I fabbisogni finanziari delle PMI e gli strumenti pubblici. Monica Rossolini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I fabbisogni finanziari delle PMI e gli strumenti pubblici. Monica Rossolini monica.rossolini@sdabocconi.it"

Transcript

1 I fabbisogni finanziari delle PMI e gli strumenti pubblici Monica Rossolini

2 Indice L accesso al credito delle PMI La struttura finanziaria delle PMI Il ruolo dell operatore pubblico Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Il supporto pubblico al capitale di rischio: il venture capital 2

3 L accesso al credito delle PMI Italia Fonte: OECD, Financing SMEs and Entrepreneurs 2014, An OECD scoreboard Europa Le PMI rappresentano il 99,8% delle aziende non finanziarie europee 86 milioni di occupati (2/3 dell intera forza lavoro) 80% della forza lavoro 3

4 L accesso al credito delle PMI Variazione percentuale annua dei prestiti alle imprese non finanziarie in Italia Fonte: OECD, Financing SMEs and Entrepreneurs 2014, An OECD scoreboard 4

5 L accesso al credito delle PMI Fonte: OECD, Financing SMEs and Entrepreneurs 2014, An OECD scoreboard 5

6 L accesso al credito delle PMI Fonte: Ferrando A., presentazione al Convegno ADEIMF febbraio 2014, Università Milano Bicocca. 6

7 L accesso al credito delle PMI L impatto delle caratteristiche dell azienda sulla difficoltà di accesso al credito. Fonte: Ferrando A., presentazione al Convegno ADEIMF febbraio 2014, Università Milano Bicocca, BCE 7

8 L accesso al credito delle PMI Aziende scoraggiate non fanno domanda per paura di essere rifiutate Aziende che richiedono credito ma vengono rifiutate in tutto o in parte Fonte: Ferrando, Rossolini (forthcoming), elaborazione dati SAFE BCE 8

9 La struttura finanziaria delle PMI Qual è il problema nell accesso al credito delle PMI? Asimmetria informativa (selezione avversa vs azzardo morale) Difficile valutazione da parte del finanziatore Lato domanda La crisi economica finanziaria ha acuito le difficoltà delle PMI Riduzione dei flussi di reddito Ritardi nei pagamenti Lato offerta Inasprimento dei requisiti di capitale delle banche Richiesta di garanzie (ma spesso anche questo non è sufficiente) Si aggravano le difficoltà nell accesso al credito 9

10 La struttura finanziaria delle PMI ITALIA PRESTITI B PRESTITI NB OBBLIGAZIONI 7.6 AZIONI 6.8 Il caso Italia è simile a Germania e Giappone, cioè ai casi di sistemi bank-oriented Fonte: Mishkin, Eakins, Forestieri,

11 LA STRUTTURA FINANZIARIA DELLE PMI 1. Il capitale di rischio è poco importante come fonte di fondi 2. In generale, i titoli negoziabili (azioni e obbligazioni) contano relativamente poco 3. le aziende si finanziano prevalentemente tramite circuiti indiretti, basati cioè sugli intermediari 4. In particolare le banche sono una delle fonti principali di finanziamento 5. solo le società di maggiore dimensione e reputazione possono finanziarsi sui mercati dei capitali. 6. Le garanzie reali sono una caratteristica ricorrente dei debiti bancari 7. il settore finanziario dei paesi sviluppati è fortemente regolamentato Costi di transazione e asimmetria informativa influenzano il funzionamento del sistema finanziario e la struttura finanziaria

12 La struttura finanziaria delle PMI Fonte: Mishkin, Eakins, Forestieri,

13 Il ruolo dell operatore pubblico Le risposte dei governi a partire dal 2011: -tutti aumentano gli schemi di garanzia -solo alcuni gli aiuti diretti Fonte: EIF,

14 Il ruolo dell operatore pubblico L uso di fonti alternative/complementari al credito da parte delle PMI 14

15 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia FCG è uno strumento di mitigazione del rischio di credito a sostegno delle PMI (instituito nel 96 ed attivo dal 2000) Concede Garanzie, tramite l intermediazione di banche e confidi, per imprese operanti in qualsiasi settore economico. L impresa che necessiti di un finanziamento finalizzato all attività imprenditoriale può chiedere alla banca di garantire l operazione con la garanzia pubblica L attivazione di questa garanzia è dal 2009 a rischio zero per la banca (ponderazione zero) che, in caso di insolvenza dell impresa, viene risarcita dal Fondo Centrale di garanzia e in caso di eventuale esaurimento di fondi di quest ultimo, direttamente dallo Stato. Le tre modalità di intervento del FCG sono: Garanzia Diretta: concessa direttamente alle banche e agli intermediari finanziari Controgaranzia: su operazioni di garanzia concesse da Confidi e altri fondi di garanzia Cogaranzia: concessa direttamente a favore dei soggetti finanziatori e congiuntamente ai Confidi ed altri fondi di garanzia ovvero a fondi di garanzia istituiti nell ambito dell EU o da essa cofinanziati

16 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Il numero di domande accolte è in continuo aumento 16

17 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Anno Finanziamento (milioni di euro) Garanzia (milioni di euro) ,90 206, ,50 288, ,10 356, ,80 474, ,90 495, ,40 508, ,50 763, , , , , , , ,100, , , , , , , ,30 Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 17

18 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Comitato di Gestione (21 membre MISE, MEF, Regioni, Associazioni di categoria, ABI ) Gestore (5 istituti bancari guidati da Mediocredito Centrale) Leasing & factoring companies Banche Confidi PMI 18

19 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Il Fondo Centrale di Garanzia è uno strumento efficace ed efficiente? Il tasso di default I fattori di rischio Economic additionality Financial additionality 19

20 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Il tasso di default dei prestiti garantiti dal FCG rispetto a quelli non garantiti A partire dal 2006 il rischio di default delle posizioni garantite dal FCG è maggiore rispetto alla media italiana. Perché? Possibile impatto di Basilea2 Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 20

21 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia I fattori di rischio dei prestiti garantiti dal FCG (analisi sul campione ) 1) Le caratteristiche delle aziende che RIDUCONO il rischio default Un aumento di ROA (aziende più profittevoli) Un aumento del Flusso di cassa (aziende più liquide) Un aumento della patrimonializzazione 2) Le caratteristiche del presito che AUMENTANO il rischio default La durata del finanziamento La percentuale della garanzia 3) Il tipo di intermediario (banca o confide) influenza il rischio default? Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 21

22 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia Economic additionality: il FCG è in grado di contribuire alla crescita dell impresa (e quindi generare anche un ritorno sociale)? La presenza della garanzia al tempo t genera un innalzamento del ROI (return on investment) al tempo t+1 e t+2 La presenza di un dipendente in più, genera un ulteriore incremento di ROI Quali indicazioni di policy? Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 22

23 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il caso del Fondo Centrale di Garanzia The financial additionality: il FCG è in grado di ridurre il costo dei prestiti? Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership 23

24 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. I confidi (consorzi fidi) sono delle istituzioni finanziarie che affiancano e supportano le PMI ai fini dell accesso al credito bancario Tipologia di attività confidi di I grado: svolgono attività di garanzia a favore degli istituti di credito confidi di II grado: svolgono attività di garanzia a favore dei confidi di I grado. Tipologia istituzionale Vigilati: appartengono a questa categoria i confidi con attività finanziaria maggiore di 75 milioni di euro. Sebbene questo gruppo rappresenti una piccola fetta del mercato in termini di numerosità, essi rappresentano la quasi totalità del mercato in termini di volume di garanzie Non vigilati: appartengono a questa categoria i confidi la cui dimensione non supera la soglia di 75 milioni di euro in termini di attività finanziaria

25 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. La garanzia dei confidi è rappresentata da un fondo al quale contribuiscono tutti i soci del consorzio. Le risorse dei confidi derivano da: Quote associative Commissioni applicate alle transazioni Contributi esterni (solitamente pubblici) a titolo di capitale o integrazione del fondo di garanzia agevolano il mantenimento dell equilibrio di bilancio dei confidi Il ricorso ai confidi come mezzo per canalizzare il sostegno finanziario pubblico (di Regioni, Province o sistema camerale) verso le PMI costituisce un tratto distintivo del sistema delle garanzie mutualistiche italiano.

26 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Le regioni supportano i confidi attraverso: Interventi di patrimonializzazione (12%) Contributi fondo rischi (26%) Fondi di cogaranzia e controgaranzia (62%) Contributo delle regioni a favore dei confidi dal 2008 al primo semestre 2010 (mln di euro) Area geografica Contributi a fondo rischi Interventi di patrimonializzazio ne Fondi di garanzia e controgaranzia totale Nord-Ovest 12,20 75,80 65,20 153,20 Nord-Est 100,20 18,20 140,25 258,65 Centro 19,37 11,70 76,00 107,07 Sud 101,31 6,00 259,62 366,93 Totale Italia 233,08 111,70 541,07 885,85 Fonte: Banca d Italia Fonte: Bocconi MP3, Monitor on Public Private Partnership

27 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Il mercato italiano delle garanzie rappresenta oltre il 40% del mercato europeo e in Italia vi è numero di confidi che è quasi quindici volte maggiore rispetto a quello degli operatori attivi, ad esempio, in Francia*. Infatti, il numero dei confidi italiani è elevatissimo: nel 2010 i confidi in Italia erano 577, contro i 20 della Germania e i 3 della Francia**. Se l evoluzione per spinta dal basso del mercato delle garanzie italiano ha avvicinato il sistema dei Confidi alle imprese; dall altro lato l eccessiva frammentazione (in media 27,5 confidi per regione***), generata dall assenza di regolamentazione (fino alle riforme ), ha ridotto le capacità di risk management e la possibilità di standardizzazione dei rapporti con le banche. * Fonte: AECM, dati aggiornati al ** Fonte: i Confidi in Italia, CC Torino 2010 ; in Francia SOCAMA ha 42 sedi dislocate sul territorio francese *** Fonte: i Confidi in Italia, CC Torino 2010

28 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Le principali criticità legate all elevata frammentazione: 1.prezzo: commissioni elevate dovute all inefficienza patrimoniale ed organizzativa dei confidi [effetto inefficienza > effetto concorrenza] 2.capacità di risk management: confidi piccoli hanno minore possibilità di diversificare il loro portafoglio di garanzie. 3.standardizzazione dei rapporti con le banche: confidi di maggiori dimensioni instaurano rapporti maggiormente strutturati con il mondo bancario e godono di un maggiore potere contrattuale

29 Il supporto pubblico all accesso al credito tramite le garanzie: il contributo delle Regioni attraverso i Confidi. Una maggiore dimensione consente Di sfruttare economie di scala nell attività di screening e monitoring. una più ampia diversificazione del rischio, accrescendo la possibilità di garantire imprese che, per caratteristiche settoriali e di localizzazione, hanno performance poco correlate con quelle delle imprese già garantite dal fondo. una maggiore dotazione patrimoniale, a parità di altre condizioni, non può che rendere più appetibile per le banche la garanzia dei confidi (Gai e Ross, 2009) La prossimità al territorio consente Maggiore e migliore screening (maggiore affidabilità del parere del confidi sul merito di credito delle imprese garantite) Maggiore effetto di peer-monitoring (le imprese associate si controllano l un l altre)

30 Ricavi Il supporto pubblico al capitale di rischio: il venture capital Funding Gap IPOs Fondi di Venture Capital Fondi di Private Equity Growth, Buyout Prestiti bancari, Debito mezzanino, Garanzie Business Angels Imprenditore, amici, famiglia, contributi pubblici a fondo perduto Pre-seed Seed Early stage Emerging growth Development Stadio di sviluppo 30

31 La struttura di un fondo di VC Società di Gestione (General Partner) Investitori (Limited Partners) Fondi pensione, Fondi Assicurativi, HNWIs, Family Offices, Fondazioni e Enti di Erogazione, Fondi di Fondi, Fondi Sovrani, Proprietà del fondo Gestione del fondo Management fees Fondo di Venture Capital Impresa 1 Impresa 2 Impresa 3 Portafoglio di investimenti del fondo 31

32 Il supporto pubblico al capitale di rischio: il venture capital Fattori hard Fattori soft Raccolta di capitale per finanziare investimenti rischiosi, non compatibili con le strutture di capitale di debito Miglioramento del rapporto debito / equity, con conseguente miglioramento del rating di credito Stimolo al cambiamento dei processi gestionali e di governance dell impresa in una prospettiva di maggiore trasparenza ed efficacia Coinvolgimento dell investitore nello sviluppo dell iniziativa imprenditoriale in una logica di mentoring (approccio handson) Inserimento dell imprenditore nel network di relazioni dell investitore Aumento di visibilità e reputazione per l accesso a nuovi mercati e lo sviluppo di nuove attività 32

33 Il mercato del Venture Capital in Europa Il VC rappresenta il 7,5% del totale del PE per fundraising in Europa nel 2013, di cui il 38% proviene da enti pubblici o pubblico-privati. Capitali raccolti nel PE, ( miliardi) Capitali raccolti nel VC per tipologia di investitore, ,6 80,5 18,9 21,8 41,6 24,6 53,6 2% 2% 11,4 5,8 18% 7% 3% 5% 58,6 64,8 5,1 3,4 9% 2% 4% 105 fondi VC lanciati nel % 44,9 26,9 3,4 2,6 3,3 13,4 16,7 1,3 10,8 3,6 4,4 8,3 6,3 1,1 2,6 0,5 1,2 3,7 3,2 5,2 3,9 4, Venture Capital Growth Capital Buyout Altri (2) Istituzioni accademiche Investitori corporate Family offices Enti pubblici Altri asset manager Individui privati (HNWIs) 38% Banche Enti di erogazione e fondazioni Fondi di fondi Compagnie assicurative Fondi pensione Fondi sovrani Fonte: EVCA Yearbook

34 Il mercato del Venture Capital in Italia Il mercato del PE in Italia è di piccole dimensioni, rappresentando lo 0,9% del mercato europeo per capitali raccolti. Gli investimenti nel segmento VC sono solo lo 0,004% del PIL generato nel paese. Investimenti nel VC in % sul PIL, 2013 Numero e AuM ( milioni) delle società di PE in Italia, 2013 Finlandia 0,067% Irlanda Francia 0,033% 0,066% Danimarca Olanda 0,032% 0,032% 95 SGR UK Germania Media Europa 0,029% 0,026% 0,024% Belgio Norvegia 0,023% 0,018% milioni Spagna 0,010% Europa dell'est 0,005% Italia 0,004% Grecia 0,003% Società di Venture Capital Società di Buyout Società generaliste Fonte: EVCA Yearbook 2013 ; AIFI Il Mercato Italiano del Private Equity e Venture Capital nel

35 Ragioni del supporto pubblico al VC 1. Presenza di fallimenti di mercato 2. Capacità del VC di catalizzare l innovazione I rischi connessi al finanziamento di iniziative imprenditoriali in fase seed e early stage è molto alto, così come i costi di valutazione e monitoraggio dell investimento, perciò gli investitori sono riluttanti ad investire e le PMI, quelle nel settore high tech, incontrano difficoltà nell accesso ai finanziamenti (Karsai, 2003; HM Treasury, 2003; Mason, 2009) Il VC è largamente riconosciuto come uno strumento di finanziamento in grado di promuovere l innovazione, stimolare la nascita di nuove imprese e la capitalizzazione delle attività di ricerca e sviluppo (Florida & Kenney, 1988; Hood, 2000; Kortum & Lerner, 2000; Lerner & Watson, 2008). 3. Promozione della coesione economica e sociale La riduzione del gap finanziario per le PMI, in particolare le nuove iniziative imprenditoriali, è un elemento essenziale per accrescere il livello di competitività e di coesione di un territorio (Florida & Kenney, 1988; Harrison & Mason, 2000) Allo stesso tempo, l intervento pubblico nel mercato del Venture Capital ha sollevato numerose critiche: Effetto crowding-out spiazzamento dei privati (Gilson, 2002; Leleux et al., 1998; O'Shea, 1996) Le decisioni di investimento possono subire l influenza della politica conducendo a un allocazione inappropriata delle risorse (Florida & Smith, 1993; Leleux et al., 1998) Mancanza di competenze e di esperienza da parte dei manager pubblici (Martin & Scott, 2000) 35

36 Tipologie di interventi pubblici nel VC Misure dal lato della domanda Misure dal lato dell offerta Interventi diretti Incubatori d impresa pubblici Fondi di Venture Capital sponsorizzati da enti pubblici Finanziamento pubblico attraverso debito / debito mezzanino di fondi di Venture Capital Interventi indiretti Incentivi alla creazione di un ecosistema fertile Incentivi fiscali per le start-up Schemi di down-side protection Schemi di upside leverage Schemi di exit Incentivi fiscali Garanzie Business angels network 36

37 Programmi pubblici per il VC: esperienze internazionali Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) Area geografica: Europa Anno di inizio: 1994 Meccanismi di funzionamento: Fondo di fondi con meccanismo pari passu Dimensione del programma: finanziati più di 350 fondi e imprese; 3,3 miliardi investiti che hanno attratto ulteriori 11,7 miliardi da investitori privati 37

38 Europa FEI BEI Commissione Europea Altri intermediari Il FEI è una partnership pubblicoprivata i cui azionisti sono: Banca Europea per gli Investimenti (65,6%), Commissione Europea (24,3%) e altri 26 intermediari finanziari (10,1%). I soci in Italia del FEI sono Cassa Depositi e Prestiti e Intesa Sanpaolo. FEI Investitori privati Fondo VC Fondo VC Investitori privati Fondo VC Il FEI è organizzato come fondo di fondi: co-investe insieme agli investitori privati come cornerstone investor, ovvero non fornisce mai più del 50% del totale dei fondi Impresa Impresa Impresa Impresa Impresa Impresa Il FEI investe secondo la clausola del pari passu: tutti gli investitori sono soggetti agli stessi termini, stesso grado di rischio e di ritorni; no subordinazione 38

39 Programmi pubblici per il VC: esperienze a livello regionale Nome del fondo AuM ( mln) Next 37 Euromed 50 Gestore Finlombarda gestioni SGR Finlombarda gestioni SGR Natura del gestore Regionale Regionale Investitori pubblici Finlombarda, con garanzia di Reg. Lombardia Regione Lombardia AIAdInn 28,6 Friulia SGR Regionale Friulia Spa Ingenium Emilia Romagna I Ingenium Emilia Romagna II Ingenium Sardegna 8, Ingenium Catania 4 Ingenium Umbria 5 Cape Regione Siciliana 52 Zernike Meta Vetures Spa Zernike Meta Vetures Zernike Meta Vetures Zernike Meta Vetures Zernike Meta Vetures Cape Regione Siciliana SGR Privato Privato Privato Privato Privato Pubblico-Privato Regione Emilia Romagna Regione Emilia Romagna Regione Sardegna Provincia di Catania Regone Umbria attraverso AtiPrisma2 Regione Sicilia e FEI Focus stage Seed, Start-up Start-up, expansion Seed, Start-up, expansion Seed Seed, Start-up, expansion Seed, Start-up, expansion Pre-seed, Seed Seed Start-up, expansion, buyout Focus geografico Lombardia Area del Mediterraneo (Egitto, Giordania, Marocco e Tunisia) Friuli Venezia Giulia, Veneto, Carinzia, Slovenia Emilia Romagna Emilia Romagna Sardegna Provincia di Catania Umbria Sicilia Innogest Capital 80 Innogest SGR Pubblico-Privato FEI Seed, Start-up Nord Ovest Principia II 63 Principia SGR Pubblico-Privato Fondo HT Sud promosso dal DIT Seed, Start-up Centro Sud 39

40 I limiti dei programmi regionali 1. Frammentazione territoriale dei programmi e perimetro d investimento ridotto Problemi di deal flow (scarsità di opportunità investibili) 2. Rapporto tra risorse pubbliche e risorse private non sempre paritario: le risorse pubbliche prevalgono 3. Soggetto gestore non indipendente dal soggetto pubblico e non selezionato con processo accurato e trasparente, eccetto il caso di Zernike Meta Venture Problemi di azzardo morale da parte del soggetto gestore Problemi legati alla professionalità del gestore e all indipendenza delle scelte di investimento 4. Assenza di obiettivi fissati ex ante Incapacità di valutare e premiare ex post i gestori più efficienti 40

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Elisabetta Gualandri Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli studi di Modena

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

Banche e imprese italiane nel credit crunch

Banche e imprese italiane nel credit crunch Convegno Una finanza per la crescita in collaborazione con CO.MO.I Group 12 giugno 2013, Milano Banche e imprese italiane nel credit crunch Angelo Baglioni Università Cattolica e REF Ricerche www.refricerche.it

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011. Lorenzo Franchini www.italianangels.net

Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011. Lorenzo Franchini www.italianangels.net Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011 Lorenzo Franchini www.italianangels.net Tipologia di finanziamenti Friends & Family: 30k-100k; Seed Capital Angel

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Credito, Intermediazione Finanziaria: oltre il credito ordinario

Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Credito, Intermediazione Finanziaria: oltre il credito ordinario Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Credito, Intermediazione Finanziaria: oltre il credito ordinario IL MERCATO ITALIANO DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL Anna Gervasoni Direttore

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011 AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI Lecco, 23 marzo 2011 Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Agenda Il mercato

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Finanziamento e politiche per l innovazione

Finanziamento e politiche per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Finanziamento e politiche per l innovazione Banca d Italia, Sede di Genova 19 Novembre 2013 Le politiche per l innovazione: motivazione economica Tipologia ed effetti

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

AIFI. Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI

AIFI. Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI AIFI Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Milano, 31 maggio

Dettagli

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola Finanziare l innovazione in Italia Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola 25 settembre 2015 Innovazione in Italia IUS 2015 L Italia è definito come innovatore moderato dal report dell Innovation Union Scoreboard

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

AIFI. Una finanza per la crescita delle imprese. Le imprese di PE e VC in Italia e le misure per incoraggiarne lo sviluppo.

AIFI. Una finanza per la crescita delle imprese. Le imprese di PE e VC in Italia e le misure per incoraggiarne lo sviluppo. AIFI Una finanza per la crescita delle imprese Le imprese di PE e VC in Italia e le misure per incoraggiarne lo sviluppo Anna Gervasoni 22 febbraio 2013 Il peso del private equity sul PIL a livello internazionale

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ Aprile 2006 Il seed & early stage capital Definizione: il seed & early stage capital rappresenta l investimento effettuato nella

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 Massimo G. Colombo Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Le gazzelle high-tech Le gazzelle

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Il Finanziamento delle PMI alternativo al Credito Bancario Università degli studi di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli Agostino Baiocco

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Tre messaggi di fondo 1. La crescita del Private Equity in Europa è motivata dal potenziale

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione. Fondo Europeo per gli Investimenti

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione. Fondo Europeo per gli Investimenti I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione Fondo Europeo per gli Investimenti Il Fondo Europeo per gli Investimenti Il FEI è un istituzione leader nel finanziamento a sostegno della

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Gabriele Cappellini Milano, 18 ottobre 2011 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita patrimoniale

Dettagli

Imprenditorialità e Venture Capital: Prove Tecniche di Successo per il Mercato Italiano

Imprenditorialità e Venture Capital: Prove Tecniche di Successo per il Mercato Italiano Imprenditorialità e Venture Capital: Prove Tecniche di Successo per il Mercato Italiano Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Agenda Premessa Alcuni dati sul mercato italiano

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La banca dei progetti europei

BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La banca dei progetti europei BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La banca dei progetti europei II^ GIORNATA DELLE RETI D IMPRESA Roma, 10 gennaio 2013 Anna Fusari La (BEI) La banca per i finanziamenti a lungo termine a sostegno dei

Dettagli

Per favorire l insediamento dei giovani in agricoltura ISMEA ha messo a punto una serie di strumenti finanziari finalizzati:

Per favorire l insediamento dei giovani in agricoltura ISMEA ha messo a punto una serie di strumenti finanziari finalizzati: Audizione Senato della Repubblica Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Testo Unificato per i disegni di legge nn. 2674, 2710, 2919 e 3043 «imprenditoria giovanile in agricoltura» Roma, 26

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

Finanziare la ricerca: la partnership pubblico-privata Alberto Trombetta Finlombarda Gestioni SGR SpA Roma, 11 luglio 2005

Finanziare la ricerca: la partnership pubblico-privata Alberto Trombetta Finlombarda Gestioni SGR SpA Roma, 11 luglio 2005 FINLOMBARDAGESTIONI società di gestione del risparmio Finanziare la ricerca: la partnership pubblico-privata Alberto Trombetta Finlombarda Gestioni SGR SpA Roma, 11 luglio 2005 Forte crescita degli aiuti

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital MONTEFELTRO START-UP Finanziare l impresa innovativa Il ruolo del venture capital nel supporto alle imprese innovative Giovanni Fusaro Ufficio

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane Finanza per la crescita IPO Day, Borsa Italiana, Milano - 26 Settembre 2014 Silvia Magri, Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Outline

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

IL SISTEMA DIGARANZIA IN FRANCIA E LE POLITICHE DI SVILUPPO DEL TERRITORIO. Lecco, 16 febbraio 2011

IL SISTEMA DIGARANZIA IN FRANCIA E LE POLITICHE DI SVILUPPO DEL TERRITORIO. Lecco, 16 febbraio 2011 IL SISTEMA DIGARANZIA IN FRANCIA E LE POLITICHE DI SVILUPPO DEL TERRITORIO Lecco, 16 febbraio 2011 Agenda Premessa e Obiettivi Il Sistema di Garanzia in Francia Origini e modelli operativi Struttura del

Dettagli

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Quasi un

Dettagli

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Sondrio, 14 giugno 2013 11ª Giornata dell Economia Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Roberto Calugi Consorzio camerale per il credito e la finanza Camera di Commercio

Dettagli

Il finanziamento delle Pmi: nuove soluzioni per un vecchio problema

Il finanziamento delle Pmi: nuove soluzioni per un vecchio problema Il finanziamento delle Pmi: nuove soluzioni per un vecchio problema Intervento di Mario Comana Ordinario di Economia degli intermediari finanziari, LUISS Guido Carli, Roma Scaletta La difficoltà di accesso

Dettagli

GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI. Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010

GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI. Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010 GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010 PRINCIPALI CONTENUTI 1. Quadro della situazione attuale in Italia 2. Accordo ABI-BIT Punti principali

Dettagli

AIFI. Il mercato del private equity e venture capital. Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI

AIFI. Il mercato del private equity e venture capital. Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI AIFI Il mercato del private equity e venture capital Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI Milano, 18 novembre 2015 Il ruolo di AIFI AIFI, Associazione Italiana del

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Il sostegno della BEI e del FEI alle imprese Anna Fusari 26 settembre 2013 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Misure per il credito alle PMI

Misure per il credito alle PMI Misure per il credito alle Fondo Italiano di Rafforzamento patrimoniale delle Investimento (MEF -SGR) attraverso l ingresso nel capitale da parte del Fondo. Obiettivo: sostenere aziende con piani di sviluppo

Dettagli

Dall idea all impresa

Dall idea all impresa Dall idea all impresa Gli ingredienti per il successo di una start up innovativa Bologna, 27 gennaio 2010 Agenda del pomeriggio Impresa innovativa e gli ingredienti per il successo di mercato. Il Team

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

L ESEMPIO ITALIANO DELLE GARANZIE PER LE PMI: IL SISTEMA DEI CONFIDI. Leonardo Nafissi Palermo, 20 giugno 2014

L ESEMPIO ITALIANO DELLE GARANZIE PER LE PMI: IL SISTEMA DEI CONFIDI. Leonardo Nafissi Palermo, 20 giugno 2014 L ESEMPIO ITALIANO DELLE GARANZIE PER LE PMI: IL SISTEMA DEI CONFIDI Leonardo Nafissi Palermo, 20 giugno 2014 I Confidi: chi sono ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO I Confidi: soggetti al fianco delle imprese

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli. Roma Novembre 2005

L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli. Roma Novembre 2005 L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli Roma Novembre 2005 Indice Le PMI: l asse portante dell economia italiana Vincoli finanziari per le PMI Il Mercato Europeo dei CDO Il ruolo del settore

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Napoli, 25 febbraio 2015 1 INTERESSE PER IL PRIVATE EQUITY Nell ultimo ventennio

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Nuove opportunita di crescita per le imprese orientate all innovazione Le linee di credito dedicate alle PMI e alle Midcap Anna Fusari 17 luglio 2013

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

RICERCA ANNUALE PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013

RICERCA ANNUALE PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013 RICERCA ANNUALE PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013 CONTESTO EUROPEO DI RIFERIMENTO L INCIDENZA DEI CONFIDI ITALIANI NEL CONTESTO EUROPEO Imprese socie Garanzie

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE Direzione Generale Lotta alla Contraffazione

Dettagli

Piano Industriale Gruppo CDP 2020

Piano Industriale Gruppo CDP 2020 RISERVATO E CONFIDENZIALE Piano Industriale Gruppo CDP 2020 Linee guida strategiche Conferenza stampa Roma, 17 Dicembre 2015 CDP: 165 anni di storia 18 Novembre 1850: nasce la Cassa Depositi e Prestiti

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

Confidi e politiche pubbliche, il ruolo decisivo dell analisi

Confidi e politiche pubbliche, il ruolo decisivo dell analisi I Confidi in Italia Rapporto 2014 dell Osservatorio permanente sui Confidi del Comitato Torino Finanza Confidi e politiche pubbliche, il ruolo decisivo dell analisi Salvatore Vescina Nucleo di Valutazione

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

I numeri del 2014. Investimenti. Raccolta

I numeri del 2014. Investimenti. Raccolta I numeri del 2014 Raccolta Totale: 1.477 mln Euro (-64% rispetto al 2013) Indipendente: 1.348 mln Euro (+116% rispetto al 2013) 15 operatori Investimenti 3.528 mln Euro (+3% rispetto al 2013) 311 operazioni

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONFIDI IN ITALIA

IL SISTEMA DEI CONFIDI IN ITALIA Convegno Dedagroup IL SISTEMA DEI CONFIDI IN ITALIA Giuseppe Villa Assoconfidi - Italia Milano, 18 novembre 2014 L ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO Il sistema dei Confidi in Italia e nel contesto europeo

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa prof. Stefano Caselli Università Bocconi Brescia, 10 ottobre 2006 Prof. Stefano Caselli - 10 ottobre 2006 1 I temi in agenda L inevitabile

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè 21 Ottobre 2014 Gli attori della finanza Andrea Nascè Argomenti Classificazione degli attori e mappa ideale degli attori Focus su: 1. L investimento ad opera dei 2. Il finanziamento ad opera delle IMPRESE

Dettagli

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Roma, 29 ottobre 27 Carlo Milani Centro Studi e Ricerche Ordine della presentazione 1. Prime evidenze

Dettagli

Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche. * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese

Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche. * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese Seminario Il Fondo di Garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche * * * La garanzia dello Stato Un opportunità per le imprese Francesca Brunori Confindustria Area Fisco, Finanza e Welfare

Dettagli

JEREMIE Settembre 2006

JEREMIE Settembre 2006 JEREMIE Settembre 2006 Presentazione Il Il FEI e le le politiche dell Unione Europea JEREMIE Conclusione 2 Il Fondo Europeo per gli Investimenti Creato nel 1994, il FEI fa parte del gruppo BEI ed è l istituzione

Dettagli

Il Tesoriere d Impresa in un contesto di crisi

Il Tesoriere d Impresa in un contesto di crisi La misurazione dei costi bancari e del cash management Milano, Assolombarda, Sala Falck, 29 giugno 2010 Il Tesoriere d Impresa in un contesto di crisi Cesare Conti* * Università Bocconi, Dipartimento di

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE La BEI per le Piccole e Medie Imprese Anna Fusari 25 novembre 2013 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo termine

Dettagli

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 11 luglio 2014 Il contesto

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INNOVAZIONE NEL TERZO SETTORE, UNA SFIDA POSSIBILE La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale Davide Dal Maso Milano, 10 aprile 2014

Dettagli