IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2012"

Transcript

1 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione -Milano

2 Premessa Il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che indica il tempo atmosferico (precisamente la pressione atmosferica) del momento in cui si compie la misurazione: confrontando il dato attuale a quello precedente, è possibile fare trarre qualche conclusione logica sul futuro; ma è uno strumento incompleto :ad esempio, mancano indicazioni sulla intensità e direzione del vento; tuttavia è stato un valido metodo per le previsioni del tempo; la sua validità è legata alla capacità di analisi, alla esperienza e conoscenza dei fenomeni atmosferici locali. Anche sui mercati possiamo confrontare i dati passati con quelli attuali, per ottenere delle indicazioni di massima ma sempre con una dose di buon senso 2 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

3 Il Barometro dei mercati Nel Barometro si presenta una visione sintetica delle principali dinamiche dei mercati, da utilizzare per valutare la acquisizione dei fattori produttivi e avere una base di analisi per la definizione di previsioni e dei budget Il Barometro è diviso in due sezioni: Tassi d interesse europei- EURIBOR dedicata alla gestione finanziaria Tasso di cambio eurodollaro e commodity focalizzata alla dinamica della produzione/vendita E disponibile una breve guida alla lettura, con una spiegazione della terminologia adottata e un approfondimento metodologico 3 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

4 Approfondimento del mese La rifocalizzazione dell'economia I sistemi monetari hanno avuto sempre un ruolo fondamentale nella crescita o decrescita economica delle economie avanzate del pianeta. Dopo il crollo di Bretton Woods di inizio anni 70 e dopo l anarchia monetaria dei primi anni 70 ed 80, il crollo del sistema sovietico e l espansione dell economia di mercato anche verso molti paesi emergenti ha creato un sistema economico monetario basato sul dollaro che di fatto ha sostenuto per lungo tempo la crescita fornendo una stabilità della stessa che ha riferimenti storici molto antichi. Il sistema, schematicamente descritto come una Bretton Woods 2, vedeva i paesi emergenti grandi produttori di beni ed in parte anche di servizi, i paesi avanzati come i grandi consumatori degli stessi, ben oltre la propria capacità di spesa attraverso un indebitamento sempre meno costoso grazie al fatto che i surplus commerciali dei paesi emergenti venivano riciclati nei tassi di interessi dei paesi occidentali comprimendone i tassi e quindi il relativo costo del debito. Finchè il sistema finanziario ha retto questo squilibrio equilibrato, il debito ha continuato un espansione senza precedenti e l illusione della ricchezza ha continuato a far aumentare la quota di spesa pro capite dei paesi avanzati. 4 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

5 Approfondimento del mese La rifocalizzazione dell'economia La crisi finanziara del 2008, causato da una crescita speculativa della leva del debito ha costretto le economie occidentali a fenomeni di deleveraging per ricondurre in un alveo di controllo il debito domestico e questo è avvenuto essenzialmente su tre direttrici: 1)Credito privato: in molto paesi occidentale ed in particolare nei paesi anglofoni il debito privato ha raggiunto livelli senza precedenti: ne è seguita una fase correttiva rilevante sebbene le politiche delle banche centrali abbiano cercato di limitarne gli effetti; la riduzione del debito privato porta inevitabilmente a minori consumi. 2)Debito bancario: il rapporto prestito/capitale era ed è salito pericolosamente sopra il punto di equilibrio pari all 80/90% circa causando dei rischi sistemici nelle istituzioni finanziarie che anche a causa di regole più stringenti sono costrette a ridurre le proprie esposizione debitorie causando una riduzione degli affidamenti concessi e quindi strutturalmente minori investimenti e consumi. 3)Debito sovrano: il tentativo degli stati di ridurre gli effetti deleteri della contrazione del debito ha in realtà trasferito lo stesso dai privati allo stato collettivizzando larga quota di debito ed impedendo allo stesso salvo rari casi politiche economiche fiscalmente espansive e quindi limitando ulteriormente il potenziale dei consumi e della crescita. Il debito pubblico dei paesi avanzati ha raggiunto gli stessi livelli dei periodi delle guerre militari ma questo senza neanche lo sfogo della ricostruzione. 5 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

6 Approfondimento del mese La rifocalizzazione dell'economia Con i paesi avanzati alle prese con un cambiamento epocale delle proprie abitudini e con un eccesso produttivo evidente in molti settori dei mercati è evidente che sia i paesi avanzati che i paesi emergenti devono reintrodurre un maggiore equilibrio nella propria economia domestica in quanto tutto ciò che era prima è in corso di trasformazione. I paesi avanzati nel loro complesso devono ridurre l'indebitamento medio sia degli stati che privato e spingere le proprie industrie ed i propri settori di punta attraverso politiche di stimolo verso l'innovazione e l'esportazione non solo più verso i paesi avanzati ma anche diversificando verso il mondo emergente. Avere la massa critica e le risorse per competere in mercati colossali sarà la chiave di successo per molte imprese dei paesi cosiddetti avanzati. Ogni paese emergente ha bisogno di reivestire i surplus accumulati in questi anni nella crescita equilibrata delle propria economia domestica e le eccellenze dei vari settori ben capitalizzate possono contribuire a questo imponente sviluppo diversificato. Infatti la competitività dei paesi emergenti verso l'esterno è stata lentamente erosa dall'acquisto di valore delle proprie valute nonostante tutte le politiche di soppressione dei prezzi e questo deve imporre una maggiore concentrazione sul domestico riorientando politiche pluriennali basate sulle esportazioni di beni o servizi. Questa spinta è poi accentuata da una crescita dei redditi dirompente che non può che essere accompagnata da consumi in crescita. 6 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

7 Approfondimento del mese La rifocalizzazione dell'economia Le valute dei paesi emergenti al netto dell'inflazione si sono rafforzate moltissimo negli ultimi anni 7 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

8 Approfondimento del mese La rifocalizzazione dell'economia Concludendo è in corso una ridistribuzione dei pesi economici che mette in discussione modelli di crescita decennali; da una parte i paesi avanzati non possono pensare di continuare con il ritmo di consumi del passato mentre dall'altro gli emergenti non possono pensare che i tassi d'esportazione continuino ai ritmi precedenti; per questo motivo c'è urgenza di una ricalibratura domestica dei paesi emergenti e di una ricalibratura verso l'export per molti dei paesi occidentali. (Italia compresa) 8 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

9 Tassi di interesse europei EURIBOR Le notizie più significative (headlines) 9 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

10 Tassi di interesse europei EURIBOR Le notizie più significative (headlines) 10 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

11 Tassi di interesse europei EURIBOR Le notizie più significative (headlines) 11 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

12 Tassi di interesse europei EURIBOR Le notizie più significative (headlines) 12 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

13 Tassi di interesse europei EURIBOR Le notizie più significative (headlines) 13 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

14 Tassi di interesse europei EURIBOR Commento sintetico la BCE ha rotto gli indugi il 5 settembre, con la dichiarazione di Draghi di interveti diretti in acquisto di titoli di stato europei OMT (Outright Monetary Purchase), che ha ottenuto l avallo del governo tedesco e anche quello della Alta Corte tedesca Dopo l euforia iniziale, i vari governi europei e la stessa BCE hanno man mano reso espliciti i vincoli e le regole per l intervento, rendendo meno chiaro quale sia l effettiva capacità e velocità d intervento e creando anche dei dubbi sull effettivo ammontare disponibile La parola torna alla politica, che è lenta ad agire e ancora poco coordinata, e i mercati sono tornati timorosi e restano ad osservare con attenzione ogni notizia La Francia sta iniziando una importante manovra economica, che però potrebbe portate a grosse difficoltà politiche per Hollande I buoni risultati dello spread francese sono dovuti non solo dai fondamentali dell economia, ma anche agli acquisti fatti dalla BNS, per mantenere il franco a quota 1,20 Fuori dai riflettori dei media, tra Francia e Germania si sta sviluppando un serrato dialogo sulle future regole europee in ambito fiscale e bancario La Spagna è sotto attenta osservazione, sia per il sistema bancario che forse è quello maggiormente a rischio nella eurozona, sia per l economia, che presenta tassi di disoccupazione elevatissimi con 5 milioni di disoccupati, ed infine per le pressioni politiche delle regioni autonome: la necessità di contenere il deficit si scontra con la difficoltà politica di sostenere i sacrifici necessari, ei mercati si attendono la richiesta di aiuti alla BCE, sia per risolvere il problema contingente sia per verificare l effettiva capacità finanziaria e politica del piano di salvataggio In Italia il calo del PIL ha raggiunto livelli preoccupanti, e la ripresa viene prevista non prima della seconda metà del 2013, e Confindustria sposta al 2015 la vera crescita: le elezioni di marzo 2013 verranno quindi ad essere svolte in una fase ancora recessiva, quando le politiche rigoriste non hanno potuto dare effetti positivi, e in Europa si teme per il mantenimento della linea adottata negli ultimi mesi La Germania comincia a sentire gli effetti della recessione europea, anche se le esportazioni extraue sono ancora sostenute, soprattutto nel settore automobilistico: l indice PMI manifatturiero è cresciuto dal 44% al 47%, quello dei servizi è del 49%, entrambi sotto la media di lungo periodo del 53% Le elezioni olandesi hanno dimostrato che le politiche europeiste sono condivise dagli elettori, che consegnano alla sconfitta le forze populiste ed euroscettiche: il governo di coalizione uscito dalle urne probabilmente sosterrà l attuale politica, senza estremismi In Irlanda la politica del rigore sta dando i primi effetti positivi, dopo il brusco calo della spesa pubblica ( deficit dal 14% al 8% Importante dibattito si apre sulle regole di controllo bancario in UE Si punta alla separazione tra parte commerciale e investimento, con lo scopo di separare le attività intrinsecamente più rischiose: il controllo dovrà essere effettuato a livello centrale dalla BCE, altro importante passo verso l armonizzazione dei sistemi economici europei Gli stress test sul sistema bancario sono stati moderatamente positivi, grazie anche alla raccolta del sistema bancario di 204miliardi di euro per ricapitalizzare le banche, raccolta superiore a quanto richiesto dall EBA 14 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

15 Tassi di interesse europei EURIBOR Il punto sui mercati: tassi di interesse e accesso al credito le manovre della BCE hanno assicurato un livello di tassi bassi, ma le incertezze restano ancora alte nell area Euro I tassi sono in ribasso su tutta la curva anche se sulla scadenze più lunghe hanno rallentato la discesa Senza una ripresa dell economia, restano preoccupazioni sulla tenuta del credito nelle nazioni periferiche Gli alti tassi richiesti dalle banche italiane e spagnole, e il rallentamento dell erogazione del credito, creano un effetto negativo a spirale sulla economia reale Lo spread ha effetti immediati sull economia, la sua riduzione ai 300 punti era lo scenario-base di gennaio per la ripartenza dell economia Bankitalia stima che 100 bp di spread comportano un aumento di 50 punti di tasso alle imprese e 30 punti sui mutui In questa fase il BUND, dopo aver toccato un minimo a 139 a metà settembre, è tornato a svolgere una funzione di rifugio della liquidità, comprimendo i tassi d interesse tedeschi con l effetto paradossale che mentre le aste di BTP e BONOS vengono sottoscritte interamente, l asta dei titoli tedeschi non è stata accolta dal mercato altrettanto bene il ritardo della ripresa europea mette a rischio la politica del rigore La forte disoccupazione crea un rischio politico sulla tenuta delle politiche rigoriste, specie nelle nazioni più vicine alle elezioni o con governi di coalizione, come in Grecia Il credit crunch continua a limitare le aziende italiane, e non è prevedibile che i motivi della stretta al credito possano risolversi nel breve periodo: nel lungo termine, ricordiamo che Basilea 3 potrebbe avere effetti di compressione ulteriore Gli effetti della stretta colpiscono tutti i settori, ma sono particolarmente evidenti nel settore immobiliare, con la riduzione della erogazione dei mutui che riduce del 25% circa le compravendite, mentre i prezzi calano solo del 2% - 5% In italia, le banche mantengono rating elevati per e aziende capitalizzate o orientate all export, che si è sviluppato soprattutto verso le nazioni extraue grazie anche alla recente debolezza dell euro. Le banche mostrano grande attenzione alle informazioni tratte dalla Centrale dei Rischi e dagli andamentali per valutare rischio impresa e dei suoi clienti: è consigliata una gestione della tesoreria proattiva. 15 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

16 CONSOB Risk Outlook giugno Commissione Finanza e Controllo di Gestione

17 CONSOB Risk Outlook giugno Commissione Finanza e Controllo di Gestione

18 CONSOB Risk Outlook giugno Commissione Finanza e Controllo di Gestione

19 -coin fonte: Banca d Italia 19 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

20 Tassi di interesse europei EURIBOR Si noti la correlazione tra EURIBOR tre mesi e tasso BCE Nel grafico si apprezza l aumento BCE di metà 2011, che accompagna la crescita dei tassi a breve e segue la crescita dei tassi a lungo, che iniziano la loro discesa già nel primo trimestre 2011 e la discesa generale fino a raggiungere i minimi storici attuali ; lieve divergenza tra il 5y e il 10y, che non si è ridotto negli ultimi due mesi come per le scadenze più brevi ma si è stabilizzato 20 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

21 Tassi di interesse europei EURIBOR Grafico spread BTP BUND fonte: Bloomberg Importante e rapida riduzione dello spread dopo le dichiarazioni BCE del 6 settembre, seguita da una ripresa legata alle incertezze politiche sulla effettiva gestione BCE e da rinnovate preoccupazioni su Spagna e Grecia 21 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

22 Tassi di interesse europei EURIBOR grafico BUND Dopo una discesa fino a quota 135, da metà marzo il BUND è risalito a 142, ancora una volta in seguito a timori sul rischio dei debiti sovrani Nel dettaglio si nota come il BUND sia salito ai massimi da tre anni, in giugno ha avuto un importante storno e da settembre, in attesa e dopo le dichiarazioni BCE è in deciso calo seguito da una ripresa dei corsi per le incertezze sulla gestione del salvaspread da parte della BCE e da problemi economici e finanziari in Spagna : il tasso espresso dai corsi ha raggiunto due volte il minimo di 1,17% ma ai primi di ottobre è risalito a 1,45% 22 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

23 Tassi di interesse europei EURIBOR Confronto tra Euribor12mesi e titoli di stato tedeschi a tre anni Schatz: il loro valore (molto sopra a 100) mostra che il loro interesse è prossimo a zero ( negativo per le durate fino a sei mesi) dal mese di febbraio, dopo una iniziale discesa dei corsi (che corrisponde ad una risalita dei tassi di interesse) è stato superato il livello 100 ed ora cresce senza incertezze 23 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

24 Tassi di interesse europei EURIBOR Grafico tassi BUND 10y fonte: Bloomberg 24 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

25 Forecast BCE aggiornamento quadrimestrale, prossimo aggiornamento 15 novembre Commissione Finanza e Controllo di Gestione

26 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Le notizie più significative (headlines) 26 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

27 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Le notizie più significative (headlines) 27 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

28 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Commento sintetico l economia americana beneficia degli stimoli monetari abbondantemente concessi dalla FED Bernanke ha iniziato il QE3 con liquidità abbondante ( 40 miliardi di dollari al mese) Ulteriori manovre sono state previste, se lo stimolo non fosse sufficiente Quanto sopra si inquadra nella campagna elettorale USA, che si gioca sui temi dell economia I recenti valori sulla disoccupazione USA, finalmente scesi sotto la soglia-obiettivo dell 8%, sostengono il candidato uscente Il problema del dopo elezioni sta cominciando a preoccupare gli operatori Il rating americano è sotto osservazione, e viene Gli stimoli alla ripresa stanno portando il debito/pil al 110% Secondo lo FMI, gli USA rischiano il fiscal cliff, l aumento automatico delle tasse e la riduzione della spesa, con evidenti effetti sulla crescita americana e globale: la prossima presidenza dovrà affrontare questo problema entro la fine del 2012 Le preoccupazioni sulla economia non sono confinate a USA e EU In Giappone la banca centrale ha iniziato un nuovo programma di stimoli all economia per oltre 100 miliardi con un programma di acquisto di titoli di stato La Cina ha varato una serie di stimoli per contrastare la frenata dell economia, con incentivi mirati a settori industriali e cercando di stimolare la domanda interna per compensare la riduzione delle esportazioni ; le tensioni politiche con il Giappone hanno depresso il settore automobilistico di entrambe le nazioni. L indice PMI cinese del settore manifatturiero è stato del 49,2% e quelo del settore non manifatturiero del 53,7% ( un dato inferiore al 50% indica stagnazione) 28 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

29 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Commento sintetico (segue) Mentre la ripresa mondiale resta in dubbio, ed anzi stentano a consolidarsi i recenti segnali positivi, gli stimoli monetari hanno riflessi positivi sui mercati delle commodity, che subiscono anche spinte diverse dai propri fondamentali L oro è comprato sia grazie alla abbondante liquidità riversata sui mercati dalle Banche Centrali, sia dagli acquisti delle Banche stesse per aumentare le riserve Il petrolio è stato sostenuto dall incremento di scorte US, anche in seguito ai timori di una escalatione della crisi con l Iran; inoltre l Arabia Saudita ha aumentato l offerta, ulteriore elemento depressivo sui corsi La recente scelta giapponese di rinunciare al nucleare ha sostenuto la domanda di petrolio In Cina si sta puntando sulle energie rinnovabili, con effetti che si vedranno solo in futuro Il rame oscilla seguendo più l andamento del cambio eurodollaro che per i fondamentali La domanda cinese sembra essere rallentata, e le scorte sono ai massimi L abbondante liquidità permette alla speculazione finanzziarsi a basso costo perd posizionarsi su un mercato strategico, in attesa di una ripresa generale dell economia 29 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

30 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Il punto sui mercati: L economia americana ha ridotto l attenzione sulla crisi dei debiti sovrani europei, che dopo l interventi di Draghi del 5 settembre sembra avviata ad una possibile conclusione, anche se non rapida né indolore La FED ha deciso di intervenire con un nuovo piano di sostegno, il lungamente atteso QE3 Il piano prevede interventi di immissione di liquidità fino a 40 miliardi di dollari al mese e atssi di interesse bassi La Cina ha dichiarato che potrebbe comprare petrolio in Euro anziché in dollari Spagna e Grecia continuano ad agitare i mercati valutari Il franco svizzero resta legato al tasso/soglia di 1.20 contro euro Dal punto di vista grafico, il mercato si è ripreso dai minimi di luglio e, dopo alcune oscillazioni, ha ripreso il livello di 1.30, valore medio dell ultimo anno La volatilità implicita, dopo essere rimasta per mesi a bassi livelli, ha avuto una brusca impennata legata alla crescita dei timori su area euro, per poi ridiscendere a quota 9, livello minimo degli ultimi 5 anni : oscillazioni intorno ai minimi, ma si conferma la sostanziale compressione La riduzione della volatilità indica una minor pressione in acquisto delle opzioni Il valore delfuture a dicembre2012 è1,3040 (*) A titolo di mera indicazione operativa, i valori diopzioni (*): le call OTM base 1,3250 scadenza dicembre 2012 sono pari a 0,0104 le put OTM base 1,2750 scadenza dicembre 2012 sono pari a 0,0074 (*) Dati aggiornati al5 ottobre Commissione Finanza e Controllo di Gestione

31 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Grafico eurodollaro Sovrapposta la media mobile 100, indicatore comunemente utilizzato per mostrare il trend. Si nota come,dopolacrescitadiinizioanno, damaggioasettembre è rimasto tra1,45e1,40 a settembre è sceso fino ai minimi di 1,32 di ottobre per poi risalire dal mese di novembre ha preso una posizione negativa. Minimi di periodo a metà gennaio, poi ripresa fino a quasi 1,35; raggiunti i minimi dell anno a 1,20, costante ripresa con brusca impennata nei primi giorni di settembre fino a 1,28, oscillazioni in settembre e nuova crescita a 1, Commissione Finanza e Controllo di Gestione

32 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Grafico andamento prezzi del rame, considerato proxy dell andamento dell economia La media mobile sovraimposta aiuta a leggere i trend storici Si vede la relativa costanza dei prezzi fino ad agosto, la discesa fino ad ottobre. Stabilità fino a conclusione Nel 2012 una decisa risalita dei prezzi ma ancora inferiore ai massimi del 2011, risalita che nel mese di febbraio si è arrestata, segnalando poca forza nella economia reale; in marzo una quasi perfetta stabilità dei prezzi, da aprile una discesa ininterrotta dei prezzi verso i minimi di ottobre 2011; Ripresa dei corsi a fine giugno, e costante risalita con brusca impennata negli ultimi giorni legati a situazioni dei magazzini e speculative più che sulla futura crescita economica: oscillazioni in settembre 32 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

33 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Grafico andamento prezzo petrolio Crude Oil WTI Si nota la risalita dei prezzi da gennaio a maggio, la discesa fino ad ottobre e la risalita a novembre, fino ad una relativa stabilità: ora ha ripreso un movimento ascendente, ma ancora intorno 100 $/barile. Nel 2012 una iniziale stabilità intorno a 100$, la rapida risalita fino a 110$ e una graduale discesa fino a 103$, grazie al parziale rientro delle tensioni in Iran. I timori sulla crescita economica prendono il sopravvento sulle tensioni geopolitiche e il prezzo scende rapidamente fino ai 80$ e non dà segni di rallentamento, raggiungendo quasi i minimi dell ultimo anno : rapida ripresa dalla fine di giugno, si per motivi legati a fattori legati alla estrazione che per deboli segni di ripresa economica : mercato incerto e volatile in settembre. 33 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

34 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Andamento della volatilità implicita sull eurodollaro L indicatore è calcolato con la metodologia del VIX : volatilità implicita delle opzioni ATM a 30 giorni Notiamo la discesa da novembre 2010 a maggio 2011, la risalita fino al massimo di fine settembre e le oscillazioni del mese di ottobre e novembre e la riduzione in dicembre nel 2012 una costante anche se non lineare discesa con importante risalita fino a giugno : da metà giugno una discontinua discesa Nell inserto, il dettaglio degli ultimi tre mesi: negli ultimi giorni ha nuovamente raggiunto il minimo storico al 9% 34 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

IL BAROMETRO DEI MERCATI Marzo 2012

IL BAROMETRO DEI MERCATI Marzo 2012 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Marzo 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa Il barometro Il barometro è uno strumento che indica il tempo atmosferico

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Maggio 2012

IL BAROMETRO DEI MERCATI Maggio 2012 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Maggio 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa Il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che indica

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Luglio Agosto 2012

IL BAROMETRO DEI MERCATI Luglio Agosto 2012 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Luglio Agosto 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa Il concetto del barometro Il barometro è uno strumento

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Gennaio 2012

IL BAROMETRO DEI MERCATI Gennaio 2012 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Gennaio 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa Il barometro Il barometro è uno strumento che indica il tempo

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Dicembre 2012

IL BAROMETRO DEI MERCATI Dicembre 2012 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Dicembre 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa Il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che indica

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Aprile 2013

IL BAROMETRO DEI MERCATI Aprile 2013 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Aprile 2013 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa Il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che indica

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Febbraio 2014

IL BAROMETRO DEI MERCATI Febbraio 2014 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Febbraio 2014 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa : il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2014

IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2014 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2014 Commissione Finanza e Controllo di Gestione -Milano Premessa : il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che

Dettagli

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Quadro Macroeconomico attuale e previsioni future La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Eurogruppo/Ecofin e dal G7 non sono emerse novità di rilievo.

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Euro/dollaro Dopo aver toccato il livello minimo negli ultimi dodici anni, nel secondo trimestre

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 6 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 6 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario globale è ulteriormente peggiorato. EinItalia la diminuzione del PIL proseguirà: il secondo trimestre

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

MICROMACRO. DASHBOARD n 11. NOVEMBRE 2015 (Documento aggiornato con dati disponibili al 23.11.2015) Novembre 2015 1

MICROMACRO. DASHBOARD n 11. NOVEMBRE 2015 (Documento aggiornato con dati disponibili al 23.11.2015) Novembre 2015 1 DASHBOARD n 11 NOVEMBRE 2015 (Documento aggiornato con dati disponibili al 23.11.2015) Novembre 2015 1 INDICE 1. SOMMARIO DEL TRIMESTRE pag. 3 2. QUADRO MACROECONOMICO TRIMESTRALE pag. 6 3. SCENARIO PREVISIONALE

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed.

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed. Morning Call 2 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Dow Jones: andamento I temi del giorno Macro: nella manifattura in calo l Ism (Usa), stabile il Pmi (Area euro) Fmi: il rallentamento della Cina

Dettagli

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5 5 MAGGIO 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 L economia italiana va meglio dell atteso. È indispensabile cogliere l opportunità di innalzare il potenziale

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago. Morning Call 24 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di Borsa di Shanghai: andamento I temi del giorno Proseguono le tensioni sui mercati: questa mattina Shanghai segna un -8,7% e il Nikkei segue con

Dettagli

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm BEGHELLI ELISABETTA CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm Analista di Bilancio Aiaf CTU Tribunale di Cuneo Albo PF iscrizione nr 13491 1 LO SCENARIO ECONOMICO

Dettagli

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Morning Call 30 MARZO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Tassi: resta sui

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Morning Call 15 APRILE 2015 Sotto i riflettori Irs a 5 anni: andamento I temi del giorno Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Pil della Cina nel primo

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare?

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? di Antonio Misiani Il 19 ottobre 2009 il primo ministro greco, George Papandreou, annunciò che i conti pubblici ellenici erano drammaticamente

Dettagli

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano di Sergio Portatadino, Pöyry Energy Consulting La sensazione di vivere in un periodo di cambiamento storico pervade anche i mercati energetici e l emblema

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II Dopo il grande rush che ha visto i principali mercati raggiungere e superare i precedenti massimi storici, è iniziata l attesa fase di correzione degli indici. Ad

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 14 GENNAIO 2016 Sotto i riflettori Indice S&P500: andamento I temi del giorno Macro Area euro: calo marcato per la produzione industriale dell Area, a dicembre -0,7% su base mensile Banche

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3.1. IL CONTESTO INTERNAZIONALE Fin dalla primavera la ripresa dell economia mondiale ha perso vigore. Le turbolenze finanziarie e il peggioramento

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice FtseMib: andamento I temi del giorno Macro: Pmi dei servizi (Area euro) in miglioramento, Ism non manifatturiero (Usa) in calo sotto i 60 punti Bce:

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Gregorio De Felice Chief economist Milano, 25 settembre 2014 Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento intraday ieri e oggi I temi del giorno La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Tassi:

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli