COMUNE DI CAMPOBASSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CAMPOBASSO"

Transcript

1 COMUNE DI CAMPOBASSO LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO QUINQUENNIO (ART. 46 CO. 3 D. LGS N. 267) I futuri non realizzati sono solo rami del passato: rami secchi 1.Premessa Da Le città invisibili di Italo Calvino Il programma per il mandato amministrativo rappresenta lo sviluppo delle idee contenute nei programmi elettorali presentati dalla forza di coalizione eletta nelle elezioni amministrative del 25 maggio scorso. L elezione della coalizione significa, in primo luogo, che i cittadini di Campobasso hanno espresso un giudizio condiviso sul progetto di governance comunicato durante la campagna elettorale e, quindi, sulle linee di indirizzo e gli obiettivi ivi contenuti. Le linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti, che l attuale Consiglio comunale è chiamato ad approvare, costituiscono il documento attraverso il quale l Amministrazione definisce la propria identità e la missione da raggiungere durante gli anni di mandato conferito. Il cambiamento, per questa Città, è iniziato il 25 maggio 2014: ora occorre dare concretezza alle idee, ai suggerimenti, alle speranze, alle proposte, alle scelte già pensate, anche dalla società civile, che già nella fase della campagna elettorale ha attivamente contribuito, attraverso i forum proposti, alla elaborazione del programma di coalizione. Come annunciato occorre operare per un Comune gentile e costruire le azioni, i programmi ed i progetti attraverso il metodo del confronto ed interlocutorio affinché nessuno si senta escluso ; contribuire ad un modello nuovo di Città cui anche altri possano guardare: un modello che parta dal voler considerare la comunità civile che qui vive una realtà vitale, operosa e solidale, una comunità risoluta e pronta. 1

2 Bisogna dare forza al dialogo, all ascolto, alla pazienza, alla mediazione, al riscatto, agli obiettivi, ai progetti, ai modelli, alla gentilezza e alla sobrietà. Serve un idea della città che dia senso alle scelte che si faranno. Non basta solo fare. Intanto occorre fare bene, ma è oltremodo necessario che al fare si anteponga il pensare, il progettare, il disquisire e lo scegliere insieme a tutta la comunità amministrata allo scopo di ricostruire il senso reale di COMUNITA. Campobasso ha bisogno di partecipazione, ha bisogno di sentire il calore della sua gente, ha bisogno di nuove idee e di persone che si battano per realizzarle. Nel contesto dell attuale sistema sociale la programmazione che l ente deve assicurare è quella improntata a scenari ad assetti variabili e pertanto il nostro obiettivo è quello di rendere gli strumenti amministrativi in processi flessibili ed adattabili, senza perdere però l oggettività di situazioni dettate dallo scenario politico-istituzionale e finanziario, sia a livello locale che nazionale. Lo strumento quindi che adotteremo sarà quello di una programmazione dinamica e non statica. Il momento congiunturale sia economico che di tensione sociale non consente un aumento della spesa né sul fronte dei consumi né su quello degli investimenti. In questo momento tutti gli Enti Locali sono chiamati a dare il loro contributo attraverso azioni tali da orientare i propri interventi conciliando sia le esigenze della collettività che l obiettivo di restare all interno dei parametri fissati dal Patto di Stabilità. Occorre, quindi, operare per far inserire la nostra Città all interno delle progettualità strategiche europee, sfruttando la programmazione comunitaria che privilegia il partenariato istituzionale nell ambito delle diverse realtà delle collettività territoriali. Il ruolo che Campobasso dovrà avere nel futuro, che diventa strategico anche per il territorio circostante e limitrofo, deve essere proiettato a logiche, per quanto possibile, di incentivazione macroeconomica degli investimenti pubblici che possano creare uno schok al tessuto economico-imprenditoriale la quale ricaduta potrà determinare sviluppo degli aggregati di spesa per consumi attraverso la leva dell occupazione. Con ciò non ci sogniamo di sostituirci agli organi di politica nazionale ma di renderci parte sostanziale per aumentare gli sforzi del Governo Centrale nella direzione della ripresa economica. Tale affermazione può sembrare aulica e ridondante ma se si analizzano i dati e gli indici macroeconomici, a livello regionale, dai quali risulta una propensione marginale al consumo di 5/ 7 volte l input iniziale ben si comprende che spendere ,00 di euro significa attivare un volume di flussi pari a 7 milioni. Pertanto la politica dell Amministrazione sarà tesa a spendere meno per attività che possono essere realizzate a costo zero con la collaborazione di tutte le parti sociali e più proiettata a 2

3 spese di grande respiro quale la manutenzione del tessuto cittadino e la ultimazione e realizzazione di interventi sulle spese di investimento. Occorrerà aprire anche urbanisticamente la città capoluogo all inevitabile e fertilissima idea/realtà di area vasta. II probabile superamento della dimensione amministrativa della provincia, o comunque il suo depotenziamento, impongono con urgenza visioni unitarie e sinergiche tra le diverse amministrazioni dell'area limitrofa prima di tutto nella realizzazione di aree antropizzate tra loro legate/collegate. La collaborazione ed il dialogo istituzionale può contribuire, in maniera profonda, a fare sistema sulle tematiche del rilancio territoriale e dello sviluppo sociale; il ruolo che Campobasso intende esercitare in tal senso sarà quello di promozione e divulgazione del concetto di area Vasta da candidare presso la commissione europea quale territorio di interesse comunitario. Campobasso dovrà imprimere l accelerazione necessaria al territorio centrale del Molise e assumere il ruolo di coagulante per formare le necessarie masse critiche e di riferimento, nonché di riflessione decisionale, in termini sia di popolazione che di estensione territoriale. Un discorso a parte merita il rapporto che l Ente ha intenzione di istaurare con il massimo organo di formazione scientifica presente sul territorio ossia l Università degli Studi del Molise che può e deve svolgere una funzione di impulso non solo alla formazione specialistica dettata dal territorio ma anche a quei progetti che, calati sulla realtà territoriale in modo appropriato e sinergico con le istituzioni, possono determinare un circuito di contatti internazionali atti ad attivare anche investimenti e sviluppo del territorio in rapporto alle specificità da questo esprimibili 2. La struttura del programma di mandato Le presenti linee programmatiche sono la naturale e conseguenziale trasformazione del programma elettorale in programma di governo. La struttura del documento parte dalle singole linee di programma al cui interno ritroviamo singoli progetti ed interventi. Il documento è alla base per la definizione e costruzione delle azioni concrete che stanno alla base della pianificazione dell ente. Nel definire tali azioni si devono aver chiari il percorso da seguire e gli obiettivi da raggiungere. E strategico non soltanto ciò che è importante che appaia ma ciò che la collettività indica quale elemento condizionante dell ente rispetto all ambiente. L agire non deve essere necessariamente ed esasperatamente innovativo, ma deve innanzitutto rispondere alle esigenze degli attori della società ossia dei cosiddetti portatori di interessi o steakholders. Definire la strategia tenendo conto dei portatori di interesse è la metodologia vincente, ma a questa si arriva Solo attraverso forti momenti di concertazione e confronto tra la società civile e gli organi gestionali e politici può portare a stabilire il metodo di lavoro ottimale vincente e che può determinare un posizionamento migliore del Comune di 3

4 Campobasso all interno delle logiche delle città definibili strategiche o delle aree vaste di interesse strategico. La programmazione definita nei documenti fondamentali dell ente, primo fra tutti il Programma di Mandato troverà puntuale attuazione attraverso le sinergie tra assessori e dirigenti ottenibile con l adozione annuale del Piano esecutivo di gestione (Peg) che definisca in modo preciso gli obiettivi di breve periodo. In tale contesto occorre tener presente la sempre ed indispensabile separazione e definizione delle competenze. Ciò è possibile solo in presenza di settori dell amministrativi ben organizzati ed integrati, che interagiscano a prescindere dai contenuti delle deleghe dei singoli assessorati ed in presenza di una politica matura, che si pone il problema di dotarsi di una buona organizzazione per poter intraprendere un valido percorso di pianificazione strategica. Per realizzare una buona organizzazione è opportuno favorire una concentrazione decisionale a livello di strutture dirigenziali allargando le deleghe gestionali-operative che, per evitare un effetto dispersivo e ricondurre ad unità le decisioni, verranno coordinate e controllate da una unità di staff che assumerà la funzione di direzione gestionale e di cerniera tra la struttura burocratica e la struttura politica. Il reticolo gestionale per programmi e progetti che l Ente vuole attuare e quello orientato al processo finalizzato all obiettivo strategico e ove possibile seguirà il principio di collegamento tra strumento strategico (Bilancio pluriennale Relazione previsionale e programmatica ) e la programmazione operativa (Piano annuale Piano esecutivo di gestione) secondo il seguente schema: PROGRAMMA DI MANDATO LINEE PROGRAMMATICHE Programmi Progetti - Interventi RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMATICA (TRIENNALE) Programmi Obiettivi strategici BILANCIO PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE (ANNUALE) Obiettivi strategici Obiettivi gestionali Il programma del Sindaco, che delinea l azione di governo dell Amministrazione comunale di Campobasso, parte dalle quattro linee strategiche d intervento presentate nel programma elettorale: 1) Campobasso che si rinnova; 2) Campobasso che lavora; 4

5 3) Campobasso da vivere; 4) Campobasso dei flussi. Le quattro linee strategiche vengono declinate nelle seguenti Linee Programmatiche che attengono ai vari ambiti di intervento dell Ente: N.1 LINEE PROGRAMMATICHE PER LA GESTIONE URBANISTICA E PER IL CONTROLLO DEL TERRITORIO; N.2 LINEE PROGRAMMATICHE PER I LAVORI E LE OPERE PUBBLICHE, LA MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE E LA PROTEZIONE CIVILE; N.3 LINEE PROGRAMMATICHE EUROPEE, CULTURALI E GIOVANILI E PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA TURISTICO LOCALE E DEL CENTRO STORICO; N.4 LINEE PROGRAMMATICHE PER IL SOCIALE, PER LE POLITICHE GIOVANILI, PER LO SPORT, PER L EDUCAZIONE ALLA LEGALITA, PER LE PARI OPPORTUNITA ; N.5 LINEE PROGRAMMATICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, SICUREZZA E LEGALITA DEL TERRITORIO; N.6 LINEE PROGRAMMATICHE PER LA PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E TRIBUTARIA, PER LA GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO, PER LA GESTIONE E VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE; N.7 LINEE PROGRAMMATICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE ED IL POTENZIAMENTO DELLA MOBILITA URBANA; N.8 LINEE PROGRAMMATICHE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA UNIFICATO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA; N.9 LINEE PROGRAMMATICHE PER IL VERDE PUBBLICO, L ARREDO URBANO E LA SANITA URBANA 5

6 CAMPOBASSO CHE SI RINNOVA (linee programmatiche n. 1, n. 2, n.8 e n.9) N.1 LINEE PROGRAMMATICHE PER LA GESTIONE URBANISTICA E PER IL CONTROLLO DEL TERRITORIO. Si promuoverà una riflessione sul piano regolatore generale (PRG) strutturandone uno che, dopo le alterazioni del territorio stratificatesi nel coso degli anni, possa riprogrammare, all interno dello stesso PRG attraverso i nuovi strumenti di pianificazione e le varianti, le eventuali riclassificazioni necessarie per la salvaguardia ulteriore del suolo e per la qualificazione urbanistica della città. Si intende prioritariamente mappare la qualità e la quantità del patrimonio edilizio esistente e disponibile in relazione ai servizi e alle infrastrutture già esistenti sul territorio, individuando strategie di equilibrio e predisponendo una reale fase di progettazione. Si costituirà, per questo, un Ufficio di Piano con iniziali compiti di puntuale censimento del reale sviluppo del territorio; in particolare occorrerà censire cosa sia stato realizzato in eccedenza e quali infrastrutture manchino per ciascuna area. L ufficio dovrà programmare e progettare, con tutti gli strumenti urbanistici a disposizione, l adeguamento del piano regolatore alle esigenze della città reale e dei suoi cittadini alla luce delle nuove condizioni sociali ed economiche, anche modificando interventi previsti che non rappresenterebbero più oggi una reale necessità per i cittadini. In particolare occorrerà adeguare lo strumento del Regolamento Edilizio. Si limiteranno gli interventi in addizione a quelli che realmente e realisticamente realizzano significativi ritorni in termini di aree e opere pubbliche coerentemente con un disegno urbano più compatto possibile; bisogna investire nella riqualificazione, costruzione o integrazione dello spazio pubblico come strumento per il miglioramento della qualità urbana nei plessi periferici. Sarà prioritaria la rigenerazione e ricucitura del tessuto urbano. La costruzione di un nuovo modello di città passa necessariamente attraverso il ripensamento del ruolo che l ambiente e il paesaggio assumono in un rinnovato concetto di qualità della vita e di benessere. Si ricercherà strategicamente un giusto equilibrio fra conservazione e valorizzazione, fra integrazione e sostituzione, fra riuso e riconnotazione. Ideeremo e promuoveremo la rifunzionalizzazione degli spazi urbani. Si completerà l assegnazione di fondi regionali già assegnati per il recupero, da parte dei privati nel centro storico cittadino, del patrimonio edilizio. Si programmeranno altre fonti di finanziamento per ulteriori interventi di restauro o risanamento conservativo, di ripristino funzionale, di manutenzione straordinaria e di adeguamento alle norme di sicurezza ed antisismiche. L obiettivo è contribuire a ridurre il degrado ambientale rallentando, di conseguenza, i processi di desertificazione urbana e favorendo, contemporaneamente, l economia locale. La ricchezza architettonica ed urbanistica del 6

7 centro storico, adeguatamente restaurato, incentiverebbe la realizzazione di strutture di albergo diffuso. Il rinnovato approccio ai temi della definizione delle caratteristiche dell insediamento urbano deve perseguire l obiettivo dell ottimizzazione delle tecniche costruttive e dell efficientamento energetico ecosostenibile degli edifici (obiettivo edifici classe A, case passive), mediante l uso di accorgimenti bioclimatici e l utilizzazione massima delle fonti energetiche rinnovabili. L obiettivo è quello di approdare, tramite incentivi mirati, ad un sistema costruttivo integrato, sismicamente sicuro, leggero, flessibile, adattabile, reversibile, confortevole e salubre, un sistema per la riqualificazione e la nuova edificazione sostenibile. Si provvederà ad incentivare e coltivare la collaborazione fattiva con tutti gli ordini professionali, con la Soprintendenza ai beni architettonici e paesaggistici, con l Università del Molise e con istituti ed enti che operano sul territorio. Fondamentale sarà anche il confronto e il dialogo con tutte le associazioni di categoria in ambito edilizio, nonché con le associazioni ambientaliste presenti sul territorio. Si promuoveranno, condivideranno, patrocineranno convegni e workshop su tematiche di gestione del territorio, di politiche urbanistiche, di sostenibilità e di edilizia. Si progetterà una rete tra città/comuni con caratteristiche urbanistiche simili, si studierà la fattibilità di partenariati durevoli con città europee. Si individuerà il patrimonio immobiliare di pregio del Comune e, attraverso il reperimento di adeguati canali di finanziamento, si provvederà ad ammodernarlo, valorizzarlo e destinarlo utilmente. Fra questi il mercato coperto di via Monforte è un intervento da programmare e realizzare sia per il valore architettonico dell edificio, sia per il suo ruolo cerniera nel contesto urbanistico del centro città. Si provvederà a stimare gli effetti ambientali di ogni intervento costruttivo ipotizzando possibili procedure di dettaglio per la valutazione dell impatto ecologico di ogni nuova 14. edificazione. Si individueranno e sceglieranno delle procedure per il calcolo delle emissioni di CO2 per ogni progetto che devono essere compensate, in quota parte, con la piantumazione di essenze arboree autoctone. Si predisporranno due regolamenti tra loro complementari: quello per il Piano Colore e quello per l Arredo Urbano. Ad una prima fase di indagine e censimento della realtà esistente, seguiranno le proposte e la stesura delle regole, con predisposizione di incentivi alla riqualificazione. 7

8 N.2 LINEE PROGRAMMATICHE PER I LAVORI E LE OPERE PUBBLICHE, LA MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE E LA PROTEZIONE CIVILE Gli interventi nel campo dei Lavori Pubblici, nel prossimo quinquennio, oltre a tenere conto della programmazione sin qui predisposta, dovranno portare alla riorganizzazione, messa in sicurezza, potenziamento e valorizzazione del patrimonio pubblico che nel corso degli anni si è degradato per la carenza di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Dovranno essere completate le opere ancora in sospeso. In particolare: Verrà ultimato l intervento di completamento e gestione della piscina comunale, anche attraverso procedure coinvolgenti fondi privati. Verranno potenziate le reti di distribuzione dell acqua potabile, soprattutto nella zona industriale, e completati i lavori di ampliamento della rete fognaria con miglioramento della funzionalità dei depuratori comunali. In special modo si intende riqualificare la rete di distribuzione ed adduzione dell acqua potabile tramite efficientamento e riduzione delle perdite idriche, attualmente presenti. Verrà assicurata la riqualificazione dei cimiteri della città, attraverso le manutenzioni straordinarie volte a ripristinare il massimo decoro e con forme di gestione più opportune per garantire l efficienza e la rilevanza pubblica di questo servizio. Verrà dato corso al secondo lotto, con la Ditta Dondi, per la realizzazione ed il completamento del project financing, finalizzato alla costruzione di ulteriori loculi e cappelle nel cimitero cittadino. Per la realizzazione e gestione del forno crematorio, struttura di interesse non solo cittadino e regionale ma anche extraregionale, verrà espletata la seconda fase della gara attraverso l istituto del project financing. Per l edilizia scolastica si darà corso alla esecuzione dei lavori di costruzione delle Scuole materne di Via Crispi Via Berlinguer e di S. Antonio dei Lazzari, recentemente aggiudicate..non sarà tralasciata la messa in sicurezza degli altri edifici, attraverso azioni di riqualificazione e ristrutturazione che saranno rivolte al miglioramento sismico nonché alla prevenzione della sicurezza antincendio e, conseguentemente, all acquisizione delle certificazioni mancanti finalizzate alla regolarizzazione degli stessi. Si procederà, inoltre, ad una razionalizzazione delle strutture esistenti, ridistribuendo la popolazione scolastica in relazione allo sviluppo territoriale ed a quello demografico del comune e del bacino d utenza. E intenzione dell Amministrazione investire per riattivare gli edifici scolastici attualmente non utilizzati. Con i fondi comunali, verrà ampliata la capacità ricettiva della Scuola elementare di Via Jezza, e realizzata la messa in sicurezza della scuola materna di Via Fortunato. 8

9 Saranno realizzati, nell immediato, altri interventi, recentemente finanziati ai sensi dell Art. 48 del D.L. 66/2014 Delibera CIPE del Regione Molise, recante Misure urgenti in materia di riqualificazione e di messa in sicurezza in conformità a quanto previsto dalle norme antincendio. E intenzione di questa Amministrazione proporre la modifica dell accordo di cui alla Delibera CIPE n. 91 del che prevede la riprogrammazione di 11 milioni di euro per la mancata realizzazione della galleria di collegamento tra il Terminal bus ed il centro cittadino. Quota parte della somma sarà impiegata per: Lavori vari di messa in sicurezza della scuole cittadine; Realizzazione di una nuova scuola elementare a servizio del quartiere CEP; Realizzazione scuola elementare contrada Mascione; Miglioramento della accessibilità e della sicurezza della Scuola Media Petrone; Interventi di sistemazione del complesso scolastico della scuola elementare di Via Roma finalizzato sia al recupero scolastico sia al recupero e destinazione funzionale dell edificio per altre attività culturali ed anche espositive; Adeguamento scuola media d Ovidio. La riqualificazione energetica degli edifici, nonché degli impianti, attraverso l utilizzo delle risorse messe a disposizione dalla Comunità Europea, al fine di ridurre i consumi e rendere energeticamente efficienti le strutture e la pubblica illuminazione sarà realizzata su: - pubblica illuminazione, con la progressiva sostituzione delle lampade attuali con lampade al LED ad alta efficienza energetica; - impiantistica sportiva; - impianti termici e fotovoltaici di alcuni edifici scolastici. In materia di manutenzione andrà potenziata la capacità di programmare con periodicità gli interventi ordinari e straordinari sia sulla rete delle infrastrutture viarie, interne ed esterne al centro cittadino, che sugli edifici pubblici al fine di garantire maggiore sicurezza alla pubblica viabilità ed agli immobili con conseguenti risparmi di spesa relativi a richieste di risarcimento danni. In materia di Protezione civile, l evoluzione normativa nazionale e le nuove direttive, anche regionali, muovono sempre di più verso la consapevolezza che le relative attività, oltre alla gestione dell emergenza, debbono rivolgersi alla mitigazione dei rischi, alla limitazione dei danni, al monitoraggio, alla previsione e prevenzione dei fenomeni calamitosi. Verranno, pertanto, rivisitate, in modo da verificarne la funzionalità, le aree di emergenza per il ricovero della popolazione in caso di calamità, andrà aggiornato il Piano di Emergenza Comunale, fermo al 2004, e si procederà all aggiornamento del Piano Comunale di Protezione Civile e del relativo Regolamento. Nell ambito dell efficientamento della struttura di intervento in caso di eventi calamitosi, verrà 9

10 potenziata la struttura comunale con particolare riguardo ai rapporti tenuti con le Associazioni di volontariato che verranno coinvolte nell organizzazione e nella gestione dei Piani di interventi e di emergenza predisposti dal Comune. N.8 LINEE PROGRAMMATICHE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA UNIFICATO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Raccolta differenziata a domicilio Relativamente al ciclo dei rifiuti il Comune di Campobasso deve recuperare il tempo perso in questi anni e diventare un ente virtuoso. Occorre organizzare e far partire la raccolta differenziata dei rifiuti con la quale si avranno maggiormente due vantaggi: risparmio monetario perché si riduce la quantità di rifiuti indifferenziati conferiti in discarica, che vengono pagati a peso; guadagno derivante dalle vendita del materiale differenziato (ad es. al CONAI). Tali vantaggi prioritari e di impatto immediato devono però evolversi in un contesto di autoreimpiego delle risorse finalizzate ad investimenti per il raggiungimento di un risultato sempre più capillare e settorializzato che consenta nel tempo di arrivare ad un totale riciclo del riciclabile. La riqualificazione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani attraverso la raccolta differenziata è senza alcun dubbio una importante iniziativa che deve coinvolgerci tutti, affinché sia possibile migliorare la qualità della vita della nostra città, riducendo gli sprechi e contribuendo al processo di sviluppo consapevole e sostenibile contro l inquinamento e lo spreco delle risorse. Riqualificare, tuttavia, non può prescindere dal cambiare. Ed è proprio dal cambiamento che prende piede la programmazione delle raccolta dei rifiuti solidi urbani attuata attraverso: SENSIBILIZZAZIONE & COMUNICAZIONE: L esperienza raccolta in questo ultimo decennio dimostra che comunicare al cittadino le politiche intraprese dall Amministrazione è il punto di partenza imprescindibile di una buona campagna di sensibilizzazione. Implementare la raccolta differenziata non è una scelta è un dovere; un vincolo per gli organi decisionali ma anche per i cittadini. Salvaguardare il nostro futuro e il futuro del nostro mondo, seppur costa impegno, seppur non porta immediato guadagno e un obbligo per ciascuno di noi. Per comprendere e condivider una strategia amministrativa, tuttavia, è fondamentale conoscerne gli obiettivi, le modalità di attivazione, i vari livelli di 10

11 coinvolgimento del cittadino e così via affinché la stessa strategia non sia fagocitata da effimero e demagogico scetticismo. Per questi motivi, al primo punto della nostra programmazione vi è la comunicazione. GREEN PUBLIC PROCUREMENT: Un piano d azione volto alla sostenibilità ambientale non può che vedere l amministrazione pubblica avanguardia del buon agire. In questo contesto si inserisce l iniziativa del c.d. Green Public Procurement: favorire lo sviluppo di un mercato di prodotti e servizi a ridotto impatto, razionalizzare acquisti e consumi e ad incrementare la qualità ambientale delle proprie forniture ed affidamenti. FORMAZIONE SCOLASTICA: attraverso il coinvolgimento non solo degli alunni ma soprattutto degli insegnanti. STUDIO E ANALISI della situazione e del contesto comunale: approfondimento sullo stato di avanzamento della raccolta differenziata sul territorio di Campobasso e implementazione di strategie conformi alle esigenze del territorio, non escludendo l attivazione di metodologia di azioni differenti per zone. N. 9 LINEE PROGRAMMATICHE PER IL CENTRO STORICO, IL VERDE PUBBLICO, L ARREDO URBANO E LA SANITA URBANA Verde pubblico Costituisce obiettivo impegnativo e fondamentale di questa Amministrazione mantenere in efficienza le aree verdi cittadine sia sotto il profilo tecnico agronomico, che sotto il profilo della sicurezza, della funzionalità, dell'igiene, della fruizione e del decoro estetico. Le aree verdi sono: parchi, giardini, aiuole, viali alberati, fioriere, rotonde, verde di pertinenza stradale, verde di pertinenza di parcheggi, verde di pertinenza degli edifici pubblici. Naturalmente mantenere in buono stato di fruizione il verde pubblico cittadino consente di migliorare il benessere di tutta la collettività e, quindi, la qualità della vita. Infatti, le aree verdi urbane hanno una duplice funzione: ecologica e sociale. Hanno una funzione sociale in quanto consentono di rendere più bello esteticamente l aspetto della città e, quindi, più piacevole e accogliente per i suoi abitanti e una funzione ecologica, in quanto purificano l area che respiriamo liberandola dallo smog. 11

12 Pertanto, è obiettivo dell Amministrazione aumentare la dotazione di aree verdi nella nostra città e di curarle adeguatamente. Inoltre, per migliorarne lo stato è sicuramente importante tener presente le esigenze degli anziani e dei bambini, che sono coloro che per la maggior parte della settimana fruiscono degli spazi verdi comunali. Al fine di programmare gli interventi da eseguirsi è necessario procedere a un monitoraggio dell attuale situazione, a un controllo dello stato dei giochi situati in queste aree ed a un censimento non solo numerico, ma anche qualitativo, del soprassuolo arboreo. Tale censimento dovrà riguardare anche gli alberi di grandi dimensioni, i cosiddetti alberi monumentali, come contemplato dalla legge dello Stato n. 10 del L Amministrazione provvederà al mantenimento in stato decoroso di tutte le aree verdi pubbliche anche mediante il ricorso a convenzioni con Associazioni, Cooperative sociali, Enti di ricerca e Istituzioni scientifiche. Ci si avvarrà anche di altri strumenti quali i lavori di pubblica utilità ed i patti sociali. Si valuterà la possibilità di affidare alcune delle aree verdi pubbliche ai comitati di quartiere, dando l opportunità di godere di spazi, fruibili a tutti i cittadini, nei quali organizzare manifestazioni e attività che diano decoro all immagine della città e che consentano di promuovere l integrazione sociale. Di contro i comitati assicureranno la manutenzione ordinaria, il servizio di guardiania e di pulizia con risultati di tipo educativo. Si incrementerà e valorizzerà la realizzazione di parchi urbani e corridoi verdi, ipotizzando anche protocolli di intesa con enti ed istituzioni. Si studierà la fattibilità di parchi tematici nei diversi contesti dei quartieri e delle contrade. Occorrerà aumentare i comprensori di verde naturale ubicati in citta, rendendoli maggiormente fruibili con percorsi pedonali e piste ciclabili. Al fine di incentivare la partecipazione di società, enti, privati cittadini, titolari di esercizi commerciali e ditte nella cura e manutenzione degli spazi pubblici, l'amministrazione ha intenzione di chiedere la disponibilità ad adottare un'area verde cittadina, ovvero a farsi carico della gestione ordinaria degli spazi verdi di arredo, mediante interventi di sistemazione e arricchimento floreale e/o arbustivo usufruendo delle agevolazioni previste dal regolamento vigente. Anche le scuole verranno coinvolte in progetti mirati. In aree da individuare il Comune procederà, inoltre, alla piantumazione di un albero in occasione della nascita di ogni bambina/o (legge n. 113 del ). Si predisporranno bandi per l'assegnazione di appezzamenti per orti urbani da realizzarsi in alcune aree verdi pubbliche. Il progetto ha come obiettivo quello di migliorare ed animare le aree verdi cittadine inutilizzate, favorendo la loro riqualificazione e la socializzazione fra i cittadini, trasformando alcune periferie e connettendole al tessuto urbano. 12

13 Nell ottica di assicurare anche alle aree private la cura e il decoro necessari, si richiederà l intervento degli stessi cittadini per mantenere in maniera decorosa le aree di loro pertinenza (giardini non sfalciati, rami pendenti sui marciapiedi, ecc.), anche attraverso l adozione di apposito regolamento. Sanità urbana Collegata alle politiche per l ambiente, per la tematica della sanità urbana l Amministrazione si propone di: ridurre l inquinamento atmosferico, promuovendo politiche e progetti concreti di mobilità sostenibile, valorizzando i luoghi di incontro (piazze, aree verdi), incrementando lo sviluppo culturale e il miglioramento ecologico della città e aumentando gli scambi tra i quartieri; ridurre la necessità del trasporto motorizzato privato e promuovere alternative valide e accessibili; incrementare la quota di spostamenti effettuati a piedi, in bicicletta e con mezzi pubblici; promuovere il passaggio ai veicoli con basse emissioni di scarico; promuovere una pianificazione della sanità urbana; sensibilizzare gli addetti ai lavori affinché integrino le tematiche della salute nelle strategie e nelle iniziative di pianificazione urbana. CAMPOBASSO CHE LAVORA (linee programmatiche n. 3, n. 5 e n. 6) N. 3 LINEE PROGRAMMATICHE EUROPEE, CULTURALI, PER L ISTRUZIONE E PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA TURISTICO LOCALE La nostra cultura ed il nostro territorio non sono esportabili e vanno vissuti e visitati. La cultura, nel suo imprescindibile legame con l istruzione, è parte integrante dello sviluppo umano e civile, è fattore di crescita ed emancipazione sociale, significa trasmissione di valori. Questa Amministrazione, ritenendo che la cultura rappresenti l aspetto centrale del governo della città, ha la consapevolezza della necessità di operare in favore di una crescita culturale che renda partecipi, oltre che spettatori, i cittadini. A tal fine, le principali finalità che ci si propone di realizzare sono: -promuovere attività culturali rivolte a tutte le fasce sociali; -sostenere ed incentivare ogni forma di iniziativa culturale, stimolando e promuovendo l interesse alla cultura; 13

14 -promuovere e potenziare eventi già consolidati espressione della storia e delle tradizioni locali; -valorizzare, anche ai fini dell offerta turistica, i monumenti, i palazzi, le chiese ed i musei nonché i centro sociali e culturali presenti nei quartieri; -accrescere qualitativamente e quantitativamente l offerta culturale attraverso l elaborazione e presentazione di progetti di cooperazione culturale europea, senza peraltro trascurare eventi della storia e tradizione locali, quali la sfilata dei Misteri, i Crociati e i Trinitari, le manifestazioni natalizie, estive e religiose. Particolare attenzione meritano poi la riqualificazione e valorizzazione degli spazi pubblici della città. Si promuoveranno e stimoleranno, in collaborazione con Istituzioni ed Enti locali, le progettualità pubbliche e private che, in linea con gli strumenti comunitari, possono favorire la conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione del territorio, sia naturale che antropizzato. In particolare occorrerà valorizzare luoghi e paesaggi cerniera tra i quali la Villa De Capoa, il Castello e la collina Monforte, Monte Vairano, il parco della Foce e dello Scarafone, la collina S. Giovannello. Villa De Capoa e Piazzetta Paolmbo rappresentano, ad oggi, dei luoghi d incontro trascurati e raramente proposti come centri per l aggregazione sociale attraverso iniziative culturali. L Amministrazione li considera come spazi strategici per ospitare iniziative musicali e spettacoli in genere. La riapertura nei giorni festivi della settecentesca Villa De Capoa è un operazione immediata che dovrà prevedere anche il recupero e la cura delle specie botaniche presenti all interno del parco. La collaborazione con il Comitato Villa De Capoa dovrà permettere, a quest ultimo, di curarne le iniziative incentivando i progetti con risorse adeguate e costanti nel tempo. Di particolare aiuto potrà essere il forum delle associazioni culturali che operano in città. Piazzetta Palombo è uno spazio ottimale per concentrare iniziative culturali come spettacoli teatrali, concerti e mostre di vario genere. A tale spazio dovrà essere dedicato un calendario apposito di eventi e iniziative al quale le associazioni potranno partecipare. Per incentivare tali iniziative il Comune potrà valutare l opportunità di consentirne l utilizzo a titolo gratuito. Altro importante pezzo della Città che merita attenzione dopo anni di abbandono e degrado è la struttura del Mercato Coperto di via Monforte: occorre pensare ad un recupero funzionale e di socialità. Centro storico, quartieri esterni, logistica Nel centro storico e nelle aree centrali permangono situazioni di degrado e di scadente qualità urbana che costituiscono occasioni di riqualificazione e potenziamento del loro ruolo direzionale e di snodo dell intero organismo urbano. La trasformazione del Mercato coperto, la riqualificazione di Largo S. Leonardo e di Piazzetta Palombo possono consolidare e qualificare il carattere di centro commerciale naturale del centro 14

15 storico di Campobasso. Così come il recupero combinato delle vecchie carceri e dei palazzi storici di via Ziccardi e via Cannavina può consolidare una parte importante del distretto urbano alle funzioni e alle attività culturali che arriva, attraverso percorsi appositamente strutturati, al culmine della Collina Monforte con il Castello Medievale; tale maniero deve essere attenzionato sulla possibilità di ripristinare l originario solaio in legno al fine di un uso convegnistico, museale e di rappresentanza. La definizione dell utilizzo di Corso Vittorio Emanuele con il Distretto militare raccordato con Piazza Prefettura e Villetta Flora e di Corso Bucci può ulteriormente arricchire l asse direzionale delle strutture comunali e giudiziarie con quelle legate ad un interesse artistico e storico della città. Particolare attenzione va data al contemperamento delle esigenze dei residenti con quelle delle attività di ristorazione e ricreative presenti e concentrate nelle vie murattiane del centro storico. Tale contemperamento va trovato con tutti gli attori attraverso confronti e discussioni che pongano sul tavolo tutte le problematiche aperte, ma con il buonsenso di volerle e doverle superare convergendo verso un unico punto d incontro. Vanno affrontate le questioni legate alla mobilità, alla viabilità e al possesso di auto, vanno riprese le politiche di sanificazione edilizia, unitamente all azione sociale di prevenzione per la quale vanno previsti sussidi par la video sorveglianza che rendano sicuri i luoghi tanto per i residenti quanto per i visitatori occasionali. Occorre riportare all attenzione di tutti e risolvere la questione della pulizia delle piazzette, dei vicoli, delle scalinate. Ci saranno certamente investimenti da produrre, ma molto si potrà fare con politiche di chiaro indirizzo politico. Istruzione Per quanto riguarda l istruzione l Amministrazione intende garantire il diritto allo studio attraverso la qualità dei servizi, l edilizia scolastica, le mense e i trasporti, in un ottica di contenimento. Continueranno, pertanto, ad essere assicurati i seguenti servizi: servizio di mensa scolastica alle scuole primarie dell infanzia e asilo nido; servizio di trasporto scolastico per le scuole primarie. Si provvederà, inoltre, a: contribuzione relativa alla fornitura gratuita o semigratuita di libri di testo nella scuola secondaria di primo e secondo grado; fornitura gratuita di cedole librarie per la scuola primaria; fornitura arredi; contributo relativo alla assegnazione di borse di studio a sostegno della spesa delle famiglie per l istruzione in base alla legge n. 62 /

16 Progetto Europa Come noto, grazie ai contributi comunitari, ad enti pubblici e privati appartenenti ai Paesi dell Unione Europea è riconosciuta l opportunità di costruire progetti di ampio respiro nelle più varie aree di intervento: dalla cultura all istruzione, allo sport, alle pari opportunità, dalle politiche economiche alle politiche sociali e per l immigrazione, dalle politiche ambientali ai temi della salute, dalla mobilità alla pianificazione urbana. E intenzione dell Amministrazione partecipare alla progettazione comunitaria, il che significa: -lavorare in una dimensione internazionale; -confrontarsi con partners stranieri; -venire a contatto con esperienze innovative a livello europeo; -trovare soluzioni originali ed innovative per dare più ampio respiro alle politiche e alle iniziative locali. Per realizzare tutto ciò è necessario istituire presso il Comune di Campobasso uno Sportello per l Europa, cioè una unità organizzativa che operi al servizio della Pubblica Amministrazione e dei cittadini, orientata alla promozione e allo sviluppo delle politiche comunitarie, in grado di diffondere sul territorio la cultura europea e consentire la partecipazione concreta del Comune di Campobasso al processo politico ed istituzionale comunitario. In armonia con gli obiettivi del Trattato di Lisbona, della Strategia Europa 2020 e delle politiche europee in tema di affari sociali, lo Sportello per l Europa potrebbe promuovere tutta una serie di attività, qui di seguito elencate: -monitorare ed informare l Amministrazione sulle opportunità offerte dall Unione Europea; -promuovere e sostenere la partecipazione degli operatori locali ai programmi europei nazionali e locali, presentando progetti in linea con le metodologie comunitarie; -avviare un dialogo costante e costruttivo con le istituzioni comunitarie; -valorizzare iniziative, idee e progetti locali attraverso le opportunità comunitarie; -favorire i collegamenti internazionali, i partenariati europei e lo scambio di buone pratiche. N.5 LINEE PROGRAMMATICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL SISTEMA TURISTICO LOCALE, L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Lo sviluppo del sistema turistico locale muove dalla consapevolezza di poter rendere riconoscibili e appetibili, sotto il profilo turistico, tutte le ricchezze di un territorio: musei, gallerie d'arte, beni culturali materiali e immateriali, sagre e tradizioni, eventi religiosi, beni paesaggistici e ambientali, offerta enogastronomica; ma anche eventi di spettacolo, meeting tematici, fiere espositive, eventi sportivi agonistici e amatoriali. 16

17 La Città di Campobasso, insieme ai comuni che la circondano, è in grado di dare una proposta turistica completa sotto ogni punto di vista, con una grande propensione al turismo ambientale, enogastronomico, archeologico, religioso ed escursionistico. La scommessa che l'amministrazione comunale intende affrontare è quella di trasformare le potenzialità, spesso inespresse del nostro territorio, in una solida offerta, che contempli la partecipazione del settore produttivo locale quale interprete e volano di una nuova concezione dell'idea stessa di turismo. L'Amministrazione comunale aprirà per la prima volta un canale di comunicazione con i settori produttivi collegati al turismo: agenzie di viaggio e tour operators, ristoratori, albergatori, artigiani e commercianti saranno coinvolti direttamente al fine di sviluppare un'offerta di marketing territoriale completa, che l'amministrazione sosterrà e promuoverà. Pari attenzione sarà dedicata alle forme di partnership con i Comuni di ambito, per il corretto e produttivo utilizzo delle risorse finanziarie, con una specifica programmazione dedicata alle misure e ai finanziamenti comunitari. La più importante tradizione cittadina, il Corpus Domini, sarà oggetto di una profonda riprogrammazione, tesa al raggiungimento degli obiettivi turistici esposti. La rivalutazione del parco intercomunale di Monte Vairano sarà l'obiettivo di medio periodo, anche per la sua particolare valenza ambientale e storico - archeologica. Alcune iniziative, tese allo sviluppo del sistema turistico locale in collaborazione con il settore economico di riferimento, che verranno lanciate nel breve periodo, sono declinate al fine di promuovere la conoscenza del nostro territorio e della sua offerta, oltre che la definizione di elevati standard di accoglienza e servizio. A tre di queste azioni l Amministrazione darà priorità Tourist App Campobasso: si tratta di un applicazione interattiva per smartphone e altri dispositivi elettronici, contenente tutte le informazioni utili per la promozione del turismo nella città di Campobasso e nel suo ambito. Ogni luogo di interesse verrà rilevato e promosso, attraverso la pratica di geo referenza; saranno promossi tutti gli eventi in corso in città, l'intero panorama degli operatori afferenti l'offerta turistica ( hotel, ristoranti, trattorie, b&b, ma anche produttori locali e artigiani in via esemplificativa e non esaustiva) avrà la possibilità di partecipare a questa importante vetrina e ad implementarla attraverso proprie proposte periodiche o speciali. L'Amministrazione intende, con questo innovativo mezzo sotto il profilo della comunicazione, rendere fruibile al settore del turismo anche tutte quelle attività di spettacolo e culturali, oltre che di rilevanza sociale e filantropica, che avranno luogo nella 17

18 città di Campobasso, ma anche nei comuni di ambito, con i quali l'amministrazione si propone di stringere un protocollo strutturale dedicato a una proposta di marketing territoriale di area. Marchio di qualità comunale: nell'ottica di promuovere la tradizione campobassana sotto il punto di vista enogastronomico, e più in generale la tradizione dell'ospitalità molisana, l'amministrazione lancerà i due marchi di qualità comunale, destinati al settore della ristorazione e a quello della ricezione alberghiera: Tradizione del gusto campobassano rivolta ai ristoranti, trattorie e locande: potranno beneficiare del marchio di qualità comunale quegli esercizi che si impegneranno nella proposta dei piatti e dei prodotti della tipicità campobassana e molisana, nelle scelte di prodotti a kilometro zero e nella presentazione di una significativa selezione di etichette molisane nella carta dei vini. Tradizione dell'accoglienza campobassana dedicata a hotel, b&b e affittacamere: potranno beneficiare del marchio di qualità comunale quegli esercizi che, nelle rispettive categorie di appartenenza, si impegneranno nel fornire elevati standard di servizio e accoglienza. Le procedure saranno aperte all'adesione di tutti quegli operatori che faranno propri i disciplinari che l'amministrazione emanerà su ogni singolo settore di riferimento. Lo sviluppo delle componenti tecnologiche che portano benefici a cittadini ed alle imprese viene perseguito attraverso alcuni interventi tanto direttamente rivolti all utenza esterna, quanto mirati e diffusi sulle funzioni amministrative interne al fine di migliorarne la velocità ed al tempo stesso la qualità dei risultati prodotti, e dunque, a beneficio indiretto dei cittadini e delle imprese. Tra questi interventi ci sono: l estensione della rete urbana in banda larga, che ne porti i benefici oltre che alla zona industriale e,quindi, al mondo produttivo, anche ad utenti svantaggiati tra i quali, anzitutto, quei giovani cittadini in età scolare costretti per ragioni di salute a seguire le lezioni da casa con un sostegno domiciliare; ed ancora anziani e lungodegenti che potranno parimenti essere raggiunti da un collegamento multimediale ad alta velocità, come forma permanente ed interattiva di collegamento con i presidi di assistenza; la modernizzazione delle funzione degli uffici comunali, a partire da quelli dell urbanistica, cruciali per un amministrazione comunale, sulla base di un percorso che consenta la completa dematerializzazione delle pratiche( dalla presentazione dell istanza in ingresso, fino alle determinazioni di merito in uscita), anche grazie al coinvolgimento degli ordini professionali pertinenti; l adozione delle più moderne tecniche web, con l implementazione di un avanzato supporto per l accesso a distanza degli sportelli attraverso, ad esempio, funzionalità di telefonia web, anche video; l implementazione di metodi operativi interni che incrementino in modo drastico la qualità dei prodotti documentali ufficiali destinati alla pubblicazione (per affissione, sul web, ecc.). 18

19 N. 6 LINEE PROGRAMMATICHE PER LA PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E TRIBUTARIA, PER LA GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO, PER LA GESTIONE E VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Per il prossimo quinquennio il quadro prospettico e previsionale si presenta estremamente complesso sotto l aspetto della programmazione delle risorse, in quanto risulta essere caratterizzato da numerosi vincoli di finanza pubblica imposti dalla normativa nazionale ed europea. Tali vincoli limitano fortemente e significativamente l autonomia gestionale e decisionale dell ente con conseguenziali ripercussioni sulla quantità e sul livello di qualità dei servizi offerti ai cittadini. In particolare, al momento attuale, le entrate comunali sono influenzate dalle scelte operate in materia di trasferimenti statali agli enti locali e dal continuo cambio di legislazione in materia di tributi locali. La crisi economica, che si manifesta ancora con una previsione di diminuzione del PIL, ha forti ripercussioni sulla capacità reddituale dei cittadini che, sia a livello di tassazione sia a livello di pagamento dei tributi e servizi, possono avere serie difficoltà. Ciò detto, con senso di realtà e responsabilità, è necessario basare sulle stime più accorte e prudenti possibili le nostre previsioni di flussi finanziari. Sulla scorta di tali scenari l impegno dell Amministrazione è quello di attivare un piano di razionalizzazione della spesa comunale che porti ad una revisione della stessa in funzione di un miglior utilizzo delle risorse senza precludere un adeguato livelli di servizi. Una delle azioni prioritarie e necessarie, in questo contesto, è senza dubbio la ricerca di materia imponibile che sfugge alla tassazione e danneggia l intera collettività; un potenziamento delle strutture preposte all accertamento e riscossione tributaria sarà lo strumento indispensabile di tale azione di recupero. Ma se sul fronte delle entrate tributarie necessita un più attento e puntuale riscontro dell oggetto delle imposte, dal lato delle entrate dai servizi occorre, oltre che rivedere il costo del servizio( es. costo per l approvvigionamento idrico), necessita intervenire con azioni mirate ed investimenti calibrati per abbattere l ammontare della fonte di costo( es. ricerca ed eliminazione delle perdite idriche). Pertanto in tale ottica si opereranno interventi di manutenzione che si autofinanziano con i risparmi derivanti dal minor costo per l uso del servizio. In tale contesto assume particolare rilevanza il completamento ed il potenziamento del Servizio Informativo Territoriale (S.I.T.), sia per il suo fondamentale utilizzo nel controllo e nella programmazione urbanistica, sia per tutte le altre applicazioni. Il S.I.T. permette di visualizzare le informazioni territoriali e si dovrà occupare della gestione della cartografia numerica del Comune e dell'aggiornamento della schedatura del patrimonio urbanistico. Si propone di coordinare progetti connessi alla gestione dei dati territoriali, programmando e monitorando le attività dei diversi uffici comunali, garantendo la coerenza complessiva dei diversi contributi di tali servizi/settori; 19

20 contribuisce alla sovrapposizione delle cartografie digitalizzate con quelle catastali con indubbio riflesso nel determinare l oggetto delle imposte comunali; garantisce inoltre l'accessibilità alle informazioni territoriali e la loro diffusione in ambito interno ed esterno al Comune. Affiancato a tale strumento non è escluso un censimento in loco puntuale e preciso dei dati rilevanti per tutti i tributi e servizi erogati dal comune finalizzato all aggiornamento della banca dati già in possesso dell ente. Si ricercheranno azioni di intervento, compatibili con l attuale legislazione, sullo stock del debito che possano consentire risparmi e più agevoli flussi finanziari. Nei limiti consentiti sia dalla legge che dalle condizioni economiche dell ente, non sarà tralasciata la leva dell indebitamento per finanziare gli investimenti orientati a creare sviluppo nella città. Particolare attenzione sarà data sia alle dinamiche che regolano i rapporti con enti e società collegate al comune al fine di ritrovare sinergie unitarie, che alle gestioni di attività produttive condotte in economia. Altrettanta attenzione sarà data alla valorizzazione del patrimonio comunale finalizzata alla esternalizzazione dello stesso in favore di terzi disposti a renderlo fruttifero per il Comune attraverso gli strumenti della concessione, del fitto, dell uso dell alienazione e di altri strumenti giuridici che si vanno affacciando sul panorama gestionale degli enti pubblici. Sistema Fieristico Esistono oggi nel Molise alcune piazze fieristiche intese come luoghi in cui si svolge una certa attività fieristica. Di queste, la quasi totalità dispone di un quartiere limitato e soffocato, senza prospettive di sviluppo. Campobasso è l unico polo fieristico che risponda ai requisiti posti dalla legge quadro-nazionale ed è l unica ad avere già costituito una società di gestione. Ne consegue che se la Regione Molise intende con serietà affrontare la questione dello sviluppo del proprio sistema fieristico, non può non avvalersi dei punti di forza di cui oggi dispone, e quindi del fatto che la città deve essere il punto di riferimento per tale politica, intesa non come esautorazione e svilimento delle potenzialità delle altre piazze regionali, ma come opportunità per progettare un sistema integrato a rete, finalizzato alla valorizzazione del tessuto produttivo policentrico della regione coordinato e integrato, che sia strumento di realizzazione di un nuovo modo di fare politica fieristica da parte del governo regionale. 20

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli