Imprenditorialità e innovazione sociale I modelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Imprenditorialità e innovazione sociale I modelli"

Transcript

1 Imprenditorialità e innovazione sociale I modelli Le aziende non profit intervengono sulle aziende profit in crisi di GIORGIO FIORENTINI UNIVERSITA BOCCONI Come rispondere alla crisi occupazionale 1

2 IMPRESE SOCIALI NON PROFIT IMPRESE SOCIALI DI SISISTEMA Come aziende composte non profit ; Si articolano in una filigrana formata da: Associazioni (riconosciute e non riconosciute); Associazioni di promozione sociale (riconosciute e non riconosciute); Cooperative sociali di tipo A e B; Cooperative mutualistiche; Fondazioni; Comitati; Patronati; Fondazioni ex ipab; Organizzazioni non governative (ong); Pro loco; Trust. IMPRESE SOCIALI EX LEGE Intese come aziende di produzione non profit, che sono definite come soggetti giuridici nei libri I e V del Codice civile nonché cooperative sociali e loro consorzi e enti ecclesiastici. Organizzazioni private senza scopo di lucro che esercitano in via stabile e principale un'attività economica di produzione o di scambio di beni o di servizi di utilità sociale, atta a realizzare finalità di interesse generale ; Inoltre indipendentemente dall'esercizio dell attività di impresa nei settori di cui al comma 1 (vedi D.Lgs. 155/06), possono acquisire la qualifica di impresa sociale le organizzazioni che esercitano attività di impresa al fine dell'inserimento lavorativo di soggetti che siano lavoratori svantaggiati o lavoratori disabili. 2

3 Attori PMI in CRISI ECONOMICA E OCCUPAZIONALE COSTITUZIONE DI IMPRESA SOCIALE (L. 118/05 e DGLS 155/2006) CHE AGISCE SU PROFIT IN CRISI Processo Presidio Selezione attraverso partner istituzionali di imprese di piccole e medie dimensioni in particolare difficoltà economica e occupazionale (Lavoratori Impresa sociale non profit, srl/spa senza distribuzione di utili,cooperativa sociale di tipo b che reintegra i lavoratori in crisi occupazionale CIG, CIGS) Analisi e gestione degli aspetti organizzativi Analisi e gestione degli aspetti giuridici Analisi e gestione degli aspetti finanziari 3

4 Soluzione 1: spin off o RESCUE COMPANY Investitore Privato Impresa Sociale Lavoratori Rescue Company Srl/spa Fondazioni Enti Pubblici 4

5 Soluzione 2: Partecipazione Diretta RESCUE COMPANY Lavoratori Fondazioni Enti Pubblici Impresa Sociale: Rescue Company Srl/spa senza distribuzione 5

6 Soluzione 3: l impresa sociale come shareholders decisionale Partecipazione nelle quote della Rescue Fondazioni Investitore Privato Impresa Sociale Rescue Company: SRL NORMALE Enti Pubblici Lavoratori 6

7 Soluzione 4: l impresa sociale come shareholder decisionale Patti parasociali decisionali: favorire l obiettivo sociale Fondazioni Investitore Privato Impresa Sociale Rescue Company: SRL NORMALE Enti Pubblici Lavoratori 7

8 VANTAGGI Formula imprenditoriale partecipata(dipendenti e investitori privati) Alto livello di trasparenza Sussidiarietà aziendale Integrazione fra privato for profit e privato non profit Creatività e innovazione CRITICITA No agevolazioni fiscali: nei decreti legge non ci sono agevolazioni fiscali particolari nell essere impresa sociale Prevalenza della competitività sul buonismo assistenzialistico Non distribuzione assoluta degli utili solo per la prima parte del ciclo di vita della newco; In seguito partnership con: Capitale Sociale generato dall Interno e Capitale Sociale Esterno Rapporto con il territorio Attrazione di diverse fonti di risorse Costi inferiori rispetto alla tradizionale impresa profit Investitori con capitali pazienti Istituzioni finanziarie ad orientamento low profit (Banca Prossima, Progetto Universo No profit Unicredit, Ubi Non Profit, Fondi di Social Venture Capital) Istituzioni finanziarie non profit (Banche di Credito Cooperativo, Confidi) 8

9 Dall impresa profit in crisi all impresa sociale non profit di successo Caso di Successo: Consorzio In.Concerto(40 dipendenti): cooperativa sociale che ha assorbito la profit FERVET Casi in itinere: Anovo (205 dipendenti): azienda che produce software, in crisi economica derivante da fallimento della capogruppo; i manager stanno creando un business plan per lo sviluppo una impresa sociale Texmantova(44 dipendenti):azienda in concordato preventivo;si sta creando un business plan per utilizzare gli spazi per la creazione di residenzialità low cost integrando i lavoratori. 9

IMPRESA SOCIALE:modello rescue company salvaziende profit e start-up di business sociale

IMPRESA SOCIALE:modello rescue company salvaziende profit e start-up di business sociale IMPRESA SOCIALE:modello rescue company salvaziende profit e start-up di business sociale di Giorgio Fiorentini-Università Bocconi giorgio.fiorentini@unibocconi.it 1 1 Premessa Nel 2012 il progressivo incremento

Dettagli

A cura di. Roberto Randazzo,, Docente Università Bocconi e Avvocato

A cura di. Roberto Randazzo,, Docente Università Bocconi e Avvocato Impresa sociale: che fare? A cura di Roberto Randazzo,, Docente Università Bocconi e Avvocato Il Terzo Settore: una visione d insieme ¾5/6% del PIL ¾Quasi un milione di occupati ¾Oltre 4 milioni di volontari

Dettagli

TURISMO SOCIALE E AZIENDE NON PROFIT: IDEE E SPERIMENTAZIONI

TURISMO SOCIALE E AZIENDE NON PROFIT: IDEE E SPERIMENTAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Turismo sociale & bilancio sociale: contributi in un momento di crisi TURISMO SOCIALE E AZIENDE NON PROFIT: IDEE E SPERIMENTAZIONI Francesca Calò- Daniela

Dettagli

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E Via Luigi Mercantini 5 10121 Torino Via San Pietro all Orto 10 20121 Milano centralino unico T +39 011.540876 F +39 011.5174194 segreteria@musybiancoassociati.it www.musybiancoassociati.it partita IVA

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

Stato e Impresa Sociale: un modello per uscire dalla crisi

Stato e Impresa Sociale: un modello per uscire dalla crisi 1 Stato e Impresa Sociale: un modello per uscire dalla crisi 1-PREMESSA di Giorgio FIORENTINI Università L. Bocconi giorgio.fiorentini@unibocconi.it Dal terzo trimestre del 2008 il quadro macroeconomico

Dettagli

Strumenti di gestione per l innovazione sociale

Strumenti di gestione per l innovazione sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Strumenti di gestione per l innovazione sociale Agenda Chi Siamo Cergas Lab I laboratori Gli altri servizi Il bollino Costo

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y HONG KONG DIRITTO SOCIETARIO AD HONG KONG di Avv. Francesco Misuraca Forme societarie, Impresa Individuale, Partnership, Trust ad Hong Kong Forme societarie, Impresa Individuale, Partnership, Trust ad

Dettagli

Date Modulo Docenti Programma

Date Modulo Docenti Programma Master Universitario in Management dell Strategica Calendario didattico a.a. 2014/ Aggiornato al 28 maggio Date Modulo Docenti Programma 19-21 febbraio Strategica Carlo Bagnoli Matteo Demartini - Dalla

Dettagli

Credito alle famiglie 2009. Giuseppe Zadra Direttore Generale

Credito alle famiglie 2009. Giuseppe Zadra Direttore Generale Credito alle famiglie 2009 Giuseppe Zadra Direttore Generale Roma, 23 giugno 2009 Gli impieghi alle famiglie consumatrici in Italia 400.000 350.000 300.000 250.000 200.000 150.000 100.000 50.000-366.898

Dettagli

ACCORDO DI MASSIMA CONTENENTE PATTUIZIONI PARASOCIALI RELATIVE A PIRELLI & C S.p.A.

ACCORDO DI MASSIMA CONTENENTE PATTUIZIONI PARASOCIALI RELATIVE A PIRELLI & C S.p.A. ACCORDO DI MASSIMA CONTENENTE PATTUIZIONI PARASOCIALI RELATIVE A PIRELLI & C S.p.A. Informazioni essenziali previste dall art. 130 del Regolamento Consob n. 11971/1999, come successivamente modificato

Dettagli

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI Secondo i dati dell ANBSC (Agenzia Nazionale per l Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati

Dettagli

La creazione di impresa spin-off al CNR

La creazione di impresa spin-off al CNR Terza Giornata InFormativa Progetto BioTTasa Area della Ricerca del CNR Palermo, 30 giugno 2014 La creazione di impresa spin-off al CNR Relatore: Daniela La Noce Progetto Finanziato dal Ministero dello

Dettagli

Normativa generale e normativa speciale: storia annunciata di un paese fiscalocentrico

Normativa generale e normativa speciale: storia annunciata di un paese fiscalocentrico Normativa generale e normativa speciale: storia annunciata di un paese fiscalocentrico Dott. Lorenzo Ferreri Firenze, 5 giugno 2010 Pagina 1 di 17 Definizione di ente non commerciale Definizione di origine

Dettagli

LOMBARDIA REGIONE CONCRETA

LOMBARDIA REGIONE CONCRETA LOMBARDIA REGIONE CONCRETA PDL DIFESA DEL SUOLO PIÙ DI 200 MILIONI PER LA LOMBARDIA 126 MILIONI PER L AGRICOLTURA 62 MILIONI PER LE IMPRESE 15 MILIONI PER LA MODA E IL DESIGN 1,5 MILIONI AI CITTADINI COLPITI

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

LA FILIERA SUSSIDIARIA,RAPPORTI FRA ISTITUZIONI PUBBLICHE,IMPRESE,NON PROFIT. Giorgio Fiorentini -università L. Bocconi

LA FILIERA SUSSIDIARIA,RAPPORTI FRA ISTITUZIONI PUBBLICHE,IMPRESE,NON PROFIT. Giorgio Fiorentini -università L. Bocconi LA FILIERA SUSSIDIARIA,RAPPORTI FRA ISTITUZIONI PUBBLICHE,IMPRESE,NON PROFIT Giorgio Fiorentini -università L. Bocconi Università L. Bocconi 1 Welfare State Il contesto Stato ed E.P. sono monopolisti nel

Dettagli

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit TERZO SETTORE Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit E l insieme di soggetti organizzativi di natura privata volti alla produzione

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE REGIONE PIEMONTE BU24 12/06/2014 Finpiemonte S.p.A. - Torino Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono

Dettagli

GREEN FUTURE TURISMO SOSTENIBILE E CREAZIONE D IMPRESA NEL SARRABUS

GREEN FUTURE TURISMO SOSTENIBILE E CREAZIONE D IMPRESA NEL SARRABUS GREEN FUTURE AVVISO PUBBLICO DI CHIAMATA DI OPERAZIONI DA REALIZZARE CON IL CONTRIBUTO DEL FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 OBIETTIVO 2 ASSE OCCUPABILITA TURISMO SOSTENIBILE E CREAZIONE D IMPRESA NEL SARRABUS

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE. Start-up e Re-start

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE. Start-up e Re-start LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE Start-up e Re-start 11 ottobre 2013 30.000.000 per lo start-up e il re-start di impresa 23.000.000 per finanziamenti a tasso agevolato 7.000.000 per contributi a fondo perduto

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo

REGOLAMENTO GENERALE CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo REGOLAMENTO GENERALE CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo ART 1 Definizione Il concorso "Il più bel lavoro del mondo" (di seguito indicato come "Concorso") è una competizione promossa annualmente

Dettagli

Le Aziende Non Profit:

Le Aziende Non Profit: Le Aziende Non Profit: Aspetti istituzionali, accountability strumenti di gestione Maria Teresa Nardo mt.nardo@unical.it 1 6 novembre 2008 Le ANP: caratteri generali La crisi del welfare state ha comportato

Dettagli

MUMISS Master Universitario in Management dell Innovazione Sociale Strategica

MUMISS Master Universitario in Management dell Innovazione Sociale Strategica Master Executive, Certificato da INPS Gestione Dipendenti Pubblici MUMISS Master Universitario in Management dell Innovazione Sociale Strategica PRESENTAZIONE OBIETTIVI È sempre più evidente che la rigenerazione

Dettagli

Art. 1 Finalità del Bando

Art. 1 Finalità del Bando CO-IMPRENDO BIOMEDICALE 2014 BANDO DELLA FONDAZIONE GIOVANNI ED ANNAMARIA COTTINO PER IL FINANZIAMENTO DELLA RICERCA SCIENTIFICA MEDIANTE LA CREAZIONE DI START UP INNOVATIVE O SPIN OFF ACCADEMICI Art.

Dettagli

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 Agevolazioni NAZIONALI ABRUZZO BANDI NAZIONALI E REGIONALI Bando per l internazionalizzazione, dal 25 ottobre 2012 è diventato operativo il Fondo Startup, nuovo

Dettagli

Management dell Innovazione Sociale Strategica Livello I A.A. 2014-2015 Edizione I

Management dell Innovazione Sociale Strategica Livello I A.A. 2014-2015 Edizione I Management dell Innovazione Sociale Strategica Livello I A.A. 2014-2015 Edizione I Presentazione PRESENTAZIONE È sempre più evidente che la rigenerazione del tessuto economico e sociale passa attraverso

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Borghi srl Sede Legale Via Piave, 10-71100 Foggia Sede Operativa Viale Tiziano, 80-00196 Roma

Borghi srl Sede Legale Via Piave, 10-71100 Foggia Sede Operativa Viale Tiziano, 80-00196 Roma PERCHÉ IL RATING? Il modello di Rating per i Borghi italiani è uno strumento di analisi e di valutazione delle potenzialità e delle criticità attinenti iniziative di sviluppo turistico ed immobiliare che

Dettagli

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E Via Luigi Mercantini 5 10121 Torino Via San Pietro all Orto 10 20121 Milano centralino unico T +39 011.540876 F +39 011.5174194 segreteria@musybiancoassociati.it www.musybiancoassociati.it partita IVA

Dettagli

ROBERTO RANDAZZO. DATI PERSONALI Data di nascita: 8 Luglio 1968 Luogo di nascita:

ROBERTO RANDAZZO. DATI PERSONALI Data di nascita: 8 Luglio 1968 Luogo di nascita: ROBERTO RANDAZZO DATI PERSONALI Data di nascita: 8 Luglio 1968 Luogo di nascita: Messina Nazionalità: Italiana Residenza: Via Ugo Bassi, n.23-20159 Milano (Italy) Mobile: +39 338 7601313 Ufficio: Piazzale

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT per Piccole & Medie Imprese EDIZIONE 2007 FACOLTÀ DI ECONOMIA PRESENTAZIONE Le scelte strategiche di molte imprese italiane di piccola e media dimensione si stanno

Dettagli

MILANO NOTAI PER UN APPROCCIO INTERNAZIONALE AL BUSINESS VIA MANZONI, 14 - MILANO

MILANO NOTAI PER UN APPROCCIO INTERNAZIONALE AL BUSINESS VIA MANZONI, 14 - MILANO MILANO NOTAI PER UN APPROCCIO INTERNAZIONALE AL BUSINESS VIA MANZONI, 14 - MILANO MILANO NOTAI Dal cuore della finanza italiana, Milano Notai propone un approccio internazionale al business. Giovannella

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS DEVELOPMENT per Piccole & Medie Imprese Edizione 2007 Un Master per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Per imparare a guidare i processi di internazionalizzazione

Dettagli

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INNOVAZIONE NEL TERZO SETTORE, UNA SFIDA POSSIBILE La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale Davide Dal Maso Milano, 10 aprile 2014

Dettagli

Alcune esperienze significative nel settore industriale:

Alcune esperienze significative nel settore industriale: CURRICULUM VITAE Nome Luogo e data di nascita Studio Luca Iannettone Napoli, 15/03/1973 Via Cima Tofino 2/c, 38062 Arco (TN) Via Brennero 322, 38121 Trento Telefono 0464/512928; 0461/425172; 3487330988

Dettagli

Analisi e valorizzazione dei modelli imprenditoriali dell economia sociale

Analisi e valorizzazione dei modelli imprenditoriali dell economia sociale Analisi e valorizzazione dei modelli imprenditoriali dell economia sociale Indagine sulle imprese sociali Progetto economia sociale attività 1.1 Anna Chiara Giorio 1 Il progetto di ricerca 1. Analisi desk

Dettagli

Uno sguardo sul crowdfunding. Paola Pisano pisano@di.unito.it

Uno sguardo sul crowdfunding. Paola Pisano pisano@di.unito.it Uno sguardo sul crowdfunding Paola Pisano pisano@di.unito.it Obiettivo dell incontro Approfondire il tema del crowdfunding Agenda Quadro di riferimento Il crowdfunding L equity crowdfunding Analisi delle

Dettagli

Corso di Alta Formazione. PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione

Corso di Alta Formazione. PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione Corso di Alta Formazione PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione Un corso innovativo per far crescere le organizzazioni non profit e le imprese sociali Università

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NO-PROFIT APRILE 2011 LIVELLO NAZIONALE

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NO-PROFIT APRILE 2011 LIVELLO NAZIONALE NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NO-PROFIT APRILE 2011 LIVELLO NAZIONALE BENEFICIARI DESCRIZIONE SINTETICA DEL BANDO TERMINI DI PRESENTAZIONE Centri di ricerca, Enti pubblici, Imprese, PMI, Università,

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

NON PROFIT E SERVIZI SOCIO-SANITARI

NON PROFIT E SERVIZI SOCIO-SANITARI NON PROFIT E SERVIZI SOCIO-SANITARI Raccolta dei contributi pubblicati su www.personaedanno.it nel 2008 a cura di Alceste Santuari Se si considerano gli elementi innovativi che caratterizzano attualmente

Dettagli

Voucher per la costituzione di startup. Formazione di base. Incontri con venture capitalist. Formazione specialistica

Voucher per la costituzione di startup. Formazione di base. Incontri con venture capitalist. Formazione specialistica Formazione di base Voucher per la costituzione di startup Formazione specialistica Incontri con venture capitalist 1. FINALITÀ DELL INTERVENTO L Asips, nell intento di stimolare l autoimprenditorialità,

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO I DALL ISTITUTO AZIENDA NON PROFIT ALL IMPRESA SOCIALE di Federica Bandini

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO I DALL ISTITUTO AZIENDA NON PROFIT ALL IMPRESA SOCIALE di Federica Bandini Prefazione di Elio Borgonovi... pag. XIII CAPITOLO I DALL ISTITUTO AZIENDA NON PROFIT ALL IMPRESA SOCIALE di Federica Bandini 1. Introduzione... pag. 1 2. Definizioni a confronto...» 2 3. Dall istituto

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IMPRESA SOCIALE. Monica Poletto

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IMPRESA SOCIALE. Monica Poletto S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IMPRESA SOCIALE Monica Poletto Milano, 31 marzo 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Testo di riferimento: Disegno di Legge C2617 licenziato

Dettagli

Rapporto Iris Network L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA. Economia e istituzioni dei beni comuni. a cura di Carlo Borzaga e Flaviano Zandonai

Rapporto Iris Network L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA. Economia e istituzioni dei beni comuni. a cura di Carlo Borzaga e Flaviano Zandonai Rapporto Iris Network L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA Economia e istituzioni dei beni comuni a cura di Carlo Borzaga e Flaviano Zandonai DONZELLI EDITORE L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA Indice p. IX 3 4 5 Prefazione

Dettagli

I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO

I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO Trento, sala D. Guetti - 28 novembre 2012 AGEVOLAZIONI DELLA PROVINCIA DI TRENTO PER L IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE info: serv.finricsvil.apiae@provincia.tn.it

Dettagli

SARO UN PROFESSIONISTA DEL NON PROFIT ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO

SARO UN PROFESSIONISTA DEL NON PROFIT ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO SARO UN PROFESSIONISTA DEL NON PROFIT ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO Che cos è il Terzo Settore? La definizione di Terzo Settore viene utilizzata per individuare tutto ciò che si differenzia sia

Dettagli

Elementi introduttivi

Elementi introduttivi Progetto Spin off Il marketing territoriale e il ruolo dei distretti industriali Elementi introduttivi Obiettivo La relazione intende delineare le opportunità imprenditoriali legate alla professione del

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

INNOVAMI Camp. Focus: manager e investitori

INNOVAMI Camp. Focus: manager e investitori INNOVAMI Camp. Focus: manager e investitori Start-up innovative: Fonti di finanziamento e strumenti per la valutazione 7 ottobre 2015. 9:30 12:30/13:30-16:30 Interviene: Paolo ANSELMO (IBAN) Il workshop

Dettagli

Venezia, 13 luglio 2009. Il progetto. Davide Fratini ENEA - Consorzio IMPAT

Venezia, 13 luglio 2009. Il progetto. Davide Fratini ENEA - Consorzio IMPAT Venezia, 13 luglio 2009 Il progetto Davide Fratini ENEA - Consorzio IMPAT Il consorzio IMPAT IMPAT è un consorzio senza scopo di lucro tra ENEA, Università degli Studi di Ferrara e Tecnopolis Parco Scientifico

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

ROBERTO RANDAZZO. Diritto degli enti non profit, CLEACC

ROBERTO RANDAZZO. Diritto degli enti non profit, CLEACC ROBERTO RANDAZZO DATI PERSONALI Data di nascita: Luogo di nascita: Nazionalità: Italiana ESPERIENZE LAVORATIVE Dal 1998 al 2000 Studio Legale Casati e Iudica, pratica legale assistenza all attività giudiziale

Dettagli

SCHEDA DI PRE-SELEZIONE DEGLI ORGANISMI DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE PER IL PROGETTO LAVORO&PSICHE

SCHEDA DI PRE-SELEZIONE DEGLI ORGANISMI DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE PER IL PROGETTO LAVORO&PSICHE SCHEDA DI PRE-SELEZIONE DEGLI ORGANISMI DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE PER IL PROGETTO LAVORO&PSICHE DA INVIARE COMPILATA ENTRO IL 31 OTTOBRE 2008 ALL INDIRIZZO LAVOROEPSICHE@FONDAZIONECARIPLO.IT

Dettagli

Le reti di imprese e i bacini di finanziamento nazionale ed europeo

Le reti di imprese e i bacini di finanziamento nazionale ed europeo Le reti di imprese e i bacini di finanziamento nazionale ed europeo AGGREGAZIONE PERCHE aggregarsi SOPRAVVIVENZA SINERGIE ECONOMIE DI SCALA diminuzione dei margini operativi e dei volumi assoluti condividere

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 6 - anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il

Dettagli

Enti Pubblici e Imprese Sociali Un modello alternativo per la gestione dei servizi di interesse generale(*) Roberto Randazzo

Enti Pubblici e Imprese Sociali Un modello alternativo per la gestione dei servizi di interesse generale(*) Roberto Randazzo Enti Pubblici e Imprese Sociali Un modello alternativo per la gestione dei servizi di interesse generale(*) Roberto Randazzo 1. Premesse - 2. Il modello - 3. La mission - 4. Un caso concreto: il settore

Dettagli

Presentazione dei risultati dell indagine Silvia Campana Bergamo Formazione

Presentazione dei risultati dell indagine Silvia Campana Bergamo Formazione Presentazione dei risultati dell indagine Silvia Campana Bergamo Formazione PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE PER LE IMPRENDITRICI BERGAMASCHE: PREMESSA (1) OBIETTIVI Il questionario,

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Industrial Liaison Office Università di Sassari. Organizzazione dei servizi di Trasferimento Tecnologico e collegamento Università-Imprese

Industrial Liaison Office Università di Sassari. Organizzazione dei servizi di Trasferimento Tecnologico e collegamento Università-Imprese Industrial Liaison Office Università di Sassari Organizzazione dei servizi di Trasferimento Tecnologico e collegamento Università-Imprese In un'economia basata sulla conoscenza l Università, è chiamata

Dettagli

L idea. Sostenibilità. Sostenibilità economica. ambientale. Sostenibilità. sociale

L idea. Sostenibilità. Sostenibilità economica. ambientale. Sostenibilità. sociale COMPANY PROFILE 2013 L idea Green to Green srl è una società di servizi energetici nata nel 2013 dalla volontà di 3 professionisti del settore che hanno voluto trasferire le competenze maturate in una

Dettagli

BANDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FERTILITA

BANDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FERTILITA BANDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FERTILITA DOCUMENTAZIONE ESPLICATIVA INDICE INTRODUZIONE... 3 SOGGETTI COINVOLTI... 4 MODALITA DI CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI... 8 MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione, Società Consortile a Responsabilità Limitata senza scopo di lucro, è nata nel 1992 come

Dettagli

info@unionfidi.com - www.unionfidi.com - PEC: unionfidi@unionfidi.legalmail.it Allegato 1 Imprese ASSOCIATE all impresa con sede in

info@unionfidi.com - www.unionfidi.com - PEC: unionfidi@unionfidi.legalmail.it Allegato 1 Imprese ASSOCIATE all impresa con sede in UNIONFIDI PIEMONTE - Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi, confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia del 23 giugno 2011 e cod. identificativo

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO Assemblea di Bilancio 25.06.2015 CFI- - Cooperazione Finanza Finanza Impresa Impresa Via Giovanni Amendola, 5 Roma info@cfi.it - www.cfi.it Agenda CFI: mission, tipologie e

Dettagli

Imprenditori si Diventa

Imprenditori si Diventa Imprenditori si Diventa Sportello INTRAPRENDO, Imprenditoria giovanile e femminile, Contributi e Agevolazioni, Crea la tua impresa, Comitato per l imprenditoria femminile, Incubatore d impresa La Fornace

Dettagli

RISK MANAGEMENT E ORGANIZZAZIONE: il disegno dei processi interni ed equilibrio tra Risk Management e le funzioni aziendali

RISK MANAGEMENT E ORGANIZZAZIONE: il disegno dei processi interni ed equilibrio tra Risk Management e le funzioni aziendali RISK MANAGEMENT E ORGANIZZAZIONE: il disegno dei processi interni ed equilibrio tra Risk Management e le funzioni aziendali Analisi dei processi interni per l integrazione del risk management nelle organizzazioni

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale BANDO SMART CITIES AND COMMUNITIES Livello Regionale DOTE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 11 GIUGNO 2015 Presentazione del RAE al 31 dicembre 2014 ASPETTI PRINCIPALI DEL RAE

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico. Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico. Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO A Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Interventi a sostegno della nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative

Interventi a sostegno della nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività Interventi a sostegno della nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative Le opportunità localizzative offerte dal Parco scientifico e tecnologico

Dettagli

Il network per la finanza d impresa

Il network per la finanza d impresa Il network per la finanza d impresa La nostra mission é affiancare la famiglia imprenditoriale nell attività gestionale (ottimizzazione organizzativa, finanziaria, amministrativa, legale, fiscale) e nelle

Dettagli

Acquisizioni, investimenti ed internazionalizzazione. Nuove possibilità di sviluppo per le PMI

Acquisizioni, investimenti ed internazionalizzazione. Nuove possibilità di sviluppo per le PMI Edizione Febbraio 2015 Sommario L offerta di VESTANET CONSULTING SRL pag. 3 Acquisizioni A chi ci rivolgiamo pag. 4 Chi sono gli Acquirenti pag. 4 I documenti necessari pag. 4 I Settori richiesti pag.

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D.P.C.M. 30 marzo 2001: ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO SUI SISTEMI DI AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ALLA PERSONA PREVISTI DALL ART. 5 DELLA LEGGE 8 novembre 2000, n. 328 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Dettagli

REGOLAMENTO. 1. Il concorso. 2. Obiettivi. 3. Soggetti ammissibili

REGOLAMENTO. 1. Il concorso. 2. Obiettivi. 3. Soggetti ammissibili REGOLAMENTO 1. Il concorso Il Concorso La casa ideale si situa nell ambito delle azioni di Leroy Merlin Italia a beneficio della comunità, per riaffermare l impegno dell azienda nel promuovere e sostenere

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE Presentazione...................................... V Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali................................

Dettagli

DELLE ENERGIE RINNOVABILI A CROTONE

DELLE ENERGIE RINNOVABILI A CROTONE Sezione Energia & Ambiente POLO PER L INNOVAZIONE DELLE ENERGIE RINNOVABILI A CROTONE aggiornamento 03 ottobre 2008 PREMESSE Realizzazione di un Tavolo di Lavoro per concretizzare le proposte formulate

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

ASSE I RICERCA SCIENTIFICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

ASSE I RICERCA SCIENTIFICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE ASSE I RICERCA SCIENTIFICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Obiettivi Specifici 1.1. Rafforzare e valorizzare il sistema regionale della ricerca e le reti di cooperazione con le imprese

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 LA MISSION: FAVORIRE CRESCITA SISTEMA

Dettagli

CONVEGNO ASSORETIPMI FONDAZIONE MARCO BIAGI MODENA 20 Novembre 2014

CONVEGNO ASSORETIPMI FONDAZIONE MARCO BIAGI MODENA 20 Novembre 2014 CONVEGNO ASSORETIPMI FONDAZIONE MARCO BIAGI MODENA 20 Novembre 2014 INTERNAZIONALIZZAZIONE: IMPRESE IN RETE PER SVILUPPARE CON SUCCESSO IL PROPRIO BUSINESS Marco Palazzi - International Business Partners

Dettagli

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE ha interpretato e sostenuto negli anni lo sviluppo della mutualità, l affermazione dei principi solidaristici e la responsabilità sociale dell Impresa Cooperativa che ottiene benefici tramite la costituzione

Dettagli

Visita di Studio sul tema dell economia sociale. Dossier di approfondimento della tematica

Visita di Studio sul tema dell economia sociale. Dossier di approfondimento della tematica Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 803 Seduta del 11/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 803 Seduta del 11/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 803 Seduta del 11/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

COLLOQUIO SCIENTIFICO SULL IMPRESA SOCIALE

COLLOQUIO SCIENTIFICO SULL IMPRESA SOCIALE COLLOQUIO SCIENTIFICO SULL IMPRESA SOCIALE VII EDIZIONE 7-8 giugno 2013 Università degli Studi di Torino, Campus Luigi Einaudi LA REGIONALIZZAZIONE DELLA LEGGE MARCORA COME STRUMENTO INNOVATIVO PER LE

Dettagli

Dieci anni di servizi alle start up. Fast 20 Ottobre 2008

Dieci anni di servizi alle start up. Fast 20 Ottobre 2008 Dieci anni di servizi alle start up Fast 20 Ottobre 2008 Chi siamo Alintec - Alleanze per l innovazione tecnologica Alintec Scarl è la struttura di collegamento fra il mondo della ricerca e il sistema

Dettagli

L Approccio con il cliente si caratterizza per:

L Approccio con il cliente si caratterizza per: TMFA: PROFESSIONISTI ASSOCIATI Storia TMFA nasce come associazione professionale su iniziativa dei suoi fondatori attivi già nei settori della consulenza fiscale, legale, tributaria e del lavoro. L unione

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli