Il rischio di mercato Le tipologie, le metodologie di gestione, i requisiti patrimoniali. Giuseppe G. Santorsola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il rischio di mercato Le tipologie, le metodologie di gestione, i requisiti patrimoniali. Giuseppe G. Santorsola"

Transcript

1 Il rischio di mercato Le tipologie, le metodologie di gestione, i requisiti patrimoniali 1

2 Una definizione I rischi di mercato si manifestano quando le variazioni dei fattori di mercato hanno delle conseguenze sulle posizioni in essere dell intermediario (portafogli azionari e obbligazionari, da una parte, portafoglio prestiti dall altra) I rischi di mercato rientrano nei rischi speculativi, ossia gli effetti delle variazioni dei fattori di rischio sulle posizioni in essere possono essere sia positivi che negativi. 2

3 Le tipologie L importanza crescente dei rischi di mercato deriva da: titolarizzazione diffusione mark-to-market episodi di crisi (Barings, LTCM, ecc.) requisiti patrimoniali Basilea 1993 Tipologie principalmente considerate: rischio di interesse rischio di cambio rischio di prezzo 3

4 Le tipologie il rischio di tasso di interesse Ai fini della quantificazione degli effetti del tasso di interesse le poste dell attivo e del passivo dello Stato Patrimoniale della banca sono riclassificate in base alla loro sensibilità, ovvero capacità di adattamento ad ipotetiche variazioni del fattore di rischio in un certo orizzonte temporale. Lo Stato Patrimoniale viene diviso in due macrocategorie per ciascuna sezione: Attività sensibili RSA Attività non sensibili Passività Sensibili RSL Passività non sensibili Riclassificazione per sensibilità 4

5 Le tipologie il rischio di cambio Quando un intermediario raccoglie in una certa valuta e impiega in un altra valuta effettua trasformazione della valuta esponendosi al rischio di variazioni del tasso di cambio La posizione in cambi prende in considerazione: + impieghi in valuta + acquisti a termine ( operazioni sotto la riga ) - passività in valuta - vendite a termine ( operazioni sotto la riga ) relativi alla stessa valuta posizione lunga su $ A $ P $ A P M P posizione corta su 5

6 Le tipologie il rischio di prezzo E il rischio relativo alle posizione netta in titoli che si manifesta allorquando si registrano variazioni nei prezzi di mercato POSIZIONE NETTA IN TITOLI: + Quantità in portafoglio + acquisti a termine ( operazione sotto la riga ) - vendite a termine ( operazione sotto la riga ) posizioni lunghe posizioni corte relativi allo stesso titolo o alla stessa categoria di titoli 6

7 La quantificazione dei rischi L approccio tradizionale alla misurazione è fondato su valori nominali delle variabili sensibili al rischio di mercato Problemi: 1. Non si tiene in considerazione il diverso valore di mercato delle posizioni di rischio 2. Impossibilità di cogliere il diverso grado di sensibilità di posizioni differenti a variazioni dei fattori di mercato 3. Non si tengono in considerazione i fenomeni di variabilità congiunta dei fattori di rischio 7

8 La quantificazione dei rischi Le metodologie di quantificazione del rischio di mercato più comuni sono: il Gap la Duration il Var La prime due metodologie si riferiscono prevalentemente al rischio di interesse, ma considerano come aree di impatto rispettivamente il margine di interesse e il valore di mercato dell attivo e del passivo. La metodologia VaR ben si adatta ad ogni tipologia di rischio di mercato. 8

9 Il Gap E pari alla differenza (mismatching) tra attività e passività sensibili Attività sensibili Gap Passività Sensibili Attività sensibili Passività Sensibili Gap Attività non sensibili Passività non sensibili Attività non sensibili Passività non sensibili Le conseguenze della variazione del fattore di rischio (rischio di interesse) sull aggregato sensibile (margine di interesse) dipendono dal segno del gap Negativo Attività sensibili minori delle passività sensibili Vantaggio in caso di riduzione dei tassi (e viceversa) La raccolta si adegua ai nuovi tassi (più bassi) Le attività non sensibili aumentano il proprio valore Positivo Vantaggio in caso di aumento dei tassi (e viceversa) Nullo 9

10 Il Gap La gestione del mismatching 1 Riclassificazione delle poste di bilancio che generano direttamente il margine di interesse (attività fruttifere e passività onerose) in: a. operazioni sensibili (Risk Sensitive) b. operazioni non sensibili 2 Determinazione del differenziale tra attività sensibili e passività sensibili a variazioni del tasso di interesse GAP = RSAsset - RSLiabilities 3 Scelta della strategia di gestione integrata dell attivo e passivo (Asset Liability Management): immunizzazione GAP = 0 gestione del GAP in funzione delle previsioni dei tassi 10

11 Il Gap Scenari di tasso GAP = 0 RSA = RSL Tassi MI = 0 Tassi MI = 0 il perfetto allineamento degli aggregati sensibili fa sì che le variazioni del tasso di interesse non esercitino alcun effetto sulla redditività della funzione creditizia GAP < 0 RSA < RSL Tassi Tassi MI MI il segno del gap fa sì che le variazioni del fattore di rischio abbiano un effetto opposto sul margine di interesse GAP > 0 RSA > RSL Tassi Tassi MI MI 11

12 Il Gap Esempio n. 1 (dati in mln) Bucket Asset Liabilities Gap 1 day day-3 months months -6 months months -12 months year-5 years over 5 years La determinazione del GAP dipende dal periodo preso in considerazione (bucket) 12

13 Il Gap L impatto sul margine di interesse Le banche calcolano il GAP per ogni bucket considerando attività e passività sensibili a variazioni dei tassi di interesse: MI = GAP * Ri = ( RSAi - RSLi) * Ri Tale formula si applica ad ogni bucket. Si può inoltre applicare la medesima formula ai gap cumulativi Dovendo, ad es., calcolare il gap su un periodo pari ad 1 anno (gapping period di 1 anno nell esempio precedente) si avrà: GAP cumulativo = = - 15 Se i tassi di interesse relativi alle poste rate sensitive subiscono una variazione al rialzo dell 1% si avrà: MI 1yr = (- 15 milioni) * (.01) = ,00 13

14 Livello del Gap (G) differenza tra attivo e passivo sensibile (livello assoluto del gap) Rapporto fra Gap e attivo fruttifero (G/AF) Rilevanza del mismatching (livello relativo del gap) Possibili situazioni: Il Gap Indicatori per la Gap Analysis Gap attorno allo zero e G/AF di importo contenuto Limitata esposizione al rischio di interesse Gap positivo e G/AF elevato Intermediario esposto al rischio di interesse (vantaggioso nelle fasi espansive quando i tassi aumentano) Gap negativo e G/AF elevato Intermediario esposto al rischio di interesse (vantaggioso nelle fasi recessive in cui il livello dei tassi diminuisce) 14

15 La duration Il prezzo di un titolo obbligazionario in un certo istante è dato dal valore attuale dei flussi di cassa futuri. -P C1 + C2 + L effetto netto della variazione dei tassi d interesse sul titolo obbligazionario dipende da: un effetto valore legato al tasso di sconto dei flussi futuri un effetto reinvestimento legato ai flussi cedolari + La quantificazione degli effetti del rischio di tasso d interesse sulla componente del portafoglio titoli relativa alle obbligazioni avviene per mezzo della duration. Tale metodologia può essere estesa, con i dovuti aggiustamenti, all intero portafoglio o all attivo dello Stato Patrimoniale complessivamente considerato. + + CN+VR + 15

16 La duration per un titolo obbligazionario La duration approssima la variazione del prezzo del titolo obbligazionario in seguito ad una variazione (infinitesima) dei tassi d interesse di mercato In formula: DM D = 1 + posto si ha r i P P DM r i La variazione del prezzo del titolo obbligazionario dipende negativamente dalla variazione dei tassi d interesse di mercato 16

17 La duration Limiti e problemi del modello duration gap Le politiche di copertura volte a rendere nullo il duration gap risultano efficaci solo rispetto a una variazione istantanea dei tassi se una banca annulla il relativo duration gap, l efficacia risulta limitata nel tempo. Gli elevati costi connessi alla realizzazione di una politica di immunizzazione. Il grado di approssimazione con cui la duration stima l impatto delle variazioni dei tassi sui valori di mercato di attività e passività. L adozione dell ipotesi di variazioni uniformi dei tassi attivi e passivi. 17

18 Il VaR Definizione Il concetto di VaR risponde al quesito: qual è la perdita massima che potrebbe essere subita nel corso di un certo orizzonte temporale, tale che vi sia una probabilità molto bassa, per esempio pari all 1%, che la perdita effettiva risulti superiore a tale importo? Sono necessari tre elementi per quantificare il rischio di mercato: la massima perdita (loss) potenziale (espressa in termini probabilistici) che una posizione può subire, con un certo livello di confidenza (c), in un determinato orizzonte temporale. Pr ( L > VaR) = 1 c 18

19 Il VaR Definizione Il Valore a Rischio (Value at Risk, VaR) stima la PERDITA MASSIMA PROBABILE (worst case scenario) che si può subire mantenendo inalterato il portafoglio per un certo periodo di tempo dato un certo livello di confidenza. A differenza delle misure di sensibilità al rischio (sensitivity) quali il Gap e la Duration per il rischio di interesse, il Gap per il rischio di cambio, il Beta per il rischio di mercato, il VaR è una misura sintetica, facilmente comprensibile, utilizzabile per qualunque posizione rischiosa ed espressa in termini probabilistici. 19

20 Il VaR Gli approcci per la misurazione Varianze-covarianze (parametrico): Delta Normal Asset Normal Simulazioni (relazioni non lineari): Storiche Ibrido Monte Carlo 20

21 Il VaR parametrico Si ipotizza che la distribuzione del fattore di rischio sia di tipo parametrico: per calcolare il VaR sarà quindi sufficiente conoscere i parametri che descrivono la curva. L assunzione relativa alla linearità della relazione tra il fattore di rischio e l esposizione fa sì che sia possibile calcolare il VaR localmente senza riconsiderare tutto il portafoglio. Nel caso in cui il portafoglio esposto al rischio sia composto da più posizioni sensibili occorre considerare il fattore correlazione tra le diverse posizioni. Il modello elaborato da JP Morgan (Riskmetrics) consente di calcolare la rischiosità del portafoglio attraverso il prodotto tra la volatilità del benchmark (parametro di riferimento) e un indicatore di sensitività (ad esempio il beta per il portafoglio azionario). 21

22 Il VaR parametrico Il VaR di una posizione è stimato come prodotto di tre elementi: Il valore di mercato della posizione (VM) la sensibilità del valore di mercato della posizione a variazioni del fattore di mercato (δ) la potenziale variazione sfavorevole del fattore di mercato, ottenuta come prodotto fra: la volatilità stimata di tale fattore di mercato (σ) un fattore scalare (α) corrispondente al livello di confidenza desiderato δ σ VaR = VM i i i i α 22

23 Il VaR parametrico La deviazione standard è una misura di variabilità media non racchiude tutte le possibili variazioni del fattore di mercato Occorre definire un livello probabilistico (es. 99%) che racchiude la gamma di eventi considerati. Se vale l ipotesi di distribuzione normale è possibile calcolare la probabilità che la variazione del fattore stesso sia contenuta in un intervallo compreso fra la media (µ) e +/- un determinato multiplo di σ 23

24 Il VaR parametrico Distribuzione normale dei rendimenti di mercato: 1 f x = x 1 2 2πσ 2σ ( ) exp ( µ ) Probabilità che la variazione del fattore di mercato sia contenuta in un intervallo compreso tra (µ-σ) e (µ+σ): 2 µ + σ µ σ 1 2 exp = 2 2π 1 2σ ( x µ ) dx = 0, ,26 % 24

25 Il VaR parametrico In realtà solo metà di questi eventi rappresentano perdite per cui: Pr µ + ασ [ x < ( + ασ )] = f ( x) dx = Pr ob( Z < α ) ob µ = 1 c Loss VaR Prob. nella normale standardizzata Pr ( L > VaR ) = 1 c 25

26 Il VaR parametrico Media e deviazione standard sono i due fondamentali attributi descrittivi della distribuzione normale Probabilità 68% L ipotesi di normalità ci consente di definire la probabilità di accadimento del fenomeno (variazione del fattore di rischio): ad esempio, la probabilità che la variazione del prezzo di mercato sia compresa in 1 deviazione standard dalla propria media è 0,68 (68%) µ 1σ µ µ + 1σ Distribuzione dei profitti e delle perdite 26

27 Il VaR parametrico Ad esempio Deviazione standard dei rendimenti del fattore di mercato = 1% Se la distribuzione è normale, allora: 68% probabilità rendimento fra -1% e + 1% 16% probabilità di una perdita maggiore di 1% 84% livello di confidenza 95,4% prob. rend. compreso fra -2% e + 2% 2,28% probabilità di una perdita maggiore di 2% 97,72% livello di confidenza 27

28 Il VaR parametrico 28

29 Il VaR parametrico Esempio n. 1 BTP decennali per nominali 1mln P tel quel = 105 Duration Modificata = 7 anni σ rend.gg. = 15 b.p. (0,15%) α = 2,326 (c = 99%) VaR BTP = ,15% 2,326 = ,15 Nell 1% dei casi la perdita sulla posizione in BTP potrà essere maggiore di

30 Il VaR parametrico Esempio n. 2 Si supponga di detenere in portafoglio un 7-yr Zero coupon bond, con valore di rimborso (valore facciale) pari a 1,631, e tasso di rendimento pari a 7.243%; la deviazione standard giornaliera dei rendimenti è pari a 0.1%. Si calcoli il VaR supponendo un livello di confidenza del 95% (α=1.65) VAR = VM δ σ i i i i α 30

31 VARi = VMi δi σi α VM = 1,631,483 / ( %) 7 = 1,000,000 δ è il coefficiente di sensibilità al fattore di rischio, ovvero la MD (Modified Duration): D 7 MD = = = 1 + R ( ) Il VaR parametrico Esempio n σ è la deviazione standard del fattore di rischio: 0.1% α è pari a 1.65 per cui: VAR ZCB = 1,000, % = 10,770 N.B.: il prodotto (σ * δ) è equivalente a dp/p, infatti: dp D = ( R ) = MD P 1 + R ( R ) 31

32 Si detengono in portafoglio azioni Alfa per un valore corrente di 1 mln. La deviazione standard giornaliera del prezzo delle azioni è stimata pari a 2.1%. Si calcola il VaR con un livello di confidenza del 95% : VARi = VMi δi σi α VM = 1,000,000 δ è pari ad 1 σ è pari a 2.1% α è pari a 1.65 per cui: Il VaR parametrico Esempio n. 3 VAR = 1,000, % = 34,650 32

33 Il VaR parametrico Esempio n. 4 Si detengono in portafoglio $ 888,000. Il cambio è (per 1 ci vogliono $). La deviazione standard giornaliera del cambio /$ è stimata pari a 0.567%. Si calcola il VaR con un livello di confidenza del 95%: VARi = VMi δi σi α VM = $ 888,000/0.888= 1,000,000 δ è pari ad 1 σ è pari a 0.567% α è pari a 1.65 per cui: VAR = 1,000, % = 9,356 / $ 33

34 Il VaR parametrico Il VaR di un portafoglio può essere stimato ricorrendo alla teoria di portafoglio, ovvero il VaR sarà una funzione di: Valori di mercato e sensibilità delle singole posizioni Volatilità dei singoli fattori di mercato Correlazioni fra i rendimenti degli N fattori di mercato VaR P N N, N = ( VM i δ i α σ i ) ( VM j δ j α σ j ) ρ ij i= 1j= 1 34

35 L approccio non parametrico La simulazione storica La distribuzione del fattore di rischio non viene stimata, ma desunta dalle variazioni intervenute in un determinato intervallo di osservazione Si assume implicitamente che la distribuzione futura dei fattori di rischio è identica alla distribuzione passata Step: 1.Scelta dell orizzonte di osservazione 2.Calcolo delle variazioni del portafoglio che si sarebbero verificate nell orizzonte temporale prescelto in ragione dei valori assunti dal fattore di rischio 3.Distribuzione crescente dei valori del portafoglio 4.Individuazione del VaR in corrispondenza del percentile prescelto (corrispondente al worst case scenario) 35

36 L approccio non parametrico Il metodo di Monte Carlo È un approccio non lineare che consiste nel simulare ripetutamente il valore delle posizioni in portafoglio Step: 1. Simulazione degli scenari per gli n fattori di rischio 2. Calcolo del valore di portafoglio in ognuno degli n scenari simulati 3. Distribuzione crescente dei valori di portafoglio 4. Individuazione del VaR in corrispondenza del percentile prescelto (corrispondente al worst case scenario) 36

37 I requisiti patrimoniali Basilea 1: nessuna copertura prevista per il rischio di mercato Direttiva 93/6: introduzione della metodologia standardizzata (building-block approach) Emendamento all Accordo sul capitale: inclusione del rischio di mercato Direttiva 98/31: modifica della Direttiva 93/6 al fine di comprendere il rischio di mercato Istruzioni di vigilanza per le banche elaborate da Banca d Italia 37

38 I requisiti patrimoniali La metodologia standardizzata Secondo il building-block approach il requisito patrimoniale necessario per fronteggiare il rischio di mercato deriva dalla somma dei requisiti calcolati per ogni categoria di rischio. Si assume implicitamente che tra i fattori di rischio riconducibili al rischio di mercato esista una correlazione positiva (perfetta). La considerazione degli effetti di diversificazione porterebbe ad una riduzione del requisito di capitale. 38

39 I requisiti patrimoniali Fattori distinti per aggregato di impatto Trading book (portafoglio titoli non immobilizzato): rischio di posizione, di regolamento, di controparte, di concentrazione Intero bilancio: rischio di cambio e di posizione su merci Posizioni in opzioni 39

40 I requisiti patrimoniali I modelli interni Il Var calcolato dal modello interno va confrontato con il Var individuato sulla base delle seguenti ipotesi: frequenza (giornaliera), intervallo di confidenza (99%), holding period (10 giorni). Vincoli di Var: il Var giornaliero deve essere il maggiore tra il Var del giorno precedente e il Var medio degli ultimi 60 giorni moltiplicato per 3 o per un fattore costante maggiore individuato sulla base del backtesting. 40

41 I requisiti patrimoniali Il backtesting del modello interno La validazione del modello si basa sul numero di downside outlier, ovvero sul numero di volte in cui la perdita massima conseguita nell arco di tempo considerato supera la perdita prevista con il metodo interno di Var. Sono state individuate delle fasce in corrispondenza del numero di downside outlier ai quali corrispondono dei fattori correttivi di calcolo del Var. Il downside outlier può derivare da: errori di calcolo, dall attività di trading infraday (non considerata nell holding period del Var), dal modello adoperato (che sottostima gli eventi estremi trattandosi di distribuzione normale). 41

42 I requisiti patrimoniali La stress analysis Ciascuna banca che adotta un modello interno deve prevedere un programma di prove di stress al fine di considerare gli effetti della più ampia gamma possibile di fattori di rischio Full valuation del portafoglio in corrispondenza dello scenario più disastroso Metodologie di stress analysis: il metodo di Monte Carlo (con forti oscillazioni dei fattori di rischio ed elevata correlazione tra le stesse) o il metodo della rievocazione degli shock passati con analisi degli effetti sul portafoglio. 42

43 L approccio di Basilea 2 Nel 1993 il Comitato di Basilea ha proposto l estensione dei requisiti patrimoniali ai rischi di mercato I rischi di mercato sono definiti come quelli relativi al portafoglio di negoziazione Approccio building block: requisito addizionale per ogni categoria di rischio Possibilità di utilizzare anche debito subordinato a breve termine come patrimonio (T3) La proposta del 1993 viene approvata, con alcune modifiche, nel gennaio

44 L approccio di Basilea 2 L approccio standard Rischi di mercato Titoli di debito Titoli azionari Rischio di cambio Rischio specifico Rischio specifico Rischio generico Rischio generico Solo portafoglio di mercato Tutta la banca 44

45 L approccio di Basilea 2 Titoli di debito: rischio specifico Titoli con rating Titoli con rating compreso fra A+ e BBB- Altre emissioni compreso fra AAA e AA- (vita residua) 0-6 mesi 6-24 mesi >24 mesi 0% 0,25% 1% 1,6% 8% Requisito sulla posizione netta per ogni emissione: compensazione fra posizioni lunghe e corte consentita solo nella stessa emissione. Dal 2004 la ponderazione è basata sul rating e sostituisce la precedente distinzione fra emissioni delle amministrazioni centrali, emissioni qualificate e altre emissioni. 45

46 L approccio di Basilea 2 Titoli di debito: rischio generico (1) Sbilanci netti tra attivi e passivi allocati su 15 nodi in base a scadenza e cedola Scadenza del principal se Assegna Cedola 3% Cedola < 3% al nodo n. fino a 1 mese fino a 1 mese 1 da 1 a 3 mesi da 1 a 3 mesi 2 da 3 a 6 mesi da 3 a 6 mesi 3 da 6 a 12 mesi da 6 a 12 mesi 4 da 1 a 2 anni da 1,0 a 1,9 anni 5 da 2 a 3 anni da 1,9 a 2,8 anni 6 da 3 a 4 anni da 2,8 a 3,6 anni 7 da 4 a 5 anni da 3,6 a 4,3 anni 8 da 5 a 7 anni da 4,3 a 5,7 anni 9 da 7 a 10 anni da 5,7 a 7,3 anni 10 da 10 a 15 anni da 7,3 a 9,3 anni 11 da 15 a 20 anni da 9,3 a 10,6 anni 12 oltre i 20 anni da 10,6 a 12 anni 13 da 12 a 20 anni 14 oltre i 20 anni 15 (2) Requisito in funzione di DM e variazione prudenziale attesa nei tassi Nodo n. Duration modificata (A) Variazione di tasso probabile Coefficiente di rischio (B) (C)=(A)x(B) 1 0 1,0% 0,00% 2 0,2 1,0% 0,20% 3 0,4 1,0% 0,40% 4 0,7 1,0% 0,70% 5 1,4 0,9% 1,25% 6 2,2 0,8% 1,75% 7 3 0,8% 2,25% 8 3,65 0,8% 2,75% 9 4,65 0,7% 3,25% 10 5,8 0,7% 3,75% 11 7,5 0,6% 4,50% 12 8,75 0,6% 5,25% ,6% 6,00% 14 13,5 0,6% 8,00% ,6% 12,50% (3) Parziale compensabilità di fasce e zone Nodo n Zona I II III

47 L approccio di Basilea 2 Titoli azionari: rischio specifico Requisito: calcolato sulla posizione lorda somma di posizioni lunghe e corte pari al 4% della posizione, 2% nel caso di portafogli liquidi e ben diversificati, ossia composti da: azioni emesse da società emittenti titoli di debito qualificati; azioni considerate titoli di elevata liquidità dalle autorità; azioni il cui peso non deve rappresentare più del 5% del portafoglio di negoziazione. 47

48 L approccio di Basilea 2 Titoli azionari: rischio generico Requisito pari all 8% della posizione generale netta pari alla differenza fra la somma delle posizioni lunghe e la somma delle posizioni corte relative a un singolo mercato nazionale: PGN i = M ( L ) j, i C j, i j= 1 PGN i = Posizione Generale netta relativa al mercato i-esimo Lj,i = posizione lunga sul titolo j-esimo quotato sul mercato i-esimo Ci,j = posizione corta sul titolo j-esimo quotato sul mercato i-esimo 48

49 L approccio di Basilea 2 Il rischio di cambio Per ogni valuta si calcola la posizione netta Si procede poi all individuazione della posizione netta aperta in cambi, ovvero la maggiore fra la somma delle posizioni corte e la somma delle posizioni lunghe Il requisito patrimoniale è fissato all 8% di questa Valuta Posizione netta ( mln) Dollaro USA (USD) Sterlina britannica (BPD) Yen giapponese (YEN) Franco svizzero (FSV) Dollaro australia (AUS) Peso argentino (ARG) RP FX = Max ( 60, 48 ) 8% = 4, 8 49

50 Criteri quantitativi Livello di confidenza almeno pari a 99%; Orizzonte temporale = 10 gg. (2 settimane); Almeno un anno di dati storici Volatilità e correlazioni aggiornate ogni trimestre Criteri qualitativi Unità Risk Management indipendente Modello VaR usato nella gestione del rischio Alta direzione coinvolta Misure di VaR integrate da stress testing MRC L approccio di Basilea 2 t I modelli interni Il Minimum Requirement Capital per il rischio di mercato al tempo t, ovvero Il VaR minimo a t, è pari al maggiore tra il VaR a t-1 e la media dei valori del VaR nei 60 giorni precedenti (considerando un fattore moltiplicativo) t 1 = Max VaR t 1; MF 60 i= t 1 61 VaR i 50

51 L approccio di Basilea 2 I modelli interni Il fattore di moltiplicazione (MF) varia da 3 a 4 in funzione della bontà del modello misurata attraverso test retrospettivi (back-testing) Se VaR 99% = 100, le perdite dovrebbero risultare > 100 solo 1% di volte il numero di eccezioni (loss > VaR) in un anno (250 gg. trading) dovrebbe essere circa 2,5 Se n. eccezioni > 4, allora MF > 3 Se n. eccezioni > 9, allora MF = 4 51

52 L approccio di Basilea 2 Il back-testing di un modello VaR Definizione di VaR Pr ( L > VaR ) = 1 c Valutare un modello VaR significa valutare se la frequenza delle perdite in eccesso al VaR è coerente con il livello di confidenza. Valutazioni basate sulla dimensioni delle perdite, per quanto rilevanti, non sono coerenti con la logica sottostante i modelli VaR. 52

53 L approccio di Basilea 2 Il back-testing di un modello VaR Problema della significatività statistica delle conclusioni dell attività di back-testing i. Qual è il numero massimo di eccezioni coerente con il livello di confidenza del modello? ii. Qual è il numero minimo di eccezioni per poter concludere che un modello non è valido? iii. Quante osservazioni sono necessarie per poter concludere in modo statisticamente significativo che un modello è o non è valido? La maggioranza delle tecniche di back-testing si basa su test di ipotesi Nel caso in cui l ipotesi nulla (n. eccezioni rilevate = n. eccezioni desiderate ) venga rigettata il modello VaR sottostante è considerato innacurato Se l ipotesi nulla non è rifiutata il modello è accurato 53

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze L approccio parametrico o delle varianze-covarianze Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il VaR nell ipotesi di

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA La vigilanza e le garanzie finanziarie QUADERNI 12 L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA PARTE PRIMA INDICE L Asset-Liability Management nelle imprese di assicurazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

ALEA Tech Reports. I modelli interni per la valutazione del rischio di mercato secondo l approccio del Value at Risk

ALEA Tech Reports. I modelli interni per la valutazione del rischio di mercato secondo l approccio del Value at Risk ALEA Tech Reports I modelli interni per la valutazione del rischio di mercato secondo l approccio del Value at Risk Flavio Bazzana Tech Report Nr. 11 Giugno 2001 Alea - Centro di ricerca sui rischi finanziari

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi I. Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi 40. In questa Parte vengono esposte le modalità di calcolo dei requisiti patrimoniali minimi complessivi

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli