I fabbisogni finanziari delle PMI e gli strumenti pubblici. Monica Rossolini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I fabbisogni finanziari delle PMI e gli strumenti pubblici. Monica Rossolini monica.rossolini@sdabocconi.it"

Transcript

1 I fabbisogni finanziari delle PMI e gli strumenti pubblici Monica Rossolini

2 Indice L accesso al credito delle PMI La struttura finanziaria delle PMI Il ruolo dell operatore pubblico Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Il supporto pubblico al capitale di rischio: il venture capital 2

3 L accesso al credito delle PMI Italia Fonte: OECD, Financing SMEs and Entrepreneurs 2014, An OECD scoreboard Europa Le PMI rappresentano il 99,8% delle aziende non finanziarie europee 86 milioni di occupati (2/3 dell intera forza lavoro) 80% della forza lavoro 3

4 L accesso al credito delle PMI Variazione percentuale annua dei prestiti alle imprese non finanziarie in Italia Fonte: OECD, Financing SMEs and Entrepreneurs 2014, An OECD scoreboard 4

5 L accesso al credito delle PMI Fonte: OECD, Financing SMEs and Entrepreneurs 2014, An OECD scoreboard 5

6 L accesso al credito delle PMI Fonte: Ferrando A., presentazione al Convegno ADEIMF febbraio 2014, Università Milano Bicocca. 6

7 L accesso al credito delle PMI L impatto delle caratteristiche dell azienda sulla difficoltà di accesso al credito. Fonte: Ferrando A., presentazione al Convegno ADEIMF febbraio 2014, Università Milano Bicocca, BCE 7

8 L accesso al credito delle PMI Aziende scoraggiate non fanno domanda per paura di essere rifiutate Aziende che richiedono credito ma vengono rifiutate in tutto o in parte Fonte: Ferrando, Rossolini (forthcoming), elaborazione dati SAFE BCE 8

9 La struttura finanziaria delle PMI Qual è il problema nell accesso al credito delle PMI? Asimmetria informativa (selezione avversa vs azzardo morale) Difficile valutazione da parte del finanziatore Lato domanda La crisi economica finanziaria ha acuito le difficoltà delle PMI Riduzione dei flussi di reddito Ritardi nei pagamenti Lato offerta Inasprimento dei requisiti di capitale delle banche Richiesta di garanzie (ma spesso anche questo non è sufficiente) Si aggravano le difficoltà nell accesso al credito 9

10 La struttura finanziaria delle PMI ITALIA PRESTITI B PRESTITI NB OBBLIGAZIONI 7.6 AZIONI 6.8 Il caso Italia è simile a Germania e Giappone, cioè ai casi di sistemi bank-oriented Fonte: Mishkin, Eakins, Forestieri,

11 LA STRUTTURA FINANZIARIA DELLE PMI 1. Il capitale di rischio è poco importante come fonte di fondi 2. In generale, i titoli negoziabili (azioni e obbligazioni) contano relativamente poco 3. le aziende si finanziano prevalentemente tramite circuiti indiretti, basati cioè sugli intermediari 4. In particolare le banche sono una delle fonti principali di finanziamento 5. solo le società di maggiore dimensione e reputazione possono finanziarsi sui mercati dei capitali. 6. Le garanzie reali sono una caratteristica ricorrente dei debiti bancari 7. il settore finanziario dei paesi sviluppati è fortemente regolamentato Costi di transazione e asimmetria informativa influenzano il funzionamento del sistema finanziario e la struttura finanziaria

12 La struttura finanziaria delle PMI Fonte: Mishkin, Eakins, Forestieri,

13 Il ruolo dell operatore pubblico Le risposte dei governi a partire dal 2011: -tutti aumentano gli schemi di garanzia -solo alcuni gli aiuti diretti Fonte: EIF,

14 Il ruolo dell operatore pubblico L uso di fonti alternative/complementari al credito da parte delle PMI 14

15 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia FCG è uno strumento di mitigazione del rischio di credito a sostegno delle PMI (instituito nel 96 ed attivo dal 2000) Concede Garanzie, tramite l intermediazione di banche e confidi, per imprese operanti in qualsiasi settore economico. L impresa che necessiti di un finanziamento finalizzato all attività imprenditoriale può chiedere alla banca di garantire l operazione con la garanzia pubblica L attivazione di questa garanzia è dal 2009 a rischio zero per la banca (ponderazione zero) che, in caso di insolvenza dell impresa, viene risarcita dal Fondo Centrale di garanzia e in caso di eventuale esaurimento di fondi di quest ultimo, direttamente dallo Stato. Le tre modalità di intervento del FCG sono: Garanzia Diretta: concessa direttamente alle banche e agli intermediari finanziari Controgaranzia: su operazioni di garanzia concesse da Confidi e altri fondi di garanzia Cogaranzia: concessa direttamente a favore dei soggetti finanziatori e congiuntamente ai Confidi ed altri fondi di garanzia ovvero a fondi di garanzia istituiti nell ambito dell EU o da essa cofinanziati

16 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Il numero di domande accolte è in continuo aumento 16

17 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Anno Finanziamento (milioni di euro) Garanzia (milioni di euro) ,90 206, ,50 288, ,10 356, ,80 474, ,90 495, ,40 508, ,50 763, , , , , , , ,100, , , , , , , ,30 Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 17

18 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Comitato di Gestione (21 membre MISE, MEF, Regioni, Associazioni di categoria, ABI ) Gestore (5 istituti bancari guidati da Mediocredito Centrale) Leasing & factoring companies Banche Confidi PMI 18

19 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Il Fondo Centrale di Garanzia è uno strumento efficace ed efficiente? Il tasso di default I fattori di rischio Economic additionality Financial additionality 19

20 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Il tasso di default dei prestiti garantiti dal FCG rispetto a quelli non garantiti A partire dal 2006 il rischio di default delle posizioni garantite dal FCG è maggiore rispetto alla media italiana. Perché? Possibile impatto di Basilea2 Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 20

21 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia I fattori di rischio dei prestiti garantiti dal FCG (analisi sul campione ) 1) Le caratteristiche delle aziende che RIDUCONO il rischio default Un aumento di ROA (aziende più profittevoli) Un aumento del Flusso di cassa (aziende più liquide) Un aumento della patrimonializzazione 2) Le caratteristiche del presito che AUMENTANO il rischio default La durata del finanziamento La percentuale della garanzia 3) Il tipo di intermediario (banca o confide) influenza il rischio default? Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 21

22 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Economic additionality: il FCG è in grado di contribuire alla crescita dell impresa (e quindi generare anche un ritorno sociale)? La presenza della garanzia al tempo t genera un innalzamento del ROI (return on investment) al tempo t+1 e t+2 La presenza di un dipendente in più, genera un ulteriore incremento di ROI Quali indicazioni di policy? Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 22

23 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia The financial additionality: il FCG è in grado di ridurre il costo dei prestiti? Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 23

24 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. I confidi (consorzi fidi) sono delle istituzioni finanziarie che affiancano e supportano le PMI ai fini dell accesso al credito bancario Tipologia di attività confidi di I grado: svolgono attività di garanzia a favore degli istituti di credito confidi di II grado: svolgono attività di garanzia a favore dei confidi di I grado. Tipologia istituzionale Vigilati: appartengono a questa categoria i confidi con attività finanziaria maggiore di 75 milioni di euro. Sebbene questo gruppo rappresenti una piccola fetta del mercato in termini di numerosità, essi rappresentano la quasi totalità del mercato in termini di volume di garanzie Non vigilati: appartengono a questa categoria i confidi la cui dimensione non supera la soglia di 75 milioni di euro in termini di attività finanziaria

25 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. La garanzia dei confidi è rappresentata da un fondo al quale contribuiscono tutti i soci del consorzio. Le risorse dei confidi derivano da: Quote associative Commissioni applicate alle transazioni Contributi esterni (solitamente pubblici) a titolo di capitale o integrazione del fondo di garanzia agevolano il mantenimento dell equilibrio di bilancio dei confidi Il ricorso ai confidi come mezzo per canalizzare il sostegno finanziario pubblico (di Regioni, Province o sistema camerale) verso le PMI costituisce un tratto distintivo del sistema delle garanzie mutualistiche italiano.

26 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Le regioni supportano i confidi attraverso: Interventi di patrimonializzazione (12%) Contributi fondo rischi (26%) Fondi di cogaranzia e controgaranzia (62%) Contributo delle regioni a favore dei confidi dal 2008 al primo semestre 2010 (mln di euro) Area geografica Contributi a fondo rischi Interventi di patrimonializzazio ne Fondi di garanzia e controgaranzia totale Nord-Ovest 12,20 75,80 65,20 153,20 Nord-Est 100,20 18,20 140,25 258,65 Centro 19,37 11,70 76,00 107,07 Sud 101,31 6,00 259,62 366,93 Totale Italia 233,08 111,70 541,07 885,85 Fonte: Banca d Italia Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership

27 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Il mercato italiano delle garanzie rappresenta oltre il 40% del mercato europeo e in Italia vi è numero di confidi che è quasi quindici volte maggiore rispetto a quello degli operatori attivi, ad esempio, in Francia*. Infatti, il numero dei confidi italiani è elevatissimo: nel 2010 i confidi in Italia erano 577, contro i 20 della Germania e i 3 della Francia**. Se l evoluzione per spinta dal basso del mercato delle garanzie italiano ha avvicinato il sistema dei Confidi alle imprese; dall altro lato l eccessiva frammentazione (in media 27,5 confidi per regione***), generata dall assenza di regolamentazione (fino alle riforme ), ha ridotto le capacità di risk management e la possibilità di standardizzazione dei rapporti con le banche. * Fonte: AECM, dati aggiornati al ** Fonte: i Confidi in Italia, CC Torino 2010 ; in Francia SOCAMA ha 42 sedi dislocate sul territorio francese *** Fonte: i Confidi in Italia, CC Torino 2010

28 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Le principali criticità legate all elevata frammentazione: 1.prezzo: commissioni elevate dovute all inefficienza patrimoniale ed organizzativa dei confidi [effetto inefficienza > effetto concorrenza] 2.capacità di risk management: confidi piccoli hanno minore possibilità di diversificare il loro portafoglio di garanzie. 3.standardizzazione dei rapporti con le banche: confidi di maggiori dimensioni instaurano rapporti maggiormente strutturati con il mondo bancario e godono di un maggiore potere contrattuale

29 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Una maggiore dimensione consente Di sfruttare economie di scala nell attività di screening e monitoring. una più ampia diversificazione del rischio, accrescendo la possibilità di garantire imprese che, per caratteristiche settoriali e di localizzazione, hanno performance poco correlate con quelle delle imprese già garantite dal fondo. una maggiore dotazione patrimoniale, a parità di altre condizioni, non può che rendere più appetibile per le banche la garanzia dei confidi (Gai e Ross, 2009) La prossimità al territorio consente Maggiore e migliore screening (maggiore affidabilità del parere del confidi sul merito di credito delle imprese garantite) Maggiore effetto di peer-monitoring (le imprese associate si controllano l un l altre)

30 Ricavi Il supporto pubblico al capitale di rischio: il venture capital Funding Gap IPOs Fondi di Venture Capital Fondi di Private Equity Growth, Buyout Prestiti bancari, Debito mezzanino, Garanzie Business Angels Imprenditore, amici, famiglia, contributi pubblici a fondo perduto Pre-seed Seed Early stage Emerging growth Development Stadio di sviluppo 30

31 La struttura di un fondo di VC Società di Gestione (General Partner) Investitori (Limited Partners) Fondi pensione, Fondi Assicurativi, HNWIs, Family Offices, Fondazioni e Enti di Erogazione, Fondi di Fondi, Fondi Sovrani, Proprietà del fondo Gestione del fondo Management fees Fondo di Venture Capital Impresa 1 Impresa 2 Impresa 3 Portafoglio di investimenti del fondo 31

32 Il supporto pubblico al capitale di rischio: il venture capital Fattori hard Fattori soft Raccolta di capitale per finanziare investimenti rischiosi, non compatibili con le strutture di capitale di debito Miglioramento del rapporto debito / equity, con conseguente miglioramento del rating di credito Stimolo al cambiamento dei processi gestionali e di governance dell impresa in una prospettiva di maggiore trasparenza ed efficacia Coinvolgimento dell investitore nello sviluppo dell iniziativa imprenditoriale in una logica di mentoring (approccio handson) Inserimento dell imprenditore nel network di relazioni dell investitore Aumento di visibilità e reputazione per l accesso a nuovi mercati e lo sviluppo di nuove attività 32

33 Il mercato del Venture Capital in Europa Il VC rappresenta il 7,5% del totale del PE per fundraising in Europa nel 2013, di cui il 38% proviene da enti pubblici o pubblico-privati. Capitali raccolti nel PE, ( miliardi) Capitali raccolti nel VC per tipologia di investitore, ,6 80,5 18,9 21,8 41,6 24,6 53,6 2% 2% 11,4 5,8 18% 7% 3% 5% 58,6 64,8 5,1 3,4 9% 2% 4% 105 fondi VC lanciati nel % 44,9 26,9 3,4 2,6 3,3 13,4 16,7 1,3 10,8 3,6 4,4 8,3 6,3 1,1 2,6 0,5 1,2 3,7 3,2 5,2 3,9 4, Venture Capital Growth Capital Buyout Altri (2) Istituzioni accademiche Investitori corporate Family offices Enti pubblici Altri asset manager Individui privati (HNWIs) 38% Banche Enti di erogazione e fondazioni Fondi di fondi Compagnie assicurative Fondi pensione Fondi sovrani Fonte: EVCA Yearbook

34 Il mercato del Venture Capital in Italia Il mercato del PE in Italia è di piccole dimensioni, rappresentando lo 0,9% del mercato europeo per capitali raccolti. Gli investimenti nel segmento VC sono solo lo 0,004% del PIL generato nel paese. Investimenti nel VC in % sul PIL, 2013 Numero e AuM ( milioni) delle società di PE in Italia, 2013 Finlandia 0,067% Irlanda Francia 0,033% 0,066% Danimarca Olanda 0,032% 0,032% 95 SGR UK Germania Media Europa 0,029% 0,026% 0,024% Belgio Norvegia 0,023% 0,018% milioni Spagna 0,010% Europa dell'est 0,005% Italia 0,004% Grecia 0,003% Società di Venture Capital Società di Buyout Società generaliste Fonte: EVCA Yearbook 2013 ; AIFI Il Mercato Italiano del Private Equity e Venture Capital nel

35 Ragioni del supporto pubblico al VC 1. Presenza di fallimenti di mercato 2. Capacità del VC di catalizzare l innovazione I rischi connessi al finanziamento di iniziative imprenditoriali in fase seed e early stage è molto alto, così come i costi di valutazione e monitoraggio dell investimento, perciò gli investitori sono riluttanti ad investire e le PMI, quelle nel settore high tech, incontrano difficoltà nell accesso ai finanziamenti (Karsai, 2003; HM Treasury, 2003; Mason, 2009) Il VC è largamente riconosciuto come uno strumento di finanziamento in grado di promuovere l innovazione, stimolare la nascita di nuove imprese e la capitalizzazione delle attività di ricerca e sviluppo (Florida & Kenney, 1988; Hood, 2000; Kortum & Lerner, 2000; Lerner & Watson, 2008). 3. Promozione della coesione economica e sociale La riduzione del gap finanziario per le PMI, in particolare le nuove iniziative imprenditoriali, è un elemento essenziale per accrescere il livello di competitività e di coesione di un territorio (Florida & Kenney, 1988; Harrison & Mason, 2000) Allo stesso tempo, l intervento pubblico nel mercato del Venture Capital ha sollevato numerose critiche: Effetto crowding-out spiazzamento dei privati (Gilson, 2002; Leleux et al., 1998; O'Shea, 1996) Le decisioni di investimento possono subire l influenza della politica conducendo a un allocazione inappropriata delle risorse (Florida & Smith, 1993; Leleux et al., 1998) Mancanza di competenze e di esperienza da parte dei manager pubblici (Martin & Scott, 2000) 35

36 Tipologie di interventi pubblici nel VC Misure dal lato della domanda Misure dal lato dell offerta Interventi diretti Incubatori d impresa pubblici Fondi di Venture Capital sponsorizzati da enti pubblici Finanziamento pubblico attraverso debito / debito mezzanino di fondi di Venture Capital Interventi indiretti Incentivi alla creazione di un ecosistema fertile Incentivi fiscali per le start-up Schemi di down-side protection Schemi di upside leverage Schemi di exit Incentivi fiscali Garanzie Business angels network 36

37 Programmi pubblici per il VC: esperienze internazionali Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) Area geografica: Europa Anno di inizio: 1994 Meccanismi di funzionamento: Fondo di fondi con meccanismo pari passu Dimensione del programma: finanziati più di 350 fondi e imprese; 3,3 miliardi investiti che hanno attratto ulteriori 11,7 miliardi da investitori privati 37

38 Europa FEI BEI Commissione Europea Altri intermediari Il FEI è una partnership pubblicoprivata i cui azionisti sono: Banca Europea per gli Investimenti (65,6%), Commissione Europea (24,3%) e altri 26 intermediari finanziari (10,1%). I soci in Italia del FEI sono Cassa Depositi e Prestiti e Intesa Sanpaolo. FEI Investitori privati Fondo VC Fondo VC Investitori privati Fondo VC Il FEI è organizzato come fondo di fondi: co-investe insieme agli investitori privati come cornerstone investor, ovvero non fornisce mai più del 50% del totale dei fondi Impresa Impresa Impresa Impresa Impresa Impresa Il FEI investe secondo la clausola del pari passu: tutti gli investitori sono soggetti agli stessi termini, stesso grado di rischio e di ritorni; no subordinazione 38

39 Programmi pubblici per il VC: esperienze a livello regionale Nome del fondo AuM ( mln) Next 37 Euromed 50 Gestore Finlombarda gestioni SGR Finlombarda gestioni SGR Natura del gestore Regionale Regionale Investitori pubblici Finlombarda, con garanzia di Reg. Lombardia Regione Lombardia AIAdInn 28,6 Friulia SGR Regionale Friulia Spa Ingenium Emilia Romagna I Ingenium Emilia Romagna II Ingenium Sardegna 8, Ingenium Catania 4 Ingenium Umbria 5 Cape Regione Siciliana 52 Zernike Meta Vetures Spa Zernike Meta Vetures Zernike Meta Vetures Zernike Meta Vetures Zernike Meta Vetures Cape Regione Siciliana SGR Privato Privato Privato Privato Privato Pubblico-Privato Regione Emilia Romagna Regione Emilia Romagna Regione Sardegna Provincia di Catania Regone Umbria attraverso AtiPrisma2 Regione Sicilia e FEI Focus stage Seed, Start-up Start-up, expansion Seed, Start-up, expansion Seed Seed, Start-up, expansion Seed, Start-up, expansion Pre-seed, Seed Seed Start-up, expansion, buyout Focus geografico Lombardia Area del Mediterraneo (Egitto, Giordania, Marocco e Tunisia) Friuli Venezia Giulia, Veneto, Carinzia, Slovenia Emilia Romagna Emilia Romagna Sardegna Provincia di Catania Umbria Sicilia Innogest Capital 80 Innogest SGR Pubblico-Privato FEI Seed, Start-up Nord Ovest Principia II 63 Principia SGR Pubblico-Privato Fondo HT Sud promosso dal DIT Seed, Start-up Centro Sud 39

40 I limiti dei programmi regionali 1. Frammentazione territoriale dei programmi e perimetro d investimento ridotto Problemi di deal flow (scarsità di opportunità investibili) 2. Rapporto tra risorse pubbliche e risorse private non sempre paritario: le risorse pubbliche prevalgono 3. Soggetto gestore non indipendente dal soggetto pubblico e non selezionato con processo accurato e trasparente, eccetto il caso di Zernike Meta Venture Problemi di azzardo morale da parte del soggetto gestore Problemi legati alla professionalità del gestore e all indipendenza delle scelte di investimento 4. Assenza di obiettivi fissati ex ante Incapacità di valutare e premiare ex post i gestori più efficienti 40

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario?

IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario? IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario? Anna Florio Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano anna.florio@polimi.it Maggio 2003 1 IL FINANZIAMENTO

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Aiuto di Stato N 722/2009 - Italia (regione Lazio) Regime di aiuto a favore del capitale di rischio (Fondo di capitale di rischio POR I.

Aiuto di Stato N 722/2009 - Italia (regione Lazio) Regime di aiuto a favore del capitale di rischio (Fondo di capitale di rischio POR I. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles,1.9.2010 C(2010)6068 Oggetto: Aiuto di Stato N 722/2009 - Italia (regione Lazio) Regime di aiuto a favore del capitale di rischio (Fondo di capitale di rischio POR I.3 Lazio)

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli