L uso dei dati correnti di Pronto Soccorso per l identificazione dei casi con accessi ripetuti per violenze: l esperienza di studio del Piemonte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L uso dei dati correnti di Pronto Soccorso per l identificazione dei casi con accessi ripetuti per violenze: l esperienza di studio del Piemonte"

Transcript

1 WORKSHOP SORVEGLIANZA DELLA VIOLENZA E DEGLI INCIDENTI Roma, 20 febbraio 2015 L uso dei dati correnti di Pronto Soccorso per l identificazione dei casi con accessi ripetuti per violenze: l esperienza di studio del Piemonte Carlo Mamo Gruppo di progetto Epidemiologia delle violenze verso soggetti deboli Carlo Mamo, Selene Bianco, Luisa Mondo, Marta Girotto, Marco Dalmasso, Marina Penasso Servizio sovrazonale di Epidemiologia, ASL TO3, Grugliasco

2 Obiettivi Presentare i dati epidemiologici riguardanti la violenza domestica in Piemonte Discutere i limiti di affidabilità delle stime ottenute dalle fonti sanitarie Commentare le possibilità di studio offerte dall utilizzo dei flussi sanitari nell ambito del programma Siniaca- IDB e del progetto REVAMP (CCM)

3 Fonti di dati per lo studio delle violenze Tipologia dati Fonte Informazioni Mortalità Schede di morte (Istat) Causa di morte, data, luogo Morbilità Ricoveri, accessi PS, 118, prescrizioni farmaci Auto-riferiti Survey (Multiscopo Istat), focus group, media Malattia, infortuni, salute mentale e riproduttiva Vittimizzazione, esposizioni, stili di vita Demografici Censimenti, anagrafi Frequenze per età e genere, reddito, istruzione, stato civile, professione Reati Delitti denunciati dalle forze di polizia all autorità giudiziaria Tipo di delitto

4 Piemonte: mortalità per omicidi Donne Uomini

5 Piemonte: come identificare i ricoveri per violenze? variabile trauma in flusso SDO Piemonte 1 Infortunio sul lavoro 2 Incidente domestico 3 Incidente stradale 4 Violenza altrui 5 Autolesione o tentato suicidio 9 Altro incidente o intossicazione variabile diagnosi (codifica ICD-IX): es. cause traumatiche

6 Tassi* Piemonte: ricoveri per traumi da violenze Femmine Maschi Femmine Maschi

7 Piemonte: ricoveri per traumi da violenze Femmine Maschi

8 Torino: ricoveri da violenze per livello di istruzione La violenza sulle donne ha un gradiente sociale meno evidente Donne Uomini

9 Torino: ricoveri da violenze per area di nascita Donne Uomini Tassi di ospedalizzazione più alti negli immigrati dall estero

10 Flusso C2 Piemonte: prestazioni in Pronto Soccorso a partire dal 2007 sono presenti anche le prestazioni seguite da ricovero, individuate tramite variabile Modalità di dimissione (valori 0, 6 e 7 ). A partire dal 2012, sono presenti l ora di accesso e dimissione. A partire dal 2011 sono presenti le seguenti variabili di identificazione ottenute tramite i criteri del sistema regionale di anonimizzazione reversibile: id_anonimo_orig: identificatore in base alle informazioni anagrafiche originali id_anonimo_ric: identificatore ricondotto in base a criteri di somiglianza ISL: indicatore sintetico del linkage, che indica la qualità della riconduzione anagrafica n.b. ogni record è una prestazione, va riscostruito l accesso

11 Piemonte: come identificare gli accessi in PS per violenze? Problema principale: presente da luglio 2010 prevede la modalità 10 trauma Diagnosi (codifica ICD-IX): a partire dal 2006 Maltrattamento/abuso di adulto: Sindrome del bambino maltrattato: Anamnesi personale di trauma: V15.4,V15.5 Abusi da coniuge o partner: V61.11,V61.12 Abuso/maltrattamento del bambino: V6121,V6122 Osservazione successiva a violenza: V715,V716 Luogo di erogazione: presente da luglio 2010 prevede la modalità B aggressione B Aggressione C Casa F Autolesionismo L Lavoro P Esercizio pubblico Q Scuola S Strada Y Impianto sportivo Z Altro

12 Flusso di Pronto Soccorso: come identificare gli accessi per violenze? Valori assunti dalla variabile problema principale in Piemonte 01 Coma 14 Alterazioni del ritmo 02 Sindrome neurologica acuta 15 Ipertensione arteriosa 03 Altri sintomi sistema nervoso 16 Stato di agitazione psicomotoria 04 Dolore addominale 17 Sintomi o disturbi oculistici 05 Dolore toracico 18 Sintomi o disturbi otorinolaringoiatrici 06 Dispnea 19 Sintomi o disturbi ostetrico-ginecologici 07 Dolore precordiale 20 Sintomo o disturbi dermatologici 08 Shock 21 Sintomi o disturbi odontostomatologici 09 Emorragia non traumatica 22 Sintomi o disturbi urologici 10 Trauma o ustione 23 Altri sintomi o disturbi 11 Intossicazione 24 Accertamenti medico legali 12 Febbre 25 Problema sociale 13 Reazione allergica 26 Avvelenamento

13 Flusso EMUR (118): come identificare gli accessi per violenze? variabile dinamica riscontrata 0 non definita 1 precipitato da < 3 metri 2 precipitato da > 3 metri 3 aggressione 4 arma bianca 5 arma da fuoco 6 violenza sessuale 7 morso di animale 8 esplosione 9 Incendio 10 incidente auto 11 incidente moto 12 incidente mezzo pesante 13 incidente bicicletta 14 incidente pedone 15 proiettato 16 Incastrato 17 tuffo/immersione 18 altra dinamica 19 soccorso a persona

14 Codici ICD-IX di traumi e cause esterne legati a violenze Maltrattamento/abuso di adulto: '995.80', '995.81', '995.82', '995.83', '99585', Abuso/trascuratezza di minore: '995.50', '995.51', '995.52', '995.53', '995.54', '995.55', '995.59', Anamnesi personale di trauma 'V15.41','V15.42','V15.5', Abusi da parte o su coniuge o partner 'V61.11','V61.12', Abuso/maltrattamento del bambino 'V6121','V6122', Osservazione successiva a violenza o altra lesione 'V715','V716' Protocollo sanitario per il soccorso alla donna vittima di violenza sessuale (Centro Demetra Città della Salute, Torino)

15 N Piemonte: accessi in PS per aggressione o con codici ICD di violenza, per età e genere Maschi aggessione Femmine aggressione Maschi violenza Femmine violenza n.b. Gli accessi per violenza individuati dai codici ICD sono solo per il 4.0% codificati come aggressioni, mentre per il 64.57% la casa è indicata come luogo di accadimento 0 Da 0 a 4 anni Da 5 a 9 anni Da 10 a 14 anni Da 15 a 24 anni Da 25 a 44 anni Da 45 a 64 anni Da 65 a 74 anni Da 75 in su

16 Piemonte: accessi ripetuti in PS per aggressione Frequenza accessi Sesso (variabile 9) Maschi Femmine N % N % Età soggetti con accessi multipli Maschi Sesso Femmine N % N % Da 0 a 4 anni Da 5 a 9 anni Da 10 a 14 anni Da 15 a 24 anni Da 25 a 44 anni Da 45 a 64 anni Da 65 a 74 anni Da 75 in su Tutto

17 Piemonte: accessi ripetuti in PS per traumi Frequenza accessi Sesso Maschi N % Femmine N % Età soggetti con accessi multipli Sesso Maschi N % Femmine N % anni 5-9 anni anni anni anni anni > anni >=75 Tutto

18 Assistenza sanitaria a donne per violenze in Piemonte Vittime rivoltesi al MMG Vittime che hanno chiamato il nel 2013 Vittime di aggressioni Vittime ferite Vittime che hanno ricevuto cure mediche le vittime di violenza assistite rimangono in larga parte non riconosciute. (1) underreporting e sottostima del fenomeno da fonti sanitarie Vittime seguite da psicologi/psichiatri Vittime con prestazioni specialistiche Vittime con accesso in PS 782 con un solo accesso 5 con due accessi stesso giorno Vittime con ricovero 66 ricoveri Accessi al PS seguiti da ricovero (per 17 si trovano i corrispondenti ricoveri) Ricoveri con provenienza dal PS (per 32 si trovano i corrispondenti accessi al PS) (1) Sharps. Health care providers' missed opportunities for preventing femicide, 2001

19 Gli accessi in PS sono predittori di femminicidio? Il femminicidio rappresenta l esito finale di una storia di violenze o è un evento isolato? Pare giustificabile uno screening per violenze nei PS al fine di prevenire le successive, compresi gli omicidi (1) (1) Taft. Screening women for intimate partner violence in healthcare settings, Cochrane Review 2013

20 La sorveglianza: SINIACA - IDB

21 SINIACA - IDB: modulo aggressione

22 Siniaca-IDB: San Giovanni Bosco, Torino (gen-set 2014) analisi preliminari degli accessi PS per aggressioni Sesso aggressore M F nn Sesso vittima F M Età aggressore >=65 nn Età vittima < >

23 Siniaca-IDB: San Giovanni Bosco, Torino (gen-set 2014) analisi preliminari degli accessi PS per aggressioni Sesso vittima F M n % n % Relazione aggressore sposo o partner genitore altro parente badante conoscente o amico sconosciuto altra relazione specificata relazione non specificata

24 Siniaca-IDB: San Giovanni Bosco, Torino (gen-set 2014) analisi preliminari degli accessi PS per aggressioni a donne n % Contesto aggressione alterco acquisizione illegale di soldi o proprietà aggressione sessuale altra attività criminale altro contesto specificato contesto non specificato

25 Siniaca-IDB: San Giovanni Bosco, Torino (gen-set 2014) analisi preliminari degli accessi PS per aggressioni a donne N % Ambiente dell aggressione abitazione Area di trasporto Area commerciale e servizi pubblici Area educativa Area gioco, ricreazionale, parco pubblico Area naturale altro luogo specificato luogo non specificato

26 Siniaca-IDB text mining: associazioni nelle descrizioni di violenze Software: open source Freeling (versione 2.2)

27 Siniaca-IDB word cloud: parole indicatrici di violenza

28 In sintesi 1 In Piemonte, il trend di mortalità per omicidi di donne appare tendenzialmente stabile, con ampie fluttuazioni legate al basso numero di eventi Ospedalizzazione per violenze in aumento negli ultimi anni: maggiore occorrenza o maggiore notifica? Gradiente sociale poco evidente tra le donne Violenze tra le donne immigrate: è un vero problema? Torino emerge come area ad alto rischio Tendenza alla ripetitività delle violenze Pronto Soccorso come setting ideale per l individuazione dei casi di violenza non denunciata

29 In sintesi 2 Pare giustificabile uno screening per violenze nei Pronto Soccorso a fini di prevenzione: protocolli? Importante underreporting: utilità di un osservatorio socio-sanitario (raccolta dati anche via web?) Importante underreporting anche per i bambini La futura maggiore disponibilità di dati consentirà valutazioni più accurate, che tengano anche conto della codifica di diagnosi all accesso Sviluppi: Progetto CCM Controllo e risposta alla violenza su persone vulnerabili: la donna e il bambino, modelli d'intervento nelle reti ospedaliere e nei servizi socio-sanitari in una prospettiva europea

30 GRAZIE Carlo Mamo Selene Bianco Luisa Mondo Marco Dalmasso Marina Penasso

l Uso delle codifiche europee IDB per la sorveglianza della violenza: proposte per un data-set

l Uso delle codifiche europee IDB per la sorveglianza della violenza: proposte per un data-set La Sorveglianza Ospedaliera degli Incidenti in Italia e in Europa Genova 16-17 Maggio 2014 l Uso delle codifiche europee IDB per la sorveglianza della violenza: proposte per un data-set Stefania Trinca

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Sara Farchi Area del Dipartimento Tutela della Salute Workshop Percorso assistenziale in acuto della vittima di violenza Roma, 7

Dettagli

Come documentare l entità del fenomeno

Come documentare l entità del fenomeno Si stima che in Piemonte i decessi dovuti agli incidenti domestici siano circa 740 morti all anno (Istat, 1996). La popolazione più a rischio per infortunistica domestica è costituita da bambini e anziani,

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica

Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica Monica Pecorino Meli, Onorina Passeri, Paola Bosco, E. Corona, Serena Battista, Alessia Cazzaniga, Barbara Landi,

Dettagli

ASPETTI METODOLOGICI INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE

ASPETTI METODOLOGICI INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE ASPETTI METODOLOGICI 1. GLI OBIETTIVI CONOSCITIVI DELL INDAGINE La violenza contro le donne e, in particolare, la violenza domestica rappresentano fenomeni

Dettagli

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Uso della terminologia per la compilazione delle schede di morte con riferimento alle cause violente

Uso della terminologia per la compilazione delle schede di morte con riferimento alle cause violente Le schede ISTAT per la denuncia delle cause di morte Castelfranco Veneto, 12 febbraio 2009 Uso della terminologia per la compilazione delle schede di morte con riferimento alle cause violente Stefano Brocco

Dettagli

Sondaggio online sulla percezione del fenomeno relativo al suicidio dei poliziotti in Italia Periodo 2012-2014. Associazione www.cerchioblu.

Sondaggio online sulla percezione del fenomeno relativo al suicidio dei poliziotti in Italia Periodo 2012-2014. Associazione www.cerchioblu. Sondaggio online sulla percezione del fenomeno relativo al suicidio dei poliziotti in Italia Periodo 2012-2014 Associazione www.cerchioblu.org Chi ha risposto al sondaggio 536 partecipanti: 85% Poliziotti

Dettagli

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili CAPITOLO 7 Sicurezza Per non sentirsi vulnerabili Una percezione soggettiva di serenità e un vissuto di sicurezza oggettiva nella propria vita quotidiana sono dimensioni cardine nella costruzione del benessere

Dettagli

LE AGGRESSIONI verso gli operatori: analisi e proposte dalla riflessione all interno di una Azienda sanitaria

LE AGGRESSIONI verso gli operatori: analisi e proposte dalla riflessione all interno di una Azienda sanitaria SerSS corso di laurea in Servizio sociale e Sociologia LE AGGRESSIONI verso gli operatori: analisi e proposte dalla riflessione all interno di una Azienda sanitaria Dott. Egidio Sesti Direttore UOC Qualità

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono, in Italia, la principale causa di morte e di disabilità sotto

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G)

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) 6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) Fonti informative: Istat. Indagine multiscopo sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana. Roma 1999. Regione Marche. Piano

Dettagli

HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES Ospedali e Servizi Sanitari per la Promozione della Salute. HPH Una Rete dell OMS

HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES Ospedali e Servizi Sanitari per la Promozione della Salute. HPH Una Rete dell OMS Le linee di intervento relative all area incidenti domestici Cristina Aguzzoli - Sara Sanson Coordinamento regionale A.S.S. n.2 Isontina A.S.S. n.1 Triestina HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES

Dettagli

Come riportano i quotidiani le notizie di femminicidio? L analisi di lessico e sintassi attraverso tecniche di text mining

Come riportano i quotidiani le notizie di femminicidio? L analisi di lessico e sintassi attraverso tecniche di text mining Come riportano i quotidiani le notizie di femminicidio? L analisi di lessico e sintassi attraverso tecniche di text mining Selene Bianco 1, Marina Penasso 2, Marta Girotto 1, Raphael Zanotti 3, Luisa Mondo

Dettagli

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Immigrati e screening in Italia Seminario Congiunto ONS-GISCi - PIO Nera Agabiti Viterbo, 15 giugno 2011 Disuguaglianze socio-economiche nella salute

Dettagli

DIFESA PERSONALE FEMMINILE

DIFESA PERSONALE FEMMINILE DIFESA PERSONALE FEMMINILE A cura di : Adolfo Bei Direttore Tecnico Nazionale Settore Difesa Personale Responsabile Centro Italia I Dati e le tabelle riportati sono stati presi dal sito dell Istituto Nazionale

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

SMS PER LA VITA. il servizio d emergenza dedicato ai SORDI. Partner tecnologico 4 A EDIZIONE. Ente Nazionale Sordomuti - ONLUS.

SMS PER LA VITA. il servizio d emergenza dedicato ai SORDI. Partner tecnologico 4 A EDIZIONE. Ente Nazionale Sordomuti - ONLUS. Polizia di Stato Ente Nazionale Sordomuti - ONLUS Questura di Padova Sezione di Padova SMS PER LA VITA 4 A EDIZIONE il servizio d emergenza dedicato ai SORDI Partner tecnologico Questo opuscolo è stato

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona - Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

PIANO REGIONALE TRIENNALE 2006 2008 PER LA SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI DOMESTICI

PIANO REGIONALE TRIENNALE 2006 2008 PER LA SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI DOMESTICI PIANO REGIONALE TRIENNALE 2006 2008 PER LA SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI DOMESTICI CONTENUTI 6.1. INTRODUZIONE 6.1.1 GLI INCIDENTI DOMESTICI NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 6.1.2 FONTI

Dettagli

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org Percezione del danno, comportamenti protettivi, significati: fenomenologia del consumo di sostanze psicoattive tra i soggetti con età inferiore a anni Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute

Dettagli

I segni fisici dell abuso

I segni fisici dell abuso I segni fisici dell abuso L abuso è una patologia Frequente Prevalenza stimata attorno al 2,5-5 nei Paesi europei con diversa composizione percentuale delle tipologie di abuso nei diversi Paesi Grave Patologia

Dettagli

La prevenzione degli Incidenti Stradali:Un investimento Obbligato

La prevenzione degli Incidenti Stradali:Un investimento Obbligato La prevenzione degli Incidenti Stradali:Un investimento Obbligato Il Costo umano e finanziario degli incidenti si avvia a diventare un peso insostenibile per un SSN oberato dai costi delle patologie croniche

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO La sicurezza di genere nell ambiente di lavoro: benessere organizzativo e mobbing. Casistica e politiche di prevenzione Francesca Larese Filon La parità tra uomini e donne deve

Dettagli

SDO 2016 Specifiche requisiti del sistema Liste valori. Sommario LISTE VALORI 2 1. TRACCIATO ANAGRAFICO 2

SDO 2016 Specifiche requisiti del sistema Liste valori. Sommario LISTE VALORI 2 1. TRACCIATO ANAGRAFICO 2 Sommario LISTE VALORI 2 1. TRACCIATO ANAGRAFICO 2 1.1 Tipo Movimento (variata con aggiunte) 2 1.2 Sesso (invariata) 2 1.3 Tipo Identificativo Paziente (nuova) 2 1.4 Stato Civile (invariata) 3 1.5 Livello

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Il tuo Pediatra Il tuo Pediatra Gentili Genitori, abbiamo realizzato questa guida Il tuo Pediatra per presentare in modo semplice e comprensibile l

Dettagli

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997.

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997. Attività fisica Il Piano Sanitario Nazionale propone di perseguire l obiettivo di aumentare in media del 10% la prevalenza di individui (giovani ed adulti) che praticano regolarmente (almeno una volta

Dettagli

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99 www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Chiara Begliomini, Franco Servadei,

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi

Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi Convegno Per uno Sport Sicuro e Salutare Dalmine, 7 Novembre 2012 Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi Dott. Attilio Bernini Specialista in Medicina dello Sport Consulente ASL Bergamo Lo Sport in Italia

Dettagli

NUOVE MODALITA DI RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO (S.I.E.S.) Il presente documento è composto di:

NUOVE MODALITA DI RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO (S.I.E.S.) Il presente documento è composto di: Allegato NUOVE MODALITA DI RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO (S.I.E.S.) Il presente documento è composto di: 1 Caratteristiche specifiche dei contenuti informativi

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Scambio di Buone Pratiche di Community Policing in Europa

Scambio di Buone Pratiche di Community Policing in Europa Scambio di Buone Pratiche di Community Policing in Europa Napoli, 11 luglio 2013 CITTÀ DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Relatore GIANFRANCO TODESCO PROGETTO CARE & INVESTIGATION

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013.

METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013. METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 202 203. Gruppo di lavoro: Mauro Brusa: Coordinatore PEAS Massimo Coppola: S.O.C. SISP Acqui Terme, Carlo Di Pietrantonj: Servizio Sovrazonale Epidemiologia ASL

Dettagli

TRIAGE DEL BAMBINO CON SOSPETTO ABUSO E/O MALTRATTAMENTO

TRIAGE DEL BAMBINO CON SOSPETTO ABUSO E/O MALTRATTAMENTO TRIAGE DEL BAMBINO CON SOSPETTO ABUSO E/O MALTRATTAMENTO MORENA CAVALIERE INFERMIERE FORENSE SI INTENDE OGNI FORMA DI MALTRATTAMENTO DI UN BAMBINO O UN ADOLESCENTE DA PARTE DI UN GENITORE, PARENTE, GUARDIANO

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

METODI EFFICACI E PROSPETTIVE PER UNA NUOVA STRATEGIA NELLA PREVENZIONE DEL SUICIDIO: L IMPORTANZA DEI SERVIZI PER L EMERGENZA. Roma 3 dicembre 2007

METODI EFFICACI E PROSPETTIVE PER UNA NUOVA STRATEGIA NELLA PREVENZIONE DEL SUICIDIO: L IMPORTANZA DEI SERVIZI PER L EMERGENZA. Roma 3 dicembre 2007 METODI EFFICACI E PROSPETTIVE PER UNA NUOVA STRATEGIA NELLA PREVENZIONE DEL SUICIDIO: L IMPORTANZA DEI SERVIZI PER L EMERGENZA Roma 3 dicembre 2007 VALUTAZIONE CLINICA E GESTIONE DEI PAZIENTI CHE HANNO

Dettagli

le modalità efficaci per terminare la violenza alle donne e ai bambini;

le modalità efficaci per terminare la violenza alle donne e ai bambini; Pagina1 1. MODALITA OPERATIVE ED ORGANIZZATIVE I centri antiviolenza hanno come scopo l eliminazione dei pregiudizi, degli atteggiamenti e dei comportamenti presenti nella società che fanno si che la violenza

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Primopiano Società. Ogni anno avvengono 4 milioni e mezzi di incidenti domestici, che coinvolgono nel 70 per cento dei casi donne e bambini

Primopiano Società. Ogni anno avvengono 4 milioni e mezzi di incidenti domestici, che coinvolgono nel 70 per cento dei casi donne e bambini C ERA UNA CASA MOLTO CARINA... Ogni anno avvengono 4 milioni e mezzi di incidenti domestici, che coinvolgono nel 70 per cento dei casi donne e bambini asalinghe disperate o angeli del focolare? Oppure

Dettagli

CERTIFICAZIONI DEL PRONTO SOCCORSO

CERTIFICAZIONI DEL PRONTO SOCCORSO LA CERTIFICAZIONE: costruire consapevolezza di ruolo insieme al giovane professionista che lavora sul territorio e in ospedale CERTIFICAZIONI DEL MEDICO OSPEDALIERO E DI PRONTO SOCCORSO Dott. Matteo d

Dettagli

Caratteristiche epidemiologiche dei neonati e dei bambini stranieri presenti in Piemonte. Luisa Mondo 24/3/2012

Caratteristiche epidemiologiche dei neonati e dei bambini stranieri presenti in Piemonte. Luisa Mondo 24/3/2012 Caratteristiche epidemiologiche dei neonati e dei bambini stranieri presenti in Piemonte Luisa Mondo 24/3/2012 Un po di storia. In cento anni di storia dell emigrazione sono usciti dall Italia più di 27

Dettagli

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin)

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Lunedì 12 settembre venerdì 16 settembre 2011 GLI ITALIANI

Dettagli

L informatizzazione dei registri sanitari

L informatizzazione dei registri sanitari CON IL PATROCINIO DELLA Associazione Nazionale Etica e Salute REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute Politiche Sanitarie L informatizzazione dei registri sanitari Dott. Giuseppe Andrea De Biase

Dettagli

The Connection between Pet Maltreatment and Domestic Violence. An Italian Pilot Study.

The Connection between Pet Maltreatment and Domestic Violence. An Italian Pilot Study. The Connection between Pet Maltreatment and Domestic Violence. An Italian Pilot Study. DOMPET-VIOLENCE 1) PERCHÉ IL PROGETTO È INNOVATIVO L obiettivo generale del progetto "La connessione tra maltrattamento

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane

Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane (Si definiscono come: "centrali operative 118 di riferimento" semplificate in C.O. di riferimento quelle centrali sul cui territorio è posta

Dettagli

Il distretto e la presa in cura

Il distretto e la presa in cura Il distretto e la presa in cura Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 Il malato nel Sistema sanitario regionale Arezzo

Dettagli

European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living

European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living Direzione Generale Sanità European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living AZIONI DI REGIONE LOMBARDIA Marina Bonfanti Liliana Coppola - Maria Gramegna Direzione Generale

Dettagli

Centro del Sistema. Epidemiologico. Regionale. Regione Veneto. Assessorato alla Sanità. Direzione Piani e Programmi Socio-Sanitari

Centro del Sistema. Epidemiologico. Regionale. Regione Veneto. Assessorato alla Sanità. Direzione Piani e Programmi Socio-Sanitari Infortuni e malattie professionali nei lavoratori veneti Progetti in corso 6 giugno 2006 Valutazione del carico assistenziale ospedaliero associabile agli infortuni sul lavoro Giovanni Milan,, CRRC-SER

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LOZIORI DANIELA Telefono 349-1886188 Fax E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 06.09.1962

Dettagli

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE A cura del Settore Regionale Farmaceutica Ospedaliera e Territoriale e del Centro Regionale di Documentazione sul Farmaco ASL TO2 In Italia nel 2013 sono

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Focus territoriale Modalità di intervento a favore di minori vittime di violenza: come gli psicologi del Servizio Psicologico della Azienda Sanitaria

Dettagli

Infortuni Domestici: epidemiologia del fenomeno ed approfondimenti sulla popolazione infortunatata. Ricerca

Infortuni Domestici: epidemiologia del fenomeno ed approfondimenti sulla popolazione infortunatata. Ricerca Infortuni Domestici: epidemiologia del fenomeno ed approfondimenti sulla popolazione infortunatata Quaderni Tecnici per la Salute e la Sicurezza Ricerca Edizione 01 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore

Dettagli

Parole chiave: giovani, comportamenti rischiosi, incidenti stradali, prevenzione, psicologia ospedaliera.

Parole chiave: giovani, comportamenti rischiosi, incidenti stradali, prevenzione, psicologia ospedaliera. GIOVANI E INCIDENTI STRADALI: LO SPORTELLO PSICOLOGICO DI ASCOLTO PRESSO IL PRONTO SOCCORSO DELL OSPEDALE SAN DONATO DI AREZZO Elisa Casini*, Ilaria Caremani*, Cristina Cerbini*, Fiorenzo Ranieri**, Paolo

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile PROMOTORE, UNIVERSITA MEIER Medicina Integrata Europea e Ricerca E riconosciuta dal MIUR E iscritta

Dettagli

Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia

Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia 11 dicembre 2008 Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia Anno 2005 Sebbene negli ultimi anni sia stata notevolmente approfondita la conoscenza dei principali

Dettagli

Primo rapporto sulla coesione sociale

Primo rapporto sulla coesione sociale Primo rapporto sulla coesione sociale Anno 2010 Indice delle tavole I. CONTESTI I.1 QUADRO SOCIO-DEMOGRAFICO I.1.1 Struttura e dinamica della popolazione Tavola I.1.1.1 - Popolazione residente per sesso,

Dettagli

ADOZIONE E ADHD. S. Giribone, I. Maraucci, D. Besana. SOC Neuropsichiatria Infantile Azienda Ospedaliera Alessandria

ADOZIONE E ADHD. S. Giribone, I. Maraucci, D. Besana. SOC Neuropsichiatria Infantile Azienda Ospedaliera Alessandria ADOZIONE E ADHD S. Giribone, I. Maraucci, D. Besana SOC Neuropsichiatria Infantile Azienda Ospedaliera Alessandria Razionale dello studio 1. Riscontro nella nostra casistica di un elevato numero di pz

Dettagli

ASSICURATO: Copia B - per l Assicurato - TIP. INAIL - 11/2007 SINTESI DELL ESAME OBIETTIVO DIAGNOSI ACCERTAMENTI GIÀ PRATICATI PRESCRIZIONI

ASSICURATO: Copia B - per l Assicurato - TIP. INAIL - 11/2007 SINTESI DELL ESAME OBIETTIVO DIAGNOSI ACCERTAMENTI GIÀ PRATICATI PRESCRIZIONI Mod. 1 SS CERTIFICAZIONE MEDICA DI INFORTUNIO LAVORATIVO PRIMO CONTINUATIVO DEFINITIVO RIAMMISSIONE IN TEMPORANEA Cognome Nome Sesso MF Nato a (Comune) Residente a (Comune) CAP Nazionalità Codice ISTAT

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute

Le iniziative del Ministero della Salute Ondate di calore e impatto sulla salute Interventi di monitoraggio e prevenzione Le iniziative del Ministero della Salute Annamaria de Martino Direzione Generale Prevenzione Sanitaria, Roma Ondate di calore

Dettagli

Verso la fine del silenzio

Verso la fine del silenzio 1 Roberto Della Rocca Verso la fine del silenzio Recenti sviluppi in tema di violenza maschile contro le donne, diritti umani e prassi operative 2 Ritratti e autoritratti surrealisti Prima edizione: dicembre

Dettagli

Il progetto MODS. 2003. Sorveglianza epidemiologica della sindrome del tunnel carpale

Il progetto MODS. 2003. Sorveglianza epidemiologica della sindrome del tunnel carpale 2003. Sorveglianza epidemiologica della sindrome del tunnel carpale Il progetto MODS Concluso lo studio pilota multicentrico caso-controllo di popolazione. Casi di STC selezionati dalle SDO (cod. ICD IX

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Ambiente Casa. La sorveglianza degli incidenti domestici in Italia

Ambiente Casa. La sorveglianza degli incidenti domestici in Italia Ambiente Casa La sorveglianza degli incidenti domestici in Italia Relazione alla Commissione Parlamentare di inchiesta del Senato sugli infortuni sul lavoro sullo stato di attuazione del Sistema Informativo

Dettagli

Convenzione contro la violenza maschile sulle donne femminicidio convenzioneantiviolenzanomore.blogspot.it

Convenzione contro la violenza maschile sulle donne femminicidio convenzioneantiviolenzanomore.blogspot.it Il 25 novembre 2012, Giornata mondiale contro la violenza maschile sulle donne, non deve essere in Italia una ricorrenza rituale. Alle parole devono corrispondere con forza politiche adeguate per fermare

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2014

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2014 PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2014 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: Controllo e risposta alla violenza su persone vulnerabili: la donna e il bambino, modelli d'intervento nelle reti ospedaliere

Dettagli

Programma dettagliato

Programma dettagliato N. 50 crediti ECM per Medici e Psicologi Evento accreditato da Ordine degli Avvocati di Monza - N. 20 crediti formativi Programma dettagliato MODULO 1: L'agente di primo intervento e la gestione della

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

Standardizzazione e integrazione dei sistemi informativi: Data Warehouse

Standardizzazione e integrazione dei sistemi informativi: Data Warehouse Workshop Rete Oncologica Torino, Standardizzazione e integrazione dei sistemi informativi: Data Warehouse Laura Crosetto Servizi decisionali sanità Direzione Atenei, Cultura, Banche Dati e Sistemi Decisionali

Dettagli

Privacy: regolamenti per il trattamento dei dati

Privacy: regolamenti per il trattamento dei dati Privacy: regolamenti per il trattamento dei dati Luigi Bisanti ASL di Milano Servizio di Epidemiologia Stati esteri in cui la registrazione dei tumori è regolata da normativa nazionale Australia Canada

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE Polizia di Stato 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE

Dettagli

La sorveglianza del Pronto Soccorso nella determinazione degli accessi per incidente stradale: l'esperienza della Regione Lazio

La sorveglianza del Pronto Soccorso nella determinazione degli accessi per incidente stradale: l'esperienza della Regione Lazio www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Gabriella Guasticchi, Antonella

Dettagli

Maltrattamento sui minori: ieri e oggi

Maltrattamento sui minori: ieri e oggi Maltrattamento sui minori: ieri e oggi Tutte le forme di maltrattamento fisico e/o emotivo, abuso sessuale, incuria o trattamento negligente nonché sfruttamento sessuale o di altro genere, che provocano

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

ACCESSO AI SERVIZI E SALUTE DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA

ACCESSO AI SERVIZI E SALUTE DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA ACCESSO AI SERVIZI E SALUTE DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA A. Rosano* Introduzione In Italia al 1/1/2000 l ISTAT stima essere regolarmente presenti in Italia circa 1.550.000 stranieri, pari al 2,9% della popolazione.

Dettagli

Centro regionale di documentazione per la promozione della salute DoRS, via Sabaudia 164, 10095 Grugliasco (TO) 2

Centro regionale di documentazione per la promozione della salute DoRS, via Sabaudia 164, 10095 Grugliasco (TO) 2 Descrizione degli incidenti domestici in Piemonte a partire dalle fonti informative correnti Description of home accidents from existing sources in the region of Piedmont, Italy Alessandro Migliardi, Luisella

Dettagli