Lavorare in Brasile. Reazioni alla crisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavorare in Brasile. Reazioni alla crisi"

Transcript

1 Lavorare in Brasie. Reazioni aa crisi Professore associato, Universidade Estadua de Londrina, Paraná, Brasie Senior Economist, Department of Economic Poicy and Debt, Word Bank, Washington, DC di Soange de Cássia Inforzato de Souza e Avaro Manoe Crescita economica ne primo decennio de 2000 Le trasformazioni de economia brasiiana ne utimo decennio, in particoare nea seconda metà, hanno avuto ripercussioni sue condizioni di vita e di avoro dea popoazione de Paese, quai a riduzione dea diseguagianza ne reddito pro capite, aumento de reddito dei ceti meno abbienti, a crescita dea casse media e a ripresa de mercato de avoro. Questo rivea come essa sia stata soo parziamente interessata daa grave crisi internazionae che ha copito e economie de mondo intero ne utimo triennio. 109 L attuazione, ne Paese, di una poitica macroeconomica interna incentrata su un obiettivo programmato di infazione, sua otta a evasione fiscae e su cambio variabie da 1999, su trasferimento condizionato di risorse a partire da 2003 ( Programma Borsa Famigia ; Programa Bosa Famíia), sua poitica de saario minimo garantito 1 e sua regoarizzazione de avoro, potenziata da un interscambio con estero reso favorevoe da aumento dee esportazioni e da migioramento dea biancia commerciae fino a 2008, ha messo ampiamente in uce importanza de primo decennio de 2000 per a società brasiiana. Prima de 2000 a crescita è avvenuta in maniera discontinua, per poi registrare un acceerazione dopo i I principai aspetti sociai indicati dagi anaisti possono essere così riassunti: maggior accesso ai beni durevoi da parte di famigie dotate di scarso potere d acquisto, con trend positivo fino a 2008, aumento de saario minimo e dea capacità di credito, agevoazione ne accesso a credito a consumo da parte dee famigie meno abbienti. La congiuntura internazionae favorevoe ha reso possibie a crescita dee esportazioni, con consistenti avanzi dea biancia commerciae e affusso di capitai da estero, i che ha permesso aumento de consumo interno senza un importante riduzione dei tassi di risparmio interno. La crescita dee esportazioni ha riguardato sia e tradizionai commodities (beni primari), sia i prodotti manifatturieri, come mostra a tabea 1. I nuovi segmenti di mercato resi disponibii da ascesa dea casse C 2, o casse media brasiiana, hanno favorito o sviuppo di quei settori, in particoare industriai, che si erano sempre mostrati in difficotà di fronte aa concorrenza estera e aa necessità di ristrutturarsi a fine di migiorare a propria competitività. Tuttavia, mentre economia riprendeva i proprio cico di crescita, e difficotà create daa

2 110 Lavorare in Brasie. Reazioni aa crisi Tabea 1 - Esportazioni brasiiane in dati aggregati: Anni Materie prime Prodotti manifatturieri Esportazioni totai Vaore (US$ miioni) annuae Partecipazione in totae Vaore (US$ miioni) annuae Partecipazione in totae Vaore (US$ miioni) annuae Totae ,9 29, ,6 54, , ,1 32, ,9 52, , ,5 36, ,4 46, , ,2 40, , , * ,6 44, ,8 39, ,6 100 *riferito a gennaio-settembre 2010 Fonte: Ministero deo Sviuppo, de Industria e de Commercio Estero-MDIC-SECEX. Brasie (2010) crisi finanziaria internazionae dea metà de 2008 hanno fatto vaciare i risutati economici e de mercato de avoro ne 2009, sebbene in misura minore rispetto a quanto si temeva a inizio dea crisi stessa. Impatti su mercato de avoro e sue condizioni di vita Quai sono stati i principai impatti dea crisi finanziaria in Brasie? Gi indici di occupazione e disoccupazione, nonché a produzione e impiego ne settore de industria, hanno registrato una fessione, mentre sono andati configurandosi atri eementi positivi quai i trend di crescita dea produttività media de avoro e i tasso di impiego regoare, otre aa continua diminuzione dea diseguagianza ne reddito e dea povertà ne Paese. La etteratura speciaistica sottoinea i ruoo dei mutamenti ne mercato de avoro e deo sviuppo di reti di protezione sociae ne migioramento dei principai indicatori di vita in Brasie, nonché nea diminuzione dea disparità di reddito e dea povertà, dovuta in particoare a significativo aumento de reddito pro capite dei ceti meno abbienti registrato ne primo decennio de I comportamento dee variabii demografiche evidenzia a diminuzione dea fecondità e aumento dea speranza di vita dea popoazione e dea ongevità, a cui interazione ha portato a un aumento dea popoazione anziana rispetto agi atri gruppi. Un risutato cui hanno contribuito e poitiche sociai attuate ne ambito de assistenza sociae, tra cui: i Beneficio di Prestazione Continuativa (Benefício de Prestação Continuada; BPC), istituito ne 1993 daa Legge Organica de Assistenza Sociae (Lei Orgânica da Assistência Socia; LOAS), destinato agi over 65 e ai portatori di handicap inabii a avoro con reddito famiiare pro capite inferiore a ¼ de saario minimo (tra i 1997 e i 2003 i numero di Benefici di Prestazione Continuativa è aumentato de 648.); a Poitica Nazionae de Anziano (Poítica Naciona do Idoso; PNI) approvata ne 1994 con intento di garantire a anziano i diritti sociai; a Poitica Nazionae di Saute de Anziano (Poítica Naciona de Saúde do Idoso), messa a punto da Ministero dea Saute ne 1999, che ne 2003 ha determinato una serie di misure preventive nonché ampiato assistenza medica e o Statuto de Anziano.

3 Paraeamente, nea seconda metà degi anni Novanta ne Paese sono state appicate atre poitiche di trasferimento di risorse, e più recentemente, ne primo decennio de 2000, si sono intensificate e poitiche di trasferimento condizionato di risorse 4, tra cui si distingue i Programma Borsa Famiia. Quest utimo è rivoto ae persone che vivono con un reddito pro capite inferiore aa sogia di povertà (metà de saario minimo) e ne 2008 ne hanno beneficiato 10,5 miioni di famigie, secondo i dati de Ministero deo Sviuppo Sociae. Mercato de avoro e mutamenti strutturai: terziarizzazione ed esternaizzazione Da un atro punto vista, si sono evidenziati mutamenti positivi ne mercato de avoro, in particoare a forte crescita de tasso di partecipazione sia de occupazione totae sia de avoro saariato regoare, che ha contribuito a mantenere i tasso di disoccupazione ne decennio in questione a di sotto de 10 annuo. Si è manifestata a tendenza aa terziarizzazione (crescita de settore dei servizi in misura superiore rispetto agi atri settori de economia) e a esternaizzazione (outsourcing) de avoro, riscontrabie ne aumento dea manodopera femminie su mercato de avoro, nea migrazione di avoratori da industria a terziario (commercio e servizi) e nei recenti mutamenti de mondo de avoro, derivanti dai processi gobai di riorganizzazione dea produzione e ristrutturazione de organizzazione aziendae. Accanto aa terziarizzazione e a esternaizzazione, si è registrata una crescita de occupazione ne industria fino a 2008, a fronte dea diminuzione registrata ne periodo A metà de 2008, tuttavia, mentre economia brasiiana era in piena espansione e i mercato de avoro si trovava in una fase di reazione aa propria disorganizzazione iniziata già negi anni Novanta, si è manifestata a crisi economico-finanziaria internazionae. Gi effetti più pesanti si sono concentrati ne industria manifatturiera; quindi, di fronte a generaizzato cao di fiducia e aa crisi internazionae, i settore industriae ha ridotto i ivei di produzione e di impiego. Accanto ai fattori interni determinati da venir meno dee aspettative e dae restrizioni a credito privato, nonché da cao de commercio mondiae, si sono formati i canai di trasmissione dea crisi che, secondo anaisi pubbicata ne febbraio 2009 da IPEA, Istituto di Ricerche Economiche (Insituto de Pesquisa Econômicas) coegato a Ministero dea Pianificazione, hanno provocato i suddetto cao di produttività de settore industriae. Come risutato di tai tendenze, tra a fine de 2008 e inizio de 2009 sono aumentati i tassi di disoccupazione ed è diminuito i tasso di utiizzo dea capacità produttiva. I Rapporto Mensie su Industria (Pesquisa Industria Mensa)-IBGE-FIESP-CNI 5 ha reso noto i cao de PIL industriae (-4,5 ne 2009) e de tasso di utiizzo dea capacità produttiva (che ne agosto 2008 era de 84,6, mentre ne dicembre 2008 e 2009 è stato rispettivamente de 77,7 e de 79,6). Sua scorta di atri Paesi, a partire da dicembre 2008, i Governo brasiiano ha quindi adottato acune misure a carattere anticicico vote principamente a contrastare i cao nea domanda aggregata determinata da settore privato. Tra queste si distinguono in particoare e seguenti:

4 riduzione de IPI (Imposta sui Prodotti Industriaizzati) per prodotti come e automobii e gi eettrodomestici; ampiamento dee inee di credito per i mercato de auto usata; 112 Lavorare in Brasie. Reazioni aa crisi mantenimento degi investimenti, principamente nee infrastrutture, previsti ne ambito de Programma di Acceerazione dea Crescita (Programa de Aceeração do Crescimento, PAC) de governo federae. Inotre i governo ha introdotto o potenziato misure di carattere sociae che hanno contribuito a sostenere a domanda e gi investimenti nazionai, soprattutto ne settore edie, nonostante a crisi internazionae. Tra e principai si distinguono: adeguamento de saario minimo e de Programma Borsa Famiia (PBF) ampiamento de Programma assicurazione-disoccupazione (Programa seguro-desemprego) [Si tratta di una somma corrisposta mensimente dao Stato ai disoccupati, ndt] i pacchetto immobiiare. I pacchetto immobiiare ha portato a migioramento dee condizioni di credito (crescita in termini di voume e di tassi di finanziamento immobiiare per persone fisiche e persone giuridiche), a esenzione da IPI per i materiai edii e i programmi abitativi, sia per i sistema di mercato sia per quei di interesse sociae, come risuta evidente da Programma Abitativo Popoare Casa Mia Vita Mia (Programa Habitaciona Popuar Minha Casa Minha Vida), i cui obiettivo è di rispondere ae necessità abitative dea popoazione a basso reddito nee aree urbane 6. La maggiore ripercussione che a crisi internazionae ha avuto su Brasie è stata interruzione dea crescita economica e arresto deo sviuppo dea situazione sociae e de mercato de avoro ne primo trimestre de Dopo di che si è entamente ritornati aa normaità, dimostrando così che a crisi è stata meno forte e meno unga di quanto non si prevedesse. Come è accaduto in atri Paesi emergenti, quai a Cina e India, economia brasiiana si è quindi dimostrata più resistente de previsto a impatto dea crisi internazionae, registrando una diminuzione de prodotto nazionae ordo e un aumento dea disoccupazione sensibimente minore che in atri Paesi. L impiego regoare come obiettivo cui tende i mercato de avoro ha seguito i trend di crescita de decennio. I dati forniti da PME (Pesquisa Mensa do Emprego- IBGE; Rapporto Mensie su Lavoro-IBGE) riveano che tra gennaio e settembre 2010 quasi i 50 dea popoazione occupata nee regioni metropoitane de Paese aveva un impiego regoare, contro i 47 de Una reatà confermata dai microdati forniti daa PNAD (Pesquisa Naciona por Amostra de Domicíios-IBGE, Indagine Nazionae per Campione di Domicii-IBGE). Ne 2009 i avoratori con carteira de trabaho ( portafogio di avoro, un indice di regoarizzazione dei rapporti di avoro) [Documento obbigatorio per chiunque presti un servizio professionae in Brasie. Istituito ne 1932 e reso obbigatorio da Vargas ne 1934, garantisce acuni diritti fondamentai a avoratore, quai i seguro-desemprego, a previdenza sociae, etc., ndt] rappresentavano i 39 dea totaità degi occupati ne Paese,

5 L economia brasiiana si è quindi dimostrata più resistente de previsto a impatto dea crisi internazionae, registrando una diminuzione de prodotto nazionae ordo e un aumento dea disoccupazione sensibimente minore che in atri Paesi. contro i 38 ne La richiesta di manodopera è rimasta concentrata nee fasce di età più avanzate (otre i 40 anni) e maggiormente scoarizzate (più di 8 anni di studio). In particoare, si è assistito a cao de tasso di crescita de occupazione ne periodo , a fronte dea sua crescita media de decennio considerato nea sua totaità, stando ai dati forniti da Rapporto Mensie su Lavoro. I settori più copiti in termini di riduzione dei posti di avoro sono stati industria, i trasporti e i servizi coettivi. Quei che ne hanno risentito meno sono stati i servizi per i mercato interno e a pubbica amministrazione. Ne 2009 è aumentato anche un atro indicatore sintetico de mercato de avoro, i tasso di disoccupazione, sebbene ne 2010 si sia registrata una ripresa. Di particoare rievanza sono gi indicatori che, secondo i Rapporto Mensie su Lavoro, hanno continuato a registrare un andamento favorevoe negi anni , dai quai si nota a ripresa de mercato de avoro e dea situazione sociae de Paese: ne 2009 a produttività media reae dei avoratori ha mantenuto i trend di crescita iniziato ne Dopo i cao dea produttività media reae de avoro fino a 2004, è infatti iniziato un periodo di ripresa che ha portato a una crescita de 12,2 ne primo decennio de 2000 considerato ne suo insieme ( ) e a un incremento de 2,5 tra i 2008 e i Secondo i DIEESE, i Dipartimento Intersindacae di Statistica e Studi Socio-Economici (Departamento Intersindica de Estatística e Estudos Sócio-Econômicos), i saario minimo si è apprezzato fino a 2010 e da ugio 1994 a dicembre 2008 ha conseguito un aumento reae di vaore de 99. Da 2003 a 2009 i saario minimo ha conseguito un aumento reae di vaore de 54; in particoare, ne 2008, 2009 e 2010 ha avuto un vaore nominae di R$415,00, R$465,00 e R$510,00, con un incremento reae rispettivamente de 4, 5,8 e 6. Infine si è tornati a registrare un cao dea povertà e dea diseguagianza ne reddito, con un migioramento ne posizionamento ne ranking de Indice di Sviuppo Umano pubbicato da UNDP [United nations Deveopment Programme]. La tabea 2 riassume tutte queste informazioni. Si nota, tuttavia, che i Brasie è oggi una nazione disomogenea: nonostante indice di Gini mostri a riduzione dea disegua- 113 Tabea 2 - Indicatori di povertà, diseguagianza di reddito e sviuppo umano. Brasie Estrema Povertà ( pop)* 15,28 13,99 15,20 13,20 11,49 9,44 8,65 7,57 7,28 Povertà ( pop)** 35,17 34,40 35,79 33,70 30,82 26,75 24,24 22,59 21,42 Indice di Gini 0,596 0,589 0,583 0,572 0,569 0,563 0,556 0,548 0,543 IDH - nd 0,788 0,792 0,800 0,808 0, Pos. ne Ranking de IDH 63º 68º 69 70º 75º 75º 73º Fonte: IPEA-DATA e UNDP Note: *Percentuae di persone nea popoazione compessiva con reddito famiare compessivo pro capite inferiore aa sogia di estrema povertà (o indigenza, o miseria). La sogia di estrema povertà è una stima de vaore di un paniere di aimenti che forniscano i minimo di caorie necessarie per sopperire a fabbisogno aimentare di una persona, sua base dee raccomandazioni dea FAO e dea OMS. **Percentuae di persone nea popoazione compessiva con reddito famiiare pro capite inferiore aa sogia di povertà. La sogia di povertà è i doppio dea sogia di estrema povertà.

6 gianza di reddito dopo i 2001, si trova in una situazione peggiore degi atri Paesi atino-americani come i Messico, Uruguay o i Venezuea, e moto distante dai Paesi de OCSE, Organizzazione per a Cooperazione e o Sviuppo Economico. 114 Lavorare in Brasie. Reazioni aa crisi Permanere di criticità nea crescita economica sostenuta Di fronte a tutto ciò, bisogna considerare che e trasformazioni economiche, sociai e avorative sono state moto significative e che i Paese ha dato risposte positive ne fronteggiare a crisi internazionae; per contro, permangono notevoi criticità ne economia brasiiana. In primo uogo, a poitica economica brasiiana si è sostenuta con ati tassi di interesse interni (tasso Banca Centrae de Brasie SELIC) per far fronte a urgenza di finanziamento de settore pubbico. Dati forniti daa Banca Centrae de Brasie riveano che o stock de debito de settore pubbico (DLSP, Dívida Líquida do Sector Púbico) ha raggiunto R$ 1,41 triioni ne agosto de 2010, pari a 41,4 de PIL, contro i 36 de I principae risutato de governo, da punto di vista de NFSP (Necessidade de Financiamento do Sector Púbico, fabbisogno di finanziamento de settore pubbico), è stato a riduzione de surpus a 2,1 de PIL contro i 5,2 vaori conseguiti ne periodo gennaio-agosto 2008 e gennaio-agosto Neo stesso periodo, i deficit, che rappresentava o 0,9 de PIL, è passato a 3,3 de PIL. La spesa pubbica de Unione ne periodo gennaio-ugio 2010 ha costituito i 30,4 de PIL, di cui i 24,1 rappresentato dae spese correnti, i che dimostra una scarsa capacità di investimento de settore pubbico brasiiano. Questa situazione fiscae coesiste con un carico tributario tra i più ati di quei dei Paesi in via di sviuppo: 35 de prodotto nazionae ordo ne È moto probabie che i Brasie stia raggiungendo un imite massimo in termini di carico fiscae otre a quae i peso dee tasse potrà avere impatti negativi in termini di crescita economica (una variante dea curva di Laffer). In secondo uogo, utiizzo de risparmio estero, in particoare attraverso un affusso di investimenti esteri di portafogio, viene incentivato dagi ati tassi di interessi interni, con conseguente rivautazione dea moneta ocae, i rea. Tae rivautazione ha come effetto una contrazione degi investimenti produttivi e generatori di impiego, in particoare di quei destinati ae esportazioni di prodotti a maggior vaore aggiunto. D atro canto, bisogna tenere presente a scoperta e o sfruttamento dee riserve petroifere e di gas naturae nei bacini de pré-sa brasiiano [Zona a argo de itorae atantico brasiiano, unga circa 800 km e arga 200, situata a m sotto i iveo de mare, di fronte ae coste di S. Paoo e Rio de Janeiro, ndt], in un contesto geoeconomico in cui a dinamica de economia cinese provoca un aumento dei prezzi e dee esportazioni di commodities (beni primari), favorendo e aspettative di una futura crescita de economia brasiiana. Nonostante i meccanismi utiizzati da Brasie per cercare di fronteggiare a recente crisi internazionae e arginarne gi effetti su mercato de avoro e sue condizioni di vita dea sua popoazione, è necessario rifettere sui probemi che persistono ne economia brasiiana, che sembra si possano individuare nea otta a evasione fiscae, negi eevati tassi di interesse interni e nee poitiche che favoriscono a rivautazione dea moneta.

7 1 I saario minimo in Brasie, a gennaio 2011, è di RS 510,00, pari a US$305,39. 2 I criterio dea Fondazione Getúio Vargas definisce casse C a fascia di popoazione i cui reddito famiiare gobae era compreso tra R$1.126 e R$ mensii ne 2009 e tra US$674 e US$2.906 attuamente. 3 Si veda: R. Hoffmann-M.G.A. Ney, A recente queda da desiguadade de renda no Brasi: anáise de dados da PNAD, do Censo Demográfico e das Contas Nacionais. Econômica (Niterói),, v. 10, pp. 7-39, R. Hoffmann, Desiguadade da distribuição da renda no Brasi: a contribuição de aposentadorias e pensões e de outras parceas do rendimento domiciiar per capita. Economia e Sociedade (UNICAMP), v. 18, pp , M.C. Neri-M.C. Meo, Miséria e a nova casse média na década da iguadade, Rio de Janeiro Disponibie su: C.R. Ferreira; S.C.I. Souza, As aposentadorias e pensões e a concentração dos rendimentos domiciiares per capita no Brasi e na sua área rura: 1981 a 2003, Revista de Economia e Socioogia Rura, Rio de Janeiro, ottobre/dicembre 2007, v. 45, pp ; L. Gasto socia no Brasi: programas de transferência de renda versus investimento socia. Ciência e Saúde Coetiva, Rio de Janeiro, v. 12, p , nov./dez Per egge, i trasferimenti di risorse sono condizionati aa frequenza scoastica di bambini e adoescenti, a rispetto de caendario dee vaccinazioni e de monitoraggio dea crescita e deo sviuppo dei bambini a di sotto dei 7 anni, aa partecipazione a corso di preparazione a parto da parte dee gestanti e a monitoraggio dee donne in aattamento. Otre a ciò, assistenza sociae richiede una partecipazione ae azioni educative organizzate per bambini e adoescenti fino ai 15 anni a rischio o con esperienze pregresse di avoro minorie, in accordo con i Ministero deo Sviuppo Sociae. 5 L IBGE, Istituto di Geografia e Statistica (Instituto Brasieiro de Geografia e Estatísticas), è un organismo governativo, a FIESP è a Federazione dee Industrie deo Stato di San Paoo (Federação das Indústrias do Estado de São Pauo) e a CNI è a Confederazione Nazionae dee Industrie (Confederação Naciona das Indústrias). Le utime due istituzioni rappresentano gi interessi de industria brasiiana e forniscono informazioni sua produzione industriae. 6 In accordo con i Ministero dee Città, i Programma funziona attraverso concessioni di finanziamenti a beneficiari organizzati in ente (associazione, cooperativa, sindacato ecc.), grazie a fondi provenienti da Biancio Generae de Unione (Orçamento Genera da União OGU) e destinati a Fondo di Sviuppo Sociae (Fundo de desenvovimento Socia FDS), che possono avvaersi de partnerariato degi Stati, de Distretto Federae e dei Municipi.

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Contenuto 1. Prefazione di Amanda Mackenzie OBE,Direttore Marketing e Comunicazione, Aviva pc. (p3) 2. Principai evidenze (p4) 3. CAS 2004 - uno sguardo

Dettagli

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Giovani e NEET in Europa: primi risultati

Giovani e NEET in Europa: primi risultati Fondazione europea per i migioramento dee condizioni di vita e di avoro Giovani e NEET in Europa: primi risutati > Sintesi < Se i giovani non hanno sempre ragione, a società che i ignora e i emargina ha

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi ) SETTORE AMBIENTE Via De Turris n.16 "Paazzo S.Anna" Te. 081 3900212 Fax 081 39005382 PEC: ambiente.stabia@asmepec.it SETTORE : AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ALLEGATO 1 Ministero dee Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, a Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE LA POPOLAZIONE 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: popoazione... uogo di provenienza... immigrato...

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Un modo migiore di avorare, attraverso un coinvogimento che iberi energie, capacità e potenziaità per a crescita dea motivazione, dea partecipazione e dea

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero dee Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, a Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione periodia

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO Newsetter n.7 - (1/2014) CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO presente numero dea newsetter dea Cassa iustra una rapida situazione de andamento de

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali RPE X HPE X 5 7 Caratteristiche tecniche e costruttive mod. RPE X 5 HPE X 5 mod. RPE X 0 HPE X 0 GS ECOLOGICO FUNZIONE UTODTTIV SCMITORE PISTRE VENTILTORI SSILI MONOFSE 5 8,5 MONO E TRIFSE 0 7 LT EFFICIENZ

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

---- ~4/e --- -- _... --- . ",., l Entrate per la realizzazione di programmi e progetti nazionali ed internazionali. ---l.- -t -

---- ~4/e --- -- _... --- . ,., l Entrate per la realizzazione di programmi e progetti nazionali ed internazionali. ---l.- -t - . ",., Agenzia per 'Itaia Digitae ---- D VALORE DELLA PRODUZIONE Parziai, Totai ---.- 1 Anno 2012 Parziai, Totai 0.06 Entrate di tributi 0.07 Proventi e corrispettivi per a produzione dee prestazioni e/o

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 COMUNE DI SPINO D ADDA ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 LISTA PROGETTO PER SPINO Disponibiità a servizio Metteremo i singoi cittadini e a coettività a primo posto quai destinatari de nostro avoro. Tutti

Dettagli

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ALLEGATO 1 Ministero dee Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, a Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Determinazione

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI CIGO, CIGS, CdS, Fondi biaterai Roberto Benagia - Giugno 2015 Lavoratori beneficiari Operai, impiegati, quadri + apprendisti in professionaizzante per Cigo e Cigs crisi aziendae

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE I TRASPORTI 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: vie di comunicazione... mezzi di trasporto... autostrada...

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... IL SOLE VOLUME 3 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: Soe... fotosintesi corofiiana. stagioni... pianeti... orbita...

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive RPE X HPE X 5 7 Refrigeratori d acqua e pompe di caore mod. RPE X HPE X 0,5 con parametri di funzionamento secondo e condizioni di carico de impianto mod. RPE X HPE X 5 Panneatura in acciaio inox compreso

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme CAPITOLO 1 Insiemi e funzioni 1. GLI INSIEMI CON DERIVE Come creare un insieme I modo piuá sempice per creare un insieme con Derive eá queo di eencare i suoi eementi racchiudendoi a'interno di una coppia

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

&RPXQHGL6DQ0DUWLQR%XRQ$OEHUJR

&RPXQHGL6DQ0DUWLQR%XRQ$OEHUJR &23,$ 'HOLEHUDQž 'DWD &RPXQHGL6DQ0DUWLQR%XRQ$OEHUJR Provincia di Verona 9HUEDOHGLGHOLEHUD]LRQHGHOOD*LXQWD&RPXQDOH 2JJHWWR ATTO DI INDIRIZZO PER L UTILIZZO DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI ANNO

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Guida alle applicazioni ESF Lexmark

Guida alle applicazioni ESF Lexmark Guida ae appicazioni ESF Lexmark Aiutate i vostri cienti a sfruttare a massimo e stampanti e e mutifunzione Lexmark abiitate per e souzioni Le appicazioni Lexmark sono state progettate per consentire ae

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Interazione tra forze verticai e ongitudinai: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Ne piano frontae si studia interazione tra forze verticai Fz e forze aterai Fy sviuppate a iveo de impronta a terra.

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Children in Crisis Italy

Children in Crisis Italy Chidren in Crisis Itay Istruzione per i bambini piu indifesi a mondo Chidren in Crisis Itay è un associazione non profit (Onus), fondata in Itaia ne 1999 ed originariamente ne Regno Unito ne 1993, per

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia Le imprese agrituristiche e gi aberghi diffusi per a competitività dea Destinazione Itaia MARCO VALERI Sintesi de avoro Obiettivi Obiettivo de avoro è evidenziare i ruoo di formue di business ricettivo

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Consiglio Regionale Atti C onsiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 539. iw OZIONE. dei Consiglieri CRESCIMBENI, LA FFRANCO, LIGNANI MARCHESANI e ZAFFIM

Consiglio Regionale Atti C onsiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 539. iw OZIONE. dei Consiglieri CRESCIMBENI, LA FFRANCO, LIGNANI MARCHESANI e ZAFFIM ]REGIONE DELLWMBRIA Consigio Regionae Atti C onsiiari VII LEGISLATURA ATTO N. 539 iw OZIONE dei Consigieri CRESCIMBENI, LA FFRANCO, LIGNANI MARCHESANI e ZAFFIM Riconoscimento dei dirith de popoo tibetano

Dettagli

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 I CONTI DEL SETTORE PUBBLICO 2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 Il conto degli Enti previdenziali (Tabella 2.2-1) a tutto il terzo trimestre 2009 evidenzia

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 Parmalat consegue un EBITDA di 330,5 milioni di euro al lordo delle differenze cambio e 316,3 milioni di

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ALLEGATO 1 Ministero dee Inrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione

Dettagli