TUTTO CHIARO. comunicazione e testi riflessione sulla lingua italiana per la scuola secondaria di primo grado

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUTTO CHIARO. comunicazione e testi riflessione sulla lingua italiana per la scuola secondaria di primo grado"

Transcript

1 S. Bovi M.C. Gagliati A. Marinoni P.A. Salsa C TUTTO CHIARO comunicazione e testi riflessione sulla lingua italiana per la scuola secondaria di primo grado

2 Tutto chiaro Riflessione sulla lingua italiana per la scuola secondaria di I grado di S. Bovi, M.C. Gagliati, A. Marinoni, P.A. Salsa. Tomo C - Comunicazione e testi Consulenza alla progettazione: Fabio Cioffi Revisione e aggiornamento: Simonetta Bovi Coordinamento editoriale: Beatrice Loreti Progetto grafico, impaginazione e revisione: ABC, Milano Illustrazioni Tomi A, B e C: Luca Carnevali per Pesci Blu Foto: Shutterstock Art director: Marco Mercatali Responsabile di produzione: Francesco Capitano Copertina: Adami Design 2010 Eli La Spiga Via Soperga, 2 Milano Tel Tutto chiaro Tomo A + B + C + CDROM ISBN Disponibile anche separatamente: Tutto chiaro. C Comunicazione e testi ISBN Risorse per l insegnante ISBN Le fotocopie non autorizzate sono illegali. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale così come la sua trasmissione sotto qualsiasi forma o con qualunque mezzo senza previa autorizzazione scritta da parte dell editore. Stampato in Italia presso Grafiche Flaminia Foligno La casa editrice La Spiga e l ambiente La casa editrice La Spiga usa carta certificata FSC per tutte le sue pubblicazioni. È un importante scelta etica, poiché vogliamo investire nel futuro di chi sceglie ed utilizza i nostri libri sia con la qualità dei nostri prodotti sia con l attenzione all ambiente che ci circonda. Un piccolo gesto che per noi ha un forte significato simbolico. Il marchio FSC certifica che la carta usata per la realizzazione dei volumi ha una provenienza controllata e che le foreste sono state sottratte alla distruzione e gestite in modo corretto. Eli Via Brecce Loreto Tel

3 Introduzione Il corso Tutto chiaro si propone come un programma completo di riflessione sulla lingua in grado di fornire agli studenti la conoscenza approfondita del codice linguistico, una serie di competenze in linea con le disposizioni ministeriali ed efficaci strumenti comunicativi. Caratteristiche dell opera sono la chiarezza espositiva, affiancata da ricchezza di esemplificazioni, esposizione teorica completa ma nello stesso tempo essenziale, abbondanza di esercizi per la preparazione individuale e in funzione della valutazione. La varietà delle proposte didattiche consente all insegnante di scegliere il percorso più idoneo per realizzare un curricolo attento alle esigenze specifiche degli alunni, offrendo l opportunità di creare piani di studio personalizzati. Strumento agile, il corso è stato pensato come una serie di testi adatti alla comprensione e alla memorizzazione degli argomenti, in grado di far acquisire e consolidare le conoscenze in funzione delle competenze linguistiche che l allievo deve raggiungere nella scuola secondaria di primo grado. Il linguaggio utilizzato è semplice e ben calibrato sulle capacità di comprensione degli studenti di questa fascia d età. I contenuti proposti coniugano armoniosamente sintesi ed esaustività delle spiegazioni teoriche, il tutto in una veste grafica moderna e attraente. All esposizione teorica si alternano i box di approfondimento linguistico, la mappa conclusiva al termine di ogni sezione, interessanti curiosità inerenti il confronto con le altre lingue comunitarie e argomenti di interesse culturale più ampio, trattati in apposite schede, che costituiscono spunti per collegamenti interdisciplinari. Al termine di ciascun argomento teorico ci sono numerosissime verifiche graduate, organizzate secondo differenti livelli di difficoltà segnalati graficamente (uno, due o tre pallini) e verifiche conclusive. Inoltre, ogni volume presenta, in chiusura, una serie di schede di esercitazione per le verifiche e/o in funzione dell autovalutazione (l insegnante in questo caso fornirà agli alunni le chiavi di correzione presenti in guida). Il corso si articola in tre tomi, dedicati uno agli elementi di fonologia e di morfologia con ampi cenni all ortografia (A), uno alla sintassi della frase semplice e composta (B) e uno, triennale, alla comunicazione e ai testi (C). Nel tomo A, dedicato alla trattazione di fonologia, ortografia e morfologia, l esposizione teorica è rigorosa ma, contemporaneamente, di facile comprensione; ogni argomento è seguito con puntualità da batterie di esercizi. 3

4 La tipologia delle proposte operative, graduate per livello di difficoltà, comprende esercizi di riconoscimento, di classificazione, di applicazione con la tecnica del completamento, della trasformazione, della correzione, della produzione. Seguono esercizi di verifica conclusiva. Consigli pratici per l analisi grammaticale, con gli esercizi relativi, e prove di consolidamento e potenziamento chiudono il volume. Il filo conduttore dei box di interesse culturale è costituito dall approfondimento di alcuni aspetti della lingua italiana. Il tomo B, dedicato alla sintassi, presenta la trattazione completa dell analisi della proposizione e del periodo, proposta non solo come un approfondimento metalinguistico della struttura della frase e del periodo, ma in funzione dell acquisizione di competenze specifiche rispetto all uso della lingua. La struttura di questo tomo è identica a quella del tomo A: tutti gli argomenti sono completati da batterie di esercizi, una sintesi finale in forma di mappa concettuale, verifiche graduate e verifiche conclusive. Sono anche presenti consigli pratici per l analisi logica e del periodo con relative esercitazioni. Al termine del tomo B è inserita un importante sezione dedicata al metodo di studio, definito la scatola degli attrezzi dello studente. Si è ritenuto infatti di fornire nei primi due tomi del corso gli strumenti tecnici per acquisire le competenze necessarie e completare l offerta didattica con indicazioni indispensabili sul metodo, per mettere in pratica al meglio le abilità linguistiche conseguite. Il tomo C, Comunicazione e testi, si apre con l analisi della comunicazione e della lingua, in rapporto alle abilità linguistiche ad essa connesse, alla conoscenza delle tipologie testuali (ipertesto compreso) funzionali ai vari profili comunicativi e all analisi del testo letterario, con particolare attenzione alle figure retoriche e a nozioni di base di metrica. Anche questo tomo propone esercitazioni utili all acquisizione di competenze specifiche e legate alla conoscenza della lingua e alla sua applicazione pratica. Il filo conduttore dei box di interesse culturale è costituito dall informatica. In conclusione è presente il Laboratorio Gutenberg, una interessante sezione dedicata a percorsi di scrittura giornalistica e di avvicinamento alla lettura del quotidiano. Completa l opera la Guida per l insegnante, che propone indicazioni metodologiche sul corso, test d ingresso e prove di verifica per la valutazione. Gli esercizi, strutturati in base alle esigenze delle fasce di rendimento degli allievi (prove strutturate in esercitazioni formative, sommative, di recupero e di consolidamento) consentono all insegnante ampia possibilità di osservazione del livello di apprendimento raggiunto da ogni singolo alunno. Nella guida sono inseriti anche test d uscita, le soluzioni di tutte le verifiche ivi contenute e quelle delle schede di verifica in chiusura dei volumi per gli alunni. La parte finale della guida contiene le prove Invalsi, indispensabili per la preparazione specifica degli studenti del terzo anno in vista dell esame di Stato. Infine una sezione è dedicata all Italiano come seconda lingua, con spiegazioni teoriche ed esercitazioni pratiche. 4

5 INDICE INTRODUZIONE... 3 COMUNICAZIONE E TESTI LA COMUNICAZIONE CURIOSITÀ La parola comunicare Che cos è la comunicazione Gli elementi della comunicazione VERIFICHE GRADUATE I segni per comunicare VERIFICHE GRADUATE I codici CURIOSITÀ La parola semiologia VERIFICHE GRADUATE IN SINTESI PARLIAMO DI INFORMATICA LA COMUNICAZIONE VERBALE Il codice verbale VERIFICHE GRADUATE Le funzioni della lingua VERIFICHE GRADUATE Il contesto VERIFICHE GRADUATE I registri VERIFICHE GRADUATE I linguaggi settoriali Il linguaggio della scienza e della tecnica Il linguaggio burocratico Il linguaggio politico Il linguaggio sportivo Il linguaggio giornalistico Titolo, occhiello, sommario: l ABC del quotidiano Il pezzo giornalistico Che cos è la notizia? Dalla lettura alla scrittura: scrivere un pezzo Il linguaggio pubblicitario I gerghi VERIFICHE GRADUATE IN SINTESI IL COMPUTER LA LINGUA Le parole: forma Le parole primitive, derivate, alterate, composte VERIFICHE GRADUATE Le parole: significato I campi semantici La polisemia I sinonimi Gli antonimi Omonimi, omografi e omofoni Gli iperonimi e gli iponimi VERIFICHE GRADUATE IN SINTESI INTERNET: COME NASCE LE ABILITÀ LINGUISTICHE Ascoltare Le difficoltà dell ascolto Le strategie per l ascolto I testi per l ascolto

6 VERIFICHE GRADUATE Parlare Le strategie per parlare I testi per parlare VERIFICHE GRADUATE Leggere Saper leggere Gli scopi della lettura Le strategie della lettura I testi destinati alla lettura Leggere un ipertesto multimediale VERIFICHE GRADUATE Scrivere Le strategie per scrivere Griglia per l autocorrezione VERIFICHE GRADUATE IN SINTESI INTERNET: PERCHÉ È IMPORTANTE CONOSCERLA DAL TESTO AI TESTI CURIOSITÀ La parola testo Le caratteristiche di un testo Correttezza e coesione Coerenza espresssiva e comunicativa Completezza Coerenza contenutistica VERIFICHE GRADUATE La struttura dei testi Saper produrre testi: scrivere per imparare a scrivere VERIFICHE GRADUATE IN SINTESI LE TIPOLOGIE TESTUALI Il testo narrativo Come si scrivono i testi narrativi Pianificare la scrittura di un racconto VERIFICHE GRADUATE Il testo descrittivo Come si scrivono i testi descrittivi VERIFICHE GRADUATE Il testo espositivo Come si scrivono i testi espositivi Esporre per informare: istruzioni per l uso Uso dei connettivi nel testo espositivo Paragrafare un testo espositivo Progettare e scrivere un testo espositivo: fasi VERIFICHE GRADUATE Il testo interpretativo-valutativo Come si scrivono i testi interpretativi-valutativi Consigli utili per la stesura di un testo interpretativo-valutativo Un esempio di testo interpretativovalutativo: la scheda-libro VERIFICHE GRADUATE Il testo argomentativo Come si scrivono i testi argomentativi La progettazione di un testo argomentativo La struttura del testo argomentativo Come ordinare un testo argomentativo Due punti critici: l esordio e la conclusione La coesione interna: strategie Consigli per acquisire metodo ed efficacia nella scrittura VERIFICHE GRADUATE IN SINTESI LE FORME TESTUALI Le forme testuali utili per imparare Il riassunto La parafrasi Le forme testuali utili per comunicare

7 La lettera Il curriculum vitae Il telegramma La Il resoconto e il verbale La relazione La recensione La cronaca Il testo regolativo o di istruzioni L ipertesto Le forme testuali per esprimere VERIFICHE GRADUATE IN SINTESI GLOSSARIO DI INFORMATICA IL TESTO LETTERARIO CURIOSITÀ Prosa e poesia Il testo narrativo I generi narrativi Il testo poetico Il verso La rima I generi poetici CURIOSITÀ Chansons de geste I componimenti della poesia lirica CURIOSITÀ Generi lirici popolari La retorica CURIOSITÀ La parola retorica IN SINTESI LABORATORIO GUTENBERG PERCORSI DI SCRITTURA GIORNALISTICA La notizia e il giornalista VERIFICHE GRADUATE Il pezzo VERIFICHE GRADUATE La struttura di un giornale La prima pagina VERIFICHE GRADUATE Le pagine interne VERIFICHE GRADUATE L impaginazione: come nasce la prima pagina La titolazione VERIFICHE GRADUATE Articolo e articoli: tipologie Scrivere un articolo Oltre la regola delle cinque W Il lead o cappello Il focus Il nucleo dell articolo Il background La conclusione (chiusa) L articolo: il livello morfo-sintattico Le sei tappe essenziali per costruire un articolo giornalistico VERIFICHE GRADUATE La riscrittura di un pezzo VERIFICHE GRADUATE IL LINGUAGGIO DEL CORPO

8

9 COMUNICAZIONE E TESTI PREREQUISITI Saper utilizzare il linguaggio per riflettere sulla lingua Saper riconoscere gli usi diversi della lingua Saper individuare la presenza di rapporti logici tra diversi fenomeni linguistici Saper comprendere l importanza delle abilità per comunicare: ascoltare, parlare, leggere, scrivere Saper utilizzare la lingua nella produzione personale CONTENUTI La comunicazione: gli elementi, i segni, i codici La comunicazione verbale: il codice, le funzioni, i registri, i linguaggi settoriali Le abilità per comunicare: leggere, ascoltare, parlare, scrivere Le caratteristiche del testo scritto, le tipologie e le forme testuali I testi letterari Laboratorio Gutenberg Percorsi di scrittura giornalistica OBIETTIVI Conoscere gli elementi della comunicazione, i concetti di segno e codice, le funzioni della lingua Conoscere le caratteristiche del codice linguistico, dei diversi registri e dei linguaggi settoriali Saper usare adeguatamente la lingua in rapporto al contesto e allo scopo comunicativo Saper ascoltare per comprendere il contenuto di un testo orale Saper utilizzare la lingua nella produzione orale, adeguatamente al destinatario e allo scopo Saper leggere un testo utilizzando la modalità di lettura più adatta allo scopo Saper leggere un testo per comprendere, interpretare, valutare i contenuti Saper utilizzare la lingua per produrre testi corretti, completi, coesi, coerenti Acquisire competenza nella produzione scritta utilizzando le strategie di scrittura per narrare, descrivere, esporre, interpretare-valutare, argomentare Saper produrre testi utilizzando le forme testuali adeguate allo scopo Saper leggere e capire i testi letterari Acquisire le tecniche di base del linguaggio giornalistico MEZZI E STRUMENTI Dizionario dei sinonimi e dei contrari

10 COMUNICAZIONE E TESTI LA PAROLA COMUNICARE Il termine comunicare deriva dal latino communicare che significa condividere, mettere in comune. 1. LA COMUNICAZIONE Tra gli uomini, come in tutto il regno animale, la comunicazione è un esigenza stabilmente presente, risponde a un bisogno naturale, che è quello di entrare in relazione con gli altri individui della stessa specie e, a volte, anche con quelli di specie diverse. Pensiamo, per esempio, all atteggiamento del gatto che corteggia una gattina oppure a quello che adotta per manifestare avvertimenti minacciosi nei confronti di un cane. La comunicazione mette in comune con altri soggetti, unisce due elementi che hanno qualcosa da condividere, è un contatto che si realizza con lo scambio di parole, idee, gesti 1.1. Che cos è la comunicazione La comunicazione è il passaggio di messaggi tra due o più soggetti. Il messaggio passa dall emittente al ricevente, cioè da chi fa la comunicazione a chi la riceve. È bene osservare, però, che il passaggio di messaggi non avviene in una sola direzione e che il ruolo di emittente e di ricevente è assunto alternativamente dai soggetti tra i quali avviene la comunicazione. Se il passaggio di messaggi avvenisse in un unica direzione e i ruoli dell emittente e del ricevente fossero fissi, si tratterebbe infatti di trasmissione e non di comunicazione. La comunicazione è dinamica e coinvolge alternativamente i soggetti tra cui avviene il passaggio di messaggi. Sarà, quindi, una semplice trasmissione, per esempio, sia un notiziario radiotelevisivo sia un video. Sarà, invece, comunicazione un dialogo telefonico o qualunque altro dialogo si possa svolgere tra persone nelle situazioni più varie; è comunicazione anche la situazione in cui la luce di un semaforo comunica un messaggio e induce un particolare comportamento di risposta dell automobilista. 10 La comunicazione si realizza attraverso numerose modalità, tuttavia presenta alcune caratteristiche fondamentali, che sono gli elementi della comunicazione.

11 La comunicazione 1.2. Gli elementi della comunicazione In tutte le forme di comunicazione, verbale e non, compaiono alcuni elementi che caratterizzano il processo stesso della comunicazione e che interagiscono tra loro: emittente, ricevente, messaggio, referente, canale, codice. Osserviamo la situazione illustrata. Eleonora telefona a Luca, lo informa di aver acquistato con degli amici i biglietti per uno spettacolo di cabaret e lo invita a unirsi alla compagnia; Luca risponde con rammarico di non poter accettare l invito a causa di una partita di pallacanestro da disputare con la propria squadra durante la stessa serata. In questa situazione comunicativa compaiono tutti gli elementi che caratterizzano la comunicazione. Osserviamo la prima vignetta. Eleonora è l emittente o trasmettitore, cioè la persona che parla (al telefono) per comunicare un messaggio. Luca è il ricevente o destinatario, cioè la persona che ascolta ciò che Eleonora gli comunica e che, quindi, riceve il messaggio. Il contenuto della conversazione è il messaggio, cioè ciò che è espresso dall emittente. L invito allo spettacolo di cabaret è il referente, cioè l argomento del messaggio. Il telefono è il canale, cioè il mezzo materiale mediante il quale avviene la comunicazione. La lingua italiana è il codice, cioè l insieme dei segni e delle regole per comprendere il messaggio. Osserviamo la seconda vignetta. Anche in questa vignetta compaiono tutti gli elementi della comunicazione: Luca risponde a Eleonora, perciò assume a sua volta il ruolo di emittente. Eleonora, che ora ascolta, assume il ruolo di ricevente. Il messaggio cambia, perché è costituito dalla risposta di Luca a Eleonora. Il referente, il canale e il codice sono gli stessi della prima vignetta. Eleonora e Luca hanno realizzato una comunicazione, in quanto ci sono tutti gli elementi della comunicazione e si è verificato uno scambio di messaggi che ciascuno ha compreso attraverso un percorso circolare, dall emittente al ricevente e viceversa. 11

12 COMUNICAZIONE E TESTI Definiamo, dunque, gli elementi della comunicazione: emittente è colui che invia un messaggio (dal latino e = fuori e mittere = mandare, cioè mandar fuori, far uscire); ricevente (dal latino recipere = ricevere) o destinatario è colui che riceve un messaggio, in seguito al quale adotterà un certo comportamento; messaggio (dal latino missum = mandato, inviato) è il contenuto della comunicazione; referente (dal latino referre = riportare) è l argomento a cui si riferisce la comunicazione (per esempio: se scrivo una lettera d amore, il messaggio è il testo della lettera, il referente è l argomento, cioè l amore per la persona a cui scrivo); canale (dal latino canalis = conduttura, tubo) è il mezzo materiale attraverso il quale avviene la comunicazione (il cavo telefonico che permette alla voce di giungere all orecchio che ascolta, le forme e i colori del cartello stradale percepibili dai nostri occhi ); codice (dal latino codex = tavoletta sulla quale si scriveva) è l insieme dei segni dai quali è composto il messaggio e delle regole per decifrarli.il codice deve essere noto sia all emittente sia al ricevente perché la comunicazione possa essere efficace. VERIFICHE GRADUATE 1 Nelle seguenti frasi sottolinea con colori diversi l emittente, il messaggio, il ricevente. 1. Mi passi a prendere? chiese Eleonora a Luca. 2. Dove vai? chiese Maria al figlio. 3. La commessa ordinò al magazziniere: Porta in negozio la merce arrivata ieri. 4. L insegnante raccomandò ai suoi allievi: Preparatevi per la verifica di storia. 5. Il medico si rivolge al paziente: Come si sente dopo questo primo periodo di cura? 6. Il signor Luigi chiamò il suo cane dicendo: Vieni, Rex, mettiamo il guinzaglio. 7. Leo telefona a Giulia per congratularsi: Complimenti per la tua laurea. 8. La mamma chiede a Marco: Che cosa preferisci per cena? 9. Il negoziante si rivolse al cliente: Desidera? 2 Unisci con una freccia emittente e relativo messaggio Il medico a. Signora, lei è in contravvenzione. 2. L insegnante b. Mi spiace, signora, questa rivista è esaurita. 3. Il vigile c. Dove la porto? 4. L impiegato d. Purtroppo devo cambiare il radiatore. 5. Il preside e. Ti ho preparato una tazza di tè. 6. Il giornalaio f. Devi stare più attento all ortografia. 7. Il farmacista g. Tre pastiglie al giorno dopo i pasti. 8. Il taxista h. Compili il modulo e lo consegni allo sportello Il meccanico i. L insegnante dice che non ti comporti bene. 10. La mamma l. Per l antibiotico serve la prescrizione medica.

13 La comunicazione 3 Unisci con una freccia ricevente e relativo messaggio. 1. Falegname a. Posso usare la tua auto, papà? 2. Studente b. Mi serve una pellicola da 36 pose a colori. 3. Padre c. Per favore venga subito: ho una perdita d acqua in bagno. 4. Allenatore d. Questi ordini sono inevasi per mancanza di personale. 5. Negoziante e. Venga a cambiarmi il serramento della cucina, per cortesia. 6. Lucia f. Ha della biancheria ricamata a mano? 7. Fotografo g. Da domani una trasfusione al giorno al paziente della camera Infermiere h. Se la squadra perderà ancora, lei sarà esonerato. 9. Dirigente i. Andiamo al cinema questa sera? 10. Idraulico l. Domani sarai interrogato in matematica: studia! 4 Completa la tabella. EMITTENTE MESSAGGIO RICEVENTE parrucchiere Facciamo un bel taglio Tornerai accompagnato dai genitori. alunno sarto... cliente paziente Mi duole il dente.... cameriere... pizzaiolo... Vuoi sposarmi? Sonia 5 Prova a ideare un possibile messaggio per ogni coppia emittente / ricevente. giornalaio / cliente... medico / paziente... hostess / passeggero... calciatore / giornalista... preside / professore... studente / bidello... automobilista / vigile... madre / figlio... negoziante / cliente... 6 Individua il referente della comunicazione. 1. Il diretto delle 16,02 viaggia con 15 minuti di ritardo. (...) 2. Mescolare le uova con lo zucchero prima di aggiungere la farina, il cacao e il lievito. (...) 3. Favorisca i documenti, prego. (...) 4. Dove si trovava alle ore 21 di giovedì 19 aprile? (...) 5. A luglio andremo in Croazia e trascorreremo delle splendide giornate in riva al mare. (...) 13

14 COMUNICAZIONE E TESTI 7 Individua il canale della comunicazione. 1. Signori e signore, buonasera. Tra pochi istanti andrà in onda lo show del sabato. (...) 2. Pronto, è la famiglia Rossi? (...) 3. Vi prego, non mettete in disordine il salotto della nonna. (...) 4. Chi è? Entri dal portoncino. (...) 5. Congratulazioni vivissime. Famiglia Bianchi. (...) 8 Completa la tabella. MESSAGGIO REFERENTE CANALE La visione è riservata a un pubblico adulto Invito a cena Telefono Abbatti le calorie con Blocal.... Pagina pubblicitaria... Previsioni del tempo Radio Omicidio di Mantova. Arrestato un collega della vittima.... Articolo di cronaca 9 Per ciascuno dei seguenti messaggi indica il canale con cui viene trasmesso. 1. Avete ascoltato la prima edizione del Gazzettino padano. (...) 2. Telecom Italia Mobile. Informazione gratuita. Il cliente da lei chiamato non è al momento raggiungibile. La preghiamo di riprovare più tardi. (...) 3. Risponde la segreteria telefonica del numero Siamo momentaneamente assenti. Dopo il segnale acustico è possibile lasciare un messaggio. (...) 4. Assisterete ora alla prima puntata dello sceneggiato Michelangelo. (...) 5. Buttami le chiavi dal balcone: sono uscito di corsa e le ho dimenticate. (...) 6. Pronto! Pronto, non capisco, alzi la voce, per favore. (...) 7. Nella notte la perturbazione proveniente dall Atlantico raggiungerà l Italia nord-occidentale. (...) 10 Ora sottolinea in rosso l emittente e in blu il ricevente dei messaggi dell esercizio precedente. 11 Nelle seguenti comunicazioni individua gli elementi indicati. 1. Sul campo di calcio l arbitro rileva un fallo commesso da un giocatore, fischia e grida: Punizione!. EMITTENTE... RICEVENTE... CANALE... REFERENTE... MESSAGGIO Pronto? Sei tu, Giuseppe? Oh, ciao Monica, stavo proprio per chiamarti. EMITTENTE... RICEVENTE... CANALE... REFERENTE MESSAGGIO...

15 La comunicazione 3. Al termine dell orario di lavoro, alla vigilia di Natale, un impiegato si rivolge al direttore dell ufficio dicendo: Le auguro buone feste. EMITTENTE... RICEVENTE... CANALE... REFERENTE... MESSAGGIO Una signora entra in una profumeria e chiede alla commessa: Avete la fragranza estiva di Dior?. EMITTENTE... RICEVENTE... CANALE... REFERENTE... MESSAGGIO Un ragazzo entra nella scuola per iscriversi all anno scolastico successivo e, rivolgendosi al bidello, chiede: Buongiorno. Per favore, dov è la segreteria?. EMITTENTE... RICEVENTE... CANALE... REFERENTE... MESSAGGIO Facendo riferimento a un messaggio pubblicitario a te noto, individua l emittente, il messaggio, il ricevente, il referente, il canale I segni per comunicare La comunicazione è uno scambio di messaggi che avviene per mezzo di segni, cioè attraverso parole, suoni, luci, gesti, colori, espressioni Il segno è l elemento minimo della comunicazione. I segni con cui si comunica sono numerosissimi e di varia natura; tutti, però, si percepiscono mediante i sensi. Essi sono diversi a seconda del senso interessato alla percezione: i segni acustici si percepiscono con l udito (i rintocchi di una campana, le parole pronunciate dalle persone, il verso di un animale, la sirena dei vigili del fuoco, il tuono durante un temporale ); i segni gustativi si percepiscono con il gusto (i sapori che contraddistinguono le diverse sostanze, dal dolce all acido, all amaro ); i segni olfattivi si percepiscono con l olfatto (odori e profumi legati ad ambienti e sostanze ); i segni tattili si percepiscono con il tatto (la temperatura che si rileva dal contatto, le caratteristiche di una superficie ); i segni visivi si percepiscono con la vista (il colore della luce del semaforo, i gesti compiuti con le parti del corpo, i movimenti del corpo di un animale ). I segni, però, non sono costituiti solo da sapori, odori, gusti, ma da qualunque elemento possa inviarci un messaggio: un viso bagnato di lacrime evoca una sofferenza, un fiore in regalo è un segnale di simpatia 15

16 COMUNICAZIONE E TESTI Ciò che i sensi percepiscono è, in realtà, l elemento concreto del segno, cioè il significante, ma esso non basta per la comprensione; occorre, infatti, che a ogni significante si colleghi un concetto, un immagine mentale che rappresenti ciò che il significante evoca, cioè il significato, che è l elemento astratto del segno. Significato e significante non possono essere disgiunti e sono caratteristiche di ogni segno. A volte il rapporto tra significante e significato è frutto di una convenzione, cioè di un accordo tra persone che attribuiscono un certo significato a un certo significante. Ovviamente, questa convenzione deve essere condivisa affinché un certo significante abbia per tutti lo stesso significato: il segnale stradale di divieto di accesso, per esempio, esprime un messaggio che può essere compreso soltanto se il significato (divieto di accesso) attribuito a quel significante (cartello circolare con campo rosso e striscia orizzontale bianca) è noto. Sono frutto di una convenzione anche le note musicali, i segni linguistici, i numeri I segni possono essere involontari o volontari. Sono involontari i segni naturali, mentre sono volontari i segni artificiali. I segni naturali trasmettono un messaggio che non è intenzionale, non perseguono uno scopo e non rispondono a una volontà di comunicare, ma sono dotati di un significato. Sono segni naturali le orme lasciate da chi ha camminato sulla sabbia bagnata della spiaggia, la febbre che indica una malattia, la luce accesa che lascia ipotizzare che ci sia qualcuno nella stanza TRACCE, SINTOMI, INDIZI Sono segni naturali le tracce, i sintomi, gli indizi. Le tracce sono l effetto di un evento: la loro constatazione permette di risalire alla causa con certezza: le impronte di scarpe sul terreno danno la certezza che qualcuno sia passato in quel luogo. I sintomi sono l effetto immediato e certo di un evento in atto: i lampi e i tuoni indicano che è in atto un temporale. Gli indizi sono segni che consentono di ipotizzare un evento: l auto del mio amico Andrea parcheggiata davanti a casa sua mi permette di ipotizzare che Andrea sia in casa, ma non mi consente di esserne certo (Andrea potrebbe essere uscito senza l auto). 16 I segni artificiali trasmettono un messaggio che è intenzionale, perseguono uno scopo e rispondono a una volontà di comunicare. Sono segni artificiali il gesto utilizzato per salutare un amico, l icona che indica la presenza di un area di servizio in autostrada, i simboli numerici

17 La comunicazione SEGNALI, ICONE, SIMBOLI Sono segni artificiali i segnali, le icone, i simboli. I segnali sono segni il cui significante è di immediata comprensione, infatti esprimono chiaramente un certo significato: il dito indice posto sulle labbra, per esempio, indica la richiesta di silenzio. Le icone sono segni grafici di facile comprensione perché sono il disegno semplificato e stilizzato dell oggetto che vogliono rappresentare: l icona di una donna o di un uomo sulla porta dei bagni di un bar indica con chiarezza a chi, uomo o donna, è destinato l uso di quel servizio. I simboli sono segni il cui significato è l esito di un accordo, di una convenzione: i numeri, le formule chimiche, i segni linguistici comunicano un messaggio soltanto a coloro che conoscono la convenzione di cui sono frutto. I segni utilizzati per comunicare sono segni artificiali creati dall uomo e possono essere di vari tipi. Questi diversi tipi di segni, usati per comunicare e organizzati secondo determinate norme, costituiscono un codice o linguaggio. VERIFICHE GRADUATE 1 Indica se i segni elencati sono visivi (V), acustici (A), gustativi (G), olfattivi (O), tattili (T). il sapore del cioccolato (...) il suono della sveglia (...) il calore del sole (...) il sibilo del vento (...) il fruscio delle foglie (...) il colore dei fiori (...) l odore della terra bagnata (...) la temperatura dell acqua (...) la morbidezza della seta (...) il profumo della saponetta (...) 2 Indica almeno un esempio significativo di comunicazione attraverso i vari tipi di segno. Segni acustici... Segni visivi... Segni gustativi... Segni olfattivi... Segni tattili... 3 Completa la tabella indicando il tipo di segno in riferimento a ogni situazione. SITUAZIONE TIPO DI SEGNO Dario consulta la cartina stradale.... Paolo va in cucina attratto dal profumo della torta.... Giulia stringe a sé il suo cagnolino che ha paura del temporale.... Sara assapora la crostata di fragole appena sfornata.... Ascolto il nuovo CD che mi è stato regalato

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli