C.N.E.L. Commissione istruttoria per le reti infrastrutturali, i trasporti, le politiche energetiche e l ambiente (IV)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C.N.E.L. Commissione istruttoria per le reti infrastrutturali, i trasporti, le politiche energetiche e l ambiente (IV)"

Transcript

1 C.N.E.L. Commissione istruttoria per le reti infrastrutturali, i trasporti, le politiche energetiche e l ambiente (IV) Osservazioni e proposte su ICT occupazione produttività 1

2 Indice Premessa 1. Le diverse occupazioni legate all ICT 2. Gli occupati in Italia 3. Le dinamiche occupazionali 4. Le prospettive occupazionali 5. Valore aggiunto e produttività 6. Il contributo dell' ICT all'aumento della produttività 7. Il contributo delle nuove imprese ICT all'occupazione e il ruolo della Internet Economy 8. Il contributo specifico di Internet alla crescita dell'occupazione 9. I trends di crescita della Internet Economy (mobile, cloud, computing, big data, social networks,internet delle cose) 10. La formazione alle professionalità della Internet Economy Conclusioni e proposte Elenco tabelle 2

3 Iter documento Il presente testo di Osservazioni e proposte è stato predisposto dal CNEL in ottemperanza all art. 10 della legge n.936/1986 e ss. modificazioni recante Norme sul Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro. L istruttoria del documento è stata curata dalla Commissione istruttoria per le reti infrastrutturali, i trasporti, le politiche energetiche e l ambiente (IV) nel corso delle riunioni del 5 dicembre 2012, 6 e 20 febbraio A seguito di regolare discussione relatore cons. prof.ssa Paola Manacorda la pronuncia è stata approvata nell Assemblea del 28 febbraio

4 Premessa Il testo di osservazione e proposte si colloca nell ambito del programma di lavoro del CNEL relativo all Agenda Digitale, sviluppato in seno alla Commissione istruttoria IV (per le reti infrastrutturali, i trasporti, le politiche energetiche e l ambiente) e volto a fornire un contributo di analisi e di proposta sul tema dell ICT come fattore di crescita, anche a seguito degli ultimi provvedimenti governativi in materia (Legge n.221/2012 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, cd Decreto crescita 2.0; Decreto semplificazioni e sviluppo n. 5/2012; DL 83/2012). Un percorso di lavoro che conferma l impegno del Consiglio alla riflessione sul ruolo dell ICT come fattore strategico in termini economici (produttività, competitività, efficienza della PA, occupazione qualificata), sociali (equità sociale, trasparenza, pari opportunità, nuova occupazione, formazione) e ambientali in termini di applicazioni specifiche. Questa pronuncia integra le diverse e più approfondite analisi condotte dal CNEL sull ICT e sui temi della produttività, dell istruzione e formazione tecnica superiore e del mercato del lavoro. Al riguardo si ricordano, tra le altre iniziative svolte: i) OOPP Tecnologie ICT fattore di crescita del Paese, ; ii) Studio e Indagine sui Saperi, , nell ambito del progetto L impresa che cambia, l iniziativa interistituzionale con le Presidenze di Camera e Senato, ; iii) OOPP Le rete a banda larga, ; iv) OOPP Le trasformazioni del sistema imprenditoriale in Italia, , Indagine Trasformazioni delle imprese per il riposizionamento competitivo del sistema produttivo in Italia. Attraverso la consultazione dei soggetti protagonisti del settore e l analisi dei dati e delle informazioni rilevate, si è potuto verificare che vi è consenso - sia nella letteratura internazionale, sia nella esperienza dei singoli Paesi - rispetto al fatto che un adozione diffusa dell ICT nel tessuto produttivo e amministrativo (nelle sue componenti di reti, servizi, applicazioni) possa consentire degli aumenti di produttività e competitività. Ciò grazie a diversi meccanismi quali la maggior competitività delle imprese del settore, il recupero di produttività delle aziende che adottano la ICT, il miglioramento dell' efficienza della PA, la lotta alla evasione fiscale, la semplificazione dei meccanismi burocratici. Questo appare tanto più vero nell attuale fase di crisi economica, nella quale il recupero di competitività delle imprese è elemento essenziale per la collocazione non marginale di ciascun Paese nel contesto internazionale Vi è anche consenso rispetto al fatto che l'ict ha un ruolo differenziato nel meccanismo di creazione e distruzione dei posti di lavoro. In Occidente, in generale, tale ambivalenza conduce a un risultato positivo, con una diminuzione di addetti nella manifattura e un suo aumento nei servizi ICT. Va inoltre considerato che il settore offre lavoro stabile e qualificato - difficile da delocalizzare - nonché opportunità di creazione di nuove imprese a carattere innovativo (start up). Occorre, tuttavia, valutare le condizioni affinché gli sviluppi positivi possano manifestarsi e suggerire soluzioni ai più gravi ritardi che il nostro Paese mostra in questo delicato e importante ambito di innovazione. Nel corso dell attività istruttoria, il CNEL ha avviato una consultazione tra i principali protagonisti del settore. I risultati dell Convegno - organizzato in collaborazione con la I e II Commissione (rispettivamente Commissione per le politiche economiche, le politiche europee e la competitività del sistema produttivo e Commissione per le politiche del lavoro e dei sistemi produttivi) - ICT,Occupazione,Produttività, tenuto al CNEL il 27 Novembre 2012, costituiscono pertanto una tappa di tale attività. I dati e le informazioni raccolte e le relazioni svolte nel corso dell evento da parte di esperti e di esponenti delle rappresentanze sociali (CGIL-SLC, CISL-FISTEL, UIL, UGL, 4

5 Confindustria digitale, Alleanza delle cooperative, Italia Lavoro, Fondazione R.ETE Imprese Italia, Assinform, Banca d Italia, Isfol) hanno costituito un contributo fattivo per la redazione del presente documento. Nel testo di osservazioni e proposte si esaminano i legami tra introduzione dell' ICT e dinamiche occupazionali, e tra introduzione dell' ICT e la produttività del lavoro. 5

6 1. Le diverse occupazioni legate all'ict Essendo, com'è noto, l'ict una tecnologia assai pervasiva, non è facile isolare le occupazioni (e quindi gli occupati) nei diversi settori di attività. Infatti, proprio a causa della sua pervasività,non tutte le occupazioni legate all' ICT si trovano nel settore di produzione di beni servizi ICT, poiché molte persone che lavorano con l'ict operano in altri rami produttivi di beni e servizi. La distinzione principale, assunta tra l'altro anche dall'ocse, è tra coloro che lavorano nei settori ICT, cioè addetti alla produzione di beni e servizi ICT (manifattura, commercio, contenuti e servizi), e coloro che hanno mansioni e competenze elevate nell'uso di ICT, pur lavorando in altri settori produttivi, sia nella veste di specialisti sia in quella di utilizzatori esperti. Questa distinzione si incrocia con quella relativa ai diversi livelli di competenze e responsabilità, in particolare tra specialisti, utilizzatori esperti e managers. 2. Gli occupati ICT in Italia Tenendo presente la distinzione prima enunciata, in Italia nel settore ICT risultavano lavorare nel 2009, addetti, distribuiti in imprese, di cui la maggior parte concentrata nel sottosettore dei servizi (che comprende le telecomunicazioni, la produzione di Sw, i servizi di informazione e informatici, la riparazione di computer e di apparecchi elettronici) 1 Tabella 1 Il settore ICT numero addetti I dati riportati alle tabelle sono tratti dalla relazione di Fabrizio Colonna (Banca d'italia) al Seminario CNEL ICT, occupazione, produttività. 27 novembre

7 Tabella n. 2 Occupati ICT % sul totale Occupazione ICT (% del Totale) 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% Italia Francia Germania Spagna UK Commercio Contenuti Servizi Manifattura Segue, quanto ad occupazione, il sottosettore dei contenuti che comprende anche le aziende editoriali, comprese quelle televisive, seguito dal commercio e dalla manifattura. In Italia l'occupazione del settore ICT è pari al 4,5% del totale degli occupati, contro il 7% del Regno Unito e il 5% di Francia e Germania. La dimensione media delle imprese è di 6,1 addetti, comunque superiore a quella media delle imprese del settore privato, pari a 4. Le dimensioni maggiori si trovano nel sottosettore dei contenuti, nel quale più dell'80% degli addetti lavora in aziende superiori ai 20 addetti, e nella manifattura, in cui il 77% degli addetti lavora in imprese di dimensione superiore a 20 addetti. Il commercio, invece, è assai più frammentato, essendo 2/3 degli addetti collocati in imprese fino a 19 addetti. La composizione professionale degli addetti del settore ICT è interessante perchè mette in evidenza come in Italia via sia una prevalenza di attività di elaborazione dati (il 37% degli addetti), attività a basso valore aggiunto, mentre in altri Paesi essa assorbe pochissimi addetti (il 6,7 in Germania e il 6,4 nel Regno Unito). Per converso, pochi sono gli addetti italiani nella consulenza ( il 13,4%) a fronte del 54% in Francia e del 44,8 in UK. Complessivamente, quindi, la situazione occupazionale nel settore ICT in Italia è, quanto a incidenza sull occupazione totale, più o meno allineata con quella delle due altre importanti economie europee continentali, cioè Germania e Francia, ma assai inferiore, rispetto al Regno Unito. La dimensione media delle imprese è anch'essa allineata con in valori europei, mentre vi è un aspetto di criticità nella prevalenza di attività a basso valore aggiunto rispetto ad altri Paesi. Considerando ora l'occupazione dei lavoratori ICT in tutti i settori, essa viene articolata in due categorie: specialisti ICT (dai laureati agli operai) e utilizzatori ICT (dirigenti, amministratori, professionisti, tecnici e impiegati). 7

8 Tabella 3 - Specialisti ICT e confronto tra i Paesi europei Dalla tabella 3 si nota come il nostro Paese abbia un incidenza di specialisti ICT, sul totale degli occupati, assai minore rispetto a quella inglese e francese e ancor più tedesca. Inoltre nella tabella 4 si evidenza la bassa incidenza dei laureati tra gli specialisti italiani (colonna gialla, meno del 2,5%) rispetto alla incidenza di quelli degli altri Paesi europei confrontati, compresa tra il 4 e il 4,5%. E ancora, meno del 6% dei nostri specialisti hanno una laurea scientifica, a fronte di più del 10% di Spagna e Francia e a circa il 10 del Regno Unito. 8

9 Tabella 4 - Specialisti ICT % occupazione totale L'Italia, quindi, si manifesta come un Paese nel quale sono generalmente carenti le professionalità ICT di tipo elevato. Tabella 5 Utilizzatori ICT (% sull occupazione totale) La categoria degli utilizzatori di ICT, infine, vede (vedi tabella 5), l Italia in una posizione assai distanziata con il suo tasso di utilizzatori ICT minore del 20% di tutti gli occupati, a fronte di più del 20% della Germania e a più del 25% del Regno Unito. Nelle fasce di popolazione con istruzione inferiore al diploma superiore questa percentuale scende addirittura al 5% contro il 10% della Germania e il 20% di UK. La conclusione di questa sommaria analisi è che gli specialisti sono nel nostro 9

10 Paese prevalentemente rappresentati da operai e tecnici, con pochi professionisti, e che la vocazione scientifica dei laureati è piuttosto scarsa. Infine tra gli utilizzatori si rileva uno scarso utilizzo di ICT nelle classi di istruzione più basse. Si tratta quindi di un fenomeno già messo in evidenza in altre sedi: quello di una scarsa cultura ICT nel nostro Paese, sia in termini di numero e qualificazione degli specialisti, sia sopratutto in termini di scarsa diffusione tra le diverse categorie della popolazione. 3. Le dinamiche occupazionali E' opinione consolidata che l'introduzione dell'ict nelle imprese e nelle amministrazioni abbia uno stretto legame con le dinamiche occupazionali, ma che questa dinamica non possa esaurirsi in una sola dimensione, che descriva l'occupazione complessiva come crescente o decrescente. L'ICT, infatti, come è noto, è in grado di sostituire alcune attività umane, sopratutto, ma non solo, a carattere ripetitivo e prevedibile, e questo è ciò che è avvenuto nelle sue diverse fasi di sviluppo, generando una perdita di posti di lavoro prevalentemente tra lavoratori a qualificazione medio-bassa. Parallelamente, il prodigioso aumento dei prodotti e servizi basati sull'ict, e la conseguente crescita dei relativi settori produttivi e dei mercati, ha generato numerosi posti di lavoro in tutto il mondo, come si vedrà più oltre, nel paragrafo 7. Secondo l'ocse 2 l'ict ha comportato una crescita dell'occupazione, sia nel settore specifico sia, sopratutto, negli impieghi ICT in altri settori. Gli specialisti ICT e gli addetti del settore ICT costituiscono, sempre secondo l'ocse, ciascuno il 5% degli occupati nel settore business dell' area OCSE,mentre gli utenti esperti ne costituiscono il 20%.Ma questa occupazione ha una dinamica bipolare, nel senso che mentre essa si espande nei sottosettori innovativi ( come si vedrà oltre) si contrae invece nella manifattura tradizionale, a causa dell'outsourcing verso paesi a più basso costo del lavoro. Il bilancio sarebbe comunque positivo, perché mantiene nell'area l'occupazione di maggior contenuto intellettuale e a maggior valore aggiunto. Il settore dei servizi ICT è quello che traina l'occupazione complessiva, compensando le perdite nella manifattura ICT. Inoltre, nel periodo sia l'occupazione complessiva in ICT, sia quella specifica nei relativi servizi sono cresciuti più dell'occupazione nel settore business in generale e nel sottosettore dei servizi in generale. 2 OECD: ICT Skills and employment, New competences and jobs for a greener and smarter economy dsti//iccp/ie(2011)3/final, 19 aprile

11 Tabella 6 ICT sector employment in the OECD area by sector, E' interessante notare come la crisi del abbia impattato su questo tipo di occupazione. Sempre secondo l'ocse nell'ultimo trimestre del 2009 in tutti i paesi OCSE l'occupazione nella manifattura ICT era diminuita, a seconda dei paesi, dal 5 al 15%, ma un anno dopo era già risalita. Nei servizi ICT, invece, essa era rimasta pressoché stabile, diminuendo solo del 4% in alcuni paesi, in particolare in Canada e USA. Limitandosi all' Europa, una recente documento della Commissione Europea 3 riporta che gli specialisti ICT (cioè coloro che hanno l'ict come oggetto principale della loro attività, quindi sviluppatori, venditori e manutentori di sistemi ICT) sono state una delle poche categorie che ha continuato a crescere a ritmi del 3% annui anche negli anni della crisi. Conseguentemente, essi sono passati, in Europa, dai 2,7 milioni del 2000 ai 4,1 milioni del 2010.Gli specialisti rappresentano, in Europa, il 3,2% degli occupati mentre gli utenti avanzati sono in media il 18,5% arrivando in alcuni paesi come il Regno Unito ad oltre il 25%, mentre in Italia il valore è quello medio, di poco inferiore al 20%. 4. Le prospettive occupazionali La continua espansione dei mercati e dei prodotti e servizi a base ICT (con la sola eccezione del mercato delle TLC tradizionali e, come si è visto, della manifattura) genera non solo nuova occupazione, ma domanda non soddisfatta di posti di lavoro Secondo il documento OCSE citato, nel 2015 vi potrebbero essere in Europa circa posizioni vacanti per questo tipo di specialisti. Anche per un'altra categoria di addetti, i managers e gli imprenditori dei settori ICT, le prospettive non sono negative, purché si creino, nei diversi Paesi, le condizioni per gli investimenti necessari. Ad esempio, sempre l'ue stima che la diffusione del cloud computing potrebbe portare a nuovi lavoro in Europa tra il 2010 e il European Commission, Commission Staff Working Document «Exploiting the employment potential of ICTs» , SWD (2012) 96 final 11

12 Sempre per quanto riguarda la creazione di posti di lavoro, una recente ricerca relativa all'italia 4 stima che ad oggi il solo settore Internet abbia creato in Italia circa posti di lavoro, di cui il 60% nei settori direttamente legati alla piattaforma (sviluppatori di SW e di siti WEB, telecomunicazioni) e il restante 40% nei settori noninternet ma da essa influenzati, come ad esempio gli addetti alla logistica per la consegna delle merci acquistate online, e che il tasso di sostituzione sia positivo, creando Internet 1,8 posti di lavoro per ogni posto eliminato. 5. Valore aggiunto e produttività Secondo la Banca d'italia il valore aggiunto generato dagli addetti del settore ICT è pari a euro /addetto (vedi tabella 1). Questo valore è circa la metà di quello rilevato nel Regno Unito ( ), in Germania ( ) e in Francia (85.233). La produttività media del settore ICT è pari a ed è circa il doppio di quella del settore privato in generale (37.964). Questo valore varia molto a seconda del sottosettore considerato. Il valore più alto è quello del sottosettore contenuti, pari a , mentre in ciascuno degli altri tre sottosettori esso si aggira intorno al valore Il motivo di questo scarto è da ricercarsi nella presenza di forte lavoro intellettuale in alcuni ambiti tradizionali (radio, TV, editoria libraia) ma anche nel basso impiego di lavoro in settori ad alta automazione come le TLC fisse e mobili (vedi tabella 7). Tuttavia questi valori di produttività risultano in certi casi lontani da quelli dei Paesi continentali europei: se nelle attività di radio e TV sono pressochè allineati, risultano invece molto inferiori per quanto riguarda la produttività delle TLC mobili e nella produzione del SW. 4 McKinsey:The Digital Economy, concrete ideas to boost growth, wealth and job creation in Italy,

13 Tabella 7 Produttività lavoro: contenuti In sintesi, la produttività media del settore ICT è più elevata rispetto a quella di altri settori, ma ancora lontana da quella delle altre economie europee comparabili. 13

14 6. Il contributo dell' ICT all'aumento della produttività Come è ampiamente noto, la produttività in Italia, misurata in PIL/occupato, dopo una crescita sostenuta tra gli anni 1995 e 2007, ha visto negli anni successivi un drastico calo, solo in piccola parte recuperato nel 2010 e Tabella 8 La produttività del lavoro in Italia In quello stesso decennio altre economie sono invece cresciute a ritmo sostenuto, con aumenti della produttività sopratutto nei Paesi anglosassoni (USA e Regno Unito), ma anche centroeuropei 5 Tabella 9 Produttività del lavoro: l Italia nel contesto internazionale I dati delle tabelle sono tratti dalla relazione di Cecilia Jona-Lasinio (Istat) al Seminario CNEL Ict, occupazione, produttività 27 novembre

15 Ci si può chiedere allora da cosa nasce la differenza tra i tassi di crescita della produttività italiani e quelli degli altri Paesi. Alcune delle risposte sono state già da più parti avanzate e riguardano, tra l'altro, la ridotta dimensione delle imprese, la loro gestione spesso familiare e la loro collocazione in ambiti produttivi maturi. Vi sono tuttavia dei legami tra incremento della produttività e utilizzo di ICT che vale la pena di indagare. E' noto che l'ict, con la sua pervasività, ha contribuito a modificare in misura consistente sia il modo di lavorare, sia quello di fare impresa. Essa, consentendo la trasmissione delle informazioni pressoché in ogni luogo, in ogni momento e di qualunque tipo, ha reso possibile in modo decisivo sia la finanziarizzazione dell'economia sia la sua globalizzazione, e ciò richiede da parte delle imprese una capacità di competere finora sconosciuta. Le imprese italiane hanno sì investito in ICT ma, nella loro generalità, non hanno saputo sfruttarne appieno le potenzialità. La crescita della produttività del lavoro è infatti, secondo i ricercatori, la risultante della somma di due fattori 6 : a) la composizione professionale della forza lavoro (labor composition) b) la consistenza degli investimenti in conto capitale (capital deepening) Ora, gli investimenti in capitale si distinguono in due grandi categorie: - quelli in capitale tangibile - quelli in capitale intangibile In ciascuna delle due categorie, il capitale può consistere o no in ICT. La classificazione proposta da ISTAT è quindi la seguente: capitale tangibile non ICT: macchine ed apparecchiature, mezzi di trasporto, opere edili capitale tangibile ICT : apparecchiature di calco. apparecchiature di comunicazione software capitale intangibile non ICT: proprietà propensa all'innovazione, competenze economiche 6. I ricercatori osservano comunque che la produttività è la risultante di molti fattori, e dipende non solo del progresso tecnologico ma anche, per esempio dai cicli di business o dalla competizione imperfetta. 15

16 Tabella 10 Capitale tangibile e intangibile, quote medie sul Pil I dati della tabella 10, che riportano gli investimenti in capitale tangibile (in rosso) e intangibile (in verde) come quota media sul PIL nei principali paesi industrializzati, indicano che in alcuni Paesi europei il capitale tangibile supera quello intangibile, a differenza di ciò che è avvenuto negli USA, ma indicano anche che il più grande divario tra i due valori si ha in alcuni Paesi mediterranei, tra cui l Italia. Tabella 11 Capitale tangibile e intangibile: contributi alla crescita della produttività del lavoro Se si osserva la tabella 11, che descrive il contributo delle diverse tipologie di investimenti alla crescita della produttività nel periodo , si vede chiaramente che la quota di capitale intangibile è, nel caso dell'italia, assai minore sia termini assoluti che in quelli relativi, rispetto alle altre economie, ed è massima negli USA, in Svezia e in Finlandia. Si osserva anche che in questi Paesi, dove più consistente è stato l'investimento in capitale intangibile e dove è stato addirittura ridotto quello in capitale tangibile, anche la produttività (simbolo giallo) è aumentata, mentre nei tre Paesi, (Italia, Danimarca e 16

17 Spagna), dove minor è stato il primo tipo di investimento, nel periodo citato si è avuto un contributo negativo della produttività totale dei fattori. Un 'ulteriore valutazione del ruolo dell' ICT nell'aumento della produttività totale dei fattori si desume dalle tabelle 12 e 13 Tabella 12 Contributi settoriali alla crescita della produttività del lavoro Tabella 13 - Contributi settoriali alla crescita della produttività del lavoro Infatti, considerando il settore servizi di informazione e comunicazione, si vede 17

18 che nel periodo il suo contributo valeva complessivamente quasi 2,5 punti, di cui la maggior parte (0,36) dovuta a fattori non ICT. Viceversa, nel periodo successivo , il suo contributo alla crescita della produttività totale è stato di soli 0,69 punti, sempre in buona parte dovuti a fattori non ICT. Uno degli elementi che maggiormente qualificano l' ICT come possibile strumento di aumento della produttività è la sua capacità di integrare tutti gli elementi di una filiera produttiva: ricerca e sviluppo, produzione, distribuzione, credito e assicurazione, trasporto, esportazione, ecc. Solo con questo tipo di integrazione, che rende fluido, trasparente e tempestivo ogni passaggio di un bene dall'uno all'altro nodo della filiera, si possono ottenere aumenti di produttività significativi. Ma questo risultato è tutt'altro che facile da raggiungere. Ogni Unità Produttiva ha sviluppato nel tempo il proprio sistema informativo e ciò rende molto complessa la loro integrazione. Innovazioni come il cloud computing ( cfr. oltre) che consentono di integrare banche dati di origine diversa, possono rendere questo sforzo più agevole. 7. Il contributo delle nuove imprese ICT all'occupazione e il ruolo della Internet Economy Nel Decreto Sviluppo 2.0, emanato dal Governo Monti nel 2012 (legge di conversione del 17 dicembre 2012 n. 221 Ulteriori misure urgenti pere la crescita del Paese ), un'attenzione particolare è dedicata al ruolo che possono svolgere le nuove imprese digitali (start up) alla crescita dell'economia e in particolare dell'occupazione. Di conseguenza ad esse sono rivolti alcuni specifici incentivi. Innanzitutto: per start up si intende una società di capitali di diritto italiano, le cui azioni o quote rappresentative del capitale sociale non sono quotate e in cui la maggioranza delle quote o azioni sono detenute da persone fisiche, cche abbia come oggetto lo sviluppo e la vendita di servizi innovativi in campo tecnologico; la start up deve essere operativa da non più di 48 mesi, la sua produzione non deve oltrepassare i 5 milioni di euro annui e deve essere operativa in Italia; essa non deve distribuire o aver distribuito utili, ma può intestare ai propri dipendenti quote di azioni; deve inoltre investire una quota specifica in ricerca e sviluppo e impiegare personale altamente qualificato, in particolare laureati e dottori di ricerca. Come si evince, l'intento del Decreto è quello di sostenere la nascita e l' attività delle tipiche imprese avviate da giovani, con investimenti relativamente ridotti, impegno degli imprenditori in prima persona e molto valore aggiunto di carattere innovativo. Gli incentivi previsti sono i seguenti: in deroga alla riforma del lavoro recentemente introdotta,è possibile stipulare contratti a tempo determinato per un periodo che va da 6 a 36 mesi, prolungabile per altri 12 mesi. Trascorso tale periodo il contratto si trasforma in contratto a tempo indeterminato; le quote o titoli azionari distribuiti ai dipendenti non concorrono a formare l'imponibile; per tre anni sono detassati al 19%, per un ammontare massimo pari a euro, gli investimenti nel capitale delle start up, che possono essere raccolti anche tramite strumenti collettivi operanti attraverso Internet. Il motivo per il quale il Governo ha ritenuto di accordare gli incentivi prima descritti risiede nella consapevolezza che, allo stato attuale, la maggior parte della nuova occupazione nell' ICT deriva da questa tipologia di imprese. Infatti le grandi o medie aziende tradizionali del settore vivono una crisi, sia di mercato 18

19 sia occupazionale, rilevante. In Italia il mercato dell'ict (costituito da Information Technology più le Telecomunicazioni, ma senza le attività dei media 7 ) è diminuito del 3,3% passando da 29,628 miliardi di euro a 19,880 dal 2010 al Il maggior calo si è verificato nelle aziende di TLC, a causa della perdita di valore del semplice trasporto della voce e dei dati, e della concorrenza assai forte nel settore. Ma anche le aziende di informatica hanno vissuto un calo notevole, perdendo il 3,8 % del proprio fatturato dal 2011 al Di conseguenza sono calati anche gli occupati in questo tipo di aziende, passando dai del 2000 ai del 2008 (e il calo si è accentuato dopo la crisi di mercato sopra citata) mentre le nuove occupazioni si creano proprio nelle nuove imprese a forte carattere innovativo. Questo trend, visibile in tutta Europa e negli USA, è confermato da numerose analisi e stime e avvalora la tesi che ormai buona parte dell'occupazione, vecchia e nuova si concentra in quella che viene chiamata Internet Economy Secondo il documento OCSE 8 dedicato al ruolo della Internet Economy 9, negli USA le 250 maggiori aziende per reddito nel settore ICT hanno incrementato la loro occupazione del 4% nel 2010 e del 6% nel 2011, ma nelle aziende dedicate ad Internet questo aumento è stato del 29%. In testa a questa graduatoria vi sono Amazon e Apple, in cui l'aumento dell'occupazione è stato pari al 50%. In Europa la quota del prodotto generato dall' ICT sul PIL è pari al 4%, con una crescita annuale del 21%, mentre in Italia la quota ICT su PIL è stimata, al 2015,tra il 3,3 e il 4,3, con una crescita prevista compresa tra il 13 e il 18%. La stima è che nel 2015 verranno generati da Internet 59 milioni di euro. 8. Il contributo specifico di Internet alla crescita dell'occupazione Una recente ricerca, 10 che si è soffermata in particolare sulla disoccupazione giovanile - che in Italia nel 2012 ha raggiunto l'allarmante percentuale del 36% -, mette in evidenza una correlazione molto stretta tra diffusione di Internet e occupazione giovanile. L'Italia, con il suo poco più che 20% di occupazione giovanile, è terzultima in Europa e si trova nella parte bassa della classifica europea anche per la diffusione di Internet, di poco superiore al 35%. Orbene, con una analisi abbastanza sofisticata la ricerca isola l'effetto puro di Internet da altri fattori e mostra la correlazione molto forte tra le due grandezze. 7 Quella citata è la classificazione proposta da Assinform, la associazione di categoria che raggruppa le aziende produttrici di SW, di sistemi e apparecchiature, di soluzioni e applicazioni, e infine i provider di contenuti digitali, ma non le aziende dei media, come nella classificazione ISTAT.I dati qui riportati sono tratti dalla relazione di Paolo Angelucci, Presidente di Assinform, al Seminario Cnel: Ict, occupazione, produttività, 27 novembre OECD, Internet Economy, Outlook 2012, Ottobre Per Internet Economy si intende la produzione di beni e servizi, sia nel settore ICT sia negli altri settori, attraverso l'utilizzo della piattaforma Internet. Appartengono quindi a questo nuovo settore produttivo applicazioni come l'e-commerce,l'e-government, l'e-health, tutte le applicazioni per gli apparati di telefonia e navigazione in mobilità (Iphone, smartphone tablet, ecc), i sistemi di geolocalizzazione, la IP TV, cioè la televisione via Internet, e moltissimi altri esempi. 10 Italia Futura, Crescita Digitale, di M..Simoni e Sergio de Ferra,2012, presentata al Seminario CNEL citato 19

20 Tabella n Correlazione tra la diffusione di Internet e l occupazione giovanile I risultati mostrano che in un ipotetico paese un aumento della diffusione di Internet del 10% potrebbe portare ad un aumento dell'occupazione generale dello 0,44 e di quella giovanile del 1,47%. Queste stime, riportate in valori assoluti, indicherebbero che, con una diffusione di Internet pari a quella della Francia, in Italia si potrebbero avere occupati in più, di cui giovani, mentre con una diffusione paragonabile a quella dell'olanda, gli occupati potenziali sarebbero in tutto di cui giovani. 9. I trends di crescita della Internet Economy (mobile, cloud, computing, big data, social networks,internet delle cose) La piattaforma Internet è la più pervasiva di tutte le componenti dell'ict ed è anche quella in continua evoluzione, 11 essendo diventata una sorta di alfabeto della comunicazione digitale in senso lato: personale ( ), economico-produttiva (cloud computing, e-commerce, e-payment, ecc), amministrativa ( e-government), ludica ( videogiochi, cinema e musica), sociale ( social networks come Facebook e Twitter), di utilità sociale ( sanità e istruzione digitali), di gestione del territorio ( geolocalizzazione, smart cities), dell'ambiente e dell'energia ( smart grids). La sua pervasività, tuttora crescente, si unisce ad alcune grandi innovazioni che 11 Secondo l'ocse i cambiamenti sono così rapidi che per i Governi è assai difficile impostare delle politiche adeguate ( OCSE, Internet Economy,cit.pag64) 20

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

CONVEGNO SCUOLA DIGITALE: AMBIENTI E STRUMENTI PER LA DIDATTICA VERSO EUROPA 2020

CONVEGNO SCUOLA DIGITALE: AMBIENTI E STRUMENTI PER LA DIDATTICA VERSO EUROPA 2020 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

GdL e-commerce CABINA DI REGIA

GdL e-commerce CABINA DI REGIA GdL e-commerce CABINA DI REGIA Coordinatore ANTONELLO BUSETTO 0 Il profilo dell Associazione Aderente a: 168 soci effettivi ~ 1.500 Aziende Associate ~ 300 soci di gruppo Tramite le Associazioni di Ancona,

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Enrico Giovannini Presidente dell Istituto nazionale di statistica Milano, 21 gennaio

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003 Overview OECD Communications Outlook : 2003 Edition Prospettive delle comunicazioni dell'ocse : Edizione 2003 Le note di sintesi

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa Francesco Daveri Università di Parma Perché il modello di innovazione italiano è ad un bivio Lezioni da due modelli di innovazione stranieri Schema

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

RILEVANZA E PRIME VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI DELLA E- ECONOMY

RILEVANZA E PRIME VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI DELLA E- ECONOMY Numero 00-13 26 luglio 2000 NOTA DAL C.S.C. RILEVANZA E PRIME VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI DELLA E- ECONOMY Giovanni Foresti La diffusione della e-economy sta determinando cambiamenti radicali nel modo di

Dettagli

sviluppo dell umbria

sviluppo dell umbria L internet economy e il suo contributo allo sviluppo dell umbria Mauro Casavecchia l internet economy crea valore e occupazione Contributo diretto di Internet al PIL 2009 Contributo di Internet alla crescita

Dettagli

HR E LE SFIDE DEL FUTURO

HR E LE SFIDE DEL FUTURO HR E LE SFIDE DEL FUTURO 03/11/2014 HR e le sfide del futuro g.facco nov.2014 1 HR cambia velocemente: i principali fattori della mutazione il ruolo della Direzione HR sta mutando : è tra le funzioni aziendali

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Nicola Ciniero Consigliere Incaricato, Confindustria Digitale Presidente e Amministratore Delegato IBM Italia 13 Maggio 2013 1 Problemi ben noti limitano la

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio Banda larga Asset strategico per la competitività del territorio La strategia digitale di Confindustria Verona Iniziative volte a promuovere la riduzione del digital divide culturale e infrastrutturale:

Dettagli

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Italia digitale: dall Abruzzo tre progetti innovativi tra

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Stabile (19%), a termine (18%), stage (12%), impresa (12%) Grazie al Jobs Act

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE SINTESI DELLO STUDIO Marzo 2010 Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE TERA Consultants Lo studio è stato condotto da TERA

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

GIOVANI E LAVORO: PROVVEDIMENTI E OPPORTUNITÀ

GIOVANI E LAVORO: PROVVEDIMENTI E OPPORTUNITÀ GIOVANI E LAVORO: PROVVEDIMENTI E OPPORTUNITÀ di Lucia ROSSI APPROFONDIMENTI Nell articolo sono presentate le principali iniziative volte alla promozione dell occupazione giovanile. La crisi economica

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs 4 dicembre 2014 Un cordiale buongiorno a tutti i presenti. Grazie, innanzitutto,

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER ADSL E TELEFONIA DOMESTICA: LE MIGLIORI SOLUZIONI PER CONNETTERSI E TELEFONARE DA CASA INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. I profili di consumo: l utilizzo di

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

LA RETE E LE IMPRESE: LA SECONDA FASE

LA RETE E LE IMPRESE: LA SECONDA FASE LA RETE E LE IMPRESE: LA SECONDA FASE Giampio Bracchi Presidente Fondazione Politecnico di Milano Convegno ABI Internet e la Banca Roma,1 dicembre 2003 Economia della rete nel mondo, trasformazione e crescita:

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Italia: politiche e aspetti chiave

Italia: politiche e aspetti chiave Studi dell'ocse sulle PMI e sull imprenditorialità Italia: politiche e aspetti chiave La traduzione per estratto della sintesi è stata curata dalla Sezione linguistica italiana. Titolo originale: OECD

Dettagli

Anteprima del Rapporto 2014

Anteprima del Rapporto 2014 Anteprima del Rapporto 2014 Conferenza Stampa Elio Catania - Presidente di Assinform Giancarlo Capitani - Presidente NetConsulting Milano, 2 Aprile 2014 Milano, 2 Aprile 2014 0 Anteprima del Rapporto 2014

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 Bari 21/11/05 Prot. n. 38/A/7899 Alla Commissione Europea STATEAIDGREFFE@CEC.EU.INT

Dettagli

ANALISI DEI PARTECIPANTI AL PROGETTO "COMINCIO... DA TRE!" A cura di Giuseppe Landro Responsabile ACQ

ANALISI DEI PARTECIPANTI AL PROGETTO COMINCIO... DA TRE! A cura di Giuseppe Landro Responsabile ACQ ANALISI DEI PARTECIPANTI AL PROGETTO "COMINCIO... DA TRE!" A cura di Giuseppe Landro Responsabile ACQ Pagina 1 PREMESSA Manageritalia, Confcommercio e le altre organizzazione datoriali (Confetra, Assologistica

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

Alfonso Iozzo CENTRO STUDI SUL FEDERALISMO. Per un piano europeo di sviluppo sostenibile

Alfonso Iozzo CENTRO STUDI SUL FEDERALISMO. Per un piano europeo di sviluppo sostenibile Alfonso Iozzo Per un piano europeo di sviluppo sostenibile Ottobre discussion 2011 paper 02 Abstract In un contesto globale in profonda evoluzione, con il nuovo protagonismo dei Paesi emergenti, l Unione

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 PREMESSA Le analisi dell'innocenti Report Card 9 coprono una gamma limitata ma significativa di indicatori del benessere dell'infanzia

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

L utilizzo dell E-commerce in Europa e i ritardi dell Italia

L utilizzo dell E-commerce in Europa e i ritardi dell Italia L utilizzo dell E-commerce in Europa e i ritardi dell Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 3 La classifica p. 4 Analisi dei dati e considerazioni p. 6 Metodologia p. 14 1 L utilizzo dell

Dettagli

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO http://www.sinedi.com ARTICOLO 63 LUGLIO/AGOSTO 2013 GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO La letteratura dedicata al controllo di gestione è estremamente ampia e si è sviluppata largamente

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa In una realtà economica complessa ed in rapida evoluzione la responsabilità per i giovani di cercare un cambio di

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione.

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione. E vietata ogni forma di riproduzione totale e/o parziale del seguente materiale. Copyright e diritti di autore: Link S.r.l. I nostri servizi Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

UNIVERSITA': A TERAMO MASTER PER MANAGER DELLA FILIERA CEREALICOLA. Venerdì 15 dicembre 2006

UNIVERSITA': A TERAMO MASTER PER MANAGER DELLA FILIERA CEREALICOLA. Venerdì 15 dicembre 2006 UNIVERSITA': A TERAMO MASTER PER MANAGER DELLA FILIERA CEREALICOLA (PRIMA) TERAMO Si terranno venerdì 15 e sabato 16 dicembre, nell Aula A della Facoltà di Agraria, a Mosciano Sant Angelo, i seminari conclusivi

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini Assolombarda - Politecnico di Milano - Fondazione Politecnico Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo Dr. Alberto

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli