Is&tuto è dotata delle seguen& strupure Un numero di aule sufficiente a garan.re lo svolgimento delle lezioni in turno an.meridiano; Ampi spazi interni ed esterni con punto di ristoro per la pausa di socializzazione; 16 laboratori moderni ed adeguatamente akrezza.; Collegamento Internet e Intranet e sede accreditata d esami per Test Center ECDL; Adeguate stru9ure spor:ve (palestre e campi di calceko, basket e pallavolo) Dispone, in par.colare, di 52 aule ordinarie cui si aggiungono i servizi sokoelenca.: N. 2 Laboratori di Chimica e Fisica, muni. di tul gli strumen. tecnici più aggiorna. per l alvità didalca. N. 2 Laboratori di Scienze Naturali. N. 2 Laboratori linguis&ci, con 24 postazioni akrezzate ciascuno per gli studen. e di consolle per il docente, computer mul.mediali, televisione munita di impianto di ricezione satellitare e videoregistratore. N. 2 Aule audiovisive, con televisore stereofonico, videoregistratore, lekore dvd e cd- rom e con ampia scelta di audiovisivi didalci. Le stesse aule sono inoltre akrezzate con videoproiekore e personal computer per proiezioni interalve e mul.mediali. 4

5 STRUTTURE N. 6 laboratori di informa&ca di cui 2 akrezza. per laboratori linguis.ci dota. di scanner, con possibilità di accesso ad Internet, per un totale di oltre 70 postazioni utente. N. 6 Aule fornite di LIM, lavagne interaxve per la didaxca con collegamento internet, audio stereofonico, lekore dvd e cd- rom e con ampia scelta di audiovisivi didalci. Laboratorio di topografia, munito di elaboratore fornito di programmi idonei per la realizzazione di disegni e strukure per rilevazioni di.po catastale. Laboratorio di tecnologia delle costruzioni, munito delle principali akrezzature per effekuazione delle prove di resistenza sulle rocce e sui materiali da costruzioni. Dotato anche di akrezzature per il sondaggio non distrulvo delle strukure in calcestruzzo armato. N. 2 aule di disegno tecnico fornite di tavoli da disegno. N.1 Biblioteca, con ampia disponibilità libraria (circa duemila tes. di cultura generale e mirata) e catalogo informa.zzato. 2 palestre coperte akrezzate per varie alvità spor.ve e ginniche, sia di squadra sia individuali. N 2 campel esterni akrezza. per calceko, basket e pallavolo, piste per atle.ca con fosse per salto in lungo e lancio. N. 2 Aule Magne di cui una capace di n. 400 pos. a sedere e idonea ad alvità polifunzionale grazie alla dotazione di impianto di amplificazione, videoproiekore e rela.vo schermo e palcoscenico teatrale, mentre l altra akrezzata per mostre ed alvità didalche. Ampi spazi esterni muni& di sufficien& parcheggi per auto e moto. TuKe le classi sono dotate dei collegamen. necessari per alvare i collegamen. in rete intranet ed internet. I registri elekronici sono una dotazione di tuke le classi, con postazioni fornite di notebook o netbook per la ges.one elekronica delle alvità quo.diane. 5

6 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI La scuola assicura gli standard specifici dei seguen& servizi amministra&vi: La distribuzione dei moduli di iscrizione è effekuata a vista nei giorni previs. in orario ampliato e pubblicizzato in modo efficace. La segreteria garan.sce assistenza tecnica per lo svolgimento celere della procedura di iscrizione alle classi. Il rilascio dei cer.fica. è effekuato nel normale orario di apertura degli uffici di Segreteria al pubblico, entro il tempo massimo di tre giorni lavora.vi per quelli di iscrizione e frequenza e di cinque giorni per quelli con votazioni e/o giudizi. È possibile richiedere tul i cer.fica. on- line. I cer.fica. e il diploma conclusivo degli esami di Stato sono consegna. entro tre giorni a par.re dal terzo giorno lavora.vo successivo alla pubblicazione dei risulta. finali, previo il pagamento della rela.va tassa erariale. I documen. di valutazione degli alunni sono consegna. direkamente dal Dirigente Scolas.co o dai Docen. incarica., entro dieci giorni dal termine delle operazioni di scru.nio L orario di ricevimento al pubblico degli uffici di segreteria, compa.bilmente con la dotazione organica del personale amministra.vo, è il seguente: SEGRETERIA AMMINISTRATIVA, UFFICIO PATRIMONIO E CONTABILITÀ E DIDATTICA ma<na LUNEDÌ pomeriggio MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ SABATO PROTOCOLLO TuL i giorni La scuola assicura all utente la tempes.vità del contako telefonico, stabilendo al proprio interno modalità di risposta che comprenderanno la denominazione dell is.tuto, il cognome e la qualifica di chi risponde, la persona o l ufficio in grado di fornire le informazioni richieste. 6

7 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI A livello informa.vo l is.tuto predispone di spazi ben visibili per: Ø Tabella dell orario dei dipenden. (orario dei docen., orario funzioni e dislocazione del personale amministra.vo, tecnico e ausiliario) Ø Albo d is.tuto Sono inoltre resi disponibili apposi. spazi per: Ø Bacheca sindacale Ø Bacheca degli studen. Ø Bacheca per i genitori degli studen.. Presso l atrio e gli uffici sono presen. riconoscibili operatori scolas.ci in grado di fornire all utenza le prime informazioni per la fruizione del servizio. Le prestazioni aggiun.ve del personale A.T.A., oltre l orario di lavoro, riguardano le seguen. alvità: Biblioteca 1. Assistenza Organi Collegiali: Consigli di classe, Collegi Docen., Consiglio d Is.tuto. 2. Ricevimento genitori 3. Sos.tuzione colleghi assen. 4. ALvità extra curricolare e realizzazione dei progel in akuazione al POF 5. Intensificazioni di prestazioni lavora.ve per il miglioramento dei servizi. 6. Ampliamento e diversificazione dell orario di apertura al pubblico. Docen& responsabili e orari di apertura Prof.ssa Neri Agata, prof.ssa Marcellino P., prof. Bua M. PAPPALARDO ALFINA Venerdì NERI AGATA Govedì BUA MATTEO Sabato ORARIO DELLE LEZIONI CORSO SIRIO Lunedì INGRESSO I ORA Dalle 8.15 alle 9.15 II ORA Dalle 9.15 alle III ORA Dalle alle PAUSA DI SOCIALIZZAZIONE Dalle alle IV ORA Dalle alle V ORA Dalle alle VI ORA Dalle alle

8 organigramma AREA 1 GESTIONE DELL OFFERTA FORMATIVA Responsabilità operative FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI Prof. R. C. Dario D Antoni GESTIONE ORDINARIA E ATTIVAZIONE PROGETTI DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANIFICAZIONE E MONITORAGGIO - POTENZIAMENTO AREA 2 I-EDIT SCHOOL 2.0 Responsabilità operative Prof. Salvatore Finocchiaro GESTIONE DELLA VISIBILITA TERRITORIALE (editoria, pubblicizzazione, divulgazione) AREA 3 ORIENTAMENTO Responsabilità operative Prof. Vito Donato ORIENTAMENTO IN ENTRATA - ORIENTAMENTO IN USCITA AREA 4 INTEGRAZIONE Responsabilità operative INTEGRAZIONE CON LA DIVERSITA AREA 5 DISPERSIONE Referente Unico CONTRASTO ALLA DISPERSIONE AREA 6 INNOVAZIONE TECNOLOGICA Referente Unico Prof. Antonio Finocchiaro Prof.ssa Grazia Motta Prof.Angelo Leocata GESTIONE INFORMATICA DELL ISTITUTO 8

9 COORDINATORI E SEGRETARI DEI CONSIGLI DI CLASSE A. Scol CLASSE COORDINATORE SEGRETARIO 1A A.F.M. Caserta Famà 2A A.F.M. Petralia S. Verzì 3A A.F.M. Cantarella Cariola 4A IGEA Stancampiano Finocchiaro S. 5A IGEA Furnò Pappalardo Alfio 1BA.F.M. Furnari P. D Orto Alfina 2B A.F.M. Tomaselli C. Emanuele 3B A.F.M. Torrisi G. D'Agate 4B IGEA Galofaro Crispi 5B IGEA Leocata Danese 1C A.F.M. La Naia Di Vincenzo 2C A.F.M. La Mela S. Sapia 3C A.F.M. Barbagallo A.R. Mineri 1A C.A.T. Calcagno Mezzasalma 2A C.A.T. Torrisi L. Leanza 3A C.A.T. Pastorelli Vasta 4A C.A.T. Di Primo Doria 5A GEOM Virgillito Maccarrone 1B C.A.T. Currao Avellino Angelo 2B C.A.T. Papotto Toscano 3B C.A.T. Buccieri Fasone 4B C.A.T. Amoroso Milone 5B GEOM Neri Milici 1 Graf. e Com. Oliva Garufi 1A TURISMO Marcellino Politi 2A TURISMO Schillaci Petralia G. 3A TURISMO Uccellatore Morabito 4A TURISMO Picone Maita 5A TURISMO Castiglione Caruso 1B TURISMO Motta Cavallaro 2B TURISMO Di Guardia Firrarello 3B TURISMO Ciaramella Di Stefano 4B TURISMO Battaglia Castro 5B TURISMO D Antoni Furnari B. 1C TURISMO Bua Privitera 2C TURISMO Milazzo Gennaro 3C TURISMO Avellino Vetro 4C TURISMO Donato Mondello 5C TURISMO Bonanno Cuscani 1D TURISMO Pappalardo Alfia Arcoria 3D TURISMO Tosconi Mustile 1A TURISMO SIRIO Lo Giudice Trovato 1A Ar7colata Longo S. Montalto 2A TURISMO SIRIO Viaggio Mannino 3A Ar7colata SIRIO Cassarino Spagnolo 4A TURISMO SIRIO D Orto Alfredo Capizzi 9

10 DIPARTIMENTI DISCIPLINARI E COORDINATORI Disciplina Coordinatore Segretario LETTERE/ARTE D ANTONI A rotazione FRANCESE/SPAGNOLO SCHILLACI BATTAGLIA RELIGIONE DORIA TROVATO SALVATORE GEOGRAFIA DONATO DANESE MATEMATICA TOSCONI CARUSO DIRITTO D ORTO ALFINA FURNO SCIENZE MOTORIE D AGATE POLITI AREA TECNICA GEOMETRA PASTORELLI MILICI INGLESE/TEDESCO CASTIGLIONE AVELLINO GRUPPO H FINOCCHIARO A. TROVATO ANGELA SCIENZE CURRAO CALCAGNO ECONOMIA AZIENDALE LEOCATA GRASSO C. INFORMATICA/TRATTAMENTO TESTI PULEO GENNARO COMMISSIONI OPERATIVE ANNO Formazioni classi: Proff. Schillaci Giuseppe (ref.), Finocchiaro Antonio; Orario: Proff. Pastorelli Salvatore (ref.), D Agate, D Antoni Dario; Accoglienza - Festa del Diplomato: Proff. Furnari P. (ref.), Uccellatore; Educazione alla salute: Prof.ssa Doria Maria Dolores (ref.); Elettorale: Proff. La Mela Salvatore (ref.), Maccarrone; Ambiente ed ecologia: Prof. Oliva Giuseppe (ref.); Acquisti e collaudi: Proff. Leocata A. (ref.), Puleo; Legalità: Prof.ssa D Orto Alfina (ref.); Biblioteca: Proff. Neri (ref.), Pappalardo A/a, Bua M. Viaggi d istruzione: Proff. Petralia Salvatore (ref.), Politi; Graduatorie: Prof. Marcellino Pietra (ref.), Toscano; Gruppi e attività sportive: Prof. Castelli Andrea (ref.) DSA BES: Prof.ssa Firrarello (ref), Trovato S., Furnari P.; Teatro: Prof. Torrisi Alfio (ref.), prof.ssa Ciaramella; Teatro in lingua francese: Prof.ssa Bonanno Maria (ref), prof.ssa Mousset; PON: Prof.ssa Amoroso FSE (ref.). 10

11 I CORSI ATTIVATI E L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE TECNOLOGICO Costruzioni, Ambiente e Territorio Il corso per Geometra, oggi Istituto Tecnico per il settore Tecnologico, è volto a creare tecnici destinati ad operare nel mondo dell edilizia e delle costruzioni civili. Mette a disposizione dei propri studenti attrezzati laboratori di Topografia, Costruzioni, Tecnologia delle Costruzioni, Informatica e Disegno per una adeguata preparazione al mondo del lavoro. Gli studenti possono usufruire di speciali aule per lo studio delle discipline in indirizzo. Vengono attivati ogni anno per gli allievi della scuola una serie di corsi, anche in orario extracurriculare, volti a fornire una preparazione professionale adeguata al mondo del lavoro e creazione d impresa; in particolare corsi di alfabetizzazione informatica, disegno assistito al computer (CAD), visite guidate presso cantieri edili. Sbocchi professionali: Impieghi di concetto nelle Pubbliche Amministrazioni e nel settore privato; tecnico presso il Genio Civile, l Ufficio del Catasto, le Ferrovie dello Stato, gli uffici tecnici degli Enti Locali; tecnico in imprese di costruzione. Esercizio libera professione Il diploma di geometra dà la possibilità di esercitare la libera professione previo esame di abilitazione (che si può sostenere dopo un periodo di praticantato presso uno studio tecnico) e successiva iscrizione all Albo Professionale. Accesso facoltà universitarie Il diploma di geometra consente l accesso a tutte le facoltà universitarie ed alle Accademie Militari, anche se, per la specificità degli studi, dà una preparazione più idonea alla iscrizione presso le facoltà di Ingegneria, Architettura, Agraria ed Economia. 11

12 I CORSI ATTIVATI E L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE TECNOLOGICO Costruzioni, Ambiente e Territorio MATERIE 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE LINGUA E LETT. ITALIANE STORIA,CITTADINANZA E COSTITUZIONE LINGUA STRANIERA MATEMATICA SCIENZE INTEGRATE (SC. DELLA TERRA E BIOLOGIA) SCIENZE INTEGRATE (FISICA) SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA TECNOLOGIE INFORMATICHE lab. 3 2 lab. 3 2 lab. SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE lab. 3 2 lab. 3 2 lab COMPLEMENTI DI MATEMATICA 1 1 PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI GEOPEDOLOGIA, ECONOMIA ED ESTIMO TOPOGRAFIA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIRITTO ED ECONOMIA 2 2 TOTALE Titolo di ammissione: Licenza Media Durata: 5 anni CORSO PER GEOMETRI Indirizzi axva&: Sperimentale (P.N.I. e P.L.S.) * - quinto anno (vecchio ordinamento) * P.N.I. = Piano Nazionale Informa7ca (rela7vamente al biennio) P.L.S. = Prosecuzione Lingua Straniera (rela7vamente al triennio)

13 I CORSI ATTIVATI E L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE ECONOMICO Amministrazione, Finanza e Marketing Il vecchio progetto I.G.E.A. ora in seguito al riordino Amministrazione, Finanza e Marketing - è stato pensato e organizzato in funzione del bisogno di formare figure professionali polivalenti in cui si possono coniugare in modo equilibrato una consistente formazione culturale, buone capacità linguistico-espressive, logicointerpretative ed una consapevolezza ampia e sistematica dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile. Il progetto si prefigge di fornire a tale figura di esperto in economia aziendale gli strumenti per affrontare con metodi appropriati i problemi tecnici, organizzativi e gestionali di un azienda moderna. Il diplomato sarà in grado di interpretare il cambiamento continuo delle aziende operanti nel settore pubblico e privato sia in un rapporto di lavoro dipendente che come libero professionista o consulente. Vengono attivati ogni anno per gli allievi della scuola una serie di corsi, anche in orario extracurriculare, volti a fornire una preparazione professionale adeguata al mondo del lavoro e creazione d impresa; in particolare corsi di alfabetizzazione informatica e visite guidate presso istituti bancari, assicurazioni e imprese industriali e commerciali. Sbocchi professionali: Inserimento in diversi ambiti del mondo del lavoro: commercio, istituti di credito, settori amministrazione, marketing, industria, artigianato, e, nel pubblico impiego, presso enti pubblici, nel mondo della scuola (insegnanti tecnico-pratici, tecnici, amministrativi). Esercizio libera professione Per esercitare la libera professione è obbligatorio possedere oltre al diploma di Ragioniere la laurea di primo livello (durata 3 anni); inoltre, dopo avere effettuato un periodo di praticantato, si dovrà sostenere, presso una Università, l esame di Stato per la successiva iscrizione all Albo Professionale (legge n. 183). Accesso facoltà universitarie Il diploma di ragioniere consente l accesso a tutte le facoltà universitarie ed alle Accademie Militari anche se, per la specificità degli studi, dà una preparazione più idonea alla iscrizione presso i corsi di laurea nelle discipline economico giuridiche, economico aziendali, nelle lingue straniere, nelle discipline socio-politiche e corsi di diploma universitario similari. 13

14 I CORSI ATTIVATI E L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE ECONOMICO Amministrazione, Finanza e Marketing MATERIE 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Religione capolica o axvità alterna&ve Lingua e lep. Italiane Storia,ciPadinanza e cos&tuzione Lingua inglese Seconda lingua comunitaria Matema&ca Informa&ca Scienze integrate (scienza della terra e biologia) Scienze integrate (fisica) Scienze integrate (chimica) 2 Geografia 3 3 Economia Aziendale Economia Poli&ca DiriPo DiriPo ed Economia Scienze motorie o spor&ve TOTALE Titolo di ammissione: Licenza Media Durata: 5 anni CORSO COMMERCIALE PROGETTO I.G.E.A. (Indirizzo Giuridico Economico Aziendale) Indirizzi axva&: I.G.E.A. (Indirizzo Giuridico Economico Aziendale) V anno (vecchio ordinamento) Titolo conseguibile: RAGIONIERE 14

15 I CORSI ATTIVATI E L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE TECNOLOGICO NUOVO INDIRIZZO GRAFICA E COMUNICAZIONE MATERIE 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE LINGUA E LETT. ITALIANE STORIA,CITTADINANZA E COSTITUZIONE LINGUA STRANIERA (INGLESE) MATEMATICA SCIENZE INTEGRATE (SC. DELLA TERRA E BIOLOGIA) SCIENZE INTEGRATE (FISICA) SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE 3 TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 3 3 TECNOLOGIE INFORMATICHE 3 TEORIA DELLA COMUNICAZIONE 2 3 DIRITTO ED ECONOMIA 2 2 PROGETTAZIONE MULTIMEDIALE TECNOLOGIE DEI PROCESSI PRODUTTIVI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI 4 LABORATORI TECNICI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE TOTALE

16 I CORSI ATTIVATI E L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE ECONOMICO Turismo Dall anno scolastico 2000/2001 è stato attivato questo indirizzo, finalizzato a sviluppare saperi e competenze che portino ad una professionalità flessibile, in grado di far fronte alle situazioni nuove derivanti dalla necessità per l industria e le attività turistiche di diversificare l offerta dei propri servizi. Il Perito Turistico sarà in grado non solo di comprendere, prevenire e soddisfare i bisogni e le esigenze dei viaggiatori italiani e stranieri, ma anche di far nascere la loro curiosità per forme di viaggio e turismo intelligente facendo ricorso alle tante risorse culturali, paesaggistiche e artistiche presenti nel nostro territorio. L importanza data allo studio delle lingue straniere e di altre discipline, altamente professionalizzanti, proprie delle nuove professioni legate al turismo, fa di questo un indirizzo formativo di sicuro avvenire. La formazione che ne deriva consentirà ai giovani diplomati di inserirsi con competenza nelle aziende turistiche, sia di tipo ricettivo alberghiero che ricettivo-culturale, grazie ad una professionalità altamente specialistica che solo questo tipo di studi può dare. Sbocchi professionali: Il diplomato opera nel settore della produzione, commercializzazione ed effettuazione dei servizi turistici, all interno di aziende private e di enti pubblici (Aziende di Promozione Turistica, Assessorati al Turismo di Regioni e Province, ecc.). Si occupa sia del turismo di accoglienza sia di turismo in uscita, in Italia ed all estero, con particolare riguardo ai Paesi Europei e del bacino mediterraneo. Accesso facoltà universitarie Il diploma di Perito per il Turismo consente l accesso a tutte le facoltà universitarie, alle Accademie Militari, anche se, per la specificità degli studi, dà una preparazione più idonea al conseguimento della laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici. 16

17 I CORSI ATTIVATI E L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ISTITUTO TECNICO PER IL SETTORE ECONOMICO Turismo MATERIE 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE LINGUA E LETT. ITALIANE STORIA,CITTADINANZA E COSTITUZIONE ARTE E TERRITORIO LINGUA INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA TERZA LINGUA COMUNITARIA MATEMATICA INFORMATICA 2 2 SCIENZE INTEGRATE (SCIENZA DELLA TERRA E BIOLOGIA) SCIENZE INTEGRATE (FISICA) SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) 2 TOTALE Titolo di ammissione: Licenza Media GEOGRAFIA 3 3 GEOGRAFIA TURISTICA ECONOMIA AZIENDALE 2 2 DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI DIRITTO ED ECONOMIA 2 2 DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA SCIENZE MOTORIE O SPORTIVE Durata: 5 anni CORSO TURISTICO - PROGETTO ASSISTITO I.T.E.R. Indirizzi axva&: ProgeKo assis.to ITER (quinto anno- Vecchio ordinamento) Titolo conseguibile: PERITO PER IL TURISMO 17

18 I CORSI ATTIVATI E L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Titolo di ammissione: Licenza Media Requisiti di ammissione: maggiore età Durata: 5 anni CORSO SERALE PROGETTO SPERIMENTALE SIRIO FINALITÀ Rientro in formazione, finalizzato all inserimento nel tessuto socio- economico e culturale, allargato al contesto europeo. Per sbocchi professionali e accesso alle Facoltà universitarie vedi piani orari corsi diurni. Indirizzi attivati: Geometra - Turistico (ITER)- Commerciale (IGEA) Titolo conseguibile: GEOMETRA - PERITO PER IL TURISMO - RAGIONIERE Per venire incontro alle esigenze particolari di utenti come gli studentilavoratori e di quanti volessero attivare un percorso di rientro in formazione, il Branchina ha attivato dall anno scolastico 2004/2005, il Progetto Sperimentale Sirio. Si tratta di un diverso modo di concepire la formazione/istruzione prevedendo, ad esempio, un orario settimanale di 25/26 ore (biennio) e di 25/29 ore (triennio) suddivise in cinque giorni. Altra novità di rilievo è costituita dal riconoscimento dell esperienza e competenze pregresse che lo studente porta con sé: crediti formali (se lo studente ha frequentato altri corsi di studio in anni recenti) o crediti informali (qualora sia possibile documentare il possesso di competenze o professionalità acquisite in ambito extra scolastico e connesse al corso di studio). Ogni gruppo/classe è assistito da un tutor con il compito di seguire da vicino l evolvere del processo di apprendimento e di intervenire, anche su richiesta degli studenti, quando se ne manifesta la necessità. I corsi attivati portano a conseguire il diploma di GEOMETRA, DI RAGIONIERE (non per l anno scolastico in corso) O DI PERITO TURISTICO a tutti gli effetti equiparato al diploma conseguito nei corsi diurni, compreso il diritto all accesso all Università. 18

19 I CORSI ATTIVATI E L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA CORSO SERALE PROGETTO SPERIMENTALE SIRIO FINALITÀ Rientro in formazione, finalizzato all inserimento nel tessuto socio- economico e culturale, allargato al contesto europeo. Per sbocchi professionali e accesso alle Facoltà universitarie vedi piani orari corsi diurni. INDIRIZZO TURISTICO (ITER) Materie I II III IV V RELIGIONE ITALIANO SCIENZE STORICO- SOCIALI STORIA LINGUA INGLESE SECONDA LINGUA STRANIERA TERZA LINGUA STRANIERA MATEMATICA SCIENZE INTEGRATE ECON. AZIEND. E TURISTICA DIRITTO E LEGISLAZ. TUR ARTE E TERRITORIO GEOGRAFIA TUR TRATTAMENTO TESTI TOTALE ORE INDIRIZZO COMMERCIALE (IGEA) INDIRIZZO GEOMETRA Materie I II III IV V RELIGIONE ITALIANO SCIENZE STORICO- SOCIALI STORIA LINGUA INGLESE FISICA CHIMICA MATEMATICA SCIENZE INTEGRATE DIRITTO TECNOLOGIA, DISEGNO E PROG COSTRUZIONI TOPOGRAFIA IMPIANTI GEOPED. ECOL. ESTIMO TOTALE ORE Materie I II III IV V RELIGIONE ITALIANO SCIENZE STORICO- SOCIALI STORIA LINGUA INGLESE SECONDA LINGUA STRANIERA 4 4 MATEMATICA SCIENZE INTEGRATE ECON. AZIENDALE DIRITTO ECONOMIA POLITICA TRATTAMENTO TESTI TOTALE ORE

20 DIPARTIMENTO DI SOSTEGNO L Istituto PIETRO BRANCHINA offre agli alunni disabili la possibilità di frequentare vari laboratori; oltre a consentire loro di c o n f ro n t a rs i s e m p re c o n i ra g a z z i normodotati della stessa età, i laboratori p r e s e n t i s o n o d i t i p o d i d a t t i c o (approfondimento, informatica), di attività manipolativa (disegno, pittura, scultura), gestuale-corporea (drammatizzazione, musicoterapia). Inoltre l Istituto programma attività di tirocinio di formazionelavoro con Enti pubblici e privati, attività specifiche, finalizzate all acquisizione dell autonomia personale e sociale. 20

21 OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO E SCELTE EDUCATIVE E DIDATTICHE Il Piano dell Offerta Formativa intende rivisitare la funzione del servizio scolastico rigenerandone percorsi, finalità e organizzazione, avvicinandosi ulteriormente alle esigenze dell utenza, alle richieste della formazione, ai bisogni del territorio, aprendosi a sollecitazioni e stimoli esterni (scolastici e non solo), facendosi carico di promuovere iniziative significative in campo formativo. Obiettivi educativi L offerta formativa A. Formazione di una coscienza civile che: Induca a vivere consapevolmente, nella dimensione pubblica, i doveri in quanto necessario completamento dei diritti Induca al rispetto delle Istituzioni ed educhi alla legalità Consenta agli alunni di comprendere i valori democratici e li renda capaci di contribuire alla loro salvaguardia ed alla loro crescita B. Sviluppo delle capacità critiche indispensabili per: Operare scelte consapevoli e riflesse Mettere in atto comportamenti responsabili Attuare la formazione completa del soggetto come individuo e come membro della collettività Porsi come soggetti attivi e propositivi nel mondo del lavoro C. Promozione e sviluppo di una educazione che sia: Informata ai principi della solidarietà sociale, tolleranza ed accettazione della diversità di condizione (anche fisica) di cultura, di religione, di costumi e tradizioni Capace di valorizzare l interscambio e le reciproche relazioni fra persone, popoli, culture. D. Promozione di una cultura incentrata sul rispetto e sulla tutela dell ambiente. E. Formazione di una coscienza e concezione del lavoro, inteso come strumento di autorealizzazione e di crescita del benessere sociale. F. Stimolare la consapevolezza che lo studio non deve essere inteso come un dovere - costrizione, ma soprattutto come un diritto - privilegio, del quale tanti altri non possono usufruire. 21

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli