Lavorare in Brasile. Reazioni alla crisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavorare in Brasile. Reazioni alla crisi"

Transcript

1 Lavorare in Brasie. Reazioni aa crisi Professore associato, Universidade Estadua de Londrina, Paraná, Brasie Senior Economist, Department of Economic Poicy and Debt, Word Bank, Washington, DC di Soange de Cássia Inforzato de Souza e Avaro Manoe Crescita economica ne primo decennio de 2000 Le trasformazioni de economia brasiiana ne utimo decennio, in particoare nea seconda metà, hanno avuto ripercussioni sue condizioni di vita e di avoro dea popoazione de Paese, quai a riduzione dea diseguagianza ne reddito pro capite, aumento de reddito dei ceti meno abbienti, a crescita dea casse media e a ripresa de mercato de avoro. Questo rivea come essa sia stata soo parziamente interessata daa grave crisi internazionae che ha copito e economie de mondo intero ne utimo triennio. 109 L attuazione, ne Paese, di una poitica macroeconomica interna incentrata su un obiettivo programmato di infazione, sua otta a evasione fiscae e su cambio variabie da 1999, su trasferimento condizionato di risorse a partire da 2003 ( Programma Borsa Famigia ; Programa Bosa Famíia), sua poitica de saario minimo garantito 1 e sua regoarizzazione de avoro, potenziata da un interscambio con estero reso favorevoe da aumento dee esportazioni e da migioramento dea biancia commerciae fino a 2008, ha messo ampiamente in uce importanza de primo decennio de 2000 per a società brasiiana. Prima de 2000 a crescita è avvenuta in maniera discontinua, per poi registrare un acceerazione dopo i I principai aspetti sociai indicati dagi anaisti possono essere così riassunti: maggior accesso ai beni durevoi da parte di famigie dotate di scarso potere d acquisto, con trend positivo fino a 2008, aumento de saario minimo e dea capacità di credito, agevoazione ne accesso a credito a consumo da parte dee famigie meno abbienti. La congiuntura internazionae favorevoe ha reso possibie a crescita dee esportazioni, con consistenti avanzi dea biancia commerciae e affusso di capitai da estero, i che ha permesso aumento de consumo interno senza un importante riduzione dei tassi di risparmio interno. La crescita dee esportazioni ha riguardato sia e tradizionai commodities (beni primari), sia i prodotti manifatturieri, come mostra a tabea 1. I nuovi segmenti di mercato resi disponibii da ascesa dea casse C 2, o casse media brasiiana, hanno favorito o sviuppo di quei settori, in particoare industriai, che si erano sempre mostrati in difficotà di fronte aa concorrenza estera e aa necessità di ristrutturarsi a fine di migiorare a propria competitività. Tuttavia, mentre economia riprendeva i proprio cico di crescita, e difficotà create daa

2 110 Lavorare in Brasie. Reazioni aa crisi Tabea 1 - Esportazioni brasiiane in dati aggregati: Anni Materie prime Prodotti manifatturieri Esportazioni totai Vaore (US$ miioni) annuae Partecipazione in totae Vaore (US$ miioni) annuae Partecipazione in totae Vaore (US$ miioni) annuae Totae ,9 29, ,6 54, , ,1 32, ,9 52, , ,5 36, ,4 46, , ,2 40, , , * ,6 44, ,8 39, ,6 100 *riferito a gennaio-settembre 2010 Fonte: Ministero deo Sviuppo, de Industria e de Commercio Estero-MDIC-SECEX. Brasie (2010) crisi finanziaria internazionae dea metà de 2008 hanno fatto vaciare i risutati economici e de mercato de avoro ne 2009, sebbene in misura minore rispetto a quanto si temeva a inizio dea crisi stessa. Impatti su mercato de avoro e sue condizioni di vita Quai sono stati i principai impatti dea crisi finanziaria in Brasie? Gi indici di occupazione e disoccupazione, nonché a produzione e impiego ne settore de industria, hanno registrato una fessione, mentre sono andati configurandosi atri eementi positivi quai i trend di crescita dea produttività media de avoro e i tasso di impiego regoare, otre aa continua diminuzione dea diseguagianza ne reddito e dea povertà ne Paese. La etteratura speciaistica sottoinea i ruoo dei mutamenti ne mercato de avoro e deo sviuppo di reti di protezione sociae ne migioramento dei principai indicatori di vita in Brasie, nonché nea diminuzione dea disparità di reddito e dea povertà, dovuta in particoare a significativo aumento de reddito pro capite dei ceti meno abbienti registrato ne primo decennio de I comportamento dee variabii demografiche evidenzia a diminuzione dea fecondità e aumento dea speranza di vita dea popoazione e dea ongevità, a cui interazione ha portato a un aumento dea popoazione anziana rispetto agi atri gruppi. Un risutato cui hanno contribuito e poitiche sociai attuate ne ambito de assistenza sociae, tra cui: i Beneficio di Prestazione Continuativa (Benefício de Prestação Continuada; BPC), istituito ne 1993 daa Legge Organica de Assistenza Sociae (Lei Orgânica da Assistência Socia; LOAS), destinato agi over 65 e ai portatori di handicap inabii a avoro con reddito famiiare pro capite inferiore a ¼ de saario minimo (tra i 1997 e i 2003 i numero di Benefici di Prestazione Continuativa è aumentato de 648.); a Poitica Nazionae de Anziano (Poítica Naciona do Idoso; PNI) approvata ne 1994 con intento di garantire a anziano i diritti sociai; a Poitica Nazionae di Saute de Anziano (Poítica Naciona de Saúde do Idoso), messa a punto da Ministero dea Saute ne 1999, che ne 2003 ha determinato una serie di misure preventive nonché ampiato assistenza medica e o Statuto de Anziano.

3 Paraeamente, nea seconda metà degi anni Novanta ne Paese sono state appicate atre poitiche di trasferimento di risorse, e più recentemente, ne primo decennio de 2000, si sono intensificate e poitiche di trasferimento condizionato di risorse 4, tra cui si distingue i Programma Borsa Famiia. Quest utimo è rivoto ae persone che vivono con un reddito pro capite inferiore aa sogia di povertà (metà de saario minimo) e ne 2008 ne hanno beneficiato 10,5 miioni di famigie, secondo i dati de Ministero deo Sviuppo Sociae. Mercato de avoro e mutamenti strutturai: terziarizzazione ed esternaizzazione Da un atro punto vista, si sono evidenziati mutamenti positivi ne mercato de avoro, in particoare a forte crescita de tasso di partecipazione sia de occupazione totae sia de avoro saariato regoare, che ha contribuito a mantenere i tasso di disoccupazione ne decennio in questione a di sotto de 10 annuo. Si è manifestata a tendenza aa terziarizzazione (crescita de settore dei servizi in misura superiore rispetto agi atri settori de economia) e a esternaizzazione (outsourcing) de avoro, riscontrabie ne aumento dea manodopera femminie su mercato de avoro, nea migrazione di avoratori da industria a terziario (commercio e servizi) e nei recenti mutamenti de mondo de avoro, derivanti dai processi gobai di riorganizzazione dea produzione e ristrutturazione de organizzazione aziendae. Accanto aa terziarizzazione e a esternaizzazione, si è registrata una crescita de occupazione ne industria fino a 2008, a fronte dea diminuzione registrata ne periodo A metà de 2008, tuttavia, mentre economia brasiiana era in piena espansione e i mercato de avoro si trovava in una fase di reazione aa propria disorganizzazione iniziata già negi anni Novanta, si è manifestata a crisi economico-finanziaria internazionae. Gi effetti più pesanti si sono concentrati ne industria manifatturiera; quindi, di fronte a generaizzato cao di fiducia e aa crisi internazionae, i settore industriae ha ridotto i ivei di produzione e di impiego. Accanto ai fattori interni determinati da venir meno dee aspettative e dae restrizioni a credito privato, nonché da cao de commercio mondiae, si sono formati i canai di trasmissione dea crisi che, secondo anaisi pubbicata ne febbraio 2009 da IPEA, Istituto di Ricerche Economiche (Insituto de Pesquisa Econômicas) coegato a Ministero dea Pianificazione, hanno provocato i suddetto cao di produttività de settore industriae. Come risutato di tai tendenze, tra a fine de 2008 e inizio de 2009 sono aumentati i tassi di disoccupazione ed è diminuito i tasso di utiizzo dea capacità produttiva. I Rapporto Mensie su Industria (Pesquisa Industria Mensa)-IBGE-FIESP-CNI 5 ha reso noto i cao de PIL industriae (-4,5 ne 2009) e de tasso di utiizzo dea capacità produttiva (che ne agosto 2008 era de 84,6, mentre ne dicembre 2008 e 2009 è stato rispettivamente de 77,7 e de 79,6). Sua scorta di atri Paesi, a partire da dicembre 2008, i Governo brasiiano ha quindi adottato acune misure a carattere anticicico vote principamente a contrastare i cao nea domanda aggregata determinata da settore privato. Tra queste si distinguono in particoare e seguenti:

4 riduzione de IPI (Imposta sui Prodotti Industriaizzati) per prodotti come e automobii e gi eettrodomestici; ampiamento dee inee di credito per i mercato de auto usata; 112 Lavorare in Brasie. Reazioni aa crisi mantenimento degi investimenti, principamente nee infrastrutture, previsti ne ambito de Programma di Acceerazione dea Crescita (Programa de Aceeração do Crescimento, PAC) de governo federae. Inotre i governo ha introdotto o potenziato misure di carattere sociae che hanno contribuito a sostenere a domanda e gi investimenti nazionai, soprattutto ne settore edie, nonostante a crisi internazionae. Tra e principai si distinguono: adeguamento de saario minimo e de Programma Borsa Famiia (PBF) ampiamento de Programma assicurazione-disoccupazione (Programa seguro-desemprego) [Si tratta di una somma corrisposta mensimente dao Stato ai disoccupati, ndt] i pacchetto immobiiare. I pacchetto immobiiare ha portato a migioramento dee condizioni di credito (crescita in termini di voume e di tassi di finanziamento immobiiare per persone fisiche e persone giuridiche), a esenzione da IPI per i materiai edii e i programmi abitativi, sia per i sistema di mercato sia per quei di interesse sociae, come risuta evidente da Programma Abitativo Popoare Casa Mia Vita Mia (Programa Habitaciona Popuar Minha Casa Minha Vida), i cui obiettivo è di rispondere ae necessità abitative dea popoazione a basso reddito nee aree urbane 6. La maggiore ripercussione che a crisi internazionae ha avuto su Brasie è stata interruzione dea crescita economica e arresto deo sviuppo dea situazione sociae e de mercato de avoro ne primo trimestre de Dopo di che si è entamente ritornati aa normaità, dimostrando così che a crisi è stata meno forte e meno unga di quanto non si prevedesse. Come è accaduto in atri Paesi emergenti, quai a Cina e India, economia brasiiana si è quindi dimostrata più resistente de previsto a impatto dea crisi internazionae, registrando una diminuzione de prodotto nazionae ordo e un aumento dea disoccupazione sensibimente minore che in atri Paesi. L impiego regoare come obiettivo cui tende i mercato de avoro ha seguito i trend di crescita de decennio. I dati forniti da PME (Pesquisa Mensa do Emprego- IBGE; Rapporto Mensie su Lavoro-IBGE) riveano che tra gennaio e settembre 2010 quasi i 50 dea popoazione occupata nee regioni metropoitane de Paese aveva un impiego regoare, contro i 47 de Una reatà confermata dai microdati forniti daa PNAD (Pesquisa Naciona por Amostra de Domicíios-IBGE, Indagine Nazionae per Campione di Domicii-IBGE). Ne 2009 i avoratori con carteira de trabaho ( portafogio di avoro, un indice di regoarizzazione dei rapporti di avoro) [Documento obbigatorio per chiunque presti un servizio professionae in Brasie. Istituito ne 1932 e reso obbigatorio da Vargas ne 1934, garantisce acuni diritti fondamentai a avoratore, quai i seguro-desemprego, a previdenza sociae, etc., ndt] rappresentavano i 39 dea totaità degi occupati ne Paese,

5 L economia brasiiana si è quindi dimostrata più resistente de previsto a impatto dea crisi internazionae, registrando una diminuzione de prodotto nazionae ordo e un aumento dea disoccupazione sensibimente minore che in atri Paesi. contro i 38 ne La richiesta di manodopera è rimasta concentrata nee fasce di età più avanzate (otre i 40 anni) e maggiormente scoarizzate (più di 8 anni di studio). In particoare, si è assistito a cao de tasso di crescita de occupazione ne periodo , a fronte dea sua crescita media de decennio considerato nea sua totaità, stando ai dati forniti da Rapporto Mensie su Lavoro. I settori più copiti in termini di riduzione dei posti di avoro sono stati industria, i trasporti e i servizi coettivi. Quei che ne hanno risentito meno sono stati i servizi per i mercato interno e a pubbica amministrazione. Ne 2009 è aumentato anche un atro indicatore sintetico de mercato de avoro, i tasso di disoccupazione, sebbene ne 2010 si sia registrata una ripresa. Di particoare rievanza sono gi indicatori che, secondo i Rapporto Mensie su Lavoro, hanno continuato a registrare un andamento favorevoe negi anni , dai quai si nota a ripresa de mercato de avoro e dea situazione sociae de Paese: ne 2009 a produttività media reae dei avoratori ha mantenuto i trend di crescita iniziato ne Dopo i cao dea produttività media reae de avoro fino a 2004, è infatti iniziato un periodo di ripresa che ha portato a una crescita de 12,2 ne primo decennio de 2000 considerato ne suo insieme ( ) e a un incremento de 2,5 tra i 2008 e i Secondo i DIEESE, i Dipartimento Intersindacae di Statistica e Studi Socio-Economici (Departamento Intersindica de Estatística e Estudos Sócio-Econômicos), i saario minimo si è apprezzato fino a 2010 e da ugio 1994 a dicembre 2008 ha conseguito un aumento reae di vaore de 99. Da 2003 a 2009 i saario minimo ha conseguito un aumento reae di vaore de 54; in particoare, ne 2008, 2009 e 2010 ha avuto un vaore nominae di R$415,00, R$465,00 e R$510,00, con un incremento reae rispettivamente de 4, 5,8 e 6. Infine si è tornati a registrare un cao dea povertà e dea diseguagianza ne reddito, con un migioramento ne posizionamento ne ranking de Indice di Sviuppo Umano pubbicato da UNDP [United nations Deveopment Programme]. La tabea 2 riassume tutte queste informazioni. Si nota, tuttavia, che i Brasie è oggi una nazione disomogenea: nonostante indice di Gini mostri a riduzione dea disegua- 113 Tabea 2 - Indicatori di povertà, diseguagianza di reddito e sviuppo umano. Brasie Estrema Povertà ( pop)* 15,28 13,99 15,20 13,20 11,49 9,44 8,65 7,57 7,28 Povertà ( pop)** 35,17 34,40 35,79 33,70 30,82 26,75 24,24 22,59 21,42 Indice di Gini 0,596 0,589 0,583 0,572 0,569 0,563 0,556 0,548 0,543 IDH - nd 0,788 0,792 0,800 0,808 0, Pos. ne Ranking de IDH 63º 68º 69 70º 75º 75º 73º Fonte: IPEA-DATA e UNDP Note: *Percentuae di persone nea popoazione compessiva con reddito famiare compessivo pro capite inferiore aa sogia di estrema povertà (o indigenza, o miseria). La sogia di estrema povertà è una stima de vaore di un paniere di aimenti che forniscano i minimo di caorie necessarie per sopperire a fabbisogno aimentare di una persona, sua base dee raccomandazioni dea FAO e dea OMS. **Percentuae di persone nea popoazione compessiva con reddito famiiare pro capite inferiore aa sogia di povertà. La sogia di povertà è i doppio dea sogia di estrema povertà.

6 gianza di reddito dopo i 2001, si trova in una situazione peggiore degi atri Paesi atino-americani come i Messico, Uruguay o i Venezuea, e moto distante dai Paesi de OCSE, Organizzazione per a Cooperazione e o Sviuppo Economico. 114 Lavorare in Brasie. Reazioni aa crisi Permanere di criticità nea crescita economica sostenuta Di fronte a tutto ciò, bisogna considerare che e trasformazioni economiche, sociai e avorative sono state moto significative e che i Paese ha dato risposte positive ne fronteggiare a crisi internazionae; per contro, permangono notevoi criticità ne economia brasiiana. In primo uogo, a poitica economica brasiiana si è sostenuta con ati tassi di interesse interni (tasso Banca Centrae de Brasie SELIC) per far fronte a urgenza di finanziamento de settore pubbico. Dati forniti daa Banca Centrae de Brasie riveano che o stock de debito de settore pubbico (DLSP, Dívida Líquida do Sector Púbico) ha raggiunto R$ 1,41 triioni ne agosto de 2010, pari a 41,4 de PIL, contro i 36 de I principae risutato de governo, da punto di vista de NFSP (Necessidade de Financiamento do Sector Púbico, fabbisogno di finanziamento de settore pubbico), è stato a riduzione de surpus a 2,1 de PIL contro i 5,2 vaori conseguiti ne periodo gennaio-agosto 2008 e gennaio-agosto Neo stesso periodo, i deficit, che rappresentava o 0,9 de PIL, è passato a 3,3 de PIL. La spesa pubbica de Unione ne periodo gennaio-ugio 2010 ha costituito i 30,4 de PIL, di cui i 24,1 rappresentato dae spese correnti, i che dimostra una scarsa capacità di investimento de settore pubbico brasiiano. Questa situazione fiscae coesiste con un carico tributario tra i più ati di quei dei Paesi in via di sviuppo: 35 de prodotto nazionae ordo ne È moto probabie che i Brasie stia raggiungendo un imite massimo in termini di carico fiscae otre a quae i peso dee tasse potrà avere impatti negativi in termini di crescita economica (una variante dea curva di Laffer). In secondo uogo, utiizzo de risparmio estero, in particoare attraverso un affusso di investimenti esteri di portafogio, viene incentivato dagi ati tassi di interessi interni, con conseguente rivautazione dea moneta ocae, i rea. Tae rivautazione ha come effetto una contrazione degi investimenti produttivi e generatori di impiego, in particoare di quei destinati ae esportazioni di prodotti a maggior vaore aggiunto. D atro canto, bisogna tenere presente a scoperta e o sfruttamento dee riserve petroifere e di gas naturae nei bacini de pré-sa brasiiano [Zona a argo de itorae atantico brasiiano, unga circa 800 km e arga 200, situata a m sotto i iveo de mare, di fronte ae coste di S. Paoo e Rio de Janeiro, ndt], in un contesto geoeconomico in cui a dinamica de economia cinese provoca un aumento dei prezzi e dee esportazioni di commodities (beni primari), favorendo e aspettative di una futura crescita de economia brasiiana. Nonostante i meccanismi utiizzati da Brasie per cercare di fronteggiare a recente crisi internazionae e arginarne gi effetti su mercato de avoro e sue condizioni di vita dea sua popoazione, è necessario rifettere sui probemi che persistono ne economia brasiiana, che sembra si possano individuare nea otta a evasione fiscae, negi eevati tassi di interesse interni e nee poitiche che favoriscono a rivautazione dea moneta.

7 1 I saario minimo in Brasie, a gennaio 2011, è di RS 510,00, pari a US$305,39. 2 I criterio dea Fondazione Getúio Vargas definisce casse C a fascia di popoazione i cui reddito famiiare gobae era compreso tra R$1.126 e R$ mensii ne 2009 e tra US$674 e US$2.906 attuamente. 3 Si veda: R. Hoffmann-M.G.A. Ney, A recente queda da desiguadade de renda no Brasi: anáise de dados da PNAD, do Censo Demográfico e das Contas Nacionais. Econômica (Niterói),, v. 10, pp. 7-39, R. Hoffmann, Desiguadade da distribuição da renda no Brasi: a contribuição de aposentadorias e pensões e de outras parceas do rendimento domiciiar per capita. Economia e Sociedade (UNICAMP), v. 18, pp , M.C. Neri-M.C. Meo, Miséria e a nova casse média na década da iguadade, Rio de Janeiro Disponibie su: C.R. Ferreira; S.C.I. Souza, As aposentadorias e pensões e a concentração dos rendimentos domiciiares per capita no Brasi e na sua área rura: 1981 a 2003, Revista de Economia e Socioogia Rura, Rio de Janeiro, ottobre/dicembre 2007, v. 45, pp ; L. Gasto socia no Brasi: programas de transferência de renda versus investimento socia. Ciência e Saúde Coetiva, Rio de Janeiro, v. 12, p , nov./dez Per egge, i trasferimenti di risorse sono condizionati aa frequenza scoastica di bambini e adoescenti, a rispetto de caendario dee vaccinazioni e de monitoraggio dea crescita e deo sviuppo dei bambini a di sotto dei 7 anni, aa partecipazione a corso di preparazione a parto da parte dee gestanti e a monitoraggio dee donne in aattamento. Otre a ciò, assistenza sociae richiede una partecipazione ae azioni educative organizzate per bambini e adoescenti fino ai 15 anni a rischio o con esperienze pregresse di avoro minorie, in accordo con i Ministero deo Sviuppo Sociae. 5 L IBGE, Istituto di Geografia e Statistica (Instituto Brasieiro de Geografia e Estatísticas), è un organismo governativo, a FIESP è a Federazione dee Industrie deo Stato di San Paoo (Federação das Indústrias do Estado de São Pauo) e a CNI è a Confederazione Nazionae dee Industrie (Confederação Naciona das Indústrias). Le utime due istituzioni rappresentano gi interessi de industria brasiiana e forniscono informazioni sua produzione industriae. 6 In accordo con i Ministero dee Città, i Programma funziona attraverso concessioni di finanziamenti a beneficiari organizzati in ente (associazione, cooperativa, sindacato ecc.), grazie a fondi provenienti da Biancio Generae de Unione (Orçamento Genera da União OGU) e destinati a Fondo di Sviuppo Sociae (Fundo de desenvovimento Socia FDS), che possono avvaersi de partnerariato degi Stati, de Distretto Federae e dei Municipi.

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

I miceti: da saprofiti a patogeni

I miceti: da saprofiti a patogeni I trattamento dee micosi di più frequente riscontro in Medicina Generae Perché occuparsi di micosi superficiai? } Le micosi superficiai (che coinvogono cute e mucose) rappresentano un capitoo rievante

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 130 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Bilancio

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE. Rapporto sull economia della provincia di Varese

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE. Rapporto sull economia della provincia di Varese CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE Rapporto sull economia della provincia di Varese Ricerca condotta dalla Università Carlo Cattaneo LIUC LA STRUTTURA DEL MERCATO DEL LAVORO

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA SALUTE ISTRUZIONE E FORMAZIONE LAVORO E CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA BENESSERE ECONOMICO RELAZIONI SOCIALI POLITICA E ISTITUZIONI SICUREZZA BENESSERE SOGGETTIVO

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA DOCUMENTI 12 RAPPORTO LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA ROMA, GENNAIO 2002 Il Rapporto è stato curato dall Ufficio per l Informazione con la collaborazione di Monitor Lavoro.

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli